P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico"

Transcript

1 P BLS: PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT supporto vitale di base pediatrico DEFINIZIONI Il P-BLS deve essere praticato nei soggetti in cui risultino compromesse una o più funzioni vitali (coscienza, respiro e circolo). Si basa su: - A coscienza e valutazione della pervietà delle vie aeree - B valutazione del respiro - C valutazione della presenza di circolo Diversamente dall adulto, la fase B e C sono qui distinte. Gli obiettivi questa volta sono due: primo prevenire l arresto cardiaco dopo il distress respiratorio (ossia la cessazione della respirazione) e secondo prevenire il danno anossico cerebrale, per cui è necessario fornire al corpo e specialmente al cervello, ossigeno, attraverso le VENTILAZIONI DI SOCCORSO e il MASSAGGIO CARDIACO. La rianimazione nel bambino deve iniziare immediatamente. L arresto cardiaco nel bambino riconosce cause molto differenti rispetto all adulto: le più importanti e frequenti sono quelle respiratorie, e l arresto cardiaco è l evento terminale di cause primarie riconoscibili e talvolta evitabili (pensiamo all inalazione di un corpo estraneo). Occorre pertanto intervenire precocemente con il supporto respiratorio, per evitare che l arresto respiratorio evolva in arresto cardiorespiratorio. CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA Di conseguenza la catena della sopravvivenza rispetto all adulto presenta qualche variazione: - PREVENZIONE - IMMEDIATA RCP - RAPIDA (MA NON IMMEDIATA) CHIAMATA AI SOCCORSI - ACLS PRECOCE Manuale PBLS 1

2 DIFFERENZE ANATOMICHE E FISIOLOGICHE TRA BAMBINI E ADULTI La testa è grande in rapporto alle dimensioni del corpo, e attenzione nel lattante alla presenza di parti molli, le fontanelle. ATTENZIONE A NON COMPRIMERLE DURANTE LE MANOVRE DI RIANIMAZIONE I muscoli del collo nel neonato e nel bambino sono immaturi. Le vie aeree di lattante e bambino hanno calibro minore di quelle dell adulto. Attenzione quindi a ventilazioni troppo brusche. Inoltre la lingua è grossa in rapporto alla bocca. L iperestensione e flessione del collo possono causare ostruzione nel lattante. La parete toracica è più morbida e bambini e neonati tendono a respirare utilizzando in modo accentuato il diaframma. La superficie corporea è in proporzione più estesa rispetto alla massa corporea, quindi il bambino e il neonato vanno più velocemente e frequentemente incontro a perdite di calore (occhio quindi all ipotermia). Neonato (dalla nascita ai 6 mesi), lattante: fino ad 1 anno Bambino: da 1 anno alla pubertà Il pbls riconosce manovre diverse per le due fasce di età. La scelta spetta al soccorritore. Il vero problema per il soccorritore è rappresentato quando il giovane paziente si trova a cavallo fra le due fascie di età, nelle quali la scelta della tecnica da adottare diviene estremamente difficoltosa e comunque a discrezione del soccorritore che si trova sullo scenario. Purtroppo il fallimento della scelta potrebbe compromettere l esito delle manovre. Comunque se si osserva che la RCP non da esisti utilizzando le manovre da lattante è possibile passare immediatamente all effettuazione delle manovre idonee al bambino. PROTOCOLLO PBLS NEONATO/LATTANTE SICUREZZA La prima cosa da prendere in considerazione sempre e comunque, indipendentemente dal tipo di soccorso che si va a prestare è la nostra sicurezza e quella della vittima. Se lo scenario sul quale siamo chiamati ad intervenire, non è sicuro, siamo autorizzati a non avvicinarci alla vittima, ma ad allertare il 118, che a sua volta attiverà il soccorso adeguato (esattamente come per l adulto). FASE A: - VALUTAZIONE DELLO STATO DI COSCIENZA Si chiama il paziente ad alta voce e si pizzica tra collo e spalla, bilateralmente. Evitare lo scuotimento del paziente (ricorda la struttura delicata della testa). Se incosciente, se possibile, si fa attivare subito il 118, se non abbiamo un telefono, non prende e non c è possibilità, continuiamo le valutazioni e ci allontaneremo a Manuale PBLS 2

3 chiamare solo in seguito, ovvero dopo aver effettuato una sequenza di 5 cicli di rianimazione. Il paziente incosciente viene quindi posizionato su un piano rigido, in posizione supina, con tronco ed arti allineati e va scoperto il torace e la prima parte dell addome (se ha il pannolino, si sgancia). Questo perché i lattanti respirano soprattutto di diaframma e quindi gli atti respiratori si evidenziamo come sollevamento e abbassamento della pancia. Sotto le spalle del neonato si può mettere un piccolo rialzo (un lenzuolo ripiegato per esempio), in modo tale da consentire il mantenimento della testa in posizione neutra (per il lattante). Mai l iperestensione! - ISPEZIONE DEL CAVO ORALE Dobbiamo quindi accertarci che la bocca sia libera, e quindi la apriamo utilizzando pollice ed indice di una mano e compiendo un movimento incrociato. Solo se si sospetta occlusione si può provare a liberare la bocca con il dito ad uncino, senza scendere troppo in profondità. Se c è del liquido nella bocca del lattante, va girato interamente (non si gira mai solo la testa). - APERTURA DELLE VIE AEREE POSIZIONE NEUTRA DELLA TESTA, l iperestensione può causare il collasso della trachea a causa della scarsa presenza di cartilagine in questa prima fase della vita. Quindi una mano appoggiata sulla fronte (mano a C con pollice e indice) e il dito indice dell altra mano sotto il mento, spingendo sulla parte ossea. Fermarsi quando la testa del lattante è posizionata in modo tale che i suoi occhi possano guardare il soffitto. FASE B VALUTAZIONE ATTIVITA RESPIRATORIA Mantentendo la posizione della testa (e quindi una mano sulla fronte e un dito sotto il mento), si avvicina la guancia alla bocca del paziente e si indirizza lo sguardo sul torace e addome. Si esegue quindi la manovra GAS, Guardo (se il torace e l addome si espandono), Ascolto (se ci sono rumori respiratori) e Sento (se arriva aria sulla mia guancia). La fase di valutazione deve durare 10 secondi. Se il paziente respira: mantenere la pervietà delle vie aeree, con una mano sulla fronte e un dito sotto al mento. Il lattante/neonato non viene mai messo in posizione laterale di sicurezza. Se il paziente non respira: vengono eseguite 5 INSUFFLAZIONI DI SOCCORSO lente e progressive della durata di circa 1,5 secondi, con tempo di inspirazione ed espirazione uguale. È necessario verificare che torace ed addome si espandano, e quindi che le ventilazioni siano efficaci. L obiettivo è quello di eseguire almeno 2 ventilazioni efficaci. Se durante l'esecuzione delle 5 ventilazioni di soccorso, non ne osservo almeno due efficaci, mi metto in discussione: controllo la giusta posizione della maschera, della testa, il funzionamento degli strumenti e ne eseguo altre 5. Se non ne vanno a buon fine almeno 2 anche questa volta, si passa alla sequenza del corpo estraneo. Manuale PBLS 3

4 TECNICHE DI VENTILAZIONE La respirazione può essere mantenuta con varie tecnica, tra cui: BOCCA BOCCA NASO (lattante) : mantenendo adeguata posizione della testa, il soccorritore, posto di lato alla vittima, dopo aver eseguito una profonda inspirazione, appoggiata la propria bocca su bocca e naso del lattante, espira lentamente, controllando che il torace della vittima soccorsa si sollevi, avendo cura fra la prima e la seconda insufflazione di staccare ed allontanare la propria bocca e di controllare che il torace torni nella posizione di riposo. RESPIRAZIONE PALLONE (AMBU) MASCHERA (21% di O2): si pratica utilizzando il pallone autoespandibile, dotato di una maschera facciale sagomata ed adattabile al viso della vittima. La perfetta aderenza della maschera richiede la scelta di una misura di maschera adeguata al paziente stesso. La camera della maschera deve essere gonfia al punto giusto. Il soccorritore si pone alla testa della vittima e tiene la maschera premuta, utilizzando il pollice e l indice della mano sinistra. Le altre dita della stessa mano agganciano e sollevano la mandibola del paziente. Va osservata qua particolare attenzione alle parti molli del collo. La mano destra comprime il pallone in modo da insufflare aria in quantità tale da ottenere il sollevamento del torace. Si utilizza un pallone ambu pediatrico. Ogni ventilazione deve durare circa 1,5 secondi, e va a buon fine se osserviamo il torace sollevarsi. Qualunque tecnica di ventilazione si utilizzi attenzione che ventilazioni troppo brusche possono gonfiare lo stomaco (e quindi provocare il vomito) e lesionare gli alveoli. FASE C VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI CIRCOLO Dopo le 5 insufflazioni di soccorso, di cui almeno due andate a buon fine, è necessario valutare la presenza di segni di circolo (movimenti, attività respiratoria regolare, tosse, deglutizione) per 10 secondi. Per fare ciò si osserva il neonato testa piedi per 10 secondi. Se i segni di circolo sono presenti: sostenere solo il respiro con 20 insufflazioni al minuto (1 ogni 3 secondi) rivalutando i segni di circolo al termine delle 20 insufflazioni (circa 60 secondi). IN ASSENZA DI CIRCOLO: iniziare le compressioni toraciche associandole alle ventilazioni con rapporto 30:2 per 5 cicli (circa 2 minuti). Per quanto? L RCP viene portata avanti fino a quando non abbiamo la ripresa del circolo, e quindi fino a che non vediamo il paziente muoversi, tossire o respirare. A termine di 5 cicli, di 30 compressioni e 2 ventilazioni, se non c è stata ripresa di circolo, non ci si ferma, ma si continua. L unica cosa da sottolineare è che al termine dei 5 cicli, dobbiamo aver risposto a 3 domande: Manuale PBLS 4

5 1. Il paziente ha ripreso circolo? 2. E arrivato il medico (o l ALS)? 3. Ce la faccio a continuare? Se la risposta alle prime due domande è NO, e all ultima SI, si continua, senza interruzioni la rianimazione cardiopolmonare. RICERCA DEL PUNTO DI COMPRESSIONE TORACICA Le compressioni si eseguono con due dita, 1-2 cm a monte rispetto al processo xifoideo. Si fa scorrere il dito indice della mano con cui massaggeremo lungo l arcata costale, fino ad individuare la parte finale dello sterno (processo xifoideo), lasciamo momentaneamente la testa e affianchiamo il dito indice della mano che teneva la testa al dito indice sul processo xifoideo dopodichè appoggiamo medio e anulare della mano inferiore di fianco al punto che abbiamo preso in precedenza e con la mano libera andiamo di nuovo a tenere la testa. Le compressioni devono essere eseguite con le dita perpendicolari al torace del paziente. Il torace deve abbassarsi di circa 1/3. Ogni compressione deve essere seguita dal completo rilasciamento. Il rapporto compressioni insufflazioni deve essere 30:2 (salvo indicazioni alternative del medico se presente). Il numero di compressioni da eseguire è circa 100 al minuto. Manuale PBLS 5

6 CAMBIO Nel infante la richiesta del cambio viene fatta al termine delle 30 compressioni con la dicitura alla prossima cambio. Il soccorritore che è alla testa dà due ventilazioni e poi si sposta davanti al soccorritore che massaggia, che nel frattempo ha ripreso l esecuzione delle 30 compressioni. Al termine di queste, il soccorritore che massaggia si sposta alla testa e dà le due ventilazioni, mentre l altro è ora pronto per iniziare il massaggio. PROTOCOLLO PBLS BAMBINO SICUREZZA (come sopra) FASE A: - VALUTAZIONE DELLO STATO DI COSCIENZA Si chiama il paziente ad alta voce e si pizzica tra collo e spalla, bilateralmente. Evitare lo scuotimento del paziente (ricorda la struttura delicata della testa). Se incosciente, se possibile, si fa attivare subito il 118, se non abbiamo un telefono, non prende e non c è possibilità, continuiamo le valutazioni e ci allontaneremo a chiamare solo in seguito Il paziente incosciente viene quindi posizionato su un piano rigido, in posizione supina, con tronco ed arti allineati e va scoperto il torace e la prima parte dell addome (all aumentare dell età del bambino, la respirazione è sempre meno diaframmatica). La posizione della testa è estesa (non iperestesa). - ISPEZIONE DEL CAVO ORALE Dobbiamo quindi accertarci che la bocca sia libera, e quindi la apriamo utilizzando pollice ed indice di una mano e compiendo un movimento incrociato. Solo se si sospetta occlusione si può provare a liberare la bocca con il dito ad uncino, senza scendere troppo in profondità. Se c è del liquido nella bocca del bambino, si può girare delicatamente la testa. - APERTURA DELLE VIE AEREE NEL BAMBINO: all aumentare dell età del bambino, aumenta l estensione della testa, ma non si raggiunge mai l iperestensione. Si solleva quindi la mandibola con uno o due dita, sotto il mento, evitando di comprimere le parti molle del collo. Una mano va sulla fronte e si spinge indietro la testa facendo perno sulla nuca. FASE B VALUTAZIONE ATTIVITA RESPIRATORIA Mantentendo la posizione della testa (e quindi una mano sulla fronte e due dita sotto il mento), si avvicina la guancia alla bocca del paziente e si indirizza lo sguardo sul torace e addome. Si esegue quindi la manovra GAS, Guardo (se il torace e l addome si espandono), Ascolto (se ci sono rumori respiratori) e Sento (se arriva aria sulla mia guancia). La fase di valutazione deve durare 10 secondi. Se il paziente respira: mantenere la pervietà delle vie aeree. Nel bambino e in assenza di trauma si può usare la posizione laterale di sicurezza.. Manuale PBLS 6

7 Se il paziente non respira: vengono eseguite 5 INSUFFLAZIONI DI SOCCORSO lente e progressive della durata di circa 1,5 secondi, con tempo di inspirazione ed espirazione uguale. È necessario verificare che torace ed addome si espandano, e quindi che le ventilazioni siano efficaci. L obiettivo è quello di eseguire almeno 2 ventilazioni efficaci. Se durante l'esecuzione delle 5 ventilazioni di soccorso, non ne osservo almeno due efficaci, mi metto in discussione: controllo la giusta posizione della maschera, della testa, il funzionamento degli strumenti e ne eseguo altre 5. Se non ne vanno a buon fine almeno 2 anche questa volta, si passa alla sequenza del corpo estraneo. TECNICHE DI VENTILAZIONE La respirazione può essere mantenuta con varie tecnica, tra cui: BOCCA A BOCCA: mantenendo adeguata posizione della testa, il soccorritore, posto di lato alla vittima, dopo aver eseguito una profonda inspirazione, appoggiata la propria bocca su quella della vittima, espira lentamente, controllando che il torace della vittima soccorsa si sollevi, avendo cura fra la prima e la seconda insufflazione di staccare ed allontanare la propria bocca da quella della vittima e di controllare che il torace torni nella posizione di riposo. RESPIRAZIONE PALLONE (AMBU) MASCHERA (21% di O2): come sopra. Si utilizza un pallone ambu di dimensioni adeguate all età del paziente. Ogni ventilazione deve durare circa 1,5 secondi, e va a buon fine se osserviamo il torace sollevarsi. Qualunque tecnica di ventilazione si utilizzi attenzione che ventilazioni troppo brusche possono gonfiare lo stomaco (e quindi provocare il vomito) e lesionare gli alveoli. FASE C VALUTAZIONE DELLA PRESENZA DI CIRCOLO Dopo le 5 insufflazioni è necessario valutare la presenza di segni di circolo (movimenti, attività respiratoria regolare, tosse, deglutizione) per 10 secondi. Se i segni di circolo sono presenti: sostenere solo il respiro con 20 insufflazioni al minuto (1 ogni 3 secondi) rivalutando i segni di circolo ogni 60 secondi (cioè al termine delle 20 insufflazioni). IN ASSENZA DI CIRCOLO: iniziare le compressioni toraciche associandole alle ventilazioni con rapporto 30:2 per 5 cicli (circa 2 minuti). Per quanto? L RCP viene portata avanti fino a quando non abbiamo la ripresa del circolo, e quindi fino a che non vediamo il paziente muoversi, tossire o respirare. A termine di 5 cicli, di 30 compressioni e 2 ventilazioni, se non c è stata ripresa di circolo, non ci si ferma, ma si continua. L unica cosa da sottolineare è che al termine dei 5 cicli, dobbiamo aver risposto a 3 domande: Manuale PBLS 7

8 1. Il paziente ha ripreso circolo? 2. E arrivato il medico (o l ALS)? 3. Ce la faccio a continuare? Se la risposta alle prime due domande è NO, e all ultima SI, si continua, senza interruzioni la rianimazione cardiopolmonare. RICERCA DEL PUNTO DI COMPRESSIONE TORACICA Il punto di compressione nel bambino si prende come nell infante (come cioè descritto sopra), invece di affiancare le due dita per il massaggio si usa una o due mani a seconda della grandezza e corporatura del bambino. Il torace deve abbassarsi di circa 1/3. Ogni compressione deve essere seguita dal completo rilasciamento. Il rapporto compressioni insufflazioni deve essere 30:2 (salvo indicazioni alternative del medico se presente). Il numero di compressioni da eseguire è circa 100 al minuto. CAMBIO Nel bambino il cambio è come nell adulto. Quindi alla fine delle 30 compressioni, il soccorritore che massaggio chiede cambio, l altro effettua le due ventilazioni e si sposta subito davanti al collega, il quale esegue 15 compressioni, che vengono continuate, partendo da 16 dal soccorritore che si è spostato. Chi massaggiava va alla testa e si prepara per ventilare. MANOVRA DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE Un corpo estraneo può procurare una ostruzione parziale o completa delle vie aeree. Se l'ostruzione è parziale con sufficiente passaggio d'aria il paziente è in grado di tossire vigorosamente, di piangere e di parlare; è questa una situazione in cui dobbiamo astenerci dall'eseguire delle manovre di disostruzione, ma bisogna: - incoraggiare il paziente a tossire, - possibilmente somministrare ossigeno - trasportare comunque il paziente in Pronto Soccorso. Manuale PBLS 8

9 Se l'ostruzione è completa, o parziale con insufficiente passaggio di aria, il paziente non tossisce, non riesce a parlare od a piangere, presenta cianosi rapidamente ingravescente. E' questa una situazione drammatica che richiede un rapido intervento del soccorritore. E' importante, appena si valuta l'insufficienza respiratoria, contattare o far contattare la Centrale Operativa118. LATTANTE Nel lattante la tecnica di disostruzione prevede l alternarsi di pacche interscapolari e compressioni toraciche esterne. PACCHE INTERSCAPOLARI: posizionare il paziente sull avambraccio prono, con la testa in leggera estensione e più in basso rispetto al tronco. Appoggiare l avambraccio sulla coscia (utile un appoggio per il piede) ed applicare 5 vigorose pacche interscapolari con via di fuga laterale. COMPRESSIONI TORACICHE: mettere il paziente supino sull avambraccio e appoggiarlo alla propria coscia. Eseguire quindi 5 compressioni toraciche, con le due dita al centro del torace (tra i due capezzoli). Devono essere vigorose e applicate con frequenza di 1 ogni 3 secondi. Se il lattante è COSCIENTE: 5 pacche interscapolari + 5 compressioni toraciche Continuare fino a quando non si è risolto il problema o fino a quando il paziente diventa incosciente. Se il lattante è INCOSCIENTE o lo diventa: posizionarlo su un piano rigido, ispezionare subito il cavo orale e rimuovere se possibile l eventuale corpo estraneo. Se non è possibile evidenziare il corpo estraneo, iniziare la sequenza PBLS dalla fase B (cioè manovra GAS). Se il lattante ancora non respira (la perdita di coscienza, con il rillassamento della muscolatura può risolvere in parte l'ostruzione), eseguiamo 5 ventilazioni di soccorso. Se l'ostruzione è ancora presente, non ne andranno a buon fine nemmeno 2, quindi si passa direttamente al massaggio cardiaco, alternando 30 compressioni a 2 ventilazioni, avendo cura, prima di eseguire la ventilazione di osservare il cavo orale e rimuovere se possibile il corpo estraneo, altrimenti proseguire fino all arrivo del soccorso avanzato. Manuale PBLS 9

10 Risolta l'ostruzione (comparsa del corso estraneo in bocca e sua rimozione), le rivalutazioni delle funzioni vitali del lattante vengono fatte a ritroso (fase C, poi B, poi A). BAMBINO La tecnica necessaria per disostruire le vie aeree di un bambino prevede la sequenza di pacche interscapolari, alternate alla manovra di Heimlich PACCHE INTERSCAPOLARI: porre il paziente in piedi ed applicare 5 vigorosi colpi in sede interscapolare con via di fuga laterale MANOVRA DI HEIMLICH: si può eseguire con paziente in piedi o seduto: - porsi alle spalle del paziente e abbracciarlo dal dietro intorno alla vita - porre una mano a pugno tra ombelico e sterno (bocca dello stomaco) - sovrapporre l altra mano al pugno - eseguire delle compressioni vigorose con direzione antero-posteriore e dal basso verso l alto (movimento a cucchiaio). Se il bambino diventa incosciente: accompagnarlo a terra e posizionarlo su un piano rigido 1. ispezionare il cavo orale e rimuovere, se possibile, l'eventuale corpo estraneo 2. se non è possibile evidenziare e rimuovere il corpo estraneo, iniziare la sequenza P-BLS 3. dopo ogni minuto di P-BLS ispezionare il cavo orale, rimuovere se possibile il corpo estraneo, altrimenti proseguire le manovre P-BLS, fino all arrivo del soccorso avanzato Manuale PBLS 10

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione. Linee Guida Regione Toscana. Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. P B L S 1 PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA

Dettagli

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION

LIFE PEDIATRIC BASIC SUPPORT DEFIBRILLATION PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION IL PBLS-D Deve essere praticato nei soggetti con una o più funzioni vitali compromesse Pz. in arresto respiratorio o in arresto cardio-respiratorio IL PBLS-D

Dettagli

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support Sostegno di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana Quando si pratica il PBLS Il PBLS deve essere praticato

Dettagli

SICUREZZA NEL SOCCORSO

SICUREZZA NEL SOCCORSO B.L.S. SUPPORTO VITALE DI BASE (LIVELLO DI BASE) 1 I decessi causati da malattie cardiovascolari costituiscono la prima causa di morte della popolazione e, in buona parte, sono da attribuire a morte improvvisa

Dettagli

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia

PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia PARTE 4 A cura del Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Gruppo Formatori Massimo Dati Misericordie della Versilia Pag. 0 P.B.L.S. Pediatric Basic Life Support (Supporto Vitale di Base

Dettagli

B L S LIVELLO AVANZATO

B L S LIVELLO AVANZATO Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Linee Guida Regione Toscana Legge Reg. 25/2001 e succ. B L S LIVELLO AVANZATO SUPPORTO VITALE DI BASE (BLS) I decessi causati da malattie cardiovascolari

Dettagli

Il Trattamento Primario

Il Trattamento Primario Retraining 2009 Il Trattamento Primario Protocollo locale A.A.T. Brescia Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

BLS ADULTO 09/03/2011

BLS ADULTO 09/03/2011 Capitolo 3 Il Trattamento Primario RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere come trattare le situazioni pericolose per la vita Trattamento primario CRI BUCCINASCO 1 Cuore - Polmone - Cervello Perdita di

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata

P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT. Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata P. B. L. S. PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Centro di Formazione di Pistoia Soccorso & Misericordia di Quarrata 1 OBIETTIVO L obiettivo del PBLS è la prevenzione del danno anossico celebrale, per cui è necessario

Dettagli

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria

PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA. Rianimazione cardiorespiratoria PRIMO SOCCORSO RIANIMAZIONE CARDIORESPIRATORIA Rianimazione cardiorespiratoria (RCP) Arresto cardiaco Arresto respiratorio Anossia cerebrale Lesioni cerebrali irreversibili In 5 minu6 sopravviene la morte

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali

BASIC LIFE SUPPORT. Supporto di Base delle Funzioni Vitali BASIC LIFE SUPPORT Supporto di Base delle Funzioni Vitali QUALI SONO LE FUNZIONI VITALI? Respiro Circolazione del sangue SE LE FUNZIONI VITALI NON FUNZIONANO Se il respiro è assente o non valido ci sarà

Dettagli

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO) B.L.S.D. SUPPORTO VITALE DI BASE e DEFIBRILLAZIONE (LIVELLO AVANZATO) 1 CORSO SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE (BLS-D) PER SANITARI (PERSONALE VOLONTARIO SOCCORRITORE LIVELLO AVANZATO)

Dettagli

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO CORSO PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO Corso 2013 Gestione dell emergenza sanitaria CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA La catena è formata da quattro anelli che sono nell'ordine: -Accesso precoce al sistema di emergenza

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE. Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation SIMEUP SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA D EMERGENZA E D URGENZA PEDIATRICA SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA E DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Pediatric i Basic Life Support - Early Defibrillation

Dettagli

Nozioni di Primo Soccorso

Nozioni di Primo Soccorso Corso RLS Nozioni di Primo Soccorso Roberto Volpe CNR-SPP, Roma Roma, 10 Aprile 2008 Regolamento sul pronto soccorso aziendale Ogni azienda, a prescindere dal numero di dipendenti che vi sono impiegati,

Dettagli

CORSO PBLSD OBIETTIVO

CORSO PBLSD OBIETTIVO CORSO PBLSD OBIETTIVO Acquisire Conoscenze teoriche Abilità pratiche Schemi di comportamento OBIETTIVO DEL PBLSD PREVENIRE IL DANNO ANOSSICO CEREBRALE Nel soggetto in cui risultano compromesse una o più

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di

Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base 1 Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso per Operatori P.S.T.I. della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE Acquisire le conoscenze teoriche del comportamento in caso di arresto cardiaco e respiratorio Conoscere

Dettagli

Il B.L.S. (Basic Life Support)

Il B.L.S. (Basic Life Support) Il B.L.S. (Basic Life Support) Cos è: Sequenza di verifiche ed azioni da effettuare sulla Vittima quando A NON E COSCIENTE B NON RESPIRA C NON HA CIRCOLO Scopo: Prevenire o Limitare i danni dovuti alla

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

LEZIONE PRONTO SOCCORSO

LEZIONE PRONTO SOCCORSO LEZIONE DI PRONTO SOCCORSO 1 Arresto CARDIOCIRCOLATORIO SICUREZZA A Coscienza Sequenza a 2 soccorritori B-C VALUTA Respiro e Mo.To.Re. MAX. PER 10 sec Guarda l espansione del torace + movimenti Ascolta

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico»

CROCE ROSSA ITALIANA. IL Primo Soccorso. La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» IL Primo Soccorso La catena della sopravivenza, il B.L.S. «laico» Cavaion, 15 dicembre 2012 La catena della sopravvivenza Allarme Precoce B.L.S. Precoce Defibrillazione Precoce A.C.L.S. Precoce Il BLS

Dettagli

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD

MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD MANUALE PER OPERATORI LAICI BLSD - PBLSD A cura del Coordinamento delle Centrali Operative della Regione Toscana Centrale Operativa 118 Empoli Soccorso 1 SUPPORTO VITALE DI BASE E DEFRIBRILLAZIONE PRECOCE

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED)

IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) IL PROGETTO MANOVRE DI DISOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE IN ETA PEDIATRICA (MDPED) Questo progetto nasce dalla sentita esigenza di diffondere le linee guida sulla disostruzione delle vie aeree pediatriche

Dettagli

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation

BLS-D Basic Life Support- Defibrillation BLS-D Basic Life Support- Defibrillation Rianimazione Cardiopolmonare e Defibrillazione Precoce per Comunità M. & G. for and La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce una persona su 1.000 Molte di

Dettagli

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006

Capitolo 8 P-BLS. Paediatric Basic Life Support. RegioneLombardia 2006 Capitolo 8 P-BLS Paediatric Basic Life Support RegioneLombardia 2006 Obiettivi Acquisire conoscenze teoriche, abilità pratiche e schemi di comportamento Prevenire i danni cerebrali da mancanza di ossigeno

Dettagli

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR

SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR SERVIZIO OPERATIVO SANITARIO COMMISSIONE FORMAZIONE SONA VR CORSO PER SOCCORRITORI P.B.L.S. (Paediatric Basic Life Support) pag. 1 ATTENZIONE Questo manuale deve essere associato ad uno specifico corso

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO ANDREA FRANCI 1 PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà 2 BLS Pediatrico

Dettagli

Rianimazione Cardio Polmonare

Rianimazione Cardio Polmonare Rianimazione Cardio Polmonare Arresto cardiaco Arresto respiratorio Arresto respiratorio DARE INIZIO ALLA R.C.P.! TECNICA DELLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE Metodo: - Bocca-Bocca - Bocca-Naso - Bocca-Bocca

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO

SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO SINTESI DELLE PRINCIPALI MODIFICHE APPORTATE DALLE NUOVE LINEE GUIDA ERC 2005 PER LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE NEL BAMBINO Nel novembre 2005 l European Resuscitation Council (ERC) ha reso pubbliche

Dettagli

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i

A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i A L G O R I T M O B L S ( A d u l t o ) S o c c o r r i t o r i Fase A: Primo Soccorritore Valuta Coscienza: Chiama e Scuote la vittima (Pizzica se Trauma) Accertato lo stato di Incoscienza Paziente Cosciente

Dettagli

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

BLS. Rianimazione cardiopolmonare di base B L S. corso esecutori per personale laico. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLS Rianimazione cardiopolmonare di base corso esecutori per personale laico (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Obiettivi del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco

Dettagli

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA

Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Dott.ssa Brunella RAVERA Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo Dott.ssa Brunella RAVERA Un corpo estraneo (c.e.) può determinare ostruzione parziale o completa delle vie aeree c.e. = parte di giocattolo, materiale alimentare,

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Gruppo Terme Euganee Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici Secondo le linee guida dello European Resuscitation Council - 2010

Dettagli

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis

sensi dell art. 3, comma 2, della L.R. 18/96 e successive modifiche ed integrazioni. Il Dirigente Maria Giuseppina Cabras IL DIRIGENTE Omissis 110 29.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 L.R. 8/99: accertamento funzionalità rispetto agli indirizzi della programmazione regionale del Presidio San Raffaele srl di Foiano della

Dettagli

Arresto Cardiaco Pediatrico

Arresto Cardiaco Pediatrico Arresto Cardiaco Pediatrico Scuola Secondaria Informazioni per il corpo docente Materiale didattico dedicato alla Scuola secondaria di primo grado e secondo grado Per ulteriori informazionisulla campagna

Dettagli

BLS: Basic Life Support Supporto Vitale di Base

BLS: Basic Life Support Supporto Vitale di Base BLS: Basic Life Support Supporto Vitale di Base DEFINIZIONI Il BLS (basic life support) comprende una serie di manovre e procedure da mettere in atto ogni volta che ci si trova di fronte ad una persona

Dettagli

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola

IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO. Dott.ssa Maura Mastrocola IL PRIMO SOCCORSO AL BAMBINO Dott.ssa Maura Mastrocola SCOPO DEL PBLS Prevenzione del danno anossico cerebrale attraverso il sostegno delle funzioni vitali, con le procedure standard di rianimazione cardiopolmonare

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support

CROCE ROSSA ITALIANA. Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support CROCE ROSSA ITALIANA Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare per soccorritori (corsi OTI - OSES) OSES Obiettivi della lezione 1. Conoscenze

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica.

Croce Rossa Italiana. SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica. Croce Rossa Italiana P B L S-D esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI DEFIBRILLAZIONE PRECOCE E Manovre di Disostruzione In Età Pediatrica Sanitari Testi e grafica a cura della commissione Nazionale

Dettagli

PBLS Pediatric Basic Life Support

PBLS Pediatric Basic Life Support PBLS Pediatric Basic Life Support SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI IN ETA PEDIATRICA Secondo le Linee Guida Internazionali ILCOR 2010 Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI PBLS- PBLS OBIETTIVI

Dettagli

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza

consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare necessarie per soccorrere una persona che: apple ha perso coscienza apple ha un'ostruzione delle vie aeree che può condurre ad arresto respiratorio

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO LA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE La catena della sopravvivenza Il Maestro di Salvamento e l Assistente Bagnanti così come qualsiasi altro operatore

Dettagli

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO

Basic Life Support Secondo Linee Guida 2010 UNA CORSA CONTRO IL TEMPO UNA CORSA CONTRO IL TEMPO Partnership Basic Life Support Rianimazione cardiopolmonare di base (linee-guida scientifiche ILCOR 2010) Scopo del corso Conoscenze teoriche Le cause di arresto cardiaco Le manifestazioni

Dettagli

Dott. Nicola Gasparetto

Dott. Nicola Gasparetto PAEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT Supporto di base delle funzioni vitali in età pediatrica Secondo le linee guida AHA 2010 Croce Verde Montebelluna 28/04/2011 Dott. Nicola Gasparetto MEDICO CHIRURGO Terapia

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005)

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione cardiopolmonare di base e. (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione cardiopolmonare di base e defibrillazione precoce corso esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione

Dettagli

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation)

PERCHE IL BLS? - Mantenere la pervietà delle vie aeree (Airway) - Sostenere la respirazione (Breathing) - Sostenere il circolo (Circulation) PERCHE IL BLS? Lo scopo del BLS (Basic Life Support - Supporto Vitale di Base) è quello di garantire il pronto riconoscimento della compromissione delle funzioni vitali (valutazione) e di supportare ventilazione

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Manovre e consigli per la disostruzione pediatrica

Manovre e consigli per la disostruzione pediatrica Manovre e consigli per la disostruzione pediatrica 1 Indice Disostruzione pediatrica L ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo è un evento frequente 3 Come bisogna intervenire in caso di ostruzione

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006)

B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) B.L.S. Basic Life Support (IRC 2006) IL SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI (B.L.S.) Consiste nelle procedure di rianimazione cardiopolmonare ad una persona che: Non è cosciente Ha un ostruzione delle

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) Posizione Laterale di Sicurezza Ostruzioni delle vie aeree Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI BLS Basic Life Support OBIETTIVI SAPERE Significato di arresto cardiocircolatorio

Dettagli

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana

Basic Life Support. Rianimazione CardioPolmonare per. soccorritori laici. Croce Rossa Italiana Croce Rossa Italiana Volontari del Soccorso Delegazione di Terme Euganee (PD) Basic Life Support Rianimazione CardioPolmonare per soccorritori laici OBIETTIVI DELLA LEZIONE Importanza del conoscere le

Dettagli

Lezione 02. Apparato Respiratorio

Lezione 02. Apparato Respiratorio Lezione 02 Apparato Respiratorio 1 La Respirazione Perché respiriamo? Perché le nostre cellule hanno bisogno di ossigeno per poter funzionare e produrre l energia che serve per compiere il loro lavoro

Dettagli

CENNI DI LEGISLAZIONE

CENNI DI LEGISLAZIONE CENNI DI LEGISLAZIONE L articolo 593 del Codice Penale prescrive, in via generale, che ogni cittadino che trovi un corpo umano inanimato o una persona ferita o altrimenti in pericolo, deve prestare l assistenza

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici

TECNICHE DI B.L.S. B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici B.L.S. P.B.L.S. R.C.P. Rianimazione Cardio Polmonare Adulti e Pediatrici Il B.L.S. ha lo scopo di mantenere le funzioni vitali in caso di Arresto Cardio Respiratorio (ACR) in attesa di un supporto medico

Dettagli

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO

BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO Ven. Arciconfraternita della Misericordia di Firenze BLS SUPPORTO VITALE DI BASE NELL ADULTO A cura di Nora Elisa Ronchi Gruppo Formazione Sanitaria AVVERTENZA!!! LE INFORMAZIONI CONTENUTE IN QUESTO OPUSCOLO

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support 1 Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla 2

Dettagli

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support

Corso di B.L.S. Adulti. Basic Life Support Corso di B.L.S. Adulti Basic Life Support Corso B.L.S. esecutore Lezioni teoriche Addestramento pratico su manichino Valutazione finale con skill test e quiz a risposta multipla Obiettivo corso B.L.S.

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO

CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico per l Educazione Sanitaria. Lezioni di PRIMO SOCCORSO «Un certo tipo di rischio dà sapore alle cose ed è certamente una componente dell avventura; è però un cavallo di cui bisogna saper tenere ben salde le briglie».. CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Tecnico

Dettagli

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO

ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO ANATOMIA DELL ORECCHIO UMANO Approccio all infortunato 1) Protezione del soccorritore 2) Valutazione rischio ambientale si Il paziente va rimosso no 3) Valutazione delle condizioni dell infortunato Approccio

Dettagli

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council)

Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) CORSO BLS Basic Life Support = Sostegno di base delle funzioni vitali Categoria A Tratto da linee guida I.R.C. (Italian Resuscitation Council) OBIETTIVI DEL CORSO CONOSCENZE TEORICHE ABILITA PRATICHE SCHEMI

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA. Manovre Salvavita in età Pediatrica Protocollo Disostruzione PROTEGGI I BAMBINI, COSTRUISCI IL LORO FUTURO!

CROCE ROSSA ITALIANA. Manovre Salvavita in età Pediatrica Protocollo Disostruzione PROTEGGI I BAMBINI, COSTRUISCI IL LORO FUTURO! CROCE ROSSA ITALIANA Manovre Salvavita in età Pediatrica Protocollo Disostruzione PROTEGGI I BAMBINI, COSTRUISCI IL LORO FUTURO! Prima Edizione Marzo 2014 INALAZIONE DA CORPO ESTRANEO: PREVENZIONE L inalazione

Dettagli

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA

DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA CORSO DI RIANIMAZIONE E PRONTO SOCCORSO PER ASSISTENTE BAGNANTI DOTT.MASSIMO NICCOLAI MEDICO FIDUCIARIO FEDERAZIONE NUOTO SALVAMENTO SEZIONE DI PISTOIA PRIMO SOCCORSO E QUELLO CHE LA PRIMA PERSONA CHE

Dettagli

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure)

Allegato alla Guida pratica per soccorritori. (ad esclusivo uso interno del personale del 118 ligure) Regione Liguria Corso per Soccorritori del 118 Supporto Vitale Fondamentale & Defibrillazione Basic Life Support-D (ai sensi del Decreto Dirigenziale 1415/1999 e della della G.U. 196/2003) Allegato alla

Dettagli

Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini

Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini Ostruzione delle vie aeree nei lattanti e nei bambini Scuola Primaria Materiale didattico dedicato alla 5ª classe della scuola primaria Per ulteriori informazionisulla campagna Kids savelives: http://www.ircouncil.it/news/news_242

Dettagli

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE

BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE BARI 14-16 DICEMBRE 2006 IL COLLARE CERVICALE Dott. Michele Perrini U.O. DI RIANIMAZIONE AUSL BAT/1 BARLETTA 1 COLLARE CERVICALE presidio principe nell immobilizzazione atraumatica del rachide cervicale

Dettagli

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock

Riconoscere lo stato di incoscienza. Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti. Saper riconoscere un paziente in stato di shock Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA INFORTUNATO INCOSCIENTE SHOCK OBIETTIVO DELLA LEZIONE Riconoscere lo stato di incoscienza Saper effettuare manovre su pazienti incoscienti

Dettagli

BLS. Basic Life Support

BLS. Basic Life Support BLS Basic Life Support Che cos è il BLS? BLS sta per Basic Life Support, ed è un protocollo da seguire ogni qual volta ci si trovi davanti ad un paziente non cosciente. Si compone di una serie di valutazioni

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE

SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE Croce Rossa Italiana esecutore SUPPORTO DI BASE DELLE FUNZIONI VITALI, DEFIBRILLAZIONE PRECOCE e MANOVRE DI DISOSTRUZIONE IN ETA PEDIATRICA Linee Guida Internazionali ILCOR (International Liaison Committee

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLS-D. Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLS-D Rianimazione cardiopolmonare di base e cenni di defibrillazione precoce per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2005) in collaborazione e condivisione con

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D.

Basic Life Support and early Defibrillation. Supporto vitale di base e defibrillazione precoce B.L.S.-D. Basic Life Support and early Defibrillation Supporto vitale di base e defibrillazione precoce Prof. M. Scafuro B.L.S.-D. E l insieme delle procedure salvavita necessarie per soccorrere un soggetto che

Dettagli

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va?

BASIC LIFE SUPPORT. Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? B. D Elia BASIC LIFE SUPPORT Toccare la vittima e porle la seguente domanda (approccio tocca e parla ): Come va? Il paziente non risponde: 1. chiamare aiuto (effettuare la richiesta di soccorso al numero

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie Ufficio Formazione Ufficio Formazione PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT IL PBLS si basa: Valutazione e supporto: Della pervietà delle vie aeree A Del respiro B Del circolo C Obiettivo del PBLS PREVENIRE I DANNI DA CARENZA DI

Dettagli

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base

BLS Basic Life Support per operatori esperti. Supporto Vitale di Base BLS Basic Life Support per operatori esperti Supporto Vitale di Base Corso BLS esecutore OBIETTIVO E STRUTTURA OBBIETTIVO DEL CORSO E ACQUISIRE conoscenze teoriche (presupposti, ambito, finalità) abilità

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico)

Croce Rossa Italiana Comitato locale di Reggio Emilia. (personale Laico) CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO LOCALE DI REGGIO EMILIA VOLONTARI DEL SOCCORSO VOLONTARI SI NASCE SOCCORRITORI SI DIVENTA! BASIC LIFE SUPPORT -PERSONALE LAICO- ED. 2010 HTTP://WWW.CRI.RE.IT 1 Introduzione

Dettagli

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE

LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE LA RIANIMAZIONE CARDIO POLMONARE DI BASE DISPENSA PER I DISCENTI LA RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE DI BASE 1 DEFINIZIONE E OBIETTIVO Le manovre di rianimazione cardio-polmonare di base si rendono necessarie

Dettagli

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI

La rianimazione CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI CULTURA DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NEL TERZIARIO E NEI SERVIZI La rianimazione Cultura della sicurezza patrimonio comune del mondo del lavoro: impresa, lavoratori e parti sociali. Il testo unico sulla

Dettagli

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO

MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO MATERIALE DI SUPPORTO FOTOGRAFICO TRATTO DAL CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI EMERGENZE MEDICO - CHIRURGICHE B. D'Elia, S. Pittino, P. Lorenzi, M. Marsili, S. Boncinelli Il materiale

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LE EMERGENZE PEDIATRICHE

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - LE EMERGENZE PEDIATRICHE CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - LE EMERGENZE PEDIATRICHE IL BAMBINO E L EMERGENZA Le emergenze pediatriche extraospedaliere non sono molto frequenti, anche

Dettagli

PBLS-D Rev.1.03 24/09/2014

PBLS-D Rev.1.03 24/09/2014 PBLS-D Rev.1.03 24/09/2014 PREMESSA Affrontare un emergenza pediatrica è una sfida impegnativa per qualsiasi soccorritore ne sia coinvolto. Il bambino infatti si differenzia dall adulto per varie caratteristiche:

Dettagli

indice Introduzione Cause di ACR nel bambino Differenze anatomo-fisiologiche Protocollo P-BLS Ostruzione delle vie aeree

indice Introduzione Cause di ACR nel bambino Differenze anatomo-fisiologiche Protocollo P-BLS Ostruzione delle vie aeree indice 3 5 6 7 16 21 25 27 28 29 Introduzione Cause di ACR nel bambino Differenze anatomo-fisiologiche Protocollo P-BLS Ostruzione delle vie aeree Situazioni rianimatorie particolari Aspetti psicologici

Dettagli