SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (ARTICOLO 149 CODICE CIVILE)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (ARTICOLO 149 CODICE CIVILE)"

Transcript

1 SOMMARIO CAPITOLO PRIMO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (ARTICOLO 149 CODICE CIVILE) 1. Decesso di uno dei coniugi 1 2. Divorzio Disciplina speciale del procedimento di divorzio Rapporto tra il giudizio di nullità e quello di cessazione degli effetti civili del matrimonio Comportamenti rilevanti ai fini del divorzio Potestà dei genitori Divorzio e vincolo sui beni del patrimonio familiare Diritto della moglie all'uso del cognome del marito Casa coniugale Competenza del pubblico ministero a impugnare per revocazione la sentenza di divorzio 7 CAPITOLO SECONDO SEPARAZIONE PERSONALE (ARTICOLO 150 CODICE CIVILE) 1. Separazione dei coniugi Rapporti col giudizio di separazione dei beni col giudizio di nullità del matrimonio e con la normativa straniera Competenza Litispendenza Qualità di parte Morte di uno dei coniugi Rappresentanza volontaria Accertamento dell'intollerabilità della convivenza Provvedimenti temporanei e urgenti Natura H Riguardanti la prole Emessi dal tribunale incompetente Modifica Intervento del pubblico ministero Assegno di mantenimento al coniuge separato Mantenimento dei figli Casa coniugale Rapporti patrimoniali tra coniugi Scioglimento della comunione legale dei beni 19

2 VI Sommano 1.15 Rapporti dei figli coi parenti 1.16Mutamento del titolo della separazione Ammissibilità Competenza 2. Separazione giudiziale 2.1 Oggetto del giudizio di separazione 2.2 Addebito della separazione 2.3 Assegno di mantenimento al coniuge separato 2.4 Impugnazione della sentenza di separazione giudiziale Appello Ricorso per Cassazione 3. Separazione consensuale 3.1 Consenso Natura e revoca Simulazione 3.2 Udienza presidenziale Mancata comparizione delle parti 3.3 Accordi tra coniugi Anteriori alla separazione Trasferimenti di beni Assegno di mantenimento al coniuge separato 4. Riconciliazione dei coniugi 4.1 Natura 4.2 Annotazione 4.3 Espulsione dello straniero 5. Divorzio 5.1 Domanda Tutore dell'interdetto 5.2 Casa coniugale 6. Casistica in tema di impresa familiare e di diritti e doveri derivanti dai rapporti tra le parti nella fase precedente il matrimonio 7. Questioni di legittimità costituzionale CAPITOLO TERZO SEPARAZIONE GIUDIZIALE (ARTICOLO 151 CODICE CIVILE) 1. Giudizio di separazione personale dei coniugi Giurisdizione Competenza Per territorio Oggetto 35

3 Sommario VII 1.4 Natura Disciplina speciale Parti in causa Inammissibilità dell'intervento di un terzo Mutamento del titolo della separazione Ammissibilità Competenza Delibazione di sentenze straniere di sentenza del Tribunale Ecclesiastico Riunione per connessione Domanda di separazione 4l 2.1 Fondamento Intollerabilità della convivenza Improcedibilità Omologazione (all'estero) della separazione consensuale In caso di continuazione della coabitazione Litispendenza Internazionale Rapporti col giudizio di separazione dei beni col procedimento per la pronuncia di decadenza dalla potestà dei figli... 4~] col giudizio di nullità del matrimonio col giudizio di scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio col giudizio di disconoscimento della paternità e col giudicato penale Domande riconvenzionali Ritualità e tempestività della presentazione Notificazione Perfezionamento della domanda A persona non residente nella Repubblica italiana Cessazione della materia del contendere Morte di uno dei coniugi Sopravvenuta sentenza di divorzio Estinzione del processo Addebito della separazione Richiesta di declaratoria di addebito Natura Domanda riconvenzionale Inammissibilità Rigetto della domanda di addebito: impugnazione della sentenza Dichiarazione di addebito 59

4 Vili Sommario Natura Valutazone dell'intollerabilità della convivenza Addebito della separazione a entrambi i coniugi Prova di comportamenti contrari alla prosecuzione della convivenza: indagini, ammissioni e interrogatorio formale Mancato raggiungimento della prova Incapacità mentale Cause della addebitabilità Violazione dell'obbligo di fedeltà coniugale Infedeltà apparente 7' Violazione dell'obbligo di fedeltà coniugale dopo la separazione Non rilevanza Rilevanza Abbandono della casa coniugale Violazione del dovere di coabitazione Condotta pregiudizievole per la crescita dei figli Violazione del dovere di contribuire alle necessità della famiglia Violazione del dovere di collaborazione e di assistenza morale e materiale Violenze fisiche e morali Mutamento della fede religiosa Accordo simulatorio Comportamento immorale opoco decoroso Violazione dei doveri nascenti dal matrimonio e risarcimento del danno 89 6". 4.1 Ammissibilità Non risarcibilìtà Provvedimenti relativi alla prole Affidamento ai genitori ai parenti Provvedimenti di revisione delle condizioni di affidamento Rimborso degli oneri sostenuti per il mantenimento del figlio Assegno Insegnamento religioso Comportamento del genitore non affidatario Ricerca del figlio minore Diritto di vìsita del coniuge separato Assegno al coniuge separato Criterio risarcitorio e carattere cautelare Diritto al versamento Criteri per il riconoscimento e la quantificazione Assegno al coniuge cui sia stata addebitata la separazione: illegittimità del provvedimento 103

5 Sommario IX Cessazione dell'obbligo di versamento Sospensione dei termini processuali Impugnazione per simulazione di alienazione di beni Sequestro conservativo dei beni a fini di garanzia Adeguamento in secondo grado Domanda di adeguamento nella comparsa conclusionale Pensione di reversibilità Alimenti Assegnazione casa coniugale Crìteri Azione di reintegrazione Assegnazione al coniuge non affidatario Inammissibilità Rapporti patrimoniali tra coniugi Domanda Comunione dei beni Scioglimento Intervento del pubblico ministero Decisione della causa Rimessione della causa al collegio Sentenza non definitiva Passaggio in giudicato della sentenza di separazione Crìteri Presupposto per la modificazione dei provvedimenti Sentenza viziata da omessa pronuncia Impugnazione della sentenza di separazione Sentenza di separazione non definitiva Inammissibilità dell'appello Mancata impugnazione Appello della sentenza definitiva Applicazione del rito camerale all'intero giudizio di impugnazione Proposizione dell'appello: ricorso e termini Principio della sommaria esposizione dei fatti Divieto di introdurre domande nuove Introduzione di nuove prove: ammissibilità Pronuncia ultra petita Omessa pronuncia su alcuni dei motivi di appello Impugnazione della pronuncia sul mantenimento Ricorso per Cassazione Inammissibilità Intervento del Pubblico Ministero Riconciliazione Natura ed effetti 121

6 X Sommario 14.2 Prova Revocazione della sentenza di separazione Casistica in tema di remissione di querela violenza sessuale sui minori donazione tra coniugi tentato omicidio delconiuge e di sospensione della prescrizione in materia civile Questioni di legittimità costituzionale 124 CAPITOLO QUARTO RICONCILIAZIONE (ARTICOLO 154 CODICE CIVILE) 1. Separazione dei coniugi Riconciliazione Prova Elemento oggettivo ed elemento psicologico Effetti Fatti anteriori alla riconciliazione Sentenze impugnabili per revocazione Divorzio Proponibilità della domanda Riconciliazione Prova per testi Convivenza nella stessa casa Assistenza al coniuge bisognoso di cure Questioni di legittimità costituzionale 134 CAPITOLO QUINTO PROVVEDIMENTI RIGUARDO AI FIGLI (ARTICOLO 155 CODICE CIVILE) 1. Separazione personale dei coniugi Provvedimenti relativi alla prole Competenza processuale tra il tribunale ordinario e il tribunale per i minorenni Competenza territoriale Assunzione d'ufficio \ Mezzi istruttori: regola dell'onere della prova Utilizzo dei centri di mediazione familiare e dei servizi sociali Tutela del minore Revisione Impugnazione \ 42

7 Sommario XI Disciplina in caso di nullità del matrimonio concordatario pronunciata dal tribunale ecclesiastico e delibata in Italia Contributo di ciascun coniuge per il mantenimento, l'educazione e l'istruzione della prole Criteri Modalità di adempimento - Trasferimento (o promessa di trasferimento) ai figli della proprietà di beni mobili o immobili Assegno di mantenimento Natura Criteri per la determinazione Data di accoglimento della domanda Modalità di versamento Prestazione di lavoro da parte del figlio occupato come apprendista Figli maggiorenni e legittimazione iure proprio del genitore affidatario Revisione Rivalutazione Ordine al terzo di versare agli aventi diritto somme di denaro dovute all'obbligato Detrazioni o mancato pagamento dell'assegno di mantenimento Sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio Cessazione del dovere di mantenimento del figlio Extrapetizione Assegnazione casa familiare Natura del provvedimento e poteri del giudice Presupposto dell'esclusiva tutela della prole e dell'interesse di questa a permanere nell'ambiente domestico in cui è cresciuta Presupposto dell'affidamento dei figli minori o della convivenza configli maggiorenni ma economicamente non autosujficienti Imprescindibilità Prescindibilità Presupposto dell'esistenza della casa coniugale Concessa in comodato Opponibilità al terzo successivo acquirente del bene Titolo esecutivo per il rilascio Domanda di divisione Obbligo di pagamento di corrispettivo da parte del beneficiario Onere del pagamento delle spese condominiali Obbligo di pagare Ilei Concessione ad aedificandum con previsione di destinazione dell'immobile ad abitazione familiare 167

8 XII Sommario Domanda di rimborso di quanto corrisposto a titolo di spese condominiali e di riscaldamento, nonché a titolo di imposte e tasse Mobili e arredi Esecuzione coattiva in via breve e procedura di esecuzione forzata Cessazione dell'assegnazione 1.5 Affidamento della prole Natura Competenza 1.53 Presupposti e criteri per la determinazione Genitori che vivono in nazioni diverse Genitore omosessuale Genitore detenuto Genitore che svolge un'attività lavorativa moralmente discutibile Genitore che cambia fede religiosa Genitore malato Genitore che convive "more uxorio" con altra persona Nonni Congiunto Esclusivo Alternato Affidamento del figli nascituro e già concepito Diritto - dovere di visita finalità competenza da parte del genitore non affidatario da parte dei nonni sospensione anche totale esonero dai costi connessi con gli incontri e rilascio del passaporto Assegni familiari Perdita dell'affidamento 2. Divorzio 2.1 Delibazione di sentenze straniere 2.2 Provvedimenti adottati nel giudizio di divorzio Natura 2.3 Assegno di mantenimento Criteri per la determinazione Modificazione ed estinzione del diritto Figli maggiorenni 2.4 Assegnazione casa coniugale Natura Presupposti Doveri del giudice

9 Sommario XIII Consenso tacito all'assegnazione Opponibilità al terzo acquirente Esclusione Ripristino delle facoltà e dei poteri inerenti al diritto di proprietà Richiesta formulata nel corso del giudizio d'appello 2.5 Affidamento della prole Competenza Alternato Revisione delle condizioni 3. Casistica in tema di trascrizione degli atti omessa pronuncia revocatoria ordinaria litispendenza legittimazione ad agire famiglia di fatto sottrazione di minore e di scelta o mutamento del nome del figlio minore 4. Questioni di legittimità costituzionale CAPITOLO SESTO EFFETTI DELLA SEPARAZIONE SUI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA I CONIUGI (ARTICOLO 156 CODICE CIVILE) 1. Separazione personale dei coniugi Assegno di mantenimento Principio della domanda Natura Finalità Decorrenza Presupposti per il riconoscimento Criteri per la determinazione Modalità di adempimento dell'obbligo Onere della prova Indagini sui redditi e patrimoni dei coniugi e sul loro effettivo tenore di vita Valore probatorio delle dichiarazioni dei redditi e del certificato rilasciato dal Comune d'iscrizione nell'elenco delle persone bisognose 213 / Presunzioni Garanzie per il pagamento dell'assegno di separazione e di divorzio 214

10 XIV Sommario Sequestro dei beni del coniuge obbligato competenza natura e presupposti impugnazione revoca Ordine al terzo tenuto a corrispondere periodicamente somme di denaro al coniuge obbligato di versare direttamente agli aventi diritto Illegittimità del provvedimento in caso di addebitabilità della separazione ad entrambi i coniugi Revisione natura e competenza decorrenza presupposto del passaggio in giudicato della sentenza giustificati motivi rinuncia definitiva alla revisione domanda di adeguamento nel corso di giudizio di divorzio Meccanismi di adeguamento automatico Estinzione dell'obbligo Ripetibilità di somme già percepite dal coniuge avente diritto Impugnazione Assegno alimentare Divorzio Pronuncia di scioglimento o di cessazione degli effètti civili del matrimonio e cessazione della materia del contendere nel giudìzio di separazione personale Assegno di divorzio Natura Condizioni per l'assegnazione Criteriper la determinazione Decorrenza Criterio di adeguamento automatico Indennità di fine rapporto Domanda di rivalutazione Assegno di mantenimento per la prole Competenza Regola dell'onere della prova Revisione Casistica in tema di trasferimento di beni immobili simulazione transazione sospensione dei termini processuali

11 Sommario XV pensione di reversibilità e di convivenza "more uxorio" Questioni di legittimità costituzionale 235 CAPITOLO SETTIMO CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DELLA SEPARAZIONE (ARTICOLO 157 CODICE CIVILE) 1. Riconciliazione Natura e caratteristiche Dichiarazione di riconciliazione Caratteristiche Accertamento dell'avvenuta riconciliazione Ricostituzione di un nucleo familiare Mera ripresa della coabitazione Nascita di un figlio Autonomo giudizio ordinario di cognizione Inammissibilità del ricorso in Cassazione Rilevamento d'ufficio Deposizione de relato ex parte Poteri e doveri del giudice del rinvio Effetti della riconciliazione Ripristino della comunione legale dei beni tra i coniugi Pronuncia di divorzio Ammissibilità del ricorso ex art. 700 c.p.c Mutamento del titolo della separazione Assegno di mantenimento Operatività della presunzione di concepimento in costanza di matrimonio Pronuncia di separazione personale Annotazione della riconciliazione Casistica in tema di divieto di espulsione amministrativa azione revocatoria e di rettificazione degli atti dello stato civile Questioni di legittimità costituzionale 248 CAPITOLO OTTAVO SEPARAZIONE CONSENSUALE (ARTICOLO 158 CODICE CIVILE) 1. Delibazione dei provvedimenti stranieri Ammissibilità del riconoscimento automatico Accordo tra i coniugi Natura e contenuto 251

12 XVI Sommario 2.2 Revoca Effetti Decorrenza Scioglimento della comunione legale dei beni Accordo avvenuto innanzi al giudice istruttore Consenso dell'incapace naturale Annullamento per vizi della volontà Simulazione Non opponibilità ai terzi Inammissibilità dell'impugnazione della separazione Revoca del decreto di omologazione Patti stipulati prima dell'omologazione Natura giuridica e caratteristiche Nullità per difetto di causa Patti non trasfusi nell'accordo omologato Rifiuto dell'omologazione Condizioni della separazione: contenuto Assegno di mantenimento Natura Garanzie per il pagamento Domanda di condanna all'adempimento del credito derivante dall'assegno di mantenimento Revisione Perdita del diritto Attribuzioni patrimoniali concernenti beni mobili o immobili Profilo causale Validità Adempimenti del giudice Trasferimento di beni immobili e revocatoria fallimentare Revocatoria ordinaria Mantenimento dei figli Attribuzione della proprietà di beni mobili o immobili ai figli Assegno di mantenimento Rimborso delle spese sostenute in favore dei figli Affidamento della prole Casi d'inammissibilità Divieto di espatrio Provvedimenti di revisione: competenza Osservanza delle disposizioni dettate dal giudice della separazione personale Assegnazione della casa familiare Accordo consensuale di porre fine alla convivenza Modificazione delle condizioni della separazione Giustificati motivi 267

13 Sommario XVII 4.2 Validità Limite di non interferenza Forma della richiesta Impugnazioni Ricorso per Cassazione /. / Inammissibilità Casistica in tema di fedeltà dopo la separazione mutamento del titolo della separazione sospensione della prescrizione riconciliazione giudizio e assegno di divorzio Questioni di legittimità costituzionale 273 CAPITOLO NONO FORMA DELLA DOMANDA (ARTICOLO 706 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Divorzio e separazione dei coniugi in genere Aspetti generali 27'6 1.2 Giurisdizione Regolamento Del giudice italiano Litispendenza avanti a giudici diversi e avanti a giudice straniero Giudizio dì delibazione Competenza Determinazione con riferimento al momento e al luogo Nozione e cambiamento di residenza Momento costitutivo del rapporto cittadino-giudice Udienza di comparizione dei coniugi Provvedimenti relativi ai figli alla casa coniugale e all'assegno di mantenimento Conservazione in ipotesi di incompetenza del tribunale adito Provvedimenti d'urgenza (art. 700 c.p.c.) Revisione delle condizioni della separazione Modifica dell'assegno di mantenimento Temporanea Separazione consensuale Competenza 290

14 XVIII Sommario 2.2 Condizioni 2.3 Rapporti patrimoniali tra coniugi 2.4 Revoca del consenso 2.5 Simulazione 3. Separazione giudiziale 3.1 Competenza 3.2 Domanda 3.3 Addebito 3.4 Modificazione del titolo 3.5 Intervento del pubblico ministero 4. Divorzio 4.1 Udienza davanti al giudice istruttore 4.2 Domanda riconvenzionale 4.3 Sopravvenuta sentenza di divorzio 5. Casistica in tema di maltrattamenti in famiglia o verso fanciulli e di donazione 6. Questioni di legittimità costituzionale CAPITOLO DECIMO COMPARIZIONE PERSONALE DELLE PARTI (ARTICOLO 707 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Divorzio e separazione dei coniugi in genere Natura del ricorso introduttivo Giurisdizione Regolamento Litispendenza avanti a giudici diversi Udienza presidenziale Separazione consensuale In genere Mancata comparizione all'udienza presidenziale Revoca del consenso Separazione giudiziale Effetti della domanda 30'4 3.2 Rappresentanza volontaria Domande riconvenzìonali Provvedimenti presidenziali Divorzio Costituzione delle parti Udienza davanti al giudice istruttore Delibazione delle sentenze del giudice straniero Casistica in tema dì computo dell'ininterrotta separazione

15 Sommario XIX e di separazione temporanea Questioni di legittimità costituzionale 307 CAPITOLO UNDICESIMO TENTATIVO DI CONCILIAZIONE E PROVVEDIMENTI DEL PRESIDENTE (ARTICOLO 708 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Divorzio e separazione dei coniugi in genere Giurisdizione e competenza Regolamento Giurisdizione sullo straniero Provvedimenti presidenziali Criteri d'interpretazione Tentativo di conciliazione Scioglimento della comunione dei beni Effetti sui doveri di convivenza e fedeltà Modifica òli Impugnabilità Esecuzione Provvedimenti del giudice istruttore di modifica e revoca Natura e competenza Impugnazione reclamo ricorso per Cassazione Mancata comparizione delle parti Assegno di mantenimento per il coniuge Natura del provvedimento d'assegnazione Decorrenza òli Maturazione del diritto all'assegno di mantenimento òli Indicizzazione òli Non ripetibilità delle maggiori somme percepite Ordine al terzo debitore del coniuge obbligato al mantenimento Sequestro conservativo Impugnazione Cessazione dell'obbligo di versamento Assegni alimentari Domanda di restituzione di somme Assegnazione della casa coniugale 331 /. 7 Assegno di mantenimento per i figli Natura Figli maggiorenni Sentenza ecclesiastica esecutiva 336

16 XX Sommario 1.8 Affidamento dei figli Tribunale ordinario e Tribunale dei minori: competenza Criteri per la determinazione Affidamento congiunto dì figlio nascituro Esecuzione coattiva dei provvedimenti sull'affidamento della prole Diritto-dovere di visita Obblighi dei coniugi Annullamento del matrimonio in corso di procedimento Provvedimenti d'urgenza ex art. 700 c.p.c Separazione giudiziale Udienza di comparizione delle parti e provvedimenti presidenziali Produzione documentale Addebito Sentenza non definitiva Affidamento dei figli Separazione consensuale Consenso dei coniugi Affidamento dei figli Divorzio Ricorso introduttivo Natura Proponibilità della domanda 3AG 4.2 Udienza davanti al presidente del tribunale Natura Mancata comparizione del ricorrente Computo del perìodo di separazione Provvedimenti presidenziali Nullità Provvedimenti sull'affidamento dei figli e sull'assegno di mantenimento Udienza davanti al giudice istruttore Delibazione sentenze straniere di divorzio Casistica in tema di azione di disconoscimento Questioni di legittimità costituzionale 350

17 Sommario XXI CAPITOLO DODICESIMO NOTIFICAZIONE DELL'ORDINANZA E FISSAZIONE DELL'UDIENZA (ARTICOLO 709 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Ordinanza di fissazione dell'udienza davanti al G.I. 354 /. 1 Notifica al convenuto non comparso Coniuge convenuto Residenza e domicilio Costituzione Domande riconvenzionali Udienza davanti al giudice istruttore Mancata comparizione delle parti Costituzione dell'attore Domanda riconvenzionale Assegno di mantenimento Condizioni della separazione Modifica Impugnazione Questioni di legittimità costituzionale 359 CAPITOLO TREDICESIMO MODIFICABILITÀ DEI PROVVEDIMENTI RELATIVI ALLA SEPARAZIONE DEI CONIUGI (ARTICOLO 710 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Giudice competente e domanda Condizioni per la revisione Procedimento di revisione Natura Proposizione e forma della domanda Condizioni di affidamento della prole Tribunale dei minori e tribunale ordinario Casa coniugale Nullità del matrimonio concordatario Intervento delp. m Impugnazione e ricorso per Cassazione Revisione dell'assegno di mantenimento Natura e competenza Presupposti Decorrenza del provvedimento sull'assegno Regola dell'onere della prova e prove nuove Natura di titolo esecutivo del decreto di omologazione Impugnazione e ricorso per Cassazione Mancato pagamento dell'assegno di mantenimento 384

18 XXII Sommario 5. Ricorso alla tutela atipica ex art. 700 c.p.c Esecutività dei provvedimenti ex art. 710 c.p.c Accordi modificativi delle condizioni della separazione Pattuizioni convenute antecedentemente o contemporaneamente all'accordo omologato Accordi tra coniugi successivi all'omologazione Divorzio Introduzione del giudizio Assegno di mantenimento e tfr Modifica dei provvedimenti presidenziali in generale inerenti le condizioni economiche Casistica in tema di correzione di errore materiale espressioni sconvenienti e offensive e di modificazione del titolo della separazione Questioni di legittimità costituzionale 391 CAPITOLO QUATTORDICESIMO SEPARAZIONE CONSENSUALE (ARTICOLO 711 CODICE DI PROCEDURA CIVILE) 1. Giudizio di omologazione Competenza territoriale Mancata comparizione delle parti Partecipazione del pubblico ministero Consenso dei coniugi Natura e contenuto Prestazione Revoca Condizioni della separazione Provvedimenti nell'interesse della prole Forma della domanda Affidamento Assegno di mantenimento Assegno di mantenimento in favore di uno dei coniugi Finalità Mutamento del criterio di determinazione Adeguamento ISTAT Natura di titolo esecutivo del decreto di omologazione Giudizio di divorzio Revisione e giustificati motivi forme decorrenza 401

19 Sommario XXIII Casa coniugale Rapporti patrimoniali Decreto di omologazione Natura Revoca Impugnabilità Rapporto col giudizio di nullità del matrimonio Ammissibilità di accordi e transazioni Mutamento del titolo della separazione Annullamento della separazione Vizi della volontà Impugnazione della separazione Ricorso in Cassazione Simulazione Natura e conseguenze Inammissibilità dell'impugnazione Modificazione delle condizioni di separazione Competenza territoriale e domanda Mancata comparizione Giustificati motivi Casistica in tema di revocatoriafallimentare e di divisione d'immobile 415 CAPITOLO QUINDICESIMO LEGGE 1 DICEMBRE 1970, N. 898 (IN GAZZETTA UFFICIALE, 3 DICEMBRE, N. 306) DISCIPLINA DEI CASI DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (ARTICOLO 1) 1. Cause di scioglimento del matrimonio Morte dì uno dei coniugi Divorzio Delibazione di sentenze straniere di divorzio Sentenza di divorzio pronunciata all'estero senza il previo periodo di separazione Sentenza estera di divorzio fra coniugi cittadini italiani Delibazione di sentenza straniera di divorzio con richiami "per relationem " Sentenza straniera che dichiari il divorzio per mutuo consenso Nullità del matrimonio pronunciata dal giudice ecclesiastico Giurisdizione del giudice italiano Cause di divorzio 421

20 XXIV Sommario Impossibilità della ricostituzione della comunione coniugale Al1 2.4 Tentativo di conciliazione Assegno di divorzio Divorzio a domanda congiunta Improcedibilità della domanda Rapporti tra il giudizio di divorzio e quello di separazione personale dei coniugi Pronuncia di divorzio Sentenza di separazione giudiziale passata in giudicato Alò Rapporti tra la domanda di cessazione degli effetti civili del matrimonio, celebrato con rito religioso e regolarmente trascritto e un precedente giudicato di scioglimento del matrimonio Questioni di legittimità costituzionale 424 CAPITOLO SEDICESIMO LEGGE 1 DICEMBRE 1970, N. 898 (IN GAZZETTA UFFICIALE, 3 DICEMBRE, N. 306) DISCIPLINA DEI CASI DI SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO (ARTICOLO 2) 1. Cause di scioglimento del matrimonio Morte di uno dei coniugi Divorzio Delibazione di sentenze di nullità del matrimonio pronunciate dal giudice ecclesiastico Cessazione della materia del contendere in ordine alla domanda di divorzio Assegno all'ex coniuge e di sentenze estere di divorzio pronunciate in virtù della volontà comune delle parti di volere la dissoluzione del vincolo Cause del divorzio Ali 2.4 Rapporti fra il giudizio di divorzio e quello di separazione personale dei coniugi... A fra la domanda di cessazione degli effetti civili del matrimonio (art /1970) e l'esistenza di un giudicato di scioglimento del matrimonio (art. 11. cit.) pronunciato in una precedente controversia e fra il giudizio per la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario e quello di nullità del matrimonio dinanzi al giudice ecclesiastico Separazione dei coniugi Riconciliazione Questioni di legittimità costituzionale 429

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE

LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE INSEGNAMENTO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE I LEZIONE II LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE PROF. ROMANO CICCONE Indice 1 Rilevabilità dell'incompetenza giurisdizionale ------------------------------------------------------

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici

LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE. Prof. Mariacarla Giorgetti. Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici LA PRIMA UDIENZA DI COMPARIZIONE E TRATTAZIONE Prof. Mariacarla Giorgetti Il rinnovato processo di cognizione si snoda attraverso due direttrici fondamentali, strettamente collegate: il principio della

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie

INDICE GENERALE. Allegato 1 Codice del processo amministrativo. Allegato 2 Norme di attuazione. Allegato 3 Norme transitorie INDICE GENERALE Allegato 1 Codice del processo amministrativo Allegato 2 Norme di attuazione Allegato 3 Norme transitorie Allegato 4 Norme di coordinamento e abrogazioni 1 INDICE SOMMARIO ALLEGATO 1 Codice

Dettagli

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali

Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali Il nuovo procedimento di separazione e divorzio dopo la legge n 80/2005: la fase successiva all adozione dei provvedimenti presidenziali 1. Premessa. 2.La questione della vigenza dell art.23 della legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro

RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro N. 1 ANNO 2008 Diritto dei Lavori RIFORMA DEL PROCEDIMENTO CAUTELARE: quali effetti nelle controversie di lavoro di Antonio Belsito* 1 Sommario: 1. Introduzione 2. Il procedimento cautelare dinanzi al

Dettagli

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001)

Giustizia.it 5 septembre 2001 LEGGE 4 maggio 1983 n. 184 (Modificata dalla legge 476/98 e dalla legge 149/2001) Legge 28 marzo 2001 n 149 Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n 184, recante «Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori nonché al titolo VIII del primo libro del codice civile (Gazetta Ufficiale

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C.

TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. TRIBUNALE DI TERMINI IMERESE VERBALE DI UDIENZA CON SENTENZA CONTESTUALE EX ART. 281 SEXIES C.P.C. Il giorno 17/09/2012, innanzi al Giudice dott. Angelo Piraino, viene chiamata la causa R.G. n. 234 dell

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino Il Matrimonio Diritti e doveri in famiglia Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995)

TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) TARIFFE FORENSI (in vigore dal 1 aprile 1995) Decreto del Ministro di Grazia e Giustizia 5 ottobre 1994, n. 585 - Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense 12 giugno 1993 e 29 settembre 1994, in G.U.

Dettagli

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3)

L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) TITOLO I Principi generali (3) L. 4 maggio 1983, n. 184. (1) Diritto del minore ad una famiglia. (2) (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 maggio 1983, n. 133, S.O. (2) Titolo così sostituito dall'art. 1, L. 28 marzo 2001, n. 149. TITOLO

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011

Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Processo civile, procedimento di ingiunzione, mediazione obbligatoria Tribunale Prato, sez. unica civile, ordinanza 18.07.2011 Il preliminare espletamento del procedimento di mediazione, disciplinato dal

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali

Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali CORSO n. 21 di Maurizio Villani e Daniela Lorenzo Avvocati tributaristi in Lecce IL TEMA Il ricorso alla Commissione tributaria regionale: aspetti generali Il presente lavoro riprende quanto già trattato

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2)

Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) Istanza di fallimento e procedimento di concordato preventivo in bianco Dott. Francesco Pedoja Presidente del Tribunale di Pordenone Aspetti procedurali (1) ed aspetti sostanziali (2) 1- La L. n.134/2012

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI

IL PROCEDIMENTO DI OPPOSIZIONE AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE DELLA STRADA AVV. S. VIRGILIO CORSO AVVOCATI CORSO AVVOCATI MODULO FORMAZIONE GIOVANI AVVOCATI OPPOSIZIONE SANZIONE AMMINISTRATIVA QUADERNO N. 6 1 Il procedimento di opposizione avverso sanzioni amministrative per violazioni al Codice della Strada

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N.

GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. GIURISPRUDENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE SULLE DISPOSIZIONI MODIFICATE DAL D.L. 21 FEBBRAIO 2005, N. 17, CONV. DALLA L. 22 APRILE 2005, N. 60 Sez. 1, Sentenza n. 16717 del 13/3/2007 Ud. (dep. 2/5/2007),

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro

Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Impugnazione del licenziamento dopo il Collegato Lavoro Natura giuridica e forma dell impugnazione Giurisprudenza L impugnazione del licenziamento, disciplinata dall art. 6, legge n. 604/ 1966(anche a

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015

CIRCOLARE N. 24/E. R RrRrrr. Roma, 17 giugno 2015 CIRCOLARE N. 24/E R RrRrrr Direzione Centrale Pubblicità Immobiliare e Affari Legali Roma, 17 giugno 2015 OGGETTO: Tabelle degli atti soggetti a trascrizione o a iscrizione e delle domande di annotazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO

Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO Capitolo 4 GIUDIZIO DI OPPOSIZIONE A DECRETO INGIUNTIVO (M G E ) Il procedimento di ingiunzione, funzionalmente diretto ad ottenere nel più breve tempo possibile un titolo esecutivo per l avvio della procedura

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan-

SENTENZA. sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA. GRAZIA Elettivamente domiciliati in Roma, Via Rodolfo Lan- Civile Sent. Sez. 1 Num. 26065 Anno 2014 Presidente: SALVATORESALVAGO Relatore: Data pubblicazione: SENTENZA sul ricorso proposto da: BERTONE CESARE - CHICCO VITTORIA - BERTONE MARIA GRAZIA Elettivamente

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli