AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE"

Transcript

1 AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE

2 AGRICOLTURA 2.0 SERVIZI INNOVATIVI PER SEMPLIFICARE Ogni anno: 25 chili di carta per azienda e 100 giorni di lavoro sprecati per le pratiche burocratiche. In questi due numeri c è tutta l urgenza di un intervento radicale di semplificazione per oltre 1,5 milioni di imprese agricole. Il piano Agricoltura 2.0 ha un obiettivo ambizioso: eliminare la burocrazia inutile, mettere l Amministrazione al servizio degli agricoltori, portare a zero la carta sprecata. Innoviamo per semplificare. Ecco perché, insieme alle Regioni, abbiamo deciso di sfruttare l occasione dell attuazione della nuova Politica agricola comune per fare un salto di qualità. Con la Domanda Pac precompilata da marzo 2015 azzeriamo il tempo perso, con l Anagrafe unica le istituzioni condividono le informazioni senza chiederle ogni volta, con la Banca dei Certificati online niente più file agli sportelli. Per 700mila piccole imprese la domanda PAC si farà con un semplice click, e per tutte si potrà anticipare al 100% il pagamento degli aiuti a giugno invece che a dicembre per circa 4 miliardi di euro su 1 milione di domande PAC. Maurizio Martina Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali

3 GLI STRUMENTI 6 strumenti per semplificare la vita di oltre 1,5 milioni di imprese agricole: 1. Anagrafe Unica delle Aziende Agricole 2. Un solo Fascicolo Aziendale 3. Domanda Pac precompilata da marzo Introduzione Pagamento anticipato a giugno Banca dati Unica dei Certificati 6. Domanda Unificata Realizzazione di un Sistema Informativo Agricolo Federato basato sulle Best Practices di settore e su tecnologie/piattaforme Open Source.

4 LA TABELLA DI MARCIA Semplificazione normativa/amministrativa Gruppo di lavoro: Mipaaf, rappresentanti delle Regioni Operativo da novembre 2014 Percorso tecnico Gruppi di lavoro: Mipaaf, Agea Organismo Pagatore, rappresentanti degli Organismi Pagatori Regionali, Ismea Operativi da novembre 2014 Completamento dei lavori FEBBRAIO 2015 Prima Domanda Pac precompilata DA MARZO 2015

5 ANAGRAFE UNICA DELLE AZIENDE AGRICOLE Viene creata un anagrafe unica delle aziende agricole, attraverso un data base federato degli Organismi Pagatori (cloud) che integra e rende disponibili tutte le informazioni aggiornate su base territoriale. Ciò consente inoltre di poter disporre costantemente di informazioni aggiornate a livello nazionale per rispondere alle richieste della Commissione Europea.

6 UN SOLO FASCICOLO PER LE AZIENDE La Costituzione del "Fascicolo Aziendale" è obbligatoria per le aziende agricole e serve per la presentazione di un qualsiasi atto relativo a un premio/contributo/diritto. Il Fascicolo è il contenitore unico ed univoco di tutte le informazioni dichiarate dal produttore e certificate dall Amministrazione relative a strutture e consistenze aziendali, capi di bestiame, superfici coltivate, ecc. Le norme attuative della Riforma della PAC prevedono l inserimento del Piano Colturale e del Piano Assicurativo Individuale dell azienda agricola all interno del Fascicolo Aziendale. Si integra anche il Quaderno di Campagna.

7 METTERE INSIEME I DATI Il Piano Colturale, per tutti gli adempimenti collegati ai premi PAC, OCM, ecc., descrive l utilizzo agricolo annuale delle superfici aziendali suddiviso per coltura praticata. Il Piano Assicurativo Individuale descrive i raccolti che si intende assicurare in relazione al Piano Colturale. Il Quaderno di Campagna descrive gli interventi agronomici e fitosanitari eseguiti dall azienda. Il Registro dei Trattamenti, componente del Quaderno di Campagna, è obbligatorio per le aziende agricole ed è integrato alla Banca dati dei Fitofarmaci del Mipaaf.

8 I VANTAGGI DEL FASCICOLO UNICO Semplificazione per l agricoltore: meno oneri burocratici e informazioni coerenti ed omogenee sulle quali basare tutti gli aiuti all azienda. Sul Fascicolo si basano anche le verifiche del Registro unico dei controlli. Maggiore efficienza dei controlli a carico dell Amministrazione: Razionalizzazione dei controlli e conseguenti riduzioni delle sanzioni per le imprese e per lo Stato Riduzione rischi di errati pagamenti Potenziamento dei controlli sulla sicurezza alimentare grazie a interscambio di informazioni con ASL

9 DICHIARAZIONE PRECOMPILATA Dal 2015 scatta una rivoluzione per le aziende agricole con la precompilazione delle domande per ricevere gli aiuti della Pac. Come funziona? Disponibile on-line da marzo 2015 sul Portale SIAN la domanda di aiuto precompilata con i dati già noti al sistema centrale Il produttore (autonomamente o assistito dal CAA) dovrà dare semplice conferma dei dati pre-inseriti, o integrare/completare le informazioni fornite La sottoscrizione delle domande avverrà semplicemente con un codice PIN che sostituisce la firma. Il Mipaaf e l Agenzia per l Agenda digitale sono già al lavoro. Vita ancora più semplice per circa 700 mila piccole aziende: la domanda potrà essere fatta confermando con un semplice click i dati preimpostati.

10 PAGAMENTO ANTICIPATO 15 maggio 30 giugno presentazione 1 dicembre pagamento anticipo (40%) entro giugno anno successivo saldo presentazione e richiesta pagamento anticipato pagamento del 100% Sarà possibile erogare l anticipo dei pagamenti Pac fino al 100% dell importo dovuto per le aziende che ne faranno richiesta all atto della domanda, direttamente a giugno, invece che a dicembre, tramite accesso al credito bancario. Si tratta di una platea potenziale di circa 1 milione di aziende per oltre 4 miliardi di euro di pagamenti Pac.

11 BANCA DATI UNICA DEI CERTIFICATI CHIEDERE UN DOCUMENTO FACILE COME UN CLICK I vari documenti e certificati dell azienda sono presentati agli Organismi Pagatori, tramite il SIAN mediante una Banca dati Unica dei Certificati (AgeaRep). Il SIAN Coordina a livello nazionale la raccolta, la durata e la validità delle certificazioni (antimafia, DURC, ecc.), evitando alle aziende di presentare la stessa documentazione a diversi OP ovvero più volte in base alle domande presentate. Sarà possibile accelerare l iter delle domande, limitando i tempi di attesa di richiesta delle certificazioni. È prevista una riduzione complessiva dei costi: Per le aziende: risparmio sul costo di acquisizione della documentazione e di tempo senza più file negli uffici Per gli Organismi Pagatori: economie sui controlli della documentazione presentata

12 DOMANDA UNIFICATA Meno burocrazia per le aziende con la Domanda Unificata, presentata una tantum a livello nazionale, che possa comprendere al suo interno tutte le diverse misure previste dalla normativa (PAC, UMA, PSR, assicurazioni, ecc). Ciascuna azienda potrà presentare, autonomamente o recandosi presso qualsiasi struttura di assistenza (CAA) presente sul territorio nazionale, un unica domanda di aiuto. Si evita così alle imprese la compilazione di tanti moduli e il giro degli sportelli e saranno le Istituzioni a condividere le informazioni automaticamente. Sarà cura del SIAN, infatti, smistare a ciascuna delle Amministrazioni competenti la relativa parte di domanda per la successiva istruttoria e avviare i singoli procedimenti amministrativi in ottemperanza alle disposizioni di legge.

13 ANCHE I PSR DIVENTANO DIGITALI Per accelerare la spesa che sostiene gli investimenti delle imprese con i fondi di Sviluppo Rurale (partita che vale 21 miliardi di euro fino al 2020) e per non perdere le risorse, anche le varie procedure dei Psr regionali saranno informatizzate, con 3 interventi principali: 1. Sistema gestionale delle domande di aiuto 2.Sistema di monitoraggio finanziario, fisico e procedurale 3.Sistema per la gestione del tasso di errore, costi standard e verificabilità e controllabilità delle Misure

IL PROGETTO. Agricoltura 2.0

IL PROGETTO. Agricoltura 2.0 Dott. Castiglione Presidente ISMEA Agricoltura 2.0 Agricoltura 2.0, un programma di innovazione verso l'agricoltura digitale 1. Il progetto 2. Gli interventi realizzati 3. I vantaggi conseguiti 4. Le nuove

Dettagli

Agricoltura Digitale. Cosa e perché?

Agricoltura Digitale. Cosa e perché? Agricoltura Digitale Cosa e perché? La crisi del 2008 ha modificato profondamente Ia fisionomia economica del nostro Paese: il calo dei volumi acquistati di prodotti agroalimentari è un fenomeno iniziato

Dettagli

Prot. AGEA.UMU.2011.0000694. Roma li. 13 MAGGIO 2011 CIRCOLARE N 23 PRODUTTORI INTERESSATI ALLA REGIONE PUGLIA LUNGOMARE NAZARIO SAURO 47 70121 BARI

Prot. AGEA.UMU.2011.0000694. Roma li. 13 MAGGIO 2011 CIRCOLARE N 23 PRODUTTORI INTERESSATI ALLA REGIONE PUGLIA LUNGOMARE NAZARIO SAURO 47 70121 BARI UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. AGEA.UMU.2011.0000694 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 13 MAGGIO 2011 CIRCOLARE N 23 AI PRODUTTORI INTERESSATI ALLA

Dettagli

L evoluzione della produzione integrata in Piemonte

L evoluzione della produzione integrata in Piemonte L evoluzione della produzione integrata in Piemonte Giancarlo Bourlot Regione Piemonte, Settore Fitosanitario Laboratorio Agrochimico Regionale La produzione La situazione integrata europea in Piemonte

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe Aziendale... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... 2. 2.4 Interscambio dati... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 32 del 31/03/2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione della

Dettagli

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe regionale delle aziende agricole... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale...

1 Premessa... 2. 2 Anagrafe regionale delle aziende agricole... 2. 2.1 Scopi... 2. 2.2 Documenti aziendali... 2. 2.3 Fascicolo Aziendale... Allegato A) al Decreto del Direttore n. 140 del 31 dicembre 2015 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nell Anagrafe delle Aziende Agricole di ARTEA e per la gestione

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti.

Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. POLITICA AGRICOLA COMUNE DOMANDA UNICA 2007 Non hai il conto corrente? L Agea non può pagarti. Da quest anno, per effetto delle norme contenute nella Finanziaria 2007, i premi PAC non verranno più pagati

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra

SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC. tra ALLEGATO SCHEMA DI ACCORDO PER L ANTICIPAZIONE DEI CONTRIBUTI PAC tra l Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura - AGEA, con sede in Roma, via Palestro 81, codice fiscale P.I.: 06234661004 - Codice fiscale:

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prot. N. UMU/804 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 8 maggio 2015 ISTRUZIONI OPERATIVE N 26 AI PRODUTTORI INTERESSATI AI CENTRI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014

Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Allegato A) al Decreto del Direttore n. 16 del 31 gennaio 2014 Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale nel Sistema Informativo di ARTEA e per la gestione della Dichiarazione

Dettagli

I NUOVI SERVIZI ON-LINE PER L AGRICOLTURA PIEMONTESE

I NUOVI SERVIZI ON-LINE PER L AGRICOLTURA PIEMONTESE Agricoltura 59 Cecilia Savio e Andrea Marelli Direzione Agricoltura SISTEMA INFORMATIVO I NUOVI SERVIZI ON-LINE PER L AGRICOLTURA PIEMONTESE A partire dall anno 2000 la Regione Piemonte ha avviato, insieme

Dettagli

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01;

VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTA la Deliberazione G.R. n. 3261 del 28/7/98; VISTI gli artt. 4 e 16 del D. Lgs. 165/01; VISTO l art. 32 della legge 18 giugno 2009, n. 69, che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

Dichiarazione Unica Aziendale

Dichiarazione Unica Aziendale Dichiarazione Unica Aziendale Contenuti, definizioni e procedure 1. Premessa... 1 2. Anagrafe e Fascicolo aziendale... 1 3. Documenti aziendali... 2 4. Fascicolo elettronico...2 5. Interscambio dati...

Dettagli

Sistema informativo agricolo piemontese. Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012

Sistema informativo agricolo piemontese. Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012 Sistema informativo agricolo piemontese Cecilia Savio Regione Piemonte - Direzione Agricoltura Torino, 16 maggio 2012 Finalità A partire dall anno 2000 la Regione Piemonte, in collaborazione con le Province

Dettagli

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015

REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 REG. (UE) n. 1308/2013 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE DEL RACCOLTO CAMPAGNA 2015 Disposizioni per la presentazione della domanda di aiuto Pag. 1 di 15 Sommario PREMESSA... 3 OCM VINO MISURA ASSICURAZIONE

Dettagli

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine.

Oggetto: Riemissione pagamenti di aiuti e premi comunitari non andati a buon fine. ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.646 Fax 06.49499.757 Prot. N. UMU.2013.1147 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 19 giugno 2013 A Tutti gli interessati Agli

Dettagli

SIAN Sistema Informativo Agricolo nazionale

SIAN Sistema Informativo Agricolo nazionale SIAN Sistema Informativo Agricolo nazionale Dematerializzazione e Firma elettronica Istruzioni operative Presentazione atti amministrativi Sviluppo Rurale Programmazione 2014-2020 2020 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

PARTE SECONDA. Atti regionali

PARTE SECONDA. Atti regionali Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 47 del 28-4-2016 19627 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE 21 aprile 2016, n. 154 Reg. (ue) n. 1308/2013 del Parlamento Europeo e del

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 32 31 marzo 2015 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 32 31 marzo 2015 Oggetto : Disposizioni per la costituzione ed aggiornamento del Fascicolo Aziendale

Dettagli

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIPARTIMENTO AGRICOLTURA POLITICHE REGIONALI DI SVILUPPO RURALE PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE OGGETTO : APPROVAZIONE DEI BANDI PER LA RACCOLTA DELLE DOMANDE DI ADESIONE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE. Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) DIREZIONE Decreto n. 45 del 05 aprile 2016 Oggetto: Domanda Unica campagna 2016: avvio del procedimento di cui al Reg.

Dettagli

Il Sistema Informativo per l'agricoltura del Piemonte (SIAP): servizi on-line per. l'agricoltura e lo sviluppo rurale

Il Sistema Informativo per l'agricoltura del Piemonte (SIAP): servizi on-line per. l'agricoltura e lo sviluppo rurale Sistema Informativo Agricolo Piemontese Il Sistema Informativo per l'agricoltura del Piemonte (SIAP): servizi on-line per l'agricoltura e lo sviluppo rurale Il SIAP è il sistema informativo federato che

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499537/538 Fax 06.49499751 Prot. N. AGEA.UMU.864 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 7 maggio 2010 CIRCOLARE N. 15 Ai Viticoltori interessati A tutti

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1009 del 08/05/2015 Oggetto: Reg. CE 1698/05

Dettagli

UMA. lab solution. Pagina 1 di 14

UMA. lab solution. Pagina 1 di 14 Sistema per la gestione dei procedimenti di front office e di back-office per l assegnazione di carburanti agevolati per l agricoltura DM. 451/2001 Pagina 1 di 14 Il sistema consente la gestione automatizzata

Dettagli

Descrizione dell Azione

Descrizione dell Azione (ALLEGATO A ) REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE Direzione Agricoltura, Foreste e Sviluppo Rurale Alimentazione Caccia e Pesca Servizio Gestione del Territorio Reg (CE) N 1698/05 - Piano di Sviluppo Rurale

Dettagli

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO. lo statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

IL DIRETTORE DEL SERVIZIO. lo statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; 06.01.08 DETERMINAZIONE PROT. N. 7281 REP. N. 677 Oggetto: Reg. (CE) n. 1698/2005. PSR 2007/2013. Misura 214 Pagamenti Agroambientali - Azioni 214/1 Agricoltura Biologica, 214/2 Difesa del suolo, 214/4

Dettagli

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA

Ai Viticoltori interessati. e, p.c. Al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187-ROMA ORGANISMO PAGATORE - Ufficio Monocratico Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2012. 468 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li 02/05/2012 CIRCOLARE N. 17 Ai Viticoltori interessati

Dettagli

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI

1. FINALITÀ DELLA CARTA 3. FUNZIONI INDICE CARTA DEI SERVIZI DEL CENTRO DI ASSISTENZA AGRICOLA COLDIRETTI SRL 1. Finalità della Carta 2. Chi siamo 3. Funzioni 4. I nostri servizi 5. Qualità dei servizi 6. Presenza sul territorio 7. Risorse

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1850 del 14/10/2015 Oggetto: Reg. (CE) 1698/2005

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 Allegato alla Det. N. 8022/707 dell 8 maggio 2015 ASSESSORADU DE S AGRICOLTURA E REFORMA AGRO-PASTORALE ASSESSORATO DELL AGRICOLTURA E RIFORMA AGRO-PASTORALE SERVIZIO PRODUZIONI PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE

Dettagli

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015

Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Determinazione n. G07243 del 16 giugno 2015 Oggetto: Regolamento (UE) n. 1308/2013 e Reg. (CE) n. 555/2008 e ss. mm. ii. Programma Nazionale di Sostegno (PNS) Settore Vitivinicolo. DM del MIPAAF n. 15938

Dettagli

Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013

Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013 Provvedimenti pubblicati dal 1 gennaio al 18 marzo 2013 10/01/2013 formaggi vari in aiuto alimentare. Bando per la fornitura e il trasporto di formaggi vari, previsti 6 lotti. L'offerta per accedere alla

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.g.r. 23 gennaio 2015 - n. X/3046 Attuazione dell articolo 4 bis della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 «Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste,

Dettagli

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei moduli per

Dettagli

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015

ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 ALLEGATO N. 1 MODALITA PER L APERTURA CONDIZIONATA DELLA MISURA 11 AGRICOLTURA BIOLOGICA DEL PSR 2014-2020 ANNO 2015 In attesa che la Commissione Europea approvi il Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. APPAG Trento Via G.B. Trener, 3 38100 TRENTO. Via E.Molè 88100 CATANZARO. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.255 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo

1. Controlli di ricevibilità 2. Controlli di ammissibilità a) Controllo tecnico-amministrativo Allegato 1 Istruzioni per il controllo delle domande di aiuto presentate ai sensi del bando regionale 2008/2009 - Misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti nell ambito delle disposizioni attuative

Dettagli

All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.334.2015 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2015 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

Misura 11 agricoltura biologica del P.S.R. Puglia 2014-2020. Bando per la presentazione delle domande di sostegno

Misura 11 agricoltura biologica del P.S.R. Puglia 2014-2020. Bando per la presentazione delle domande di sostegno UNIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA REPUBBLICA ITALIANA ALLEGATO C alla D.A.G. n. 50 del 01/04/2016 Misura 11 agricoltura biologica del P.S.R. Puglia 2014-2020 Sottomisura 11.1 Pagamenti per la conversione in

Dettagli

Produttori interessati. Al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187 ROMA

Produttori interessati. Al Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Via XX Settembre, 20 00187 ROMA ORGANISMO PAGATORE Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499/1 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2011.1569 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li, 6 DIC 2011 CIRCOLARE N. 56 Ai Produttori interessati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO

REPUBBLICA ITALIANA BANDO PUBBLICO Prot. n. 16281 del 31/03/2016 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale dell Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea Dipartimento Regionale Agricoltura Area 7 Brand

Dettagli

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51

ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 ALLEGATO _B_ Dgr n. 573 del 15/04/2014 pag. 19/51 MISURA 114 UTILIZZO DEI SERVIZI DI CONSULENZA AZIONE 1 Servizi di consulenza agricola rivolti agli imprenditori agricoli 1. DESCRIZIONE DELLA MISURA 1.1

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 100 del 30/09/2015 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

All. All. All. All. All. All. All. All. All

All. All. All. All. All. All. All. All. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.262 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 25 maggio 2015 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2014.491 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 21 luglio 2014 Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA AVEPA Via N. Tommaseo, 63-69

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 263 82279 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 14 dicembre 2012, n. 2796 Applicazione della misura "investimenti" per la viticoltura

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Agricole e Valorizzazione dei Prodotti Locali; DGR N. 184 DEL 6 MAGGIO 2011 OGGETTO: Reg. CE 1698/2005. Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007/2013 del Lazio. Misure 211, 212 e 214 - Disposizioni per il finanziamento delle domande di aiuto/pagamento

Dettagli

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si.

FAQ. La formazione è obbligatoria anche per il subentrante? Si. FAQ Le risposte di seguito riportate hanno carattere indicativo e non vincolante. Eventuali approfondimenti specifici potranno essere richiesti agli uffici referenti delle singole misure. INFORMAZIONI

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI VIVAI PIANTE ORNAMENTALI Rischi agevolati Campagna assicurativa 2014 Dal 01 gennaio 2010 è in vigore il nuovo sistema di contribuzione pubblica sulle polizze

Dettagli

Disposizioni attuative del bando della misura 114 del PSR Sicilia 2007-2013

Disposizioni attuative del bando della misura 114 del PSR Sicilia 2007-2013 Allegato A al D.D.G. n 777 del 19/07/2013 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato delle Risorse Agricole e Alimentari Dipartimento Regionale Interventi Infrastrutturali per l Agricoltura Servizio

Dettagli

ISTRUZIONI APPLICATIVE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CARBURANTE AGRICOLO AGEVOLATO E RILASCIO DEL LIBRETTO UMA

ISTRUZIONI APPLICATIVE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CARBURANTE AGRICOLO AGEVOLATO E RILASCIO DEL LIBRETTO UMA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SVILUPPO RURALE, ECONOMIA MONTANA UFFICIO SOSTEGNO ALLE IMPRESE, ALLE INFRASTRUTTURE RURALI ED ALLO SVILUPPO DELLA PROPRIETA ISTRUZIONI APPLICATIVE PER LA PRESENTAZIONE DELLE

Dettagli

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013

PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 ASSESSORADU DE S AGRICULTURA E REFORMA AGROPASTORALE PROGRAMMA DI SILUPPO RURALE 2007-2013 REG. (CE) N. 1698/2005 MISURA 214 - PAGAMENTI AGROAMBIENTALI AZIONE 3 - TUTELA DEGLI HABITAT NATURALI E SEMINATURALI

Dettagli

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI

Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI Bologna, 11/04/2012 LA RIFORMA PAC: IL NUOVO FASCICOLO AZIENDALE E I PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COLLEGATI DECRETO MINISTERIALE 162 del 12/01/2015 Decreto relativo alla SEMPLIFICAZIONE della gestione della

Dettagli

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395

Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 Istruzioni per la presentazione della domanda di ammissione alle Agevolazioni per l insediamento di giovani in agricoltura Regime di aiuto SA 40395 MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA La presentazione

Dettagli

Istruzioni operative n. 28 AI PRODUTTORI INTERESSATI

Istruzioni operative n. 28 AI PRODUTTORI INTERESSATI UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.44.53.940 Prot. N. UMU.2013.2419 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 20 dicembre 2013 Istruzioni operative n. 28 AI PRODUTTORI INTERESSATI

Dettagli

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Strumenti della nuova PAC per l attuazione del Piano nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Dr. Giuseppe CACOPARDI MIPAAF Direzione Generale Sviluppo Rurale PRIORITÀ DELL UNIONE IN MATERIA

Dettagli

La procedura in sintesi dell erogazione degli aiuti Iter della domanda

La procedura in sintesi dell erogazione degli aiuti Iter della domanda Seminario interregionale: L avvio della programmazione 2007-2013 dello sviluppo rurale: gli aspetti finanziari e le regole del FEASR, i controlli e la condizionalità La Contabilità degli Organismi Pagatori

Dettagli

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA

A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE. A.V.E.P.A Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Prot. N. ACIU.2015.305 (CITARE NELLA RISPOSTA) Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Roma li. 02.07.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6

ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6 Ufficio Monocratico Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.4453940 Prot. N. UMU.2013.0375 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 5 MAR 2013 ISTRUZIONI OPERATIVE N. 6 Ai Titolari di Domanda Unica 2012

Dettagli

Istruzioni operative n. 52. A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE

Istruzioni operative n. 52. A.G.R.E.A Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA. A.R.T.E.A. Via San Donato, 42/1 50127 FIRENZE UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.571 Prot. N. UMU.2015.1891 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 25 novembre 2015 Istruzioni operative n. 52 A.G.R.E.A Largo Caduti

Dettagli

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE

ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE Allegato 1 ANAGRAFE AGRICOLA DEL PIEMONTE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI ISCRIZIONE E DELLE RICHIESTE DI VARIAZIONE E CESSAZIONE La presente guida contiene le istruzioni per la compilazione dei

Dettagli

All. All. All. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2015.570 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 23.12.2015 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 MISURA 114 - Utilizzo di servizi di consulenza Riferimenti normativi Articolo 20 lettera a) punto iv) ed articolo 24 Regolamento (CE) n. 1698/05. Articolo 15 del Regolamento (CE) n. 1974/2006

Dettagli

DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo

DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, SPORT, TURISMO E CULTURA Settore Servizi alle Imprese Agricole e Florovivaismo LINEE GUIDA PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI CONTROLLO FUNZIONALE E REGOLAZIONE DELLE

Dettagli

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione.

entro 5 giorni lavorativi successivi alla protocollazione. REGG.(CE) NN. 1234/2007 e 555/2008 RISTRUTTURAZIONE E RICONVERSIONE VIGNETI DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE ALLA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO, VARIANTE, ANTICIPO E SALDO CAMPAGNA 2010/2011 1

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011

REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 REGIONE PIEMONTE BU7 17/02/2011 Codice DB1107 D.D. 19 novembre 2010, n. 1316 Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 - Ricorso alla procedura negoziata, ai sensi dell'art. 57, comma 2, lettera b)

Dettagli

REGIONE MOLISE Assessorato Agricoltura, Foreste e Pesca produttiva

REGIONE MOLISE Assessorato Agricoltura, Foreste e Pesca produttiva REGIONE MOLISE Assessorato Agricoltura, Foreste e Pesca produttiva Autorità di Gestione Programma Sviluppo Rurale regione Molise 2007-2013 DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLE MISURE AD INVESTIMENTO Novembre

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3

AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 AVVISO PUBBLICO P R O G R A M M A D I S V I L U P P O R U R A L E D E L L A R E G I O N E C A L A B R I A 2 0 0 7-2 0 1 3 A S S E 2 : M I G L I O R A M E N T O D E L L A M B I E N T E E D E L L O S P A

Dettagli

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE

REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE REGIONE MOLISE ASSESSORATO POLITICHE AGRICOLE E AGROALIMENTARI - PROGRAMMAZIONE FORESTALE - SVILUPPO RURALE - PESCA PRODUTTIVA TUTELA DELL AMBIENTE AUTORITA DI GESTIONE PSR MOLISE 2014-2020 PROGRAMMA DI

Dettagli

Il decreto Semplifica Italia

Il decreto Semplifica Italia per le imprese per i cittadini Il decreto Semplifica Italia PA digitale Le norme sono importanti, ma non bastano. Occorre anche cambiare la cultura e i comportamenti quotidiani. Per i cittadini e le imprese

Dettagli

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9

UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO. 1 di 9 UFFICIO CONTROLLI PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DELLE RICHIESTE DI RIESAME CON SOPRALLUOGO IN CAMPO 1 di 9 Sommario 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 3. FASI IN CUI PUÒ ESSERE PRESENTATA

Dettagli

MANUALE DEL FASCICOLO AZIENDALE

MANUALE DEL FASCICOLO AZIENDALE AGENZIA REGIONALE PIEMONTESE PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA Area Tecnico Autorizzazioni - Funzione Controlli MANUALE DEL FASCICOLO AZIENDALE TITOLO DEL DOCUMENTO Manuale del fascicolo aziendale AREA

Dettagli

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All

All. All. All. ARPEA Via Bogino, 23 10123 Torino. All. All. All. Organismo Pagatore AGEA Via Palestro, 81 00185 ROMA. All AREA COORDINAMENTO Ufficio Rapporti Finanziari Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2016.71 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 10.02.2016 A.G.R.E.A Largo Caduti del

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2014-2020. Apertura dei termini di presentazione delle domande di aiuto per i tipi d intervento 1.1.1, 3.1.1, 3.2.1, 4.1.1, 4.2.1, 5.2.1, 6.1.1 e 6.4.1

Dettagli

SVILUPPO RURALE 2014-2020

SVILUPPO RURALE 2014-2020 MISURE PER LA COMPETITIVITÀ E www.ismea.it www.ismeaservizi.it 30 Maggio 2014 Reg. (CE) n. 1305/2013 Il nuovo Regolamento per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 si fonda su: 3 OBIETTIVI STRATEGICI 6 PRIORITA

Dettagli

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE

DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE 5512 25/06/2014 Identificativo Atto n. 497 DIREZIONE GENERALE AMBIENTE, ENERGIA E SVILUPPO SOSTENIBILE APPROVAZIONE DEL MODELLO UNICO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE,

Dettagli

AGRISIAN S.C.P.A. Manuale Utente Fascicolo Aziendale

AGRISIAN S.C.P.A. Manuale Utente Fascicolo Aziendale S.C.P.A. Novembre 2005 2-62 Controllo delle modifiche Edizione Pubblicato Motivo della revisione Cap./Par. Modificati 3-62 Indice Introduzione... 4 Anomalie domanda... 6 Lista delle domande con anomalie...7

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 50-13328 DEL 15 FEBBRAIO 2010 PSR 2007-2013 della Regione Piemonte: misura 214 Pagamenti agroambientali - Campagna 2010. Presentazione domande di pagamento per le

Dettagli

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi

Tutti gli interessati Agli Assessorati all Agricoltura delle Regioni e Province Autonome Loro Sedi UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.4453940 Prot. N.AGEA.UMU.2011.186 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma, li 11 FEBBRAIO 2011 Circolare n. 7 A Tutti gli interessati Agli Assessorati

Dettagli

MANUALE PROCEDURE INFORMATICHE Modulo I - Presentazione delle domande di aiuto

MANUALE PROCEDURE INFORMATICHE Modulo I - Presentazione delle domande di aiuto ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE REGIONALE AGRICOLTURA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DEL LAZIO 2007/2013 ATTUATIVO REG. (CE) N. 1698/05 MANUALE PROCEDURE INFORMATICHE Modulo I - Presentazione delle domande

Dettagli

Istruzioni operative n. 4 AI PRODUTTORI INTERESSATI

Istruzioni operative n. 4 AI PRODUTTORI INTERESSATI UFFICIO MONOCRATICO Via Palestro, 81 00185 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.44.53.940 Prot. N. UMU.2016.215 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 11/02/2016 Istruzioni operative n. 4 AI PRODUTTORI INTERESSATI ALLA

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E

REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E REG.(UE) N. 1308/2013 ART. 50 MISURA INVESTIMENTI ANNUALITA 2016 MANUALE RELATIVO ALLE MODALITA DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AIUTO E PAGAMENTO E DISPOSIZIONI PROCEDURALI RELATIVE AI CONTROLLI 1 Reg.

Dettagli

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura

A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Allegato A) al Decreto N. 104 del 22/10/2014 A.R.T..A.Agenzia Regionale Toscana per le Erogazioni in Agricoltura Agenzia Regionale Dichiarazione di vendemmia e di produzione di vino e/o mosto Campagna

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

Informativa sull Assistenza tecnica

Informativa sull Assistenza tecnica COMITATO DI SORVEGLIANZA PSR SICILIA 2007/2013 PALERMO 7 GIUGNO 2012 Informativa sull Assistenza tecnica Ordine del giorno n. 6 DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI PER L AGRICOLTURA L'Assistenza

Dettagli