Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives"

Transcript

1 Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives Associazione svizzera dei banchieri Direttive applicabili alla gestione del rischio nell ambito commerciale (trading) e dell utilizzo di derivati SCHWEIZERISCHE BANKIERVEREINIGUNG ASSOCIATION SUISSE DES BANQUIERS SWISS BANKERS ASSOCIATION

2 Swiss Bankers Association Risk Management Guidelines for Trading and for the Use of Derivatives (Translation) 1

3

4 Contents Page Introduction 5 I. Risk Management Principles 7 1. Risk Policy 7 2. Risk Identification and Measurement 8 3. Internal Control Systems 9 II. Valuation Valuation 10 III. Risk Measurement and Limitation Separation of Trading and Asset and Liability Management Market Risks in Trading Liquidity Risks Credit Risks Resulting from Trading and Derivatives Positions Operational Risks Legal Risks Stress Simulation 17 IV. Information Disclosure Principles 18 Effective Date 19 Glossary 21 3

5

6 Introduction The present guidelines are designed to support banks in formulating directives for risk management. They apply to all banks active in trading with financial instruments, irrespective of whether the traded products are derivatives or not. They also apply to banks that use derivatives for asset and liability management. The purpose of these guidelines is not to establish a single set of risk management directives for members of the Swiss Bankers Association. It is left up to the individual banks to decide how to implement the guidelines in the most appropriate manner, in light of the risks that are relevant for each institution. The methods employed and the degree of detail of internal directives should be determined in accordance with the volume of trading and the extent of activities in derivatives, i.e. should be adequate for the risk exposure. If a banking group combines subsidiaries and branches in Switzerland and abroad into more than one risk management entity (overall bank), then in addition the overall risk management has to be performed on the group level. The principles which would apply in these instances are not contained in these guidelines; their establishment is the responsibility of the individual bank s board of directors in conjunction with the controlling and supervisory bodies of the individual banking group. The definitions as given in the glossary only are valid for the terms used in these regulations. 5

7

8 I. Risk Management Principles 1. Risk Policy Recording, managing and limiting the risks resulting from trading and from the use of derivatives is a primary management task. Executive management formulates risk policy, which is approved and periodically assessed for its appropriateness by the board of directors. Executive management issues directions for the implementation of risk policy. These must specifically ensure that all risk is exclusively assumed by authorized persons. Limits must be established for all risks that are relevant to the bank. All persons that are entrusted with risk management must possess the necessary technical knowledge. Comments: The importance of risk management has increased with the introduction of new products, be it because it has become easier to assume risk, or because today many instruments are available for risk management. Risk management issues, particularly the formulation and the regular review of policy, are a primary management task. Risk policy should be part of general company policy. Specialist knowledge has to exist at both board of director and executive management levels and to appropriate degrees with line management. Periodic assessment of risk policy can be delegated by the board of directors to a committee. Remuneration systems can create incentives which make risk management more difficult. For this reason, performancerelated personnel salary systems require appropriate risk controls. 7

9 Comments: Risk management must be developed as a permanent process. Risk management requirements are to be documented in writing. Particular importance has to be given to expertise, systems and the organs of the bank entrusted with special risk management tasks. The activities required by these guidelines have to be adequately resourced. EDP systems must be consistent with the complexity of the financial products and their risks. The executive board must be informed periodically about the bank s overall risk position. It has to be ensured that the assessment of the overall risk situation includes all relevant information in a manner that is understandable and adequate at the different management levels. The standards of risk measurement have to be known at all levels of the bank. Moreover, provisions have to be made such that in extraordinary situations, the necessary decisions can be made rapidly and effectively, and appropriate measures can be taken. Before new products are traded or trading strategies are substantially changed, markets, business strategies and the functions of products must be understood, estimates on required resources and expected revenues made, and the risks involved analyzed. Each line manager should receive information on all risks involving his unit as periodic management information. In addition, it is recommended that profits and losses be analyzed and broken down into their constituent parts (price change, transaction result). Risk and return are linked and therefore must not be assessed separately. The board of directors is to be informed periodically about the overall risk situation Risk Identification and Measurement The identification of risks and their integration in risk-management and risk-reporting systems are to be recognized as permanent tasks and the functional responsibility of a member of the executive board. The measuring procedures should be designed adequately and should allow risk aggregation up to the overall bank level.

10 3. Internal Control Systems Compliance with internal instructions is controlled by units that are independent from trading. Organizational measures must ensure segregation of duties as well as an independent reporting line. Comments: Control, as part of the internal control system (ICS), must be performed by professionally qualified persons who do not report to trading, i.e. they must be independent from persons that assume risk positions. 9

11 II. Valuation 4. Valuation Trading positions are to be valued at least once daily on the basis of uniform criteria and market data. Profit and loss is to be calculated daily. Positions in derivatives, that are not part of the trading books, are to be valued at least periodically on the basis of market data and models that account for the specific characteristics of the business. Comments: Risk management requires the valuation of transactions and portfolios. The valuation together with realized cash flows (including possible financing cost) allow the economically correct determination of profit and loss. By this means, value changes due to market movements become immediately transparent. Valuations are to be standardized per type of position. To submit the effectiveness of the hedging measures to the market test, market valuations have to be done irrespective of the accounting treatment. The position values have to be adjusted for specific market and product features (e.g. market liquidity, position size). Daily valuations of trading positions are imperative; intra-day valuations may also be required depending on the market situation. If models are used for valuations (relevant in OTC business), the necessary updated parameters (volatility etc.) are to be procured from sources independent from trading. In addition to the assumptions and parameters used, the models should also be reviewed periodically (model risks). To identify quickly hedging gaps in derivatives positions, diverging market values of risk-producing transactions and hedging transactions, as well as erroneous valuations of a general kind, the risk-producing transactions and hedging transactions should be subject to one standardized valuation method. Again, any applied models are to be reviewed critically in order to avoid risk management failures as much as possible. 10

12 III. Risk Measurement and Limitation 5. Separation of Trading and Asset and Liability Management In terms of both operational responsibility and profit and loss measurement, trading portfolios must be clearly separated from the activity of managing the balance sheet structure. Comments: Clear separation is required between asset and liability management and trading activities. Evidence of this should include a clear segregation of duties and a separate allocation of limits. The risks and the profit and loss also have to be reported separately. In view of their similarity, trading risks and balance sheet risks should be aggregated at a higher level. In the accounting, a clear distinction has to be made between trading transactions, investment transactions (strategic positions) and balance sheet management. Profits resulting from the balance sheet management must be accounted for separately from trading profits. 11

13 6. Market Risks in Trading Limits are to be established for market risks. Risks are to be measured at least once a day on the basis of recognized methods; they are to be reported, controlled and periodically aggregated at the overall bank level. Comments: Positions in trading business have to be managed on a continuous basis. Measuring procedures and methods should be based on the best market practice. In addition, the models are to be checked periodically (using, for instance, the backtesting procedure). No trading should occur without correct measurement and representation of the risks of an instrument or product. Besides sensitivities and simulation calculations within a risk class, professional market participants should also implement cross-product approaches that serve specifically for aggregation purposes, provided these approaches are statistically sound. Recommended approaches include the value-at-risk method (statistical description of the portfolio risk) or similar, scenario-based approaches. 12

14 7. Liquidity Risks Suitable measures are to be adopted to take account of the risk of inadequate market liquidity in trading products. Comments: To provide for inadequate market liquidity, controls have to be applied to the relative share of the volume of individual issues, the absolute position size or the amount of the tolerable loss. Specific market liquidity risk has to be taken into account by means of value adjustments in profit and loss calculations. Funding risks are to be clearly distinguished from market liquidity risks which need to be taken into account in liquidity management. 13

15 8. Credit Risks Resulting from Trading and Derivatives Positions All credit risks resulting from trading and derivatives positions have to be measured, aggregated and periodically shown as overall exposure by counterparty and country on a consolidated basis. Comments: Transactions on markets without variation margins (especially in OTC trading) generate considerable implicit credit exposure, in particular, in forward contracts and swaps but also for long positions in options. Financial models permit these implicit credit exposures to be valued. Gross and net replacement values as well as their potential increase over time (e.g. by use of add-ons) can be quantified. The settlement risk, which from a risk point of view occurs at the conclusion of the transaction, has to be taken into account. Attention has to be paid to reducing credit risk (netting contracts, enforcing collateral). Recognized methods have to be applied to determine credit risks. The above-mentioned techniques (replacement values and the consideration of potential increase over time) are recommended together with simulation techniques. Credit risks are to be aggregated from trade and derivatives positions per counterparty and shown in connection with the limits. A further aggregation of credit risk is recommended (Federal Banking Commission) and is also partly required by the law. 14

16 9. Operational Risks Operational risks are to be limited by a suitable operational organization as well as integrated systems procedures. Comments: Organizational measures should be focused on establishing a suitable structure and procedures, segregation of duties as well as built-in systematic controls (See also guideline No. 3). Integrated EDP and automated procedures help to reduce error sources effectively. 15

17 10. Legal Risks Legal risks resulting from trading and from the use of derivatives should be controlled by means of appropriate documentation. Market-customary, standard master-agreements should be used if possible. Comments: Knowledge of the legal and economic environment of the counterparty constitutes the foundation for efficient legal risk management. Primarily in international business, the issues of (a) a binding contract and (b) the enforceability and netting of obligations from contracts are a matter of high priority. 16

18 11. Stress Simulation In order to be prepared for potentially extreme situations, additional analyses are to be performed regularly. Comments: Stress tests on an overall bank level should be performed to calculate potential extreme losses. Results should be evaluated with a view to taking appropriate measures. The emphasis of these stress analyses, which are based on economically and politically plausible scenarios, is on market risks. Sensitivity tests, such as the value-at-risk method, simulate small market movements in a stable environment. Strategically-relevant risks based on exceptional market movements require more comprehensive stress analyses. 17

19 IV. Information 12. Disclosure Principles Qualitative and quantitative information separated into credit and market risks is to be produced periodically and integrated into the notes of the annual report in suitable form. Adoption of internationally-accepted standards is recommended. Comments: Quantitative data has to be complemented by a qualitative description of methods and assumptions used in measuring risk. If market risk information is disclosed using for instance the value-at-risk concept, the underlying confidence interval, the observation period, the holding period as well as the aggregation method should be indicated. Credit risk information should include gross replacement values, contract values as well as the credit equivalent or the add-on, whereby the exposure is classified by counterparty quality and, if possible, contract maturity. Net replacement values may only be reported if there are legally enforceable netting agreements in place. 18

20 Effective Date The board of directors of the Swiss Bankers Association passed these Guidelines on January 31, They are effective as of July 1, If the risk management does not comply with the Guidelines, risk management and internal directives have to be adjusted to reflect the regulations without delay, otherwise the activity in question is to be restricted or abandoned altogether. Basel, January 31,

21

22 Glossary Add-on Allowance for future potential credit risk during the remaining life of a contract. Backtesting Method for retrospectively testing the forecasting quality of a model. The validation analysis for value-at-risk models is carried out by comparing actual daily profit and loss figures with the computed daily value-at-risk figures. If profit and loss exceeds the value-at-risk more frequently than would be statistically predicted, the model is shown to underestimate risk. Balance sheet risks Interest and currency risks resulting from disequilibria in the balance sheet (including off-balance sheet positions). Credit equivalent An amount comparable to a loan which, during the life of a contract, a bank has as a receivable from a counterparty. It includes the present value of the contract and the potential value resulting from future market movements. Credit risk Possibility of default of a counterparty during the life of a loan. Or, the distribution of defaults within a particular credit-quality category around a long-term average. Derivatives Instruments whose values are derived from the values of underlyings (securities, currencies, commodities, etc.) or reference rates (interest rates, exchange rates indices, etc.). A basic distinction is made between futures (forwards, futures, swaps) and options. Forward contract Contract in which the date of transaction and that of settlement are not the same. 21

23 Funding risk Risk of default on payment. Hedging gaps Incomplete coverage of hedged positions. Hedging transaction Transaction to reduce the risk of an individual position or portfolio. Implicit credit exposure Credit risks which do not arise directly from issuing loans but which result from entering into transactions in financial instruments (in particular OTC derivatives). Internal risk control Units of the bank which measure, aggregate and report risks (also profit and loss) with the support of systems and processes and which enforce compliance with risk limits. Legal risks The danger inherent in the legal peculiarities of the country of the counterparty that contractually agreed claims are not recognized either because the counterparty was not authorized to enter into such an agreement, or because the contract was later discovered to be inadequate or because the financial instrument violated the provisions of the applicable law. Managing the balance sheet structure (asset and liability management) Management of all asset and liability positions on the balance sheet as well as all off-balance sheet positions in terms of interest and currency risks (excluding trading positions). Market liquidity risk Risk that an instrument to be delivered (received) cannot or can only be acquired (sold) partially or with large price concessions. 22

24 Model risks Valuations of derivatives require the use of models which constitute a risk dimension in themselves, since in certain circumstances the values and market risks computed by the model may only partially reflect real market conditions. The inherent risk is that decisions are based on model information which can later prove to be erroneous and costly (resulting in a loss). Netting Setting off between counterparties, on the basis of bilateral or multilateral contracts, of mutual payment obligations on expiry date, or in the case of default of a counterparty of unrealized profits and unrealized losses. Operational risk Risk arising from human error or from inadequate operating systems. Option The right to buy or sell a specified amount of a particular underlying instrument at a set price during a delimited time period or on a defined day. Over-the-counter (OTC) business Trade in non-standard financial instruments. In general, the counterparties decide all details of the transactions or agree to certain standardized market conventions. Overall bank A bank, including its domestic and foreign branches as well as its subsidiaries, which are grouped into a single entity for risk management purposes. The grouping may not conflict with the purpose of achieving adequate risk management. Replacement value Market value of open positions at a particular point in time. 23

25 Risk limits Quantitative limits setting the extent to which risk can be assumed for particular positions. Sensitivity Degree of value change resulting from defined price and/or interest rate changes. Settlement risk Risk that the counterparty does not fulfil its obligation in the settlement of a transaction. Stress simulation Process of simulating revaluation of trading positions on the basis of different scenarios. Scenarios generally replicate extreme historical events, or construct possible future events or extraordinary economic and political conditions. The process detects one-sided, potentially costly risk exposures. Swap Combination of purchase and sale contracts whose settlement dates do not coincide. Trading position Own positions in financial instruments which are entered into with the intention of making a short-term profit from real or expected differences in purchase and sale prices, or in order to hedge other elements of the trading inventory, or for a resale in the short term, or which are held for the purpose of making a transaction with a customer. Trading risks Potential losses (or profits) resulting from price movements and value changes on positions of the bank which are not completely hedged. 24

26 Value-at-risk Measure of the potential value change of a (trading) portfolio given certain assumptions regarding the factors determining value change of the portfolio (market prices, volatilities, correlations). Volatility Measure of the price variability of an instrument. 25

27

28 Associazione svizzera dei banchieri Direttive applicabili alla gestione del rischio nell ambito commerciale (trading) e dell utilizzo di derivati (traduzione)

29

30 Introduzione Pagina I. Principi relativi alla gestione del rischio Politica di rischio Identificazione e misurazione dei rischi Controllo interno dei rischi 36 II. Valutazione Valutazione 37 III. Misurazione e contenimento dei rischi Separazione tra la gestione della struttura di bilancio e l attività commerciale (trading) Rischi di mercato nell ambito commerciale (trading) Rischi di liquidità di mercato Rischi di credito sulle posizioni commerciali e in derivati Rischi operativi Rischi giuridici Simulazione di situazioni estreme («stress simulation») 45 IV. Informazione Principi relativi all informazione 46 Entrata in vigore 47 Glossario 49 29

31

32 Introduzione Queste direttive si prefiggono di assistere le banche nel processo di elaborazione di regole interne concernenti la gestione del rischio. Esse si applicano a tutte le istituzioni attive nel commercio sia esso di derivati o meno e alle istituzioni che utilizzano i derivati nel quadro della gestione della struttura di bilancio. Queste direttive non hanno per obiettivo una gestione uniforme del rischio in seno alle banche membre. Gli istituti restano liberi di trasporre le direttive nella forma a loro più confacente, specialmente per ciò che concerne gli adattamenti concreti ai rischi principali corsi da ciascun istituto. La scelta dei metodi e del grado di precisione delle regole interne deve essere effettuata in funzione della situazione particolare, e cioè in funzione dei rischi corsi. Se in seno a un gruppo bancario, ai fini della gestione del rischio, alcune filiali o succursali svizzere o estere sono raggruppate (cfr. glossario «livello globale banca»), la gestione globale del rischio deve inoltre essere regolamentata a livello del gruppo. I principi determinanti a questo riguardo non sono oggetto delle presenti direttive. La loro fissazione è compito dell organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo. I termini tecnici utilizzati nelle presenti direttive sono precisati in dettaglio nel glossario. 31

33

34 I. Principi relativi alla gestione del rischio 1. Politica di rischio La determinazione, la gestione e la limitazione dei rischi legati al commercio e all utilizzo di derivati è un compito inalienabile dell alta Direzione. La direzione fissa la politica di rischio. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo l approva e ne riesamina periodicamente la conformità. La direzione emana le prescrizioni necessarie alla sua esecuzione. Queste prescrizioni devono prevedere in modo particolare che ogni assunzione di rischio venga decisa unicamente dal personale autorizzato. Si devono fissare limiti per ogni rischio che sia giudicato essenziale per la banca. Tutte le persone preposte alla gestione del rischio devono disporre delle conoscenze specifiche richieste in quest ambito. Commento: Lo sviluppo di nuovi prodotti finanziari, il loro facile accesso e lo sviluppo di nuove tecniche e modelli di gestione e di misura dei rischi, hanno aumentato l importanza della gestione del rischio. Le questioni legate alla gestione del rischio, in particolare la determinazione e il controllo regolare della politica di rischio, costituiscono così un compito importante di direzione. La politica di rischio deve essere parte integrante della politica aziendale globale. Le competenze professionali sono richieste a ogni livello gerarchico, dall organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo, al Comitato di banca, alla direzione fino al fronte. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo può delegare a un Comitato il compito di adottare e di riesaminare periodicamente la politica di rischio. Il sistema di remunerazione del personale può creare degli incentivi che possono rendere difficoltoso il rispetto dei principi di gestione del rischio. Perciò sistemi basati sui risultati economici devono contemplare pure il controllo dei rischi impliciti. 33

35 2. Identificazione e misurazione dei rischi L identificazione dei rischi e la loro integrazione nei sistemi di gestione e di informazione devono essere posti sotto la continua responsabilità di un membro della direzione che abbia le necessarie conoscenze professionali. Le procedure di misurazione dei rischi devono essere concepite in modo appropriato e devono permettere l aggregazione dei rischi a livello globale banca. Commento: La gestione del rischio deve essere sviluppata come processo permanente. La gestione del rischio deve essere oggetto di una documentazione scritta. Un importanza appropriata deve essere assegnata alle competenze professionali, ai sistemi e agli organi incaricati di compiti speciali. Devono essere assicurate le risorse necessarie allo svolgimento dei compiti previsti dalle direttive. I sistemi informatici devono essere adattati alla complessità dei prodotti finanziari e dei rischi impliciti. La Direzione deve essere informata regolarmente sulla situazione globale di rischio della banca. Si deve garantire che il reporting contenga tutti i dati significativi per un apprezzamento globale del rischio in una forma accessibile e comprensibile a tutti i livelli. Gli standard di misurazione dei rischi devono essere conosciuti a tutti i livelli. Inoltre si devono creare le premesse affinché in caso di situazioni straordinarie sia possibile prendere le opportune decisioni ed applicare le misure corrispondenti in modo veloce ed in linea con gli obiettivi. Prima di sviluppare il commercio di nuovi prodotti oppure prima di procedere a modifiche importanti della strategia commerciale, la banca deve assicurarsi di capire a fondo i mercati, le funzioni dei prodotti e le strategie commerciali. Si deve eseguire una stima delle risorse necessarie e degli utili attesi; i rischi devono essere analizzati. Ogni responsabile del fronte dovrebbe essere informato periodicamente sui rischi concernenti la sua unità. Inoltre si raccomanda di analizzare gli utili e le perdite distinguendoli nelle 34

36 loro componenti (variazione di corso e risultato della transazione). Rischio e utile sono strettamente collegati tra di loro e di conseguenza non possono essere valutati separatamente. L organo per la direzione superiore, la vigilanza e il controllo deve essere informato regolarmente sull insieme dei rischi corsi dall istituto. 35

37 3. Controllo interno dei rischi Il rispetto delle prescrizioni interne è sorvegliato da unità indipendenti dal settore commerciale. In modo particolare, la separazione delle funzioni e un «reporting» indipendente devono essere garantiti per mezzo di misure organizzative. Commento: Questo controllo in quanto parte costituente del sistema interno di controllo deve essere affidato a persone che dispongono delle qualifiche necessarie e che sono gerarchicamente indipendenti dal settore commerciale: in altre parole il controllo deve essere affidato a persone indipendenti da quelle all origine delle posizioni a rischio. 36

38 II. Valutazione 4. Valutazione Le posizioni commerciali devono essere valutate almeno una volta al giorno, secondo criteri uniformi e sulla base dei dati di mercato. Utili e perdite devono essere stabiliti giornalmente. Per quanto riguarda le posizioni su derivati non contabilizzate nel libro di trading, è perlomeno necessario procedere ad una valutazione periodica basata su dati di mercato e modelli che tengono in considerazione le caratteristiche dell operazione. Commento: La gestione del rischio presuppone la valutazione delle transazioni e dei portafogli. Questa valutazione, assieme ai pagamenti ricevuti ed effettuati (compresi gli eventuali costi di finanziamento), permette di stabilire gli utili e le perdite in modo corretto da un punto di vista economico. Modifiche di valore causate dalle fluttuazioni di mercato diventano immediatamente visibili. Ogni tipo di posizione deve essere valutata secondo criteri uniformi. Indipendentemente dalla registrazione contabile, e al fine di controllare l efficacia delle misure di copertura, devono essere effettuate rivalutazioni ai prezzi di mercato. Se del caso, il valore delle posizioni deve essere corretto in funzione delle specificità del mercato e dei prodotti (per esempio la liquidità di mercato, l importanza delle posizioni, ecc.). Le posizioni commerciali devono essere rivalutate giornalmente; a seconda della situazione di mercato può rivelarsi necessario procedere ad una valutazione nel corso della giornata lavorativa. Se per valutare le posizioni si utilizzano dei modelli (in particolare nel campo delle operazioni OTC), i parametri necessari (volatilità, ecc.) devono essere ottenuti da fonti indipendenti. Oltre alle ipotesi e ai parametri utilizzati, anche i modelli devono essere riesaminati periodicamente (rischio di modello). 37

39 Al fine di identificare rapidamente eventuali lacune nella copertura delle posizioni in derivati, differenti evoluzioni del valore di mercato delle posizioni base rispetto alle transazioni di copertura, così come errori di valutazione di natura generale, la posizione di base e la transazione di copertura devono essere sottoposte ad una valutazione uniforme. A questo proposito i modelli utilizzati devono essere riesaminati con spirito critico, in modo da evitare nella misura del possibile un orientamento errato nella gestione del rischio. 38

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Il VaR: Metodi quantitativi basilari Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Distribuzione futura del rendimento di un asset/portafoglio Il calcolo del VaR richiede la conoscenza

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012

Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 COMUNICATO STAMPA Granducato del Lussemburgo, 15 marzo 2013. Il consiglio di amministrazione di IVS Group S.A. approva i risultati al 31 dicembre 2012 Il Consiglio di Amministrazione di IVS Group S.A.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak

5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tipo: Type: 5 cabine (1 main deck+ 4 lower deck) 5 cabins (1 main deck+ 4 lower deck) Legno: essenza di rovere naturale Rigatino Wood: striped oak Tessuti: Dedar Fanfara, Paola Lenti Fabrics: Dedar Fanfara,

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014

Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Workshop sulla revisione della Direttiva MIFID 11 giugno 2014 Plateroti Fabrizio Head of Regulation and Post Trading Page 1 Elenco dei temi La nuova architettura dei mercati MR, MTF e OTF Algo e high frequency

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie

Quello che devi sapere sulle opzioni binarie Quello che devi sapere sulle opzioni binarie L ebook dà particolare risalto ai contenuti più interessanti del sito www.binaryoptionitalia.com ed in particolar modo a quelli presenti nell area membri: cosa

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza

Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Transazioni in derivati OTC Obblighi di clearing e di trading Derivati su merci Requisiti di trasparenza Martina Tambucci Consob, Divisione Mercati Le opinioni espresse sono a titolo personale e non impegnano

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds

4 to 7 funds 8 to 15 funds. 16 to 25 funds 26 to 40 funds. 41 to 70 funds 4 to 7 funds 8 to 15 funds 16 to 25 funds 26 to 40 funds 41 to 70 funds 53 Chi siamo Epsilon SGR è una società di gestione del risparmio del gruppo Intesa Sanpaolo specializzata nella gestione di portafoglio

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007

Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 Version 1.0/ January, 2007 Versione 1.0/ Gennaio 2007 EFET European Federation of Energy Traders Amstelveenseweg 998 / 1081 JS Amsterdam Tel: +31 20 5207970/Fax: +31 20 6464055 E-mail: secretariat@efet.org

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale

CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale CITY CREDIT CAPITAL (UK) LIMITED Application Form for a Corporate Account Modulo di richiesta di un Conto aziendale City Credit Capital (UK) Limited (FCA Reg. 232015) 12th Floor Heron Tower, 110 - Bishopsgate,

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools

Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Agenda Section I - The Process of Project Risk Management in Selex-ES and the supporting tools Section II - The Data Representation Problem and the construction of the Model Section III - Data Analysis

Dettagli

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche

Normativa FATCA. Clienti Persone Fisiche Copia per il cliente Normativa FATCA L acronimo FATCA (Foreign Account Tax Compliance Act) individua una normativa statunitense, volta a contrastare l evasione fiscale di contribuenti statunitensi all

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti

ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti ETF Revolution: come orientarsi nel nuovo mondo degli investimenti Emanuele Bellingeri Managing Director, Head of ishares Italy Ottobre 2014 La differenza di ishares La differenza di ishares Crescita del

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta

Corporate Governance e sistema di controllo interno. Enrico Parretta Corporate Governance e sistema di controllo interno Enrico Parretta Corporate Governance La Corporate Governance è il sistema delle regole secondo le quali le imprese sono gestite e controllate, coniugando:

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione

COMUNICATO STAMPA. Pagina di Riferimento Bloomberg Notes con scadenza 2018. Ammontare Nominale in circolazione COMUNICATO STAMPA TELECOM ITALIA S.p.A. LANCIA UN OFFERTA DI RIACQUISTO SULLA TOTALITÀ DI ALCUNE OBBLIGAZIONI IN DOLLARI EMESSE DA TELECOM ITALIA CAPITAL S.A. Milano, 7 luglio 2015 Telecom Italia S.p.A.

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015

INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 INFORMATIVA EMITTENTI N. 22/2015 Data: 23/04/2015 Ora: 17:45 Mittente: UniCredit S.p.A. Oggetto: Pioneer Investments e Santander Asset Management: unite per creare un leader globale nell asset management

Dettagli

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi

INFRASTRUCTURE LICENSING WINDOWS SERVER. Microsoft licensing in ambienti virtualizzati. Acronimi Microsoft licensing in ambienti virtualizzati Luca De Angelis Product marketing manager Luca.deangelis@microsoft.com Acronimi E Operating System Environment ML Management License CAL Client Access License

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari

Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Gennaio 2010 Stop press Disposizioni di vigilanza sulle partecipazioni detenibili dalle banche e dai gruppi bancari Introduzione In data 10 dicembre 2009, la Banca d'italia ha pubblicato un documento per

Dettagli

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems.

IQNet SR 10. Sistemi di gestione per la responsabilità sociale. Requisiti. IQNet SR 10. Social responsibility management systems. IQNet SR 10 Sistemi di gestione per la responsabilità sociale Requisiti IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements IQNet SR 10 Social responsibility management systems Requirements

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012

KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 KERMESSE 20 sospensione / suspension lamp Giulio Iacchetti 2012 CLASSE I - IP20 IT Avvertenze La sicurezza elettrica di questo apparecchio è garantita con l uso appropriato di queste istruzioni. Pertanto

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GENERAL TERMS AND CONDITIONS OF SALE

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA GENERAL TERMS AND CONDITIONS OF SALE CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Disposizioni Generali. (a) I termini e le condizioni qui di seguito indicati (le Condizioni Generali di Vendita ) formano parte integrante dei contratti conclusi tra il

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min

24V DC ±10% 0.5... 1 W. Fluido Fluid. 15 Nl/min elettropiloti 0 mm 0 mm solenoids Elettropilota Solenoid valve 0 mm 00.44.0 ACCESSORI - ACCESSORIES 07.049.0 Connettore per elettropilota 0 mm con cavetto rosso/nero, lunghezza 400 mm - connector for 0

Dettagli

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business

GUARDIAN asset management software. Solutions. The safe partner for your business Portfolio Management GUARDIAN Solutions The safe partner for your business Swiss-Rev si pone come società con un alto grado di specializzazione e flessibilità nell ambito di soluzioni software per il settore

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli