Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives"

Transcript

1 Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives Associazione svizzera dei banchieri Direttive applicabili alla gestione del rischio nell ambito commerciale (trading) e dell utilizzo di derivati SCHWEIZERISCHE BANKIERVEREINIGUNG ASSOCIATION SUISSE DES BANQUIERS SWISS BANKERS ASSOCIATION

2 Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives (Translation) 1

3

4 Contents Page Introduction 5 I. Risk Management Principles 7 1. Risk Policy 7 2. Risk Identification and Measurement 8 3. Internal Control Systems 9 II. Valuation Valuation 10 III. Risk Measurement and Limitation Separation of Trading and Asset and Liability Management Market Risks in Trading Liquidity Risks Credit Risks Resulting from Trading and Derivatives Positions Operational Risks Legal Risks Stress Simulation 17 IV. Information Disclosure Principles 18 Effective Date 19 Glossary 21 3

5

6 Introduction The present guidelines are designed to support banks in formulating directives for risk management. They apply to all banks active in trading with financial instruments, irrespective of whether the traded products are derivatives or not. They also apply to banks that use derivatives for asset and liability management. The purpose of these guidelines is not to establish a single set of risk management directives for members of the Swiss Bankers Association. It is left up to the individual banks to decide how to implement the guidelines in the most appropriate manner, in light of the risks that are relevant for each institution. The methods employed and the degree of detail of internal directives should be determined in accordance with the volume of trading and the extent of activities in derivatives, i.e. should be adequate for the risk exposure. If a banking group combines subsidiaries and branches in Switzerland and abroad into more than one risk management entity (overall bank), then in addition the overall risk management has to be performed on the group level. The principles which would apply in these instances are not contained in these guidelines; their establishment is the responsibility of the individual bank s board of directors in conjunction with the controlling and supervisory bodies of the individual banking group. The definitions as given in the glossary only are valid for the terms used in these regulations. 5

7

8 I. Risk Management Principles 1. Risk Policy Recording, managing and limiting the risks resulting from trading and from the use of derivatives is a primary management task. Executive management formulates risk policy, which is approved and periodically assessed for its appropriateness by the board of directors. Executive management issues directions for the implementation of risk policy. These must specifically ensure that all risk is exclusively assumed by authorized persons. Limits must be established for all risks that are relevant to the bank. All persons that are entrusted with risk management must possess the necessary technical knowledge. Comments: The importance of risk management has increased with the introduction of new products, be it because it has become easier to assume risk, or because today many instruments are available for risk management. Risk management issues, particularly the formulation and the regular review of policy, are a primary management task. Risk policy should be part of general company policy. Specialist knowledge has to exist at both board of director and executive management levels and to appropriate degrees with line management. Periodic assessment of risk policy can be delegated by the board of directors to a committee. Remuneration systems can create incentives which make risk management more difficult. For this reason, performancerelated personnel salary systems require appropriate risk controls. 7

9 Comments: Risk management must be developed as a permanent process. Risk management requirements are to be documented in writing. Particular importance has to be given to expertise, systems and the organs of the bank entrusted with special risk management tasks. The activities required by these guidelines have to be adequately resourced. EDP systems must be consistent with the complexity of the financial products and their risks. The executive board must be informed periodically about the bank s overall risk position. It has to be ensured that the assessment of the overall risk situation includes all relevant information in a manner that is understandable and adequate at the different management levels. The standards of risk measurement have to be known at all levels of the bank. Moreover, provisions have to be made such that in extraordinary situations, the necessary decisions can be made rapidly and effectively, and appropriate measures can be taken. Before new products are traded or trading strategies are substantially changed, markets, business strategies and the functions of products must be understood, estimates on required resources and expected revenues made, and the risks involved analyzed. Each line manager should receive information on all risks involving his unit as periodic management information. In addition, it is recommended that profits and losses be analyzed and broken down into their constituent parts (price change, transaction result). Risk and return are linked and therefore must not be assessed separately. The board of directors is to be informed periodically about the overall risk situation Risk Identification and Measurement The identification of risks and their integration in risk-management and risk-reporting systems are to be recognized as permanent tasks and the functional responsibility of a member of the executive board. The measuring procedures should be designed adequately and should allow risk aggregation up to the overall bank level.

10 3. Internal Control Systems Compliance with internal instructions is controlled by units that are independent from trading. Organizational measures must ensure segregation of duties as well as an independent reporting line. Comments: Control, as part of the internal control system (ICS), must be performed by professionally qualified persons who do not report to trading, i.e. they must be independent from persons that assume risk positions. 9

11 II. Valuation 4. Valuation Trading positions are to be valued at least once daily on the basis of uniform criteria and market data. Profit and loss is to be calculated daily. Positions in derivatives, that are not part of the trading books, are to be valued at least periodically on the basis of market data and models that account for the specific characteristics of the business. Comments: Risk management requires the valuation of transactions and portfolios. The valuation together with realized cash flows (including possible financing cost) allow the economically correct determination of profit and loss. By this means, value changes due to market movements become immediately transparent. Valuations are to be standardized per type of position. To submit the effectiveness of the hedging measures to the market test, market valuations have to be done irrespective of the accounting treatment. The position values have to be adjusted for specific market and product features (e.g. market liquidity, position size). Daily valuations of trading positions are imperative; intra-day valuations may also be required depending on the market situation. If models are used for valuations (relevant in OTC business), the necessary updated parameters (volatility etc.) are to be procured from sources independent from trading. In addition to the assumptions and parameters used, the models should also be reviewed periodically (model risks). To identify quickly hedging gaps in derivatives positions, diverging market values of risk-producing transactions and hedging transactions, as well as erroneous valuations of a general kind, the risk-producing transactions and hedging transactions should be subject to one standardized valuation method. Again, any applied models are to be reviewed critically in order to avoid risk management failures as much as possible. 10

12 III. Risk Measurement and Limitation 5. Separation of Trading and Asset and Liability Management In terms of both operational responsibility and profit and loss measurement, trading portfolios must be clearly separated from the activity of managing the balance sheet structure. Comments: Clear separation is required between asset and liability management and trading activities. Evidence of this should include a clear segregation of duties and a separate allocation of limits. The risks and the profit and loss also have to be reported separately. In view of their similarity, trading risks and balance sheet risks should be aggregated at a higher level. In the accounting, a clear distinction has to be made between trading transactions, investment transactions (strategic positions) and balance sheet management. Profits resulting from the balance sheet management must be accounted for separately from trading profits. 11

13 6. Market Risks in Trading Limits are to be established for market risks. Risks are to be measured at least once a day on the basis of recognized methods; they are to be reported, controlled and periodically aggregated at the overall bank level. Comments: Positions in trading business have to be managed on a continuous basis. Measuring procedures and methods should be based on the best market practice. In addition, the models are to be checked periodically (using, for instance, the backtesting procedure). No trading should occur without correct measurement and representation of the risks of an instrument or product. Besides sensitivities and simulation calculations within a risk class, professional market participants should also implement cross-product approaches that serve specifically for aggregation purposes, provided these approaches are statistically sound. Recommended approaches include the value-at-risk method (statistical description of the portfolio risk) or similar, scenario-based approaches. 12

14 7. Liquidity Risks Suitable measures are to be adopted to take account of the risk of inadequate market liquidity in trading products. Comments: To provide for inadequate market liquidity, controls have to be applied to the relative share of the volume of individual issues, the absolute position size or the amount of the tolerable loss. Specific market liquidity risk has to be taken into account by means of value adjustments in profit and loss calculations. Funding risks are to be clearly distinguished from market liquidity risks which need to be taken into account in liquidity management. 13

15 8. Credit Risks Resulting from Trading and Derivatives Positions All credit risks resulting from trading and derivatives positions have to be measured, aggregated and periodically shown as overall exposure by counterparty and country on a consolidated basis. Comments: Transactions on markets without variation margins (especially in OTC trading) generate considerable implicit credit exposure, in particular, in forward contracts and swaps but also for long positions in options. Financial models permit these implicit credit exposures to be valued. Gross and net replacement values as well as their potential increase over time (e.g. by use of add-ons) can be quantified. The settlement risk, which from a risk point of view occurs at the conclusion of the transaction, has to be taken into account. Attention has to be paid to reducing credit risk (netting contracts, enforcing collateral). Recognized methods have to be applied to determine credit risks. The above-mentioned techniques (replacement values and the consideration of potential increase over time) are recommended together with simulation techniques. Credit risks are to be aggregated from trade and derivatives positions per counterparty and shown in connection with the limits. A further aggregation of credit risk is recommended (Federal Banking Commission) and is also partly required by the law. 14

16 9. Operational Risks Operational risks are to be limited by a suitable operational organization as well as integrated systems procedures. Comments: Organizational measures should be focused on establishing a suitable structure and procedures, segregation of duties as well as built-in systematic controls (See also guideline No. 3). Integrated EDP and automated procedures help to reduce error sources effectively. 15

17 10. Legal Risks Legal risks resulting from trading and from the use of derivatives should be controlled by means of appropriate documentation. Market-customary, standard master-agreements should be used if possible. Comments: Knowledge of the legal and economic environment of the counterparty constitutes the foundation for efficient legal risk management. Primarily in international business, the issues of (a) a binding contract and (b) the enforceability and netting of obligations from contracts are a matter of high priority. 16

18 11. Stress Simulation In order to be prepared for potentially extreme situations, additional analyses are to be performed regularly. Comments: Stress tests on an overall bank level should be performed to calculate potential extreme losses. Results should be evaluated with a view to taking appropriate measures. The emphasis of these stress analyses, which are based on economically and politically plausible scenarios, is on market risks. Sensitivity tests, such as the value-at-risk method, simulate small market movements in a stable environment. Strategically-relevant risks based on exceptional market movements require more comprehensive stress analyses. 17

19 IV. Information 12. Disclosure Principles Qualitative and quantitative information separated into credit and market risks is to be produced periodically and integrated into the notes of the annual report in suitable form. Adoption of internationally-accepted standards is recommended. Comments: Quantitative data has to be complemented by a qualitative description of methods and assumptions used in measuring risk. If market risk information is disclosed using for instance the value-at-risk concept, the underlying confidence interval, the observation period, the holding period as well as the aggregation method should be indicated. Credit risk information should include gross replacement values, contract values as well as the credit equivalent or the add-on, whereby the exposure is classified by counterparty quality and, if possible, contract maturity. Net replacement values may only be reported if there are legally enforceable netting agreements in place. 18

20 Effective Date The board of directors of the Swiss Bankers Association passed these Guidelines on January 31, They are effective as of July 1, If the risk management does not comply with the Guidelines, risk management and internal directives have to be adjusted to reflect the regulations without delay, otherwise the activity in question is to be restricted or abandoned altogether. Basel, January 31,

21

22 Glossary Add-on Allowance for future potential credit risk during the remaining life of a contract. Backtesting Method for retrospectively testing the forecasting quality of a model. The validation analysis for value-at-risk models is carried out by comparing actual daily profit and loss figures with the computed daily value-at-risk figures. If profit and loss exceeds the value-at-risk more frequently than would be statistically predicted, the model is shown to underestimate risk. Balance sheet risks Interest and currency risks resulting from disequilibria in the balance sheet (including off-balance sheet positions). Credit equivalent An amount comparable to a loan which, during the life of a contract, a bank has as a receivable from a counterparty. It includes the present value of the contract and the potential value resulting from future market movements. Credit risk Possibility of default of a counterparty during the life of a loan. Or, the distribution of defaults within a particular credit-quality category around a long-term average. Derivatives Instruments whose values are derived from the values of underlyings (securities, currencies, commodities, etc.) or reference rates (interest rates, exchange rates indices, etc.). A basic distinction is made between futures (forwards, futures, swaps) and options. Forward contract Contract in which the date of transaction and that of settlement are not the same. 21

23 Funding risk Risk of default on payment. Hedging gaps Incomplete coverage of hedged positions. Hedging transaction Transaction to reduce the risk of an individual position or portfolio. Implicit credit exposure Credit risks which do not arise directly from issuing loans but which result from entering into transactions in financial instruments (in particular OTC derivatives). Internal risk control Units of the bank which measure, aggregate and report risks (also profit and loss) with the support of systems and processes and which enforce compliance with risk limits. Legal risks The danger inherent in the legal peculiarities of the country of the counterparty that contractually agreed claims are not recognized either because the counterparty was not authorized to enter into such an agreement, or because the contract was later discovered to be inadequate or because the financial instrument violated the provisions of the applicable law. Managing the balance sheet structure (asset and liability management) Management of all asset and liability positions on the balance sheet as well as all off-balance sheet positions in terms of interest and currency risks (excluding trading positions). Market liquidity risk Risk that an instrument to be delivered (received) cannot or can only be acquired (sold) partially or with large price concessions. 22

24 Model risks Valuations of derivatives require the use of models which constitute a risk dimension in themselves, since in certain circumstances the values and market risks computed by the model may only partially reflect real market conditions. The inherent risk is that decisions are based on model information which can later prove to be erroneous and costly (resulting in a loss). Netting Setting off between counterparties, on the basis of bilateral or multilateral contracts, of mutual payment obligations on expiry date, or in the case of default of a counterparty of unrealized profits and unrealized losses. Operational risk Risk arising from human error or from inadequate operating systems. Option The right to buy or sell a specified amount of a particular underlying instrument at a set price during a delimited time period or on a defined day. Over-the-counter (OTC) business Trade in non-standard financial instruments. In general, the counterparties decide all details of the transactions or agree to certain standardized market conventions. Overall bank A bank, including its domestic and foreign branches as well as its subsidiaries, which are grouped into a single entity for risk management purposes. The grouping may not conflict with the purpose of achieving adequate risk management. Replacement value Market value of open positions at a particular point in time. 23

25 Risk limits Quantitative limits setting the extent to which risk can be assumed for particular positions. Sensitivity Degree of value change resulting from defined price and/or interest rate changes. Settlement risk Risk that the counterparty does not fulfil its obligation in the settlement of a transaction. Stress simulation Process of simulating revaluation of trading positions on the basis of different scenarios. Scenarios generally replicate extreme historical events, or construct possible future events or extraordinary economic and political conditions. The process detects one-sided, potentially costly risk exposures. Swap Combination of purchase and sale contracts whose settlement dates do not coincide. Trading position Own positions in financial instruments which are entered into with the intention of making a short-term profit from real or expected differences in purchase and sale prices, or in order to hedge other elements of the trading inventory, or for a resale in the short term, or which are held for the purpose of making a transaction with a customer. Trading risks Potential losses (or profits) resulting from price movements and value changes on positions of the bank which are not completely hedged. 24

26 Value-at-risk Measure of the potential value change of a (trading) portfolio given certain assumptions regarding the factors determining value change of the portfolio (market prices, volatilities, correlations). Volatility Measure of the price variability of an instrument. 25

27

28 Associazione svizzera dei banchieri Direttive applicabili alla gestione del rischio nell ambito commerciale (trading) e dell utilizzo di derivati (traduzione)

29

30 Introduzione Pagina I. Principi relativi alla gestione del rischio Politica di rischio Identificazione e misurazione dei rischi Controllo interno dei rischi 36 II. Valutazione Valutazione 37 III. Misurazione e contenimento dei rischi Separazione tra la gestione della struttura di bilancio e l attività commerciale (trading) Rischi di mercato nell ambito commerciale (trading) Rischi di liquidità di mercato Rischi di credito sulle posizioni commerciali e in derivati Rischi operativi Rischi giuridici Simulazione di situazioni estreme («stress simulation») 45 IV. Informazione Principi relativi all informazione 46 Entrata in vigore 47 Glossario 49 29

31

32 Introduzione Queste direttive si prefiggono di assistere le banche nel processo di elaborazione di regole interne concernenti la gestione del rischio. Esse si applicano a tutte le istituzioni attive nel commercio sia esso di derivati o meno e alle istituzioni che utilizzano i derivati nel quadro della gestione della struttura di bilancio. Queste direttive non hanno per obiettivo una gestione uniforme del rischio in seno alle banche membre. Gli istituti restano liberi di trasporre le direttive nella forma a loro più confacente, specialmente per ciò che concerne gli adattamenti concreti ai rischi principali corsi da ciascun istituto. La scelta dei metodi e del grado di precisione delle regole interne deve essere effettuata in funzione della situazione particolare, e cioè in funzione dei rischi corsi. Se in seno a un gruppo bancario, ai fini della gestione del rischio, alcune filiali o succursali svizzere o estere sono raggruppate (cfr. glossario «livello globale banca»), la gestione globale del rischio deve inoltre essere regolamentata a livello del gruppo. I principi determinanti a questo riguardo non sono oggetto delle presenti direttive. La loro fissazione è compito dell organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo. I termini tecnici utilizzati nelle presenti direttive sono precisati in dettaglio nel glossario. 31

33

34 I. Principi relativi alla gestione del rischio 1. Politica di rischio La determinazione, la gestione e la limitazione dei rischi legati al commercio e all utilizzo di derivati è un compito inalienabile dell alta Direzione. La direzione fissa la politica di rischio. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo l approva e ne riesamina periodicamente la conformità. La direzione emana le prescrizioni necessarie alla sua esecuzione. Queste prescrizioni devono prevedere in modo particolare che ogni assunzione di rischio venga decisa unicamente dal personale autorizzato. Si devono fissare limiti per ogni rischio che sia giudicato essenziale per la banca. Tutte le persone preposte alla gestione del rischio devono disporre delle conoscenze specifiche richieste in quest ambito. Commento: Lo sviluppo di nuovi prodotti finanziari, il loro facile accesso e lo sviluppo di nuove tecniche e modelli di gestione e di misura dei rischi, hanno aumentato l importanza della gestione del rischio. Le questioni legate alla gestione del rischio, in particolare la determinazione e il controllo regolare della politica di rischio, costituiscono così un compito importante di direzione. La politica di rischio deve essere parte integrante della politica aziendale globale. Le competenze professionali sono richieste a ogni livello gerarchico, dall organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo, al Comitato di banca, alla direzione fino al fronte. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo può delegare a un Comitato il compito di adottare e di riesaminare periodicamente la politica di rischio. Il sistema di remunerazione del personale può creare degli incentivi che possono rendere difficoltoso il rispetto dei principi di gestione del rischio. Perciò sistemi basati sui risultati economici devono contemplare pure il controllo dei rischi impliciti. 33

35 2. Identificazione e misurazione dei rischi L identificazione dei rischi e la loro integrazione nei sistemi di gestione e di informazione devono essere posti sotto la continua responsabilità di un membro della direzione che abbia le necessarie conoscenze professionali. Le procedure di misurazione dei rischi devono essere concepite in modo appropriato e devono permettere l aggregazione dei rischi a livello globale banca. Commento: La gestione del rischio deve essere sviluppata come processo permanente. La gestione del rischio deve essere oggetto di una documentazione scritta. Un importanza appropriata deve essere assegnata alle competenze professionali, ai sistemi e agli organi incaricati di compiti speciali. Devono essere assicurate le risorse necessarie allo svolgimento dei compiti previsti dalle direttive. I sistemi informatici devono essere adattati alla complessità dei prodotti finanziari e dei rischi impliciti. La Direzione deve essere informata regolarmente sulla situazione globale di rischio della banca. Si deve garantire che il reporting contenga tutti i dati significativi per un apprezzamento globale del rischio in una forma accessibile e comprensibile a tutti i livelli. Gli standard di misurazione dei rischi devono essere conosciuti a tutti i livelli. Inoltre si devono creare le premesse affinché in caso di situazioni straordinarie sia possibile prendere le opportune decisioni ed applicare le misure corrispondenti in modo veloce ed in linea con gli obiettivi. Prima di sviluppare il commercio di nuovi prodotti oppure prima di procedere a modifiche importanti della strategia commerciale, la banca deve assicurarsi di capire a fondo i mercati, le funzioni dei prodotti e le strategie commerciali. Si deve eseguire una stima delle risorse necessarie e degli utili attesi; i rischi devono essere analizzati. Ogni responsabile del fronte dovrebbe essere informato periodicamente sui rischi concernenti la sua unità. Inoltre si raccomanda di analizzare gli utili e le perdite distinguendoli nelle 34

36 loro componenti (variazione di corso e risultato della transazione). Rischio e utile sono strettamente collegati tra di loro e di conseguenza non possono essere valutati separatamente. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo deve essere informato regolarmente sull insieme dei rischi corsi dall istituto. 35

37 3. Controllo interno dei rischi Il rispetto delle prescrizioni interne è sorvegliato da unità indipendenti dal settore commerciale. In modo particolare, la separazione delle funzioni e un «reporting» indipendente devono essere garantiti per mezzo di misure organizzative. Commento: Questo controllo in quanto parte costituente del sistema interno di controllo deve essere affidato a persone che dispongono delle qualifiche necessarie e che sono gerarchicamente indipendenti dal settore commerciale: in altre parole il controllo deve essere affidato a persone indipendenti da quelle all origine delle posizioni a rischio. 36

38 II. Valutazione 4. Valutazione Le posizioni commerciali devono essere valutate almeno una volta al giorno, secondo criteri uniformi e sulla base dei dati di mercato. Utili e perdite devono essere stabiliti giornalmente. Per quanto riguarda le posizioni su derivati non contabilizzate nel libro di trading, è perlomeno necessario procedere ad una valutazione periodica basata su dati di mercato e modelli che tengono in considerazione le caratteristiche dell operazione. Commento: La gestione del rischio presuppone la valutazione delle transazioni e dei portafogli. Questa valutazione, assieme ai pagamenti ricevuti ed effettuati (compresi gli eventuali costi di finanziamento), permette di stabilire gli utili e le perdite in modo corretto da un punto di vista economico. Modifiche di valore causate dalle fluttuazioni di mercato diventano immediatamente visibili. Ogni tipo di posizione deve essere valutata secondo criteri uniformi. Indipendentemente dalla registrazione contabile, e al fine di controllare l efficacia delle misure di copertura, devono essere effettuate rivalutazioni ai prezzi di mercato. Se del caso, il valore delle posizioni deve essere corretto in funzione delle specificità del mercato e dei prodotti (per esempio la liquidità di mercato, l importanza delle posizioni, ecc.). Le posizioni commerciali devono essere rivalutate giornalmente; a seconda della situazione di mercato può rivelarsi necessario procedere ad una valutazione nel corso della giornata lavorativa. Se per valutare le posizioni si utilizzano dei modelli (in particolare nel campo delle operazioni OTC), i parametri necessari (volatilità, ecc.) devono essere ottenuti da fonti indipendenti. Oltre alle ipotesi e ai parametri utilizzati, anche i modelli devono essere riesaminati periodicamente (rischio di modello). 37

39 Al fine di identificare rapidamente eventuali lacune nella copertura delle posizioni in derivati, differenti evoluzioni del valore di mercato delle posizioni base rispetto alle transazioni di copertura, così come errori di valutazione di natura generale, la posizione di base e la transazione di copertura devono essere sottoposte ad una valutazione uniforme. A questo proposito i modelli utilizzati devono essere riesaminati con spirito critico, in modo da evitare nella misura del possibile un orientamento errato nella gestione del rischio. 38

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.12437. 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.12437 03 Luglio 2014 --- Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifiche al Manuale delle Corporate Actions - Amendment to the Corporate Action -

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch.

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch. Interactive Brokers presenta: Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member SIPC

Dettagli

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma

Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Www.ebitda.it Facebook:Ebitda Twitter: Ebitda Discussion Paper Italian Derivatives Raffaele Mazzeo & Antonio Digiamma Numero 10 Marzo 2014 Analysis methodology The fair value recognition of derivative

Dettagli

Procedura Market Abuse Allegato B Elenco Strumenti Finanziari. Market Abuse Procedure Annex B List of Financial Instruments

Procedura Market Abuse Allegato B Elenco Strumenti Finanziari. Market Abuse Procedure Annex B List of Financial Instruments Procedura Market Abuse Allegato B Elenco Strumenti Finanziari Market Abuse Procedure Annex B List of Financial Instruments Procedura Market Abuse Allegato B Elenco Strumenti Finanziari Market Abuse Procedure

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Allegato 2 Definizione di Strumenti Finanziari ai sensi della MIFID. Annex 2 Definition of Financial Instruments, pursuant to MIFID

Allegato 2 Definizione di Strumenti Finanziari ai sensi della MIFID. Annex 2 Definition of Financial Instruments, pursuant to MIFID Allegato 2 Definizione di Strumenti Finanziari ai sensi della MIFID Annex 2 Definition of Financial Instruments, pursuant to MIFID Allegato 2 Definizione di Strumenti Finanziari ai sensi della MIFID Annex

Dettagli

Interactive Brokers presents

Interactive Brokers presents Interactive Brokers presents Il programma Stock Yield Enhancement Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009

AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 AVVISO n.14114 08 Settembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni: Codice di Autodisciplina/Amendemnts to the Instructions: Code

Dettagli

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza

Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Solvency II: Gli orientamenti dell Autorità di Vigilanza Milano, 24 Maggio 2012 Stefano Pasqualini DAL REGOLAMENTO 20 DELL ISVAP A SOLVENCY II SOLVENCY II: PILLAR 2 LA VIGILANZA IN SOLVENCY II CONCLUSIONI

Dettagli

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA

Axpo Italia SpA. Risk mangement trough structured products. Origination Department. Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Risk mangement trough structured products Origination Department Axpo Italia SpA From market risk to customer s risks RISK: The chance that an investment s actual return will be different

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

Asset Management Bond per residenti in Italia

Asset Management Bond per residenti in Italia Asset Management Bond per residenti in Italia Agosto 2013 1 SEB Life International SEB Life International (SEB LI www.seb.ie) società irlandese interamente controllata da SEB Trygg Liv Holding AB, parte

Dettagli

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri

Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Interactive Brokers presenta Dinamica negoziazioni su prodotti stranieri Alessandro Bartoli, Interactive Brokers Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS

ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS ENTERPRISE RISK MANAGEMENT IL PUNTO DI VISTA DI SAS MILANO, 16 GENNAIO 2014 Expected Revenue from Business Line XXX Expected Revenue from Business Line XXX Result at 1% Target Expected Result ENTERPRISE

Dettagli

Circolare 1/2008 concernente il riconoscimento di standard di revisione (Circ. 1/2008)

Circolare 1/2008 concernente il riconoscimento di standard di revisione (Circ. 1/2008) Autorità federale di sorveglianza dei revisori ASR Circolare 1/2008 concernente il riconoscimento di standard di revisione (Circ. 1/2008) del 17 marzo 2008 (stato 1 gennaio 2015) Indice I. Contesto n.

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009

AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 AVVISO n.1450 02 Febbraio 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifica alle Istruzioni al Regolamento: in vigore il 18/02/09/Amendments to the Instructions

Dettagli

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico

Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico Orientare una compagnia di assicurazioni alla creazione di valore economico This report is solely for the use of client personnel. No part of it may be circulated, quoted, or reproduced for distribution

Dettagli

La gestione tattica di un portafoglio target volatility

La gestione tattica di un portafoglio target volatility La gestione del Portfolio tattico e Money Management La gestione tattica di un portafoglio target volatility Relatore: Federico Pitocco Business Development Manager Morningstar Investment Management Europe

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari

Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari Risposta ABI al Consultation Paper del CESR sulla trasparenza dei mercati non azionari POSITION PAPER 8 giugno 2007 1. Premessa L Associazione Bancaria Italiana (di seguito ABI), che con oltre 800 banche

Dettagli

Comprendere il margine

Comprendere il margine Interactive Brokers presenta Comprendere il margine presso IB Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) MODEL DISCLOSURE FOR TRANSACTIONS IN THE ISSUER S SECURITIES (pursuant to paragraph 1.4

Dettagli

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.20015. 20 Novembre 2012 ExtraMOT. Mittente del comunicato : Borsa Italiana. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.20015 20 Novembre 2012 ExtraMOT Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto dell'avviso : -- Oggetto : Modifica Regolamento ExtraMOT: Controlli automatici delle negoziazioni - Automatic

Dettagli

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali

Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali. Introduzione ai Processi aziendali Il sistema di gestione dei dati e i processi aziendali Introduzione ai Processi aziendali Obiettivi della sessione Al termine di questa sessione sarete in grado di: Spiegare cosa siano obiettivi di business,

Dettagli

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options

IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options FINANCIAL SERVICES IX Convention ABI Implementazione dei sistemi informativi e organizzativi in ottica IAS/IFRS: criticità, soluzioni e scelta delle IFRS options Roma, 30 Novembre 2005 Antonio Mansi Raffaele

Dettagli

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello.

Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Secondo livello Terzo livello Quarto livello Quinto livello. 2008 Q1 results 2008 Q1 - Highlights [change vs 2007 Q1] y-1 exchange rate Sales: 756 M (+0.6%) Operating income: 46 M (+1.2%) Operating margin: 6.1% Vs 6.1% Net Financial Indebtedness: 498 M Vs 542 M

Dettagli

Portfolio Analyst. Interactive Brokers presenta. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers. Il webinar inizia alle 18:00 CET

Portfolio Analyst. Interactive Brokers presenta. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers. Il webinar inizia alle 18:00 CET Interactive Brokers presenta Portfolio Analyst Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali

e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali e-privacy 2012 Open data e tutela giuridica dei dati personali Milano, 22 giugno 2012 Prof. Avv. Alessandro Mantelero Politecnico di Torino IV Facoltà I. Informazione pubblica ed informazioni personali

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015 Informazione Regolamentata n. 1155-56-215 Data/Ora Ricezione 2 Ottobre 215 13:12:6 MTA - Star Societa' : TESMEC Identificativo Informazione Regolamentata : 63825 Nome utilizzatore : TESMECN1 - Patrizia

Dettagli

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010

Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010. Bologna, 11 Novembre 2010 Presentazione Conference call Risultati 3Q 2010 Bologna, 11 Novembre 2010 2 Disclaimer This presentation contains forwards-looking information and statements about IGD SIIQ SPA and its Group. Forward-looking

Dettagli

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA

AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA AVVISO n.18049 02 Dicembre 2010 MTA Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : FIAT dell'avviso Oggetto : Fiat, Fiat Industrial Testo del comunicato Interventi di rettifica, proposte di

Dettagli

AVVISO n SeDeX - INV. CERTIFICATES. 25 Febbraio Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n SeDeX - INV. CERTIFICATES. 25 Febbraio Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.2580 25 Febbraio 2015 SeDeX - INV. CERTIFICATES Mittente del comunicato : BORSA ITALIANA Societa' oggetto dell'avviso : Credit Agricole CIB Financial Solutions Oggetto : Inizio negoziazione 'Investment

Dettagli

La provincia di Milano

La provincia di Milano La provincia di Milano Siena, maggio 2014 Area Research & IR Provincia di Milano: dati socio economici 1/2 Milano DATI SOCIO-ECONOMICI 2014 Var. % 13-14 Var. % 14-15 Var. % 15-16 Milano Italia Milano Italia

Dettagli

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM

Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Riconciliazione tra istruzioni T2S ed istruzioni X-TRM Versione 2.0 18/03/2015 London Stock Exchange Group 18/03/2015 Page 1 Summary Riconciliazione X-TRM e T2S per DCP 1. Saldi iniziali ed operazioni

Dettagli

Informazione Regolamentata n

Informazione Regolamentata n Informazione Regolamentata n. 0620-21-2016 Data/Ora Ricezione 24 Giugno 2016 15:12:54 MTA - Star Societa' : FIERA MILANO Identificativo Informazione Regolamentata : 76073 Nome utilizzatore : FIERAMILANON01

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Data/Ora Ricezione 02 Ottobre 2015 17:24:36 MTA - Star Societa' : INTERPUMP GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 63839 Nome utilizzatore : INTERPUMPN01

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia 01 Angelo Micocci: fonti e definizioni 1 Obiettivo della lezione Internal Control

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Data/Ora Ricezione 04 Novembre 2015 20:24:43 MTA Societa' : GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI Identificativo Informazione Regolamentata : 65108 Nome utilizzatore : RICCHETTIN01

Dettagli

Il ruolo del Commercialista come stimolo alla crescita delle imprese di minori dimensioni.

Il ruolo del Commercialista come stimolo alla crescita delle imprese di minori dimensioni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO THINK SMALL FIRST: La piccola e la micro impresa al centro dell attenzione dell Europa Il ruolo del Commercialista come stimolo alla crescita delle imprese

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12

INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 INFORMATIVA EMITTENTI N. 18/12 Data: 10/02/2012 Ora: 15:05 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Risultati definitivi dell aumento di capitale in opzione agli azionisti ordinari e di risparmio / Final results

Dettagli

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa

La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa La soluzione IBM per la Busines Analytics Luca Dalla Villa Cosa fa IBM Cognos Scorecards & Dashboards Reports Real Time Monitoring Supporto? Decisionale Come stiamo andando? Percezione Immediate immediata

Dettagli

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI IL RUOLO DEL RISK MANAGEMENT NEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Andrea Piazzetta Risk Manager Gruppo Banca Popolare di Vicenza Vicenza, 18 settembre 2009 Gruppo Banca Popolare di Vicenza Contesto regolamentare

Dettagli

ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis

ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis 7.4 ANALISI DEI PERICOLI Hazard Analysis Identificazione Valutazione Misure di Controllo Identification Assessment Control Measures Taccani 1 7.4.2 Identificare i pericoli e i livelli accettabili Identify

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Risvolti patologici e allocazione rischio. Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Norton Rose Fulbright Studio Legale Roma 14 novembre 2013

Risvolti patologici e allocazione rischio. Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Norton Rose Fulbright Studio Legale Roma 14 novembre 2013 Risvolti patologici e allocazione rischio Avv. Gennaro Mazzuoccolo Partner Banking Roma 14 novembre 2013 Sommario Presentazione Tipi Contrattuali Allocazione Rischi Casi Pratici 2 You get your licence.

Dettagli

PCI Laurea Specialistica in Consulenza Professionale per le Aziende. 7 Lezione IFRS 13: fair value measurment. Bari 19 Marzo 2014

PCI Laurea Specialistica in Consulenza Professionale per le Aziende. 7 Lezione IFRS 13: fair value measurment. Bari 19 Marzo 2014 PCI Laurea Specialistica in Consulenza Professionale per le Aziende 7 Lezione IFRS 13: fair value measurment Bari 19 Marzo 2014 AGENDA 1. L ambito di applicazione 2. Le motivazioni 3. L IFRS 13: fair value

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY

IL PROCESSO DI INVESTIMENTO DI UNA SGR IMMOBILIARE THE INVESTMENT PROCESS OF AN ASSET MANAGEMENT COMPANY Maria Giuditta Losa MRICS, Responsabile Funzione Valutazioni Serenissima SGR S.p.A. Milano, 11 Aprile 2014, Camera di Commercio Gli Impatti degli effetti della riforma catastale sulla valorizzazione di

Dettagli

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK

TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK TRASFERIMENTO TECNOLOGICO IN UK L ESEMPIO DI E-SYNERGY 2 Contenuto Parlerò: dei rischi legati all investimento in aziende start-up delle iniziative del governo britannico per diminuire questi rischi e

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione

La Sua banca dovrá registrare il mandato di addebito nei propri sistemi prima di poter iniziare o attivare qualsiasi transazione To: Agenti che partecipano al BSP Italia Date: 28 Ottobre 2015 Explore Our Products Subject: Addebito diretto SEPA B2B Informazione importante sulla procedura Gentili Agenti, Con riferimento alla procedura

Dettagli

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015

Appunti euroritenuta. Torino 30 giugno 2015 Appunti euroritenuta Torino 30 giugno 2015 Agreements between the EU and five European countries On 2 June 2004, the Council adopted a Decision on the signature and conclusion of an Agreement between the

Dettagli

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA

RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA RELAZIONE SULLA CONGRUITÀ DEL RAPPORTO DI CAMBIO REDATTA PER SANPAOLO IMI S.P.A., AI SENSI DELL ART. 2501-SEXIES CODICE CIVILE, DA PRICEWATERHOUSECOOPERS S.P.A. [QUESTA PAGINA È STATA LASCIATA INTENZIONALMENTE

Dettagli

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi

IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari. Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi IAS 32 e IAS 39: La rilevazione e la valutazione degli strumenti finanziari Edgardo Palombini Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi L introduzione degli International Financial Reporting Standards

Dettagli

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009

AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 AVVISO n.19330 22 Dicembre 2009 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche AIM Italia: Membership: dal 1 febbraio 2010 Amendments to the AIM Italia: Membership:

Dettagli

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.

Agenda. IT Governance e SOA. Strumenti di supporto alla governance. Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo. SOA Governance Vittoria Caranna vcaranna@imolinfo.it Marco Cimatti mcimatti@imolinfo.it Agenda IT Governance e SOA Strumenti di supporto alla governance 2 Importanza della Governance Service Oriented Architecture

Dettagli

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio

Esaminiamo ora, più in dettaglio, questi 5 casi. Avv. Maurizio Iorio Normativa RAEE 2 e normativa sui rifiuti di Pile ed Accumulatori : gli obblighi posti in capo ai Produttori che introducono AEE, Pile e accumulatori in paesi diversi da quelli in cui sono stabiliti Avv.

Dettagli

Comunicazione del 22 marzo 2012 Normativa in materia di bilancio e segnalazioni delle banche e degli intermediari finanziari. Quesiti.

Comunicazione del 22 marzo 2012 Normativa in materia di bilancio e segnalazioni delle banche e degli intermediari finanziari. Quesiti. Comunicazione del 22 marzo 2012 Normativa in materia di bilancio e segnalazioni delle banche e degli intermediari finanziari. Quesiti. Talune banche hanno chiesto di conoscere le corrette modalità di rilevazione,

Dettagli

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato

Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato Le energie rinnovabili in Italia tra Stato e Mercato The Adam Smith Society Massimo Orlandi Amministratore Delegato Sorgenia Roma, 22 gennaio 28 Sorgenia: Il primo operatore privato italiano nel settore

Dettagli

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico.

Minieolico 2013. Lares Energy. Chi siamo. Minieolico. Lares Energy per il Minieolico. La Tecnologia. Vantaggi di un impianto Minieolico. L A R E S E N E R G Y Minieolico 2013 Lares Energy Chi siamo Minieolico Lares Energy per il Minieolico La Tecnologia Vantaggi di un impianto Minieolico Contact DISCLAIMER This document may include the

Dettagli

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia

Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Avv. Lorenzo Parola Avv. Silvia Morlino Milano, 30 giugno 2008 Le novità della MiFID per il trading finanziario di energia e aspetti contrattualistici dei derivati sull energia Sommario La riserva di attività

Dettagli

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015

4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 me Ho CALL FOR PAPERS: 4th International Conference in Software Engineering for Defence Applications SEDA 2015 Software Engineering aims at modeling, managing and implementing software development products

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16

Redazione Approvazione Autorizzazione all emissione Entrata in vigore. Il Direttore Generale 2015-07-16 Titolo/Title Elenco norme e documenti di riferimento per l'accreditamento degli Organismi di Verifica delle emissioni di gas ad effetto serra List of reference standards and documents for the accreditation

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO STEP BY STEP INSTRUCTIONS FOR COMPLETING THE ONLINE APPLICATION FORM Enter the Unito homepage www.unito.it and click on Login on the right side of the page. - Tel. +39 011 6704425 - e-mail internationalexchange@unito.it

Dettagli

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB

Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina i dei imercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 Luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs

Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Corsi di Laurea Magistrale/ Master Degree Programs Studenti iscritti al I anno (immatricolati nell a.a. 2014-2015 / Students enrolled A. Y. 2014-2015) Piano di studi 17-27 Novembre 2014 (tramite web self-service)

Dettagli

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice

PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT turn risk into a choice OUR PHILOSOPHY PIRELLI ENTERPRISE RISK MANAGEMENT POLICY ERM MISSION manage risks in terms of prevention and mitigation proactively seize the

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa... INDICE Presentazione... Premessa... pag. VII XV CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti «derivati»: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi presenti nell attività finanziaria...

Dettagli

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte

Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte Gli impatti pratici della normativa Basilea III, CRD IV e altre modifiche regolamentari sul Rischio di Controparte QFIN LAB 14 Febbraio2012 Rita Gnutti Direzione Risk Management Responsabile Modello Interno

Dettagli

PROGETTO parte di Programma Strategico

PROGETTO parte di Programma Strategico ALLEGATO B1 PROGETTO parte di Programma Strategico FORM 1 FORM 1 General information about the project INSTITUTION PRESENTING THE STRATEGIC PROGRAM (DESTINATARIO ISTITUZIONALE PROPONENTE): TITLE OF THE

Dettagli

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale

Sistemi elettronici per la sicurezza dei veicoli: presente e futuro. Il ruolo della norma ISO 26262 per la Sicurezza Funzionale 18 aprile 2012 Functional Safety Assessment e strumenti di supporto ai requisiti della norma ISO 26262 Carlo La Torre 4S Group - Management Systems & Functional Safety Senior Expert Renato Librino 4S Group

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione Allegato 2 TRACCIATO DATI PER ANAGRAFICHE TITOLI INTERMEDIARI Per uniformare l invio delle informazioni sui titoli trattati presso gli internalizzatori sistematici si propone l invio di un file in formato

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

Basilea III. Aprile 2013

Basilea III. Aprile 2013 Basilea III Aprile 2013 Basiela I, II, III,. 2 Basilea I 1988 Basilea II 2006 Basilea III 2013 Risposta del Comitato di Basilea alla crisi finanziaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 3 Il

Dettagli

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso

PIANO DI STUDI. Primo anno di corso PIANO DI STUDI Laurea in Economia, commercio internazionale e mercati finanziari (DM 270/04) L-33 Bachelor degree in Italian and in English (2 curricula in English) 1) CURRICULUM: Economia internazionale

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli

La gestione del rischio controparti

La gestione del rischio controparti Risk Assurance Services www.pwc.com/it La gestione del rischio controparti Un esigenza da presidiare per la tutela della reputazione e del valore aziendale La reputazione è un asset strategico da valorizzare,

Dettagli

Famiglie di tabelle fatti

Famiglie di tabelle fatti aprile 2012 1 Finora ci siamo concentrati soprattutto sulla costruzione di semplici schemi dimensionali costituiti da una singola tabella fatti circondata da un insieme di tabelle dimensione In realtà,

Dettagli

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012

L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali. Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 L applicazione del Matching Adjustment alle Gestioni Speciali Dott. Marco Cerizzi Milano, 17 Maggio 2012 Agenda 1. Il business delle gestioni speciali 2. L applicazione del Matching Adjustment alle gestioni

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli