Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753. VIA BEVERINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753. VIA BEVERINO 49 - WWW.753.it - info@753.it"

Transcript

1 Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753 1 VIA BEVERINO

2 Delocalizzazioni - documento di approfondimento DOCUMENTO di APPROFONDIMENTO L ITALIA NEL FENOMENO GLOBALIZZATO DELLE DELOCALIZZAZIONI - a cura dell Associazione Culturale FORO753 - Il fenomeno della delocalizzazione delle imprese italiane diventa sempre più frequente. Grandi e piccoli gruppi industriali trasferiscono la loro produzione dal territorio nazionale in altri paesi, dove il costo del lavoro è più basso, anche del 75% rispetto alla paga di un lavoratore italiano. Questo significa che strutture fisiche come fabbriche, impianti e call center vengono trasferiti all estero, diminuendo le opportunità di lavoro per i cittadini italiani e per quelli degli altri Stati nazionali. Le delocalizzazioni avvengono principalmente verso l'est Europa, nella fascia del Maghreb, in Cina e in Sud America, e più in generale nei principali paesi che, seppur in via di sviluppo nelle infrastrutture di base, rispondono alla condizione essenziale di una bassa, se non completamente assente, regolamentazione del mercato del lavoro, tanto imprenditoriale, quanto sindacale. 2

3 FORO753 - Giugno 2010 Queste sono solo alcune delle imprese che hanno delocalizzato all'estero: FIAT: stabilimenti aperti in Polonia, Serbia, Russia, Brasile, Argentina. Circa posti di lavoro persi, dai occupati nel 2000 si arriva ai del 2009 (fonte: L Espresso, 11/03/2010). DAINESE: due stabilimenti in Tunisia, circa 500 addetti; produzione quasi del tutto cessata in Italia, tranne qualche centinaio di capi. GEOX: stabilimenti in Brasile, Cina e Vietnam; su circa lavoratori solo sono italiani. BIALETTI: fabbrica in Cina; rimane il marchio del simpatico omino, ma i lavoratori di Omegna perdono il lavoro. OMSA: stabilimento in Serbia; cassa integrazione per 320 lavoratrici italiane. ROSSIGNOL: stabilimento in Romania, dove insiste la gran parte della produzione; 108 esuberi a Montebelluna. DUCATI ENERGIA: stabilimenti in India e Croazia. BENETTON: stabilimenti in Croazia. CALZEDONIA: stabilimenti in Bulgaria. STEFANEL: stabilimenti in Croazia. TELECOM ITALIA: call center in Albania, Tunisia, Romania, Turchia, per un totale di circa 600 lavoratori, mentre in Italia sono stati dichiarati negli ultimi tre anni oltre esuberi di personale. WIND: call center in Romania ed Albania tramite aziende in outsourcing, per un totale di circa 300 lavoratori 3

4 Delocalizzazioni - documento di approfondimento impiegati. H3G: call center in Albania, Romania e Tunisia tramite aziende in outsourcing, per un totale di circa 400 lavoratori impiegati. VODAFONE: call center in Romania tramite aziende di outsourcing, per un totale di circa 300 lavoratori impiegati. SKY ITALIA: call center in Albania tramite aziende di outsourcing, per un totale di circa 250 lavoratori impiegati. Nell'ultimo anno sono stati circa i posti di lavoro perduti solamente nei call center che operano nel settore delle Telecomunicazioni, tra licenziamenti e cassa integrazione. Nel 2008, nel Rapporto stilato dall Istat, risultava evidente la tendenza delle imprese alla delocalizzazione, che vedeva occupate circa Imprese, pari al 13,4% delle grandi e medie imprese industriali e dei servizi. Sempre secondo le stime dell'istat, da marzo 2009 a marzo 2010 il numero di occupati in Italia è diminuito di 367 mila unità, mentre il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) si è attestato al 27,7%, (media europea al 20,6%). La delocalizzazione può essere riassunta con la metafora della cavalletta. Le cavallette sono le imprese, che attirate 4

5 FORO753 - Giugno 2010 da maggiori opportunità di profitto si spostano in sciami lì dove le attraggono condizioni migliori, cioè bassi salari e scarse tutele sul lavoro. Quando il diserbante, rappresentato dalle norme legislative, provvede a proteggere i lavoratori di un certo paese dallo sfruttamento, allora lo sciame si alza in cerca di prede più a buon mercato. È questa la storia della globalizzazione! Molti economisti ed intellettuali ci invitano ad arrenderci all evidenza, ossia che dobbiamo accettare l egoismo del capitale. Ma siamo sicuri che questa è l unica soluzione? Il paradosso è servito: per decenni i lavoratori italiani hanno lottato per la dignità ed il riconoscimento del proprio lavoro ed oggi i nostri stati europei, che si reggono su questi principi, dovrebbero comprare beni e servizi da paesi che non rispettano neanche i diritti fondamentali dei lavoratori? Se dobbiamo scendere a patti con la globalizzazione, dobbiamo essere noi a decidere e a trovare i modi per scendere a patti con essa, senza farci dettare supinamente la linea da interessi 5

6 Delocalizzazioni - documento di approfondimento privati. L Italia non ha il peso economico per influenzare la politica economica dei paesi emergenti, ma l Europa nel suo insieme sì, perché nel complesso è il più grande mercato del mondo, cioè è il consumatore numero uno: ed il consumatore più grande ha tutte le possibilità di dettare regole e condizioni per i beni importati nel proprio territorio, in modo da salvaguardare in primo luogo la dignità del lavoro, frutto di quell albero secolare che è la civiltà europea. Eppoi ci sono le grandi società di consulenza, i cosiddetti Advisor, alle quali si affidano le imprese quando decidono di delocalizzare, le quali scrivono nei loro siti internet: "le Zone Franche rappresentano oggi una nuova opportunità per l imprenditore che realmente vuole trarre beneficio dalla Globalizzazione, combattendo allo stesso tempo la pesante crisi economica. Le Zone Franche sono conosciute anche come Zone Extra-doganali, sono aree autorizzate dalle comunità degli Stati sovrani, sono geograficamente limitate ed in esse sussistono particolari agevolazioni fiscali e doganali per le attività produttive ivi svolte. In esse, solitamente, non si pagano dazi doganali di importazione, i redditi generati al loro interno sono esenti dall'iva, si godono particolari riduzioni o esenzioni d imposta ed il costo della forza lavoro è veramente molto ridotto. Le procedure burocratiche relative ad un complesso produttivo sono semplificate e le procedure doganali di importazione ed esportazione sono semplici e veloci." 6

7 FORO753 - Giugno 2010 Si dice delocalizzazione, si legge sfruttamento. Di uomini, donne e territori. La delocalizzazione, dall altro lato, danneggia quei fessi che rimangono in Italia ad investire dovendo fronteggiare la concorrenza di coloro che, mossi esclusivamente dal principio della massimizzazione del profitto, fuggono dai propri Stati nazionali. Ad esempio le aziende leader dei servizi telefonici appaltano il lavoro del call center ad aziende di Outsourcer, le quali a loro volta provvedono a delocalizzare all'estero. Così facendo le multinazionali mantengono un'immagine pulita agli occhi dei propri clienti e soprattutto nei confronti della politica e dell opinione pubblica generale. Il Foro753 denuncia con forza questo fenomeno di impoverimento della nostra Nazione, come quello dell intera Europa, tanto più che nella stragrande maggioranza dei casi, le stesse imprese che oggi portano il lavoro all'estero, sono quelle stesse che hanno potuto beneficiare negli ultimi anni di sgravi, finanziamenti diretti e benefici fiscali. Finiti i quali hanno cessato anche la loro pseudo-attività imprenditoriale. 7

8 Delocalizzazioni - documento di approfondimento Ci sembra ben strana allora questa logica imprenditoriale: quando si tratta di favorire la nascita di un tessuto industriale, si reclamano a gran voce incentivi ed agevolazioni. Quando i fondi nazionali per poter garantire queste ultime non bastano più, allora si delocalizza Davvero troppo facile. Davvero troppo ingiusto. In tutto questo vorremmo sapere dalle imprese in che momento si assumono la cosiddetta responsabilità sociale, dato che i costi vengono resi pubblici e i profitti privatizzati. Occorre ricordare, infatti, che la totalità di queste aziende aderiscono, a parole ma non nei fatti, alla cosiddetta Responsabilità Sociale delle Imprese. La R.S.I. consiste nel fatto che le imprese, sempre più coscienti che il loro successo economico non dipende più unicamente da una strategia intesa a massimizzare i profitti a breve termine, riconoscono che è necessario tener conto anche della protezione dell'ambiente e della promozione della loro responsabilità sociale nonché degli interessi dei consumatori. 8

9 FORO753 - Giugno 2010 Come negli ultimi anni ha sempre più preso piede un altro strumento aziendale volto ad "umanizzare" l'immagine di queste grandi gruppi aziendali, soprattutto agli occhi dei consumatori: la formulazione di un Codice Etico. Si tratta in poche parole di una sorta di Carta Costituzionale delle aziende, una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico sociale di ogni partecipante all organizzazione aziendale. Che considerate agli occhi dei processi di delocalizzazione e sfruttamento in atto, appaiono come veri e propri specchietti per le allodole. Come dire: parole, parole, parole ~~~~~~~~~~~ Un impresa gode lungo tutta la sua esistenza di una serie di vantaggi non quantificabili, ma non per questo meno reali, legati al luogo in cui opera. Non è certo il pagamento delle tasse che pareggia i benefit di cui un impresa gode investendo in Italia. La costruzione di infrastrutture nazionali, l educazione dei lavoratori e la possibilità di vendere i propri prodotti in un mercato ricco come quello italiano sono beni che si ammortizzano solo nel lungo periodo, quindi la pretesa delle imprese di venire in Italia per vendere e basta sembra quantomeno egoista. Ma c è anche un fenomeno più profondo che ci inquieta guardando al fenomeno delle delocalizzazioni, 9

10 Delocalizzazioni - documento di approfondimento particolarmente caro a noi del Foro753. La delocalizzazione, come tutti i fenomeni legati alla produzione industriale, tende alla massimizzazione del profitto. Per questo motivo si delocalizza anche la produzione di un singolo bene, nel senso che il suo processo produttivo viene scomposto in più parti, ed ogni parte viene prodotta da una singola impresa. Il risultato è che i prodotti industriali non hanno più un anima, cioè non hanno più un unica logica creativa, bensì solo una meccanica. Basti pensare alla differenza con l artigiano di un tempo: l artigiano eseguiva l intero processo produttivo del bene, potendo dunque infondergli un anima, cioè caratterizzarlo con il suo proprio gusto. Oggi l operaio, che ha sostituito l artigiano, esegue solo un operazione, non ha idea di cosa era prima il bene semi-lavorato e non ha idea di cosa diventerà dopo. In questo modo, il bene prodotto da un solo soggetto 10

11 FORO753 - Giugno 2010 risulterà avere un anima, cioè essere diretto a soddisfare alcuni ed insoddisfare altri. Il prodotto industriale è invece standardizzato, destinato a rispettare dei parametri ma non a soddisfare veramente qualcuno. È quello che sta accadendo ad esempio col Parmigiano Reggiano : nonostante la domanda del formaggio aumenti, sono ormai pochi i caseifici che lo producono dalla mungitura del latte fino alla stagionatura. Ogni azienda si specializza invece in una fase della produzione, per economizzare suoi costi. In tutti questi casi risulta chiaro come la delocalizzazione non risponda ad una necessità epocale, piuttosto solo agli interessi di pochi. ~~~~~~~~~~~ Ecco allora, qui di seguito, solo alcune proposte di interventi diretti a limitare il fenomeno delle delocalizzazioni, che assieme a molte altre soluzioni potrebbero contribuire a ristabilire l autorità della Politica sull Economia, ridando centralità ad una sana e virtuosa politica degli Stati, europei e non, non rendendoli più subalterni agli egoistici interessi del capitalismo, produttivo o finanziario: si cominci a pretendere dalle imprese che trasferiscono il lavoro all estero la restituzione dei contributi e delle 11

12 Delocalizzazioni - documento di approfondimento agevolazioni che hanno ottenuto dallo Stato e dagli Enti locali nazionali; una legge dello Stato che vincoli le imprese a dotarsi di un sistema di gestione, coniato sul modello tedesco, che preveda un Consiglio di Sorveglianza costituito da rappresentanti di sindacati ed enti locali, con poteri di controllo nei confronti del cda aziendale, soprattutto in campo ambientale; una maggiore tassazione dei redditi di impresa prodotti all estero, affinchè venga scoraggiato e sanzionato questo atto di tradimento nei confronti del sistema Italia. la verifica da parte del Garante della Privacy del rispetto della tutela dei dati personali degli utenti delle aziende che delocalizzano; gli Stati che subiscono i processi di delocalizzazioni, infatti, raramente garantiscono adeguata tutela dei dati sensibili e non sono soggetti alle norme sul diritto alla privacy vigenti in Italia ed in Europa, in particolar modo per quei settori, come telecomunicazioni e credito, che già di per sé risultano essere ad alto rischio (alcuni Stati, quali ad esempio la Romania, sono ai primi posti per l'alto tasso di pirateria informatica e i c.d. "furti di identità"). Ancora molti passi occorrerà fare nella direzione di una responsabile e condivisa tutela della dignità dei popoli 12

13 FORO753 - Giugno 2010 europei ed internazionali dai mostruosi rischi insiti nei precari scenari dello sviluppo economico globalizzato in corso. Come ancora molto bisognerà ragionare su quale modello di sviluppo economico alternativo si vorrà delineare una volta che la mano invisibile di Adam Smith avrà definitivamente palesato la propria incapacità di vedere oltre il proprio orticello, contribuendo quotidianamente a sollevare scontri e sfruttamento sociale in giro per il mondo. Così come, infine, sarà necessario per l Italia e l Europa tornare a sentirsi responsabile del diritto e della giustizia del mondo, riprovando ad analizzare anche le ragioni e gli interessi che oggi spingono gli Stati più poveri del mondo, subendo la delocalizzazione delle grandi imprese internazionali, a chiedere essi stessi il cappio che domani li strozzerà. L importante è ri-partire. Per non delocalizzare. 13

La Delocalizzazione delle Imprese in Italia Documento sul fenomeno Italiano delle delocalizzazioni da parte delle Imprese a cura della Termini e Motivazioni della delocalizzazione Il fenomeno della delocalizzazione

Dettagli

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER?

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? NO GRAZIE! PER IL BUON LAVORO, A TUTELA DI LAVORATORI E CLIENTI, PER LA TUTELA DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI, PER CLAUSOLE SOCIALI GENERALIZZATE Campagna nazionale per

Dettagli

QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE?

QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE? Modulo Investimento IFB ONE QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE? PRODUZIONE CONSUMI RISPARMIO PURTROPPO LE AZIENDE DELOCALIZZANO LA PRODUZIONE OLTRE CONFINE... FIAT:stabilimenti aperti

Dettagli

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection)

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) ROMA, 8 MAGGIO 2014 NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) 160 / 190 (corrispondenti a 320/340 sedi operative): le prime 10 rappresentano il

Dettagli

La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori

La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori I giovani nel mercato del lavoro che cambia: il punto di vista degli studenti Roma, 17 dicembre 2013 Sara Di Ninno Dottoranda

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO. qualità di utente della Omnitel Vodafone N.V. (utenza 347xxxxxxx),

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO. qualità di utente della Omnitel Vodafone N.V. (utenza 347xxxxxxx), GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO ai sensi dell art. 141 co 1 Cdp Per: UGL Telecomunicazioni in persona del Segretario Nazionale p.t. Sig. Stefano Conti, P.D.B. nata a Caserta il xxxxxxxxxxx

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori

La Serbia può servire come centro manifatturiero per esportazioni esenti da dazi verso un mercato di ca. 1 miliardo di consumatori Serbia 2015 La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica a mercatichiave europei ed euro-asiatici (Russia, Turchia, Ucraina, CIS) La Serbia può servire come centro manifatturiero

Dettagli

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento

Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Petizione relativa al prossimo negoziato sul commercio internazionale dei prodotti del tessile-abbigliamento Da dieci anni, ACTE, Associazione delle Comunità Tessili Europee, ha operato per la difesa e

Dettagli

APPELLO NAZIONALE CONTRO IL SISTEMA DEL MERCATO DEL LAVORO NEI CALL CENTER E DELLE SEDI OPERATIVE ITINERANTI

APPELLO NAZIONALE CONTRO IL SISTEMA DEL MERCATO DEL LAVORO NEI CALL CENTER E DELLE SEDI OPERATIVE ITINERANTI APPELLO NAZIONALE CONTRO IL SISTEMA DEL MERCATO DEL LAVORO NEI CALL CENTER E DELLE SEDI OPERATIVE ITINERANTI Ill.me Eccellenze: Presidente del Consiglio dei Ministri Presidente del Senato Presidente della

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati

SCHEDA DI SINTESI. Le importazioni, anch esse in rallentamento, rimangono però ad un livello significativo (30%) rispetto ai valori esportati PANORAMA DEL SETTORE In questi ultimi anni, possiamo parlare di più di un decennio ormai, in Europa è prevalsa la politica del libero mercato e della globalizzazione. Politica attuata, però, senza che

Dettagli

TERZO RAPPORTO SULLA CRISI OCCUPAZIONALE NEI CALL CENTER IN OUTSOURCING (ottobre 2010)

TERZO RAPPORTO SULLA CRISI OCCUPAZIONALE NEI CALL CENTER IN OUTSOURCING (ottobre 2010) TERZO RAPPORTO SULLA CRISI OCCUPAZIONALE NEI CALL CENTER IN OUTSOURCING (ottobre 2010) DATI E PROPOSTE Presentazione Quella che segue è il Terzo rapporto sull occupazione nei call center in outsourcing

Dettagli

Onorevoli senatori. Da chi nasce la moderna teoria del libero scambio?

Onorevoli senatori. Da chi nasce la moderna teoria del libero scambio? Onorevoli senatori da oltre 20 anni la "globalizzazione" viene da più parti indicata come la nuova strada che renderà ricche e felici terre e popolazioni nel mondo, definendo questa impostazione come una

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia

Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente. La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia Serbia Un ponte tra Occidente ed Oriente La nuova piattaforma per l internazionalizzazione nei Balcani e verso la Russia La Serbia é situata in una posizione strategica, vista la prossimità geografica

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

VECCHI E NUOVI BACINI OCCUPAZIONALI PER I GIOVANI

VECCHI E NUOVI BACINI OCCUPAZIONALI PER I GIOVANI NOTA ISRIL ON LINE N 38-2012 VECCHI E NUOVI BACINI OCCUPAZIONALI PER I GIOVANI Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it RUOLO CENTRALE DEI SERVIZI

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE

B ECONOMIA SIC. E SINDACALE B ECONOMIA SIC. E SINDACALE Cooperativa Cesame. Berretta (Pd): Rinascita Cesame motivo di soddisfazione per tutta la città. Sapere che il marchio Cesame tornerà sul mercato e pensare che questa battaglia

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring

Sempre più aziende italiane ritornano nel Bel Paese. Cina la più colpita dal back-reshoring 1 / 5 a S 399932 E Classifica: 468 h Crea sito cooperator-veritatis Rassegna Stampa Giornaliera Cerca Home di esempio. Pubblicato il 27 luglio 2015 da Gianni-Taeshin Da Valle Precedente Successivo Sempre

Dettagli

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti

Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti Sviluppare con successo attivita commerciali in Russia Dieci regole importanti 10 Regole per contribuire al successo di un rapporto di fornitura Introduzione Le forniture destinate alla Russia non richiedono,

Dettagli

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME

CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME CONFERENZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO PROF. ANTONIO MARZANO IL BREVE E IL LUNGO PERIODO: IL RUOLO DELLE RIFORME SCUOLA DI PERFEZIONAMENTO PER LE FORZE DI POLIZIA

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012.

Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012. Le nuove regole sui call center delocalizzati all estero: adempimenti ed obblighi privacy ai sensi del d.l. 83/2012. di: Prof. Avv. Alessandro del Ninno Studio Legale Tonucci & Partners adelninno@tonucci.com

Dettagli

L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno

L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno Buonasera a tutti. L ultima volta che sono venuto qui al meeting era l agosto del 2007. Si parlava della mia azienda eni, e del petrolio il cui prezzo saliva giorno dopo giorno sostenuto da un mondo in

Dettagli

IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE

IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE 27 IL VERO SIGNIFICATO DELL ATTIVITÀ IMPRENDITORIALE Giorgio Vittadini Presidente Fondazione per la Sussidiarietà La crisi che ha recentemente colpito

Dettagli

Le società Multinazionali

Le società Multinazionali Le società Multinazionali Riccardo Pepe Corso di Laurea Magistrale in Scienze economiche Facoltà di Economia Federico Caffè Caterina Spadaro Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali Facoltà

Dettagli

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria Convegno 12/13 dicembre 2003 Fortezza da Basso V.le F.Strozzi 1 Regioni&Innovazione Idee ed azioni a confronto per costruire uno sviluppo duraturo e sostenibile Paolo Annunziato, Direttore Ricerca, Confindustria

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari.

COMUNICATO STAMPA. La seconda distorsione era relativa alle c.d. imprese familiari. COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2009, a soli cinque mesi dal termine di presentazione

Dettagli

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI

CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI EUROPEI e PROPRIETÀ INTELLETTUALE: PERCEZIONE, CONSAPEVOLEZZA E COMPORTAMENTO SINTESI CITTADINI

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014).

Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 4 di 7) La svalutazione. (di Marco Cavedon, postato il 17-02-2014). L ultima volta abbiamo visto insieme come l inflazione non rappresenti affatto

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA

GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA GRUPPO LVMH CODICE DI CONDOTTA I II III PREMESSA PRINCIPI APPLICAZIONE 1 I. PREMESSA Il Gruppo LVMH ( LVMH ) intende essere il leader indiscusso nel settore dei beni di lusso. Il suo sviluppo e il suo

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Opportunità di Business

Opportunità di Business Italia Bosnia-Erzegovina Brasile Bulgaria Cina Federazione Russa Polonia Romania Serbia Ucraina Ungheria USA Russia, Bielorussia e Kazakhstan La Nuova Unione Doganale Opportunità di Business Dott. Antonio

Dettagli

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari

Ha la direzione dell impresa. È responsabile per i cd. reati fallimentari Capitolo 1 L impresa L IMPRESA E LE SOCIETÀ La nozione di impresa si desume implicitamente dal codice civile che delinea la figura dell imprenditore. Manca, infatti, nel nostro codice, una definizione

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo

Cina: il dare e l avere con il resto del mondo Cina: il dare e l avere con il resto del mondo ECONOMIA di Stefano Chiarlone e Francesco Giordano Circolano troppi luoghi comuni sulla potente locomotiva asiatica. Ci sono Paesi ad alta specializzazione

Dettagli

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni http://www.julienews.it/notizia/istruzione-e-lavoro/sciopero-per-il-mancato-rinnovo-delccnl-delle-telecomunicazioni/277635_istruzione-e-lavoro_7.html Sciopero per il mancato rinnovo del CCNL delle Telecomunicazioni

Dettagli

L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI. Sommario. Sommario. Introduzione

L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI. Sommario. Sommario. Introduzione 7 L OUTSOURCING DI BENI E SERVIZI 1 Un modello di outsourcing 2 I guadagni dall outsourcing 3 L outsourcing di servizi 4 Conclusioni Sommario Introduzione Un modello di outsourcing La catena del valore

Dettagli

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale

Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dott.ssa Jelena Spasic Consulente per gli IDE Dott.ssa Jelena Aković - Legale Dati principali sul paese Cos è SIEPA? Motivi per investire in Serbia Accordi di libero scambio Fondi disponibili per gli investimenti

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

La produzione aumenta in quasi tutti i settori ( miglioramento trasporti con treni e canali)

La produzione aumenta in quasi tutti i settori ( miglioramento trasporti con treni e canali) SCUOLA CLASSICA Inghilterra a partire dalla seconda metà del 700 con la rivoluzione industriale Elementi rivoluzione: 1. utilizzo di energie fossili, cambio di energie 2. aumento demografico, nel giro

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno

Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR 2,4 miliardi all'anno Bojan Stevanovic, M.B.A. Console Consigliere Commerciale Consolato Generale della Repubblica di Serbia Milano Produrremo in Serbia... Oggi in Serbia, cca 200 imprese Italiane producono il valore di EUR

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE

COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE Marco Tripi COMITATO TECNICO AGENDA DIGITALE E SEMPLIFICAZIONE Linee di indirizzo 14 febbraio 2013 Scenario internazionale - Agenda Digitale Italiana A livello globale la internet economy supera i 10.000

Dettagli

THE AUTOMOBILE SECTOR

THE AUTOMOBILE SECTOR Crisis in a Global Economy. Re-planning the Journey Pontifical Academy of Social Sciences, Acta 16, 2011 www.pass.va/content/dam/scienzesociali/pdf/acta16/acta16-montezemolo.pdf THE AUTOMOBILE SECTOR LUCA

Dettagli

COMPANY PROFILE 2014 BRINGING LIGHT

COMPANY PROFILE 2014 BRINGING LIGHT COMPANY PROFILE 2014 BRINGING LIGHT BRINGIN Sme.UP nasce nel 2013 dalla fusione di Smea, Query e Softia dopo una collaborazione durata oltre 20 anni L azienda ha installato il prodotto Sme.UP ERP presso

Dettagli

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante.

Tuttavia l attrattiva dei Mercati Emergenti per le società commerciali occidentali resta, in prospettiva, estremamente rilevante. Contratti di compravendita e distribuzione internazionale: strategie negoziali e aspetti giuridici dei rapporti con i Mercati Emergenti, in particolare con la Cina 1 Da alcuni decenni i Paesi occidentali

Dettagli

CONFINDUSTRIA BULGARIA

CONFINDUSTRIA BULGARIA CONFINDUSTRIA BULGARIA RISULTATI DEL RAPPORTO: GLI INVESTIMENTI ITALIANI IN BULGARIA GENNAIO 2013 CONFINDUSTRIA BULGARIA World Trade Center Interpred, Boulevard Dragan Tzankov 36, 1040 Sofia Tel. +359

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

Un servizio personalizzato Un offerta completa e modulabile secondo le esigenze del Cliente

Un servizio personalizzato Un offerta completa e modulabile secondo le esigenze del Cliente COFACE NEL MONDO Algeria Argentina Australia Austria Belgio Benin Brasile Bulgaria Burkina Faso Camerun Canada Cile Cina Colombia Corea del Sud Costa d Avorio Costa Rica Croazia Danimarca Ecuador Egitto

Dettagli

Determinazione costo. Artigiano impiantista

Determinazione costo. Artigiano impiantista Determinazione costo Di un artigiano Di una azienda metalmeccanica con tre centri di costo produttivi e due indiretti Break Even Point: punto di pareggio Artigiano impiantista + N giorni all anno - N giorni

Dettagli

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI

SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI SINTESI E PRINCIPALI CONCLUSIONI IL CONTESTO GLOBALE Negli anni recenti, la crescita economica globale si è mantenuta elevata. La principale economia mondiale, cioè gli Stati Uniti, è cresciuta mediamente

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi

Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi Dalla crisi economica alla crisi sociale: cause e rimedi I numeri della disoccupazione Cercano lavoro 3 milioni 12% Scoraggiati 3 milioni 12% TOTALE 6 MILIONI 24% DISOCCUPAZIONE GIOVANILE 40% (700mila)

Dettagli

Problematiche, prospettive e interventi

Problematiche, prospettive e interventi Anche gli imprenditori stranieri soffrono la crisi Burocrazia, ritardo dei pagamenti e l accesso al credito i maggiori ostacoli all attività Più difficoltà per le imprese edili e nel Centro Italia La crisi

Dettagli

I modelli tradizionali del commercio internazionale

I modelli tradizionali del commercio internazionale I modelli tradizionali del commercio internazionale Il commercio internazionale segue i VC (Ricardo e neoclassico) Risultati I VC sono determinati dalle dotazioni fattoriali (HO) L integrazione commerciale

Dettagli

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.)

LE FORME GIURIDICHE. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) LE FORME GIURIDICHE Per Forma giuridica si intende la tipologia giuridica del soggetto cui farà capo l attività e le norme ad essa conseguenti. IL LAVORO IMPRENDITORIALE (Art. 2082 cod. Civ.) Il Codice

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013

Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 Sportello informativo Casa delle Culture Comune di Arezzo Report 3 Bimestre 2013 A cura di Giovanna Tizzi 1. Gli accessi allo Sportello Informativo della Casa delle Culture Questo terzo report, relativo

Dettagli

~ ~ Sommario ~ ~ Pag.2 Introduzione - Alcuni esempi. Pag. 4. L operatore di call center. Pag. 5. Le Aziende sul territorio

~ ~ Sommario ~ ~ Pag.2 Introduzione - Alcuni esempi. Pag. 4. L operatore di call center. Pag. 5. Le Aziende sul territorio II Callll Centter iin Callabriia:: ffontte dii cresciitta o miiraggiio iindusttriialle? La necessiittà dii un Osservattoriio.. I Call Center in Calabria: fonte di crescita o miraggio industriale? L istituzione

Dettagli

Reitek Teleselling Forum. I Edizione 18.4.2012

Reitek Teleselling Forum. I Edizione 18.4.2012 Reitek Teleselling Forum I Edizione 18.4.2012 Report dell evento La I Edizione del Reitek Teleselling Forum è stata dedicata alle aziende committenti che impiegano campagne Teleselling e multicanale per

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 7 Breve storia delle politiche commerciali Krugman-Obstfeld, cap 9 (seconda parte), integrato

Dettagli

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 15 dicembre 2014 Anno 2012, nuovi investimenti 2013-2014 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO Nel 2012, la presenza delle multinazionali italiane all estero

Dettagli

Costituzione di società a partecipazione straniera

Costituzione di società a partecipazione straniera INVESTIMENTI IN TUNISIA Normativa riguardante gli investimenti esteri Il Codice degli Investimenti del 21 dicembre 1993 (legge n 93-120), rappresenta uno degli strumenti base su cui la Tunisia punta per

Dettagli

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online

Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online Listino informazioni su imprese e persone acquistabili online INFO ITALIA Il presente listino è valido dal Marzo 0. Le tariffe indicate si intendono al netto d IVA e inclusivi dei diritti di segreteria

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

Imprese piu' affidabili: al via il Codice Italiano Pagamenti Responsabili Mercoledì, 28 Maggio 2014 14:47 Pagamenti in ritardo, come risolvere il problema? L Italia si classifica tra i peggiori pagatori

Dettagli

bilaterali Svizzera-UE

bilaterali Svizzera-UE Dipartimento federale degli affari esteri DFAE Direzione degli affari europei DAE Sezione informazione I principali accordi bilaterali Svizzera-UE Marzo 2013 Accordi bilaterali Svizzera-UE 2 I primi Accordi

Dettagli

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale

Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Commissione Parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale Audizione su Indagine conoscitiva sulla funzionalità del sistema previdenziale

Dettagli

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO

Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO 13 dicembre 2013 Anno 2011, nuovi investimenti 2012-2013 STRUTTURA, PERFORMANCE E NUOVI INVESTIMENTI DELLE MULTINAZIONALI ITALIANE ALL ESTERO La presenza delle imprese italiane all estero si conferma rilevante

Dettagli

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center

Camera dei Deputati. XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato. Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center Camera dei Deputati XI^ Commissione Lavoro pubblico e privato Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione del Presidente del Garante per

Dettagli

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica

Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Donne tra passato e futuro in rapporto alla famiglia, il lavoro, la società e la politica Il Segretario Confederale Liliana Ocmin Indice I valori delle donne, i valori della Cisl pg. 3 Il sistema di Welfare

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito

1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Q&A 1 gennaio 2012: il nuovo regime di tassazione delle rendite finanziarie e le implicazioni per i prodotti di risparmio gestito Dicembre 2011 La nuova normativa Il prossimo 1 gennaio 2012 entreranno

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento

COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE. Informazioni di approfondimento COSA ACCADE IN CASO DI VERSAMENTO CONTRIBUTIVO IN UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE Informazioni di approfondimento Come vengono gestiti i versamenti ai fondi pensione complementare? Prima dell adesione

Dettagli

Riforma del lavoro e tutela del credito:

Riforma del lavoro e tutela del credito: Riforma del lavoro e tutela del credito: nuovi scenari di un mercato in evoluzione. 26 luglio 2012 Roma ATA Hotel Villa Pamphili 2 LA NUOVA DISCIPLINA DELLE COLLABORAZIONI A PARTITA IVA E DELLE COLLABORAZIONI

Dettagli

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra?

I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? I lavoratori maturi Over 40 sono dimenticati: sono zavorra? Il problema Nel particolare momento di elezioni, tutti gli animi si scaldano: i politici promettono tutto a tutti pur di guadagnare qualche punto

Dettagli

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ESPERIENZE DELLE IMPRESE NEI PROCESSI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Il Gal Città di Castel del Monte ha avuto l incarico di individuare dei casi studio per imprese del settore agroalimentare in relazione ai

Dettagli

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard

Cos è la moneta. Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard Cos è la moneta Teoria Monetaria Moderna interpretata da Paolo Barnard VI DEVO Lo STATO crea per primo la Moneta dal nulla Tramite Banca Centrale Per acquisire Beni o Servizi La moneta sovrana appartiene

Dettagli