https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id..."

Transcript

1 Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Oggetto: Potenziamento CST Casentino SOGGETTO PROPONENTE SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0898 Alla Regione Toscana Area di coordinamento programmazione e controllo Settore "Strumenti della programmazione regionale e locale" Via G. Verdi, FIRENZE (FI) per il tramite della Provincia di Arezzo SEZIONE 1) - ANAGRAFICA / INFORMAZIONI GENERALI Il Sottoscritto Paolo Grifagni CF GRFPLA54R16C263V Tel fax in qualità di legale rappresentante dell'ente Comunità Montana del Casentino avente sede legale nel Comune di Poppi(AR) Via e n. Via Roma 203 CAP Provincia AR, CP/PIVA Classificazione: 05 - Comunità montane SOGGETTO ATTUATORE Il Sottoscritto Paolo Grifagni CF GRFPLA54R16C263V Tel fax in qualità di legale rappresentante dell'ente Comunità Montana del Casentino avente sede legale nel Comune di Poppi Via e n. Roma 203 CAP Provincia AR, CP/PIVA Classificazione: 05 - Comunità montane REFERENTE TECNICO DEL PROPONENTE Cognome: Grifagni Nome: Paolo Tel Cell. ASSE STRATEGICO DI INTERVENTO DEL PASL Asse strategico: Ambito competitività 1 di 5 01/10/

2 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Breve descrizione del progetto Il progetto è l'aggiornamento di quello già presentato (083_2008) è si pone l'ulteriore obbiettivo di migliorare l'infrastruttura interna dei comuni nonché dotare queste amministrazioni di strumenti tecnologicamente avanzati e di sicurezze informatico-strutturali di qualità: con questo progetto quindi ci proponiamo quindi l ottimizzazione e il consolidamento della rete wireless e dei comuni del Casentino per erogare in maniera continua, sicura ed efficente i servizi all'utenza e alle attività produttive; Le tre direzioni su cui si prevede di aggiornare il progetto originale sono: - Aggiornamento delle reti lan della RCC (sulla base delle installazioni fatte nel 99, aggiornamento con rete a gigabyte delle lan degli aderenti a RCC) - Realizzazione di una intranet della RCC (sfruttando il nuovo CMS creazione di un sistema intranet tra gli enti Casentinesi) - Messa in sicurezza e aggiornamento dell ambiente operativo del CST Casentino (messa in sicurezza e ottimizzazione dell infrastruttura che ospita il CED, backup centralizzato per tutti i comuni, adeguamento normativa sicurezza per CED, migrazione domini verso open source, manutenzione sw centralizzata e acquisto strumenti sicurezza HW) Indicare le eventuali connessioni con altre schede PASL Il progetto sopra è l'aggiornamento del progetto già presentato 'Potenziamento CST Casentino: potenziamento e messa in sicurezza della rete hyperlan' (083_2008) 2 di 5 01/10/

3 SEZIONE 2) CARATTERISTICHE TIPOLOGICHE INTERVENTO LOCALIZZAZIONE Localizzazione Generale: 2 - Provinciale Localizzazione Provinciale: Provincia di Arezzo - AR - 02 Localizzazione Comunale: Poppi - Arezzo - AR - 03 Descrizione degli interventi già avviati e della previsione della conclusione dei lavori - progettazione (conclusa 31/06/2009) - approvazione e predisposizione bando di gara (30/09/2009) - esecuzione (fine lavori 31/12/2009) SETTORE DI INTERVENTO Settore di intervento dell'operazione: Servizi per la pubblica amministrazione e la collettivita DESCRIZIONE DELL' INTERVENTO Descrizione dell'intervento che si prevede di avviare, specificando la tempistica prevista, e delle procedure necessarie (espropri, autorizzazioni, conformità con i P.R.G., ecc.) Aggiornamento delle reti lan della RCC (costo previsto ): - predisposizione progetti per gara appalto per aggiornamento con rete a gigabyte delle lan degli aderenti a RCC (entro aprile 2010) - assegnazione appalto (entro maggio 2010) - esecuzione lavori (entro dicembre 2010) Realizzazione di una intranet della RCC (costo previsto ): - pre disposizione incarico professionale tramite bando (giugno 2010) - predisposizione bozza del sistema intranet tra gli enti Casentinesi e test operativi(dicembre 2010) - completamento intranet e inizio periodo di utilizzo (gennaio 2011) Messa in sicurezza e aggiornamento dell ambiente operativo del CST Casentino (costo previsto ): - predisposizione progetti per gara appalto su messa in sicurezza e ottimizzazione della stanza del CED, backup centralizzato, adeguamento a normativa sicurezza, migrazione domini verso open source, manutenzione sw centralizzata e acquisto strumenti sicurezza Hw (entro settembre 2010) - affidamento gara (entro ottobre 2010) - esecuzione lavori (entro dicembre 2010) - fine lavori (aprile 2011) migrazione domini verso open source, manutenzione sw centralizzata e acquisto strumenti sicurezza Hw 3 di 5 01/10/

4 CRONOPROGRAMMA Cronoprogramma di attuazione Descrizione Fase Data inizio Data fine Inizio attivià 31/06/2009 Fine attività 30/04/2011 Strumenti normativi, programmatori, amministrativi: Programma Regionale di Sviluppo (PRS) Piano di Indirizzo Territoriale (PIT) Piani e programmi regionali Piani locali di sviluppo (provinciali, comunita' montane, comunali) Altro specificare... Previsione del costo complessivo del progetto e delle relative fonti di finanziamento Cod. Descrizione Importo certo Importo presunto 01 Regione Toscana Unione Europea 03 Stato 04 Provincie 05 Comunità montane Comuni Enti e aziende regionali 08 Altro pubblico 09 Aziende speciali 10 Privati 98 Risorse da reperire TOTALE COSTO COMPLESSIVO Sostenibilita' ambientale dell'intervento Soggetti coinvolti nell'attuazione degli interventi (solo quelli rilevanti) 1 Comunità Montana del Casentino 2 Comuni del Casentino 3 Regione Toscana DOCUMENTI ALLEGATI 4 di 5 01/10/

5 SEZIONE 3) COERENZA CON DELIBERA GR N.814/2007 Coerenza del progetto con la lettera b) della deliberazione della Giunta regionale n. 814/2007 (indicazione univoca della fattispecie di appartenenza del progetto) Sostituzione Nuovo progetto Aggiornamento Potenziamento CST Casentino: potenziamento e messa in sicurezza della rete hyperlan 083_2008 Titolo intervento: Potenziamento CST Casentino: potenziamento e messa in sicurezza della rete hyperlan Oltre al potenziamento dell'infrastruttura Hyperlan (i cui lavori sono già cominciati e siamo in fase di appalto) è necessari provevdere a rendere sicure le reti interne dei comuni, dotare di strumenti di lavoro idonei (quali la intranet) i dipendenti, nonché garantire la sicurezza e l'integruità dei dati con sistemi idonei. Progetto chiuso in data :09:30 Firma 5 di 5 01/10/

Sviluppo Toscana - Gestione PASL

Sviluppo Toscana - Gestione PASL Page 1 of 5 Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Oggetto: Casentino Mobile SOGGETTO PROPONENTE SCHEDA

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Infrastrutture) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0313 Oggetto: RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0307 Alla Regione Toscana Area di coordinamento

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=2&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Servizi) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Oggetto: Casentino valle Dantesca SOGGETTO PROPONENTE SCHEDA PROGETTUALE

Dettagli

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO

https://sviluppo.toscana.it/pasl/print.php?quadro=1&id_pasl=5&id... PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO Modulo per la presentazione di progetti (Infrastrutture) inseriti nei Patti per lo Sviluppo Locale (PASL) PATTO PER LO SVILUPPO LOCALE DI AREZZO SCHEDA PROGETTUALE n. 2009AR0698 Alla Regione Toscana Area

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana Legge Regionale 26 luglio 2002, n. 32 e ss.mm. PROVVEDIMENTO DEL DIRETTORE N 60/15 del 25/02/2015 Oggetto: SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto

Quadro economico del progetto. Importo lavori a misura Importo spese generali Importo IVA altre voci. Quadro economico a seguito della gara di appalto aggiornamento 1) Titolo dell intervento Finanziamento regionale l.r. n.13/2008 ( ) Altri Finanziamenti ( ) (**) Note Livello di progettazione approvazione 2) SEZIONE DATI PROGETTUALI D APPALTO ENTE ATTUATORE

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

CUP J79J15001490006 - CIG Z69184DCD2 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

CUP J79J15001490006 - CIG Z69184DCD2 IL DIRIGENTE SCOLASTICO A tutto il Personale LORO SEDI All Albo Al Sito web BANDO RECLUTAMENTO ESPERTO INTERNO PROGETTISTA Fondi Strutturali Europei Programma Operativo Nazionale "Per la scuola Competenze e ambienti per l'apprendimento"

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 597/A del 10/05/2011 Dirigente: Istruttore: Settore: Paolo Grifagni Francesco Piantini Affari Generali, Amministrativi e Finanziari OGGETTO PROGETTO PROTOCOLLO INFORMATICO.

Dettagli

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN

PIANO FILIERA, PROGETTO INDUSTRIALE E BUSINESS PLAN 1/ AVVISO PUBBLICO per la concessione di agevolazioni finanziarie, attraverso la sottoscrizione di Contratti di Programma Regionali settoriali per lo Sviluppo delle Attività Industriali, di cui all articolo

Dettagli

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va.

Provincia di Varese, Piazza Libertà 1, 21100 Varese Tel 0332 252111 Fax 0332 235626 C.F. N 80000710121 P.I. N 00397700121 - www.provincia.va. CARTA PER GLI ACQUISTI VERDI E CONSUMI RESPONSABILI DELLA PROVINCIA DI VARESE: impegni, regolamento, modulo di adesione 1. IMPEGNI Premesse Gli acquisti verdi e consumi responsabili rappresentano lo strumento

Dettagli

IL DIRIGENTE. Vista la Legge Regionale 08 gennaio 2009, n. 1 Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale ;

IL DIRIGENTE. Vista la Legge Regionale 08 gennaio 2009, n. 1 Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale ; IL DIRIGENTE Vista la Legge Regionale 08 gennaio 2009, n. 1 Testo unico in materia di organizzazione e ordinamento del personale ; Visto il Decreto del Direttore Generale della D.G. Politiche Ambientali,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA tra UNIONE NAZIONALE COMUNI COMUNITÀ ENTI MONTANI (UNCEM) TOSCANA e Unione dei Comuni montani CASENTINO Azienda USL 8 di Arezzo per la prosecuzione del progetto MONTAGNA IN SALUTE

Dettagli

Regione Toscana POR FESR 2014-2020 Asse 6 Urbano

Regione Toscana POR FESR 2014-2020 Asse 6 Urbano Regione Toscana POR FESR 2014-2020 Asse 6 Urbano ************ Progetti di Innovazione urbana (PIU) Delibera di Giunta 492 del 07/04/2015 Avviso Manifestazione di interesse per la presentazione dei PIU

Dettagli

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani

Il Dirigente Responsabile/ Il Responsabile di P.O. delegato: Laura Castellani REGIONE TOSCANA-GIUNTA REGIONALE DIREZIONE GENERALE ORGANIZZAZIONE E SISTEMA INFORMATIVO AREA DI COORDINAMENTO RETI DI GOVERNANCE DEL SISTEMA REGIONALE E INGEGNERIA DEI SISTEMI INFORMATIVI E DELLA COMUNICAZIONE

Dettagli

Allegato 4 Capitolato Tecnico. ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA

Allegato 4 Capitolato Tecnico. ARTI Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione S.P. per Casamassima, Km 3 70010 Valenzano BA REGIONE PUGLIA ASSESSORATO AL DIRITTO ALLO STUDIO Progetto Osservatorio Regionale dei Sistemi di Istruzione e Formazione in Puglia - Attività cofinanziata dall Unione Europea a valere sul P.O. Puglia FSE

Dettagli

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i

C O M U N E D I G A L L I P O L I A r e a d e l l e P o l i t i c h e t e r r i t o r i a l i e d I n f r a s t r u t t u r a l i APPALTO DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL SISTEMA INFORMATICO COMUNALE BANDO DEL 16/05/2013 QUESITO N. 35 inviato alla casella di posta elettronica indicata sul bando in data 15/07/2013 Facendo riferimento

Dettagli

Settore Servizi Finanziari Sistemi Informatici Dirigente Dott.ssa Anna Tani

Settore Servizi Finanziari Sistemi Informatici Dirigente Dott.ssa Anna Tani VI Settore Servizi Finanziari Sistemi Informatici Settore Servizi Finanziari Sistemi Informatici Servizio Ragioneria e Economato Obiettivo Tipologia Peso % 1 - Pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni

Dettagli

PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI

PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI PON SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 MODELLO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TERRITORIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI COMPRENSORIO AVERSANO

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63

CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 CORRIDOIO PLURIMODALE DORSALE CENTRALE Bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo e opere connesse SCHEDA N. 63 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81B03000120001 Rete stradale ANAS

Dettagli

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI

VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO DI OPERAZIONE PRESSO I BENEFICIARI FINALI UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO DELLA PROGRAMMAZIONE, BILANCIO, CREDITO E ASSETTO DEL TERRITORIO CENTRO REGIONALE DI PROGRAMMAZIONE POR SARDEGNA 2000 2006 VADEMECUM SULLA TENUTA DEL FASCICOLO

Dettagli

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.

Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi. Via Emanuela Loi 1, 09010 Villaspeciosa (CA) P.IVA 03071740926 - Tel.+39 380 45 42 015 CF: CSCLSN78R17B354H *** @Mail: info@afnetsistemi.it @Pec: info.afnet@pec.it Web: http://www.afnetsistemi.it E-Commerce:

Dettagli

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: C21H04000080005 C91H04000240005 C31H04000120005 Interporti Regione Umbria STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

Centro di Responsabilita' 69 Centro di Costo 62

Centro di Responsabilita' 69 Centro di Costo 62 Centro di Responsabilita' 69 Centro di Costo 62 Pratica n. 2270739 Oggetto: Convenzione per il conferimento di incarico professionale alla societa Dott. Ing. Regolo Poluzzi Ingegneria e Geomeccanica S.r.l.

Dettagli

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51

136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 136 19.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Area di Coordinamento Politiche Sociali di Tutela, Legalità,

Dettagli

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a))

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a)) SCHEDA N. 1 : APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1)Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto della fornitura - Operatore economico

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N.

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Asse ferroviario sull'itinerario del corridoio 5 Lione-Kiev (Torino-Trieste) Nodo AV Verona SCHEDA N. 8 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: F81H91000000018

Dettagli

IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE

IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE Bando relativo alla Riqualificazione ambientale di aree destinate ad insediamenti produttivi Regione Toscana D.G. Sviluppo Economico Settore Infrastrutture e servizi

Dettagli

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144

HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 HUB INTERPORTUALI Piastra logistica umbra SCHEDA N. 144 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: C21H04000080005 C91H04000240005 C31H04000120005 Interporti Regione Umbria STATO DI ATTUAZIONE

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 20696 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.1 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità ferroviaria Malpensa Opere connesse all'expo: tratta Rho-Gallarate e Raccordo Y per la connessione diretta tra Rho-Fiera/Expo e Malpensa SCHEDA N. 13 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA COMUNITA MONTANA AGORDINA PROVINCIA DI BELLUNO

REPUBBLICA ITALIANA COMUNITA MONTANA AGORDINA PROVINCIA DI BELLUNO REPUBBLICA ITALIANA COMUNITA MONTANA AGORDINA PROVINCIA DI BELLUNO CONVENZIONE TRA LA COMUNITA MONTANA AGORDINA ED IL COMUNE DI PER LA GESTIONE ASSOCIATA E COORDINATA DEL SERVIZIO IN- FORMATICO COMUNALE

Dettagli

Liceo Statale Sandro Pertini. Scientifico Classico Linguistico

Liceo Statale Sandro Pertini. Scientifico Classico Linguistico PROT. N 901 DEL 13/4/2016 AL PERSONALE DOCENTE E A.T.A. LORO SEDI D.S.G.A ALBO SITO WEB ATTI Progetto: 10.8.1.A3 FESRPON LA 2015 405. CUP B66J16000260007 CIG ZC3194B9AB IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO il

Dettagli

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila

SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SISTEMI URBANI Interventi per il piano d'area emergenza in Abruzzo Programma stralcio per la parziale ricostruzione dell'università de L'Aquila SCHEDA N. 125 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Interventi in materia di edilizia scolastica a seguito degli eventi sismici verificatisi in Abruzzo nel mese di aprile 2009 SCHEDA N.

Dettagli

BANDO RECLUTAMENTO PROGETTISTA

BANDO RECLUTAMENTO PROGETTISTA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 3 FELISSENT Via San Zeno, 41 3100 TREVISO Tel. 0422.403458 C.F. 94136060269 e-mail: tvic87200n@istruzione.it Sito Web: http://www.ic3felissent.gov.it Prot. n. 7430/C14 CIG Z95161E637

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO. Determina N. 2580 del 19/07/2010

PROVINCIA DI PRATO. Determina N. 2580 del 19/07/2010 Determina N. 2580 del 19/07/2010 Oggetto: Difesa del Suolo e Protezione Civile Incarico professionale per redazione relazione geologica relativa alla progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva

Dettagli

dell alta murgia DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE OGGETTO parco nazionale N.)Q2)OQ del

dell alta murgia DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE OGGETTO parco nazionale N.)Q2)OQ del N.)Q2)OQ del assunto con J deliberazione Li determinazione n. del assunto con L1 deliberazione J determinazione n. del dott.ssa Mar 1.1.1.3. del Bilancio di Previsione 2014. OGGETTO ASSISTENZA TECNICO-INFORMATICA

Dettagli

SCHEDA N. 103 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE F51B01000060001. Regione Lazio.

SCHEDA N. 103 CUP: SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE F51B01000060001. Regione Lazio. SISTEMI URBANI Viabilità accessoria dell'autostrada Roma Aeroporto di Fiumicino Allaccio alla autostrada A12 Roma-Civitavecchia della viabilita' ordinaria del comune di Fiumicino a supporto dell'interporto

Dettagli

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE

DIPARTIMENTO AMBIENTE E TERRITORIO INFRASTRUTTURE, OPERE PUBBLICHE E TRASPORTI IL DIRIGENTE GENERALE DISCIPLINA DEI REQUISITI E DELLE PROCEDURE DI ACCESSO AI FINANZIAMENTI E MODALITA DI RIMBORSO DELLE SOMME ANTICIPATE Fondo rotativo per la progettazione a favore degli Enti Pubblici della Regione Basilicata

Dettagli

GARA PORTALE Chiarimenti 2

GARA PORTALE Chiarimenti 2 13 6.1.1 Pag. 53 [...] Evolvere ed ampliare i servizi già offerti dall Amministrazione, attraverso la realizzazione di servizi innovativi, sia informativi, interattivi e trasnazionali, sia di natura collaborativa

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le Tecnologie. Regione Siciliana Assessorato Bilancio e Finanze

Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le Tecnologie. Regione Siciliana Assessorato Bilancio e Finanze Presidenza del Consiglio dei Ministri Ministro per l Innovazione e le Tecnologie POR Sicilia 2000-2006 Regione Siciliana Assessorato Bilancio e Finanze Autodichiarazione dei requisiti di ammissibilità

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità ferroviaria Malpensa Opere connesse all'expo: tratta Rho-Gallarate e Raccordo Y per la connessione diretta tra Rho-Fiera/Expo e Malpensa SCHEDA N. 13 LOCALIZZAZIONE

Dettagli

Copertino, 19/02/2016 All Albo d Istituto Al sito Web dell Istituto

Copertino, 19/02/2016 All Albo d Istituto Al sito Web dell Istituto Prot. n. 979 C14 FESR BANDO RECLUTAMENTO PROGETTISTA Copertino, 19/02/2016 All Albo d Istituto Al sito Web dell Istituto IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTO l Avviso pubblico del MIUR prot. n. AOODGEFID\6035

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE ANAGRAFE E SVILUPPO SISTEMA INTEGRATO DI GESTIONE E CONTROLLO Decreto n. 26 del 24 febbraio 2014 Oggetto: Servizio

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che:

LA GIUNTA COMUNALE. Premesso che: LA GIUNTA COMUNALE Premesso che: il D.M. n.13294 del 18 novembre 2009, registrato dall Ufficio Centrale di Bilancio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in data 21 dicembre 2009 n. 2945, nonché

Dettagli

SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Procedimenti Livello di rischio Misure di prevenzione

SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Procedimenti Livello di rischio Misure di prevenzione SCHEDA N. 1 : APPALTI (MISURE SU ALCUNI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI) Lavori eseguiti in somma urgenza Alto 1) Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Relazione di cui all art.

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

Bando infrastrutture sciistiche IL SISTEMA GESTIONALE PER LA TRASMISSIONE DEL PROGETTO INTEGRATO

Bando infrastrutture sciistiche IL SISTEMA GESTIONALE PER LA TRASMISSIONE DEL PROGETTO INTEGRATO Bando infrastrutture sciistiche IL SISTEMA GESTIONALE PER LA TRASMISSIONE DEL PROGETTO INTEGRATO Dott.ssa Sabrina Castagnoli Area Investimenti e infrastrutture pubbliche Firenze, 2 Novembre 2011 Bando

Dettagli

L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 2015

L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 2015 L.R. 7 maggio 2002, art. 3, bando anno 205 PROCEDURA ORDINARIA Schema di progetto approvato con delibera di Ente proponente Denominazione numero/data Capoluoghi di provincia e città metropolitane Comune

Dettagli

PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA

PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA ALLEGATO N. B1 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA PER REALIZZAZIONE, ESTENSIONE, POTENZIAMENTO E AGGIORNAMENTO TECNOLOGICO DI RETI WI-FI PUBBLICHE: VENETO FREE WI-FI D.G.R. n... Alla Regione del

Dettagli

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO

Allegato A alla DGR n. 1. INQUADRAMENTO PROGRAMMATICO E NORMATIVO LINEE-GUIDA PER L AVVIO E L ACCOMPAGNAMENTO DEI PISL MONTAGNA (PROGRAMMI INTEGRATI DI SVILUPPO LOCALE PER LA MONTAGNA) MODALITA DI PRIMA APPLICAZIONE DELL ART. 5 DELLA L.R. n. 25/2007* (*come modificato

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

PROGETTO FONDI PON 2014-2020

PROGETTO FONDI PON 2014-2020 PROGETTO FONDI PON 2014-2020 Avviso MIUR 9035 del 13 luglio 2015 Avviso pubblico rivolto alle Istituzioni scolastiche statali per la realizzazione, l ampliamento o l adeguamento delle infrastrutture di

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

Il Dirigente. SETTORE OPERE PUBBLICHE E ASSETTO DEL TERRITORIO Determinazione dirigenziale Raccolta n. 3240 del 05/12/2013

Il Dirigente. SETTORE OPERE PUBBLICHE E ASSETTO DEL TERRITORIO Determinazione dirigenziale Raccolta n. 3240 del 05/12/2013 SETTORE OPERE PUBBLICHE E ASSETTO DEL TERRITORIO Determinazione dirigenziale Raccolta n. 3240 del 05/12/2013 Oggetto: FORNITURA E POSA IN OPERA IMPIANTO ANTIFURTO CENTRO IMPIEGO DI ABBADIA SAN SALVATORE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1540/A del 22/11/2011 Dirigente: Istruttore: Settore: Siria Ceccarelli Francesco Piantini Affari Generali, Amministrativi e Finanziari OGGETTO: PROCEDURA NEGOZIATA, SVOLTA

Dettagli

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera,

La tabella è finalizzata alla rilevazione di un set minimo di informazioni anagrafiche che consentono di definire alcune caratteristiche dell opera, 2 DATI DA DETENERE E TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE 2.1 ANAGRAFICA DEI PROGETTI L inserimento dei dati anagrafici, finalizzato ad identificare le singole opere pubbliche, rappresenta

Dettagli

Accordo di Programma Quadro

Accordo di Programma Quadro UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA DI INTERVENTI DI INFRASTRUTTURAZIONE E SERVIZI CORRELATI ALLO SVILUPPO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE (Legge Regionale 28 dicembre

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT)

COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) COMUNE DI TERNI DIREZIONE INNOVAZIONE PA - SERVIZI INFORMATIVI (ICT) DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 144 del 20/01/2011 OGGETTO: Micro Organizzazione Direzione Innovazione PA - Sistemi Informativi

Dettagli

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO

REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO - ALLEGATO B) REGIONE TOSCANA SETTORE LAVORO FORMULARIO di presentazione di progetti volti alla realizzazione di opere e servizi di pubblica utilità a valere sul P.O.R. Toscana FSE 2014-2020 1 SEZIONE

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187 PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Messa in sicurezza della Scuola europea di Varese SCHEDA N. 187 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: Edilizia scolastica

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA Asse ferroviario Ventimiglia-Genova-Novara-Milano (Sempione) Ventimiglia-Genova Tratta Andora - Finale Ligure SCHEDA N. 38 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 1019 DEL 18/12/2014 INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE EXCHANGE SERVER 2013 CENTRO DI RESPONSABILITA' SETTORE 01 SERVIZIO UFFICIO SISTEMA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE GESTIONE SISTEMI INFORMATICI E FINANZIARI ED ESECUZIONE PAGAMENTI Decreto n. 145 del 19 dicembre 2013 Oggetto:

Dettagli

Deliberazione N.: 210 del: 10/03/2015

Deliberazione N.: 210 del: 10/03/2015 Deliberazione N.: 210 del: 10/03/2015 Oggetto : AVVIO PROCEDURA TELEMATICA SINTEL PER L'AFFIDAMENTO DELLA CONCESSIONE AVENTE AD OGGETTO LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI NOLEGGIO TELEVISIVO ALL'INTERNO DEI PRESIDI

Dettagli

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni

Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni ALLEGATO 1 Istruzioni operative governance dei progetti co-finanziati da Enti, Istituzioni, Fondazioni e Associazioni Obiettivo Scopo della Procedura è definire il processo di attivazione e gestione dei

Dettagli

SOLUZIONI E SERVIZI ICT

SOLUZIONI E SERVIZI ICT SOLUZIONI E SERVIZI ICT Chi siamo Cosa facciamo? In quindici parole : facciamo consulenza, assistenza, manutenzione, gestione e monitoraggio delle infrastrutture dei nostri clienti sul cablaggio, sulla

Dettagli

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma

BANDO DEL 19 NOVEMBRE 2015 per la presentazione di proposte per l ammissione e la selezione dei Centri di Raccolta beneficiari del Programma per l erogazione di contributi per il potenziamento e Quali sono i possibili motivi che possono determinare l esclusione della domanda di ammissione presentata per il Bando? I possibili motivi che possono

Dettagli

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE

Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Obiettivo Competitività regionale e occupazione CRITERI PER LA DEFINIZIONE DELL AMMISSIBILITÀ E DELLA FINANZIABILITÀ DELLE OPERAZIONI PROPOSTE Programma operativo della Fondo Europeo di Sviluppo Regionale

Dettagli

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT

(A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT 2 (A) AGGIORNAMENTO REPORTING MONIT Il sistema di monitoraggio in dotazione al MIUR (AdG del Programma) è basato su sistemi già collaudati, completamente autonomi, e in grado di fornire un monitoraggio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1277 DEL 16/11/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1277 DEL 16/11/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 1277 DEL 16/11/2015 OGGETTO: PROGRAMMAZIONE OPERE PUBBLICHE ARTT. 126 E 128 D. LGS. 163/06

Dettagli

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA

TURISMO. Decreto N. 185 del 22-07-2013. Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA TURISMO Dirigente: PERUZZINI ALBERTO Decreto N. 185 del 22-07-2013 Responsabile del procedimento: Pubblicità/Pubblicazione: ATTO NON RISERVATO,PUBBLICAZIONE SUL SITO DELL'AGENZIA Ordinario [X ] Immediatamente

Dettagli

1.OGGETTO DEL SERVIZIO

1.OGGETTO DEL SERVIZIO AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE A PARTECIPARE AD EVENTUALI PROCEDURE DI GARA AVENTI AD OGGETTO SERVIZI DI CONSULENZA RELATIVI AL PRODOTTO SITO WEB e CMS

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante.

PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante. PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante tra Regione Toscana Provincia di Firenze Comune di Barberino

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE. Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DETERMINAZIONE N. 541/AA.GG DEL 17.10.2011

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE. Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DETERMINAZIONE N. 541/AA.GG DEL 17.10.2011 ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DEL 17.10.2011 Oggetto: Procedura aperta, ai sensi dell art. 55, comma 5, del d.lgs. n. 163/2006, art.

Dettagli

Direzione Edifici Municipali, Patrimonio e Verde 2015 04701/117 Servizio Grandi Opere del Verde CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Edifici Municipali, Patrimonio e Verde 2015 04701/117 Servizio Grandi Opere del Verde CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Edifici Municipali, Patrimonio e Verde 2015 04701/117 Servizio Grandi Opere del Verde CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 147 approvata il 7 ottobre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. SISTEMI URBANI Monza metropolitana Prolungamento della linea metropolitana M1 a Monza Bettola, tratta Sesto Fs- Monza Bettola SCHEDA N. 94 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: B61E04000030001

Dettagli

Avanzamento attività Piano Banda Ultra Larga Regione Piemonte

Avanzamento attività Piano Banda Ultra Larga Regione Piemonte Avanzamento attività Piano Banda Ultra Larga Regione Piemonte Incontri con il territorio Maggio 2016 Obiettivi del Piano Nazionale BUL e obiettivi comunitari - Copertura ad almeno 100 Mbps fino all 85%

Dettagli

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI

TRA IN ATTUAZIONE PREMESSI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE PIEMONTE, UNIONE DELLE PROVINCE PIEMONTESI, ANCI PIEMONTE, UNCEM PIEMONTE, LEGA DELLE AUTONOMIE LOCALI, CONSULTA UNITARIA DEI PICCOLI COMUNI DEL PIEMONTE, PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Area Segretario Generale DIRETTORE CRISCUOLO avv. PASQUALE Numero di registro Data dell'atto 1861 16/12/2014 Oggetto : Indizione di procedura negoziata diretta con

Dettagli

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni;

Il Dirigente. Visto l art. 3 della Legge Regionale 17 marzo 2000, n. 26 e successive modifiche ed integrazioni; Oggetto: Rilevazione preliminare dei piani di investimento degli OPC su aree della Regione Toscana non servite da banda larga, per il Progetto Banda larga nelle aree rurali della Toscana ( Notifica alla

Dettagli

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROVINCIA DI COMO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N 1453 DEL 07/12/2012 SETTORE Attività Economiche, Formazione Professionale, Politiche Attive del Lavoro e Università, Istruzione OGGETTO: RINNOVO INCARICO

Dettagli

Requisiti e scheda controllo

Requisiti e scheda controllo MODIFICHE AL D.P.G.R. 3 MARZO 2010 N. 29//R REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 28 DICEMBRE 2009, N. 82 (ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE E DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL SISTEMA SOCIALE INTEGRATO)

Dettagli

DECRETO 24 dicembre 2013, n. 6075 certificato il 20-01-2014

DECRETO 24 dicembre 2013, n. 6075 certificato il 20-01-2014 44 29.1.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 4 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Organizzazione Area di Coordinamento Organizzazione. Personale. Sistemi Informativi Settore Servizi Infrastrutturali,

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 8 del 19/02/2009

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 8 del 19/02/2009 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 8 del 19/02/2009 ================================================================= OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI MONTANI DEL CASENTINO

UNIONE DEI COMUNI MONTANI DEL CASENTINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 366/A del 24/02/2015 Dirigente: Istruttore: Area: Paolo Grifagni Danilo Nasini Amministrativa OGGETTO: IMPEGNO DI SPESA E LIQUIDAZIONE FATTURE TELECOM ITALIA SPA 1 BIM 2015

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

Regione Toscana Linea 1.4 b PRSE 2012-2015

Regione Toscana Linea 1.4 b PRSE 2012-2015 Regione Toscana Linea 1.4 b PRSE 2012-2015 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER PICCOLI LAVORI DI ADATTAMENTO PER SPAZI ED IMMOBILI DA DESTINARE ALL ESERCIZIO DI ATTIVITA IMPRENDITORIALI DI NUOVA

Dettagli

Bando di idee per la creazione d Impresa

Bando di idee per la creazione d Impresa Bando di idee per la creazione d Impresa VISTA la delibera di Giunta Provinciale n. 575 del 04/01/2010 prot. 162 che ha approvato il progetto Faimpresa. PREMESSO che -il progetto Faimpresa è un'occasione

Dettagli

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA

PIANO DEGLI INDICATORI DI AREA Allegato alla Delib.G.R. n. 6/10 del 14.2.2014 PIANO DEGLI INDICATORI DI Quadro normativo: Delib.G.R. n. 34/15 del 2011 PREMESSA Punto di partenza per l elaborazione del sistema di indicatori sono la mission

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO

PROVINCIA DI BENEVENTO PROVINCIA DI BENEVENTO FORNITURA DI SERVIZI DI PRESIDIO DEL CENTRO DI CALCOLO E MANUTENZIONE CORRETTIVA ED EVOLUTIVA DEL SISTEMA INFORMATIVO DEL SETTORE AMMINISTRATIVO ALLEGATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE ( INDICARE I RIFERIMENTI DELL ASSOCIAZIONE PROPONENTE/CAPOFILA: TELEFONO, CELLULARE, FAX, E-MAIL)

SCHEDA PROGETTUALE ( INDICARE I RIFERIMENTI DELL ASSOCIAZIONE PROPONENTE/CAPOFILA: TELEFONO, CELLULARE, FAX, E-MAIL) SCHEDA PROGETTUALE 1. Titolo del progetto ( INDICARE LA DENOMINAZIONE DELLA PROPOSTA PROGETTUALE ) 2. Soggetti coinvolti nel progetto Associazione proponente/capofila settore operatività data costituzione

Dettagli