4. OBIETTIVI DEL PIANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. OBIETTIVI DEL PIANO"

Transcript

1 4. OBIETTIVI DEL PIANO 4.1 Obiettivi generali Gli obiettivi generali di settore presentati nel documento preliminare sono di seguito esposti con le modifiche e/o integrazioni emerse in sede di esame dello stesso da parte delle Conferenze Provinciali delle Autonomie o suggerite dai successivi approfondimenti. Consapevolezza e rafforzamento dell identità regionale: a fronte di una tendenza diffusa all appiattimento e alla omologazione dei valori culturali l obiettivo proposto intende affermare i significati di una cultura fondata sulla consapevolezza delle tradizioni locali e sulla dimostrata capacità di queste di esprimersi attraverso una produzione inserita a pieno titolo a livello nazionale ed europeo. Le linee strategiche di questo obiettivo sono costituite dalla conservazione, lo studio e la diffusione della conoscenza del patrimonio culturale nelle sue varie accezioni(beni e fonti), dal sostegno alla creatività nel campo culturale e alle nuove forme di espressione artistica, dal collegamento e dalla proiezione a dimensione nazionale ed europea alle manifestazioni culturali delle Marche. Pervasività della cultura: in linea con il primo obiettivo enunciato le problematiche del settore vengono intese come comuni alla totalità dei cittadini ed a ogni settore di attività, sociale od economica che essa sia. Le linee strategiche che ne conseguono sono pertanto rivolte: allo sviluppo e alla diffusione delle conoscenze relative al settore, da realizzarsi sul piano istituzionale anzitutto attraverso l attivazione di sistemi permanenti di raccolta e redistribuzione delle informazioni, alla promozione di interazioni e di osmosi tra settori e generi, alla informazione e formazione culturale dei cittadini, con particolare attenzione alle nuove generazioni. Qualificazione dell offerta culturale e della sua circolazione: - Sistemi perché la cultura possa assolvere alle funzioni sociali ed economiche che le vengono riconosciute occorre che le attività relative raggiungano di norma un elevato livello qualitativo e la loro fruizione permei settori sempre più vasti della società regionale. A questo fine la strategia fondamentale proposta dal Piano è quella dell organizzazione per sistemi finalizzati nel contempo a: migliorare ed ampliare l offerta oggi proposta da attori singoli, ad agevolare la realizzazione di economie di scala, attraverso l utilizzazione di fattori produttivi comuni a più soggetti o l attivazione di fattori altrimenti troppo onerosi per il singolo, a favorire integrazioni tra comparti del settore culturale diversi, a promuovere forme di integrazione permanenti tra le attività connesse alla cultura e quelle specificamente produttive. Il miglioramento dell offerta risponde altresì all obiettivo fondamentale della comunità regionale di avviare politiche coerenti di riequilibrio territoriale, per i benefici che l attivazione di organizzazioni sistemiche può indurre nelle aree meno sviluppate.

2 Coesione dell azione amministrativa locale e affermazione del principio di sussidiarietà: perché gli obiettivi di ordine generale indicati e le conseguenti strategie possano realizzarsi, trovando concreta e precisa definizione, occorre che questi obiettivi vengano accettati e fatti propri dall intero sistema delle Autonomie, così come indicato nella legislazione programmatica regionale. La Regione infatti in coerenza con il principio di sussidiarietà si propone come centro ordinatore di un coeso sistema di governo che viene attuato dagli Enti Locali e che da questi è direttamente condiviso nelle fasi decisionali (v. L.R. 46/92, 75/97, 6/98). Per stabilire i giusti livelli di esercizio dei servizi tecnici e amministrativi il principio della sussidiarietà deve essere ovviamente applicato secondo criteri di razionalità e di efficienza, ovvero in modo congruo rispetto all effettiva scala dei problemi. Economia della cultura: l espansione in costante crescita dei consumi culturali crea nuove opportunità di investimenti e lavoro nell ambito del cosiddetto terzo settore [turismo - commercio - servizi] che necessariamente si collegano, direttamente o indirettamente, con le prospettive di sviluppo culturale indicate dal Piano di Settore Cultura. La nuova legislazione regionale in materia di beni ed attività culturali consente oggi di cogliere queste opportunità attraverso: le possibilità offerte al settore privato di concorrere alla gestione dei beni e delle attività culturali, le economie di scala, in termini di costi e di efficacia, perseguibili mediante l organizzazione dei sistemi, l operatività di progetti che debbono essere valutati anche per la loro efficacia economica. Il quadro di riferimento costituito dal Piano di Settore consente alle autonomie locali ed al sistema di imprese di ricercare le soluzioni più idonee e convenienti sotto il profilo della crescita culturale e dello sviluppo economico ed occupazionale permettendo, ed anzi favorendo attraverso la definizione dei progetti, integrazione delle azioni per la cultura con altre specifiche dei settori economici [occupazione giovanile, patti d area, intese di programma, ecc.]. Nella scelta dell area operativa dei progetti e/o delle attività diverse che li caratterizzano si potrà esprimere quella cultura di impresa che costituisce la premessa anche per una occupazione significativa e durevole. All intervento pubblico, e a quello Regionale in particolare dovrà restare, in prospettiva, l onere di sostenere esigenze di ordine generale [conservazione, conoscenza, istruzione] connesse all identità locale e nazionale. Formazione degli operatori: perché gli obiettivi del Piano di Settore possano essere perseguiti con successo e i risultati conseguiti acquisiscano un carattere permanente occorre destinare un attenzione particolare e, per certi aspetti, del tutto nuova ai problemi della formazione e dell aggiornamento permanente degli operatori che sono impegnati nel settore, ai diversi livelli. Le condizioni di frammentazione del settore e dei suoi comparti costituenti, ha infatti limitato lo sviluppo delle attività formative e le ha condizionate qualitativamente.

3 E per queste ragioni che la formazione professionale del settore, che non è peculiarità di questo piano di settore in quanto la legislazione regionale in vigore e il PRS lo hanno destinato ad altra competenza, dovrebbe comunque: Acquisire carattere continuativo ed essere dedicata alla formazione di quadri e di tecnici in settori finora poco curati; Riguardare in modo costante anche l aggiornamento degli operatori attivi; Puntare alla massima qualificazione in ogni settore e a ogni livello; Riferirsi sia alle esigenze formative di ordine generale, richieste dagli obiettivi di settore, che a quelle specifiche poste in essere dai progetti particolari che intendono dare concreta attuazione a questi obiettivi; Essere, almeno in parte, affidata agli stessi progetti culturali che concretizzano gli obiettivi del Piano così da poter essere valutata in relazione a dati concreti e certi. Partecipazione attiva dei soggetti non istituzionali: nel nuovo assetto del settore il ruolo dei soggetti non istituzionali assume una valenza strategica in relazione ai diversi compiti che questi sono chiamati ad assolvere: attori di iniziative e manifestazioni culturali, proprietari di beni che concorrono alla costituzione di sistemi locali, operatori economici interessati allo sviluppo del settore, per le ricadute produttive ed occupazionali, gestori di beni ed attività di interesse pubblico, sostenitori di iniziative, come sponsor, mecenati o espressioni del volontariato. Il Piano costituisce il termine di riferimento che consente questa partecipazione dei soggetti esterni, definendo gli obiettivi dell azione comune e le regole che dovranno essere rispettate per potervi concorrere, senza incidere sull autonomia delle proposte, sulle modalità organizzative interne e, soprattutto, sulla creatività che i diversi soggetti sapranno mettere in campo. Peraltro il concorso di soggetti diversi, su temi ed in territori diversamente caratterizzati, richiede che il processo nel suo insieme sia governato secondo rigorosi criteri di trasparenza e di comparabilità; criteri anch essi, come le iniziative a cui si applicano, che dovranno costantemente essere verificati nella loro congruità e nella loro reale efficacia. Gli obiettivi del piano e le azioni che da questi derivano consentono, se condivisi, una efficace e corretta utilizzazione delle risorse che il sistema bancario, e in generale le fondazioni con finalità socio-culturali possono mettere in campo per la crescita del settore. In particolare le fondazioni derivate dal sistema bancario, che già vi operano, con interventi volti alla conservazione e valorizzazione del patrimonio e al sostegno di manifestazioni di vario genere, potranno partecipare a progetti che pur nel rispetto delle esigenze e peculiarità locali che sono proprie di questi enti, acquisiscano, attraverso il loro coordinamento ed uno sviluppo certo nel tempo, uno spessore ed una valenza di ordine superiore, regionale e nazionale. Ad esempio, la connessione, possibile ed auspicabile, tra la tradizionale editoria d arte sostenuta dagli istituti di credito e le esigenze catalografiche e di valorizzazione del territorio, potrebbe dare esiti di grande valore culturale, se fosse

4 realizzata con perseveranza e mediante modelli omogenei, tali da consentire nel loro insieme la realizzazione di conoscenze relative a realtà locali correttamente ed unitariamente inserite in un approccio regionale. Le possibilità che sembrano offerte alle fondazioni dalla recente legislazione, di concorrere ad iniziative ed organizzazioni imprenditoriali nel settore socio-culturale potrebbe, d altra parte, significare l immissione nei sistemi culturali locali, musei, ma anche teche e teatri, non solo di risorse finanziarie, ma anche di capacità organizzative non sempre reperibili nelle pubbliche amministrazioni locali. Concorso delle istituzioni e delle organizzazioni religiose Gli strumenti della programmazione che vengono messi in atto, a livello regionale, provinciale e locale, intendono dedicare un attenzione del tutto particolare alle iniziative che in coerenza con il Piano vorranno essere assunte dagli organi ecclesiastici, nella loro autonoma articolazione, in quanto espressione di valori che concorrono in misura determinante alla definizione culturale della comunità regionale. Particolare attenzione il Piano intende destinare alla conoscenza, conservazione e valorizzazione del patrimonio storico, artistico e documentario custodito dalla Chiesa o che comunque dalla sua presenza ha avuto origine. Il nesso tra questo patrimonio e la cultura religiosa è nella nostra Regione inscindibile, se è necessario che i beni culturali ecclesiastici siano conosciuti e valorizzati come testimonianza della storia della comunità marchigiana è parimenti indispensabile che anche quella parte del patrimonio, oggi di proprietà pubblica o privata, venga restituita alla fruizione dei visitatori, accompagnata da tutte le conoscenze necessarie perché possa essere messa in relazione con i significati religiosi, e talora liturgici, che originariamente l hanno ispirata. In questo senso la prospettiva del museo diffuso non vuole significare banalmente l immissione nel circuito turistico dei beni posseduti dalla Chiesa, ma la possibilità di far conoscere nel suo complesso la storia materiale delle Marche, alla cui definizione hanno concorso e concorrono in misura determinante i valori religiosi. Nel rispetto delle norme concordatarie e delle intese in merito già sottoscritte a livello nazionale e in riferimento alle indicazioni del Piano saranno definiti specifici accordi, tramite intese e convenzioni, per la corretta immissione del patrimonio ecclesiastico nelle azioni previste e per la opportuna valorizzazione delle relative iniziative di conservazione, promozione e gestione. L integrazione delle iniziative in merito alla conservazione del patrimonio e alla sua valorizzazione attraverso queste tipologie di interventi coordinati appare del tutto possibile e conveniente per le diverse parti, ma potrà divenire una costante del Piano se, in primo luogo, verrà raggiunta una intesa in merito tra la Regione e la Conferenza Episcopale Marchigiana secondo le linee già consolidate in altre realtà regionali.

5 Il processo di piano e la sua verificabilità. La LR 75/97 nel riorganizzare le funzioni programmatorie ai diversi livelli indica con assoluta precisione il progetto come lo strumento normale per lo svolgimento di dette funzioni; il Piano cioè non sostiene di norma attività in quanto tali, ma richiede che queste si esprimano e si concretizzino in specifici progetti, quantificati, nelle risorse come negli obiettivi, cronologicamente definiti, completi della indicazione dei soggetti partecipanti e dei loro relativi impegni. Questi, come si è detto, riguardano le attività poste in essere e le risorse che vi vengono destinate, in primo luogo dagli stessi soggetti coinvolti dal progetto; il piano pertanto si basa sul principio della compartecipazione dei diversi soggetti anche sotto l aspetto finanziario. Tale ineludibile principio deve trovare pratica applicazione in riferimento alla natura del progetto, alla sua dimensione organizzativa e finanziaria, alle diversità dei comparti nei quali si opera, alle condizioni territoriali alle quali il progetto stesso si riferisce. Il Piano non si propone solo come un documento di riferimento per le diverse iniziative, ma anche come un processo permanente di sviluppo che trova nella programmazione per progetti il metodo fondamentale di espressione in quanto consente di verificare, con continuità, i risultati che vengono conseguiti, le carenze e le mancanze che si manifestano, gli interventi correttivi che è opportuno porre in essere. Perché questo processo si avvii e venga correttamente gestito, anche e soprattutto sotto il profilo del controllo democratico, occorre che i progetti vengano valutati in fase di proposta e controllati in sede di esecuzione secondo regole certe e predeterminate; di qui, ad esempio, l obbligo per l Amministrazione regionale di indicare i criteri di valutazione e la necessità di fornire una modulistica atta a consentire raffronti e verifiche. Questa strumentazione del processo di piano appare nella prima applicazione dello stesso di difficile definizione, poiché deve essere redatta tenendo conto non solo delle esigenze di trasparenza ed efficacia a cui si è fatto riferimento, ma anche del carattere innovativo che l intero processo riveste, per la completa comprensione del quale sarà necessaria, da parte degli enti locali come dei soggetti privati, un adeguata fase di graduale sperimentazione. Appare comunque evidente fin da ora la necessità di accompagnare il progetto di gestione del piano con la costituzione di un adeguato sistema informativo dedicato a questa specifica funzione, ma in una qualche misura integrato e completato con altri sistemi informativi, di settore e non. Infatti, se da una parte occorre assicurare la gestione e la diffusione dei dati relativi ai progetti e alla loro realizzazione, è del pari necessario comparare questi dati con quelli concernenti le variazioni che nel frattempo si producono anche per effetto di questi stessi progetti, sulla domanda e sulla offerta del settore considerato nella sua globalità e nei suoi comparti principali. Così come appare opportuno che l intero sistema informativo relativo

6 alla gestione del Piano, progetti e stato generale di attuazione, venga posto in relazione con altri sistemi automatizzati di informazione, relativi sia alle acquisizioni scientifiche che nel contempo si verificano, [vedi catalogazione e documentazione scientifica] che ai fenomeni economici in atto [vedi flussi turistici, occupazione, infrastrutturazione del territorio etc.]. E del tutto evidente infine che l esistenza stessa delle capacità di governo dell Ente Regione viene a dipendere, in un quadro di forte ed autonomo decentramento, quale è quello disegnato dalla L.R. 75/97, solo ed unicamente dalla tempestiva e sufficiente conoscenza della realtà regionale, che consenta di adeguare in modo rispondente alla stessa gli strumenti di piano attivati. 4.2 Obiettivi specifici ed operativi Il Piano di Settore fa proprio e sviluppa, sul piano degli indirizzi e delle azioni le indicazioni del Piano Regionale di Sviluppo 2000 relative ai progetti presentati nel sottoprogramma 7.4: Catalogazione dei Beni Culturali Sistema Museale Sistema Bibliotecario Archivistico Sistema Archeologico Sistema dei Teatri Luoghi del lavoro e della memoria Il Piano di Settore contribuisce altresì alla realizzazione dei cantieri progettuali individuati dal Piano di Inquadramento Territoriale, in quanto costituiscono ambiti privilegiati di applicazione dei progetti obiettivo del Piano Regionale di Sviluppo 2000 sopra indicati. Il confronto, tra le strategie di sviluppo indicate dal Piano Regionale di Sviluppo 2000, secondo le logiche territoriali ed ordinative del Piano di Inquadramento Territoriale, e gli obiettivi generali di settore sopra indicati, così come concretamente verificati dall analisi dello stato di fatto, ha consentito di definire gli obiettivi specifici di settore che trovano espressione nei programmi di intervento, e gli obiettivi operativi che si esplicitano nei sottoprogrammi. Al fine di una chiara e rapida lettura si è ritenuto di esporre quanto sopra indicato in una tavola di raffronto di seguito riportata. Nei prospetti successivi come già indicato nel precedente capitolo 3.2 Struttura e contenuti vengono indicati programmi, sottoprogrammi e individuate le azioni attraverso cui si attuano gli interventi per ciascun settore. SISTEMA MUSEO DIFFUSO BENI CULTURALI

7 PROGRAMMI ORGANIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE IN SISTEMA DEL MUSEO DIFFUSO OBIETTIVI SPECIFICI Costituire il sistema Museo Diffuso che equipara alle raccolte e ai musei locali tutti i beni culturali esistenti sul territorio e prevede la gestione congiunta di sedi, strutture, patrimonio, servizi, organizzazione. Potenziare l erogazione dei servizi culturali e delle attività scientifiche, attivando risorse pubbliche e private attraverso una gestione economicamente produttiva. Valorizzare il patrimonio culturale dal punto di vista turistico ed economico. Riconoscere il particolare rilievo del patrimonio di proprietà o di giurisdizione ecclesiastica nell ambito del sistema museale, assicurando il rispetto della natura e della peculiare funzione cui sono adibiti tali beni. Perseguire la tutela, la valorizzazione, lo sviluppo del patrimonio e la promozione delle attività attraverso la gestione congiunta SOTTOPROGRAMMI SALVAGUARDIA DEL PATRIMONIO CULTURALE MANTENIMENTO DELLA FUNZIONALITÀ ATTUALE DEGLI ISTITUTI E SERVIZI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL SISTEMA MUSEALE REGIONALE COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DELL IMMAGINE DEL SISTEMA MUSEO DIFFUSO E DELLA GENERALITÀ DEL PATRIMONIO CULTURALE OBIETTIVI OPERATIVI Fronteggiare le urgenze per la salvaguardia del patrimonio locale e garantirne la sopravvivenza. Sostenere le attività ed i servizi museali esistenti in attesa di nuovi miglioramenti. Realizzare i presupposti del sistema che consentano di ottenere in seguito più cospicui e rapidi avanzamenti. Favorire nuove iniziative in linea con la realizzazione del Museo Diffuso. Diffondere la conoscenza dell intero patrimonio culturale esistente sul territorio regionale attraverso la promozione di itinerari di visita, attività informative e didattiche. BENI LIBRARI - ARCHIVISTICI PROGRAMMI OBIETTIVI SPECIFICI

8 MIGLIORAMENTO COMPLESSIVO DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE INTERISTITUZIONALE Sviluppo, integrazione, estensione dei sistemi bibliotecari e archivistici Sviluppo integrato dell azione di conservazione e tutela dei patrimoni culturali territoriali e del governo dell universo informativo contemporaneo Potenziamento e modernizzazione degli istituti marchigiani.strategie di coordinamento e cooperazione interistituzionale: estensione e consolidamento Integrazione delle funzioni degli istituti di diversa titolarità istituzionale sul territorio SOTTOPROGRAMMI OBIETTIVI OPERATIVI Sviluppo dei processi di automazione Pubblica lettura e multimedialità: incremento dei servizi al pubblico Consolidamento e sviluppo del servizio bibliotecario e archivistico regionale territoriale Patrimonio storico: conoscenza e visibilità Integrazione e potenziamento del patrimonio informativo a livello centrale regionale Sviluppo degli istituti bibliotecari e archivistici come centri di informazione e documentazione in grado di soddisfare le esigenze dell utenza ed accogliere le nuove forme di comunicazione Adeguamento delle strutture con riferimento alla corretta conservazione del materiale ed alla sicurezza degli ambienti Incremento delle risorse informative e sviluppo dell automazione in rapporto all attività di catalogazione, all incremento del prestito locale ed interbibliotecario, agli acquisti Realizzazione di una rete di basi dati aggiornabili Attivazioni di flussi informativi tra i diversi soggetti istituzionali SPETTACOLO DAL VIVO PROGRAMMI ATTIVITA CULTURALI OBIETTIVI SPECIFICI

9 Sviluppare e consolidare il sistema regionale dello spettacolo, anche in base delle realizzazioni in atto. L obiettivo si relaziona e sviluppa l indicazione del P.R.S. che individua sul progetto SISTEMA DEI TEATRI un azione prioritaria e fondativa della Regione. MARCHE REGIONE DEI TEATRI Definire il sistema marchigiano dello spettacolo in base al nuovo assetto di competenze fra stato e regioni. Il Piano si pone come momento attuativo dei contenuti espressi del D.L. 112, in armonia con la recente legislazione regionale che ha in parte anticipato gli indirizzi e gli obiettivi dello stesso (LL.R.R. 75/97; 6/98; 16/91). Sviluppare la consapevolezza della identità locale attraverso l apertura e il confronto esterno con le diverse forme di espressione culturali elevando il livello culturale delle proposte e dei progetti. Riconoscere prioritariamente come perno del sistema dello spettacolo marchigiano la rete dei teatri municipali (e di altre strutture o spazi pubblici destinati allo spettacolo) quali sedi permanenti e organizzate di programmazione produzione e diffusione della cultura dello spettacolo. Definire funzioni e attività dei teatri, per tipologia e per vocazione, nel quadro di un riassetto complessivo che tenga conto della necessità di un coordinamento nella programmazione e di un raccordo nelle attività di produzione. Creare, rafforzare o consolidare le strutture stabili di produzione. Creare, rafforzare o consolidare le strutture stabili di distribuzione. Creare, rafforzare o consolidare le strutture territoriali che garantiscono una continuità di programmazione. Incentivare e sostenere la qualità e l innovazione nel campo della produzione artistica e i progetti innovativi nel campo della interdisciplinareità dei linguaggi. SOTTOPROGRAMMI OBIETTIVI OPERATIVI Favorire il riequilibrio fra domanda e offerta di spettacolo che superi i municipalismi, attraverso lo

10 TEATRI IN RETE PRODUZIONE SPETTACOLO DAL VIVO SOSTEGNO ALLE ATTIVITA DI DIFFUSIONE E PROMOZIONE DELLO SPETTACOLO DAL VIVO sviluppo di sistemi integrati e la realizzazione di reti comuni a più soggetti territoriali Sviluppare la connessione fra cultura e turismo, valorizzando l entroterra e i centri minori anche con il recupero e l utilizzo del ricco patrimonio di teatri storici. Incentivare la qualificazione professionale degli operatori culturali, attraverso percorsi formativi che portino alle specializzazioni nel campo artistico, tecnico, amministrativo e gestionale. Sostenere le opere di recupero, ristrutturazione e di adeguamento alle norme di sicurezza dei teatri storici e dei luoghi di spettacolo, sostenere l acquisizione e l ammodernamento degli impianti e delle attrezzature. Creare i presupposti per l apertura continuativa dei teatri, per il loro buon funzionamento, per una migliore dotazione tecnica, per una gestione qualificata e professionale. Favorire la collaborazione fra i teatri e la creazione di reti territoriali (programmi, servizi, tecnici, personale specializzato, etc.) Favorire una massiccia e penetrante azione promozionale e di informazione sugli spettacoli individuando un modello adeguato al sistema marchigiano dello spettacolo. Costituire un osservatorio dello spettacolo per offrire a tutti gli operatori una banca dati facilmente accessibile. SPETTACOLO RIPRODOTTO ED EVENTI CULTURALI PROGRAMMI OBIETTIVI SPECIFICI Diffondere e promuovere la cultura cinematografica e MULTIMEDIALITA E SPETTACOLO RIPRODOTTO audiovisuale in una logica di sistema che favorisca la creazione di poli provinciali in una rete regionale. Promuovere e realizzare i progetti di rilievo regionale; sostenere i progetti degli enti locali che siano in sintonia con quelli regionali, ovvero con i progetti che favoriscano la conoscenza e la diffusione del patrimonio storico e culturale delle Marche. Far decollare la valorizzazione e la conoscenza del PROGETTI PER LA CULTURA ricco patrimonio espressivo dell arte e della letteratura marchigiana contemporanee, anche attraverso il riconoscimento dei Premi e delle Rassegne più prestigiose Sostenere la ricerca e la valorizzazione del patrimonio marchigiano della cultura con particolare attenzione alla salvaguardia delle fonti storiche che rischierebbero la loro estinzione (dialetti, tradizioni,

11 archeologia industriale, folclore, ecc.) SOTTOPROGRAMMI DIFFUSIONE E PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA ED AUDIOVISIVA EVENTI CULTURALI IDENTITA CULTURALI DELLE MARCHE OBIETTIVI OPERATIVI Favorire la creazione di Mediateche provinciali coordinate a livello regionale dalla Mediateca delle Marche Sostenere la promozione e l approccio critico alla cultura cinematografica attraverso circuiti regionali ed iniziative locali. Consolidare le iniziative, le rassegne e i festival più prestigiosi che hanno acquistato negli anni un rilievo nazionale e internazionale. Favorire la creazione di itinerari culturali che valorizzano anche in modo permanente un particolare aspetto artistico del territorio. Incentivare e sostenere la realizzazione di progetti e espositivi che valorizzino il patrimonio culturale delle Marche, singoli artisti, epoche o correnti, presenze culturali di rilievo. Sostenere la produzione e la promozione dell arte contemporanea soprattutto giovanile, attraverso specifici programmi che valorizzino anche luoghi espositivi di prestigio. Considerare rilevanti i progetti culturali che valorizzino il patrimonio architettonico e monumentale delle Marche, in particolare nel momento della loro riapertura dopo un periodo di non utilizzo. Valorizzare le iniziative, le manifestazioni e le rassegne di interesse non esclusivamente locali che rievochino aspetti della tradizione e del costume marchigiano. Sostenere le tradizioni storiche e folcloristiche espressioni della cultura popolare legata al territorio

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri Protocollo d Intesa tra Le Scuole Nazionali di formazione della Pubblica Amministrazione su Diffusione, impiego e qualità dei sistemi di formazione a distanza e di

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO

SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO SISTEMA BIBLIOSAN REGOLAMENTO ORGANIZZATIVO Premessa Il Sistema Bibliosan promosso dal Ministero della Salute si avvale della rete delle biblioteche degli Enti di ricerca biomedici italiani. A Bibliosan

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 CAPO II 4 PATRIMONIO E BILANCIO 4 CAPO III 5 ORGANIZZAZIONE E PERSONALE 5 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECA 3 CAPO I: 3 PRINCIPI GENERALI 3 ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO 3 ART. 2 - COOPERAZIONE INTERBIBLIOTECARIA 3 ART. 3 - DOCUMENTAZIONE DI RILEVANZA LOCALE E SEZIONE LOCALE

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) TITOLO DEL PROGETTO: Storiche biblioteche crescono ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETT e Area di Intervento: Patrimonio artistico e culturale (D)- cura e conservazione biblioteche (01) OBIETTIVI DEL

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2007 2013: Stato di attuazione e Best practices Ancona 30 novembre 2012 Fabrizio Recchi P. F. Autorità di gestione del FAS, autorità di certificazione e pagamento e

Dettagli

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro

La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro La nuova Legge regionale in materia di Istruzione, Formazione e Lavoro Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Valentina Aprea

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE

L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE L ATI composta da Associazione Nuovi Lavori e BIC Puglia s.c.a.r.l., nell ambito del progetto URLO Una rete per le opportunità, PROMUOVE un PROTOCOLLO D INTESA tra CONSIGLIERA PARITÀ PROVINCIALE DONNE

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA PROTOCOLLO D INTESA FRA LA REGIONE MARCHE IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA IL MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Per la realizzazione dall anno scolastico 2003/2004

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 4.1.1- IL POLO SCIENTIFICO E TECNOLOGICO SPECIALIZZAT O NEI SETTORI DELLE PRODUZIONI VITICOLE, ENOLOGICHE, DELLE GRAPPE E DELLE ACQUAVITI DI CONEGLIANO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA PROTOCOLLO DI INTESA TRA MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI E UNIONE DELLE PROVINCE D ITALIA Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e l Unione delle Province d Italia UPI VISTI il

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE

FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE FINALITA DELLO STRUMENTO DI RILEVAZIONE REGIONALE INDAGINE PER LA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLE BIBLIOTECHE Premessa L esigenza di una rilevazione puntuale e condotta con criteri uniformi su tutto il

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO SULLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Premessa In base all art. 45 del CCNL del 9/08/2000 la formazione professionale costituisce

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD

Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Bando Sostegno a Programmi e Reti di volontariato 2011 LA FONDAZIONE CON IL SUD Invita a presentare iniziative di Sostegno a Programmi e reti di volontariato nelle Regioni del Sud Italia Sommario Sezione

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa

Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale. Premessa Profili professionali e profili di competenza degli operatori delle biblioteche di enti locali e di interesse locale (d.g.r. 26 marzo 2004, n. VII/16909) Premessa La Lombardia è stata la prima, tra le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011)

SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) SERVIZIO CENTRALE DI SEGRETERIA DEL CIPE UFFICIO VIII SISTEMA CODICE UNICO DI PROGETTO, CUP (codice: G17H03000130001), E SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI, MIP (codice: G17H03000130011) RAPPORTO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri CONFERENZA UNIFICATA (ex art. 8 del D.Lgs. 28 agosto 1997, n. 281) SEDUTA DEL 2 MARZO 2000 Repertorio Atti n. 221 del 2 marzo 2000 Oggetto: Accordo tra Governo, regioni,

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante

Delibera del Collegio dei Docenti. Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Delibera del Collegio dei Docenti Piano annuale di Formazione e Aggiornamento del personale insegnante Anno scolastico 2013/2014 IL COLLEGIO DEI DOCENTI VISTI CONSIDERATO ESAMINATE PRESO ATTO TENUTO CONTO

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI

NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI NUOVO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE AUSER DI QUALITA DELLE UNIVERSITA POPOLARI e DEI CIRCOLI CULTURALI AFFILIATI Il Comitato Direttivo dell AUSER nazionale riunito a Roma in data 24 giugno 2015 - valutando

Dettagli

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto

DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE. rende noto DIPARTIMENTO II SETTORE IV CULTURA, TURISMO E SOCIALE IL DIRIGENTE rende noto Bando Provinciale per l erogazione dei contributi per lo spettacolo dal vivo ai sensi della L.R. 11/2009, del Piano triennale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE NATURALISTICO DEL LAZIO - RESINA Art. 1 - Istituzione del Sistema 1. Il Sistema Museale Naturalistico del Lazio RESINA è istituito ai sensi dell art. 22 della L.R. 42/97

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n.

Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40 Premessa Il presente documento contiene indicazioni e orientamenti

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia

Protocollo D Intesa. Tra. L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria. Il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Direzione Regionale Protocollo D Intesa Tra L Ufficio Scolastico Regionale Per L Umbria E Il Conservatorio

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA AVVISO Criteri e modalità di presentazione delle istanze relative al sostegno di iniziative e manifestazioni culturali, artistiche, musicali, coreutiche, teatrali, ricreative,

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PIANO ATTUATIVO PROVINCIALE RIPARTO DEI CONTRIBUTI REGIONALI AI SISTEMI BIBLIOTECARI LOCALI

PIANO ATTUATIVO PROVINCIALE RIPARTO DEI CONTRIBUTI REGIONALI AI SISTEMI BIBLIOTECARI LOCALI PROVINCIA DI VARESE ATTIVITA CULTURALI, TURISTICHE E PROMOZIONALI, SPORTIVE Biblioteche e audiovisivi LEGGE REGIONALE N 81/85 NORME IN MATERIA DI BIBLIOTECHE E DI ARCHIVI STORICI DI ENTI LOCALI E DI INTERESSE

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia

Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Scheda progetto Educando nelle Province di Bergamo e Brescia Il progetto si sviluppa in otto comuni delle province di Bergamo e Brescia. OBIETTIVI GENERALI La realizzazione del progetto si pone i seguenti

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Oggetto: schema di decreto recante linee guida in materia di semplificazione e promozione dell istruzione tecnico professionale a norma dell articolo 52 del decreto legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8

ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1562 del 31 luglio 2012 pag. 1/8 PROTOCOLLO D INTESA TRA Regione del Veneto Ministero dell'istruzione,dell'università e della Ricerca - Ufficio Scolastico

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

ATTIVITA CULTURALI EX- L.R. 68/1981. Criteri e priorità per la ripartizione dei contributi

ATTIVITA CULTURALI EX- L.R. 68/1981. Criteri e priorità per la ripartizione dei contributi ATTIVITA CULTURALI EX- L.R. 68/1981 Criteri e priorità per la ripartizione dei contributi Ai fini dell'individuazione dei soggetti e delle iniziative da ammettere alla ripartizione dei contributi previsti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE

VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE VALUTAZIONE DEI RISULTATI CONSEGUITI DAL PERSONALE DI CAT. EP - ANNO 2014 INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PER IL 2015 NOME E COGNOME DEL DIPENDENTE STRUTTURA DI APPARTENENZA FIRMA E TIMBRO DEL RESPONSABILE

Dettagli

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa Promozione dei percorsi inerenti l educazione alla legalità, alla democrazia, alla cittadinanza responsabile, al contrasto della criminalità organizzata per il triennio 2013-2015 PREMESSO CHE: La Regione

Dettagli

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it

Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali. www.itinerari.conform.it Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni e delle attività culturali www.itinerari.conform.it Il corso Gli obiettivi Il percorso formativo Tecnico per la valorizzazione e promozione dei beni

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO

SVILUPPO TERRITORIALE A BASE CULTURALE E IMPRESA CULTURALE E CREATIVA AZIONI REGIONALI 2013 10,5 MILIONI DI EURO REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE Assessore ai Beni e alle Attività culturali Pietro Marcolini - Servizio 3 - Internazionalizzazione, Cultura, Turismo, Commercio e Attività Promozionali P.F. Conservazione

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO

RELAZIONE ILLUSTRATIVA REDATTA DAL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTRATTO INTEGRATIVO DI ISTITUTO A.S. 2011/2012. Il DIRIGENTE SCOLASTICO Ai Revisori dei Conti Alle RSU dell Istituto Sede Spett.le A.R.A.N. Via del Corso, 476 00186 Roma integrativo@pec.aranagenzia.it Spett.le C.N.E.L. Viale Davide Lubin, 2 00196 Roma trasmissionecontratti@cnel.it

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli