Allegato 1.2. Reform S.r.l. Società in house della Provincia di Pisa,costituita con delibera del Consiglio Provinciale n. 164 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Allegato 1.2. Reform S.r.l. Società in house della Provincia di Pisa,costituita con delibera del Consiglio Provinciale n. 164 del 28.09."

Transcript

1 Allegato 1.2 Reform S.r.l. Società in house della Provincia di Pisa,costituita con delibera del Consiglio Provinciale n. 164 del Stato avanzamento progetti al 31 dicembre 2010

2 Linea 1 Istituzioni e Autonomie Linea 2 Portali e servizi on line Linea 4 Osservatori e gestione archivi on line Sostegno alla comunità degli enti locali Rapporto funzione pubblica locale Supporto alla Consulta dei Piccoli Comuni Supporto al Tavolo Provinciale della Innovazione Assistenza agli enti locali per la progettazione e il fund rising Programmaa Maritime Sviluppo del portale originario Nuova piattaforma interattiva Reform 2.0 Assistenza amministrativa agli enti locali Servizi sul web per i comuni Osservatorio scolastico provinciale di Pisa Osservatorio scolastico provinciale di Siena Osservatorio scolastico provinciale di Pistoia Linea 5 Convegni e wokshops Introduzione alle linee definizionee calendario e realizzazione programma di workshops 5.02 Realizzazione convegni e workshops a RICHIESTA Pag. 1 Pag. 4 Pag. 5 Pag. 8 Pag. 9 Pag. 13 Pag. 15 Pag. 21 Pag. 24 Pag. 27 Pag. 29 Pag. 33 Pag. 35 da pag. 37 Linea 6 Formazione / piano provinciale Linea 7 Formazione / funzione pubblica locale Rilevazionee bisogni formativi Realizzazione e gestione del piano dei corsi per la Provincia di Pisa Comune di San Giuliano (gestione piano della formazione) Università di Pisa (esecuzione accordo) Altri enti (gestione piano della formazione) Realizzazione Corsi a catalogo secondo programma da definire Realizzazione Corsi a RICHIESTA accanto ad ogni progetto, un emoticon rimanda sinteticamente ad una valutazione riferita al livello di raggiungimento dei risultati previsti. Una relazione più dettagliata è contenuta nelle schede analitiche allegate.

3 Pag. 1 Linea 1 Progetto N Denominazione Sostegno alla comunità degli enti locali Project Manager Valentina Scaramelli ReForm s.r.l. 1 Obiettivi generali del progetto Nell ambito del programma dei seminari e workshop alcune iniziative sono proposte a partecipazione gratuita, in ragione della loro funzione promozionale o perché rientranti nel programma di comunicazione della Provincia. Il programma di queste iniziative è individuato sulla base di una attenta osservazione dei piani di adeguamento organizzativo della funzione pubblica locale e delle novità normative che incidono sul relativo contesto. Le proposte sono elaborate tenendo conto delle dinamiche di trasformazione e modernizzazione che interessano le strutture degli enti del territorio e del ruolo attivo che l Amministrazione Provinciale ha in questi processi. Attività svolte da gennaio a dicembre 2010 Organizzazione di cinque iniziative a partecipazione libera: 23 febbraio 2010: realizzazione del Workshop La cooperazione intercomunale e il ruolo della Provincia nella nuova rete delle autonomie. Il workshop, organizzato da Reform S.r.l. per conto della Provincia di Pisa e con il patrocinio di UPI Toscana e UPI Nazionale, ha costituito un momento di riflessione sulla nuova lettura di ruolo e competenze previste dal Codice delle Autonomie. Nell ambito dell iniziativa sono stati presentati i risultati della ricerca Indagine sullo stato delle gestioni associate e sulla propensione all integrazione di area vasta nel territorio provinciale pisano svolta da Reform S.r.l. e la Scuola Superiore Sant Anna, per conto della Provincia di Pisa, con la quale, attraverso un indagine a tavolino e sul campo, si è voluto fare il punto sullo stato delle gestioni associate e delle altre forme di collaborazione tra gli enti, per poi mettere a punto la descrizione di possibili linee evolutive dei fenomeni, tenendo conto degli scenari che si prospettano con la approvazione del nuovo Codice delle Autonomie Locali. Sono intervenuti al dibattito l Assessore della Provincia di Pisa Nicola Landucci, il Presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni, l Assessore della Regione Toscana Agostino Fragai, il Direttore di Legautonomie Loreto Del Cimmuto, il Prof. Paolo Carrozza (responsabile scientifico della ricerca), la dott.ssa Cristina Napoli, autrice della ricerca, il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta, il Presidente dell Unione Valdera Ivan Mencacci. 2 marzo 2010: realizzazione del Workshop La misurazione e la valutazione delle performance negli enti locali (L impatto del D. Lgs. 150 /2009 ). Linea 1 Progetto 1.01 Progetto Sostegno alla comunità degli enti locali

4 Pag. 2 L iniziativa ha costituito un momento di confronto sulle possibili forme di applicazione agli enti locali, della disciplina introdotta dal decreto, capaci di sollecitare innovazioni nel rapporto con i destinatari dei servizi e con i cittadini in generale, affrontando in particolare il tema del ʺciclo di gestione della performanceʺ e come questo possa essere concretamente implementato nella realtà degli enti locali, dove il ciclo programmazione gestione controllo è già da tempo organizzato secondo metodologie ispirate ai principi della valutazione e del performance management. Sono intervenuti al dibattito l Assessore della Provincia di Pisa Nicola Landucci, L Amministratore Unico di Reform Fabiano Corsini, il Direttore Generale della Provincia di Pisa Giuliano Palagi, il Sindaco di Pisa e Presidente di Legautonomie Marco Filippeschi, il Prof. Stafano Pozzoli, il dott. Fabio Monteduro, il dott. Gaudenti Garavini, il Presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni. 26 maggio 2010: realizzazione del Workshop La valutazione del RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO (D. lgs. 81/08) e la pianificazione del lavoro e delle performances (D lgs. 150/09). L iniziativa è stata organizzata in collaborazione con l Università di Pisa e ISMOB (Centro Ricerca Prevenzione e Intervento su Mobbing e Rischi Psicosociale) in vista di importanti adeguamenti ai dispositivi del d.lgs n.150 del 27 ottobre 2009 (c.d. Decreto Brunetta), in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle pubbliche amministrazioni e in particolare in vista della scadenza del 1 agosto in materia di c.d. rischio stress lavoro correlato ex art. 28 d. lgs 81/08. Il workshop, pertanto, ha avuto la finalità di esporre ai partecipanti le principali strategie di valutazione e gestione del rischio stress nell ambito dei nuovi scenari del mondo del lavoro, avendo particolare cura nel dettagliare l esposizione sugli adempimenti formali e sugli indirizzi sostanziali, per affrontare il cambiamento organizzativo disegnato dal legislatore. Sono intervenuti all iniziativa gli Assessori Nicola Landucci e Anna Romei, gli psicologi Alessandro Vitale, Gabriella Smorto, Elisabetta Ceppi Ratti e Francesco De Ambrogi, il Prorettore per i rapporti con il territorio dell Università di Pisa Fabio Carlucci, L Amministratore Unico di Reform Fabiano Corsini, il Presidente di PERFORMAT Anna Emanuela Tangolo, la Psicoterapeuta Lisa Cecchi e per l Associazione ADATTA Nunzia Pandoli. 7 e 8 ottobre 2010: realizzazione di due edizioni del seminario Sistema Codice Unico di Progetto (CUP), organizzato in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Il seminario, in vista degli importanti adempimenti previsti dall art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3, quali la dotazione per tutti i progetti di investimento pubblico di un Codice Unico di progetto, da richiedere per via telematica, secondo la procedura indicata dal CIPE con delibera n. 143/2002, e la necessità che il codice CUP sia riportato su tutti i documenti amministrativi e contabili e nelle banche dati, relativi al progetto cui il codice si riferisce, ha avuto l obiettivo di chiarire direttamente agli utenti le finalità e le modalità di gestione del sistema di codificazione. Sono intervenuti all iniziativa l Arch. Gemma Gigli e l Ing. Vittorio Pujia della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Linea 1 Progetto 1.01 Progetto Sostegno alla comunità degli enti locali

5 Pag ottobre 2010: realizzazione del Workshop Il Governo locale tra riforma digitale e modelli di efficienza sostenibili: bilanci, strategie, alleanze, organizzato in collaborazione con Legautonomie. L iniziativa ha avuto l obiettivo di proporre una prima riflessione sull innovazione nella pubblica amministrazione, a partire dai Piani di e gov che si sono succeduti nel recente passato, e dei risultati raggiunti, con l introduzione delle nuove tecnologie, nella capacità di offrire servizi e prestazioni innovative ai cittadini e alle imprese. Nel corso dei lavori sono stati presentati casi ed esperienze di dematerializzazione dell attività amministrativa, per una efficace e reale modernizzazione degli Enti pubblici locali, e di riorganizzazione e informatizzazione dei processi amministrativi nelle forme di gestione associata tra comuni. Si è parlato dell adozione del documento informatico, della firma digitale, della posta elettronica certificata e del protocollo informatico con riferimento al nuovo quadro normativo previsto dallo schema di decreto legislativo che modifica il Codice dell Amministrazione Digitale, ai sensi dell art. 33 della Legge n. 69/2009. Nel contesto del processo di semplificazione dei rapporti tra cittadini e pubblica amministrazione, si è parlato anche dello sportello unico delle attività produttive, recentemente riformato. Sono intervenuti all iniziativa: Nicola Melideo Consulente di strategie per l innovazione nei governo locali, Elena Tabet Dirigente DigitPa, Stefano Fermante Dirigente provincia di Roma, Agostino Olivato Product Marketing Manager InfoCert Direzione Marketing e Sviluppo Mercato InfoCert, Elena Gamberini Direttore Unione dei comuni della Bassa Reggiana, Elena Proietti Dirigente Infocamere, Roberto Galoppini, Esperto in Open Source e Cloud computing. Per il dettaglio dei dati si rinvia alle schede riepilogative riportate nella linea 5. Considerazioni finali La risposta al programma di seminari e workshop proposti a titolo gratuito è stata sicuramente molto positiva in termini di partecipazione, e in alcuni casi, grazie alla tipologia di tematiche proposte, ci ha consentito di ampliare il nostro bacino di utenti. Nello stesso tempo questa linea di lavoro ha consentito alla Provincia di mantenere un ruolo attivo e una funzione promozionale nel dibattito nazionale per la riforma della funzione pubblica locale. Criticità rilevate Queste iniziative, proprio per il fatto che vedono il coinvolgimento di relatori di livello nazionale, comportano sicuramente un maggior impegno organizzativo, non compensato da un riscontro immediato in termini di entrate economiche. D altro canto proprio per la tipologia di tematiche trattate, difficilmente potrebbero essere proposte a pagamento. Linea 1 Progetto 1.01 Progetto Sostegno alla comunità degli enti locali

6 Pag. 4 Linea 1 Progetto N Denominazione Rapporto funzione pubblica locale Project Manager Claudia Vincenti Sviluppo Porgetto Supporto Marilena Mais ReForm s.r.l. 1 Obiettivi generali del progetto Nel corso del 2009 Reform s.r.l. ha provveduto alla realizzazione sul sito aziendale di un apposita area dedicata alla raccolta dei principali atti ordinamentali dei Comuni del territorio, individuando una decina di tipologie, ritenute significative in ragione della loro sensibilità/idoneità a fungere anche da indicatori di modernizzazione / attualizzazione degli assetti di ciascun Ente (es: Statuto; Ordinamento Uffici e Servizi; Piano Strutturale, Regolamento Urbanistico; Regolamento per le Attività Commerciali; ecc.). Il progetto è stato presentato ai Comuni in sede di tavolo di coordinamento sull Innovazione. Nel corso del 2010 Reform s.r.l. continuerà l implementazione del sito dedicato e provvederà a responsabilizzare i collaboratori dei Comuni interessati in modo da garantire la manutenzioneaggiornamento del repertorio e successivamente ad analizzare e valutare i documenti, in modo da verificarne la corrispondenza / adeguatezza rispetto all ordinamento (con particolare riferimento ai principali testi di riforma dei vari settori) e alle linee programmatiche regionali e provinciali. Attività svolte da gennaio a dicembre 2010 Ricognizione di tutti gli atti pubblicati dai comuni sui propri siti; Raccolta degli statuti e degli atti appartenenti alle tipologie da noi individuate, reperiti dai siti dei comuni e successivo inserimento di questi nell area di reformnet dedicata; Mail di sollecito inviata alla rete dei referenti per la trasmissione degli atti non reperiti sui siti dei comuni; Valutazione della migliore visualizzazione dei documenti per gli utenti di Reformnet; Raccolta e inserimento degli statuti e degli atti reperiti dai Comuni. Considerazioni conclusive/ criticità Il progetto è stato realizzato solo nella parte di reperimento ed inserimento degli statuti. Sono state riscontrate innumerevoli difficoltà nella fase di invio da parte dei Comuni degli atti da pubblicare, tanto che non avendo ricevuto alcuna documentazione da parte degli stessi è stato possibile pubblicare solo il materiale reperibile nei siti comunali Linea 1 Progetto 1.02 Progetto Rapporto Funzione pubblica locale

7 Pag. 5 Linea 1 Progetto N Denominazione Supporto alla Consulta dei Piccoli Comuni Project Manager Valentina Scaramelli Supporto Marilena Mais ReForm s.r.l. 1 Obiettivi generali del progetto Assistenza tecnica e supporto alla Consulta, per le sue sedute e per realizzare le iniziative previste dal piano di lavoro. In particolare: Ricognizione di tutte le risorse software disponibili (perché prodotte nell ambito dei programmi RTRT o e gov); rilevazione della situazione esistente nei piccoli comuni (tramite interviste e uso del web); attraverso reformnet e l ambiente specifico della consulta, rilevazione delle idee e dei programmi dei comuni; creazione di un help desk; attivazione di un programma di formazione rivolto agli amministratori. Attività svolte da gennaio a dicembre 2010 Convocazione e organizzazione logistica della Consulta tenutasi il 9 febbraio 2010 presso il Comune di Casale Marittimo. Elaborazione di un questionario per la rilevazione delle risorse ICT presenti nei piccoli Comuni e invio dello stesso ai Sindaci. Progettazione di un percorso formativo, rivolto agli Amministratori locali, denominato Strumenti di lavoro per Amministratori Locali strutturato in moduli, i cui temi sono stati selezionati tenendo presente l obiettivo di fornire strumenti di lavoro idonei a sviluppare le competenze di ruolo degli Amministratori locali. Realizzazione dei 2 incontri del 1 Modulo del percorso formativo per Amministratori Locali Le novità normative in materia di semplificazione amministrativa: suggerimenti per la corretta applicazione : 1 incontro: 19 febbraio 2010 Le novità normative in materia di Semplificazione Amministrativa: suggerimenti per la corretta applicazione ; 2 incontro: 26 febbraio 2010 Le tecnologia a supporto dell attività Amministrativa. Convocazione e organizzazione logistica della Consulta del 13 aprile 2010 presso il Comune di Monteverdi. Linea 1 Progetto 1.03 Progetto Supporto alla Consulta dei Piccoli Comuni

8 Pag. 6 Elaborazione di un questionario per la rilevazione degli strumenti utilizzati dai piccoli comuni per la gestione del personale. Interviste telefoniche ai 13 piccoli comuni per la ricognizione degli strumenti utilizzati per la gestione del personale e raccolta dei dati. Interviste telefoniche ai 13 piccoli comuni per la ricognizione delle risorse ICT presenti, raccolta ed elaborazione dei dati. Elaborazione di una proposta, sulla base dei risultati ottenuti dall indagine sulle risorse ICT, da presentare alla Consulta dei piccoli Comuni, consistente nella sperimentazione di un corso in videoconferenza di informatica/produttività di ufficio, che potrebbe costituire un primo passo per avviare un percorso di crescita cooperativa degli uffici. Elaborazione di una proposta di assistenza ai piccoli Comuni nella ricerca di finanziamenti e nella produzione progettuale, da presentare alla Consulta. Elaborazione di una scheda di lettura del decreto legge 31 maggio 2010 n. 78 misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica e di una serie proposte operative per i piccoli comuni. Convocazione e organizzazione logistica della Consulta del 1 luglio presso il Comune di Montecatini Val di Cecina. Proposta, in sede di Consulta, dell attivazione in via sperimentale, di un corso di informatica base produttività di ufficio in videoconferenza, che potrebbe costituire un primo passo per avviare un percorso di crescita cooperativa degli uffici. Avvio del progetto di assistenza ai piccoli Comuni nella ricerca di finanziamenti e nella produzione progettuale. Convocazione e organizzazione della Consulta del 21 ottobre 2010 presso il Comune di Lajatico finalizzata all approfondimento delle novità normative apportate dal D.L. n. 78/2010 e successiva legge di conversione che riguardano in specie i comuni più piccoli nell espletamento nelle funzioni amministrative, obbligandoli in alcuni casi alla gestione associata. Convocazione e organizzazione della Consulta del 17 dicembre 2010 presso il Comune Chianni, poi rinviata causa mal tempo, finalizzata alla valutazione del lavoro in merito ai Bandi Gal Considerazioni finali Nel corso del 2010 Reform è diventata un punto di riferimento per la Consulta dei piccoli Comuni e ha svolto un ruolo attivo nell ambito di essa, sia fornendo supporto logistico all organizzazione delle riunioni, sia elaborando proposte progettuali per l avvio di un percorso di crescita Linea 1 Progetto 1.03 Progetto Supporto alla Consulta dei Piccoli Comuni

9 Pag. 7 cooperativa degli uffici e in particolare offrendo assistenza nella ricerca di finanziamenti e nella produzione progettuale. Criticità rilevate Le proposte progettuali per l avvio di un percorso di crescita cooperativa degli uffici, presentate da Reform nel corso delle riunioni della Consulta, in materia di ICT e di gestione del personale hanno sempre ottenuto il pieno consenso da parte degli amministratori, ma le indagine svolte da Reform fra gli uffici dei comuni hanno rilevato talvolta una scarsa propensione ad accogliere le proposte. Linea 1 Progetto 1.03 Progetto Supporto alla Consulta dei Piccoli Comuni

10 Pag. 8 1 Linea 1 Progetto N Denominazione Supporto al Tavolo Provinciale della Innovazione Supporto Marilena Mais ReForm s.r.l. Obiettivi generali del progetto Reform srl si occuperà della assistenza tecnica ed il supporto del tavolo provinciale dell innovazione, per le sue sedute e per realizzare le iniziative previste dal piano di lavoro. Attività svolte da gennaio a dicembre 2010 Convocazione e organizzazione logistica della riunione tenutasi il 5 febbraio 2010 con la Regione Toscana (Vice Presidente e struttura tecnica) e con i comuni della Provincia di Pisa coinvolti nel progetto Banda larga. Predisposizione del comunicato stampa relativo al resoconto della Riunione del 5 febbraio Diffusione a tutti i 34 Comuni coinvolti nel progetto Banda Larga del questionario elaborato dalla Provincia di Pisa per la rilevazione della copertura sul territorio della banda larga di Nettare e di altri gestori e successiva raccolta dei questionari, poi consegnati alla Regione. Programmazione di un ulteriore incontro con la Regione sul progetto Banda Larga. Convocazione e organizzazione logistica della riunione tenutasi il 21 aprile 2010 con la Regione Toscana e con i Comuni della Provincia di Pisa su aggiornamento progetto Banda Larga. Assistenza da parte di Reform ai Comuni per il rapporto con i gestori della banda larga. Considerazioni finali / Criticità rilevate L attività propria del Tavolo Provinciale dell Innovazione nel corso del 2010 ha subito un periodo di stallo dovuto al fatto che l attenzione degli amministratori si è concentrata sulla questione del cambio di gestore della banda larga. Tutte le riunioni tenutesi nel 2010 hanno avuto, infatti, ad oggetto questa problematica. Linea 1 Progetto 1.04 Progetto Supporto al Tavolo Provinciale dell Innovazione

11 Pag. 9 1 Linea 1 Progetto N Denominazione Assistenza agli Enti Locali per la progettazione e il fund rising Project Manager Michael Cantarella Supporto Francesca Trainotti ReForm s.r.l. Obiettivi generali del progetto 1. Miglioramento globale del servizio Sportello Strumenti Finanziari per lo Sviluppo Attività svolte da marzo a giugno 2010 Le attività dello sportello sono state molteplici: è continuata, con un incremento dei contatti, l assistenza in front office agli utenti. In particolare si segnala un aumento delle richieste da parte delle imprese. Inoltre, per quel che riguarda il servizio di informazione e diffusione dei bandi comunitari e regionali, è stato organizzato un seminario informativo presso il Comune di Montopoli con la partecipazione di circa 10 imprese. E partito il progetto di assistenza tecnica al comune di Montopoli in val d arno, con una presenza fissa presso il comune una volta a settimana. Lo sportello ha inoltre lavorato, con l organizzazine di 5 seminari tecnici, sul bando Riqualificazione Aree Produttive per Enti Locali. Nell ottica dello sviluppo dei rapporti tra lo sportello ed il territorio è stato eseguito inoltre uno scouting di progetti sul bando di recupero dei siti inquinati Infine sono state seguite le operazioni di assistenza tecnica al progetto Fabbricato di Via Gioberti, presentato sul linea del PIUSS di Pisa, producendo inoltre il relativo materiale di integrazione richiesto. Attività svolte da luglio a settembre 2010 Le attività dello sportello sono state molteplici: è continuata l assistenza in front office agli utenti. In particolare si segnala un aumento delle richieste da parte di cittadini riguardo alle misure autoimpiego e microcredito. Sono aumentati il numero di utenti extracomunitari. Continua con discrete performance di contatti il progetto di assistenza tecnica al comune di Montopoli in val d arno, con una presenza fissa presso il comune una volta a settimana. Oltre alla normale attività di front office è stata implementata l attività di consulenza: è stato presentato un progetto su bando regionale Centri commerciali naturali, per associazione commercianti Montopoli. Linea 1 Progetto 1.05 Progetto Assistenza agli Enti Locali per la progettazione e il fund rising

12 Pag. 10 E partito inoltre il sottoprogetto piccoli comuni. Sono stati effettuati 10 incontri presso i piccoli comuni, con la raccolta dei progetti da presentare sui bandi. In questo momento l attenzione è focalizzata sui bandi del Gal Etruria, su cui sta organizzando l assistenza per la presentazione dei progetti. Ad Agosto e fine Settembre sono state effettuate 2 riunioni con il Gal Etruria per il coordinamento e la progettazione di azioni congiunte per l assistenza ai comuni del Gal, più 1 riunione di formazione sul gestionale ARTEA. Sono state seguite le operazioni di assistenza tecnica al progetto Fabbricato di Via Gioberti, presentato sul linea PIUSS di Pisa, presenziando alle riunioni di coordinamento con il comune di Pisa e gli altri uffici provinciali coinvolti. Lo sportello è stato coinvolto nella fase di presentazione ed assistenza del bando centri di competenza della Regione Toscana, in particolare sui problemi della compilazione della domanda. E stato infine seguito il progetto della Provincia di Pisa APT I lotto, partecipando a riunioni ed incontri finalizzati alla risoluzione di problemi procedurali sopraggiunti nel corso del progetto. Attività svolte da settembre a dicembre 2010 Le attività dello sportello: lʹassistenza in front office a privati, imprese, enti pubblici, associazioni, cooperative conferma la tendenza del trimestre precedente sia come afflusso che come tipologia di richieste. In particolare si evidenzia la prevalenza di richieste relative allʹautoimpiego e al microcredito. Inoltre, in vista dellʹimminente uscita del bando turismo e commercio, si rileva un aumento di richieste in questʹambito. Assistenza tecnica Provincia di Pisa: continuano le attività di assistenza tecnica al progetto Fabbricato di Via Gioberti, presentato sul linea PIUSS, e al progetto il progetto della Provincia di Pisa APT I e II lotto. In particolare per questʹultimo progetto (APTII) lo sportello ha coadiuvato la presentazione del progetto esecutivo in scadenza il giorno 28 ottobre In particolare si è provveduto ad inserire i dati nel gestionale informatico di sviluppo toscana ed alla preparazione della chek list dei documenti da presentare. Progetto assistenza tecnica al Comune di Montopoli in val dʹarno : anche per questo servizio, che vede la presenza fissa di un operatore presso il Comune una volta a settimana, si conferma sia una regolare affluenza di utenti che una costante attività di consulenza in materia di found raising. Si rileva la difficoltà del comune a mettere a disposizione degli spazi adeguati per il front office. Progetto piccoli Comuni: in questo periodo lʹattività si è concentrata nellʹassistenza tecnica ai Comuni nella presentazione dei Bandi GAL con scadenza 13 e 27 ottobre Si è provveduto anche alla preparazione di un documento di rilevazione delle criticità relative ai suddetti bandi da presentare alla prossima riunione della consulta. Animazione territoriale: Organizzazione del seminario informativo sul fondo unico rotativo a favore delle PMI industriali, artigianali e cooperative, a Montopoli val dʹarno il giorno 6 dicembre Il seminario è stato organizzato in collaborazione con la Regione Toscana, con la presenza di un suo funzionario. Sintesi per l anno 2010: Come si evince dai Report dell anno 2010 il progetto sportello sta raggiungendo in modo completo gli obiettivi prefissati. Nel corso dell anno si sono aperte delle nuove prospettive di ampliamento delle attività del servizio, che però necessitano di una Linea 1 Progetto 1.05 Progetto Assistenza agli Enti Locali per la progettazione e il fund rising

13 Pag. 11 riflessione sulle potenzialità e sulle modalità future di erogazioni dei servizi dello sportello. In quest anno si è rafforzato il ruolo di coordinamento nei confronti di molti dei servizi dell ente. In particolare lo sportello risulta centrale nella ricerca e nella gestione di progetti che riguardano il finanziamento di opere pubbliche, progetti trasversali a vari servizi dell ente. Inoltre il progetto assistenza tecnica ai piccoli comuni, ha riscosso un elevato gradimento, tanto da richiedere, da parti dei comuni, un potenziamento del servizio offerto. Verifichiamo inoltre che lo Sportello ha sempre maggiore autonomia nello svolgimento delle attività e nella organizzazione del servizio. Si allega il documento richiesto da parte della provincia di Pisa, in merito alla temporalizzazione delle attività del servizio. SPORTELLO Tempo medio dedicato Totali Francesca Michael Sportello (back office + front office) Flessibilità oraria per raggiungimento obiettivi 5 5 Totale settimanale Totale annuale (al netto di 4 sett. di assenze ciascuno) 2904 DETTAGLIO ATTIVITAʹ 2010 Dettaglio Attività Francesca Michael Progetto Assistenza Tecnica piccoli comuni ; Progetto Assistenza Tecnica Comune di Montopoli val d Arno ; Assistenza tecnica progetti Nuova sede APT, I e II lotto, Bandi regionali Commercio Turismo Cultura ( I e II bando 2009): integrazioni, rendicontazione, gestione ordinaria dei progetti e delle relative scadenze in collaborazione con il Servizio Nuove Opere della Provincia di Pisa; Assistenza tecnica ai comuni della Provincia; Assistenza tecnica progetto Ristrutturazione a fini sociali del fabbricato di via Gioberti, PIUSS di Pisa: gestione del progetto e rendicontazione. 90h (Incontri formativi) + 20h backoffice deidicato 20 h( II lotto) 25 ( I Iotto) 24 (Incontri su Apea) + 6 h di consulenza generica 90h (Incontri formativi)+20h di back office dedicato 240h (complessive per il progetto), ovvero 6h per 36 presenze settimanali 80 (I lotto) 45 (II lotto) 24 (Incontri su Apea) + 6 h di consulenza generica Totale ore (h) annuale h 56h 74 Linea 1 Progetto 1.05 Progetto Assistenza agli Enti Locali per la progettazione e il fund rising

14 Pag. 12 Organizzazione seminari informativi su finanziamenti agevolati e bandi: Numero seminari 4 (Febbraio 2010 Servizi qualificati garanzie; Luglio 2010, Presentazione sportello e bandi vari a Montopoli; Bando Industria e Artigianato, Montopoli; Gennaio 2011, Bando Turismo e commercio, Pisa 75h 105h 180 Supporto agli organi politici. 10h (lʹanno) 60h (lʹanno) 62 Presenza a eventi: Sol, Giornata per politiche giovanili, 20h 24h 44 Incontri e riunioni regionali 18h 30h 48 Altro (Richieste specifiche presentazioni, supporto agli uffici sveco e altri, attività di supporto varie 50h 120h 170 riunioni (PP(4h*12mesi),Turini(4h*12mesi),Landucci(10h),Corsini( 65h 65h h) Supporto emergenza Vecchiano 80h 80 Totale 1454 DETTAGLIO ATTIVITAʹ ORDINARIE Dettaglio Attività Durata media degli appuntamenti in ore (1h) moltiplicato numero contatti su base annuale (esclusi seminari, telefonate, mail) Tempo medio di studio, monitoraggio, ricerca bandi su base annuale Totale Attività di analisi dati annuale 60 Varie (telefonate, mail etc..)annuale 520 Totale 1382 Totale annuale ore previste 2904 Totale ore lavorate per attività complessive 2836 Differenza 68 Ovvero pari a 14 minuti giornalieri cada uno NOTA ESPLICATIVA: Ad ogni attività è stato attribuito un peso di ore medio in base a quanto tempo lo sportello vi si è dedicato. Alcune attività sono state svolte allʹinterno dellʹorario di sportello, altre anche fuori. Si è scelto di evidenziare alcune attività per mostrare il loro peso allʹinterno del lavoro ordinario. Linea 1 Progetto 1.05 Progetto Assistenza agli Enti Locali per la progettazione e il fund rising

15 Pag. 13 Linea 1 Progetto N Denominazione Programma Maritime Project Manager Collaboratrice ReForm s.r.l. 1 Branchina Marilena Parziale Daniela 1. Avanzamento attività fisiche e finanziarie dei progetti pregressi 2. Criticità/opportunità emerse 3. Andamento fisico e finanziario del servizio di assistenza tecnica di Reform 1.Avanzamento attività progetti finanziati 1.1 Avanzamento fisico delle attività Realizzazione delle attività per la parte di competenza politiche comunitarie secondo il piano delle attività finanziate e concordate con il dirigente delle politiche comunitarie. Redazione dei prospetti finanziari del progetto strategico Infomobilità. Predisposizione di documenti e report ai fini del coordinamento delle attività con i servizi dell Ente. Analisi dei prodotti consegnati dai fornitori incaricati della realizzazione dei servizi di comunicazione e animazione a valere su alcuni progetti Attività di rendicontazione L attività è proceduta in modo difficoltoso per il reperimento del materiale e l organizzazione delle tempistiche. Al 27 novembre 2010 tutti i progetti assegnati a Reform sono stati rendicontati e certificati. Al è stato redatto un report riassuntivo dell andamento dell attività e un allegato con il dettaglio finanziario di riferimento. A seguito della chiusura dell attività si è proceduto alla restituzione progressiva di tutti gli originali utilizzati per effettuare la rendicontazione. 1.3 Gestione finanziaria Assistenza finanziaria ai servizi dell ente sull ammissibilità di alcuni acquisti,unitamente a verifiche di fattibilità secondo i regolamenti dei contratti interno con i servizi contratti e ragioneria dell ente Attivazione, parallelamente all avanzamento fisico delle attività progettuali, dei contratti e delle convenzioni necessarie coordinando i sevizi nella realizzazione delle stesse. Chiusura contratti in essere, e chiusura procedure per indagini di mercato attivate. Linea 1 Progetto 1.06 Programma Maritime

16 Pag. 14 Saldo al 20 dicembre di tutti i pagamenti in sospeso, regolarizzazione delle carte contabili, regolarizzazione degli impegni per cassa economale. 2.Criticità/opportunità emerse 2.1 Criticità: Grossi ritardi nel recupero del materiale utile ai fini della rendicontazione e conseguente difficoltà a rispettare il calendario delle deadline di rendicontazione obbligatoria. Difficoltà con alcuni servizi a reperire in modo corretto i loro documenti di rendicontazione secondo i format e le richieste del programma maritime. 3. Andamento fisico e finanziario del servizio di assistenza tecnica di Reform 3.1 Rispetto delle tempistiche: L erogazione del servizio è in linea con il crono programma delle attività e con le deadline fissate dall ufficio politiche comunitarie 3.2 Documentazione da produrre: II report intermedio relativo alla fornitura del servizio avente scadenza al 28 febbraio 2011 ai fini del pagamento della seconda tranche del servizio. Linea 1 Progetto 1.06 Programma Maritime

17 Pag. 15 Linea 2 Progetto N Denominazione Sviluppo del portale originario Project Manager Claudia Vincenti Supporto Marilena Mais ReForm s.r.l. 2 Obiettivi generali del progetto Consolidare il primato di Reform nel campo del Knowledge Management e della integrazione tra KM e sviluppo delle competenze del personale attraverso la quotidiana verifica dei documenti esistenti, il monitoraggio della funzionalità dei link, il riposizionamento dei documenti rispetto alle modifiche apportate dalle varie normative e, conseguentemente, la riclassificazione della tassonomia e lʹattività ordinaria di ricerca della documentazione tramite varie fonti (quotidiani, riviste ed on line). Attività di manutenzione Attività realizzate da Gennaio a Marzo 2010 a)verifica dei documenti esistenti con il monitoraggio della funzionalità dei link, il riposizionamento dei documenti rispetto alle modifiche apportate dalle varie normative e conseguentemente la riclassificazione della tassonomia e lʹattività ordinaria di ricerca della documentazione tramite varie fonti (quotidiani, riviste ed on line) b) aggiornamento quotidiano del portale. c) Sono stai inseriti nella Home page di alcuni nuovi collegamenti che linkano ad argomenti risultati di maggiore interesse o attualità. d) Sono stati rimossi alcuni collegamenti, quali il forum o il blog che risultavano essere poco consultati. e) Si è aggiunto un collegamento Speciale direttiva ricorsi con il quale si è provato ad integrare la parte di aggiornamento e la parte della formazione proponendo tutto il materiale giuridico/normativo e al contempo pubblicizzando un nostro corso sulla materia. In data si è riunito per la prima volta il comitato scientifico di Reform srl composto da: Dott. Stefano Pozzoli; Dott. Francesco Delfino; Prof. Paolo Carrozza. Erano presenti alla riunione il dott. Fabiano Corsini e il Segretario della Provincia di Pisa Dott. Rosario Celano. Era stato invitato il Direttore Generale della Provincia dott. Giuliano Palagi. Linea 2 Progetto 2.01 Progetto Sviluppo del portale originario

18 Pag. 16 Indicatori più significativi Totale iscritti al Documenti totali nel portale al Iscritti alla newsletter al Testi coordinati al Nuovi utenti registrati da Gennaio a Marzo Numero accessi da Gennaio a Marzo Gennaio > Febbraio > Marzo > Si evidenzia l aumento degli accessi al portale rispetto allo stesso periodo dell anno scorso: Primo Trimestre 2010 Gennaio Febbraio Marzo Primo Trimestre2009 Gennaio Febbraio Marzo Accessi primo trimestre 2010 Accessi primo trimestre 2009 Linea 2 Progetto 2.01 Progetto Sviluppo del portale originario

19 Pag. 17 Attività di manutenzione Attività realizzate da Marzo 2010 al 30 Giugno 2010 a)verifica dei documenti esistenti con il monitoraggio della funzionalità dei link, il riposizionamento dei documenti rispetto alle modifiche apportate dalle varie normative e conseguentemente la riclassificazione della tassonomia e lʹattività ordinaria di ricerca della documentazione tramite varie fonti (quotidiani, riviste ed on line) b) aggiornamento quotidiano del portale. c) Sono stai inseriti nella Home page di alcuni nuovi collegamenti che linkano ad argomenti risultati di maggiore interesse o attualità. Indicatori più significativi Totale iscritti al Documenti totali nel portale al Iscritti alla newsletter al Testi coordinati al Nuovi utenti registrati da Marzo 2010 a Giugno Totale iscritti da Gennaio 2010 a Giugno Numero accessi da Marzo a Giugno Aprile > Maggio > Giugno> Si evidenzia l aumento degli accessi al portale rispetto allo stesso periodo dell anno scorso: Primo Trimestre 2010 Aprile Maggio Giugno Primo Trimestre2009 Aprile Maggio Giugno Accessi secondo trimestre 2010 Accessi secondo trimestre 2009 Linea 2 Progetto 2.01 Progetto Sviluppo del portale originario

20 Pag. 18 Attività realizzate da 30 Giugno 2010 a 30 Settembre 2010 Attività di manutenzione a)verifica dei documenti esistenti con il monitoraggio della funzionalità dei link, il riposizionamento dei documenti rispetto alle modifiche apportate dalle varie normative e conseguentemente la riclassificazione della tassonomia e lʹattività ordinaria di ricerca della documentazione tramite varie fonti (quotidiani, riviste ed on line) b) aggiornamento quotidiano del portale. c) studio e sviluppo del progetto di restyling del sito e alla realizzazione della nuova piattaforma in joombla. Indicatori più significativi Totale iscritti al Documenti totali nel portale al Iscritti alla newsletter al Nuovi utenti registrati da Giugno 2010 a Settembre Totale iscritti da Giugno 2010 a Settembre Numero accessi da Giugno 2010 a Settembre 2010 Luglio > Agosto > Settembre > Linea 2 Progetto 2.01 Progetto Sviluppo del portale originario

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE; PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITA DEGLI ENTI LOCALI Rapporto sulla funzione pubblica

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 Adottato con deliberazione di Giunta Comunale n.. del. Premessa: Il presente programma triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale G. Falcone e P. Borsellino Via G. Giolitti, 11 20022 Castano Primo (MI) Tel. 0331 880344 fax 0331 877311 C.M. MIIC837002

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA ANNI 2014 2015-2016 La redazione del Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità è strutturata in sezioni relative a: Premessa Supporto normativo

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI DEL. CIPE N. 7/2006 PROGRAMMI OPERATIVI DI SUPPORTO ALLO SVILUPPO 2007-2009 ADVISORING PER LO SVILUPPO DEGLI STUDI DI FATTIBILITA E SUPPORTO ALLA COMMITTENZA PUBBLICA PIANO DEGLI INTERVENTI ALLEGATO 1

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Deliberazione n. 318 del 10/12/2009 OGGETTO: Approvazione programma di interventi volti alla migrazione verso sftware gestionali

Dettagli

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni

IL SEGRETARIO GENERALE ai sensi del D.lgs. 30/03/2001 n. 165 e successive modificazioni ed integrazioni Determinazione dirigenziale n. 1 del 07/01/2013 Oggetto : Servizio di supporto alle attività di digitalizzazione dei flussi documentali dell'albo Gestori Ambientali. Affidamento all'unioncamere Molise

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Relazione dell sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni Anno 2012 (art. 14, comma 4, lettera a del d.lgs. n. 150/2009) PRESENTAZIONE E INDICE

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014

Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 Comune di Sondrio PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI SONDRIO 2012-2013-2014 1. PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE

TRA CONSIDERATO CHE VISTO CHE Protocollo d intesa per l utilizzo della soluzione informatica realizzata dalle Camere di Commercio, Industria e Artigianato per l esercizio delle funzioni assegnate allo Sportello Unico per le Attività

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017

BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 Comune di Villasor Allegato alla deliberazione GC n. 3 del 13/01/2015 BOZZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015/2017 IL SINDACO Walter Marongiu IL SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Areddu

Dettagli

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012

Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012. Aprile 2012 Monitoraggio Programmi Triennali della Trasparenza e Delibera n. 2/2012 1 Aprile 2012 Le amministrazioni, in sede di prima adozione del Programma per la trasparenza e l integrità, hanno prestato una maggiore

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune 2. Il processo di pubblicazione dei dati 3. Le iniziative per l integrità

Dettagli

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011).

(L.R. n. 13/2007, artt. 28 e 31, come modificati dalla L.R. n. 17/2011). ALLEGATO A (costituito da n. 8 pagine complessive) Linee guida concernenti modalità e termini di comunicazione, per via telematica - tramite il Portale del Turismo e del Made in Lazio www.ilmiolazio.it

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità

Programma triennale per la trasparenza e l integrità Comune di Prata di Pordenone Approvato con delibera di Giunta n 9 del 21 gennaio 2014 Programma triennale per la trasparenza e l integrità Anni 2014-2016 Sottotitoli del catalogo Redatto in conformità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per le Marche Regione Marche Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo operativo del 18 settembre 2012, tra

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

Progetto. Relazione conclusiva

Progetto. Relazione conclusiva Progetto Relazione conclusiva Premessa Il progetto Dichiar@online, realizzato nell ambito dei Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro, iniziativa attuata da Formez PA, su incarico del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Mettiamoci la Faccia DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA UFFICIO PER LA MODERNIZZAZIONE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1 PARTE I CARATTERISTICHE E OBIETTIVI DI METTIAMOCI LA FACCIA 2 OBIETTIVI DELL INIZIATIVA

Dettagli

Istituto Comprensivo " E. Mattei"

Istituto Comprensivo  E. Mattei Istituto Comprensivo " E. Mattei" Centro Territoriale Permanente per l 'Istruzione e la Formazione in età adulta Viale Roma, 30 Tel. 0737 84339-787634 /Fax 0737 787634 E-mail: mcic80700n@istruzione.it

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016

COMUNE DI TICINETO. (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 COMUNE DI TICINETO (Provincia di Alessandria) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ. PERIODO 2014-2016 Approvato con D.G.C. n. 10 del 31/01/2014 1. PREMESSA Il Decreto legislativo 14 marzo

Dettagli

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010

Provincia Regionale di Trapani. Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 Provincia Regionale di Trapani Trapani, Palazzo Riccio di Morana 16 febbraio 2010 La Società dell informazione Dal 2000 in poi, il Governo italiano ha varato diverse azioni finalizzate all attuazione della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI

DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COMUNE DI NOALE PROVINCIA DI VENEZIA 30033 Piazza Castello, 18 Sede Municipale Fax 041/5897242 Tel. 041/5897211 DETERMINAZIONE AFFARI GENERALI COPIA Ufficio:COMMERCIO Registro Generale Determinazioni N.718

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015

COMUNE DI BITONTO. (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 ALL/A COMUNE DI BITONTO (Provincia di Bari) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DEL COMUNE DI BITONTO 2013-2014-2015 Elaborato il 10.06.2013 dal Funzionario Amministrativo 1 Settore-Servizi

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia Allegato A Del. di Giunta comunale n. 69 del 30 luglio 2014 COMUNE DI RIO SALICETO Provincia di Reggio Emilia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2014 2016 (art. 10 del D. Lgs. 14 marzo

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf.

Comuni di: Aicurzio, Basiano, Bellusco, Busnago, Cavenago B.za, Cambiago, Gessate, Masate, Mezzago, Ornago, Sulbiate, Verderio Inf. DETERMINAZIONE N. 08 DEL 04/02/2013 - COPIA OGGETTO: MODERNIZZAZIONE SISTEMA INFORMATICO CONSORTILE AFFIDAMENTO, MANUTENZIONE, AGGIORNAMENTO, ASSISTENZA AI SOFTWARE URBI DA UTILIZZARSI IN COLLEGAMENTO

Dettagli

Verbale della riunione del 29/10/2008

Verbale della riunione del 29/10/2008 Tipo Comm Informatica 1 / 10 della riunione del 29/10/2008 Componente Presenza 1. Adami Ing. Paolo NO 2. Alberto Brignoli Ing. Mauro NO (*) 3. Benaglia Ing. Nicola NO 4. D Avanzo Ing. Sergio SI 5. Fidigatti

Dettagli

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione

In fase iniziale, giugno/luglio 2011, si è resa necessaria soprattutto un attività di sensibilizzazione Relazione annuale 26 maggio 2011 26 maggio 2012 L Ufficio Provinciale Giovani, servizio istituito dalla Provincia del Medio Campidano con l obiettivo di informare e supportare la popolazione giovanile

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena Originale COMUNE DI CASTROCARO TERME E TERRA DEL SOLE Provincia di Forlì Cesena DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Numero: 116 Data: 11/12/2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Dettagli

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche

Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013. Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche Allegato 1 al report del Tavolo SUAP del 9 dicembre 2013 Proposta per il POR Marche 2014/2020 Agenda Digitale Marche PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE della Conferenza di servizi telematica per l approvazione

Dettagli

Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria

Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria Progetto Affiancamento nello sviluppo di tematiche specifiche del Portale dell istruzione in Calabria POR Calabria FESR 2007/2013 Asse IV Qualità della Vita e Inclusione Sociale AVVISO PUBBLICO PER LA

Dettagli

Organismo Indipendente di Valutazione

Organismo Indipendente di Valutazione Commissione Enti Locali SEMINARIO FORMATIVO Organismo Indipendente di Valutazione Aspetti normativi e metodi di valutazione della performance Avellino, 7 febbraio 2011 Eraldo De Simone Decreto Legislativo

Dettagli

- disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994.

- disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 19-02-2010 5599 - disporre che il presente provvedimento sia pubblicato sul B.U.R.P. ai sensi dell art. 6 della L.R. n. 13/1994. Il Segretario della

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

ReForm2010 Relazione sullo stato delle attività Piano di Lavoro

ReForm2010 Relazione sullo stato delle attività Piano di Lavoro ReForm2010 Relazione sullo stato dellee attività Piano di Lavoro 2010 Reform srl Pisa, Via Silvio Pellico 4 Phone: 050 929243 Fax: 050 929249 Email: reform@reform.it, Web Site: www.reformnet.it www. reform.it

Dettagli

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016.

COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. COMUNE DI CASTELLAR (Provincia di Cuneo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2014/2016. Indice: Premessa 1. FONTI NORMATIVE 2. STRUMENTI 3. DATI DA PUBBLICARE 4. INIZIATIVE DI

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K.

PROTOCOLLO D INTESA. IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) SOCIETA KNOW K. 4-2014 PROTOCOLLO D INTESA TRA IL MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA (di seguito denominato MIUR) E SOCIETA KNOW K. Srl per la Promozione di azioni a supporto dell innovazione degli

Dettagli

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento.

Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. COMUNE DI MONTEPRANDONE Provincia di Ascoli Piceno Piano Triennale della Trasparenza e Integrità 2015-2016-2017. Aggiornamento. 1) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La principale fonte normativa per la stesura

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6293 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NESI, BARRAL, CARLI, CHIAPPORI, SERGIO FUMAGALLI, FANTOZZI, GASTALDI, MANZINI, MASIERO, MAZZOCCHI,

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza

Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza Comune di Grumolo delle Abbadesse Provincia di Vicenza Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2012 / 2014 Pag. 1 a 1 PREMESSA L e recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI.

METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. METODI E STRUMENTI SEMPLICI DA UTILIZZARE PER MISURARE LE PERFORMANCE, VALUTARE I RISULTATI E ACCRESCERE LA TRASPARENZA NEGLI ENTI LOCALI. Sistema M.A.Ga. è un'applicazione cloud che integra un insieme

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Avviso relativo alle azioni previste dall Accordo ai sensi dell art. 9 del decreto legislativo 28 agosto

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli