La gestione dei rifiuti agricoli

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dei rifiuti agricoli"

Transcript

1 La gestione dei rifiuti agricoli Note operative «Attività di informazione anno 2008 che è stata oggetto di richiesta di finanziamento sulla misura 111 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia, cofinanziato dall'unione Europea attraverso il FEARS»

2 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 152/2006 e successive modifiche

3 Cosa rientra nel campo di applicazione dei rifiuti Qualsiasi sostanza od oggetto che rientra nelle categorie espressamente stabilite dal legislatore Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore: si disfi abbia deciso di disfarsi abbia l obbligo di disfarsi. 3

4 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Cosa non rientra nel campo di applicazione dei rifiuti Alcune sostanze sono escluse dal campo di applicazione dei rifiuti e pertanto non devono soggiacere alle prescrizioni previste dalla normativa sui rifiuti. Per le aziende agricole, in quanto disciplinati da altre disposizioni normative, sono in particolare esclusi: Le acque di scarico (eccettuato i rifiuti allo stato liquido): in tal caso si applica la disciplina sugli scarichi; le carogne e le materie fecali (letame, liquame..: in tal caso si applica la disciplina regionale sulla produzione, trattamento, stoccaggio e utilizzo dei reflui zootecnici) ed altre sostanze naturali e non pericolose utilizzate nell attività agricola; i materiali vegetali, le terre e il pietrame, non contaminati in misura superiore ai limiti stabiliti dalle norme vigenti, provenienti dalle attività di manutenzione di alvei di scolo ed irrigui; 4

5 I sottoprodotti esclusi dalla normativa sui rifiuti Alcune sostanze possono rientrare tra i sottoprodotti che il legislatore esclude dalla normativa sui rifiuti. I sottoprodotti sono le sostanze ed i materiali dei quali il produttore non intende disfarsi e che soddisfino tutti i seguenti requisiti e condizioni: 1) siano originati da un processo non direttamente destinato alla loro produzione; 2) il loro impiego sia certo, sin dalla fase della produzione, integrale ed avvenga direttamente nel corso del processo di produzione o di utilizzazione preventivamente individuato e definito; 3) soddisfino i requisiti merceologici e di qualità ambientale idonei a garantire che il loro impiego non dia luogo ad emissioni inquinanti e ad impatti ambientali qualitativamente e quantitativamente diversi da queli autorizzati per l impianto dove sono destinati ad essere utilizzati; 5

6 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI 4) non debbano essere sottoposti a trattamenti preventivi o a trasformazioni preliminari per soddisfare i requisiti merceologici e di qualità ambientali ma posseggano tali requisiti sin dalla fase di produzione; 5) abbiano un valore economico di mercato. Il legislatore espressamente stabilisce che possono rientrare tra i sottoprodotti, purchè vengano rispettate tutte le condizioni di cui ai punti da 1 a 5, le seguenti sostanze: materiali fecali e vegetali provenienti da attività agricole utilizzati nelle attività agricole o in impianti aziendali o interaziendali per produrre energia o calore o biogas; materiali litoidi o terre da coltivazione, anche sotto forma di fanghi provenienti dalla pulizia o dal lavaggio di prodotti agricoli e riutilizzati nelle normali pratiche agricole e di conduzione dei fondi; eccedenze derivanti dalle preparazioni di cibi solidi, cotti o crudi, destinate, con specifici accordi, alle strutture di ricovero di animali di affezione. 6

7 Classificazione dei rifiuti speciali agricoli I rifiuti provenienti dall attività agricola vengono classificati in: non pericolosi pericolosi potenzialmente infetti Si considerano non pericolosi i rifiuti costituiti da: imballaggi di carta, plastica, vetro o misti che non contengono residui di sostanze pericolose o contaminate da esse. (es. teloni per la copertura degli insilati, per la fasciatura delle rotoballe, per la pacciamatura, rete, spago delle rotoballe, imballaggi in genere non contaminati etc..).; materiali ferrosi Si considerano pericolosi i rifiuti costituiti da: oli esausti da motore ed ingranaggi batterie al piombo; filtri dell olio; 7

8 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI contenitori vuoti di sostanze pericolose (es; medicinali, vaccini ad antigene spento, antiparassitari, diserbanti.) Si considerano potenzialmente infetti i seguenti rifiuti: contenitori vuoti di vaccini ad antigene vivo; materiale ed oggetti che hanno avuto contatto biologico con gli animali ad es: cannule da fecondazione, aghi, siringhe, tamponi, garze etc..) Deposito temporaneo I rifiuti vanno raggruppati suddivisi per categorie omogenee all interno del luogo di produzione (azienda agricola) con modalità tali da impedirne la dispersione, l inquinamento del suolo e delle acque, inconvenienti igienico-sanitario in genere, danni a cose o persone. I rifiuti di diversa tipologia non devono essere miscelati tra loro né i rifiuti pericolosi possono essere miscelati con i rifiuti non pericolosi. Il deposito temporaneo deve essere realizzato nel luogo in cui vengono prodotti i rifiuti e può essere costituito da un magazzino o una tettoia con pavimento impermeabilizzato e coperto. Non è consentito il trasporto di rifiuti da un sito produttivo all altro. 8

9 Le operazioni di smaltimento e/o recupero del rifiuto I rifiuti devono essere recuperati o smaltiti senza pericolo per la salute dell uomo e senza determinare pregiudizi all ambiente. Pertanto ogni azienda produttrice ha l obbligo di gestire i propri rifiuti in sicurezza garantendo il corretto smaltimento o recupero. I rifiuti pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o smaltimento secondo due modalità alternative a scelta del produttore: 1) CON CADENZA TRIMESTRALE, indipendentemente dalle quantità in deposito; 2) quando il quantitativo di rifiuti in deposito raggiunga la quantità di 10 metri cubi. 3) ENTRO L ANNO allorchè il quantitativo di rifiuti in deposito non raggiunga la quantità di 10 metri cubi. NB: il produttore che non supera mai i 10 mc di rifiuti pericolosi e i 20 mc di rifiuti non pericolosi deve avviare i rifiuti allo smaltimento/recupero comunque entro l anno dalla produzione. 9

10 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI I rifiuti non pericolosi devono essere raccolti ed avviati alle operazioni di recupero o smaltimento secondo due modalità alternative a scelta del produttore: 1) CON CADENZA ALMENO TRIMESTRALE indipendentemente dalle quantità in deposito; 2) quando il quantitativo di rifiuti non pericolosi in deposito raggiunga i 20 metri cubi 3) ENTRO L ANNO allorchè il quantitativo di rifiuti in deposito non raggiunga la quantità di 20 metri cubi I rifiuti potenzialmente infetti devono essere raccolti e avviati alle operazioni di recupero/smaltimento secondo due modalità operative: Entro 30 giorni dalla produzione, se il quantitativo è inferiore ai 200 lt. Entro 5 giorni dalla produzione, se il quantitativo supera i 200 lt. 10

11 Il trasporto dei rifiuti La normativa, a determinate condizioni, consente ai produttori iniziali di raccogliere e TRASPORTARE IN PROPRIO i rifiuti aziendali prodotti. L azienda agricola (in qualità di produttore iniziale) può: trasportare i propri rifiuti non pericolosi in qualsiasi quantità; trasportare i propri rifiuti pericolosi in quantità non eccedente i 30 kg/lt al giorno. L azienda che effettua il trasporto dei propri rifiuti non pericolosi e dei propri rifiuti pericolosi nelle quantità sopra precisate, a condizione che tali operazioni costituiscano parte integrante ed accessoria dell organizzazione dell impresa dalla quale i rifiuti sono prodotti, è tenuta: ALLA COMUNICAZIONE ALLA SEZIONE REGIONALE DELL AL- BO GESTORI AMBIENTALI CON PROCEDURA SEMPLIFICATA AD ACCOMPAGNARE IL RIFIUTO CON IL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO. 11

12 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI La comunicazione all Albo Gestori Ambientali I produttori iniziali dei rifiuti che trasportano in proprio i rifiuti generati dalla propria attività (nei limiti prima evidenziati) sono tenuti ad effettuare una comunicazione alla sezione regionale competente dell Albo Gestori Ambientali. L Albo Gestori Ambientali della Regione Lombardia è tenuto presso la Camera di Commercio di Milano. Con la comunicazione l interessato attesta sotto la sua responsabilità: La sede dell impresa, l attività o le attività dai quali sono prodotti i rifiuti; Le caratteristiche, la natura dei rifiuti prodotti; Gli estremi identificativi e l idoneità tecnica dei mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti, tenuto anche conto delle modalità di effettuazione del trasporto medesimo; Il versamento del diritto annuale di registrazione che in fase di prima applicazione è determinato nella somma di 50,00 euro all anno ed è rideterminabile L Albo rilascia il relativo provvedimento che attesta la comunicazione entro i successivi 30 giorni. 12

13 Gli obblighi documentali a carico delle aziende agricole RIFIUTI PERICOLOSI: le aziende produttrici di rifiuti pericolosi sono tenute a: Registrare la produzione e l avvio alle operazioni di messa in riserva, smaltimento o recupero del rifiuto sul REGISTRO DI CARICO E SCARICO DEL RIFIUTO. Iscrizione all ALBO GESTORI AMBIENTALI qualora effettuino in proprio il trasporto di rifiuti pericolosi presso soggetti autorizzati alla gestione, purchè il trasporto non ecceda i 30 lt/kg giorno. Accompagnare sempre il trasporto dei rifiuti con il FORMU- LARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO. Conservare per cinque anni i FORMULARI DI IDENTIFICA- ZIONE DEL RIFIUTO. Procedere alla DENUNCIA ANNUALE AMBIENTALE (MUD) presso la Camera di Commercio di competenza. NB: Sono esclusi dalla tenuta del Registro di Carico e scarico del rifiuto e dal MUD gli imprenditori agricoli con un volume di affari annuale inferiore a Euro. 13

14 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI RIFIUTI NON PERICOLOSI. Le aziende produttrici di rifiuti non pericolosi son tenute a: Iscriversi all ALBO GESTORI AMBIENTALI qualora effettuino il trasporto dei propri rifiuti in qualsiasi quantità come attività ordinaria e regolare; Accompagnare il trasporto dei rifiuti con il FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE DEL RIFIUTO; Conservare per cinque anni i FORMULARI DI IDENTIFICA- ZIONE DEL RIFIUTO. 14

15 SINTESI ADEMPIMENTI Dove tenere il registro Chi ha l obbligo di tenuta del registro Chi è escluso dalla tenuta del registro Come possono tenere il Registro le aziende con produzione che non eccede: 10 t.di rifiuti non Pericolosi 2 t.di rifiuti Pericolosi Quando deve essere annotato il Registro Presso la sede aziendale in cui si produce il rifiuto L azienda che produce rifiuti agricoli pericolosi Le aziende che producono rifiuti non pericolosi. Le aziende con volume di affari inferiore a 8 mila annui Possono adempiere all obbligo della tenuta dei registri anche tramite le loro Associazioni di Categoria o le rispettive Società di Servizi le quali provvedono ad annotare i dati previsti con cadenza mensile mantenendo presso la sede dell impresa produttrice copia dei dati trasmessi Se il registro è tenuto in azienda dal produttore entro 10 giorni dalla produzione e dallo scarico del rifiuto; Se il registro è delegato all organizzazione agricola di appartenenza entro 30 gionri dalla produzione e dallo scarico del rifiuto Dove vidimare il Registro Quanto tempo devo conservare il Registro Chi deve fare il formulario Il registro va vidimato presso la Camera di Commercio territorialmente competente Per almeno 5 anni dalla data dell ultima registrazione Tutti coloro che effettuano il trasporto dei propri rifiuti 15

16 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Chi è escluso dal formulario Chi deve emettere il formulario Dove vidimare il formulario Dove registrare il formulario In quante copie deve essere redatto il formulario Quanto tempo bisogna conservare il formulario Coloro che trasportano rifiuti non pericolosi effettuato in modo occasionale e saltuario in quantità non eccedenti i 30 kg/lt Il produttore dei rifiuti oppure il soggetto che effettua il trasporto Il formulario va vidimato presso: ufficio del registro camera di commercio Il formulario deve essere annotato sul Registro Iva Acquisti (registrazione fattura acquisto del Formulario) In quattro copie che devono essere: datate e firmate dal produttore firmate dal trasporatore La prima copia resta al produttore. Le altre tre copie sono acquisite dal trasportatore e controfirmate e datate in arrivo dal destinatario. Di queste una copia deve essere restituita all azienda agricola produttrice entro 3 mesi. 5 anni Chi deve fare il MUD I produttori di rifiuti pericolosi ; Dove fare il MUD Quando fare il MUD Presso la Camera di Commercio in cui ha sede produttiva dei rifiuti Entro il 30 aprile di ogni anno 16

17 Modalità di stoccaggio in azienda dei rifiuti agricoli I sacchetti delle sementi sono considerati rifiuti pericolosi in quanto le sementi sono trattate con sostanze chimiche. I sacchetti vuoti devono essere legati e ridotti di volume (il costo di smaltimento/recupero è determinato in funzione dei mc. conferiti) I rifiuti provenienti dall attività di assistenza veterinaria devono essere stoccati in appositi contenitori separando i contenitori vuoti dei medicinali dai rifiuti potenzialmente infetti (vaccini vivi, aghi, garze, cannule da fecondazione etc ). Per lo stoccaggio dei potenzialmente infetti le aziende di recupero/maltimento forniscono appositi contenitori a forma di un secchiello per le siringhe e di scatola per i contenitori vuoti, garze, oggetti da taglio). Possono assimilarsi ai rifiuti non pericolosi i contenitori vuoti dei fitofarmaci e diserbanti bonificati. La bonifica consiste nel risciacquo dei contenitori per almeno tre volte, con re- 17

18 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI cupero dell acqua di lavaggio nell operazione colturale. I contenitori, privi di residui, vanno ridotti di volume, inseriti in sacchi impermeabili e trasparenti, chiusi e sigillati. I sacchetti dovranno riportare un etichetta con indicato: ragione sociale dell azienda e indirizzo. La responsabilità della corretta bonifica è a carico dell azienda agricola. Le batterie non devono presentare rotture che permettano la fuoriuscita di liquido. In tal caso devono essere smaltite in contenitori a tenuta, in plastica o imballaggi non attaccabili dall acido. Le batterie devono comunque essere stoccate in locali chiusi con fondo inattaccabile dagli acidi. L olio esausto che deriva dalla manutenzione di motori, trasmissioni, ingranaggi e circuiti idraulici non deve essere miscelato con acqua o altre emulsioni. Gli oli di diversa natura non devono essere miscelati tra loro. Gli oli devono essere stoccati in contenitori a tenuta in metallo o plastica con bacino di contenimento a garanzia di eventuale fuoriuscita. 18

19 I filtri dell olio devono essere sgocciolati dall olio e smaltiti in contenitori a tenuta per prevenire eventuale dispersione del prodotto. I contenitori di fitofarmaci non bonificati dovranno essere, nel limite del possibile, schiacciati e ridotti di volume e, se dotati di tappo di chiususa, debitamente chiusi. Dovranno essere raccolti negli appositi sacchi chiusi e sigillati. I fusti da 20 lt. potranno essere smaltiti non imballati. 19

20 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI

21 Promemoria per l azienda agricola CHI PRODUCE RIFIUTI PERICOLOSI È OBBLIGATO AL- LA TENUTA DEL REGISTRO DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI E ALLA COMPILAZIONE DEL MUD. SE IL COMUNE HA ASSIMILATO I RIFIUTI AGRICOLI NON PERICOLOSI AI RIFIUTI URBANI E CONSENTE ALL AZIENDA AGRICOLA DI CONFERIRE I RIFIUTI ALL I- SOLA ECOLOGICA, L AZIENDA DOVRA COMUNQUE: 1. FARE LA COMUNICAZIONE ALL ALBO DEI TRA- SPORTATORI; 2. TRASPORTARE IL RIFIUTO ACCOMPAGNATO DAL FORMULARIO DI IDENTIFICAZIONE (FATTA SALVA L IPOTESI DI TRASPORTO OCCASIONALE AL DI SOTTO DEI 30 KG/LT GIORNO). 21

22 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI QUALORA L AZIENDA AGRICOLA EFFETTUI IL CAM- BIO DELL OLIO E DELLE BATTERIE PRESSO LE OFFICI- NE AUTORIZZATE È CONSIGLIABILE CHE L AZIENDA CONSERVI LE RELATIVE FATTURE DA ESIBIRE ALL OR- GANO DI CONTROLLO. L OLIO ESAUSTO, LE BATTERIE E I RIFIUTI IN POLIETI- LENE PULITI DEVONO ESSERE CONFERITI OBBLIGA- TORIAMENTE ALLE AZIENDE CONCESSIONARIE DEI RISPETTIVI CONSORZI. IL RITIRO DEI RIFIUTI È GRA- TUITO. L AZIENDA AGRICOLA CHE AFFIDA L INCARICO A SOGGETTI TERZI PER LO SMALTIMENTO E/O RECUPE- RO DOVRA ACCERTARE CHE L AZIENDA AFFIDATA- RIA SIA MUNITA DI REGOLARE AUTORIZZAZIONE AL- LA GESTIONE DEL RIFIUTO 22

23 L AZIENDA AGRICOLA DOVRA TENERE A DISPOSI- ZIONE DEGLI ORGANI DI CONTROLLO: EVENTUALI CONVENZIONI CHE AFFIDANO IL TRA- SPORTO DI RIFIUTI A DITTE TERZE; IL REGISTRO DI CARICO E SCARICO DEI RIFIUTI OP- PURE COPIA DEI DATI INOLTRATI ALLA ORGANIZ- ZAZIONE DI APPARTENENZA DELEGATA ALLA TE- NUTA DEL REGISTRO (ULTIMI 5 ANNI); I FORMULARI RILASCIATI DAI TRASPORTATORI O EMESSI DALLA STESSA AZIENDA COMPRESE LE RI- SPETTIVE IV COPIE INVIATE DAL GESTORE FINALE DEL RIFIUTO (ULTIMI 5 ANNI); COPIA DEI MUD INOLTRATI ALLA CAMERA DI COMMERCIO (ULTIMI 5 ANNI) 23

24 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Tabella codici rifiuti pericolosi Codice C.E.R. Descrizione Batterie al piombo Altri oli per motori, ingranaggi e lubrificante Rifiuti che devono essere raccolti e smaltiti applicando precauzioni particolari per evitare infezioni (potenzialmente infetti) es.: contenitori vuoti di vacini vivi, cannule da fecondazione, guanti, aghi, siringhe, garze, etc Imballaggi contenenti residui di sostanze pericolose o contaminate da talì sostanze (es.: sacchi vuoti di sementi se trattate, contenitori vuoti di diserbanti, fitofarmaci e medicinali compresi i vacini ad antigene spento) Filtri dell olio Lampade al neon Scarti di olio minerale per motori, ingranaggi e lubirificazione, non clorurati Veicoli fuori uso 24

25 Stato fisico Solido non polverulento Liquido Solido non polverulento Classi di pericolosità H5, H6, H8, H13 H4, H5, H14 H9 Solido non polverulento H4, H5 Solido polverulento Solido non polverulento Liquido H14 H3A, H3B, H5, H6, H13, H14 H4, H5, H14 Solido polverulento H14 25

26 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Un ipotesi di compilazione del registro di carico e scarico dei rifiuti 26

27 27

28 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI

29 Domanda di iscrizione Albo gestori ambientali 29

30 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI 30

31 31

32 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI 32

33 33

34 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI 34

35 Come compilare la domanda La domanda è scaricabile dal sito ufficiale e va compilata in tutte le sue parti e spedita e/o consegnata alla Camera di Commercio di Milano. La domanda si compone di due parti: Principale in cui vengono indicati i dati identificativi dell azienda che chiede l iscrizione, l attività svolta, i rifiuti che vengono prodotti per lo svolgimento dell attività dichiarata nonché i mezzi utilizzati per il trasporto dei rifiuti. Intercalare P (solo per le società) in cui vengono indicati i dati identificativi dei soci facenti parte la compagine sociale dell azienda agricola. La domanda deve essere firmata in originale dal legale rappresentante e/o titolare, mentre gli intercalari P devono essere firmati dai soci. Alla domanda deve essere applicata una marca da bollo da Euro 14,62. e dovranno essere allegate le carte d identità delle persone che hanno firmato la domanda e gli intercalari P. 35

36 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Contestualmente dovrà essere effettuato il versamento del diritto annuale relativo all anno in cui si chiede l iscrizione, allegando l attestazione alla domanda. Il versamento di Euro 50,00 dovrà essere effettuato sul c/c postale n intestato a: ALBO GESTORI AMBIENTALI REGIONE LOMBARDIA Il versamento del diritto annuale dovrà essere versato entro e non oltre il 30 aprile di ogni anno. Il mancato versamento comporta la decadenza della comunicazione. La domanda completa di tutti gli allegati dovrà essere spedita per raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: ALBO GESTORI AMBIENTALI Via Meravigli, 9B MILANO (MI) 36

37

38 LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI NOTE: 38

39 NOTE: 39

40 Tip. M. Squassina - Brescia - giugno Milano - Viale Isonzo 27 tel fax

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento

MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Normativa di Riferimento MANUALE DI BUONA PRASSI PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Normativa di Riferimento La normativa di riferimento in materia di gestione di rifiuti è il Codice dell ambiente, DLgs 152/2006 e successive

Dettagli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli

ARPA FVG. Gestione dei rifiuti agricoli ARPA FVG Gestione dei rifiuti agricoli SOC Dipartimento Provinciale di Pordenone ARPA FVG Palmanova - Italy dott. Elena Della Donna Deposito temporaneo Sommario: Raccolta e smaltimento dei contenitori

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti fitosanitari GESTIONE DEI RIFIUTI Parte IV del D.lgs 152/2006 Norme in materia di gestione dei rifiuti RIFIUTO: qualsiasi

Dettagli

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI

CLASSIFICAZIONE RIFIUTI CLASSIFICAZIONE RIFIUTI Decreto legislativo n. 152/2006 parte IV gestione dei rifiuti la Parte quarta del d. lgs. n. 152/2006 è una sorta di rivisitazione del d.lgs. n. 22/1997 che, senza nemmeno alterarne

Dettagli

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE ASSESSORATO TERRITORIO E AMBIENTE Servizio tutela delle acque dall inquinamento e gestione dei rifiuti MANUALE PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI DALLE ATTIVITA AGRICOLE Marzo 2014 Il 29 aprile 2006

Dettagli

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI)

CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) CIA ( CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI) TIPOLOGIE DI RIFRIUTO PRODOTTE NELLE ATTIVITA AGRICOLE E CORRETTE MODALITA DI SMALTIMENTO SIG. EVASIO SEBASTIANELLI Con il Decreto Legislativo n. 22/97 (meglio

Dettagli

Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri

Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri WORK SHOP L ATTIVITA DI CONTROLLO PRESSO LE AZIENDE ZOOTECNICHE SOGGETTE AIA (IPPC 6.6) Adempimenti documentali rifiuti Formulari-Registri-MUD-Sistri Milano, 11/12 novembre 2015 ARPA Lombardia - Settore

Dettagli

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003

L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI. Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 L ESPERIENZA TOSCANA NELLA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI AGRICOLI Marco Buzzichelli A.R.R.R. Spa Piediripa di Macerata, 27 maggio 2003 Delibera del Consiglio Regionale della Toscana n. 385 del 21 dicembre

Dettagli

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08

Mi Rifiuto. Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Mi Rifiuto Azioni in Comune per risolvere il problema dei rifiuti. Atti del Convegno 21 aprile 08 Giuseppe CONCARO La gestione dei rifiuti agricoli Ecologos Via M. Buniva 8 10124 Torino Tel 011.19707846

Dettagli

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea

Flavio Balestri. Le imprese e la gestione dei rifiuti. Servizio Ambiente Cna Bologna. Cosa cambia con la nuova direttiva europea Le imprese e la gestione dei rifiuti Cosa cambia con la nuova direttiva europea giovedì 9 luglio 2009 Sala Conferenze CNA Bologna Flavio Balestri Servizio Ambiente Cna Bologna Con il contributo 1 Lo stato

Dettagli

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari

La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari La gestione dei rifiuti derivanti dai prodotti fitosanitari SAURO SACCHETTI Servizio Rifiuti e Bonifica Siti Regione Emilia-Romagna pag. 1 di 20 NORMATIVA NAZIONALE: D.Lgs. 152/2006 (1 di 4) Definizioni

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED.

Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto Landcare MED. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Considerazioni sulla normativa vigente sulla gestione dei rifiuti rurali: lezione appresa nell ambito del progetto

Dettagli

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale

Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Impatto ambientale delle aziende agricole ed illustrazione delle norme di natura ambientale Come ogni attività umana l agricoltura crea un impatto sull ambiente derivante da tutte le attività svolte in

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE

NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE 23 Aprile 2015 NORMATIVA DI RIFERIMENTO DEL SETTORE C&D E PROCEDURE PER UNA CORRETTA GESTIONE dott. Roberto Spaggiari Reggio Emilia I RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE La norma di riferimento per la

Dettagli

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI

SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI SERVIZIO DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI AGRICOLI INTRODUZIONE Per accedere al servizio di raccolta rifiuti agricoli è necessario stipulare una convenzione con Alisea Spa. Tale convenzione

Dettagli

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE

SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE SFALCI E POTATURE SONO RIFIUTI O SOTTOPRODOTTI? Inquadramento normativo corretto ai fini del contributo GSE 1 Sommario: - nel documento che segue vengono evidenziate le importanti modifiche introdotte

Dettagli

Adempimenti ambientali lavanderie

Adempimenti ambientali lavanderie Adempimenti ambientali lavanderie Guida pratica Con questa guida, Arpa Umbria intende fornire, a quelle piccole imprese che per le loro dimensioni spesso non hanno personale interno specializzato nella

Dettagli

Rifiuti agricoli 10. risposte per conoscere la via più sicura, veloce ed economica per la gestione dei rifiuti. CONTRATTO DI PROGRAMMA

Rifiuti agricoli 10. risposte per conoscere la via più sicura, veloce ed economica per la gestione dei rifiuti. CONTRATTO DI PROGRAMMA CONTRATTO DI PROGRAMMA della Provincia di Rimini Rifiuti agricoli 10 risposte per conoscere la via più sicura, veloce ed economica per la gestione dei rifiuti. Contratto di programma per la gestione dei

Dettagli

Gestione dei Rifiuti

Gestione dei Rifiuti Gestione dei Rifiuti Copia n. In Consegna a: Funzione: Data Distribuzione: 0 08.07.09 Prima emissione Previte Grazia Maria Previte Grazia Maria Rev Data Causale Emissione RGA Approvazione DG Pagina 1 di

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

Precauzioni per l ambiente

Precauzioni per l ambiente Precauzioni per l amiente DOMANDE &RISPOSTE 86 L impiego dei prodotti fitosanitari può causare danni all amiente? a no, se il prodotto non è molto tossico sì, possono contaminare il s u o l o, l aria,

Dettagli

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi

Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ALLEGATO B - SCHEMA - TIPO DI CONTRATTO DI SERVIZIO Oggetto: Contratto per lo smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi Il produttore con sede in Via Comune di CAP Prov. Cod. Fisc P.IVA

Dettagli

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi

La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi e autorizzativi LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO e DEI RIFIUTI DA COSTRUZIONE E DEMOLIZIONE Vercelli, 12 dicembre 2011 La gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione: adempimenti gestionali, amministrativi

Dettagli

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta

Regione del Veneto Deliberazione della Giunta Regione del Veneto Deliberazione della Giunta n. 1261 del 20 aprile 1999 Oggetto: Disposizioni in materia di gestione di rifiuti provenienti da attività agricole e, in particolare, disposizioni tecniche

Dettagli

AMBIENTE DECRETO CORRETTIVO DEL TESTO UNICO AMBIENTALE. SCHEDA n 2 DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI SOMMARIO

AMBIENTE DECRETO CORRETTIVO DEL TESTO UNICO AMBIENTALE. SCHEDA n 2 DISPOSIZIONI COMUNI E PRINCIPI GENERALI SOMMARIO SOMMARIO Decreto correttivo del Testo Unico Ambientale SCHEDA n 2 Redatta da: Carlo Ghedini Staff Servizio Ambiente CNA Bologna 14 febbraio 2008 Per chiarimenti: sedi territoriali DECRETO CORRETTIVO DEL

Dettagli

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI PRODOTTI DALLE AZIENDE AGRICOLE IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA.

OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI PRODOTTI DALLE AZIENDE AGRICOLE IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA. OGGETTO: CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI PRODOTTI DALLE AZIENDE AGRICOLE IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA. In vista della stipula dell Accordo di Programma tra la scrivente, le

Dettagli

Coldiretti rappresentata dal Presidente Ennio Fazio; Confagricoltura rappresentata dal Direttore della FederLiguria Antonio Michelucci; PREMESSO CHE

Coldiretti rappresentata dal Presidente Ennio Fazio; Confagricoltura rappresentata dal Direttore della FederLiguria Antonio Michelucci; PREMESSO CHE ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI La Regione Liguria, in persona dell Assessore all Ambiente Roberto Levaggi, a ciò delegato con deliberazione della Giunta regionale n. 1383 in

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale

DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale DECRETO LEGISLATIVO 152/2006 Norme in materia ambientale Il nuovo decreto legislativo 152, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2006, S.O. n. 96, è entrato in vigore il 29 aprile 2006.

Dettagli

La gestione dei rifiuti in edilizia

La gestione dei rifiuti in edilizia La gestione dei rifiuti in edilizia L Aquila, 26 febbraio 2008 ANCE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI Direzione Legislazione Mercato Privato 1 EDILIZIA E CODICE AMBIENTE NUOVA EDIFICAZIONE INTERVENTI

Dettagli

AMBIENTE E AGRICOLTURA

AMBIENTE E AGRICOLTURA Comunicazione Energia Ambiente Il Tuo spazio dedicato all Ambiente Incontro formativo AMBIENTE E AGRICOLTURA Proposte per una corretta gestione San Ginesio - 12 febbraio 2005 La corretta gestione dei rifiuti

Dettagli

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna

L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna L esperienza di Reggio Emilia e la situazione in Emilia Romagna Giuseppe Liuzzi Servizio Pianificazione, Ambiente e Politiche Culturali Convegno 4/4/214 Sede Reggio Emilia Rifiuti agricoli: dall esperienza

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

RIFIUTI AGRICOLI ISTRUZIONI OPERATIVE PER ACCEDERE AL SERVIZIO

RIFIUTI AGRICOLI ISTRUZIONI OPERATIVE PER ACCEDERE AL SERVIZIO RIFIUTI AGRICOLI ISTRUZIONI OPERATIVE PER ACCEDERE AL SERVIZIO Dalla campagna 2013-2014 la gestione dei rifiuti agricoli passa alla ditta Ecolfer Srl di La Salute di Livenza (VE). Le Aziende Agricole,

Dettagli

www.laboratoriolarian.it

www.laboratoriolarian.it LA.RI.AN. Norme in materia ambientale RIFIUTI Dr. ssa Elena Rizzo www.laboratoriolarian.it Decreto Legislativo n. 152 Principi La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI PROVINCIA DI BARI Servizio Rifiuti Via Positano n. 4 Bari 70121 Tel. 080/5412182 Fax 080/5412184 PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI Dirigente: Incaricata di P.O.: Ing. Vincenzo GUERRA

Dettagli

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti

2 - Istituzione di gare d'appalto con clausole che favoriscano le migliori competenze tecniche in materia di prevenzione e produzione dei rifiuti LE NOVITA' DEL CODICE DELL'AMBIENTE Ecco articolo per articolo cosa cambia con il nuovo testo unico sull'ambiente che introduce una vasta serie di modifiche sia alle disposizioni che disciplinano la gestione

Dettagli

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari

Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Corretta gestione dei rifiuti derivanti da prodotti fitosanitari Elena Anselmetti Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio Le nuove norme nell ambito degli Agrofarmaci Biella, 2 febbraio 2016

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24

GESTIONE DEI RIFIUTI 1/24 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe 1/24 2/24 PER RIFIUTO SI INTENDE QUALSIASI SOSTANZA DI CUI IL DETENTORE O IL PRODUTTORE SI DISFI O ABBIA L OBBLIGO DI DISFARSI D. Lgs. 152/2006 3/24

Dettagli

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI Università degli Studi di Brescia REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI emanato con D.R. n. 384 del 29.08.2014, in vigore dal 02.09.2014 rev. 0 del 07/14 Pagina 1 di 6 ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE

Dettagli

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti

NORMATIVE. Rifiuti. Tutti i rifiuti sono classificati secondo la loro destinazione finale: Rifiuti NORMATIVE La legge nr. 22 del 05/02/1997, nota come "Decreto Ronchi" è un decreto attuativo alle direttive 91/156/CEE sui rifiuti, 91/689/CEE sui rifiuti pericolosi e 94/9262/CEE relativa agli imballaggi

Dettagli

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti

Il Sistema Gestione Ambientale dell Ateneo. Gestione integrata dei rifiuti Gestione integrata dei rifiuti IL RUOLO DELL ATENEO NELLA GESTIONE E NELLA TUTELA DELL AMBIENTE AMIANTO ACQUA UPS ARIA RIFIUTI LA GESTIONE UNICA DEI RIFIUTI DELL ATENEO Regolamento di Ateneo per la gestione

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica

LA GESTIONE DEI RIFIUTI. Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica LA GESTIONE DEI RIFIUTI Classe III A MRA UDA di Storia - Diritto - Economia Politica La disciplina della gestione dei rifiuti è regolata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 ed è rivolta a tutti

Dettagli

Unione Industriali Pordenone

Unione Industriali Pordenone Unione Industriali Pordenone Decreto Legislativo n 152 del 3 aprile 2006 D.Lgs 152/2006 noto come Testo unico ambientale : è stato pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale 14 aprile

Dettagli

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi

Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Regolamento per il corretto smaltimento dei rifiuti pericolosi Scopo del regolamento Scopo del presente Regolamento è di fornire, al personale strutturato e non strutturato del Dipartimento, tutte le informazioni

Dettagli

ALLEGATO A) Alla deliberazione del Consiglio provinciale n. 32 del 20/04/2010

ALLEGATO A) Alla deliberazione del Consiglio provinciale n. 32 del 20/04/2010 ALLEGATO A) Alla deliberazione del Consiglio provinciale n. 32 del 20/04/2010 ACCORDO DI PROGRAMMA PER L INDIVIDUAZIONE DI UN SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI (ai sensi degli artt. 180,

Dettagli

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati

La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati La gestione dei rifiuti prodotti in siti potenzialmente contaminati Pordenone, martedì 26 maggio 2009 Paolo Verardo Settore Tutela Ambientale della Provincia di Pordenone Normativa di riferimento D.Lgs.

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I.

ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I. ACCORDO DI PROGRAMMA PER UNA MIGLIORE GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI AI SENSI DELL ART. 206 DEL D.LGS 152/06 E S.M.I. Visto: il D.Lgs n. 152 del 3 aprile 2006, e sue successive modifiche la vigente definizione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO Regione dell'umbria Piano d Ambito per la gestione integrata dei Rifiuti Urbani dell A.T.O. N.2 ALLEGATO 3 SCHEMA TIPO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA Perugia, Dicembre 2007 AMBITO

Dettagli

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008

La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 La gestione dei rifiuti nei cantieri edili tra imprese e professionisti EDIL 2008 5 aprile 2008 Rifiuti potenzialmente prodotti presso i cantieri i rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione,

Dettagli

LE GUIDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014. 2014 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l.

LE GUIDE LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014. 2014 Copyright Edizioni L'Informatore Agrario S.r.l. LE GUIDE de INSERTO AL N. 14 DEL 10-16 APRILE 2014 LA GESTIONE DEI RIFIUTI NELLE AZIENDE AGRICOLE GESTIONE DEI RIFIUTI IN AGRICOLTURA La classificazione dei rifiuti è condizione necessaria per una corretta

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Primo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO Lorella Di Giuseppe

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo

6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI. gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo 6. MANIPOLAZIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI e gestione dei rifiuti derivanti dal loro utilizzo NORMA DI RIFERIMENTO D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale Parte quarta Norme in materia

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI ALLEGATO I. REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ECOCENTRO COMUNALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI E DEFINIZIONI ART. 1 - CAMPO DI APPLICAZIONE E FINALITA Il presente Regolamento disciplina la gestione e l organizzazione

Dettagli

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas)

c. la nozione di sottoprodotto e i suoi requisiti (tra cui sottoprodotti di origine animale destinati ad impianti a biogas) Le criticità della normativa per la raccolta e la gestione dei rifiuti in agricoltura:dal deposito temporaneo alla combustione controllata dei residui agricoli a cura MATTEO MILANESI peragrinsieme Reggio

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA SCHEMA DI CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA Il giorno con la presente scrittura a valere a tutti gli effetti

Dettagli

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative

1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente. La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative Chiarimenti 1 luglio 2009 Area Ambiente, Sicurezza, Energia, Qualità Ambiente La gestione dei rifiuti Suggerimenti e indicazioni operative A distanza di tre anni dalla data di entrata in vigore del D.Lgs

Dettagli

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali

I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali ModenaFiere, 9-10-11 Maggio 2010 I fanghi di depurazione nell'autolavaggio: aspetti normativi e gestionali Edoardo Martignoni UNA DEFINIZIONE... I FANGHI ORIGINATI DAL LAVAGGIO SUPERFICIALE DEI VEICOLI

Dettagli

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm

RIFIUTI AGRICOLI Esclusioni Il Deposito temporaneo dei rifiuti Evo v l o u l z u ion o e n Am m ie i nt n e t Con o s n ul u en e za z a e e Fo F rm RIFIUTI AGRICOLI I rifiuti derivanti da attività agricole e agro-industriali sono normati, come tutti i rifiuti, dal Dlgs 152/2006. Detti rifiuti sono classificati come rifiuti speciali (art. 184, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO (CO) Comunità Montana Triangolo Lariano Gestione Associata dei Servizi di Igiene Urbana, Raccolta Differenziata e Smaltimento RSU REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO RACCOLTA RIFIUTI SOVRACCOMUNALE DI CANZO

Dettagli

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA

rifiuti IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA IL MUD PER IL LAVAGGIO E LA VERNICIATURA 18 ANNO XII N.48 NOVEMBRE 2006 Una sintetica guida alla compilazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale e alla determinazione dei codici europei dei

Dettagli

Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli

Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli Soluzioni per Una corretta gestione dei rifiuti plastici agricoli Ing. Zoe GODOSI Prof. Pietro picuno OBIETTIVI Analisi e Valorizzazione dei flussi di rifiuti plastici agricoli, con particolare attenzione

Dettagli

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE

ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE ADEMPIMENTI IN MATERIA DÌ RIFIUTI POSTI A CARICO DELLE IMPRESE AGRICOLE A) ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GESTORI - articolo 212 d.lgs.n.152/06 Ai sensi dell articolo 212, comma 5, del d.lgs. n.152/06 sono obbligati

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE PROVINCIA DI VICENZA ENTE DI BACINO VI 1 ENTE DI BACINO VI 2 ENTE DI BACINO VI 3 ENTE DI BACINO VI 4 ENTE DI BACINO VI 5 ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA: FEDERAZIONE PROVINCIALE COLDIRETTI DI VICENZA CONFEDERAZIONE

Dettagli

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD)

Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Sede Legale e Operativa: Via Umbria, 1 35043 Monselice (PD) Tel. +39 049 0990055 - Fax +39 049 0993680 www.ecorex.it - info@ecorex.it INDICE I RIFIUTI DELL AUTOMOTIVE Istruzioni per una gestione corretta

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

SETTORE TUTELA AMBIENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA PER I RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE NELLA PROVINCIA DI CATANZARO

SETTORE TUTELA AMBIENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA PER I RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE NELLA PROVINCIA DI CATANZARO SETTORE TUTELA AMBIENTALE ACCORDO DI PROGRAMMA PER I RIFIUTI PROVENIENTI DA ATTIVITÀ AGRICOLE NELLA PROVINCIA DI CATANZARO approvato dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n 430 del 14 ottobre 2005

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA

Comunicazione Rifiuti. Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Comunicazione Rifiuti Gabriella Aragona Servizio Rifiuti - ISPRA Soggetti obbligati / 1 I soggetti tenuti alla presentazione del MUD Sezione Rifiuti sono individuati dalla normativa seguente: dall articolo

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Dato atto che le aziende agricole possono produrre rifiuti speciali non pericolosi, anche in modeste quantità;

LA GIUNTA COMUNALE. Dato atto che le aziende agricole possono produrre rifiuti speciali non pericolosi, anche in modeste quantità; G.C. n. 34 del 28/03/2012 OGGETTO: Prosecuzione per l'anno 2012 del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti speciali non pericolosi assimilati agli urbani prodotti dalle imprese agricole

Dettagli

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi

ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi ECOMASTER: I rifiuti se li conosci, li usi Asti 7 marzo 2013 Gestione biomasse e sottoprodotti Dr. Franco Parola agronomo Responsabile Servizio Ambiente e Territorio Coldiretti Piemonte Le conseguenze

Dettagli

www.leverup.it info@leverup.it

www.leverup.it info@leverup.it 1. Raccolta e confezionamento in laboratorio. 2. trasferimento al deposito temporaneo. 3. gestione del deposito temporaneo compilazione del registro di carico e scarico rapporto con le diverse ditte incaricate

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN BASILICATA

LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN BASILICATA in collaborazione con 1 Giuseppe Mele Divulgatore Agricolo Polivalente Responsabile AGRICOLTURA BIOLOGICA E BIODINAMICA giuseppe.mele@alsia.it biologicomele@gmail.com LA GESTIONE DEI RIFIUTI AGRICOLI IN

Dettagli

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento

Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento RIFIUTI: AMMISIBILITA IN DISCARICA NUOVA LISTA POSITIVA Con delibera della Giunta Provinciale n. 2740 del 14 dicembre 2012 è stata modificata la lista positiva dei rifiuti non pericolosi che possono essere

Dettagli

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI

CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI COMPOSTAGGIO DEI RIFIUTI BIODEGRADABILI Allegato A CRITERI DI ACCETTAZIONE E CONTROLLO DEI RIFIUTI IN INGRESSO pag.1/9 1. Premessa La presente procedura descrive le modalità

Dettagli

LA RACCOLTA DELLE PLASTICHE AGRICOLE negli accordi di programma per la gestione dei rifiuti agricoli in provincia di Reggio Emilia

LA RACCOLTA DELLE PLASTICHE AGRICOLE negli accordi di programma per la gestione dei rifiuti agricoli in provincia di Reggio Emilia LA RACCOLTA DELLE PLASTICHE AGRICOLE negli accordi di programma per la gestione dei rifiuti agricoli in provincia di Reggio Emilia di Anselmo Montermini direttore dei Consorzi Fitosanitari Provinciali

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio

La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio La Gestione dei Rifiuti Dott.ssa Alessia Sozio Il Legale Rappresentante di una società di capitali che abbia delegato ad altri soggetti di sua fiducia attività in tema di gestione dei rifiuti diviene responsabile

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO TERZO I RIFIUTI Sommario: 1. Quadro normativo di riferimento. - 2. La definizione di rifiuto. - 3. Classificazione dei rifiuti. - 4. Limiti al campo di applicazione della disciplina del D.Lgs.

Dettagli

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE

**** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE **** Capitolato TECNICO PRESTAZIONALE Servizio di noleggio contenitori, trasporto, smaltimento o recupero dei rifiuti speciali provenienti da impianto di depurazione periodo dal 01-01-2016 al 31-12-2016.

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE

MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE ALLEGATO 1.A MODULO DI ADESIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA E CONVENZIONE -------- Dati anagrafici Il sottoscritto. nato a il. residente in via.... n.. cap... del Comune di Prov..... nella qualità di... dell

Dettagli

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n.

PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile 2006, n. DECRETO LEGISLATIVO 3 APRILE 2006, N. 152 NORME IN MATERIA AMBIENTALE PARTE QUARTA NORME IN MATERIA DI GESTIONE DEI RIFIUTI E DI BONIFICA DEI SITI INQUINATI (pubblicato nel suppl. ord. alla GU 14 aprile

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16

SERAM S.p.A. Gestione dei rifiuti PR SGSL 16 Pag. 2 di 14 INDICE INDICE... 2 1. SCOPO... 3 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 4 4. DEFINIZIONI... 6 5. RESPONSABILITA'... 7 6. GENERALITA... 8 6.1 Definizione di rifiuto... 8 7. PRODUZIONE

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI

R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE E L USO DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI DIFFERENZIATI URBANI (Approvato con delibera di C.c. n. 24 del 31.03.2010 modificato con delibera di C.c. n. 29 del 31.05.2012)

Dettagli

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti.

Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Giornata tecnica sulla Gestione dei Rifiuti Evento organizzato dal progetto LANDCARE MED Normativa attuale sulla gestione dei rifiuti. Cagliari, 21 Dicembre 2015 Quadro Normativo NORMATIVA EUROPEA Direttiva

Dettagli

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta

N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta DISTRIBUZIONE: N. Copia Funzione Data Firma per ricevuta 01 02 03 04 13 15/09/14 6 Gestione nuovo rifiuto punto 6.17 12 22/05/13 3 Caratterizzazione del rifiuto 11 22/04/13 tutte Nuove modalità operative

Dettagli

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena

Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena Stefano Pini ASQ AMBIENTE SICUREZZA QUALITA SRL spini@mo.cna.it www.asqcna.it Via Malavolti 33/A - Modena TIPOLOGIE DI RIFIUTI PRINCIPALMENTE GESTITE - RAEE, RIFIUTI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE

Dettagli

Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli

Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli Il ruolo dei gestori del servizio pubblico per la gestione dei rifiuti agricoli Venerdì 4 Aprile 2014 Centro internazionale Loris Malaguzzi Reggio Emilia IREN EMILIA - SABAR Iren Emilia è un gestore del

Dettagli

Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti

Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti LA NUOVA NORMATIVA AMBIENTALE La classificazione dei rifiuti I reati ambientali Verifiche ispettive e controlli nella gestione dei rifiuti Parte 2 Dott. Roberto Mastracci Deposito temporaneo Art. 183 comma

Dettagli

CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA

CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA CONVENZIONE PER L ESECUZIONE DI SERVIZI DI GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI DERIVANTI DA ATTIVITÀ AGRICOLA NELLA PROVINCIA DI VENEZIA Il giorno con la presente scrittura a valere a tutti gli effetti di legge,

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

Tariffario rifiuti speciali 2015

Tariffario rifiuti speciali 2015 Tariffario rifiuti speciali 2015 Servizi offerti L ACR accetta tutti i rifiuti speciali elencati nella nuova Ordinanza sul traffico dei rifiuti (). L ACR accetta anche gli apparecchi elettrici ed elettronici

Dettagli