Open Access : stato dell arte e prospettive in Italia Paola Gargiulo CASPUR

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Open Access : stato dell arte e prospettive in Italia Paola Gargiulo paola.gargiulo@caspur.it CASPUR"

Transcript

1 Roma, 19 ottobre 2010 Open Access : stato dell arte e prospettive in Italia Paola Gargiulo CASPUR

2 Adozione di servizi di supporto per la comunità scientifica (authors tools, CVs, personal pages etc) Creazione e gestione di help desk per la propria comunità scientifica (diritto d autore, informazioni sulle riviste che pubblicano in OA in rapporto alle altre nello stesso settore disciplinare) Integrazione tra anagrafi della ricerca, valutazione della ricerca e Accesso Aperto Quali strade per il successo dell Accesso aperto Adozione di politiche vincolanti (mandatory policy) ISS, LUISS Promozione della conoscenza e la consapevolezza dell accesso aperto nelle comunità accademico- scientifico Sfatare miti (scarsa qualità, diritto d autore, costi) Far conoscere riviste ad Accesso Aperto (vedi DOAJ, journalinfo) Mostrare i vantaggi dell OA (visibilità, timeliness, disseminazione, accelerazione della scienza, impatto citazioni,discovery)

3 L Open Access in Italia Approccio iniziale Bottom Up Ruolo della CRUI Commissione Biblioteche e il Gruppo di lavoro sull OA Ruolo dei consorzi - CILEA e CASPUR Ruolo del CNR-ISTI (DriverI, DriverII, OpenAire) Aspetti critici: mancanza del sostegno politico -istituzionale, scarsa consapevolezza dell Open Access a tutti i livelli (rettori, docenti, ricercatori, ministero ecc.); assenza di politiche vincolanti il deposito con l eccezione dell ISS, LUIS; problemi di armonizzazione di dati e qualità dei metadati Alcuni dati: archivi istituzionali e editoria OA

4 Le università italiane e la Dichiarazione di Berlino Firmando la Dichiarazione di Berlino i rettori delle università firmatarie si impegnano a realizzare quanto è stato deciso nella Berlin 3 OA Conference (University of Southampton Feb. 28- March ): To implement a policy to require their researchers to deposit a copy of all their published articles in an Open Access repository To encourage their researchers to publish their research articles in Open Access journals where a suitable journals exists and provide support to enable that to happen

5 Le università italiane e l OA La CRUI ha promosso: l adesione delle università italiane alla Dichiarazione di Berlino per l accesso aperto alla letteratura scientifica (Messina, 2004). la costituzione, nell ambito della Commissione biblioteche della CRUI, presieduta dal rettore di Padova Vincenzo Milanesi, del gruppo Open Access (2006)

6 CRUI Commissione Biblioteche Gruppo Open Access Attività svolte : 1. Rapporti di collaborazione con gruppi di altri paesi europei 2. Linee guida per il deposito tesi di dottorato 3. Raccomandazioni : Open Access e la valutazione della ricerca scientifica 4. Open Courseware: raccomandazioni per una didattica OA 5. Linee guida per la creazione di archivi aperti 6. Linee guida per riviste elettroniche OA 7. Rilevazione politiche degli editori e delle istituzioni accademiche nei confronti dell accesso aperto

7 CRUI Università e Accesso Aperto 1. Rapporti di collaborazione con gruppi di altri paesi europei: pareri sullo Study of the European Commission on the economic and technical evolution of the market of scientific publications e sul Green paper on copyright in the Knowledge economy; partecipazione ai lavori del gruppo ristretto di SCOAP3 presso il CERN, del gruppo Open Access presso la European University Association, al Board di Sparc Europe; organizzazione di convegni (Berlin 5, Padova settembre 2007).

8 CRUI - Università ed Accesso Aperto 2. Deposito tesi di dottorato Elaborazione di linee-guida per il deposito obbligatorio delle tesi di dottorato negli archivi istituzionali basate su: Disciplina speciale del dottorato di ricerca (Legge 3 luglio 1998, n. 210, e Decreto MIUR 30 aprile 1999, n. 224) Disciplina del deposito legale (Legge 15 aprile 2004, n. 106, e successivo DPR 3 maggio 2006, n. 252) Disciplina del diritto d autore (Legge 22 aprile 1941, n. 633, e Legge 22 maggio 2004 n. 128 ) Disciplina per la protezione delle invenzioni intellettuali (Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30 )

9 CRUI Università Accesso Aperto 3. L Open Access e la valutazione dei prodotti della ricerca scientifica - Raccomandazioni (Aprile 2009) architettura in grado di interagire con la banca dati del Cineca delle pubblicazioni dei docenti individuazione di nuovi indicatori che mettano a frutto le potenzialità offerte dal web e alternativi o complementari all Impact Factor

10 CRUI - Università ed Accesso Aperto 4. Linee guida sugli archivi istituzionali: un vademecum che copre i vari aspetti (Aprile 2009) Politici Organizzativi Tecnici Target: coloro (amministratori, bibliotecari, informatici, ecc) che sono coinvolti nell adozione e nell implementazione di un archivio istituzionale

11 CRUI - Università ed Accesso Aperto 5. Elaborazione di linee-guida per la creazione di riviste elettroniche ad accesso aperto (2009): Modelli economici sostenibili Best practice Raccomandazioni pratiche

12 CRUI Università e Accesso Aperto 6. In corso di elaborazione raccomandazioni per la produzione di materiale didattico compatibile con il protocollo OAI-PMH per l harvesting dei metadati formati di pacchetto adeguati, come il formato SCORM metadati specifici, come IEEE LOM Finalità: facilitare la circolazione e il riuso dei materiali didattici

13 CRUI - Università ed Accesso Aperto Riconfermato il gruppo di lavoro marzo 2010 Attività per Raccomandazioni per il deposito dei materiali didattici ad accesso aperto rilascio Gruppo di lavoro sui metadati

14 CRUI - Università ed Accesso Aperto Riconfermato il gruppo di lavoro marzo 2010 Attività per Raccomandazioni per il deposito dei materiali didattici ad accesso aperto rilascio Gruppo di lavoro sui metadati

15 Open Access e la partecipazione internazionale (1) SCOAP3- Working Group (INFN e Gruppo OA- CRUI) EUA OA Working Group (Gruppo OA- CRUI) SPARC BOARD ( CASPUR) DRIVER I, II (CNR ISTI) PEER (Bocconi) NECOBELAC OpenAire (CNR ISTI, CASPUR)

16 Open Access e la partecipazione internazionale (2) Seminario Open Access per i paesi aderenti a SELL (Southern European Libraries Link) Granada maggio 2010 Promozione di politiche comuni in ambito OA Dichiarazione di Alhambra Stato dell arte sull accesso aperto nei seguenti paesi: Francia, Grecia, Italia, Portagallo, Spagna, Turchia In corso di pubblicazione report finale

17

18 CILEA AEPIC EPI, E-Publishing Infrastructure, sistema gestionale modulare e completo per l'editoria, in particolare l'editoria elettronica online SURPLUS OA, modulo Open Archive del sistema CILEA per la governance della ricerca

19 Open Consulenza per la progettazione e realizzazione di sistemi secondo gli standard internazionali (es. OAI-PMH) Hosting, installazione, configurazione di software per l'organizzazione e la gestione di archivi aperti (repositories) di articoli e rapporti full-text (e-prints e collane di testi) per tesi e materiale didattico, per edizioni elettroniche provenienti da opere digitalizzate (serie di immagini) Integrazione di archivi OAI-PMH con le anagrafi di ricerca utilizzate dalle varie istituzioni Integrazione di archivi OAI-PMH e cataloghi Z39.50, integrazione con resolvers

20

21 Il sito di PLEIADI ospita: la lista di discussione italiana: Il wiki sull Open Access in italiano

22 W

23 PLEIADI- Portale per la Letteratura Elettronica Italiana Archivi e Depositi istituzionali È un iniziativa congiunta dei consorzi di supercalcolo CILEA-CASPUR all interno di AEPIC PLEIADI è la piattaforma nazionale italiana per l accesso unificato alla letteratura scientifica italiana depositata presso gli archivi istituzionali e disciplinari italiani e nelle riviste ad accesso aperto compatibili con lo standard OAI Lanciata nel novembre 2004

24 Finalità: migliorare l'accesso all'informazione distribuita su diversi archivi aperti (data providers) attraverso la creazione di una piattaforma nazionale di accesso che prevede un'unica interfaccia e la fornitura di servizi aggiuntivi rilevanti per la ricerca e la didattica (service provider)

25 Funzionalità di PLEIADI Piattaforma per la ricerca federata su tutti gli archivi aperti italiani che raccoglie i metadati dei contributi di ricerca depositati negli archivi, consentendo la ricerca simultanea su archivi diversi Fornisce una serie di funzionalità avanzate di ricerca,funzionalità di esportazione (Bibtex, RefWork), servizi di alerting, funzionalità del web 2.0 Con il forum specializzato a disposizione dei tecnici e bibliotecari che vogliono implementare archivi aperti e il servizio news, fornisce anche un opportunità di confronto dinamico sui temi e le novità che riguardano il mondo dell accesso aperto

26 58 repositories [source RoaR] Istitutonal = 85% Discipline based= 15% 56 repositories [source OpenDOAR]

27 * The European Repository Landscape 2008: Inventory of digital Repository output, AUP, 2009 Archivi istituzionali in Italia Attualmente in Italia vi sono 59 archivi istituzionali (non tutti sono ancora registrati nei repertori quali ROAR o OpenDoar Il numero di documenti archiviati negli archivi era di circa 200, 872 (Dicembre 2009) La media di documenti depositati negli archivi è di 3,652 in Italia (2009) mentre nel resto dell Europa era di 8545 (2008)*

28 Editoria Elettronica OA (Riviste) 131 riviste peer reviewed OA pubblicate in Italia (DOAJ) Pubblicate da università, dipartimenti universitari, case editrici universitarie o con contributi provenienti dalle università FUP pubblica 12 riviste OA Università del Salento SIBA pubblica 8 riviste Università di Milano Statale 8 riviste La maggioranza delle riviste OA è in ambito umanistico (51 titoli) vantaggi: disseminazione, internazionalizzazione Molte riviste sono multilingue e alcune dispongono di editorial board internazionali 28 testate utilizzano licenze CC Il software più utilizzato per gestire le riviste è Open Journal System ( PKP)

29 Editoria Elettronica OA (Monografie) Per quanto attiene alle monografie: ESE Salento University Publishing- ha pubblicato 240 volumi OA Firenze University Press (FUP) ha nel suo catalogo complessivo di 460 monografie, 120 titoli ad accesso aperto Edizione Plus dell università di Pisa permette la pubblicazione in OA di 60 volumi (sul sito dell autore/pagine web personali)

30 Editoria Elettronica OA (Monografie) -2 Università di Trieste e di Bolzano pubblicano libri OA con possibilità di POD- Print on Demand UTN EPrints (archivio istituzionale dell Università di Trento) ha stipulato accordo don il Dipartimento di Scienze Sociali una copia elettronica ad accesso aperto viene depositata nell archivio di tutte le monografie pubblicate a stampa dal Dipartimento (47 monografie sono depositate nell archivio)

31 Editoria Elettronica e for profit publishing Polimetrica ha in catalogo 50 monografie OA Lanciato dal Polimetrica nel 2008: Libri gratuiti in ateneo: versione elettronica OA e versione cartacea a pagamento LED Edizioni adotta un modello OA nella versione elettronica e a pagamento nella versione in carta secondo il modello POD Print on Demand

32 Il progetto OpenAIRE in breve

33 Settimo Programma Quadro Progetto Pilota sull OA Agosto 2008: la CE lancia il Progetto Pilota per l Open Access all interno del Settimo Programma Quadro (FP7) I ricercatori delle aree disciplinari di Energia, Ambiente, Salute, ICT, Infrastrutture di Ricerca, Scienza e Società, Scienze Socio-Economiche e Umanistiche sono tenuti a Depositare i risultati delle ricerche svolte all interno del FP7 con articoli peer-reviewed in repositories istituzionali ad accesso aperto Assicurare l accesso aperto a queste pubblicazioni entro 6 o 12 mesi dalla pubblicazione, secondo quanto stabilito dalla Clausola

34 European Research Council Clause 39 (1) I beneficiari dei finanziamenti devono depositare una copia digitale della versione pubblicata o il manoscritto finale [ ] in un repository istituzionale o disciplinare, al momento della pubblicazione della ricerca. I beneficiari dei finanziamenti, inoltre, devono fare del loro meglio affinché la copia digitale del loro lavoro di ricerca sia disponibile gratuitamente e in formato elettronico attraverso un repository: Immediatamente, se il paper/articolo risultato della ricerca è pubblicato ad accesso aperto (per esempio se una versione elettronica è disponibile gratuitamente sul sito dell editore) oppure Entro 6 o 12 mesi [6 per le aree Salute, Energia, Ambiente (incluso Cambiamento climatico), ICT; 12 per Scienze Socio-economiche e umanistiche e le attività di Scienza e Società] 34

35 European Research Council Clause 39 (2) Per ottemperare alla clausola, l autore deve: prima di pubblicare: assicurarsi che l editore a cui sottopone il paper preveda il deposito ad accesso aperto in un repository istituzionale (database SHERPA-RoMEO ) al momento dell accettazione del paper: verificare che il permesso al deposito risulti ESPLICITAMENTE nel contratto al momento della pubblicazione: depositare il testo pieno dell articolo nel repository istituzionale o disciplinare di riferimento 35

36 European Research Council Clause 39 (3) Generalmente l editore sarà disposto ad acconsentire al deposito in un repository open access. Se il deposito non è previsto,l autore è invitato a negoziare una modifica al contratto con l editore Se il deposito viene negato e l autore non riesce in alcun modo negoziare con l editore, non gli resta che Sottoporre il paper a un altra rivista FP7 compliant oppure Informare il proprio referente di progetto e l help-desk, allegando la lettera di rifiuto dell editore 36

37 European Research Council Clausola 39 (4) Attenzione, però: Contengono la Clausola 39 i progetti proposti e approvati dopo l agosto 2008 La Clausola 39 è obbligatoria, viene inserita direttamente nel Grant Agreement dalla CE Per alcune aree del Pilot sull OA riguarda solamente alcuni dei settori di ricerca (es. ICT Challenge 2: Sistemi Cognitivi, Interazione, Robotica) 37

38 OpenAIRE alcuni dati OpenAIRE = Open Access Infrastructure for Research in Europe Programma: FP7 Research Infrastructures Data di inizio : 1 Dicembre 2009 Durata: 36 mesi Budget: 4.1 Milioni 38 partners che rappresentano tutti gli stati europei 38

39 University Partners of Athens (coordinator) CNR-ISTI (technical coordinator) University of Goettingen Library (scientific coordinator) University of Bielefeld Spanish National Research Council (CSIC) CERN SURF ICM University of Warsaw University of Minho University of Gent Library eifl Technical University Denmark Comunità Scientifiche Salute (Scienze della vita) EMBL-EBI Ambiente World Data Center for Climate Consultative Group on International Agricultural Research (CGIAR) ICT Cognitive Interaction Technology (CITEC) Scienze Socio-economiche e Umanistiche Data Archiving and Networked Services (DANS) 39 Liaison Offices

40 Liaison Offices Italy (CASPUR) 40

41 European Helpdesk Promuove il progetto pilota del FP7 e le linee guida sull OA dell ERC È composto da Liaison Offices nazionali (in 27 paesi) Fornisce il toolkit dell OA per Ricercatori Istituzioni ml 41

42 European Helpdesk (2) Mette a disposizione un portale per il deposito e la ricerca delle pubblicazioni OA [http://www.openaire.eu/index.php] Collabora con altre iniziative europee sull OA PEER NECOBELAC DRIVER SONEX COAR 42

43 Supporto tecnico: infrastruttura di rete e repository (1) Il portale OpenAIRE è basato su D-NET, software open source sviluppato dal Consorzio DRIVER. D-NET serve a sviluppare un sistema distribuito per raccogliere (tramite harvesting degli archivi OA esistenti) e aggregare fonti di dati eterogenee. Events/PR_D-NET_1_0.html 43

44 Supporto tecnico: infrastruttura di rete e repository (2) In particolare, D-NET mette a disposizione Strumenti di ricerca e navigazione Strumenti di visualizzazione Statistiche dei depositi Statistiche d uso dell infrastruttura 44

45 Supporto tecnico: infrastruttura di rete e repository (3) Per i ricercatori che non dispongono di un repository (disciplinare/istituzionale) in cui archiviare i risultati di ricerca OpenAIRE metterà a disposizione un repository per le opere cosiddette orfane La base tecnologica di questo repository è INVENIO, sistema per lo sviluppo e la gestione di una biblioteca digitale ideato dal CERN 45

46 46 OpenAIRE in breve

47 Gestione dei dati di ricerca Collaborazione con importanti comunità scientifiche quali Salute Ambiente ICT Scienze Socio-economiche e Umanistiche 47

48 Come collaborare? Cosa potete fare voi: Individuare i responsabili dell area di ricerca del vostro ente Raggiungere le persone / strutture coinvolte nei progetti di ricerca finanziati con il FP7, nelle aree interessate dal pilot sull OA Con il supporto dell help-desk italiano, fare opera di informazione e sensibilizzazione Verificare che il repository della vostra istituzione sia OpenAIRE compliant. Come? Avviare le procedure necessarie a dotarvi di un repository, nel caso in cui la vostra istituzione non disponga di un IR 48

49 OpenAIRE Linee Guida Le Linee Guida ufficiali del progetto contengono le indicazioni sulle modifiche da fare per i gestori di repositories. Ne è stata rilasciata la versione

50

51

52

53

54

55

56 Contatti Help-desk Ugo Contino Paola Gargiulo Ilaria Fava 56

Il progetto OpenAIRE in breve

Il progetto OpenAIRE in breve Il progetto OpenAIRE in breve Ottobre 2010 A cura di Paola Gargiulo e Ilaria Fava OpenAIRE alcuni dati OpenAIRE = Open Access Infrastructure for Research in Europe Programma: FP7 Research Infrastructures

Dettagli

OA: stato dell arte Paola Gargiulo p.gargiulo@caspur.it CASPUR

OA: stato dell arte Paola Gargiulo p.gargiulo@caspur.it CASPUR SEMINARIO RESIDENZIALE CIBER 10-11 novembre 2005 OA: stato dell arte Paola Gargiulo p.gargiulo@caspur.it CASPUR Definizione OA Cos è l Open Access? la libera disponibilità in rete della letteratura scientifica

Dettagli

L iniziativa PLEIADI: una piattaforma digitale per la comunità italiana Open Access

L iniziativa PLEIADI: una piattaforma digitale per la comunità italiana Open Access Institutional Archives for Research: Experiences and projects in Open Access Istituto Superiore di Sanità Roma, 30 novembre 1 dicembre 2006 L iniziativa PLEIADI: una piattaforma digitale per la comunità

Dettagli

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE Policy di Ateneo per l accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Per Università o Ateneo si intende l Università degli Studi di Trieste. Per

Dettagli

La gestione del materiale didattico e di ricerca: problemi e soluzioni

La gestione del materiale didattico e di ricerca: problemi e soluzioni La gestione del materiale didattico e di ricerca: problemi e soluzioni Susanna Mornati CILEA Verona, 11 novembre 2004 La gestione del materiale didattico e di ricerca: problemi e soluzioni Contenuti dell

Dettagli

POLICY SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) ALLA LETTERATURA SCIENTIFICA

POLICY SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) ALLA LETTERATURA SCIENTIFICA POLICY SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) ALLA LETTERATURA SCIENTIFICA INDICE 1 - Definizioni... 2 2 - Premesse... 3 3 - Commissione di Ateneo... 3 4 - Gruppo di lavoro... 4 5 - Archivio istituzionale dei

Dettagli

POLITICHE DI ATENEO SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) AI PRODOTTI DELLA RICERCA SCIENTIFICA

POLITICHE DI ATENEO SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) AI PRODOTTI DELLA RICERCA SCIENTIFICA LINEE GUIDA POLITICHE DI ATENEO SULL ACCESSO APERTO (OPEN ACCESS) AI PRODOTTI DELLA RICERCA SCIENTIFICA Indice 1 - Premesse 2 - Commissione di Ateneo per l'accesso aperto alla letteratura scientifica 3

Dettagli

IRIS: trovare le informazioni utili agli UTT per rispondere alle esigenze del territorio

IRIS: trovare le informazioni utili agli UTT per rispondere alle esigenze del territorio Università degli studi di Verona e NETVAL NETwork per la VALorizzazione della Ricerca Universitaria L Università, sistema aperto? Come diffonde i suoi risultati? Verona, 23 ottobre 2014 IRIS: trovare le

Dettagli

Un piano nazionale per l accesso aperto dopo la dichiarazione di Messina

Un piano nazionale per l accesso aperto dopo la dichiarazione di Messina AIB Convegno di primavera Le biblioteche per la libertà d accesso all informazione Bologna, 18-19 maggio 2006 Un piano nazionale per l accesso aperto dopo la dichiarazione di Messina Susanna Mornati e

Dettagli

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE

P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 ALLEGATO A. SCHEDA PROGETTO per la creazione di BIBLIOTECA SCIENTIFICA REGIONALE REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE P.O.R. SARDEGNA 2000-2006 MISURA 3.13 RICERCA E SVILUPPO TECNOLOGICO NELLE IMPRESE E TERRITORIO ALLEGATO A SCHEDA PROGETTO per la creazione

Dettagli

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa

Unipi EPrints, l'archivio istituzionale dell'università di Pisa DOPO BERLIN 3: POLITICHE DI ACCESSO APERTO ALLA LETTERATURA DI RICERCA Pisa, Aula magna della facoltà di Scienze politiche Giovedì 16 febbraio 2006, h. 15.00 Unipi EPrints, Barbara Pistoia bpistoia@dcci.unipi.it

Dettagli

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Ferrara Policy di Ateneo sull Accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Definizioni Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto

Dettagli

BOA: archivio della produzione scientifica dell Ateneo. di Bonaria Biancu

BOA: archivio della produzione scientifica dell Ateneo. di Bonaria Biancu : archivio della produzione scientifica dell Ateneo di Bonaria Biancu Ultimo aggiornamento: giugno 2010 Che cosa è BOA (Bicocca Open Archive) è il repository dell università di Milano-Bicocca per l archiviazione

Dettagli

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS

Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS CONFERENCE Institutional archives for research: experiences and projects in open access Istituto Superiore di Sanità Rome, 30/11-1/12 2006 Definizione di una policy per l archivio istituzionale ISS Paola

Dettagli

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI

Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Sistemi di biblioteche digitali per la ricerca e la didattica: l esperienza del CNR-ISTI Stefania Biagioni e Donatella Castelli Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A Faedo CNR stefania.biagioni@isti.cnr.it

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

APRE Notizie HORIZON 2020 E L ACCESSO APERTO ALLE PUBBLICAZIONI E AI DATI DELLA RICERCA. n. 5 Maggio 2015

APRE Notizie HORIZON 2020 E L ACCESSO APERTO ALLE PUBBLICAZIONI E AI DATI DELLA RICERCA. n. 5 Maggio 2015 APRE Notizie Newsletter mensile d informazione sulla ricerca e l innovazione europea n. 5 Maggio 2015 HORIZON 2020 E L ACCESSO APERTO ALLE PUBBLICAZIONI E AI DATI DELLA RICERCA INSERTO SPECIALE APRE Notizie

Dettagli

Il caso BOA (Bicocca Open Archive)

Il caso BOA (Bicocca Open Archive) Il caso BOA (Bicocca Open Archive) Bonaria Biancu e il GdL BOA: Carmela Napoletano, Chiara Papalia, Silvia Servidei, Roberta Spagnoli Il GdL collabora con il Settore Proprietà Intellettuale e Trasferimento

Dettagli

GLOSSARIO DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI E DEI TERMINI PIÙ COMUNEMENTE UTILIZZATI NEGLI OPEN ARCHIVES 1

GLOSSARIO DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI E DEI TERMINI PIÙ COMUNEMENTE UTILIZZATI NEGLI OPEN ARCHIVES 1 GLOSSARIO DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI E DEI TERMINI PIÙ COMUNEMENTE UTILIZZATI NEGLI OPEN ARCHIVES 1 Advocacy Sostegno. AePIC = Academic E-Publishing Infrastructures Il Progetto si propone di realizzare

Dettagli

L Open Archive e il suo sviluppo nell Università di Verona. Maria Gabaldo 1 febbraio 2013

L Open Archive e il suo sviluppo nell Università di Verona. Maria Gabaldo 1 febbraio 2013 L Open Archive e il suo sviluppo nell Università di Verona Maria Gabaldo 1 febbraio 2013 Dalla necessità. di assicurare anche ai prodotti delle scienze umane: una maggiore visibilità e quindi ricercabilità

Dettagli

ALLEGATO DESCRITTIVO. Da U-GOV a IRIS. Vantaggi

ALLEGATO DESCRITTIVO. Da U-GOV a IRIS. Vantaggi ALLEGATO DESCRITTIVO Da U-GOV a IRIS Vantaggi Codice doc. RI_DAUGOV Premessa Il sistema U-GOV Ricerca è stato, nel corso del 2014, migrato nel sistema IRIS, che ne contiene tutte le funzionalità, più una

Dettagli

La pubblicazione dei risultati della ricerca: Open Access e clausola speciale 39 nel Grant Agreement del VII Programma Quadro

La pubblicazione dei risultati della ricerca: Open Access e clausola speciale 39 nel Grant Agreement del VII Programma Quadro La pubblicazione dei risultati della ricerca: Open Access e clausola speciale 39 nel Grant Agreement del VII Programma Quadro Paola Iannucci Giornata annuale dell Internazionalizzazione 20 novembre 2012,

Dettagli

dal BIG DEAL all OPEN ACCESS

dal BIG DEAL all OPEN ACCESS dal BIG DEAL all OPEN ACCESS la nostra esperienza! Benedetta Alosi e Nunzio Femminò Seminario residenziale CIBER Perugia Villa Umbra 4-6 dicembre 2003 Università degli Studi di Messina Sistema Bibliotecario

Dettagli

Pubblicare a Roma Tre

Pubblicare a Roma Tre Pubblicare a Roma Tre A cura di Enza Gasbarro e Lucia Staccone Accesso aperto a Roma Tre: premesse Adesione dell ateneo alla Dichiarazione di Messina (Dichiarazione di Berlino) Accesso aperto nel nuovo

Dettagli

Personalizzazione del software E-Prints per l'integrazione con l'anagrafe della ricerca

Personalizzazione del software E-Prints per l'integrazione con l'anagrafe della ricerca Personalizzazione del software E-Prints per l'integrazione con l'anagrafe della ricerca Francesca Valentini (Università di Trento) Filippo Moser (Università di Trento) 1 UNITN E-PRINTS Self-archiving sw

Dettagli

Il ruolo del repository nei CRIS: il caso SURplus del CILEA

Il ruolo del repository nei CRIS: il caso SURplus del CILEA Il ruolo del repository nei CRIS: il caso SURplus del CILEA Susanna Mornati OA week, 18-24 ottobre 2010 CILEA Consorzio universitario non-profit dal 1974 Calcolo alte prestazioni Promozione e servizi ICT,

Dettagli

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL

Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Promuovere l accesso on line al patrimonio culturale europeo: i progetti MINERVA e MICHAEL Rossella Caffo Ministero per i Beni e le Attività Culturali Le iniziative del MiBAC La rete MINERVA MICHAEL Il

Dettagli

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it

Il Sistema Bibliotecario di Ateneo (SBA) www.biblio.polimi.it , Centro Sistema IT Seminario CNBA L integrazione delle risorse eterogenee distribuite: problemi, strumenti e prospettive, Roma 27 ottobre 2004 Il (SBA) www.biblio.polimi.it 2 L'Area (SBA) é la struttura

Dettagli

Open Access e anagrafe della ricerca L esperienza al Politecnico di Torino. Maddalena Morando Sistema Bibliotecario - Politecnico di Torino

Open Access e anagrafe della ricerca L esperienza al Politecnico di Torino. Maddalena Morando Sistema Bibliotecario - Politecnico di Torino Open Access e anagrafe della ricerca L esperienza al Politecnico di Torino Maddalena Morando Sistema Bibliotecario - Politecnico di Torino Torino, 18 novembre 2010 L Anagrafe della ricerca. Il catalogo

Dettagli

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository

Politecnico di Torino. Porto Institutional Repository Politecnico di Torino Porto Institutional Repository [Other] Open Access e anagrafe della ricerca: l esperienza al Politecnico di Torino Original Citation: Morando M. (2010). Open Access e anagrafe della

Dettagli

Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL

Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL Linee di azione per la realizzazione del Portale della cultura italiana e il progetto MICHAEL - MiBAC Coordinatore Progetto MINERVA e Progetto MICHAEL Responsabile Progetto Portale della Cultura Italiana

Dettagli

Wiki, Creative Commons e Open Access

Wiki, Creative Commons e Open Access Wiki, Creative Commons e Open Access Collaborare per Condividere Conoscenza. Andrea Zanni Wikimedia Italia OA week 19-23 ottobre 2009 Creative Commons Alcuni diritti riservati Struttura delle CC Due principi:

Dettagli

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali

www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE Ministero per i beni e le attività culturali www.culturaitalia.it CULTURAITALIA UN PATRIMONIO DA ESPLORARE CulturaItalia Presentazione del Portale della Cultura italiana 2 CulturaItalia CulturaItalia è il primo portale in Italia ad offrire un punto

Dettagli

e i risultati dell indagine sugli archivi

e i risultati dell indagine sugli archivi Archivi aperti e istituzionali: il progetto DSpace ISS e i risultati dell indagine sugli archivi itit istituzionali i lidegli liirccs oncologici iitaliani i Elisabetta Poltronieri Istituto SuperiorediSanità.

Dettagli

Anno 5, n. 1 (29 giugno 2012) A cura di Francesca Palareti. In questo numero:

Anno 5, n. 1 (29 giugno 2012) A cura di Francesca Palareti. In questo numero: Via delle Pandette, 2-50127 Firenze Tel. 055 4374010 Fax 055 4374955 Sito web: http://www.sba.unifi.it/scienzesociali/ e-mail: scienzesociali@biblio.unifi.it Anno 5, n. 1 (29 giugno 2012) A cura di Francesca

Dettagli

GLI ATENEI ITALIANI PER L OPEN ACCESS 1

GLI ATENEI ITALIANI PER L OPEN ACCESS 1 Allegato 1 GLI ATENEI ITALIANI PER L OPEN ACCESS 1 di Vincenzo Milanesi 1) Introduzione sulla commissione CRUI per le biblioteche di ateneo, obiettivi, azioni in corso e da intraprendere All inizio della

Dettagli

su cosa si fonda questa corrente di pensiero?

su cosa si fonda questa corrente di pensiero? SLIDE 1: L'idea di creare un Open archive all'interno della già esistente anagrafe della ricerca scientifica dell'ateneo nasce dall'esigenza di dare maggiore visibilità e valorizzazione ai prodotti delle

Dettagli

UNITN-EPRINTS: RISULTATI DI UTILIZZO, PROSPETTIVE DI SVILUPPO

UNITN-EPRINTS: RISULTATI DI UTILIZZO, PROSPETTIVE DI SVILUPPO UNITN-EPRINTS: RISULTATI DI UTILIZZO, PROSPETTIVE DI SVILUPPO Francesca Valentini () 1. Unitn-Eprints La creazione di un archivio digitale di documenti prodotti dalla comunità accademica dell Ateneo trentino

Dettagli

Verbale della riunione del GDL Open Access del 24 luglio 2006

Verbale della riunione del GDL Open Access del 24 luglio 2006 Verbale della riunione del GDL Open Access del 24 luglio 2006 Il 24 luglio 2006, alle ore 11, nella sede romana della CRUI in Piazza Rondanini 48, si riunisce il gruppo di lavoro sull accesso aperto. Sono

Dettagli

Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento

Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento Open Access e condivisione delle conoscenze: l impatto del modello nelle comunità di apprendimento Principale ricercatore: Anna Maria Tammaro Componenti Gruppo di ricerca: Fabrizia Bevilacqua, Monica Vezzosi,

Dettagli

Open Journal Systems 2

Open Journal Systems 2 Open Journal Systems 2 Public Knowledge Project & Simon Fraser University Library Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.5 License Agenda Cos'è Open Journal Systems? Quali sono le sue funzionalità? Per

Dettagli

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia

Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Position statement sull'accesso aperto ai risultati della ricerca scientifica in Italia Vista la Dichiarazione di Berlino 1 sull'accesso aperto alla letteratura scientifica dell'ottobre 2003, nella quale

Dettagli

IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca

IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca IRIS IR/OA - Repository dei Prodotti della Ricerca Andrea Bollini Bologna 10/04/2014 Perché un CRIS? Perché un catalogo? Supportare i processi di decisione e valutazione di ateneo Rispondere alla mission

Dettagli

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation.

Silk Learning Content Management. Collaboration, content, people, innovation. Collaboration, content, people, innovation. The Need for a Learning Content Management System In un mercato in continua evoluzione, dominato da un crescente bisogno di efficienza, il capitale intellettuale

Dettagli

Sistema Biblioteche INGV e Earth-prints: Archivio Aperto di Geofisica. Anna Grazia Chiodetti, Gabriele Ferrara

Sistema Biblioteche INGV e Earth-prints: Archivio Aperto di Geofisica. Anna Grazia Chiodetti, Gabriele Ferrara Sistema Biblioteche INGV e Earth-prints: Archivio Aperto di Geofisica Anna Grazia Chiodetti, Gabriele Ferrara Rimini, 11 settembre 2007 Sistema Biblioteche INGV Costituito da 8 biblioteche (Milano, Bologna,

Dettagli

Evoluzione delle pubblicazioni scientifiche nell era era Internet. Presentazione al CdS INFN_BA - 01.10.2007 Onofrio Erriquez

Evoluzione delle pubblicazioni scientifiche nell era era Internet. Presentazione al CdS INFN_BA - 01.10.2007 Onofrio Erriquez Evoluzione delle pubblicazioni scientifiche nell era era Internet Presentazione al CdS INFN_BA - 01.10.2007 Onofrio Erriquez Gli inizi 2 / 25 Gli sviluppi Journal des sçavans (1665) 20.000 riviste Internal

Dettagli

L Open Access negli Statuti degli atenei italiani. Università dell'aquila. Statuto. Art 42 - Sistema Bibliotecario di Ateneo

L Open Access negli Statuti degli atenei italiani. Università dell'aquila. Statuto. Art 42 - Sistema Bibliotecario di Ateneo L Open Access negli Statuti degli atenei italiani Università dell'aquila Art 42 - Sistema Bibliotecario di Ateneo [...] 4. L UAQ fa propri i principi dell'accesso pieno e aperto alla letteratura scientifica

Dettagli

Gestione dei materiali non bibliografici 1.

Gestione dei materiali non bibliografici 1. Corso-Concorso EP - Università di Bari anno 2003 4. Modulo - L'organizzazione del lavoro nelle biblioteche Gestione dei materiali non bibliografici 1. Prospettive generali Cosa intendiamo per materiali

Dettagli

PROGETTO ARiAA Diffondiamo la ricerca

PROGETTO ARiAA Diffondiamo la ricerca PROGETTO ARiAA Diffondiamo la ricerca ARiAA Archivio Riviste ad Accesso Aperto. È un progetto pensato e realizzato da Edelweiss - Servizi Editoriali www.servizieditoriali.org info@servizieditoriali.org

Dettagli

Coltivare il terreno della ricerca

Coltivare il terreno della ricerca 1 Coltivare il terreno della ricerca L aumento del divario tra disponibilitàfinanziarie e costidella ricerca impone attenzione sempre maggiore al corretto impiego delle risorsee dei finanziamenti nonchéalla

Dettagli

Gestione efficace del diritto d'autore nell'e learning: modelli di licenze e comunicazione delle informazioni

Gestione efficace del diritto d'autore nell'e learning: modelli di licenze e comunicazione delle informazioni Conoscenza, creatività e fair use nelle università John Cabot University 16 settembre 2011 Gestione efficace del diritto d'autore nell'e learning: modelli di licenze e comunicazione delle informazioni

Dettagli

Open Access e ruolo delle University Press

Open Access e ruolo delle University Press WorkShop Bibliosan 2013 Ricerca biomedica e pubblicazione dei risultati: la sostenibilità dell Open Access Open Access e ruolo delle University Press Fulvio Guatelli fulvio.guatelli@unifi.it Firenze University

Dettagli

SPARC e il futuro della comunicazione scientifica Paola Gargiulo CASPUR

SPARC e il futuro della comunicazione scientifica Paola Gargiulo CASPUR SPARC e il futuro della comunicazione scientifica Paola Gargiulo CASPUR Introduzione La mia presentazione intende far conoscere SPARC e, in particolare, SPARC-Europe, alla comunità accademica italiana.

Dettagli

Modelli economici OA tra sostenibilità a breve e lungo termine di Maria Cassella. Vercelli, 28 ottobre, 2011, Open Access week, 2011

Modelli economici OA tra sostenibilità a breve e lungo termine di Maria Cassella. Vercelli, 28 ottobre, 2011, Open Access week, 2011 Modelli economici OA tra sostenibilità a breve e lungo termine di Maria Cassella Vercelli, 28 ottobre, 2011, Open Access week, 2011 Editoria scientifica: quali costi nel mondo della carta? Costi fissi,

Dettagli

PROGETTO POLIMNIA Deposito digitale delle tesi

PROGETTO POLIMNIA Deposito digitale delle tesi Università degli Studi di Parma Settore Biblioteche PROGETTO POLIMNIA Deposito digitale delle tesi preparato da Fabrizia Bevilacqua responsabile DSpaceUnipr Versione 1.4, 12 marzo 2007 Sintesi del progetto

Dettagli

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org

MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org MICHAEL (Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe) www.michael-culture.org Creare un portale europeo multilingue che dà accesso integrato al patrimonio culturale europeo attraverso le collezioni

Dettagli

Il copyright negli archivi istituzionali di ateneo. Antonella De Robbio

Il copyright negli archivi istituzionali di ateneo. Antonella De Robbio Il copyright negli archivi istituzionali di ateneo Antonella De Robbio Le attività del CAB di Padova sul fronte Open Access E-publishing Sviluppo di una piattaforma software su ambiente libero Zope per

Dettagli

Fare sistema. Modelli organizzativi e cooperazione: sistemi bibliotecari a confronto

Fare sistema. Modelli organizzativi e cooperazione: sistemi bibliotecari a confronto Fare sistema. Modelli organizzativi e cooperazione: sistemi bibliotecari a confronto Annamaria Alfonsi - Vercelli, 13 novembre 2014 In breve... Organizzazione: il modello SBA UniMoRe I progetti e i gruppi

Dettagli

Servizi e strumenti della Biblioteca di Ateneo per il diritto

Servizi e strumenti della Biblioteca di Ateneo per il diritto Servizi e strumenti della Biblioteca di Ateneo per il diritto A cura di Stefania Fraschetta Biblioteca di Ateneo Università degli Studi di Milano-Bicocca Milano, febbraio 2013 Sommario I servizi della

Dettagli

Open Access o libertà del software

Open Access o libertà del software Open Access o libertà del software La questione della libertà del software è solo in minima parte un problema tecnico. Dai computer e dalla rete dipende una parte della nostra capacità di conservare e

Dettagli

Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti

Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti Come scrivere una tesi nel rispetto dei diritti d autore altrui e come renderla visibile mantenendo i propri diritti 1. Cosa sono le tesi i 20 punti da considerare Antonella De Robbio La tesi, di laurea,

Dettagli

Dove iniziare la ricerca bibliografica

Dove iniziare la ricerca bibliografica Information Literacy Oggi ci sono molte risorse a disposizione per lo studio dell ingegneria, per questo è importante saperle utilizzare con discrezionalità per essere certi di aver fatto un lavoro di

Dettagli

LE POLICY UNIBG. Servizi bibliotecari unibg staff di Aisberg Responsabile: Ennio Ferrante

LE POLICY UNIBG. Servizi bibliotecari unibg staff di Aisberg Responsabile: Ennio Ferrante LE POLICY UNIBG Servizi bibliotecari unibg staff di Aisberg Responsabile: Ennio Ferrante PREMESSE Il nostro IR è nato nel 2009 come strumento per 1. il green OA su base volontaria ==> tour di advocacy

Dettagli

Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca. di Ilaria Moroni

Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca. di Ilaria Moroni Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2011 BdA - sommario Introduzione: perché, dove e quando, cosa e come Servizi: fai da te, di prestito,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES

REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES REGOLAMENTO DELLA LUISS SCHOOL OF GOVERNMENTAL STUDIES (proposta deliberata dal Senato Accademico nella seduta del 23 maggio 2013 e approvata dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 23 maggio

Dettagli

Online Sessione AIDA

Online Sessione AIDA Online Sessione AIDA Londra 2 dicembre 2003 Roma 31 marzo 2004 Il content management per la ricerca e la didattica Paola Gargiulo gargiulo@caspur.it Sommario di cosa parliamo quando parliamo di content

Dettagli

!!" #!!$ )&.,%!!$)!0)!",+1)$

!! #!!$ )&.,%!!$)!0)!,+1)$ % - &..!!" #!!$ %%&'( )*#+,% )'%,%&'( )&.,%!!"#$ )/.,%&'( % &' () (*(!+"+,#$-.,"!!$)!0)!",+1)$ /0"-."$%$"1 )&. +"!23"$4,"%. "!5-."."+6"-78%.".-"!,%9'' 1 http://www.rdn.ac.uk/projects/eprints-uk/ 2 De Robbio,

Dettagli

D-LIBRARY Iuav - FAQ

D-LIBRARY Iuav - FAQ D-LIBRARY Iuav - FAQ D-LIBRARY Iuav è il deposito istituzionale che raccoglie i contributi scientifici di coloro che partecipano all attività di ricerca, didattica e formazione dell Ateneo. Perché D-LIBRARY

Dettagli

Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014

Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014 Linee guida per Selezione prodotti Campagna VQR 2011-2014 Revisioni documento Versione Data 01.01 15/01/2016 Sommario 1. Inserimento scheda bibliografica di un nuovo prodotto... 3 1.1 Come recuperare il

Dettagli

IL DISCOVERY TOOL SUMMON L ESPERIENZA DELL UNIVERSITÀ DI PALERMO

IL DISCOVERY TOOL SUMMON L ESPERIENZA DELL UNIVERSITÀ DI PALERMO IL DISCOVERY TOOL SUMMON L ESPERIENZA DELL UNIVERSITÀ DI PALERMO Seminario primaverile CIBER Roma, 7 giugno 2011 Università degli Studi di Palermo Sistema bibliotecario Settore Biblioteca digitale PERCHÉ

Dettagli

L E L E C T R O N I C R E S O U R C E S L I B R A R I A N T R A C O M P E T E N Z E V E C C H I E, N U O V E E F U T U R E P.

L E L E C T R O N I C R E S O U R C E S L I B R A R I A N T R A C O M P E T E N Z E V E C C H I E, N U O V E E F U T U R E P. L E L E C T R O N I C R E S O U R C E S L I B R A R I A N T R A C O M P E T E N Z E V E C C H I E, N U O V E E F U T U R E P. G A R G I U L O Sommario Eziologia del bibliotecario responsabile della gestione

Dettagli

local content in a Europeana cloud

local content in a Europeana cloud local content in a Europeana cloud Fondazione Ranieri di Sorbello LoCloud is funded by the European Commission's ICT Policy Support Programme Cos è LoCloud LoCloud (Local content in a Europeana cloud)

Dettagli

Rivista del digitale nei beni culturali

Rivista del digitale nei beni culturali Numero 1-2006 Rivista del digitale nei beni culturali ICCU-ROMA Il censimento delle collezioni digitalizzate degli atenei e degli enti di ricerca italiani nell ambito del portale Michael Laura Tallandini

Dettagli

SCHEDA TECNICA. FORNITURA WEB SCALE DISCOVERY SERVICE, SISTEMA SOFTWARE CON ARCHITETTURA MODULARE

SCHEDA TECNICA. FORNITURA WEB SCALE DISCOVERY SERVICE, SISTEMA SOFTWARE CON ARCHITETTURA MODULARE SCHEDA TECNICA. FORNITURA WEB SCALE DISCOVERY SERVICE, SISTEMA SOFTWARE CON ARCHITETTURA MODULARE PREMESSA Come indicato nel Capitolato, oggetto del presente appalto è un Web scale discovery service funzionale

Dettagli

Syllabus MODULO I. Periodo Date : 8 Febbraio 2013; 1 marzo 2013 Orari: 8 Febbraio: 15.00-17.30; 1 marzo 2013: 10.30-13.30

Syllabus MODULO I. Periodo Date : 8 Febbraio 2013; 1 marzo 2013 Orari: 8 Febbraio: 15.00-17.30; 1 marzo 2013: 10.30-13.30 Syllabus La ricerca scientifica sulle tematiche del lavoro: strumenti, metodologia e potenzialità dell'open access e dei social network nell'era della editoria digitale. MODULO I L informatica giuridica

Dettagli

Elena Giglia Alessandro Leccese

Elena Giglia Alessandro Leccese Verona, 23 ottobre 2013 Elena Giglia Alessandro Leccese Università degli Studi di Torino elena.giglia@unito.it, alessandro.leccese@unito.it Le foto delle slides 3 e 13.3 sono Università di Torino; le altre

Dettagli

Personalizzazione del software CDSware per l'integrazione dei cataloghi bibliografici con l'archivio aperto istituzionale.

Personalizzazione del software CDSware per l'integrazione dei cataloghi bibliografici con l'archivio aperto istituzionale. Gli Atenei italiani per l Open Access: Verso l accesso aperto alla letteratura di ricerca. Workshop nazionale. Messina, 4-5 novembre 2004 Università degli Studi di Messina Personalizzazione del software

Dettagli

Convegno La documentazione scientifica per le professioni della salute Bibliosan, la rete delle biblioteche degli enti di ricerca biomedici vigilati

Convegno La documentazione scientifica per le professioni della salute Bibliosan, la rete delle biblioteche degli enti di ricerca biomedici vigilati Convegno La documentazione scientifica per le professioni della salute Bibliosan, la rete delle biblioteche degli enti di ricerca biomedici vigilati dal Ministero della Salute CC BY-NC-SA 3.0 IT BNCR,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE della STRUTTURA TECNICO-AMMINISTRATIVA. Allegato A al DDG n.5/2014

ORGANIZZAZIONE della STRUTTURA TECNICO-AMMINISTRATIVA. Allegato A al DDG n.5/2014 ORGANIZZAZIONE della STRUTTURA TECNICO-AMMINISTRATIVA Allegato A al DDG n.5/2014 Aggiornamento di data 20.06.2014 SOMMARIO 1 DIREZIONE GENERALE 3 2 DIREZIONE RICERCA E SISTEMA BIBLIOTECARIO DI ATENEO 6

Dettagli

Il progetto PASTEUR4OA: note sull efficacia delle policy Open Access e spunti da una prima analisi delle politiche universitarie italiane

Il progetto PASTEUR4OA: note sull efficacia delle policy Open Access e spunti da una prima analisi delle politiche universitarie italiane Il progetto PASTEUR4OA: note sull efficacia delle policy Open Access e spunti da una prima analisi delle politiche universitarie italiane 01/10/2015 Il progetto PASTEUR4OA: note sull efficacia delle policy

Dettagli

Il ciclo dell informazione scientifica ed il ruolo dei professionisti dell informazione

Il ciclo dell informazione scientifica ed il ruolo dei professionisti dell informazione Il ciclo dell informazione scientifica ed il ruolo dei professionisti dell informazione Anna Maria Tammaro Seminario di studi Reggio Emilia, 10 maggio 2002 Reader to reader (R2R) L autore pubblica per

Dettagli

Il nuovo portale della Sapienza Integrare comunicazione e servizi. Tiziana Catarci

Il nuovo portale della Sapienza Integrare comunicazione e servizi. Tiziana Catarci Integrare comunicazione e servizi Tiziana Catarci Fase 1: Portale della Comunicazione: reingegnerizzazione portale su CMS Drupal Fase 2: Siti delle strutture: coordinamento tra sito centrale e siti delle

Dettagli

Allegato 4 I COSTI DELL INFORMAZIONE 1

Allegato 4 I COSTI DELL INFORMAZIONE 1 Allegato 4 I COSTI DELL INFORMAZIONE 1 Le università attraverso le biblioteche sono costrette ad acquistare riviste a costi sempre più elevati, i cui contenuti intellettuali sono stati prodotti e ceduti

Dettagli

local content in a Europeana cloud

local content in a Europeana cloud local content in a Europeana cloud Fondazione Ranieri di Sorbello LoCloud is funded by the European Commission's ICT Policy Support Programme Cos è LoCloud LoCloud (Local content in a Europeana cloud)

Dettagli

INDICATORI E SCHEMI DI VALUTAZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA

INDICATORI E SCHEMI DI VALUTAZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA 14 INDICATORI E SCHEMI DI VALUTAZIONE DELLA RICERCA SCIENTIFICA 15 Il Metodo di valutazione per aree disciplinari della Conferenza dei Rettori IL METODO DI VALUTAZIONE PER AREE DISCIPLINARI DELLA CONFERENZA

Dettagli

Open access in Italia

Open access in Italia Open access in Italia Antonella De Robbio CAB Centro di Ateneo per le Biblioteche Università degli Studi di Padova Quadro di riferimento In Italia, da qualche tempo, il movimento Open Access si sta affermando

Dettagli

REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA RICERCA DI ATENEO U-GOV SOLUTION

REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA RICERCA DI ATENEO U-GOV SOLUTION REPOSITORY DEI PRODOTTI DELLA RICERCA Il modulo oggetto di questo documento è parte integrante della Solution Map Cineca per la Governance di Ateneo (U-Gov) e fa parte per la suite sviluppata per la gestione

Dettagli

1. OPEN ARCHIVE 1.1 INTRODUZIONE 1.2 OPEN ARCHIVE

1. OPEN ARCHIVE 1.1 INTRODUZIONE 1.2 OPEN ARCHIVE 1. OPEN ARCHIVE Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro, mentre per altri usi o per inviare

Dettagli

Montreal April 23-25, 2007

Montreal April 23-25, 2007 Montreal April 23-25, 2007 Mary Joan Crowley Maryjoan.crowley@uniroma1.it Abstract Vengono qui riassunti alcuni degli argomenti principali affrontati durante il convegno di ICOLC Srping 2007 a Montreal.

Dettagli

Il Catalogo della Ricerca Il progetto, le novità introdotte, i prossimi passi

Il Catalogo della Ricerca Il progetto, le novità introdotte, i prossimi passi Il Catalogo della Ricerca Il progetto, le novità introdotte, i prossimi passi Luglio 2010 Agenda Il progetto: attività, prossimi passi Il Catalogo della Ricerca Cosa cambia Il processo di gestione della

Dettagli

Periodici elettronici e banche dati

Periodici elettronici e banche dati Servizio civile nazionale volontario Università di Pavia Progetto Vivere la biblioteca: dalla gestione al servizio - 2009 Periodici elettronici e banche dati Caterina Barazia Periodici elettronici: definizione

Dettagli

Rivista del digitale nei beni culturali

Rivista del digitale nei beni culturali DIGITALIA N. 2-2011OKOK:Layout 1 3-04-2012 17:55 Pagina 1 Anno VI, Numero 2-2011 Rivista del digitale nei beni culturali I C C U - R O M A DIGITALIA N. 2-2011OKOK:Layout 1 3-04-2012 17:56 Pagina 137 Il

Dettagli

Una infrastruttura di Biblioteca Digitale di supporto alla Divulgazione Scientifica

Una infrastruttura di Biblioteca Digitale di supporto alla Divulgazione Scientifica Una infrastruttura di Biblioteca Digitale di supporto alla Divulgazione Scientifica Stefania Biagioni Donatella Castelli ISTI-CNR-PISA Bologna, 7 novembre 2002 Informazioni generali SCHOLNET: a Digital

Dettagli

AMS Tesi di Laurea. Marialaura Vignocchi - Roberta Lauriola. ASDD Settore Gestione e sviluppo della biblioteca digitale d Ateneo AlmaDL

AMS Tesi di Laurea. Marialaura Vignocchi - Roberta Lauriola. ASDD Settore Gestione e sviluppo della biblioteca digitale d Ateneo AlmaDL AMS Tesi di Laurea Marialaura Vignocchi - Roberta Lauriola ASDD Settore Gestione e sviluppo della biblioteca digitale d Ateneo AlmaDL Bologna, 11 e 16 ottobre 2013 Un corso su AMS Tesi di Laurea per conoscere

Dettagli

Consorzio Interistituzionale per Progetti Elettronici

Consorzio Interistituzionale per Progetti Elettronici Consorzio Interistituzionale per Progetti Elettronici - Bibliotecari, Informativi, Documentari- Laura Tallandini Venezia 23 aprile 2010 1 Parliamo di... Parte 1 CIPE: le tappe e le caratteristiche CIPE:

Dettagli

Consorzio MathSciNet 2000, Antonella De Robbio

Consorzio MathSciNet 2000, Antonella De Robbio Northern Italy Consortium for MathSciNet Consorzio Interuniversitario per l accesso alla banca dati matematica MathSciNet anno 2000 aderenti: 4 istituzioni italiane: Università degli Studi di Padova (coordinamento)

Dettagli

Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca. di Ilaria Moroni

Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca. di Ilaria Moroni Biblioteca di Ateneo: servizi e strumenti per la ricerca di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 BdA - sommario Introduzione: perché, dove e quando, cosa e come Servizi: fai da te, di prestito,

Dettagli

Information Literacy

Information Literacy Information Literacy Oggi ci sono molte risorse a disposizione per lo studio dell ingegneria, per questo è importante saperle utilizzare con discrezionalità per essere certi di aver fatto un lavoro di

Dettagli

Digital library e repositori istituzionali

Digital library e repositori istituzionali CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Digital library e repositori istituzionali SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale

Dettagli

DAL LOCALE AL GLOBALE: l esperienza di rete dei Centri di documentazione europea attraverso il WIKI dei CDE italiani

DAL LOCALE AL GLOBALE: l esperienza di rete dei Centri di documentazione europea attraverso il WIKI dei CDE italiani R DAL LOCALE AL GLOBALE: l esperienza di rete dei Centri di documentazione europea attraverso il WIKI dei CDE italiani Isolde Quadranti - CDE Università degli Studi di Verona Coordinatrice dei CDE italiani

Dettagli