Provincia autonoma di Trento Consigliera di Parità Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza FARE IMPRESA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Provincia autonoma di Trento Consigliera di Parità Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza FARE IMPRESA."

Transcript

1 Provincia autonoma di Trento Consigliera di Parità Assessorato alla solidarietà internazionale e alla convivenza FARE IMPRESA in quattro quadri

2 Presentazione A te potenziale imprenditrice sono dedicate queste pagine ideate e realizzate per tracciare in quattro quadri le fasi essenziali per mettersi in proprio. Essere donna e imprenditrice nello stesso tempo non è più impossibile. Un numero sempre crescente di donne fa ora questa scelta, per necessità economica, desiderio d indipendenza, volontà di mettersi alla prova in un proprio progetto di vita. Abbiamo quindi pensato di illustrarti e raccontarti attraverso la storia di due protagoniste immaginarie Anna e Laura, il percorso della creazione d impresa. Avviare un impresa, gestirla e soprattutto mantenerla attiva è sicuramente un lavoro complesso e delicato. Questo tipo di lavoro, infatti, richiede competenze e conoscenze di diversa natura. Anna e Laura iniziano con te il loro cammino, auguriamo loro una felice conclusione, e a te buona lettura! 2

3 L idea imprenditoriale Anna: perché non mettermi in proprio come tassista? Laura: perché non creare un impresa di catering? Anna e il taxi Anna è una donna di quarant anni che si è sempre dedicata alla cura della casa e con la nascita della prima figlia ha deciso di concentrarsi sul ruolo materno. Adesso si è separata dal marito e deve cercare un occupazione, ma dopo un periodo così lungo fuori dal mercato del lavoro, incontra difficoltà enormi a essere assunta come dipendente. Inoltre Anna, che per anni ha organizzato puntualmente una casa, un marito e due figlie piccole, non ha voglia di avere qualcuno sul collo che ordina e comanda. Proprio perché l ex marito era sempre impegnato sul lavoro, lei ha dovuto gestire orari, 3

4 pasti, menu; tutte abilità che elencate in un curriculum e riferite a un lavoro stipendiato sarebbero valutate favorevolmente, ma quando l origine di queste abilità non è un lavoro retribuito, esse sono completamente ignorate. Anna pensa di possedere tutte le attitudini necessarie per lavorare in proprio: è una donna intraprendente, ha forza di volontà, costanza e ottimismo. Poiché ha sempre vissuto e vive tuttora in periferia, molto spesso ha accompagnato in macchina le figlie, sin da quando erano piccole, sia a scuola sia a frequentare le varie attività extrascolastiche. Il padre di Anna ha fatto l autista e le ha trasmesso l interesse per i motori e per la guida delle macchine. Ronnie, un tassista amico di suo padre e prossimo alla pensione, deve vendere la sua licenza e chiede ad Anna se conosce qualche possibile acquirente. Anna pensa: perché non io?. Decide di informarsi per capire che cosa serve per fare la tassista, come prendere la patente di noleggio e conducente taxi, e di verificare se è possibile acquistare la licenza. Laura e il catering Laura è single per vocazione e ha sempre avuto un unica, grande passione: la cucina. Laura, cuoca, ha cominciato a lavorare molto giovane nella mensa scolastica gestita da un privato. Ora l impresa traballa e compie diversi licenziamenti. Laura, da un giorno all altro, si trova senza un lavoro. Laura ha sempre lavorato come dipendente, e teme che lanciarsi subito in un attività imprenditoriale possa essere troppo impegnativo per lei: per carattere non ama rischiare; inoltre, Laura, non ha mai frequentato corsi di formazione per ampliare le proprie conoscenze professionali. 4

5 Fortuna vuole che Laura abbia messo da parte un po di denaro e questo le dà la possibilità, ora, di valutare con calma il suo nuovo futuro lavorativo. In aggiunta a ciò, la sua condizione di donna disoccupata le conferisce uno stimolo ad agire, e comincia ad accarezzare nella sua mente la possibilità di avviare un attività di catering di qualità a un prezzo contenuto. Suggerimenti Anche quando ci si trova in una situazione difficile come quella di Anna e Laura è fondamentale non disperarsi e attivare tutte le proprie risorse. È importante che la futura imprenditrice rifletta sul collegamento tra le proprie capacità personali e quelle necessarie per essere una vera imprenditrice: approfondisca, con l esperienza diretta e/o con lo studio, la capacità di dirigere, di mediare, di negoziare e di sviluppare la propria creatività. Non sempre si ha una precisa idea dell attività che si potrebbe svolgere: trovare l idea giusta è il primo compito. Non esiste un percorso standard che conduca a idee applicabili nella pratica, ma si può preparare un terreno favorevole alla loro nascita e al loro continuo sviluppo. Osserva la realtà economica locale, nazionale e internazionale: che tipologia di attività sono più presenti? Quali sono le eventuali nicchie da riempire? L opportunità di avviare un lavoro indipendente può nascere dall assenza o scarsità di concorrenza in un determinato settore. Informati presso la Camera di Commercio o via internet. Analizza l ambiente economico in cui ti muovi: il concreto andamento dei mercati, la competizione con i concorrenti, il rapporto che dovrai avere con i clienti e fornitori. Studia le idee degli altri: quali funzionano? E perché. 5

6 Gli appunti di Anna e Laura Anna I miei punti di forza Mi piace guidare le macchine Conosco bene le strade della mia città Mi piace parlare e ho una buona attitudine alle relazioni con gli altri I miei punti di debolezza Guidare di notte mi spaventa un po Soldi insufficienti per acquisto auto Successo Ci sono pochi tassisti che fanno la navetta dalla stazione all aeroporto Insuccesso Abito lontana dal centro città LAURA I miei punti di forza Passione per il mio lavoro Grande resistenza allo stress Sono molto creativa Ho i requisiti morali e professionali I miei punti di debolezza Poco aggiornamento Poca capacità di controllo nelle situazioni complicate Successo Offrire un servizio personalizzato Insuccesso Il fatto che i clienti non vengano a sapere della mia attività 6

7 Il piano d impresa. Passiamo all azione! Anna e il taxi Anna vuole capire se la sua idea si può realizzare concretamente, e se ne ricaverà abbastanza da mantenere se stessa e le sue figlie. Si rende conto di aver bisogno dell aiuto di qualcuno che abbia una conoscenza approfondita del settore nel quale lei vuole mettersi in proprio come imprenditrice; decide quindi, di chiedere informazioni alla commercialista di fiducia dell amico di suo padre. Nel caso in cui lei non fosse disponibile, pensa di rivolgersi a un associazione di categoria. Laura e il catering Laura è consapevole che, ora più che mai, deve confrontarsi con i numeri, poiché è proprio da quelli che dipende il successo della sua attività. Si arma di pazienza e consulta prodotti multimediali specifici sulle attività di catering; si ricorda di un conoscente che ha recentemente avviato un piccolo ristorante di cucina tipica locale e lo invita a casa per fargli assaggiare qualche sua leccornia e chiedergli qualche informazione. Suggerimenti Se in un primo momento lo studio dell attività da intraprendere era legato a fattori soggettivi e personali, nella fase successiva le nostre protagoniste dovranno passare dall idea al progetto attraverso la formulazione del piano d impresa. Il piano d impresa è la simulazione di una realizzazione d impresa, effettuata in un preciso contesto geografico, in un determinato momento storico ed economico; esso serve a valutare la fattibilità dell idea e ad illustrare a potenziali investitori, soci e/o fornitori il quadro del proprio progetto imprenditoriale. 7

8 Un piano d impresa deve: illustrare in modo sintetico la futura attività e il profilo dell imprenditrice; presentare/fornire l analisi dettagliata del prodotto/servizio offerto, con relativo studio della concorrenza, dei fornitori, del settore in cui si intende operare; deve inoltre contenere una stima dei prezzi di mercato che si vogliono applicare e le scelte di marketing; stabilire le caratteristiche dell impresa (forma giuridica, dipendenti o collaboratori) nonché definire la localizzazione e la struttura amministrativa; considerare tutti gli investimenti necessari per avviare l attività; gli investimenti comprendono i beni, materiali e immateriali, che occorre possedere per l esercizio dell attività; descrivere come l impresa può mantenersi in equilibrio per quanto riguarda l aspetto econo mico (ricavi uguali ai costi) e per quanto riguarda l aspetto fi nanziario (entrate uguali alle uscite). Tutto ciò è necessario per prevedere, in base alle stime delle potenzialità di mercato, quali potrebbero essere i ricavi per valutare se l impresa sarà in grado di produrre un utile e a quanto esso potrà ammontare. 8

9 Gli appunti di Anna e Laura Anna I costi Spese per automezzo Pubblicità taxi Oneri previdenziali e assicurativi Inps/Inail Tasse/imposte Ammortamento Spese per l avvio dell attività consulente di fiducia Manutenzione/assicurazione Costo scuola guida Costi amministrativi Le fonti di finanziamento Eventuale prestito dei genitori Agevolazioni pubbliche per investimenti/costi avvio attività Contributo autoimpiego LAURA I costi Spese per attrezzatura Abbigliamento adeguato/stoviglie Inps/Inail Licenze, autorizzazioni, segnalazioni Computer/telefono cellulare Furgone attrezzato a norma di legge per trasporto alimenti Procedura Comunica Spese per l avvio dell attività consulente iscritto all albo Costi amministrativi/tributi comunali Le fonti di finanziamento Mezzi propri (autofinanziamento) Mutuo banca/fido per la gestione c/c ordinaria Contributo autoimpiego 9

10 Le comunicazioni - autorizzazioni necessarie Anna e il taxi Sul sito del comune, Anna ha scoperto tutto quello che deve fare per esercitare l attività di tassista, gli adempimenti sono diversi: è il mo mento di rimboccarsi le maniche! Decide di mettersi subito a studiare per ottenere l abilitazione professionale: dovrà superare un esame teorico chiamato KB, riguardante motore, benzina e diesel, segnaletica stradale e norme di pronto soccorso. Anna vorrebbe rilevare la licenza di taxi dall amico del padre, sostenendo una prova da vanti alla commissione comunale, ma per farlo le occorre del denaro che al momento non ha; si è informata presso la sua banca, ma quando suo padre l ha saputo, si è offerto di aiutarla con i suoi risparmi. L alternativa sarebbe aspettare il bando comu nale, e partecipare al concorso pubblico per l assegnazione delle licenze, ma così non po trebbe partire subito. In entrambi i casi, però, ci sarà da studiare: per fortuna, seguendo le figlie con i loro studi, ha tenuto la mente allenata. Mentre valuta le due possibilità, s informa presso la Camera di Commercio, riguardo la procedura Comunica per assolvere tutti gli adempimenti fiscali, civilistici e previdenziali necessari per la nascita della sua futura impresa e chiede anche delucidazioni riguardo l obbligo di dotarsi di una Pec (posta elettronica certificata). Laura e il catering Laura ha lavorato come cuoca in una mensa per due anni, perciò ha già il requisito previsto dalla legge che le permette di somministrare/vendere alimenti e bevande, 10

11 quindi non è necessario che lei segua le lezioni presso Accademia d impresa (Azienda speciale della Camera di Commercio di Trento) per ottenere l abilitazione (Corso SVA - somministrazione e vendita alimenti). Laura, inoltre, ha già ottenuto il rilascio dell HACCP (Analisi del pericolo e punto critico di controllo) che è quel corso particolare che le permette di dotarsi di un piano dettagliato di controllo della propria produzione alimentare. Laura è incerta: esercitare l attività al domicilio del cliente, oppure pensare a un progetto più impegnativo e aprire un piccolo ristorante individuando uno spazio adeguato da attrezzare? In entrambi i casi deve inviare la segnalazione certificata d inizio attività (Scia), che è quel modulo con il quale è indicata al Comune l inizio di una nuova attività di somministrazione di alimenti e bevande non aperti al pubblico oppure al domicilio del cliente, residenze storiche, centri congresso, eccetera. Laura si è anche informata riguardo l obbligo di trasmette al distretto sa nitario in cui è localizzata l attività, la Dia sa nitaria che è un documento con il quale essa comunica tutte le informazioni principali che riguardano la sede, le attrezzature e di chiara di essere in regola con le leggi concernenti l igiene alimentare. Visto il grosso impegno, Laura è molto indecisa poiché in questo momento non è proprio sicura di potercela fare da sola, quindi pensa di mettersi in società con una sua cara amica per condividere onori e oneri. Suggerimenti Per esercitare un attività senza vincoli di subordinazione, in modo continuo bisogna verificare gli obblighi di legge, cioè se si è in possesso di tutti i requisiti professionali previsti dalla legge e delle autorizzazioni specificatamente previste per quella tipologia di lavoro. Inoltre occorre verificare se l attività che si intende avviare prevede 11

12 l iscrizione ad un albo, ordine o elenco, e quali autorizzazioni o licenze sono obbligatorie. È quindi im portante accertare: quali requisiti soggettivi di accesso (morali e professionali) sono necessari; quali requisiti oggettivi sono previsti e cioè autorizzazioni/segnalazioni o licenze obbligatorie (Sva, Scia, autorizzazioni sanitarie, edilizie, sicurezza, eccetera); se è obbligatorio aprire una partita Iva ai fini fiscali (identificazione codice di attività, eventuale scelta del regime dei minimi eccetera); la reale intenzione di avviare un impresa e in caso affermativo la specifica del codice di attività Ateco che identifica la tipologia di impresa principale. Di codici Ateco possono esserne indicati più di uno e saranno utili per fare gli studi di settore quando si raggiungono redditi importanti; il tipo di contabilità necessario, dichiarare l Iva e i redditi percepiti; e fare: l iscrizione al Registro delle imprese della Camera di Commercio e l attivazione della procedura Comunica ; l apertura di una posizione previdenziale all Inps, (o ad altre casse specifiche) e l assicurazione infortuni sul lavoro presso l Inail se previsto dalla legge. Artemide 12

13 Gli appunti di Anna e Laura Anna Corso specifico scuola guida - esame KB Esame commissione comunale Informazioni specifiche Agenzia delle entrate con possibilità dei regime dei minimi per nuova attività Camera di Commercio o professionista abilitato per la procedura Comunica Verifica contabilità semplificata Verifica autorizzazioni adempimenti Comune Sportello attività produttive Chiamare il Call Center della Camera di Commercio per informazioni sul Registro imprese Pec LAURA Informazioni presso l Agenzia delle entrate e /o consulente di fiducia per l apertura della partita Iva con possibilità del regime dei minimi per nuova attività Ricerca del locale e relative autorizzazioni Verifica Comune allo Sportello attività produttive (Scia) e all Azienda sanitaria per la Dia sanitaria Camera di Commercio o professionista abilitato per attivazione procedura Comunica Iscrizione Registro imprese Pec Atto notarile in caso di costituzione di società Consulta la guida Artemide che trovi sul sito dell Agenzia del Lavoro per una prima informazione sulle attuali forme societarie e/o confrontati con una persona di tua fiducia! 13

14 Alcune informazioni utili, indirizzi e web Anna e Laura Anna e Laura hanno recuperato tutte le informazioni utili e possono quindi decidere: Anna rileverà da Ronnie la licenza e s informerà presso il proprio Comune in merito all esame che dovrà fare alla presenza di una specifica commissione. Superato questo esame, Anna potrà avviare la sua impresa artigiana. Laura s iscriverà a diversi corsi di cucina e costituirà una ditta individuale di catering; nel suo caso si tratterà d impresa prevalentemente commerciale. Le due amiche si rendono conto che è necessario verificare di persona se è possibile ottenere qualche aiuto economico o contributo per l avvio di una nuova attività o il subentro. All Agenzia del Lavoro le informano che esistono diversi uffici dove recarsi per chiedere informazioni sulle agevolazioni erogate dalla Provincia per chi avvia un attività d impresa e che come primo approccio esse possono consultare sia la guida Artemide rintracciabile sul sito dell Agenzia del Lavoro sia la guida Fare impresa in Trentino pubblicata da Trentino Sviluppo che è possibile reperire sul sito Suggerimenti Le varie agevolazioni previste per chi avvia una nuova attività d impresa sono erogate principalmente sotto forma di contributi a fondo perduto, a prestito agevolato, di tipo fiscale e di accesso al credito. Il prestito agevolato consiste in un contributo concesso a un tasso più basso di quello applicato dal mercato. L Agenzia del Lavoro facilita l avvio di microimprese da parte di soggetti in difficoltà occupazionale mediante contributi all autoimpiego (Intervento n.8) e allo sviluppo di un idea imprenditoriale (Intervento n.9). 14

15 Le nuove e piccole imprese, inoltre, costituite in maggioranza da donne o giovani, possono beneficiare di contributi per costi di avvio e per servizi di diverso tipo (spese legali, consulenza eccetera). Sono qui di seguito indicati alcuni riferimenti utili dove puoi attingere indicazioni in merito alle varie agevolazioni e/o opportunità di consulenza, formazione e informazione offerte non solo in fase di start-up dell impresa, ma anche nel caso in cui essa sia presente sul mercato da diverso tempo. Sono inoltre riportati gli indirizzi delle strutture, dove puoi recuperare notizie nel caso tu abbia necessità di un/una co-manager e cioè di qualcuno/a che ti sostituisca nel caso tu debba assentarti dal lavoro per motivi di cura. Agenzia del Lavoro Provincia autonoma di Trento Trento, via Guardini, 75 Oppure Centri per l impiego Numero verde Agenzia provinciale per l Incentivazione delle Attività economiche (APIAE) Provincia autonoma di Trento Trento, via Solteri, 38 tel Trentino Sviluppo Spa Rovereto, via Fortunato Zeni, 8 tel Agenzia delle Entrate Direzione provinciale (esistono anche uffici territoriali). Trento, via Brennero, 133 tel Camera di Commercio I.A.A. di Trento Trento, via Calepina, 13 tel Comune di Trento Sportello Attività produttive Trento, via del Brennero, 312 tel Consigliera di Parità Provincia autonoma di Trento Trento, via Jacopo Aconcio, 5 tel Ufficio per le Politiche di Pari Opportunità Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Provincia autonoma di Trento Trento, via Romagnosi, 5 tel

16 Con Anna e Laura siamo arrivate fin qui. Ora tocca a te! Buon lavoro! Fare impresa in quattro quadri la trovi anche scaricabile online su: nella sezione pubblicazioni Giunta della Provincia autonoma di Trento A cura di Consigliera di Parità Agenzia provinciale per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili Agenzia del Lavoro Testi di Rossella Maccani Grafica e disegni di Mara Franceschi, Effe Erre Trento Stampa Centro Duplicazioni della Provincia autonoma di Trento, Marzo 2013

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte

IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale. Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte IL PROGETTO DI M.B. Stralci dal documento di sintesi e progetto professionale Allegato per esercitazione in gruppo nel 2 laboratorio - seconda parte La domanda iniziale La signora M.B. si è avvicinata

Dettagli

L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it. La ricerca è condotta da:

L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it. La ricerca è condotta da: L indagine è online. Per rispondere al questionario visita il sito: www.vitadaprofessionisti.it La ricerca è condotta da: Associazione Bruno Trentin Consulta del Lavoro Professionale-Cgil Filcams-Cgil

Dettagli

L idea imprenditoriale

L idea imprenditoriale 16 L idea imprenditoriale Una buona idea Una volta che hai precisato le tue attitudini e propensioni personali, è giunto il momento di muovere i veri primi passi nel mondo dell imprenditoria e di iniziare

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

Microguida Fiscale per chi vuole Guadagnare Online e vuole essere in regola

Microguida Fiscale per chi vuole Guadagnare Online e vuole essere in regola Microguida Fiscale per chi vuole Guadagnare Online e vuole essere in regola Cio' che scrivo e' corretto e deriva dalla generale esperienza, o ricerche su internet. Tuttavia, e' un po' generico e inoltre

Dettagli

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE

AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE AVVIARE UN IMPRESA FEMMINILE CONSIGLI PRATICI E TAPPE FONDAMENTALI L imprenditrice è colei che ha una visione che riesce a trasformare in realtà. L attività imprenditoriale è: 1) un sogno che mira a valorizzare

Dettagli

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA

Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA. Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA Experiment 2013-2014 COME SVILUPPARE UN PROGETTO D IMPRESA Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori DISPENSA 1 DALL IDEA AL PROGETTO IMPRENDITORIALE Per arrivare a

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ACCESSO ALL INCUBATORE DI IMPRESE START FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI

START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI START UP E AVVIO DI NUOVE INIZIATIVE IMPRENDITORIALI: ANALISI OPPORTUNITA, RISCHI E ADEMPIMENTI Dott. Antonio Petruzzi Dottore commercialista Pesaro, Via Nitti 34 1 ARGOMENTI CHE TRATTEREMO Costruzione

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali

La valutazione delle immobilizzazioni immateriali CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle immobilizzazioni immateriali Seconda lezione 1 DEFINIZIONE condizioni produttive controllate dall impresa, utili per l esercizio della sua gestione

Dettagli

Fare impresa sul web. Primo osservatorio sulla propensione e sui bisogni da parte dei giovani. per. Report 2

Fare impresa sul web. Primo osservatorio sulla propensione e sui bisogni da parte dei giovani. per. Report 2 Fare impresa sul web per Primo osservatorio sulla propensione e sui bisogni da parte dei giovani Report 2 Giugno 2012 Indagine realizzata con il contributo di Legacoop Liguria I giovani liguri in Rete

Dettagli

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani

POST MANAGER di Lorenzo Castelli, Bernardo Pandimiglio, Savino Paolella, Laura Tramezzani Indice Prefazione, di Michelangelo Patron e Gian Piero Scilio Premessa A chi è rivolto questo libro Chi ha scritto questo libro e perché 1. Appena uscito dall azienda: cosa fare 1.1. Elabora il lutto 1.2.

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente)

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) PREMESSA Questo documento fornisce alcune indicazioni generali concernenti gli adempimenti propedeutici

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014

Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali. Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Curriculum Vitae e la rete dei contatti personali Materiali di Orientamento Giugno 2014 Il Network (rete personale) La mia RETE di conoscenze e relazioni con persone che possono interessarsi alla mia

Dettagli

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA

PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA PERCORSI FEMMINILI DI SUCCESSO IN IMPRESE DI ECCELLENZA pro FRANCESCA BERTAGNA Parmamoda D E L L E M I L I A R O M A G N A 2 L AZIENDA Un laboratorio di idee, abilità e tecniche: dalla formazione alle

Dettagli

POR Obiettivo 3 Misura D3

POR Obiettivo 3 Misura D3 SCHEMA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE Sintetica presentazione del progetto imprenditoriale, excutive summary, di poche pagine (2 o 3) da cui emergono gli elementi

Dettagli

2^ SESSIONE ANNO 2016

2^ SESSIONE ANNO 2016 Allegato n. 1 alla determinazione dirigenziale n. 28/3 di data 18 febbraio 2016 BANDO PER L AMMISSIONE ALL ESAME PER L ISCRIZIONE AL RUOLO DEI CONDUCENTI DI VEICOLI ADIBITI A SERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA

Dettagli

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale)

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) Dati personali Nome e cognome: Data e luogo di nascita: Residenza: Stato civile: Telefono casa: Fax: Telefono cellulare: E-mail:

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE: LA RISTORAZIONE SCOLASTICA

ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE: LA RISTORAZIONE SCOLASTICA CONVEGNO P.A.N. LA SALUTE VIEN DAL MARE GENOVA, 23.01. 09 ALIMENTAZIONE E PREVENZIONE: LA RISTORAZIONE SCOLASTICA AMINA CIAMPELLA TECNOLOGO ALIMENTARE STUDIO.CIAMPELLA@GMAIL.COM DALLA PARTE DELL ESPERTO

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE

PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE PIANO DIDATTICO CORSO R.E.C. ABILITANTE / SETTORE ALIMENTARE LEGISLAZIONE SUL COMMERCIO DI VENDITA AL PUBBLICO 1) GENERALITA SUL COMMERCIO - Cosa vuol dire commercio - Chi è il commerciante - Le funzioni

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli

Novità da PostFinance

Novità da PostFinance 1 Marzo 2011 Novità da PostFinance La rivista per i nostri clienti privati Pianificare la pensione: come e quando 2 3 Più tempo con la gestione dei pagamenti online 4 5 Negoziare direttamente titoli in

Dettagli

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015

progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE EDIZIONE 2014/2015 progetto impresa ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE 08 EDIZIONE 2014/2015 Per presentare il vostro progetto d impresa cooperativa dovete compilare una scheda di partecipazione. 6 Si tratta di una griglia standard,

Dettagli

CAT CONFCOMMERCIO PMI soc. consortile a r.l. Ufficio Formazione Via Miranda, 10 tel. 0881/560111 fax 0881/560560 e-mail:

CAT CONFCOMMERCIO PMI soc. consortile a r.l. Ufficio Formazione Via Miranda, 10 tel. 0881/560111 fax 0881/560560 e-mail: FORMAZIONE AREA ABILITANTE Autorizzazione D.D. n. 1145 del 15/05/2013 della Provincia di Foggia AGENTI E RAPPRESENTANTI La finalità del percorso formativo Agenti e rappresentanti di commercio è quella

Dettagli

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN

Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Allegato n. 3 Linee guida Business Plan LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN 1 INDICE 1. Modalità di scrittura e stile del business plan... 3 2. Struttura di un business plan... 3 2.1 Sintesi...

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. INCENTIVI AL LAVORO 4 a edizione anno 2013

Istituto Nazionale Previdenza Sociale. INCENTIVI AL LAVORO 4 a edizione anno 2013 Istituto Nazionale Previdenza Sociale INCENTIVI AL LAVORO 4 a edizione anno 2013 INCENTIVI AL LAVORO 4 a edizione anno 2013 1 2 Il presente documento è aggiornato con i provvedimenti legislativi pubblicati

Dettagli

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia

pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia 38599 pugliasviluppo Azionista Unico Regione Puglia PO PUGLIA FSE 2007-2013 Asse II - Occupabilità Fondo Microcredito d Impresa della Regione Puglia Allegato 2 Spett.le Puglia Sviluppo S.p.A. Via delle

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO Prestito d Onore della Sardegna Impare FORMULARIO DI PROGETTO A-1 Indice A. DATI DI SINTESI DELL INIZIATIVA... A-3 2. TITOLO DEL PROGETTO... A-3 3. LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... A-3 4. Azione di riferimento

Dettagli

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011

DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 DOMANDA DI CONCESSIONE DEL CONTRIBUTO IN CONTO CAPITALE PER IL SOSTEGNO DELLO START UP D IMPRESA NEL TERRITORIO DELLA COMUNITA MONTANA ANNO 2011 MARCA DA BOLLO 14,62 Alla Comunità Montana dell Appennino

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale Marche

ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Consiglio Regionale Marche Partita Iva: vantaggi e svantaggi L apertura della partita iva consente di diventare liberi professionisti, con conseguenti vantaggi e svantaggi. Lavorare come liberi professionisti, consente di poter

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

Il business plan. (piano d impresa) Francesca Vanzetti

Il business plan. (piano d impresa) Francesca Vanzetti Il business plan (piano d impresa) Francesca Vanzetti Giovedì 23 aprile 2015 Vorrei mettermi in proprio p da dove comincio? Dalla scelta della forma giuridica? Dal regime fiscale? Dagli adempimenti? Dallaricerca

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA

AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA AFFINCHE IL FUTURO SIA UNA SCELTA Scegliere consapevolmente è il risultato di un processo formativo continuo che il giovane studente percorre durante gli anni della scuola dell obbligo, con il concorso

Dettagli

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ

Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Come mettersi in proprio e strutturare una micro attività imprenditorialeˮ Dott. Luca Castagnetti Dott. ssa Carlotta Cena 24 settembre 2014 Verona Fablab CONTENUTI 1. Da orientati al prodotto ad orientati

Dettagli

Come costituire una società

Come costituire una società 1 Nel dettaglio verrà analizzato: Lo start up La gestione delle attività Le certificazioni L acquisizione delle fonti Le responsabilità dell impresa 2 Lo start up Una volta pianificato il Business Plan,

Dettagli

Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto. Guida pratica

Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto. Guida pratica Capire di più per scegliere meglio, in banca. Conti Correnti a Confronto Guida pratica Conti Correnti a Confronto Guida pratica Caro cliente 3 Le informazioni di base sul conto corrente bancario 4 1. Che

Dettagli

Come diventare imprenditore

Come diventare imprenditore REGNI M ODOETIA ITALIÆ SEDES EST M AGNI Come diventare imprenditore 4 Come diventare imprenditore 5 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 6 Le imprese sul territorio di Monza e Brianza 7 Il business

Dettagli

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott.

Forma giuridica dell impresa. Impresa individuale. Ditta individuale. Società. L avvio di un attività domande frequenti. Dott. La scelta della forma giuridica e la governance Dott. Paolo Bolzonella L avvio di un attività domande frequenti Come si fa ad avviare un impresa? Quale tipo di impresa scegliere? Quali requisiti occorrono?

Dettagli

e s a i b d za n e id v re P

e s a i b d za n e id v re P Previdenza di base INTRODUZIONE ALLA PREVIDENZA DI BASE Spesso si usa il termine previdenziale per indicare il sistema pensionistico, tuttavia previdenza ha un significato, più ampio poiché ricomprende

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

Artemide. La piccola guida per l imprenditrice senza confini

Artemide. La piccola guida per l imprenditrice senza confini Artemide La piccola guida per l imprenditrice senza confini Giunta della Provincia autonoma di Trento 2014 Artemide Quarta edizione aggiornata al 30 giugno 2014 Precedenti edizioni: 2003 2006 2012 Dirigente

Dettagli

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali

2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali 2007: LA RIFORMA PREVIDENZIALE Guida pratica alle novità previdenziali e fiscali RIFORMA TFR E PREVIDENZA INTEGRATIVA Sarebbero dovute entrare in vigore il prossimo anno, il 2008. Con un anno di anticipo,

Dettagli

PROMOZIONE E SVILUPPO AUTOIMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE SERVIZIO MERCATO DEL LAVORO E FORMAZIONE

PROMOZIONE E SVILUPPO AUTOIMPRENDITORIA GIOVANILE E FEMMINILE SERVIZIO MERCATO DEL LAVORO E FORMAZIONE PROVINCIA DI PIACENZA Assessorato Sistema Scolastico e Formativo, Lavoro, Iniziative Istituzionali per la Pace SERVIZIO MERCATO DEL LAVORO E FORMAZIONE PROMOZIONE E SVILUPPO AUTOIMPRENDITORIA GIOVANILE

Dettagli

TERRE DI SIENA CREATIVE

TERRE DI SIENA CREATIVE Amministrazione Provinciale di Siena BANDO DI CONCORSO TERRE DI SIENA CREATIVE Data pubblicazione : 8 NOVEMBRE 2012 1. Oggetto e finalità L Amministrazione Provinciale di Siena, APEA s.r.l. e la CCIAA

Dettagli

Comune di Settala- Provincia di Milano

Comune di Settala- Provincia di Milano Comune di Settala- Provincia di Milano ASSESSORATO ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE PIANO FINANZIARIO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO ANNO SCOLASTICO 2005/2006 L ASSESSORE ALLA P.I. (Massimo Dr. Labadini) IL SINDACO

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

COMUNE DI CRESPIATICA

COMUNE DI CRESPIATICA BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Visti:. La Legge 15 gennaio

Dettagli

Mettersi in proprio. Crea la tua impresa a Treviso

Mettersi in proprio. Crea la tua impresa a Treviso Mettersi in proprio Crea la tua impresa a Treviso Mettersi in proprio Una guida per fare impresa Direzione scientifica Francesco Giunta (Università degli Studi di Firenze) Cura, editing e coordinamento

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI

GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI GUIDA ALLE SOLUZIONI FINANZIARIE PER VIVERE MEGLIO DOPO I 65 ANNI I pensionati vivono meglio e più a lungo. Sono sempre più una parte rilevante della popolazione italiana, un segmento demografico fiorente,

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467

PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621. Annualità 2012 / 2013. Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 PON 2007 IT 05 1 PO 007 F.S.E. AOODGAI / 44621 Annualità 2012 / 2013 Azione: C 1 F.S.E. 2011 2467 Questionari Gradimento Soddisfazione Monitoraggio corsi PON CORSI ANALIZZATI 4 S o g g e t t i I n t e

Dettagli

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA ALLEGATO 4 - Pag. 1 di 10 FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007 2013 DGR Basilicata n. 2124 del 15.12.2009 e DGR Basilicata n. 1813 del 29.10.2010 RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLA CONTROGARANZIA

Dettagli

VIVERE A REGGIO EMILIA

VIVERE A REGGIO EMILIA VIVERE A REGGIO EMILIA Vademecum per i cittadini immigrati In un decennio la nostra provincia ha cambiato volto. La presenza di cittadini immigrati è quintuplicata. Gli ultimi dati disponibili indicavano

Dettagli

INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182

INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182 INPS - Messaggio 21 luglio 2014, n. 6182 Adempimenti contributivi/previdenziali su compensi liquidati a medici esterni, convenzionati con l Istituto ovvero di categoria. Si comunica che, a seguito di approfondimenti

Dettagli

Documento di progetto. Realizza il tuo futuro. di Annamaria Iaria

Documento di progetto. Realizza il tuo futuro. di Annamaria Iaria Documento di progetto Realizza il tuo futuro di Annamaria Iaria Sommario1. PRESENTAZIONE... 4 1. IL CUORE DELL IDEA... 4 1.1. L IDEA PROGETTUALE... 4 1.1.1. Cosa... 4 1.1.2. Dove... 4 1.1.3. Perché...

Dettagli

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE

DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE DIAMO ALLE GIOVANI IMPRESE UN OPPORTUNITÀ PER IL FUTURO MODULO DI VALUTAZIONE DELLA NUOVA INIZIATIVA IMPRENDITORIALE PER ACCESSO AI SERVIZI DEGLI INCUBATORI DI IMPRESA DI: GROSSETO SCARLINO MASSA MARITTIMA

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª

Costruiamo insieme. un Business plan. CD Rom. Guarda nel. C l a s s e 5 ª C l a s s e 5 ª Costruiamo insieme un Business plan di Stefano Fontana Seconda e ultima tappa del nostro viaggio alla scoperta di come è fatto un Business plan. Dopo aver illustrato le competenze necessarie

Dettagli

Progetto Voglia di mutualismo

Progetto Voglia di mutualismo Progetto Voglia di mutualismo Questionario sulla domanda di mutualismo Versione PDF per l inoltro via fax. Se vuoi rispondere tramite mail all indirizzo staff@vita.it, scarica il questionario in formato

Dettagli

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità.

DIREZIONE QUALITÀ. Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. DIREZIONE QUALITÀ La carta servizi di Verona Innovazione Le finalità, i modi, gli standard e le strutture per un servizio di qualità. 1 Verona Innovazione 5 servizio nuova impresa 10 sportello comunica

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni

DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI. Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto interessi/canoni UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo II AIUTI AGLI INVESTIMENTI PER IL SOSTEGNO Contributi in conto

Dettagli

Bando di idee per la creazione d Impresa

Bando di idee per la creazione d Impresa Bando di idee per la creazione d Impresa VISTA la delibera di Giunta Provinciale n. 575 del 04/01/2010 prot. 162 che ha approvato il progetto Faimpresa. PREMESSO che -il progetto Faimpresa è un'occasione

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Bollettino Ufficiale n. 22/I-II del 01/06/2010 / Amtsblatt Nr. 22/I-II vom 01/06/2010 102 57243 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2010 Provincia Autonoma di Trento AGENZIA DEL LAVORO del 25 marzo 2010, n.

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

Esci dal nero Conviene. Presidente della Commissione per l emersione del lavoro irregolare Giuseppe Calamita

Esci dal nero Conviene. Presidente della Commissione per l emersione del lavoro irregolare Giuseppe Calamita Il fenomeno del lavoro irregolare nel nostro Paese è un problema diffuso che si pone al centro delle nuove proposte politiche di occupazione e di sviluppo economico. Diversi studi sul tema sostengono che

Dettagli

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP

Sito web: www.fidapa.com; e-mail: fidapa@tin.it BANDO STARTUP All.5 BPW Italy FEDERAZIONE ITALIANA DONNE ARTI PROFESSIONI AFFARI FIDAPA - BPW ITALY INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONAL WOMEN Via Piemonte, 32 00187 Roma Tel 06 4817459 Fax 06 4817385

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

Claudia Iasenza nata a Viareggio il 06/07/1969 coniugata con 2 figli. Esperienza lavorativa

Claudia Iasenza nata a Viareggio il 06/07/1969 coniugata con 2 figli. Esperienza lavorativa Claudia Iasenza! Indirizzo: Strada per Chianciano, 1/3 53045 Montepulciano (SI) T +39 0578 757037 M +39 338 5416195 claudia@morriconi.com Profilo Claudia Iasenza nata a Viareggio il 06/07/1969 coniugata

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative

SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO. 1. GOAL - giovani opportunità per attività lavorative SINTESI BANDI PACCHETTO LAVORO SUBITO Pacchetto di interventi, finanziato con risorse del FSE e del Ministero del Lavoro, per superare le difficoltà di accesso al credito - Avviso Pubblico "Microcredito

Dettagli

come ottenere il VISTO PERMANENTE PER IL BRASILE in 6 mesi La vera storia di Andrea Alessio www.laruotachiodata.com

come ottenere il VISTO PERMANENTE PER IL BRASILE in 6 mesi La vera storia di Andrea Alessio www.laruotachiodata.com come ottenere il VISTO PERMANENTE PER IL BRASILE in 6 mesi La vera storia di Andrea Alessio www.laruotachiodata.com 28/06/2009 Come ottenere il visto permanente per il Brasile in breve tempo. La vera

Dettagli