RELAZIONE PROGRAMMATICA CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RELAZIONE PROGRAMMATICA 2015-2017 CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO"

Transcript

1 RELAZIONE PROGRAMMATICA CITTA DI VALMADRERA PROVINCIA DI LECCO RELAZIONE PREVISIONALE PROGRAMMATICA

2 RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PER IL PERIODO

3 RELAZIONE PROGRAMMATICA RELAZIONE PROGRAMMATICA Anche quest anno pare opportuno offrire un quadro globale delle linee programmatiche più significative dei lavori e degli impegni oggetto degli interventi comunali e territoriali per l anno 2015, nonché per gli anni 2016 e 2017 fortemente influenzati dai vincoli imposti dal patto di stabilità interno. ********************************************************* AFFARI GENERALI E FINANZIARI Gli effetti del decreto Monti Salva Italia (Decreto Legge n. 201) e della legge di stabilità 2015 (Legge 190 del 23/12/2014) hanno comportato anche per l esercizio 2015 un ulteriore riduzione dei trasferimenti statali e il consolidamento della situazione in atto negli ultimi anni cioè l inversione del gettito tributario dai Comuni al Governo Centrale e non viceversa. Le entrate correnti hanno subito ultimamente profonde modifiche per l effetto del sovrapporsi di disposizioni legislative che hanno portato ad un inevitabile emorragia sul versante delle risorse disponibili rendendo i bilanci comunali non sempre confrontabili. I principali cambiamenti sul fronte tributi imposte: dal 2012 l ICI è stata sostituita dall IMU; l addizionale energia elettrica prima è stata conglobata nei trasferimenti statali, poi tagliata; il riparto del gettito IMU tra Comuni e Stato è stato modificato (nel 2012 allo Stato spettava il 38 per mille su tutti i fabbricati esclusa la prima casa, nel 2013 invece allo Stato spetta il 7,6 per mille sugli immobili D mentre il resto del gettito spetta ai Comuni); nel 2013 è stata esentata dall IMU la prima casa; nel 2013 è entrata in vigore la TARES che ha sostituito e abolito la TARSU; nel 2014 è entrata in vigore la IUC composta da tre imposte IMU-TARI-TASI (TARI- EX TARES). Sul fronte dei trasferimenti correnti dello Stato: Dall anno 2013 tutti i trasferimenti statali (Fondo Ordinario, Fondo Sperimentale di Riequilibrio, Fondo Consolidato, Compartecipazione all IRPEF ecc.) sono stati sostituiti dall unico trasferimento denominato Fondo Solidarietà Comunale. Il meccanismo di attribuzione prevede che il fondo venga alimentato dal gettito IMU di spettanza dei Comuni. Lo Stato trattiene quote direttamente all atto del versamento dell imposta da parte dei cittadini riversando successivamente parte del gettito ai Comuni stessi. L Amministrazione Comunale non ha alcun potere decisionale e controllo su questo trasferimento, anzi possiamo tranquillamente affermare che le ultime manovre finanziarie sono state pensate ad invarianza di risorse per gli Enti Locali, dove lo Stato ha previsto forme di prelievo o ristoro ogni anno differenti. Pertanto al fine di voler effettuare un analisi sulle entrate occorre far riferimento al concetto di risorse disponibili dato dalla sommatoria di IMU-TASI-fondo solidarietà e non più alla singola voce di entrata. 3

4 RELAZIONE PROGRAMMATICA Gli ultimi dati: Fondo solidarietà comunale anno 2014 attribuito euro ,00, trattenuto per alimentare il fondo euro ,00, anno 2015 attribuito euro ,00, trattenuto per alimentare il fondo euro ,00. Spending review 2014 cioè partecipazione del Comune al contenimento della spesa pubblica euro Spending review 2014 euro ,93 Spending review 2015 euro ,77 Inutile soffermarsi sulle difficoltà che l Assessorato al Bilancio e gli uffici finanziari in particolare devono affrontare giornalmente per gestire il Comune, difficoltà dovute sia alla complessità delle norme e alle circolari esplicative tardive, spesso di dubbia interpretazione, sia alla molteplicità degli adempimenti cui occorre provvedere considerato che dal 2015, inoltre l ordinario è caricato da armonizzazione contabile, fatturazione elettronica, split payment e reverse istituzionale e commerciale. Nonostante le problematiche citate l Amministrazione comunale è riuscita a far quadrare i conti in sede di bilancio preventivo. Le strategie attuate per colmare i minori trasferimenti sono state varie e su più fronti. Abbiamo principalmente mantenuto pressoché invariate le spese correnti e abbiamo cercato di reperire risorse attraverso una continua ricerca di finanziamenti adeguando inoltre gli stanziamenti di entrata all incassato dell anno precedente che prudenzialmente e per fortuna era stimato al ribasso. Gli obiettivi 2015: pressione fiscale invariata tutela delle fasce economicamente più deboli, mantenimento dei servizi educativi e socio assistenziali fondamentali per la comunità, cercando di garantire qualità e quantità manutenzione ordinaria e straordinaria del patrimonio pubblico garantita (strade, edifici scolastici, sportivi e pubblici in genere) Quindi gli equilibri di bilancio sono stati raggiunti non utilizzando la leva fiscale e non aumentando le tariffe dei servizi ma intervenendo ancora una volta sulle voci di spesa che non hanno riflesso sui servizi alla cittadinanza. Capitolo a parte il settore investimenti. La normativa sempre più stringente in materia di patto di stabilità condiziona e limita fortemente la possibilità di effettuare investimenti. Tuttavia anche per il 2015 abbiamo previsto l ultimazione di lavori già avviati nel 2014 piattaforma rifiuti e by pass. S. Antonio. Mediante applicazione di avanzo 2014 sono previsti lavori di sistemazione controsoffittature scuole e lavori di completamento piazza Fontana. Qualora l obiettivo di patto venisse rallentato, si darà corso al ulteriore programmazione di interventi. 4

5 RELAZIONE PROGRAMMATICA Con il 2015 entra in vigore l armonizzazione contabile che sarà a regime dal La nuova contabilità renderà omogenei i principi di contabilità finanziaria di tutta la pubblica amministrazione con i principi finanziari dell Unione Europea. Il bilancio armonizzato avvicina in linee generali il bilancio finanziario di competenza della pubblica amministrazione locale al bilancio di cassa dello stato e quindi anche alla contabilità economico patrimoniale. I principali istituti sono la registrazione degli impegni e degli accertamenti rispetto alla esigibilità dell entrata e della spesa, la previsione del fondo crediti dubbia esigibilità e la reimputazione eventuale di residui attivi e passivi mediante il fondo pluriennale vincolato. Nei prossimi mesi affronteremo queste problematiche attraverso il doppio binario di travaso dati contabili, ricodifica scritture e applicazione del principio di competenza finanziaria potenziata. 5

6 RELAZIONE PROGRAMMATICA LAVORI PUBBLICI Sul piano dei Lavori Pubblici è importante segnalare: Lavori ultimati o in fase di ultimazione al : Intervento di adeguamento sezione di deflusso del fiume Rio Torto con sostituzione manufatti di attraversamento in Comune di Valmadrera (LC). Opere di sistemazione di un tratto di via Roma, dall'incrocio con Viale Promessi Sposi fino alla laterale in corrispondenza del civico n. 8. Opere di sistemazione di un tratto di Via Roma, dalla laterale in corrispondenza del civico n. 8 fino all'incrocio con Via dell'incoronata. Lavori di normalizzazione del Centro Diurno Disabili in Viale Promessi Sposi n Opere di consolidamento statico della sponda sinistra idraulica dello scolmatore del torrente S. Antonio in località Piazza Rosè. Realizzazione di parcheggio pubblico nell'area di proprietà comunale adiacente a Piazza Fontana Stralcio. Messa in sicurezza tramite rimozione del materiale solido di natura lapidea/detritica rilevato in anomalo stato di stabilità presso le aree poste immediatamente a ridosso ed a monte della proprietà privata al civico n. 62 di Via Pascoli. Lavori in fase di esecuzione che si prevede saranno terminati nel 2015: Ampliamento Centro di raccolta intercomunale a servizio dei Comuni di Valmadrera, Malgrate e Civate, ubicato in Via Vassena n. 6. Messa in sicurezza masso instabile, posto in località montana lungo il sentiero detto delle Casotte, presso la Casotta 45. Intervento di somma urgenza per la messa in sicurezza dei plafoni degli edifici scolastici adibiti a scuola dell infanzia C. Collodi, scuola primaria G. Leopardi e scuola secondaria di primo grado L.B. Vassena. Lavori già in fase di progetto o da appaltarsi nel corso del 2015: Realizzazione di parcheggio pubblico nell'area di proprietà comunale adiacente a Piazza Fontana. Completamento. Opere di difesa del suolo, sistemazione idraulica e prevenzione del dissesto idrogeologico Adeguamento by-pass torrente S. Antonio Formazione pista di accesso allo scolmatore. Realizzazione accesso pedonale secondario Cimitero Via Manzoni, da parcheggio Via Magistris. Formazione di nuove tombe a due posti per tumulazione, con esumazioni da campo comune, presso il Cimitero comunale di Via Manzoni (2 lotto). Sistemazione copertura sede distretto ASL e Centro Cure Primarie in Via Casnedi. Completamento sistemazione strada agro-silvo-pastorale per S. Tomaso. 6

7 RELAZIONE PROGRAMMATICA Ulteriori lavori da programmare (a reperimento risorse e fatti salvi vincoli imposti dal Patto di stabilità ): Lavori di realizzazione 7 lotto nuovo Cimitero. Messa in sicurezza copertura stabile di comproprietà comunale Piazza Mons. Citterio, angolo Via Cavour. Messa in sicurezza stabili di proprietà comunale Via S. Antonio nn. 2 e 8. Lavori di completamento sistemazione del tratto di Via Roma che va dall incrocio con Viale Promessi Sposi fino a Piazza Mons. Citterio (3 lotto). Sistemazione ed allargamento di Via Preguda - 2 lotto Opere per la messa in sicurezza dell intersezione stradale in corrispondenza del civico n. 75. Interventi di mitigazione del rischio di caduta massi tra le località Parè e Sassello Lotto C; Riqualificazione aree di proprietà comunale in Frazione Parè - 1 lotto Formazione nuova rotatoria e spostamento asse stradale. Opere di abbattimento barriere architettoniche presso il Centro Culturale Fatebenefratelli Corpo A (Sala esposizioni, ex appartamento custode, ex Biblioteca). Lavori di manutenzione del patrimonio comunale: appalto opere da elettricista, termoidraulico, giardiniere, opere edili ed altre. Asfaltature strade e vie comunali. Interventi di mitigazione del rischio di caduta massi tra le località Parè e Sassello Lotto B.; Riqualificazione aree di proprietà comunale in Frazione Parè - 2 lotto - Sistemazione aree a verde; Sistemazione ed allargamento di Via Preguda 2 lotto; Completamento adeguamento impianto elettrico Istituto Comprensivo Statale L.B. Vassena ; Manutenzione straordinaria parziale serramenti Palazzo comunale; Efficientamento energetico Scuola Primaria Statale G. Leopardi (sostituzione serramenti e isolamento termico copertura) 7

8 RELAZIONE PROGRAMMATICA AMBIENTE ED ECOLOGIA Nel 2015 proseguiranno tutte le attività già attuate nel 2014: Raccolta differenziata: proseguirà, anche nel 2015 l attività di informazione e sensibilizzazione della cittadinanza riguardo la corretta differenziazione dei rifiuti e l effettuazione di controlli e verifiche circa l applicazione del regolamento di raccolta dei rifiuti con la finalità di confermare o incrementare ulteriormente la percentuale di raccolta differenziata e raggiungere, come per il 2014, gli obiettivi di quantità e qualità che permettono l ottenimento del premio economico distribuito da Silea ai Comuni soci. Proseguirà la raccolta del vetro con modalità porta a porta avviata nel mese di dicembre 2013, avendo eliminato le campane per la raccolta del vetro. Continuerà la collaborazione con le associazioni di volontariato per l incremento dei servizi a favore di cittadini ed imprese inerenti la raccolta differenziata della carta, del rottame e degli indumenti usati come previsto dalle convenzioni stipulate; Bonifica aree inquinate: si è proseguito nell attività finalizzata alla chiusura dei procedimenti in corso riguardanti alcune aree oggetto di bonifica presenti sul territorio comunale e saranno gestiti eventuali nuovi procedimenti, in particolare: - in località Parè è stata disposta nel 2014 la chiusura del procedimento di bonifica dell area P.V. Shell rispetto alla quale, nel 2013, era terminata l attività di monitoraggio; - nel 2014 sono proseguite le attività finalizzate all avvio delle operazioni di messa in atto dei piani di bonifica approvati relativi alle aree ex Trafilerie Frigerio S.n.c., site in Via Provinciale per Bellagio n. 110; Inquinamento acustico: proseguirà l attività di gestione degli esposti per disturbo da rumore in stretta collaborazione con A.R.P.A. (Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente) sede di Oggiono; Manutenzione corsi d acqua: proseguirà l attività di manutenzione degli alvei dei fiumi svolta principalmente dai gruppi di volontariato valmadreresi, coordinati dal Gruppo Comunale di Protezione Civile, con le modalità previste dalle convenzioni rinnovate nel 2015; Case dell acqua sul territorio comunale: nel 2013 sul territorio comunale sono state installate due casette dell acqua, la prima in Via Fatebenefratelli nei pressi dell ingresso del parcheggio soprastante il magazzino comunale e l altra in Via Casnedi nei pressi dell ingresso del parco giochi, le casette sono gestite dalla società IMSA S.r.l. di Garlate che periodicamente invia agli uffici comunali i dati di qualità dell acqua erogata e i dati di consumo; Monitoraggio della qualità dell aria: registrazione quotidiana dei dati rilevati e validati da ARPA con possibilità di accesso ai dati rilevati dalla nostra centralina da parte dei cittadini; 8

9 RELAZIONE PROGRAMMATICA Produzione energia da fonti rinnovabili ed efficienza energetica: proseguirà l attività dell impianto fotovoltaico di potenza pari a 38 Kw installato sul tetto dell Istituto Comprensivo L.B.Vassena (Scuola Media Statale) entrato in funzione nel mese di marzo del 2010; nel 2014 è stata effettuata la verifica triennale prevista dalla normativa ed un intervento di adeguamento del quadro di interfaccia dell impianto fotovoltaico anch esso previsto da una nuova normativa. Sullo stesso edificio, grazie agli interventi completati nel che hanno previsto la realizzazione di un sistema a cappotto esterno, il completamento della sostituzione dei serramenti e l installazione delle valvole termostatiche su tutti i corpi riscaldanti è stato raggiunto l obiettivo di riduzione della classe energetica dell edificio da G (consumi > 65 KWh/mc a) a C (consumi < 27 KWh/mc a), con conseguente riduzione del consumo di gas per il riscaldamento invernale; Censimento fabbricati con presenza amianto: prosegue l attività di informazione ai cittadini rispetto all obbligo di censimento delle strutture contenenti amianto attraverso la presentazione dei moduli NA/1( Notifica presenza di amianto in strutture o luoghi) che vengono raccolti, schedati e trasmessi all ASL come previsto dalla normativa nazionale e regionale ed in caso di segnalazione viene avviato il procedimento amministrativo per la gestione degli esposti in stretta collaborazione con l ASL di Lecco; PAES (Piano d Azione per l Energia Sostenibile): il PAES, redatto in collaborazione con i Comuni di Malgrate e Civate, è stato portato all esame del Consiglio Comunale per l approvazione; tale piano si compone di una prima parte nel quale sono calcolate, sulla base dei dati raccolti dagli uffici comunali e dalle banche dati regionali, il totale delle emissioni di ciascun Comune nell anno 2005 (anno di riferimento) derivanti da consumi di energia elettrica, gas, benzina e gasolio, precisando inoltre come ciascun settore (es. residenziale, produttivo, trasporti, illuminazione pubblica) contribuisca percentualmente a costituire il valore totale e di una seconda parte in cui vengono definite le misure da porre in atto per poter raggiungere, nel 2020, gli obiettivi di riduzione delle emissioni globali di anidride carbonica. E volontà dell A.C. procedere all organizzazione di alcune serate per la presentazione del piano e la sensibilizzazione della cittadinanza sul processo in corso; Protezione Civile: il Gruppo Comunale di Protezione Civile conta circa 20 volontari e principalmente continuerà a svolgere le seguenti attività: - monitoraggio e prevenzione sul territorio comunale, anche tramite il coordinamento dei gruppi di volontariato nello svolgimento della manutenzione straordinaria dei torrenti; - formazione dei volontari per quanto riguarda l intervento in condizione di emergenza con partecipazione alle esercitazioni provinciali e regionali; 9

10 RELAZIONE PROGRAMMATICA Tombinatura: continuerà la valutazione da parte degli uffici per quanto riguarda le richieste di allacciamento alla rete comunale di tombinatura ed il rilascio delle autorizzazioni, previa valutazione circa la compatibilità delle stesse con le potenzialità ed esigenze del servizio sotteso; Polizia idraulica: prosegue l attività amministrativa svolta da parte degli uffici per quanto riguarda le richieste di concessione/autorizzazione idraulica finalizzate anche alla regolarizzazione degli scarichi nei corpi d acqua superficiali afferenti al cd. Reticolo idrico minore, previa valutazione circa la compatibilità delle istanze stesse con i disposti della normativa vigente in materia; Agricoltura e alimentazione: si proseguirà anche per il 2015 a proporre iniziative di educazione agro-alimentare, in collaborazione con l Assessorato al Commercio, la Consulta per l Agricoltura e la Consulta per l Alimentazione. Continua la gestione della struttura destinata a vendita diretta dei prodotti agricoli, affidata al Consorzio Terrealte. Case dell acqua sul territorio comunale: nel 2013 sul territorio comunale sono state installate due casette dell acqua, la prima in Via Fatebenefratelli nei pressi dell ingresso del parcheggio soprastante il magazzino comunale e l altra in Via Casnedi nei pressi dell ingresso del parco giochi, le casette sono gestite dalla società IMSA S.r.l. di Garlate che periodicamente invia agli uffici comunali i dati di qualità dell acqua erogata e i dati di consumo; 10

11 RELAZIONE PROGRAMMATICA EDILIZIA PRIVATA URBANISTICA PIANI ESECUTIVI E DI RECUPERO IN ATTO: Piano Esecutivo n. 21 in Fraz. Parè (residenziale) Piano Esecutivo n. 23 in via San Dionigi (residenziale) Piano di Recupero dell edificio in vicolo Giusti n. 14 (residenziale) Piano Esecutivo n. 14 per insediamenti produttivi in via Piedimonte Piano Esecutivo n. 16 per insediamenti produttivi in via Piedimonte Piano di lottizzazione in via Strecciola (industriale) PROVVEDIMENTI DA APPROVARE NELL ANNO 2015: Adozione della Variante al P.G.T. per il recepimento dell elaborato tecnico Rischio Incidente Rilevante, per l adeguamento della componente geologica del PGT allo studio idraulico redatto a supporto della proposta di riperimetrazione dell'area a rischio idrogeologico molto elevato 065-LO-LC (rio Torto e affluenti) e per l inserimento di specifiche alle Norme di Attuazione del Piano delle Regole del PGT. Pratiche edilizie: PRATICHE EDILIZIE D.I.A. ANNO 2003 ANNO 2004 ANNO 2005 ANNO 2006 ANNO 2007 ANNO 2008 al 2/12/08 ANNO 2009 ANNO 2010 Richieste di cui 43 D.I.A. 252 di cui 63 D.I.A. 276 di cui 94 D.I.A. Autorizzate in fase di rilascio in fase di rilascio in fase di rilascio Richieste di condono edilizio art. 32 L. 326/

12 RELAZIONE PROGRAMMATICA PRATICHE EDILIZIE D.I.A. ANNO 2011 ANNO 2012 ANNO 2013 ANNO pratiche, di cui: 271 pratiche, di cui: 279 pratiche, di cui: 290 pratiche, di cui: P.D.C. P.D.C. 89 P.D.C 70 P.D.C D.I.A. 49 D.I.A. 36 D.I.A. 30 D.I.A. Richieste Autorizzate 1 SCIA 5 SCIA 20 SCIA 58 SCIA 41 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 27 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 33 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 41 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE 33 C.I.L. 58 C.I.L. 79 C.I.L. 78 C.I.L. 22 PARERI PREVENTIVI 17 PARERI PREVENTIVI 1 PIANI ATTUATIVI 0 PIANI ATTUATIVI PDC RILASCIATI 8 AUTORIZZAZIONI 2 PAESAGGISTICHE RILASCIATE PARERI PREVENTIVI PIANI ATTUATIVI 4 MONETIZZAZIONI 12 1 PARERI PREVENTIVI PIANO DI RECUPERO PDC RILASCIATI 46 PDC RILASCIATI 48 PDC RILASCIATI AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE 28 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE 27 AUTORIZZAZIONI PAESAGGISTICHE RILASCIATE Punto PIANI E STRUMENTI URBANISTICI VIGENTI alla data del 23/06/2015 Il P.G.T. è stato approvato con D.C.C. n. 10 del 24/04/2013 e ha assunto efficacia a seguito della pubblicazione sul BURL n Serie Avvisi e Concorsi del 21/08/2013. Con D.C.C. n. 41 del 27/09/2013 è stata approvata la rettifica alla cartografia dello studio geologico a supporto del PGT con correzione di errori materiali, non costituenti varianti ai sensi dell art. 13, comma 14 bis, della l.r. 12/2005 e s.m.i., divenuta efficace con la pubblicazione sul BURL n Serie Avvisi e Concorsi del 06/11/

13 RELAZIONE PROGRAMMATICA POLIZIA MUNICIPALE Si segnalano alcuni dati relativi al servizio di Polizia Municipale svolto nel 2014: - n.991 contravvenzioni al Codice della Strada; - n.0 verbali per ubriachezza molesta; - n.2 fermi amministrativi; - n.9 rimozioni auto abbandonate con sives; - n.3 denuncia per guida senza patente; - n.0 denuncia per omicidio colposo; - n.57 contravvenzioni ai Regolamenti Locali; - n.147 notifiche per altri enti (Prefettura, Tribunale,...) - n.33 interventi per incidenti stradali; - n.2 rinvenimento veicoli rubati; - n.0 riscontro abusi edilizi; - n.7 sopralluoghi per accertamenti eventuali abusi edilizi; - n.22 interventi recupero animali randagi; - n.11 ordinanze emesse definitive; - n.30 ordinanze emesse temporanee; - n.10 nulla osta trasporti eccezionali; - n.45 nulla osta per manifestazioni; - n.503 accertamenti residenze; - n.94 presenza/assistenza ai funerali; - n.51 identificazione e compilazione modello ex art.7 Lgs.286/98 (ricongiungimento familiare extracomunitari); - n.99 ricezione infortuni sul lavoro; - n.19 ordinanze ingiunzione regolamenti locali; - n.25 verifiche per ufficio immigrazione della Questura. Educazione stradale rivolta alle scuole e alla cittadinanza: - Corso scuola elementare: lezioni teoriche n.3 giornata conclusiva. - Corso scuola infanzia : lezioni teoriche n. 2 lezione teorica-pratica n. 1. ******************************************** 13

14 RELAZIONE PROGRAMMATICA COMMERCIO POLIZIA AMMINISTRATIVA In ordine al settore commercio e polizia amministrativa si evidenzia quanto segue: Gestione autorizzazioni collegate ad attività commerciali, artigianali, industriali, depositi all ingrosso, trasporto merci, ecc ; Gestione delle procedure istruttorie e rilascio delle autorizzazioni per l esercizio degli impianti di distribuzione carburanti, per il commercio su aree pubbliche e per la vendita al pubblico di prodotti agricoli da parte dei produttori, pratiche relative al commercio fisso; Gestione carta d esercizio per commercio su aree pubbliche; Gestione iniziative e serate a tema; Gestione occupazioni suolo pubblico; Supporto all organizzazione di manifestazioni; Gestione Distretti del commercio; Mercato agricolo comunale. Restano comunque punti fermi: Valorizzazione e promozione della produzione artigianale ed industriale del nostro territorio, mantenimento delle tradizioni popolari; Con il progetto dei servizi relativi al commercio si intende giungere all elaborazione dei criteri utili al soddisfacimento della domanda dell utenza; Creazione dei presupposti idonei ad una valorizzazione e promozione di un interesse turistico-paesaggistico del territorio Valmadrerese. Collaborazione con altri assessorati in particolare Ambiente e Lavori Pubblici per la creazione e lo studio di bandi finalizzati alla valorizzazione di aree dismesse. Le attività produttive del nostro territorio sono così suddivise: ANNO commercio fisso ambulatori medici e studi dentistici banche 7 7 pubblici esercizi distributori carburante 3 2 assicurazioni 4 4 parrucchieri uomo - donna - estetista artigiani - industrie - attività varie 500 c. 500 c. 500 c. 14

15 RELAZIONE PROGRAMMATICA DEMOGRAFIA Al i cittadini iscritti nell anagrafe comunale erano così suddivisi maschi e 6007femmine. Nel 2000 i residenti erano in totale Nel 2001 i residenti erano in totale Nel 2002 i residenti erano in totale Nel 2003 i residenti erano in totale Nel 2004 i residenti erano in totale Nel 2005 i residenti erano in totale Nel 2006 i residenti erano in totale Nel 2007 i residenti erano in totale Nel 2008 i residenti erano in totale Nel 2009 i residenti erano in totale Nel 2010 i residenti erano in totale Nel 2011 i residenti erano in totale Nel 2012 i residenti erano in totale Nel 2013 i residenti erano in totale Nel 2014 i residenti erano in totale Nell anno 2014 sono stati rilasciati: n carte d identità; n certificazioni varie n. 5 trapassi auto n. 169 permessi soggiorno comunitari n. 181 rinnovi permessi soggiorno n. 481 atti stato civile e pubblicazioni n. 312 cambi di via n. 239 pratiche iscrizioni n. 284 pratiche emigrazioni n. 0 procedimenti straordinari per elezioni n. 453 tessere elettorali n. 290 cancellazioni elettorali n. 359 iscrizioni elettorali n tagliandi cambi di via tessere elettoriali e cambio sedi sezioni elettorali n. 25 procedure allineamento codice fiscale Nel 2014 i nati ammontano a n. 102 ed i mordi a n. 91 Nel 2013 i nati ammontano a n. 97 ed i morti a n.101 Nel 2012 i nati ammontano a n. 101 ed i morti a n.109 Nel 2011 i nati ammontano a n. 104 ed i morti a n. 84 Nel 2010 i nati ammontano a n. 106 ed i morti a n. 72 Nel 2009 i nati ammontano a n. 104 ed i morti a n.106 Nel 2008 i nati ammontano a n. 105 ed i morti a n. 92 Nel 2007 i nati ammontano a n. 105 ed i morti a n.100 Nel 2006 i nati ammontano a n. 106 ed i morti a n

16 RELAZIONE PROGRAMMATICA Nel 2005 i nati ammontano a n. 120 ed i morti a n. 79 Nel 2004 i nati ammontano a n. 98 ed i morti a n. 77 Nel 2003 i nati ammontano a n.110 ed i morti a n.100 Nel 2002 i nati ammontano a n. 81 ed i morti a n. 82 Nel 2001 i nati ammontano a n.104 ed i morti a n. 95 Nel 2000 i nati ammontano a n.104 ed i morti a n.84; (dati risultanti dalle statistiche ISTAT). Nel 2013 gli immigrati sono stati n.301 mentre gli emigrati n.265. Nel 2014 gli immigrati sono stati n.343 mentre gli emigrati n

17 RELAZIONE PROGRAMMATICA AREA SEGRETERIA - CONTRATTI L Ufficio Segreteria - Contratti prosegue nel corso del triennio 2015/2017 nell ordinario svolgimento dell attività di 1. assistenza agli organi istituzionali dell ente 2. assistenza operativa delle sedute consiliari e gestione l aula consiliare 3. gestione del protocollo informatico 4. gestione degli atti amministrativi 5. gestione dei contratti 6. cura e gestione di iniziative volte al miglioramento dei rapporti con i cittadini ed al perseguimento di obiettivi di trasparenza 7. gestione dei servizi di informazione e comunicazione al cittadino 8. servizio centralino L attività dell Ufficio Segreteria verrà svolta sulla base delle indicazioni del Sindaco e della Giunta, tenendo conto quindi delle esigenze e delle necessità evidenziate dall Amministrazione, con prioritaria attenzione alla trasmissione dei propri indirizzi agli Uffici e al rapporto con la cittadinanza. PROTOCOLLO E ATTI AMMINISTRATIVI A partire dal 2014 si è operato per una più efficiente gestione integrata della documentazione, mediante l utilizzo di un nuovo programma di gestione di tutta l Area Segreteria Protocollo Contratti Messi Albo Pretorio che consente l integrazione di tutti i flussi documentali, l interscambio dati ed una migliore e più snella gestione dell infrastruttura tecnologica. Gli interventi programmati per il prossimo triennio, in collaborazione con il Responsabile dell Area Servizi informatici CED mirano ad un miglioramento della gestione delle documentazione cartacea ed un più razionale utilizzo delle nuove tecnologie nella gestione dei documenti elettronici. PROTOCOLLO Il nuovo software, già attivo per il servizio protocollo dal 2014, ha consentito al Comune di Valmadrera un significativa riduzione della circolazione di documenti cartacei, sostituita dal flusso di documenti informatici (dematerializzazione) attraverso l utilizzo di strumenti tecnologici previsti dal nuovo Codice dell Amministrazione Digitale, quali la posta elettronica certificata e la firma digitale. Nel corso del triennio si prevede di estendere ulteriormente l utilizzo del programma con introducendo il fascicolo elettronico. Un primo passo verrà compiuto sensibilizzando gli studi tecnici esterni affinchè presentino gli elaborati progettuali anche in formato digitale in modo da consentirne l archiviazione nel programma Gli interventi per il prossimo triennio riguarderanno quindi: l aggiornamento del manuale di gestione del protocollo la gestione e conservazione permanente del documento informatico la formazione del personale per la gestione dei flussi documentali e per la corretta procedura di fascicolazione 17

18 RELAZIONE PROGRAMMATICA ATTI AMMINISTRATIVI Per quanto riguarda la redazione finale degli atti amministrativi si intende valutare la possibilità di rendere completamente informatizzata la gestione anche delle deliberazioni di Giunta e di Consiglio, sostituendo, come già fatto relativamente alle determinazioni, il documento cartaceo con quello informatico, sottoscritto digitalmente, anche se, indubbiamente questo passaggio potrebbe comportare consistenti difficoltà operative. NOTIFICHE E DELLE PUBBLICAZIONI ALL ALBO Il Messo comunale proseguirà nell espletamento delle funzioni istituzionali nei confronti di enti esterni e di altri settori comunali, nonché nella gestione dell albo pretorio online, che ha sostituito quello cartaceo ai fini degli effetti di pubblicità legale degli atti destinati alla pubblicazione. CONTRATTI Prosegue la ordinaria attività inerente i contratti stipulati in forma pubblica amministrativa in formato elettronico, con conseguente conservazione digitalizzata, nel rispetto del codice degli appalti D L.gs n. 163 s. m.i. e della normativa vigente in materia. INFORMAZIONI E RELAZIONI CON IL PUBBLICO Si garantirà la reciproca informazione fra l'ufficio Segreteria e gli altri Uffici e servizi; l'esercizio dei diritti di informazione, di accesso e di partecipazione dei cittadini; Si intende avviare, in fase sperimentale, come proposto dal Responsabile dell Area Servizi informatici CED, la dematerializzazione dei reclami per una più efficace gestione degli stessi (ticketing). Tenuto conto delle indicazioni dell Amministrazione, come espresse anche nelle linee programmatiche di governo, in merito all importanza di una comunicazione chiara e efficace nei confronti della cittadinanza, in collaborazione con il Responsabile dell Area Servizi Informatici CED si intende procedere alla progettazione e realizzazione del nuovo sito internet ufficiale del Comune di Valmadrera con l obiettivo di rendere disponibile alla cittadinanza uno strumento completo e, al tempo stesso, di facile consultazione per l utenza, che consenta una conoscenza puntuale delle iniziative e delle attività dell Amministrazione Comunale. L Ufficio Segreteria dovrà provvedere alla raccolta dei dati, alla stesura dei testi e, successivamente, alla verifica periodica dell aggiornamento delle informazioni pubblicate. Il sito dovrà contenere una apposita sezione dedicata alla modulistica da utilizzare; sarà compito della Segreteria in collaborazione con ciascun ufficio comunale, predisporre la modulistica in formato.pdf editabile, con la possibilità, una volta creato il modulo, di firmarlo digitalmente e trasmetterlo tramite PEC. Si prevede inoltre di riorganizzare all interno del sito stesso la sezione Amministrazione Trasparente in adempimento a quanto previsto dalla normativa in materia. 18

19 RELAZIONE PROGRAMMATICA Anche in questo caso si individua nella Segreteria l ufficio al quale gli uffici comunali dovranno trasmettere i dati da pubblicare. Sarà infine compito della Segreteria verificare l aggiornamento e la moderazione della pagina Facebook del Comune di Valmadrera, recentemente attivata, e coordinare, in collaborazione sia con gli Assessori che con i Responsabili di Area, le eventuali risposte ai commenti postati dai cittadini. 19

20 RELAZIONE PROGRAMMATICA AREA SERVIZI INFORMATICI - CED L Ufficio CEd prosegue nel corso del triennio 2015/2017 nell ordinario svolgimento delle attività di seguito elencate: ASSISTENZA SOFTWARE assicurare l'adeguamento dei vari pacchetti applicativi in uso al Comune alle variazioni normative; garantire l'amministrazione contro eventuali malfunzionamenti, bloccanti e non, delle procedure installate; garantire l'amministrazione sulla fornitura di versioni migliorative dei software. Consulenza sull'opportunità di acquisto, sulla scelta di nuovi software e sulla possibilità di integrazione con l'installato. Manutenzione e aggiornamento alle variazioni legislative e all'evoluzione dell'informatica, attraverso la stipula di contratti ad hoc, delle procedure gestionali informatizzate quali: Personale, Commercio, Servizi Demografici, Servizi Finanziari, Tributi, Atti Amministrativi, Polizia Municipale, Urbanistica. Gestione contratti di assistenza e aggiornamento software. SERVIZI INTERNET Fornitura dell'infrastruttura necessaria per l'accesso ad internet, gestione della piattaforma di collaborazione, gestione delle black e whitelist centralizzate, gestione dei siti web. Gestione servizi e-gov in genere. Attivazione e gestione di qualsiasi altro servizio dovesse rendersi necessario mediante internet. Ottimizzazione dell'accesso ad internet in termini di prestazioni e sicurezza. Analisi statistica dei log di navigazione ed aggiornamento del meccanismo di filtraggio dei contenuti. Gestione collegamenti internet delle scuole. Implementazione di servizi e-government e loro integrazione con progetti provinciali e regionali. ACCESSO BANCHE DATI E PUBBLICAZIONI VARIE Garantire ai vari servizi dell'ente l'accesso alle banche dati telematiche o su supporto dedicato ai fini della consultazione per gli argomenti di interesse. Attivazione di postazioni per il collegamento a banche dati ministeriali: MCTC, AgenziaEntrate, MEF, etc. ASSISTENZA - MANUTENZIONE DELLA RETE DATI Garantire l'amministrazione contro eventuali malfunzionamenti bloccanti e non, dovuti a guasti degli apparati attivi facenti parte della Rete Informatica e del Centralino Telefonico. Garantire il funzionamento degli apparati attivi. Gestione e attivazione di collegamenti wireless. ASSISTENZA - MANUTENZIONE CENTRALINO Programmazione del centralino, gestione linee e numerazione interna e risponditore automatico. 20

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE

Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Elenco non esaustivo delle funzioni assegnate alle strutture 1 SETTORE Urbanistica Piano Strutturale Varianti. Edilizia privata- Edilizia Sociale Lavori pubblici Progettazione, Direzione Lavori Espropriazioni

Dettagli

COMUNE DI VIMODRONE ELENCO DELLE BANCHE DATI E ARCHIVI CARTACEI

COMUNE DI VIMODRONE ELENCO DELLE BANCHE DATI E ARCHIVI CARTACEI 1 Registro deliberazioni Consiglio comunale Affari Generali e istituzionali Segreteria 2 Registro deliberazioni Giunta comunale Affari Generali e istituzionali Segreteria 3 Registro generale determinazioni

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 102 del 16.07.2013 e modificato con deliberazione di Giunta Comunale n. 107 del 02/08/2013. COMUNE DI VERNANTE CUMÜNA DAL VERNANT APPARTENENTE ALLA MINORANZA LINGUISTICA STORICA OCCITANA PROVINCIA DI CUNEO VIA UMBERTO I N 87 CAP. 12019 Tel. 0171/920104 -Fax 0171/920698 P.IVA C.F. 00457660041

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE

Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE Allegato1 FUNZIONIGRAMMA DELL ENTE 1.1 - SEGRETARIO GENERALE SEGRETARIO GENERALE - Partecipazione con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni di Consiglio e Giunta - Segreteria Giunta

Dettagli

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015

Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Amministrazione trasparente Comune di Prato Catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in possesso dell'amministrazione comunale Ultimo aggiornamento: 19/06/2015 Ambito di Elenco attività/servizi

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune (art. 24 c. 3-bis Legge 11/08/2014

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA

Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Comune di Mogliano Veneto PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA Triennio 2012/2014 Piano triennale di razionalizzazione della spesa In ottemperanza al disposto dell art. 2, commi da 594 a 599,

Dettagli

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE

LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA DELL ENTE A far data 01/03/2015 la struttura organizzativa dell Ente viene articolata in 5 macroaree suddivise in 9 Servizi, ai quali sono preposti i Responsabili individuati

Dettagli

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO

GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO GESTIONE DEI SERVIZI COMUNALI Comune di Gioiosa Ionica Provincia di Reggio Calabria CAPITOLATO TECNICO Oggetto della fornitura: FORNITURA DI SOFTWARE, FORMAZIONE ED ASSISTENZA PER LA GESTIONE DEI SERVIZI

Dettagli

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni

Sistemi informativi a supporto della gestione associata dei Comuni CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLE FUNZIONI DI ORGANIZZAZIONE GENERALE DELL AMMINISTRAZIONE, GESTIONE FINANZIARIA E CONTABILE E CONTROLLO TRA I COMUNI DI ARQUA POL., FRASSINELLE POL., COSTA DI

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

Livorno città digitale

Livorno città digitale Comune di Livorno Livorno città digitale Livorno città digitale Uno degli adempimenti dei primi 100 giorni del mandato è stata l ideazione e la formalizzazione nel Libro Bianco dell Innovazione tecnologica,

Dettagli

AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI DEMOGRAFICI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO

AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI DEMOGRAFICI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO AREA RISORSE UMANE, INFORMATICA E SERVIZI SETTORE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Responsabile del Settore: Bittarelli Luciana Cura il front - office del comune ed in particolare svolge le seguenti attività:

Dettagli

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA

SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA SERVIZIO SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI AMBITO DISTRETTUALE 1.3 (SSC) MUGGIA-SAN DORLIGO DELLA VALLE/DOLINA UFFICIO DI DIREZIONE - la funzione di gestione del servizio sociale di comuni direzione del Servizio

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Monza e Brianza A LLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI, DELLE AUTOVETTRE E DEI

Dettagli

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI

PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI PROGRAMMA N. 1 AFFARI GENERALI Il programma garantisce il funzionamento degli uffici e dei servizi di carattere generale: tra questi i più importanti riguardano: a) la segreteria generale dell ente per

Dettagli

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it

Il piano generale di sviluppo 2010-2014. Città di Seriate - www.comune.seriate.bg.it Il piano generale di sviluppo 2010-2014 1 Cos è il piano generale di sviluppo Uno degli strumenti di programmazione e di rendicontazione finanziaria di mandato Citato (solamente citato) in due norme sull

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (art. 2,commi 594 e seguenti, L.244/2007 Legge Finanziaria 2008) PREMESSA La Legge finanziaria 2008 detta numerose ed importanti

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

CENTRO DI RESPONSABILITA

CENTRO DI RESPONSABILITA CENTRO DI RESPONSABILITA 06 - SERVIZI AL TERRITORIO RESPONSABILE: DOTT. POLENGHI STEFANO ELENCO DEI PROGETTI 1. GESTIRE IL PROTOCOLLO E L ARCHIVIO 2. GESTIONE GIURIDICA ED ECONOMICA DELLE RISORSE UMANE

Dettagli

*** ALLEGATO "C" Funzionigramma

*** ALLEGATO C Funzionigramma COMUNE DI CAMMARATA PROVINCIA DI AGRIGENTO *** ALLEGATO "C" Funzionigramma FUNZIONIGRAMMA Struttura organizzativa del Comune : Segretario comunale Aree Servizi Unità operative o uffici Uffici speciali

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013

RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RENDICONTO DELLA GESTIONE esercizio 2013 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ESERCIZIO 2013 (Art. 151 comma 6 D.to Lgs. 267/2000) Premessa: L art.151 c.6 del D.to Lgs. 267/2000 prevede

Dettagli

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COPPARO Provincia di Ferrara PIANO TRIENNALE DI RAZIONALIZZAZIONE DOTAZIONI STRUMENTALI, ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI AD USO ABITATIVO O DI SERVIZIO TRIENNIO 2015 2017 Approvato con Delibera

Dettagli

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo

COMUNE di TORTORETO Provincia di Teramo UFFICIO PERSONALE OGGETTO: Attribuzione alla Dr.ssa MARINA MARCHEGIANI Responsabile del Settore N. 6 Bilancio-ragioneria-economato-tributi-farmacia-informatizzazione di compiti e funzioni di cui all articolo

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO

Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO Allegato 3) alla deliberazione di Giunta Comunale n. 108 del 1.8.2013,,, COMUNE DI BOMPORTO PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015 PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE 2013-2015

Dettagli

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008)

U.O. Sistema Informativo e Automazione. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) COMUNE DI RAVENNA U.O. Sistema Informativo e Automazione Lett. a. Misure finalizzate al contenimento della spesa (Art. 2 commi 594-599 della L. 244/2007 Legge Finanziaria 2008) La Legge Finanziaria 2008

Dettagli

AREA N.2 AREA DI PROCEDIMENTO

AREA N.2 AREA DI PROCEDIMENTO AREA DI PROCEDIMENTO PROCEDIMENTI AFFIDAMENTI INCARICHI TECNICI PROGETTAZIONE PRELIMINARE FASI AREA N.2 LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO * Predisposizione del bando (quando necessario); * Predisposizione della

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

DELIBERA N. 183 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERA N. 183 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 183 COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: SERVIZIO DI GESTIONE ENERGETICA DI ALCUNI EDIFICI E BENI COMUNALI AI FINI DEL MIGLIORAMENTO EFFICIENZA ENERGETICA ED APPROVAZIONE

Dettagli

Il sistema di valutazione

Il sistema di valutazione Il sistema di valutazione Allegato B del documento Piano della performance Comune di Polpenazze del Garda Valutazione Premessa Dalla delibera Civit 89/2010 estraiamo la definizione di performance, ovvero

Dettagli

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI

I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI I^ AREA - SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZIO AFFARI GENERALI Protocollo - Notifiche Centralino telefonico - Vice Segreteria Generale Deliberazioni e Determine - URP Informazione Albo Online Presidenza del

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO

PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO G.C. N. 103 DEL 05.08.2008 PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO ART. 2, COMMI 594 E SEGG. LEGGE 244/2007 (Legge Finanziaria

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE

PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE COMUNE DI MACERATA FELTRIA PU PIANO TRIENNALE 2014-2016 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 DEL 27/08/2014 Ai sensi dell art. 2 comma

Dettagli

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012

COMUNE DI BALLAO ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 COMUNE DI BALLAO Piazza E. Lussu n.3 ~ 09040 Ballao (Cagliari) ~ 070/957319 ~ Fax 070/957187 C.F. n.80001950924 ~ P.IVA n.00540180924 ~ c/c p. n.16649097 ALLEGATO ALLA DELIBERA G.C. N.11/06.04.2012 PIANO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2

P I A N O D E G L I S T A N D A R D A N N O 2 0 1 2 Numero : 01 Settore: AFFARI GENERALI E PIANIFICAZIONE SEGRETERIA E ORGANI COLLEGIALI Predisposizione informatizzata e relativa trasmissione agli uffici competenti delle proposte di delibere di giunta e

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno

COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno COMUNE DI CAPRAIA ISOLA Provincia di Livorno DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO N. 9 SEDUTA DEL 25/03/2011. C O P I A OGGETTO: Approvazione piano triennale 2011-2013 per razionalizzazione utilizzo

Dettagli

COMUNE DI SAINT DENIS

COMUNE DI SAINT DENIS COMUNE DI SAINT DENIS PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione online da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune 2015 /

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO

PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO PIANO TRIENNALE 2013-2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FINANZIAMENTO Premessa La Legge n. 244 del 24.12.2007 (legge finanziaria 2008)all articolo 2, commi 594 e seguenti, prevede

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato

REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI. Art. 1 - Oggetto del servizio associato REGOLAMENTO GESTIONE ASSOCIATA SERVIZIO TRIBUTI Art. 1 - Oggetto del servizio associato 1. La gestione associata del servizio tributi, realizzata attraverso una struttura di coordinamento operativo a supporto

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI CANTALUPA Area Economico Finanziaria (Ragioneria Tributi - Gestione contabile del personale) C.A.P. 10060 CANTALUPA (TO) - Via Chiesa n. 43 - C.F. 01689900015 Sito: www.comune.cantalupa.to.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ROMANO CANAVESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L

Dettagli

ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI

ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI ALLEGATO B) COMUNE DI NUORO COMPETENZE DEI SETTORI Allegato alla Deliberazione della Giunta Comunale n 265 del 23.12.2003 Uffici di staff al sindaco Gabinetto del Sindaco Programmazione, innovazione e

Dettagli

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO 15 16 PROGETTO 2.1: TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE ATTIVA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Ascolto attivo e citizen satisfaction indicatori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009

PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 PROGRAMMAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA 2009 Nel complesso quadro normativo di riferimento della programmazione e previsione economico-finanziaria degli enti locali, predisporre il bilancio di previsione

Dettagli

COMUNE DI MOMPANTERO

COMUNE DI MOMPANTERO COMUNE DI MOMPANTERO C.A.P. 10059 - PROVINCIA DI TORINO P.zza Giulio Bolaffi n. 1 - Tel. 0122 622323 - Fax 0122 629427 P. IVA 01919130011 - C.F. 86501190010 PIANO INFORMATIZZAZIONE delle procedure per

Dettagli

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA

PUNTO 1 CRITERI DI GESTIONE E RAZIONALIZZAZIONE DELLE DOTAZIONI DI TELEFONIA Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento di cui all art. 2, commi dal 594 al 599 della legge finanziaria 2008 (L. 244/2007) per il triennio 2011-2013. Premessa In un apparato amministrativo

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE

PIANO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI INFORMATICHE E DELLA TELEFONIA - RELAZIONE ANNUALE PREMESSA In ottemperanza a quanto stabilito con Delibera di Giunta n. 18 del 13/01/2009, con la quale è stato approvato il Piano per la razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per gara ufficiosa Col.1 Col.2 Col.3

Dettagli

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI RUFINA (Provincia di Firenze) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Adottato dalla Giunta Municipale con deliberazione n. 6 del 30.01.2014, dichiarata immediatamente eseguibile

Dettagli

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS

PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS PROVINCIA DI COMO SERVIZIO PROTEZIONE CIVILE FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A COMUNI PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIDUZIONE DEL RISCHIO

Dettagli

n. pc acquistati a fine 2009 ed in corso di attivazione nel 2010 Affari generali 14 0 10 1 1 Culturale 13 0 5 2

n. pc acquistati a fine 2009 ed in corso di attivazione nel 2010 Affari generali 14 0 10 1 1 Culturale 13 0 5 2 PREMESSA In ottemperanza a quanto stabilito con Delibera di Giunta n. 18 del 13/01/2009, con la quale è stato approvato il Piano per la razionalizzazione dell utilizzo delle dotazioni strumentali informatiche

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010

RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 LE NORME RICOGNIZIONE SPESE FUNZIONAMENTO STRUTTURE 2009 DI CUI AL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE TRIENNIO 2008-2010 La legge n. 244 del 24.12.2007 (finanziaria 2008), in particolare ai commi da 594 a 598

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO COMUNE DI ORGIANO ALLEGATO PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA RELATIVA ALLE DOTAZIONI STRUMENTALI TRIENNIO 2011 2012-2013 ai sensi dell art. 2 commi da 594 a 595 Legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

Comune di Pontassieve

Comune di Pontassieve Comune di Pontassieve PIANO TRIENNALE 2013-2015 PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E DELL ILLEGALITA. PRIME MISURE ALLEGATO 1 MAPPATURA DEI RISCHI Legenda Rischio 1: Basso Rischio 2: Medio basso Rischio

Dettagli

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ALLEGATO A AL REGOLAMENTO COMUNALE PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI TIPOLOGIA DESCRIZIONE esemplificativa Limite importo per affid. diretto Limite importo per procedura di cottimo fiduciario

Dettagli

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio

Indice. il contesto. i tagli. le tasse comunali. le linee guida. il bilancio Indice il contesto i tagli le tasse comunali le linee guida il bilancio 02 La crisi: meno risorse, meno investimenti, più domanda di servizi 03 La finanza dei comuni dal 2008 ad oggi: meno risorse, meno

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE

BILANCIO DI PREVISIONE Comune di Cernusco Lombardone BILANCIO DI PREVISIONE ANNO 2015 al 19 maggio 2015 www.comune.cernuscolombardone.lc.it BILANCIO COME FUNZIONA Il bilancio di previsione del Comune risulta in pareggio: il

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO

PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO PROGRAMMA N. 2: PER L INNOVAZIONE E IL LAVORO 17 18 PROGETTO 2.1: TRASPARENZA E PARTECIPAZIONE ATTIVA OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2014-2016 Titolo obiettivo 1: Ascolto attivo e citizen satisfaction indicatori

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6

P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 Comune di Sospirolo P r o v i n c i a d i B e l l u n o l o c. Ca p o l u o g o, n. 1 0 5 3 2 0 3 7 S o s p i r o l o P. I. 0 0 1 6 4 1 1 0 2 5 6 PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Piazza Marconi, 1 C.A.P. 10010 - PROVINCIA DI TORINO Tel. 0125/72154 - Fax 72190 http://www.comune.piverone.to.it Cod. fisc. 84001150014 E-mail : comune.piverone@comune.piverone.to.it

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI CORTANDONE Provincia di Asti RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA DA ALLEGARSI AL BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PREMESSA Il Comune di Cortandone ha una popolazione residente al 31/12/2013 di

Dettagli

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011

ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 ALLEGATO 2 A DELIBERAZIONE N. 24 DEL 29/04/2011 RELAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE DI SERVIZIO E DEI BENI IMMOBILI

Dettagli

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI

PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI COMUNE DI MAGIONE PROVINCIA DI PERUGIA Piazza Fra Giovanni da Pian di Carpine, 16 06063 Magione C.F./P.I.. 00349480541 - Tel. 075/847701 - Fax 075/8477041 AREA SEGRETERIA GENERALE PIANO DI RAZIONALIZZAZIONE

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594

PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Approvato con delibera G.C. n. 101 del 26/10/2009 PIANO TRIENNALE PER LA RAZIONALIZZAZIONE DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO Legge 244 del 24.12.2007 art. 2 comma 594 Premessa La legge n. 244 del 24.12.2007

Dettagli

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione

Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Progetto Calore Pulito 2010 - Linee guida per l informatizzazione Premessa Ad oggi le procedure di informatizzazione, con inserimento manuale dei dati di controllo degli impianti termici, regolate attraverso

Dettagli

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI AGAZZANO PROVINCIA DI PIACENZA PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DEI BENI E DELLE STRUTTURE COMUNALI 2010 2012 Art. 2 commi 594 e seguenti della Legge 244/2007 ( Legge Finanziaria 2008

Dettagli

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013

COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Allegato alla delib. G.C. n. 118/2013 COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese SEGRETERIA GENERALE PIANO DELLE RISORSE E DEGLI OBIETTIVI ESERCIZIO 2013 Il Piano delle Risorse e degli Obiettivi viene adottato

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento

Servizi di staff Personale Uffici Personale Competenze esemplificative di procedimento Amministrazione trasparente art. 13, comma 1, lett. b) D.Lgs. n. 33/2013 Articolazione degli uffici, competenze e risorse a disposizione di ciascun ufficio La struttura organizzativa degli Uffici dell

Dettagli

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD)

Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) COMUNE DI VIGONZA PROVINCIA DI PADOVA www.comune.vigonza.pd.it Piano delle Performance del Comune di Vigonza (PD) 2012-2014 Il Piano, sulla base dei principi del Ciclo delle Performance comunale si articola

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato

SOMMARIO. Presentazione Il progetto Il risultato SOMMARIO Presentazione Il progetto Il risultato PARTE I - Identità Le origini del nome La storia Ragusa patrimonio dell umanità Le persone Il territorio L amministrazione - Gli organi di governo - La struttura

Dettagli

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA

Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA Comune di Parella PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI PARELLA INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... 8 D) ALLEGATI...

Dettagli

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare

Indicatori: A seconda delle caratteristiche di ogni singolo obiettivo si possono individuare SCHEDA N 16 CENTRO DI RESPONSABILITA SETTORE POLIZIA MUNICIPALE RESPONSABILE GIAN LUIGI BERNARDI PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE Centro di costo e ricavo SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE ESERCIZIO FINANZIARIO 2013

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970

CURRICULUM VITAE. Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO. Data di nascita 13 febbraio 1970 CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome Luciana MELLANO Data di nascita 13 febbraio 1970 Responsabile Area Tecnica e Tecnico Manutentiva del Comune di Lombardore (posizione D2) Tel. Ufficio:

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA) BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO ENTRATE COMUNE DI BRUGHERIO - ESERCIZIO 2012 BILANCIO DI PREVISIONE PARTE I - ENTRATA Valuta: EURO Pag.1

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE

PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE PIANO TRIENNALE 2011/2013 PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DI ALCUNE SPESE DI FUNZIONAMENTO DELLE STRUTTURE art. 2, commi 594 e seguenti della l. finanziaria 2008 I commi

Dettagli

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE

COMUNE DI CASSANO VALCUVIA Provincia di VARESE INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE AL CONTENIMENTO DELLE SPESE DI FUNZIONAMENTO (Art. 2, commi 594/598 della legge 24/12/2007 n. 244) PIANO TRIENNALE 2011 2013 Vista la Legge 244/2007 (Finanziaria 2008)

Dettagli

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte

Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Zonizzazione acustica comunale Regione Piemonte Preparato da Fulvio Bartolucci Area Sicurezza&Ambiente Data 11 Giugno 2002 Sommario 1. Premessa 2 2. Riferimenti normativi 2 3. Definizioni 4 3.1 Le Zone

Dettagli