MAROCCO NOTA CONGIUNTURALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MAROCCO NOTA CONGIUNTURALE"

Transcript

1 MAROCCO NOTA CONGIUNTURALE Il Marocco, con la sua storia plurimillenaria, costituisce un vero e proprio crocevia di scambi culturali ed economici, dove coesistono, all insegna della tolleranza, influenze arabe, berbere, africane ed europee. Favorito da una posizione di notevole interesse geo-strategico, il Marocco vanta relazioni privilegiate con il mondo arabo, l Africa e l Europa. In particolare, nell ottobre 2008, il Regno ha ottenuto un partenariato privilegiato con l UE tramite la firma dello Statuto Avanzato, volto all approfondimento della cooperazione sul fronte politico-strategico, giudiziario, parlamentare e della sicurezza, nonché in settori cruciali quali energia, trasporti e agricoltura. Il rafforzamento del dialogo politico-economico e sociale tra il Regno del Marocco e l UE, all indomani dell entrata in vigore dello Statuto Avanzato, e il progetto di Unione per il Mediterraneo, non possono che rafforzare il ruolo strategico del Marocco quale ponte tra le due rive del Mediterraneo. Il Regno del Marocco presenta numerose opportunità di investimento. Nonostante l assenza di risorse energetiche endogene, il turismo e le risorse naturali (miniere di fosfato, ferro, manganese, zinco, cobalto, argento ed importanti biorisorse nei settori della pesca e dell agricoltura) hanno contribuito notevolmente allo sviluppo economico del Paese. La dinamica positiva della crescita, inoltre, ha consentito di avviare la realizzazione negli ultimi anni di primarie opere infrastrutturali, nel quadro di un processo di riforme economiche e di liberalizzazioni di grande importanza. Oggi il Paese svolge un ruolo primario non solo come nuovo polo di attrazione di investimenti tra Europa e Nord Africa, ma vede estendere la sua importanza strategica in tutto il continente africano: il Marocco è infatti il secondo Paese, dopo il Sudafrica, per IDE nel continente ed il 5 Paese investitore nella regione MENA (preceduto da Kuwait, EAU, Bahrein e Arabia Saudita). Indicatori socio-economici Superficie (kmq) ( di cui Sahara occidentale ) Popolazione (milioni ab.) 30.5 milioni (HCP Maroc 2007) Tasso crescita popolazione % 1,5 ( nel 2007) Densità (hab/km2) 43 Forma di Governo Lingua ufficiale Indice di sviluppo umano (IDH) Monarchia costituzionale Arabo (Lingue diffuse: Berbero, Francese, Spagnolo) 0,646 (126 posizione su 177 Paesi) Tasso di analfabetismo (%) 38,45 (Ministero dell Educazione Rabat) Uomini 30,8%, Donne 54,7%, Urbano 29,4% Rurale 60,5% Tasso di disoccupazione (%) 10,2% previsioni 9,6 10 9,7 11,5 Tasso di inflazione (%) n.d. 3,3 2,1 3,3 1,1 Raccolta cerealicola ( mil. 70/100 previsioni 50 21, quintali) Risorsefosfato, carbone, minerali di ferro, piombo, rame e naturali scisti bituminosi

2 Indicatori macro-economici P I L a prezzi correnti (mln ) P I L pro capite ( ) non a PPA n.d Tasso di crescita del PIL (%) 5,7 p. 5,6 2,2 8,1 2,4 Agricoltura/PIL (%) 22,3 p. 11,1 13,4 13,4 12,7 Industria/PIL (%) 32,5 p. 25,4 25,3 31,1 32,2 Servizi/PIL (%) 45,2 p. 62,7 44,1 38,2 38,4 Deficit pubblico / PIL (%) 2,8 p. 2,8 2,4 2,1 4,2 Debito pubblico / PIL (%) 50 p. 47, Debito estero / PIL (%) 19,4 p. n.d. 10,74 n.d. 10,622 Debito estero (mln di ) n.d. n.d. 21,8 20,4 13,2 2008* Bilancia commerciale (mld di ) Esportazioni n.d. 13,59 10,9 10,7 9,5 Importazioni n.d. 27,65 22,3 19,1 18,2 Principali prodotti esportati Tessile-abbigliamento, prodotti ittici, cibi bevande e tabacco Principali prodotti importati Semilavorati, prod. finiti di consumo, prod. finiti d attrezza- tura, energia e lubrificanti Moneta (Dirham) Tasso di cambio serie storica 11,10611,08 11,14 11,03110,989 Principali Paesi investitori Quote % di mercato Francia (45), Spagna (5,3), Svizzera (5,2), Germania e UK (5) Investimenti Diretti Esteri (miliardi di ) 2008* 0,9 1,7 2,8 n.d. n.d.

3 Interscambio commerciale con l Italia gen.-luglio (mln di ) Esportazioni italiane Importazioni italiane Saldo Principali prodotti esportati Tessuti, Macchinari impiego speciale, Prodotti petroliferi raffinati, Macchine impiego generale, Apparecchi elettrici Principali prodotti importati Abbigliamento, Pesci conservati, Fili e cavi, Prodotti Chimici, Prodotti petroliferi raffinati, Prodotti agricoli Principali partner commerciali (quota % di mercato) periodo gennaio luglio 2009 Principali clienti Francia (26,4), Spagna (20,2), India (5,0), Italia (4,1), Regno Unito (3,4), USA (3,1) Principali fornitori Francia (15,1), Spagna (12,2), Cina (7,9), USA (7,1), Italia (6,6), Germania (5,4) Secondo l Office des Changes, a fine luglio 2009, gli scambi del Marocco con l estero hanno raggiunto un valore di M. contro i M dell anno precedente, cioè un ribasso del 25%. L'Europa interviene per il 62,6% nel totale degli scambi, sia M, seguita dall'asia con il 19,3% ossia M, dell'america 11,6% ossia M, dell'africa 6,1% ossia M. e della Oceania 0,4%. (*) Fonte F.M.I., ISTAT, Haut Commissariat au Plan, Office des Changes, Ministère des Finances Rabat Scheda economica Il Regno del Marocco prosegue con successo un processo di ammodernamento nei settori individuati quali prioritari dalla strategia di sviluppo nazionale. Gli obiettivi politici e socio-economici che il Paese si è prefissato volgono al consolidamento dello Stato di diritto, al perseguimento della politica di liberalizzazione economica, alla diversificazione delle relazioni economiche, al consolidamento del sistema commerciale multilaterale ed alla realizzazione di una crescita economica forte generatrice di impiego, attraverso l instaurazione di un ambiente propizio alla crescita degli affari e degli investimenti. Sono in fase di avanzata realizzazione gli interventi infrastrutturali lanciati nel settore dei trasporti (strade, autostrade, nuove linee ferroviarie, ampliamento e adeguamento dei principali aeroporti), dell energia (costruzione di 2 nuove grandi dighe e di 10 medio piccole per far fronte al fabbisogno idrico energetico), dell habitat sociale (il risanamento delle principali città), del turismo. Nel settore portuale, dopo quattro anni di lavori colossali, il porto TANGER-MED, fiore all occhiello dello sviluppo industriale marocchino, è finalmente operativo ed è già in fase di avanzata la progettazione la realizzazione di un altro grande porto, TANGER-MED II, opera che potrebbe interessare le aziende italiane specializzate nella costruzione di infrastrutture di base e nelle attività specialistiche degli impianti marittimi. Il proliferare di interventi strutturali potrebbe risultare particolarmente interessante per una maggiore presenza delle nostre imprese, soprattutto grazie all assenza nel Paese di grossi rischi macro-economici ed alla presenza di una forte liberalizzazione degli scambi, sgravi fiscali, agevolazioni doganali, e di un basso costo della manodopera. Le imprese italiane possono contare su un programma di ingenti investimenti per esportare in questo mercato l intera gamma dei propri prodotti, visto il crescente interesse che il Marocco riserva al prodotto Made in Italy, e per attivare forme di cooperazione industriale, con trasferimento di tecnologia e partecipazione alla costruzione di opere pubbliche.

4 La preoccupazione, segnalata a più riprese dal Governo di Rabat, di un eccessiva dipendenza dai capitali francesi e spagnoli potrebbe, infatti, rappresentare un invito ad altri Paesi, tra cui il nostro, ad intensificare gli investimenti nel Regno avvalendosi di un tessuto imprenditoriale analogo a quello italiano (piccole e medie imprese). Andamento congiunturale e rischio Paese Dopo un 2008 che ha complessivamente confermato la buona solidità del settore finanziario marocchino, una tenuta della crescita del PIL (5,6% rispetto al 2,5% del 2007), ottimi fondamentali macroeconomici (tra cui il rapporto debito pubblico/pil al 48% e il deficit di bilancio al 0,4%), ed un flusso crescente degli IDE (3 miliardi di ), le prospettive di crescita per i prossimi due anni, pur positive, rimangono fortemente condizionate, come era nelle attese, dall impatto sul Regno della crisi economica-finanziaria internazionale. Le previsioni per il 2009 sono state ripetutamente rivedute verso il basso e gli ultimi indicatori disponibili prefigurano un ulteriore lieve deterioramento della crescita dell economia marocchina, attesa, a fine anno, tra il 3,5% ed il 5%. Va rilevato che la recessione internazionale non ha rallentato, almeno secondo quanto viene riferito dal Governo di Rabat, i numerosi grandi progetti d investimento del Paese (dighe, aeroporti, stadi, ospedali, stoccaggio acqua potabile, energie elettrica, estensione rete autostradale, TangerMed II e risanamento della Valle Bouregreg di Rabat), la cui spesa ha superato, solo nel 2008, i 13 miliardi di. Nel primo semestre del 2009 la crescita del PIL non è andata oltre il 5,4%, rispetto al 6,3% dei primi sei mesi del 2008: un risultato tuttavia migliore rispetto alle attese grazie ad un raccolto agricolo record nella stagione (la raccolta cerealicola per il 2009 è stimata fra i 70 ed i 100 milioni di quintali). Settori tradizionalmente legati alla domanda della clientela straniera, le rimesse dei marocchini residenti all estero MRE (-13,8%), il turismo (-8%), gli IDE (-30,7%) ed il tessile, hanno, infatti, subito gli effetti del progressivo rallentamento delle economie europee. Nonostante il rallentamento generale dell economia che ha coinvolto ampi settori del mondo produttivo marocchino, i dati sulla crescita del PIL dei Ministeri economici e della BAM (Bank Al Maghrib) rimangono confortanti per il 2009, con un valore previsto superiore al 5% (ben al disotto di questa soglia secondo alcuni centri economici indipendenti), anche in presenza di un previsto peggioramento della bilancia commerciale (il deficit commerciale nel 2008 si è attestato al 25,1% del PIL). In attesa delle ripresa delle principali economie, il Marocco ha potuto beneficiare, dall inizio dell anno, di una sostenuta domanda interna che, assieme ad un raccolto agricolo in forte crescita - il migliore degli ultimi cinquant anni - e grazie ad un leggero miglioramento dei redditi (dovuto in particolare ad una diminuzione dell imposta sui redditi confezionata nella manovra di bilancio 2009), ha potuto mitigare gli effetti negativi della crisi finanziaria ed economica internazionale. La strategia del Governo, dunque, punta a limitare gli effetti della congiuntura internazionale sfruttandone le possibili opportunità per il Marocco quale Paese di potenziali investimenti per delocalizzare e ridurre i costi di produzione. In questo senso, vanno inquadrate alcune iniziative governative, quali il progetto di creare una vera e propria Agenzia per gli investimenti, il potenziamento del Fondo Hassan II al fine di agevolare la creazione di nuove imprese, la creazione di un Agenzia governativa per la diversificazione energetica attraverso investimenti nella produzione di energie rinnovabili (ANDEREE, Agence Nationale pour le Développement des Energies Renouvelables et de l'efficacité Energétique), il Plan Maroc Vert, per rilanciare il settore agricolo e sviluppare un industria agroalimentare fortemente competitiva sui mercati internazionali, il consolidamento della vocazione del Paese ad ospitare servizi off-shore. A questo proposito va rilevato come il gigantesco porto TangerMed I e l estensione TangerMed II, sono destinati a diventare due poli di sviluppo economico dalle attrattive evidenti (soprattutto TangerMed I è in pieno decollo), grazie allo sviluppo di tutta una serie d incentivi che contribuiscono ad aumentare l interesse nei suoi confronti da parte delle imprese straniere interessate a delocalizzare la produzione (ad esempio IRES 3Imposta sul Reddito delle società allo 0% per i primi 5 anni e al 17,5% per gli anni seguenti, IRPEF al 20%, sostegno alla formazione continua, flessibilità della legislazione sul lavoro, tariffe telefoniche e contratti di locazione fino al 30% inferiori rispetto ai prezzi di mercato, e un regime doganale e fiscale speciale - previsto l'esonero d imposte sull acquisizione di terreni, di licenze industriali per un massimo di 15 anni, sui ricavi delle azioni e sui redditi dei non residenti - come del resto per la Tanger Free Zone e le altre piazze offshore vecchie e nuove (CasaNearShore Park, che si estende su un superficie di m3 e può ospitare oltre lavoratori, il TechnoPolis di Salé-Rabat, che si sviluppa su una superficie di 300 ettari, il parco integrato di FèsShore - consegna della prima tranche del progetto è prevista per il giugno del che potrà disporre di una superficie di m3).

5 Il piano Emergence, che si concentra su due grandi settori, l ITO (Informations Technologies Outsourcing) e il BPO (Business Process Outsourcing), nonché sulla creazione di parchi dedicati, si inserisce nelle piattaforme produttive del Paese. Accanto a questi comparti va ricordato il nascente offshoring, considerato uno dei settori prioritari, grazie al forte potenziale di sviluppo e alla straordinaria domanda di servizi. E dunque sulla stabilità economica-politica, manodopera abbondante, qualificata a costi abbordabili, buone infrastrutture world-class nel settore delle telecomunicazioni, clima d affari favorevole, rapporti preferenziali (ALE) con USA e UE (Accordi di libero scambio, firmati con gli Stati Uniti nel 2006 e operativo con l Unione Europea nel quadro delle relazioni bilaterali euro-marocchine), ), nonché l accesso ai mercati arabi e africani, che il Marocco può giocare un ruolo strategico sia per la gestione delle attività della zona MENA in termini di competitività che per attirare investitori stranieri mediante agevolazioni fiscali e riduzioni delle imposte (TFZ Rade Free Zone di Tangeri). Al fine di promuovere la competitività del settore agricolo il Governo ha adottato una nuova strategia denominata Piano Verde Marocco. Cinque sono stati gli accordi firmati tra il Governo e il settore professionale all inizio del 2009 per promuovere la competitività dell'agricoltura marocchina. Gli accordi sono relativi al settore cerealicolo, alla realizzazione di progetti di finanziamento per i piccoli coltivatori, al miglioramento dell'avicoltura e all'incremento della produzione di agrumi. Il piano energetico nazionale prevede inoltre ulteriori sviluppi nell ambito dell energia fotovoltaica, termosolare ed eolica, e si concentra soprattutto sul miglioramento dei vantaggi fiscali per rendere più accessibili gli investimenti nelle energie rinnovabili, il cui consumo dovrebbe passare dall attuale 2% al 12% nel 2012, pari a circa il 20% del consumo elettrico nazionale. I provvedimenti legislativi nel settore energetico, comprenderanno a fine 2009, una nuova Carta per gli investimenti nel settore, e mirano dunque sia ad incoraggiare gli investimenti nelle energie da fonti rinnovabili, sia alla liberalizzazione progressiva dell intero sistema energetico del Marocco per poter meglio integrarsi con il mercato Euro-Mediterraneo. Il settore Bâtiment et Travaux Publics (BTP) persegue il suo sostenuto sviluppo, dettato dall estensione della modernizzazione delle infrastrutture di base, dal miglioramento delle zone turistiche ed industriali, dall esecuzione dei progetti per l habitat sociale (progetto Villes sans Bidonvilles) e per la decongestione delle grandi metropoli (Villes Nouvelles). Il settore turistico nel 2008 ha attirato circa 7,9 milioni di visitatori, con un aumento complessivo di 6,3% rispetto al 2007 (+4,5% per i turisti stranieri e +8,6% per i marocchini residenti all estero). I turisti italiani che hanno visitato il Marocco nello stesso periodo sono stati , in crescita del 4% rispetto al Il 2009 si preannuncia difficile: la contrazione del potere d acquisto nei Paesi da cui tradizionalmente provengono i flussi verso il Marocco (Francia, Spagna, Italia, Germania e Belgio, Olanda e USA), impongono una forte revisione al ribasso degli obbiettivi iniziali. Per quanto riguarda il settore dei trasporti, dovrebbe proseguire il trend di crescita del 2008 anche nell anno in corso, grazie alla strategia di sviluppo basata su grandi progetti infrastrutturali, liberalizzazione del mercato dei trasporti, intensificazione del programma di costruzione di autostrade, liberalizzazione del trasporto aereo e sviluppo della rete ferroviaria. Il settore degli investimenti ha goduto, nel Regno, di un trend positivo negli ultimi anni grazie ai grandi investimenti nei primi anni duemila (Accor, Maersk e STMicroelectronics), a quelli più recenti (Alstom e Reanult), ma soprattutto grazie ad una legislazione favorevole e alla stabilità della performance macroeconomica, Nei primi sei mesi del 2009, malgrado la congiuntura internazionale sfavorevole, i Paesi del Golfo Arabico (agli EAU e all Arabia Saudita si affiancano Qatar, Bahrein e Kuwait, che nel primo trimestre del 2009 ha fatto registrare un considerevole aumento dei suoi IDE verso il Regno), grazie alla loro forte liquidità petrolifera, si sono distinti per importanti investimenti nel settore energetico (l Abu Dhabi National Energy Company - TAQA - ha presentato un piano di investimenti di circa 2 miliardi di per la realizzazione di nuove centrali elettriche nel Maghreb, di cui una buona parte verranno assorbiti per la modernizzazione della centrale elettrica di Jorf Lasfar e la costruzione di un centrale eolica di 300 MW a Tarfaya con gli spagnoli della Iberdrola), mentre nel settore aereo si incrementano gli investimenti delle compagnie internazionali low cost. In regresso gli IDE provenienti invece dai principali partner commerciali dell UE: il primo Paese investitore resta saldamente la Francia (un miliardo e mezzo di ), seguita dagli EAU che hanno scavalcato la Spagna al terzo posto. Complessivamente, i tredici primi Paesi investitori nel Regno rappresentano il 74,5% del totale degli IDE. L Italia è al tredicesimo posto tra i Paesi investitori.

6 I settori prioritari nei prossimi anni saranno l urbanismo, le vie ferrate, le autostrade e le strade, i porti, gli aeroporti, le poste, l'acqua e l'elettricità, l'agroindustria, il trasporto (autobus e tramway a Casablanca e Rabat-per il rinnovo del parco veicoli delle principali città del Regno), l aeronautica (Aeropôle di Casablanca o Polo Aeronautico di Nouaceur) i fosfati e la formazione. I recenti accordi di liberalizzazione degli scambi firmati con gli Stati Uniti ed alcuni Paesi arabi (Tunisia, Egitto, Giordania, Turchia) dovrebbero facilitare, a medio termine, nuovi investimenti nel Paese, anche in relazione agli interessanti vantaggi fiscali che si presentano per produzioni realizzate in loco e poi esportate nei Paesi partner. Gli eccellenti rapporti bilaterali tra Marocco e Italia si nutrono di antichi legami di amicizia e di una naturale simpatia che l Italia suscita in tutti le fasce della popolazione, a tutti i livelli. Il nostro Paese viene percepito come naturale alfiere delle istanze marocchine nei fori comunitari accanto a Francia e Spagna. A differenza di questi due Paesi, tuttavia, l Italia non ha nel Regno precedenti storici di natura coloniale e questo rende il dialogo con il Marocco potenzialmente più autentico e sgombro da condizionamenti. Al tempo stesso, però, questo nostro orientamento porta ad alcune difficoltà, specie a livello di investimenti produttivi, dove l aggressività di Francia e Spagna pongono l Italia in secondo piano. Certamente ottimo l interscambio commerciale tra Marocco e Italia: con oltre due miliardi di di merci scambiate, l Italia è il terzo partner commerciale assoluto del Regno del Marocco. Negli ultimi due anni l interesse delle nostre aziende per il mercato marocchino è sensibilmente aumentato, essendo prospettive di investimento e di partnership con le società marocchine molto numerose. Tra i settori coinvolti in recenti programmi di investimento e che potrebbero interessare le imprese italiane vanno segnalati gli interventi infrastrutturali lanciati nel settore dei trasporti (1.800 km di autostrade entro il 2015 e km di nuove strade all anno) alla cui realizzazione l ADM (Autoroutes du Maroc) destinerà 3 miliardi di entro il 2015, la costruzione del tramway a Casablanca e Rabat. Il settore delle vie ferrate prevede nuove linee e l ONCF (Office National des Chemins de Fer), destinerà per il piano programmatico , 3 miliardi di. Nel settore portuale, per il nuovo porto di Casablanca saranno investiti da qui al 2010 oltre 100 milioni di (Agence Nationale des Ports), mentre sul versante sanitario e sociale, 500 milioni di saranno destinati alla costruzione di 21 nuovi ospedali. I progetti di investimento legati al fabbisogno idrico-energetico riguardano invece la costruzione di 10 grandi e 50 medio-piccole dighe. Il Secrétariat d Etat Chargé de l Eau et de l Environnement ha stanziato per il prossimo quinquennio 2 miliardi di. Altri 320 milioni di sono previsti per la realizzazione di aeroporti nelle principali città del Regno a cura dell ONDA (Office National des Aéroports) ed altrettanti per le costruzioni di nuovi impianti sportivi (Ministère de la Jeunesse). In particolare, per la modernizzazione degli aeroporti marocchini 240 milioni di verranno accordati con un prestito dalla Banca Africana di Sviluppo nell ambito del PND, Plan de Développement National. Sul fronte del pacchetto investimenti Plan Azur (costruzione di sei nuove stazioni balneari sulla costa atlantica e mediterranea), entro il 2010 dovrebbe essere portata a termine la costruzione anche di 29 grandi Hotel, con una capacità ricettiva di oltre 30 mila posti letto. Sul fronte dell habitat sociale, continua il risanamento delle principali città (costruzione di 150 mila alloggi sociali l anno) anche per combattere le difficilissime condizioni di vita nelle periferie dei grandi centri urbani (il programma Villes sans bidonvilles mira allo sradicamento delle baraccopoli di tutto il Regno entro il 2012). Inoltre, per migliorare le condizioni abitative, è prevista la costruzione di vere e proprie città-satellite ( Stratégie National de Développement Urbanin, SNFU), nelle periferie dei grandi centri urbani ( Villes Nouvelles ). L obiettivo dichiarato dalla Holding pubblica che segue i lavori, Al Omrane, è di arrivare a quota quindici nuovi centri nel 2020, al ritmo di nuove abitazioni l anno. Un recente pacchetto oggetto di due convenzioni tra i Ministeri dell Economia, dell Habitat e Al Omrane e la Fédération Nationale des Promoteurs Immobiliers FNPI, ha mobilitato circa 4 mila ettari di terreni pubblici per la costruzione di 200 mila unità abitative per l edilizia sociale, con investimento di 5 miliardi di. In programma anche la costruzione di nuovi centri commerciali, tra cui il più grande dell Africa del Nord ( Marocco Mail ) dovrebbe sorgere nei pressi di Casablanca, con un investimento di oltre 250 milioni di USD. Nel settore dell elettricità, l operatore pubblico ONE (Office National de l Electricité), grazie anche alla recente ricapitalizzazione, con un finanziamento da parte dello Stato di 140 milioni di, intende far fronte al nuovo Piano Nazionale d'azione Prioritaria per il settore dell'energia e, in particolare, rilanciare il

7 comparto delle energie rinnovabili. La programmazione , prevede la costruzione di oltre km di nuove linee elettriche (contributi della Banca Africana per gli Investimenti, del Fondo Arabo per lo Sviluppo Economico e della Banca Mondiale). L ONE avrà anche la possibilità di diventare leader nazionale nel settore dell energia rinnovabile. I capitali per questi progetti (il pacchetto investimenti nel settore fino al 2015 è stimato a 9 miliardi di ), provengono dall Arabia Saudita (500 milioni di USD), Emirati Arabi Uniti (300 milioni di USD), dal fondo governativo Hassan II per lo sviluppo economico e sociale (200 milioni di USD), dal Fonds di Développement Energétique (1 miliardo di USD) e dall UE (77 milioni di ), oltre che da stanziamenti da parte della finanza privata. Altri settori che potrebbero vedere una presenza delle aziende italiane, sono rappresentati dal settore della viabilità del rifornimento idrico (acquedotti): il programma di investimenti dell ONEP (Office National de l Eau Potable), prevede, fino al 2010, un diretto coinvolgimento delle Regioni del Paese, che riguarderanno oltre 60 agglomerati urbani che beneficheranno di un piano di investimenti di oltre 1 miliardo di. Il piano si propône di portare il tasso di accesso all acqua potabile al 92% anche se il continuo aumento della popolazione (1,8% annuo), ha determinato una diminuzione del quantitativo di acqua pro-capite annua. Per quanto attiene al risanamento dei liquidi, va rilevato un notevole ritardo nella gestione delle stazioni di depurazione acque, che peraltro dispongono di attrezzature vetuste. Sono in corso di definizione programmi di controllo dei rifiuti industriali, di trattamento delle acque reflue e investimenti sono previsti per l installazione di stazioni di depurazione acque e di discariche strutturate nell ambito di un programma decennale. Regime degli Investimenti Il regime degli investimenti esteri in Marocco è regolato dalla Carta degli Investimenti Esteri del Gli investitori stranieri godono dei medesimi diritti e benefici riconosciuti agli operatori locali. Sono ammessi investimenti esteri in tutti i settori, con l eccezione di alcune attività riservate allo Stato (estrazioni di fosfati, ad esempio) e la proprietà di terreni agricoli. Anche in virtù della legislazione favorevole, negli ultimi anni si è assistito ad un notevole incremento degli investimenti diretti esteri. Tuttavia, essendo questi ultimi spesso legati ad operazioni di grande rilievo, la provenienza geografica varia notevolmente di anno in anno. I settori che maggiormente attirano gli investimenti diretti esteri (IDE), è quello delle holding, che hanno registrato una crescita esplosiva, chiaro segnale dell accresciuta fiducia che gli investitori stranieri accordano al sistema marocchino, che ha intrapreso la strada delle liberalizzazioni. Altri settori che attraggono fortemente gli investitori sono l immobiliare (in cui spesso investono i marocchini residenti all estero), l industria, il turismo ed i servizi in generale. Emergenti i settori dello sviluppo ambientale, delle tecnologie verdi, della gestione sostenibile delle acque e trattamento dei rifiuti urbani ed industriali, della formazione in materia di public utilities, dell e-government, dell elettronica, dell ITC e della microfinanza, ma soprattutto dell energia soprattutto quella prodotta da fonti tradizionali (carbone e petrolio) e, in minor misura, quella derivante dalle energie rinnovabili (in particolare fotovoltaico, termosolare, eolico e idroelettrico). L Italia ritiene di prioritaria importanza assicurare un adeguato sostegno alla stabilità, al progressivo sviluppo ed alla liberalizzazione e modernizzazione del Marocco, partner d interesse strategico nel contesto degli obiettivi condivisi della creazione di un area di sicurezza e prosperità nel Mediterraneo, dell impegno contro il terrorismo internazionale, la criminalità organizzata e l immigrazione clandestina. In tale quadro, l Italia ha approvato, di recente, una misura per la conversione del debito marocchino in progetti di cooperazione allo sviluppo, per il valore di 20 milioni. Tali fondi sono stati destinati principalmente all Iniziativa Nazionale di Sviluppo Umano (INDH), strumento di lotta alla povertà lanciato nel Regno nel 2005, e al Programma Nazionale di Strade Rurali (PNRR). Notevole è l interesse nei confronti di taluni «modelli» italiani quali, ad esempio, i distretti industriali, le PMI, i Consorzi, come pure verso quei settori merceologici nei quali è riconosciuto al nostro Paese un primato di expertise (agroindustria, pelletteria, prodotti del mare, grandi lavori, abbigliamento, arredamento, etc.). In tale prospettiva, grazie al processo di privatizzazioni che il Governo marocchino sta realizzando, si stanno presentando nuove e rilevanti opportunità per le imprese italiane nel campo dell agricoltura, dell energia, dell aeronautica e dei servizi collegati, del trasporto ferroviario, delle telecomunicazioni, dell ambiente, dei grandi lavori.

8 Assumono inoltre particolare interesse i progetti per il completamento della rete autostradale; per la costruzione di migliaia di nuove abitazioni; per l ammodernamento o la costruzione di porti ed aeroporti; per lo sviluppo del turismo e dei settori dell agroindustria, della conceria e dei prodotti in pelle. Un ulteriore opportunità, infine, si è creata con l implementazione dell Area di Libero Scambio Marocco-USA, nonché con la creazione della Free Zone di Tangeri. La possibilità di beneficiare dei vantaggi riconosciuti in Marocco agli investitori stranieri, unitamente alle possibilità di sbocco privilegiato nel mercato nord americano, merita una riflessione attenta da parte delle nostre imprese. Per compiutamente le potenzialità di un consolidamento e di una crescita della presenza economica italiana in Marocco, occorre tener conto della posizione «dominante» della Francia (meglio in grado di conoscere e decifrare i processi decisionali del Paese), nonché della tradizionale, più discreta, ma assai dinamica, presenza della Spagna. L Italia gode dell indubbio vantaggio di esser correttamente percepita come un partner mediterraneo rilevante, privo di antagonismi storici o di reminiscenze coloniali. Tale percezione è particolarmente vivace tra i politici ed i manager delle nuove generazioni che spesso hanno legami culturali con il nostro Paese. Inoltre, la tecnologia italiana gode di ottima reputazione presso gli operatori locali. Notevole è l interesse nei confronti di taluni «modelli» italiani quali, ad esempio, i distretti industriali, le PMI, i Consorzi, come pure verso quei settori merceologici nei quali è riconosciuto al nostro Paese un primato di expertise (agroindustria, pelletteria, prodotti del mare, grandi lavori, abbigliamento, arredamento, etc.). Suggerimenti per realizzare investimenti in Marocco Da qualche anno l interesse delle aziende italiane per il mercato marocchino è sensibilmente aumentato, essendo prospettive di investimento e di partnership con le società marocchine molto numerose. Peraltro, la struttura del sistema economico del Regno (le PMI rappresentano più del 90% del tessuto economico nazionale e contribuiscono per il 35% al volume delle esportazioni globali) è analoga al nostro sistema imprenditoriale ed ai nostri distretti industriali. Si segnala che l imposta marocchina sul reddito delle società corrisponde, secondo la manovra di bilancio 2008 al 30%, sia per le imprese locali che per gli investitori esteri. Il Marocco rientra inoltre tra i Paesi beneficiari della Legge 212 per interventi di supporto, assistenza tecnica, finanziaria e di sviluppo in alcune aree svantaggiate del Regno. Ulteriori opportunità sono offerte dalla creazione della Free Zone di Tangeri per le operazioni di delocalizzazione di investimenti produttivi e dall espansione del porto di Tangeri (TANGER MED) con l implementazione del progetto di TANGER MED II. Le molteplici possibilità di beneficiari di vantaggi riconosciuti in Marocco agli investitori stranieri (esenzione tasse sugli utili, riduzione delle imposte) possono essere approfondite, come rilevato, presso i CRI (Centri Regionali di Investimenti - e presso l Agenzia marocchina di Sviluppo degli Investimenti di Rabat AMDI (www.invest.gov.ma). Costituire un immobile in Marocco Qualora si volesse costituire un attività in Marocco, secondo la relazione Doing Business 2008, sono necessari alo Stato i seguenti documenti:19 procedure, per un arco temporale in media di 163 giorni; la spesa richiesta è in media pari al 334,67% del Prodotto Interno Netto pro capite. - ottenimento del piano catastale; - ottenimento della Note de Renseignements dal Piano di Registrazione dei Terreni - richiesta ed ottenimento del permesso di costruzione; - visita d ispezione del Municipio e della Polizia Municipale; - ottenimento del Certificato di Conformità; - installazione della rete idrica e connessione della rete elettrica con ispezione da parte della LYDEC (Lyonnaise des Eaux de Casablanca); - registrazione dell immobile all Agenzia Urbana. Costituire una società in Marocco Le procedure necessarie per la costituzione di una società in Marocco possono essere svolte direttamente dall imprenditore oppure attraverso i Centri Regionali d Investimento CRI presenti in tutte le Regioni del Regno.

9 I CRI sono le Istituzioni competenti per fornire informazioni e rilasciare tutta la documentazione necessaria ad avviare un'attività commerciale nella regione prescelta (ad esempio, se s intende avviare un attività commerciale nella Regione di Rabat, si potrà consultare il sito Internet: Sono necessari mediamente dieci giorni per la costituzione di una società (alla Société Anonyme, S.A. corrisponde la nostra S.p.A., alla Société à Responsabilité Limitée, SARL, la s.r.l.), ed il costo, a titolo orientativo, si aggira tra i 10 mila ed i 15 mila Dirhams (1 = 10, 90 Dirhams 15 ottobre 2008). Indipendentemente dall attività commerciale prescelta, si illustrano di seguito i principali passaggi obbligatori: - richiesta di un certificato (certificat negatif) che autorizza l uso in Marocco della denominazione sociale scelta; la domanda per ottenere tale certificato deve essere inoltrata al Servizio di Registro Centrale o presso i Centri Regionali di Investimento (CRI); - la redazione dello Statuto della società, in lingua francese, e la dichiarazione di conformità a cura di un notaio; - registrazione dello statuto presso la Cancelleria del Tribunale commerciale dove ha sede la società e pagamento delle imposte sulla società e della tassa di esercizio (licenza); - versamento e vincolo di un capitale presso una banca locale (per una S.A. circa il 25% del capitale versato, per una S.A.R.L. il 100%) a cura di un avvocato o commercialista o della propria banca; - trascrizione della costituzione della società, immatricolazione presso il Registro del Commercio e deposito dei libri legali; - iscrizione alla CNSS Caisse Nationale de Solidarité Sociale, il nostro INPS. Nella stipulazione di contratti con società locali, si suggerisce di inserire una delle clausole previste dalla Convenzione Arbitrale (clausole compromissorie e compromessi arbitrali) o di contattare la Camera Arbitrale Nazionale ed Internazionale di Milano, Dipartimento Internazionale Fonte: ICE Casablanca

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI

LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI Articolo 1 Son fissati, conformemente alle disposizioni del secondo alinea dell art. 45 della Costituzione, gli obiettivi fondamentali dell azione delo Stato, per i prossimi

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

La Banca europea per gli investimenti in sintesi

La Banca europea per gli investimenti in sintesi La Banca europea per gli investimenti in sintesi Come banca dell Unione europea (UE), forniamo finanziamenti e consulenza per progetti d investimento validi e sostenibili situati in Europa e nei Paesi

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa

Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa Il miglior rapporto qualità/prezzo: il nuovo concetto europeo di offerta economicamente più vantaggiosa di Paola Pittelli Sommario: 1. Premessa; 2. I considerando 89-99 della direttiva 2014/24/UE; 3. L

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli