La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria)"

Transcript

1 La «Community Network dell Umbria» (CN-Umbria) Un opportunità per gli Enti territoriali della Regione Umbria 1

2 La riforma della Pubblica Amministrazione La trasformazione dei processi della PA: Le riforme degli ultimi 20 anni determinano una revisione del ruolo della pubblica amministrazione da struttura di controllo del territorio a leva di competitività per l economia e la qualità della vita. Catena del valore La PA deve erogare servizi che massimizzino l utilità per cittadini e imprese attraverso l organizzazione di front-office pensati per produrre valore aggiunto per l utenza alla quale sono rivolti. Lavorazione di flusso La PA deve massimizzare l economicità dei processi interni di lavoro per continuare ad operare anche in condizioni di ristrettezza di risorse senza compromettere la qualità dei servizi erogati: la struttura funzionale è motivata a re-ingegnerizzarsi introno ai flussi di trasformazione/erogazione di servizio. L amministrazione digitale Le tecnologie ICT sono parte integrante del modello organizzativo e, per questa ragione, ne diventano lo strumento strategico per effettuare le scelte organizzative. 2

3 La pubblica amministrazione: le sfide di oggi Le amministrazioni pubbliche devono, sempre di più, affrontare continue sfide e cambiamenti, l uno legato all altro, di tipo: Organizzativo Tecnologico Normativo Gli Enti territoriali, normalmente, di fronte al cambiamento, si comportano come soggetti che: «subiscono» i cambiamenti istituzionali e normativi «rincorrono» tali cambiamenti sono «costretti» a pagare il cambiamento sia economicamente che umanamente Il processo di cambiamento deve essere sfruttato per: cogliere le opportunità che derivano dai cambiamenti diminuire i costi del cambiamento stesso utilizzare e mettere a fattor comune le esperienze maturate da un Ente 3

4 La pubblica amministrazione: le sfide di domani E fondamentale, per dare certezza degli obiettivi e dei risultati attesi, gestire il cambiamento in modo: condiviso tra enti diversi (orizzontalmente e verticalmente) che produca soluzioni «certificate» che sia vantaggioso economicamente e organizzativamente «COMUNITA DI PRATICHE» Produrre delle interpretazioni alle norme Collaborare nella stesura degli atti di indirizzo Definire i procedimenti organizzativi «standard» 4

5 La risposta della Regione Umbria > Legge regionale 16 settembre 2011, n. 8 (L.R. n. 8/2011) (..) CAPO III - SVILUPPO DELL'AMMINISTRAZIONE DIGITALE Art Servizi infrastrutturali regionali per l'amministrazione digitale 1. La Regione promuove e favorisce l'esercizio dei diritti per l'utilizzo degli strumenti informatici e telematici nei rapporti con la pubblica amministrazione da parte di cittadini e imprese, nel rispetto del disposto del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali) e del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 (Codice dell'amministrazione digitale), garantendo i servizi infrastrutturali abilitanti per l'erogazione di servizi applicativi e telematici da parte delle pubbliche amministrazioni del territorio, compresi i servizi per la sicurezza, l'identità digitale e la cooperazione applicativa, che costituiscono la "community network regionale" a standard del Sistema Pubblico di Connettività (SPC). 2. La Regione opera per servizi integrati più efficienti e semplificati per i cittadini e le imprese sul territorio regionale concludendo, a tal fine, specifici accordi di collaborazione anche con le amministrazioni centrali, con le loro sedi sul territorio regionale nonché con le altre regioni e le province autonome. 3. La realizzazione di quanto previsto nel presente articolo costituisce svolgimento di funzioni istituzionali. 5

6 Community Network regionale: definizione Definizione (derivata dal DPCM 1 aprile 2008) una Community Network è l insieme di servizi infrastrutturali, standard/regole condivise e meccanismi di coordinamento, istituita da una disposizione regionale e rispondente ai requisiti previsti in SPC, con l obiettivo di porre le condizioni per collegare i soggetti su un territorio e rendere possibile la cooperazione applicativa tra i sistemi informativi delle pubbliche amministrazioni e tra queste e i cittadini e le imprese, per la concreta attuazione del CAD Caratteristiche Consolidamento delle reti informatiche locali in ambito territoriale regionale ai fini del Sistema Pubblico di Connettività (SPC) Condivisione di infrastrutture e servizi di interoperabilità, cooperazione applicativa ed identità digitale Condivisione di regole operative di gestione della interoperabilità e comunità di pratica per la semplificazione/dematerializzazione Obiettivo Creare le condizioni perché gli Enti di un territorio siano dotati di omogenee soluzioni e standard tecnici, in modo che possano comunicare tra loro attraverso un unica ossatura di trasporto, condividendo dati e applicazioni efficacemente.

7 Community Network regionale: obiettivi > La strategia in Umbria Gli interventi di e-government realizzati dalla Regione Umbria si sono mossi nel rispetto di una strategia complessiva tesa a delineare un insieme integrato di Servizi infrastrutturali per l Amministrazione Digitale a disposizione sia dell Amministrazione Regionale che del sistema delle Autonomie Locali del territorio. > Rete territoriale in Umbria L Umbria è stata tra le prime regioni in Italia ad attuare una Community Network "a standard SPC attraverso la stretta collaborazione del Consorzio S.I.R. Umbria (ad adesione volontaria) e delle Province, coinvolgendo tutto il sistema istituzionale umbro Sono collegati attualmente più di 100 enti locali (tutti i comuni ed altri enti) e, per la parte del sistema sanitario regionale, tutte le ASL, le Aziende ospedaliere e la rete dei medici di medicina generale. > Oggi la Community Network non è solo «connettività» e non è solo «tecnologia», ma è anche «regole condivise» e «comunità di pratica»

8 CN-Umbria: componenti di servizio 8

9 Definizioni (1) Servizi di trasporto SPC Permettono ad ogni amministrazione l accesso e la comunicazione IP nei tre ambiti previsti dal SPC: Intranet, Infranet e Internet: intranet - ambito costituito dal dominio interno alla singola amministrazione, che connette tutte le sedi della stessa distribuite sul territorio; infranet - ambito di interconnessione che connette tra loro le singole amministrazioni; internet - ambito di interazione tra le singole amministrazioni e gli utenti esterni. Servizi di sicurezza SPC Si occupano della prevenzione, monitoraggio, coordinamento informativo ed analisi degli incidenti di sicurezza in ambito SPC Servizi di interoperabilità di base ed evoluta Indicano quell'insieme di servizi necessari allo scambio di dati e informazioni, come la posta elettronica, il trasferimento file (FTP) e l'accesso al web, posta elettronica certificata (PEC) e la videocomunicazione collaborativa. Servizi di cooperazione applicativa Indicano la capacità dei vari sistemi informativi di avvalersi dell interscambio automatico di informazioni con gli altri sistemi. Lo scopo è di consentire ai cittadini ed alle imprese di fruire on-line ed in modo semplice ed unitario di dati e servizi, riducendo il numero di interazioni con la PA. 9

10 Definizioni (2) Porta di Dominio La Porta di Dominio delimita il confine di responsabilità di un ente aderente all'spc e racchiude al suo interno tutte le applicazioni che esso gestisce. Le comunicazioni da e verso un dominio devono quindi attraversare la sua Porta di Dominio. Le Porte di Dominio si parlano tra di loro scambiandosi richieste e risposte in un formato standard, denominato busta egov. SICA I Servizi Infrastrutturali e di Cooperazione Applicativa (SICA) abilitano l interoperabilità e la cooperazione applicativa fra le Amministrazioni, oltre che l accesso ai servizi applicativi da queste sviluppati e resi disponibili sul SPC. SPCoop Il Sistema Pubblico di Cooperazione (SPCoop) è costituito da un insieme di specifiche, gestite da DigitPA, che normano le modalità di comunicazione ed organizzative relative alle comunicazioni applicative tra gli Enti, al fine di realizzare l'infrastruttura standard che permette la Cooperazione Applicativa. 10

11 Definizioni (3) Servizi di identità digitale ed accesso ai servizi Permette ad un utente di accedere ai servizi messi a disposizione della PA grazie ad un sistema che regolamenta i processi di accreditamento di un utente, di un dominio, di un certificatore, all interno del dominio di cooperazione. E articolato nelle seguenti componenti: Identità: l insieme delle caratteristiche essenziali ed uniche in grado di identificare un soggetto Autenticazione: il processo in cui si verifica la corrispondenza tra l identità dichiarata e le credenziali fornite Attributo: tutte le informazioni relative ad un utente necessarie a determinarne le caratteristiche Profilo utente: lista di attributi associati ad un singolo utente. Descrivono caratteristiche come professione, eventuale iscrizione ad albo, appartenenza a determinati gruppi Ruolo: sottoinsieme di attributi del Profilo utente che individuano il compito dell utente all interno dell organizzazione. 11

12 Definizioni (4) Servizi per la dematerializzazione Permette la conservazione a norma, o sostitutiva, dei documenti informatici per garantirne nel tempo la validità legale Unità locale di sicurezza Struttura dedicata al coordinamento, al mantenimento ed alla verifica del livello di sicurezza minimo garantito per l'intera Community Network. Centro regionale gestione contratti Svolge le funzioni di gestione del contratto, misurazione, valutazione delle penali, misurazione degli SLA, raccolta e distribuzione dei dati relativi ai livelli di qualità e sicurezza dei servizi erogati Comunità di pratica su temi specifici Le comunità di pratica e di apprendimento sono gruppi sociali che hanno come obiettivo finale il generare conoscenza organizzata e di qualità cui ogni individuo può avere libero accesso. Reti sociali informali Sono strutture di relazione e interazione tra persone e gruppi. Sono regolari e persistenti, possiedono una qualche norma ma si trovano al di fuori del dominio del contratto, della regolazione e dell organizzazione formale. (D. Schoen) 12

13 Servizi di trasporto e sicurezza (Comnet-Umbria) Trasporto dati (per i singoli Enti) Soluzione progettuale coerente con il Sistema Pubblico di Connettività che prevede un architettura generale nella tutti gli Enti hanno un accesso VPN (Virtual Private Network) tramite il quale colloquiano con gli altri nodi all'interno della stessa rete (Intranet) in modalità sicura ed escano verso Internet, o verso altre Amministrazioni (Infranet), tramite un unico nodo. Sicurezza locale ed help desk (per i singoli Enti) A fronte di un problema di rete e di sicurezza, dovrà fare escalation della criticità verso gli altri fornitori, fornendo il massimo grado di assistenza agli utilizzatori finali Sicurezza centrale (verso QXN, altre Regioni e PA centrali ) Permette di garantire la sicurezza dell intera rete, essendo un unico punto di accesso messo in sicurezza secondo standard SPC 13

14 Servizi di trasporto e sicurezza: trasporto dati Ad ogni socio del Consorzio SIR Umbria viene garantito un Punto di Accesso al Servizio (PAS) con determinate caratteristiche di connettività su standard SPC Viene fornito un dispositivo firewall, gestito dalla ULS-R, in grado di garantire la sicurezza dell intera rete Comnet Il Consorzio SIR Umbria controlla i livelli di servizio offerti dal fornitore di connettività SPC in maniera tale da garantire i propri soci circa i servizi offerti 14

15 Servizi di trasporto e sicurezza: sicurezza locale ed help desk (ULS-R) Compiti Responsabilità garantire la realizzazione ed il mantenimento dei livelli di sicurezza previsti per il domino di competenza Community Network dell Umbria definire le policy della sicurezza centrale del dominio di competenza consultando, in via preventiva gli Enti territoriali, per le politiche di interesse generale svolgere il ruolo di help desk di primo livello per tutte le componenti di servizio della Community Network per quanto attiene alle problematiche di rete e di sicurezza e con possibilità di escalation verso i fornitori delle singole componenti svolgere il ruolo di help desk di secondo livello per quanto attiene alla sicurezza locale, compreso il supporto agli Enti territoriali in merito a problematiche di connettività e sicurezza assicurare il coordinamento delle Unità Locali di Sicurezza degli Enti territoriali (ULS-T) se costituite, ovvero di fornire funzioni sussidiarie di sicurezza per gli Enti territoriali che non ritengono conveniente dotarsi direttamente di tali strutture o avvalersi, per l espletamento dei compiti, di fornitori qualificati definire le caratteristiche dei sistemi di confine in grado di garantire i livelli di sicurezza previsti e le relative politiche di sicurezza del dominio di competenza svolgere attività di prevenzione degli incidenti informatici anche mediante la produzione di documenti tecnici e di bollettini di sicurezza sulle minacce e sui potenziali attacchi 15

16 Servizi di trasporto e sicurezza: sicurezza territoriale (ULS-T) Gli Enti territoriali che aderiscono alla Community Network, là dove possibile ed opportuno, costituiscono una Unità Locale di Sicurezza Territoriale (ULS-T) supportata e coordinata dalla ULS-R Compiti garantire la realizzazione ed il mantenimento dei livelli di sicurezza previsti per il domino dell Ente territoriale, indipendentemente dai sistemi di confine della ULS-R garantire che la politica di sicurezza presso il domino dell Ente territoriale sia conforme agli indirizzi e alle politiche di sicurezza definiti da SPC e dalla ULS-R notificare alla USL-R ed al Consorzio SIR Umbria, secondo le modalità stabilite, eventuali incidenti informatici o situazioni di attenzione o vulnerabilità adottare le necessarie misure volte a limitare il rischio di attacchi informatici ed eliminare eventuali vulnerabilità della rete, causate dalla violazione e utilizzo illecito di sistemi o infrastrutture della pubblica amministrazione 16

17 Servizi di interoperabilità e cooperazione applicativa (CA-Umbria) La Cooperazione Applicativa definisce un modello logico ed una serie di specifiche per la realizzazione di una infrastruttura tecnologica che consenta a sistemi ed organizzazioni eterogenee di interoperare in modalità standard. L'esigenza è di far comunicare secondo modalità definite e condivise le diverse Amministrazioni Centrali e Locali La comunicazione tra i sistemi che entrano nel sistema di cooperazione applicativa è resa possibile da elementi architetturali che hanno lo scopo di disaccoppiare i contenuti tecnologici dei vari sistemi da quelli applicativi 17

18 CA-Umbria: le porte di dominio e il Centro Servizi della Regione Umbria per la Cooperazione Applicativa La Regione Umbria ha attivato una serie di interventi per implementare la propria infrastruttura di cooperazione applicativa nel rispetto dei principi e delle regole del SPC e del progetto interregionale ICAR Ha quindi realizzato un Centro Servizi Regionale per la Cooperazione Applicativa e l interoperabilità regionale e messo a disposizione di tutti gli Enti della regione una Porta di Dominio Attualmente gli enti dotati di porta di dominio sono: >La Regione Umbria >Le Province di Perugia e Terni >Tutti i 92 comuni dell Umbria >Le 4 ASL, le aziende ospedaliere di Perugia e Terni, il centro dei medici di medicina generale >Le comunità montane e le unioni dei comuni >L ARPA Umbria 18

19 CA-Umbria: flusso dominio organizzativo 19

20 Servizi di identità digitale ed accesso ai servizi (FED-Umbria) > E il sistema della Regione Umbria per la gestione delle identità digitali e l autorizzazione all accesso delle risorse informatiche messe a disposizione dagli Enti locali della Regione Umbria. > Il sistema FedUmbria consente ad un Cittadino di accedere con le stesse credenziali a tutti i Servizi messi a disposizione dagli Enti della P.A. umbra che utilizzano FedUmbria come sistema per la gestione delle identità digitali. > Per accedere ai servizi messi a disposizione dalla comunità degli enti della P.A. umbra è necessario che l utente effettui alcune operazioni che hanno lo scopo di renderlo noto al sistema. REGISTRAZIONE A seguito della registrazione potrà accedere a quei servizi che non richiedono un ulteriore fase di accertamento dell identità. IDENTIFICAZIONE Per usufruire di alcuni servizi aggiuntivi l utente deve essere identificato. Per usufruire di questi servizi la sola registrazione non è sufficiente. 20

21 Servizi di identità digitale ed accesso ai servizi (FED-Umbria) 21

22 Servizi per la dematerializzazione (AIR-Umbria) > Mette a disposizione degli Enti, tra l altro, una piattaforma per consentire la conservazione a norma o sostitutiva > La conservazione a norma, o sostitutiva, è una procedura legale/informatica regolamentata da norme ben precise, in grado di garantire nel tempo la validità legale di un documento informatico 22

23 Ambiente di sviluppo condiviso (ASC-Umbria) > Con la Legge Regionale n.11 del 25 luglio 2006 Norme in materia di pluralismo informatico, sulla adozione e la diffusione del software a sorgente aperto (..) l'umbria è stata la prima Regione in Italia a dotarsi di uno strumento normativo per l open source. > Con l art.15 della Legge Regionale n.8 del 16 settembre 2011 Semplificazione amministrativa e normativa (..) l'umbria è stata la prima Regione in Italia a dotarsi di uno strumento normativo per l open data. > Per l attuazione delle strategie regionali dell open source e dell open data, sarà implementato un Ambiente di Sviluppo Cooperativo a disposizione della Regione e degli Enti del territorio nell ambito della Community Network, con lo scopo di supportare i processi di condivisione e diffusione di documentazione, dati e codice sorgente riusabile all interno di tutti i progetti regionali (sia dell Amm.ne Regionale che degli Enti locali e delle Scuole, realizzati sia con finanziamenti derivanti dalla L.R. n.11/2006 che con fondi diversi) oltre a garantire uno strumento operativo per la collaborazione online degli utenti delle Comunità di pratica sui vari temi. 23

24 Soggetti partecipanti CN-Umbria e relativi ruoli 24

25 Convenzione per la realizzazione della CN-Umbria tra Regione e Consorzio S.I.R. Umbria Regola i rapporti tra le parti per la realizzazione della «Community Network dell Umbria» La Regione ha l obbligo di: provvedere ad istituire l Unità locale di sicurezza regionale (ULS-R), ed assicurare che la stessa applichi le procedure operative per la gestione della sicurezza della CN-Umbria assicurare, attraverso la propria struttura organizzativa e società in-house, livelli ottimali di affidabilità e continuità dei propri sistemi in rete (hw, sw di base, connettività, etc.) in relazione alla realizzazione del progetto Il Consorzio SIR Umbria ha l obbligo di: costituire il Gruppo di coordinamento della CN-Umbria con i rappresentanti della Regione, del Consorzio ed i referenti degli Enti partecipanti nominare e supportare il Direttore dell esecuzione dalle adeguate competenze tecniche ed organizzative, individuando un eventuale Staff di supporto nominare e supportare gli esperti Collaudatori necessari per le verifiche in corso d opera e finali coordinare operativamente i rapporti tra tutti gli Enti partecipanti alla CN-Umbria curare la gestione amministrativa, esclusa quella relativa ai rapporti tra la Regione e la sua società inhouse 25

26 Centro regionale gestione contratti (CG-SPC-R) Il Consorzio SIR Umbria provvede a: istituire Centro regionale gestione contratti (CG-SPC-R) avente il ruolo di terza parte nei confronti dei fornitori che gestiscono le componenti di servizio della CN-Umbria e svolgendo funzioni di gestione del contratto, misurazione, valutazione delle penali, raccolta e distribuzione dei dati relativi ai livelli di qualità e sicurezza dei servizi erogati, volte a consentirne la verifica anche da parte degli Enti partecipanti; effettuare il monitoraggio periodico delle attività svolte e fornire tutti i dati necessari per alimentare il sistema di monitoraggio stabilito in accordo tra le Parti; assumere il coordinamento generale della migrazione e della sperimentazione operativa 26

27 CN-Umbria: il gruppo di coordinamento Il Gruppo di coordinamento è guidato dal Direttore dell esecuzione ed ha il compito di: mantenere il collegamento tra gli Enti partecipanti consentendo un costante allineamento con le loro volontà ed aspettative rispetto ai risultati attesi del progetto; Ogni Ente partecipante dovrà nominare un referente per ognuna delle componenti di servizio previste nella CN-Umbria. Una stessa persona potrà essere nominata referente per più componenti di servizio, e per più Enti partecipanti diversi Il Consorzio fornirà il supporto operativo necessario al funzionamento del Gruppo di coordinamento, compresa la convocazione delle sedute e la redazione dei relativi resoconti. Le sedute e i lavori potranno svolgersi anche a distanza attraverso strumenti ICT. A tal fine saranno predisposte e gestite dal Consorzio delle mailing list di componente, che includano i referenti delle singole componenti di servizio e/o organizzative, ed una mailing list generale, che includa tutto il Gruppo di coordinamento. 27

28 CN-Umbria: il direttore dell esecuzione Il Direttore dell esecuzione ha i seguenti compiti: provvede al coordinamento, alla direzione e al controllo tecnico/contabile dell esecuzione della presente convenzione e dei conseguenti affidamenti dei vari interventi previsti; assicura la regolare esecuzione della presente convenzione da parte dei fornitori, verificando che le attività e le prestazioni siano eseguite in conformità a quanto previsto; cura la rendicontazione delle attività di progetto per il complesso degli interventi, nonché tutte le attività che si rendano opportune per assicurare il perseguimento dei compiti a questo assegnati. 28

29 Comunità di pratiche su temi specifici (CP) > Le comunità di pratica (CP) vengono costituite, dentro il singolo ente o tra più enti, per trovare risposte comuni ai problemi inerenti l'esercizio del proprio lavoro. > Le comunità di pratica sono gruppi sociali che hanno come obiettivo finale il generare conoscenza organizzata e di qualità cui ogni individuo può avere libero accesso. In queste comunità gli individui mirano a un apprendimento continuo e hanno consapevolezza delle proprie conoscenze. Non esistono differenze di tipo gerarchico: tutti hanno uguale importanza perché il lavoro di ciascuno è di beneficio all'intera comunità. La finalità è il miglioramento collettivo. Chi entra nella comunità mira quindi alla condivisione; Non esistono spazi privati o individuali, tutti condividono tutto. Chi ha conoscenza e la tiene per sé è come se non l'avesse. it.wikipedia.org 29

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria.

Regione Umbria. Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni. www.umbriageo.regione.umbria. DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Sessione tematica V: Standardizzazione ed armonizzazione interistituzionale delle informazioni

Dettagli

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE

SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE SPCOOP E I PROGETTI DI COOPERAZIONE INTERREGIONALE EGIDIO PICERNO POTENZA 9 LUGLIO 2010 Interoperabiltà è la capacità di due o più sistemi informativi di scambiarsi informazioni e di attivare, a suddetto

Dettagli

Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività

Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività Commissione di Coordinamento del Sistema Pubblico di Connettività SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA CONNESSIONE AL SPC DI GESTORI DI SERVIZI PUBBLICI E SOGGETTI CHE PERSEGUONO FINALITÀ DI PUBBLICO INTERESSE

Dettagli

Il Sistema Pubblico di connettività

Il Sistema Pubblico di connettività Il Sistema Pubblico di Connettività (SPC): i consuntivi del primo periodo di attività Il Sistema Pubblico di connettività I cittadini e le imprese richiedono alla Pubblica Amministrazione di presentarsi

Dettagli

Governance e linee guida tecnicoorganizzative

Governance e linee guida tecnicoorganizzative Allegato 1 Servizio Governance e linee guida tecnicoorganizzative del sistema ICAR-ER INDICE 1. Introduzione 3 1.1 Definizione e Acronimi 3 1.2 Scopo del documento 4 1.3 Destinatari 4 2. Il Sistema ICAR-ER

Dettagli

L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione digitale

L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione digitale Ambito di coordinamento Conoscenza e Welfare Servizio informativo regionale, e-government, società dell'informazione e infrastrutture tecnologiche L.R. n.8/2011 capo III: sviluppo dell amministrazione

Dettagli

Allegato Tecnico IcarER

Allegato Tecnico IcarER Allegato Tecnico IcarER Nota di lettura 1 Descrizione del Servizio 1.1 Definizioni e Acronimi 1.2 Descrizione generale 1.2.1 Accordo di servizio 1.3 Descrizione dei servizi offerti 1.3.1 Gestione in service

Dettagli

e.toscana Compliance visione d insieme

e.toscana Compliance visione d insieme Direzione Generale Organizzazione e Sistema Informativo Area di Coordinamento Ingegneria dei Sistemi Informativi e della Comunicazione I.T.S.A.E. e.toscana Compliance visione d insieme Gennaio 2007 Versione

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n.

COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. COMUNE DI MAGIONE Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 coordinato con la legge di Conversione 11 agosto 2014, n. 114 Rif. int. : Rev. : 0.0 Vers. Prec. : Sommario 1- Revisioni...

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Sistema pubblico

Dettagli

Digitalizzare nella P.A. Servizi e Procedimenti

Digitalizzare nella P.A. Servizi e Procedimenti Digitalizzare nella P.A. Servizi e Procedimenti Dott.Ing. Giovanni Gentili giovanni.gentili+cad@gmail.com Napoli 14/11/2011 Introduzione 1. Il contesto della digitalizzazione 2. Il repertorio dei servizi

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop

Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Il modello di gestione delle identità digitali in SPCoop Francesco Tortorelli Il quadro normativo e regolatorio di riferimento 2 Il codice dell amministrazione digitale (CAD) CAD Servizi Access di services

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007

Introduzione. Le infrastrutture di Regione Toscana. http://www.cart.rete.toscana.it. Versione 0.4 1 10/10/2007 Introduzione Le infrastrutture di Regione Toscana http://www.cart.rete.toscana.it Versione 0.4 1 10/10/2007 1 L'ultima versione di questo manuale è diponibile al seguente URL 1 Indice generale Introduzione...3

Dettagli

REGIONE UMBRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

REGIONE UMBRIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA ALLEGATO A PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE UMBRIA E UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA PER LA COLLABORAZIONE NELL AMBITO DELLA AGENDA DIGITALE DELL UMBRIA (D.G.R. n.397/2012, n.1546/2012, n.1555/2013)

Dettagli

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna

OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna COMUNE DI OGGETTO: Adesione al progetto ANA-CNER Sistema interoperabile di accesso ai dati della popolazione residente dell Emilia Romagna PROPOSTA DI DELIBERAZIONE PER LA GIUNTA MUNICIPALE LA GIUNTA MUNICIPALE

Dettagli

Le comunicazioni telematiche in Toscana

Le comunicazioni telematiche in Toscana Le comunicazioni telematiche in Toscana Stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana I N D I C E Le comunicazioni telematiche I canali di comunicazioni InterPRO e le Amministrazioni Pubbliche Come attivare

Dettagli

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE

MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE MISURAZIONE DELLA PERFORMANCE (STRALCIO PIANO DELLA PERFORMANCE AGID 2014-2016) 1.1 ALBERO DELLA PERFORMANCE Pur perdurando il momento di profondo riordino dell assetto organizzativo e delle attività dell

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania

Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Introduzione alla Cooperazione applicativa in Campania Cos è SPICCA è una infrastruttura costituita dall insieme di risorse hardware e componenti applicative, rappresenta la piattaforma per la realizzazione

Dettagli

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012

L impatto del d. CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 L impatto del d CAD e dell innovazione l innovazione tecnologica sull organizzazione dei procedimenti amministrativi. Bari, 3 luglio 2012 Giovanni Damiano Agenda LA PA VISTA DALL UTENTE LE LEVE DEL CAMBIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

l identità digitale federata nel progetto ICAR

l identità digitale federata nel progetto ICAR l identità digitale federata nel progetto ICAR Francesco Meschia Roma, 16 febbraio 2006 agenda generalità sul progetto ICAR e sul task INF-3 situazione e problemi dell identità digitale in Italia l approccio

Dettagli

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani

L innovazione tecnologica nel territorio toscano. Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani L innovazione tecnologica nel territorio toscano Prato, 24 Maggio 2011 Ing. Laura Castellani Innovazione: : cogliere e indirizzare le nuove opportunità E-Business Politiche per le imprese E-Society Politiche

Dettagli

Codice dell Amministrazione digitale

Codice dell Amministrazione digitale Dlgs. 7 marzo 2005, n. 82 Codice dell Amministrazione digitale (Estratto relativo ai soli articoli riguardanti il Sistema pubblico di connettività) Capo VIII Sistema pubblico di connettività e rete internazionale

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte

La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte La sicurezza nel Sistema Pubblico di Connettività Prima parte Ing. Gianfranco Pontevolpe Responsabile Ufficio Tecnologie per la sicurezza Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

VISTO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CNIPA E LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

VISTO SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CNIPA E LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL CNIPA E LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PER L INTEGRAZIONE ED IL GOVERNO DELLE COMPONENTI DEL SPC DELLA TRA il Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali

Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Enti Regionali Qualificazione della Porta di Dominio con il concorso degli Versione 1.1 INDICE 1. PREFAZIONE... 3 1.1. Autori... 3 1.2. Modifiche Documento... 3 1.3. Riferimenti... 4 1.4. Acronimi e Definizioni... 4

Dettagli

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior

AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior AVVISO n. 29/2010: Procedura comparativa per il conferimento di un incarico di collaborazione coordinata e continuativa per un profilo super senior, di Esperto di servizi e tecnologie per l egovernment

Dettagli

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso

COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni, segnalazioni ai sensi dell articolo 24, comma 3 bis del D.L.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas

Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Concertazione e cooperazione applicativa nel progetto Comunas Fabrizio Gianneschi Regione Autonoma della ardegna Alcuni dati Circa 1.700.000 abitanti 377 Comuni 83% sotto i 5.000 abitanti 30% ha una intranet

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Procedura ristretta n. 2/2006 per l affidamento della progettazione, realizzazione e gestione di componenti di cooperazione applicativa,

Dettagli

Workshop Le Tecnologie per lo Studio Professionale Virtuale e Mobile

Workshop Le Tecnologie per lo Studio Professionale Virtuale e Mobile Workshop Le Tecnologie per lo Studio Professionale Virtuale e Mobile DOMINIO GIUSTIZIA RELAZIONI INFORMATICHE PROCESSO TELEMATICO MILANO 13 aprile 2010 PALAZZO FAST - Piazzale Raimondo Morandi 2 Nella

Dettagli

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP

Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) CUReP Sistema di Interoperabilità e di Cooperazione Applicativa Evoluta in sicurezza (SPICCA) un caso d uso Centro Integrato di Prenotazione della Regione Campania CUReP DIT WorkShop Cup on line interregionale

Dettagli

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale

Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Le iniziative della Regione del Veneto in tema di dematerializzazione documentale verso un Polo Archivistico Regionale Andrea Boer Regione del Veneto Direzione Sistemi Informativi U.C. e-government Treviso,

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni Regione Veneto Provincia di Treviso Comune di Castelfranco Veneto Servizio Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE (ex art.24 DL 90/2014) SOMMARIO 1. Cronologia revisioni 2. Inquadramento e obiettivi del piano 3. Architettura di riferimento 4. Piano attuativo 4.1. Individuazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera:

A relazione dell'assessore Cavallera: REGIONE PIEMONTE BU5 30/01/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 23 dicembre 2013, n. 28-6947 D.G.R. n. 37-6240 del 2.8.2013. Servizi "on-line" assicurati dal Servizio Sanitario Regionale a favore

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Sistema pubblico di cooperazione: Versione 1.0 Nome doc.: oop-eserciziogestione_v1.0_20051014.doc Versione: 1.0 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management)

Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management) Servizi di Gestione delle Postazioni di Lavoro (Fleet Management) Procedura di qualificazione per l iscrizione nell elenco dei Fornitori Erogatori di Servizi di Fleet Management per le Aziende Sanitarie

Dettagli

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione

Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Autorità per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Lotto 2 - Interoperabilità Allegato C/1 INDICE PROGETTO TECNICO INDICE DEL PROGETTO 1 SERVIZI PER L'INTEROPERABILITÀ NEL DOMINIO DELLA RETE UNITARIA

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus

La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus Venezia, 22 novembre 2010 Il progetto ICAR plus, attuato dal CISIS, nasce come azione di supporto e diffusione della cultura della cooperazione

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria

Consorzio S.I.R. Umbria Consorzio S.I.R. Umbria RELAZIONE AL RENDICONTO DELL ESERCIZIO 2010 VALUTAZIONE DELL'EFFICACIA DELL'AZIONE CONDOTTA Il 2010 è stato un anno molto intenso che ha visto la struttura operativa del Consorzio

Dettagli

Il modello Sicilia per la società dell Informazione

Il modello Sicilia per la società dell Informazione Il modello Sicilia per la società dell Informazione Palermo 10 luglio 2007 La Mission di Sicilia e Innovazione è stata creata per svolgere le attività infotelematiche delle Amministrazioni regionali comprese

Dettagli

Il Resp. Sezione Amm.va e Finanziaria F.F. Dott. Stefano Paggetti

Il Resp. Sezione Amm.va e Finanziaria F.F. Dott. Stefano Paggetti Parere di regolarità Amministrativa Ai sensi e per gli effetti di cui all art.49, comma1 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, si esprime parere favorevole di regolarità tecnica. Perugia, 09/11/2010 Il Resp.

Dettagli

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri

Vent anni di corsi a Bressanone. Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica. Dott. ssa Floretta Rolleri Vent anni di corsi a Bressanone Il Protocollo Informatico e la Sicurezza Informatica XX Corso Dott. ssa Floretta Rolleri CNIPA Bressanone (Bz), 19-22 maggio 2009 Il Protocollo Informatico e la Sicurezza

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale più dei soggetti aggregati o aggregandi Cofinanziamenti provenienti da enti esterni all aggregazione costituita o costituenda e diversi dal finanziamento comma 893 TOTALE Il Progetto si inquadra nell ambito

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

Progetto RI-Umbria. Scenario Operativo e Piano di Lavoro

Progetto RI-Umbria. Scenario Operativo e Piano di Lavoro Progetto Scenario Operativo e Piano di Lavoro Indice Introduzione...3 1. Cos è il progetto RIUMBRIA...4 1.1 Finalità...4 1.2 Obiettivi...6 1.4 Strategia Attuativa...7 1.4 Risultati attesi...9 2. Governo

Dettagli

Evoluzione dei sistemi informatici dello studio notarile Roma 3-4 dicembre 2004

Evoluzione dei sistemi informatici dello studio notarile Roma 3-4 dicembre 2004 La mia relazione ha per tema l Evoluzione dei sistemi informatici dello studio notarile, tema che potrebbe sembrare non in linea con le problematiche derivante dal codice sulla privacy. Ma in effetti l

Dettagli

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale

Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati. Agenzia per l Italia Digitale Conservazione del documento informatico ed i conservatori accreditati Agenzia per l Italia Digitale 21-11-2014 L «ecosistema» della gestione dei documenti informatici PROTOCOLLO INFORMATICO FIRME ELETTRONICHE

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna

ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna ALLEGATO 1 Dichiarazione di intenti per la realizzazione ed utilizzo di datacenter in Emilia-Romagna La Regione Emilia-Romagna, nella persona dell Assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica,

Dettagli

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Roma, 06 giugno 2005 Dott. Francesco Pirro Responsabile Ufficio Servizi di connettività ed interoperabilità di base Driver del cambiamento Da Stato Centralista

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus

La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus La cooperazione applicativa nelle Regioni Osservatorio Icar Plus Milano, 24 novembre 2010 1 Il progetto ICAR plus, attuato dal CISIS, nasce come azione di supporto e diffusione della cultura della cooperazione

Dettagli

A cura di servizidipagamento.eu 2014

A cura di servizidipagamento.eu 2014 INDICE 1 L evoluzione della normativa dei pagamenti alle P.A. I 1.1 Premessa I 1.2 L apertura al «sistema dei pagamenti» I 1.3 Il quadro normativo della gestione di pagamento alle P.A. II 2 1.4 La semplificazione

Dettagli

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A.

Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Il Programma di razionalizzazione della spesa per beni e servizi della P.A. Seminario sulle Convenzioni CONSIP in ambito ICT 28 Novembre 2003 Palazzo del Consiglio Regionale Sala Sinni Agenda 1. Apertura

Dettagli

Obiettivi ed architettura del SPC

Obiettivi ed architettura del SPC Obiettivi ed architettura del SPC Marco Martini Componente CNIPA Roma 19 marzo 2007 1 Agenda Obiettivi del SPC Il quadro normativo del SPC L organizzazione del progetto L architettura tecnica del SPC Connettività

Dettagli

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL Seminario sulla Società dell informazione, cooperazione territoriale e sviluppo locale Catania, 9 novembre 2005 Mauro Savini CNIPA, Progetto

Dettagli

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione

Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Il Sistema Pubblico di Connettività e Cooperazione Roma, 09 maggio 2005 Dott. Francesco Pirro Responsabile Ufficio Servizi di connettività ed interoperabilità di base Driver del cambiamento Da Stato Centralista

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.2242 del 02.09.2008 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.2242 del 02.09.2008 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Quotidiano d'informazione giuridica - n.2242 del 02.09.2008 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Sistema pubblico di connettività: regole tecniche e di sicurezza D.P.C.M. 01.04.2008,

Dettagli

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti

MUTA Modello Unico Trasmissione Atti MUTA Modello Unico Trasmissione Atti A cura di Elisabetta Sciacca Direzione SIRE / Responsabile Progetto Muta Milano, 15 settembre 2011 SINTESI DEI CONTENUTI 1. La piattaforma MUTA 2. I servizi 3. Scenari

Dettagli

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI

FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI FORMAZIONE AVANZATA IL CONSERVATORE DEI DOCUMENTI DIGITALI 1. Premessa Con raccomandazione del 27/10/2011 - digitalizzazione e accessibilità dei contenuti culturali e sulla conservazione digitale - la

Dettagli

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n.

DigitPA. VISTI gli articoli 16 e 16 bis del decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito con modificazioni dalla Legge 28 gennaio 2009 n. DigitPA VISTO l art. 6, comma 1 bis, del decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 (indicato in seguito con l acronimo CAD), come modificato dal decreto legislativo 30 dicembre 2010 n. 235; VISTI gli articoli

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 aprile 2008

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 aprile 2008 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 1 aprile 2008 Regole tecniche e di sicurezza per il funzionamento del Sistema pubblico di connettivita' previste dall'articolo 71, comma 1-bis del decreto

Dettagli

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7

RICOGNIZIONE DELLA SITUAZIONE ESISTENTE...7 COMUNE DI SPECCHIA Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione e la compilazione on-line da parte di cittadini e imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al Comune INDICE

Dettagli

Pubblico e privato nelle strategie di e-government

Pubblico e privato nelle strategie di e-government Ruolo degli Enti Locali nel Piano di e-government La strategia del Comune per l e-government Gli strumenti attuativi della strategia Il necessario apporto del privato Ruolo degli Enti Locali nel Piano

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D.

Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP. Il Capo V del C.A.D. Dal mainframe al Cloud, attraverso l hosting e l ASP Milano, 24 maggio 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Il valore dei dati pubblici Dati pubblici: - patrimonio dell'ente

Dettagli

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011

COMUNE di PORTOGRUARO - PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011 SEZIONE A Sistema informativo comunale, rete e sicurezza Nell ambito del sistema informativo, degli applicativi in uso, della rete e del sistema di sicurezza va mantenuta e migliorata l efficienza intervenendo

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010

DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010 SOCIETA DELLA SALUTE DELLA VALDINIEVOLE DELIBERAZIONE DELLA ASSEMBLEA DEI SOCI N. 10 DEL 08 GIUGNO 2010 Oggetto: Convenzione per l adesione della SDS Valdinievole alla Rete Telematica Regione Toscana (art.

Dettagli

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione

Sistema pubblico di cooperazione: Esercizio e Gestione Sistema pubblico di cooperazione: Versione 1.1 INDICE 1. MODIFICHE DOCUMENTO...3 2. OBIETTIVI E CONTESTO DI RIFERIMENTO... 4 2.1. Scopi del documento... 5 2.2. Note di Lettura del Documento... 5 2.3. Note

Dettagli

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita').

Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). REGIONE PIEMONTE BU19 08/05/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 15 aprile 2014, n. 37-7454 Adesione al Nodo nazionale dei pagamenti elettronici SPC (Sistema Pubblico di Connettivita'). A relazione

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici

Comune di Nola Provincia di Napoli. Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Comune di Nola Provincia di Napoli Regolamento di gestione utenti e profili di autorizzazione per trattamenti elettronici Sommario Articolo I. Scopo...2 Articolo II. Riferimenti...2 Articolo III. Definizioni

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA

Knowledge Box Spring 2011. Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Knowledge Box Spring 2011 Il nuovo CAD Per valorizzare il patrimonio informativo e conoscitivo delle PA Maria Pia Giovannini DigitPA Responsabile Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse

Dettagli