Corte dei Conti. Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corte dei Conti. Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati"

Transcript

1 Corte dei Conti Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati Consuntivo delle attività di informatizzazione della Corte Anno

2 1. INTRODUZIONE 4 2. SITO WEB E NUOVO PORTALE 6 3. SOL E 7 4. S.I.QU.E.L - SISTEMA INFORMATIVO QUESTIONARI DEGLI ENTI LOCALI 8 5. BANCA DATI DEL CONTROLLO 9 6. BIBLIOTECA SISTEMA INFORMATIVO SULLA FINANZA STATALE E PER IL CONTROLLO SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE(SICR) SISTEMA INFORMATIVO SEZIONE DELLE AUTONOMIE SULLA FINANZA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI (SIRTEL) SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO DELLE SEZIONI GIURISDIZIONALI E DELLE PROCURE (SISP) SISTEMA INFORMATIVO DELL AMMINISTRAZIONE ATTIVA (SIAM) SISTEMA INFORMATIVO PER L AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE (SIAP) SISTEMI, RETI ED INFRASTRUTTURE CONDIVISE HELP DESK PROTOCOLLO INFORMATICO AZIONI FORMATIVE FIRMA DIGITALE 29 2

3 17. MONITORAGGIO DEI CONTRATTI INFORMATICI SVILUPPO INTERNO PROGETTO REFERENTI 32 3

4 1. Introduzione Nel corso dell anno 2008 i progetti informatici, legati al processo di informatizzazione della Corte dei conti, sono proseguiti in linea con quanto pianificato nel piano annuale e nel piano triennale Questo risultato è stato raggiunto grazie, ad una attenta pianificazione e programmazione delle attività e all oculato impiego delle risorse finanziarie, in relazione agli obiettivi dei progetti. Il piano menzionato prevedeva, per l anno in oggetto, l attivazione dei seguenti progetti: 1. Sito web e nuovo portale: il progetto si propone di trasformare la struttura dell attuale sito, da meramente informativa ad un vero e proprio Portale Istituzionale, mantenendo e potenziando l attuale componente di comunicazione istituzionale e contemporaneamente- aprendo un vero e proprio sportello a disposizione dei cittadini, dei professionisti e delle pubbliche amministrazioni; 2. SOLe: progetto che consentirà l esposizione di una serie di servizi on-line di utilità pubblica e di rilevanza istituzionale, regolamentando la progettazione dei servizi stessi, mediante l introduzione della SOA (Architettura Orientata ai Servizi), il dispiegamento dell architettura, la governance, con riferimento al comparto giurisdizionale della Corte dei conti; 3. Siquel: applicativo di supporto all attività di compilazione, consultazione e verifica dei questionari sul bilancio di previsione e sul conto consuntivo per le province, i comuni superiori a 5000 abitanti e quelli fino a 5000 abitanti; 4. Banca dati del controllo: è stata progettata e realizzata la banca dati del controllo, quale archivio documentale centralizzato delle delibere delle sezioni di controllo (centrali e regionali); 5. Biblioteca: integrazione della Biblioteca A. De Stefano con il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN). Nel contempo sono proseguiti i progetti, iniziati in anni precedenti e prosegue l attività - non meno onerosa- di gestione e manutenzione dei sistemi informativi in esercizio. Dal punto di vista infrastrutturale, la Corte ha avviato un processo di innovazione tecnologica, non solo consolidando i sistemi a supporto delle attività istituzionali (giurisdizione / controllo) e di amministrazione attiva della Corte, ma anche intraprendendo una serie di iniziative, tese ad estendere la funzionalità dei sistemi, in relazione ai nuovi 4

5 bisogni dell utenza e ad ottemperare alle linee guida diffuse dal Ministero dell Innovazione Tecnologica in materia di digitalizzazione della P.A. 5

6 2. Sito web e nuovo portale 2.1. Descrizione Il sito web rappresenta uno dei principali mezzi mediante il quale la Corte offre al cittadino/utente informazioni- sui propri procedimenti istituzionali, ai sensi del Codice dell Amministrazione Digitale. Si è comunque reso prioritario l avvio di un processo di reingegnerizzazione del sito web istituzionale, dal momento che: - è improcrastinabile l adeguamento del sito alla legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici e norme collegate; - l obsolescenza, cui vanno incontro tutti i siti web, impone almeno un restyling annuale; - dal punto di vista tecnico, è indispensabile la migrazione del sito web verso un architettura che garantisca aspetti di sicurezza, maggiore affidabilità; - il prodotto software adottato risulta obsoleto e poco flessibile (la modifica di una funzionalità o l aggiunta di un servizio risultano difficoltosi). Il progetto si propone di trasformare la struttura dell attuale sito, da informativa a un vero e proprio Portale Istituzionale : - mantenendo e potenziando l attuale componente informativa e contemporaneamente aprendo un vero e proprio sportello a disposizione dei cittadini, dei professionisti e delle pubbliche amministrazioni; - realizzando la cooperazione tra le amministrazioni, mediante l accesso alle informazioni, riducendo i tempi e semplificando le procedure; - favorendo la cittadinanza digitale, l e-democracy per la rimozione degli ostacoli all accesso e una più qualificata offerta dei servizi on line Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Il 2008 ha visto il consolidamento del sito attuale e l avvio dell analisi del futuro portale. A partire da ottobre 2008 è stata avviata la fase di raccolta ed analisi dei requisiti del portale delle informazioni e servizi della Corte dei conti. I requisiti, individuati da un gruppo di lavoro, costituito su decreto del Presidente della Corte, sono stati analizzati nel dettaglio e hanno fatto scaturire la successiva fase di progettazione della struttura del portale. Si è passati da una struttura basata sull organo emittente il documento, ad una presentazione dei contenuti per macroargomento, 6

7 con ulteriori classificazioni per materia. Si è individuato il logo identificativo dell istituto, con relativa area di identità della Corte. Sono stati riorganizzati i servizi all utenza, in vista dell integrazione/collegamento con Sole. La grafica è stata oggetto di un attento studio, anche comparativo rispetto agli altri siti della P.A.. Il sito in esercizio ha subito, nel corso dell anno in esame, una serie di miglioramenti, tra i principali: miglioramento della funzionalità di invio delle newsletter; risoluzione di anomalie legate al prodotto di gestione dei contenuti (pubblicazione della rassegna stampa); gestione di ambienti di collaudo e test speculari rispetto a quelli in esercizio; risoluzione delle anomalie verificatesi in seguito alla mancata indicizzazione dei documenti presenti nel sito durante la schedulazione notturna e relativo decadimento delle performance; predisposizione e rilascio in esercizio di ottimizzazione del motore di ricerca interno; risoluzione delle anomalie in merito alle Quick function ; test inerente sia la pubblicazione sia le varie funzionalità presenti sul sito web, in ambiente di collaudo e di esercizio, a seguito delle patches installate; verifica e test in ambiente di collaudo a seguito della migrazione del DB Oracle in una struttura di DB farm affidabile; sviluppo in ambiente di collaudo per la gestione mediante l utilizzo di liste delle funzionalità di invio delle Newsletter e dei Comunicati Stampa; produzione di report circa la numerosità di documenti presenti nel sito web, raggruppati per tipologia, classificazione e stato di pubblicazione. 3. Sol e 3.1. Descrizione Il progetto Sole nasce dall idea di consentire all Amministrazione di poter esporre su internet una serie di servizi on-line di utilità pubblica e di rilevanza istituzionale, regolamentando la progettazione dei servizi stessi, l introduzione della soa, il dispiegamento dell architettura, la governance con riferimento al comparto giurisdizionale della Corte dei conti. 7

8 3.2. Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Nel corso dell anno 2008, le attività condotte nell ambito del progetto hanno riguardato principalmente l impianto del progetto stesso e la sua organizzazione sul piano operativo, funzionale, tecnico ed economico. Il progetto ha avuto inizio il 1 marzo 2008 attraverso le riunioni di kick off che hanno di fatto delimitato il perimetro di intervento e le modalità operative. Successivamente è stato redatto il piano di lavoro complessivo. E stata definita la costituzione delle aree operative (soa competence center, business analisys, infrastrutture ) e sono stati stabiliti i compiti e gli obiettivi di ciascuna area e delimitati gli ambiti di intervento. Ciascuna area ha prodotto il proprio piano di lavoro interno, evidenziando le eventuali criticità. Sono state emanate le policy cui attenersi nella progettazione dei servizi soa in Corte dei conti ed è stata definita la metodologia da seguire. E stata progettata l architettura di riferimento del progetto, sia logica che fisica, ed il modello di dispiegamento dei componenti. Sono stati identificati i componenti principali ed i relativi ruoli e sono stati individuati i prodotti da utilizzare. E stata progettata e completamente realizzata l architettura dell ambiente di test, su piattaforma virtuale, rendendola disponibile per le fasi implementative. E stata effettuata la fase di analisi dei servizi, con il coinvolgimento tecnico-giuridico delle strutture interessate, sia l amministrazione sia il gestore-progetto. 4. S.I.QU.E.L - Sistema Informativo Questionari degli Enti Locali 4.1. Descrizione La Sezione delle Autonomie in adempimento dell articolo 1, commi , della legge 23 dicembre 2005, n. 266, ogni anno approva le linee guida cui devono attenersi, gli organi di revisione economico-finanziaria degli enti locali nella predisposizione del bilancio di previsione dell esercizio corrente e del bilancio consuntivo dell esercizio precedente. A corredo delle linee guida vengono approvati anche i questionari sul bilancio di previsione e sul conto consuntivo distinti per le province, i comuni superiori a 5000 abitanti e quelli fino a 5000 abitanti. A supporto delle attività di compilazione, consultazione e verifica dei questionari da parte dei diversi soggetti interessati, è in fase di realizzazione una nuova applicazione, S.I.QU.E.L - Sistema 8

9 Informativo Questionari degli Enti Locali, che sarà richiamabile dal portale della Corte dei conti e fruibile dall utenza via web Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 I principali obiettivi ed i corrispondenti benefici apportati dalla realizzazione del S.I.QU.E.L. si riassumono in: - Smaterializzazione del formato cartaceo dei questionari e predisposizione della base dati e delle funzioni per recepire e gestire le informazioni relative. - Tempestività nella raccolta e nel monitoraggio dei dati. - Garanzia dell integrità e certificazione delle informazioni trasmesse dagli Enti Locali. - Costruzione di modelli per estrarre indicatori sull andamento finanziario degli EE.LL. - Incremento dell efficienza dell azione giudiziaria e amministrativa a livello regionale. - Riduzione dei tempi utili per soddisfare le esigenze conoscitive di sintesi. - Integrazione dei questionari con i dati dei rendiconti presenti nel sistema SIRTEL. - Alimentazione del sistema conoscitivo. - Creazione di un banca dati integrata. Nel corso dell anno è stato realizzato lo studio di fattibilità propedeutico alla costruzione ed allo sviluppo del sistema informativo. Successivamente si è provveduto ad un primo sviluppo dell applicativo nella logica prototipale. 5. Banca dati del Controllo 5.1. Descrizione Su impulso del gruppo di lavoro istituito con decreto del Segretario Generale e finalizzato ad individuare le esigenze conoscitive e di informatizzazione delle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti, è nato il progetto della banca dati del controllo (BDC). Si tratta di un archivio documentale centralizzato delle delibere delle Sezioni di controllo regionali e della Sezione delle Autonomie, estendibile potenzialmente a tutte le delibere del controllo Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 È stata progettata e realizzata la banca dati del controllo, quale archivio documentale centralizzato delle delibere delle sezioni di controllo (centrali e regionali), tramite riuso della banca dati delle sentenze della giurisdizione. Tale sistema permette - via intranet e successivamente tramite il portale - di accedere, sia in lettura che in inserimento, ad un archivio di delibere standardizzato a partire da gennaio 2009, secondo una serie di elementi peculiari che ne garantiscono la flessibilità nella ricerca. 9

10 6. Biblioteca 6.1. Descrizione Il progetto è finalizzato alla gestione ed evoluzione del sistema informativo della Biblioteca A. De Stefano della Corte dei conti, una delle maggiori biblioteche giuridiche nazionali, con un carattere specialistico nell'ambito del diritto pubblico e privato, dell'economia e della contabilità, con sezioni dedicate alla storia e alle scienze sociali Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Ad inizio 2008, l URSIA, recependo una indicazione espressa dal Segretario Generale, ha affidato alla società CONSIP uno studio di fattibilità, inerente la integrazione della Biblioteca A. De Stefano con il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN). Questa analisi, che troverà la conclusione entro il primo trimestre 2009, prevede una profonda rivisitazione della infrastruttura software della biblioteca e una modifica rilevante delle procedure a cui attualmente fa riferimento il personale addetto alla biblioteca. L integrazione con SBN consentirà, di aggiornare in modo radicale l architettura software, con conseguente maggiore avvicinamento agli standard attualmente gestiti dall Area Sistemi della Corte, con benefici effetti anche sugli attuali costi di manutenzione/gestione Le ulteriori attività svolte per l anno 2008 vengono riportate di seguito: conduzione tecnico applicativa continuativa (comprensiva della manutenzione migliorativa, adeguativa e correttiva del sistema informativo); manutenzione/gestione del sito web della Biblioteca (che consente di consultare on line il patrimonio informativo) con aggiornamento periodico del catalogo e dei bollettini on-line; assistenza funzionale. 7. Sistema informativo sulla finanza statale e per il controllo sulla gestione delle amministrazioni pubbliche(sicr) 7.1. Descrizione L evoluzione del quadro ordinamentale e, da ultimo, anche i compiti attribuiti alla Corte dei conti, dall art. 1, comma 166 e seguenti della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), congiuntamente alle accresciute esigenze conoscitive sugli andamenti di finanza pubblica, richiedono un allargamento dell orizzonte all intero conto della pubblica Amministrazione, con un integrazione dei dati fra gestione di bilancio, di tesoreria e settore pubblico. Una visione univoca 10

11 e certificata delle informazioni di finanza pubblica, da mantenere in un contesto di continue ed imprescindibili evoluzioni applicative, consentirebbe di soddisfare in tempo utile le esigenze conoscitive di sintesi, garantendo allo stesso tempo la coerenza e l attendibilità delle informazioni. Il contratto di finanza pubblica, per l affidamento dei servizi di sviluppo, manutenzione, assistenza e supporto informatico dei sistemi gestionali di finanza pubblica del sistema informativo integrato del Ministero dell economia e delle finanze, Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato e della Corte dei conti, è gestito attraverso una convenzione, nella quale sono delineate le modalità di svolgimento e disciplinati i rapporti finanziari tra la Consip, il Ministero dell Economia e Finanze e la Corte dei conti Obiettivi e risultati conseguiti nell anno Revisione del sistema Controllo-Referto in termini architetturali e di interscambio dati. Sulla base delle indicazioni dettate dalle recenti leggi finanziarie (riforma del bilancio, riduzione degli uffici periferici, ecc.) e dalle più recenti revisioni normative, introdotte nell ambito del patto di stabilità, ma soprattutto partendo dalla necessità di un maggiore controllo sui dati di Finanza Pubblica, sono stati programmati e realizzati una serie di interventi sulle aree funzionali del Sistema integrato RGS-Cdc, maggiormente interessate da tali disposizioni. Ciò anche al fine di verificare la massima integrazione dei sistemi esistenti, cogliendo l occasione per un riesame globale dell architettura tecnologica, affinché sia sempre in linea con l evoluzione del mercato ICT e delle modalità di interscambio dati. Considerata prioritaria la progettazione di un sistema informativo unitario della Corte dei conti sulla finanza pubblica il quale, attraverso la razionalizzazione e l armonizzazione dei flussi informativi relativi ai bilanci dello Stato, delle regioni, degli enti locali, e in prospettiva, dell intero settore pubblico, possa diventare strumento strategico per il monitoraggio della finanza pubblica nella versione allargata allo stesso conto della P.A. e che consenta di perseguire l obiettivo di una sempre maggiore capacità di analisi e controllo, sono state poste le basi per il sistema conoscitivo Referti e Controllo, nell ambito del Sistema conoscitivo della Corte ConosCo, accanto alle iterazioni attualmente in esercizio relative alla Sezione Autonomie e al datamart di SIAP (dati del personale). - Revisione funzioni di indagine per modifiche struttura del rendiconto statale. Per completare il lavoro di revisione della struttura di bilancio (entrate e spese) e rendere più accessibili le nuove informazioni, sono stati eseguiti i seguenti interventi: acquisizione dei dati bimestrali di entrata, nuove procedure di storicizzazione dei dati anagrafici; modifiche delle procedure di storicizzazione delle tabelle implementate con i nuovi campi di classificazione entrate e spese; implementazione delle funzionalità di interrogazione, per fornire ulteriori informazioni 11

12 relative alla nuova classificazione; implementazione dei dati di cassa con le informazioni relative ai residui e alla natura della spesa; implementazione dei dati dei titoli con le informazioni relative all articolo, all esercizio di provenienza e alla ragioneria; gestione dei ruoli di spesa fissa e attribuzione competenze Uffici di Controllo sui F/D; diffusione dati di impegno da Spese nel SICdC; revisione delle modalità di gestione dei Decreti Interministeriali e dei DMC e nuove attribuzioni previste dalle leggi finanziarie; integrazione Patrimonio e DAR. - Revisione delle modalità di rendicontazione delle spese all'estero e contemporanea integrazione con l Area Spese del S.I.R.G.S. per la gestione integrata delle spese all estero. Tale intervento è finalizzato all inserimento a sistema dei dati provenienti dai F/D presso le sedi estere del MAE, attraverso la trasmissione telematica dei documenti stessi e la successiva smaterializzazione dei rendiconti stessi, anche attraverso l uso delle tecnologie e dei servizi offerti dall adesione a SPCoop. - Sistema Informativo dei pagamenti della pubblica amministrazione (SIPA). Gli obiettivi definiti nel Protocollo d intesa del 2001 sono stati sostanzialmente raggiunti, ma è comunque necessario continuare a lavorare su specifici tavoli operativi per realizzare il completamento della dematerializzazione dei titoli di spesa, con particolare riferimento alla dematerializzazione dei pagamenti disposti dai funzionari delegati di contabilità ordinaria. 8. Sistema informativo Sezione delle autonomie sulla finanza delle regioni e degli enti locali (SIRTEL) 8.1. Descrizione Il progetto ha come scopo il miglioramento del sistema informativo utilizzato dalla Sezione delle Autonomie per il Referto al Parlamento e lo snellimento delle procedure utilizzate dagli Enti Locali nell invio dei propri dati contabili alle Amministrazioni Centrali dello Stato (Corte dei conti, Ministero dell Interno, Ministero dell Economia e delle Finanze). Secondo quanto previsto dall art. 28, comma 6 della legge n. 289 del 27/12/2002 (legge finanziaria 2003) e dal decreto del Ministero dell Interno il 24 giugno 2004 è, infatti, stabilito l obbligo da parte degli enti locali (comuni, province, comunità montane e città metropolitane) di inviare per via telematica alla Corte dei conti i documenti relativi al rendiconto (completo di allegati), ai certificati del conto preventivo e consuntivo (predisposti dal Ministero dell Interno) e quelli relativi al rispetto del patto di stabilità interno (predisposti dal Ministero dell Economia e delle Finanze). 12

13 Il progetto nasce dalla concertazione fra le amministrazioni centrali coinvolte e le associazioni degli enti locali (ANCI, UPI, UNCEM), con l obiettivo di individuare un modello normativo di riferimento per il rendiconto (il DPR 194/96) e un formato elettronico di riferimento per la trasmissione telematica (utilizzando lo standard XML che garantisce l omogeneità e la rispondenza ad alcune regole formali dei dati contenuti nei rendiconti). Fino all anno 2006 la Sezione delle Autonomie per il Referto al Parlamento utilizzava esclusivamente il sistema denominato ICARO2000, alimentato attraverso l inserimento manuale dei dati tratti dai bilanci consuntivi dei comuni superiori agli 8000 abitanti, le province, le regioni e le comunità montane (per un totale di circa 1500 enti), effettuato dai funzionari amministrativi per un numero limitato di dati per ogni ente (circa 800). L attività di inserimento dei dati richiedeva una analisi dei dati contabili e, a volte, una vera e propria riclassificazione dei bilanci, per rendere omogenei i dati immessi nel sistema. La Corte, con il progetto SIRTEL, si propone di ricevere i rendiconti da parte degli enti locali italiani, con il graduale abbandono del formato cartaceo dei rendiconti a favore di quello elettronico e conseguente miglioramento del sistema informativo, utilizzato dalla Sezione delle Autonomie. Con il Sistema Informativo per la Rendicontazione Telematica (SIRTEL) si ottiene lo snellimento delle procedure amministrative proprie degli Enti Locali e una sostanziale riduzione dei costi di gestione della documentazione contabile per gli enti e per la Corte dei conti. L invio telematico della documentazione al SIRTEL dovrebbe consentire la riduzione, per gli Enti Locali, dei costi relativi alla gestione dell attuale invio cartaceo di più copie dei propri bilanci, dei certificati o dei modelli del patto di stabilità alla Corte dei conti, al Ministero dell Interno e al Ministero dell Economia e delle Finanze. Fra i benefici del progetto non bisogna dimenticare il miglioramento sensibile della qualità dei dati contabili presenti nei sistemi della Corte dei conti, in quanto inviati direttamente dall ente locale e non sottoposti a interpretazione, perché predisposti in formato elettronico standard per il rendiconto. Il SIRTEL, partito a fine 2005, dopo una fase di sperimentazione, è un sistema accessibile via internet, che offre all ente locale le funzionalità necessarie per la trasmissione del rendiconto, consentendogli di avere a disposizione tutte le informazioni relative al suo trattamento (ricevute di ricezione, controllo formale, protocollazione, controllo contabile e possibilità di rinviare rendiconti corretti in caso di errore). L evoluzione del sistema SIRTEL prevede, in modo pressoché naturale, la disponibilità dei dati contabili acquisiti al sistema per gli uffici della Corte interessati ad essi. A partire dall anno 2006 le Sezioni regionali di controllo possono accedere alla lettura dei dati contabili degli enti locali della propria regione di appartenenza. 13

14 8.2. Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Nel quarto anno di utilizzo del Sistema di Rendicontazione Telematica dagli Enti Locali (SIRTEL) il numero di Enti Locali da trattare è arrivato a Il SIRTEL dal 2007 ha permesso la sostituzione completa dei rendiconti cartacei trattati con il vecchio sistema ICARO 2000, nel quale venivano immessi manualmente circa 800 dati di ciascun rendiconto cartaceo, contro i circa dati presenti in ciascun rendiconto in formato XML ricevuto dal Sirtel. Nel corso dell anno è stato anche realizzato il sistema conoscitivo sulla finanza locale (ConosCo) che mette a disposizione della Corte uno strumento sofisticato di analisi per il monitoraggio e controllo dei bilanci di comuni, province e comunità montane. Questo nuovo sistema consentirà non solo di elaborare le informazioni estratte dai rendiconti ma anche di metterle in collegamento con altre fonti di dati contabili. Gli obiettivi per l anno 2008 sono stati quelli di acquisire i rendiconti 2007 includendo i comuni con popolazione superiore agli abitanti; durante l anno ne sono quindi stati acquisiti per via telematica Sistema Informativo integrato delle Sezioni giurisdizionali e delle Procure (SISP) 9.1. Descrizione Il sistema informativo di supporto all area (SISP) è nato dall integrazione dei preesistenti sistemi della Giurisdizione e della Procura e prevede la realizzazione delle procedure e degli elementi costitutivi il Processo Contabile Telematico, in ottemperanza alla normativa vigente in merito. Il Sistema Integrato Sezioni Procure (SISP) (e-gov) mira ad ottenere uno sviluppo informatico integrato dell intero iter istruttoria-giudizio procedimenti di notifica-esecuzione sentenza e all applicazione, nell ambito della Corte dei conti, delle norme sul Processo Telematico Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 I macro- obiettivi strategici, che saranno perseguiti triennio sono: 1. integrazione in rete dei servizi al cittadino, avvocati e amministrazioni centrali e periferiche; 2. integrazione della banca dati delle sentenze e potenziamento del motore di ricerca con i riferimenti normativi e dottrinali. Nel corso del 2008, relativamente al punto 1, sono stati avviati i seguenti interventi: 14

15 Revisione del provvedimento recante le regole tecniche del Processo Contabile Telematico: è stata avviata un analisi approfondita del primo testo delle regole tecniche, già redatto nel 2001, in funzione delle più recenti innovazioni normative e tecnologiche. La formalizzazione del provvedimento sarà essenziale per la definizione del contesto normativo proprio della Corte dei conti e per attribuire la necessaria valenza giuridica al Processo Contabile Telematico ed al sistema SISP. Predisposizione accordo di servizio da sottoscrivere con il Consiglio Nazionale Forense. Sono stati avviati i contatti volti a verificare e disciplinare le modalità tecnico-operative per un collegamento tra il Sistema Informativo SISP della Corte dei conti ed il sistema informativo gestito dal Consiglio Nazionale Forense, quest ultimo relativamente alla disponibilità dei dati dell anagrafe degli Avvocati abilitati. L iniziativa si colloca tra le azioni volte ad accelerare e rendere esenti da errori le attività di inserimento dati e di recupero informazioni a cura delle segreterie del comparto giurisdizionale della Corte dei conti. Va da sé che nella semplificazione delle procedure di inserimento dei dati, gli elementi anagrafici relativi agli avvocati difensori delle parti, nonché i dati relativi al recapito ed alla posizione amministrativa (iscrizione all albo, eventuale sospensione o revoca, ecc.), ivi compreso il relativo indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) rivestono un importanza strategica. Dai suddetti incontri è scaturito un protocollo d intesa, al fine di avviare la creazione di un collegamento bidirezionale Corte dei conti-consiglio Nazionale Forense, in modo da consentire l inserimento automatico e la validazione dei dati anagrafici e degli indirizzi di PEC degli avvocati nel SISP, nonché, sul fronte opposto, l accesso da parte degli Avvocati, in qualità di soggetti abilitati esterni, alle informazioni rese disponibili dalla Corte dei conti in modalità web. Integrazione con il Protocollo Informatico: al fine di introdurre l utilizzo del Sistema di Protocollo Informatico, si è provveduto alla reingegnerizzazione delle funzionalità relative alla gestione corrispondenza, gestione delle notifiche, gestione del mandato agli avvocati, che corrispondono ad una parte cospicua del sistema SISP (pari al 60% delle funzioni attualmente in esercizio). Grazie a questa attività, l emissione da parte del sistema di protocollazione informatica, della sequenza di caratteri alfanumerici identificativi del protocollo è attivabile tramite invocazione del relativo servizio web, da ogni funzionalità del sistema SISP che ne richieda l uso. Nel secondo semestre del 2008 il sistema di protocollazione è stato reso operativo nelle sedi regionali delle Marche, del Piemonte, 15

16 dell Emilia Romagna, della Lombardia e Basilicata,. mentre le funzioni reingegnerizzate del SISP sono operative per tutte le sedi regionali,da Gennaio Attivazione della Posta Elettronica Certificata (PEC): l URSIA, coerentemente con le disposizioni del Codice dell Amministrazione Digitale, ha avviato le procedure tecniche per la creazione delle caselle di posta elettronica certificata del comparto giurisdizionale, per consentire sia lo scambio documentale tra individui (gli avvocati, privati cittadini ed altre pubbliche amministrazioni), che tra applicazioni (Sistema Integrato delle Sezioni e delle Procure SISP e Sistema di Protocollo Informatico). In tal senso è stato già realizzato un prototipo funzionante presentato nel mese di ottobre Per il rilascio in produzione si attende l emanazione delle disposizioni regolamentari interne all Istituto, disciplinanti l uso della PEC. Creazione del fascicolo processuale elettronico: sono state realizzate le funzionalità per l inserimento del formato digitale dei documenti nel fascicolo elettronico e per la relativa consultazione. Implementazione informatica dei registri di configurazione e gestione applicativa del SISP: è stata avviata l analisi. Con riferimento agli obiettivi strategici, per il punto 2 sopra elencato, al fine di ampliare le potenzialità di ricerca e migliorare la fruibilità della Banca dati delle Sentenze ed al tempo stesso garantirne l evoluzione, nonché l adeguamento tecnologico, nel 2008 l URSIA ha provveduto all acquisto del motore di ricerca semantico Cogito ed è stata avviata sia l attività di disegno della nuova architettura sistemistica per la configurazione del prodotto, sia l attività di analisi finalizzata alla creazione del dizionario semantico, basato su un insieme di testi digitali delle sentenze della Corte dei conti. E stata avviata l analisi relativamente al sistema conoscitivo del comparto giurisdizionale, per offrire l accesso alle informazioni ad altri uffici del Segretariato Generale ed è stata realizzata la componente dedicata all Ufficio di Presidenza. Dall attività di cui sopra è scaturito il documento denominato Catalogo dei worksheet del Data Warehouse della Corte dei Conti e glossario contenente il dettaglio dei fogli di lavoro disponibili per le elaborazioni statistiche ad opera di uffici esterni al comparto giurisdizionale: uno strumento utile sia per rispondere a codificate esigenze di rilevazione sia per formulare nuove regole di calcolo per misurare altri aspetti dell attività giurisdizionale. In previsione dell'introduzione del Processo Contabile Telematico all'interno della Corte dei conti si è cercato, nell'ambito della gestione della comunicazione e dell'informazione, di garantire la capillarità della diffusione delle notizie relative all andamento del progetto, per ottenere il coinvolgimento e collaborazione degli uffici periferici nell'opera di cambiamento avviata. 16

17 Il progetto ha realizzato un intenso piano formativo erogato nel periodo metà ottobre metà dicembre Il piano, patrocinato dal servizio per la formazione della Corte dei conti, è stato rivolto ai dirigenti, ai referenti funzionali ed infine agli utenti degli uffici di sezione e procura della sede centrale e delle sedi periferiche. A supporto dell attività di formazione è stata realizzata una nuova guida operativa che si è rivelata di grande utilità per gli utenti. E stata portata a termine l attività di bonifica (a cura della maggior parte degli uffici regionali afferenti al primo grado di giudizio) delle informazioni relative : all indicazione del tipo di provvedimento, importo della condanna, definizione del giudizio, ritenute determinanti per l efficacia delle elaborazioni mensili operate dall Ufficio Statistiche del Segretariato Generale. Il modello Rpc1 per tutte le sedi regionali viene ormai elaborato direttamente dal sistema, e l ufficio statistiche utilizza informazioni direttamente da datawarehouse. Ciò ha permesso la riduzione dei costi per le stampe e per la spedizione nonchè del costo del lavoro conseguente alla riduzione dei tempi di elaborazione. 10. Sistema Informativo dell Amministrazione Attiva (SIAM) Descrizione Il SIAM è il sistema finalizzato a supportare le funzionalità proprie dell amministrazione attiva, ossia quelle legate al servizio di cassa, al servizio del bilancio, al trattamento economico (competenze fisse ed accessorie), alle funzioni residue, rispetto al SIAP* Cdc, del trattamento giuridico. In particolare, l adesione al progetto SPT (Service Personale Tesoro) ha portato all estrapolazione della parte legata alle competenze fisse, lasciando a carico dell Amministrazione parte delle competenze legate all assolvimento di obblighi fiscali e/o previdenziali in materia di trattamento economico del personale (dichiarazioni fiscali, predisposizione di modelli integrativi, rapporti con altre amministrazioni in materia di comunicazione di competenze economiche relative a personale non facente parte dei ruoli della Corte), oltre al calcolo ed alla liquidazione delle competenze accessorie (straordinari, FUA, etc.). Un ulteriore obiettivo del sistema è la gestione dell applicativo in uso presso il Consiglio di Presidenza e di quello a supporto dell help desk di I e II livello (Hermes TG). Complessivamente il sistema gestisce il trattamento economico/giuridico del personale, tramite integrazione dello stesso con il sistema di gestione del personale (SIAP* Cdc). 17

18 10.2. Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Nel corso del 2008 sono state svolte le seguenti attività: passaggio di consegne; manutenzione migliorativa, adeguativa e correttiva (MAC); assistenza funzionale; conduzione tecnico sistemistica e gestione database; manutenzione evolutiva (MEV); nuovi sviluppi (SVI); reingegnerizzazione; formazione. In particolare sono stati raggiunti gli obiettivi di seguito riportati: Gestione del trattamento economico e giuridico del personale, gestione dell applicativo Hermes a supporto dell Help Desk di I livello, gestione dell interazione con il Siap*Cdc (per esempio per i processi Missioni, Buoni Pasto, Straordinari), gestione dell'applicativo a supporto delle attività della segreteria del Consiglio di Presidenza e supporto formativo per l'utilizzo delle funzioni e per il recupero dei dati storici (corsi in aula e affiancamento/assistenza), manutenzione evolutiva sugli applicativi gestiti dal progetto, gestione del bilancio finanziario (impegni, OP, OA) tramite l applicativo SICOGE. Sono, inoltre, state avviate le attività per l'estensione di SICOGE alla gestione della spesa secondaria (utilizzo del sistema da parte dei Funzionari Delegati preso le sedi centrali e regionali). Ad inizio anno c'è stato l'avvicendamento del fornitore (da Sistemi Informativi ad Almaviva in RTI con Solving Team). Sono state, perciò, condotte attività relative all'affiancamento e al passaggio di consegne, necessarie e propedeutiche alla piena operatività del nuovo fornitore. E' stata, inoltre, progettata ed erogata la formazione per i consegnatari di tutte le sedi regionali, previa messa a punto dell'applicativo, attraverso un'interazione stretta con il Servizio del Bilancio ed il Servizio per gli Affari Generali. E iniziato lo studio delle modalità per l'integrazione dei dati di bilancio con le attività di previsione e consuntivazione del budget afferente ai progetti Ursia. Nell'ambito SPT si è proceduto alla installazione e gestione del modulo di supporto al servizio di assistenza fiscale erogato dal trattamento economico per il personale, sia di magistratura sia amministrativo (accettazione ed elaborazione modelli 730). 18

19 Sono state, inoltre, predisposte le dichiarazioni telematiche successivamente trasmesse al servizio Entratel (modello 770). Sono state svolte le attività di competenza Corte dei conti per le missioni da parte di SPT del cedolino elettronico (e-cedolino). Sono state avviate le attività progettuali per la tessera elettronica, in collaborazione con gli Affari Generali. Sono state avviate attività di colloquio con altri sistemi informativi tipo il Siap*Cdc al fine di automatizzare il più possibile i flussi informativi inter ufficio e snellire le procedure. Recentemente tale problematica ha coinvolto le funzioni relative al processo buoni pasto e quelle del processo straordinari: sono state avviate procedure in ottica collaborativa (web services) che consentono un puntuale scambio di informazioni tra i sistemi "trattamento giuridico" e "trattamento economico". 11. Sistema Informativo per l Amministrazione del Personale (SIAP) Descrizione Il SIAP* Cdc (Sistema Informativo Amministrazione del Personale) è finalizzato a supportare tutti gli uffici della Corte dei conti nella gestione dei processi amministrativi riguardanti il personale (gestione amministrativa e giuridica del personale). La Corte sta riutilizzando, con opportune parametrizzazioni e personalizzazioni, il Sistema Informativo per l Amministrazione del Personale del Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF), realizzato per il Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi del Tesoro, ottemperando a quanto previsto dall articolo 25 della legge 24 novembre 2000, n. 340, in tema di riuso del software sviluppato per la P.A. Il sistema è stato diffuso in maniera capillare ed è stato reso disponibile a tutti gli uffici da cui si originano informazioni sul personale, automatizzando l espletamento delle pratiche da parte di ognuno, a secondo della propria competenza, con una serie di notifiche informative/operative ai fini del completamento della pratica (workflow). In altri termini il sistema coinvolge sia le segreterie dei singoli uffici (centrali e regionali), sia gli uffici centrali preposti al trattamento giuridico (per es. Ufficio Disciplina del Rapporto di Lavoro, Dotazioni Organiche, Accessi e Mobilità, Formazione, etc.) Obiettivi e risultati conseguiti nel 2008 Nel corso del 2008, sono state svolte le seguenti attività: assistenza applicativa all esercizio; 19

20 supporto all utilizzo del sistema; amministrazione del sistema; MAC (manutenzione correttiva, adeguativa, migliorativa); MEV (manutenzione evolutiva); nuovi sviluppi; caricamento dati da altri sistemi; integrazione con altri sistemi; manutenzione HW e tornelli; assistenza specialistica Oracle Application/Human Resources; servizi di comunicazione. In particolare sono stati raggiunti gli obiettivi di seguito riportati: è stata effettuata la migrazione del sistema su una nuova piattaforma (SW di base Opensource ed innalzamento della versione del SW applicativo Oracle e-business suite). Tale operazione ha comportato un cambiamento dell'interfaccia utente, senza modifica delle funzionalità. Si è comunque provveduto a predisporre la necessaria attività di formazione sia in aula (per gli utenti delle sedi di Roma) sia telefonica (per gli utenti degli uffici regionali). Sono state avviate e completate le procedure per la messa in esercizio del processo Buoni Pasto e Straordinari. Sono state avviate le attività di raccolta requisiti e analisi relative alla nuova funzionalità del Self Service, per la visualizzazione dei dati dei dipendenti e per la richiesta di ferie e permessi. Sono state avviate le attività di raccolta requisiti e analisi relative alla funzionalità associata al tastierino automatico dei tornelli/orologi, per inserire, a cura dei dipendenti, la causale di alcune tipologie di permessi direttamente sull'orologio dei tornelli. E' stato avviato il progetto per il riuso del sistema conoscitivo del personale, già in esercizio al MEF. A tale proposito è stato predisposto un protocollo d intesa tra la Corte dei conti ed il MEF. Sono state svolte elaborazioni statistiche mensili sui dati del personale, in particolare su quelli delle assenze, per ottemperare alle richieste del Ministero della Funzione Pubblica. 20

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

CORTE DEI CONTI. Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati

CORTE DEI CONTI. Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati CORTE DEI CONTI Ufficio del Responsabile per i Sistemi Informativi Automatizzati PIANO TRIENNALE PER L INFORMATICA 2009-2011 1 VISIONE STRATEGICA DELL AMMINISTRAZIONE... 3 1.1 PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità:

Vediamo nel dettaglio i punti caratterizzanti la soluzione realizzata: Il Portale consente agli utenti di identificarsi secondo differenti modalità: Il Portale Integrato Il Portale per i servizi alle imprese (www.impresa-gov.it), realizzato dall INPS, è nato con l obiettivo di mettere a disposizione delle imprese un unico front end per utilizzare i

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale

Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Il modello di servizio del sistema per la gestione del personale Roma, settembre 2012 DCSII P.za Dalmazia, 1 00198 ROMA Tel. 06 47 61 11 dcsii.dag@pec.mef.gov.it Indice Introduzione La struttura del sistema

Dettagli

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI.

CON LA CARTA DEI SERVIZI, I NOSTRI UTENTI SONO SEMPRE AL CENTRO DELLE NOSTRE ATTENZIONI. CARTA DEI SERVIZI La qualità del servizio nei confronti dell Utente e la soddisfazione per l utilizzo delle soluzioni sono obiettivi strategici per Sistemi. Le soluzioni software Sistemi, siano esse installate

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013

COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 COMUNE DI BOLOGNA REFERTO DEL CONTROLLO DI GESTIONE ANNO 2013 Il Comune di Bologna si è dotato da molti anni di un sistema di pianificazione e controllo che è stato progressivamente perfezionato e ampliato,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE

CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE CAMERA DI COMMERCIO DI CAMPOBASSO: UN ENTE DIGITALE La Camera di Commercio La Camera di Commercio è un ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell ambito della circoscrizione territoriale di competenza,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa

PROTOCOLLO D INTESA. Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi della Giustizia Amministrativa Il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella pubblica amministrazione Il Presidente del Consiglio di Stato PROTOCOLLO D INTESA Per la realizzazione di interventi di sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche

Il sistema documentario nella Intranet della Regione Marche Seminario di studio: Dai sistemi documentali al knowledge management Un opportunità per la Pubblica Amministrazione Gestione documentale e knowledge management Roma, 15 aprile 2003 MAURO ERCOLI BEATRICE

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO

DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO DIPARTIMENTO INFORMATIVO e TECNOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO Il Dipartimento Informativo e Tecnologico è composto dalle seguenti Strutture Complesse, Settori ed Uffici : Struttura Complessa Sistema

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi

Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi Dematerializzazione: definizioni e riferimenti normativi CNIPA massella@cnipa.it Workshop per dirigenti responsabili dei servizi di protocollo e flussi documentali CNIPA 9 novembre 2007 1 Alcuni numeri

Dettagli

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AVVISO n. 07/2013 Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per il profilo specialistico di Esperto nei processi

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi

p.geri@comune.pisa.it Telefono 050-910385 Direzione Sistemi Informativi UO automazione flusso documentale Personale e Sistemi informativi Titolo Dematerializzazione documentale Amministrazione Comune di Pisa Provincia Pisa Regione Toscana Sito Internet http://www.comune.pisa.it PEC comune.pisa@postacert.toscana.it Referente Geri Patrizio

Dettagli

Allegato 15 Modello offerta tecnica

Allegato 15 Modello offerta tecnica Allegato 15 Modello offerta tecnica Sommario 1 PREMESSA... 4 1.1 Scopo del documento... 4 2 La soluzione progettuale e la relativa architettura... 4 2.1 Requisiti generali della soluzione offerta... 4

Dettagli

OGGETTO DELLA FORNITURA...4

OGGETTO DELLA FORNITURA...4 Gara d appalto per la fornitura di licenze software e servizi per la realizzazione del progetto di Identity and Access Management in Cassa Depositi e Prestiti S.p.A. CAPITOLATO TECNICO Indice 1 GENERALITÀ...3

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA GESTIONE

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf.

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf. DETERMINAZIONE N. 08 DEL 04/02/2013 - COPIA OGGETTO: MODERNIZZAZIONE SISTEMA INFORMATICO CONSORTILE AFFIDAMENTO, MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO, ASSISTENZA AI SOFTWARE URBI DA UTILIZZARSI IN COLLEGAMENTO

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Bertinoro Provincia di Forlì-Cesena PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

un rapporto di collaborazione con gli utenti

un rapporto di collaborazione con gli utenti LA CARTA DEI SERVIZI INFORMATICI un rapporto di collaborazione con gli utenti La prima edizione della Carta dei Servizi Informatici vuole affermare l impegno di Informatica Trentina e del Servizio Sistemi

Dettagli

Piano di Formazione 2013

Piano di Formazione 2013 Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali Direzione Generale per le Risorse Umane del Ministero,

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Unità direttiva Segreteria di Direzione ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE a) assistenza agli organi dell Agenzia b) istruttoria preliminare

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

ICT Information &Communication Technology

ICT Information &Communication Technology ICT Information &Communication Technology www.tilak.it Profile Tilak Srl, azienda specializzata in soluzioni in ambito Communication Technology opera nell ambito dei servizi di consulenza, formazione e

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 1 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 PREMESSA 2 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n.33 ha riordinato la disciplina

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 Indice: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa 2015-2017......2 1. Responsabilità, elaborazione, adozione e aggiornamento del Programma...4 2. I dati da pubblicare sul sito istituzionale

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 2014-2017 n. elaborato: 7 CRITICITA' NEI SERVIZI AL CONSUMATORE file: data: agg.: marzo 2014 Acea Ato 2 S.p.A. PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 7 Criticità nei servizi al consumatore

Dettagli

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING

CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING CONVENZIONE CON GLI ATENEI E ISTITUTI DI GRADO UNIVERSITARIO ALLEGATO 3 CRITERI TECNICI PER LE MODALITA DI ACCESSO DESCRIZIONE DEL SERVIZIO DI HOSTING Il servizio, fornito attraverso macchine server messe

Dettagli

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

2 NEWSLETTER 1. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La Newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. A seguito della prima edizione della Newsletter del Progetto Monitoraggio ("Progetto"),

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE

PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE ACCELERARE LA GIUSTIZIA PIANO STRAORDINARIO PER LA DIGITALIZZAZIONE DIGITALIZZAZIONE DI ATTI NOTIFICHE ON LINE PAGAMENTI ON LINE Roma, Indice Obiettivi del programma Sintesi Inquadramento Obiettivi e linee

Dettagli

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it

Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Gli strumenti del Codice dell Amministrazione Digitale Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it Programma Il Codice dell Amministrazione Digitale Il Documento Informatico

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE

PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE PROTOCOLLO INFORMATICO E GESTIONE ELETTRONICA DEI DOCUMENTI: PRESENTAZIONE BASE Guglielmo LONGOBARDI Centro di Competenza Trasparenza e gestione elettronica dei documenti ALL ORIGINE DEI SISTEMI DOCUMENTARI

Dettagli

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza

Punto 4.d all ordine del giorno del IV Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA Informativa SIURP - Sistema Informativo Unitario Regionale per la Programmazione e Attuazione degli Investimenti Pubblici Punto 4.d all ordine del giorno

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati

Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Utilizzo del Dizionario delle Forniture ICT per la costruzione di capitolati Linee guida sulla qualità dei beni e servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della PA Marco Gentili Conoscere

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1

Complessità (a cura del Dirigente - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1. Priorità (a cura dell'assessore - Opzioni 1 2 3 a valenza decrescente) 1 SCHEDA OBIETTIVO - 1 : Semplificazione delle procedure di assunzione del personale Supporto alle politiche assunzionali Il processo assunzionale deve soddisfare i bisogni occupazionali dei Settori, siano

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione

Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Governo dei progetti IT in una grande organizzazione Alessandra Sbezzi Direttore Finanza Pubblica Roma 20 gennaio 2011 Alessandra Sbezzi Consip S.p.A. Dal 1998 in Consip o Direttore dei Sistemi Informativi

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET

Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Ordine dei Farmacisti della Provincia di Ferrara Gestione del protocollo informatico con OrdineP-NET Manuale gestore DT-Manuale gestore (per utenti servizio CDI) VERSIONE 2.0 del 09/10/2015 1. Premesse

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Sistema Informatizzato dei pagamenti della Pubblica Amministrazione (SIPA) Centro applicativo Bilancio e Contabilità REGOLE TECNICHE

Sistema Informatizzato dei pagamenti della Pubblica Amministrazione (SIPA) Centro applicativo Bilancio e Contabilità REGOLE TECNICHE Sistema Informatizzato dei pagamenti della Pubblica Amministrazione (SIPA) Centro applicativo Bilancio e Contabilità REGOLE TECNICHE Versione 6 del 30 ottobre 2006 Centro Applicativo Spese di Contabilità

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi

TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA. Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi TRASPARENTE, SNELLA, ORGANIZZATA Partire dal documento per dematerializzare i procedimenti amministrativi A CHE PUNTO SIAMO Cogliere opportunità le dell evoluzione normativa Dagli anni 90 l innovazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA 2015-2017 (deliberato dal C. di A. nella seduta del 19 giugno 2015) 1 1 - Introduzione e normativa di riferimento Il Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA

IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA IL SISTEMA DI GESTIONE DOCUMENTALE DIGITALIZZATO IN BANCA D ITALIA Carlo Pisanti Direttore Centrale - Banca d Italia Accademia dei Lincei Roma, 9 luglio 2010 Slide 1 Quali sono le finalità a cui deve provvedere

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Progetto Speciale Nuova Giustizia

Progetto Speciale Nuova Giustizia Progetto Speciale Nuova Giustizia Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari della Regione Abruzzo P.O.F.S.E. Abruzzo 2007-2013 - Obiettivo C.R.O. -

Dettagli

Allegato 2 Modello offerta tecnica

Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Modello offerta tecnica Allegato 2 Pagina 1 Sommario 1 PREMESSA... 3 1.1 Scopo del documento... 3 2 Architettura del nuovo sistema (Paragrafo 5 del capitolato)... 3 2.1 Requisiti generali della

Dettagli

FATTURA PA: Fatturazione elettronica obbligatoria verso PP.AA.

FATTURA PA: Fatturazione elettronica obbligatoria verso PP.AA. FATTURA PA: Fatturazione elettronica obbligatoria verso PP.AA. FATTURAZIONE ELETTRONICA DAL 1.1.2013 RECEPIMENTO DIRETTIVA 2010/45/UE ENTRO 12 MESI DA ENTRATA IN VIGORE D.M. 3.4.2013, n. 55 (in vigore

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Quaderni. La fattura elettronica. Modelli normativi della gestione elettronica delle fatture. La trasmissione telematica delle fatture

Quaderni. La fattura elettronica. Modelli normativi della gestione elettronica delle fatture. La trasmissione telematica delle fatture 06 24 LUGLIO 2009 APPUNTI DIGITALI Quaderni La fattura Contenuti: La trasmissione telematica delle fatture La fatturazione Lo scambio dati via EDI Quando la fattura si considera emessa Fattura e Pubblica

Dettagli