L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L algoritmo di ricerca binaria. Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala"

Transcript

1 L algoritmo di ricerca binaria Daniele Varin LS Ing. Informatica Corso di Informatica teorica Docente: prof. Paolo Sipala

2 L algoritmo di ricerca binaria (o dicotomica) In informatica,, la ricerca dicotomica (o ricerca binaria) è un algoritmo di ricerca per individuare un determinato valore all'interno di un insieme ordinato di dati. La ricerca dicotomica richiede un accesso casuale (random access) ) ai dati in cui si va ad effettuare la ricerca (tipicamente arrays). 2

3 L algoritmo di ricerca binaria (o dicotomica) Questo algoritmo permette di trovare rapidamente un elemento all'interno di un array ordinato. Esso non è molto diverso dal metodo che un uomo utilizza per trovare una parola sul dizionario. 3

4 L algoritmo di ricerca binaria Esempio del vocabolario Sapendo che il vocabolario è ordinato alfabeticamente, l'idea è quella di cominciare la ricerca non dal primo nome, ma da quello centrale, cioè a metà del dizionario. A questo punto si confronta l'elemento con l oggetto l della nostra ricerca. Se dobbiamo cercare un nome che sta nella seconda metà della lista, si elimina dalla ricerca in maniera automatica la prima metà (e viceversa). La ricerca continua poi nello stesso modo, eliminando di volta in volta metà dell elenco elenco rimasto, fino all ultimo confronto che ci darà l'informazione richiesta, oppure fino a scoprire che l'elemento con si trova nel dizionario. 4

5 L algoritmo di ricerca binaria Allo stesso modo funziona l algoritmo della ricerca dicotomica: 1) si prende il valore in posizione intermedia nell array e lo si confronta con il valore da cercare; 2) si elimina la metà dell array in cui non cade il valore da cercare; 3) si ripetono i passi 1 e 2 fino a trovare una corrispondenza o ad esaurire l array. 5

6 Esempio pratico (1) 24 è minore di 28, quindi elimino la parte inferiore dell array 30 è maggiore di 28, quindi elimino la parte superiore dell array 6

7 Esempio pratico (2) 26 è minore di 28, quindi elimino la parte inferiore dell array 29 è maggiore di 28, quindi elimino la parte superiore dell array 7

8 Esempio pratico (3) Esito negativo: elemento non trovato 8

9 L algoritmo della ricerca binaria nel linguaggio Scheme L algoritmo in Scheme che propongo si divide in 2 parti: La funzione ricerca che effettua la ricerca sull array Un main (corpo del programma) che prepara l input e richiama la procedura ricerca Andiamo a vedere 9

10 L algoritmo in Scheme Programma principale (main) (define DIM 100) (define vettore (make-vector DIM)) (define x 0) (define i 0) (define z 0) (display "Inserire la quantità di elementi; ") (display DIM) (display " al massimo: ") (set! z (read)) (newline) (if (> z DIM) (set! z DIM) ) (display "Inserire i valori del vettore (in modo ordinato).") (newline) (do ( (i 0 (+ i 1)) ) ( (>= i z) ) (display "elemento ") (display i) (display " ") (vector-set! vettore i (read)) (newline) ) (display "Inserire il valore da cercare: ") (set! x (read)) (newline) (set! i (ricerca vettore x 0 (- z 1))) (display "Il valore cercato si trova nell'elemento ") (display i) (newline) 10

11 L algoritmo in Scheme ; ====================================================================== ; (ricerca <vettore> <x> <ele-inf> <ele-sup>) ; (define (ricerca vettore x a z) (define m (truncate (/ (+ a z) 2))) (if (or (< m a) (> m z)) ; Non restano elementi da controllare: l'elemento cercato non c è -1 (if (< x (vector-ref vettore m)) ; Si ripete la ricerca nella parte inferiore (ricerca vettore x a (- m 1)) (if (> x (vector-ref vettore m)) ; Si ripete la ricerca nella parte superiore (ricerca vettore x (+ m 1) z) Funzione ricerca ) ) ) ; Se x è uguale a vettore[m], l'obiettivo è stato trovato m ) 11

12 L algoritmo in Scheme Main (define DIM 100) (define vettore (make-vector DIM)) (define x 0) (define i 0) (define z 0) Nell ordine, definisco: La dimensione massima dell array (DIM) L array ( vettore ) Le variabili di appoggio x, i e z 12

13 L algoritmo in Scheme Main (display "Inserire la quantità di elementi; ") (display DIM) (display " al massimo: ") (set! z (read)) (newline) (if (> z DIM) (set! z DIM) ) (display "Inserire i valori del vettore (in modo ordinato).") (newline) (do ( (i 0 (+ i 1)) ) ( (>= i z) ) (display "elemento ") (display i) (display " ") (vector-set! vettore i (read)) (newline) ) Qui faccio l input dei dati, chiedendo prima il numero di elementi che conterrà l array, quindi i singoli elementi da inserire. 13

14 L algoritmo in Scheme Main (display "Inserire il valore da cercare: ") (set! x (read)) (newline) (set! i (ricerca vettore x 0 (- z 1))) (display "Il valore cercato si trova nell'elemento ") (display i) (newline) Infine chiedo all utente l elemento da ricercare e richiamo la funzione di ricerca; dopo l esecuzione della funzione, ne visualizzo il risultato. 14

15 L algoritmo in Scheme Ricerca ; ====================================================================== ; (ricerca <vettore> <x> <ele-inf> <ele-sup>) ; (define (ricerca vettore x a z) Qui definisco una funzione ricerca che prende in input un vettore su cui effettua la ricerca binaria dell elemento x partendo dall elemento di posto a fino all elemento di posto z. (define m (truncate (/ (+ a z) 2))) Qui calcolo il valore di m, ovvero l elemento centrale dell array in cui sto facendo la ricerca; questo elemento è dato dalla metà della dimensione dell array che sto gestendo. a m z 15

16 L algoritmo in Scheme Ricerca (if (or (< m a) (> m z)) ; Non restano elementi da controllare: l'elemento cercato non c è -1 Se uno degli indici a o z hanno scavalcato l indice m significa che non ho trovato l elemento richiesto: ritorno il valore standard -1. (if (< x (vector-ref vettore m)) ; Si ripete la ricerca nella parte inferiore (ricerca vettore x a (- m 1)) (if (> x (vector-ref vettore m)) ; Si ripete la ricerca nella parte superiore (ricerca vettore x (+ m 1) z) ) ; Se x è uguale a vettore[m], l'obiettivo è stato trovato m ) Se il valore di m è più grande di quello che cerco, ricerco nella metà superiore dell array, altrimenti in quella inferiore; quando il valore che cerco è uguale al valore di m, allora ho trovato l elemento e lo ritorno al main. 16

17 L algoritmo in Scheme Andiamo a vedere l algoritmol implementato con DrScheme.. 17

18 Quanti passi in media sono necessari? Da un minimo di 1 ad un massimo di k = log 2 N con k = ½ log 2 N per ricerca con successo k = log 2 N per ricerca senza successo Es. : con un array di 2048 (2 11 ) 11 passi per ricerca senza successo. 18

19 E con la ricerca sequenziale? Se andassimo a ricercare l elemento sequenzialmente, cioè scorrendo tutto il contenuto dell array, sarebbero necessari da un minimo di 1 passo ad un massimo di N passi N/2 passi in media, per ricerca con successo N passi per ricerca senza successo 19

20 Complessità degli algoritmi Vediamo ora qualche dettaglio tecnico sulla complessità degli algoritmi. Ci sono diverse misure per valutare la bontà di un algoritmo. Normalmente siamo interessati al costo dell'esecuzione dell'algoritmo, o in termini del tempo impiegato dall'esecuzione, o dallo spazio di memoria occupato dalla varie strutture dati necessarie per l'esecuzione. 20

21 Complessità degli algoritmi La complessità sarà espressa come una funzione della dimensione del problema. La dimensione può essere costituita dal numero degli input,, dal numero degli output,, dal numero degli archi o dal numero dei vertici in un grafo, dal numero di elementi non zero di una matrice, etc. 21

22 Complessità degli algoritmi Di solito ci basta avere una stima della complessità e non un valore dettagliato. In tal caso è utile avere una notazione che permetta di studiare il tasso di crescita della funzione T(n),, tralasciando i dettagli. O(g(n)) La notazione O(g(n)) è usata quando si vogliono stabilire dei limiti superiori per il tasso di crescita di una funzione. 22

23 Raffronto tra ricerca binaria e ricerca sequenziale L algoritmo di ricerca binaria si dimostra nettamente meno complesso rispetto a quello di ricerca sequenziale f(n) = O(n) ( Ricerca sequenziale ) N/2 passi in media se ricerca con successo N passi se ricerca senza successo g(n) = O(log n) ( Ricerca binaria ) k = ½ log2n se ricerca con successo k = log2n se ricerca senza successo 23

24 Raffronto tra ricerca binaria e ricerca sequenziale L algoritmo di ricerca binaria è pressoché equivalente a quello di ricerca sequenziale se abbiamo pochi valori nell array array,, ma per array molto grandi la ricerca binaria è molto più performante 24

25 L algoritmo di ricerca binaria implementato in Java int ricercabinaria(int lista[], int x, int a, int z ) { int m = ( a + z ) / 2; // Determina l'elemento centrale } if ( m < a ) { // l'elemento cercato non c'è return -1; } else if ( x < lista[m] ) { // Si ripete la ricerca nella parte inferiore return ricercabinaria( lista, x, a, m-1 ); } else if ( x > lista[m] ) { // Si ripete la ricerca nella parte superiore return ricercabinaria( lista, x, m+1, z ); } else { // m rappresenta l'indice dell'elemento cercato return m; } Il richiamo della funzione ricercabinaria nel main avrà a = 0 z = numero degli elementi della lista 1 I valori della lista e x non devono necessariamente essere numeri ma possono anche essere stringhe. 25

26 L algoritmo in Java Andiamo a vedere l algoritmol implementato con Java.. 26

27 Animazione dell algoritmo Per l animazione l dell algoritmo ho scelto di implementare una piccola applet in Java, di cui ora vediamo brevemente il codice.. 27

28 Java applet Una Java applet è una componente scritta in codice Java caricata da un browser come parte di una pagina HTML In particolare, le applet sono applicazioni Java costruite in una forma caratteristica che permette di eseguire mediante la JVM (Java Virtual Machine) ) integrata nei browser web 28

29 Java applet Una applet è costruita implementando una sottoclasse della classe di libreria java.applet.applet Il tag HTML <applet< applet> > permette di specificare dove e come una certa applet deve essere visualizzata all interno di una pagina web 29

30 Java applet Schema di funzionamento 30

31 Java applet La classe java.applet.applet La classe java.applet.applet esporta i seguenti metodi pubblici: public void init() invocato dal browser quando la pagina che contiene l appletl viene aperta per la prima volta public void start() invocato dal browser ogni volta che l appletl viene eseguita public void stop() invocato dal browser quando termina l esecuzione l della applet public void destroy() Invocato dal browser quando la pagina che contiene la applet viene chiusa Questi metodi possono essere ridefiniti dal programmatore nelle sottoclassi (overload( overload) ) per attribuire alle proprie applet il comportamento desiderato 31

32 L algoritmo animato mediante applet Java Andiamo a vedere l animazione l dell algoritmo implementato con una Java applet.. 32

33 Conclusione Il materiale presentato è scaricabile dal sito web: Per qualsiasi dubbio o necessità scrivetemi su 33

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java

Algoritmi di Ricerca. Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica Algoritmi di Ricerca Esempi di programmi Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ricerca in una sequenza di elementi Data una sequenza di elementi, occorre verificare

Dettagli

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008

[MANUALE VISUAL BASIC SCUOLA24ORE PROF.SSA PATRIZIA TARANTINO] 14 dicembre 2008 Se devo memorizzare più valori che sono in qualche modo parenti dal punto di vista logico, posso usare il concetto di vettore di variabili (array). Ad esempio, se devo memorizzare le temperature di tutti

Dettagli

Bontà dei dati in ingresso

Bontà dei dati in ingresso COMPLESSITÀ COMPUTAZIONALE DEGLI ALGORITMI Fondamenti di Informatica a.a.2006/07 Prof. V.L. Plantamura Dott.ssa A. Angelini Il costo puo' dipendere dal valore dei dati in ingresso Un tipico esempio è dato

Dettagli

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto:

Tipi primitivi. Ad esempio, il codice seguente dichiara una variabile di tipo intero, le assegna il valore 5 e stampa a schermo il suo contenuto: Tipi primitivi Il linguaggio Java offre alcuni tipi di dato primitivi Una variabile di tipo primitivo può essere utilizzata direttamente. Non è un riferimento e non ha senso tentare di istanziarla mediante

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014. DOCENTE: Villani Chiara

PROGRAMMA SVOLTO DI INFORMATICA ANNO SCOLASTICO 2013/2014. DOCENTE: Villani Chiara LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO LUSSANA" V i a A n g e l o Ma j, 1 2 4 1 2 1 B E R G A M O 035 237502 Fax: 035 236331 Sito e contatti: www.liceolussana.com Codice fiscale: 80026450165 PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Breve riepilogo della puntata precedente:

Breve riepilogo della puntata precedente: Breve riepilogo della puntata precedente: 1. In C, il passaggio dei parametri alle funzioni avviene sempre per copia, ovvero il valore del parametro viene copiato all'interno della variabile che rappresenta

Dettagli

Java: la libreria delle classi

Java: la libreria delle classi Java: la libreria delle classi Applet anatomia di un applet cenni di html La libreria JDBC per l accesso ai database il package java.sql 213 Applet Un applet è una applicazione Java che ha una forma particolare

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Utilizzo e scrittura di classi

Utilizzo e scrittura di classi Utilizzo e scrittura di classi Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 14 novembre, 2001 Gino Perna Implementazione di classi in C++ UN ESEMPIO DI CLASSE: RISULTATI

Dettagli

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti

13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti 13 - Gestione della Memoria nella Programmazione Orientata agli Oggetti Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica Algoritmi, e Programmi D. Gubiani 29 marzo 2010 D. Gubiani Algoritmi, e Programmi

Dettagli

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata

1 introdurre le monete per l importo necessario. 2 selezionare la quantità di zucchero. 3 selezionare la bevanda desiderata Esempi di Problema: Prendere un Caffè al Distributore Università degli Studi di Udine Facoltà di Ingegneria CORSO DI LAUREA IN SCIENZE dell ARCHITETTURA Elementi di Informatica, e Programmi D. Gubiani

Dettagli

Strutture dati e realizzazione in C. Componenti software:

Strutture dati e realizzazione in C. Componenti software: Strutture dati e realizzazione in C Strutture dati: Termine usato per indicare tipi con elementi del dominio compositi, ad esempio: vettori e matrici; tavole; liste; insiemi; pile e code; alberi e grafi.

Dettagli

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12};

Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; ESERCIZI 2 LABORATORIO Problema 1 Definire all'interno del codice un vettore di interi di dimensione DIM, es. int array[] = {1, 5, 2, 4, 8, 1, 1, 9, 11, 4, 12}; Chiede all'utente un numero e, tramite ricerca

Dettagli

Complessità computazionale

Complessità computazionale 1 Introduzione alla complessità computazionale Un problema spesso può essere risolto utilizzando algoritmi diversi Come scegliere il migliore? La bontà o efficienza di un algoritmo si misura in base alla

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1. 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce

Classi astratte. Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000. Interfacce Master in Web Technology e Security luglio - settembre 2000 JAVA Alberto Martelli Parte III Programmazione grafica Classi astratte Vogliamo implementare un algoritmo di ordinamento di un array che sia

Dettagli

10 - Programmare con gli Array

10 - Programmare con gli Array 10 - Programmare con gli Array Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C

Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Università di Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. Corso di Laurea in Matematica Appunti del corso di Informatica 1 (IN110 Fondamenti) 6 Introduzione al linguaggio C Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Due algoritmi di ordinamento. basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort

Due algoritmi di ordinamento. basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort Due algoritmi di ordinamento basati sulla tecnica Divide et Impera: Mergesort e Quicksort (13 ottobre 2009, 2 novembre 2010) Ordinamento INPUT: un insieme di n oggetti a 1, a 2,, a n presi da un dominio

Dettagli

Programmazione. Prima lezione sugli oggetti: agenda

Programmazione. Prima lezione sugli oggetti: agenda Programmazione A.A. 2002-03 I Programmazione Orientata agli Oggetti (1): Principi generali ( Lezione XXV ) Prof. Giovanni Gallo Dr. Gianluca Cincotti Dipartimento di Matematica e Informatica Università

Dettagli

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa

Ricerche, ordinamenti e fusioni. 5.1 Introduzione. 5.2 Ricerca completa Ricerche, ordinamenti e fusioni 5.1 Introduzione Questo capitolo ci permette di fare pratica di programmazione utilizzando gli strumenti del linguaggio introdotti finora. A una prima lettura possono essere

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008

Esercitazione 6. Tutor: Ing. Diego Rughetti. Anno Accademico 2007/2008 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Esercitazione 6 Corso di Tecniche di programmazione Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti

Dettagli

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze

4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze 4 Esercizi Prima Parte 4.1 Modelli di calcolo analisi asintotica e ricorrenze Esercizio 4 1 Rispondere alle seguenti domande: 1. Come misuriamo l efficienza di un algoritmo?. Quali sono gli algoritmi più

Dettagli

Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali

Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali Capitolo 6: Modelli di calcolo per linguaggi imperativi e funzionali 1 Modelli imperativi: le RAM (Random Access Machine) I modelli di calcolo imperativi sono direttamente collegati al modello Von Neumann,

Dettagli

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp;

Esempio di esecuzione di una pagina JSP: Il client chiede la pagina: http:// sdfonline.unimc.it/info/modulo.jsp; JAVA SERVER PAGES Una pagina JSP (Java Server Pages), richiesta da un utente (client), viene eseguita dal server web nella propria memoria; generalmente il prodotto dell elaborazione è una pagina html

Dettagli

20 - Input/Output su File

20 - Input/Output su File 20 - Input/Output su File Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it

Dettagli

Java: Compilatore e Interprete

Java: Compilatore e Interprete Java: Compilatore e Interprete Java Virtual Machine Il bytecode non è Linguaggio Macchina. Per diventarlo, deve subire un ulteriore trasformazione che viene operata dall interprete Java in modalità JIT

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2007-08 Primo scritto 11 Gennaio 2008 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate valide

Dettagli

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore.

2. Spiegare brevemente qual è la funzione del compilatore e la sua importanza per il programmatore. 1 Esercizio 1 1. Immaginate di avere una calcolatore che invece che poter rappresentare i classici due valori per ogni bit (0/1) possa rappresentare 7 valori per ogni bit. (a) Quanti bit gli occorreranno

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati II Semestre 2005/2006. Ordinamenti: mergesort e quicksort

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati II Semestre 2005/2006. Ordinamenti: mergesort e quicksort Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati II Semestre 2005/2006 Ordinamenti: mergesort e quicksort Marco Antoniotti Mergesort e Quicksort Due importantissimi algoritmi di ordinamento La conoscenza completa

Dettagli

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona

Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona e e Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario e ed implementazione in Java Visita di un grafo e e Concetti di base Struttura

Dettagli

Gestione delle eccezioni in Java

Gestione delle eccezioni in Java Gestione delle eccezioni in Java - Introduzione al concetto di eccezioni E possibile definire un eccezione come un situazione imprevista che il flusso di un applicazione può incontrare. È possibile gestire

Dettagli

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona.

Ricorsione. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona. Laboratorio di Programmazione II Corso di Laurea in Bioinformatica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Sommario Implementazione di Utilizzo ricorsione per processare dati in java vs. multipla

Dettagli

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java

Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica Concetto di Funzione e Procedura METODI in Java Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Metodi e Sottoprogrammi Mentre in Java tramite le classi e gli oggetti è possibile

Dettagli

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone

R. Focardi 2002 Laboratorio di Ingegneria del Software Slide 1. Applicazioni = programmi stand-alone Il linguaggio Java Nato nel maggio 95 (James Gosling & al.) Orientato ad oggetti, basato sulle classi, concorrente Fortemente tipato: distinzione chiara tra errori statici ed errori dinamici Ad alto livello:

Dettagli

Tipi fondamentali di documenti web

Tipi fondamentali di documenti web Tipi fondamentali di documenti web Statici. File associati al web server il cui contenuto non cambia. Tutte le richieste di accesso conducano alla visualizzazione della stessa informazione. Dinamici. Non

Dettagli

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010

Java Applet. Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2009-2010 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Java Applet 1 Application VS Applet Una

Dettagli

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi

Linguaggio Java. Robusto. Orientato agli oggetti. Protegge e gestisce dagli errori. Non permette costrutti pericolosi Linguaggio Java Robusto Non permette costrutti pericolosi Eredità Multipla Gestione della Memoria Orientato agli oggetti Ogni cosa ha un tipo Ogni tipo è un oggetto (quasi) Protegge e gestisce dagli errori

Dettagli

int f(char *s, short n, float x) {... } /* definizione di f */ int f(char *, short, float); /* prototipo di f */

int f(char *s, short n, float x) {... } /* definizione di f */ int f(char *, short, float); /* prototipo di f */ Prototipi di funzione Il prototipo di una funzione costituisce una dichiarazione della funzione, e come tale fornisce al compilatore le informazioni necessarie a gestire la funzione stessa. Nella definizione

Dettagli

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39

SOMMARIO INTRODUZIONE...XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE...1 CAPITOLO 2: FONDAMENTI DI JAVA...39 sommario 24-06-2004 10:18 Pagina V SOMMARIO INTRODUZIONE.......................................XV CAPITOLO 1: PRESENTAZIONE.......................................1 1.1 Introduzione...2 1.2 L organizzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C. Massimiliano Redolfi. Lezione 7: Code, Stack, Liste PAJC. Ricerca. prof. Massimiliano Redolfi PAJC

PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C. Massimiliano Redolfi. Lezione 7: Code, Stack, Liste PAJC. Ricerca. prof. Massimiliano Redolfi PAJC PROGRAMMAZIONE AVANZATA JAVA E C Massimiliano Redolfi Lezione 7: Code, Stack, Liste Ricerca 2 Ricerca Se dobbiamo cercare un elemento in un array possiamo trovarci in due situazioni Elementi non ordinati

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Da JavaScript a Java Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Da JavaScript a Java Versione 3.4.05 Per la prima lezione in aula e la prima esercitazione in laboratorio 1 Da JavaScript a Java

Dettagli

Esercizi Capitolo 14 - Algoritmi Greedy

Esercizi Capitolo 14 - Algoritmi Greedy Esercizi Capitolo 14 - Algoritmi Greedy Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare

Dettagli

Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi

Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi Appunti introduttivi sulla progettazione degli algoritmi Marco Liverani Ottobre 2007 Nelle pagine seguenti sono riportati alcuni problemi e le relative soluzioni costituite da semplici algoritmi espressi

Dettagli

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4)

(1) - - (4) R4 = R7 * R7 (4) (2) (3) 5 - (4) rinviata perché in WAW con (3) 6 (3) e (4) ritirabili ma attendono il completamento di (2) (2) (3) (4) Esercizio 1 (20%) Si assuma di avere una macchina con 10 registri ufficiali (da R0 a R9) e sufficienti registri segreti in grado di avviare 2 istruzioni per ciclo di clock. Tale macchina richiede 2 cicli

Dettagli

Esercizi della lezione 5 di Java

Esercizi della lezione 5 di Java Esercizi della lezione 5 di Java Esercizio 5 Create il tipo di dato Counter dell Esercizio 1 come sottoclasse del tipo di dato SimpleCounter. Esercizio 1 Create un tipo di dato Counter che abbia: un valore

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Iterazione e ricorsione. Cicli, Array e Programmazione su Sequenze. Ciclo while. Cicli

Iterazione e ricorsione. Cicli, Array e Programmazione su Sequenze. Ciclo while. Cicli Iterazione e ricorsione Dal punto di vista della teoria della computazione, affinché un linguaggio di programmazione imperativo (C, Pascal, codice nei metodi del Java, ecc.) raggiunga la potenza di calcolo

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. Esercitazione. Programmazione Object Oriented in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it Programmazione Object Oriented in Java

Dettagli

Semplici esempi di programmi

Semplici esempi di programmi Semplici esempi di programmi Un programma che stampa il numero maggiore tra 2 letti in input: /* Programma NumeroMaggiore prima versione { scanf(x); scanf(y); if (x > y){ z = x; else { z = y; printf(z);

Dettagli

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP)

12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) 12 - Introduzione alla Programmazione Orientata agli Oggetti (Object Oriented Programming OOP) Programmazione e analisi di dati Modulo A: Programmazione in Java Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica,

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza vers.0 in lavorazione Docente SAFFI FABIO Contenuti Implementazione delle operazioni di base mediante main in un unico file sorgente... 2 Struttura

Dettagli

Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale

Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale Appelli di gennaio, febbraio e aprile 2005 Carte Laurea triennale in Comunicazione Digitale Laboratorio di Informatica Generale 1 Descrizione Il progetto consiste nel realizzare un programma per gestire

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 19 Ricorsione A. Miola Marzo 2012 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ Ricorsione 1 Contenuti q Funzioni e domini definiti

Dettagli

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup

Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Progetto Automi e Linguaggi Parser svliluppato con JLex e cup Sviluppato da Santoro Carlo Maurizio Matricola:0108/528 Sviluppo terminato il: 18/06/06 TRACCIA DEL PROGETTO Si costruisca, utilizzando la

Dettagli

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica

Informatica B. Sezione D. Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Scuola di Ingegneria Industriale Laurea in Ingegneria Energetica Laurea in Ingegneria Meccanica Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria Informatica B Sezione D Franchi Alessio Mauro,

Dettagli

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali

Introduzione a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali a Visual Basic Lezione 1 Concetti base e istruzioni condizionali Mario Alviano Introduzione all informatica Università della Calabria http://alviano.net/introinfo A.A. 2008/09 Introduzione Un esempio:

Dettagli

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi

Appunti di Informatica 1. Gianluca Rossi Appunti di Informatica 1 Gianluca Rossi Versione maggio 2011 Indice 1 Algoritmi, macchine e linguaggi di programmazione 3 1.1 La macchina di Von Neumann........................ 5 1.2 Dal linguaggio macchina

Dettagli

Introduzione al linguaggio Java. Applicazioni ed Applets: come scriverli e farli girare. Caratteristiche originali e differenze con C / C++.

Introduzione al linguaggio Java. Applicazioni ed Applets: come scriverli e farli girare. Caratteristiche originali e differenze con C / C++. Introduzione al linguaggio Java Cosa c è di nuovo in Java? Java ed Internet. Applicazioni ed Applets: come scriverli e farli girare. Caratteristiche originali e differenze con C / C++. Dove trovare informazioni?

Dettagli

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date

Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL. Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Costruzione di Siti Web con PHP e MySQL Lezione 5: Cicli, Funzioni, Operazioni con Stringhe e Date Argomenti della lezione In questa lezione si riprenderanno le strutture di controllo, verrà introdotto

Dettagli

Gestione dei File. dischi nastri cd

Gestione dei File. dischi nastri cd Gestione dei File Per mantenere disponibili i dati tra le diverse esecuzioni di un programma, questi si devono archiviare in file su memoria di massa (dati persistenti): dischi nastri cd Un file è un astrazione

Dettagli

La selezione binaria

La selezione binaria Andrea Marin Università Ca Foscari Venezia Laurea in Informatica Corso di Programmazione part-time a.a. 2011/2012 Introduzione L esecuzione di tutte le istruzioni in sequenza può non è sufficiente per

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Incapsulamento Polimorfismo e Overloading Ereditarietà e Overriding Esercizi svolti Esercizi proposti Paradigma OO Le

Dettagli

Connessione ad internet

Connessione ad internet Introduzione al C++ Connessione ad internet Istruzioni per la connessione internet: - una volta connessi, aprire un browser (firefox) - in Modifica/preferenze/avanzate/rete/impostazioni - attivare la modalità

Dettagli

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C

OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO. L elaborazione dei files in C CORSO DI LABORATORIO DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SDM ANNO ACCADEMICO 2011-2012 Docente: R. Sparvoli Esercitazioni: R. Sparvoli, F. Palma OTTAVA ESPERIENZA DI LABORATORIO L elaborazione dei files

Dettagli

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet

TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Reggio Emilia CORSO DI TECNOLOGIE APPLICAZIONI WEB Linguaggio Java: Le Applet Prof. Franco Zambonelli Lucidi realizzati in collaborazione

Dettagli

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione

Java: Compilazione e Traduzione. Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA. C: Editing, compilazione, esecuzione Fondamenti di Informatica L-B Esercitazione n 3 Introduzione a JAVA A.A. 2007/08 Tutor: Barbara Pettazzoni barbara.pettazzoni@studio.unibo.it Java: Compilazione e Traduzione Editing, compilazione, esecuzione

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Prof. Aniello Murano Implementazioni di Liste Doppiamente Puntate e Circolari Corso di Laurea Codice insegnamento Email docente Anno accademico Informatica 13917

Dettagli

Compito di Fondamenti di Informatica

Compito di Fondamenti di Informatica Compito di Fondamenti di Informatica In un magazzino viene utilizzato un archivio informatico, nel quale vengono memorizzate le informazioni relative ai prodotti contenuti nel magazzino e che ne permette

Dettagli

Cicli, Array e Programmazione su Sequenze

Cicli, Array e Programmazione su Sequenze Cicli, Array e Programmazione su Sequenze Luca Tesei Università di Camerino luca.tesei at unicam.it Università di Camerino - Corso di Laurea in Informatica - Programmazione + Laboratorio di Programmazione

Dettagli

Sommario della lezione

Sommario della lezione Università degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/33 Sommario della lezione Ancora sui cammini minimi: Cammini minimi in grafi con archi di costo negativo Algoritmi

Dettagli

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API

! Programmazione strutturata. ! OO: TDA, scambio messaggi, eredità, polimorfismo, OO in Java. ! Rassegna API. ! Documentazione Javadoc delle API Riassunto Applet (e altro dell AWT ) Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro/ mizzaro@uniud.it Programmazione, lezione 22 19 maggio

Dettagli

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006

Studente (Cognome Nome): Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2006-07 Secondo Compitino 21 Dicembre 2006 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T Scorrimento-Rotazione-Ricerca Prerequisiti Programmazione elementare Conoscenza ed uso di vettori Introduzione Lo scopo di questa Unità è approfondire il concetto di vettore

Dettagli

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti:

Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: Javadoc Uno dei pregi di Java è quello di integrare la documentazione con il codice stesso Formato dei commenti: /* commenti */ // commenti /** commenti documentazione */ Questi ultimi generano automaticamente

Dettagli

Appello di Informatica B

Appello di Informatica B Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria Industriale 19 febbraio 2004 Appello di Informatica B Prof. Angelo Morzenti - Prof. Vincenzo Martena Cognome e nome: Matricola: Tipo di prova: recupero I prova

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento

Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Vettori Algoritmi elementari di ordinamento Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale

Dettagli

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 10 Settembre 2013

ESAME SCRITTO DI ELEMENTI DI INFORMATICA E PROGRAMMAZIONE. 10 Settembre 2013 COGNOME E NOME: MATRICOLA: Civile Ambiente e Territorio Non si possono consultare manuali, appunti e calcolatrici. Esercizio 1: Rappresentare i numeri 37 e 90 (in base 10) in notazione binaria in complemento

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Complessità Computazionale Analisi Algoritmi e pseudocodice Cosa significa analizzare un algoritmo Modello di calcolo Analisi del caso peggiore e del caso medio Esempio di algoritmo in pseudocodice INSERTION

Dettagli

Ricerca di un valore nell array

Ricerca di un valore nell array Algoritmi su array Quando si usano gli array, si eseguono frequentemente alcune operazioni tipiche : inizializzazione lettura stampa ricerca del minimo e del massimo ricerca di un valore eliminazione di

Dettagli

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005

Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Studente (Cognome Nome): Matricola: Corso di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale a.a. 2005-06 Secondo Compitino 17 Dicembre 2005 Si noti che le soluzioni ai quesiti saranno considerate

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi, anno accademico 2014/15

Esercizi per il corso di Algoritmi, anno accademico 2014/15 1 Esercizi per il corso di Algoritmi, anno accademico 2014/15 Esercizi sulle Notazioni Asintotiche 1. Esercizio: Provare le seguenti relazioni, esibendo opportune costanti c 1,c 2 ed n 0. Si assuma per

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO "LEONARDO DA VINCI" - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Prof Miritello Rita

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Prof Miritello Rita LICEO SCIENTIFICO "LEONARDO DA VINCI" - RC PROGRAMMA DI INFORMATICA A.S. 2014/15 - CLASSE: I Q - Indirizzo Scienze applicate Modulo 1: Introduzione all informatica Fondamenti di teoria della elaborazione

Dettagli

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica

Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Universitá degli Studi di Salerno Corso di Algoritmi Prof. Ugo Vaccaro Anno Acc. 2014/15 p. 1/37 Sommario della lezione Introduzione alla tecnica di Programmazione Dinamica Esempio di applicazione n. 1:

Dettagli

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario.

Oggi. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso. Docenti: laboratorio. Docenti: teoria. Il corso. Orario. Programmazione e laboratorio: introduzione al corso Stefano Mizzaro Dipartimento di matematica e informatica Università di Udine http://www.dimi.uniud.it/mizzaro mizzaro@dimi.uniud.it Programmazione per

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa E08 Soluzione Esercizi F. Gasparetti, C. Limongelli Marzo 2008 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf1/ Soluzione Esercizi

Dettagli

Realizzazione di una classe con un associazione

Realizzazione di una classe con un associazione Realizzazione di una classe con un associazione Nel realizzare una classe che è coinvolta in un associazione, ci dobbiamo chiedere se la classe ha responsabilità sull associazione. Diciamo che una classe

Dettagli

Java? Sì, grazie. Scopo del corso

Java? Sì, grazie. Scopo del corso Modulo di Java? Sì, grazie Il linguaggio di Internet? Portabilità su qualunque piattaforma (non solo calcolatori): It works everywhere Supporto e disponibilità di strumenti, librerie e documentazione garantiti

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Realizzazione di Liste Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Domenico Redavid redavid@di.uniba.it Materiale di base gentilmente concesso dal dott. Nicola Di Mauro Ricercatore presso l'univ. di Bari

Dettagli

19. Introduzione al multi-threading

19. Introduzione al multi-threading 19. Introduzione al multi-threading Marco Faella Dip. Ing. Elettrica e Tecnologie dell'informazione Università di Napoli Federico II Corso di Linguaggi di Programmazione II I thread I thread, o processi

Dettagli

APPLICAZIONI & APPLET

APPLICAZIONI & APPLET APPLICAZIONI & APPLET Java è un ottimo linguaggio per costruire applicazioni anche non per Internet anche non grafiche ma si è diffuso storicamente, e trae forza, dal concetto di applet come piccola (?)

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Esercizi Capitolo 2 - Analisi di Algoritmi

Esercizi Capitolo 2 - Analisi di Algoritmi Esercizi Capitolo - Analisi di Algoritmi Alberto Montresor 19 Agosto, 014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare

Dettagli