12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI"

Transcript

1 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 1

2 CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 2

3 Introduzione Le radiazioni non ionizzanti (NIR) sono forme di radiazioni elettromagnetiche (o campi elettromagnetici) che possiedono l energia sufficiente a provocare modifiche termiche, meccaniche e bioelettriche (effetti biologici) nella materia costituente gli organismi viventi. Tali effetti, se non compensati dall organismo umano, possono dar luogo ad un vero e proprio danno per la salute (effetto sanitario). Gli effetti sanitari si distinguono in effetti a breve termine ed effetti a lungo termine, associati ad esposizioni a campi elettromagnetici di natura diversa in termini di durata ed anche di livelli. Gli effetti a breve termine derivano da una esposizione di breve durata, caratterizzata da elevati livelli di campo, mentre i temuti effetti a lungo termine sono attribuibili ad esposizioni prolungate (si parla anche di anni) a livelli di campo molto inferiori rispetto a quelli connessi agli effetti a breve termine. Gli effetti biologici, potenziali effetti sanitari, che scaturiscono dall interazione materia-campi elettromagnetici sono principalmente di due tipi: effetti derivanti da stimolazione elettrica dei tessuti muscolari e nervosi e gli effetti termici connessi al riscaldamento della materia (assorbimento di energia elettromagnetica). I campi elettromagnetici si propagano nello spazio sotto forma di onde elettromagnetiche che sono caratterizzate da tre parametri: ampiezza, lunghezza e frequenza. Quest ultima è strettamente connessa alla lunghezza d onda e all energia da essa trasportata: tanto più alta è la frequenza, tanto più è corta la lunghezza d onda ed elevata l energia associata. Quando un onda elettromagnetica incontra un ostacolo cede ad esso parte della sua energia, determinando così una serie di effetti che dipendono dalla frequenza della radiazione e dalla natura dell ostacolo stesso. Le NIR comprendono le radiazioni ultraviolette (UV), luce visibile, le radiazioni infrarosse (IR), le radiofrequenze (RF) e i campi elettrici e magnetici a frequenze estremamente basse (ELF, dall inglese Extremely Low Frequency). Nell ambito del capitolo in oggetto vengono in particolar modo approfonditi alcuni aspetti importanti legati all impatto ambientale delle principali sorgenti operanti alle radiofrequenze (RF) (impianti radiotelevisivi e stazioni radio base per la telefonia mobile) e alle frequenze estremamente basse (ELF) (elettrodotti). Lo sviluppo dei sistemi di telecomunicazione, legato soprattutto ai settori delle telefonia cellulare e a quello della produzione elettrica, del trasporto e utilizzazione dell energia (elettrodotti), costituisce uno dei tratti distintivi della società contemporanea. Tali innovazioni tecnologiche comportano sicuramente grossi miglioramenti a livello di qualità della vita, ma spesso sono associate a fenomeni di impatto ambientale e problematiche di carattere sanitario. Rispetto al 2008, si registra una situazione di sostanziale stazionarietà nel numero di impianti e siti RF. A livello sociale si inizia a riscontrare una diminuzione dell intensa percezione del rischio, da parte della popolazione, legata all esposizione ai campi elettromagnetici alle radiofrequenze. Ciò è frutto della capillare attività di monitoraggio e di informazione portata avanti in questi anni dal sistema delle agenzie ambientali che ha fornito un importante impulso in tal senso. A tale variazione hanno contribuito anche altre azioni quali, ad esempio, l applicazione di soluzioni tecnologiche, mirate alla minimizzazione dei campi elettromagnetici, e l applicazione di norme specifiche, mirate alla tutela dell individuo da effetti sulla salute sia a breve sia a lungo termine. 3

4 Tema SINAnet Nome indicatore DPSIR Periodicità di aggiornamento Qualità Informazione Copertura Stato e Rappresentazione Trend S T Tabelle Figure Densità impianti e siti per radiotelecom unicazione e potenza complessiva sul territorio nazionale D/P Annuale R 9/20 R 9/ Campi elettromagnetici Sviluppo in chilometri delle linee elettriche, suddivise per tensione, e numero di stazioni di trasformazio ne e cabine primarie in rapporto alla superficie territoriale Superamenti dei valori di riferimento normativo per campi elettromagne tici generati da impianti per radiotelecom unicazione, azioni di risanamento D/P S/R Annuale R 20/ Continua R 13/20 R 13/ Superamenti dei limiti per i campi elettrici e magnetici prodotti da elettrodotti, azioni di risanamento a S/R - R

5 Numero di pareri preventivi e di interventi di controllo su sorgenti di campi RF e MO R Annuale R 11/20 R 12/ Numero di pareri preventivi e di interventi di controllo su sorgenti di campi ELF R Annuale R 10/ Osservatorio normativa regionale R Annuale Continuo R 12/ Radiazioni luminose Brillanza relativa del cielo notturno b Percentuale della popolazione che vive dove la Via Lattea non è più visibile b S I - I 1971, 1998, I P a L indicatore non è stato aggiornato rispetto all Annuario edizione 2003 per la mancanza del decreto attuativo della Legge 36/2001 (art.4,c.4) che disciplina appunto i criteri di elaborazione dei piani di risanamento. Pertanto, nella presente edizione, non sono state riportate le relative schede dell indicatore. b Indicatore non è stato aggiornato rispetto all Annuario edizione 2007 perché i dati sono forniti con periodicità superiore all anno. Pertanto, nella presente edizione, non sono state riportate le relative schede indicatore. 5

6 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VAUTAZIONI Trend Nome indicatore Descrizione Superamenti dei valori di riferimento normativo per campi elettromagnetici generati da impianti per radiotelecomunicazione, azioni di risanamento Sviluppo in chilometri delle linee elettriche, suddivise per tensione, e numero di stazioni di trasformazione e cabine primarie in rapporto alla superficie territoriale Osservatorio normativa regionale Nonostante dal 2008 al 2009 i casi di superamento dei limiti di legge non abbiano subito complessivamente grandi variazioni, la situazione relativamente allo stato attuale delle azioni di risanamento intraprese risulta essere problematica, considerata l'alta percentuale di risanamenti non ancora neanche programmati Tra il 2008 e il 2009 non ci sono variazioni significative del chilometraggio delle linee elettriche e del numero di stazioni/cabine di trasformazione primarie ad esclusione delle linee elettriche a 220 kv che evidenziano un aumento del 15% Sono aumentate le regioni/provincie autonome provviste di un catasto realizzato (impianti RF o impianti ELF o entrambe le tipologie di sorgenti) rispetto all'anno

7 12.1 CAMPI ELETTRMAGNETICI (CEM) Le principali sorgenti di campi elettromagnetici oggetto degli indicatori che da anni vengono presentati nell Annuario dei Dati Ambientali sono rappresentate dagli impianti radio televisivi (RTV) e dalle stazioni radio base per la telefonia cellulare (SRB), riguardo alle sorgenti operanti ad alta frequenza (10 khz GHz), e dagli impianti di produzione, trasporto, trasformazione e distribuzione dell'energia elettrica (elettrodotti), appartenenti alla categoria delle sorgenti operanti a bassa frequenza (0 Hz - 10 khz). La distinzione delle sorgenti sulla base della frequenza è necessaria in quanto le caratteristiche dei campi variano a seconda della frequenza di emissione, così come variano i meccanismi di interazione di tali campi con i tessuti biologici e quindi le possibili conseguenze per la salute correlabili con l'esposizione dell'individuo (effetti sulla salute). In risposta alla necessità, oramai da tempo avvertita sia a livello nazionale ma ancor più a livello locale, di un censimento delle sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, e anche sulla base di quanto previsto dal nuovo scenario normativo nazionale (Legge Quadro n. 36/2001), sono stati costituiti specifici strumenti di gestione dei dati relativi alle sorgenti di emissione (Osservatorio CEM, Catasto Elettromagnetico Nazionale, Catasti Elettromagnetici Regionali) con lo scopo anche di supportare le attività di monitoraggio, controllo e informazione alla cittadinanza. Le informazioni contenute nel database Osservatorio CEM di ISPRA permettono di popolare gli indicatori di seguito presentati, che forniscono una risposta alla domanda di informazione della normativa attualmente vigente. Successivamente all emanazione del DM 381/1998 e della legge quadro n.36/2001, sia nel settore delle radiofrequenze (RF) che in quello delle frequenze estremamente basse (ELF), è emerso chiaramente che l applicazione delle norme e dei regolamenti a livello locale, pur basandosi su una normativa nazionale estremamente cautelativa, non ha portato quella serenità necessaria in larga parte della popolazione, tale da attenuare i conflitti sociali. Negli ultimi anni vi è stata infatti un attenzione amplificata da parte del pubblico affiancata da una difficile gestione di questa problematica da parte degli organismi competenti e dell Amministrazione pubblica a livello locale. Al fine di ridurre la forte percezione del rischio associata all esposizione ai campi elettromagnetici da parte della popolazione, ISPRA, il sistema agenziale ARPA/APPA e molti altri enti istituzionali coinvolti stanno sviluppando un ampio percorso di informazione per il pubblico semplice e trasparente, che permette di superare la barriera costituita dal linguaggio meramente tecnico e di ricreare quei rapporti di fiducia verso le istituzioni e le organizzazioni scientifiche che, negli ultimi anni, sono stati un pò minati. Nel seguente quadro sono riportati, per ciascun indicatore, le finalità, la classificazione nel modello DPSIR e i principali riferimenti normativi. 7

8 Q12.1: Quadro delle caratteristiche indicatori Campi Elettromagnetici Nome indicatore Finalità DPSIR Riferimenti Normativi Densità impianti e siti per radio telecomunicazione e potenza complessiva sul territorio nazionale Sviluppo in chilometri delle linee elettriche suddivise per tensione, e numero di stazioni di trasformazione e cabine primarie, in rapporto alla superficie territoriale Siti per radio telecomunicazione nei quali si è riscontrato il superamento dei limiti e stato di attuazione dei risanamenti Superamenti dei limiti per i campi elettrici e magnetici prodotti da elettrodotti, azioni di risanamento a Numero di pareri preventivi e di interventi di controllo su sorgenti di campi RF Numero di pareri preventivi e di interventi di controllo su sorgenti di campi ELF Osservatorio Normativo Regionale Quantificare le principali fonti di pressione sul territorio per quanto riguarda i campi RF Quantificare le principali fonti di pressione sul territorio per quanto riguarda i campi ELF Quantificare le situazioni di non conformità per le sorgenti di radiofrequenza (distinte fra RTV e SRB) sul territorio, rilevate dall attività di controllo eseguita dalle ARPA/APPA, e lo stato dei risanamenti Quantificare le situazioni di non conformità per le sorgenti ELF sul territorio e le azioni di risanamento. Quantificare la risposta alla domanda della normativa per quanto riguarda l attività di controllo e vigilanza sugli impianti a RF (impianti radiotelevisivi, stazioni radio base per la telefonia mobile). Quantificare la risposta alla domanda della normativa per quanto riguarda l attività di controllo e vigilanza sugli impianti ELF (linee elettriche, cabine di trasformazione). Valutare la risposta normativa alla problematica riguardante le sorgenti di radiazioni non ionizzanti in riferimento al D/P LQ 36/01 D/P LQ 36/01 S/R DM 381/98 LQ 36/01 DPCM 08/07/03 S/R LQ 36/01 DPCM 08/07/03 R LQ 36/01 DM 381/98 D.lgs.259/03 DPCM 08/07/03 R LQ 36/01 DPCM 08/07/03 DM 29/05/2008 R LQ 36/01 DM 381/98 recepimento della Legge Quadro. a L indicatore non è stato aggiornato rispetto all Annuario edizione 2003 per la mancanza del decreto attuativo della Legge 36/2001 (art.4,c.4) che disciplina appunto i criteri di elaborazione dei piani di risanamento. Pertanto, nella presente edizione, non sono state riportate le relative schede dell indicatore. Bibliografia ANPA - RTI CTN_AGF 1/2000, Guida Tecnica CTN/ANPA-ARPA per la misura dei campi elettromagnetici compresi nell intervallo di frequenza 100 khz 3 GHz in riferimento all esposizione della popolazione. ANPA - RTI CTN_AGF 1/2001, Rassegna dei modelli per gli agenti fisici. ANPA - RTI CTN_AGF 1/2002, Criteri per la progettazione di reti nazionali di monitoraggio in continuo dei campi elettromagnetici. ANPA - RTI CTN_AGF 2/2000, Rassegna degli effetti derivanti dall esposizione ai campi elettromagnetici. ANPA - RTI CTN_AGF 4/2000, Rassegna di indicatori e indici per il rumore, le radiazioni non ionizzanti e la radioattività ambientale. ANPA - RTI CTN_AGF 4/2001, Standard per la realizzazione delle banche dati delle sorgenti di inquinamento elettromagnetico (alte e basse frequenze). 8

9 ANPA, 2000, Il controllo dell inquinamento elettromagnetico. Prima indagine sulle attività del sistema agenziale. ANPA, Il controllo dell inquinamento elettromagnetico. Le attività del Sistema delle Agenzie ambientali e l evoluzione normativa, Serie Stato dell Ambiente, 13/2000. CEI : 2002, Guida alla realizzazione di una Stazione Radio Base per rispettare i limiti di esposizione ai campi elettromagnetici in alta frequenza. Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 29 Maggio 2008, G.U. 5 luglio 2008 n. 156, S.O. n. 160, Approvazione della metodologia di calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti Decreto del Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare 29 Maggio 2008, G.U. 2 luglio 2008 n. 153, Approvazione delle procedure di misura e valutazione dell'induzione magnetica Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 luglio 2003, GU 28 agosto 2003, n. 199, Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 khz e 300 GHz. Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8 luglio 2003, GU 29 agosto 2003, n. 200, Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni ai campi elettrici e magnetici alla frequenza di rete (50 Hz) generati dagli elettrodotti. Decreto Legislativo 4 settembre 2002, n.198, GU 13 settembre 2002, n. 215, Disposizioni volte ad accelerare la realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazioni strategiche per la modernizzazione e lo sviluppo del Paese, a norma dell articolo 1, comma 2, della legge 21 dicembre 2001, n Decreto Ministeriale 10 settembre 1998, n. 381, GU 3 novembre 1998, n. 257, Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana. Documento ANPA - CTN-AGF, 2001, Standard per la realizzazione della banca dati delle sorgenti di inquinamento elettromagnetico (elettrodotti). Documento congiunto dell ISS e dell ISPESL sulla problematica della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici e magnetici e a campi elettromagnetici a frequenze comprese tra 0 Hz e 300 GHz. Istituto Superiore di Sanità, Rapporti Istisan 94/22, 1994, Linee elettriche. Istituto Superiore di Sanità, Rapporti Istisan, n. 95/29 e n. 98/31. Legge 22 febbraio 2001, n. 36, GU 7 marzo 2001, n. 55, Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Ministero dell Ambiente, Ministero delle Comunicazioni. Ministero della Sanità, Roma, settembre 1999, Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana - Linee guida applicative. Ministero dell ambiente, Relazione sullo Stato dell Ambiente, Cap. Le problematiche emergenti. Norma CEI 211-6: , Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettrici e magnetici nell intervallo di frequenze 0 Hz 10 khz, con riferimento all esposizione umana. Norma CEI 211-7: , Guida per la misura e per la valutazione dei campi elettromagnetici nell intervallo di frequenze 10 khz 300 GHz, con riferimento all esposizione umana. 9

10 DENSITÀ IMPIANTI E SITI PER RADIO-TELECOMUNICAZIONE E POTENZA COMPLESSIVA SUL TERRITORIO NAZIONALE DESCRIZIONE L indicatore riporta per ogni regione/provincia autonoma, il numero assoluto, il numero normalizzato (agli abitanti e alla superficie) e le potenze degli impianti radiotelevisivi (RTV) e degli impianti per Stazioni Radio Base della telefonia mobile (SRB); è specificato inoltre il numero di siti in cui sono installati gli impianti. Per impianto s intende l installazione emittente alla specifica frequenza; per sito, la località o l indirizzo in cui è installato l impianto. QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio La qualità dell'informazione risente delle numerose lacune relative alla copertura spaziale e alla completezza delle serie temporali delle informazioni raccolte tramite l'osservatorio CEM. OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA La Legge Quadro 36/01 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici prevede l istituzione di un catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici e delle zone territoriali interessate, e di catasti regionali realizzati in coordinamento con il catasto nazionale. STATO e TREND Per il 2009, 9 regioni su 20 hanno fornito i dati completi relativi agli impianti RTV e alle SRB. Dal 2008 al 2009, se pur solo 5 regioni hanno i dati completi confrontabili per tale periodo temporale, si rileva una situazione di sostanziale stazionarietà. COMMENTI a TABELLE e FIGURE Per quanto riguarda gli impianti radiotelevisivi (RTV) e le stazioni radio base (SRB), l impatto ambientale in termini di pressione esercitata dall installazione di detti impianti sul territorio nazionale è rimasta pressoché invariata ad esclusione del numero degli impianti SRB che dal 2008 al 2009 hanno rilevato un aumento del 10%. Tali informazioni sono state ricavate sulla base dei dati presenti nell Osservatorio CEM per le regioni che hanno fornito il dato completo per i due anni considerati (Emilia Romagna, Veneto, Umbria, Marche e Molise). Le informazioni di seguito riportate sono state ricavate dall'osservatorio CEM relative alle regioni che hanno fornito il dato completo per l anno 2009 (Piemonte, Valle d Aosta, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Molise). Dall analisi dei dati relativi alla densità di impianti RTV e SRB (Figura 12.1), si nota che le SRB presentano una densità di impianti 2,5 volte superiore rispetto a quella relativa agli impianti RTV (rispettivamente 0,28 e 0,11 impianti per km2); mentre la densità dei siti SRB (0,15 siti per km2) è 5 volte superiore rispetto a quella dei siti RTV (0,03 siti per km2). La potenza complessiva degli impianti SRB (3.611 kw) risulta essere circa 3,4 volte inferiore a quella degli impianti RTV ( kw). La minore potenza complessiva associata agli impianti SRB rispetto a quelli RTV comporta una maggiore pressione sul territorio degli impianti e dei siti SRB rispetto a quelli RTV, evidenziata in precedenza, al fine di garantire la copertura del territorio sulla base delle esigenze del servizio di telefonia mobile. 10

11 Tabella 12.1: Numero di impianti radiotelevisivi (RTV), numero di siti e potenza complessiva associata (2009) Regione/Provincia autonoma Siti Impianti Abitanti Superficie Impianti per unità di superficie Impianti per abitanti Potenza n. km 2 n./km 2 n./abitanti kw Piemonte ,46 0,06 3,45 874,00 Valle d Aosta ,24 0,27 71,20 60,50 Lombardia ,80 0,15 3, ,91 Trentino-Alto Adige , Bolzano-Bozen ,92 0,20 29,71 98,80 Trento , Veneto ,85 0,12 4, ,88 Friuli-Venezia Giulia ,39 0,12 7,59 - Liguria , Emilia-Romagna ,34 0,10 5, ,50 Toscana ,51 0,10 6, ,40 Umbria ,04 0,09 8, ,07 Marche ,06 0,12 7,65 555,20 Lazio b , Abruzzo ,71 0,13 10,74 - Molise ,68 0,12 16,68 180,00 Campania b , Puglia , Basilicata , Calabria ,55 0,05 3,98 - Sicilia , Sardegna b , Italia a ,11 5, ,46 Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM), ISTAT LEGENDA: a Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo b Dato non aggiornato * L'informazione non copre tutta la regione 11

12 Tabella 12.2: Numero di impianti per stazioni radio base (SRB), numero di siti e potenza complessiva associata (2009) Regione/ Provincia autonoma Siti Impianti Abitanti Superficie Impianti per unità di superficie Impianti per abitanti Potenza n. km 2 n./km 2 n./abitanti kw Piemonte ,46 0,20 11,21 693,00 Valle d Aosta ,24 0,16 41,99 25,40 Lombardia ,80 0,31 7, ,14 Trentino-Alto Adige , Bolzano-Bozen ,92 0,16 23,37 51,10 Trento , Veneto ,85 0,49 18,34 680,00 Friuli-Venezia Giulia ,39 0,17 10,72 137,84 Liguria ,55 0,64 21, ,00 Emilia-Romagna ,34 0,33 16,70 411,50 Toscana ,51 0,24 14,64 433,70 Umbria ,04 0,15 14,14 64,88 Marche ,06 0,24 14,55 159,40 Lazio b * , Abruzzo ,71 0,13 10,46 - Molise ,68 0,09 11,85 18,00 Campania b , Puglia , Basilicata , Calabria ,55 0,12 9,30 - Sicilia ,40 0,27 13,76 427,00 Sardegna b , Italia a ,32 0,28 13, ,86 Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM), ISTAT LEGENDA: a Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo b Dato non aggiornato * L'informazione non copre tutta la regione 12

13 0,30 0,28 0,25 0,20 n./km2 0,15 0,11 0,15 0,10 0,05 0,03 0,00 RT V SRB Densità impianti Densità siti Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) Figura 12.1: Densità di impianti e di siti, confronto tra RTV e SRB, relativamente alle regioni per le quali è disponibile il dato completo (2009) kw RTV SRB Potenza complessiva Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) Figura 12.2: Potenza complessiva, confronto tra RTV e SRB, relativamente alle regioni per le quali è disponibile il dato completo (2008) 13

14 SVILUPPO IN CHILOMETRI DELLE LINEE ELETTRICHE, SUDDIVISE PER TENSIONE, E NUMERO DI STAZIONI DI TRASFORMAZIONE E CABINE PRIMARIE IN RAPPORTO ALLA SUPERFICIE TERRITORIALE DESCRIZIONE L indicatore riporta, per ciascuna regione/provincia autonoma e per i diversi livelli di tensione, i chilometri di linee elettriche esistenti, in valore assoluto e in rapporto alla superficie territoriale. Riporta, inoltre, il numero di stazioni di trasformazione e di cabine primarie. QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio La qualità dell'informazione, in termini di accuratezza, risente della mancanza di dati provenienti da altri proprietari di linee elettriche (Rete Ferroviaria Italiana, Edison, Aziende Municipalizzate, privati, ecc...); tali dati vengono raccolti, in modo complessivo, per ciascuna regione/provincia autonoma dalle ARPA/APPA nel database "Osservatorio CEM". OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA La Legge Quadro 36/01 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici prevede l istituzione di un catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici e delle zone territoriali interessate, al fine di rilevare i livelli di campo presenti nell ambiente e di catasti regionali realizzati in coordinamento con il catasto nazionale. STATO e TREND Per quanto riguarda l informazione sulla consistenza della rete elettrica nazionale, distinta per tensione, si ha a disposizione una buona serie temporale e si notano delle piccole variazioni nel trend. Il numero di stazioni di trasformazione e cabine primarie è stato aggiornato al 2008, però non è possibile valutare il trend in quanto il dato è complessivo, cioè non è distinto il numero di cabine e il numero di stazioni. Non sono disponibili gli aggiornamenti sulle linee elettriche relative agli anni 2004 e COMMENTI a TABELLE e FIGURE In tabella 12.3 per ogni regione sono riportate le lunghezze delle linee elettriche e il numero complessivo di stazioni/cabine primarie. Va ricordato che le stazioni primarie hanno la funzione di trasformare l energia dalla tensione di trasporto (AAT: 380 kv o 220 kv) a quella delle reti di distribuzione (AT: kv); le cabine primarie, invece, trasformano l energia da alta tensione a media tensione di distribuzione. Non è stato possibile presentare una distribuzione di queste sul territorio in quanto l informazione fornita non è distinta in numero di stazioni primarie e numero di cabine primarie. Dall analisi della Tabella 12.3 risulta evidente che la maggior parte della rete elettrica italiana è costituita da linee a media e bassa tensione (<40 kv), che rappresentano lo stadio finale del processo di produzione, trasmissione e distribuzione dell energia elettrica e che si presentano, dunque, con una densità sul territorio nettamente superiore rispetto alle linee a tensione più elevata (i chilometri di linee con tensione > 40 kv rappresentano il 5% del totale). È importante ricordare che, a parità di distanza dei conduttori, l intensità del campo elettrico generato dalle linee elettriche è proporzionale alla tensione in esercizio, mentre l intensità del campo magnetico è proporzionale alla corrente elettrica circolante nei conduttori che costituiscono la linea; di conseguenza, a parità di distanza, i campi elettrici e magnetici generati da linee a tensione medio- 14

15 bassa risultano in genere di minore entità rispetto a quelli dovuti a linee a tensione più elevata. Nella Figura 12.3 viene presentata la serie temporale dei dati aggregati a livello nazionale per le linee kv, 220 kv e 380 kv. Tra il 2008 e il 2009 non ci sono variazioni significative del chilometraggio delle linee elettriche e del numero di stazioni/cabine di trasformazione primarie ad esclusione delle linee elettriche a 220 kv che evidenziano un aumento del 15%. 15

16 Tabella 12.3: Lunghezza (L) delle linee elettriche, diversificate per tensione e per regione, in valore assoluto e normalizzata alla superficie (S) regionale; numero di stazioni/cabine primarie (2009) Regione Linee < 40 kv Linee AT kv Linee AT 220 kv Linee AT 380 kv Stazioni / Cabine Primarie L/S a <40kV L/S a kV L/S a 220kV L/S a 380kV km n. km Piemonte Valle d'aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna ITALIA Fonte: Elaborazione ISPRA su dati di Terna S.p.A., ENEL Distribuzione S.p.A., ACEA Distribuzione S.p.A., ISTAT LEGENDA: a Lunghezza delle linee normalizzata alla superficie regionale (km di linea per 100 km 2 di territorio) 16

17 Fonte: Elaborazione ISPRA su dati Terna S.p.A., Enel Distribuzione S.p.A, Acea Distribuzione S.p.A. Figura 12.3: Lunghezza delle linee elettriche relative all alta tensione (grafico A) e all altissima tensione (grafico B) 17

18 SUPERAMENTI DEI VALORI DI RIFERIMENTO NORMATIVO PER CAMPI ELETTROMAGNETICI GENERATI DA IMPIANTI PER RADIOTELECOMUNICAZIONE, AZIONI DI RISANAMENTO DESCRIZIONE Sono riportati, per ogni regione/provincia autonoma, il numero di superamenti dei valori di riferimento normativi, distinti per impianti radiotelevisivi (RTV) e stazioni radio base (SRB), e il numero dei casi di superamento per i quali risultano programmati, in corso o conclusi i risanamenti previsti per legge. Il superamento riguarda le situazioni nelle quali sono misurati livelli superiori al limite di esposizione o al valore di cautela o a entrambi. QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio La qualità dell'informazione risente di alcune lacune a livello di comparabilità spaziale e temporale. La metodologia di raccolta delle informazioni presenta alcune riserve riguardo alle informazioni relative alla conclusione delle varie azioni di risanamento intraprese. OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA Il DM 381/98 fissa limiti di esposizione, che vanno da 20 a 60 V/m per il campo elettrico, da rispettare in qualunque situazione, e i valori di cautela, pari a 6 V/m, da rispettare nei luoghi in cui si prevede una permanenza superiore a 4 ore: valori confermati dal DPCM 08/07/03 con l introduzione dell'obiettivo di qualità pari a 6 V/m, in attuazione della Legge 36/01. Il DM 381/98 prevede che, ove si verifichino superamenti, debbano essere attuate azioni di risanamento a carico dei titolari degli impianti. STATO e TREND Nonostante dal 2008 al 2009 i casi di superamento dei limiti di legge non abbiano subito complessivamente grandi variazioni, la situazione relativamente allo stato attuale delle azioni di risanamento intraprese risulta essere problematica considerata l'alta percentuale di risanamenti non ancora neanche programmati. COMMENTI a TABELLE e FIGURE Sulla base dei dati contenuti nell Osservatorio CEM, per le regioni per cui è stato aggiornato il dato per entrambe le tipologie di sorgenti al 2009, e in cui è stato rilevato almeno un superamento (Veneto, Emilia Romagna, Liguria, Marche, Molise e Sicilia) (figura 12.4), si rileva che i casi di superamento dei limiti di legge riguardo agli impianti RTV (pari a 276) sono circa 4,5 volte superiori a quelli relativi agli impianti SRB (pari a 62). Per i casi di superamento dei limiti di legge appena citati, vengono riportati, in figura 12.5, le percentuali sullo stato delle relative azioni di risanamento, intraprese secondo quanto è lo stato della conoscenza del sistema agenziale ARPA- APPA. Nonostante a livello tecnico per gli impianti RTV, l azione di risanamento sia tecnicamente più complessa (coinvolgimento di più impianti, difficoltà nel mantenimento della stessa qualità del servizio di cui agli atti di concessione) rispetto alle a quella degli impianti SRB, si evidenzia una situazione pressoché simile per le due tipologie di entrambe le sorgenti. Infatti sia per gli RTV e sia per le SRB la suddivisione tra i risanamenti conclusi, e non, è quasi equa (RTV: 52% e 48%; SRB: 53% e 47%). Andando a confrontare i dati delle regioni per le quali sono disponibili le informazioni relative agli anni 2008 e 2009 (Valle d Aosta, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Umbria, Marche e 18

19 Molise) si osserva che il numero dei superamenti dei limiti di legge relativi agli impianti SRB è rimasto quasi invariato (da 32 a 33 casi), mentre per gli impianti RTV il numero dei superamenti dei limiti di legge è aumentato passando da 224 a 242. Si nota (Figura 12.4) che pur essendo basse le percentuali dei siti nei quali si è riscontrato almeno un superamento dei limiti, rispetto alle SRB gli impianti RTV presentano una percentuale più elevata di siti in cui si è rilevato almeno un superamento rispetto al numero di siti totale. 19

20 Tabella 12.4: Numero dei superamenti rilevati e stato dei risanamenti per gli impianti radiotelevisivi (RTV) ( ) Regione/Provincia autonoma Superamenti rilevati Risanamenti programmati Risanamenti in corso Risanamenti conclusi Risanamenti richiesti da ARPA/APPA e nessuna azione di risanamento Piemonte c Valle d Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige Bolzano-Bozen Trento a Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana Umbria Marche Lazio a d Abruzzo Molise Campania d Puglia a d Basilicata Calabria Sicilia Sardegna a b Italia Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a L'informazione fornita dal referente regionale non copre tutta la regione b Dato aggiornato al 1999 c Dato aggiornato al 2007 c Dato aggiornato al 2007 d Dato aggiornato al 2008 n. 20

21 Tabella 12.5: Numero dei superamenti rilevati e stato dei risanamenti per le stazioni radio base (SRB) ( ) Regione/Provincia autonoma Superamenti rilevati Risanamenti programmati Risanamenti in corso n. Risanamenti conclusi Risanamenti richiesti da ARPA/APPA e nessuna azione di risanamento Piemonte c Valle d Aosta Lombardia Trentino-Alto Adige a Bolzano-Bozen Trento a Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia-Romagna Toscana a Umbria Marche Lazio a c Abruzzo Molise Campania d Puglia a d Basilicata Calabria Sicilia Sardegna b Italia Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a L'informazione fornita dal referente regionale non copre tutta la regione b Dato aggiornato al 1999 c Dato aggiornato al 2007 d Dato aggiornato al

22 ,1 10 % RTV 0,5 SRB Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) Figura 12.4: Percentuale dei siti nei quali è stato rilevato almeno un superamento a causa di impianti RTV e SRB, nelle sole regioni per cui è disponibile il dato completo (2009) 22

23 14% 13% Risanamenti programmati 21% Risanamenti in corso Risanamenti conclusi 52% Risanamenti richiesti da ARPA/APPA ma non ancora programmati dai proprietari degli impianti e nessuna azione di risanamento RTV 5% 5% Risanamenti programmati 37% Risanamenti in corso Risanamenti conclusi 53% Risanamenti richiesti da ARPA/APPA ma non ancora programmati dai proprietari degli impianti e nessuna azione di risanamento SRB Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a Per i risanamenti richiesti, si intendono quelli richiesti dalle ARPA / APPA ma non programmati dai titolari degli impianti. Nota: I dati sono relativi alle sole regioni / province autonome per le quali si dispone della serie completa Figura 12.5: Stato delle azioni di risanamento nei siti in cui si è rilevato almeno un superamento a causa di impianti RTV e SRB, nelle sole regioni per cui è disponibile il dato completo ( ) 23

24 NUMERO DI PARERI PREVENTIVI E DI INTERVENTI DI CONTROLLO SU SORGENTI DI CAMPI RF E MO DESCRIZIONE L'indicatore descrive l'attività svolta dalle ARPA/APPA in termini di pareri preventivi e di controlli effettuati sia con modelli numerici sia con strumenti di misura, sulle sorgenti ad alta frequenza (RF), distinte tra impianti radiotelevisivi (RTV) e stazioni radiobase per la telefonia mobile (SRB). QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio L'informazione risente di alcune disomogeneità nell'intervallo temporale considerato ( ). OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA L'attività di controllo, in fase preventiva e di esercizio dell'impianto, è finalizzata al rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione definiti dal DPCM 08/07/03. Il D.Lgs. 259 del 01/08/03 indica le modalità e le tempistiche per la realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazione, con particolare riferimento alle stazioni radio base per la telefonia mobile e la rete di televisione digitale terrestre. STATO e TREND Nonostante il numero esiguo di regioni per le quali è possibile valutare il trend , si ritiene comunque importante evidenziare che dal 2003 è in atto una quasi costante diminuzione sia del numero dei pareri preventivi che dei controlli relativi agli impianti RF effettuati dal sistema agenziale ARPA/APPA. COMMENTI a TABELLE e FIGURE Nelle Tabelle 12.6 e 12.7 sono riportati, suddivisi per regione/province autonoma, il numero di pareri preventivi e il numero di controlli di post-attivazione per le stazioni radiobase (SRB) e per gli impianti radiotelevisivi (RTV), eseguiti sia con misure in loco sia con l ausilio di modelli matematici; laddove disponibile è stato anche riferito il numero di controlli sperimentali effettuati su richiesta. Sono, inoltre, riassunti il numero dei controlli globalmente effettuati e il totale controlli-pareri. Analizzando i dati sui controlli sperimentali per le RTV (Tabella 12.6), si evince che quelli effettuati su richiesta dei cittadini risultano essere il 41% del totale mentre per le SRB (Tabella 12.7) risultano essere il 32% del totale. Entrambe risultano essere delle percentuali importanti che evidenziano l'elevata attenzione che c'è da parte della popolazione nei confronti di questa problematica. Nella Figura 1, è rappresentato l andamento del numero totale di pareri e controlli (attuati sia con modelli sia sperimentali) effettuati su impianti RF e MO distinti per tipologia di sorgente. L andamento si riferisce alle sole regioni che hanno fornito i dati completi (Valle d Aosta, provincia autonoma di Bolzano, Emilia Romagna, Umbria, Marche). Nonostante l'esiguo numero di regioni per cui è possibile valutare il trend per la serie temporale (Valle d'aosta, Bolzano, Emilia Romagna, Umbria e Marche) si riportano comunque le informazioni da queste ricavabili in quanto risultano indicative di variazioni che in percentuali diverse seguono andamenti simili (aumento/diminuzione). Dall elaborazione dei dati raccolti tramite l Osservatorio CEM, nel 2009 si rileva per le regioni sopra riportate, una riduzione del numero dei pareri preventivi funzionali al rilascio delle autorizzazioni per gli impianti SRB pari al 36% e un aumento invece per gli impianti RTV pari al 24%. Per quanto riguarda il numero dei controlli, sia sperimentali sia con modelli, si registra una notevole diminuzione per le SRB pari al 24

25 52% mentre per gli impianti RTV si rileva un leggero aumento pari al 16% (Figura 12.6). Soprattutto per quanto riguarda gli impianti SRB si evidenzia un sostanziale assestamento sia riguardo la richiesta di installazione di nuovi impianti sia di controlli effettuati dalle ARPA-APPA. Ciò, probabilmente, è dovuto sia allo sviluppo di tecniche di best-siting di questi impianti, che tendono a ottimizzare l esistente attraverso una riconfigurazione degli impianti già presenti sul territorio, e sia ai risultati che stanno maturando riguardo lo sviluppo di importanti strumenti di informazione che tendono a ridurre gli allarmismi ingiustificati fra i cittadini. 25

26 Tabella 12.6: Pareri e controlli per impianti RTV in Italia (2009) Regione /Provincia autonoma Pareri previsionali Controlli con modelli Controlli sperimentali a n. Totale controlli Totale controlli e pareri c Piemonte (80) Valle d'aosta (0) Lombardia (33) Trentino-Alto Adige (7) Bolzano-Bozen (0) Trento (7) Veneto (7) Friuli-Venezia Giulia 20-4(3) - - Liguria (30) Emilia-Romagna (74) Toscana (16) Umbria (15) Marche (48) Lazio b Abruzzo (16) Molise (2) Campania Puglia (16) Basilicata (6) 6 10 Calabria (-) Sicilia (54) Sardegna ITALIA (404) Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a Nei controlli sperimentali i valori tra parentesi indicano quelli effettuati su richiesta, laddove tale informazione è disponibile b La copertura delle informazioni non è completa sono mancanti alcune province c Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo 26

27 Tabella 12.7: Pareri e controlli per impianti SRB in Italia (2009) Regione/Provincia autonoma Pareri previsionali Controlli con modelli Controlli sperimentali a Totale controlli Totale controlli e pareri c n. Piemonte (60) Valle d'aosta (4) Lombardia (150) Trentino-Alto Adige (16) Bolzano-Bozen (8) Trento (8) Veneto (119) Friuli-Venezia Giulia (33) Liguria (44) - - Emilia-Romagna (107) Toscana (75) Umbria (12) Marche (48) Lazio b Abruzzo (54) Molise (7) Campania Puglia (30) Basilicata (126) Calabria (-) Sicilia (371) Sardegna ITALIA (1.212) Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a Nei controlli sperimentali i valori tra parentesi indicano quelli effettuati su richiesta, laddove tale informazione è disponibile b La copertura delle informazioni non è completa sono mancanti alcune province c Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo 27

28 n Controlli RTV Controlli SRB Controlli Totale RF Pareri RTV Pareri SRB Pareri Totale RF Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ISPRA/ARPA/APPA (Osservatorio CEM) Nota: I dati sono relativi alle sole regioni / province autonome per le quali si dispone della serie completa Figura 12.6: Pareri e controlli effettuati su impianti RF in Italia, distinti per tipologia di sorgente

29 NUMERO DI PARERI PREVENTIVI E DI INTERVENTI DI CONTROLLO SU SORGENTI DI CAMPI ELF DESCRIZIONE L'indicatore descrive l'attività svolta dalle ARPA/APPA in termini di pareri preventivi e di controlli sulle sorgenti a bassa frequenza, effettuati sia con modelli numerici sia con strumentazione. QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio L'informazione risente di alcune disomogeneità nell'intervallo temporale considerato ( ). OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA L'attività di controllo, in fase preventiva e di esercizio dell'impianto, è finalizzata al rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione definiti dal DPCM 08/07/03. Il DPCM fissa anche i parametri per la determinazione delle fasce di rispetto (ove non è consentita alcuna destinazione di edifici con una permanenza non inferiore a 4 ore) demandando a ISPRA, sentite le ARPA/APPA, la definizione della metodologia di calcolo. Il 29 maggio 2008 è stato emanato il Decreto del Ministero dell ambiente e di tutela del territorio e del mare Approvazione della metodologia di calcolo per la determinazione delle fasce di rispetto per gli elettrodotti. STATO e TREND Nell'arco temporale si rileva un picco del numero dei controlli nel 2001 che nonostante l'andamento variabile caratterizzante gli anni successivi non è stato più raggiunto. L'attenzione in termini di controllo e vigilanza di queste sorgenti operanti a basse frequenze rimane alta anche in considerazione del fatto che i pareri preventivi rilasciati dal sistema agenziale ARPA/APPA sin dal 2003 hanno rilevato un sostanziale aumento ad eccezione dell'anno COMMENTI a TABELLE e FIGURE Per quanto riguarda i pareri e i controlli relativi agli elettrodotti (ELF), dall analisi della Figura 12.7 emerge che, tra il 2008 e il 2009, il numero dei pareri ha subito una diminuzione pari al 16% mentre il numero dei controlli effettuati (sia con misure, sia con modelli di calcolo) ha subito un aumento pari al 23 %. 29

30 Tabella 12.8: Pareri e controlli per impianti ELF in Italia (2009) Regione/Provincia autonoma Pareri previsionali Controlli con modelli Controlli sperimentali a Totale controlli Totale controlli e pareri c n. Piemonte (-) Valle d'aosta (3) Lombardia (48) Trentino-Alto Adige (12) Bolzano-Bozen (7) 8 8 Trento (5) 5 9 Veneto (53) Friuli-Venezia Giulia b (12) Liguria (49) - - Emilia-Romagna (88) Toscana (108) Umbria (58) Marche (34) Lazio b Abruzzo (37) Molise (5) Campania Puglia (16) Basilicata (22) Calabria (-) - - Sicilia Sardegna ITALIA (484) Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) LEGENDA: a Nei controlli sperimentali i valori tra parentesi documentano quelli effettuati su richiesta, laddove tale informazione è disponibile. b La copertura delle informazioni non è completa sono mancanti alcune province c Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo 30

31 n Controlli Pareri Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM) Note: I dati sono relativi alle sole regioni/province autonome per le quali si dispone della seria completa Figura 12.7: Trend del numero di pareri e controlli per sorgenti di campi ELF in Italia 31

32 OSSERVATORIO NORMATIVA REGIONALE DESCRIZIONE L indicatore valuta l attenzione degli enti territoriali al fenomeno delle emissioni elettromagnetiche attraverso la verifica degli atti normativi emanati in riferimento alle prevalenti tipologie di sorgenti: ELF e RF. Con il DM 381/98 e successivamente con la Legge Quadro 36/01, si rinvia specificamente a leggi regionali per il recepimento delle disposizioni in esse contenute (per alcune regioni sono reperibili disposizioni normative fin dal 1988). L indicatore fornisce un quadro della situazione, considerando la normativa regionale in vigore sulla base delle informazioni fornite dalle ARPA/APPA. Al fine di fornire informazioni importanti per il popolamento dell indicatore, si effettua un analisi dello stato di realizzazione dei catasti regionali delle sorgenti fisse e mobili di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, sempre in recepimento della L 36/01. QUALITÀ dell'informazione Rilevanza Accuratezza Comparabilità nel tempo Comparabilità nello spazio L'aggiornamento sulle normative regionali in vigore è rilevante alla luce dell'adeguamento del nuovo scenario normativo introdotto dalla legge quadro n.36/2001. La raccolta delle informazioni "in tempo reale" attraverso l'osservatorio CEM e la loro validazione da parte dei referenti ARPA/APPA consentono di non avere riserve sull'accuratezza del dato e sulla comparabilità sia nel tempo sia nello spazio. OBIETTIVI FISSATI dalla NORMATIVA La Legge Quadro 36/01 individua le competenze delle regioni e delle province autonome. In particolare l individuazione dei siti degli impianti di telefonia mobile, radioelettrici e di radiodiffusione, nonché la definizione dei tracciati degli elettrodotti con tensione non superiore a 150 kv, la realizzazione e la gestione di un catasto delle sorgenti fisse, l'individuazione degli strumenti e delle azioni per il raggiungimento degli obiettivi di qualità. STATO e TREND Non sono state emanate nuove normative regionali e sono aumentate le regioni provviste di un catasto realizzato (impianti RF o impianti ELF o entrambe le tipologie di sorgenti) rispetto all'anno COMMENTI a TABELLE e FIGURE Nella Tabella 12.9 è rappresentata la normativa regionale, post Legge Quadro n. 36 del 22 febbraio 2001, esistente in materia di radiazioni non ionizzanti. Per ogni regione/provincia autonoma, la normativa è ordinata per anno ed è specificato il tipo di atto. Per il 2009, 11 regioni hanno aggiornato i dati (Valle d Aosta, Trentino Alto Adige, Molise, Umbria, Emilia Romagna, Marche, Toscana, Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Puglia, Calabria). Nella Tabella sono riportate le informazioni sullo stato di avanzamento dei catasti regionali. Questi sono considerati avviati anche in assenza di un atto ufficiale (legge regionale o altro) istitutivo; ove presente è indicato anche l atto normativo di istituzione. In Tabella si evidenzia che, relativamente alle 11 regioni che hanno aggiornato i dati, i catasti riguardano in prevalenza le sorgenti di campi elettromagnetici generati dalle RF e dalle ELF. Tutte le regioni che hanno aggiornato i dati, eccetto la Basilicata, sono provviste di un catasto realizzato o in corso di realizzazione. Rispetto all'anno 2008 infatti 5 regioni (Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Umbria, Marche e Puglia) hanno ultimato la realizzazione di un catasto RF o RF/ELF. 32

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO

NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO NUMERO DI SITI DI TELEFONIA CELLULARE E RADIOTELEVISIVI PRESENTI NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema L esposizione a campi elettromagnetici (CEM) associata al rischio per la salute rappresenta una

Dettagli

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI

12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI 12. RADIAZIONI NON IONIZZANTI CAPITOLO 12 RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Maria LOGORELLI 1 Coordinatore statistico: Matteo SALOMONE 1 Coordinatore tematico: Salvatore CURCURUTO 1 1) ISPRA 902 Tema SINAnet

Dettagli

Il ruolo delle Agenzie in Italia

Il ruolo delle Agenzie in Italia Il ruolo delle Agenzie in Italia Salvatore Curcuruto ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Riferimenti normativi LQ n.36/2001 ( Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni

Dettagli

Maria Logorelli - ISPRA

Maria Logorelli - ISPRA Catasto nazionale delle sorgenti fisse e mobili dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici: sviluppi normativi in attuazione dell art.4, comma 1, lettera c della Legge Quadro n. 36/2001 Maria Logorelli

Dettagli

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA

Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano. S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Focus su Inquinamento elettromagnetico e ambiente urbano S. Curcuruto, M. Logorelli Servizio Agenti Fisici - ISPRA Argomento Focus È stata focalizzata l attenzione su un tema molto attuale che riguarda

Dettagli

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI

PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI PERCENTUALE DEI SUPERAMENTI DEI LIMITI NORMATIVI RISPETTO AL NUMERO DEI CONTROLLI EFFETTUATI Anno 2012 Inquadramento del tema L inquinamento acustico nelle aree urbane rappresenta una delle principali

Dettagli

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità

Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Analisi normativa nazionale vigente: problemi aperti e criticità Salvatore Curcuruto ISPRA Romualdo Amodio ISPRA Problemi aperti Essenzialmente legati all attuazione di alcune disposizioni della legge

Dettagli

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti

Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti RSA rovincia di Milano Campi elettromagnetici e radiazioni ionizzanti L insieme di tutte le onde elettromagnetiche, classificate in base alla loro frequenza, costituisce lo spettro elettromagnetico, che

Dettagli

regionali: Il ruolo delle ARPA

regionali: Il ruolo delle ARPA Inquinamento luminoso e leggi regionali: Il ruolo delle ARPA Dr. Tommaso Aureli Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Lazio Servizio Agenti Fisici unità campi elettromagnetici, inquinamento

Dettagli

Ambiente, salute e qualità della vita. Campi elettromagnetici

Ambiente, salute e qualità della vita. Campi elettromagnetici Campi elettromagnetici QUALITÀ CAMPI ELETTROMAGNETICI DELL ARIA Ambiente, salute e qualità della vita PRESENTAZIONE Il progresso tecnologico ha favorito negli ultimi decenni il proliferare sul territorio

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

Rapporto sulle criticità ambientali. relative. ai campi elettromagnetici

Rapporto sulle criticità ambientali. relative. ai campi elettromagnetici Rapporto sulle criticità ambientali relative ai campi elettromagnetici Salvatore Curcuruto Maria Logorelli ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) Obiettivi Redatto dall Istituto

Dettagli

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009

Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Controllo ambientale degli agenti fisici: nuove prospettive e problematiche emergenti - Vercelli, 24-27 marzo 2009 Rassegna normativa nazionale e regionale sulle reti radio digitali di nuova generazione

Dettagli

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI

capitolo CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI capitolo 16 CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON LE CONDIZIONI AMBIENTALI 16. CAMPI ELETTROMAGNETICI E RADON 16.1 Stazioni radiobase (SRB)...250 16.2 Impianti radiotelevisivi (RTV)...251 16.3 Le reti di trasmissione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA)

RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA STRETTA E LARGA effettuate nella città di POSITANO (SA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA STRETTA 5 MISURE

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni Ambientali RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL ATTUAZIONIONE DELLA LEGGE QUADRO N. 36 DEL 22 FEBBRAIO 2001

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

6. ELETTROMAGNETISMO. Linee elettriche e cabine di trasformazione

6. ELETTROMAGNETISMO. Linee elettriche e cabine di trasformazione 185 6. ELETTROMAGNETISMO Il concetto di elettromagnetismo e di onde ad esso associato è molto più familiare di quanto non si creda: basti pensare alla luce solare, forma di energia elettromagnetica fondamentale

Dettagli

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione

Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione Le attività di Arpa Puglia: controllo, rapporti con le ASL e la P.A., informazione LEGISLAZIONE Legge Quadro n. 36/01 sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Dettagli

Premessa e fonte dati

Premessa e fonte dati Premessa e fonte dati L'interesse verso i campi elettromagnetici ha assunto negli ultimi anni un'importanza crescente legata al contemporaneo frenetico sviluppo di nuovi sistemi di telecomunicazione, i

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

CAMPI ELETTROMAGNETICI. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali CAMPI ELETTROMAGNETICI 209 CAMPI ELETTROMAGNETICI La crescente domanda di accesso in mobilità al mondo delle informazioni e dell intrattenimento sta comportando l aumento del numero di impianti per la

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 11. INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO 11.1. Inquadramento Le radiazioni elettromagnetiche sono presenti in natura sotto forma di emissioni solari, terrestri, delle galassie ed in generale vengono emesse da

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Introduzione al catasto

Introduzione al catasto Introduzione al catasto Angela Alberici ARPA Lombardia CASTEL Catasto Informatizzato degli Impianti di Telecomunicazione e Radiotelevisione Sala Riunioni 1 - XXVI piano Palazzo Pirelli Via Fabio Filzi,

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze.

elettrosmog radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti frequenze. Con il termine elettrosmog si intende l'inquinamento elettromagnetico derivante da radiazioni elettromagnetiche non ionizzanti quali quelle prodotte dalle infrastrutture di telecomunicazioni come la radiodiffusione

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270)

Prot. Pisa 05.05.10. ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA (D.L.vo 30.06.1993 n. 270) SEZIONE DI PISA S.S. dell Abetone e del Brennero, 4 56123 PISA Responsabile: dott. Riccardo Forletta email:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei

Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei VOL. 1, N. 1 GENNAIO Il sistema di sorveglianza dello screening per HIV nelle donazioni di sangue in Italia Alessandro Ghirardini, Margarita Gonzalez e Pietro Panei Introduzione Il sistema di sorveglianza

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA

ENERGIA FOTOVOLTAICA ENERGIA FOTOVOLTAICA Quinto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.07.2012 - G.U. 10.07.2012 Incentivazione della produzione di energia elettrica da impianti solari fotovoltaici 3 Meccanismo di finanziamento

Dettagli

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Relazione illustrativa al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Roma, 30 aprile 2014 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL PIANO DI RIMODULAZIONE ESTIVA DEGLI UFFICI POSTALI ANNO 2014 Il piano

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della

si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della 1 2 si intende il valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della salute da effetti acuti, che non deve essere superato

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA)

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA ( EX MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA) COMPARTO MINISTERI - PERSONALE DELLE AREE FUNZIONALI CONTRATTAZIONE

Dettagli

La produzione di uva e di vino Anno 2005

La produzione di uva e di vino Anno 2005 La produzione di uva e di vino Anno 2005 31 Gennaio 2006 L Istat diffonde i principali risultati 1 della produzione di uva e di vino in Italia, con riferimento all anno 2005. Essi derivano da stime effettuate

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

Misura dell Appropriatezza

Misura dell Appropriatezza Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Misura dell Appropriatezza I ricoveri in Italia per DRG a rischio di inappropriatezza Allegato 2C DPCM Lea Descrizione del trend nel periodo 2001-2003 Appendice

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia

La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Roma, 14 dicembre 2006 La gestione dell impatto sociale a ambientale dei campi elettromagnetici in Italia Mario Frullone Fondazione Ugo Bordoni Le onde della comunicazione Ambiente, Salute, Informazione:

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE

PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE Direzione Affari Economici e Centro Studi PATTO DI STABILITA INTERNO: L OPZIONE REGIONALIZZAZIONE La regionalizzazione, principale strumento a disposizione delle Regioni per liberare i pagamenti bloccati

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna

Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Regione Emilia Romagna Provincia di Bologna Comune di Bologna Calcolo dei valori previsionali del campo elettrico del campo elettromagnetico e valutazione delle DPA delle cabine elettriche e dei cavidotti

Dettagli

7. Assistenza primaria

7. Assistenza primaria 7. Assistenza primaria BSIP Marka Assistenza primaria 7.1. Medicina di base L assistenza distrettuale, allo scopo di coordinare ed integrare tutti i percorsi di accesso ai servizi sanitari da parte del

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_190_ELF del 21.11.2007

Relazione tecnica n. 07_190_ELF del 21.11.2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misure di campo elettrico e magnetico a frequenze estremamente basse (ELF) Cabina ENEL

Dettagli

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10

1 PREMESSA... 3 3 RIEPILOGO DEI RISULTATI... 8 4 CONCLUSIONI... 10 Firmato digitalmente da Hermann Kohlloffel O = non presente C = IT 1 PREMESSA... 3 2 EFFETTI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI (CEM) SUGLI ESSERI UMANI... 4 2.1 Riferimenti legislativi... 4 2.2 Metodologia di

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati

NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati 31 GENNAIO 2013 NUOVO CENTRO SPORTIVO Bologna Football Club 1909 S.p.a Comune di Granarolo Località Quarto Inferiore Via Prati ARPA Sezione Provinciale di Bologna Direttore Sezione - Dott.ssa M.Adelaide

Dettagli

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Programma Regionale I.N.F.E.A. Informazione Formazione ed Educazione Ambientale PROGETTO GEO Sensibilizzazione alla sostenibilità ambientale INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Dott. A.Zari - Dipartimento A.R.P.A.T.

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007

IL CIPE. Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 Deliberazione n. 36 del 15 giugno 2007 DEFINIZIONE DEI CRITERI DI COFINANZIAMENTO PUBBLICO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI SOCIO STRUTTURALI COMUNITARI PER IL PERIODO DI PROGRAMMAZIONE 2007-2013 IL CIPE VISTA

Dettagli

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015)

Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016. (Settembre 2015) Focus Anticipazione sui principali dati della scuola statale A.S. 2015/2016 (Settembre 2015) In occasione dell inizio dell anno scolastico si fornisce una breve sintesi dei principali dati relativi alla

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di

PORTICI (NA) RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di RELAZIONE TECNICA sulle misure di campo elettromagnetico in BANDA LARGA effettuate IN QUOTA nella città di PORTICI (NA) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE 3 NORMATIVA VIGENTE 4 MISURE IN BANDA LARGA 5 COPIA DEI CERTIFICATI

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011

ENERGIA FOTOVOLTAICA. Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 ENERGIA FOTOVOLTAICA Quarto Conto Energia Decreto Ministeriale del 05.05.2011 - G.U. n. 109 del 12.05.2011 3 Meccanismo di finanziamento per il fotovoltaico Collana prodotta dal Servizio Pianificazione

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque

La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque La Direttiva 206/7/CE ed il Portale Acque Liana Gramaccioni- Ministero della Salute Acque di balneazione: una risorsa da valorizzare Termoli 15 giugno 2012 Normativa di riferimento Acque di balneazione

Dettagli

EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico"

EDILIZIA, descrizione del servizio Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico EDILIZIA, descrizione del servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" Il servizio "Verifica obiettivo di qualità di campo magnetico" (detto anche analisi di impatto magnetico o elettromagnetico)

Dettagli

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Coordinatore Dott. Carlo Di Giovanni Responsabile Scientifico Prof. Rita Massa Collaboratori Sig. Roberto Cuccaro Ing. Loreto Di Donato

Dettagli

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere

Quadro informativo sull insegnamento delle lingue straniere Ministero dell'istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per lo Sviluppo dell Istruzione Servizio per l Automazione Informatica e l Innovazione Tecnologica EDS Servizio di Consulenza all

Dettagli

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB

Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB ArpaInforma iniziative di informazione alla popolazione e di supporto tecnico agli Enti locali Comune di Scandiano Normativa e compiti di ARPA nella valutazione delle SRB Maurizio Poli, Paolo Zanichelli

Dettagli

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE

Settore Tecnico (Servizio Pianificazione, Urbanistica ed Edilizia) REGOLAMENTO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE QUALI STAZIONI RADIO-BASE PER SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE, DIGITALI MOBILI E SIMILARI Approvato

Dettagli

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG)

PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) PROGETTO DI LINEA ELETTRICA MT-BT IN CAVO SOTTERRANEO E N 1 CABINA DI TRASFORMAZIONE MT-BT IN LOCALITA GOLGO IN AGRO DEL COMUNE DI BAUNEI (OG) RELAZIONE DI VALUTAZIONE PREVISIONALE CAMPO ELETTRICO E MAGNETICO

Dettagli

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO

DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO DISTRIBUZIONE PERCENTUALE PER TIPOLOGIA DI ATTIVITÀ/INFRASTRUTTURE DELLE SORGENTI CONTROLLATE NEL LAZIO Anno 2014 Inquadramento del tema Il rumore è fra le principali cause del peggioramento della qualità

Dettagli

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1;

VISTA la proposta formulata dal GSE in data 10 luglio 2014; VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e, in particolare, l articolo 1; Il Ministro dello Sviluppo Economico VISTO l articolo 26, comma 2, del decreto-legge n. 91 del 2014, convertito dalla legge 11 agosto 2014, n. 116, (di seguito: decreto-legge n. 91 del 2014) il quale dispone

Dettagli

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI

L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI L ATLANTE DEI GIOVANI AGRICOLTORI ll database degli indicatori territoriali della Rete Rurale Nazionale come strumento per lo sviluppo, il monitoraggio e la valutazione PIANO STRATEGICO DELLO SVILUPPO

Dettagli

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI

TABELLA 5.15. LE STRUTTURE SCOLASTICHE IN ITALIA: STOCK, UNITÀ LOCALI, ADDETTI 5.3 Il patrimonio scolastico e ospedaliero nelle aree di rischio Tra gli edifici esposti al rischio naturale rientrano alcune strutture, come le scuole e gli ospedali, che hanno una particolare importanza

Dettagli

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA

L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale. Riccardo De Lauretis ISPRA L inventario nazionale delle emissioni e i collegamenti alla scala locale Riccardo De Lauretis ISPRA Inventario delle emissioni in atmosfera (1 di 2) Raccolta ed elaborazione dati di attività: le istituzioni

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DI STATISTICA PROGRAMMA STATISTICO NAZIONALE MODELLO MGG00129 Indici territoriali di ricorso per Cassazione anno - 2013 SOMMARIO Introduzione 1. Indici di ricorso per

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI

EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI EFFETTI BIOLOGICI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI In questo capitolo analizzeremo le problematiche legate agli effetti che i campi elettromagnetici a radiofrequenza possono avere nei confronti dell uomo. Verranno,

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici

Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici Il Catasto Regionale degli impianti radioelettrici A cura della Sezione di Fisica Ambientale dell ARPA del Friuli Venezia Giulia La legge quadro n 36 del 2001 istituisce il catasto nazionale che integra

Dettagli

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano).

OGGETTO: misure di campo elettromagnetico effettuate presso la palazzina di via Bettolino Secondo,1 Caleppio di Settala (Milano). Dipartimento Provinciale di Milano Sede di Milano Via Filippo Juvara, 22 20129 MILANO Tel. 0274872260/61 Fax 0270124857 U.O. Agenti Fisici Milano Prot. N. Da citare nella risposta Class. 3.3.5 Pratica

Dettagli

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza

Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Analisi campo Elettromagnetico ai sensi del DPCM 8/7/03 Verifica strumentale dell esposizione ai campi elettromagnetici nel Comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e nome documento

Dettagli

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007

Relazione tecnica n. 07_187_RF del 20/11/2007 CENTRO REGIONALE PER LE RADIAZIONI IONIZZANTI E NON IONIZZANTI Struttura Semplice 21.03 Radiazioni Non Ionizzanti Misura di campi elettrici e magnetici ELF Cabina elettrica di trasformazione MT/BT Via

Dettagli

Struttura e attività degli istituti di cura

Struttura e attività degli istituti di cura SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 6 Settore Sanità e previdenza Struttura e attività degli istituti di cura Anno 2003 Contiene cd-rom Informazioni n. 10-2006 I settori

Dettagli

Comune di Campodoro (PD)

Comune di Campodoro (PD) Comune di Campodoro (PD) Analisi della congruità economica del costo del servizio per la gestione dei rifiuti urbani nel Comune di Campodoro (PD) a supporto della relazione di cui all art. 34 comma 20

Dettagli

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004

Regolamento Approvato con delibera C.C. n. 35/91/190 del 29/03/2004 Regolamento Comunale per l installazione e l esercizio degli impianti radiobase per telefonia mobile e per teleradiocomunicazioni per la diffusione di segnali radio e televisivi. Regolamento Approvato

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Via Cristoforo Colombo, 106 60127 ANCONA Cod. Fisc./P. IVA 01588450427 TEL. 071/28732.720 /29 - FAX 071/28732.721 e-mail: radiazioni.rumorean@ambiente.marche.it RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO

Dettagli

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001)

Decreto 16 marzo 2001. Programma Tetti fotovoltaici. (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Decreto 16 marzo 2001 Programma Tetti fotovoltaici (Gazzetta Ufficiale n.74 del 29/03/2001) Vista la delibera del CIPE del 19 novembre 1998 "Linee guida per le politiche e misure nazionali di riduzione

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli