UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI"

Transcript

1 Liceo di Lugano 2 Lavoro di maturità interdisciplinare in Economia e Diritto e in Geografia (2003) Da Rio a Johannesburg: lo sviluppo sostenibile UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Alessia Salmina 1

2 Docenti responsabili: Prof. Claudio Ferrata e Prof. Gian Carlo Werner 2

3 UNO SVILUPPO SOSTENIBILE PER I RIFIUTI URBANI Introduzione 3 Capitolo 1: Il Ticino e i rifiuti urbani Situazione attuale L evoluzione della quantità di rifiuti Il nostro sacco dei rifiuti 7 Capitolo 2: Che fine fa il nostro sacco? La discarica in Valle della Motta Gli impianti d incenerimento 16 Capitolo 3: Il riciclaggio L importanza del riciclaggio Il riciclaggio della carta e del cartone Polietilenentereftalato, detto anche PET Il riciclaggio dell alluminio 23 Capitolo 4: Il compostaggio L importanza del compostaggio Un esempio pratico 24 Capitolo 5: Chi inquina paga Le tasse anticipate La tassa sul sacco 28 Capitolo 6: Non creare per non dover smaltire Migliorare è possibile La sensibilizzazione è importante 32 Conclusione 34 Allegati 36 Elenco sigle e abbreviazioni 39 Bibliografia e fonti 40 3

4 INTRODUZIONE Il ventesimo e il ventunesimo secolo possono essere definiti, senza alcun dubbio, i secoli del consumismo. Ne è la prova il bombardamento pubblicitario che subiamo ogni giorno in moltissimi modi differenti. Ogni pubblicità (salvo alcune) é stata studiata per indurre la gente ad acquistare. Quindi si acquistano dei prodotti, pubblicizzati o meno, per necessità o per lusso che però non nascono sugli scaffali. Del fatto che i prodotti che acquistiamo non nascano sugli scaffali siamo indirettamente consci e per certe scelte teniamo conto, per esempio, della mano d opera in essi contenuta, della produzione nel rispetto per l ambiente, eccetera. Comperiamo, magari, oggetti o alimenti provenienti dal commercio equo, perché siamo stati sensibilizzati in merito alla lunga vita che essi hanno dietro di loro. Desideriamo che l oggetto acquistato abbia avuto una vita sostenibile a partire dai progetti degli ideatori, alla fabbricazione, al trasporto e altri particolari. Dopo averlo consumato, l oggetto acquistato lascia spesso uno scarto che comunemente viene chiamato rifiuto, anche quando magari non lo é. Quando si acquista un prodotto raramente si pensa a dargli un futuro sostenibile e così lo scarto, che il prodotto molto probabilmente crea, deve venire allontanato da noi, perché in quanto tale non ci serve più. Nel migliore dei casi esso finisce in uno dei punti di raccolta differenziata o molto spesso nel sacco nero della spazzatura. Depositando nel container o nei nuovi contenitori interrati il sacco pieno, ci liberiamo di molte cose che non ci servono più. In effetti si tratta solo di un illusione, perché gli scarti che noi creiamo hanno davanti a loro una vita lunghissima di trasformazioni, alla quale noi molto spesso non pensiamo. L ormai non più nostro scarto subirà tantissime manipolazioni e magari contribuirà alla formazione di un nuovo prodotto, che a sua volta creerà uno scarto e via dicendo. Purtroppo di solito il nostro scarto va a finire in un forno a griglia, dove verrà trasformato in cenere e gas che ritorneranno nell ambiente; oppure viene depositato in una discarica reattore, dove assieme ad altre migliaia di tonnellate di rifiuti urbani inizierà un lento processo di decomposizione per diventare: percolato, biogas o comunque sia un altro scarto che verrà reintrodotto nell ambiente che ci circonda nelle forme più disparate (energia elettrica, energia termica, ). Quindi ogni singolo rifiuto non sarà mai del tutto eliminato e ci circonderà per sempre. 4

5 Il consumo può, quindi, essere definito come un immane produzione di rifiuti! Nonostante la responsabilità principale sia dei fabbricanti che imballano eccessivamente i loro prodotti, anche noi possiamo contribuire alla diminuzione dei Rifiuti Solidi Urbani da eliminare, tramite la separazione, il riciclaggio e il riutilizzo. In ognuno di noi risiede un grande potenziale d intervento in materia di rifiuti, se pensiamo che annualmente ogni abitante produce in media 426 Kg di rifiuti da eliminare (dati del 2001). Troppo spesso nel sacco della spazzatura ci sono cose che potevano essere riciclate o che non dovevano trovarsi lì. Se in futuro ognuno di noi farà lo sforzo di portarle ai punti di raccolta differenziata, contribuirà alla diminuzione della massa dei rifiuti da eliminare assicurando ai suoi discendenti un futuro più sostenibile. Il problema non risiede unicamente nella quantità di rifiuti che cerchiamo di eliminare nascondendoli sotto terra o bruciandoli, ma nelle innumerevoli risorse che così facendo vanno sprecate. Cercare di dare una vita sostenibile agli scarti anche quando non servono più, è fondamentale se si vuole dare la possibilità ai nostri pronipoti di vivere come noi, se non meglio. Nella vita quotidiana é necessario ricordarsi sempre che le risorse che madre natura ci offre non sono infinite. Se noi già oggi ci impegniamo a salvaguardarle, potranno magari essercene a sufficienza anche in futuro. Questo è possibile riutilizzando, riciclando o cercando di riparare i prodotti che a noi sembrano inutilizzabili o obsoleti, affinché lo scarto di oggi sia una risorsa per domani. Non può esserci un futuro sostenibile per le generazioni avvenire se non si comincia a pensare in modo lungimirante anche in materia di rifiuti. Facciamo in modo che la nostra terra non diventi una discarica! 5

6 Capitolo Primo IL TICINO E I RIFIUTI URBANI 1.1 Situazione attuale In Ticino vengono prodotti pro-capite circa 2 Kg di rifiuti solidi urbani (ora in avanti anche RSU) al giorno, il che significa che al giorno i ticinesi producono in totale circa 600 tonnellate di rifiuti urbani. Il Cantone è tenuto ad allestire un censimento annuale dei rifiuti raccolti sul suo territorio, allo scopo di pianificare la raccolta, il riciclaggio, lo smaltimento ma soprattutto per informare la popolazione. Nel 2001 in Ticino sono state prodotte 972'000 tonnellate di rifiuti, di cui il 73% è da addebitare agli scarti dell edilizia. I rifiuti urbani rappresentano ben il 20% (circa 200'000 t) del totale, di cui il 34% sono rifiuti riciclabili. Il servizio di raccolta dei rifiuti rientra da lunga data nei compiti attribuiti ai Comuni. I Comuni possono organizzare il servizio di raccolta e di trasporto agli impianti di smaltimento sia in maniera autonoma (in questo caso il Comune può occuparsi direttamente di mettere in atto il servizio oppure di appaltarlo ad un azienda privata), sia attraverso un consorzio con altri comuni. In Ticino la raccolta è organizzata nel seguente modo: -12 Consorzi che raggruppano 143 comuni (circa il 25% della popolazione) -105 Comuni autonomi (circa il 75% della popolazione) Figura 1: Scarico dei rifiuti nel "compattatore" a Bioggio. (Fonte: L.Salmina) Le tonnellate di rifiuti urbani da eliminare raccolte dai Comuni nel 2001 sono state 134'366, di cui 75'937 sono state depositate nella Valle della Motta, nonostante il sia entrato in vigore il divieto, a livello nazionale, di conferire rifiuti in discarica. Sono però state previste delle deroghe solo in casi eccezionali quando gli impianti d incenerimento hanno capacità insufficienti. Le restanti 58'429 t sono state dapprima portate a Bioggio alla stazione di trasbordo, dove sono state compattate e poi messe in appositi container, per poi venire trasportate su rotaie fino alle centrali di smaltimento a Winterthur e Weinfelden. 6

7 Questi impianti sono stati infatti costruiti su progetti sovradimensionati e così possono smaltire anche una parte dei rifiuti ticinesi. Il costo medio di raccolta e smaltimento era, nel 2001, di circa 366 Frs/t con un aumento del 13,8% rispetto a 2000, dovuto alle spese di trasporto oltre Gottardo. Lunedì 13 ottobre 2003 il capo del Dipartimento del Territorio Marco Borradori ha annunciato che entro tre al massimo quattro anni, molto probabilmente il Ticino avrà un suo impianto d incenerimento. L appalto per la parte elettro-meccanica dell impianto (valore che si aggira attorno ai milioni di franchi) è stato concesso a due aziende: alla Von Roll Envirronnement SA e al consorzio Martin GmBH, Kraftanlagen Anlagetechnik München GmBH, Atel Elettroimpianti Ticino SA. L Ufficio federale dell ambiente ha riconosciuto che si tratta di un ottima soluzione e nei prossimi mesi sarà giudicata anche la parte edile. Il Cantone Ticino deve costruire un impianto d incenerimento di rifiuti urbani (d ora in avanti anche IIRU) anche perché, secondo l articolo 31b cpv. 1 della legge per la protezione dell ambiente (allegato 3), è compito dei Cantoni smaltire i rifiuti urbani e quelli provenienti da altri settori. Per quanto riguarda i rifiuti urbani riciclabili, esse in Ticino hanno registrato globalmente un incremento di 4 366t. (+7%) rispetto al 2000, attestandosi a quota 66'989,6 t. cioè il 36,7% (superando la media Svizzera del 2000 che era del 36%) del totale di RSU. L aumento più consistente lo si registra per la categoria della carta e del cartone, seguita dagli scarti vegetali e dal vetro. Anche le altre categorie (Metalli, PET, oli, pile, ecc.) hanno fatto registrare un incremento. L aumento è da ricondurre principalmente all ottimizzazione delle strutture comunali per la riconsegna dei rifiuti urbani riciclabili e alle opere di sensibilizzazione, organizzate nell ambito della riduzione e del riciclaggio dei rifiuti, sia a livello locale (scuole, esposizione di pannelli, ecc.) che a livello cantonale. L Ordinanza Tecnica sui Rifiuti (d ora in avanti anche OTR) stabilisce che i Cantoni devono provvedere affinché i rifiuti riciclabili e quelli compostabili siano valorizzati. Inoltre i Comuni, sulla base del decreto esecutivo (d ora in avanti anche DE) sulla raccolta separata del 1987, hanno il compito di organizzare le raccolte per i quantitativi provenienti dalle economie domestiche e per i piccoli quantitativi provenienti dall industria e dall artigianato. Il costo indicativo medio globale per i rifiuti riciclabili nel 2001 è stato di 151 Frs/t cioè meno della metà del costo medio per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti da eliminare. Sia i rifiuti speciali che i rifiuti edili sono diminuiti, mentre per le altre categorie non si segnalano variazioni di rilievo. 7

8 1.2 L evoluzione della quantità di rifiuti solidi urbani Negli anni precedenti all entrata in vigore del DE, la quantità di RSU aumentava di anno in anno in modo considerevole (49'914 t in 9 anni). Dall entrata in vigore nel 1989 del Decreto per la raccolta separata ed il riciclaggio dei rifiuti e del Decreto esecutivo concernente il divieto dei fuochi all aperto e il compostaggio degli scarti vegetali (modificati nel 2002), la quantità di rifiuti urbani ha continuato a crescere, ma in misura decisamente minore (30'000 t. in 13 anni). Le ragioni che hanno portato ad una crescita minore e in certi casi ad una parziale riduzione della massa dei rifiuti urbani nonostante la crescita economica della Svizzera, non sono ben chiare. La quantità di rifiuti da eliminare si è stabilizzata attorno alle 126'000 t.. Il leggero aumento registrato negli ultimi 3 anni è anche dovuto all aumento della popolazione residente nel Cantone. La quantità di rifiuti urbani riciclabili è più che raddoppiata passando dalle 26'431 t. del 1989 alle 66'990 t. del A partire dal 2004 la capacità degli IIRU sarà sufficiente per garantire lo smaltimento dei RSU inceneribili, in quanto verrà inaugurato il nuovo inceneritore a Thun. 1.3 Il nostro sacco dei rifiuti Il gesto più o meno spontaneo di gettare uno scarto nella pattumiera può avere delle conseguenze importanti, se teniamo conto che già solo nella piccola Svizzera 7 milioni di abitanti fanno lo stesso gesto abituale ogni giorno o più volte al giorno. Come dimostrato da una recente ricerca condotta dall Ufficio Federale dell Ambiente, delle Foreste e del Paesaggio (d ora in avanti anche UFAFP), nel sacco della spazzatura spesso si trovano oggetti che non solo sono estremamente inquinanti se dispersi nell ambiente, come per esempio le batterie, ma che dovrebbero venire riportati al venditore o depositati negli appositi contenitori che i comuni mettono a disposizione. Il contenuto dei sacchi della spazzatura controllati dall UFAFP era molto eterogeneo. Come accadde nel 1992/93, anche nel 2001/02 sono stati presi in esame rifiuti provenienti da Comuni con sistemi di finanziamento diversi e con aspetti logistici diversi. I Comuni presi in considerazione per la campagna di divisione dei rifiuti, sono stati scelti con diversi criteri. Diciannove dei Comuni di cui si era tenuto conto nel 1992/93 sono stati riesaminati anche nel 2001/02, al fine di poterne studiare lo sviluppo. 8

9 I 33 Comuni divisi in con o senza tassa sul sacco hanno messo a disposizione della ricerca una media di 480 Kg di spazzatura ciascuno. In totale nel 2001/02 sono state prese in esame circa 32 t. di rifiuti. Non sono stati presi in considerazione i rifiuti ingombranti presenti nei contenitori per la raccolta dei RSU e nemmeno i rifiuti rivalorizzabili posti in alcuni comuni (per scelte logistiche) accanto o nei contenitori. I rifiuti vennero recapitati al luogo predisposto alla cernita dei sacchi, permettendo agli addetti di pesarli. Comuni con la tassa sul sacco Tipo di sacco Peso medio (Kg) Peso min. (Kg) Peso max. (Kg) 17 l. 2,64 0,87 6,25 35 l ,96 16,32 60 l. 7,17 1,11 18, l. 11,74 4,60 29,30 Comuni senza la tassa sul sacco Tipo di sacco Peso medio (Kg) Peso min. (Kg) Peso max. (Kg) 17 l. 1,72 0,17 4,65 35 l. 3,11 0,59 9,64 60 l. 4,81 1,40 9, l. 7,54 3,03 19,45 Tabella 1: Peso dei sacchi secondo sistema di tassazione (Fonte: rielaborazione personale di Erhebung der Kehrichtzusammenstellung 2001/02 BUWAL, Berna 2003) A causa dell evaporazione, del trasporto dovuto al vento ecc., risultò durante il lavoro di cernita una perdita del 0,8% del peso. I rifiuti vennero divisi in 18 Categorie 1, 5 in più del 1992/93 e rispetto a quella selezione la categoria Materie plastiche è stata divisa ulteriormente in: Contenitori plastici e Plastica, Altro. La categoria Materiali composti è stata divisa in Elettrici/Elettronici, Batterie e Altri materiali composti. Inoltre è stata aggiunta la categoria Rifiuti speciali. Durante la cernita si rese necessaria la divisione della categoria Totale di carta in Giornali e Carta non riutilizzabile : questa scelta serve a rendere attenti sulla quantità di carta riciclabile presente nei rifiuti. Grazie al fatto che lo smistamento è avvenuto in modo accurato è stato possibile avere solo un 2% (5% nel1992/93) di rifiuti che non sono stati selezionati a causa della decomposizione, del fatto che erano appiccicati ad altri oggetti, oppure troppo piccoli da poter essere catalogati. 1 Le diciotto categorie sono elencate e descritte nel primo allegato 9

10 I calcoli fatti sulla base delle statistiche dell ufficio federale di statistica e sulla base di varie informazioni rese note dai comuni stessi, hanno reso possibile creare una statistica che rivela il sacco tipo del comune cittadino svizzero. Esso era composto nel seguente modo: Rifiuti speciali 0,2% Altri M.C 14% Batterie 0,1% Elettronici/Elettrici 0,6% Plastica 13% ImbC 4% ImbP 2% Tessili 3% Il contenuto di un sacco dei rifiuti Resto 2% Rif.Biog. 27% Ferro 2% Altri metalli 1% Vetro 4% Rif.Org. 2% Totale carta 16% Cartone 4% Minerali 5% Ferro Altri metalli Vetro Totale carta Cartone Minerali Rif.Org. Rif.Biog. Tessili ImbP Plastica ImbC Elettronici/Elettrici Batterie Altri M.C Rifiuti speciali Resto Grafico che esemplifica il contenuto del sacco tipo svizzero, diviso nelle diverse categorie con le loro rispettive percentuali (Le sigle utilizzate per motivi di spazio si trovano nell allegato 1) (Fonte: Rielaborazione di Erhebung der Kehrichtzusammensetzung 2001/02 BUWAL, Berna 2003) Si nota che nei RSU vi sono molte materie plastiche e soprattutto imballaggi composti (Nel grafico: IbmC) che spesso non possono venire riciclati (ad esempio i contenitori del latte o di succhi di frutta Tetra-Brik) e soprattutto oggetti di vario genere composti da più materiali o i cosiddetti usa e getta. Infatti il 4% degli imballaggi presenti nei rifiuti è formato da materiali composti e spesso si tratta di alluminio, plastica e cartone, che singolarmente potrebbero essere riciclati, ma che in questo stato contribuiscono all inquinamento ambientale sia che vengano bruciati, sia che vengano depositati in discarica. Nei rifiuti vi è ancora un 2% di imballaggi in plastica che spesso potrebbero venire riciclati o restituiti. La grande quantità di plastica presente nei sacchi della spazzatura (13%) è data dal fatto che una gran parte degli oggetti che ci circondano nella vita quotidiana vengono fabbricati da materiali derivanti dal petrolio. Il 14% del contenuto dei nostri sacchi dell immondizia è costituito da oggetti di materiali composti, spesso però si tratta di materiali che non dovrebbero finire nella spazzatura come tappeti, mobili rotti, giocattoli in disuso, ecc. 10

11 Una grande parte della frazione Totale carta, in particolare giornali e riviste, potevano essere riciclati senza alcun problema. Anche la categoria del cartone che, come specificato nell allegato numero 1, prende in considerazione unicamente il cartone che può ancora venire riciclato (contenitori per le uova, scatole senza stampa, ecc.), doveva venire riciclato. Questo genere di cartone rappresenta circa il 4% il che vuole dire che 188'000 tonnellate (26,7 Kg/abitante) di cartone potevano essere riciclate evitando di finire in discarica o nell inceneritore. È stata anche rinvenuta una discreta quantità di vetro (4%) nei sacchi dei rifiuti che sono stati controllati dall UFAFP e anch essa poteva, tranne rari casi, venire riciclata e contribuire alla creazione di nuovi oggetti in vetro. Si tratta di 119'000 tonnellate di vetro sprecato, che hanno appesantito i sacchi dei rifiuti urbani, cioè 16,8 Kg per abitante che potevano venire ancora riciclati. La parte più consistente ( 27%) è data dagli scarti biogeni (Scarti di cucina, croste di formaggio, cibo ancora imballato, ) che spesso non possono venire compostati e che di conseguenza finiscono nella pattumiera. Questo significa che delle 1'526'000 tonnellate esaminate, 435'000 erano composte da materiali organici e che ognuno di noi ne produce circa 60 kg all anno. È a mio modo di vedere preoccupante che ci sia ancora una, seppur minima, percentuale (2%) di rifiuti speciali presente nei nostri sacchi della spazzatura che, più di qualsiasi altra cosa, sono pericolosi per l ambiente (ad esempio batterie che contengono metalli pesanti, ecc.). Per sicurezza statistica la campagna era stata divisa in due periodi: autunno 2001 e inizio Tra i due periodi considerati, le differenze sono poco rilevanti. Le differenze riscontrate tra 2001/02 e 1992/93 sono maggiori. La seguente tabella è stata elaborata dall UFAFP per di stimare l evoluzione del contenuto del sacco dei rifiuti degli svizzeri, partendo dai dati forniti dai 33 Comuni. Dalla campagna del 1992/93 la quantità dei rifiuti è diminuita di 1/6 cioè 200'000 tonnellate. L 80% di questa riduzione si è verificata nelle categorie Ferro, Carta e Cartone. 11

12 Tabella di confronto tra le quantità rilevate nel 19992/93 e quelle nel 2001/02 Categoria 1992/ /2002 Cambiamenti Tasso Kg/ab/an. Quantità Tasso Kg/ab/an. Quantità Kg/ab/an. Quantità Tendenza (t) (t) totale (t) Ferro 2% 5,2 36'000 1,6% 3,3 24'000-1, A.Met. 1% 2,6 18'000 1,2% 2,6 18'000 0,0 0 Vetro 3% 7,8 54'000 4,2% 9,0 65' , Tot. carta 21% 54,6 378'000 16,8% 35,5 256'000-19, Giornali e _ (4,0%) (8,5) -61' riviste _ - Cartone 7% 18,% 126'000 4,1% 8,7 63'000-9, Minerali 6% 15,6 108'000 5,3% 11,1 80'000-4, Rif.Org. 5% 13,0 90'000 2,1% 4,4 32'000-8, Rif.Biog. 23% 59,8 414'000 28,5% 60,3 435' , Tessili 3% 7,8 54'000 2,9% 6,0 44'000-1, Tot. Plast. 14% 36,4 252'000 14,3% 30,4 219'000-6, ImbP _ (2,3%) (4,9) -35' ImbC 3% 7,8 54'000 4,1% 8,7 62' , Ele/Elet. _ 0,6% 1,2 9' '000 Batterie _ 0,07% 0,2 1' '000 M.C 8% 20,8 144'000 12,2% 25,7 185' , Rif. Spec. _ 0,2% 0,4 3'000 - (3 000) Resto<8mm 4% 10,4 72'000 2,0% 4,2 30'000-6, Totale 100% 260 1'800' % 221,6 1'526'000-48, Tabella 2: Stima dei quantitativi per la Svizzera (Fonte: rielaborazione personale di Erhebung der Kehrichtzusammenstellung 2001/02 BUWAL) Le differenze riscontrate tra l indagine del 1992/93 e quella del 2001/02 sono più evidenti nel grafico che segue: 12

13 Grafico di confronto tra le quantità del 1992/93 e quelle del 2001/02 Resto<8mm Rif. Spec. Imball. Batterie Ele/Elet. I.C. Tot. Plast. Tessili Rif. Natur Rif.Biog. Minerali Cartone Tot. carta Vetro A.M. Ferro 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% (Fonte: BUWAL Abfall, Erhebung der Kehrichtzusammensetzung 2001/02 Berna 2003) 13

14 Capitolo secondo CHE FINE FA IL NOSTRO SACCO? Come illustrato nel capitolo 1.1 i rifiuti vengono divisi in due parti. Il 56,2 % viene depositato annualmente nella discarica in Valle della Motta, mentre il 43,8 % viene trasportato in treno oltr Alpe, in impianti che non lavorano a pieno regime se non con l apporto di rifiuti ticinesi. Gli impianti sovradimensionati non sono cosa rara in Svizzera, quindi la Confederazione si sta impegnando al fine di evitare la costruzione di impianti che in futuro non potranno lavorare a pieno regime e di coordinare la collaborazione tra i 29 IIRU svizzeri per gestire le loro disponibilità. L incenerimento dei rifiuti non è monopolio assoluto degli impianti d incenerimento, ma è anche praticato da una miriade di forni appartenenti ad industrie, che sfruttano l energia contenuta nei rifiuti per le loro necessità di produzione, a patto che sia compatibile con le esigenze ambientali. 2.1 La discarica n Valle della Motta La discarica in Valle della Motta entrò in esercizio il , 1991 e, nonostante l entrata in vigore il del divieto di conferimento in discarica di rifiuti combustibili, è ancora tutt oggi in funzione. Il problema risiede nei quantitativi di rifiuti prodotti dagli svizzeri che sono, seppur stazionari, leggermente superiori alle capacità complessive degli inceneritori La discarica ha un volume utile di 1'062'000 mc, mentre la capacità potenziale residua al era di 105'000 mc e dall entrata in esercizio i metri cubi occupati sono 886'000, che corrisponde a 733'159,67 t. Si tratta di una discarica reattore 2, la cui ubicazione viene studiata da diversi punti di vista in modo da tenere conto soprattutto dei fattori ambientali e dell impatto di un infrastruttura simile. Per impedire qualsiasi tipo di conseguenza dannosa (gli odori, i rumori, la polvere, il traffico e gli effetti del deterioramento del paesaggio circostante) e ottimizzare la gestione della discarica, la progettazione deve considerare le condizioni ambientali, le condizioni idrologiche e geologiche, il volume e la composizione dei rifiuti, la vicinanza delle abitazioni e delle infrastrutture (strade, fogne, ), ecc. 2 Discarica reattore: Le discarica nella quale, secondo l articolo 36 cifra 3 cpv.1 dell Ordinanza Tecnica sui Rifiuti, si possono conferire unicamente: rifiuti ammessi nelle discariche per materiali inerti, le scorie provenienti da impianti di incenerimento per rifiuti urbani, nonché altre scorie con caratteristiche analoghe ai rifiuti inerti e a quelli edili non combustibili. 14

15 Inoltre va tenuto in considerazione lo stato iniziale del luogo in cui si vuole insediare la discarica, studiandone le caratteristiche paesaggistiche e naturalistiche, ma non solo. Nel caso della Valle della Motta ci sono tipi di boschi unici per il resto del Mendrisiotto e delle specie di flora e fauna protette. Per questo motivo una volta colmata una parte della discarica è necessario fare un operazione di rinverdimento, al fine di ridurre al minimo l impatto ambientale. Aspetto molto importante in una discarica reattore è l impermeabilizzazione che impedisca al percolato (liquido che si crea quando le acque sotterranee e quelle superficiali vengono a contatto con il corpo dei rifiuti) di inquinare il terreno e le falde circostanti. Il terreno della valle ha caratteristiche argillose (poco permeabile) ed è adatto all insediamento di una discarica. Dopo gli scavi viene edificata la complessa struttura di strati impermeabili, che rendono il più sicuro possibile l immondezzaio. All interno di queste vasche vengono depositati dai 29 ai 40 metri di rifiuti, che vengono più volte compattati tramite il peso delle ruspe. La fase di compattazione è molto importante, non solo dal punto di vista dell ottimizzazione del volume dei rifiuti, bensì anche da quello dei gas che vengono a contatto tra loro. Il processo di decomposizione infatti trasforma i rifiuti in prodotti inerti. Le componenti organiche (scarti di cucina, rifiuti di legno, carta e cartone che non si possono riciclare,ecc.) sono decomposte in parte attraverso un processo biologico, la cui durata dipende da diversi fattori. Figura 2: Fase di compattazione alla discarica in Valle della Motta. (Fonte: L.Salmina) Le diverse fasi di decomposizione danno luogo a due importanti scarti: il percolato e il biogas. Il primo viene raccolto in apposite condotte per venire convogliato all impianto di trattamento. Il percolato viene tratto in vari modi, da ottenere da un lato acque depurate e dall altra un concentrato di sostanze inquinanti. La parte liquida viene immessa nelle canalizzazioni e depurata all impianto impianto di depurazione delle acque luride di Chiasso, mentre lo scarto fangoso contenente le sostanze inquinanti, viene depositato nuovamente in discarica. Il secondo scarto è l insieme di gas che si creano per effetto dei processi biologici. Queste emissioni gassose possono essere moleste e provocare nei dintorni della discarica pericoli per le persone, le cose, per la vegetazione. Al contempo si tratta però di una fonte energetica alternativa a quella degli oli combustibili e dell elettricità. Il fatto di poter utilizzare una fonte energetica prodotta dalla discarica stessa, rende la discarica indipendente e più ecologica. 15

16 Il biogas deve essere aspirato da reti di tubi di captazione e riutilizzato ad esempio per il trattamento del percolato, per il riscaldamento degli immobili della discarica o per altri usi quali la produzione di energia elettrica. C è una frazione di gas di minore qualità, che deve essere eliminata attraverso un sistema di smaltimento, che garantisce la sicurezza verso le migrazioni esterne alla discarica ed elimina il cattivo odore. La presenza di biogas comporta l applicazione di severe misure di sicurezza e di controllo. Il recupero energetico legato al biogas è un aspetto molto importante per la gestione delle moderne discariche. Ad esempio una tonnellata di RSU produce circa 200 mc di gas nell arco di 30 anni, dai quali è possibile recuperare oltre 50 mc di metano che equivalgono a circa 50 l di gasolio, oppure a 425'000 kcal o 1'779'475 kj di energia elettrica. Altro fattore importante in una discarica è, come detto, il piano di ricoltivazione che ha lo scopo di ridurre al minimo l impatto ambientale, di provvedere ad un adeguato inserimento nel paesaggio, di permettere l insediamento di una vegetazione caratteristica del luogo e di creare eventuali biotopi. Il progetto di rinverdimento viene studiato secondo le caratteristiche che aveva il luogo in precedenza e di quelle della regione in generale. Le misure di sicurezza all entrata in discarica (controlli di vario tipo: peso qualità, ) non sono solo Figura 3: Parte della discarica ricoltivata. (Fonte: L. Salmina) finalizzati alla corretta gestione dell immondezzaio, bensì anche per sensibilizzare i fornitori e la popolazione. In termini di sviluppo sostenibile una discarica é a mio modo di vedere meno sostenibile di un impianto d incenerimento. Questo perché i processi di decomposizione sono molto lenti e una volta avviati è pressoché impossibile fermarli. Se si verificasse un guasto nell impermeabilizzazione della discarica, l intervento degli addetti non potrebbe essere altrettanto tempestivo di quanto lo é in caso di un guasto in un IIRU. Come detto la permeabilizzazione si trova sotto 30 metri di rifiuti e eseguire una riparazione in essa sarebbe molto difficile, mentre disattivare un inceneritore é quasi immediato. Anche per questo motivo la Confederazione ha deciso di vietare il conferimento in discarica di rifiuti urbani. 16

17 2.2 Gli impianti d incenerimento Una parte delle 58'429 tonnellate di rifiuti ticinesi del 2001 sono state trasportate su strada ferrata nel Cantone Turgovia dove, a Weinfelden, sono state bruciate assieme ad altre centinaia di migliaia di rifiuti urbani, fanghi di depurazione essiccati e altri materiali. Questo perché la Svizzera si sta impegnando a bruciare la quantità maggiore possibile di RSU, anche per rivalorizzarne il contenuto energetico. Tutti i rifiuti smaltiti nello stabilimento di Weinfelden arrivano in treno e vengono depositati nei grandi bunker dove, perché diventino una miscela omogenea, vengono sparpagliati da una ruspa. L alimentazione di entrambi gli altiforni che bruciano annualmente 127'000 t. di rifiuti, è completamente elettronica ed essi sono in funzione ventiquattr ore su ventiquattro e costantemente sorvegliati dagli addetti. Le 26'000 tonnellate di scorie di lavorazione finiscono in una discarica del Giura bernese e per l altra metà in una discarica di proprietà dello stesso IIRU, a Pfyn. Le oltre 3'000 t. di polveri dei filtri finiscono invece in una vecchia cava di salgemma in Germania. Le prestazioni dei IIRU allo stato attuale della tecnica vanno ben oltre la riduzione dei rifiuti a un decimo del loro volume iniziale, essi funzionano simultaneamente come centrali per la produzione di energia elettrica e di calore, con annessa anche una lavatrice dei fumi di scarico. Grazie al complesso sistema di depurazione tali gas sono meno inquinanti di quelli sprigionati da una centrale a carbone o a petrolio. Le concentrazioni di inquinanti nei gas di scarico sono notevolmente inferiori ai valori limite e l emissione di metalli pesanti è una piccola percentuale delle concentrazioni permesse. Nella regione attorno all impianto di Weinflden si registrano addirittura valori di inquinanti atmosferici inferiori a quelli precedenti all entrata in servizio dell inceneritore. La ragione di questo miglioramento risiede nella vendita di vapore ad una azienda vicina, che precedentemente utilizzava energia fossile. In una tonnellata di RSU, infatti, si nascondono circa 3,5 megawatt/ora di energia, pari a quanta ne produrrebbero 33 Kg di petrolio. Il vapore prodotto passa attraverso una turbina a due fasi, che produce annualmente 50'000 megawatt/ora. Di questi, i due terzi sono immessi in rete e bastano a rifornire di corrente elettrica abitanti di Weinfelden. Inoltre garantiscono l autosufficienza dal punto di vista energetico dell IIRU. Il recupero energetico effettuato dagli IIRU svizzeri copre l 1,7% del fabbisogno di energia elettrica del Paese e fa risparmiare agli svizzeri 333'000 t. di olio da riscaldamento. Recuperare l energia presente nei rifiuti è un alternativa allo sfruttamento dei giacimenti petroliferi e carboniferi e alle centrali nucleari, anche se ovviamente non é possibile sostituirle. 17

18 Anche senza approfondire lo studio di questo argomento, è possibile affermare che se ogni nazione sfruttasse il contenuto energetico dei suoi RSU sarebbe meno dipendente da altre forme energetiche. L incenerimento non fa scomparire i rifiuti nel nulla, ma li trasforma e diluisce. Le scorie (filtri dei fumi e la cenere rimanente) finiscono comunque in discarica. Gli elementi più pericolosi, come i metalli pesanti intrappolati nei filtri si mescolano ad altre sostanze e finiscono in discarica. L impianto a Weinfelden si occupa, quindi, anche di riciclaggio e di sensibilizzazione, anche se in questo modo, come dice il direttore Peter Schmid, si tira la zappa sui piedi. Capitolo terzo IL RICICLAGGIO 3.1 L importanza del riciclaggio La separazione dei rifiuti da parte del cittadino ha diversi lati positivi. L aspetto più evidente è quello di diminuire la mole di rifiuti urbani da eliminare. Secondariamente il riciclaggio è strettamente correlato all idea di sviluppo sostenibile in quanto riciclare, come dice la definizione stessa, significa Sottoporre una Figura 4: Separazione casalinga dei rifiuti riciclabili. (Fonte: L. Salmina) sostanza a trattamento che ne consenta l utilizzo in un nuovo ciclo produttivo 3. Ogni materiale cosiddetto riciclabile può venire trattato in svariati modi a dipendenza delle sue caratteristiche, per poi venire riutilizzato in una forma completamente differente da quella originaria o ancora in modo simile. Alcuni prodotti possono addirittura essere riciclati più volte se non infinite volte. 3 Definizione tratta da Dizionario Italiano Sabatini Coletti edizione Giunti,

19 Ciò che rende il riciclaggio importante dal punto di vista dello sviluppo è proprio il fatto che si impiega uno scarto, che in altri casi finirebbe in discarica o nell inceneritore, per produrre un nuovo bene. Questa operazione permette di risparmiare materie prime ed energia. Risparmiare materie prime è un passo obbligato se si intende dare la possibilità alle generazioni future di soddisfare i loro bisogni e mantenere a lungo termine le condizioni ambientali necessarie alla vita sulla terra. Le materie prime sono una risorsa limitata e in quanto tali non vanno inutilmente sperperate. Separare i rifiuti domestici il più possibile acquista quindi un importanza maggiore, se si pensa che renderà possibile ai nostri pronipoti, magari, di poter usufruire dei beni che anche noi oggi possediamo, grazie al fatto che noi abbiamo gestito in modo parsimonioso il materiale, l energia, l acqua, ecc. di cui sono composti. Non è sempre possibile riciclare un materiale, perché per renderlo idoneo all utilizzo potrebbe accadere che il processo inquini di più o sia più dannoso all ambiente che fabbricarne uno nuovo. Si riciclano dunque unicamente i materiali per i quali si ottengono dei buoni risultati come la carta e il cartone, il vetro, l alluminio, eccetera. In materia di sviluppo sostenibile, la Confederazione ci tiene a precisare che non è sufficiente cercare di creare meno rifiuti urbani possibili, ma è altrettanto importante cercare di evitare di crearne di riciclabili, nonostante essi siano molto più sostenibili dal profilo ecologico. Assieme al riciclaggio è anche molto importante il riutilizzo dei materiali riutilizzabili. Alcuni oggetti non è necessario portarli al luogo di raccolta separata o gettarli nella spazzatura, ma è possibile riutilizzarli per lo stesso scopo per il quale sono stati fabbricati, oppure in modo completamente diverso. Pensiamo solo ad una bottiglietta in PET, dopo che se ne è bevuto il contenuto. Invece di schiacciarla, tapparla e gettarla in uno degli appositi contenitori (il che non è assolutamente sbagliato), la si potrebbe tenere nel caso si avesse la necessità di travasare un liquido o, semplicemente, nel caso si avesse bisogno di portarsi una bibita sul posto di lavoro, a scuola, ecc.. Anche questi semplicissimi gesti di vita quotidiana possono rendere la nostra vita un po più sostenibile. A questo scopo anche in Ticino stanno nascendo i mercatini dell usato, che permettono lo scambio di vari oggetti usati, in buono stato e che dunque non vanno gettati. L Associazione delle Consumatrici della Svizzera Italiana, sta promovendo un progetto in questo senso chiamato Il rifiuto come risorsa, appoggiato dalla Confederazione nell ambito della realizzazione di un progetto più ampio di Agenda

20 3.2 Il riciclaggio della carta e del cartone Il riciclaggio della carta è importantissimo, come lo è l uso nella vita quotidiana di carta riciclata al posto di quella bianca. Utilizzare carta riciclata e permettere che i nostri scarti cartacei vengano riciclati favorisce la diminuzione del disboscamento delle grandi foreste, che sono un patrimonio per tutto il mondo e sono vitali per la vita stessa degli esseri umani. Ad esempio una volta la carta dei giornali era composta per il 75% da pasta di legno e per il 25% da cellulosa. Oggi invece si impiega l 85% di carta usata e non è quasi più necessario utilizzare cellulosa. La raccolta e il riciclaggio della carta e del cartone sono vantaggiosi dal profilo ecologico ed economico. Dal punto di vista ecologico, questa raccolta oltre a ridurre i rifiuti urbani da smaltire permette, grazie al processo di riciclaggio, di risparmiare energia (circa 30%) e di limitare l uso di acqua e di materie prime. La produzione di un foglio A4 di carta bianca consuma molta energia (evaporazione dell acqua): tra 40 e 60 Wh, cioè tanto quanto una lampadina a basso consumo energetico in cinque ore. L operazione è pure economicamente vantaggiosa per il Comune che per la raccolta e lo smaltimento di una tonnellata di rifiuti urbani da eliminare deve pagare circa 366Frs/t, mentre per il recupero e lo smaltimento della carta raccolta separatamente è di circa 145 Frs. La quantità di carta e cartone raccolta separatamente (di provenienza dalle economie domestiche) in Svizzera è di circa 73 Kg pro capite all anno. Nel 2000, in Svizzera, su un consumo totale di 1,7 milioni di tonnellate di carta e cartone, il 64% è stato riciclato. Il materiale raccolto proveniente per il 50% dalle economie domestiche e il resto viene consegnato da industria e artigianato. I sistemi di raccolta della carta sono diversi e a volte combinati: il metodo maggiormente diffuso è il ritiro a domicilio per mezzo di giri di raccolta. Spesso però i Consorzi e i Comuni organizzano periodicamente dei punti di raccolta (per ogni quartiere, palazzo,ecc.). Alcuni Comuni scelgono di mettere a disposizione della popolazione un centro di raccolta dove di solito ci sono dei contenitori appositi. Un quinto della carta raccolta (pari a t.) in Svizzera va alla cartiera di Utzensdorf nel Canton Berna. Un terzo di essa arriva in treno sugli appositi binari. In seguito viene pesata ed è necessario effettuare una cernita, perché spesso nella carta straccia raccolta vi è ancora un 5-7% di sostanze estranee, costituite da rifiuti o materiali destinabili ad altre raccolte separate e consegnati erroneamente. 20

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

FATTI FURBO... DIFFERENZIA

FATTI FURBO... DIFFERENZIA Per i comuni del Consorzio Canavesano Ambiente Guida alla raccolta differenziata... FATTI FURBO... DIFFERENZIA anche fatti tu furbo...!!!... e al rispetto dell ambiente DIFFERENZIA ANCHE TU!!! Bastano

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia

AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE. per Lecco e provincia AD OGNI RIFIUTO LA GIUSTA DIREZIONE per Lecco e provincia Sacco VIOLA Frazione secca multimateriale L IMPIANTO DI SELEZIONE DEL SACCO VIOLA I sacchi provenienti dalla raccolta, caricati su un nastro trasportatore,

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro

Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Comune di Padova Assessorato all Ambiente AcegasAps Raccolta differenziata dei rifiuti nel Quartiere 1 Centro Le 3 Zone di raccolta nel Quartiere 1 Centro Tipo di Rifiuto Cosa conferire Cosa non conferire

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio

Imballaggio primario. Imballaggio secondario. Imballaggio terziario. Funzioni primarie dell imballaggio ALTO BELICE AMBIENTE S.p.A. Cos'è l'imballaggio L uomo ha sempre fatto uso di contenitori e già 3500 anni fa le popolazioni egizie immagazzinavano e trasportavano unguenti, oli e vino in contenitori di

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa

L impatto ambientale degli inchiostri da stampa FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA AVISA Gruppo inchiostri da stampa e serigrafici L impatto ambientale degli inchiostri da stampa Marzo 2013 Questa nota informativa è stata preparata da EuPIA basandosi su di

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione

Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Il cammino di un kwh: dalla centrale alla tua abitazione Come arriva l'energia a casa Siamo talmente abituati ad avere tutta l energia che vogliamo, che è ormai inconcepibile anche solo pensare di farne

Dettagli

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE

a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta ndustriali S.r.l. UTENZE DOMESTICHE ervizi. a Colori Campagna di informazione sulla raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta UTENZE DOMESTICHE presentazione Carissimi cittadina /cittadino, torno da te, per raccontarti la nostra esperienza

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Digestato da rifiuti e da matrici agricole

Digestato da rifiuti e da matrici agricole Ravenna 2012 Workshop I CIC Consorzio Italiano Compostatori Ravenna, 27 settembre 2012 Digestato da rifiuti e da matrici agricole Lorella ROSSI C.R.P.A. - Reggio Emilia, Comitato Tecnico CIC DIGESTIONE

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Utenze domestiche Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani Fare la raccolta differenziata In provincia di Modena, ogni giorno produciamo 1,75 chili di rifiuti a testa. Fare la raccolta differenziata

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta?

2 Qual è il termine ultimo per passare alla misurazione netta? 3 Quali obblighi ha il produttore in relazione al passaggio alla misurazione netta? Pagina 1 di 7 FAQ passaggio dalla misurazione lorda a quella netta Con la revisione dell Ordinanza sull energia (OEn) e la sua entrata in vigore con effetto al 1 gennaio 2010 è stata introdotta, nell ambito

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMPOSTAGGIO DOMESTICO PROGETTO DI INCENTIVAZIONE AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO DA ATTUARSI NEI COMUNI DI ABETONE, CUTIGLIANO, MARLIANA, PESCIA, PITEGLIO SAMBUCA PISTOISE, SAN MARCELLO PISTOIESE A cura di: APRILE 2008 PREMESSA Il

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News

Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum. Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News 1 di 9 1/30/2009 4:47 PM Punto Informatico PI Telefonia PI Download PI Forum Anno XIII n. 3019 di venerdì 20 giugno 2008 - PI / News ITALIA, DOVE MUOIONO I PC E I CELLULARI OBSOLETI Quando gli italiani

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare

Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Forse non tutto si può misurare ma solo ciò che si può misurare si può migliorare Se non siamo in grado di misurare non abbiamo alcuna possibilità di agire Obiettivo: Misurare in modo sistematico gli indicatori

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. UNIONE DEI COMUNI Agugliano Camerata Picena Offagna Polverigi Santa Maria Nuova Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci. Raccolta differenziata porta a porta. A.T.I. Dal rifiuto una risorsa. Differenziamoci.

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI RIFERIMENTI NORMATIVI Produzione e vendita di compost: Legge n. 748/1984 sui fertilizzanti modificata dal D. L. 217 del 29.04.06 e successive modifiche Allegato IIA del Reg. CE 2092/91 (per chi pratica

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli