STUDENTI DA MUSEO DI ALDO ALESSANDRO MOLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDENTI DA MUSEO DI ALDO ALESSANDRO MOLA"

Transcript

1 STUDENTI DA MUSEO FRATELLANZA UNIVERSALE E IMPEGNO CIVILE DI ALDO ALESSANDRO MOLA Ricorrentemente sono stati i giovani ad accelerare la modernizzazione. PoichŽ per sentirono sempre che (disse giˆ Benedetto Croce) loro primo dovere invecchiare, cio farsi carico dal passato, di rado lasciarono traccia durevole del ruolo svolto negli anni migliori. Se per il corso della storia ha - come ha - un andamento niente affatto continuativo, monotonamente ÒpiattoÓ, sibbene procede a balzi, ora pi rapido, ora lento, lo si deve appunto allõirruzione, di quando in quando, di generazioni nuove, quasi Òonde anomaleó, capaci di segnare svolte, imporre mutamenti e costringere anche adulti e anziani a interrogarsi, almeno una volta, sulle loro stesse antiche speranze. Su impulso e sulla scia di opere pubblicate in Francia (come giˆ accadde per la storia dello Òspirito associativoó, dei Òluoghi della memoriaó, delle donne e di altri ÒsoggettiÓ tradizionalmente trascurati dalla storiografia nostrana) a metˆ Anni Novanta anche in Italia comparvero due volumi di Storia dei giovani, curati da Giovanni Levi e Jean-Claude Schmitt, con capitoli acuti e innovativi, quali Barbe bianche, barbe grigie, barbe nere di Sergio Luzzatto. Mentre cresceva lõinteresse per la storia delle Universitˆ - prevalentemente come indagine su corpi accademici e docenza - anche in Italia vennero avviate ricerche sistematiche sul mondo giovanile. Goliardia è cultura e intelligenza : ne è conferma la storia della associazione internazionale studentesca Corda Fratres, nell età dei grandi conflitti del primo 900. Restituire ai giovani la filosofia del ridere non è in contrasto con il richiamo alla loro missione civile: l uno e l altro sono volti della stessa medaglia, il gusto per la vita e la libertà, che affondano radici nel Rinascimento. Aperto a Bologna il Museo degli Studenti. Ne sono scaturiti strumenti poderosi di ricerca, grazie ai quali, in particolare, le organizzazioni e le riviste studentesche non sono pi una zona buia della storia, sibbene hanno ormai contorni istituzionalmente definiti. Il passo ulteriore per conferire basi scientifiche e la necessaria visibilitˆ agli studi sul ruolo svolto dai giovani nella storia dõitalia stato ora compiuto con lõinaugurazione, a Bologna, del Museo degli Studenti, realizzato dal Rettore dellõuniversitˆ, Fabio Roversi - Monaco, insigne giurista, sulla fine del lungo e fattivo mandato. Giˆ in occasione dellõviii centenario del suo Ateneo (1888) e giustamente accanto a GiosuŽ Carducci, che vi pronunzi un celebre Discorso, Bologna vide in campo goliardi accorsi dalle Universitˆ pi disparate, consci che lõomaggio allõalma Mater Studiorum era anche tributo ad alcuni passaggi alti della presenza di giovani alla guida della storia e premessa per il recupero dõun ruolo autonomo. Un secolo prima Bologna era 28 RASSEGNA N. 10 DICEMBRE 2000

2 stata teatro dõuna vicenda emblematica. Due studenti del suo Ateneo, Giambattista De Rolandis (nato a CastellÕAlfero, presso Asti, il 22 giugno 1774) e Luigi Zamboni, di due anni pi anziano, vennero tratti in arresto quali autori di una cospirazione contro il governo del Cardinale legato. Erano tempi grossi. LÕItalia era corsa da una gran voglia di libertˆ. Capisaldi di riferimento erano i protagonisti della rivoluzione francese: per la loro carica libertaria. Molti si dissero - o vennero detti - ÒgiacobiniÓ benchž non si proponessero affatto di attuare in Italia i programmi, giˆ falliti in Francia, di Robespierre, Saint-Just e altri capi di quella specifica fazione assunta nondimeno a modello per la sua carica prepotentemente innovativa. Sulla natura e i legami settari nazionali e internazionali di quella cospirazione giovanile bolognese molto sõ scritto, poco documentato. Prima di porvi mano, Zamboni peregrin dalla Francia alla Grecia a Roma accumulando odio verso i tiranni. Traditi da due congiurati, Zamboni e De Rolandis furono catturati dalla polizia papale. Incarcerati i due studenti vennero sottoposti a torture efferate. Il 18 agosto 1795 Zamboni si strangol in carcere per sottrarsi allo strazio delle carni. Indomito, il 23 aprile 1796, dopo altri atroci supplizi, De Rolandis venne impiccato: Coccarda De Rolandis. Il cimelio testimonia il sacrificio di Giambattista De Rolandis, astigiano, e di Luigi Zamboni, bolognese, studenti universitari. Per volontà dei discendenti è conservata al Museo degli Studenti, a Bologna. secondo lõuso del tempo, con un prete salmodiante da un canto, un boia sulle spalle e un ÒtirapiediÓ che lo strattonava dalle ginocchia. Non mancava, sul fondo, un Òfratello della buona morteó. Una stampa dellõepoca ritrasse il ventiduenne patriota protorisorgimentale, sereno, a braccia conserte, indifferente alla morte, con lo sguardo rivolto allõitalia ventura. Anche pi giovane dei due cospiratori e martiri della repressione pontificia, Ugo Foscolo ( ) fu lõaltro ispiratore della generazione che tra Settecento ed etˆ napoleonica balz al centro della storia. Conserv la sua capacitˆ di suscitare entusiasmi anche dalla cattedra di Eloquenza dellõuniversitˆ di Pavia. A lui poi sõispirarono Silvio Pellico (nato nel 1789), Federico Confalonieri e quanti contrastarono la Restaurazione continuando a seminare culto della scienza, apertura europea, voglia di libertˆ. A sinistra: pagina miniata con il giuramento degli studenti (1497) della Nazione Germanica dell Università di Bologna. Sopra: frontespizio dell opera pubblicata a Strasburgo nel 1680 che descrive il processo di iniziazione degli studenti per entrare nell Università. 29 RASSEGNA N. 10 DICEMBRE 2000

3 Se ne videro i frutti nel Quarantotto quando gli studenti dellõuniversitˆ di Pisa, organizzati in Òbattaglione universitarioó e distintisi negli scontri di Curtatone e Montanara, non furono gli unici giovani decisi a imprimere il suggello della loro generazione al corso degli eventi. La parte avuta in quel biennio da ventenni quali Costantino Nigra, Isacco Artom (futuro segretario intimo di Camillo Cavour, segretario generale del Ministero degli Esteri e senatore del Regno), Vittorio Bersezio, giornalista, memorialista, commediografo di fama, Gian Battista Gandino - da umili origini asceso a prestigioso latinista nellõuniversitˆ di Bologna, venne rievocata a Torino nel 1898, a margine di un congresso organizzato nel cinquantenario dello Statuto che dette spunto allõesposizione nazionale. Promotore dellõiniziativa fu il ventisettenne Efisio Giglio Tos (Chiaverano Torino 1941). Autodidatta, due lauree e una terza ormai in vista, Giglio-Tos era un veterano dellõassociazionismo studentesco. ÒFac-totumÓ dellõassociazione universitaria torinese (AUT), frequentata da Edmondo De Amicis e da innumerevoli altri non dimentichi dellõintramontabile funzione della ÒgiovinezzaÓ quale acceleratore di storia, Giglio-Tos allest una ÒmacchinaÓ formidabile, bene documentata al Museo di Bologna grazie alle carte raccolte da Marco Albera, fondatore a Torino dellõuniversitas Scholarium (Centro di documentazione internazionale goliardica e studentesca). Dopo lõviii Centenario dellõuniversitˆ di Bologna, i goliardi italiani iniziarono a svolgere congressi nazionali. Dal IV, tenuto a Pisa, nel 1897 Giglio-Tos si fece conferire lõincarico di dar vita alla Federazione universale degli studenti. Con un anno di febbrile lavoro, Giglio-Tos var la sua creatura: la Federazione internazionale studentesca (ÒCorda fratresó Cuori Fratelli), approvata per acclamazione da tremila goliardi accorsi a Torino dai pi diversi Paesi dõeuropa e con migliaia di adesioni da ogni continente: Stati Uniti dõamerica, Per, Tasmania, Cittˆ del Capo...: un successo trionfale, ottenuto con lõinvio del programma in cinquantamila copie alle Universitˆ di tutto il mondo. Con lõalto patronato del Re dõitalia e il sostegno dõuno stuolo di cattedratici famosi, la Corda Fratres ebbe presto un Inno, il cui testo latino venne scritto da Giovanni Pascoli e affidato, per la musica, a Pietro Mascagni. Tenne suoi congressi internazionali a Parigi (1900), Liegi, Marsiglia, Bordeaux, LÕAja, Roma (nel 1911: 30 RASSEGNA N. 10 DICEMBRE 2000

4 cinquantenario dellõunitˆ nazionale), Ithaca (New York, quando i delegati vennero ricevuti dal Presidente degli Usa, Wilson) e ancora Torino- Genova, Roma-Napoli nel 1924, in coincidenza con il XII congresso della sezione italiana. Organizzata in sezioni nazionali, ciascuna ripartita in Consolati, la Corda Fratres escludeva dai lavori temi religiosi e politici e propugnava lõaffratellamento degli universitari in nome della scienza e del Òdovere civileó verso i rispettivi Paesi e lõumanitˆ. Scopo fondamentale era diffondere solidarietˆ e fratellanza fra gli studenti, promuovere la pace e lõarbitrato internazionale fra le Nazioni e risolvere i problemi delle minoranze etniche e religiose allõinterno degli Stati (chõerano in molti casi imperi multietnici e plurireligiosi) senza modificarne lõassetto, giacchž il Òconcerto delle grandi potenzeó fondato su alleanze e controalleanze e un fitto intreccio di trattati segreti, costituiva una vera e propria polveriera, pronta a esplodere al minimo urto, anche marginale, in unõarea periferica. Lo si vide con il duplice assassinio di Sarajevo, che fece tuonare i Òcannoni dõagostoó e nel 1914 determin la conflagrazione europea, poi mondiale: inizio della Òguerra dei trentõannió ( ). Gli universitari che A sinistra dall alto: documento studentesco Pavia (1924) con scena di banchetto. Berretti ( ) di associazioni tedesche e fiamminghe. Berretto di Guido Rossi (Bobo) studente e poi docente Bologna (1947). In questa pagina: in alto due opuscoli di musiche, canzoni e teatro degli studenti fiamminghi e della Sorbona. Sotto a sinistra: una spiritosa guida per gli studenti Oslo. A destra: un giornale studentesco di Parigi nel RASSEGNA N. 10 DICEMBRE 2000

5 Spettacolo studentesco nella piazza Maggiore di Bologna (1960). sõerano dati la mano nei Congressi della Corda Fratres e avevano promosso sezioni per le nazioni senza Stato (polacchi, boemi, finlandesi e gli ebrei stessi, i pi isolati e ancora perseguitati dõeuropa) vestirono le divise dei rispettivi governi e si scannarono dalle opposte trincee. Giglio-Tos aveva veduto giusto. Aveva letto bene nel libro del sociologo russo Giacomo Novicow, secondo il quale la Missione dellõitalia (1901) era annunziare la Federazione europea dal Campidoglio e guidare il vecchio continente dagli odi nazionalistici alla fratellanza, alla cooperazione, agli Stati Uniti dõeuropa. Tra i massimi esponenti della Corda Fratres van ricordati il Òfilosofo del ridereó e promotore dellõistituto Italiano per la cultura, Angelo Fortunato Formiggini, Pericle Ducati, Corrado Barbagallo... sino a Guido Calogero e Aldo Capitini che ne propiziarono la rinascita dopo la seconda guerra mondiale. Il congresso del 1924 ebbe un comitato dõonore di tutto rilievo: Gabriele dõannunzio, Guglielmo Marconi (cordafratrino dal 1903, quando anche il filosofo Antonio Labriola sõinteress al sodalizio), Giovanni Gentile e il capo dal governo, Mussolini, che võintravvedeva la feconditˆ del Òlibero pensieroó di cui egli era stato fautore da giovane. NellÕesilio in Svizzera, nel 1943, il futuro presidente della Repubblica Luigi Einaudi svolse la sua prima conferenza proprio su iniziativa dõun consolato della Corda Fratres. LÕorganizzazione ÒmaterialeÓ, la scorza esterna, del sodalizio ideato da Giglio-Tos non resse alla massificazione e allõavvento delle organizzazioni universitarie di partito e alla FUCI (Federazione universitari cattolici italiani). I suoi ideali invece sopravvissero, giacchž le organizzazioni affermatesi nel dopoguerra finirono per trarne alimento, come provano le storie personali di quanti alla militanza politica arrivarono dallõunuri e organismi analoghi. Basti, tra i molti, il caso di Paolo Ungari. Quel mondo meritava dunque di essere salvaguardato dallõaltrimenti inevitabile dispersione e dallõoblio. Vi provvede ora il Museo, che giˆ raccoglie unõimponente massa di documenti, cimeli e ÒreliquieÓ compresi feluche, manti e altri ÒsegniÓ dalla goliardia provenienti da molti Atenei. VÕ da credere che a breve saranno innumerevoli gli studenti universitari dõantan ben disposti a donare al Museo bolognese riviste, numeri unici, manifesti e le tante altre memorie della loro ÒgiovinezzaÓ: la stagione cantata da Nino Oxilia. Restituire ai giovani la Òfilosofia del ridereó non affatto in contrasto con il richiamo alla loro missione civile; lõuna e lõaltra sono volti di una stessa medaglia, il gusto per la vita e la libertˆ, che affondano radici nel Rinascimento e in quanto esso sottende. (*) Disciplina ÒgiovaneÓ la storia degli studenti parte di quella da poco albeggiante, dei giovani, ovvero della fascia dõetˆ compresa tra le pressochž totale dipendenza da altri (infanzia, adolescenza,...) e quella del ÒlavoroÓ, dellõinserimento in ruoli precostituiti dellõorganizzazione sociale. Gli studenti universitari, pur risultando ancora vincolati al ÒsussidioÓ delle famiglie e/o di istituzioni (collegi, convitti...), vissero spazi di autonomia creativa, per la (temporanea) lontananza da casa e la tendenza e organizzare confraternite, associazioni, circoli, leghe... chõebbero per Òragione socialeó lõetˆ, la provenienza (nazionale, regionale), le opzioni religiose, ideologiche e la propensione a sperimentare novitˆ. Per un primo approfondimento rinviamo allõeccellente Catalogo delle riviste studentesche ( ) a cura di Nora De Giacomo, Giovanni Orsina e Gaetano Quagliariello, Lacaita, Manduria - Bari - Roma, 1999, pp. 846; La formazione della classe politica in Europa ( ) a cura di Giovanni Orsina e Gaetano Quagliariello, Lacaita, Manduria = Bari - Roma, 2000, pp. 828 e allõinventario del Fondo Archivio delle associazioni e rappresentanze studentesche universitarie ( ) a cura di Leonardo Musci a Marco Grispigni, con saggio introduttivo di Gaetano Quagliariello, Lacaita, La centralitˆ della tradizione universitaria di Bologna trova conferma in Gabriele Boschetti (a cura di), Storia della goliardia bolognese dallõorbace alla contestazione, Bologna, Tamari, UnÕintroduzione tematico-problematica alla storia degli studenti offerta da AA.VV. Gaudeamus igitur. Studenti e goliardia ( ), Bologna, Bologna University Press (con eccellenti contributi di Gian Paolo Brizzi, Marco Bortolotti, Marco Albera e Giuliano Catoni, Gaetano Quagliariello, Francesco Nicita e Daniela Negrini). Fondamentali sono inoltre gli Annali di storia dellõuniversitˆ italiana, espressione del Centro interuniversitario per la storia delle Universitˆ italiana (CISUI), diretti da Gian Paolo Rizzi (Casella Postale Bologna 22) ora al quarto volume. Sulla Federazione ideata da Efisio Giglio-Tos rinviamo a Aldo A. Mola, Corda Fratres, Storia di una associazione internazionale studentesca nellõetˆ dei grandi conflitti ( ) prefazione di Fabio Roversi-Monaco, Rettore dellõuniversitˆ di Bologna, Bologna, Clueb Il profetico ÒmanifestoÓ di Giacomo Novicow La missione dellõitalia riprodotto in edizione anastatica dallõeditore A. Forni di Sala Bolognese (14010 BO). 32 RASSEGNA N. 10 DICEMBRE 2000

VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria

VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria LICEO GIULIO CESARE 7.03.2015 GIORNATA CONTRO LA MAFIA IN COLLABORAZIONE CON: LIBERA VILLA PAGANINI Le origini di Villa Paganini sono legate al cardinale Mariano

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

LA GRANDE GUERRA sui media

LA GRANDE GUERRA sui media LA GRANDE GUERRA sui media 1 IL CENTRO http://ilcentro.gelocal.it/pescara/cronaca/2015/11/21/news/marini-la-grande-guerra-e-il-terrorismo- 1.12485624 Il CENTRO 22 novembre 2015 2 Il Messaggero 22 novembre

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli

Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook: BUR Rizzoli Proprietà letteraria riservata 1998 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07132-1 Prima edizione Rizzoli 1998 Seconda edizione BUR Storia giugno 2014 Seguici su: Twitter: @BUR_Rizzoli www.bur.eu Facebook:

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Docente DEL GROSSO TERENZIO Classi 4 ENOGASTRONOMIA sezione/i Ge PROGRAMMA CLASSE IV A.S. 2014/15 STORIA L ETA DEI LUMI Scienza, libertà e progresso nel Settecento Ideali illuministi e mutamento sociale

Dettagli

Per una storia delle università minori nell Italia contemporanea. Il caso dello Studium Generale di Macerata tra Otto e Novecento

Per una storia delle università minori nell Italia contemporanea. Il caso dello Studium Generale di Macerata tra Otto e Novecento Luigiaurelio Pomante Per una storia delle università minori nell Italia contemporanea. Il caso dello Studium Generale di Macerata tra Otto e Novecento Nel corso degli ultimi quindici anni la storia dell

Dettagli

CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920

CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920 CRONOLOGIA DEI CONGRESSI NAZIONALI DELLA F.U.C.I. DAL 1920 Nota: i titoli dei congressi fino al 1967 riportano i titoli delle principali relazioni svolte 1920 Trento 12 Congresso Nazionale della F.U.C.I.

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

20 Novembre 2014 INSIEME PER I DIRITTI DEI BAMBINI

20 Novembre 2014 INSIEME PER I DIRITTI DEI BAMBINI 20 Novembre 2014 INSIEME PER I DIRITTI DEI BAMBINI Era il 1989, quando i capi delle nazioni, hanno sottoscritto la Carta dei Diritti dei Bambini, affidando a ciascuno di noi la responsabilità di portare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico: 2013/2014 CLASSE 4 H LSA MODULO n. 1 TITOLO: L ETA DELL ASSOLUTISMO ORE TOTALI: 12 PREREQUISITI MODULO Conoscere termini e concetti fondamentali del linguaggio

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone

LA STORIA DELLA CROCE ROSSA. Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone LA STORIA DELLA CROCE ROSSA Istruttore D.I.U. Vanessa Seren Bernardone Henry Dunant (8 maggio 1828 30 ottobre 1910) 24 giugno1859 BATTAGLIA di SOLFERINO Henry Dunant organizza i soccorsi collaborando con

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei 2010 Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà, presenta una serie di proposte

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa.

Novembre 1985 Si è iscritto al corso di laurea in storia presso la Facoltà di Lettere dell'università di Pisa. 1 ENRICO FRANCIA CURRICULUM DELL'ATTIVITÀ SCIENTIFICA E DIDATTICA LUOGO E DATA DI NASCITA: Acquasanta Terme (A.P.), 14 luglio 1966 TITOLO DI STUDIO: Dottorato in storia contemporanea RESIDENZA: Padova,

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

L ALTRA META DEL TANGO SHALOM TANGO

L ALTRA META DEL TANGO SHALOM TANGO 1 SALENTANGO-LECCE presenta INVERNO PORTEGNO Rassegna di Tango e Cultura Rioplatense - Seconda edizione tra cultura yiddish e tango argentino 17/19 GENNAIO PALAZZO TURRISI PALUMBO LECCE SHALOM TANGO La

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Capitolo II 15 fruttidoro anno I

Capitolo II 15 fruttidoro anno I Capitolo II 15 fruttidoro anno I All inizio del mese di agosto del 1793, un giovane sconosciuto giunge a Parigi. è biondo e parla con un forte accento slavo. Dice di chiamarsi Jules Stern e di venire dalla

Dettagli

Suoniamo i campanili d Europa per sostenere i Diritti Umani

Suoniamo i campanili d Europa per sostenere i Diritti Umani Suoniamo i campanili d Europa per sostenere i Diritti Umani Suoniamo i Campanili d Europa per sostenere i Diritti Umani Il 10 dicembre di ogni anno si celebra la Giornata internazionale dei Diritti umani,

Dettagli

I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma

I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma I cavalli Lipizzani del CRA all 83 CSIO di Roma PIAZZA DI SIENA, I CAVALLI LIPIZZANI AMBASCIATORI DELLA STORIA Mentre il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha deposto una corona di fiori sull'altare

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016

Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016 1 CONSULAT GENERAL DE FRANCE A MILAN Convegno internazionale La grande Guerra aerea. Sguardi incrociati italo-francesi. Museo del Risorgimento. Torino, 15 aprile 2016 Egregio Presidente, Egregi Ufficiali,

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Rivoluzione francese

Rivoluzione francese 2 3 4 1 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Orizzontali 2. Governo moderato che si instaurò al termine della Rivoluzione 5. Importante esponente della Rivoluzione 7. Catturarono Luigi XVI 8. La fortezza di Parigi 10.

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

L aggressione nazifascista all Europa

L aggressione nazifascista all Europa L aggressione nazifascista all Europa Carta Il fascismo in Europa Germania e Italia non sono un eccezione: tra gli anni 20 e 30 molti paesi europei conoscono governi autoritari: Austria (Dolfuss), Ungheria

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE

ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE ELENCO DELLE FESTIVITÀ CIVILI, MILITARI E RELIGIOSE Le festività civili, militari e religiose scandiscono, come le stagioni, la vita scolastica e i componimenti degli alunni, in particolare nella scuola

Dettagli

Santi medievali in guerra.

Santi medievali in guerra. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI URBINO CARLO BO Dipartimento di Scienze della Comunicazione e Discipline Umanistiche Corso di Laurea in Storia dell Arte Santi medievali in guerra. Giovanna, Giorgio e Francesco

Dettagli

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR

Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra TOROC e MIUR COMUNICATO STAMPA 26/2003 Le Olimpiadi entrano nelle scuole Firmato il protocollo tra e MIUR (TORINO, 17 MARZO 2003) Valentino Castellani, presidente del e la senatrice Maria Grazia Siliquini, sottosegretario

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore

L idea di Medioevo. Lezioni d'autore L idea di Medioevo Lezioni d'autore Immagine tratta da http://bibliotecamakart.altervista.org Il Medioevo come un lungo periodo di secoli oscuri : guerre, torture, caccia alle streghe. È importante sradicare

Dettagli

LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA

LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA LIBRI SULLE NAZIONI UNITE RECENTEMENTE PUBBLICATI IN ITALIA La lista che segue, elaborata dai curatori, intende solo fornire alcune indicazioni sui volumi che, negli ultimi anni, sono stati pubblicati

Dettagli

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero

Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Cerimonia di conferimento della Laurea magistrale honoris causa in Scienze e Tecnologie Alimentari a Giovanni Ferrero Laudatio Prof. Giacomo Rizzolatti Parma, 24 ottobre 2015 1 Magnifico Rettore Autorità

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE

UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE 2013/16 DEMETRA ONLUS CAMPAGNA INTERNAZIONALE UN ALTRO VIAGGIO E POSSIBILE Nasce per Contrastare lo sfruttamento sessuale dei minori a fini commerciali nei viaggi e nel turismo con riguardo ai prossimi

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base

progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra promuove il progetto per lo sviluppo culturale e sociale del territorio mediante la ricerca scientifica di base La Fondazione Cassa di Risparmio di Bra ha fra i

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

CALL FOR ENTRY. Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art. 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009. www.robotfestival.it

CALL FOR ENTRY. Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art. 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009. www.robotfestival.it CALL FOR ENTRY Ro.Bot Festival Digital Paths into music and art 2a edizione Bologna 17-19 settembre 2009 www.robotfestival.it COSA È ROBOT FESTIVAL: RoBOt è un festival internazionale di musica elettronica

Dettagli

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA

DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA DALLE CARTE D ARCHIVIO ALL EDIZIONE DIGITALE: UN ESPERIENZA DIDATTICA DEL LICEO LAURA BASSI DI BOLOGNA Nell anno scolastico 2012-2013 le cinque classi della sezione E del Liceo Laura Bassi di Bologna sono

Dettagli

Con il contributo di

Con il contributo di Con il contributo di Bando di selezione per il conferimento di una borsa di studio per il progetto di ricerca Prima guerra mondiale: la grande trasformazione Ambito della ricerca: Didattica della storia

Dettagli

PERIFERIA chiama! MILANO risponde?

PERIFERIA chiama! MILANO risponde? PERIFERIA chiama! MILANO risponde? CONSULTA PERIFERIE MILANO Associazione culturale San Materno-Figino PERIFERIA chiama! MILANO risponde? Martedì 25 gennaio 2011 Periferie: come stiamo? La parola agli

Dettagli

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009

RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 RIUNIONE COMITATO REGIONALE ANPI LOMBARDIA 19 NOVEMBRE 2009 Antonio PIZZINATO scaletta Relazione -Teniamo questa riunione del Comitato regionale ANPI Lombardia, per compiere una riflessione sull attuale

Dettagli

Alcolisti Anonimi che cos è. Una presentazione della nostra Associazione a cura dell Area Emilia-Romagna

Alcolisti Anonimi che cos è. Una presentazione della nostra Associazione a cura dell Area Emilia-Romagna Alcolisti Anonimi che cos è. Una presentazione della nostra Associazione a cura dell Area Emilia-Romagna Alcolisti Anonimi è un'associazione di uomini e donne che mettono in comune la loro esperienza,

Dettagli

MOSTRA DOCUMENTARIA GRANDE GUERRA

MOSTRA DOCUMENTARIA GRANDE GUERRA EDUCAZIONE alla MEMORIA STORICA _INAUGURAZIONE_ MOSTRA DOCUMENTARIA GRANDE GUERRA Quello che portammo di nostro alla guerra non lo riportammo indietro più: fu veramente una vita che ci fu tolta come la

Dettagli

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI

LA GUERRA DEI NOSTRI NONNI Il Centro Pastorale C. M. Martini nell Università degli Studi di Milano - Bicocca è lieto di invitare alla presentazione del libro La guerra dei nostri nonni di Aldo Cazzullo che si terrà venerdì 14 novembre

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

1 APRILE 2014 FEED THE FOOD

1 APRILE 2014 FEED THE FOOD Qualche breve informazione sull Università che ospiterà l evento... L'Università IULM è il polo di eccellenza per la formazione nei settori di lingue, comunicazione, turismo e valorizzazione dei beni culturali.

Dettagli

Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00

Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00 Sassari, 6 novembre Teatro Civico 16.00 Saluti delle autorità Gianfranco Ganau, Sindaco di Sassari Gian Giacomo Ortu, Rappresentante dei Dipartimenti di storia delle Università di Cagliari e di Sassari

Dettagli

LA CASA di Roberta Rifugio per Donne, in difficoltà con o senza minori 0984/462453 333/1061586 FAX 0984/1636576 N.V. 800 28 88 50. CF e PI 02469250787

LA CASA di Roberta Rifugio per Donne, in difficoltà con o senza minori 0984/462453 333/1061586 FAX 0984/1636576 N.V. 800 28 88 50. CF e PI 02469250787 Nel Settembre del 2000 la Fondazione Roberta Lanzino, Area della Formazione, ha avviato, in forma strutturata, il Progetto Pollicino e Alice, tessendo una trama di incontri formativi mirati alla convivenza

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A04010/85/2015 Data: 06 maggio 2015 Direzione: A04010

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A04010/85/2015 Data: 06 maggio 2015 Direzione: A04010 REGIONE PIEMONTE BU22 04/06/2015 Consiglio Regionale DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Num. rep. A04010/85/2015 Data: 06 maggio 2015 Direzione: A04010 Adempimenti amministrativi per l organizzazione dell edizione

Dettagli

Le trasformazioni degli anni '50 e '60

Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Episodio 6 Le trasformazioni degli anni '50 e '60 Momenti di riflessione e Test di verifica Il secondo dopoguerra si apre nel segno di un profondo desiderio di pace e giustizia, evidenziati dalla nascita

Dettagli

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE Di ENRICO COPPOTELLI PROGETTO DI COORDINAMENTO DENOMINATO: COORDINAMENTO CISL GIOVANI. MOTIVAZIONE: Parlando della CISL di Frosinone si parla inequivocabilmente

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VENEZIA GIULIA E DALMAZIA Centro Studi Padre Flaminio Rocchi

ASSOCIAZIONE NAZIONALE VENEZIA GIULIA E DALMAZIA Centro Studi Padre Flaminio Rocchi ASSOCIAZIONE NAZIONALE VENEZIA GIULIA E DALMAZIA Centro Studi Padre Flaminio Rocchi Associazione con personalità giuridica, ai sensi del D.P.R. 10 febbraio 2000 n.361, riconosciuta dall Ufficio Territoriale

Dettagli

Le studentesse dell Università di Pisa

Le studentesse dell Università di Pisa Storia e Politica 6 Annamaria Galoppini Le studentesse dell Università di Pisa (1875-1940) Edizioni ETS 2011 L istruzione e il lavoro, ecco le sole forze che possono risollevare la donna ed emanciparla

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Torino il 9 Luglio 1975 con 110/110 e lode.

Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Torino il 9 Luglio 1975 con 110/110 e lode. COGNOME NOME BARGONI ALESSANDRO Professione : Medico Chirurgo Sede lavorativa: Dipartimento di Fisiopatologia clinica. Via Genova 3, 10123 Torino Tel.: 0116705382 E-mail: alessandro.bargoni@unito.it CURRICULUM

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Text. Il Sostegno dell UNESCO

Text. Il Sostegno dell UNESCO Text Il Sostegno dell UNESCO Il Sostegno dell UNESCO Il Sostegno dell UNESCO Porgo il mio caloroso saluto mentre ci avviciniamo al 25 anniversario della Peace Run e alla sua azione per promuovere la cultura

Dettagli

Partecipazione e Sussidiarietà. Essere protagonisti in una società che cambia

Partecipazione e Sussidiarietà. Essere protagonisti in una società che cambia Percorsi Formativi CENTRO DI ATENEO PER LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA Partecipazione e Sussidiarietà. Essere protagonisti in una società che cambia Summer School Università Cattolica del Sacro Cuore

Dettagli

Gli studi di Ada Levi e l ambiente universitario padovano

Gli studi di Ada Levi e l ambiente universitario padovano Gli studi di Ada Levi e l ambiente universitario padovano Giulia Simone Università degli Studi di Padova Tessera di immatricolazione. Ada si iscrive alla Facoltà di Lettere e Filosofia nell a.a. 1931-32;

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico. Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa

Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico. Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa Forum di Arti Sceniche e Formazione del Pubblico Cittadinanza Attiva e Storia Condivisa La Fondazione Teatro Politeama Teatro del Piemonte, la Città di Bra e la Residenza Multidisciplinare delle 2 Province,

Dettagli

Ventennale del Museo Barovier&Toso

Ventennale del Museo Barovier&Toso Ventennale del Museo Barovier&Toso IL PRIMO MUSEO VETRARIO PRIVATO A VENEZIA FESTEGGIA VENTI ANNI Giugno 2015 S ono ormai trascorsi venti anni dall inaugurazione del Museo Barovier&Toso, unico museo privato

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

4.7 La riunione dei dirigenti delle organizzazioni pacifiste mondiali (settembre 1946)

4.7 La riunione dei dirigenti delle organizzazioni pacifiste mondiali (settembre 1946) Parte. pag..7 La riunione dei dirigenti delle organizzazioni pacifiste mondiali (settembre 96) La Réunion internationale des dirigeants pour la Paix si svolse a Ginevra in quello stesso mese di settembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI MASTER DI I E II LIVELLO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 307 del 24/05/2002 D.R. n. 307 IL RETTORE VISTO VISTO lo Statuto di questo Politecnico; il Regolamento

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa

Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Carta dei diritti e delle responsabilità dei genitori in Europa Preambolo aggiornato al 2008 Crescere figli è un segno di speranza. Ciò dimostra che si ha speranza per il futuro e fede nei valori che si

Dettagli

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato

Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa. Le vie del cioccolato Candidatura dell itinerario culturale del Consiglio d Europa Le vie del cioccolato Cioccolato patrimonio storico culturale da tutelare Partendo dal presupposto che il cioccolato è un invenzione europea

Dettagli

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016

Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Pace, fraternità e dialogo Programma nazionale di Educazione alla Cittadinanza Democratica Anno scolastico 2015-2016 Premessa Educare alla pace è responsabilità di tutti ma la scuola ha una responsabilità

Dettagli