IL REAL ESTATE DEL SETTORE MODA VERSO LA GLOBALIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL REAL ESTATE DEL SETTORE MODA VERSO LA GLOBALIZZAZIONE"

Transcript

1 IL REAL ESTATE DEL SETTORE MODA VERSO LA GLOBALIZZAZIONE

2 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l apertura di un nuovo negozio È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Australia Belgio Cina Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. Tali pagamenti sono illeciti. La locazione immobiliare è disciplinata, in ogni stato, da specifiche normative (quali, ad esempio, il Retail Leases Act 1994 (Nuovo Galles del Sud)). Sì, è richiesta un autorizzazione socioeconomica per tutte le superfici nette di vendita superiori a 400 mq. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. Tali pagamenti sono illeciti. Sì, il Codice Civile belga è stato modificato nel 1951 e, in quell occasione, è stata specificamente inserita una nuova sezione atta a disciplinare i contratti commerciale (contratti per la vendita al dettaglio) Sì. In Cina, la vendita al dettaglio può essere generalmente esercitata in due diversi modi: (1) gestione in proprio dei negozi, in tal caso è necessario ottenere una autorizzazione per la vendita al dettaglio; e (2) cooperazione con centri commerciali, in tal caso è necessario ottenere solo una autorizzazione per la vendita all ingrosso. Solitamente mediante la costituzione di una società commerciale munita di autorizzazioni per la vendita all ingrosso e per la vendita al dettaglio ai sensi delle quali sia gli uffici amministrativi che lo/gli spazio/i in cui si svolge l attività di vendita sono considerati come filiali. Non è usuale ma lo è invece il pagamento al locatore di un deposito cauzionale (caparra confirmatoria) per assicurarsi l immobile prima della stipula del contratto definitivo. 02 il Real Estate del Settore Moda

3 Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Australia Belgio Cina 5 anni. In tutti gli Stati, ad eccezione del Queensland, è richiesta una durata minima di 5 anni salvo nei casi in cui il conduttore ne sia stato espressamente esonerato. Solitamente i canoni sono di tipo misto (un canone base più un canone basato sul fatturato). I canoni sono solitamente aggiornati una volta all'anno alla data di anniversario della sua iniziale decorrenza secondo gli indici dei prezzi al consumo (CPI) o secondo una percentuale fissa, e allineati ai canoni di mercato all'inizio del periodo di opzione. I contratti prevedono solitamente una garanzia di 3 o 6 mesi in forma di caparra o fideiussione bancaria. Anche le garanzie personali sono talvolta richieste. 9 anni. Non è consentito stipulare contratti di locazione per esercizi commerciali per la vendita al dettaglio la cui durata sia inferiore a 9 anni. Il conduttore ha facoltà di risolvere il contratto ogni 3 anni. Nei centri commerciali, il canone è costituito da una percentuale del fatturato e da un importo minimo garantito. In tutti gli altri casi, i canoni basati sul fatturato sono rari. Nella maggior parte dei casi il canone viene aggiornato con cadenza annuale. I contratti prevedono solitamente una garanzia di 3 o 6 mesi in forma di caparra o fideiussione bancaria. Non vi sono restrizioni per la durata dei contratti per gli esercizi dettaglio ad eccezione di quella relativa al fatto che essa non deve in ogni caso superare i 20 anni. Sono molto frequenti nelle attività dettaglio. I canoni sono solitamente allineati ai canoni di mercato ma la previsione, nei contratti, di una percentuale massima che non deve essere superata da detti aggiornamenti è frequente. Si mediante il pagamento di un deposito cauzionale (da essere rimborsato, in un importo doppio di quello inizialmente versato dal conduttore, in caso di inadempimento del locatore) o di una caparra confirmatoria il cui unico fine è attestare le buone intenzioni del conduttore. 03

4 Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? È legale l'accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all'esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Australia Belgio Cina Sì. Gli immobili ad uso commerciale generico devono essere muniti di apposita licenza. Non sono normalmente previste restrizioni di legge specifiche per le attività dettaglio. Se si tralasciano le problematiche in materia di concorrenza la cui applicazione appare improbabile nel caso di una location per la vendita al dettaglio, un tale accordo è legale. Sì. Gli immobili destinati alla vendita al dettaglio devono essere muniti di apposita licenza. I patti di non concorrenza ai sensi dei quali un locatore si impegna a non concedere in locazione la struttura di vendita a terzi che svolgono la stessa attività del conduttore sono, nella maggior parte dei casi, validi. Sì. L'attività dettaglio rientra nella definizione "ad uso commerciale" in termini di diritti di utilizzo del terreno. Non vi sono restrizioni particolari. I contratti di locazione sono soggetti a negoziazione e per essi valgono le disposizioni di legge generalmente applicate in tema di concorrenza sleale o frode. 04 il Real Estate del Settore Moda

5 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo negozio È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Cecoslovacchia Francia Germania Sì. Solitamente mediante la stipula ex novo di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. Importanti esercenti la vendita al dettaglio, sia cechi che stranieri, acquistano talvolta strutture di vendita già esistenti o prendono in franchising intere unità immobiliari destinate alla vendita al dettaglio. No, ma ai sensi del nuovo Codice Civile ceco, la corresponsione di un compenso al precedente conduttore può essere dovuta. Vi sono, più in generale, normative speciali applicabili ai contratti di immobili ad uso non abitativo. Tali normative saranno abrogate dal 1 gennaio 2014, data di entrata in vigore del nuovo Codice Civile. Sì, per aree di vendita superiori a m.q. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. È piuttosto raro. Solitamente il locatore cerca di negoziare un aggiornamento del canone e/o una proroga del contratto. Sì, si applica lo statuto per i contratti commerciale previsto dal Codice del Commercio e molte delle disposizioni ivi contemplate sono di natura obbligatoria. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. Si applicano le disposizioni in materia previste dal Codice Civile tedesco. Benché non vi siano particolari normative, le autorità giudiziarie possono verificare le condizioni dei contratti commerciale alla luce della normativa generale applicabile e dichiararle nulle se onerose. 05

6 Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Cecoslovacchia Francia Germania Tra i 5 e i 10 anni. I canoni basati sul fatturato sono frequenti nei grandi centri commerciali dove il canone tende ad essere suddiviso in un importo base minimo e in una percentuale del fatturato stabilita di comune accordo tra le parti. In tutti gli altri casi tale tipo di canone non è frequente. Il canone viene allineato annualmente ai relativi indici di inflazione l Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo per i paesi dell Area Europea o dell EU 27 o l Indice dei Prezzi al Consumo dell Ufficio Statistico Ceco. I nuovi conduttori versano solitamente un deposito cauzionale pari a 3 o 6 mesi di canone. Le garanzie rese dalla controllante sono accettabili se il gruppo gode di una buona reputazione. Non sono solitamente richieste garanzie ai grandi esercenti la vendita al dettaglio soprattutto quelli attivi nel settore alimentare. Tra i 9 e i 12 anni. Il conduttore ha facoltà, salvo in caso di sua rinuncia a esercitare tale diritto, di risolvere il contratto ogni 3 anni. Nei centri commerciali, il canone risulta essere costituito, nella maggior parte dei casi, da una percentuale del fatturato e da un canone minimo garantito. In tutti gli altri casi i canoni basati sul fatturato sono rari. Nella maggior parte dei casi il canone è aggiornato annualmente. I contratti prevedono solitamente una caparra pari a 3 mesi di canone. In molti casi i locatori possono richiedere anche una garanzia bancaria di importo pari a un anno di canone. La durata iniziale è spesso pari a 10 anni. In tali casi, al conduttore è solitamente data la possibilità di poterla estendere per due volte (per un ulteriore periodo di 5 anni ciascuno). Nei centri commerciali, il canone risulta essere costituito, nella maggior parte dei casi, da una percentuale del fatturato e da un canone minimo garantito. In tutti gli altri casi i canoni basati sul fatturato sono rari. Nella maggior parte dei casi il canone è aggiornato annualmente, tenendo spesso conto dell indice dei prezzi al consumo (Verbraucherpreisindex). I contratti prevedono solitamente una garanzia pari a 3 mesi di canone inclusiva dei costi di servizio, in forma di caparra o di fideiussione bancaria. 06 il Real Estate del Settore Moda

7 Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? È legale l accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Cecoslovacchia Francia Germania Sì. Gli immobili destinati alla vendita al dettaglio devono essere muniti di apposite licenze. Una tale disposizione potrebbe costituire violazione delle leggi applicabili in materia di concorrenza, ogni caso andrebbe valutato singolarmente. Tali accordi sono di fatto abbastanza frequenti. Sì. Gli immobili destinati alla vendita al dettaglio devono essere muniti di apposite licenze. I patti di non concorrenza ai sensi dei quali un locatore si impegna a non concedere in locazione la struttura di vendita a terzi che svolgono la stessa attività del conduttore sono valide nella maggior parte dei casi. Sì. Gli immobili destinati alla vendita al dettaglio devono essere muniti di apposite licenze. I patti di non concorrenza ai sensi dei quali un locatore si impegna a non concedere in locazione la struttura di vendita a terzi che svolgono la stessa attività del conduttore sono valide nella maggior parte dei casi. 07

8 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo esercizio commerciale per la vendita al È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Hong Kong Ungheria Italia Solitamente mediante la stipula ex novo di un contratto commerciale o il subentro in un contratto commerciale già esistente o la stipula di contratti di concessione di vendita con locatori di centri commerciali. Sì. È necessario ottenere una apposita autorizzazione dalle autorità comunali. In Ungheria si registrano al momento alti tassi di sfitto sia nei centri commerciali che in prestigiose location cittadine. L avvio di una nuova attività dettaglio implica solitamente la stipula ex novo di un contratto. Sì. Solitamente mediante la stipula ex novo di un contratto immobiliare o di un contratto di affitto di ramo d azienda (molto frequenti nel contesto dei centri commerciali per la possibilità di ottenere autorizzazioni commerciali unitarie). L acquisto di location fronte strada può avvenire mediante cessione, da parte degli attuali conduttori, di contratti già esistenti a fronte della corresponsione di una indennità. Il subentro/rilevamento di una location fronte strada o ubicata in posizione centrale potrebbe comportare il pagamento di un corrispettivo. Sì, i contratti per l'esercizio della vendita al dettaglio sono disciplinati dal Codice Civile e da una Legge speciale in tema di Locazioni che garantisce un elevato livello di tutela degli interessi dei conduttori. I contratti di immobili sono soggetti al regime speciale previsto dalla Legge 392/1978. I contratti di affitto di rami d'azienda sono invece soggetti solo alle disposizioni del Codice Civile. 08 il Real Estate del Settore Moda

9 Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? Hong Kong Ungheria Italia Tra i 3 e i 7 anni. Per i contratti per l esercizio della vendita al dettaglio è frequente avere canoni di tipo misto (un canone base più un canone basato sul fatturato). Nel periodo di durata inizialmente fissato, il canone viene solitamente aggiornato con cadenza annuale secondo una percentuale prestabilita, nei successivi periodi di proroga esso è allineato ai canoni di mercato. Attualmente non superiore ai 5 anni con possibilità di interromperla e di estenderla. In molti luoghi, i canoni di locazione sono attualmente basati sul fatturato. I conduttori possono facilmente sottrarsi all obbligo del pagamento di un canone minimo fisso. Il canone tende a rimanere stabile o a subire, come conseguenza dell alto tasso di sfitto, delle leggere flessioni. I contratti di immobili ad uso commerciale devono avere una durata minima di 6 anni e sono automaticamente rinnovati per periodi aggiuntivi di 6 anni ciascuno salvo comunicazione inviata da una delle parti con un preavviso di 12 mesi in cui si rende nota la volontà di non procedere con il relativo rinnovo (il diritto del locatore di rifiutare il rinnovo del contratto dopo la scadenza è limitato). La durata dei contratti di affitto di rami d'azienda oscilla solitamente tra i 5 e i 15 anni. I contratti di affitto di rami di azienda prevedono solitamente sia un canone basato sul fatturato che un canone fisso minimo garantito (soggetto agli aggiornamenti ISTAT). I canoni di immobili prevedono solitamente canoni fissi anche se i canoni basati sul fatturato non sono vietati dalla legge. Il canone è di solito soggetto ad aumenti annui basati su una determinata percentuale (che, a seconda della durata del contratto, oscilla tra il 75% e il 100%) della variazione dell indice del costo della vita dell anno precedente. 09

10 È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? È legale l accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Hong Kong Ungheria Italia La caparra per i conduttori di attività dettaglio è normalmente pari a tre mesi di canone, alle spese di gestione, di condizionamento dell aria e a un quarto della tariffe governative e/o del canone governativo e può essere corrisposta sia in contanti che tramite fideiussione bancaria. Sì. Occorre ottenere una licenza commerciale generica per gli immobili locati. Non sono solitamente previste specifiche restrizioni di legge per le attività dettaglio. Ciò potrebbe costituire violazione della legge in materia di concorrenza, la normativa in quest ambito è tuttavia entrata in vigore solo nel 2013 e non è ancora chiaro quali saranno i suoi effetti. I locatori richiedono solitamente un deposito cauzionale o una fideiussione bancaria pari a tre mesi di canone e al costo dei servizi, IVA inclusa. Sì, è legale. È prassi comune escludere un dato gruppo di concorrenti da una location. Sì, anche se la legge italiana impone dei limiti all importo della caparra che non può superare 3 mesi di canone. Sono solitamente richieste delle fideiussioni bancarie. Le garanzie rilasciate dalle società controllanti possono essere accettate dai locatori solo per importanti operatori internazionali. Sì. Esistono disposizioni urbanistiche e altre norme di diritto pubblico che limitano la possibilità di avviare attività dettaglio in alcune aree (o che richiedono la presentazione di domande per l ottenimento di apposite licenze). Sì. 10 il Real Estate del Settore Moda

11 Paesi Bassi Norvegia Polonia Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Non è richiesta nessuna autorizzazione commerciale specifica per l'apertura di dettaglio. Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo negozio Solitamente mediante la stipula ex novo di un contratto commerciale nella location desiderata o mediante il subentro, in veste di nuovo conduttore, in un contratto commerciale già esistente. L'apertura di un nuovo esercizio commerciale avviene solitamente mediante la costituzione di una nuova società a responsabilità limitata che stipula un nuovo contratto commerciale oppure subentra in un contratto di locazione commerciale già esistente. Generalmente mediante la stipula ex novo di un contratto commerciale oppure mediante l'acquisto, nella location desiderata, dell'immobile in cui il centro commerciale per la vendita al dettaglio dovrà essere sviluppato. Lo sviluppo di reti di franchising per il commercio al dettaglio viene effettuato solo da grandi retailers già presenti sul mercato. È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare È più frequente il pagamento di un corrispettivo all'attuale conduttore. No, non lo è. 11

12 Paesi Bassi Norvegia Polonia Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? I contratti per l'esercizio della vendita al dettaglio e i contratti alberghiera sono soggetti a un regime speciale. Non è consentito inserire condizioni diverse da quelle previste dalla legge in contratti di locazione per l'esercizio della vendita al dettaglio se tali condizioni risultino essere pregiudizievoli per il conduttore, salvo che con il consenso dell'autorità giudiziaria. Non vi sono normative specifiche oltre a quelle disciplinanti tutti i contratti commerciale. 5 anni più 5. Di solito 10 anni con la possibilità di estenderla per un periodo aggiuntivo di 5 anni. Non sono tuttavia infrequenti contratti la cui durata va dai 5 ai 10 anni. I contratti basati sul fatturato sono frequenti. Nella maggior parte dei casi, il canone viene aggiornato annualmente. Entrambe le parti hanno il diritto di richiedere un nuovo canone il cui importo è da stabilirsi alla fine del periodo iniziale della locazione e, nuovamente, 5 anni dopo. Questo tipo di contratto è piuttosto frequente specialmente nei centri commerciali, ma è soggetto a un livello di canone minimo. Se il canone non è basato sul fatturato, sarà un canone fisso soggetto, tuttavia, ad aggiustamenti in linea con l'indice dei Prezzi al Consumo. Solitamente 5 o 10 anni. Molto usato. Il canone di locazione nei centri commerciali consiste solitamente in un canone minimo e in un canone basato sul fatturato. È prassi diffusa includere nel contratto delle disposizioni che abbiano come effetto una indicizzazione annua del canone. 12 il Real Estate del Settore Moda

13 Paesi Bassi Norvegia Polonia È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Sì, una fideiussione bancaria di importo pari a 3 mesi di canone o una garanzia concessa dalla società controllante. Sì, tutti i conduttori sono tenuti a fornire una garanzia o una caparra di importo minimo pari a 6 mesi di canone. Sì, è prassi comune che i locatori richiedano delle garanzie, solitamente di importo pari a 3 mesi di canone. Fideiussioni bancarie, caparre o atti notarili in cui ci si sottopone volontariamente a procedimenti esecutivi sono piuttosto frequenti. Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? Sì. Gli immobili destinati ad attività dettaglio devono essere muniti di apposita licenza. Sì, ma generalmente ciò riguarda soprattutto i centri commerciali. Ogni area destinata allo svolgimento di attività dettaglio deve essere munita di apposita licenza. Se esiste un piano urbanistico locale disciplinante l area, ogni investimento dovrà essere effettuato in stretta osservanza dello stesso. In assenza di un tale piano, l investimento potrà essere avviato sulla base di una decisione urbanistica. È legale l accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Ciò potrebbe costituire violazione della legge in materia di concorrenza ma, per un iniziale periodo di 7 anni, è consentito raggiungere accordi concernenti la destinazione d uso delle unità di vendita di un centro commerciale. I patti di non concorrenza sono piuttosto frequenti nei centri commerciali e ammessi dalla legge. Molti contratti per lo svolgimento di attività dettaglio includono disposizioni con cui si vieta ai locatori di concedere in locazione altre unità di vendita nello stesso centro commerciale a concorrenti del conduttore o a retailer che offrono lo stesso tipo di merce. Tali disposizioni sono diventate prassi comune nei grossi centri commerciali ma è necessario sempre valutarle dal punto di vista della legge sull anti-trust. 13

14 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo negozio È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Portogallo Romania Russia Generalmente non è richiesta nessuna autorizzazione commerciale per l'esercizio di un'attività dettaglio. n'autorizzazione può tuttavia essere richiesta per l'esercizio di particolari attività (ad esempio, le farmacie). Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto o sub-locazione. Si possono acquistare anche immobili o attività commerciali già esistenti. È consentito solo il pagamento anticipato del canone per un periodo non superiore a 3 mesi. Tutte le società devono essere iscritte al registro delle imprese e munite di una autorizzazione per l'esercizio di attività commerciali, inclusa la vendita al dettaglio. Altre licenze/autorizzazioni possono essere richieste a seconda dello specifico settore dettaglio. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto di locazione commerciale. Solitamente il locatore negozia un canone più elevato. L'apertura di un nuovo esercizio commerciale per la vendita al dettaglio solitamente avviene mediante la costituzione di una nuova società e la stipula di un contratto commerciale. In alcune occasioni si ricorre anche al franchising. È diventato tuttavia molto frequente che i titolari di prestigiosi marchi svolgano direttamente la propria attività retail. È usuale concordare un nuovo canone. Talvolta vengono offerti degli sconti (i.e., periodi in cui il canone non è dovuto) che riflettono il periodo di allestimento dell'esercizio commerciale durante il primo anno di locazione. 14 il Real Estate del Settore Moda

15 Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? Portogallo Romania Russia Le locazioni urbane sono disciplinate dal Codice Civile. Le locazioni commerciali per la vendita al dettaglio in centri o parchi commerciali sono disciplinate da contratti atipici. Solitamente tra i 5 e i 10 anni. In assenza di un accordo in tal senso tra le parti, la durata del contratto si intenderà essere pari a 5 anni. Il canone basato sul fatturato non è frequenti nei contratti commerciale. Questo tipo di canone è usato solo nei centri commerciali. L aumento del canone avviene solitamente con cadenza annuale. Ogni aumento deve essere allineato al tasso legale annuo approvato dal governo. Le parti possono tuttavia stabilire contrattualmente altre modalità di aggiornamento del canone. Ogni tipo di contratto di locazione commerciale è disciplinato dal Codice Civile in cui sono generalmente previste norme e regolamenti che, a discrezione delle parti, possono essere incluse o meno nel contratto da esse stipulato. La durata dei contratti di locazione commerciale stipulati con conduttori prestigiosi (anchor tenants) supera i 10 anni. In caso di conduttori meno prestigiosi, la durata standard va dai 3 ai 5 anni. Nei centri commerciali è frequente che il canone di locazione sia costituito da una percentuale del fatturato soggetta a un canone mensile minimo garantito. Nella maggior parte dei casi il canone è aggiornato annualmente, in linea con l Indice Armonizzato dei Prezzi al Consumo. Qualche volta le parti concordano un aumento fisso del canone a seconda della durata del relativo contratto di locazione. Varia a seconda della superficie dell unità di vendita, può essere quindi pari a 5, 10 o 15 anni. La pratica dei canoni basati sul fatturato esisteva nei centri commerciali di grandi dimensioni prima della crisi finanziaria del Attualmente, la maggior parte dei locatori preferisce operare in base a dei canoni fissi. L aggiornamento del canone avviene di solito annualmente in una percentuale che varia dal 3 fino al 7 per cento a seconda della location. L adeguamento del canone avviene in base all Indice dei Prezzi al Consumo o ad altri indici analoghi. 15

16 È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? È legale l accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Portogallo Romania Russia Sì, tra esse solitamente rientrano: garanzie (la responsabilità viene assunta personalmente da un terzo) caparre di importo oscillante tra i 3 e i 6 mesi di canone fideiussioni bancarie di importo pari a circa 6 mesi di canone. Sì, vi sono disposizioni urbanistiche che possono limitare l insediamento di attività dettaglio in determinate aree. Il piano urbanistico stabilirà le destinazioni d uso consentite in una determinata area. Potrebbe costituire violazione della legge in materia di concorrenza. I contratti prevedono solitamente garanzie di importo oscillante tra i 3 e i 6 mesi di canone in forma di garanzia bancaria o di deposito in contanti. In presenza di fabbricati già realizzati, l immobile dovrà essere conforme alle disposizioni urbanistiche generali che possono imporre restrizioni su strutture destinate ad attività dettaglio. Questo tipo di clausole di esclusiva può dare origine a problematiche di natura concorrenziale. Si suggerisce di effettuare un autovalutazione volta a stabilire gli effetti concreti prodotti da una tale clausola sul relativo mercato. I locatori richiedono solitamente il pagamento di un deposito cauzionale il cui importo oscilla tra i 3 e i 6 mesi del canone fisso. Le garanzie bancarie sono meno frequenti. Alcuni locatori richiedono anche garanzie da parte delle società controllanti in presenza di conduttori di nuova costituzione. Sì, nella misura in cui la destinazione d uso consentita dell immobile sia adatta all attività di vendita al dettaglio. Le restrizioni urbanistiche sono generalmente applicabili a strutture di nuova costruzione. Questo tipo di disposizioni non è di natura vincolante per i locatori e può comportare una responsabilità sia da parte degli stessi che dei conduttori per violazione della legge anti-trust. Ci si imbatte tuttavia in disposizioni di tale tipo in contratti riguardanti grandi esercenti la vendita al dettaglio. 16 il Real Estate del Settore Moda

17 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo negozio È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Spagna Svezia Tailandia No, a meno che il contratto sia stipulato da una persona fisica o da una persona giuridica straniera il cui capitale sociale non raggiunga l'importo minimo richiesto dal Foreign Business Act. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. I contratti applicabili a immobili ad uso commerciale sono disciplinati dalle disposizioni convenute tra le parti nonché da quelle dello Spanish Urban Leases Act (Act 29/1994 del 24 novembre) e dal Codice Civile. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto commerciale già esistente. Il franchising di intere unità immobiliari destinate all'esercizio della vendita al dettaglio è piuttosto raro come lo è anche l'acquisto di attività commerciali già esistenti. In location ubicate in posizioni privilegiate può succedere ma non è ritenuta prassi normale. Mediante la stipula ex novo di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto di locazione commerciale già esistente. Alle società che intendono avviare dettaglio è spesso consentito l'acquisto della piena proprietà del relativo terreno, anche se, nel caso in cui trattasi di società a capitale estero, le stesse possono essere soggette a restrizioni. Sì. 17

18 Qual'è la durata standard di un contratto Quanto frequenti sono i canoni di locazione basati sul fatturato? Il livello del canone tende a rimanere fisso o ad aumentare? Spagna Svezia Tailandia La durata standard nel settore della vendita al dettaglio va dai 3 ai 15 anni e può essere interrotta dopo un periodo fisso iniziale. Nei centri commerciali è abbastanza frequente avere una struttura di canoni basati sul fatturato e su di un canone minimo garantito, oppure un canone fisso più un canone basato sul fatturato. In altri contesti i canoni basati sul fatturato sono rari. Sì, il canone è solitamente aggiornato con cadenza annuale secondo l Indice Nazionale dei Prezzi al Consumo. La revisione del canone di mercato non è infrequente in contratti di locazione commerciale ed ha efficacia dal quinto anno in poi. Tra i 3 e i 5 anni. Nei centri commerciali è frequente che l'80% circa del canone sia costituito da un importo fisso e il restante 20% da un canone basato sul fatturato. In altri contesti i canoni basati sul fatturato non sono frequenti. L adeguamento del canone avviene solitamente ogni anno mediante indicizzazione. Tuttavia, la rinegoziazione formale del canone avviene normalmente alla fine del periodo di durata del relativo contratto, i.e., ogni 3 o 5 anni. Tra i 3 e i 15 anni. Le parti solitamente optano per una durata pari a 3 anni con la possibilità di successivi rinnovi solitamente quattro opzioni per evitare la registrazione del contratto e i costi ad essa associati. Benché esistenti non sono molto frequenti. Il canone è aggiornato solitamente ogni tre anni. L aumento medio oscilla tra l 8% e il 15%, e gli aumenti sono spesso ancorati alle fluttuazioni del mercato. 18 il Real Estate del Settore Moda

19 È usuale che il nuovo conduttore fornisca delle garanzie al locatore? Vi sono disposizioni urbanistiche che limitano l insediamento di attività di vendita al dettaglio in determinate aree? È legale l accordo raggiunto tra un locatore e un conduttore finalizzato all esclusione, da una determinata location, di un altro retailer? Spagna Svezia Tailandia Vi è una caparra obbligatoria prevista dalla legge pari a due mesi di canone. Sono molto frequenti anche garanzie contrattuali di altro tipo, di solito in forma di garanzia bancaria a prima richiesta. Esse possono essere sostituite, in alcuni casi, da garanzie societarie. Sì, i parametri urbanistici applicabili disciplinano l implementazione della destinazione d uso per la vendita al dettaglio. In Spagna, inoltre, ogni regione ha al riguardo le proprie normative. Sì, le clausole di esclusiva nei contratti per centri commerciali sono molto frequenti. Le società dedite alla vendita al dettaglio di nuova costituzione solitamente sono tenute a fornire delle garanzie, quali una garanzia rilasciata dalla società controllante, una garanzia bancaria o una caparra. Sì. Gli immobili ad uso commerciale generico devono essere muniti di apposite licenze. Non sono normalmente previste specifiche restrizioni di legge per le attività dettaglio. Sì. Sì. Un deposito cauzionale di tre mesi è solitamente dovuto per un contratto con durata pari a tre anni. Sì. Esistono disposizioni urbanistiche che limitano la possibilità di avviare attività dettaglio in alcune aree. Sì, è ammissibile nella misura in cui non siano violate le leggi thailandesi in materia di concorrenza e, in particolare, le disposizioni del Trade Competition Act, In generale, gli accordi di esclusiva nei contratti sono abbastanza frequenti ma dipendono spesso dal potere contrattuale delle parti. 19

20 Serve una autorizzazione commerciale per poter esercitare Come avviene normalmente l'apertura di un nuovo esercizio commerciale per la vendita al È usuale pagare un corrispettivo al locatore per poter subentrare in un contratto commerciale o rilevare Vi sono specifici regimi legali applicabili alla locazione e/o alla gestione di esercizi per la vendita al Turchia Emirati Arabi Abu Dhabi Emirati Arabi Dubai Sì, è necessario ottenere dall'autorità comunale competente una licenza di esercizio per ogni singola unità dettaglio. Solitamente mediante la stipula ex novo, nella location desiderata, di un contratto commerciale ovvero il subentro in un contratto di locazione commerciale già esistente. Sì. Pagare un corrispettivo al locatore o al precedente conduttore per location ben posizionate è molto frequente. Il Codice delle Obbligazioni turco contiene una sezione speciale dedicata alle locazioni in cui sono separatamente disciplinati i contratti commerciale e i contratti ad uso abitativo. Sì, è richiesta una autorizzazione commerciale. Tutte le società hanno l'obbligo di registrare la propria denominazione commerciale e iscriversi presso la Camera di Commercio e dell'industria di Abu Dhabi (ADCCI). Le autorizzazioni commerciali per l'esercizio della vendita al dettaglio sono solitamente rilasciate solo a società a responsabilità limitata locali. Uno dei partner locali è tenuto a costituire tale società a responsabilità limitata e a stipulare il contratto di locazione commerciale. È consentito l'uso di contratti di distribuzione, di agenzia e di franchising. Non vi sono regolamenti specifici oltre alle generali disposizioni di legge applicabili ai contratti di immobili ad uso commerciale. Tutte le società devono essere in possesso di una autorizzazione commerciale contenente un elenco delle attività oggetto dell'autorizzazione. La società stipula solitamente ex novo un contratto di locazione commerciale. Le cessioni sono piuttosto insolite a Dubai. la società è tenuta a richiedere la licenza commerciale al Dipartimento dello Sviluppo Economico di Dubai. Non vi sono regolamenti specifici oltre alle generali disposizioni di legge applicabili ai contratti di immobili ad uso commerciale. 20 il Real Estate del Settore Moda

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA:

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE TRA: il Sig. nato a il residente a, codice fiscale, di seguito denominato parte locatrice E: il Sig. nato a il residente a, codice

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE

STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 ATTIVITÀ 42.99.01 ATTIVITÀ 68.10.00 ATTIVITÀ 68.20.02 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE STUDIO DI SETTORE UG40U ATTIVITÀ 41.10.00 SVILUPPO DI PROGETTI IMMOBILIARI SENZA COSTRUZIONE ATTIVITÀ 42.99.01 LOTTIZZAZIONE DEI TERRENI CONNESSA CON L URBANIZZAZIONE ATTIVITÀ 68.10.00 COMPRAVENDITA DI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

REGISTRARE CONTRATTO

REGISTRARE CONTRATTO REGISTRARE UN CONTRATTO DI LOCAZIONE Se si affitta un immobile o un fondo rustico, sia l affittuario (conduttore) che il proprietario (locatore) sono obbligati a registrare il contratto di locazione eadassolvere

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE

CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE CONTRATTO-TIPO DI LOCAZIONE..., li... INDIVIDUAZIONE DELLA LOCATRICE...... di seguito detta "LOCATRICE", in persona..., concede in locazione al/alla Sig./Sig.ra... INDIVIDUAZIONE DEL CONDUTTORE 1)........

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE

DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE DOSSIER GLI ONERI DI COSTRUZIONE L'esecuzione di interventi edilizi è onerosa: il titolare del permesso abilitativo deve infatti versare alla pubblica amministrazione un contributo equivalente al costo

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA

I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA I RAPPORTI CONTRATTUALI NELLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA Elementi di studio e riflessione sulle forme contrattuali, derivate dalla applicazione della disciplina del c.c., legislativa, normativa

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura

Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura Condizioni generali per il Commercio all'ingrosso di Prodotti di floricoltura adottate dall'associazione olandese Grossisti di Prodotti di Floricoltura ( Vereniging van Groothandelaren in Bloemkwekerijproducten

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa

Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa Affitti in nero: convenienza ZERO Opportunità e agevolazioni per gli studenti alla ricerca di casa A cura del Comando Provinciale Guardia di Finanza Studia e vivi Roma Studia e vivi Roma è una guida di

Dettagli

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA

III. QUANDO SI ACQUISTA CASA III. QUANDO SI ACQUISTA CASA Quando si compra casa le imposte da pagare indicato nell'atto, provvede alla rettifica e sono diverse (registro o Iva) a seconda che il alla liquidazione della maggiore imposta

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI

CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE AI CLIENTI FINALI Allegato A alla deliberazione ARG/com 104/10 versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Roma, 1 marzo 2007. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N.12/E OGGETTO: Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 1 marzo 2007 OGGETTO: Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006 e successive modifiche Revisione del regime fiscale delle cessioni

Dettagli

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE

CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Società immobiliari CAPITOLO I L IMPOSIZIONE DIRETTA PER LE SOCIETÀ SEMPLICI IMMOBILIARI 1 1 SOCIETÀ SEMPLICI ESERCENTI ATTIVITÀ DI GESTIONE IMMOBILIARE Ai sensi dell art. 2249 c.c., le società che hanno

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA

SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA LE CONDIZIONI DI SEGUITO PUBBLICIZZATE NON COSTITUISCONO OFFERTA AL PUBBLICO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione: Iccrea BancaImpresa S.p.A. Sede Legale: Via Lucrezia Romana nn. 41/47-00178

Dettagli

Domanda di Certificazione Fairtrade

Domanda di Certificazione Fairtrade Domanda di Certificazione Fairtrade Procedura operativa standard Valida dal: 17.09.2013 Distribuzione: pubblica Indice 1. Scopo... 4 2. Campo di applicazione... 4 2.1 Chi deve presentare domanda di certificazione

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo

LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE. Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo LA MODULISTICA NELLA MEDIAZIONE IMMOBILIARE Linee guida per la predisposizione e l utilizzo La modulistica nella

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli