Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza"

Transcript

1 Protezione degli alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza Leonardo Vita Marco Pirozzi

2 L albero cardanico L albero cardanico é un organo meccanico atto a trasmettere il moto rotatorio fra due assi non allineati nello spazio anche in presenza di variazioni reciproche della posizione degli assi stessi che intervengano durante il moto, purché tali variazioni siano contenute entro un limite consentito dalle caratteristiche costruttive dichiarate dal costruttore. In agricoltura viene in genere impiegato per la trasmissione della potenza dal trattore: - ad una macchina agricola che lavora in posizione fissa (elevatore, pompa per liquami, ecc.); - a macchine agricole con ruote motrici (rimorchi, ecc.); - a macchine agricole trainate o portate che operano al seguito del trattore stesso.

3 Il giunto cardanico Il rapporto di trasmissione del giunto cardanico è unitario solamente nel caso di assi allineati. In tutte le altre configurazioni il suo valore è diverso dall unità e funzione dell angolo di snodo. In tali configurazioni la velocità di output, a fronte di una velocità di input costante, presenta un andamento sinusoidale la cui frequenza dipende dall angolo di snodo. Tale comportamento determina vibrazioni e rumorosità. Per tali motivi gli angoli di snodo, pur potendo raggiungere i 35, sono soggetti alle seguenti restrizioni: 16 a velocità di rotazione dell albero di ingresso di 540 giri/min e 9 per velocità di rotazione pari a 1000 giri/min.

4 Giunti omocinetici e grandangolari Giunto omocinetico Giunto grandangolare E impiegato per applicazioni che richiedono angoli di lavoro grandi, ma non superiori a 80 Permette la trasmissione del moto in maniera uniforme senza oscillazioni di velocità. Possono essere raggiunti disallineamenti di 40

5 Limitatori di coppia A dischi d attrito. per limitare il momento torcente al valore nominale trasmesso in maniera continua. I dischi slittano uno rispetto all altro se viene superata la coppia massima applicata. A nottolini. Per limitare il momento torcente al valore nominale che viene trasmesso in maniera pulsante. A bullone. per limitare il momento torcente al valore nominale a seguito della tranciatura di un bullone. Una volta intervenuto, il limitatore non trasmette più alcuna coppia se non dopo avere rimpiazzato il bullone.

6 Ruota libera La ruota libera è un dispositivo che consente la trasmissione del movimento solo in una direzione (dal trattore verso la macchina ricevente). E impiegata per proteggere la trasmissione dai ritorni di potenza dovuti a masse rotanti dotate di elevata inerzia.

7 Scudo di protezione GHIERA DI CHIUSURA SCUDO DI PROTEZIONE ALBERO CROCIERE PROTEZIONE

8 UNI EN 12965:2003 Trattori e macchine agricole o forestali Alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) e loro protezioni - Sicurezza La presente norma specifica i requisiti di sicurezza e la loro verifica per la progettazione e la costruzione di alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza e loro protezioni che collegano macchine semoventi (o trattori) al primo supporto fisso delle macchine riceventi, descrivendo i metodi per eliminare o ridurre i rischi che necessitano di requisiti specifici

9 Termini e definizioni Sistema di trattenuta. Parte della protezione dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. che impedisce la rotazione della protezione quando l albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. ruota. Giunto cardanico grandangolare. Giunto omocinetico che consente il funzionamento con un angolo generalmente maggiore di 50. Ruota libera. Dispositivo che consente la trasmissione del movimento solo in una direzione (dal trattore verso la macchina ricevente). La ruota libera è generalmente utilizzata con una macchina ricevente avente massa inerziale elevata. Limitatore di coppia. Dispositivo che interrompe o limita la trasmissione del movimento tra trattore e macchina ricevente quando la coppia raggiunge un valore prefissato.

10 Parti dell albero di trasmissione e della protezione 1. Presa di potenza (p.d.p.) 2. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 3. Forcella esterna del cardano corrispondente alla p.d.p. 4. Forcella esterna del cardano corrispondente alla a.r.m. 5. Estremità della forcella interna del giunto cardanico 6. Giunto cardanico 7. Forcella doppia 8. Estremità della forcella doppia del giunto cardanico 9. Giunto cardanico di trasmissione grandangolare 10. Cono di protezione 11. Tubo di protezione 12. Cuscinetto di protezione 13. Protezione separata del giunto cardanico di trasmissione grandangolare 14. Sistema di trattenuta 15. Protezione dell albero cardanico di trasmissione della p.d.p. 16. Protezione dell albero cardanico di trasmissione grandangolare dalla p.d.p.

11 Ruota libera e limitatore di coppia Ruota libera 1. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 2. Ruota libera Limitatore di coppia 1. Albero ricettore della macchina (a.r.m.) 2. Limitatore di coppia

12 Requisiti e/o misure di sicurezza La protezione deve essere progettata in modo tale da prevenire il contatto con le parti mobili dell albero mentre l albero è in funzione in conformità al manuale di istruzioni e mentre l albero è collegato nel modo appropriato tra un trattore o una macchina semovente e una macchina ricevente. Le parti esterne della protezione non devono girare con l albero di trasmissione. Se è previsto un limitatore di coppia e/o una ruota libera sull albero di trasmissione esso deve essere situato sul lato dell albero ricettore della macchina (a.r.m.). Salvo indicazioni contrarie fornite nella norma, tutte le aperture e le distanze di sicurezza devono essere conformi ai prospetti 1, 3, 4 e 6 della norma EN 294: 1992 (sostituita dalla UNI EN ISO 13857: Sicurezza del macchinario. Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose con gli arti superiori e inferiori).

13 Giunto cardanico La protezione deve ricoprire l albero di trasmissione almeno fino all estremità della forcella interna del giunto cardanico. Distanza massima tra l estremità dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. e l asse del dispositivo di bloccaggio (Dimensioni in millimetri) Tipo di p.d.p. c (max.) Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

14 Giunto cardanico grandangolare L albero di trasmissione deve essere protetto in posizione orizzontale almeno fino all estremità del giunto esterno della forcella doppia Distanza massima tra l estremità dell albero cardanico di trasmissione dalla p.d.p. e l asse del dispositivo di bloccaggio (Dimensioni in millimetri) Tipo di p.d.p. c (max.) Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

15 Giunto cardanico grandangolare Quando un giunto grandangolare è protetto per mezzo di una protezione separata indipendente dalla protezione di altre parti dell albero di trasmissione, la protezione di questo giunto grandangolare deve essere garantita come segue: nella posizione angolare massima dell albero di trasmissione rotante, come indicato dal costruttore nel manuale d uso, la luce risultante dal movimento angolare non deve essere maggiore di 30 mm. 1. Angolo massimo del giunto 2. Luce massima

16 Giunto cardanico grandangolare una sovrapposizione tra la protezione separata e il cono di protezione deve risultare perpendicolare all asse dell insieme dell albero di trasmissione quando si trova nella posizione angolare massima. 1. Angolo massimo del giunto 2. Luce massima

17 Giunto cardanico grandangolare la sovrapposizione tra la protezione separata e il cono di protezione deve essere almeno di 50 mm con l albero motore in posizione allineata Laddove la distanza tra la protezione dell albero e la protezione del giunto grandangolare non è maggiore di 4 mm in qualunque posizione angolare fino a quella massima, la sovrapposizione di 50 mm può essere ridotta a 10 mm nella posizione allineata 1. Scudo di protezione della presa di potenza del trattore 2. Asse del dispositivo di bloccaggio

18 Protezione La protezione deve essere progettata in modo da non poter essere smontata dall albero di trasmissione senza l ausilio di un attrezzo. Per consentire il montaggio e il blocco, o lo smontaggio manuale dell albero di trasmissione dalla p.d.p. e per ottenere una sufficiente sovrapposizione tra lo scudo di protezione della p.d.p. del trattore e la protezione del giunto cardanico o del giunto cardanico grandangolare la dimensione c deve essere max 80 mm per i tipi di p.d.p. 1 e 2 e 90 mm per il tipo 3 di p.d.p. Le dimensioni del cono che protegge i giunti cardanici devono essere tali che il cono non sia danneggiato dal contatto con lo scudo di protezione della p.d.p. del trattore o delle macchine semoventi quando l albero di trasmissione e la sua protezione si trovano nella posizione massima angolare indicata dal costruttore nel manuale di istruzioni. Per verificare tale requisito è prevista l effettuazione di una specifica prova di cui al punto 5.2 della norma EN

19 Punti di intervento e sistema di trattenuta Punti di intervento Se delle operazioni di lubrificazione e/o ingrassaggio sono necessarie, i giunti cardanici e i cuscinetti tra l albero e la protezione devono poter essere lubrificati e/o ingrassati facilmente per mezzo di accessi diretti a tutti i punti di ingrassaggio. Se le operazioni di lubrificazione richiedono la presenza di fori, le loro dimensioni non devono essere maggiori di 25 mm. Sistema di trattenuta Deve essere previsto un sistema di trattenuta per prevenire la rotazione della protezione con l albero. La/e parte/i del sistema di trattenuta (per esempio una catena o una fune metallica) deve/devono essere accuratamente fissata/e alla protezione e munita/e di un aggancio che le/gli consenta di essere fissata a una parte fissa della macchina senza poter esserne staccata se non volontariamente, per esempio un gancio con una molla a chiusura automatica o un anello di trazione. Il sistema di fissaggio non deve essere utilizzato come sostegno dell albero.

20 Rischi residui Rischio: condizioni di lavoro limite quali angoli eccessivi, brusche sterzate, superamento di fossi. Ciò può determinare usure eccessive o rotture di pezzi e loro proiezione. Rischio: Azionamento accidentale della macchina durante le fasi di aggancio sgancio dell albero cardanico alla p.d.p., manutenzione della macchina, disimpigliamento o altro.

21 Brevetto ISPESL Per ridurre tali rischi residui l VIII Unità Funzionale del Dipartimento di Tecnologie di Sicurezza dell ISPESL ha progettato e brevettato un dispositivo di protezione interbloccato per alberi cardanici di trasmissione dalla p.d.p.

22 Brevetto ISPESL - funzionamento Protezione albero cardanico Cuffie mobili

23 Brevetto ISPESL - funzionamento Raggiungimento angolo limite Apertura della protezione Arresto della presa di potenza

24 UNI EN ISO 5674:2004 Trattrici e macchine agricole e forestali Protezioni per alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) Prove di usura e resistenza La norma europea descrive le metodologie di prova ed i criteri di accettabilità per la determinazione della resistenza all'usura, della robustezza e della durata delle protezioni non rotanti per alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza (p.d.p.) La presente norma sostituisce la UNI EN 1152:1997.

25 Prova di usura Durante tutte le fasi della prova l albero deve ruotare ed essere alternativamente allungato fino alla sua massima lunghezza per 1 min e ridotto alla lunghezza minima per 4 min. All inizio ed alla fine di ogni fase deve essere misurata la coppia necessaria ad immobilizzare le protezioni mentre l albero è posto in rotazione ad una velocità di 1000 giri/min. La sequenza di fasi è la seguente: a) Per 48 h operare a 85 C b) Per 48 h operare a temperatura ambiente c) Per 96 h operare a temperatura ambiente in atmosfera contenente 0.5 kg/m 3 di polvere d) Per 24 h operare a 85 C e) Per 24 h operare a temperatura ambiente f) Per 48 h operare a temperatura ambiente in atmosfera contenente 0.5 kg/m3 di polvere

26 Prove di resistenza

27 Prove di carico delle protezioni

28 Prova di carico assiale a basse temperature

29 Prova di urto a bassa temperatura L energia da impiegare nella prova d urto deve essere la seguente: per alberi con peso superiore a 200 N applicare una energia d urto di 98 J per alberi con peso di 200 N o inferiore applicare una energia d urto espressa in J pari alla metà del peso espresso in N

30 Schema

31 Prove sul dispositivo di fissaggio A temperatura ambiente applicare al dispositivo di fissaggio una forza di 400 N per 60 s, una volta tangenzialmente ed una radialmente, in un piano perpendicolare all albero cardanico. Dopo 60 s incrementare il carico fino a rottura del dispositivo di fissaggio. Il dispositivo deve rompersi in corrispondenza del punto di attacco alla protezione e non in altri punti. La forza a cui si verifica la rottura nel punto più debole deve essere inferiore a 800 N.

32 Raggi UV L allegato B definisce la procedura di prova alla resistenza ai raggi ultravioletti delle protezioni in plastica. Il provino deve essere una sezione dei componenti in plastica della protezione dell albero cardanico. Deve essere provato almeno un campione di dimensioni 10 mm per 10 mm per ogni differente materiale della protezione. Condizioni di prova Temperatura del pannello nero 65 ± 3 C Umidità relativa 65% ± 5% Radiazione UV 505 W/m 2 Durata della prova 1000 h Risultati della prova Verifica del colore: variazioni nella scala dei grigi devono essere in accordo con la ISO 105-A02 Verifiche meccaniche: non devono essere rilevate fratture ad un ingrandimento di 100 x. Il provino deve essere flesso manualmente senza la comparsa di fratture visibili.

33 Criteri di accettazione I criteri di accettazione finali sono i seguenti: a) Aver applicato la completa sequenza di prove alle protezioni ed ai sistemi di bloccaggio. b) I pittogrammi devono essere ancora presenti e leggibili. c) La protezione deve essere ancora funzionante dopo la sequenza di test e non deve presentare rotture, incrinature o separazioni di parti. Non vi devono essere fori o deformazioni tali da lasciare scoperte parti dell albero normalmente protette. d) La protezione non deve essersi spostata sull albero cardanico di trasmissione rispetto alla sua posizione iniziale.

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv )

Sede Legale: Via Forche 2/A Castelfranco V.to. (Tv) Sede Amministrativa: Via G. Verdi 6/A 31050 Vedelago ( Tv ) SIVIERA GIREVOLE A RIBALTAMENTO IDRAULICO BREVETTATA TRASPORTABILE CON MULETTO MODELLO S.A.F.-SIV-R-G SIVIERA A RIBALTAMENTO MANUALE MODELLO S.A.F. SIV-R1-R2 1 DESCRIZIONE DELLA SIVIERA Si è sempre pensato

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.

C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt. C.F.R. srl Via Raimondo dalla Costa 625-41122 Modena (MO) - Italy Tel: +39 059 250837 - Fax: +39 059 281655 / 2861223 E-mail : info@cfritalt.com www.cfritaly.com È vietata la riproduzione o la traduzione

Dettagli

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2...

CB 1 CB 2. Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... CB 1 CB 2 Manuale di istruzioni 810737-00 Valvola di non ritorno a clapet 1..., CB 2... 1 Indice Note importanti Pagina Corretto impiego...8 Note di sicurezza...8 Pericolo...8 Applicabilità secondo articolo

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta

Basta un tocco leggero in un punto qualunque del frontale e il cassetto si apre senza difficoltà esercitare una leggera pressione o una lieve spinta Apertura agevole al tocco Apertura affidabile senza maniglia Nel moderno design del mobile, i frontali senza maniglia svolgono un ruolo sempre più importante. Con il supporto per l apertura meccanico di

Dettagli

Adeguamento dei trattori agricoli o forestali

Adeguamento dei trattori agricoli o forestali Adeguamento dei trattori agricoli o forestali Adeguamento dei trattori agricoli o forestali Adeguamento dei trattori agricoli o forestali ai requisiti minimi di sicurezza per l uso delle attrezzature

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C

Maggiore efficienza per i motori elettrici. Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C Maggiore efficienza per i motori elettrici Cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C E l e v a t i v a n t a g g i p e r i l C l i e n t e I cuscinetti radiali rigidi a sfere Generation C... 35

Dettagli

Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08

Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08 Adeguamento motocoltivatori e motozappatrici ai requisiti di sicurezza di cui all allegato V al d.lgs. 81/08 Edizione 2013 Documento tecnico redatto dal Gruppo di lavoro nazionale coordinato dall Inail,

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità.

Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. Tagliando Manutentivo Km. 10.000/30.000/50.000 XP500 TMAX. Avendo effettuato il tagliando di cui sopra al mio mezzo ho pensato di realizzare questo semplice DOC per chi ne avesse necessità. IMPORTANTE:

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso

Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso Sensore da scarpa Polar S1 Manuale d uso 1. 2. 3. 4. 5. 6. Congratulazioni! Il footpod Polar S1 rappresenta la scelta migliore per misurare la velocità/andatura e la distanza durante la corsa. L'apparecchio

Dettagli

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta

Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Z750 Z750 ABS Manuale di assemblaggio e preparazione della motocicletta Premessa Per una efficiente spedizione dei veicoli Kawasaki, prima dell imballaggio questi vengono parzialmente smontati. Dal momento

Dettagli

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata.

Tecnologia funzionale. Qualità costruttiva di lunga durata. SERIE JX 72-95 CV Ambiente di lavoro sicuro e produttivo. Sedile di guida confortevole. Tecnologia funzionale sotto tutti i punti di vista. Disponibili nella versione con o senza cabina, questi trattori

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA

LINEA GUIDA. Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi di protezione individuale contro le CADUTE DALL ALTO SISTEMI DI ARRESTO CADUTA LINEA GUIDA Per la scelta, l uso e la manutenzione di dispositivi

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA

FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA FONTI DI ENERGIA SFRUTTATE DALL UOMO NELL ANTICHITA Lavoro della classe III H Scuola secondaria di 1 1 grado L. Majno - Milano a.s. 2012-13 13 Fin dall antichità l uomo ha saputo sfruttare le forme di

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com

TIP-ON per ante. Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata. www.blum.com TIP-ON per ante Apertura confortevole con regolazione della fuga dell anta integrata www.blum.com Apertura agevole al tocco Con TIP-ON, il supporto per l'apertura meccanico di Blum, i frontali senza maniglia

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X)

Regolatore della soglia (RLC, RLT & X) Cannotto Tappo dell aria (forcelle ad aria) Regolatore dell escursione (TALAS) Manopola del precarico (forcelle a molla) Manopola del ritorno (tutte le forcelle) Levetta di bloccaggio (RL, RLC & RLT) Regolatore

Dettagli

STAR Guide lineari con manicotti a sfere. 45 b 1cr. Linear Motion and Assembly Technologies RI 83 100/09.99

STAR Guide lineari con manicotti a sfere. 45 b 1cr. Linear Motion and Assembly Technologies RI 83 100/09.99 STAR Guide lineari con manicotti a sfere 45 b 1cr RI 83 100/09.99 Linear Motion and Assembly Technologies STAR Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia standard Guide

Dettagli

Catalogo. Ugelli ad alta pressione

Catalogo. Ugelli ad alta pressione Catalogo ad alta pressione 1 Catalogo ad alta pressione Rappresentanza delle ditte per la Repubblica Ceca: USBDÜSEN www.ibos.cz 2 3 BAGGER - MAX lung./larg. /mm/ 1012 G 1 1/4 400-800 800-2500 76 x 33 49

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni 1994L0020 IT 01.01.2007 002.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilitá delle istituzioni B DIRETTIVA 94/20/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE

CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE CARICARE NEL MODO GIUSTO ANCORARE CORRETTAMENTE Qualsiasi cosa transportate: la responsabilità vi accompagna! PREFAZIONE Egregi trasportatori, stimati conducenti di veicoli commerciali Caricare correttamente

Dettagli

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1

OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 OWNER S MANUAL WHEELS PART 1 Leggete attentamente le istruzioni riportate nel presente manuale. Questo manuale è parte integrante del prodotto e deve essere conservato in un luogo sicuro per future consultazioni.

Dettagli

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com

TIP-ON per TANDEMBOX. Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia. www.blum.com TIP-ON per TANDEMBOX Il supporto per l'apertura meccanico per i sistemi di estrazione dei mobili senza maniglia www.blum.com 2 Apertura facile basta un leggero tocco Nel moderno design del mobile, i frontali

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+

Dumper-Nonstop Wacker Neuson Dumper con cabina 3001 6001 9001 10001+ Dumperonstop Wacker euson Dumper con cabina A ribaltamento rotante DAT TE 10010 kg 3000 kg 6000 kg 9000 kg Peso proprio 2410/2550 kg 4120/4240 kg apacità cassone a raso 1500/1300 l 2400/2400 l 38 4000

Dettagli

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson:

Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: Zero Tail Zero Tail Wacker Neuson: 50Z3 75Z3 Liberatevi: Escavatore Zero Tail Wacker Neuson. Elementi Wacker Neuson: Dimensioni compatte senza sporgenze. Cabina spaziosa e salita comoda. Comfort migliorato

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16

Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Automatizzazione Erhardt + Abt verniciatura di alberi motore dell' assale posteriore con KUKA KR 16 Dal 1997, anno della sua fondazione, la Erhardt + Abt Automatisierungstechnik GmbH ha finora installato

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN

PART 1 PART 1. Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN RUOTE - WHEELS - LAUFRÄDER ROUES - RUEDAS - WIELEN Manuale Uso e Manutenzione Ownerʼs Manual Bedienungs-Anleitung PART 1 PART 1 Manuel dʼinstructions et dʼentretien Manuel de Uso y Manutención Handleiding

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308)

CNC. Linguaggio ProGTL3. (Ref. 1308) CNC 8065 Linguaggio ProGTL3 (Ref. 1308) SICUREZZA DELLA MACCHINA È responsabilità del costruttore della macchina che le sicurezze della stessa siano abilitate, allo scopo di evitare infortuni alle persone

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI Catalogo Tecnico Dicembre web edition L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce componenti

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW

10s CATENA 1 - SPECIFICHE TECNICHE 2 - COMPATIBILITA ATTENZIONE! ATTENZIONE! HD-LINK ULTRA-NARROW CN-RE400 CX 10 ULTRA NARROW CATNA 10s ULTRA NARROW 1 - SPCIFICH TCNICH 2 - COMPATIBILITA CX 10 HD-LINK ULTRA-NARROW CN-R400 L utilizzo di pignoni e ingranaggi non "Campagnolo" può danneggiare la catena. Una catena danneggiata può

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

LIBRETTO D ISTRUZIONI

LIBRETTO D ISTRUZIONI I LIBRETTO D ISTRUZIONI APRICANCELLO SCORREVOLE ELETTROMECCANICO girri 130 VISTA IN SEZIONE DEL GRUPPO RIDUTTORE GIRRI 130 ELETTROMECCANICO PER CANCELLI SCORREVOLI COPERCHIO COFANO SUPPORTO COFANO SCATOLA

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

Sistemi e attrezzature per la sicurezza

Sistemi e attrezzature per la sicurezza SISTEMI E ATTREZZATURE PER LA SICUREZZA Cavalletti di segnalazione...85 Segnalatore di sicurezza fisso...85 Over-The-Spill System...85 Coni di sicurezza e accessori...86 Barriere mobili...87 Segnalatore

Dettagli

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI

CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI CATENE DA NEVE, PNEUMATICI DA NEVE E CHIODATI A cosa servono In genere, in caso di neve, vi sono due alternative per viaggiare sicuri: gli pneumatici da neve o le catene. Mentre i primi sono molto più

Dettagli

Istruzioni di manutenzione

Istruzioni di manutenzione Istruzioni di manutenzione NB/NBG 1. Identificazione... 2 1.1 Targhetta di identificazione... 2 1.2 Descrizione del modello... 3 1.3 Movimentazione... 4 2. Smontaggio e montaggio... 5 2.1 Informazioni

Dettagli