Anno scolastico 2012/2013 Referente : Prof.ssa Caterina Belcastro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Anno scolastico 2012/2013 Referente : Prof.ssa Caterina Belcastro"

Transcript

1 Scuola Media Statale N. BOBBIO An scolastico 2012/2013 PROGETTO An scolastico 2012/2013 Referente : Prof.ssa Caterina Belcastro 1

2 INDICE PAGINA 1. INTRODUZIONE 3 2. REFERENTE, DESTINATARI E COLLABORATORI 4 3. L ORTO: UN AMBIENTE DI APPRENDIMENTO 5 4. LE FINALITÀ E GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO 6 5. LE FASI E I TEMPI DELLE ATTIVITÀ 6 6. LE SPESE PREVISTE 7 7. LA METODOLOGIA 8 8. LA DOCUMENTAZIONE 8 9. LA VALUTAZIONE E IL MONITORAGGIO 8 ALLEGATO 1. LA MAPPA DELL ORTO 9 ALLEGATO 2. LABORATORI PER TUTTE LE CLASSI 9 ALLEGATO 3. VOLANTINO LA FESTA ECOLOGICA 10 ALLEGATO 4. TABELLA COMPETENZE CHIAVE CITTADINANZA 11 E RELATIVI INDICATORI ALLEGATO 5. ESEMPIO DI SCHEDA DI VALUTAZIONE 13 LABORATORIO DI ORTOGIARDINAGGIO ALLEGATO 6. IL MONITORAGGIO - QUESTIONARIO DOCENTE 14 E QUESTIONARIO ALUNNO ALLEGATO 7. Alcune fotografie: il stro RACCOLTO e i LAVORI DI SETTEMBRE 16 2

3 U spazio di verde si apre nell'anima, un bisog prepotente che ci spinge a cercare altri spazi, luoghi fisici in cui ripetere quei gesti così efficaci: dissodare, piantare, annaffiare, potare. Pia Pera Non ho particolari talenti, so solo appassionatamente curioso Albert Einstein 1. Introduzione I risultati del progetto L orto nel cortile della scuola so stati più che soddisfacenti in questi anni. La motivazione dei ragazzi è sempre stata alta e tutte le classi coinvolte han lavorato in modo armonico condividendo spazi (zona destinata all orto nel cortile, aule LIM, polo informatico, area compostaggio) e strumenti (attrezzi, innaffiatoi, serra) senza manifestare alcun tipo di disagio. Con il cooperative learning i ragazzi han potuto sviluppare abilità e competenze sociali: han lavorato in piccoli gruppi, con ruoli e compiti ben definiti, in modo interattivo, responsabile, collaborativo e solidale. Diversi alunni han dedicato molti momenti all attività comune: pomeriggi dopo la scuola o in cui n c era scuola e molte ore anche nei mesi estivi. La partecipazione degli alunni n è stata mai passiva: gli alunni so stati sempre coinvolti nelle fasi del lavoro, dalla pianificazione e progettazione alla realizzazione e valutazione. Tutte le attività so state documentate e so stati prodotti diversi lavori che testimonia i percorsi svolti. Alla fine dell an scolastico è sempre stata organizzata una mostra finale: una sorta di viaggio tra realtà e multimedialità in cui i ragazzi han illustrato, attraverso la presentazione di power point e giochi e/o intrattenimenti vari preparati per l occasione, tutto il percorso svolto coinvolgendo i genitori e diverse classi della scuola invitate per l occasione. Anche quest an sarà svolto il laboratorio di ortogiardinaggio con molte attività legate alle tematiche ambientali. L interesse per l ortogiardinaggio è cresciuto in questi anni nella stra scuola. Molti alunni e insegnanti di diverse classi han spesso mostrato interesse e curiosità e quest an saran coinvolti più di 150 alunni tra il plesso di via Santhià e il plesso di via Ancina dove sarà svolto il laboratorio per la prima volta. Dopo la: Bonifica di una zona del cortile della scuola e sistemazione a orto-giardi. Sistemazione dell area degli anni precedenti, scelta delle semine e arbusti. Sistemazione dell aiuola delle aromatiche. Produzione di numerose talee di rosa e ortensia, patate, mais, frumento, pomodori, zucchine, fagiolini. Attività di compostaggio. Realizzazione di un piccolo frutteto (pero, ulivo, melogra, nespolo). Rilevazione di dati meteo e attività sperimentali sul campo di vario genere. Lettura e commento di schede di botanica nchè realizzazione di altre schede. Attività di ricerca in rete e n solo (calendari della stagionalità, libri). Interdisciplinarità (collegamenti con le Scienze, Lettere, Inglese, Arte e Immagine). Documentazione con ricchi fotoreportage del lavoro svolto e produzione di diversi power point (u anche bilingue, italia-inglese) pubblicati sul sito della scuola. Organizzazione di giornate per la mostra finale. 3

4 Collaborazione con enti esterni (Provincia di Tori), approfondimenti con esperti e uscite nel territorio. Partecipazione al workshop del 19 giug L EDUCAZIONE ALIMENTARE - A SCUOLA E IN FATTORIA Dal Programma di Sviluppo Rurale alla sperimentazione:primi risultati di un percorso di co-progettazione in cui tre alunni della stra scuola han presentato, insieme alla prof.ssa Belcastro, il percorso svolto insieme alle fattorie didattiche e evidenziato il fatto che il progetto dell orto è un legante fondamentale tra le problematiche di educazione ambientale, alimentare e alla salute.... quest an tra i stri obiettivi ci so: Tutoring tra pari: le classi che già si occupava dell orto guideran i nuovi giovani contadini della scuola in questo progetto. Realizzazione di una guida trilingue (italia/inglese/francese) Coinvolgere ancor di più le famiglie: cercare di costituire un gruppo genitori disponibili a dare il proprio aiuto, in alcuni lavori, alle classi che svolgo il progetto. Uscire fuori dalla scuola : 1) Collaborazioni con la scuola elementare Perotti di via Mercadante; avendone la possibilità si potrebbe adottare insieme un aiuola del quartiere o crearne una nel parco più vici alla scuola (ad esempio il Parco della Confluenza) da poter gestire con l aiuto di nni e volontari. 2) Pensare ad iniziative per sensibilizzare il quartiere sulle tematiche ambientali. Su quest ultimo punto abbiamo già iniziato a lavorare e infatti gior 24 ottobre ci sarà la Festa Ecologica a scuola (vedi programma nel volanti allegato) in cui saran invitate le famiglie, i volontari del Parco della Confluenza, tre fattorie didattiche e i commercianti del quartiere con i quali ci si era organizzati in occasione dell Eco la Festa del 29 settembre. So propositi sicuramente ambiziosi ma un supporto da parte degli organi competenti (come la Circoscrizione, Comune di Tori) e i stri punti di forza ci si può impegnare per realizzarli. I punti di forza del progetto so diversi: - la motivazione e l interesse dei ragazzi sempre altissima: il laboratorio è vissuto come un momento di riflessione su tematiche importanti che riguarda l ambiente, l educazione alimentare e alla salute, oltre che di attività in cortile; - l interesse e il coinvolgimento delle famiglie; - l aiuto prezioso di diversi nni; - esperienze di tutoring tra pari già esistenti tra alcune classi dello stesso plesso; - esperienze di molti alunni a relazionarsi in ambienti diversi e con esperti di vari settori. Il progetto da iltre la possibilità di trattare diverse tematiche e anche quest an ci si propone di fare approfondimenti con la presenza di esperti in classe (fattorie didattiche, esperti del settore agro-alimentare, associazioni che propongo laboratori strettamente collegati alle tematiche, ad. esempio GEV, volontari del Parco, progetti COOP, Amiat,...) e poter partecipare ad eventi organizzati dalla Circoscrizione VI (come la Festa degli alberi e Festa di primavera). 2. Referente, destinatari e collaboratori Il referente del progetto è la prof.ssa Belcastro, docente di matematica e scienze. I destinatari diretti del progetto so: - Gli alunni delle classi 2^E e 3^E con la prof.ssa Belcastro si occuperan dell ortogiardi, del compostaggio e diverse ore saran dedicate al tutoring. 4

5 - Gli alunni delle classi 1^B e 1^ G, seguiti rispettivamente dalle prof.sse Perardi e Gambi curen aiuole con fiori dislocate in vari punti del cortile partendo dalla vegetazione spontanea. - Diversi alunni della classe 3^ F, seguiti dalla prof.ssa Gambi, cureran una zona dell ortogiardi come l an scorso. - Gli alunni delle classi 1^DD e 2^ DD con la prof.ssa Russiello svolgeran per la prima volta il laboratorio di ortogiardinaggio in u o più spazi circoscritti del cortile della succursale della scuola N. Bobbio, nel plesso di Via Ancina. - Gruppetti di alunni di diverse classi dei due plessi realizzeran dei lavori legati al progetto. So destinatari indiretti tutti gli studenti della scuola: vedere un area del cortile della propria scuola che diventa orto e giardi, aree incolte che diventa piccole aiuole in fiore, alberi da frutto in cortile, è comunque un incentivo ad apprezzare e a rispettare l ambiente che ci circonda ed educare al rispetto, oltre che creare stupore e meraviglia. Una collaborazione al progetto è data, anche quest an, gratuitamente da molti nni e genitori degli alunni che si so resi disponibili per un aiuto concreto e/o semplicemente suggerimenti e consigli. Una collaborazione straordinaria sarà quella del professore Giancarlo Albertini, docente di lettere della N. Bobbio in pensione da alcuni anni, con il quale la classe 3^ E, insieme alle prof.sse Belcastro (Scienze), Luzzi (Inglese) e Aiello (Francese), scriverà una guida trilingue sull orto. E iltre di fondamentale importanza il coinvolgimento dei collaboratori scolastici e di tutto il personale della scuola. Come ogni an, molte ore svolte da docenti, amministrativi e collaboratori n vengo conteggiate nel preventivo spese perchè si ritiene che sia più necessario che il finanziamento chiesto venga speso per la buona riuscita del progetto e l acquisto dei materiali utili. 3. L orto: un ambiente di apprendimento Lo spirito con cui viene realizzato il progetto L orto nel cortile della scuola e n solo è quello di un laboratorio a 360. I ragazzi ragiona sul da farsi, propongo idee, si suddivido i compiti, osserva, ricerca, progetta, misura, gestisco una piccola parte amministrativa, sperimenta in campo, realizza foto e video, intervista, utilizza le TIC e molto altro ancora. L esperienza si svolge in luoghi e situazioni diverse: In più zone del cortile della scuola si effettua le esperienze pratiche; in aula: si discute, si progetta, si leggo e studia, o realizza, schede tecniche; nell aula multimediale: si fa ricerca in rete individualmente o in piccolo gruppo (max 2 o 3 persone), si realizza tabelle, grafici, testi, power point, si scarica le foto ed eventuali video e si utilizza i software adatti per la loro gestione. Si utilizza le Lavagne Interattive Multimediali presenti in alcune classi. L esperienza diventa di natura interdisciplinare (si veda l allegato la Mappa dell orto) e fornisce molteplici spunti di riflessione. Altre attività: ricerche in rete e su libri di testo, riviste e/o giornali, calendari dell orto,.. rilievi fotografici per documentare l avanzamento dei lavori e le varie attività indagini statistiche attraverso interviste e questionari in famiglia e nel quartiere diari di bordo, relazioni, resoconti interviste ai nni (un pò di storia dell alimentazione e curiosità/suggerimenti, l orto in campagna/montagna...) 5

6 riordi di tutti i materiali, attività volte alla documentazione del progetto È prevista una o più giornate finali in cui vengo invitate le famiglie e la scuola per presentare il lavoro svolto attraverso una mostra fotografica, la realizzazione di poster e video su cd, ed una visita guidata in giardi : gli alunni diventa guida in un percorso tra multimedialità e realtà. Nell allegato Laboratori per tutte le classi ci so dei suggerimenti per attività che si posso realizzare nelle classi. 4. Le finalità e gli obiettivi del progetto Diversi so gli obiettivi che ci si propone anche quest an: Avvicinare i ragazzi al mondo delle piante attraverso un contatto diretto e un approccio di tipo operativo; far apprendere coscenze in campo botanico e agrario, elementi di zoologia degli invertebrati e coscenze sulla natura del terre attarverso esperienze laboratoriali (osservazioni in campo e al microscopio, analisi del terre e determinazione del ph del suolo, analisi del ciclo vitale di una pianta, classificazione di piante/frutti/foglie,...); partecipare al miglioramento estetico e ambientale di un area verde; educare alla cura e al rispetto di un bene pubblico; educare i ragazzi ad un uso corretto, responsabile e consapevole delle teclogie per diversi scopi: progettazione, ricerca, documentazione einformazione; apprendere ad analizzare la struttura di quanto viene percepito e confrontare esperienze e sensibilità diverse e saperle comunicare agli altri; saper comunicare, in diverse forme, le varie informazioni; far emergere e promuovere le diverse inclinazioni. Per tutti gli alunni della scuola n direttamente coinvolti: Apprezzare la presenza di un orto-giardi ben curato nel cortile della scuola; educare al mantenimento e al rispetto di un bene pubblico; confrontarsi con ragazzi della stessa età sui temi trattati, sulle azioni svolte, l utilizzo delle TIC e n solo degli attrezzi 5. Le fasi e tempi delle attività Il progetto sarà svolto in tutto l an scolastico, da settembre 2012 a giungo Qui di seguito so riportate indicativamente le principali attività, mese per mese: Da ottobre a giug... cosa fare? Settembre/Ottobre: Sopralluogo, preparazione del terre, analsi del suolo, scelta delle semine (calendario stagionalità), sistemazione del compost prodotto, pulizia degli infestanti, sistemazione delle aiuole. Organizzazione della Festa ecologica a scuola del 24 ottobre Impostazione di un giornali dell orto e della guida trilingue. Novembre: Sistemazione aiuole di bulbi a fioritura primaverile e aromatiche, talee (rose, ortensie, aromatiche,..), semina del gra, potatura arbusti e piante del cortile. Dicembre/gennaio: Resoconto lavori autunnali in classe e nell aula multimediale/polo informatico. Febbraio: Lavori nell orto, dopo il disgelo, e in classe/polo informatico. Marzo: Semine varie (mais, patate,..) e lavori in classe/polo informatico. Aprile: Lavori nell orto, realizzazione del fotoreportage e di eventuali video. Maggio/giug: Resoconto lavori svolti e lavori in vista della mostra di fine an. 6

7 6. Le spese previste Per la realizzazione del progetto L orto nel cortile della scuola e n solo, anche quest an saran effettuate diverse spese (si veda la Tabella qui di seguito). Molte piantine e varie sementi, nchè alberi da frutto, spesso so stati portati a scuola da insegnanti, nni collaboratori e genitori. Come ogni an, molte ore svolte da docenti, amministrativi e collaboratori n so state conteggiate nel preventivo spese e n saran pagate con il Fondo di Istituto perchè si ritiene che sia più necessario che i soldi venga investiti per la buona riuscita del progetto e l acquisto dei materiali utili e necessari anche per il futuro. Tabella spese previste per l a.s. 2012/2013 Progetto L ORTO NEL CORTILE DELLA SCUOLA e n solo SPESE PREVISTE Materiale da acquistare: Attrezzi vari 150,00 Recinzioni 150,00 Piante e bulbi 200,00 Semi vari 50,00 Alberi da frutto 50,00 Terricci e concimi 150,00 Tubo di gomma e avvolgitore + armadietto 300,00 Materiale per la mostra finale (CD, 250,00 cancelleria varia) Spese per docenza (12 h x 46,45) 557,40 Spese riunioni (14 h x 23,23) 325,22 Collaboratori scolastici (2h x 16,58) 66,32 Totale 2248,94 Cofinanziamento da parte della scuola: 948,94 che corrispondo al 42 % so a carico della scuola N. Bobbio Richiesta alla Circoscrizione VI: 1300,00 che corrispondo al 58 % so richiesti alla Circoscrizione VI Comune di Tori 7

8 7. La metodologia La metodologia seguita è quella essenzialmente del cooperative learning, tutoring tra pari, brainstorming, ricerca-azione. L utilizzo di schede tecniche o mappe e schemi nché la visione di filmati diventa momento di riflessione personale da condividere poi in gruppo. La natura del progetto è laboratoriale e pertanto ogni attività diventa momento di approfondimento di coscenze, sviluppo/consolidamento/potenziamento di abilità e competenze. U dei punti di forza del progetto è la cooperazione tra i ragazzi e la co-progettazione, in molti momenti, con gli insegnanti. Alcuni ragazzi riesco a tirar fuori creatività e opinioni che in altri contesti risulta sopite. 8. La documentazione Data la natura del progetto i prodotti so di natura molteplice: si passa dalle misure al progetto in scala, dall idea alla sua realizzazione, dal diario di bordo al resoconto mensile, dalle parole chiave al testo/mappa/relazione, dal montaggio del power point a quello del fotoreportage/video, dall intervista alla tabella e relativo grafico, ecc. e dunque n si tratta solo di prodotti della terra. Tutto viene comunque documentato, come ogni an. È presente sul sito della scuola un nuovo spazio Progetti di Educazione Ambientale dove saran inseriti tutti i lavori di quest an, compreso il progetto. Per i lavori degli anni precedenti, visto che era stato creato u spazio dedicato interamente al laboratorio di ortogiardinaggio, si può cliccare al seguente indirizzo: Si posso scaricare il progetto, le foto, i video; cliccando sulle esperienze si trova n solo quelle strettamente legate all ortogiardinaggio, ma dal momento che n è un sito di botanica, si posso scaricare esperienze di chimica, fisica, meteorologia, ecc. ed ancora percorsi di educazione ambientale ed alimentare svolti con i ragazzi. 9. La valutazione e il monitoraggio La valutazione è quadrimestrale ed è fatta per competenze: l alun è considerato n solo per quello che sa (coscenze) e che sa fare (abilità) ma soprattutto come fa/agisce e come si pone nel fare/risolvere un problema (si veda gli allegati Esempio di Scheda valutazione laboratorio ortogiardinaggio e Tabella Competenze chiave cittadinanza e relativi indicatori).come strumenti di valutazione si posso utilizzare i resoconti o i diari di bordo, e alla fine del progetto in tutte le classi saran somministrati semplici questionari dove l alun esprime la propria idea/pensiero, l interesse o me, l eventuale disagio, etc. (allegato Questionario alun). Gli insegnanti che han partecipato al progetto saran invitati a fare un questionario dove indicheran le loro opinioni. 8

9 Allegato 1 LA MAPPA DEL PROGETTO DELL ORTO Allegato 2 LABORATORI PER TUTTE LE CLASSI a) Laboratorio 1: Analisi del suolo, il suolo come ecosistema b) Laboratorio 2: Caccia all albero (Le piante presenti nel cortile della scuola) c) Laboratorio 3: Le misure del stro orto, realizzazione di una piantina d) Laboratorio 4: La fotosintesi clorofilliana e) Laboratorio 5: La germinazione dei semi f) Laboratorio 6: La classificazione delle foglie g) Laboratorio 7: La classificazione dei frutti h) Laboratorio 8: Il ph (del suolo, di alcuni alimenti o sostanze) i) Laboratorio 9: Analisi di campioni al microscopio j) Laboratorio 10: Le proprietà dell acqua k) Laboratorio 11: Come fan le radici ad assorbire l acqua e i sali minerali? Questioni di osmosi. l) Laboratorio 12: Costruiamo un erbario m) Suggerimenti di filmati e/o letture: - L uomo che piantava gli alberi di J. Gio (classi prime o seconde) - Chiudi gli occhi di Fuad Aziz 9

10 ALLEGATO 3 volanti LA FESTA ECOLOGICA Mercoledi 24 ottobre 2012 dalle 15,00 alle 19,00 S.M.S. N. BOBBIO Via Santhià 76 - Tori Dalle 15,00 alle 19,00 Calcolo dell IMPRONTA ECOLOGICA e raccolta di POST IT con idee e suggerimenti di ECO-REGOLE Giochi vari, curiosità e questioni ambientali L orto a scuola: talee per tutti e ricette magiche Giochi vari e laboratorio del gusto con le fattorie didattiche: La cascina del muli di Villastellone, l Agricopecetto di Pecetto Torinese e La Vecchia Fattoria di Villafranca Piemonte 15,30 16,30 Ecoleggiamo in biblioteca 16,30 17,30 Concerto degli strumentisti e i Topini al burro in ECO-ecco-l'AMICIZIA! Si ringrazia i ragazzi delle classi 3^AA, 2^B, 2^E, 3^E, 3^F Vi aspettiamo numerosi! 10

11 ALLEGATO 4 Tabella Competenze chiave cittadinanza e relativi indicatori a cura della Prof. Classe - S.M.S. N. BOBBIO Competenze chiave cittadinanza, cfr. Allegato competenze e all 2 DM /07 Relativi Indicatori Valutazioni da 1 a 5: Competenze di cittadinanza specifiche da sviluppare 1= iniziale; 2-3=intermedio; 4-5=avanzato Relativi Indicatori Livello valutazione iniziale/intermedio/ avanzato Attività Imparare ad imparare ACQUISIRE AUTONOMIA NEL LAVORO Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione formale e n formale, anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro Progettare PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le coscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti Comunicare COMPRENDE MESSAGGI RELATIVI ALL ARGOMENTO / Collaborare e partecipare UTILIZZA DIVERI LINGUAGGI - Comprendere messaggi di genere diverso (quotidia, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, letterario scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali) -Rappresentare eventi, femeni, principi, concetti, rme, procedure, atteggiamenti, stati d animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse coscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). INTERAGIRE CON GLI ALTRI Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, Acquisizione e/o incremento della capacità di ricerca, elaborazione, comunicazione anche attraverso l utilizzo delle TIC Partecipazione alla discussione e capacità progettuali Incremento delle competenze linguistico-comunicative Acquisizione e/o aumento del senso di responsabilità verso se stessi e verso gli altri Comprensione del significato di integrazione e valorizzazione delle diversità Comprensione della necessità e 11 Si organizza È automo nel lavoro Ricerca Sceglie i materiali ricercati Seleziona gli argomenti, le informazioni più importanti Produce dei materiali È capace di fare il consuntivo di un percorso di lavoro e/o attività Interviene nelle discussioni in modo pertinente Propone le sue idee Sa intervenire tenendo conto degli interventi degli altri Propone e realizza le proprie idee Comprende messaggi di genere diverso e di diversa complessità Utilizza un linguaggio specifico a seconda delle situazioni Si esprime attraverso diversi linguaggi Sa collaborare Sa assumersi impegni e responsabilità per il bene della collettività Sa accettare le diversità Sa negoziare

12 contribuendo all apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel ricoscimento dei diritti fondamentali degli altri del rispetto di regole per la convivenza Agire in modo automo e responsabile CONOSCERE ACCETTARE E RISPETTARE LE REGOLE Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo inter i propri diritti e bisogni ricoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità Aumento della consapevolezza di sè e capacità di autovalutazione Nella discussioni sa esprimere la propria opinione senza prevaricare sugli altri Rispetta le idee altrui Cosce i propri limiti e cerca di superarli Condivide le proprie idee con gli altri Confrontandosi con gli altri sa modificare la propria posizione Risolvere problemi UTILIZZARE LE Utilizzo delle coscenze in Di fronte a situazioni CONOSCENZE ACQUISITE diversi contesti e in situazioni problematiche prende Affrontare situazioni nuove l iniziativa e propone problematiche costruendo e eventuali soluzioni verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline Individuare collegamenti e relazioni Acquisire ed interpretare l informazione COLLEGARE FATTI E CONOSCENZE Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra femeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica TROVARE INFORMAZIONI Acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l attendibilità e l utilità, distinguendo fatti e opinioni Capacità di collegare fatti, femeni, coscenze, concetti diversi anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari Capacità di cogliere analogie e differenze Capacità di spiegare i collegamenti riscontrati Capacità di cogliere il rapporto causa-effetto Capacità di selezionare le informazioni e ragionare É consapevole delle proprie coscenze È capace di riflettere Sa collegare e stabilire relazioni tra causa ed effetto Coglie analogie e differenze Sceglie i materiali ricercati Seleziona gli argomenti, le informazioni più importanti Si pone in modo critico di fronte alle informazioni ricevute Prende appunti in situazioni inusuali Data Firma 12

13 Allegato 5 Esempio di SCHEDA DI VALUTAZIONE Laboratorio di ortogiardinaggio Alun/a Materiale e Lavori Comportamento Autocontrollo Puntualità Serietà Impeg Competenze a. collaborare e partecipare b. agire in modo automo e responsabile c. risolvere problemi d. progettare e. stabilire collegamenti e relazioni Voto in decimi molto basso (5) 2 basso (6-7) 3 medio (8) 4 medio alto (9) 5 medio alto (10) 13

14 ALLEGATO 6 IL MONITORAGGIO QUESTIONARIO DOCENTI Rilevazione qualità Monitoraggio finale docenti Nome progetto/attività... Referente... a.s Sei del tuo lavoro? Assolutamente Non molto Abbastanza Soddisfatto 2. Sei del lavoro dei docenti-esperti esterni? 3. Riguardo la risposta dei ragazzi ti ritieni 4. Riguardo il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità perseguiti nel progetto ti ritieni Assolutamente Non molto Abbastanza Soddisfatto in In Abbastanza Soddisfatto in In Abbastanza Soddisfatto Punto di forza del corso Area di miglioramento Punto critico Osservazioni: 14

15 ... QUESTIONARIO ALUNNO Le mie opinioni Nome progetto/attività... Docente referente... a.s Dopo l attività o il progetto ti ritieni in/a In/a Abbastanza /a Soddisfatto/a /a 2. Ritieni il metodo tenuto dal docente coinvolgente e stimolante? 3. L attività che hai svolto ha migliorato la voglia di studiare gli argomenti inerenti al progetto stesso? 4. Ti senti ora più sicuro/a nell affrontare questi argomenti? Assolutamente Né si né Abbastanza Si Si molto Assolutamente Né si né Abbastanza Si Si molto Assolutamente Non saprei Abbastanza Si Si molto 5. Sei /a di quello che hai imparato a fare o in cui sei migliorato/a? in/a In/a Abbastanza /a Soddisfatto/a /a 6. Lavorare in piccolo gruppo è un vantaggio? 7. Hai avuto tempo e modo di intervenire e chiedere chiarimenti o approfondimenti? 8. Sei riuscito/a a conciliare l impeg richiesto dal progetto/attività con lo studio dedicato alle materie disciplinari? Assolutamente Non saprei Probabilmente si Si Decisamente si Assolutamente Assolutamente Non saprei Poco Si Si molto Poco Abbastanza Si Ho organizzato meglio il mio tempo Cosa ti è piaciuto di più (punto di forza) Cosa deve essere migliorato (area di miglioramento) Cosa n ti è piaciuto (punto debole) Se vuoi puoi scrivere le tue eventuali osservazioni utilizzando il retro del foglio. 15

16 ALLEGATO 7 Alcune fotografie: il stro RACCOLTO e i LAVORI DI SETTEMBRE I fagiolini I pomodori Le pancchie L aiuola a settembre 16

17 Un sopralluogo I primi lavori di pulizia dopo la pausa estiva Primi di settembre Primi di ottobre 17

Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi

Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi M i n i s t e r o d e l l a P u bbl i c a Istruzio n e Istituto Comprensivo Statale Gino Capponi via Pestalozzi 13-20143 Milano Tel: 02 88444729 - Fax: 02 89123381 e-mail: miic8cy00p@istruzione.it - pec:

Dettagli

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza

ALL. A Competenze chiave di cittadinanza ALL. A Competenze chiave di cittadinanza Cosa sono Dove se ne parla Riferimenti europei L intreccio Nel dettaglio A cosa servono Cosa contrastare Come si acquisiscono Le competenze chiave di cittadinanza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LATINO (SCIENTIFICO)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI LATINO (SCIENTIFICO) Pagina 1 di 6 DIPARTIMENTO DI LETTERE MATERIA LATINO CLASSE II CLASSI SECONDE SCIENTIFICO Testo adottato: N. Flocchini et al., Lingua e cultura latina, Bompiani 2012 DOCENTE *Le lezioni indicate fan riferimento

Dettagli

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300)

Anno scolastico 2009/2010. Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) Classe Indirizzo Denominazione disciplina N ore /sett. Anno scolastico 2009/2010 I SEZ B Amministrazione Finanza e Marketing 2 Docente ANTONELLA CADDEO (Classe di concorso C300) PREMESSA Il computer è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO

SCHEDA DI PROGETTAZIONE PROGETTO GIARDINO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di MALCESINE Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I Grado Via Campogrande, 1 37018 Malcesine VR Telefono 0457400157 Fax 0456570669 www.icsmalcesine.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA COMPETENZA 1 IMPARARE AD IMPARARE Abilità/ Capacità Organizzare il proprio lavoro autonomamente - Rispettare le consegne - Mettere in atto strategie appropriate

Dettagli

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE

DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ALLEGATO n.4 DESCRIZIONE DEL MODELLO DI CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE La certificazione delle competenze chiave, delineate dal documento tecnico (http://www.pubblica.istruzione.it/normativa/2007/dm139_07.shtml)

Dettagli

INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DELLE PROVE

INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DELLE PROVE INTRODUZIONE ALL UTILIZZO DELLE PROVE Gentile Docente, le prove di valutazione delle competenze che troverai in seguito sono state realizzate sulla struttura ideata dal Prof. R. Trinchero 1 e sperimentata

Dettagli

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein

Prefazione. Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Prefazione Se non cambiamo il nostro modo di pensare non riusciremmo mai a risolvere i problemi che noi stessi abbiamo creato Albert Einstein Durante l anno scolastico, nelle lezioni di scienze, gli insegnanti

Dettagli

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio

Piano di Lavoro. di SCIENZE NATURALI. Primo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale ALDO MORO Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro di SCIENZE NATURALI

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE "ENRICO DE NICOLA"

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ENRICO DE NICOLA P I A N O D I L A V O R O INDIRIZZO: professionale agrario PROF.: MATERIA: CLASSE: SEZIONE: ANNO SCOLASTICO: 2010-2011 PRIVITERA Franco FINOTTO Mauro CHIMICA E LABORATORIO 2^ AsA DATA DI PRESENTAZIONE:

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Prof. Carmela Infarinato Materia : Storia Classe 2 a Tecnico dei Servizi Commerciali Sez. B Situazione iniziale della classe La classe poco

Dettagli

La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica

La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica La scuola e le Fattorie Didattiche Percorsi di sperimentazione didattica Sicurezza e qualità alimentare, educazione alimentare, sostenibilità dell agricoltura. Un terreno di cittadinanza attiva Aree tematiche

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re

COMPETENZE E INSEGNAMENTO. Dott.ssa Franca Da Re COMPETENZE E INSEGNAMENTO Dott.ssa Franca Da Re UN TENTATIVO DI DEFINIZIONE INTEGRATO INTEGRAZIONE DI CONOSCENZE E ABILITA DI TIPO COGNITIVO, PERSONALE, SOCIALE, RELAZIONALE PER SVOLGERE UN ATTIVITA E

Dettagli

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA

ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA ISTITUTO BEATA MARIA DE MATTIAS SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO A.S.2015-2016 I DONI DELLA NATURA SCHEDA PROGETTO Indicazioni Nome Progetto Area di Riferimento Estensore/i Descrizione I DONI DI MADRE NATURA

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1

ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1 ISTITUTO COMPRENSIVO TRENTO 1 SCUOLA PRIMARIA DI VILLAZZANO PROGETTO ORTO BIOLOGICO PREMESSA Tra i compiti istituzionali della scuola c è quello della formazione ad una corretta educazione ambientale e

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI LABORATORI TECNOLOGICI ED ESERCITAZIONI PRATICHE RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Manufatti metallici con l utilizzo delle

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO

PIANO DI MIGLIORAMENTO IC SAN SPERATO CARDETO ISTITUTO COMPRENSIVO San Sperato - Cardeto Via Riparo Cannavò, 24-89133 Reggio Calabria Telefono 0965/672052-683088 - 673553 - Fax 0965/673650 COD. MEC. RCIC875006- Cod. Fisc. 92081250802

Dettagli

IC DESTRA TORRE - Insegnare e valutare per competenze - Settembre 2009

IC DESTRA TORRE - Insegnare e valutare per competenze - Settembre 2009 Competenza chiave di cittadinanza: 1) Imparare ad imparare (Ambito: Costruzione del sé) Indicatori base: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie

Dettagli

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI

PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI Anno scolastico 2014/2015 1 PROGETTO INTERISTITUZIONALE ( SCUOLA-ENTE LOCALE-ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO) PER UNA CITTADINANZA DA PROTAGONISTI 1. Premessa La Scuola

Dettagli

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1.

STRUTTURA UDA A PRESENTAZIONE. Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. U.D.A. 1. STRUTTURA UDA TITOLO: Macchine elettriche. COD. TEEA IV 05/05 Destinatari A PRESENTAZIONE Alunni della classe quarta (secondo biennio) del settore Manutenzione e Assistenza Tecnica. Periodo Terzo Trimestre

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Questionario Insegnante Matematica

Questionario Insegnante Matematica Anno Scolastico 2014-2015 Questionario Insegnante Matematica ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il presente questionario è rivolto agli insegnanti di Italiano e Matematica delle classi del

Dettagli

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

STRUTTURA UDA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA APPRENDIMENTO DI TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA RIFERIMENTO: PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA A.S. 2015/2016 TITOLO Prove meccaniche distruttive e non distruttive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE

PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE ALLEGATO N AL VERBALE N. PROGRAMMAZIONE D AREA DI INFORMATICA E TECNOLOGIA DELL INFORMAZIONE E DELLA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING A.F.M. RELAZIONI INTERNAZIONALI ANNO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.

PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA. Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G. Allegato 1 PROGETTO di comunicazione ed educazione alimentare ALIMENTAZIONE E VITA Scuola dell infanzia M.Beci Istituto Comprensivo G.Binotti di Pergola motivazione Il nostro progetto si prefigge la costituzione

Dettagli

Relazione conclusiva

Relazione conclusiva Relazione conclusiva I bambini sono fiori da non mettere nel vaso: crescon meglio stando fuori con la luce in pieno naso. Con il sole sulla fronte e i capelli ventilati i bambini sono fiori da far crescere

Dettagli

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO

TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE CHIMICA-FISICA-SCIENZE DELLA TERRA-ITALIANO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO 1 SCIENZA DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO RIF. A.S. 2015/2016 TITOLO: PROPRIETA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI DENTALI COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Classe 3^A-B

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 4. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 4 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Componenti fondamentali di un impianto Strumenti di misura

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno

UNITA DI APPRENDIMENTO. Brochure per un viaggio di istruzione di un giorno UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE IL VIAGGIO: UNIRE L UTILE AL DILETTEVOLE COMPITO E PRODOTTO FINALE Il prodotto finale dell UDA è una brochure realizzata al computer per un viaggio di istruzione di

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime

Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA. Classi prime Istituto Comprensivo E. Fermi - Romano di Lombardia (BG) PIANO DI LAVORO DI TECNOLOGIA Classi prime Sezioni A B C D Anno scolastico 2015-2016 FINALITA EDUCATIVE L'insegnamento dell'educazione tecnica nella

Dettagli

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE

T.E.R.R.A. TRADIZIONI ECCELLENZE RACCHIUSE E RADICATE NELL ALIMENTAZIONE COMUNE DI BRUINO Provincia di Torino CAP 10090 Piazza Municipio, n. 3 - Tel. 011 9094411 - Fax 011 9084541 www.comune.bruino.to.it - e-mail ambiente.ecologia@comune.bruino.to.it Settore Urbanistica, Lavori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CAPACCIO PAESTUM Località Villaggio 84047 CAPACCIO (SA) - C.M. SAIC8AZ00C Tel. 0828725413/0828724471 Fax. 0828720747/0828724771 e-mail SAIC8AZ00C@istruzione.it Ascolta i bambini

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE

Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE Capitolo 2 LE FINALITA EDUCATIVE 2.1 I principi ispiratori (comunità educante e formativa) L Istituto Ettore MAJORANA di Torino, inteso come realtà educativa e formativa, è connotato dall'insieme delle

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica

UNITA DI APPRENDIMENTO. - Docenti coordinatori del progetto - Docenti di Italiano, Inglese, Disegno e Storia dell Arte, Matematica -Informatica UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione IFS in Fiera Compito prodotto - Organizzazione evento (compiti, ruoli, mezzi) - Materiali pubblicitari (sito web, logo dell azienda, video, pieghevole, biglietti da

Dettagli

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO

ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO ORTO IN TAVOLA L ORTO SCOLASTICO COME SISTEMA DI APPRENDIMENTO Relatore: Rita Tieppo insegnante presso la scuola dell infanzia La Gabbianella di Moncalieri e formatore Slow Food per il progetto Orto in

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

LA FABBRICA DELLE PAROLE

LA FABBRICA DELLE PAROLE 74 Circolo didattico, Roma Plesso scolastico Via del Calice Classi seconda A e seconda B LA FABBRICA DELLE PAROLE Laboratori multiespressivi di creatività scolastica 1 PROGETTO La Fabbrica delle parole:

Dettagli

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA

SCHEDA PROGETTAZIONE UDA SCHEDA PROGETTAZIONE UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Descrizione sintetica del progetto Prodotti Competenze mirate Comuni/cittadinanza professionali BISOGNI, BENI, CONSUMI DEGLI ADOLESCENTI Il

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO. SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO LIZZANELLO SCHEDA di PROGETTO di UN UNITA DI APPRENDIMENTO RIFERITA ALLA SCUOLA INFANZIA/PRIMARIA Titolo/Denominazione " L'energia: lu sule, l acqua, lu ientu" Anno scolastico 2014/2015

Dettagli

PROGETTO ORTO CLASSI COINVOLTE: I A I F SCUOLA SECONDARIA DOCENTE: PROF.SSA ANGELA ZAMPEDRI DISCIPLINA: TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2011 2012

PROGETTO ORTO CLASSI COINVOLTE: I A I F SCUOLA SECONDARIA DOCENTE: PROF.SSA ANGELA ZAMPEDRI DISCIPLINA: TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2011 2012 PROGETTO ORTO CLASSI COINVOLTE: I A I F SCUOLA SECONDARIA DOCENTE: PROF.SSA ANGELA ZAMPEDRI DISCIPLINA: TECNOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2011 2012 INDICE MOTIVAZIONI 2 OBIETTIVI 2 COMPETENZE SPECIFICHE 2 COMPETENZE

Dettagli

DIPARTIMENTI DOCUMENTO N 3 ANNO SCOLASTICO 2010 2011

DIPARTIMENTI DOCUMENTO N 3 ANNO SCOLASTICO 2010 2011 DIPARTIMENTI DOCUMENTO N 3 PROGRAMMAZIONE DI CLASSE-PRIMA PARTE CONDIVISONE DEI DOCUMENTI FUNZIONALI ALLE ATTIVITA DEI CONSIGLI ANNO SCOLASTICO 2010 2011 1. Compiti del consiglio di classe pag. 2 2. Compiti

Dettagli

Liceo Scientifico "Corradino D'Ascanio" Montesilvano

Liceo Scientifico Corradino D'Ascanio Montesilvano Liceo Scientifico Statale Galilei Pescara - Capofila - Liceo Scientifico Statale D Ascanio - Montesilvano Scuola Secondaria I Grado Rossetti-Mazzini Pescara Associazione Focolare Maria Regina onlus che

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA?

QUALI COMPETENZE SI INTENDONO PROMUOVERE? IN QUALE SITUAZIONE PROBLEMA? CLASSE 4 SEZ.B TITOLO FINALITA / SENSO DEL PERCORSO PRESENTAZIONE DELLA UDA TRASVERSALE SIMULAZIONE AZIENDALE Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e

Dettagli

F.S. Valutazione Prof.ssa Teresa Torregrossa

F.S. Valutazione Prof.ssa Teresa Torregrossa F.S. Valutazione Prof.ssa Teresa Torregrossa INTRODUZIONE La Valutazione della scuola. A che cosa serve e perché è necessaria? La Valutazione è necessaria per diagsticare in modo affidabile i punti di

Dettagli

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3

CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 CURRICOLO SCIENZE SCUOLA PRIMARIA Classe 1, 2, 3 Nuclei tematici Scienza della materia Traguardi per lo sviluppo della competenza L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità verso fenomeni del mondo fisico

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012/ 2013 Consiglio Classe I sezione B Data di approvazione 24/10/2012 Doc.:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. La vi 2000. Corso Serale. a.s. 2011/12

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA. La vi 2000. Corso Serale. a.s. 2011/12 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA La vi 2000 Corso Serale a.s. 2011/12 Premessa In un periodo di fermento per la scuola italiana, caratterizzato da un periodo di iniziative

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO

DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO A.S. 2015/2016 A PRESENTAZIONE. CLASSE 2^ Indirizzo OTTICO UNITÀ DIDATTICA di DI APPRENDIMENTO DIPARTIMENTO DI FISICA -Esercitazioni Lenti oftalmiche- A.S. 2015/2016 TITOLO: INTERPRETAZIONE DI UNA RICETTA OPTOMETRICA COD. n 2 Destinatari CL 2^ Indirizzo OTTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRESCORE CREMASCO PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCIENZE CLASSI 1 a, 2 a, 3 a, 4 a, 5 a ANNO SCOLASTICO 2015/16 COMPETENZE SPECIFICHE DELLA DISCIPLINA: 1. L alunno sviluppa atteggiamenti

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario

Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Proposta operativa: Osservare per conoscere, comunicare per crescere: il bosco. Un possibile itinerario Per infinite e complicate che possano essere le mosse di una partita di scacchi, persino il gioco

Dettagli

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA

PRESENTAZIONE INS. GRILLO TERESA SEMINARIO NAZIONALE PER L ACCOMPAGNAMENTO DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABANO TERME 29-30 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE INS. GRILLO

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI

Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI Istituto Comprensivo di Cermenate SCUOLA PRIMARIA DI VIA ALFIERI L orto: il lavoro della terra come via educativa Progetto educativo didattico Storia del Progetto I docenti del plesso dall a.s. 2012/13,

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011

DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 DESCRIZIONE ATTIVITA ANNO SCOLASTICO 2010-2011 1 INDICE 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI 3. INCONTRO FORMATIVO PER GLI INSEGNANTI 4. ATTIVITA SUDDIVISE per CLASSI 5. EVENTI ORGANIZZATI: GIORNATE ECOLOGICHE 6.

Dettagli

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE

TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina A PRESENTAZIONE ACQUISIRE ED INTERPRETARE L INFORMAZIONE UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO Esercitazioni pratiche di odontotecnica RIF. UDA 1 A.S. 2015/ 2016 TITOLO: Realizzazione di una protesi totale mobile in resina COD. A PRESENTAZIONE Destinatari Alunni

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1A Indirizzo di studio Scientifico Docente Monti Gabriella Silvana Disciplina Monte

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica

Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Relazione finale Progetto: La Lavagna Interattiva multimediale (LIM) nella pratica didattica Il progetto nasce dall idea di sperimentare le potenzialità della Lavagna Interattiva Multimediale nella pratica

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane.

Ufficio Scolastico Regionale Friuli Venezia Giulia. UdA. Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane. UdA Mangia sano, vivi meglio! Per la classe II di un Liceo delle Scienze Umane Docenti autori: Prof.ssa Mariella Ciani Prof.ssa Paola D Agostini Prof.ssa Fabiola Di Filippo Prof.ssa Maria Grazia Di Paola

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria. Magic School 2 coop. soc. Via G. Meli 8 90010 Ficarazzi LE QUATTRO STAGIONI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

Scuola dell Infanzia Paritaria. Magic School 2 coop. soc. Via G. Meli 8 90010 Ficarazzi LE QUATTRO STAGIONI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Scuola dell Infanzia Paritaria Magic School 2 coop. soc. Via G. Meli 8 90010 Ficarazzi LE QUATTRO STAGIONI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 INSEGNANTI Bentivegna Simona, Mercadante Daniela, Savino Chiara 1 INDICE

Dettagli

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE PROGETTO IDEATO E REALIZZATO DALL ISTITUTO COMPRENSIVO DI PONTOGLIO - SCUOLA SECONDARIA DI I

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO SCIENTIFICO STATALE B.CAVALIERI CON SEZIONE CLASSICA ANNESSA Via Madonna di Campagna n.18-28922 VERBANIA PALLANZA Tel. 0323/558802 Fax 0323/556547 e-mail: liceo.cavalieri@libero.it sito:www.liceocavalieri.it

Dettagli

Denominazione Progetto Obiettivi Durata Destinatari Descrizione sintetica del progetto

Denominazione Progetto Obiettivi Durata Destinatari Descrizione sintetica del progetto " LAPIS " Laboratori per il successo Reinserire gli alunni a rischio dispersione nel mondo della formazione scolastica, tenendo conto delle loro predisposizioni personali Valorizzare le loro abilità pratiche

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO

ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO co NSUMO CRITICO PDOTTI BIOLOGIC!E A KM ZERO colt rvramo INSIEME PIANTEO FFICINALI ECCO GLI ARGOMENTI PER L'ANNO PROSSIMO BIODIVERSITA INTERAZIONE PIANTE-ANIMALI CATENE ALIMENTARI NELLA LOTTA BIOLOGICA

Dettagli

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO

PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO PROGETTO ATTIVITÀ EDUCATIVE ISTITUTI SCOLASTICI ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DI FONNI OLIENA - ORGOSOLO È ormai noto che la base per orientare le future generazioni verso lo sviluppo sostenibile è l educazione

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO

UNITA DI APPRENDIMENTO UNITA DI APPRENDIMENTO DENOMINAZIONE CON PINOCCHIO PER IMPARARE A STARE INSIEME PRODOTTI LIBRICINO COMPETENZE CHIAVE/COMPETENZE CULTURALI EVIDENZE OSSERVABILI Italiano -Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli