Semplifica Italia. Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Semplifica Italia. Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica"

Transcript

1 FORUM PA Maggio 2012 Semplifica Italia Silvia Paparo Direttore generale dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della Funzione Pubblica Presidenza del lconsiglio dei iministrii i

2 Semplificare l Italia Semplifica Italia. 2 2 L eccesso di oneri amministrativi è una delle principali cause dello svantaggio competitivo dell Italia nel contesto europeo. Ridurre glioneri amministrativi è un impegno chiave del Governo Monti, che ha unificato le competenze e le strutture dedicate alla semplificazione sotto la guida di un solo Ministro e ha dato nuovo impulso alle politiche di semplificazione con il Decreto Semplifica Italia e azioni rapide di semplificazione mirate a raggiungere oltre 30% di riduzione degli oneri amministrativi di competenza statale misurate entro il La semplificazione amministrativa e la riduzione degli oneri sono fattori chiave per liberare risorse e dare un nuovo impulso alla produttività e alla competitività delle imprese senza incrementare la spesa pubblica I PROBLEMI DA AFFRONTARE

3 Gli impegni del Governo 3 La strategia Semplifica Italia Unificazione e rafforzamento delle strutture dedicate alla semplificazione sotto la guida di un unico Ministro Evitare l introduzione di nuovi oneri attraverso un sistema di valutazione ex ante (es. budget regolatorio) Adozione di un metodo fondato sulla consultazione degli stakeholder e dei cittadini come elemento essenziale del successo della politica di semplificazione Attenzione all implementazione, assicurando un ampia comunicazione dei risultati e il monitoraggio dell attuazione Rafforzamento della misurazione degli oneri amministrativi, con target di semplificazione mirati su cittadini e piccole e medie imprese

4 La strategia Semplifica Italia 4 Il Governo è impegnato ad assicuarare effettività a un pacchetto di azioni rapide di semplificazione, mirate a dare impulso alla crescita economica ed lanciare un nuovo e ambizioso programma di riduzione degli oneri regolatori ( ) per sostenere la ripresa economica. 1 2 Commissione 3 ciascuna Azioni rapide Sono state tt adottato t numerose misure immediatamente t operative. Per altre sono in cantiere i provvedimenti attuativi. Si tratta, comunque, di norme da attuare entro la fine del 2012, mirate a raggiungere una riduzione dei costi burocratici di oltre il 30% nei settori misurati, tra queste l obiettivo della completa eliminazione i i dei certificati nei rapporti con la PA. Un nuovo programma di riduzione degli oneri regolatori In linea con i principi della regolazione intelligente e dei nuovi obiettivi fissati dalla Commissione e dal Consiglio europeo, il nuovo programma (da adottare in accordoconcon le Regioni) selezionerà le aree di regolazione, definirà obiettivi e metodologie basati sul principio di proporzionalità e sulla la consultazione di stakeholder e cittadini. Le attività di misurazione e riduzione sono state anche estese agli oneri gravanti sulle amministrazioni pubbliche. Il budget regolatorio A partire dal 2013, è previsto un bilancio periodico degli oneri introdotti ed eliminati da ciascuna amministrazione centrale (realizzato con il coinvolgimento delle organizzazioni delle imprese e dei consumatori) avrà l obiettivo di prevenire l introduzione di nuovi oneri amministrativi. In caso di saldo negativo, scatterà una delega al taglio degli oneri in eccesso.

5 Il Decreto Semplifica Italia. Alcuni esempi 5 Molte delle misure introdotte sono state suggerite dai cittadini attraverso la consultazione telematica Burocrazia, diamoci un taglio!, rilanciata nel gennaio Diverse proposte, inviate dai cittadini all inizio dell anno, sono già diventate legge. Pagamenti telematici alla PA più semplici attraverso l uso dell IBAN Cambi di residenza online in tempo reale e comunicazioni telematiche tra comuni per gli atti di stato civile, l anagrafe l elettorale Eliminazione della duplicazione della documentazione per le persone con disabilità Procedure più semplici per il rinnovo delle patenti degli ultraottantenni

6 Il decreto Semplifica Italia. Alcuni esempi 6 Diverse misure introdotte dld dal decreto Semplifica lf Italia nascono dalla dll misurazione degli oneri amministrativi e dalle proposte delle associazioni imprenditoriali. Semplificazione sistematica delle procedure amministrative relative alle attività d impresa con individuazione tassativa delle attività che vanno in SCIA, di quelle per cui permane l autorizzazione, di quelle per cui è sufficiente una mera comunicazione e di quelle del tutto libere Banca dati nazionale dei contratti pubblici Introduzione di poteri sostitutivi che possono essere facilmente attivati su richiesta anche di privati in caso di inerzia della PA, con responsabilità disciplinare e manageriale per coloro che hanno posto in essere il comportamento omissivo. Autorizzazione unica ambientale per le piccole e medie imprese Coordinamento e pianificazione dei controlli sulle imprese Eliminazione del Documento Programmatico della Sicurezza (DPS) I PROBLEMI DA AFFRONTARE

7 Il decreto Semplifica Italia. 7 ARTICOLO RUBRICA Art. 1 (comma 1) Modifiche alla legge 7 agosto 1990, n.241 in materia di conclusione del procedimento e poteri sostitutivi Art. 2 SCIA Art. 4 (comma 1) Semplificazioni persone con disabilità Art. 6 (comma 3 bis) Acquisizione d ufficio certificazione antimafia e certificazione camerale con la dicitura antimafia Art. 6 ter Pagamenti alle pubbliche amministrazioni con modalità informatiche (pubblicazione codici IBAN)* Art. 7 Disposizioni in materia di scadenza dei documenti d'identità e di riconoscimento Art.8 (comma 1) Partecipazione a selezioni e concorsi At10 Art. Parcheggi pertinenziali i Art. 11 Semplificazioni circolazione stradale Art. 13 Modifiche al T.U.L.P.S. Art. 14 Acquisizione d ufficio del DURC nell ambito dei lavori pubblici e privati dell edilizia Art. 15 Misure di semplificazione in relazione all astensione anticipata dal lavoro delle lavoratrici in gravidanza Art. 17 (commi 1 4) Art. 18 Art. 19 Art. 21 Art. 24 (eccetto la lett. h del dl comma 1) Art. 27 Art. 35 Art. 36 Art. 37 Semplificazione in materia di assunzione di lavoratori extra UE Semplificazione in materia di assunzioni e di collocamento obbligatorio Semplificazione in materia di libro unico del lavoro Responsabilità solidale negli appalti Modifichealle norme in materia ambientale di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Esercizio dell attività di vendita diretta Disposizioni in materia di controllo societario e di trasferimento e conferimento di funzioni ai magistrati ordinari. Privilegio dei crediti dell impresa artigiana Comunicazione dell indirizzo di posta elettronica certificata al registro delle imprese At38 Art. (eccetto comma 1) Semplificazione i degli adempimenti per la tenuta t dei digas medicinali i Art. 39 Art. 40 Art. 41 Art. 45 Soppressione del requisito di idoneità fisica per avviare l esercizio dell attività di autoriparazione Soppressione del vincolo in materia di chiusura domenicale e festiva per le imprese di panificazione di natura produttiva Immediatamente operativa Semplificazione in materia di somministrazione temporanea di alimenti e bevande Semplificazioni in materia di dati personali * La disposizione diventerà operativa il 6 luglio

8 I principali provvedimenti attuativi Semplifica Italia. 8 Regulatory budget (art.3) Programma riduzione oneri per le amministrazioni (art. 3) Programma misurazione e riduzione oneri regolatori (art. 3) Cambio di residenza in tempo reale (art. 5) Comunicazioni telematiche tra amministrazioni Percorsi sperimentali SUAP (art. 12) Individuazione tassativa procedure e semplificazione attività di impresa (art. 12) Autorizzazione unica ambientale (art. 23) Banca dati appalti (art. 20)

9 La sfida dell implementazione 9 Il risultato non è raggiunto fino a che non è percepito da cittadini e imprese Il ruolo chiave della leadership politica a tutti livelli La cooperazione multilivello: l accordo tra Stato, Regioni e autonomie locali Il ruolo di dirigenti e operatori della Pa per innovare procedure e organizzazione e attuare le semplificazioni Il monitoraggio dell attuazione: adozione dei provvedimenti attuativi e verifica effettività attraverso l adozione ladozione di meccanismi stringenti e pubblici di valutazione ex post La comunicazione dei progressi e dei risultati ottenuti La partecipazione diretta degli stakeholder

10 CONTATTI Ufficio per la semplificazione amministrativa struttura/funzione pubblica/attivita/politiche di semplificazione/presentazione.aspx

Il decreto Semplifica Italia

Il decreto Semplifica Italia per le imprese per i cittadini Il decreto Semplifica Italia PA digitale Le norme sono importanti, ma non bastano. Occorre anche cambiare la cultura e i comportamenti quotidiani. Per i cittadini e le imprese

Dettagli

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco

LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco LE PRINCIPALI DISPOSIZIONI PER GLI ENTI LOCALI DEL DECRETO LEGGE DI SEMPLIFICAZIONE (N. 5/2012) di Arturo Bianco Articolo 1 Articolo 2 La conclusione dei procedimenti Asseverazione della SCIA Articolo

Dettagli

Scheda di sintesi. Le misure di semplificazione del decreto legge Semplifica Italia (D.L. n. 5/2012)

Scheda di sintesi. Le misure di semplificazione del decreto legge Semplifica Italia (D.L. n. 5/2012) Scheda di sintesi Le misure di semplificazione del decreto legge Semplifica Italia (D.L. n. 5/2012) Il decreto contiene un articolato pacchetto di interventi volto ad alleggerire il carico degli oneri

Dettagli

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato

Riduzione degli oneri amministrativi: dalle norme al risultato 21 novembre 2013 : dalle norme al risultato DOCUMENTAZIONE Ministro i per la pubblica amministrazione i i e la semplificazione i La graduatoria Doing Business 2014 2 Il recentissimo rapporto Doing Business

Dettagli

DOSSIER. La semplificazione amministrativa per le imprese. n. 4. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per la semplificazione amministrativa

DOSSIER. La semplificazione amministrativa per le imprese. n. 4. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per la semplificazione amministrativa DOSSIER La semplificazione amministrativa per le imprese n. 4 Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per la semplificazione amministrativa 3 novembre 2011 INDICE Executive Summary 5 Le schede 1.

Dettagli

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L ERA DELL ONLINE

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L ERA DELL ONLINE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L ERA DELL ONLINE Il decreto Semplifica Italia (D.L. n. 5 del 9/02/2012, approvato in via definitiva dal Parlamento con Legge di conversione n. 35 del 4/04/2012), introduce

Dettagli

Incontro con l OCSE Roma 24 settembre 2012 Palazzo Chigi IL SETTORE PUBBLICO

Incontro con l OCSE Roma 24 settembre 2012 Palazzo Chigi IL SETTORE PUBBLICO Incontro con l OCSE Roma 24 settembre 2012 Palazzo Chigi IL SETTORE PUBBLICO Due aspetti delle politiche governative nel settore pubblico sono stati centrali nella prospettiva della promozione e dello

Dettagli

Semplificare la modulistica: il caso dell edilizia

Semplificare la modulistica: il caso dell edilizia FORUM PA 2015 Convegno Dalle norme al risultato. L Agenda per la semplificazione 2015-2017 Luca Ferrara Roma, 27 maggio 2015 Perché semplificare la modulistica? L'attività di misurazione degli oneri nel

Dettagli

In collaborazione con. Roma, 25 novembre 2009

In collaborazione con. Roma, 25 novembre 2009 In collaborazione con Roma, 25 novembre 2009 TUTTO HA INIZIO CON Qualche tempo fa, un medico ha indirizzato una mail al Ministro, ponendo la seguente domanda: Come è possibile che un quattordicenne possa

Dettagli

Ridurre tempi e costi delle procedure edilizie e assicurare la certezza degli adempimenti per cittadini e imprese.

Ridurre tempi e costi delle procedure edilizie e assicurare la certezza degli adempimenti per cittadini e imprese. 4. L EDILIZIA L edilizia è un settore particolarmente critico: l Italia è al 112 posto della graduatoria Doing Business della Banca Mondiale. I cittadini e le imprese segnalano le seguenti complicazioni:

Dettagli

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI

RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RIDUZIONE E TRASPARENZA DEGLI ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE Anno 2014 (Art. 7, comma 3, legge 11 novembre

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE, I SERVIZI PER IL LAVORO E LA FORMAZIONE Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo - Obiettivo Convergenza 2007-2013

Dettagli

Eliminazione dei certificati, certezza dei tempi e poteri sostitutivi

Eliminazione dei certificati, certezza dei tempi e poteri sostitutivi 17 maggio 2012 Eliminazione dei certificati, certezza dei tempi e poteri sostitutivi Andrea Tardiola, Dipartimento della funzione pubblica 17 maggio 2012 Le novità introdotte nel TU dalla legge di stabilità

Dettagli

La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese

La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese La Semplificazione Amministrativa a favore delle Imprese per la ripresa economica del Paese Dal SUAP on line al Contratto in modalità elettronica con firma digitale Antonio Meola Segretario generale del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese

COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO. A livello statale 2 MODELLI: Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 1 COSA VUOL DIRE SEMPLIFICARE. DICHIARAZIONI DI PRINCIPIO A livello statale 2 MODELLI: A livello regionale INTERVENTI PUNTUALI Altre Pubbliche amministrazioni Cittadini Imprese 2 LA SEMPLIFICAZIONE NELLE

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo

Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo Documentazione per l esame di Progetti di legge Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo D.L. 5/2012 - A.C. 4940 Sintesi e schede di lettura n. 595 Edizione provvisoria 15 febbraio

Dettagli

AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE

AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE Ogni anno: 25 chili di carta per azienda e 100 giorni di lavoro sprecati per le pratiche burocratiche.

Dettagli

Incontro Cassa Edile Provincia di Torino e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Ivrea, Pinerolo e Torino

Incontro Cassa Edile Provincia di Torino e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Ivrea, Pinerolo e Torino Incontro Cassa Edile Provincia di Torino e Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Ivrea, Pinerolo e Torino IL DURC NELL EDILIZIA Le procedure di richiesta, le semplificazioni e particolari

Dettagli

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.)

SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE (S.U.A.P.) INORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), previsto dal D.Lgs. n. 112/98, in attuazione della legge

Dettagli

NOTA DI AGGIORNAMENTO RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE. Anno 2014. (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n.

NOTA DI AGGIORNAMENTO RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE. Anno 2014. (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n. RELAZIONE COMPLESSIVA CONTENENTE IL BILANCIO ANNUALE DEGLI ONERI AMMINISTRATIVI INTRODOTTI ED ELIMINATI Anno 2014 (Art. 8, comma 2-bis, legge 11 novembre 2011, n. 180) NOTA DI AGGIORNAMENTO AL 31 MAGGIO

Dettagli

Decreto Legislativo n. 151/2015

Decreto Legislativo n. 151/2015 Decreto Legislativo n. 151/2015 DISPOSIZIONI DI RAZIONALIZZAZIONE E SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI A CARICO DI CITTADINI E IMPRESE E ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAPPORTO DI LAVORO

Dettagli

DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Giugno 2013 DECRETO FARE: LE NOVITA IN MATERIA DI APPALTI E DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Il 22 giugno 2013, dopo la pubblicazione in G.U., è entrato in vigore il D.L. 69/2013 (cd. Decreto Fare ) che

Dettagli

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi SEZIONE B DISABILI E STRANIERI Articolo 4, comma 27 Efficace attuazione del diritto al lavoro dei disabili Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi di Maria Giovannone, Rossana Lonero, Valentina

Dettagli

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione

Studio di Economia e consulenza Aziendale s.r.l. DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione News per i Clienti dello studio del 6 Giugno 2014 Ai gentili clienti Loro sedi DURC telematico e semplificato: le modifiche del DL 34/2014 di prossima attuazione Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI

DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI Modena, 03 dicembre 2014 DECRETO SEMPLIFICAZIONI FISCALI: NOVITÀ PER AZIENDE, PROFESSIONISTI E LAVORATORI D.Lgs n. 175 del 21 novembre 2014 È stato pubblicato sulla G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014

DELIBERAZIONE N. 23/5 DEL 25.6.2014 Oggetto: Definizione degli ambiti prioritari di intervento ed attuazione degli obiettivi di semplificazione del sistema normativo e amministrativo regionale in favore del tessuto imprenditoriale sardo.

Dettagli

GUIDA AL JOBS ACT. Alessandra Servidori JOBS ACT - APPROVATI IL DECRETO LEGGE E IL DISEGNO DI LEGGE DELEGA IL 12 MARZO 2014

GUIDA AL JOBS ACT. Alessandra Servidori JOBS ACT - APPROVATI IL DECRETO LEGGE E IL DISEGNO DI LEGGE DELEGA IL 12 MARZO 2014 Bussola essenziale e ragionata sui CUG Comitati Unici di Garanzia GUIDA AL JOBS ACT Alessandra Servidori JOBS ACT - APPROVATI IL DECRETO LEGGE E IL DISEGNO DI LEGGE DELEGA IL 12 MARZO 2014 Il decreto legge:

Dettagli

DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE

DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE Settembre 2013 DECRETO FARE: LE MODIFICHE INTRODOTTE IN SEDE DI CONVERSIONE Il 21 agosto 2013 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge n. 98/2013 (di seguito, la Legge di Conversione ) di conversione

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate.

Le normative relative all avvio, trasformazione, trasferimento, gestione e cessazione dell attività d impresa sono state recentemente modificate. Cos'è lo Sportello Unico Attività Produttive Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, già nella sua definizione data dal D.P.R. n. 447/1998, ha per oggetto la localizzazione degli impianti produttivi

Dettagli

Privacy semplice per le PMI

Privacy semplice per le PMI Privacy semplice per le PMI A cura di: Francesca Scarazzai Dottore Commercialista Politecnico di Torino 25 novembre 2011 Semplificazioni nel tempo - 1 Maggio 2007: Guida pratica per le PMI Novembre 2007:

Dettagli

CNA per le imprese. Norma. Risultato. Problema. Salute e Sicurezza sul Lavoro. Controlli tecnici periodici dei veicoli a motore

CNA per le imprese. Norma. Risultato. Problema. Salute e Sicurezza sul Lavoro. Controlli tecnici periodici dei veicoli a motore CNA per le imprese Il nostro impegno per la rappresentanza PRINCIPALI RISULTATI OTTENUTI - ANNO 2014 Roma, 18 febbraio 2015 Risultato Norma Salute e Sicurezza sul Lavoro Eccessiva complessità degli adempimenti

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

Camera di Commercio di Pavia

Camera di Commercio di Pavia PIANO DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE ANNO 2013 Si richiama preliminarmente quanto evidenziato nella Relazione Previsionale e Programmatica 2013 approvata dal Consiglio camerale con deliberazione n. 10

Dettagli

Art. 4: Art. 5: -Silenzio-assenso.

Art. 4: Art. 5: -Silenzio-assenso. FOCUS a cura del Prof. Avv. Enrico Michetti Decreto legge per lo sviluppo dell'economia italiana, cd decreto "Sviluppo" approvato il 5.5.2011 dal Consiglio dei Ministri Art 1.: Istituito in via sperimentale

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 4 aprile 2012, n. 35: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo. (12G0056) (Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto

Circolare N.134 del 13 ottobre 2011. SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Circolare N.134 del 13 ottobre 2011 SISTRI e SCIA. Cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto SISTRI e SCIA: cosa è cambiato dopo la manovra di ferragosto Gentile cliente, con la presente, desideriamo

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell'ufficio Fax dell'ufficio E-mail istituzionale

Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell'ufficio Fax dell'ufficio E-mail istituzionale Nome Data di nascita Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell'ufficio Fax dell'ufficio E-mail istituzionale BEVILACQUA MAURIZIO 16 GENNAIO 1954 Funzionario Amministrativo Cat.

Dettagli

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR)

I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME. Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) I Finanziamenti dell Unione Europea nella Programmazione 2014-20: HORIZON 2020 e COSME Programma Operativo Regione Piemonte FESR (POR FESR) Torino, 20 novembre 2014 Europa 2020 Europa 2020 è un documento

Dettagli

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro

Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Nuovi ruoli Rete nazionale dei servizi per le politiche del lavoro Roberto Camera Funzionario del Ministero del lavoro Con il decreto legislativo n. 150/2015, in vigore dal 24 settembre 2015, vengono poste

Dettagli

DECRETO SVILUPPO IL DIZIONARIO DELLE NOVITÀ

DECRETO SVILUPPO IL DIZIONARIO DELLE NOVITÀ DECRETO SVILUPPO IL DIZIONARIO DELLE NOVITÀ ACCESSI I controlli amministrativi presso le imprese, in forma di accessi, vengono unificati, distribuiti al massimo con cadenza semestrale, con una durata che

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE

Comune appartenente all Unione Terre di Castelli DETERMINAZIONE Direzione Pianificazione Territoriale Servizio Edilizia privata e gestione del territorio - Urbanistica Tel. 059 777512 e-mail: sportelloedilizia@comune.vignola.mo.it Comune appartenente all Unione Terre

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E REGIONE LOMBARDIA (di seguito, denominate PARTI) VISTO Il Regolamento (UE) n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Alberici Patrizia Data di nascita 26/10/1955 CCNL REGIONI E AUTONOMIE LOCALI - DIRIGENTI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Alberici Patrizia Data di nascita 26/10/1955 CCNL REGIONI E AUTONOMIE LOCALI - DIRIGENTI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alberici Patrizia Data di nascita 26/10/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CCNL REGIONI E AUTONOMIE LOCALI - DIRIGENTI COMUNE DI

Dettagli

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze.

Allegato 1. l esecuzione in economia di lavori, beni e servizi», emanato dal Ministero dell economia e delle finanze. Allegato 1 Estratto dal capitolo Attività contrattuale della Relazione al Parlamento sul Rendiconto generale dello Stato per l esercizio 2009 (Sezioni Riunite in sede di controllo, decisione del 24 giugno

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015

Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Delibera della Giunta Regionale n. 318 del 21/05/2015 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

LE SEMPLIFICAZIONI DEI PRIMI MESI DEL GOVERNO RENZI

LE SEMPLIFICAZIONI DEI PRIMI MESI DEL GOVERNO RENZI Dossier LE SEMPLIFICAZIONI DEI PRIMI MESI DEL GOVERNO RENZI A cura dell Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della funzione pubblica 1 Di seguito si riporta un elenco e una sintesi

Dettagli

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione

Progetto Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ATTIVE E PASSIVE DEL LAVORO Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema Fondo Sociale Europeo- Obiettivo Convergenza 2007-2013 Asse E - Capacità istituzionale

Dettagli

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento

AZIONE DI SISTEMA FILO. Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento AZIONE DI SISTEMA FILO Formazione Imprenditorialità Lavoro Orientamento Azione di sistema: FILO- Formazione, imprenditorialità, lavoro e orientamento Il ruolo delle Camere di Commercio sui temi dello sviluppo

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

Riforma della Pubblica Amministrazione

Riforma della Pubblica Amministrazione Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio agosto 2015 Riforma della Pubblica Amministrazione I processi di cambiamento, avvenuti sul piano economico e sociale, hanno modificato lo

Dettagli

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO

POLITICA SICUREZZA CODICE ETICO La presente Politica rappresenta l impegno della Termisol Termica verso la salute e la sicurezza dei propri lavoratori e di tutte le persone che si trovino ad operare all interno della propria sede e dei

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE

DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER L ORGANIZZAZIONE, GLI AFFARI GENERALI, L INNOVAZIONE, IL BILANCIO ED IL PERSONALE RELAZIONE SEMESTRALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2014-2016 PER LA TRASPARENZA

Dettagli

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza)

Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) Comune di Dueville (Provincia di Vicenza) DIREZIONE GENERALE Servizio programmazione e sviluppo organizzativo Servizio informatica Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014 2016 1 Introduzione:

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili

Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Supplemento 1.2009 7 Un nuovo orizzonte per la tutela e la sicurezza del lavoro nei cantieri edili Gian Carlo Muzzarelli* Sommario 1. Tutela e sicurezza del lavoro nei cantieri edili. 2. I cardini della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA

REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO REGIONALE DELLE AUTONOMIE LOCALI E DELLA FUNZIONE PUBBLICA Legge regionale sulla semplificazione e trasparenza amministrativa Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti (art.2) Tempi certi e più brevi per la conclusione dei procedimenti(art.2)

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 Il principio di Trasparenza deve essere inteso come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/2011 del 23 maggio 2011

CIRCOLARE N. 11/2011 del 23 maggio 2011 CIRCOLARE N. 11/2011 del 23 maggio 2011 D.L. SVILUPPO PRINCIPALI NOVITᾺ INTRODOTTE Il 5 maggio 2011 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge n. 70 del 13/05/2011 Misure urgenti per lo sviluppo

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario

Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 1 1 Approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CERTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DEI CREDITI VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Con il decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 (art. 9, co. 3-bis) sono state introdotte

Dettagli

Nuovo disegno di legge in materia di Semplificazioni

Nuovo disegno di legge in materia di Semplificazioni Nuovo disegno di legge in materia di Semplificazioni Il nuovo disegno di legge in materia di semplificazione prosegue l opera intrapresa con il decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5 (c.d. Semplifica Italia

Dettagli

La gestione dell inquinamento acustico sul territorio

La gestione dell inquinamento acustico sul territorio La gestione tecnica ed amministrativa dell inquinamento acustico Verona 15 maggio 2015 La gestione dell inquinamento acustico sul territorio Dott. Matteo Buttini Funzionario Tecnico Tutela Rumore Direzione

Dettagli

VADEMECUM DEI REQUISITI PER APRIRE UN ATTIVA

VADEMECUM DEI REQUISITI PER APRIRE UN ATTIVA VADEMECUM DEI REQUISITI PER APRIRE UN ATTIVA REQUISITI L esercizio dell attività è subordinato al possesso dei seguenti requisiti: A. requisiti soggettivi (per tutte le attività): 1. di moralità e onorabilità

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Comunicato n. 332 12 dicembre 2007 Ministero della Salute UFFICIO STAMPA Senato approva Ddl proposto dal Ministro Turco sulla semplificazione degli adempimenti amministrativi connessi alla tutela della

Dettagli

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti

Circolare N.70 del 11 Maggio 2012. Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Circolare N.70 del 11 Maggio 2012 Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti Avvio delle attività e snellimento degli adempimenti: le novità per baristi, estetiste, autoriparatori, benzinai,

Dettagli

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013

Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Sintesi delle novità in materia di salute e sicurezza nel lavoro disposte dal DL 69/2013 (decreto del fare) come convertito dalla legge 98/2013 Si riportano nella tabella seguente le novità introdotte

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

Il monitoraggio nelle Regioni dell Obiettivo Convergenza: tecniche e primi risultati

Il monitoraggio nelle Regioni dell Obiettivo Convergenza: tecniche e primi risultati PON GAS FSE 2007 2013, Obiettivo Convergenza, Asse E - Capacità istituzionale Progetto: Semplifica Italia. Cantieri regionali per la semplificazione Seminario IL MONITORAGGIO SULLE PRATICHE INSERITE NEL

Dettagli

LEGGIMI UTENTE. versione 2015G6

LEGGIMI UTENTE. versione 2015G6 LEGGIMI UTENTE versione 2015G6 ALTRE IMPLEMENTAZIONI STAMPE FISCALI CONTABILI-DELEGHE/COMUNIC./INVII TELEM. DELEGA UNIFICATA F24 GENERAZIONE DELEGA F24 La risoluzione n.69/e dell Agenzia Entrate ha previsto

Dettagli

Gli interventi adottati e in corso sulla base delle proposte dei cittadini

Gli interventi adottati e in corso sulla base delle proposte dei cittadini Gli interventi adottati e in corso sulla base delle proposte dei cittadini RAPPORTO SULLA CONSULTAZIONE PUBBLICA Ufficio per la semplificazione amministrativa Dipartimento della funzione pubblica Ottobre

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/22/CU01/C1 INTESA SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 5, COMMA 2, DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N.

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia

I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia I COMUNI INCONTRANO REGIONE LOMBARDIA Roberto Scanagatti Presidente ANCI Lombardia Lombardia - Milano Incontro importante per condividere analisi individuare bisogni e problemi dei Comuni condividere iniziative

Dettagli

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione.

Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi. Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Semplificazione amministrativa. Scheda di sintesi Il Silenzio della Pubblica Amministrazione. Il silenzio dell Amministrazione potrebbe essere la spia di un mal funzionamento della stessa, alla luce della

Dettagli

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Una nuova politica industriale per lo sviluppo e la competitività

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Roma, 16 febbraio 2012 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI

Roma, 16 febbraio 2012 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ufficio Legislativo e Affari Giuridici Roma, 16 febbraio 2012 Alle Organizzazioni Regionali e Provinciali CONFESERCENTI Ai responsabili territoriali delle aree commercio, turismo, servizi, ambiente, produzione

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome [Gabriele Passerini] Telefono 051/6161781 Fax 051 6161761 E-mail gpasserini@comune.zolapredosa.bo.it Nazionalità

Dettagli

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013

CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO E FINANZA Circolare Febbraio 2013 CREDITO 1. Misure per il credito alle PMI Confronto con ABI pag. 1 2. Fondo di Garanzia per le PMI pag. 1 FINANZA 3. Crowdfunding Raccolta di capitali di rischio

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

Comune di Nogarole Vicentino

Comune di Nogarole Vicentino Comune di Nogarole Vicentino (Provincia di Vicenza) SETTORE 1 Amministrativo Economico-finanziario Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Introduzione: organizzazione e funzioni

Dettagli

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini

Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini Semplificazioni in Edilizia per imprese e cittadini I risultati della misurazione nazionale nel settore edilizia L attività di misurazione degli oneri nel settore dell edilizia è stata realizzata nel 2012

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Con il Decreto Sviluppo prove di rilancio dell economia

Con il Decreto Sviluppo prove di rilancio dell economia Normativa e prassi in sintesi di Andrea Bongi Con il Decreto Sviluppo prove di rilancio dell economia Con un pacchetto di misure approvate dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 5 maggio scorso il

Dettagli

Piano triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 (P.T.T.I.)

Piano triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 (P.T.T.I.) Piano triennale per la trasparenza e l integrità 2015 2017 (P.T.T.I.) Predisposto dal responsabile per la trasparenza Adottato in data 24.03.2015 con deliberazione n. 6 dell organo di indirizzo politico

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

PIANO DI RIDUZIONE ONERI AMMINISTRATIVI

PIANO DI RIDUZIONE ONERI AMMINISTRATIVI PIANO DI RIDUZIONE ONERI AMMINISTRATIVI Premessa Il presente Piano è adottato dal Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione

Dettagli