PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 PROVINCIA DI BELLUNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 PROVINCIA DI BELLUNO"

Transcript

1 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Innovazione Sistema Informativo Provinciale 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Aggiornamento postazioni di lavoro 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Rinnovare le postazioni di lavoro obsolete ed introdurre un software centralizzato per l'installazione, l'aggiornamento e la rimozione del software sulle postazioni. Analisi compatibilità s.o. W7 e procedure interne Analisi compatibilità s.o. W7 e GPO (regole generali di dominio) Definizione e creazione immagine unica per l'installazione rapida della postazioni Definizione beneficiari, installazione pc, dismissione macchine obsolete Configurazione e implementazione del software per installazione, aggiornamento e rimozione delle procedure sulle postazioni di lavoro Predisposizione regolamento per l'uso degli strumenti informatici X X X X X X X X X X X X Pagina 1

2 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO n. postazioni aggiornate 50 Introduzione software per gestione postazioni di lavoro 30/06/13 - Predisposizione regolamento per l'uso degli strumenti informatici 31/05/13 - PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Zulian X X X X X 35 Marchi X X X X X 5 Amati X X X X X 10 Zandomenego X X X X X 25 Nessenzia X X X X X 10 Pagina 2

3 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Sistema di sicurezza di rete 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Servizio di Conservazione Sostitutiva a norma di legge 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Attivazione del servizio di conservazione sostitutiva a norma di legge integrato con il sistema informativo documentale interno CDC 410 Verifiche tecniche di compatibilità con sistema informativo documentale interno Civilia Open X X Implementazione modifiche software a software Civilia Open se necessarie X X X Analisi esigenze e creazione modelli documentali Definizione area di scambio documenti e implementazione scarico dati su piattaforma di conservazione sostitutiva Test, avviamento e formazione del personale tecnico Preparazione e archiviazione documenti storici X X X X X X X X X Attività che proseguirà nel 2014 Pagina 3

4 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA Attivazione servizio di conservazione sostitutiva VALORE ATTESO 31/12/13 - MONIT MONIT MONIT PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Marchi X X X X X X X X X X X 15 Tonion Nessenzia Zandomenego X X X X X X X X X X X 25 X X X 5 X X X 5 Pagina 4

5 PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PESO VERTICALE Garanzia del corretto funzionamento degli apparati hardware e FINALITA' da conseguire RPP 2,1 software DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Nuovi iter sistema informativo documentale Civilia 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Valutazione e analisi dei processi relativi a possibili nuovi iter da definire sul sistema documentale interno. CDC 410 Analisi di processi per nuovi iter X X X X X X Creazione nuovo iter X X X X X Test iter creato X X X X X Messa in produzione iter creato X X X X X VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO Nuovi iter introdotti 1 iter decreti PERSONALE IMPIEGATO NELL'OBIETTIVO Tonion Nessenzia Zandomenego CAT. E % IMPIEGO X X X X X X X X X X X X 25 X X X X X 10 X X X X X 15 Pagina 5

6 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Progetto pilota utilizzo PEC 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Progetto pilota PEC 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Supporto ai settori/servizi nell'analisi organizzativa, nell'acquisizione, nella formazione e nella gestione delle caselle di posta certificata CDC 410 Individuazione problematiche connesse ad utilizzo strumentazione informatica ed organizzazione personale X X X Allestimenti/aggiornamenti sistema informatico (Civilia) X Acquisizione casella PEC X Formazione personale X X Prove di sperimentazione X X X pec per Purpora suapro VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO n. nuove PEC 1 - Pagina 6

7 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Tonion X X X X X X X X 20 Marchi X X X X X 5 Nessenzia X X X X 5 Zandomenego X X X X 5 Pagina 7

8 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Sostegno progetti intersettoriali 2,1 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Sviluppo nuove funzionalità e nuovi portali web 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Supporto all'analisi delle esigenze per nuove funzionalità sul portale web istituzionale e supporto agli uffici interessati per l'avviamento dei nuovi portali Reteventi e Museo di Seravella Analisi e definizione esigenze per i nuovi portali, le nuove funzionalità e/o ottimizzazioni funzionalità esistenti (I.D.O., Museo Seravella, Reteventi) Supervisione su implementazione delle soluzioni e supporto agli uffici interessati quando necessario Test e messa in produzione dei nuovi portali e delle funzionalità inserite e/o ottimizzate Supporto e formazione al personali interno per l'utilizzo della piattaforma NqContent di gestione dei contenuti web dei portali gestiti X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X Pagina 8

9 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO Progettazione definitiva delle funzioni mancanti, collaudo e test piattaforma 31/10/13 - portale Museo Seravella Messa in linea portale Reteventi 30/06/13 Messa in linea nuove funzionalità piattaforma I.D.O. 30/09/13 - Corsi di formazione 3 - PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Zucco X X X X X X X X X X X X 70 Tonion X X X X X X X X X X X X 25 Nessenzia X X X X X X X X X X X X 10 Pagina 9

10 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Attività per il rinnovo infrastrutturale del locale sala macchine 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Riordino sala macchine 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Analisi e valutazione dei possibili interventi al fine di razionalizzare e bonificare gli spazi, migliorare la ventilazione, ottimizzare il sistema di raffreddamento del locale Sala Macchine Analisi degli interventi possibili in ambito di spazi, ventilazione e raffreddamento locali Definizione progettualità Procedura di acquisizione e affidamento dei servizi in funzione della progettualità Messa in opera delle soluzioni affidate, test e collaudo della fornitura X X X X X X X X X Messa in opera della soluzione progettata VALORE ATTESO 31/12/13 - MONIT MONIT MONIT Pagina 10

11 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Amati X X X X X X X X X 20 Nessenzia X X X X X X X X X 10 Marchi X X X X X X X X X 10 Pagina 11

12 PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PESO VERTICALE Ottimizzazione della soluzione infrastrutturale hardware e software di FINALITA' da conseguire RPP 2,7 virtualizzazione DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi Ampliamento e ottimizzazione infrastruttura Blade Center e TITOLO OBIETTIVO 100 Storage Area Network DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Analisi e definizione delle esigenze interne per l'ampliamento e l'ottimizzazione dell'infrastruttura centrale di elaborazione e memorizzazione dei dati (Blade Center e Storage Area Network) Analisi esigenze e definizione capitolato della fornitura X X X Fornitura X X X Installazione, configurazione, migrazione e messa in opera degli X X X X aggiornamenti ai sistemi Ampliamento spazio di memorizzazione dati (lordo) Razionalizzazione lame server per virtualizzazione Messa in opera della soluzione progettata VALORE ATTESO 5 - MONIT MONIT MONIT n. lame ridotte 31/12/13 - dato lordo espresso in TB Pagina 12

13 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Amati X X X X X X X X X 20 Marchi X X X X X X X X X 15 Nessenzia X X X X X X X X X 10 Pagina 13

14 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Connessioni dati 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi Ampliamento della connessione dati internet presso la sede TITOLO OBIETTIVO 100 centrale dell'ente DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Valutazione esigenze, fornitura, installazione, configurazione, migrazione indirizzi IP pubblici e messa in produzione della nuova linea dati internet in fibra ottica Fornitura della linea dati in f.o. - Predisposizione cablaggio Telecom da centrale a sede Provincia Installazione fisica in sala macchine configurazione e migrazione dei servizi dalla vecchia linea alla nuova linea dati messa in produzione della nuova linea dati in f.o. X X X X X X X X X dato vincolato da autorizzazioni comunali e vincoli ambientali indipendenti dall'ente Pagina 14

15 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA Larghezza della banda per la connettività internet download Larghezza della banda per la connettività internet upload VALORE ATTESO MONIT MONIT MONIT dato lordo espresso in Mb/s dato lordo espresso in Mb/s PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Amati X X X X X X 10 Marchi X X X X X X 10 Pagina 15

16 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Gestione e manutenzione siti internet e domini istituzionali 2,1 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Progetto di rinnovo del portale Infodolomiti.it 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Migrazione del portale Infodolomiti.it dalla vecchia piattaforma software ad una nuova piattaforma con rinnovo della veste grafica e dei contenuti gestiti ed offerti Predisposizione documento di analisi delle possibili soluzioni tecnologiche Definizione piano delle attività di migrazione del portale dalla vecchia alla nuova piattaforma di gestione dei contenuti Affiancamento nella attività di creazione del nuovo portale e delle aree dei servizi Processo di migrazione dei contenuti dal vecchio al nuovo portale X X X X X X X X X X X vincolato alla approvazione del progetto e alla aggiudicazione della fornitura del servizio Implementazione delle nuove funzionalità, definizione dei flussi di contenuti da e verso il nuovo portale X X prosegue nel 2014 Pagina 16

17 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA Predisposizione documento di analisi delle possibili soluzioni tecnologiche VALORE ATTESO 31/05/13 - MONIT MONIT MONIT PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Nessenzia X X X X X X X X 20 Zucco X X X X X X X X 15 Marchi X 5 Pagina 17

18 PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PESO VERTICALE Nuovi software e gestione Asset informatici, Help Desk, FINALITA' da conseguire RPP 2,7 monitoraggio apparati, installazione centralizzata DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Nuovo software per la gestione degli asset e di help desk 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Valutazione e messa in produzione di un software per il servizio sistemi informativi per la gestione degli asset informatici e del servizio di help desk Valutazioni soluzioni software open source e non X X X Scelta e acquisizione (se necessaria) del software X Installazione e configurazione iniziale del software X X Fase di test e tuning del software X X X Formazione e messa in produzione X Messa in produzione del nuovo software VALORE ATTESO 31/12/13 - MONIT MONIT MONIT Pagina 18

19 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Zulian X X X X X X X X X 35 Zandomenego X X X X X X X X X 40 Amati X X X X X X X X X 15 Nessenzia X X X X X X X X X 15 Marchi X X X X X X X X X 20 Zucco X X X X 5 Tonion X X X X 5 Pagina 19

20 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Ampliamento funzionalità software Citrix 2,1 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Progetto valutazioni sessioni Citrix 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Valutazione e test di tutte le funzionalità di una sessione di lavoro completa distribuita in rete intranet e internet (vpn/ssl) attraverso il software Citrix Valutazione sessione completa di prova X X Acquisto licenze X X Valutazione della connettività con le sedi remote X Implementazione della soluzione in Attività che maniera progressiva nelle sedi remote dei CPI X proseguirà nel 2014 Valutazione della soluzione anche per le sedi degli IAT Attività 2014 VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO Sessioni di prova remote testate 1 - Acquisto nuove licenze 30/11/13 - Pagina 20

21 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Zandomenego X 10 Amati X X X X X 20 Nessenzia X 5 Marchi X X X 10 Pagina 21

22 PIANO DELLE PERFORMANCE - ANNO 2013 OBIETTIVI DELLA STRUTTURA PROGRAMMA RPP N. 6 BILANCIO E INNOVAZIONE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP Sistema Informativo Territoriale 2,7 DIRIGENTE COMPETENTE Roberto Natale RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Andrea Marchi Sistemi informativi TITOLO OBIETTIVO Progetto S.I.T. 100 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG CDC 410 Il progetto consiste nella realizzazione di un infrastruttura hardware e software interna atta a fornire servizi di gestione dati georeferenziati sulla rete intranet e internet, utilizzando ove possibili soluzioni software open source Analisi dei servizi implementabili X X X X X X X X X X X X Implementazione della infrastruttura hardware e software X X Sviluppare un progetto pilota di test X X X X Valutazione dei risultati X X VALORE MONIT MONIT MONIT ATTESO Sviluppo di un progetto pilota 31/10/13 - PERSONALE IMPIEGATO CAT. E % NELL'OBIETTIVO IMPIEGO Zulian X X X X X X X X X X X X 30 Zucco X X X X X X X X X 10 Amati X X X X X X X X X 5 Marchi X X X X X X X X X X X X 5 Pagina 22

23 PROGRAMMA RPP FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG 10-PERSONALE/PROGRAMMAZIONE E SOCIETA' PARTECIPATE Controllo delle Società Partecipate e altri organismi gestionali esterni ROBERTO NATALE DIREZIONE OPERATIVA Procedura di selezione componenti CDA e Collegio Sindacale delle società partecipate dalla Provincia A seguito delle prossime scadenze delle nomine dei rappresentanti in alcuni organismi partecipati dalla Provincia, si rende necessario avviare le procedure per la raccolta dei curricula e per la successiva selezione dei candidati. La somma dei pesi delle 30 finalità deve fare 100% sul programma La somma dei pesi degli obiettivi deve 30 fare 100% sulle finalità CDC 300 Predisposizione bandi e pubblicazioni X X X X Raccolta e istruttoria delle domande X X X X X X perfezionamento dell'atto di nomina e successivi adempimenti X X X X X X X X Pagina 1

24 VALORE ATTESO (data/numer o/on-off) FASCE di raggiungime nto valore % RAGGIUNGI MENTO valore MONIT MONIT MONIT PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) Pubblicazione del primo bando 30/03/13 20 perfezionamento atti di nomina 31/07/13 30 numero di bandi adottati 5 50 PERSONALE IMPEGATO CAT. E % IMPIEGO NELL'OBIETTIVO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 5 % DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 5 % BONGINI Isabella X X X X X X X X X X X X D2 20% DAL MAS Valentina X X X X X X X X X X X X D1 15% CATTARUZZA Antonella X X X X X X X X X X X X B6 20% COSSALTER Catia X X X X X X X X X X X X B6 20% NALDO Silvana X X X X X X X X B6 20% LEVIS Mara X X B6 20% ZANELLA Grazia Maria X X X X X X X X X X X X C4 20% Pagina 2

25 PROGRAMMA RPP 10-PERSONALE/PROGRAMMAZIONE E SOCIETA' PARTECIPATE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO Controllo delle Società Partecipate e altri organismi gestionali esterni ROBERTO NATALE DIREZIONE OPERATIVA La somma dei pesi delle 30 finalità deve fare 100% sul programma TITOLO OBIETTIVO PEG Alienazione quote societarie 2013 DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Prosecuzione delle procedure per l'alienazione delle quote societarie detenute dalla Provincia già avviata nel corso del La somma dei pesi degli 20 obiettivi deve fare 100% sulle finalità CDC 300 Redazione bando di gara X X Approvazione dello stesso e pubblicazione come richiesta dalla normativa Esperimento delle procedure Procedure di alienazione delle quote vendute ai soggetti aggiudicatari (se presenti) X X X X X X X X X X X Pagina 3

26 VALORE ATTESO (data/numer o/on-off) FASCE di raggiungime nto valore % RAGGIUNGI MENTO valore MONIT MONIT MONIT Redazione bando di gara 30/04/13 40 esperimento procedure conseguenti 31/12/13 60 PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) PERSONALE IMPEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 10% DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 20% BONGINI Isabella X X X X X X X X X X X X D2 25% ZUCCOLOTTO Mariangela X X X X X X X X X X X X D2 10% DAL MAS Valentina X X X X X X X X X X X X D1 10% CATTARUZZA Antonella X X X X X X X X X X X X B6 20% COSSALTER Catia X X X X X X X X X X X X B6 20% NALDO Silvana X X X X X X X X B6 20% LEVIS Mara X X X B6 20% ZANELLA Grazia Maria X X X X X X X X X X X X C4 20% Pagina 4

27 PROGRAMMA RPP FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO 10-PERSONALE/PROGRAMMAZIONE E SOCIETA' PARTECIPATE Controllo delle Società Partecipate e altri organismi gestionali esterni ROBERTO NATALE La somma dei pesi delle finalità 30 deve fare 100% sul programma TITOLO OBIETTIVO PEG DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG DIREZIONE OPERATIVA Alienazione azioni della società La Dolomiti Ambiente Spa Procedura negoziata per l'alienazione della partecipazione azionaria della Provincia nella società La Dolomiti Ambiente Spa La somma dei pesi degli 50 obiettivi deve fare 100% sulle finalità CDC 300 Redazione disciplinare procedura negoziata X Approvazione dello stesso e pubblicazione come richiesta dalla norma X X Esperimento delle procedure di gara Procedure di alienazione delle azioni e convenzione X X X X X X X Pagina 5

28 VALORE ATTESO (data/numer o/on-off) FASCE di raggiungime nto valore % RAGGIUNGI MENTO valore MONIT MONIT MONIT PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) redazione bando e pubblicazione 30/03/13 40 alienazione azioni e convenzione 31/12/13 60 PERSONALE IMPEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 20 % DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 25 % BONGINI Isabella X X X X X X X X X X X X D2 25 % DAL MAS Valentina X X X X X X X X X X X X D1 15 % ZUCCOLOTTO Mariangela X X X X X X X X X X X X D2 10% CATTARUZZA Antonella X X X X X X X X X X X X B6 20% COSSALTER Catia X X X X X X X X X X X X B6 20% NALDO Silvana X X X X X X X X B6 20% LEVIS Mara X X B6 20% ZANELLA Grazia Maria X X X X X X X X X X X X C4 20% Pagina 6

29 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG Assicurare il funzionamento degli organi e la necessaria assistenza tecnica alla loro azione nonché un qualificato ruolo di rappresentanza dell Ente, curando le relazioni e la comunicazione pubblica Dott. Roberto Natale Dott. Roberto Natale Dal Pont Martina Direzione Generale attività di segreteria e gestione di appuntamenti e riunioni dell'organo Commissariale delle finalità deve fare 100% sul programma 19,5 degli obiettivi deve fare 100% sulle 30 finalità DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG trattasi delle attività di gestione ed organizzazione degli incontri, riunioni e colloqui del Commissario Straordinario e dei Subcommissari Prefettizi CDC 100 Raccolta e vaglio delle richieste di incontro e appuntamenti gestione delle agende dei commissari e organizzazione incontri attività di coordinamento e informazione con i settori dell'ente x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x VALORE ATTESO (data/numero /on-off) MONIT MONIT MONIT Numero incontri organizzati PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) Pagina 1

30 PERSONALE IMPEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 5 % DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 5 % DAL MAS Valentina X X X X X X X X X X X X D1 10 % CACCURI Patrizia X X X X X X X X X X X X C1 70% PAPARELLA Bianca X X X X X X X X X X X X C1 70% Pagina 2

31 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG Assicurare il funzionamento degli organi e la necessaria assistenza tecnica alla loro azione nonché un qualificato ruolo di rappresentanza dell Ente, curando le relazioni e la comunicazione pubblica Dott. Roberto Natale Dott. Roberto Natale Dal Pont Martina Direzione Generale Concessione all'utilizzo delle sale provinciali delle finalità deve fare 100% sul programma 19,5 degli obiettivi deve fare 100% sulle 30 finalità DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Garantire la corretta e proficua utilizzazione delle sale provinciale da parte dell'utenza interna ed esterna, assicurando il rispetto del regolamento di utilizzo e una tempestiva e cordiale risposta alle richieste degli utenti, nonché il regolare pagamento delle tariffe previste. CDC 200 Raccolta e vaglio delle richieste e successiva concessione verifica del servizio di guardiania x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x VALORE ATTESO (data/numero /on-off) MONIT MONIT MONIT Numero concessioni sale PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) Pagina 3

32 PERSONALE IMPEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 2,5 % DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 2,5 % DAL MAS Valentina X X X X X X X X X X X X D1 10 % BONGINI Isabella X X X X X X X X X X X X D2 5% DE MARCH Daniele X X X X X X X X X X X X C1 20% FENTI Carla X X X X X X X X X X X X B2 20% GASPARINI Angela X X X X X X X X X X X X B2 20% PAULETTI Roberto X X X X X X X X X X X X B1 20% CACCURI Patrizia X X X X X X X X X X X X C1 30% PAPARELLA Bianca X X X X X X X X X X X X C1 30% CATTARUZZA Antonella X X X X X X X X X X X X B6 10% LEVIS Mara X X B6 10% COSSALTER Catia X X X X X X X X X X X X B6 10% NALDO Silvana X X X X X X X X B6 10% ZANELLA Grazia Maria X X X X X X X X X X X X C4 10% Pagina 4

33 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG Miglioramento processi di pianificazione e strumenti per il controllo strategico, di regolarità amministrativa e contabile, controllo di gestione e di qualità, controllo sulle società partecipate Dott. Roberto Natale Dott. Roberto Natale Dal Pont Martina Direzione Generale collaborazione con Settore Patrimonio per partecipazione a gruppo di lavoro in materia di espropri delle finalità deve fare 100% sul programma degli obiettivi deve fare 100% sulle finalità DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG partecipazione a gruppo di lavoro istituito presso il Settore Patrimonio per l'attività inerente le procedure di espropri, on svolgimento delle istruttorie e predisposizione degli atti conseguenti. CDC 200 programmazione attività X X X partecipazione all'istruttoria dei procedimenti X X X X X X X X X X X redazione atti necessari e conseguenti X X X X X X X X X VALORE ATTESO (data/numero/ on-off) MONIT MONIT MONIT numero ore dedicate PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) Pagina 5

34 PERSONALE IMPIEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 2,5% DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 2,5% ZUCCOLOTTO Mariangela X X X X X X X X X X X X D 70% Pagina 6

35 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Assicurare il funzionamento degli organi e la necessaria assistenza tecnica alla loro azione nonché un qualificato ruolo di rappresentanza dell Ente, curando le relazioni e la comunicazione pubblica Dott. Roberto Natale Direzione Generale Controllo degli accessi della Provincia mediante identificazione e registrazione dell'utenza Al fine di fornire all'utenza esterna una corretta e cordiale accoglienza alla portineria di accesso e affinchè la stessa sia funzionale sia alle aspettative e richieste del cittadino, sia all'esigenze di ordine e sicurezza degli uffici e del personale dipendente,sarà attivatà una modalità di controllo e registrazione degli utenti esterni, con l'identificazione mediante documento e registrazione su apposito registro; tutto ciò in collaborazione con l'urp nonchè con gli uffici di competenza che saranno contattati al momento dell'accesso dell'utenza al fine di assicurare la soddisfazione dell'utenza. Sarà inoltre sperimentato il nuvo sistema relativo agli accessi ai parcheggi se attivato.a fine anno sarà effettuato il monitoraggio finale degli accessi e della fruizione dei servizi e uffici. delle finalità deve fare 100% sul programma 19,5 40 degli obiettivi deve fare 100% sulle finalità CDC 200 Predisposizione registri e circolare X X comunicazione e istruzione alla struttura X attività di accoglienza informata, anche nel nuovo sistema di accessi, se attivato X X X X X X X X primo monitoraggio X relazione finale monitoraggio x VALORE ATTESO (data/numero /on-off) MONIT MONIT MONIT Redazione circolare e registro 30/05/13 10 primo monitoraggio 30/09/13 40 PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) Pagina 7

36 Relazione finale 31/12/13 50 PERSONALE IMPEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 2,5% DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 5% BONGINI Isabella X X X X X X X X X X X X D2 5% DE CANDIDO Rino X X X X X X X X X X X X B1 100% DE MARCH Daniele X X X X X X X X X X X X C1 80% D'INCA' Novia X X X X X X X X X X X X D1 10% FENTI Carla X X X X X X X X X X X X B2 80% GASPARINI Angela X X X X X X X X X X X X B2 80% PAULETTI Roberto X X X X X X X X X X X X B1 80% Pagina 8

37 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Miglioramento processi di pianificazione e strumenti per il controllo strategico, di regolarità amministrativa e contabile, controllo di gestione e di qualità, controllo sulle società partecipate Dott. Roberto Natale Dott. Roberto Natale Dal Pont Martina Direzione Generale attivazione delle procedure per la redazione, registrazione e trascrizione dei contratti in formato digitale, in attuazione della normativa vigente attivazione delle procedure per la redazione, registrazione e trascrizione dei contratti in formato digitale, in attuazione della normativa vigente; mediante la partecipazione a corso di formazione, approfondimento della disciplina e delle procedure informatiche con le attivazione dei necessari Ide password CDC 200 La somma dei pesi delle finalità deve fare 100% sul 26 programma La somma dei pesi degli obiettivi deve fare 100% 20 sulle finalità studio della nuova discilpina e formazione X avvio delle nuove procedure X X X X X X X X X VALORE ATTESO (data/nume ro/on-off) MONIT MONIT MONIT PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) redazione primo contratto in formato digitale 30/05/13 30 numero contratti digitali? 70 PERSONALE IMPIEGATO NELL'OBIETTIVO CAT. E % IMPIEGO Pagina 9

38 NATALE Roberto X X X X X X X X X X X X DIR 5 % DAL PONT Martina X X X X X X X X X X X X D3 2,5 % TROIAN Gianni X X X X X X X X X X X X D3 40% ZUCCOLOTTO Mariangela X X X X X X X X X X X X D2 10% CATTARUZZA Antonella X X X X X X X X X X X X B6 10% LEVIS Mara X X B6 10% COSSALTER Catia X X X X X X X X X X X X B6 10% NALDO Silvana X X X X X X X X B6 10% ZANELLA Grazia Maria X X X X X X X X X X X X C4 10% Pagina 10

39 PROGRAMMA RPP PROGRAMMA 3 DIREZIONE GENERALE PESO VERTICALE FINALITA' da conseguire RPP DIRIGENTE RESPONSABILE DELL'OBIETTIVO TITOLO OBIETTIVO PEG DESCRIZIONE ESTESA DELL'OBIETTIVO PEG Miglioramento processi di pianificazione e strumenti per il controllo strategico, di regolarità amministrativa e contabile, controllo di gestione e di qualità, controllo sulle società partecipate Dott. Roberto Natale Dott. Roberto Natale Dal Pont Martina Direzione Generale partecipazione a gruppo di lavoro in collaborazione con il settore cultura in materia di affidamento e aggiudicazione contratti. partecipazione a gruppo di lavoro istituito presso il Servizio cultura che si occuperà delle procedure giuridico- amministrative per l'affidamento e aggiudicazione dei contratti di acquisizione di lavori, forniture e servizi concernenti beni culturali, paesaggistici, storico artistici. La somma dei pesi delle finalità deve fare 100% sul 26 programma La somma dei pesi degli obiettivi deve fare 100% 20 sulle finalità CDC 200 programmazione attività e incontri X partecipazione all'istruttoria dei procedimenti X X X X X X X X X redazione atti necessari e conseguenti X X X X X X X X VALORE ATTESO (data/nume ro/on-off) MONIT MONIT MONIT PESO (la somma dei pesi deve fare 100% sull'obiettivo) prima riunione gruppo di lavoro 30/05/13 30 numero ore dedicate Pagina 11

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014

PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale OBIETTIVI di PEG 2014 PESATURA CUMULATIVA in fase previsionale di PEG 2014 AI SENSI DEL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE APPROVATO CON DGP N. 25 DEL 1/02/2011 DIRIGENTE BALOCCO PAOLO Contribuire a migliorare

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE

AREA STRATEGICA 2 - ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITA' AMMINISTRATIVE E DI GESTIONE OBIETTIVO OPERATIVO DESCRIZIONE ATTIVITA' SOGGETTI RESPONSABILI INDICATORI TARGET 2.1.1 2.1.2 Ottimizzazione della Struttura Organizzativa Adozione di un nuovo Organigramma e Funzionigramma della Direzione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO

Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO Determinazione con parere di ragioneria DIRIGENTE (O U.O.P.C.) DI: SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITOR., MOBILITA, ENERGIA - MASTELLA MASSIMO P.G. 58467/2012 Data firma: 13/07/2012 Data esecutività: 20/07/2012

Dettagli

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE

(Lombardia, BUR 18 novembre 2014, n. 47) LA GIUNTA REGIONALE Deliberazione Giunta Regionale 14 novembre 2014 n. 10/2637 Determinazioni in ordine a: "Promozione e coordinamento dell'utilizzo del patrimonio mobiliare dismesso dalle strutture sanitarie e sociosanitarie

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Parte I Regolamento di organizzazione L assetto organizzativo della Provincia di Imperia - L attribuzione di responsabilità gestionali per l attuazione

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00%

attività regolamentate BOVELACCI ANNELISA 50,00% -5,00% 45,00% Modifiche alle risorse umane rispetto il Piano Performance 2013 vers.1 approvato con Delibera di Giunta Camerale n. 15 del 31/01/2013 Tabella A) Codice Descrizione Nominativo Perc. Var. Totale 3.4.1.1

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI LONGI Provincia di Messina Via Roma, 2 98070 LONGI (ME) Tel. 0941 / 48.50.40 - Fax 0941 / 48.54.01 0941 / 48.53.42 Partita IVA: 02 810 650 834 C.F.: 84 004 070 839 c.c.p. 13 92 59 87 E mail:

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli