NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)"

Transcript

1 NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Pozzo d'estrazione miniera di Cinabro Cerreto Piano (Gr) (Novembre 1993) (Foto Massimo Guarguagli) Anno 1 - n 0 (Aprile/Giugno 2004) II Edizione

2 Gruppo Mineralogico "AUSER" SOMMARIO Anno 1 N 0 Articolo: Foto: Ghilli Giuliano Guarguagli Massimo Marchi Carlo Guarguagli Massimo Piero Pistoia G.AUSER-Cecina Capitolo Pag. Notiziario trimestrale a cura del Gruppo Mineralogico "AUSER" di Cecina (Li) Aprile/Giugno 2004 Per ricevere i numeri del Notiziario e per inviare eventuali articoli scrivere a : GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" Casella Postale, Cecina (Li) tel. 0586/ fax 0586/ Editoriale 1 Prefazione del GM Auser 2 Definizioni Mineralogiche 3 La Cava Maffei (Campiglia M.ma Livorno) 4 Introduzione 4 Geologia della cava Maffei 5 I Minerali 6 11^ Rassegna 12 Scala di Mohs 13 Gruppi Rocce 14 Manifestazioni 15 Informazioni 16 Cerco & scambio 17 Varie 18 Si ringraziano per la collaborazione: Tutti i Soci del G. M. "AUSER" e chiunque voglia darci una mano alla pubblicazione del Notiziario (Stampato in proprio) Foto copertina: Cristallo ottaedrico di Fluorite ( H 7 x L 5,5 cm.) Cava Maffei- Campiglia M.ma (Li) Foto e collezione: Massimo Guarguagli Bibliografia: Nannoni R. Rossi R. (1987): Quad. Mus. Stor. Nat. Livorno 8: Betti C.; Paesani D.; Pagani G.; (1999): I minerali della cava "MAFFEI" Rivista Mineralogica Italiana, 3,

3 EDITORIALE Prefazione del G.M. AUSER Cari Soci, Cari Amici, Da questo mese vorremmo iniziare la pubblicazione di un Notiziario del G. M. "AUSER", per tenervi informati delle nostre attività e partecipi della vita del gruppo. Il nostro scopo è di pubblicare articoli proposti da voi, verbali delle riunioni mensili, calendari manifestazioni, gite per la ricerca di minerali, visita principali mostre italiane del settore, ecc., ecc., ecc. Non pretendiamo di competere con le riviste specializzate, vogliamo solo creare un piccolo Notiziario ad uso dei Soci, dove tutti potranno collaborare, inviandoci articoli, notizie e quant'altro ritenete interessante dal punto di vista collezionistico e mineralogico. Sperando che l'iniziativa sia gradita, confidiamo nella Vostra attiva collaborazione. Il segretario: Massimo Guarguagli Cercheremo con il Vostro prezioso aiuto, di descrivere l'attività mineraria delle nostre zone. La ricerca e il reperimento di campioni degni di essere messi in collezione purtroppo è sempre più rara, a causa della chiusura di tutte le miniere e per la difficoltà di poter visitare, per motivi di sicurezza, le poche cave attive. Cercheremo di dare un piccolo contributo mineralogico al nostro territorio, magari scoprendo nuovi siti minerari e/o nuove specie. In questo numero inizieremo dall'area Campigliese, dove l'inizio dell'attività mineraria si perde nella notte dei tempi, prima tappa la cava Maffei. Ci auguriamo che gli articoli di questo primo numero, siano graditi a tutti i collezionisti che li leggeranno, per proseguire nel cammino intrapreso Il segretario: Massimo Guarguagli 1 2

4 Definizioni Mineralogiche - Rocce, Minerali, Gemme - LA CAVA MAFFEI - Monte Spinosa Campiglia M.ma (Li) - La ROCCIA è un componente solido della crosta terrestre, costituita da un insieme di minerali. I MINERALI sono dei componenti omogenei delle rocce, sviluppatisi naturalmente. Una GEMMA è di solito un minerale, raramente un aggregato di minerali, sporadicamente anche un prodotto organico o sintetico che si differenzia per alcune particolari caratteristiche e precisamente la durezza, il colore, la lucentezza ma anche la bellezza. Per GIACIMENTO si intende un agglomerato naturale di minerali o aggregati di minerali sfruttabili ed estraibili. INTRODUZIONE Nei pressi di Campiglia M.ma, nella valle che divide Monte Rombolo dal Monte Spinosa, in località detta Botro ai Marmi, è presente un piccolo affioramento di granito, che costituisce la parte terminale di un ammasso più grande esistente anche nel sottosuolo e individuato in profondità fino al Monte Valerio. Nella zona sono presenti fin dai tempi antichi numerose cave e miniere per lo sfruttamento del calcare, del marmo, dei solfuri misti e dello stagno. Agli inizi degli anni sessanta, precisamente nel 1964, inizia l'attività estrattiva da parte della società "Mineraria Modenese": lavori che dal 1977 sono passati alla "Mineraria Toscana Maffei". La roccia coltivata, utilizzata nell'industria della ceramica, viene frantumata negli impianti annessi alla cava e, portata alla granulometria di circa 6 mm, è quindi inviata nel Modenese in aziende che operano nel settore delle ceramiche (mattonelle). Ad oggi sono state estratte circa tonnellate di roccia con una produzione annua di circa tonnellate; calcolando una potenza residua di tonnellate, la Direzione stima che la cava possa restare attiva ancora per altri quattro/cinque anni. Lo sfruttamento dei materiali feldspatici del granito, con i grandi lavori a cielo aperto, ha portato alla luce l'intero affioramento e la fascia di metamorfismo di contatto fino a quota 300 circa del versante Nord-Occidentale del Monte Spinosa. Attualmente la cava si sviluppa su 13 gradoni di 8-9 metri ciascuno di cui alcuni, gli ultimi tre, sono stati abbandonati e sono oggetto di ripristino ambientale. Nella zona di contatto, costituita da scapolite, si è rilevata molto interessante per i numerosi minerali presenti, alcuni comuni, altri segnalati per la prima volta in Toscana (scapolite, vesuviana, quarzo, torianite, fluorite, pirrotina, ecc.) 3 4

5 GEOLOGIA DELLA CAVA MAFFEI I MINERALI Di seguito descriveremo i minerali ritrovati dagli autori. Adularia (Tectosilicato di Alluminio e Potassio) K(AlSi 3 O 8 ) L'Adularia è comune, si può trovare associata alla calcite, quarzo, diopside, marcasite e pirrotina. I cristalli con abito prismatico sono di colore grigio-verdognolo. Fig.: 2 Adularia Anortoclasio (Tectosilicato) - (NaK)AlSi 3 O 8 Classico minerale del granito in cui si trova cristallizzato, nelle relative fessure, in cristalli prismatici di colore marroncino che raggiungono anche alcuni centimetri di sviluppo. Fig.: 3 Anortoclasio Fig.: 1 Schema geologico dell'area della cava Maffei Campiglia M.ma(Li) (Tratto da Costantini et alii 1994) 5 6

6 Arsenopirite (Solfoarseniuro di Ferro) - FeAsS Galena (Solfuro di Piombo) - PbS L'Arsenopirite è presente nell'area metamorfica sotto forma di masse compatte, granulari e di cristalli con abito prismatico. Il colore è argenteo con viva lucentezza metallica, le dimensioni variano tra 2 e 6 mm. Si trova in forma massiva oppure cristallizzata nelle fessure del granito mista a quarzo e marcasite con cristalli di dimensioni variabili da 1-2 mm. di forma cubica con spigoli smussati. Fig.: 4 Arsenopirite Fig.: 7 Galena Titanite (Subneosilicato di Calcio e Titanio) - CaTi[OSiO 4 ] Marcasite (Solfuro di Ferro) - FeS 2 Minerale piuttosto raro trovato in pochi campioni circa 10 anni fa. E' stato trovato nell'interspazio della frattura di due blocchi di granito, in cristalli di colore verde con dimensione max di 5 mm. Questo minerale si trova in masse compatte oppure in micro cristallini nelle fessure o nelle piccole geodi che si sono formate durante l'evoluzione geologica, si rinviene anche sotto forma di sfere (arnioni) di circa 3 cm. completamente ossidati. Torianite (Ossido di Torio e Uranio) - (ThU)O 2 Fig.: 5 Titanite: crist. magg. 5 mm. Fig.: 8 Marcasite Mica (Fillosilicato di Alluminio, Potassio, Sodio, Litio, Magnesio e Ferro) Si trova nella zona dello skarn a diopside, dove forma piccole vene o placchette, con cristalli cubici di colore nero con il vertice troncato da piccole facce triangolari di ottaedro, dimensione max 1 mm. Fig.: 6 Torianite La Mica che si trova in questa zona è prevalentemente muscovite. Si trova in masse compatte che alla frattura evidenziano un agglomerato di sferule raggiate di colore variabile, dal verde scuro al verde chiaro. La Mica può essere associata alla pirite. Fig.: 9 Mica: campione 7 x 6 cm. 7 8

7 Mizzonite o Scapolite (Tectosilicato di Sodio e Calcio) Calcite (Carbonato di Calcio anidro) - CaCO 3 La Mizzonite o Scapolite è il minerale più diffuso e il principale componente dello skarn, imponenti masse compatte di colore verde chiaro o biancastro. I cristalli si possono rinvenire in aggregati fascicolati o raggiati, sporadicamente si possono trovare cristalli prismatici allungati fino a 6 cm. Fig.: 10 Mizzonite o Scapolite: crist. magg. 1 cm. Minerale molto diffuso in tutta la cava, forma estetici cristalli che variano dal bianco sporco al giallo fino al rosso, hanno forma stalattitica e coralloide. I cristalli raggiungono i 3-5 cm. di sviluppo. Fig.: 13 Calcite Pirite Diopside (Solfuro di Ferro) - FeS 2 (Inosilicato di Calcio e Magnesio) - CaMg[Si 2 O 6 ] La Pirite si trova in masserelle e in cristalli cubici, quest'ultimi sono inglobati nei calcari con dimensioni massime vicine al cm. Fig.: 11 Pirite: crist. magg. 5 x 5 mm. Il Diopside è presente nello skarn a livello dell'aureola metamorfica dove forma masse compatte, in alcuni casi si possono trovare aggregati cristallini interessanti dal punto di vista estetico con cristalli superiori a 5-6 cm. Il colore varia dal verde scuro al verde chiaro. Fig.: 14 Diopside Quarzo (Biossido di Silicio) - SiO 2 Fluorite (Fluoruro di Calcio) - CaF 2 Il Quarzo si trova in masse compatte e in venature, di colore bianco e incolore, diffuse sporadicamente in tutta la cava. I cristalli sono poco frequenti, spesso malformati, corrosi e ricoperti da una patina di ossidi di ferro e manganese. Le dimensioni dei cristalli varia da pochi mm. a diversi centimetri. Fig.: 12 Quarzo: crist. magg. 3 cm. La Fluorite è diffusa in molti punti della cava, prevalentemente nel granito; talvolta è associata a solfuri metallici: (marcasite, galena, blenda, ecc.) si trova in masserelle spatiche o cristallizzata. Si possono trovare cristalli di colore giallo-verde anche di 5 cm. Oppure viola associati alla vesuviana. Fig.: 15 Fluorite: cristallo 7x5,5 cm. 9 10

8 Vesuviana (Sorosilicato di metalli diversi) La Vesuviana è presente in alcuni limitati settori della fascia di metamorfismo dove apparentemente forma bancate di prevalente vesuviana, a contatto con il granito e lo skarn a diopside e nella scapolite Si possono trovare cristalli di vesuviana in abito prismatico semplice anche di oltre 1 cm. La Vesuviana è sempre radioattiva, molto spesso con valori che giungono a 0,869-1,304 µgy/h Fig.: 15 Fluorite: cristallo 7x5,5 cm. 11^ Rassegna Minerali e Fossili Nei giorni 7-8 Febbraio 2004 si è svolta l'annuale Rassegna di Minerali e Fossili giunta all'undicesima edizione. Quest'anno, la manifestazione non si è potuta svolgere nella solita sede per motivi tecnici (rstrutturazione palestra). Tutto questo si è verificato dieci giorni prima della Rassegna, eravamo nel caos, fortunatamente il Dopolavoro ferroviario da noi interpellato (come ultima speranza), a messo a nostra disposizione la sala ricreativa, salvando la Rassegna e evitandoci figurette verso gli espositori. Abbiamo dovuto respingere 15 Espositori per mancanza di tavoli, la sala è la metà precisa della palestra, nonostante questi notevoli inconvenienti la manifestazione ha riscontrato notevole successo. La qualità dei minerali esposti era degna di competere con mostre di livello nazionale ed oltre, il pubblico è stato abbastanza presente nonostante il cambio della sede e la difficolta non indifferente di reperire un parcheggio. Siamo consapevoli, che per non far morire la nostra manifestazione, dobbiamo ritornare nella sede originaria, questo è il nostro obbiettivo ed è quello che hanno promesso Sindaco e Assessore. SPERIAMO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! 11 12

9 Scala di Mohs Gruppi delle Rocce - (1^ parte) 1 Talco Scalfibile con l'unghia 2 Gesso Scalfibile con l'unghia 3 Calcite Scalfibile con una monete di rame 4 Fluorite Scalfibile con un coltello 5 Apatite Scalfibile con un coltello 6 Ortoclasio Scalfibile con una lima d'acciaio ROCCE MAGMATICHE Rocce plutoniche: gneis, granito, rapakivi, granodiorite, sienite, larvikite, monzonite, foyaite, diorite, orbiculite, gabbro, essexiti, peridotite, duniti, pirosseniti. Rocce vulcaniche: FORMAZIONE diabase, tefrite, picrite, kimberlite, latiti, fonoliti, andesite, porfiriti, basalto, melafiro. 7 Quarzo Scalfisce il vetro 8 Topazio Scalfisce facilmente il quarzo 9 Corindone Scalfisce facilmente il topazio 10 Diamante Non è scalfibile All'inizio del secolo scorso, il mineralogista viennese Friedrich Mohs mise a punto una scala delle durezze (detta appunto Scala di Mohs) da uno a 10 usata ancora oggi tra i collezionisti. Ognuno dei minerali di riferimento citati scalfisce quello di durezza inferiore e viene a sua volta scalfito da quello di durezza superiore. I minerali aventi durezza 1-2 sono considerati teneri, quelli con durezza da 3 a 6 sono mediamente duri e quelli che superano 6 sono ritenuti duri. Nel caso di minerali con durezza tra 8 e 10 si parla di gemme preziose, in quanto molte gemme, hanno una durezza compresa in quest'ambito. Rocce plutoniche: Rocce vulcaniche: (dette anche plutoniti) Queste rocce sono formate nelle profondità della crosta terrestre dal magma incandescente (rocce abissali). In conseguenza del loro lentissimo raffreddamento, hanno una struttura cristallina, presentano dei cristalli di notevoli dimensioni e sono altamente compatti. (talvolta dette anche vulcaniti) A seguito del solidificarsi del magma sulla superficie terrestre si sono formate le rocce vulcaniche (rocce effusive). Esse comprendono solo singoli individui cristallini, peraltro perfettamente formati e di considerevoli dimensioni. La restante massa rocciosa contiene cristalli microscopici o ne è addirittura sprovvista; è amorfa. Abitualmente, le rocce vulcaniche presentano numerose cavità

10 Manifestazioni INFORMAZIONI Rho (Mi) 16 maggio 2004 B/S info Massimo Novaga cell Fornovo (Pr) 16 maggio 2004 S info Giancarlo Chierici tel Soave (Vr) 23 maggio 2004 S info Roberto Gutoni tel Verona maggio 2004 Mostra info Uffico organizzativo tel Rosignano S. (Li) maggio 2004 B/S info Pierluigi Lenzi tel Aspettiamo proposte di gite per la raccolta di minerali, visite a musei, mostre nazionali, ecc. ecc. Fatevi avanti e non abbiate paura di parlare troppo. Genova maggio 2004 Mostra info Genova Mineral Show fax Certaldo (Fi) 5-6 giugno 2004 B/S info Marco Campani cell Pisa giugno 2004 B/S info Leda Giannettoni tel Pinerolo (To) 13 giugno 2004 B/S info Francesco Giacomino Soave (Vr) 24 - maggio S Info Roberto Gutoni tel

11 INFORMAZIONI VARIE Questo spazio è ha disposizione di tutti per dire tutto, sempre che, sia attinente alla mineralogia

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Miniera di Pirite a Gavorrano (Gr) vuoto di coltivazione anni 60 Anno 3 - n 9 (Luglio/Settembre 2006) II Edizione Gruppo Mineralogico "AUSER" SOMMARIO

Dettagli

SOMMARIO. Gruppo Mineralogico "AUSER" Anno 4 N 14. Notiziario trimestrale a cura del Gruppo Mineralogico "AUSER" di Cecina (Li) Ottobre/Dicembre 2007

SOMMARIO. Gruppo Mineralogico AUSER Anno 4 N 14. Notiziario trimestrale a cura del Gruppo Mineralogico AUSER di Cecina (Li) Ottobre/Dicembre 2007 NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Carico di una nave con minerale (Pirite) all'arrivo della teleferica in località Portiglioni (Scarlino): primi anni del '900. Anno 4 - n 14 (Ottobre/Dicembre

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

Materiali per le mole abrasive

Materiali per le mole abrasive Materiali per le mole abrasive Le mole abrasive possono essere costruite con diversi materiali in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: L ossido di alluminio Il carburo

Dettagli

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite.

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite. CENNI DI MINERALOGIA La parte solida della Terra e dei corpi planetari di tipo terrestre accessibili all uomo (meteoriti, rocce lunari) è formata da 88 elementi che si ritrovano in circa 2000 combinazioni

Dettagli

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri Cosa hanno in comune Napoleone Bonaparte, il famoso scrittore Goethe e l ex cancelliere tedesco Helmut Kohl? Tutti loro, in epoche differenti, hanno amato il collezionismo di minerali. Una passione che

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Sassi, rocce e minerali

Sassi, rocce e minerali SCIENZE La Terra Osservare i sassi, studiarne la forma, il colore, la durezza, la texture significa entrare in relazione con la storia della Terra: i sassi portano con loro la memoria e i segni del tempo.

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) XVI sec. Discesa di minatore con corda e lucerna Parchi Val di Cornia A. Casini La miniera del Temperino Anno 6 - n 20 (Aprile/Giugno 2009) Gruppo Mineralogico

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare!

Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare! Tutto falso!? Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare! Lo scopo è principalmente quello di aiutare il consumatore collezionista a riconoscere

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno 3 - LA CHIMICA DEL SILICIO 3.1 - Il legame silicio - ossigeno Il silicio e l ossigeno costituiscono insieme il 74 % della massa e quasi il 95 % del volume della litosfera. Il silicio ha numero atomico

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali

il gesso naturale Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli Il gesso naturale Scienza dei materiali dentali Scienza dei materiali dentali Materiali gessosi per modelli Proprietà richieste ai materiali per modelli durezza e resistenza (meccanica) tempo di presa relativamente breve massima precisione nella riproduzione

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente Raw Materials University day 6th December 2013 Sapienza University, Rome Sala del Chiostro Faculty of Civil and Industrial Engineering La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto

Dettagli

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della.

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della. www.redwave.at IT Il vostro partner affidabile nel settore della: Plastica Tecnica di selezione a sensori Carta REDWAVE è un marchio della società BT-Wolfgang Binder GmbH, impiegato nel campo della tecnica

Dettagli

Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga

Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga Di Giancarlo Val Lena, versante Sud del Monte Colombè e cima Barbignaga Breve inquadramento geologico Tutta l area oggetto della presente relazione è costituita da un ripido pendio che da quote attorno

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Cerreto Piano - Area Direzionale foto M. Magni Anno 5 - n 18 (Ottobre/Dicembre 2008) Cerreto Piano - Area lavorazione del minerale foto M. Magni Gruppo

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1 I MINERALI Museo Geologico

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Miniera Molignoni (Montieri) (Foto Archivio Storico Parco Minerario) Anno 7 - n 26 (Ottobre/Dicembre 2010) Gruppo Mineralogico "AUSER" SOMMARIO Anno 7

Dettagli

Da alcuni anni vengono eseguite dallo scrivente

Da alcuni anni vengono eseguite dallo scrivente 4 / Sez. Scientifica I minerali di Poggio della Quercia (Collesalvetti - Livorno) Una nuova località mineralogica per i Monti Livornesi Franco Sammartino Parole chiave: minerali, Poggio della Quercia,

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà

Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà Nel vostro libro di testo non c è un capitolo dedicato alle proprietà dei MATERIALI in quanto li descrive singolarmente nel capitolo del materiale trattato; ma io ritengo sia un argomento comune a tutti

Dettagli

= 0,375 cioè ω = 136

= 0,375 cioè ω = 136 Il controllo della durezza Nel settore della meccanica ci si incontra spesso con il concetto di durezza ; ed infatti la durezza è una caratteristica fondamentale per giudicare se un certo materiale è idoneo

Dettagli

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA

VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA 1 Napoli 6 dicembre 2004 VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA A cura di Ugo Potenza Il gruppo orografico Somma-Vesuvio 1 fa parte del sistema vulcanico compreso tra la Toscana meridionale e il

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

Prof.ssa Annabella De Vito ITG "Rondani" Parma

Prof.ssa Annabella De Vito ITG Rondani Parma I minerali topazio apatite Sono sostanze naturali, in quanto si formano attraverso fenomeni chimico-fisico che avvengono in natura Sono sostanze solide, poichéposseggono forma e volume proprio Sono sostanze

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

Valle di Stabio. Giancarlo Branchi per GRUPPO MINERALOGICO

Valle di Stabio. Giancarlo Branchi per GRUPPO MINERALOGICO Valle di Stabio Giancarlo Branchi per GRUPPO MINERALOGICO CAMUNO 1 Branchi Giancarlo Breve inquadramento geomorfologico della Valle di Stabio La valle di Stabio, in territorio del Comune di Niardo, è una

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Ekati: Miniera di diamanti Canadese sospesa tra terra e mare Anno 4 n 13 (Luglio/Settembre 2007) II Edizione Gruppo Mineralogico "AUSER" Anno 4 N 13 SOMMARIO

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

rocce miniere minerali

rocce miniere minerali PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Assessorato all Ambiente Appunti sul territorio 7 Domenico Ruiu Egidio Trainito rocce miniere minerali Appunti sul Medio Campidano Sono fortunati coloro che hanno imparato

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

MOSTRA MINERALI D ITALIA

MOSTRA MINERALI D ITALIA associazione pionieri e veterani eni MOSTRA MINERALI D ITALIA ELENCO DEI MINERALI E LORO PRINCIPALI CARATTERISTICHE San Donato milanese, 3 dicembre 2010 MINERALI Sostanze naturali inorganiche, generalmente

Dettagli

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA Indice 1 INDICE GENERALE 1. CHIMICA GENERALE E ORGANICA CHIMICA GENERALE STRUTTURA DELL ATOMO PAG. 1 TAVOLA PERIODICA PAG. 7 PROPRIETÀ PERIODICHE PAG. 9 LEGAMI CHIMICI PAG. 11 MOLECOLE E CRISTALLI PAG.

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI VETRO MATERIALI VETRO 1 IERI E OGGI Cent anni fa: il vetro appannato Oggi: il vetro isolante 2 Cos è il vetro Osserviamo quattro tipi di vetro Oggetti di vetro (classificazione) 3 Osserviamo quattro tipi di

Dettagli

Dietro il miglioramento c è sempre una storia.

Dietro il miglioramento c è sempre una storia. Dietro il miglioramento c è sempre una storia. La nostra è quella di chi non vuole fermarsi. Il titanio deriva il suo nome da Titanos, o Titano nella mitologia greca (i giganti, figli delle divinità del

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Miniera Fenice Capanne (Massa M.ma - GR) Pozzo San Carlo 1900 (Archivio storico) Miniera Fenice Capanne (Massa M.ma - GR) Perforatore da mina (Archivio

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

PHILLIPSITE E CABASITE DI MONTE CAVALLUCCIO (CAMPAGNANO-RM)

PHILLIPSITE E CABASITE DI MONTE CAVALLUCCIO (CAMPAGNANO-RM) LIBRO_ok_Layout 1 11/07/14 17.34 Pagina 62 PHILLIPSITE E CABASITE DI MONTE CAVALLUCCIO (CAMPAGNANO-RM) Roberto Pucci Gruppo Mineralogico Romano Riassunto M.te Cavalluccio (Campagnano, RM) è un piccolo

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

MOSTRA MINERALI D ITALIA

MOSTRA MINERALI D ITALIA associazione pionieri e veterani eni MOSTRA MINERALI D ITALIA FOTO E SCHEDE DEI PRINCIPALI MINERALI ESPOSTI San Donato milanese, 3 dicembre 2010 n. Minerale Mostra APVE Località Bac. 1 Natrolite Campo

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow!

Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow! Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow! Molto spesso la passione per un hobby nasconde il desiderio di riscoprire e approfondire attività e tradizioni legate al passato: partendo da questo assunto

Dettagli

SERATA GEMMOLOGICA. A cura di Bogni dott. Giorgio in collaborazione del gruppo GAMMAR

SERATA GEMMOLOGICA. A cura di Bogni dott. Giorgio in collaborazione del gruppo GAMMAR SERATA GEMMOLOGICA A cura di Bogni dott. Giorgio in collaborazione del gruppo GAMMAR RUOLO E SCOPI DELLA GEMMOLOGIA Il gemmologo utilizza una serie di strumentazioni allo scopo di riconoscere aspetti e

Dettagli

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in

Dettagli

Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI. Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella

Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI. Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella Che cos è un fossile? La parola fossile deriva dal latino fossilis, scavare, ed indica

Dettagli

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa

Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE. COSa diventa Area Comunicazione VETRO COS' E ' COmE SI RaCCOGLIE COSa diventa IL VETRO Questo importantissimo materiale si realizza con un minerale che si chiama silicio che si trova anche nella sabbia del mare. Riciclando

Dettagli

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo

Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo nell attività di cava San Carlo Solvay, nel Comune di San Vincenzo GRUPPO SPELEOLOGICO ARCHEOLOGICO LIVORNESE Socio della Federazione Speleologica Toscana Socio della Società Speleologica Italiana Osservazioni circa il possibile coinvolgimento di parte del Vallinlungo

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO 1 IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO A CURA DI COSTANTINO MEUCCI INTRODUZIONE Nel corso della prima missione del gruppo di ricerca dell Università degli Studi

Dettagli

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE In Sicilia nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Enna (Sicilia Centrale) sono presenti grandi depositi di zolfo ( solfare ) che furono la

Dettagli

Le rocce e gli scavi in galleria

Le rocce e gli scavi in galleria n 1 Le rocce e gli scavi in galleria 5 1.1 Tipologie di gallerie Le gallerie naturali vengono realizzate completamente all interno dell ammasso roccioso e possono avere, una volta rivestite con calcestruzzo

Dettagli

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48.

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48. La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig.

Dettagli

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA

Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa. Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA Risorse idriche di ATO 5 Toscana Costa Antonio Muti Claudio Benucci Settore Geologia Idrogeologia Asa SpA TOSCANA NORD MEDIO VALDARNO BASSO VALDARNO TOSCANA COSTA ALTO VALDARNO TOSCANA OMBRONE ATO 5 Toscana

Dettagli

I colori minerali ai silicati

I colori minerali ai silicati I colori minerali ai silicati Municipio di Schwyz (Svizzera) 1896 Condominio Boccaccio ang. Via Gioberti Abbazia divia S. Maria di Staffarda Revello MILANO (CN) Città giardino Falkenberg Ca Brutta - MILANO

Dettagli

LE PIETRE COLORATE LO ZAFFIRO. - Varietà e colori: corindone - blu. - Durezza: 9. - Peso specifico: 3,99-4.02. - Indice di rifrazione: n. 1.760 1.

LE PIETRE COLORATE LO ZAFFIRO. - Varietà e colori: corindone - blu. - Durezza: 9. - Peso specifico: 3,99-4.02. - Indice di rifrazione: n. 1.760 1. LE PIETRE COLORATE LO ZAFFIRO - Varietà e colori: corindone - blu - Durezza: 9 - Peso specifico: 3,99-4.02 - Indice di rifrazione: n. 1.760 1.768 - Birifrangenza: 0.008 Uniassico negativo Le gemme più

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Materiali lapidei

prof. Adolfo F. L. Baratta Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Materiali lapidei Percorsi Abilitanti Speciali Classe A016 Costruzioni, Tecnologia delle costruzioni e Disegno Tecnico Materiali lapidei Roma, 29 marzo 2014 04 Classificazione petrografica Si dicono materiali lapidei quelli

Dettagli

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO

LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO Ricerche Speleologiche - Anno 2006 n. 1 MANLIO PORCELLI* * Centro Altamurano Ricerche Speleologiche LE CAVETTE DI BAUXITE DI SPINAZZOLA NELLE IMMAGINI D ARCHIVIO: UNA SCOPERTA CHE VIVE NEL RICORDO 1. Premessa

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli