Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza"

Transcript

1 Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Leonardo Vita Marco Pirozzi

2 L albero cardanico L albero cardanico é un organo meccanico atto a trasmettere il moto rotatorio fra due assi non allineati nello spazio anche in presenza di variazioni reciproche della posizione degli assi stessi che intervengano durante il moto, purché tali variazioni siano contenute entro un limite consentito dalle caratteristiche costruttive dichiarate dal costruttore. In agricoltura viene in genere impiegato per la trasmissione della potenza dal trattore: - ad una macchina agricola che lavora in posizione fissa (elevatore, pompa per liquami, ecc.); - a macchine agricole con ruote motrici (rimorchi, ecc.); - a macchine agricole trainate o portate che operano al seguito del trattore stesso.

3 Il giunto cardanico Il rapporto di trasmissione del giunto cardanico è unitario solamente nel caso di assi allineati. In tutte le altre configurazioni il suo valore è diverso dall unità e funzione dell angolo di snodo. In tali configurazioni la velocità di output, a fronte di una velocità di input costante, presenta un andamento sinusoidale la cui frequenza dipende dall angolo di snodo. Tale comportamento determina vibrazioni e rumorosità. Per tali motivi gli angoli di snodo, pur potendo raggiungere i 35, sono soggetti alle seguenti restrizioni: 16 a velocità di rotazione dell albero di ingresso di 540 giri/min e 9 per velocità di rotazione pari a 1000 giri/min.

4 Giunti omocinetici e grandangolari Giunto omocinetico Giunto grandangolare E impiegato per applicazioni che richiedono angoli di lavoro grandi, ma non superiori a 80 Permette la trasmissione del moto in maniera uniforme senza oscillazioni di velocità. Possono essere raggiunti disallineamenti di 40

5 Limitatori di coppia A dischi d attrito. per limitare il momento torcente al valore nominale trasmesso in maniera continua. I dischi slittano uno rispetto all altro se viene superata la coppia massima applicata. A nottolini. Per limitare il momento torcente al valore nominale che viene trasmesso in maniera pulsante. A bullone. per limitare il momento torcente al valore nominale a seguito della tranciatura di un bullone. Una volta intervenuto, il limitatore non trasmette più alcuna coppia se non dopo avere rimpiazzato il bullone.

6 Ruota libera La ruota libera è un dispositivo che consente la trasmissione del movimento solo in una direzione (dal trattore verso la macchina ricevente). E impiegata per proteggere la trasmissione dai ritorni di potenza dovuti a masse rotanti dotate di elevata inerzia.

7 Scudo di protezione GHIERA DI CHIUSURA SCUDO DI PROTEZIONE ALBERO CROCIERE PROTEZIONE

8 UNI EN 12965:2003 Trattori e macchine agricole o forestali Alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) e loro protezioni - Sicurezza La presente norma specifica i requisiti di sicurezza e la loro verifica per la progettazione e la costruzione di alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza e loro protezioni che collegano macchine semoventi (o trattori) al primo supporto fisso delle macchine riceventi, descrivendo i metodi per eliminare o ridurre i rischi che necessitano di requisiti specifici

9 Termini e definizioni Sistema di trattenuta. Parte della protezione dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. che impedisce la rotazione della protezione quando l albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. ruota. Giunto cardanico grandangolare. Giunto omocinetico che consente il funzionamento con un angolo generalmente maggiore di 50. Ruota libera. Dispositivo che consente la trasmissione del movimento solo in una direzione (dal trattore verso la macchina ricevente). La ruota libera è generalmente utilizzata con una macchina ricevente avente massa inerziale elevata. Limitatore di coppia. Dispositivo che interrompe o limita la trasmissione del movimento tra trattore e macchina ricevente quando la coppia raggiunge un valore prefissato.

10 Parti dell albero di trasmissione e della protezione 1. Presa di potenza (p.d.p.) 2. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 3. Forcella esterna del cardano corrispondente alla p.d.p. 4. Forcella esterna del cardano corrispondente alla a.r.m. 5. Estremità della forcella interna del giunto cardanico 6. Giunto cardanico 7. Forcella doppia 8. Estremità della forcella doppia del giunto cardanico 9. Giunto cardanico di trasmissione grandangolare 10. Cono di protezione 11. Tubo di protezione 12. Cuscinetto di protezione 13. Protezione separata del giunto cardanico di trasmissione grandangolare 14. Sistema di trattenuta 15. Protezione dell albero cardanico di trasmissione della p.d.p. 16. Protezione dell albero cardanico di trasmissione grandangolare dalla p.d.p.

11 Ruota libera e limitatore di coppia Ruota libera 1. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 2. Ruota libera Limitatore di coppia 1. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 2. Limitatore di coppia

12 Requisiti e/o misure di sicurezza La protezione deve essere progettata in modo tale da prevenire il contatto con le parti mobili dell albero mentre l albero è in funzione in conformità al manuale di istruzioni e mentre l albero è collegato nel modo appropriato tra un trattore o una macchina semovente e una macchina ricevente. Le parti esterne della protezione non devono girare con l albero di trasmissione. Se è previsto un limitatore di coppia e/o una ruota libera sull albero di trasmissione esso deve essere situato sul lato dell albero ricettore della macchina (a.r.m.). Salvo indicazioni contrarie fornite nella norma, tutte le aperture e le distanze di sicurezza devono essere conformi ai prospetti 1, 3, 4 e 6 della norma EN 294: 1992 (sostituita dalla UNI EN ISO 13857: Sicurezza del macchinario. Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose con gli arti superiori e inferiori).

13 Giunto cardanico La protezione deve ricoprire l albero di trasmissione almeno fino all estremità della forcella interna del giunto cardanico. Distanza massima tra l estremità dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. e l asse del dispositivo di bloccaggio (Dimensioni in millimetri) Tipo di p.d.p. c (max.) Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

14 Giunto cardanico grandangolare L albero di trasmissione deve essere protetto in posizione orizzontale almeno fino all estremità del giunto esterno della forcella doppia Distanza massima tra l estremità dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. e l asse del dispositivo di bloccaggio (Dimensioni in millimetri) Tipo di p.d.p. c (max.) Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

15 Giunto cardanico grandangolare Quando un giunto grandangolare è protetto per mezzo di una protezione separata indipendente dalla protezione di altre parti dell albero di trasmissione, la protezione di questo giunto grandangolare deve essere garantita come segue: nella posizione angolare massima dell albero di trasmissione rotante, come indicato dal costruttore nel manuale d uso, la luce risultante dal movimento angolare non deve essere maggiore di 30 mm. 1. Angolo massimo del giunto 2. Luce massima

16 Giunto cardanico grandangolare una sovrapposizione tra la protezione separata e il cono di protezione deve risultare perpendicolare all asse dell insieme dell albero di trasmissione quando si trova nella posizione angolare massima. 1. Angolo massimo del giunto 2. Luce massima

17 Giunto cardanico grandangolare la sovrapposizione tra la protezione separata e il cono di protezione deve essere almeno di 50 mm con l albero motore in posizione allineata Laddove la distanza tra la protezione dell albero e la protezione del giunto grandangolare non è maggiore di 4 mm in qualunque posizione angolare fino a quella massima, la sovrapposizione di 50 mm può essere ridotta a 10 mm nella posizione allineata 1. Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

18 Protezione La protezione deve essere progettata in modo da non poter essere smontata dall albero di trasmissione senza l ausilio di un attrezzo. Per consentire il montaggio e il blocco, o lo smontaggio manuale dell albero di trasmissione dalla p.d.p. e per ottenere una sufficiente sovrapposizione tra lo scudo di protezione della p.d.p. del trattore e la protezione del giunto cardanico o del giunto cardanico grandangolare la dimensione c deve essere max 80 mm per i tipi di p.d.p. 1 e 2 e 90 mm per il tipo 3 di p.d.p. Le dimensioni del cono che protegge i giunti cardanici devono essere tali che il cono non sia danneggiato dal contatto con lo scudo di protezione della p.d.p. del trattore o delle macchine semoventi quando l albero di trasmissione e la sua protezione si trovano nella posizione massima angolare indicata dal costruttore nel manuale di istruzioni. Per verificare tale requisito è prevista l effettuazione di una specifica prova di cui al punto 5.2 della norma EN

19 Punti di intervento e sistema di trattenuta Punti di intervento Se delle operazioni di lubrificazione e/o ingrassaggio sono necessarie, i giunti cardanici e i cuscinetti tra l albero e la protezione devono poter essere lubrificati e/o ingrassati facilmente per mezzo di accessi diretti a tutti i punti di ingrassaggio. Se le operazioni di lubrificazione richiedono la presenza di fori, le loro dimensioni non devono essere maggiori di 25 mm. Sistema di trattenuta Deve essere previsto un sistema di trattenuta per prevenire la rotazione della protezione con l albero. La/e parte/i del sistema di trattenuta (per esempio una catena o una fune metallica) deve/devono essere accuratamente fissata/e alla protezione e munita/e di un aggancio che le/gli consenta di essere fissata a una parte fissa della macchina senza poter esserne staccata se non volontariamente, per esempio un gancio con una molla a chiusura automatica o un anello di trazione. Il sistema di fissaggio non deve essere utilizzato come sostegno dell albero.

20 Rischi residui Rischio: condizioni di lavoro limite quali angoli eccessivi, brusche sterzate, superamento di fossi. Ciò può determinare usure eccessive o rotture di pezzi e loro proiezione. Rischio: Azionamento accidentale della macchina durante le fasi di aggancio sgancio dell albero cardanico alla p.d.p., manutenzione della macchina, disimpigliamento o altro.

21 Brevetto ISPESL Per ridurre tali rischi residui l VIII Unità Funzionale del Dipartimento di Tecnologie di Sicurezza dell ISPESL ha progettato e brevettato un dispositivo di protezione interbloccato per alberi cardanici di trasmissione dalla p.d.p.

22 Brevetto ISPESL - funzionamento Protezione albero cardanico Cuffie mobili

23 Brevetto ISPESL - funzionamento Raggiungimento angolo limite Apertura della protezione Arresto della presa di potenza

24 UNI EN ISO 5674:2004 Trattrici e macchine agricole e forestali Protezioni per alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) Prove di usura e resistenza La norma europea descrive le metodologie di prova ed i criteri di accettabilità per la determinazione della resistenza all'usura, della robustezza e della durata delle protezioni non rotanti per alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) La presente norma sostituisce la UNI EN 1152:1997.

25 Prova di usura Durante tutte le fasi della prova l albero deve ruotare ed essere alternativamente allungato fino alla sua massima lunghezza per 1 min e ridotto alla lunghezza minima per 4 min. All inizio ed alla fine di ogni fase deve essere misurata la coppia necessaria ad immobilizzare le protezioni mentre l albero è posto in rotazione ad una velocità di 1000 giri/min. La sequenza di fasi è la seguente: a) Per 48 h operare a 85 C b) Per 48 h operare a temperatura ambiente c) Per 96 h operare a temperatura ambiente in atmosfera contenente 0.5 kg/m 3 di polvere d) Per 24 h operare a 85 C e) Per 24 h operare a temperatura ambiente f) Per 48 h operare a temperatura ambiente in atmosfera contenente 0.5 kg/m3 di polvere

26 Prove di resistenza

27 Prove di carico delle protezioni

28 Prova di carico assiale a basse temperature

29 Prova di urto a bassa temperatura L energia da impiegare nella prova d urto deve essere la seguente: per alberi con peso superiore a 200 N applicare una energia d urto di 98 J per alberi con peso di 200 N o inferiore applicare una energia d urto espressa in J pari alla metà del peso espresso in N

30 Schema

31 Prove sul dispositivo di fissaggio A temperatura ambiente applicare al dispositivo di fissaggio una forza di 400 N per 60 s, una volta tangenzialmente ed una radialmente, in un piano perpendicolare all albero cardanico. Dopo 60 s incrementare il carico fino a rottura del dispositivo di fissaggio. Il dispositivo deve rompersi in corrispondenza del punto di attacco alla protezione e non in altri punti. La forza a cui si verifica la rottura nel punto più debole deve essere inferiore a 800 N.

32 Raggi UV L allegato B definisce la procedura di prova alla resistenza ai raggi ultravioletti delle protezioni in plastica. Il provino deve essere una sezione dei componenti in plastica della protezione dell albero cardanico. Deve essere provato almeno un campione di dimensioni 10 mm per 10 mm per ogni differente materiale della protezione. Condizioni di prova Temperatura del pannello nero 65 ± 3 C Umidità relativa 65% ± 5% Radiazione UV 505 W/m 2 Durata della prova 1000 h Risultati della prova Verifica del colore: variazioni nella scala dei grigi devono essere in accordo con la ISO 105-A02 Verifiche meccaniche: non devono essere rilevate fratture ad un ingrandimento di 100 x. Il provino deve essere flesso manualmente senza la comparsa di fratture visibili.

33 Criteri di accettazione I criteri di accettazione finali sono i seguenti: a) Aver applicato la completa sequenza di prove alle protezioni ed ai sistemi di bloccaggio. b) I pittogrammi devono essere ancora presenti e leggibili. c) La protezione deve essere ancora funzionante dopo la sequenza di test e non deve presentare rotture, incrinature o separazioni di parti. Non vi devono essere fori o deformazioni tali da lasciare scoperte parti dell albero normalmente protette. d) La protezione non deve essersi spostata sull albero cardanico di trasmissione rispetto alla sua posizione iniziale.

TECNICA. Nuovo. Usato

TECNICA. Nuovo. Usato di Renato Delmastro, Danilo Rabino e Marco Delmastro li spandiconcime sono attrezzature usate G in agricoltura per distribuire sul terreno concime sotto forma solida, liquida o gassosa. In questa sede

Dettagli

Adeguamento di macchine usate

Adeguamento di macchine usate I.M.A. Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO tel. 011/3977501 - fax 011/3977209 Michele Galdi, Marta

Dettagli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli La sicurezza dei TRATTORI agricoli Nozioni generali applicate ai trattori agricoli o forestali In riferimento al PIANO REGIONALE DEI CONTROLLI IN AGRICOLTURA E SILVICOLTURA Tratte da Linee Guida INAIL/ISPESL,

Dettagli

4. STATO DI FORNITURA

4. STATO DI FORNITURA 4. STATO DI FORNITURA 4.1 Targhetta di identificazione e codice Ogni riduttore è dotato di una targhetta di identificazione che riporta le principali informazioni. La targhetta deve essere mantenuta visibile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Consiglio. Nazionale. delle. Ricerche

Consiglio. Nazionale. delle. Ricerche Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra UOS di Torino Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO Macchine per la lavorazione del terreno ERPICI ROTATIVI e FRESATRICI

Dettagli

Adeguamento di macchine usate

Adeguamento di macchine usate Renato Delmastro Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO tel. 011/3977501 - fax 011/3977209 Marta Marchese Unione Nazionale

Dettagli

Consiglio. Nazionale. delle. Ricerche

Consiglio. Nazionale. delle. Ricerche Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra UOS di Torino Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO Macchine per la Pulizia del terreno TRINCIATRICI AGRICOLE AD ASSE

Dettagli

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

I Controlli degli ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO I Controlli degli Relatore: Sig. Giuseppe VEZZOLI Brescia, 23 Marzo 2015 1 - DEFINIZIONE Secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE un Accessorio di Sollevamento è definito come: componente o attrezzatura

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Rischi nel settore Agricolo Forestale Vezzolano, 24 ottobre 2008 Danilo RABINO CNR-IMAMOTER Macchine agricole

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO FISSO E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO Le check-list riportate di seguito riassumono, per ciascuna delle figure coinvolte nei controlli

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI

Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI Volano bimassa GUIDA ALLA DIAGNOSI Il volano bimassa è ormai montato su quasi tutte le diesel e su molte auto a benzina e a differenza di quello classico talvolta manifesta rumorosamente il suo cattivo

Dettagli

GLI ALBERI CARDANICI E LE LORO PROTEZIONI: NECESSARIE PRUDENZA, ATTENZIONE E SCRUPOLOSITA MASSIME

GLI ALBERI CARDANICI E LE LORO PROTEZIONI: NECESSARIE PRUDENZA, ATTENZIONE E SCRUPOLOSITA MASSIME GLI ALBERI CARDANICI E LE LORO PROTEZIONI: NECESSARIE PRUDENZA, ATTENZIONE E SCRUPOLOSITA MASSIME Prof. Domenico Pessina ISTITUTO DI INGEGNERIA AGRARIA! I - 2133 MILANO - VIA G. CELORIA, 2-19 - GLI ALBERI

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI. Convegno di Medio Termine dell Associazione Italiana di Ingegneria Agraria Belgirate, 22-24 settembre 2011 memoria n. SVILUPPO DI UNA NUOVA MODALITÀ DI INNESCO A FRIZIONE CON MOLLA ELICOIDALE PER MOTOCOLTIVATORI.

Dettagli

(Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA

(Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ISTITUTO DI INGEGNERIA AGRARIA I - 20133 MILANO - VIA G. CELORIA, 2 DISPENSE DEL CORSO DI MECCANICA AGRARIA (Prof. D. Pessina) PRESA DI POTENZA a.a. 2001/2002 La presa di potenza

Dettagli

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI

INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI 5 INDICAZIONI TECNICHE RELATIVE ALLE MISURE DI PROTEZIONE DA ADOTTARE PER LA RIDUZIONE DEI RISCHI PREMESSA Il presente paragrafo è stato elaborato a partire dalle situazioni di pericolo individuate dall

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO

SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO SICUREZZA E IGIENE NELLA SCUOLA E NEL LAVORO RISCHIO MECCANICO 1 MACCHINE E ATTREZZATURE GESTIONE ADEGUATEZZA AL AL LAVORO DA DA SVOLGERE IDONEITA AI AI FINI FINI DELLA SICUREZZA E SALUTE CORRETTO UTILIZZO

Dettagli

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina

Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina Catalogo Tecnico Giunti GF con gabbia in resina - Trasmissioni Industriali S.a.s. - Via Lago di Annone,15 36015 Z.I. Schio ( VI ) Tel. 0445/500142-500011 Fax. 0445/500018 NUOVO SITO GIFLEX GF CON MANICOTTO

Dettagli

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE

MANUALE D USO, MANUTENZIONE E CONTROLLO BRACHE IN CATENA Normativa di Rif. D.Lgs 17/2010, D.M. 2006/42/CE REQUISITI DI SICUREZZA Generalità Le istruzioni d uso e manutenzione devono essere fornite dal fabbricante/fornitore per un uso corretto dell attrezzatura in termini di sicurezza e durata dello stesso.

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

Criteri di selezione martinetti

Criteri di selezione martinetti Criteri di selezione martinetti I martinetti meccanici trasformano il moto rotatorio in un movimento lineare. Questa trasformazione avviene con una perdita di potenza fra vite e madrevite. Questa perdita

Dettagli

From : BENZI Uff. Comm.le Giungo 2015 NEWS!! - AGGIORNAMENTO GAMMA OMOCINETICA

From : BENZI Uff. Comm.le Giungo 2015 NEWS!! - AGGIORNAMENTO GAMMA OMOCINETICA From : BENZI Uff. Comm.le Giungo 2015 Gen.li clienti, NEWS!! - AGGIORNAMENTO GAMMA OMOCINETICA Siamo lieti di informarvi che a partire dalle consegne di Luglio 2015 tutta la gamma omocinetica BENZI & DI

Dettagli

FALK. GIUNTO ELASTICO STEELFLEX con lamelle rastremate

FALK. GIUNTO ELASTICO STEELFLEX con lamelle rastremate FALK GIUNTO ELASTIO STEELFLEX con lamelle rastremate ARATTERISTIHE TENIHE DISALLINEAMENTO PARALLELO DISALLINEAMENTO ANGOLARE 1. PARALLELO Il movimento della molla nelle scanalature lubrificate consente

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Trasmissione del moto Prof. S. Pascuzzi 1 Trasmissione del moto ELEMENTO CONDUTTORE impartisce il moto mediante

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I GIUNTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I giunti Si definisce giunto un dispositivo capace di rendere solidali tra loro due estremità d'albero in modo tale che l'uno possa trasmettere

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

LAVORAZIONE DEL METALLO

LAVORAZIONE DEL METALLO 64 LAVORAZIONE DEL METALLO SMERIGLIATRICI 115MM - 125MM Smerigliatrice angolare 115mm 800W DWE4050 Dimensioni ultra compatte per un bilanciamento ed un ergonomia migliori sistema a spazzole con nuovo design

Dettagli

SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE

SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE MAMA - DAGA Università degli Studi di Pisa SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE PROF. ANDREA PERUZZI SICUREZZA NELL IMPIEGO DELLE MOTRICI AGRICOLE Circolazione su strada Posto di guida Organi

Dettagli

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie

NEWS 61. Moltiplicatore di pressione Serie NEWS 61 Componenti per l'automazione pneumatica Moltiplicatore di pressione www.pneumaxspa.com Generalità In alcune applicazioni, la spinta generata da un attuatore pneumatico è insufficiente a compiere

Dettagli

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05)

Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Renault Clio II 1.9 Motore Diesel F8Q 630 (98 05) Sostituzione guarnizione della testa, rovinata a causa di una perdita dell acqua dal tubo inferiore del radiatore (la vettura ha circolato senza liquido

Dettagli

2.2.5 Dispositivi di sicurezza

2.2.5 Dispositivi di sicurezza 2. Sicurezza 2. Sicurezza generale delle macchine 2.2.5 Dispositivi di sicurezza I dispositivi di sicurezza hanno la funzione di eliminare o ridurre un rischio autonomamente o in associazione a ripari.

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

SMORZATORI TORSIONALI TREVI

SMORZATORI TORSIONALI TREVI SMORZATORI TORSIONALI TREVI CONSIDERAZIONI GENERALI Per meglio comprendere l utilità e la funzionalità degli smorzatori torsionali, sempre più utilizzati e perfezionati (soprattutto con la diffusione dei

Dettagli

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29

Indice. Parte 1 Fondamenti 2. 1 Introduzione 3. 3 Analisi dei carichi e delle tensioni e deformazioni 65. 2 Materiali 29 Romane.pdf 19-09-2008 13:20:05-9 - ( ) Prefazione all edizione italiana Ringraziamenti Simboli xxi xix Parte 1 Fondamenti 2 1 Introduzione 3 xvii 1 1 Il progetto 4 1 2 La progettazione meccanica 5 1 3

Dettagli

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B )

Il braccio corto mobile è disponibile in due tipi ( tipo 5-22**-A ; tipo 5-22**- B ) Questa attrezzatura Meyer soddisfa interamente le norme di sicurezza CE. Il certificato di conformità è spedito con l attrezzatura. Il simbolo CE è riportato sulla targhetta del costruttore. Descrizione

Dettagli

Fissaggio e giochi dei cuscinetti

Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio e giochi dei cuscinetti Fissaggio dei cuscinetti 9 Fissaggio radiale 9 Fissaggio assiale 91 Posizionamento su un unico supporto 91 Posizionamento su due supporti 92 Processi di fissaggio assiale

Dettagli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli

Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli Progettazione di macchina semovente innovativa per il soccorso e la rimozione di veicoli candidato Emanuele Placuzzi rel. Prof. Luca Piancastelli correl. Dott. Maurizio Tappi Dott. Gialuca Piraccini Tesi

Dettagli

Trasportatori meccanici fissi

Trasportatori meccanici fissi Trasporti interni Trasportatori meccanici fissi Trasportatori meccanici fissi Trasportatori a rulli e a catene trasportatori a rulli trasportatori a catene Trasportatori a nastro Trasportatori a piastre

Dettagli

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro

Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino. Il centro di lavoro Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo

Dettagli

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro.

l unico sistema di trattamento dei tubi catodici che consente di tagliare la cintura antimplosione e separare i vetri in un unica stazione di lavoro. EcoCRT : trattamento tubi catodi di monitor e televisori Un progetto : Premessa e finalità della macchina La macchina è stata progettata e realizzata per il taglio del tubo catodico (separazione pannello

Dettagli

Cuscinetti a sfere in opera con grani di bloccaggio

Cuscinetti a sfere in opera con grani di bloccaggio Cuscinetti a sfere in opera con grani di bloccaggio Forniamo motori, generatori e prodotti per la trasmissione di potenza meccanica, servizi ed esperienza mirati al risparmio energetico e al miglioramento

Dettagli

TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI

TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI dimensione ALBERO in mm TABELLE DI TOLLERANZE ISO PER ALBERI s6 r6 n6 m6 j6 h5 h6 h8 h9 h11 g5 g6 f7 f8 e8 d11 da > 1 +20 +16 +10 +8 +4 0 0 0 0 0-2 -2-6 -6-14 -20 a 3 +14 +10 +4 +2-2 -4-6 -14-25 -60-6

Dettagli

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA

[SICUREZZA DELLE MACCHINE] REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA 2009 REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE NO - NOVARA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE s.c. S.PRE.S.A.L. SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA DEGLI AMBIENTI DI LAVORO [SICUREZZA DELLE MACCHINE] Il presente

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 40b - 003 GANCI MR INFERIORE E SUPERIORE AD ATTACCO

Dettagli

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08

Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Lo standard accettato per le macchine non marcate CE L allegato V del D. Lgs.. 81/08 Bologna - 4 maggio 2011 Ing. Mario Alvino Coordinatore Operativo CTS L Allegato V del Testo Unico tratta i requisiti

Dettagli

VITI TRAPEZIE. Viti trapezie rullate di precisione RPTS. Vite metrica trapezia secondo le norme DIN 103

VITI TRAPEZIE. Viti trapezie rullate di precisione RPTS. Vite metrica trapezia secondo le norme DIN 103 VITI TRAPEZIE Viti Trapezie rullate Con la rullatura il filetto presenta un indurimento superficiale ed una bassa rugosità, consentendo di non interrompere la naturale direzione delle fibre del materiale.

Dettagli

RU - STEEL I T A L I A

RU - STEEL I T A L I A GIUNTI LAMELLARI FLESSIBILI RU-STEEL Allegato ATEX 95 Indice: 1 Scelta del Giunto 2 Montaggio e allineamento 3 Controllo allineamento simultaneo 4 Protezione del Giunto 5 Intervalli di controllo 6 Disfunzioni

Dettagli

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN

ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN Scheda tecnica e manuale di montaggio RETE DI SICUREZZA ECONET S CONFORME ALLE NORMATIVE EUROPEE EN 1263-1 E EN 1263-2 1 CARATTERISTICHE TECNICHE MATERIALE: POLIPROPILENE, stabilizzato ai raggi UV. COLORE:

Dettagli

ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY

ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY ISTRUZIONI MONTAGGIO COREASSY 0 1 PREMESSA Questo coreassy è stata prodotto e collaudato secondo gli schemi della norma UNI EN ISO 9001:2008 e risulta essere perfettamente intercambiabile all originale.

Dettagli

MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI

MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI Cat Kenta ITAOK 9-03-00 :39 Pagina MOTORIDUTTORE K 911 CARATTERISTICHE GENERALI Nell ampia gamma dei motoriduttori K 911 sono presenti versioni con motori in corrente alternata (AC) a poli spezzati e in

Dettagli

2.2.6 Dispositivi di comando DPR 459/96 all.1; CEI EN 60204-1/06

2.2.6 Dispositivi di comando DPR 459/96 all.1; CEI EN 60204-1/06 2.2.6 Dispositivi di comando I dispositivi di comando costituiscono l elemento attraverso il quale l operatore attiva o disattiva le funzioni della macchina. Sono normalmente costituiti da un organo meccanico

Dettagli

G-Prop 77 Elica a Pale Auto-Orientabili Istruzioni

G-Prop 77 Elica a Pale Auto-Orientabili Istruzioni G-Prop 77 Elica a Pale Auto-Orientabili Istruzioni Indice Contenuto della fornitura... 1 Montaggio su asse elica... 2 Montaggio su Saildrive... 3 Note di funzionamento... 4 Manutenzione... 4 Dati Tecnici...

Dettagli

caricat carica ori f ori f estali

caricat carica ori f ori f estali caricatori forestali Caricatore Forestale CF 325 Z Caricatore Forestale CF 350 N Caricatore Forestale CF 400 Z Caricatore Forestale CF 450 Z 1 caricatori forestali La nostra azienza è presente da anni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo

Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo 1 Processo produttivo nello stabilimento di Piacenza, Italia. Qualità, Sicurezza, Efficienza in tutto il mondo Qualità eccellente Bolzoni Auramo offre una gaa completa di forche per carrelli elevatori,

Dettagli

INDICE ECOLINE: MODULI LINEARI A ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DATI TECNICI E CODICI D ORDINAZIONE...E5 CAPACITA DI CARICO...

INDICE ECOLINE: MODULI LINEARI A ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DATI TECNICI E CODICI D ORDINAZIONE...E5 CAPACITA DI CARICO... INDICE ECOLINE: MODULI LINERI ROTELLE LEGGERI ED ECONOMICI...E4 DTI TECNICI E CODICI D ORDINZIONE...E5 CPCIT DI CRICO...E6 REGISTRZIONI VRIE CURSORE...E7 ESEMPIO DI MONTGGIO...E7 DDI QUDRI PER IL FISSGGIO...E7

Dettagli

ALLEGATO II Dispositivi di attacco

ALLEGATO II Dispositivi di attacco ALLEGATO II Dispositivi di attacco. : il testo compreso fra i precedenti simboli si riferisce all aggiornamento di Maggio 2011 Nel presente allegato sono riportate le possibili conformazioni dei dispositivi

Dettagli

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4

PREMESSA INDICE. GRAMEGNA S.r.l. PAG. DESCRIZIONE DELLA MACCHINA... 2 DATI TECNICI... 4 NORME DI SICUREZZA... 4 INDICE PAG. PREMESSA Vi ringraziamo per la preferenza accordataci e siamo lieti di potervi annoverare tra i nostri affezionati clienti. La nostra spollonatrice, progettata e realizzata con i sistemi più

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione

COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione COMaNDI MaNualI Sistemi manuali di comando a distanza per ventilazione I sistemi Mec Line per il comando manuale a distanza dei serramenti sono supercollaudati, affidabili ed economici, di facile e rapida

Dettagli

2.3.1 Condizioni ambientali

2.3.1 Condizioni ambientali 2.3 impianti elettrici delle macchine CEI EN 60204-1 /06 L impianto elettrico delle macchine riveste, ai fini della sicurezza, un importanza rilevante. Al momento dell acquisto della macchina o in caso

Dettagli

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile

Il centro di lavoro. Centri di lavorazione meccanica. Il centro di lavoro. Macchina utensile Centri di lavorazione meccanica Il centro di lavoro Gli elementi secondari Gli utensili Il mandrino Il centro di lavoro Il centro di lavoro è una macchina utensile dotata di controllo numerico in grado

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

SERVOFLEX - ARCOFLEX GIUNTI A LAMELLE GIUNTI A LAMELLE METALLICHE

SERVOFLEX - ARCOFLEX GIUNTI A LAMELLE GIUNTI A LAMELLE METALLICHE SERVOFLEX - ARCOFLEX METALLICHE I giunti Mönninghof ServoFlex ed ArcoFlex sono costituiti da due mozzi metallici collegati ad un elemento elastico lamellare in acciaio armonico per mezzo di bulloni ad

Dettagli

Descrizione. Caratteristiche tecniche

Descrizione. Caratteristiche tecniche brevettato Descrizione La CMO è un dispositivo atto a garantire la protezione di persone/cose da urti provocati da organi meccanici in movimento quali cancelli o porte a chiusura automatica. L ostacolo

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Adeguamento di macchine usate

Adeguamento di macchine usate Renato Delmastro, Danilo Rabino Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO tel. 011/3977501 - fax 011/3977209 Cristiano Princi,

Dettagli

Progetto di un riduttore ad ingranaggi

Progetto di un riduttore ad ingranaggi DISEGNO ASSISTITO DAL CALCOLATORE Laurea in Ingegneria Meccanica (N.O.) Progetto di un riduttore ad ingranaggi Specifiche tecniche del progetto - rapporto di trasmissione 0.3 < τ < 0.5 - interasse 150mm

Dettagli

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono Betonaggio B A G C D F E SISTEMA DI A MESCOLAMENTO IMER Il sistema di mescolamento Imer si realizza attraverso vari punti distintivi: il tipo di vasca a fondo largo con controfondo, la particolare geometria

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

D.P.R. 547 27 27 aprile1955. D.P.R. 164 7 gennaio1956. D.M. 466 22 22 maggio1992. D.lgs. 81/08 9 aprile 2008. Attrezzature Art. 113 Art.

D.P.R. 547 27 27 aprile1955. D.P.R. 164 7 gennaio1956. D.M. 466 22 22 maggio1992. D.lgs. 81/08 9 aprile 2008. Attrezzature Art. 113 Art. normativa D.P.R. 547 27 27 aprile1955 D.P.R. 164 7 gennaio1956 D.M. 466 22 22 maggio1992 D.lgs. 81/08 9 aprile 2008 Linea guida Linea guida TitoloII: scale, ponti e parapetti CapoII II-- CapoIII CapoIV

Dettagli

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO

MOTORIDUTTORE TAMBURO A CON INGRANAGGI B TRASVERSALE IN BAGNO D OLIO ALL ASTA DI FISSAGGIO ELEVAZIONE A B D C E MOTORIDUTTORE A CON INGRANAGGI IN BAGNO D OLIO Il gruppo motoriduttore è realizzato con ingranaggi d acciaio a dentatura elicoidale in bagno d olio. La dentatura elicoidale permette

Dettagli

Manuale Tecnico. KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE

Manuale Tecnico. KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE KIT per Portoni Sezionali Industriali SENZA MOLLE Tecnica di costruzione e montaggio di Portoni Sezionali Industriali motorizzati, con scorrimento SL, HL, VL, senza molle di torsione di bilanciamento.

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli

Interruttori di piano e di livellamento

Interruttori di piano e di livellamento Interruttori di piano e di livellamento 6 Introduzione 6-2 AS 1 6-3 ASH 2 6-4 AFH 2 6-5 Tabella di confronto dei dati tecnici 6-6 Interruttori unitari 6-7 Interruttori di piano e di livellamento / Introduzione

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio

SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO MARGARITONE VIA FIORENTINA 179 AREZZO SEGNALETICA OFFICINA MECCANICA E PRESCRIZIONI DI COMPORTAMENTO Prof. Mariottini Antonio CORSO SERALE 1 SEGNALETICA

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono

PROTEZIONE TERMICA Tutte le macchine con motore elettrico sono Betonaggio B A G C D F E SISTEMA DI A MESCOLAMENTO IMER Il sistema di mescolamento Imer si realizza attraverso vari punti distintivi: il tipo di vasca a fondo largo con controfondo, la particolare geometria

Dettagli

LA TRATTRICE AGRICOLA

LA TRATTRICE AGRICOLA LA TRATTRICE AGRICOLA TIPOLOGIE DI TRATTRICI STRUTTURA DELLE TRATTRICI MODERNE PARTICOLARI TIPI DI TRATTRICE PRINCIPALI PARTI DELLA TRATTRICE TIPOLOGIE DI TRATTRICI La trattrice agricola viene definita

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche

Consiglio Nazionale delle Ricerche Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra UOS di Torino Strada delle Cacce, 73 10135 TORINO Macchine per la semina SEMINATRICE Sicurezza Requisiti macchine

Dettagli

EF24-70mm f/2.8l II USM

EF24-70mm f/2.8l II USM EF24-70mm f/2.8l II USM ITA Istruzioni Vi ringraziamo per aver acquistato un prodotto Canon. L obiettivo Canon EF24-70mm f/2,8l II USM è un obiettivo zoom standard dalle elevate prestazioni, per l uso

Dettagli

MINEX -S. Giunti magnetici

MINEX -S. Giunti magnetici 155 Indice 155 Descrizione generale 157 Descrizione tecnica 158 Grandezze SA 22/4 - SB 60/8 159 Grandezze SA 75/10 - SF 250/38 160 Grandezze SB 135/20 - SE 200/30 con boccola di contenimento in ceramica

Dettagli

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico.

TRASMISSIONE MECCANICA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. Trasmissione meccanica rof. apuzzimati Mario - ITIS Magistri umacini - omo TASMISSIONE MEANIA In un azionamento elettrico un motore aziona un carico meccanico. apita molto spesso che il carico meccanico

Dettagli

RMG MESSTECHNIK GMBH. RMG GROUP OF COMPANIES UFFICIO ITALIA Via IV Novembre, 4 40013 Castel Maggiore (BO) Italia. Opuscolo nr. 3.

RMG MESSTECHNIK GMBH. RMG GROUP OF COMPANIES UFFICIO ITALIA Via IV Novembre, 4 40013 Castel Maggiore (BO) Italia. Opuscolo nr. 3. Contatore a turbina TRZ 03-L RMG MESSTECHNIK GMBH Opuscolo nr. 3.162-It RMG GROUP OF COMPANIES UFFICIO ITALIA Via IV Novembre, 4 40013 Castel Maggiore (BO) Italia un alimentazione di gas affidabile tutto

Dettagli

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio

sistemi orizzontali di ancoraggio provvisorio Flash protection I sistemi di ancoraggio provvisorio sono utilizzati per la messa in sicurezza dei cantieri o per interventi di manutenzioni su impianti o macchinari. Questi prodotti sono studiati in modo

Dettagli

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento

Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Mezzi ed apparecchi di sollevamento di trasporto e di immagazzinamento Una realizzazione - 1 Disposizioni di carattere generale I mezzi di sollevamento e di trasporto devono risultare appropriati per quanto

Dettagli

MACCHINE/ATTREZZATURE

MACCHINE/ATTREZZATURE MACCHINE/ATTREZZATURE Il D.Lgs n. 626/94 afferma che in agricoltura, come in altri settori, la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori deve essere parte fondamentale nell organizzazione produttiva aziendale.

Dettagli

Istruzioni d uso e di montaggio

Istruzioni d uso e di montaggio Edizione 04.06 Istruzioni d uso e di montaggio Freno a molla FDW Classe di protezione IP 65 - modello protetto contro la polvere zona 22, categoria 3D, T 125 C (polvere non conduttiva) Leggere attentamente

Dettagli

PORTAVANT LIGHT LEGGERO, RALLENTATO, CHIUSURA IMPECCABILE NOVITA! glass system technology

PORTAVANT LIGHT LEGGERO, RALLENTATO, CHIUSURA IMPECCABILE NOVITA! glass system technology LEGGERO, RALLENTATO, CHIUSURA IMPECCABILE glass system technology NOVITA! 2 PORTAVANT LIGHT PORTAVANT LIGHT la soluzione Portavant per le ante di larghezza e peso ridotti COMFORT STOP Il sistema di ammortizzazione

Dettagli

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO APPENDICE A LISTE DI CONTROLLO PER APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DI TIPO TRASFERIBILE E RELATIVI ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO [Articolo 71 comma 8 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.] Le check-list riportate di seguito riassumono,

Dettagli

1. Scopo e campo di appicazione

1. Scopo e campo di appicazione 1. Scopo e campo di appicazione Il presente documento specifica i requisiti di sicurezza e di verifica per l adeguamento di macchine agricole desilatrici, miscelatrici e/o trinciatrici e distributrici

Dettagli

ATTUATORI ELETTRICI MechForce

ATTUATORI ELETTRICI MechForce Attuatori con viti a ricircolo Quattro taglie: 50-63 - 80-100 50 63 80 100 size Attuatori lineari potenti e precisi ATTUATORI ELETTRICI MechForce Caratteristiche generali CARATTERISTICHE GENERALI Gli attuatori

Dettagli