Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo"

Transcript

1 Desertificazione: situazione attuale nelle maggiori aree del globo

2 Situazione mondiale Cause antropiche di degrado del suolo Estensione (milioni di ha) % sul totale Deforestazione Allevamento intensivo Sovrasfruttamento vegetazione per usi energetici Attività agricole Attività industriali ,5 29% 35% 7% 28% 1% Fonte: FAO 1996

3 Localizzazione dei suoli degradati a livello mondiale Fonte: UNEP 1992, GRID Arendal 2001

4 Il Worldwatch Institute ha stimato che ogni anno vengono persi 24 miliardi di tonnellate di strato superficiale del suolo* Questo fenomeno si verifica un po dovunque ma le zone più colpite sono le terre aride che costituiscono più di un terzo dell intera superficie terrestre! Desertificazione: è stata definita dalla UN Convention to Combat Desertification come land degradation in arid, semi-arid and dry subhumid areas * Down to Earth, A simplified guide to the Convenction to Combat Desertification, Secretariat for the Convention to Combat Desertification

5 Desertificazione Circa 3600 milioni di ha di terre aride (sui totali 5200 milioni di ha) risultano degradate in varia misura [UNCCD2000] E un fenomeno globale? La sua estensione certamente lo è!

6 Colpisce direttamente 250 milioni di persone ed il sostentamento di circa 1 miliardo di persone che dipendono dalla terra per la maggior parte dei propri bisogni è a rischio, prevalentemente nelle aree più povere del mondo Sebbene il problema della desertificazione colpisca fortemente l Africa, esso non può essere confinato a questo continente, infatti: più del 30% delle terre degli Stati Uniti soffrono il problema l America Latina e le Isole Caraibiche ne sono colpite per ¼ della loro estensione relativamente all Europa, si registra in Spagna il rischio di desertificazione per circa 1/5 delle terre In Cina, dagli anni 50 in poi, le terre desertiche sono aumentate a scapito di ha di terreni agricoli, di 2.35 milioni di ha di pascoli, di 6.4 milioni di ha di foreste

7 Zone aride nel Mondo Fonte: United Nations Environment Program/Global Resource Information Database. indietro

8 Africa Alcuni dati Ben 2/3 dei totali 29.6 milioni di km2 di superficie sono aridi o semi-aridi Il problema della desertificazione costituisce uno dei principali rischi per lo sviluppo delle popolazioni di questa area poiché circa il 60% della popolazione dipende dall agricoltura! Studi recenti [UNCCD 2001] stimano che circa il 46% del territorio è interessato dal fenomeno e che ben il 55% di quest area è a rishio elevato o molto elevato di desertificazione. Quali sono le principale cause?

9 Forze motrici del degrado del suolo: Negli ultimi tre decenni l espansione dell agricoltura ha portato alla coltivazione di terreni marginali e alla deforestazione di importanti habitat (foreste e terre umide) alla ricerca di nuove terre coltivabili. Nelle isole dell Oceano Indiano Occidentale, ad esempio, la ricerca di terre coltivabili è risultata così intensa da portare alla distruzione di gran parte delle terre umide costiere e alla bonifica delle zone paludose interne ora destinate ad insediamenti civili.

10

11 Africa In molte aree africane la perdita di habitats naturali: compromette la biodiversità genera problemi alle popolazioni che basano il proprio sostentamento sull allevamento, costrette a migrare alla ricerca di terre idonee al pascolo (Mari, Mauritania, Senegal, Sudan) Conseguenze a catena discendono da tali fenomeni:

12 L erosione del suolo porta alla limificazione di molti bacini e fiumi ed aumenta il rischio di straripamento dei corsi idrici e di danneggiamento degli estuari (In Sudan la capacità totale del bacino Roseires, che genera l 80% dell elettricità del paese, è diminuita del 40% in 30 anni, a causa del deterioramento del corso del la modifica dello stato di copertura vegetale naturale esaspera i fenomeni di erosione ad opera dell acqua e del vento: attualmente circa il 25% ed il 22% delle terre sono colpite rispettivamente da tali fenomeni L erosione inoltre, riducendo la fertilità del suolo, rende necessario l uso di fertilizzanti: E le popolazioni più povere? Non potendo sostenere l acquisto di tali sostanze vedono diminuire sempre più la produttività dei propri terreni!

13 La UNCCD ha evidenziato come l origine di tale degrado sia strettamente relazionabile al problema della povertà. La passata inadeguata gestione del territorio può essere ricondotta ad: inique distribuzioni dei terreni durante i periodi coloniali mancanza di informazione e di incentivi alla conservazione del suolo mancanza di diversificazione dei sistemi agricoli

14 Africa in futuro? Molti stati africani hanno ratificato la convenzione e 15 di loro hanno attuato programmi nazionali nel 2000 Programmi sub-regionali sono stati inoltre attuati ad opera di diversi agenti (Maghreb Arab Union, Southrn African Development Community, Economic Community of Western African States, Permanent Interstate Committee for Drought Control) Il successo di tali programmi dipende molto da fattori economico-sociali e politici, in particolare dall equa distribuzione dei territori coltivabili che può assicurare il sostentamento delle popolazioni indigene

15 Asia e area del Pacifico Anche in questa area le cause del degrado del suolo, acuite negli ultimi decenni, sono da individuare in: Crescita della popolazione ed alta densità demografica Scarsa gestione delle terre Iniquo accesso alle risorse del suolo

16 Asia e area del Pacifico Qualche dato più della metà dei 1977 milioni di ha di terre aride di questa area soffrono il problema della desertificazione [UNCCD 1998] l area più problematica è l Asia Centrale (60% della sua estensione), seguita dall Asia del Sud (>50%) e dall Australia (circa il 30%)

17

18 Asia e area del Pacifico Diverse programmi sono implementati attualmente in questa area per combattere la desertificazione (es. India., Afforestation Programme, Drought Prone Areas Programme ( ) Le attività pianificate riguardano: corretta gestione idrica stabilizzazione dune sabbiose programmi di riforestazione recupero di suoli salinizzati e salmastri corretta gestione forestale e dei pascoli recupero fertilità dei suoli

La salute del Mare Nostrum

La salute del Mare Nostrum La salute del Mare Nostrum Romualdo Gianoli Contaminazione delle acque, inquinamento, degradazione degli habitat, coste sacrificate a una urbanizzazione massiccia e costante. Sono i problemi che oggi vive

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

COS E LA DESERTIFICAZIONE

COS E LA DESERTIFICAZIONE DESERTIFICAZIONE 1 COS E LA DESERTIFICAZIONE Quando si parla di desertificazione non ci si riferisce alla espansione naturale dei deserti ("desertizzazione"), ma a quei processi sociali ed economici attraverso

Dettagli

L AMAZZONIA NEL PIATTO

L AMAZZONIA NEL PIATTO L AMAZZONIA NEL PIATTO 1 SCHEDA INFORMATIVA CAMPAGNA AMAZZONIA 2014 LA SOIA: UNA PROTEINA VEGETALE CHE...SI MANGIA LA TERRA Un secolo fa, la soia era praticamente sconosciuta al di fuori dell'asia. Oggi,

Dettagli

Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale

Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale Traduzione non ufficiale Dichiarazione congiunta de L Aquila sulla sicurezza alimentare globale L Iniziativa de L Aquila sulla Sicurezza Alimentare (AFSI) 1. Noi, i Capi di Stato e di Governo e i Direttori

Dettagli

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION

VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION VER: VOLUNTARY EMISSION REDUCTION La VER è un azione volontaria che ha lo scopo di ridurre la propria impronta di carbonio (CO2), principale causa dell effetto serra. La VER viene attivata da Aziende sensibili

Dettagli

Caffè Scienza. Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys)

Caffè Scienza. Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys) Caffè Scienza Biocarburanti: energia sostenibile? (Dott. Andrea Rossi, Università di Siena & Ecofys) Roma, 16/12/2008 Obiettivi delle politiche per i biocarburanti Mitigazione dei cambiamenti climatici

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo.

ECONOMIA E SOCIETA. La presenza di un certo tipo di risorse e non di altre influenza la vita e le attività dell uomo. ECONOMIA E SOCIETA Le materie prime o risorse naturali pag. 84-85 Le materie prime sono tutti quei beni che la natura offre all uomo spontaneamente: sono tutti quei beni che cioè sono presenti in natura,

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI REGIONALI

STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI REGIONALI PROGETTO KYOTO RICERCA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E IL CONTROLLO DEI GAS SERRA IN LOMBARDIA - III annualità Unità operativa 3 (GS3) Linea Stima e mappatura dei C-sinks e C-stock STOCK DI CARBONIO NEI SUOLI

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

PTS TUTELA RISORSE NATURALI

PTS TUTELA RISORSE NATURALI PTS TUTELA RISORSE NATURALI PREMESSA Se la proposta di ripartizione della spesa tiene conto che la Calabria ha ancora tanta necessità di spendere sull asse I per garantire un adeguato intervento sull ancora

Dettagli

Nota di sintesi. Integrare le Convenzioni di Rio con lo Sviluppo. alla Cooperazione

Nota di sintesi. Integrare le Convenzioni di Rio con lo Sviluppo. alla Cooperazione Nota di sintesi Integrare le Convenzioni di Rio con lo Sviluppo alla Cooperazione Overview Integrating the Rio Conventions into Development Co-operation Italian translation Le note di sintesi sono degli

Dettagli

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita.

Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Dossier 2003 Non c è vita senz acqua, non c è acqua senza vita. Introduzione L acqua è l elemento vitale per la sopravvivenza del nostro pianeta e la corretta gestione delle risorse idriche è la sfida

Dettagli

Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa

Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa Lezioni di Tecnica Urbanistica a.a.2011-2012 Maria Ioannilli Presentazione del corso 1 Il Corso è articolato in una parte teorica ed una parte applicativa La componente teorica è divisa in tre parti. Nella

Dettagli

Clima e comunità umane: i profughi ambientali. Maurizio Gubbiotti Responsabile Dipartimento Internazionale Legambiente

Clima e comunità umane: i profughi ambientali. Maurizio Gubbiotti Responsabile Dipartimento Internazionale Legambiente Clima e comunità umane: i profughi ambientali Maurizio Gubbiotti Responsabile Dipartimento Internazionale Legambiente Chi sono i profughi ambientali? La questione della definizione è stata a lungo dibattuta

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

A proposito di. Suolo. A proposito di... Suolo. a cura di: Arpav

A proposito di. Suolo. A proposito di... Suolo. a cura di: Arpav A proposito di... Suolo A proposito di Suolo a cura di: Arpav Area Ricerca e Informazione Servizio Comunicazione ed Educazione Ambientale Tel. +39 049 8767644 Fax +39 049 8767682 e-mail: dsiea@arpa.veneto.it

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE

SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Verso la costruzione della SICUREZZA ALIMENTARE MONDIALE Insieme possiamo porre fine alla fame e alla malnutrizione José Graziano da Silva, Direttore Generale della FAO UNA VISIONE COMUNE L Organizzazione

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

TARH Terra, Ambiente e Recursos Hídricos

TARH Terra, Ambiente e Recursos Hídricos WARBO WATER RE BORN : Ricarica artificiale delle falde: tecnologie innovative per la gestione sostenibile delle risorse idriche Ricarica Artificiale di Acquiferi Aspetti tecnici; Vantaggi e Svantaggi;

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 22.9.2006 COM(2006)231 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE L IMPORTANZA DELLA CONOSCENZA DEI SUOLI PER LE POLITICHE DI PROTEZIONE AMBIENTALE E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE SUOLI E GEOMORFOLOGIA DEL TERRITORIO PADOVANO Convegno 23.10.2013 Aula Magna Galileo Galilei

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO. Elaborato n. 4 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE

PROGETTO DEFINITIVO. Elaborato n. 4 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente Dipartimento Regionale dell Ambiente Servizio 3 - Assetto del Territorio e Difesa del Suolo PO FESR 2007-2013 - Linea di intervento

Dettagli

Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones

Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones Agriculture and Nutrition in Arid Zones Cluster Arid Zones Premessa Il termine Arid Zones si riferisce ad un ambito geografico, denso di problematiche, ma anche di risorse, che comprende territori e popolazioni

Dettagli

Africa. IDROGRAFIA In Africa scorre il fiume Nilo, che con il Kagera forma il fiume più lungo del mondo (6671. scaricato da www.risorsedidattiche.

Africa. IDROGRAFIA In Africa scorre il fiume Nilo, che con il Kagera forma il fiume più lungo del mondo (6671. scaricato da www.risorsedidattiche. Africa TERRITORIO ED ESTENSIONE L'Africa ha un'estensione di 30,2 milioni di kmq ed è il secondo continente per estensione dopo l'asia. Il suo territorio, dalla forma triangolare con coste poco articolate,

Dettagli

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA

LA DIVERSITÀ BIOLOGICA LA DIVERSITÀ BIOLOGICA Partiamo da noi Cosa conosco di questo argomento? Cosa si intende con biodiversità? Ma quante sono le specie viventi sul pianeta? ancora domande Come mai esistono tante diverse specie

Dettagli

Dati e fatti sulla produzione di soia e sui Criteri di Basilea

Dati e fatti sulla produzione di soia e sui Criteri di Basilea Dati e fatti sulla produzione di soia e sui Criteri di Basilea Impiego della soia Circa l 85 % della produzione mondiale di soia viene impiegata nell alimentazione a- nimale. La soia contiene importanti

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala

AMREF PORTA L ACQUA. Hotel Milano Scala AMREF PORTA L ACQUA Pozzo finanziato grazie a Hotel Milano Scala Paese: Kenya Distretto di Kitui AREA D INTERVENTO Mutethya, questo è il nome che la comunità ha dato al pozzo, si trova in Kenya, nel villaggio

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione

II PARTE. Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione II PARTE Processi territoriali delle aree asiatiche e le nuove dinamiche della mondializzazione 2. Un Asia, tante Asie: Paesi, aree e regioni dell estremo Oriente Inizio II Millennio ASIA centro della

Dettagli

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della

Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità. I contenuti principali della IPCC AR5 Quinto Rapporto di Valutazione sui Cambiamenti Climatici Working Group II Climate Change 2014 Impatti, Adattamento e Vulnerabilità I contenuti principali della Sintesi per i Decisori Politici

Dettagli

Prefazione L acqua e la sicurezza alimentare sono strettamente

Prefazione L acqua e la sicurezza alimentare sono strettamente Le denominazioni usate e la forma in cui sono presentati i dati che figurano in questa pubblicazione non implicano da parte dell'organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura alcuna

Dettagli

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili

Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Deforestazione: i consumi nell UE tra i maggiori responsabili Tra il 1990 e il 2008 le importazioni ed i consumi dell Europa hanno contribuito alla deforestazione di 9 milioni di ettari (una superficie

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

Le cause del sottosviluppo

Le cause del sottosviluppo Le cause del sottosviluppo Introduzione Sottosviluppo è un termine generalmente usato nel campo economico che intende una sorta di povertà di un paese calcolando fattori come il PIL (prodotto interno lordo),

Dettagli

Le rinnovabili in cifre

Le rinnovabili in cifre Le rinnovabili in cifre (Febbraio 2004) Le energie rinnovabili - il vento, l acqua, la biomassa, il sole e l energia geotermica costituiscono un enorme potenziale per la tutela del clima. Il nuovo Jahrbuch

Dettagli

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico

17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme. N. Processo* Danno grave o catastrofico 17 Tabella 1 Principali processi di degradazione del suolo e possibili conseguenze estreme N. Processo* Danno grave o catastrofico 1 Erosione 2 Alterazione da scorrimento superficiale delle acque Frane,

Dettagli

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE

COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Tipo di attività/strumento Quiz a risposta multipla Spunti didattici COSA NE SAPPIAMO DEL SAHEL? QUIZ SICUREZZA ALIMENTARE Conoscenza e approfondimento dei concetti di sicurezza e sovranità alimentare.

Dettagli

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE

Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà L IFAD IN BREVE Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni

Dettagli

DONNE E LAVORO AGRICOLO:

DONNE E LAVORO AGRICOLO: DONNE E LAVORO AGRICOLO: SFIDE E PROPOSTE PER L AGENDA DI SVILUPPO POST 2015 Valentina Franchi Organizzazione delle Nazioni Unite per l Agricoltura e l Alimentazione IL RUOLO DELLE DONNE NELL AGRICOLTURA

Dettagli

Un pianeta da nutrire

Un pianeta da nutrire Lester R. Brown Un pianeta da nutrire La scarsità alimentare pone nuove minacce alla sicurezza mondiale. L agricoltura si deve attrezzare per rimanere al passo con la crescita della popolazione globale,

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?

Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen? TERRITORI 09, COP15: Il clima che verrà 4 Dicembre 2009, RidottoRemondini Contenuti! Cambiamento Climatico: basi scientifiche Il Cambiamento Climatico: quali accordi a Copenhagen?! Iniziative Internazionali:

Dettagli

Capitolo 1. Capitolo 3. Capitolo 2 INTRODUZIONE: ALCUNE NOZIONI INTERAZIONE SPAZIALE LE RADICI E IL SIGNIFICATO

Capitolo 1. Capitolo 3. Capitolo 2 INTRODUZIONE: ALCUNE NOZIONI INTERAZIONE SPAZIALE LE RADICI E IL SIGNIFICATO Indice Presentazione della seconda edizione italiana Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XI XIII XIV 2.2.1 Il controllo esercitato dall ambiente 24 Box Terrorismo identitario o universalismo

Dettagli

Finito di stampare agosto 2010 da Tecnostampa, Loreto (AN) Creative Commons 2.5 Italy License www.creativecommons.it

Finito di stampare agosto 2010 da Tecnostampa, Loreto (AN) Creative Commons 2.5 Italy License www.creativecommons.it Questa pubblicazione è stata realizzata con il sostegno finanziario del Ministero Affari Esteri italiano (MAE - DGCS). ll suo contenuto è di sola responsabilità delle ONG promotrici (CESTAS, CISV, CTM

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Commercio di acqua virtuale in Italia

Commercio di acqua virtuale in Italia Commercio di acqua virtuale in Italia Luca Ridolfi Water In Food Politecnico di Torino Dip. Ingegneria dell Ambiente e del Territorio Politecnico di Torino Concetto di acqua virtuale Alcuni dati a scala

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua

Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Coltivare nel Sahel si può Gli orti delle donne del progetto Il Sole per l Acqua Un progetto della Rete dei Comuni Solidali: 290 piccoli comuni italiani per la solidarietà e lo sviluppo Sahel: fra le terre

Dettagli

Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione

Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione Il Il Programma di Azione Nazionale di lotta alla siccità e alla desertificazione Rosanna Bissoli Servizio Tutela e Risanamento Risorsa Acqua Assessorato Ambiente e Sviluppo Sostenibile Bologna, 15 ottobre

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L SI VOLUME 3 CPITOLO 8 MODULO D LE VENTI REGIONI ITLINE 1. Parole per capire lla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: isola...... penisola...... arcipelago...... ghiacciaio......

Dettagli

Friend of the Earth Standard

Friend of the Earth Standard Friend of the Earth Standard FOE-Agricoltura Criteri e indicatori per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile (Ultimo aggiornamento 13/03/2014) CATEGORIE DI REQUISITI 1. SISTEMA DI GESTIONE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

SOSTENIBILE E MEDITERRANEA: PARADIGMI STRATEGICI E STRUTTURALI PER IL PIANO URBANISTICO GENERALE DI BARI. Giovanni Cafiero, maggio 2015.

SOSTENIBILE E MEDITERRANEA: PARADIGMI STRATEGICI E STRUTTURALI PER IL PIANO URBANISTICO GENERALE DI BARI. Giovanni Cafiero, maggio 2015. SOSTENIBILE E MEDITERRANEA: PARADIGMI STRATEGICI E STRUTTURALI PER IL PIANO URBANISTICO GENERALE DI BARI Giovanni Cafiero, maggio 2015. La Telos con Il Prof. Gabrielli in qualità di coordinatore è impegnata

Dettagli

SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE

SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE SOMMARIO DI AGENDA 21 LOCALE Il documento programmatico delle nazioni unite per il XXI secolo, denominato Agenda 21 Locale e approvato in occasione della Conferenza ONU Ambiente e Sviluppo svoltasi a Rio

Dettagli

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano

L impronta carbonica degli alimenti. Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano L impronta carbonica degli alimenti Laura Tagliabue, Matteo Zanchi, Stefano Caserini Politecnico di Milano Fondazione Culturale San Fedele, Milano, 9 ottobre 2014 Indice Le emissioni di gas serra dalle

Dettagli

IL LAND GRABBING E L AGRICOLTURA GLOBALIZZATA

IL LAND GRABBING E L AGRICOLTURA GLOBALIZZATA IL LAND GRABBING E L AGRICOLTURA GLOBALIZZATA di Maurizia Sii Onesto 34 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 6/2013 Fino alla fine del Novecento il potere si è, in sostanza, sempre sviluppato su di una specifica

Dettagli

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015

Crescita globale: mondo che invecchia? Ci salverà la produttività in un. Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita globale: Ci salverà la produttività in un mondo che invecchia? Stefano Napoletano Director McKinsey & Company Maggio 2015 Crescita del PIL mondiale dal 1964 al 2015 50 anni x6 1 Popolazione e

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità

Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB. Foto M.Mendi. Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Workshop di formazione per insegnanti progetto LIFE TIB Foto M.Mendi Evoluzione nell'uso del suolo ed effetti sulla biodiversità Che cos è la BIODIVERSITA???? La varietà della vita sulla Terra a tutti

Dettagli

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE

CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE CLIMATE CHANGE LE CONSEGUENZE Gli impatti previsti varieranno in maniera significativa tra le varie regioni del globo. Particolarmente gravi saranno le conseguenze per i Paesi in via di sviluppo, i più

Dettagli

232 Euro ha e 334 Euro ha

232 Euro ha e 334 Euro ha L Italia dovrebbe perdere il 6,9 % dello stanziamento PAC proveniente UE La Lombardia per effetto della regionalizzazione passerebbe dal circa 13% attuale al 9%, nella migliore delle ipotesi, dell ammontare

Dettagli

Il mercato internazionale dei prodotti biologici

Il mercato internazionale dei prodotti biologici Marzo 2014 Il mercato internazionale dei prodotti biologici In sintesi Il presente Report sintetizza i principali dati internazionali diffusi di recente in occasione della Fiera Biofach di Norimberga.

Dettagli

Lo scrivere come competenza appresa

Lo scrivere come competenza appresa ISTITUTO PROVINCIALE PER LA RICERCA, L AGGIORNAMENTO E LA SPERIMENTAZIONE EDUCATIVI Scrittura e didattica della scrittura nel biennio conclusivo dell obbligo Lo scrivere come competenza appresa Prove di

Dettagli

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea

Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Programma Nazionale dello Sviluppo Rurale (PNDR) 2014-2020 all esame della Commissione Europea Il Ministero dell Agricoltura e dello Sviluppo Rurale (MADR) ha trasmesso il 21 marzo alla Commissione

Dettagli

Antonella VELTRI CNR ISAFOM

Antonella VELTRI CNR ISAFOM Antonella VELTRI CNR ISAFOM Ruolo dei sistemi i forestali sulla regimazione i idrica i e sul controllo dell erosione Ciclo di Seminari: Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Risorse idriche globali e alimentazione

Risorse idriche globali e alimentazione Risorse idriche globali e alimentazione sfide per il futuro Guido Santini FAO Land and Water Division ACQUA 2.0 - II EDIZIONE, Roma, 27 Marzo 2014 Introduzione Quadro diagnostico: Panoramica sulle risorse

Dettagli

Protezione sociale e agricoltura

Protezione sociale e agricoltura 16 ottobre 2015 Giornata mondiale dell alimentazione Protezione sociale e agricoltura Sasint/Dollar Photo Club Sasint/Dollar Photo Club per spezzare il ciclo della povertà rurale 16 ottobre 2015 Giornata

Dettagli

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI

LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI LA SOSTENIBILITÀ IN AGRICOLTURA E I CRITERI PER LA PRODUZIONE DI BIOCARBURANTI Bilanci ambientali in agricoltura e modelli di certificazione Cremona 15 marzo 2012 Lorenzo D Avino Luca Lazzeri Centro di

Dettagli

INDICATORI E MONITORAGGIO

INDICATORI E MONITORAGGIO COMUNI DI AZZIO, BEDERO VALCUVIA, BRINZIO, CASALZUIGNO, CASSANO VALCUVIA, DUNO, FERRERA DI VARESE, MASCIAGO PRIMO, ORINO, RANCIO VALCUVIA Provincia di Varese INDICATORI E MONITORAGGIO VALUTAZIONE AMBIENTALE

Dettagli

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo

I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo I PROGETTI ADOTTATI DA 4CITIES4DEV cibo buono, pulito e giusto: l esperienza delle comunità del cibo Orti comunitari di N Ganon e Nangounkaha, Costa d Avorio Foto Archivio Slow Food Progetto Slow Food

Dettagli

Sintesi. Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà

Sintesi. Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Sintesi Aiutare le popolazioni povere delle aree rurali a sconfiggere la povertà Questo rapporto è stato realizzato dai dipendenti del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) e le osservazioni

Dettagli

La desertificazione, i costi dell inazione e la valutazione delle opzioni di adattamento al cambiamento climatico

La desertificazione, i costi dell inazione e la valutazione delle opzioni di adattamento al cambiamento climatico La desertificazione, i costi dell inazione e la valutazione delle opzioni di adattamento al cambiamento climatico Gretel Gambarelli 1, Carlo Giupponi 2, Alessandra Goria 3 1 - World Bank, Environment Department,

Dettagli

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA

PASSO DOPO PASSO ALTRE TRE SCUOLE IN KARAMOJA PROGETTO 10.1 maggio 2013 maggio 2014 36.278 euro Uganda PROGETTO In Karamoja, nel distretto di Moroto la percentuale di alfabetizzazione è al 13%. Sull 80% dei bambini iscritti alla scuola primaria,

Dettagli

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico

Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Programma di Geografia classe 1^ Tecnico Turistico Strumenti della Geografia L orientamento Longitudine e Latitudine La cartografia Le proiezioni cartografiche Le rappresentazioni di dati (Areogrammi,

Dettagli

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura Utilizzi dell'acqua Il consumo di acqua All uomo interessa in particolare l acqua potabile, sempre più scarsa in rapporto all aumento della popolazione mondiale e per effetto dell inquinamento. Oggi sono

Dettagli

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione

Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Dalla natura il carburante pulito: il bioetanolo di seconda generazione Giuseppe Fano Corporate Director, External Relations M&G : Alcuni numeri Azienda chimica multinazionale di proprietà della famiglia

Dettagli

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A

INQUINAMENTO IDRICO. Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A INQUINAMENTO IDRICO Belotti, Dander, Mensi, Signorini 3^A L inquinamento idrico è la contaminazione dei mari e delle acque interne superficiali (fiumi e laghi) e di falda tramite l immissione, da parte

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni

Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni Ogni anno muoiono in Italia tra le 30.000 e le 40.000 persone a causa dell inquinamento (OMS 2005) L inquinamento atmosferico determina 22-23 milioni di giornate di assenza per malattia (MISA- 2) Persone

Dettagli

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11

Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Senato - Commissione Territorio, Ambiente, Beni ambientali Audizione del Sottosegretario di Stato Giuseppe Pizza 22. febbraio 11 Oggetto: la capacità di osservazione della costellazione COSMO-SkyMed. Ringrazio

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese

MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese MEDICI IN MOTO IN NEPAL MotoForPeace 2014 Per un pronto soccorso più rapido nelle zone rurali e remote del paese 1-Premessa Questo progetto nasce dall incontro di due Associazioni senza fini di lucro,

Dettagli

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione

Parte 1 - La questione energetica. Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Parte 1 - La questione energetica Parte 2 - L energia nucleare come fonte energetica: fissione e fusione Gilio Cambi INFN Bologna & Dipartimento di Fisica ed Astronomia Università di Bologna Pesaro, 22

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

L acqua, un indicatore di qualità ambientale e sociale. Luigi Campanella Dipartimento Chimica - Università La Sapienza

L acqua, un indicatore di qualità ambientale e sociale. Luigi Campanella Dipartimento Chimica - Università La Sapienza L acqua, un indicatore di qualità ambientale e sociale Luigi Campanella Dipartimento Chimica - Università La Sapienza La salute del mondo in cui viviamo Nell ultimo anno tre importanti organizzazioni mondiali

Dettagli

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo.

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. EROSIONE DEL SUOLO Erosione del Suolo Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. splash erosion: indotta dall impatto diretto delle gocce sul suolo, determina

Dettagli

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale

CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale CAPITOLO IX L Ingresso sui mercati esteri e la produzione internazionale Valutare le differenti forme di ingresso sui mercati esteri, individuando le diverse motivazioni dietro ciascuna di esse Capitolo

Dettagli

Basi cartografiche a cura e per concessione dell Istituto Geografico De Agostini. Copertina e illustrazioni interne Lorenzo Terranera

Basi cartografiche a cura e per concessione dell Istituto Geografico De Agostini. Copertina e illustrazioni interne Lorenzo Terranera 1 Ringraziamenti Per i suggerimenti e la collaborazione a questa pubblicazione si ringraziano il Prof. Gino De Vecchis, Presidente dell Associazione Italiana Insegnanti di Geografia e l Istituto Geografico

Dettagli

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN)

Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) onlus Rimini Incontro pubblico su Spreco alimentare e fame nel mondo Martedì 15 dicembre 2009, Aula magna ITC Molari Santarcangelo di Romagna (RN) I problemi agricoli e alimentari del Terzo Mondo come

Dettagli