RELAZIONE PROGRAMMATICA CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PROGRAMMATICA 2015-2017 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO"

Transcript

1 RELAZIONE PROGRAMMATICA CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA

2 RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PER IL PERIODO

3 RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA Anche quest anno pare opportuno offrire un quadro globale delle linee programmatiche più significative dei lavori e degli impegni oggetto degli interventi comunali e territoriali per l anno 2015, nonché per gli anni 2016 e 2017 fortemente influenzati dai vincoli imposti dal patto di stabilità interno. ********************************************************* AFFARI GENERALI E FINANZIARI Gli effetti del decreto Monti Salva Italia (Decreto Legge n. 201) e della legge di stabilità 2015 (Legge 190 del 23/12/2014) hanno comportato anche per l esercizio 2015 un ulteriore riduzione dei trasferimenti statali e il consolidamento della situazione in atto negli ultimi anni cioè l inversione del gettito tributario dai Comuni al Governo Centrale e non viceversa. Le entrate correnti hanno subito ultimamente profonde modifiche per l effetto del sovrapporsi di disposizioni legislative che hanno portato ad un inevitabile emorragia sul versante delle risorse disponibili rendendo i bilanci comunali non sempre confrontabili. I principali cambiamenti sul fronte tributi imposte: dal 2012 l ICI è stata sostituita dall IMU; l addizionale energia elettrica prima è stata conglobata nei trasferimenti statali, poi tagliata; il riparto del gettito IMU tra Comuni e Stato è stato modificato (nel 2012 allo Stato spettava il 38 per mille su tutti i fabbricati esclusa la prima casa, nel 2013 invece allo Stato spetta il 7,6 per mille sugli immobili D mentre il resto del gettito spetta ai Comuni); nel 2013 è stata esentata dall IMU la prima casa; nel 2013 è entrata in vigore la TARES che ha sostituito e abolito la TARSU; nel 2014 è entrata in vigore la IUC composta da tre imposte IMU-TARI-TASI (TARI- EX TARES). Sul fronte dei trasferimenti correnti dello Stato: Dall anno 2013 tutti i trasferimenti statali (Fondo Ordinario, Fondo Sperimentale di Riequilibrio, Fondo Consolidato, Compartecipazione all IRPEF ecc.) sono stati sostituiti dall unico trasferimento denominato Fondo Solidarietà Comunale. Il meccanismo di attribuzione prevede che il fondo venga alimentato dal gettito IMU di spettanza dei Comuni. Lo Stato trattiene quote direttamente all atto del versamento dell imposta da parte dei cittadini riversando successivamente parte del gettito ai Comuni stessi. L Amministrazione Comunale non ha alcun potere decisionale e controllo su questo trasferimento, anzi possiamo tranquillamente affermare che le ultime manovre finanziarie sono state pensate ad invarianza di risorse per gli Enti Locali, dove lo Stato ha previsto forme di prelievo o ristoro ogni anno differenti. Pertanto al fine di voler effettuare un analisi sulle entrate occorre far riferimento al concetto di risorse disponibili dato dalla sommatoria di IMU-TASI-fondo solidarietà e non più alla singola voce di entrata. 3

4 RELAZIONE PROGRAMMATICA Gli ultimi dati: Fondo solidarietà comunale anno 2014 attribuito euro ,00, trattenuto per alimentare il fondo euro ,00, anno 2015 attribuito euro ,00, trattenuto per alimentare il fondo euro ,00. Spending review 2014 cioè partecipazione del Comune al contenimento della spesa pubblica euro Spending review 2014 euro ,93 Spending review 2015 euro ,77 Inutile soffermarsi sulle difficoltà che l Assessorato al Bilancio e gli uffici finanziari in particolare devono affrontare giornalmente per gestire il Comune, difficoltà dovute sia alla complessità delle norme e alle circolari esplicative tardive, spesso di dubbia interpretazione, sia alla molteplicità degli adempimenti cui occorre provvedere considerato che dal 2015, inoltre l ordinario è caricato da armonizzazione contabile, fatturazione elettronica, split payment e reverse istituzionale e commerciale. Nonostante le problematiche citate l Amministrazione comunale è riuscita a far quadrare i conti in sede di bilancio preventivo. Le strategie attuate per colmare i minori trasferimenti sono state varie e su più fronti. Abbiamo principalmente mantenuto pressoché invariate le spese correnti e abbiamo cercato di reperire risorse attraverso una continua ricerca di finanziamenti adeguando inoltre gli stanziamenti di entrata all incassato dell anno precedente che prudenzialmente e per fortuna era stimato al ribasso. Gli obiettivi 2015: pressione fiscale invariata tutela delle fasce economicamente più deboli, mantenimento dei servizi educativi e socio assistenziali fondamentali per la comunità, cercando di garantire qualità e quantità manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio pubblico garantita (strade, edifici scolastici, sportivi e pubblici in genere) Quindi gli equilibri di bilancio sono stati raggiunti non utilizzando la leva fiscale e non aumentando le tariffe dei servizi ma intervenendo ancora una volta sulle voci di spesa che non hanno riflesso sui servizi alla cittadinanza. Capitolo a parte il settore investimenti. La normativa sempre più stringente in materia di patto di stabilità condiziona e limita fortemente la possibilità di effettuare investimenti. Tuttavia anche per il 2015 abbiamo previsto l ultimazione di lavori già avviati nel 2014 piattaforma rifiuti e by pass. S. Antonio. Mediante applicazione di avanzo 2014 sono previsti lavori di sistemazione controsoffittature scuole e lavori di completamento piazza Fontana. Qualora l obiettivo di patto venisse rallentato, si darà corso al ulteriore programmazione di interventi. 4

5 RELAZIONE PROGRAMMATICA Con il 2015 entra in vigore l armonizzazione contabile che sarà a regime dal La nuova contabilità renderà omogenei i principi di contabilità finanziaria di tutta la pubblica amministrazione con i principi finanziari dell Unione Europea. Il bilancio armonizzato avvicina in linee generali il bilancio finanziario di competenza della pubblica amministrazione locale al bilancio di cassa dello stato e quindi anche alla contabilità economico patrimoniale. I principali istituti sono la registrazione degli impegni e degli accertamenti rispetto alla esigibilità dell entrata e della spesa, la previsione del fondo crediti dubbia esigibilità e la reimputazione eventuale di residui attivi e passivi mediante il fondo pluriennale vincolato. Nei prossimi mesi affronteremo queste problematiche attraverso il doppio binario di travaso dati contabili, ricodifica scritture e applicazione del principio di competenza finanziaria potenziata. 5

6 RELAZIONE PROGRAMMATICA LAVORI PUBBLICI Sul piano dei Lavori Pubblici è importante segnalare: Lavori ultimati o in fase di ultimazione al : Intervento di adeguamento sezione di deflusso del fiume Rio Torto con sostituzione manufatti di attraversamento in Comune di Valmadrera (LC). Opere di sistemazione di un tratto di via Roma, dall'incrocio con Viale Promessi Sposi fino alla laterale in corrispondenza del civico n. 8. Opere di sistemazione di un tratto di Via Roma, dalla laterale in corrispondenza del civico n. 8 fino all'incrocio con Via dell'incoronata. Lavori di normalizzazione del Centro Diurno Disabili in Viale Promessi Sposi n Opere di consolidamento statico della sponda sinistra idraulica dello scolmatore del torrente S. Antonio in località Piazza Rosè. Realizzazione di parcheggio pubblico nell'area di proprietà comunale adiacente a Piazza Fontana Stralcio. Messa in sicurezza tramite rimozione del materiale solido di natura lapidea/detritica rilevato in anomalo stato di stabilità presso le aree poste immediatamente a ridosso ed a monte della proprietà privata al civico n. 62 di Via Pascoli. Lavori in fase di esecuzione che si prevede saranno terminati nel 2015: Ampliamento Centro di raccolta intercomunale a servizio dei Comuni di Valmadrera, Malgrate e Civate, ubicato in Via Vassena n. 6. Messa in sicurezza masso instabile, posto in località montana lungo il sentiero detto delle Casotte, presso la Casotta 45. Intervento di somma urgenza per la messa in sicurezza dei plafoni degli edifici scolastici adibiti a scuola dell infanzia C. Collodi, scuola primaria G. Leopardi e scuola secondaria di primo grado L.B. Vassena. Lavori già in fase di progetto o da appaltarsi nel corso del 2015: Realizzazione di parcheggio pubblico nell'area di proprietà comunale adiacente a Piazza Fontana. Completamento. Opere di difesa del suolo, sistemazione idraulica e prevenzione del dissesto idrogeologico Adeguamento by-pass torrente S. Antonio Formazione pista di accesso allo scolmatore. Realizzazione accesso pedonale secondario Cimitero Via Manzoni, da parcheggio Via Magistris. Formazione di nuove tombe a due posti per tumulazione, con esumazioni da campo comune, presso il Cimitero comunale di Via Manzoni (2 lotto). Sistemazione copertura sede distretto ASL e Centro Cure Primarie in Via Casnedi. Completamento sistemazione strada agro-silvo-pastorale per S. Tomaso. 6

7 RELAZIONE PROGRAMMATICA Ulteriori lavori da programmare (a reperimento risorse e fatti salvi vincoli imposti dal Patto di stabilità ): Lavori di realizzazione 7 lotto nuovo Cimitero. Messa in sicurezza copertura stabile di comproprietà comunale Piazza Mons. Citterio, angolo Via Cavour. Messa in sicurezza stabili di proprietà comunale Via S. Antonio nn. 2 e 8. Lavori di completamento sistemazione del tratto di Via Roma che va dall incrocio con Viale Promessi Sposi fino a Piazza Mons. Citterio (3 lotto). Sistemazione ed allargamento di Via Preguda - 2 lotto Opere per la messa in sicurezza dell intersezione stradale in corrispondenza del civico n. 75. Interventi di mitigazione del rischio di caduta massi tra le località Parè e Sassello Lotto C; Riqualificazione aree di proprietà comunale in Frazione Parè - 1 lotto Formazione nuova rotatoria e spostamento asse stradale. Opere di abbattimento barriere architettoniche presso il Centro Culturale Fatebenefratelli Corpo A (Sala esposizioni, ex appartamento custode, ex Biblioteca). Lavori di manutenzione del patrimonio comunale: appalto opere da elettricista, termoidraulico, giardiniere, opere edili ed altre. Asfaltature strade e vie comunali. Interventi di mitigazione del rischio di caduta massi tra le località Parè e Sassello Lotto B.; Riqualificazione aree di proprietà comunale in Frazione Parè - 2 lotto - Sistemazione aree a verde; Sistemazione ed allargamento di Via Preguda 2 lotto; Completamento adeguamento impianto elettrico Istituto Comprensivo Statale L.B. Vassena ; Manutenzione straordinaria parziale serramenti Palazzo comunale; Efficientamento energetico Scuola Primaria Statale G. Leopardi (sostituzione serramenti e isolamento termico copertura) 7

8 RELAZIONE PROGRAMMATICA AMBIENTE ED ECOLOGIA Nel 2015 proseguiranno tutte le attività già attuate nel 2014: Raccolta differenziata: proseguirà, anche nel 2015 l attività di informazione e sensibilizzazione della cittadinanza riguardo la corretta differenziazione dei rifiuti e l effettuazione di controlli e verifiche circa l applicazione del regolamento di raccolta dei rifiuti con la finalità di confermare o incrementare ulteriormente la percentuale di raccolta differenziata e raggiungere, come per il 2014, gli obiettivi di quantità e qualità che permettono l ottenimento del premio economico distribuito da Silea ai Comuni soci. Proseguirà la raccolta del vetro con modalità porta a porta avviata nel mese di dicembre 2013, avendo eliminato le campane per la raccolta del vetro. Continuerà la collaborazione con le associazioni di volontariato per l incremento dei servizi a favore di cittadini ed imprese inerenti la raccolta differenziata della carta, del rottame e degli indumenti usati come previsto dalle convenzioni stipulate; Bonifica aree inquinate: si è proseguito nell attività finalizzata alla chiusura dei procedimenti in corso riguardanti alcune aree oggetto di bonifica presenti sul territorio comunale e saranno gestiti eventuali nuovi procedimenti, in particolare: - in località Parè è stata disposta nel 2014 la chiusura del procedimento di bonifica dell area P.V. Shell rispetto alla quale, nel 2013, era terminata l attività di monitoraggio; - nel 2014 sono proseguite le attività finalizzate all avvio delle operazioni di messa in atto dei piani di bonifica approvati relativi alle aree ex Trafilerie Frigerio S.n.c., site in Via Provinciale per Bellagio n. 110; Inquinamento acustico: proseguirà l attività di gestione degli esposti per disturbo da rumore in stretta collaborazione con A.R.P.A. (Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente) sede di Oggiono; Manutenzione corsi d acqua: proseguirà l attività di manutenzione degli alvei dei fiumi svolta principalmente dai gruppi di volontariato valmadreresi, coordinati dal Gruppo Comunale di Protezione Civile, con le modalità previste dalle convenzioni rinnovate nel 2015; Case dell acqua sul territorio comunale: nel 2013 sul territorio comunale sono state installate due casette dell acqua, la prima in Via Fatebenefratelli nei pressi dell ingresso del parcheggio soprastante il magazzino comunale e l altra in Via Casnedi nei pressi dell ingresso del parco giochi, le casette sono gestite dalla società IMSA S.r.l. di Garlate che periodicamente invia agli uffici comunali i dati di qualità dell acqua erogata e i dati di consumo; Monitoraggio della qualità dell aria: registrazione quotidiana dei dati rilevati e validati da ARPA con possibilità di accesso ai dati rilevati dalla nostra centralina da parte dei cittadini; 8

9 RELAZIONE PROGRAMMATICA Produzione energia da fonti rinnovabili ed efficienza energetica: proseguirà l attività dell impianto fotovoltaico di potenza pari a 38 Kw installato sul tetto dell Istituto Comprensivo L.B.Vassena (Scuola Media Statale) entrato in funzione nel mese di marzo del 2010; nel 2014 è stata effettuata la verifica triennale prevista dalla normativa ed un intervento di adeguamento del quadro di interfaccia dell impianto fotovoltaico anch esso previsto da una nuova normativa. Sullo stesso edificio, grazie agli interventi completati nel che hanno previsto la realizzazione di un sistema a cappotto esterno, il completamento della sostituzione dei serramenti e l installazione delle valvole termostatiche su tutti i corpi riscaldanti è stato raggiunto l obiettivo di riduzione della classe energetica dell edificio da G (consumi > 65 KWh/mc a) a C (consumi < 27 KWh/mc a), con conseguente riduzione del consumo di gas per il riscaldamento invernale; Censimento fabbricati con presenza amianto: prosegue l attività di informazione ai cittadini rispetto all obbligo di censimento delle strutture contenenti amianto attraverso la presentazione dei moduli NA/1( Notifica presenza di amianto in strutture o luoghi) che vengono raccolti, schedati e trasmessi all ASL come previsto dalla normativa nazionale e regionale ed in caso di segnalazione viene avviato il procedimento amministrativo per la gestione degli esposti in stretta collaborazione con l ASL di Lecco; PAES (Piano d Azione per l Energia Sostenibile): il PAES, redatto in collaborazione con i Comuni di Malgrate e Civate, è stato portato all esame del Consiglio Comunale per l approvazione; tale piano si compone di una prima parte nel quale sono calcolate, sulla base dei dati raccolti dagli uffici comunali e dalle banche dati regionali, il totale delle emissioni di ciascun Comune nell anno 2005 (anno di riferimento) derivanti da consumi di energia elettrica, gas, benzina e gasolio, precisando inoltre come ciascun settore (es. residenziale, produttivo, trasporti, illuminazione pubblica) contribuisca percentualmente a costituire il valore totale e di una seconda parte in cui vengono definite le misure da porre in atto per poter raggiungere, nel 2020, gli obiettivi di riduzione delle emissioni globali di anidride carbonica. E volontà dell A.C. procedere all organizzazione di alcune serate per la presentazione del piano e la sensibilizzazione della cittadinanza sul processo in corso; Protezione Civile: il Gruppo Comunale di Protezione Civile conta circa 20 volontari e principalmente continuerà a svolgere le seguenti attività: - monitoraggio e prevenzione sul territorio comunale, anche tramite il coordinamento dei gruppi di volontariato nello svolgimento della manutenzione straordinaria dei torrenti; - formazione dei volontari per quanto riguarda l intervento in condizione di emergenza con partecipazione alle esercitazioni provinciali e regionali; 9

10 RELAZIONE PROGRAMMATICA Tombinatura: continuerà la valutazione da parte degli uffici per quanto riguarda le richieste di allacciamento alla rete comunale di tombinatura ed il rilascio delle autorizzazioni, previa valutazione circa la compatibilità delle stesse con le potenzialità ed esigenze del servizio sotteso; Polizia idraulica: prosegue l attività amministrativa svolta da parte degli uffici per quanto riguarda le richieste di concessione/autorizzazione idraulica finalizzate anche alla regolarizzazione degli scarichi nei corpi d acqua superficiali afferenti al cd. Reticolo idrico minore, previa valutazione circa la compatibilità delle istanze stesse con i disposti della normativa vigente in materia; Agricoltura e alimentazione: si proseguirà anche per il 2015 a proporre iniziative di educazione agro-alimentare, in collaborazione con l Assessorato al Commercio, la Consulta per l Agricoltura e la Consulta per l Alimentazione. Continua la gestione della struttura destinata a vendita diretta dei prodotti agricoli, affidata al Consorzio Terrealte. Case dell acqua sul territorio comunale: nel 2013 sul territorio comunale sono state installate due casette dell acqua, la prima in Via Fatebenefratelli nei pressi dell ingresso del parcheggio soprastante il magazzino comunale e l altra in Via Casnedi nei pressi dell ingresso del parco giochi, le casette sono gestite dalla società IMSA S.r.l. di Garlate che periodicamente invia agli uffici comunali i dati di qualità dell acqua erogata e i dati di consumo; 10

11 RELAZIONE PROGRAMMATICA EDILIZIA PRIVATA URBANISTICA PIANI ESECUTIVI E DI RECUPERO IN ATTO: Piano Esecutivo n. 21 in Fraz. Parè (residenziale) Piano Esecutivo n. 23 in via San Dionigi (residenziale) Piano di Recupero dell edificio in vicolo Giusti n. 14 (residenziale) Piano Esecutivo n. 14 per insediamenti produttivi in via Piedimonte Piano Esecutivo n. 16 per insediamenti produttivi in via Piedimonte Piano di lottizzazione in via Strecciola (industriale) PROVVEDIMENTI DA APPROVARE NELL ANNO 2015: Adozione della Variante al P.G.T. per il recepimento dell elaborato tecnico Rischio Incidente Rilevante, per l adeguamento della componente geologica del PGT allo studio idraulico redatto a supporto della proposta di riperimetrazione dell'area a rischio idrogeologico molto elevato 065-LO-LC (rio Torto e affluenti) e per l inserimento di specifiche alle Norme di Attuazione del Piano delle Regole del PGT. Pratiche edilizie: PRATICHE EDILIZIE D.I.A. ANNO 2003 ANNO 2004 ANNO 2005 ANNO 2006 ANNO 2007 ANNO 2008 al 2/12/08 ANNO 2009 ANNO 2010 Richieste di cui 43 D.I.A. 252 di cui 63 D.I.A. 276 di cui 94 D.I.A. Autorizzate in fase di rilascio in fase di rilascio in fase di rilascio Richieste di condono edilizio art. 32 L. 326/

12 RELAZIONE PROGRAMMATICA PRATICHE EDILIZIE D.I.A. ANNO 2011 ANNO 2012 ANNO 2013 ANNO pratiche, di cui: 271 pratiche, di cui: 279 pratiche, di cui: 290 pratiche, di cui: P.D.C. P.D.C. 89 P.D.C 70 P.D.C D.I.A. 49 D.I.A. 36 D.I.A. 30 D.I.A. Richieste Autorizzate 1 SCIA 5 SCIA 20 SCIA 58 SCIA 41 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 27 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 33 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 41 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 33 C.I.L. 58 C.I.L. 79 C.I.L. 78 C.I.L. 22 PARERI PREVENTIVI 17 PARERI PREVENTIVI 1 PIANI ATTUATIVI 0 PIANI ATTUATIVI PDC RILASCIATI 8 AUTORIZZAZIONI 2 PAESAGGISTICHE RILASCIATE PARERI PREVENTIVI PIANI ATTUATIVI 4 MONETIZZAZIONI 12 1 PARERI PREVENTIVI PIANO DI RECUPERO PDC RILASCIATI 46 PDC RILASCIATI 48 PDC RILASCIATI AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE 28 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE 27 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE Punto PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI alla data del 23/06/2015 Il P.G.T. è stato approvato con D.C.C. n. 10 del 24/04/2013 e ha assunto efficacia a seguito della pubblicazione sul BURL n Serie Avvisi e Concorsi del 21/08/2013. Con D.C.C. n. 41 del 27/09/2013 è stata approvata la rettifica alla cartografia dello studio geologico a supporto del PGT con correzione di errori materiali, non costituenti varianti ai sensi dell art. 13, comma 14 bis, della l.r. 12/2005 e s.m.i., divenuta efficace con la pubblicazione sul BURL n Serie Avvisi e Concorsi del 06/11/

13 RELAZIONE PROGRAMMATICA POLIZIA MUNICIPALE Si segnalano alcuni dati relativi al servizio di Polizia Municipale svolto nel 2014: - n.991 contravvenzioni al Codice della Strada; - n.0 verbali per ubriachezza molesta; - n.2 fermi amministrativi; - n.9 rimozioni auto abbandonate con sives; - n.3 denuncia per guida senza patente; - n.0 denuncia per omicidio colposo; - n.57 contravvenzioni ai Regolamenti Locali; - n.147 notifiche per altri enti (Prefettura, Tribunale,...) - n.33 interventi per incidenti stradali; - n.2 rinvenimento veicoli rubati; - n.0 riscontro abusi edilizi; - n.7 sopralluoghi per accertamenti eventuali abusi edilizi; - n.22 interventi recupero animali randagi; - n.11 ordinanze emesse definitive; - n.30 ordinanze emesse temporanee; - n.10 nulla osta trasporti eccezionali; - n.45 nulla osta per manifestazioni; - n.503 accertamenti residenze; - n.94 presenza/assistenza ai funerali; - n.51 identificazione e compilazione modello ex art.7 Lgs.286/98 (ricongiungimento familiare extracomunitari); - n.99 ricezione infortuni sul lavoro; - n.19 ordinanze ingiunzione regolamenti locali; - n.25 verifiche per ufficio immigrazione della Questura. Educazione stradale rivolta alle scuole e alla cittadinanza: - Corso scuola elementare: lezioni teoriche n.3 giornata conclusiva. - Corso scuola infanzia : lezioni teoriche n. 2 lezione teorica-pratica n. 1. ******************************************** 13

14 RELAZIONE PROGRAMMATICA COMMERCIO POLIZIA AMMINISTRATIVA In ordine al settore commercio e polizia amministrativa si evidenzia quanto segue: Gestione autorizzazioni collegate ad attività commerciali, artigianali, industriali, depositi all ingrosso, trasporto merci, ecc ; Gestione delle procedure istruttorie e rilascio delle autorizzazioni per l esercizio degli impianti di distribuzione carburanti, per il commercio su aree pubbliche e per la vendita al pubblico di prodotti agricoli da parte dei produttori, pratiche relative al commercio fisso; Gestione carta d esercizio per commercio su aree pubbliche; Gestione iniziative e serate a tema; Gestione occupazioni suolo pubblico; Supporto all organizzazione di manifestazioni; Gestione Distretti del commercio; Mercato agricolo comunale. Restano comunque punti fermi: Valorizzazione e promozione della produzione artigianale ed industriale del nostro territorio, mantenimento delle tradizioni popolari; Con il progetto dei servizi relativi al commercio si intende giungere all elaborazione dei criteri utili al soddisfacimento della domanda dell utenza; Creazione dei presupposti idonei ad una valorizzazione e promozione di un interesse turistico-paesaggistico del territorio Valmadrerese. Collaborazione con altri assessorati in particolare Ambiente e Lavori Pubblici per la creazione e lo studio di bandi finalizzati alla valorizzazione di aree dismesse. Le attività produttive del nostro territorio sono così suddivise: ANNO commercio fisso ambulatori medici e studi dentistici banche 7 7 pubblici esercizi distributori carburante 3 2 assicurazioni 4 4 parrucchieri uomo - donna - estetista artigiani - industrie - attività varie 500 c. 500 c. 500 c. 14

15 RELAZIONE PROGRAMMATICA DEMOGRAFIA Al i cittadini iscritti nell anagrafe comunale erano così suddivisi maschi e 6007femmine. Nel 2000 i residenti erano in totale Nel 2001 i residenti erano in totale Nel 2002 i residenti erano in totale Nel 2003 i residenti erano in totale Nel 2004 i residenti erano in totale Nel 2005 i residenti erano in totale Nel 2006 i residenti erano in totale Nel 2007 i residenti erano in totale Nel 2008 i residenti erano in totale Nel 2009 i residenti erano in totale Nel 2010 i residenti erano in totale Nel 2011 i residenti erano in totale Nel 2012 i residenti erano in totale Nel 2013 i residenti erano in totale Nel 2014 i residenti erano in totale Nell anno 2014 sono stati rilasciati: n carte d identità; n certificazioni varie n. 5 trapassi auto n. 169 permessi soggiorno comunitari n. 181 rinnovi permessi soggiorno n. 481 atti stato civile e pubblicazioni n. 312 cambi di via n. 239 pratiche iscrizioni n. 284 pratiche emigrazioni n. 0 procedimenti straordinari per elezioni n. 453 tessere elettorali n. 290 cancellazioni elettorali n. 359 iscrizioni elettorali n tagliandi cambi di via tessere elettoriali e cambio sedi sezioni elettorali n. 25 procedure allineamento codice fiscale Nel 2014 i nati ammontano a n. 102 ed i mordi a n. 91 Nel 2013 i nati ammontano a n. 97 ed i morti a n.101 Nel 2012 i nati ammontano a n. 101 ed i morti a n.109 Nel 2011 i nati ammontano a n. 104 ed i morti a n. 84 Nel 2010 i nati ammontano a n. 106 ed i morti a n. 72 Nel 2009 i nati ammontano a n. 104 ed i morti a n.106 Nel 2008 i nati ammontano a n. 105 ed i morti a n. 92 Nel 2007 i nati ammontano a n. 105 ed i morti a n.100 Nel 2006 i nati ammontano a n. 106 ed i morti a n

16 RELAZIONE PROGRAMMATICA Nel 2005 i nati ammontano a n. 120 ed i morti a n. 79 Nel 2004 i nati ammontano a n. 98 ed i morti a n. 77 Nel 2003 i nati ammontano a n.110 ed i morti a n.100 Nel 2002 i nati ammontano a n. 81 ed i morti a n. 82 Nel 2001 i nati ammontano a n.104 ed i morti a n. 95 Nel 2000 i nati ammontano a n.104 ed i morti a n.84; (dati risultanti dalle statistiche ISTAT). Nel 2013 gli immigrati sono stati n.301 mentre gli emigrati n.265. Nel 2014 gli immigrati sono stati n.343 mentre gli emigrati n

17 RELAZIONE PROGRAMMATICA AREA SEGRETERIA - CONTRATTI L Ufficio Segreteria - Contratti prosegue nel corso del triennio 2015/2017 nell ordinario svolgimento dell attività di 1. assistenza agli organi istituzionali dell ente 2. assistenza operativa delle sedute consiliari e gestione l aula consiliare 3. gestione del protocollo informatico 4. gestione degli atti amministrativi 5. gestione dei contratti 6. cura e gestione di iniziative volte al miglioramento dei rapporti con i cittadini ed al perseguimento di obiettivi di trasparenza 7. gestione dei servizi di informazione e comunicazione al cittadino 8. servizio centralino L attività dell Ufficio Segreteria verrà svolta sulla base delle indicazioni del Sindaco e della Giunta, tenendo conto quindi delle esigenze e delle necessità evidenziate dall Amministrazione, con prioritaria attenzione alla trasmissione dei propri indirizzi agli Uffici e al rapporto con la cittadinanza. PROTOCOLLO E ATTI AMMINISTRATIVI A partire dal 2014 si è operato per una più efficiente gestione integrata della documentazione, mediante l utilizzo di un nuovo programma di gestione di tutta l Area Segreteria Protocollo Contratti Messi Albo Pretorio che consente l integrazione di tutti i flussi documentali, l interscambio dati ed una migliore e più snella gestione dell infrastruttura tecnologica. Gli interventi programmati per il prossimo triennio, in collaborazione con il Responsabile dell Area Servizi informatici CED mirano ad un miglioramento della gestione delle documentazione cartacea ed un più razionale utilizzo delle nuove tecnologie nella gestione dei documenti elettronici. PROTOCOLLO Il nuovo software, già attivo per il servizio protocollo dal 2014, ha consentito al Comune di Valmadrera un significativa riduzione della circolazione di documenti cartacei, sostituita dal flusso di documenti informatici (dematerializzazione) attraverso l utilizzo di strumenti tecnologici previsti dal nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, quali la posta elettronica certificata e la firma digitale. Nel corso del triennio si prevede di estendere ulteriormente l utilizzo del programma con introducendo il fascicolo elettronico. Un primo passo verrà compiuto sensibilizzando gli studi tecnici esterni affinchè presentino gli elaborati progettuali anche in formato digitale in modo da consentirne l archiviazione nel programma Gli interventi per il prossimo triennio riguarderanno quindi: l aggiornamento del manuale di gestione del protocollo la gestione e conservazione permanente del documento informatico la formazione del personale per la gestione dei flussi documentali e per la corretta procedura di fascicolazione 17

18 RELAZIONE PROGRAMMATICA ATTI AMMINISTRATIVI Per quanto riguarda la redazione finale degli atti amministrativi si intende valutare la possibilità di rendere completamente informatizzata la gestione anche delle deliberazioni di Giunta e di Consiglio, sostituendo, come già fatto relativamente alle determinazioni, il documento cartaceo con quello informatico, sottoscritto digitalmente, anche se, indubbiamente questo passaggio potrebbe comportare consistenti difficoltà operative. NOTIFICHE E DELLE PUBBLICAZIONI ALL ALBO Il Messo comunale proseguirà nell espletamento delle funzioni istituzionali nei confronti di enti esterni e di altri settori comunali, nonché nella gestione dell albo pretorio online, che ha sostituito quello cartaceo ai fini degli effetti di pubblicità legale degli atti destinati alla pubblicazione. CONTRATTI Prosegue la ordinaria attività inerente i contratti stipulati in forma pubblica amministrativa in formato elettronico, con conseguente conservazione digitalizzata, nel rispetto del codice degli appalti D L.gs n. 163 s. m.i. e della normativa vigente in materia. INFORMAZIONI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO Si garantirà la reciproca informazione fra l'ufficio Segreteria e gli altri Uffici e servizi; l'esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione dei cittadini; Si intende avviare, in fase sperimentale, come proposto dal Responsabile dell Area Servizi informatici CED, la dematerializzazione dei reclami per una più efficace gestione degli stessi (ticketing). Tenuto conto delle indicazioni dell Amministrazione, come espresse anche nelle linee programmatiche di governo, in merito all importanza di una comunicazione chiara e efficace nei confronti della cittadinanza, in collaborazione con il Responsabile dell Area Servizi Informatici CED si intende procedere alla progettazione e realizzazione del nuovo sito internet ufficiale del Comune di Valmadrera con l obiettivo di rendere disponibile alla cittadinanza uno strumento completo e, al tempo stesso, di facile consultazione per l utenza, che consenta una conoscenza puntuale delle iniziative e delle attività dell Amministrazione Comunale. L Ufficio Segreteria dovrà provvedere alla raccolta dei dati, alla stesura dei testi e, successivamente, alla verifica periodica dell aggiornamento delle informazioni pubblicate. Il sito dovrà contenere una apposita sezione dedicata alla modulistica da utilizzare; sarà compito della Segreteria in collaborazione con ciascun ufficio comunale, predisporre la modulistica in formato.pdf editabile, con la possibilità, una volta creato il modulo, di firmarlo digitalmente e trasmetterlo tramite PEC. Si prevede inoltre di riorganizzare all interno del sito stesso la sezione Amministrazione Trasparente in adempimento a quanto previsto dalla normativa in materia. 18

19 RELAZIONE PROGRAMMATICA Anche in questo caso si individua nella Segreteria l ufficio al quale gli uffici comunali dovranno trasmettere i dati da pubblicare. Sarà infine compito della Segreteria verificare l aggiornamento e la moderazione della pagina Facebook del Comune di Valmadrera, recentemente attivata, e coordinare, in collaborazione sia con gli Assessori che con i Responsabili di Area, le eventuali risposte ai commenti postati dai cittadini. 19

20 RELAZIONE PROGRAMMATICA AREA SERVIZI INFORMATICI - CED L Ufficio CEd prosegue nel corso del triennio 2015/2017 nell ordinario svolgimento delle attività di seguito elencate: ASSISTENZA SOFTWARE assicurare l'adeguamento dei vari pacchetti applicativi in uso al Comune alle variazioni normative; garantire l'amministrazione contro eventuali malfunzionamenti, bloccanti e non, delle procedure installate; garantire l'amministrazione sulla fornitura di versioni migliorative dei software. Consulenza sull'opportunità di acquisto, sulla scelta di nuovi software e sulla possibilità di integrazione con l'installato. Manutenzione e aggiornamento alle variazioni legislative e all'evoluzione dell'informatica, attraverso la stipula di contratti ad hoc, delle procedure gestionali informatizzate quali: Personale, Commercio, Servizi Demografici, Servizi Finanziari, Tributi, Atti Amministrativi, Polizia Municipale, Urbanistica. Gestione contratti di assistenza e aggiornamento software. SERVIZI INTERNET Fornitura dell'infrastruttura necessaria per l'accesso ad internet, gestione della piattaforma di collaborazione, gestione delle black e whitelist centralizzate, gestione dei siti web. Gestione servizi e-gov in genere. Attivazione e gestione di qualsiasi altro servizio dovesse rendersi necessario mediante internet. Ottimizzazione dell'accesso ad internet in termini di prestazioni e sicurezza. Analisi statistica dei log di navigazione ed aggiornamento del meccanismo di filtraggio dei contenuti. Gestione collegamenti internet delle scuole. Implementazione di servizi e-government e loro integrazione con progetti provinciali e regionali. ACCESSO BANCHE DATI E PUBBLICAZIONI VARIE Garantire ai vari servizi dell'ente l'accesso alle banche dati telematiche o su supporto dedicato ai fini della consultazione per gli argomenti di interesse. Attivazione di postazioni per il collegamento a banche dati ministeriali: MCTC, AgenziaEntrate, MEF, etc. ASSISTENZA - MANUTENZIONE DELLA RETE DATI Garantire l'amministrazione contro eventuali malfunzionamenti bloccanti e non, dovuti a guasti degli apparati attivi facenti parte della Rete Informatica e del Centralino Telefonico. Garantire il funzionamento degli apparati attivi. Gestione e attivazione di collegamenti wireless. ASSISTENZA - MANUTENZIONE CENTRALINO Programmazione del centralino, gestione linee e numerazione interna e risponditore automatico. 20

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli