Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753. VIA BEVERINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753. VIA BEVERINO 49 - WWW.753.it - info@753.it"

Transcript

1 Documento di approfondimento - Giugno 2010 FORO753 1 VIA BEVERINO

2 Delocalizzazioni - documento di approfondimento DOCUMENTO di APPROFONDIMENTO L ITALIA NEL FENOMENO GLOBALIZZATO DELLE DELOCALIZZAZIONI - a cura dell Associazione Culturale FORO753 - Il fenomeno della delocalizzazione delle imprese italiane diventa sempre più frequente. Grandi e piccoli gruppi industriali trasferiscono la loro produzione dal territorio nazionale in altri paesi, dove il costo del lavoro è più basso, anche del 75% rispetto alla paga di un lavoratore italiano. Questo significa che strutture fisiche come fabbriche, impianti e call center vengono trasferiti all estero, diminuendo le opportunità di lavoro per i cittadini italiani e per quelli degli altri Stati nazionali. Le delocalizzazioni avvengono principalmente verso l'est Europa, nella fascia del Maghreb, in Cina e in Sud America, e più in generale nei principali paesi che, seppur in via di sviluppo nelle infrastrutture di base, rispondono alla condizione essenziale di una bassa, se non completamente assente, regolamentazione del mercato del lavoro, tanto imprenditoriale, quanto sindacale. 2

3 FORO753 - Giugno 2010 Queste sono solo alcune delle imprese che hanno delocalizzato all'estero: FIAT: stabilimenti aperti in Polonia, Serbia, Russia, Brasile, Argentina. Circa posti di lavoro persi, dai occupati nel 2000 si arriva ai del 2009 (fonte: L Espresso, 11/03/2010). DAINESE: due stabilimenti in Tunisia, circa 500 addetti; produzione quasi del tutto cessata in Italia, tranne qualche centinaio di capi. GEOX: stabilimenti in Brasile, Cina e Vietnam; su circa lavoratori solo sono italiani. BIALETTI: fabbrica in Cina; rimane il marchio del simpatico omino, ma i lavoratori di Omegna perdono il lavoro. OMSA: stabilimento in Serbia; cassa integrazione per 320 lavoratrici italiane. ROSSIGNOL: stabilimento in Romania, dove insiste la gran parte della produzione; 108 esuberi a Montebelluna. DUCATI ENERGIA: stabilimenti in India e Croazia. BENETTON: stabilimenti in Croazia. CALZEDONIA: stabilimenti in Bulgaria. STEFANEL: stabilimenti in Croazia. TELECOM ITALIA: call center in Albania, Tunisia, Romania, Turchia, per un totale di circa 600 lavoratori, mentre in Italia sono stati dichiarati negli ultimi tre anni oltre esuberi di personale. WIND: call center in Romania ed Albania tramite aziende in outsourcing, per un totale di circa 300 lavoratori 3

4 Delocalizzazioni - documento di approfondimento impiegati. H3G: call center in Albania, Romania e Tunisia tramite aziende in outsourcing, per un totale di circa 400 lavoratori impiegati. VODAFONE: call center in Romania tramite aziende di outsourcing, per un totale di circa 300 lavoratori impiegati. SKY ITALIA: call center in Albania tramite aziende di outsourcing, per un totale di circa 250 lavoratori impiegati. Nell'ultimo anno sono stati circa i posti di lavoro perduti solamente nei call center che operano nel settore delle Telecomunicazioni, tra licenziamenti e cassa integrazione. Nel 2008, nel Rapporto stilato dall Istat, risultava evidente la tendenza delle imprese alla delocalizzazione, che vedeva occupate circa Imprese, pari al 13,4% delle grandi e medie imprese industriali e dei servizi. Sempre secondo le stime dell'istat, da marzo 2009 a marzo 2010 il numero di occupati in Italia è diminuito di 367 mila unità, mentre il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) si è attestato al 27,7%, (media europea al 20,6%). La delocalizzazione può essere riassunta con la metafora della cavalletta. Le cavallette sono le imprese, che attirate 4

5 FORO753 - Giugno 2010 da maggiori opportunità di profitto si spostano in sciami lì dove le attraggono condizioni migliori, cioè bassi salari e scarse tutele sul lavoro. Quando il diserbante, rappresentato dalle norme legislative, provvede a proteggere i lavoratori di un certo paese dallo sfruttamento, allora lo sciame si alza in cerca di prede più a buon mercato. È questa la storia della globalizzazione! Molti economisti ed intellettuali ci invitano ad arrenderci all evidenza, ossia che dobbiamo accettare l egoismo del capitale. Ma siamo sicuri che questa è l unica soluzione? Il paradosso è servito: per decenni i lavoratori italiani hanno lottato per la dignità ed il riconoscimento del proprio lavoro ed oggi i nostri stati europei, che si reggono su questi principi, dovrebbero comprare beni e servizi da paesi che non rispettano neanche i diritti fondamentali dei lavoratori? Se dobbiamo scendere a patti con la globalizzazione, dobbiamo essere noi a decidere e a trovare i modi per scendere a patti con essa, senza farci dettare supinamente la linea da interessi 5

6 Delocalizzazioni - documento di approfondimento privati. L Italia non ha il peso economico per influenzare la politica economica dei paesi emergenti, ma l Europa nel suo insieme sì, perché nel complesso è il più grande mercato del mondo, cioè è il consumatore numero uno: ed il consumatore più grande ha tutte le possibilità di dettare regole e condizioni per i beni importati nel proprio territorio, in modo da salvaguardare in primo luogo la dignità del lavoro, frutto di quell albero secolare che è la civiltà europea. Eppoi ci sono le grandi società di consulenza, i cosiddetti Advisor, alle quali si affidano le imprese quando decidono di delocalizzare, le quali scrivono nei loro siti internet: "le Zone Franche rappresentano oggi una nuova opportunità per l imprenditore che realmente vuole trarre beneficio dalla Globalizzazione, combattendo allo stesso tempo la pesante crisi economica. Le Zone Franche sono conosciute anche come Zone Extra-doganali, sono aree autorizzate dalle comunità degli Stati sovrani, sono geograficamente limitate ed in esse sussistono particolari agevolazioni fiscali e doganali per le attività produttive ivi svolte. In esse, solitamente, non si pagano dazi doganali di importazione, i redditi generati al loro interno sono esenti dall'iva, si godono particolari riduzioni o esenzioni d imposta ed il costo della forza lavoro è veramente molto ridotto. Le procedure burocratiche relative ad un complesso produttivo sono semplificate e le procedure doganali di importazione ed esportazione sono semplici e veloci." 6

7 FORO753 - Giugno 2010 Si dice delocalizzazione, si legge sfruttamento. Di uomini, donne e territori. La delocalizzazione, dall altro lato, danneggia quei fessi che rimangono in Italia ad investire dovendo fronteggiare la concorrenza di coloro che, mossi esclusivamente dal principio della massimizzazione del profitto, fuggono dai propri Stati nazionali. Ad esempio le aziende leader dei servizi telefonici appaltano il lavoro del call center ad aziende di Outsourcer, le quali a loro volta provvedono a delocalizzare all'estero. Così facendo le multinazionali mantengono un'immagine pulita agli occhi dei propri clienti e soprattutto nei confronti della politica e dell opinione pubblica generale. Il Foro753 denuncia con forza questo fenomeno di impoverimento della nostra Nazione, come quello dell intera Europa, tanto più che nella stragrande maggioranza dei casi, le stesse imprese che oggi portano il lavoro all'estero, sono quelle stesse che hanno potuto beneficiare negli ultimi anni di sgravi, finanziamenti diretti e benefici fiscali. Finiti i quali hanno cessato anche la loro pseudo-attività imprenditoriale. 7

8 Delocalizzazioni - documento di approfondimento Ci sembra ben strana allora questa logica imprenditoriale: quando si tratta di favorire la nascita di un tessuto industriale, si reclamano a gran voce incentivi ed agevolazioni. Quando i fondi nazionali per poter garantire queste ultime non bastano più, allora si delocalizza Davvero troppo facile. Davvero troppo ingiusto. In tutto questo vorremmo sapere dalle imprese in che momento si assumono la cosiddetta responsabilità sociale, dato che i costi vengono resi pubblici e i profitti privatizzati. Occorre ricordare, infatti, che la totalità di queste aziende aderiscono, a parole ma non nei fatti, alla cosiddetta Responsabilità Sociale delle Imprese. La R.S.I. consiste nel fatto che le imprese, sempre più coscienti che il loro successo economico non dipende più unicamente da una strategia intesa a massimizzare i profitti a breve termine, riconoscono che è necessario tener conto anche della protezione dell'ambiente e della promozione della loro responsabilità sociale nonché degli interessi dei consumatori. 8

9 FORO753 - Giugno 2010 Come negli ultimi anni ha sempre più preso piede un altro strumento aziendale volto ad "umanizzare" l'immagine di queste grandi gruppi aziendali, soprattutto agli occhi dei consumatori: la formulazione di un Codice Etico. Si tratta in poche parole di una sorta di Carta Costituzionale delle aziende, una carta dei diritti e doveri morali che definisce la responsabilità etico sociale di ogni partecipante all organizzazione aziendale. Che considerate agli occhi dei processi di delocalizzazione e sfruttamento in atto, appaiono come veri e propri specchietti per le allodole. Come dire: parole, parole, parole ~~~~~~~~~~~ Un impresa gode lungo tutta la sua esistenza di una serie di vantaggi non quantificabili, ma non per questo meno reali, legati al luogo in cui opera. Non è certo il pagamento delle tasse che pareggia i benefit di cui un impresa gode investendo in Italia. La costruzione di infrastrutture nazionali, l educazione dei lavoratori e la possibilità di vendere i propri prodotti in un mercato ricco come quello italiano sono beni che si ammortizzano solo nel lungo periodo, quindi la pretesa delle imprese di venire in Italia per vendere e basta sembra quantomeno egoista. Ma c è anche un fenomeno più profondo che ci inquieta guardando al fenomeno delle delocalizzazioni, 9

10 Delocalizzazioni - documento di approfondimento particolarmente caro a noi del Foro753. La delocalizzazione, come tutti i fenomeni legati alla produzione industriale, tende alla massimizzazione del profitto. Per questo motivo si delocalizza anche la produzione di un singolo bene, nel senso che il suo processo produttivo viene scomposto in più parti, ed ogni parte viene prodotta da una singola impresa. Il risultato è che i prodotti industriali non hanno più un anima, cioè non hanno più un unica logica creativa, bensì solo una meccanica. Basti pensare alla differenza con l artigiano di un tempo: l artigiano eseguiva l intero processo produttivo del bene, potendo dunque infondergli un anima, cioè caratterizzarlo con il suo proprio gusto. Oggi l operaio, che ha sostituito l artigiano, esegue solo un operazione, non ha idea di cosa era prima il bene semi-lavorato e non ha idea di cosa diventerà dopo. In questo modo, il bene prodotto da un solo soggetto 10

11 FORO753 - Giugno 2010 risulterà avere un anima, cioè essere diretto a soddisfare alcuni ed insoddisfare altri. Il prodotto industriale è invece standardizzato, destinato a rispettare dei parametri ma non a soddisfare veramente qualcuno. È quello che sta accadendo ad esempio col Parmigiano Reggiano : nonostante la domanda del formaggio aumenti, sono ormai pochi i caseifici che lo producono dalla mungitura del latte fino alla stagionatura. Ogni azienda si specializza invece in una fase della produzione, per economizzare suoi costi. In tutti questi casi risulta chiaro come la delocalizzazione non risponda ad una necessità epocale, piuttosto solo agli interessi di pochi. ~~~~~~~~~~~ Ecco allora, qui di seguito, solo alcune proposte di interventi diretti a limitare il fenomeno delle delocalizzazioni, che assieme a molte altre soluzioni potrebbero contribuire a ristabilire l autorità della Politica sull Economia, ridando centralità ad una sana e virtuosa politica degli Stati, europei e non, non rendendoli più subalterni agli egoistici interessi del capitalismo, produttivo o finanziario: si cominci a pretendere dalle imprese che trasferiscono il lavoro all estero la restituzione dei contributi e delle 11

12 Delocalizzazioni - documento di approfondimento agevolazioni che hanno ottenuto dallo Stato e dagli Enti locali nazionali; una legge dello Stato che vincoli le imprese a dotarsi di un sistema di gestione, coniato sul modello tedesco, che preveda un Consiglio di Sorveglianza costituito da rappresentanti di sindacati ed enti locali, con poteri di controllo nei confronti del cda aziendale, soprattutto in campo ambientale; una maggiore tassazione dei redditi di impresa prodotti all estero, affinchè venga scoraggiato e sanzionato questo atto di tradimento nei confronti del sistema Italia. la verifica da parte del Garante della Privacy del rispetto della tutela dei dati personali degli utenti delle aziende che delocalizzano; gli Stati che subiscono i processi di delocalizzazioni, infatti, raramente garantiscono adeguata tutela dei dati sensibili e non sono soggetti alle norme sul diritto alla privacy vigenti in Italia ed in Europa, in particolar modo per quei settori, come telecomunicazioni e credito, che già di per sé risultano essere ad alto rischio (alcuni Stati, quali ad esempio la Romania, sono ai primi posti per l'alto tasso di pirateria informatica e i c.d. "furti di identità"). Ancora molti passi occorrerà fare nella direzione di una responsabile e condivisa tutela della dignità dei popoli 12

13 FORO753 - Giugno 2010 europei ed internazionali dai mostruosi rischi insiti nei precari scenari dello sviluppo economico globalizzato in corso. Come ancora molto bisognerà ragionare su quale modello di sviluppo economico alternativo si vorrà delineare una volta che la mano invisibile di Adam Smith avrà definitivamente palesato la propria incapacità di vedere oltre il proprio orticello, contribuendo quotidianamente a sollevare scontri e sfruttamento sociale in giro per il mondo. Così come, infine, sarà necessario per l Italia e l Europa tornare a sentirsi responsabile del diritto e della giustizia del mondo, riprovando ad analizzare anche le ragioni e gli interessi che oggi spingono gli Stati più poveri del mondo, subendo la delocalizzazione delle grandi imprese internazionali, a chiedere essi stessi il cappio che domani li strozzerà. L importante è ri-partire. Per non delocalizzare. 13

La Delocalizzazione delle Imprese in Italia Documento sul fenomeno Italiano delle delocalizzazioni da parte delle Imprese a cura della Termini e Motivazioni della delocalizzazione Il fenomeno della delocalizzazione

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori

La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori La delocalizzazione produttiva e il (non) rispetto dei diritti dei lavoratori I giovani nel mercato del lavoro che cambia: il punto di vista degli studenti Roma, 17 dicembre 2013 Sara Di Ninno Dottoranda

Dettagli

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection)

160 / 190 1.305 MLN. NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) ROMA, 8 MAGGIO 2014 NUMERO DI IMPRESE RILEVANTI (non sono comprese il back-office, il data-entry, la phone collection) 160 / 190 (corrispondenti a 320/340 sedi operative): le prime 10 rappresentano il

Dettagli

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER?

DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? DELOCALIZZARE I SERVIZI DI CALL CENTER? NO GRAZIE! PER IL BUON LAVORO, A TUTELA DI LAVORATORI E CLIENTI, PER LA TUTELA DEI LIVELLI OCCUPAZIONALI, PER CLAUSOLE SOCIALI GENERALIZZATE Campagna nazionale per

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e

Globalizzazione come mobilità. internazionale dei fattori produttivi e Globalizzazione come mobilità internazionale dei fattori produttivi e della produzione 2008 1 Movimenti internazionali dei fattori produttivi e della produzione Capitale Investimenti diretti esteri (IDE):

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Capitolo 1. Che cos è l economia

Capitolo 1. Che cos è l economia Capitolo 1 Che cos è l economia Economia, scarsità e scelta L'economia è una scienza sociale L economia è lo studio della scelta in condizioni di scarsità Scarsità e scelte individuali Scarsità di tempo

Dettagli

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO. qualità di utente della Omnitel Vodafone N.V. (utenza 347xxxxxxx),

GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO. qualità di utente della Omnitel Vodafone N.V. (utenza 347xxxxxxx), GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI RECLAMO ai sensi dell art. 141 co 1 Cdp Per: UGL Telecomunicazioni in persona del Segretario Nazionale p.t. Sig. Stefano Conti, P.D.B. nata a Caserta il xxxxxxxxxxx

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO]

[GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] PROFESSIONISTINETWORK Pierluigi MAZZOLENA Davide INTEGLIA [GLI INCENTIVI PER IL RIENTRO DEGLI ITALIANI DALL ESTERO IL PROGETTO CONTROESODO] [Un commento alla strategia per l attrazione in Italia dei giovani

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali

L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali L Europa di oggi tra sfide e opportunità epocali Francesco Daveri Università di Parma, e SDA Bocconi Storia dell Europa dalle origini al suo ruolo attuale Bergamo, 1 marzo 2013 Due sfide epocali per l

Dettagli

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa

Economia. La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa Economia La parola economia viene dal Greco antico oikos nomia: le regole che governano la casa DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Così come in una famiglia, anche in una economia si devono affrontare molte

Dettagli

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO

CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO www.momentumborsa.it Pierluigi Lorenzi Muoversi nel mercato finanziario per uscire dalla crisi CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO 2 CREDITO E FINANZA: ISTRUZIONI PER L USO Muoversi nel mercato finanziario

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni

Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Economia Italiana: Un confronto per le elezioni Siamo un gruppo di studenti di master in economia. Con questa presentazione vogliamo fare informazione sui temi economici della campagna elettorare. Tutti

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri

64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro. Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri i 64ª Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro Discorso del Presidente Territoriale Giacomo Ranieri Autorità, Signore e Signori, grazie a tutti per la sentita partecipazione a questa

Dettagli

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE

POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE POVERI DI OPPORTUNITÀ, POVERI DI RISORSE Il 2012 è stato un anno in cui abbiamo registrato una situazione sostanzialmente immutata nelle richieste di aiuto e nelle erogazioni di servizi. Diversi fenomeni

Dettagli

QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE?

QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE? Modulo Investimento IFB ONE QUALI SONO I PILASTRI DELLA RICCHEZZA DI UNA NAZIONE? PRODUZIONE CONSUMI RISPARMIO PURTROPPO LE AZIENDE DELOCALIZZANO LA PRODUZIONE OLTRE CONFINE... FIAT:stabilimenti aperti

Dettagli

Investimenti Diretti Esteri

Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Daniele Mantegazzi IRE, Università della Svizzera Italiana 14 novembre 2013 Daniele Mantegazzi Economia Internazionale 14 novembre 2013 1 / 24 Contenuti e struttura della lezione

Dettagli

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di

Configurazioni del Bilancio Sociale. Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di Configurazioni del Bilancio Sociale Oggi più di ieri e sicuramente meno di domani, il centro di produzione, ovvero il centro di interessi, deve fare i conti con un contesto ampio e complesso che esprime,

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda

Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Il Ciclo di Vita del Prodotto nella Moda Conoscendo l evoluzione storica della moda, è possibile affermarne la caratteristica di variabilità nel tempo, che dà vita ad un processo di cambiamento continuo,

Dettagli

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti

Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti Donne, Informatica ed Albo: professioniste in lotta per i propri diritti LAURA PAPALEO Sempre più donne risultano attive nel settore dell information technology e la salvaguardia dei loro diritti e delle

Dettagli

Con le donne per vincere la fame

Con le donne per vincere la fame Con le donne per vincere la fame CAMPAGNA DI RACCOLTA FONDI dal 1 maggio al 1 giugno 2014 Chi è Oxfam Italia Oxfam Italia è parte della confederazione globale Oxfam, presente in oltre 90 paesi del mondo

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Salario minimo: Argomentazioni tascabili

Salario minimo: Argomentazioni tascabili Salario minimo: Argomentazioni tascabili il 18 maggio 2014 Salari giusti: Il lavoro va pagato! Chiunque lavori in Svizzera deve poter vivere in modo decoroso del proprio salario. Perciò, 4000 franchi al

Dettagli

Zadir. Sezione Export Servizi per le Aziende. Paese di riferimento: Cina

Zadir. Sezione Export Servizi per le Aziende. Paese di riferimento: Cina Zadir Sezione Export Servizi per le Aziende Paese di riferimento: Cina La Zadir srl è una società di import-export che opera da molti anni in diversi paesi esteri con propri partner e collaboratori. La

Dettagli

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it

Cina e India cambiano l economia mondiale. Michela Floris micfloris@unica.it Cina e India cambiano l economia mondiale Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa L Asia non è nuova a miracoli economici Giappone, Corea del Sud, Cina e India sono protagonisti di una rapida crescita

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO DISCIPLINA DEGLI INVESTIMENTI ESTERI IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Investimenti esteri in Marocco Il Governo del Marocco incoraggia attivamente gli investimenti esteri e sta ponendo in

Dettagli

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI

WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI WARREN MOSLER LE SETTE INNOCENTI FRODI CAPITALI PRIMA FRODE Il governo (quello sovrano, non quello che ha rinunciato alla sovranità come il nostro) spende ciò che raccoglie con tasse e prestiti. FALSO!

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl

IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl IN PIAZZA PER COSTRUIRE IL FUTURO Roma, 3 marzo 2012 Intervento di Domenico Pesenti, segretario generale Filca-Cisl Grazie a tutti Voi per essere qui dalle fabbriche del Legno, del Cemento, dei materiali

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana

Il mercato dei beni. Prof. Sartirana Il mercato dei beni Prof. Sartirana Gli scambi di beni economici avvengono tra soggetti che vengono definiti: soggetti economici I soggetti economici sono 4 ed ognuno di essi ha necessità diverse. I soggetti

Dettagli

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste:

Inflazione e Produzione. In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Inflazione e Produzione In questa lezione cercheremo di rispondere a domande come queste: Da cosa è determinata l Inflazione? Perché le autorità monetarie tendono a combatterla? Attraverso quali canali

Dettagli

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare

Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Maranhão: Progetto d investimento immobiliare Premessa E noto a tutti come il Brasile rappresenti una delle grandi economie emergenti, caratterizzate da tassi di crescita elevati e relativamente stabili

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

PRODUZIONE E CRESCITA

PRODUZIONE E CRESCITA Università degli studi di MACERATA ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2012/2013 PRODUZIONE E CRESCITA Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@unimc.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme.

Perchè abbiamo promosso questa raccolta di firme. A seguito della riunione del 18 Giugno 2008 delle segreterie dei Circoli di lavoro del PD era in fase di predisposizione il modulo per la raccolta delle firme. Prendendo atto con grande soddisfazione della

Dettagli

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere

Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Ridurre il cuneo contributivo per i giovani, per tornare a crescere Mauro Marè, Fabio Pammolli Maggio 2013 In Italia, l aliquota di contribuzione obbligatoria al sistema pensionistico pubblico per il lavoro

Dettagli

Gli incentivi non mettono in moto l automobile

Gli incentivi non mettono in moto l automobile 115 idee per il libero mercato Gli incentivi non mettono in moto l automobile di Andrea Giuricin Il rallentamento economico e la crisi finanziaria hanno avuto un forte impatto su uno dei settori più importanti

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia

Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia INDICE - SOMMARIO Istruzioni per l uso XIII Upgrade per la presente edizione. XVII Capitolo I Regolamentazione pubblica delle attività economiche e governo politico dell economia 1. Lo studio giuridico

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4341 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore GRECO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 17 NOVEMBRE 1999 Istituzione del marchio

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN. SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte)

LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN. SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte) LA DELOCALIZZAZIONE DI ATTIVITÁ PRODUTTIVE IN SERBIA: ANDAMENTO E CONSEGUENZE (quarta parte) WWW.PECOB.EU MARZO 2013 Pagina 1 di 6 La serbia continua ad attrarre investimenti esteri da tutto il mondo ed

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti

Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici. Giorgio Ricchiuti Un riepilogo di alcuni fenomeni macroeconomici Giorgio Ricchiuti Cosa abbiamo visto fin qui Abbiamo presentato e discusso alcuni concetti e fenomeni aggregati: 1) Il PIL, il risparmio e il debito pubblico.

Dettagli

Flussi di cittadini nella UE

Flussi di cittadini nella UE Flussi di cittadini nella UE Immigrazione UE-27, 2009-2011. Fonte Eurostat. Immigrati ogni 1000 abitanti, 2011. Fonte Eurostat. Quota di immigrati per gruppo cittadinanza, UE-27, 2011. Fonte Eurostat.

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA

LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA LA STRUTTURA GIURIDICA DELL IMPRESA Le scelte economiche relative alla possibilità d intraprendere un attività in proprio sono profondamente connesse con le scelte di carattere giuridico. Di solito la

Dettagli

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015 LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana Giovedì 26 novembre 2015 9:45 Polo Tecnologico e startup innovative Nico Cerri 10:00 Dall

Dettagli

- comunicato stampa -

- comunicato stampa - - comunicato stampa - SPESA PUBBLICA E FEDERALISMO : L ITALIA SPRECA 26 MILIARDI DI EURO Il presidente Tessari: Gli enti periferici gestiscono il 37% della spesa pubblica complessiva col 42% del personale,

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ

ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ ORIENTAMENTO ALL AUTOIMPRENDITORIALITÀ 1 LA DEMOGRAFIA IMPRENDITORIALE 2 LA DEMOGRAFIA IMPRENDITORIALE IN UN PERIODO DI CRISI (AGGIORNARE CON DATI UFFICIO STUDI) Le nuove imprese sono caratterizzate da

Dettagli

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA

Tabella 1 - Immatricolazioni Autocarri Pesanti (>16 t) EST Europeo - Fonte ACEA Crollo del Mercato Autocarri e del Trasporto Merci su strada in Italia, quali le cause? Rapporto 2015 Cabotaggio, concorrenza sleale, dimensioni delle Aziende di trasporto, scarsa produttività, costi del

Dettagli

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO

CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO CONGESTION CHARGE: LE RAGIONI DI UN DISSENSO 1. Premessa Nei mesi scorsi Assolombarda ha espresso all Amministrazione Comunale la propria contrarietà alla congestion charge, ritenendola un provvedimento

Dettagli

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012

Il contesto economico crescere nella nuova geografia. Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Il contesto economico crescere nella nuova geografia Silvano Carletti Servizio Studi BNL Milano, 8 maggio 2012 Di cosa parliamo? Crescita, Competizione La nuova geografia Lo scenario cambia ancora 2 In

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a.

Capitolo 2. Commercio. uno sguardo. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) [a.a. Capitolo 2 Commercio internazionale: uno sguardo d insieme [a.a. 2012/13 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Struttura della Presentazione Il commercio

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO

SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO SIRIA IL MERCATO DEL TESSILE E DELL'ABBIGLIAMENTO Maggio 2011 Premessa L importazione in Siria è in espansione, ma e ancora contenuta a causa dei dazi doganali elevati e le importazioni di prodotti tessili

Dettagli

Come guadagnare con gli investimenti immobiliari

Come guadagnare con gli investimenti immobiliari 1 di 8 23/04/2008 13.19 Come guadagnare con gli investimenti immobiliari Se ti sei lasciato sfuggire i sostanziosi profitti degli investimenti immobiliari degli anni scorsi, stavolta hai l'occasione per

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

VENDERE BENE LA TUA CASA,

VENDERE BENE LA TUA CASA, 1 SCOPRI I SEGRETI PER VENDERE BENE LA TUA CASA, E LE AZIONI COMMERCIALI SBAGLIATE DA NON COMMETTERE. 2 Oggi il nostro compito è quello di proteggerti da tutto ciò che potrebbe trasformare Vendita di casa

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Il rilancio parte da sinistra

Il rilancio parte da sinistra Il rilancio parte da sinistra Come fare ridere i poveri senza fare piangere i ricchi Luglio 2013 UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO La crisi economica e sociale del paese non nasce nel 2011, ne nel 2008. Ha

Dettagli

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011.

Nelle tabelle sottostanti si riportano i redditi ed i volumi di affari medi degli iscritti Inarcassa dal 2008 al 2011. Inarsind, Sindacato Ingegneri ed Architetti liberi professionisti Italiani, alla luce del trend - purtroppo assolutamente negativo dei redditi professionali di Architetti ed Ingegneri negli ultimi quattro

Dettagli

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro

Evasione Fiscale. Equità Sociale. Evasione Contributiva. Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Evasione Fiscale Equità Sociale Evasione Contributiva Sicurezza sui Luoghi di Lavoro Appunti della Camera del Lavoro di Brescia su equità sociale, evasione fiscale e contributiva, sicurezza sul lavoro

Dettagli

Jeanine vive, e tu voltati

Jeanine vive, e tu voltati Data Jeanine vive, e tu voltati I diritti umani e soprattutto la loro violazione, devono stringere il mondo intero nella solidarietà. Ban Ki-moon 0 1 E tu voltati Indifferenza. Liliana Segre ne ha parlato

Dettagli

L INDUSTRIA RIPARTE DALL EDILIZIA Meno spreco di energia e più innovazione per rilanciare il settore

L INDUSTRIA RIPARTE DALL EDILIZIA Meno spreco di energia e più innovazione per rilanciare il settore SCHEDA STAMPA a cura dell ufficio Comunicazione e Stampa L INDUSTRIA RIPARTE DALL EDILIZIA Meno spreco di energia e più innovazione per rilanciare il settore Mai come ora il sistema industriale italiano

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati

Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Export alimentare italiano: opportunità di crescita nei partner storici e nei nuovi mercati Associazione Industriali delle Carni e dei Salumi «La crescita dell industria alimentare passa necessariamente

Dettagli

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO

Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Lezioni di Economia Aziendale classe quarta Prof. Monica Masoch LA FINANZA AZIENDALE E LE DECISIONI DI INVESTIMENTO LE DECISIONI DI INVESTIMENTO Cosa significa «Investimento»? L investimento è la seconda

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore

IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore IL CONTROLLO DI GESTIONE Un opportunità per l imprenditore Il controllo di gestione è uno strumento che consente di gestire al meglio l impresa e viene usato abitualmente in tutte le imprese di medie e

Dettagli

La gestione degli obblighi della sicurezza tra responsabilità e opportunità

La gestione degli obblighi della sicurezza tra responsabilità e opportunità ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO UNIONE PROVINCIALE LECCE Francesca Maggiulli Cdl e Formatore sicurezza sul lavoro La gestione degli obblighi della sicurezza tra responsabilità e opportunità

Dettagli

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA)

SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) SOLDI DI NOI TUTTI (TASSE E SPESA PUBBLICA IN ITALIA) DOSSIER A CURA DEL CENTRO NUOVO MODELLO DI SVILUPPO CON LA COLLABORAZIONE DI LUCA FERRINI (NOVEMBRE 2012) Prologo Ci vantiamo di vivere in un paese

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli