Galgano Formazione. Un punto strategico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Galgano Formazione. Un punto strategico"

Transcript

1 Galgano Formazione Un punto strategico

2 La formazione continua in un mondo che cambia Globalizzazione, internazionalizzazione ed inarrestabile progresso nel campo gestionale e delle nuove tecnologie dell informazione impongono l esigenza di un aggiornamento e di un apprendimento costante e continuo per le risorse umane. La formazione continua è finalizzata a migliorare il livello di qualificazione e di sviluppo professionale assicurando la stabilità occupazionale e l adattabilità ai cambiamenti tecnologici e organizzativi. Queste sono le linee guida che orientano l offerta formativa di GALGANOFORMAZIONE. Formazione efficace, Performance efficienti GALGANOFORMAZIONE rappresenta il punto di eccellenza nell ampio panorama della formazione continua. Questo è reso possibile grazie al network di partner di matrice accademica e aziendale unitamente all esperienza maturata sin dal Il nostro ente è a servizio delle imprese. È in grado di soddisfare qualsiasi fabbisogno formativo: sia ad hoc che selezionato direttamente dalla nostra offerta formativa. Sono 300 i corsi a catologo erogati ogni anno per oltre ore di formazione che raggiungono più di destinari. (Aree Tematiche: Ambiente, qualità e sicurezza - Amministrazione, finanza e controllo di gestione - Innovazione di processo e di prodotto - Informatica e innovazione tecnologia Lingue - Marketing - Comunicazione.) 2

3 Il valore del servizio Galgano Formazione è in grado di soddisfare qualsiasi fabbisogno formativo: sia ad hoc che selezionato direttamente dalla nostra offerta formativa. Per maggiori informazioni: Tutti i nostri servizi sono finanziati a fondo perduto. GALGANOFORMAZIONE è ente accreditato alla Regione Lombardia, Certificata ISO 9001:2008 e collabora con i principali fondi paritetici interprofessionali istituiti dal MLPS ai sensi della Legge 388/00. Il servizio che proponiamo è modulare, flessibile e scalabile su qualsiasi realtà aziendale per rispondere al complesso ed eterogeneo sistema di esigenze che l impresa italiana quotidianamente manifesta. Dall attività di supporto alla divisione risorse umane della grande impresa, sino ad unico interlocutore per le PMI, è possibile costruire su misura il proprio progetto formativo attivando uno o più dei nostri servizi: 1 Ricerca e analisi di tutte le opportunità di finanziamento a fondo perduto per la formazione continua; 2. Analisi delle reali esigenze formative aziendali; 3. Verifica del corretto adempimento agli obblighi di Legge in materia di formazione obbligatoria; (è possibile finanziare tutta la formazione, ivi compresa quella obbligatoria) 4. Docenza e Tutoring 5. Gestione burocratica e amministrativa; 6. Rendicontazione dei progetti; 7. Gestione dei rapporti con gli enti finanziatori; 8. Report finale e relazione di progetto

4 FORMAZIONE TRASVERSALE AREE TEMATICHE A Ambiente sicurezza ed innovazione Organizzativa C Innovazione tecnologica E Competenze gestionali e di processo B Sviluppo Organizzativo D Competenze tecnico professionali F Qualificazione e Riqualificazione A Cod. ambiente sicurezza ed innovazione Organizzativa Ore A01 Aggiornamento sulla formazione e informazione in materia sicurezza sui luoghi di lavoro 8 A02 Aggiornamento e formazione di pronto intervento e primo soccorso 16 A03 Aggiornamento, formazione ed addestramento antincendio 16 A04 Valutazione dei rischi e analisi degli infortuni per modalità di accadimento 32 A05 La Valutazione del Rischio Stress Lavoro Correlato 8 A06 Benessere organizzativo e conciliazione in azienda 8 A07 La sicurezza nel cantiere edile 8 A08 Addestramento all utilizzo e alla valutazione dei DPI 12 A09 Addestramento all utilizzo di ponteggi in sicurezza 12 A10 Analisi delle condizioni ambientali 8 A11 Applicazione del D.Lgs. 152/

5 A01 Aggiornamento sulla formazione e informazione in materia sicurezza sui luoghi di lavoro A02 Aggiornamento e formazione di pronto intervento e primo soccorso Obiettivo: Fornire conoscenze necessarie per spiegare le finalità e le figure coinvolte nella nuova organizzazione della sicurezza. Parte introduttiva, necessaria per spiegare le finalità e le figure coinvolte nella nuova organizzazione della sicurezza Rischi connessi al luogo di lavoro Rischi strutturali e impiantistici Rischi legati all uso di macchine ed attrezzature Rischi legati al tipo di mansione svolta Rischi per la sicurezza e rischi per la salute; rischi trasversali Rischio incendio: l incendio e la prevenzione Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio Diritti dei lavoratori in tema di sicurezza Nuova organizzazione del lavoro Accesso alle informazioni relative alle procedure di sicurezza Principi di ergonomia e salvaguardia della salute Nuovi doveri dei lavoratori in tema di sicurezza Osservanza delle disposizioni finalizzate al perseguimento della sicurezza Cenni di tecnica della comunicazione Coinvolgimento del lavoratore nell organizzazione aziendale Obiettivo: Fornire competenze e conoscenze necessarie per introdurre le tematiche di formazione dei lavoratori, commisurati alle risultanze della valutazione dei rischi Cenni sulla normativa di riferimento, organizzazione del primo soccorso, valutazione dell organizzazione del primo soccorso, sicurezza, tutela e protezione del soccorritore Allertare il sistema di soccorso Riconoscere un emergenza sanitaria Attuare gli interventi di primo soccorso Conoscere i rischi specifici dell attività svolta Cenni di anatomia e fisiologia del corpo umano, affronta lo scenario di un emergenza sanitaria, trattando delle prime fasi del soccorso e delle alterazioni delle funzioni vitali Acquisire conoscenze generali sui traumi in ambiente di lavoro Acquisire conoscenze generali sulle patologie specifiche in ambiente di lavoro Acquisire capacità di intervento pratico Comunicazione con il sistema di emergenza esterno (118) Tecniche di rianimazione cardiopolmonare, tecniche di emostasi e medicazione Tecniche di base per l immobilizzazione delle lesioni, tecniche di base per la immobilizzazione del paziente

6 A03 Aggiornamento, formazione ed addestramento antincendio A04 Valutazione dei rischi e analisi degli infortuni per modalità di accadimento A05 La Valutazione del Rischio Stress Lavoro Correlato Obiettivo: Il corso intende fornire la formazione e l addestramento per gli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze. Cenni sulla normativa di riferimento Le principali cause di un incendio, principi e prodotti della combustione Attrezzature ed impianti di estinzione, sostanze estinguenti in relazione al tipo di incendio Rischi alle persone in caso di incendi ed effetti dell incendio sull uomo Divieti e limitazioni di esercizio, misure comportamentali Principali misure di protezione antincendio Procedure da adottare in caso di incendio o di allarme Procedure per l evacuazione e chiamata dei soccorsi Comunicazione con il sistema di emergenza esterno (118) Presa visione e chiarimenti sugli estintori portatili Ulteriori misure di prevenzione incendi: vie di esodo, sistemi di allarme, segnaletica di sicurezza, illuminazione di emergenza I dispositivi e le attrezzature di protezione individuale 6 Obiettivo: Fornire ai partecipanti le conoscenze fondamentali per l esercizio della funzione di valutazione dei rischi e analisi degli infortuni per modalità di accadimento. Principi costituzionali e civilistici Legislazione generale e speciale in materia di prevenzione infortuni e igiene del lavoro Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi Sistema delle prescrizioni e sistema sanzionatorio (giuslavorista) Analisi degli infortuni, cause, modalità di accadimento, il Registro infortuni Definizione ed individuazione dei fattori di rischio Valutazione dei rischi, concetto di pericolo, danno e prevenzione Individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento Definizione di un sistema per il controllo dell efficienza e dell efficacia nel tempo delle misure attuate Nozioni di tecnica delle comunicazioni, gli strumenti per la trasmissione delle informazioni La tipologia delle informazioni sulla sicurezza Gli aspetti psicologici della sicurezza lavorativa e la dinamica psicologica dell infortunio La responsabilizzazione delle persone, i fattori critici per prevenire gli infortuni Durata: 32 ore Obiettivo: Lo scopo dell evento formativo sarà fornire ai lavoratori le conoscenze di base sui fattori di rischio di stress lavoro correlato e sulle strategie di valutazione e di prevenzione al fine di migliorare il benessere organizzativo. Stress da lavoro correlato Testo Unico D.Lgs 81/08 e Valutazione dei Rischi Analisi dei vari aspetti dell organizzazione aziendale Indicatori di benessere organizzativo e fattori di rischio Stressor (fattori che inducono allo stress) Strain (fattori che rappresentano la reattività individuale al processo di stress) Cause, dinamiche, effetti dello stress lavoro-correlato Conseguenze sull individuo e sull azienda La valutazione del rischio stress lavoro-correlato Metodi e strumenti per l individuazione delle fonti di stress in azienda Metodi e strumenti per facilitare la valutazione del rischio e la pianificazione dei successivi interventi preventivi/correttivi Prevenzione, promozione e monitoraggio Indicazioni pratiche e soluzioni Sensibilizzazione dei lavoratori

7 A06 Benessere organizzativo e conciliazione in azienda A07 La sicurezza nel cantiere edile A08 Addestramento all utilizzo e alla valutazione dei DPI Obiettivo: Lo scopo dell evento formativo sarà fornire una sistematizzazione delle conoscenze relative al benessere organizzativo e alla conciliazione in azienda. La legislazione relativa a particolari categorie di lavoro (lavoro minorile, lavoratrici madri, lavoro notturno, lavori atipici) Importanza della contrattazione; Metodi e strumenti per la contrattazione di genere Sensibilizzazione sulle tematiche trattate Il benessere organizzativo Politiche di gestione del personale, cultura aziendale collaborativa e cultura della conciliazione Perché conciliare conviene anche all azienda quali sono gli effetti positivi prodotti? Management training: sviluppo di competenze imprenditoriali per la gestione delle esperienze di maternità e paternità di dipendenti Organizzazione del lavoro ed orari Ipotesi organizzative Ostacoli (fattori culturali presenti in azienda, resistenze dei datori di lavoro, rigida divisione dei compiti di cura all interno della coppia, scarsità di servizi per la famiglia, criticità connesse all organizzazione delle diverse sfere di vita e alle diverse esigenze delle diverse fasi di vita). Obiettivo: Il corso intende fornire ai partecipanti una formazione specifica sui rischi specifici del cantiere connessi all utilizzo di specifiche attrezzature. Cenni alla normativa di riferimento Formazione contro rischi specifici nei cantieri con presenza di scavi Formazione contro rischi specifici nei cantieri stradali Formazione contro rischi specifici nei cantieri della mobilità dei materiali in cantiere Formazione contro rischi specifici negli interventi di demolizione e decostruzione Esercitazioni Obiettivo: Fornire ai partecipanti le competenze fondamentali all uso dei Dispositivi di Protezione Individuale. I Dispositivi di Protezione Individuale Obblighi dei lavoratori nell uso dei DPI Requisiti dei DPI: quando e dove vanno usati Istruzioni su deposito, manutenzione e disinfezione Tipologie di DPI: dispositivi di protezione delle vie respiratorie dispositivi di protezione delle mani dispositivi di protezione degli occhi dispositivi di protezione contro le cadute dall alto Illustrazione del corretto utilizzo dei DPI Organizzazione del lavoro, dei compiti, delle mansioni e delle responsabilità Esercitazioni Durata: 12 ore

8 A09 Addestramento all utilizzo di ponteggi in sicurezza A10 Analisi delle condizioni ambientali A11 Applicazione del D.Lgs. 152/06 Obiettivo: La caduta dall alto è un rischio grave per la salute, capace cioè di procurare morte o lesioni di tipo permanente, che il lavoratore non è in grado di percepire tempestivamente prima del verificarsi dell evento. Per ovviare e prevenire situazioni di grave pericolo, occorre impostare un intervento formativo che miri al corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale contro la caduta dall alto ed all apprendimento delle corrette procedure di Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggi. Legislazione generale di sicurezza in materia di prevenzione infortuni Analisi dei rischi Norme di buona tecnica e di buone prassi Statistiche degli infortuni e delle violazioni delle norme nei cantieri Piano del montaggio, uso e smontaggio in sicurezza (Pi.M.U.S.), autorizzazione ministeriale Disegno esecutivo, - DPI anticaduta: uso, caratteristiche tecniche, manutenzione, durata e conservazione Ancoraggi: tipologie e tecniche Verifiche di sicurezza: primo impianto, periodiche e straordinarie Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a tubi e giunti (PTG) e a telai prefabbricati (PTP) Montaggio, smontaggio, trasformazione di ponteggio a montanti e traversi prefabbricati (PMTP) Elementi di gestione prima emergenza - salvataggio Durata: 12 ore Obiettivo: fornire conoscenze e procedure finalizzate ad identificare e utilizzare adeguati indicatori ambientali per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali dell organizzazione L utilità degli indicatori nei Sistemi di Gestione Ambientale Politica ambientale, prevenzione ed obiettivi La conformità legislativa Il livello di efficacia dell organizzazione Il miglioramento continuo Tecnologie analitiche per il controllo della presenza di inquinanti Tecniche tradizionali ed emergenti e loro affidabilità Tecnologie analitiche per il controllo di qualità dell aria, acque e terreni; tecniche di caratterizzazione di composti organici Evoluzione degli strumenti portatili analizzatori e campionatori Tecnologie analitiche per l utilizzo in condizioni di emergenza Tecniche campionamento aria, acque e terreni; apparecchiature tradizionali e nuove tecnologie; tecnologie emergenti e loro affidabilità Obiettivo: Formare all utilizzo di tecnologie pulite, di prodotti a basso rischio inquinante e di tecniche appropriate per l eliminazione di sostanze pericolose contenute nei rifiuti al fine di favorirne il recupero. Cenni sulla normativa di riferimento Compilare il Formulario di identificazione del Rifiuto (FIR) con le modalità previste dal D.M. n 145 del , ogni qual volta vengono trasportati con mezzi aziendali. i rifiuti destinati al deposito aziendale o alla discarica La scala di priorità per le modalità di recupero e di smaltimento La limitazione dello smaltimento in discarica, gli adempimenti per gli smaltitori e per i recuperatori Le procedure per la valutazione ambientale strategica (VAS) Le procedure per la valutazione d impatto ambientale (VIA) e per l autorizzazione ambientale integrata La verifica delle autorizzazioni e delle iscrizioni e la gestione dei rifiuti da imballaggio I nuovi criteri di classificazione dei rifiuti Registrare le operazione di carico associate ai rifiuti generati sull apposito Registro di Carico e scarico, con le modalità

9 B Cod. Sviluppo Organizzativo Ore B01 Relazioni Professionali Efficaci 16 B02 Comunicazione interpersonale 8 B03 La leadership al femminile 16 B04 La gestione delle riunioni 16 B05 Time management 16 B06 La valutazione delle performance del personale e dell organizzazione 8 B01 Relazioni Professionali Efficaci Obiettivo: Il corso è rivolto alle figure manageriali e ai Team Leader ovvero a qualsivoglia figura professionale che coordini collaboratori e avverta l esigenza di sviluppare competenze riferibili a modelli teorici scientificamente fondati piuttosto che affidarsi alla sola esperienza personale e al buon senso. Il comportamento Definizione del comportamento Il rettangolo del comportamento La Comunicazione Organizzativa La teoria della comunicazione Come prestare ascolto e attenzione all altro: le barriere alla comunicazione L ascolto attivo e l ascolto passivo L empatia L ottimizzazione delle risorse e la gestione del cambiamento Come trattare la resistenza al cambiamento La teoria dell iceberg: cosa c è sotto l ira? La teoria dei bisogni di Maslow Modulo 4 La negoziazione e la gestione dei conflitti Conflitti su bisogni concreti e collisioni di valori Stili di risoluzione dei conflitti Come lavorare efficacemente in team

10 B02 Comunicazione efficace B03 La leadership al femminile B04 La Gestione delle riunioni Obiettivo: Il corso si propone di fornire ai partecipanti le conoscenze necessarie a migliorare il proprio approccio comunicativo, acquisire tecniche e strumenti per orientare al meglio i propri comportamenti relazionali e gestire le situazioni conflittuali in maniera efficace. Il processo comunicativo Cosa significa comunicare La comunicazione verbale, non verbale e paraverbale L ascolto Gli stili di comunicazione Stili di relazione Gestire la comunicazione in maniera situazionale Gli errori tipici degli stili di comunicazione Comunicazione e assertività I principi della comunicazione assertiva Assertività VS Aggressività Le dimensioni della comunicazione assertiva L ascolto attivo come leva strategica di gestione della comunicazione Obiettivo: Acquisire le conoscenze relative alle componenti fondamentali che caratterizzano la dimensione della leadership nella prospettiva di lavoratrici donne. Acquisire consapevolezza sul proprio stile di leadership e valutare l impatto che ha nelle relazioni con i collaboratori. Sviluppare e/o consolidare le proprie capacità di motivare i collaboratori e gestire i conflitti per il raggiungimento degli obiettivi di performance... La leadership Caratteristiche e dimensioni della leadership I diversi stili di leadership e l impatto sulla cultura organizzativa La valutazione del proprio stile di leadership Le competenze del leader Modelli di comportamento comunicativo e strategie di relazione Comunicazione degli obiettivi e processi di delega La motivazione dei collaboratori La valutazione delle prestazioni e il feedback al collaboratore Il conflitto e la gestione dei collaboratori difficili Il conflitto: che cos è e come si manifesta Diagnosi delle situazioni problematiche Motivazione e cambiamento dei collaboratori difficili La valutazione delle prestazioni come leva di miglioramento Obiettivo: Il corso è finalizzato a fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per migliorare le proprie capacità di organizzare e gestire efficacemente le riunioni di lavoro. La gestione di una riunione La definizione degli obiettivi e la scelta dei partecipanti Preparare una riunione e divulgare l ordine del giorno I rischi e gli errori da evitare nella gestione di una riunione La gestione delle discussioni e degli interventi dei partecipanti I vantaggi e gli svantaggi di una riunione La curva di produttività di una riunione Le diverse tipologie di riunione I ruoli all interno della riunione: relatore, coordinatore, partecipante, osservatore Raggiungere gli obiettivi rispettando i tempi prestabiliti: attenzione alla gestione del tempo Tirare le somme e concludere positivamente la riunione definendo i passi successivi 10

11 B05 Time Management B06 La valutazione delle performance del personale e dell organizzazione Obiettivo: Fornire ai partecipanti le metodologie principali per il Decision Making, l uso di quadranti deterministici e il Problem Solving, per decidere cosa è importante e cosa è urgente. Osservare, monitorare e valutare i principali parametri che condizionano la percezione e la gestione della risorsa tempo nelle proprie attività. Progettare e controllare nuove possibilità di utilizzo del proprio tempo in relazione a diverse situazioni di impegno. Migliorare la propria qualità di vita di lavoro in relazione all uso del tempo. Conoscere le tecniche reticolari come strumento base del controllo temporale del progetto. Time planning e priorità Decision Making Problem Solving Analisi e caratteristiche della risorsa tempo Atteggiamenti e Time Management Le categorie di abilità di gestione del tempo Tempo e strategie organizzative Strumenti di supporto al time management Time management e rapporti interpersonali Time management e gestione dello stress Dal time management allo sviluppo del potenziale Creazione e gestione di un reticolo di progetto Generazione automatica del Gantt di progetto La gestione dei calendari di lavoro progettuali Obiettivo: Il corso intende fornire ai partecipanti una formazione sia teorica che pratica per la valutazione delle performance del personale e dell organizzazione Organizzare il lavoro e le risorse umane Importanza e finalità della valutazione Come si implementa un sistema di valutazione della prestazione? Strumenti pratici ed operativi per la valutazione La scheda di valutazione Il colloquio di valutazione e di feedback

12 C Cod. Innovazione tecnologica Ore C01 La Gestione dell innovazione e della tecnologia 24 C02 Lean Product Development 24 C03 Design for Six Sigma 24 C04 C05 C06 Tecnologie e metodologie per il miglioramento ambientale Tecnologie in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili Pianificazione strategica di prodotto C07 Reliability e Robust Design 16 C08 VRP Variety Reduction Program 16 C09 Technology roadmapping 16 C01 La Gestione dell Innovazione e della Tecnologia Obiettivo: Fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per la gestione dell innovazione e della tecnologia in azienda. L importanza dell innovazione Innovazione e impresa: importanza di una strategia La scelta di una strategia di innovazione tecnologica Le fonti dell innovazione Forme e modelli dell innovazione I meccanismi di protezione dell innovazione I cicli tecnologici Tecniche di valutazione dei benefici economici dell innovazione La scelta dei tempi di ingresso nel mercato Durata: 24 ore C02 Lean Product Development Obiettivo: Il corso di propone di formare i partecipanti in merito agli strumenti e alle tecniche finalizzate a rendere il processo di innovazione di prodotto/servizio aderente alle logiche di un sistema di sviluppo caratterizzato da: cicli rapidi ed efficienti, focalizzazione sul valore come definito dal cliente e dal sistema produttivo, pianificazione pull basata sull apprendimento e sugli eventi di integrazione. Innovazione e sviluppo dei nuovi prodotti: i fattori critici di successo I sistemi eccellenti di sviluppo prodotto/processo I principi del sistema Lean di sviluppo dei nuovi prodotti Il concetto di valore e di spreco nel flusso dello sviluppo prodotto Target price e target cost Tecniche di creatività C10 Gestione di un processo di internazionalizzazione aziendale 16 12

13 C03 Design for Six Sigma C04 Tecnologie e metodologie per il miglioramento ambientale C05 Tecnologie in materia di efficienza energetica ed energie rinnovabili Obiettivo: Formare i partecipanti sugli strumenti e sulle metodologia riconducibili al Design for Six Sigma (DFSS); strumenti e metodologie per progettare da subito (quality by design) prodotti e processi che rispondano alle esigenze dei clienti ed utilizzatori e che siano ottimizzati nella prospettiva dei costi, dell affidabilità e della sicurezza. Robust Design - Failure modes and effects analysis (FMEA) Progettazione per la fabbricazione e l assemblaggio (DFMA) Process Capability e controllo statistico di processo (SPC) Reliability e prove vita accelerate (tecniche affidabilistiche) Durata: 24 ore Obiettivo: fornire le informazioni per promuovere l utilizzo di tecnologie e procedure finalizzate al miglioramento ambientale in azienda. Il panorama energetico mondiale e nazionale: stime, riserve, scenari futuri La centralizzazione dell energia: reti elettriche e curve di carico; costo, valore e prezzo dell energia; produzione e distribuzione centralizzata di calore Impieghi civili dell energia La Valutazione del Ciclo di Vita (LCA, Life Cycle Assessment): metodologia oggettiva di valutazione e quantificazione dei carichi energetici ed ambientali e degli impatti potenziali Le norme ISO e I software specifici per l inserimento di dati primari (raccolti o misurati) e di dati secondari (banche dati specifiche) La quantificazione numerica degli impatti ambientali Le origini degli impatti Comportamenti adeguati da tenere nei processi produttivi Le azioni di miglioramento ambientale e gli interventi di risparmio energetico Obiettivo: formare in merito alle principali forme di energie rinnovabili Modulo UNICO Introduzione al concetto di energia rinnovabile Tecnologia in materia di efficienza energetica Audit e risparmio energetico Tecniche di gestione e riduzione dei consumi energetici

14 C06 Pianificazione strategica di prodotto C07 Reliability e Robust Design C08 VRP Variety Reduction Program Obiettivo: formare in merito alla pianificazione strategica di prodotto L importanza del processo di pianificazione strategica Il Significato di strategia Il modello del processo strategico: le cinque aree di percorso Tipi di Strategia Le tre strategie chiave Strategia incentrata al basso costo Strategia incentrata sul servizio verso il cliente Strategia incentrata sulla qualità del prodotto Analisi SWOT e Riallineamento organizzativo Il significato di SWOT e sua applicazione Come sviluppare una pianificazione strategica di prodotto Trasformare il piano in azione Monitoraggio Esercitazioni Obiettivo: Il corso si propone di informare in merito a Reliability e Robust Design. L affidabilità (o Reliability) permette di ridurre il rischio (probabilità x costo) che si verifichi un evento non voluto a causa di variabilità di progetto o esterne e di garantire che la prestazione del sistema venga sempre soddisfatta. Il Robust Design (o progettazione robusta) permette di innovare prodotti/processi a basso costo e di ottimizzare le prestazioni rendendole meno sensibili (e quindi più robuste) ai fattori di disturbo. Modulo UNICO Cosa sono Reliability e Robust Design Come ottimizzare: le prestazioni del prodotto, una o più caratteristiche; le prestazioni e produttività dei processi; il costo di produzione Individuare le variabili che caratterizzano i parametri di progetto, processo o sistema nel processo dianalisi strutturale e definire dei metodi per eliminarle e/o controllarle Stabilità delle prestazioni e l affidabilità strutturale Obiettivo: formare in merito al Variety Reduction Program. Ricerca dei corretti drivers di costo - Misurazione degli indici di costo (V, F, C) Approfondimenti sulle cause per gli andamenti degli indici di costo Ridurre il Costo V: rappresenta i costi direttamente legati ai tipi, che hanno origine proprio nella varietà dei tipi di parti e processi produttivi (ad esempio: costi per nuovi utensili, stampi/maschere e attrezzi, costi per nuovi investimenti necessari, ecc.); Ridurre il Costo F: rappresenta l insieme di «costo dei materiali», «costo di trasformazione» e «costo di assemblaggio, confezionamento e collaudo»; Ridurre il Costo C: rappresenta tutti quei costi indiretti ma specifici, quali «costi di progettazione», «costi di gestione ordini», «costi di controllo qualità» Concettualizzazione e progettazione di prodotti e processi produttivi Preparazione alla realizzazione del progetto Controllo dell avanzamento della progettazione Esercitazione 14

15 C09 Technology Roadmapping C10 Gestione di un processo di internazionalizzazione aziendale Obiettivo: Il roadmapping è un processo strutturato per documentare l evoluzione del mercato di una azienda e i piani di sviluppo dei prodotti e della tecnologia necessari per soddisfare questi futuri bisogni. Obiettivi del technology roadmapping: a) Stabilire le relazioni fra business drivers, tecnologie e risorse, b) Identificare i principali gaps nella conoscenza di mercato, di prodotto, di tecnologie; c) Sviluppare un roadmap preliminare che colleghi: evoluzione del mercato-prodotti per soddisfarlitecnologie per realizzarli-risorse necessarie interne ed esterne; d) ollegare la strategia tecnologica e i piani aziendali; e) Sostenere la comunicazione fra area tecnica e commerciale, fra interno ed esterno. Modulo UNICO Introduzione al technology planning Modalità e modelli di technology roadmapping Esercitazione di sperimentazione in gruppo Valutazioni Sviluppi organizzativi a partire da un technology roadmapping Esercitazione in sottogruppi di sviluppo su temi scelti dai partecipanti Obiettivo: Formare in merito alla gestione di un processo di internazionalizzazione aziendale. Modulo UNICO Le analisi, le decisioni strategiche e il mercato internazionale Il sistema interno per l internazionalizzazione Le strategie di commercializzazione all estero La preparazione e lo sviluppo del business plan; le previsioni economiche-finanziarie Esercitazione con discussione di casi reali e esperienze dei partecipanti

16 D Cod. Competenze tecnico professionali Ore D01 Amministrazione del personale 8 D02 D03 D04 D05 Il rapporto di lavoro: documentazione e comunicazioni La gestione della liquidità nella piccola impresa Strutturazione degli investimenti all estero Gli strumenti di analisi finanziaria nelle PMI D06 Trend Analysis 16 D07 D08 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche d.lgs. 231/01 Customer Relationship Management D09 Marketing: formazione di base 16 D10 Marketing e pianificazione strategico-gestionale D11 Gestire un sito web aziendale 12 D12 L Open Source in Azienda 16 D13 Metodologie ed infrastruttura IT a supporto dei processi aziendali D14 Privacy e gestione dei dati 16 D15 I contratti di Rete per le Piccole e Medie Imprese D01 Amministrazione del personale Obiettivo: fornire le competenze indispensabili per la gestione degli aspetti fondamentali di tutto ciò che concerne l attività di amministrazione del personale. Si tratta di definire i principali elementi riguardanti l elaborazione paghe e gli aspetti principali della gestione del rapporto di lavoro. Il rapporto di lavoro: documentazione e comunicazioni La previdenza sostitutiva e integrativa Le Ritenute Fiscali Moduli INAIL: campi di applicazione e adempimenti Le assenze del lavoratore e relativa regolamentazione; Il trattamento della Malattia L assegno per il nucleo familiare Le più significative registrazioni contabili e le paghe Le scritture relative alla gestione del personale Il lavoro subordinato e tipologie contrattuali; Costituzione del rapporto Libri e Documenti di Lavoro; Obblighi e Diritti delle Parti; Risoluzione del rapporto di lavoro La retribuzione: principi generali Compensi e indennità Rapporto previdenziale Contributi previdenziali D02 Il rapporto di lavoro: documentazione e comunicazioni Obiettivo: Esame della normativa che regola il rapporto di lavoro con la documentazione necessaria per la sua costituzione e cessazione. Modulo UNICO La legislazione in materia di lavoro: aspetti operativi Forme di lavoro: aspetti operativi Instaurazione del rapporto di lavoro ed obblighi di comunicazione e documentazione Variazioni del rapporto di lavoro e relative comunicazioni e documentazione Forme di cessazione del rapporto di lavoro e relative comunicazioni Sanzioni: aspetti applicativi.

17 D03 La gestione della liquidità nella piccola impresa D04 Strutturazione degli investimento all estero D05 Gli strumenti di analisi finanziaria nelle PMI Obiettivo: Fornire alcuni strumenti che possono agevolare il lavoro dell imprenditore nel gestire la liquidità. La gestione della liquidità richiede infatti una specifica attenzione e deve essere considerata già nella strategia in quanto può condizionare l attività economica. Modulo UNICO Analisi di bilancio Supporti statistici dal sistema informatico Modalità di finanziamento Esercitazioni Obiettivo: Nell ambito dell internazionalizzazione delle imprese, va posta particolare attenzione alla scelta delle strutture più efficienti attraverso le quali gestire le proprie attività estere e al costante monitoraggio delle principali disposizioni che disciplinano i rapporti con l estero. Obiettivo del seminario è quello di fornire strumenti teorico-pratici di efficiente gestione delle problematiche fiscali in tema di corretta ed efficiente strutturazione degli investimenti all estero. Modulo UNICO Strutturazione dell investimento estero Stabile organizzazione: lineamenti generali e prassi operativa Prevenzione delle criticità (policy per partecipate estere/master file per transfer pricing). Obiettivo: Il corso si propone di illustrare gli strumenti dell analisi di bilancio per struttura del capitale, indici e flussi di cassa. Analisi di struttura patrimoniale Analisi per indici di bilancio Analisi dei flussi finanziari Visione d insieme e giudizio finale

18 D06 Trend Analysis D07 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche D.Lgs. 231/01 D08 Customer Relationship Management Obiettivo: La capacità di tutti i partecipanti di utilizzare in modo appropriato gli strumenti statistici ed informatici illustrati durante il corso al fine di potenziare le proprie performance e, di conseguenza, quella della stessa Azienda. Contenuti: Riferimenti alle regulations Refresh dei concetti base di statistica Analisi dei dati Distribuzioni Normali: Definizione, Caratteristiche, Test, Esempi & Esercizi Principali carte di Controllo: Definizione ed Esempi Obiettivo: Il corso intende formare i partecipanti in merito al D.Lgs. 231/01. Finalità, definizioni e campo di applicazione - Quali sono le aree aziendali più a rischio? I rischi potenziali L individuazione delle attività nel cui ambito possono essere commessi tali reati La costituzione di un organismo di vigilanza L aggiornamento dei modelli di gestione La definizione di protocolli per la programmazione della formazione e dell attuazione delle decisioni dall ente in ordine ai reati da prevenire La previsione di obblighi informativi nei confronti dell organismo di vigilanza ed l introduzione di un sistema disciplinare sanzionatorio La gestione delle risorse finanziarie realizzata in modo da impedire la commissione dei reati La redazione di un Manuale di Sistema di Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. 231/01 comprensivo di Codice Etico e dei protocolli di gestione del risk management La nomina dell organismo di vigilanza interno all azienda Il controllo dei flussi finanziari aziendali e dei collaboratori esterni Il controllo della documentazione aziendale e dei sistemi informativi La definizione di un sistema sanzionatorio interno Il Mantenimento di un sistema aziendale conforme nel tempo al D.Lgs. 231/2001. Obiettivo: Approfondire le ragioni collegate all evoluzione del mercato e conoscere le implicazioni che si riflettono sull attività commerciale. Focalizzare la necessità per l azienda di ricercare l eccellenza dell offerta, partendo dalla centralità del cliente. Analizzare l importanza del consolidamento delle relazioni nello sviluppo del rapporto con la clientela. Essere in grado di realizzare un efficace pianificazione del rapporto con il cliente nel breve e nel lungo periodo. L evoluzione del rapporto cliente/fornitore Qualità assoluta e qualità relativa dell offerta Come dare valore al Business partendo dalla centralità del cliente Fattori critici di successo nella realizzazione del sistema di gestione del cliente Ruoli e competenze della struttura nella gestione del rapporto con il cliente Procedura per realizzare il sistema di gestione del cliente La pianificazione delle attività inerenti la gestione del cliente 18

19 D09 Marketing: formazione di base D10 Marketing e pianificazione strategico-gestionale D11 Gestire un sito web aziendale Obiettivo: Sviluppare contenuti in materia di marketing aziendale e di sviluppo organizzativo in linea con lo sviluppo dell ambiente esterne oltre che con le esigenze dei consumatori L attività di marketing: evoluzione del marketing Cos è il marketing Gli obiettivi del marketing Internet e marketing Il sistema informativo di marketing e le ricerche di mercato Il sistema informativo di marketing Le ricerche di mercato Le ricerche quantitative Le ricerche qualitative Il customer relationship management La segmentazione del mercato Utilità della segmentazione di mercato Criteri di segmentazione Esempio di segmentazione La previsione di vendita I metodi matematici-estrapolativi Il metodo delphi Il reddito il concetto di profitto indici per la valutazione della redditività costo e spreco classificazione dei costi il break even point la contabilità industriale. Il marketing internazionale la globalizzazione l approccio al mercato estero: l analisi interna la scelta del mercato in cui entrare la strategia di entrata. Obiettivo: Analizzare il concetto di marketing e le sue derivazioni, con particolare riferimento a Marketing mix ed al ruolo ricoperto nell ambito della pianificazione strategico- gestionale. Individuare le principali problematiche che si presentano nell attività di pianificazione, gestione e controllo dell azienda commerciale, delineando inoltre un progetto di sviluppo della propria struttura distributiva. Conoscere le caratteristiche e le modalità attuative di una strategia di marketing che consenta di sviluppare in modo ottimale le potenzialità della propria clientela. Elementi di economia aziendale Il sistema essenziale di marketing Strategie, tattiche, piani operativi Strutture concorrenziali del mercato Il controllo del marketing mix - Il prodotto e la sua classificazione La distribuzione e il ciclo di vita del prodotto Il processo di sviluppo di un nuovo prodotto Il prezzo e i suoi criteri di determinazione Obiettivo: Informare sui principali aspetti normativi legati alla gestione e alla costruzione di un sito web. Creazione del sito web Proprietà industriale ed intellettuale in Internet Domain name e sua tutela E-commerce Sito web e protezione dei dati personali Durata: 12 ore

20 D12 L open source in azienda D13 Metodologie ed infrastrutture IT a supporto dei processi aziendali D14 Privacy e gestione dei dati Obiettivo: Rendere efficiente e possibile l utilizzo delle potenzialità offerte dal mondo Open Source verificandone l applicabilità all interno della propria azienda. Open Source non ha nulla a che vedere con gratis. Open Source è differente da Free Software. L azienda che scelga l utilizzo di tecnologie Open Source non è esentata dal possedere una metodologia per lo sviluppo delle applicazioni, dalla scelta consapevole delle licenze di supporto e dalla conoscenza dell ecosistema di framework e componenti Open Source collegato. Analisi degli scenari e dei modelli implementativi di impiego delle tecnologie Open Source Framework, Componenti ed Applicazioni Open Source Licenze ed Ecosistema Open Source Obiettivo: Fornire una visione generale degli strumenti IT e di gestione documentale, i casi di applicazione, i benefici introdotti, le integrazioni con il sistema informativo aziendale. Sono presentati case history reali che permettono di contestualizzare le nozioni apprese. Metodologie e formalismi per la rappresentazione dei processi aziendali Metodologie e formalismi per la classificazione delle informazioni aziendali Descrizione dei sistemi di Workflow Management e Business Process Management Descrizione dei sistemi di gestione documentale ed Enterprise Content Management Casi d uso ed applicazioni Panoramica dei prodotti di mercato e delle soluzioni open source Obiettivo: del corso è fornire gli elementi necessari per poter effettuare il trattamento dei dati personali nel pieno rispetto della normativa privacy. Inoltre si intende fornire una disamina del decreto, evidenziando le novità introdotte dalla normativa stessa nell ordinamento italiano. Introduzione alla normativa sulla privacy. Principi generali: diritto alla protezione dei dati personali; modalità del trattamento e requisiti dei dati. Diritti dell Interessato Principi applicabili ai trattamenti effettuati da soggetti privati Ruoli soggettivi Sicurezza dei dati e dei sistemi Alcuni provvedimenti dell autorità Garante per la protezione dei dati personali Sanzioni penali, amministrative e conseguenze civili. Il Decreto legislativo 231/01, Le novità introdotte dalla normativa, Cosa cambia per le aziende La responsabilità dell ente I reati 20

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

CATALOGO FORMATIVO. Percorsi di formazione trasversale. STUDIO BINI ENGINEERING srl DIVISIONE CONSULENZA DIREZIONALE ED ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CATALOGO FORMATIVO Percorsi di formazione trasversale pag. 1 INDICE: PAGINA ORE COSTO (IVA esclusa) PERCORSI DI FORMAZIONE OBBLIGATORIA IN 3 MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Addetto antincendio - rischio

Dettagli

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY

Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY I requisiti per la certificazione del sistema di gestione sicurezza Claudia Gistri Giancarlo Caputo CERTIQUALITY Seminario La gestione ed il controllo del Rischio Industriale Bergamo, 20 dicembre 2005

Dettagli

Maintenance & Energy Efficiency

Maintenance & Energy Efficiency Industrial Management School Maintenance & Conoscenze, metodi e strumenti per operare nel campo della gestione dell energia - Integrare le politiche di manutenzione con quelle legate all energia - Ottimizzare

Dettagli

Safety Services s.r.l.

Safety Services s.r.l. Safety Services s.r.l. Consulenza per la Gestione della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Sistemi Qualità, Ambiente, Igiene degli Alimenti, Privacy Corsi di Formazione Aziendale Sede Legale: Via Petrarca

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE

NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE NOVACONSULT CORSI DI FORMAZIONE Per informazioni, contattare Novaconsult Via Gaggia n 1/a - 20139 MILANO Tel. +39 02.57408940 - Fax +39 02.57407100 e-mail: info@novaconsult.it www.novaconsult.it INDICE

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

RSPP DATORE DI LAVORO

RSPP DATORE DI LAVORO RSPP DATORE DI LAVORO RSPP RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Il corso si propone la finalità di fornire ai Datori di Lavoro le conoscenze necessarie per poter svolgere direttamente

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione RATE SERVIZI Srl Via Santa Rita da Cascia, 3-20143 Milano Tel 0287382838

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi;

costruire dei percorsi mirati e una programmazione centrata sui bisogni emersi dall analisi; SERVIZI FORMAZIONE SU MISURA La formazione su misura ha l obiettivo di affiancare i Clienti nello sviluppo professionale del proprio capitale umano e di sostenere l attuazione di programmi di miglioramento

Dettagli

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE

CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE CATALOGO CORSI 2015 OFFERTA FORMATIVA SPECIFICA PER AREE TEMATICHE A quali temi la vostra organizzazione è al momento interessata? TEMI - relativi ai vostri FORNITORI - relativi ai vostri PROCESSI: efficacia,

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE

Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Il Controllo di Gestione: il moderno Controller per le organizzazioni DESCRIZIONE Le caratteristiche del mercato finanziario e le dinamiche competitive emerse sin dall emergere della crisi hanno imposto

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015

DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE 2015 DOSSIER CORSI DI FORMAZIONE GENNAIO - DICEMBRE Formazione sulla sicurezza negli ambienti di lavoro (D.Lgs 81/2008) e s.m.i PRESENTAZIONE Con il presente catalogo intendiamo sintetizzare le principali opportunità

Dettagli

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment

Preaudit Sicurezza / Ambiente. General Risk Assessment General Risk Assessment Conduzione di un General Risk Assessment in coerenza con i requisiti ISO 9001:2015. nel 2015 verrà pubblicata la nuova UNI EN ISO 9001 che avrà sempre più un orientamento alla gestione

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

CURRICULUM DELLA SOCIETÀ

CURRICULUM DELLA SOCIETÀ CURRICULUM DELLA SOCIETÀ SOMMARIO SOMMARIO... 1 LA SOCIETÀ... 2 I DATI AMMINISTRATIVI... 3 L'ORGANIGRAMMA... 4 I NOSTRI SERVIZI... 5 ACCADIMENTI SOCIETARI... 11 LA SOCIETÀ Framinia S.r.l. è una società

Dettagli

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014. Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali. ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO Anno Scolastico 2013/2014 Mercato del Lavoro : Aspetti Contrattuali, Contributivi e Fiscali Classe 5^ E / TO3 Il Progetto Alternanza Scuola-Lavoro costituisce un attività di interazione

Dettagli

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI

AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE PROFESSIONI FOR.TE. Invito a partecipare alla costruzione di un catalogo nazionale di iniziative di Formazione Continua AVVISO 3/12 OFFERTA FORMATIVA SCUOLA SUPERIORE DEL COMMERCIO, DEL TURISMO, DEI SERVIZI E DELLE

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net NETWORK SICUREZZA leader thinks simplicity La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net I SISTEMI DI GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI OHSAS 18001 LINEE GUIDA UNI-INAIL UNI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza

Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Integrata: Qualità, Ambiente e Sicurezza QUALITY FOR MASTER Esperto in Direzione e Valutazione dei Sistemi di Gestione Una preparazione meramente teorica, seppur di rilievo, non è più sufficiente per affrontare le complesse dinamiche aziendali.

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it

Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it NOVACONSULT TEAM CORSI DI FORMAZIONE Via Gaetano Strambio n.5-20133 MILANO Tel. 02.57408940 - Fax 02.99989424 mail: ncteam@pec.it www.novaconsult.it INDICE Premessa Corso base per lavoratori Corso di formazione

Dettagli

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007

Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 Il corretto approccio al Sistema di Gestione Aziendale per la Sicurezza e Salute OHSAS 18001:2007 GENERALITA Il Sistema di Gestione Aziendale rappresenta la volontà di migliorare le attività aziendali,

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro

4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4. Modello in tema di tutela della sicurezza sul lavoro 4.1 Previsioni del d.lgs. 81/2008 Il d.lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 ha sostanzialmente innovato la legislazione in materia di sicurezza e salute

Dettagli

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA

19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA 19 - INDICE DELLA MATERIA SICUREZZA ELETTRICA ED ELETTROTECNICA D294 Corso teorico-pratico addetti ai lavori elettrici CEI 11-27:2014... pag. 2 D291 Corso di aggiornamento CEI 11-27-2014 per addetti ai

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia

Da Energy Manager a Esperto in Gestione dell Energia Argomenti trattati Evoluzione delle figura professionale: da EM a EGE L Esperto in Gestione dell Energia Requisiti, compiti e competenze secondo UNI CEI 11339 Opportunità Schema di certificazione L Energy

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014

D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni. M. Mengoli 5 giugno 2014 D. Lgs.. 231/2001 e Sistema Gestione Qualità: quali integrazioni M. Mengoli 5 giugno 2014 Il D. Lgs. 231/01 introduce una nuova fattispecie di responsabilità da reato Reato nell organizzazione è imputabile

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ

D.O.C. s.c.s. POLITICA AMBIENTE SICUREZZA E QUALITÀ Pagina 1 di 7 D.O.C. s.c.s., ai sensi della legge 381/91, è una cooperativa sociale di tipo A, che vede al centro della sua crescita organizzativa i valori cooperativi della centralità della persona, della

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro

Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Studio legale: sicurezza e salute sul lavoro Le politiche adottate a livello istituzionale, produttivo e dei servizi in tema di Sicurezza e salute del lavoro sono da tempo orientate verso l implementazione

Dettagli

MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015

MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015 MASTER ESPERTO IN GESTIONE INTEGRATI: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA - VI EDIZIONE 27 NOVEMBRE 2015 CORSO QUALIFICATO TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata in Regione Campania

Dettagli

Gestione delle Risorse

Gestione delle Risorse SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Gestione delle Risorse Mauro Toniolo Quality, Health & Safety Manager Messa a disposizione delle risorse Norma UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di Gestione per la Qualità

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008)

FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) FORMAZIONE SULLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI (D.LGS. 81/2008) La normativa La società e i servizi di formazione Qualsiasi attività (aziende, studi professionali, negozi ecc.) che abbia almeno un

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie

La formazione dei Responsabili e degli addetti del Servizio Prevenzione e Protezione delle aziende bancarie La formazione dei Responsabili Fondamentale Presentazione Il percorso formativo è abilitante e rivolto ai responsabili e agli addetti del servizio Prevenzione e protezione delle aziende bancarie e finanziarie

Dettagli

Catalogo formativo Fondoprofessioni

Catalogo formativo Fondoprofessioni Catalogo formativo Fondoprofessioni 2014 / 2015 CFA s.r.l Via Vittorio Emanuele II, 28 25030 Roncadelle (BS) Tel. 030/2584463 Fax 030/2580086 E-mail segreteria@cfaonline.it SOMMARIO SICUREZZA SUI LUOGHI

Dettagli

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08)

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08) PROGRAMMA DEI CORSO RIVOLTO AI COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE (DURATA 120 ORE) CONFORME ALL ALLEGATO XIV DEL D.LGS 81/08 Lezione 1: modulo giuridico (Allegato XIV,

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

(L. 257/92 D.P.R. 08/08/94 - DGR 5702/99) AUTORIZZAZIONE REGIONE LAZIO ALL EROGAZIONE DI CORSI NON FINANZIATI CON DETERMINA N.

(L. 257/92 D.P.R. 08/08/94 - DGR 5702/99) AUTORIZZAZIONE REGIONE LAZIO ALL EROGAZIONE DI CORSI NON FINANZIATI CON DETERMINA N. Corso per addetti alle attività di rimozione, bonifica, smaltimento dell'amianto (L. 257/92 D.P.R. 08/08/94 - DGR 5702/99) AUTORIZZAZIONE REGIONE LAZIO ALL EROGAZIONE DI CORSI NON FINANZIATI CON DETERMINA

Dettagli

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE

Corso di Qualificazione per. Auditor Interni. dei. Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Corso di Qualificazione per Auditor Interni dei Sistemi di Gestione per la Qualità UNI EN ISO 9001:2008 PROGRAMMA DEL CORSO 24 ORE Responsabile del progetto formativo: Dott. Ing. Antonio Razionale Tutor:

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso

PROGRAMMA DEL CORSO. Docente/i : Formatori esperti sulla sicurezza sul lavoro in possesso dei requisiti previsti dalla legge. Presentazione del corso PROGRAMMA DEL CORSO LA FORMAZIONE DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D. Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 art. 37 Accordo Stato Regioni del 21/12/2011) Durata del corso 32 ore Segreteria organizzativa

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere

Responsabili qualità nelle PMI manifatturiere M MODULI generali Fornire le informazioni e gli strumenti idonei alla impostazione di un sistema di gestione per la qualità in una pmi di produzione Comprendere le esigenze dei clienti Valutare la soddisfazione

Dettagli

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO

LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO LA RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA DELLE SOCIETA E I MODELLI ORGANIZZATIVI, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA SICUREZZA SUL LAVORO Studio Candussi & Partners Università di Udine 30 aprile 2009 Lo Studio Candussi

Dettagli

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi

Programmazione didattica 2009. Project Management. Catalogo dei corsi Programmazione didattica 2009 Project Management Catalogo dei corsi Alta Formazione in Project Management Project Management: principi e criteri organizzativi Metodi e tecniche di avvio ed impostazione

Dettagli

Fabio Iraldo GEO Green Economy Observatory Università Bocconi

Fabio Iraldo GEO Green Economy Observatory Università Bocconi I nuovi modelli di gestione del rischio ambientale Come le fattispecie di reato introdotte dalla Legge 68/15 modificano i modelli di prevenzione del rischio e relazione con i sistemi di gestione ambientale

Dettagli

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1

BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP. Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 BENVENUTI AL CORSO DI FORMAZIONE per RSPP e ASPP Filippo Macaluso - Corso di formazione per RSPP e ASPP Modulo A 1 MODULO 1 Ruolo di RSPP Presentazione del corso Filippo Macaluso - Corso di formazione

Dettagli

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel.

Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. Catalogo offerta formativa La formazione continua Centro Regionale Ente di Formazione Giovanile Via Nazionale n. 295 09027 Serrenti (VS) Codice Fiscale e Partiva IVA 02823570920 Tel. 0709150085_ mail crefog@tiscali.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione

Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni. Corsi di Formazione Istituto Certificazione Imprese di Costruzioni Corsi di Formazione Sommario Sistemi di gestione 4 Modulo A Corso di Formazione per Auditor di Sistemi di Gestione Modulo A - uni en iso 19011 - Corso Qualificato

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008

STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 81/2008 DECRETO LEGISLATIVO n. 81 del 9 aprile 2008 UNICO TESTO NORMATIVO in materia di salute e sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori STANDARD OHSAS 18001:2007 E CORRISPONDENZE CON IL MODELLO ORGANIZZATIVO

Dettagli

una squadra di esperti, un solo interlocutore

una squadra di esperti, un solo interlocutore una squadra di esperti, un solo interlocutore Il vantaggio di avere una squadra di esperti e la comodità di parlare con un solo interlocutore CHI SIAMO Il Gruppo E.S.G. EURO SERVICE GROUP - SYNTESY - A.IN.COM.

Dettagli

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08)

TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) TAI MILANO S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO (D.lgs. 231/001 art. 30 D. lgs. 81/08) Approvato dal Consiglio Di Amministrazione di TAI MILANO S.p.A. il MOG Rev. 01 del 23/06/2009

Dettagli

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD

MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD MACROSETTORE DISTRIBUZIONE NO FOOD 1 LIVELLO BASE (prima annualità) 2 Competenze relazionali - Esprimersi in lingua italiana in forma corretta ed adeguata rispetto al contesto di riferimento e nelle situazioni

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL)

Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Esperienza del laboratorio di approfondimento Regione Lombardia Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza del lavoro (SGSL) Marina Della Foglia Milano - giugno 2015 ILO-OSH 2001 Guidelines on

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza

Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta - Sistema Informativo Qualità Ambiente Sicurezza Quarta, la soluzione informatica per la costruzione di un Sistema Qualità, Ambiente e Sicurezza fortemente integrato è in grado di garantire l efficacia

Dettagli