-AIM MAGAZINE- Macrotrivial. Magari avessi quattro braccia come la dea Kali! I polimeri e le sportine di plastica. Eleonora Polo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "-AIM MAGAZINE- Macrotrivial. Magari avessi quattro braccia come la dea Kali! I polimeri e le sportine di plastica. Eleonora Polo"

Transcript

1 -AIM MAGAZINE- Macrotrivial Magari avessi quattro braccia come la dea Kali! I polimeri e le sportine di plastica Eleonora Polo CNR-ISOF, c/o Dip. dichimica, via L. Borsari 46, Ferrara, Italia. Fax: ; Tel: ; Le sportine di plastica per la spesa in polietilene sono state bandite nel nostro paese nei supermercati, ma continuano ad essere largamente impiegate negli altri esercizi commerciali. E' vero che, se sono abbandonate nell'ambiente, inquinano e deturpano il paesaggio, ma questo dipende dalla nostra maleducazione ed inciviltà, non dalle sportine ingiustamente demonizzate. Proviamo a vedere come siamo arrivati a questo punto. Chi non ha mai desiderato, nei momenti critici, di possedere un paio di braccia supplementari? E' un fatto incontestabile che, quando occorre trasportare molti oggetti, due mani spesso non bastano. L'unico modo per risolvere il problema è fornirci, per così dire, di braccia artificiali, cioè di mezzi che siano in grado di espandere le nostre capacità di contenere e trasportare oggetti. Nella storia della tecnologia troviamo sistemi di tutti i tipi, accomunati, però, dal fatto di essere quasi sempre o ingombranti o poco capienti. I materiali sintetici hanno iniziato a dominare il settore delle borse per la spesa soprattutto a partire dalla seconda metà del secolo scorso: ricordo le vecchie sporte di plastica intrecciata che usava mia madre per Fig.1 The British Museum, Kali, litografia (1895) andare a fare acquisti, un autentico passo in avanti rispetto a quelle in vimini o paglia (che non si potevano piegare e dal volume fisso) o di stoffa (più facili da trasportare, ma poco capienti). C'era allora, però, una sostanziale differenza rispetto alla situazione attuale: i generi alimentari erano acquistati quasi tutti i giorni anche in città, grazie alla vicinanza di negozi e mercati rionali e soltanto in particolari occasioni ci si spostava dal proprio quartiere per la spesa ordinaria. Le cose sono cambiate radicalmente negli ultimi venti-trent anni: le persone hanno sempre meno tempo per fare acquisti, nelle città è sparita la maggior parte dei piccoli negozi, i centri commerciali e gli ipermercati sono spesso lontani dalle abitazioni. L'avvento delle sportine di plastica ha costituito un progresso significativo sia in termini di ingombro che di capienza, tanto più che la parte più consistente della - 8 -

2 -AIM MAGAZINE- spesa alimentare si fa ormai una volta a settimana, per cui è necessario trasportare in una volta sola decine e decine di pacchetti dal carrello alla macchina e dalla macchina al frigorifero o alla dispensa di casa. E' stato calcolato che, escluso il tempo di percorrenza in auto, la vita media di una sportina di plastica sia di minuti. Questo cambiamento nelle abitudini di acquisto ha portato ad un incremento esponenziale nel consumo delle sportine di plastica ed a seri problemi di impatto ambientale causati soprattutto dalle nostre cattive abitudini. Ma come si faceva una volta? Gli uomini primitivi consumavano il cibo direttamente nel luogo in cui veniva trovato o prodotto e, quando occorreva trasportare o conservarlo, la natura stessa forniva i materiali adatti: conchiglie, zucche, corteccia di alberi o foglie. Con il progredire della civiltà iniziarono a circolare contenitori un po più sofisticati, ma sempre di origine naturale: rami e tronchi scavati, fibre vegetali intrecciate o tessute, interiora e pelli di animali, argilla impastata, si è usato veramente qualsiasi cosa. In principio fu il sacchetto di carta La carta costituisce la forma più antica di quello che oggi viene definito packaging flessibile. Già nel I-II sec. a.c. i cinesi utilizzavano fogli di corteccia di gelso da carta (Brussonetia papyrifera) per avvolgere gli alimenti. Il più antico pezzo di carta che possediamo è stato fabbricato in Cina (150 a.c.) a partire dagli stracci. Nei quindici secoli successivi la tecnica di produzione della carta si è perfezionata e gradualmente diffusa in Giappone (610), Asia centrale (750) ed Europa (1150), in cui fu portata dagli arabi che ne avevano carpito i segreti di fabbricazione ai persiani dopo la conquista di Samarcanda. La prima cartiera europea fu costruita in Spagna intorno al 1157, mentre in Italia le prime entrarono in attività ad Amalfi (1220) e Fabriano (1276). Da qui la produzione si diffuse in tutta la penisola e nella maggior parte dei paesi europei, ma Fabriano mantenne a lungo la sua supremazia grazie soprattutto alle innovazioni tecnologiche. A causa del costo elevato, però, non era neppure pensabile un impiego della carta diverso da quello di supporto per la scrittura, tanto più che la materia prima, gli stracci, era sempre insufficiente rispetto alla domanda. Fig.2 Illustrazione del processo di produzione della carta nell'antica Cina

3 -AIM MAGAZINE- Una valida alternativa economica fu trovata solo nel 1844 da Frederic Gottlob Keller, un tessitore di Heinicken (Sassonia), che depositò un brevetto per una pasta preparata dal legno. Di perfezionamento in perfezionamento, il processo di trasformazione dal legno divenne così economico da trasformare la carta da lusso per pochi privilegiati a prodotto di largo consumo. La disponibilità di carta industriale abbondante e a basso costo aprirà le porte a tutta una serie di nuovi impieghi, compresa la fabbricazione di shopper. Dobbiamo l introduzione della carta in questo settore a quattro inventori americani che quasi nessuno conosce: Francis Wolle ( ), Margaret Knight ( ), Charles Stillwell ( ) e Walter H. Deubner. Francis Wolle, botanico e pastore protestante, inventò e brevettò nel 1852 (USP 9,335) la prima macchina per fabbricare sacchetti di carta dal fondo a V, sufficientemente capienti e robusti per poter essere utilizzati per la spesa. Questo macchinario costituì la base per la meccanizzazione del processo e per tutti i successivi miglioramenti. Nel 1869, Wolle, insieme al fratello e ad altri fabbricanti, fondò la Union Paper Bag Machine Company, che, anni dopo la sua morte, aprì nel 1935 a Savannah un impianto ora di proprietà della International Paper ancora in funzione. Fig. 3 Il prototipo della macchina di F. Wolle Nel 1870, Margaret Knight, impiegata della Columbia Paper Bag Company a Springfield, inventò una macchina in grado di tagliare, piegare ed incollare borse dal fondo piatto che potevano stare in piedi da sole, molto più pratiche e capienti di quelle allora disponibili. Il suo datore di lavoro, all'inizio, si lamentò molto del tempo che lei dedicava allo sviluppo della macchina, ma si ammorbidì, quando gli venne offerta la possibilità di acquistare il brevetto nel caso avesse funzionato. Margaret costruì il primo prototipo in legno (Fig.4a), ma fu costretta a farne fare uno in metallo per poter presentare il brevetto. Un certo Charles Annan, che ebbe modo di vedere il modello in ferro mentre veniva costruito, rubò il disegno e depositò subito il brevetto a suo nome, pensando che una donna non avrebbe mai avuto il coraggio e la disponibilità economica per affrontare una battaglia legale. In tribunale sostenne, come prova dell'autenticità delle sue affermazioni, che una donna non avrebbe mai potuto possedere le capacità tecniche per inventare una macchina così complessa. Ma non sapeva con chi aveva a che fare. Quando Margaret Knight gli fece causa, fu in grado di esibire tutta la documentazione dettagliata della progettazione e costruzione

4 -AIM MAGAZINE- della macchina, così, prima donna a vincere una causa per l'assegnazione di un brevetto, poté registrarlo (USP 132,890) a suo nome nel 1873 (Fig.4b). Fondò la Eastern Paper Bag Co. ricevendo le royalties per il suo brevetto. Quando fu installato il primo macchinario, i lavoratori (uomini, ovviamente) si rifiutarono di seguire le sue indicazioni dicendo: Che cosa può saperne una donna di macchine?. Invece Margaret Knight, considerata negli Stati Uniti l'equivalente femminile di Edison, aveva inventato il primo macchinario all'età di dodici anni e depositato il primo brevetto a 30, seguito da altri venticinque, per un totale di ben novanta invenzioni, e non solo nel campo dell'imballaggio. Non si sposò mai. Dopo le esperienze di lavoro con gli uomini del suo tempo, possiamo forse darle torto? (a) Fig.4 (a) Smithsonian Museum: primo prototipo in legno della macchina inventata da Margaret Knight; (b) brevetto originale depositato della macchina che nessuna donna avrebbe mai potuto inventare (b) Nel 1883 l'ingegnere meccanico Charles Stilwell inventò una macchina (USP 405,616) in grado di produrre borse dal fondo quadrato e piatto e fornite di pieghe laterali che ne facilitavano l'apertura, la piegatura e l'immagazzinamento (Fig.5). La differenza con quelle che usiamo oggi è veramente minima. Chiamò la sua invenzione Self-Opening-Sack (S.O.S.), perché bastava un semplice colpo secco del polso per aprire una borsa. Purtroppo per lui, Stilwell non divenne ricco con questa invenzione, perché depositò il brevetto per i soli macchinari, che poi vendette alla Union Paper Bag Company (Philadelphia), ma non brevettò l'idea della piegatura dei sacchetti, che fu prontamente copiata da molti altri. Fig.5 Brevetto originale di C. Stillwell

5 -AIM MAGAZINEI pregiudizi sono duri a morire La maggior parte dei libri attribuisce ancora erroneamente l'invenzione della borsa dal fondo piatto a Charles Stillwell (che brevettò solo la macchina per la piegatura), mentre la maggior parte dei siti web a Margaret Knight. Che mondaccio! Walter H. Deubner, gestore di una piccola drogheria a Saint Paul (Minnesota), osservando i suoi clienti, si era reso conto che la quantità di merce che poteva essere trasportata con facilità era uno dei fattori limitanti nella spesa (oltre alla disponibilità del portafoglio, ovviamente). Pensò: Se riesco a trovare un sistema che permetta ai clienti di trasportare più cose, certamente compreranno di più. Dopo quattro anni di tentativi, riuscì a mettere a punto un sacchetto prefabbricato poco costoso, dotato di comodi manici di corda, e robusto abbastanza per trasportare da 5 a 35 kg di merce. Lo brevettò nel 1926 chiamandolo Deubner shopping bag (USP 1,714,162, Fig.6a). Tre anni dopo ne produceva e vendeva oltre un milione all anno. (b) Fig.6 (a) brevetto originale di W.E. Deubner; (b) Brian Tolle, opera dedicata alla borsa di Deubner, Los Cerritos Center, California, 2010 (a) La fabbricazione della carta a partire dal legno I materiali di partenza più usati sono la polpa di cellulosa (soprattutto di legno tenero, come abete e pioppo), fibre tessili (cotone, lino e canapa) o carta riciclata. Le fibre del legno sono costituite principalmente da polimeri naturali: cellulosa (45%) ed emicellulosa (30%) unite da interfibre di

6 -AIM MAGAZINElignina (20%). Il restante 5% è composto da terpeni, resine ed acidi grassi. Una pasta di cellulosa ad alto contenuto di lignina dà luogo a carta che invecchia ed ingiallisce facilmente a causa della presenza di numerosi doppi legami. Questa pasta economica è usata soprattutto per giornali e cartoni. La pasta più pregiata, detta pasta chimica, a minore contenuto di lignina, permette di ottenere carte di maggior pregio o per l'imballaggio alimentare. Gli stadi principali della lavorazione (Fig.7) sono, nelle loro linee essenziali, abbastanza simili a quelli inventati dai cinesi molti secoli fa: a) preparazione delle fibre mediante spappolamento (pulping) chimico, meccanico o misto b) sbiancamento (bleaching) con derivati del cloro o perossidi c) formazione del foglio e pressatura d) trattamenti superficiali (patinatura, siliconatura, ) e) essiccamento. Fig.7 Processo di produzione della carta a partire dal legno L'impatto ambientale delle sportine di carta Sgombriamo subito il campo dagli equivoci: non esiste attività umana di produzione o trasformazione industriale priva di effetti dannosi sull'ambiente. L'industria cartaria non fa eccezione. Pensate che nei soli Stati Uniti, ogni anno, sono usati quaranta miliardi di borse di carta. La necessità di reperire grandi quantità di legno ha portato, con la complicità di governi ed autorità locali, a deforestazioni selvagge che hanno messo in pericolo le grandi foreste pluviali, il polmone verde del

7 -AIM MAGAZINEnostro pianeta. In secondo luogo, il trasporto dei tronchi richiede un ingente consumo di combustibili fossili necessario per lo spostamento dei camion o degli elicotteri. Una volta giunti a destinazione nei siti di stoccaggio, i tronchi sono sottoposti a varie operazioni, come la rimozione della corteccia e la formazione della polpa con cui realizzare la carta, trattamenti che richiedono un grosso dispendio di risorse, soprattutto idriche. Anche i processi successivi di produzione ed il riciclo presentano aspetti critici, perché lo sbiancamento viene realizzato con ossidanti chimici, che, se dispersi o non opportunamente trattati, possono inquinare i corsi d'acqua. Le soluzioni per arginare il problema sono essenzialmente tre: a) evitare gli usi impropri e gli imballaggi non necessari o ridondanti. b) riciclare quanto più possibile la carta, anche se bisogna sapere che la carta riciclata non è adatta a tutte le applicazioni ed il suo aspetto, nonostante lo sbiancamento, ne rende difficile la commercializzazione. Lo stesso processo di riciclo non è innocuo dal punto di vista ambientale. c) utilizzare quanto più possibile carta con marchio FSC (Forest Stewardship Council), che identifica i prodotti contenenti legno proveniente da foreste gestite in maniera responsabile secondo rigorosi standard ambientali, sociali ed economici. Greenpeace ha pubblicato una guida gratuita per un uso più sostenibile della carta: è possibile scaricarla in rete all'indirizzo: (se la leggete senza stamparla, è meglio ) Quindi chi pensa che le sportine di carta siano un'alternativa ecologica a quelle di plastica si sbaglia di grosso. Oltretutto durano di meno, vuote occupano molto più spazio, non possono essere usate per prodotti provenienti dal banco frigo o surgelati e bisogna pregare che non piova

8 -AIM MAGAZINEEntra in gioco la plastica I primi brevetti relativi alla produzione di shopper in plastica risalgono al 1950, ma si trattava quasi sempre di sistemi compositi in cui i manici venivano aggiunti in un secondo momento. Le prime buste di plastica costituite da un unico pezzo le dobbiamo all ingegnere svedese Sten Gustaf Thulin, che lavorava per la compagnia Celloplast di Norrköping. Nel 1965, inventò un sistema per produrre una busta per la spesa con manico, ottenuta piegando, tagliando e saldando un tubo piatto e sottile in polietilene (Fig.8). La Celloplast era già un azienda importante nel campo della produzione di film di cellulosa e nella lavorazione delle materie plastiche con metodi innovativi. Grazie a questo brevetto (USP 5,669,504) assunse una posizione di Fig.8 Disegno dal brevetto originale monopolio nella produzione delle borse per la spesa e costruì (USP ) Celloplast impianti in tutta Europa e negli USA. Quando le grosse catene di distribuzione commerciale iniziarono ad adottare le borse di plastica, si scatenò una vera e propria guerra commerciale per cercare di infrangere questo monopolio. Ci riuscì il gruppo petrolchimico americano Mobil nel 1977, aprendo la strada a tutta una serie di perfezionamenti tecnici fino ad arrivare al 1982, anno in cui le due maggiori catene di drogherie americane, Safeway e Kroger, iniziarono a sostituire definitivamente le borse di carta con quelle più pratiche ed economiche in plastica. Una volta perduta la sua posizione dominante, la Celloplast subì un forte ridimensionamento fino a dividersi in due tronconi. Nel sito storico di Norrköping si produce ancora oggi plastica, ma è ora il quartier generale della Miljösäck, il maggiore produttore svedese di sacchi per l immondizia prodotti con polietilene riciclato. Le associazioni ambientaliste hanno calcolato che il numero di buste in plastica utilizzato nel mondo sia arrivato a miliardi all anno e l International Trade Commission ha registrato nel 2009 un consumo di 102 miliardi di shopper in plastica nei soli Stati Uniti. Plastica addio? Un consumo così elevato di plastica, insieme alla scarsa educazione e al poco rispetto nei confronti dell ambiente, ci sta portando ad una situazione sempre meno sostenibile. Siamo arrivati al punto che tutto quello che finisce in mare, per effetto delle correnti marine, va a formare vere e proprie isole di plastica distribuite nei vari oceani.4 Anche lì, le sportine ed i loro resti fanno bella mostra di sé. Migliaia di animali acquatici muoiono ogni anno soffocati dai sacchetti di plastica che finiscono nei mari e nei corsi d'acqua, per non parlare del microinquinamento prodotto

9 -AIM MAGAZINEdai frammenti più piccoli. Aggiungiamo il fatto che il polietilene è un materiale che si degrada nell ambiente in tempi molto lunghi ( anni in funzione della sua densità e delle condizioni ambientali). Eppure le sportine in polietilene potrebbero essere riutilizzate più volte finché non cedono meccanicamente, basta soltanto ricordarsi di tenere in borsa o in tasca quei piccoli triangolini,5 che pesano così poco e moltiplicano le capacità di trasporto delle nostre braccia, come Kali. Quando, poi, arrivano alla fine del loro percorso e cominciano a rompersi, basta inserirle nello specifico cassonetto per la raccolta differenziata. Ricordiamo sempre che, anche se non viene riciclato il materiale, si potrebbe sempre recuperare energia grazie all'elevato potere calorifico della plastica. Che cosa è stato fatto e che cosa possiamo fare? Molti governi hanno cominciato finalmente a prendere coscienza del problema cercando di scoraggiare un uso indiscriminato e poco responsabile delle buste di plastica. Ricordo che negli anni Novanta, in Inghilterra, alcune catene di supermercati e grandi magazzini applicavano un piccolo sconto sugli acquisti, se il cliente utilizzava una sportina portata da casa. Ma la soluzione che sembra funzionare più di tanti discorsi consiste nel colpire il portafoglio dei clienti, introducendo una piccola tassa sulle sportine, come ha fatto la Repubblica d Irlanda seguita da molti altri Paesi nel Nello stesso anno il Bangladesh le ha bandite del tutto, perché quelle abbandonate nell'ambiente finivano per ostruire i canali di scolo aggravando gli effetti delle inondazioni dovute ai monsoni. In particolare, nel 1988 e 1998 si sono verificate inondazioni devastanti che hanno sommerso i due terzi del paese. Il bando sembra aver funzionato, perché da allora la situazione è decisamente migliorata. Le campagne di sensibilizzazione intelligenti sono più che benvenute, in particolare quelle rivolte ai più piccoli che sono, forse, più ricettivi nei confronti delle problematiche ambientali. Non è mai troppo presto! Per educare con intelligenza Un bel libro,6 per educare divertendo i bambini, ha per protagonista Cio Cio, una simpatica busta di plastica azzurra, che ama il mondo e vuole tutelarlo. E' frutto della fantasia di Cecilia Coppola, docente di materie letterarie e scrittrice di fiabe, che porta avanti da più di vent anni la sua campagna educativa per il rispetto della natura con coraggio e credibilità ed è diventata testimonial di molte campagne di sensibilizzazione ed educazione nelle scuole italiane

10 -AIM MAGAZINEAndrebbe anche evitato il terrorismo psicologico ingiustificato e privo di basi scientifiche che spesso troviamo nei media. Ad esempio, si è enfatizzato eccessivamente il contributo all effetto serra dovuto alle sportine, perché richiedono combustibili fossili per la produzione, polimerizzazione e lavorazione dell'etilene. In realtà, le fonti principali di anidride carbonica (causa dell'effetto serra) sono il trasporto, il riscaldamento e il funzionamento degli impianti industriali, non certo le sportine. Forse, è anche un po' colpa di scienziati e tecnologi del settore che non sanno o non hanno voglia di parlare al pubblico facendosi capire. Un vecchio problema, e non solo per quanto riguarda la plastica C è così tanta poesia in una sportina Curioso accostamento, non è vero? Eppure ci sono due filmati in cui le immagini di una sportina raggiungono livelli di poesia sorprendenti. Il primo è uno spezzone1 del film American Beauty, vincitore di 5 premi Oscar, diretto da Sam Mendes (1999), in cui vediamo una busta di plastica librarsi nell'aria con una leggerezza quasi metafisica. La voce del ragazzo che aveva girato la ripresa commenta: Era una di quelle giornate in cui tra un minuto nevica. E c'è elettricità nell'aria. Puoi quasi sentirla... mi segui? E questa busta era lì; danzava, con me. Come una bambina che mi supplicasse di giocare. Per quindici minuti. È stato il giorno in cui ho capito che c'era tutta un'intera vita dietro a ogni cosa. E un'incredibile forza benevola che voleva sapessi che non c'era motivo di avere paura. Mai. Vederla sul video è povera cosa, lo so; ma mi aiuta a ricordare. Ho bisogno di ricordare. A volte c'è così tanta bellezza nel mondo, che non riesco ad accettarla... Il mio cuore sta per franare. Il secondo è un breve film, Plastic bag,2 diretto da Ramin Bahrani (2009) e raccontato in prima persona da una sportina di plastica, doppiata nientemeno che da Werner Herzog. Con un linguaggio delicato ci fa seguire l avventura di una sportina di plastica, condannata all immortalità, che cerca il riposo nel vortice di correnti del Pacifico. Il film fa parte di una serie chiamata Futurestates, che si occupa dei problemi più gravi del nostro pianeta e ne immagina le conseguenze nel futuro. Non c è film senza parodia Inevitabile la parodia nella serie a cartoni I Griffin.3 Fig.9 (da sinistra) immagini da: American beauty, Plastic Bag, I Griffin

11 -AIM MAGAZINECiao Ciao busta di plastica! Questo è il titolo di alcuni articoli che si possono trovare in rete e che, in modo esageratamente trionfalistico, festeggiano la definitiva messa al bando da quest anno dei sacchetti di plastica in Italia a favore di quelli in materiale biodegradabile. Come se questa azione, da sola, potesse risolvere tutti i problemi dell inquinamento nel nostro Paese. Lascio ai miei colleghi e collaboratori lo spazio per interventi più specifici, perché ci sono molta confusione e disinformazione al riguardo. Esistono materiali alternativi? Le sportine di plastica sono fabbricate soprattutto in polietilene a differente densità, in funzione delle applicazioni e della resistenza desiderata. Sono usati, sebbene con minore frequenza, anche polipropilene (PP), polivinilcloruro (PVC) e compound fra etilene vinilacetato (EVA) e polietilene a bassa densità (LDPE). Tutte queste sostanze presentano problemi di impatto ambientale o perché la degradazione/biodegradazione richiede tempi troppo lunghi o può produrre composti inquinanti. Per prima cosa dobbiamo spiegare la differenza fra degradazione e biodegradazione. La degradazione è un processo attraverso il quale grosse molecole sono ridotte in frammenti molecolari più piccoli. Può essere innescata dal calore o dall'esposizione ai raggi ultravioletti ed è potenziata dallo stress meccanico. L'ossigeno è di solito incorporato nei frammenti (degradazione ossidativa) originando composti che possono subire ulteriori trasformazioni. Il meccanismo di degradazione è specifico per ogni tipo di polimero e, anche per lo stesso tipo di polimero, varia in funzione del peso molecolare, della distribuzione dei pesi molecolari, del processo di sintesi, ecc... Alla fine il manufatto in plastica diventa sempre più fragile e sottile. Fra le plastiche degradabili le più importanti sono quelle oxo-degradabili (poliolefine additivate con sali metallici prodegradanti, che agiscono da iniziatori del processo di degradazione o lo accelerano) e quelle fotodegradabili (nella cui struttura ci sono già inserite funzionalità chimiche sensibili ai raggi ultravioletti o che sono trattate con additivi sensibilizzanti nei confronti di queste radiazioni). La biodegradazione è, invece, il processo attraverso il quale i microorganismi (batteri, funghi, alghe) convertono i materiali in biomassa, anidride carbonica ed acqua sia in condizioni anaerobiche (compostaggio) che aerobiche (discarica). Di solito questo processo è più veloce rispetto al precedente. I due effetti possono avere punti di convergenza, perché, quando le plastiche degradabili si frammentano, possono produrre molecole abbastanza piccole e chimicamente funzionalizzate da poter essere biodegradate, cambia solo la scala dei tempi con cui avviene questo processo

12 -AIM MAGAZINECi sono vari tipi di plastiche biodegradabili, anche se c'è un po' di confusione riguardo alla terminologia: a) bioplastiche, cioè plastiche provenienti da trattamento di polimeri da fonti rinnovabili, solitamente di origine vegetale (cellulosa, amido di mais, grano, tapioca e/o patate) o costituite da polimeri sintetici (acido polilattico, nylon 11, ) prodotti a partire da monomeri di origine naturale o prodotti da batteri; b) composti di sintesi mescolati ad additivi che ne facilitano l attacco da parte dei microorganismi; c) polimeri solubili in acqua a tempo. I batteri mangiaplastica Periodicamente compaiono sui giornali notizie relative a batteri in grado di mangiare la plastica, una possibile soluzione ai problemi dell'inquinamento, ma anche un rischio se sfuggono al controllo. La fantascienza si era occupata di questo problema in tempi non sospetti. Nel 1969 il libro Andromeda (da cui sono stati tratti un bel film ed una miniserie televisiva) di Michael Crichton parla di microorganismi che riducono la plastica in polvere. In Mutant 59: The Plastic Eaters (1971), gli autori Gerry Davis e Kit Pedlar descrivono una bomba biologica a tempo che distrugge tutte le infrastrutture della nostra civiltà sciogliendo tutte le materie plastiche: La velocità di dissoluzione aumentò lentamente ed inesorabilmente; i malfunzionamenti si susseguirono con frequenza sempre maggiore finché, nell'arco di ventiquattro ore, il centro di Londra si trasformò in un caos congelato senza luce, calore o comunicazione. Conclusione Problema risolto? Non direi proprio! Come sempre, non esiste soluzione priva di danni collaterali. Per prima cosa, le persone dovrebbero essere più responsabili ed informate sulle differenze fra i vari materiali, perché non tutti sono compostabili o possono finire tranquillamente in discarica. Un recente sondaggio Vota il sacco lanciato alla fine dell'anno scorso da Legambiente per chiedere ai consumatori che cosa avrebbero utilizzato al posto delle sportine di plastica, ha fornito questi risultati: il 73% ha votato a favore della sportina riutilizzabile, risultata la scelta più conveniente dal punto di vista economico ed ambientale; il 16% ha scelto lo shopper in bioplastica ed il 10,4% quello di carta. Abbiamo visto che la carta non è una vera soluzione alternativa alla plastica e non è neppure conveniente dal punto di vista energetico. Infatti, secondo uno studio condotto nel 2007 da Boustead Consulting & Associates,7 la fabbricazione delle borse di carta richiede quattro volte più energia rispetto a quelle in plastica ed il riciclo oltre il 90% in più. Inoltre la loro fabbricazione richiede almeno il 20% in più di acqua, un bene prezioso ancora troppo sottovalutato. In un altro articolo, Comparison of the Effects on the Environment of Polyethylene and Paper Carrier Bags, pubblicato nel

13 -AIM MAGAZINE1988 dal Federal Office of the Environment, si legge che, se consideriamo la produzione e l'intero ciclo di vita, le borse di carta possono generare una quantità di inquinanti settanta volte maggiore per l aria e cinquanta volte per le acque rispetto a quelle di plastica. Per quanto riguarda le bioplastiche, non vanno trascurati i seri problemi derivanti dall'utilizzo di risorse alimentari ed agricole a scopo industriale. Infatti, i suoli fertili per l'agricoltura sono sempre più sfruttati e contesi tra la produzione di alimenti, mangimi, fibre tessili, biocarburanti e bioplastiche, aggravando ancor di più il problema della fame nei paesi più poveri. Personalmente non le amo, perché puzzano, si rompono troppo facilmente, si riutilizzano con difficoltà, non si possono conservare per molto tempo, pesano più delle altre, e, dopo averle toccate, mi sembra di avere le mani sporche. Anche se capisco che, dal punto di vista estetico e per la fauna acquatica le sporte intere siano peggio, non mi piace per niente neppure l'idea della microsportina che non vedo, ma che produce un inquinamento parcellizzato, che si infiltra nelle falde acquifere e che, alla lunga, può entrare nel circolo alimentare. Anche dal punto di vista etico la soluzione più sostenibile consiste nella riduzione drastica degli imballaggi e nell'impiego di sporte riutilizzabili che durano anni, se si trattano con un minimo di cura. Alcuni tipi sono un po' ingombranti, ma, dato che ormai quasi tutti vanno in auto a fare la spesona alimentare, non è un gran problema, basta tenerle sempre nel baule. Sono comparse anche sportine sfiziose, dal look accattivante, riutilizzabili, che occupano poco posto e non pesano, e sono ritornate le borse in stoffa, che, però, sarebbe bene non utilizzare per i generi alimentari non sigillati, perché diventano un ricettacolo di muffe e batteri, a meno che non siano buttate in lavatrice dopo ogni spesa. Per concludere, possiamo riassumere la summa dei comportamenti virtuosi con tre Erre : RIDUCI-RIUSA-RICICLA Il riciclo per chi ha tempo da perdere, ovvero la notizia balenga. Dato che la fantasia insieme a qualcos'altro non dorme mai, si trovano in rete consigli di tutti i generi. Persino la BBC8 ha pubblicato in rete le istruzioni per un uso alternativo per le sportine usate: How to Make a Plastic Bag Bra. Non per donne, ma per uomini che le possono indossare nelle feste. No comment! Ma anche altri siti9 non ci fanno mancare idee più o meno praticabili, anche nel campo artistico

14 -AIM MAGAZINEBibliografia 1. Lo spezzone all indirizzo 2. Il cortometraggio, insieme al making of, può essere visionato e scaricato al sito: Polo E., E il naufragar m è dolce in questo mare ma sarà ancora vero? I polimeri e le isole di plastica, AIM Magazine, 2010, 65 (1), (a) Un video per imparare a farlo: (b) le istruzioni scritte: 6. Cecilia Coppola, Ciò Ciò la busta di plastica, 1997, Editoriale Giorgio Mondadori, ISBN: (a) Chaffee C., Yaros B.R., Life Cycle Assessment for Three Types of Grocery Bags - Recyclable Plastic; Compostable, Biodegradable Plastic and Recycled, Recyclable, 2007 (http://static.reuseit.com/pdfs/boustead%20associates.pdf); (b) Subramanian Muthu S., Li Y., Hu J.-Y., Mok P.-Y., Liao X., An Exploratory Comparative Life Cycle Assessment Study of Grocery Bags - Plastic, Paper, Non-woven and Woven Shopping bags, 2010 (http://static.reuseit.com/pdfs/life_cycle_2010.pdf) (a) crafts/used-plastic-bags-art-projects-for-dummies; 138/1/Recycled-plastic-bag-crafts.html Fig.10. Galline non più in fuga (c) (b)

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi.

LA CARTA. inoltre questo prodotto può essere arricchito da collanti, cariche minerali, coloranti ed additivi diversi. Area Comunicazione CARTA E CARTONE COS' E' COmE SI RACCOGLIE COSA DIVENTA LA CARTA Nata come strumento per comunicare, oggi circa la metà della carta utilizzata nella nostra società è destinata agli imballaggi.

Dettagli

LE PLASTICHE IL RICICLAGGIO E I CODICI UNIVERSALI

LE PLASTICHE IL RICICLAGGIO E I CODICI UNIVERSALI LE PLASTICHE IL RICICLAGGIO E I CODICI UNIVERSALI USO DELLE PLASTICHE LE PLASTICHE HANNO CAMBIATO IL MONDO PROBLEMI DEI RIFIUTI Usati nella vita di tutti i giorni quando viene buttata occupa tanto spazio

Dettagli

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre.

il pino, il pioppo e il faggio la cellulosa al 99% da acqua e per il restante 1% da fibre. La materia prima per la fabbricazione della carta è oggi il legno, anche se alcune carte vengono prodotte partendo da altre materie, come le alghe e il mais. Piante come il pino, il pioppo e il faggio,

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

Plastica. , PVC) e, particolari processi. Infine, è possibile. di nuove plastiche o di combustibili gas e liquidi.

Plastica. , PVC) e, particolari processi. Infine, è possibile. di nuove plastiche o di combustibili gas e liquidi. Il riciclaggio dei contenitori in plastica per liquidi può essere effettuato in quattro modi. Plastica Si possono separare in base al Oppure i contenitori polimero con cui sono stati possono essere realizzati

Dettagli

Provincia di GORIZIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DEL TERRITORIO E AMBIENTE BANDO ECOFESTE Ridurre, Riusare, Riciclare

Provincia di GORIZIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DEL TERRITORIO E AMBIENTE BANDO ECOFESTE Ridurre, Riusare, Riciclare Provincia di GORIZIA ASSESSORATO ALL AMBIENTE SERVIZIO TUTELA DEL TERRITORIO E AMBIENTE BANDO ECOFESTE Ridurre, Riusare, Riciclare LEGAMBIENTE FVG CONCORSO REGIONALE «SAGRE VIRTUOSE» Le «AZIONI VIRTUOSE

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

MANUALE DIDATTICO CARTA

MANUALE DIDATTICO CARTA MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

Nuove frontiere del biologico per la ristorazione collettiva

Nuove frontiere del biologico per la ristorazione collettiva Nuove frontiere del biologico per la ristorazione collettiva Scegliere Asso-Catering significa: > razionalizzare l assortimento e semplificare l acquisto dei prodotti necessari alla vostra azienda con

Dettagli

LA STORIA DEI RIFIUTI

LA STORIA DEI RIFIUTI I RIFIUTI LA STORIA DEI RIFIUTI Che cos è un rifiuto? Un rifiuto è qualsiasi oggetto o sostanza di cui ci disfiamo: residui, scarti, oggetti rotti o inutilizzabili, prodotti dalle attività domestiche o

Dettagli

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che:

Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: COSA SONO I RIFIUTI? Dopo aver letto la storia siamo tutti curiosi di conoscere meglio l argomento. Discutiamo in classe. Dalla discussione emerge che: I rifiuti sono le cose che buttiamo perché non ci

Dettagli

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa

Progetto. Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti. Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Regione Siciliana SCUOLA SECONDARIA DI 1 1 GRADO S. QUASIMODO - Ragusa Progetto Apprendere per orientarsi nella società complessa Laboratorio ambientale: il riciclaggio dei rifiuti Esperto: ing. Walter

Dettagli

per una comunicazione da "portare a spasso"

per una comunicazione da portare a spasso I per una comunicazione da "portare a spasso" MAINETTI NEL MONDO Per soddisfare le sfide della globalizzazione dell industria dell abbigliamento Mainetti continua ad allargare la sua rete di aziende nel

Dettagli

Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta

Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta Documentazione del lavoro di scienze sul Riciclo della carta Le classi IV della scuola Conti hanno aderito all iniziativa RicicloAperto 2010 proposto dalla Comieco per sensibilizzare i bambini all utilità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016

I rifiuti. UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti UN PROBLEMA DA RISOLVERE PER GARANTIRE LA VITA ALLE NUOVE GENERAZIONI Ins. Pina Berto A.s. 2015-2016 I rifiuti sono un prodotto inevitabile della società dei consumi e del nostro stile di vita

Dettagli

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste Progetto di regolamento comunale Ecofeste Comune di Mezzago per una gestione eco-compatibile delle feste e sagre Feste e sagre sono diventate nel tempo una tradizione consolidata del nostro comune, che

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PROF. GIUSEPPE COSTANTINO SOZ Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di Primo Grado tel./fax 0832/757637 e-mail

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI

DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI IT- Settore Tecnologico - B. FOCACCIA Salerno Piano dell Offerta Formativa 2011/2012 Presentazione del Progetto: DAI POLIMERI SINTETICI ALLE PLASTICHE BIODEGRADABILI Referente Prof. Anna Maria Madaio Cosa

Dettagli

UNIONPLAST. Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche. BIOPLASTICHE & Biodegradabilità. Domande & Risposte

UNIONPLAST. Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche. BIOPLASTICHE & Biodegradabilità. Domande & Risposte Federazione Gomma Plastica UNIONPLAST Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche Unione Produttori Materiali e Manufatti in Biopolimeri BIOPLASTICHE & Biodegradabilità Domande & Risposte

Dettagli

Sommario. 1. EUROSHOP 2005-DUSSELDORF,19-23 FEBBRAIO DA 23 BOTTIGLIE DI PLASTICA IL NUOVO CESTINO PER FARE LA SPESA p. 2

Sommario. 1. EUROSHOP 2005-DUSSELDORF,19-23 FEBBRAIO DA 23 BOTTIGLIE DI PLASTICA IL NUOVO CESTINO PER FARE LA SPESA p. 2 Sommario 1. EUROSHOP 2005-DUSSELDORF,19-23 FEBBRAIO DA 23 BOTTIGLIE DI PLASTICA IL NUOVO CESTINO PER FARE LA SPESA p. 2 2. EKO LOGIC Shop to Shop p. 4 3. Un grande progetto di economia sostenibile p. 5

Dettagli

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente

Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus. Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Campagna a cura dell Istituto per l Ambiente e l Educazione Scholé Futuro onlus Con il patrocinio del Ministero dell Ambiente Ci vuole meno di un secondo per produrre un sacchetto di plastica ma 400 anni

Dettagli

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata

IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI. Corso di formazione sulla raccolta differenziata IL FUTURO DEI RIFIUTI NELLE NOSTRE MANI Corso di formazione sulla raccolta differenziata I rifiuti: un problema? Sono tanti Ogni italiano (neonati compresi) produce in media 532 Kg di rifiuti all anno

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B

Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Anno scolastico 2006-2007 classi 3^ A e 3^B Il 31 Ottobre sono venuti a scuola gli esperti della SILEA. Abbiamo sistemato nel cortile della scuola una compostiera per produrre il compost a scuola. OCCORRENTE:

Dettagli

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce

CORSO DI PACKAGING DESIGN. Prof.ssa Cristina Croce CORSO DI PACKAGING DESIGN Prof.ssa Cristina Croce Brevi cenni di storia del packaging Preistoria Società antiche il cibo si consuma dove lo si trova Primi contenitori: zucche, conchiglie, tronchi cavi,

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

ALLEGATO FOTOGRAFICO

ALLEGATO FOTOGRAFICO Sacchetti illegali I risultati della campagna di monitoraggio di Legambiente sul rispetto della legge sulle buste di plastica nella Grande distribuzione organizzata Su 37 sacchetti per la spesa prelevati

Dettagli

Tecnologia. Alla scoperta della Tecnologia. Volume per studenti con BES. Specimen INCLUSIVA BES INCLUSIVA BES DIDATTICA DIDATTICA

Tecnologia. Alla scoperta della Tecnologia. Volume per studenti con BES. Specimen INCLUSIVA BES INCLUSIVA BES DIDATTICA DIDATTICA Velia Cotturelli - Stefania Saracco Einstein Alla scoperta della Tecnologia Scuola secondaria di primo grado Specimen DIDATTICA INCLUSIVA BES Audiolettura Audio facile per DSA Alta leggibilità Pagine semplificate

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA. Progetto Green School Anno scolastico 2010/11

SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA. Progetto Green School Anno scolastico 2010/11 SCUOLA PRIMARIA G. GALILEI ISPRA Progetto Green School Anno scolastico 2010/11 UN PASSO...INDIETRO Da diversi anni collaboriamo con Legambiente aderendo alle iniziative: Puliamo il mondo e Nontiscordardimè.

Dettagli

Area Comunicazione PLASTICA COS' E ' COmE SI RACCOgLIE COSA DIVENTA

Area Comunicazione PLASTICA COS' E ' COmE SI RACCOgLIE COSA DIVENTA Area Comunicazione PLASTICA COS' E ' COmE SI RACCOgLIE COSA DIVENTA LA PLASTICA Dopo l età della pietra e quella del ferro, stiamo attraversando una nuova era: quella della plastica. L invasione della

Dettagli

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà

La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà COpertina Esempio:Layout 1 30-04-2009 13:04 Pagina 1 La Carta fra Luoghi Comuni e Realtà Bastioni di Porta Volta, 7 20121 Milano Tel.: 02/29003018 Fax: 02/29003396 Viale Pasteur, 10 00144 Roma Tel.: 06/5919131

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Siamo partiti dal progetto Quotidiano in classe e abbiamo quantificato quanti giornali arrivano a scuola e quanti Kg di carta potrebbero essere riciclati

Dettagli

Innovazione e qualità

Innovazione e qualità Innovazione e qualità La filosofia dell azienda si basa fin dagli anni 70 sulla ricerca della qualità per garantire al consumatore finale un prodotto fresco e sano TEDALDI L azienda Tedaldi, con sede principale

Dettagli

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15

AUDIZIONE VIII COMMISSIONE della Camera dei Deputati del 3 giugno 2014 POSITION PAPER ASSOBIOPLASTICHE SULL ART. 15 Disegno di legge C. 2093 "Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali (collegato alla legge di stabilità 2014)"

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST

ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST ISTRUZIONI PER LA PRODUZIONE DI COMPOST Per informazioni: info@cmvservizi.it Cosa si può compostare? In generale si possono compostare quasi tutti i resti di vegetali ovvero ciò che un tempo è stato vivente

Dettagli

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili

Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Divieto di commercializzazione dei sacchetti non biodegradabili e compostabili Vademecum operativo Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116 che converte il Dl 91/2014,

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino

Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it. A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Edizioni il Molo www.edizioniilmolo.it info@edizioniilmolo.it A tutti i bambini che diverranno amici di Natalino Prima Edizione Edizioni il Molo, 2014 Via Bertacca, 207-55054 Massarosa (LU) Tel e Fax 0584.93107

Dettagli

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica

Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica Io a casa faccio la raccolta differenziata però non la faccio io ma la fanno mia mamma e mia sorella. Tutte le mattine del sabato e della domenica guardano cosa c è dentro al bidone poi prendono le bottiglie

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

IL CICLO DEI MATERIALI

IL CICLO DEI MATERIALI 1 LA SOCIETA DEI CONSUMI La nostra società produce molti beni di consumo, perché la pubblicità ci convince che abbiamo bisogno di nuovi prodotti buttando quelli vecchi anche se perfettamente funzionanti,

Dettagli

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile

Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Modelli di Consumo Sostenibile Inquadramento del tema Primo Rapporto sullo Stato dell Ambiente Provincia di Genova Anno 2003 Spesso noi tutti consideriamo le problematiche ambientali come qualcosa su cui non abbiamo responsabilità dirette

Dettagli

CODICI E SIMBOLI DELLE TIPOLOGIE DI MATERIALI PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Per rendere più chiaro ed immediato riconoscere quali rifiuti possono essere riciclati ed in che modo vanno raccolti in maniera

Dettagli

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere.

LA CARTA STORIA E LEGGENDA. Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. LA CARTA INFEA - MATERIALE DIDATTICO LA CARTA Carta deriva dal latino chartae dal greco charassò che significa incidere. STORIA E LEGGENDA Per ritrovare le origini della carta è necessario tornare indietro

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici).

Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). Aumento di temperatura nel prossimo secolo secondo le previsioni dell'ipcc (Comitato nazionale delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici). IL CAMBIAMENTO CLIMATICO \ INQUINAMENTO DELL'ARIA Ogni anno

Dettagli

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE

LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE LA CARTA ED IL SUO IMPATTO AMBIENTALE EMOZIONI GREEN - Sintesi da Momenti Green - Mondi, Badia Campoleone 20 aprile 2010 1 giugno 2010 - pag. 1 ENVIROMENTAL = AMBIENTALE Per Impatto Ambientale si intende

Dettagli

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata?

Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Pag. 1 Sei un ambientalista? Fai la raccolta differenziata? Abbina ogni parola alla corretta definizione. A. Ecocompatibilità B. Rifiuti organici C. Discarica D. Auto ibrida E. Depurazione F. Materiali

Dettagli

Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo & Elisa Di

Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo & Elisa Di liberamente ispirato al genio di Gianni Rodari uno spettacolo di e con Sergio Beercock & Sabrina Sproviero Produzione Compagnia dell'arpa Organizzazione Aurora Tilaro Direzione Artistica Filippa Ilardo

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Acquerelli: Shutterstock.com (Smirnova Alexandra, Color Symphony, Kathie Nichols, somchai rakin, Dariusz Gudowicz, happykanppy, Roman Sigaev,

Acquerelli: Shutterstock.com (Smirnova Alexandra, Color Symphony, Kathie Nichols, somchai rakin, Dariusz Gudowicz, happykanppy, Roman Sigaev, Digitale naturale! Acquerelli: Shutterstock.com (Smirnova Alexandra, Color Symphony, Kathie Nichols, somchai rakin, Dariusz Gudowicz, happykanppy, Roman Sigaev, Morozova Oxana) DIGITAL IMPRINTING 30 anni

Dettagli

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice

L energia. Due elettrodomestici: il televisore e la lavatrice L energia Oggi, in tanti Paesi del mondo, la gente vive bene: ci sono molte fabbriche, tante persone lavorano e possono comprare cibo, vestiti, automobili, elettrodomestici, libri... Una fabbrica Due elettrodomestici:

Dettagli

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico

Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Raccolta differenziata della plastica e risparmio energetico Ognuno di noi produce circa 30 kg di plastica ogni anno: se questa plastica fosse completamente riciclata, in un comune di 35.000 abitanti si

Dettagli

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR

Dicomano 5 Giugno 2015. Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Dicomano 5 Giugno 2015 Mauro Moretti Amministratore Delegato Centro Raccolta Cento Materie Srl Terranuova Bracciolini (AR Il ciclo (e riciclo) della carta Raccolta - Riciclo - Recupero la carta: produzione

Dettagli

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale.

Riporta un recente comportamento della tua famiglia rappresentativo della sua irresponsabilità sociale. VC Ginnasio Riporta un tuo recente comportamento individuale, rappresentativo della tua responsabilità sociale. - Rispettare la raccolta differenziata a scuola e in famiglia. Muovermi a piedi. - Attraversare

Dettagli

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI PLASTICHE

G. Paci, R. Paci PROGETTARE E FARE Zanichelli 2011 MATERIALI PLASTICHE MATERIALI PLASTICHE 1 IERI E OGGI Cent anni fa: la bakelite Oggi: cento plastiche 2 Cosa sono le plastiche Osserviamo quattro tipi di plastica Oggetti in plastica (classificazione) Modelliamo una cannuccia

Dettagli

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI Comune di Cicognolo Situazione attuale Nel Comune di Cicognolo è attiva la raccolta porta a porta monosettimanale del rifiuto indifferenziato. Sistema secco-umido Appare

Dettagli

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili.

Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Il Comune di Predazzo da anni è impegnato nella promozione e realizzazione di impianti di produzione energetica derivanti dalle energie rinnovabili. Per creare una sensibilità e maggior conoscenza di questa

Dettagli

La teoria Rifiuti Zero

La teoria Rifiuti Zero 1. La visione rifiuti zero: La fine dell era dello spreco Per tutto il XX secolo, i rifiuti sono stati considerati come il termine naturale della produzione industriale, lasciati alla gestione da parte

Dettagli

Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili

Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili Mini-guida all acquisto informato dei prodotti tessili Assessorato al Commercio - Direzione Commercio, Sicurezza e Polizia locale Settore Tutela e difesa dei consumatori e degli utenti Come vogliamo la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI

ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI ISTITUTO COMPRENSIVO CAPPUCCINI BRINDISI CAMPAGNA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E DI PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SANOFI I rifiuti sono materiali di scarto o avanzo di svariate attività umane IL RIFIUTO I rifiuti

Dettagli

La storia del barattolo

La storia del barattolo La storia del barattolo a cura di Alice Losi Ehi ragazzi, sono Miss Barattolo. Avete un po' di tempo libero? Sono qui per raccontarvi la mia storia... 1 Nicolas Appert 2 Sapete chi è Nicolas Appert? Beh...

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Il tappo: da leggenda a realtà

Il tappo: da leggenda a realtà Il tappo: da leggenda a realtà per fare un pozzo ci vuole un tappo......e per raccogliere i tappi ci vuole il tuo aiuto CHI SIAMO: FILOMONDO Onlus è una associazione di cooperazione, solidarietà e condivisione.

Dettagli

COOP E LE BUSTE PER LA SPESA

COOP E LE BUSTE PER LA SPESA COOP E LE BUSTE PER LA SPESA Maurizio Zucchi Direttore Qualità - COOP ITALIA Convegno: Shopper: la Legge c è! Adesso chiarezza Roma, 11 Luglio 2012 COOP, in quanto catena di distribuzione, ha avuto da

Dettagli

Conferenza del Dottor Giorgio Temporelli, Fondazione AMGA. Convegno del 22 marzo 2010 a Genova

Conferenza del Dottor Giorgio Temporelli, Fondazione AMGA. Convegno del 22 marzo 2010 a Genova Conferenza del Dottor Giorgio Temporelli, Fondazione AMGA Convegno del 22 marzo 2010 a Genova L impatto ambientale delle confezioni in PET: il caso delle acque in bottiglia. Consumi e produzione di acqua

Dettagli

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE:

SEMPLIFICARE. (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) ESEMPIO DI SEMPLIFICAZIONE: SEMPLIFICARE (tratto da: Bruno Munari Da cosa nasce cosa ) Semplificare vuol dire cercare di risolvere il problema eliminando tutto ciò che non serve alla realizzazione. Semplificare vuol dire - ridurre

Dettagli

Company Profile. Lavorazione Plastica

Company Profile. Lavorazione Plastica Company Profile Indice L azienda Il processo La produzione Shoppers Prodotti certificati OK Compost Certificazioni di processo Certificazioni di prodotto 03 04 05 06 08 10 12 13 Sede legale : Stabilimento

Dettagli

PROGETTO: AcquaMente. Attivita' previste per ogni classe: Strumenti: Metodologia:

PROGETTO: AcquaMente. Attivita' previste per ogni classe: Strumenti: Metodologia: PROGETTO: AcquaMente Il progetto AcquaMente è nato dalla necessità di far comprendere l importanza della risorsa idrica quale bene limitato, cercando di responsabilizzare i giovani ad un uso razionale

Dettagli

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA

--- Capitolo dodicesimo LA CARTA --- Capitolo dodicesimo LA CARTA Introduzione Quella sulla carta sarà l ultima delle mie lezioni, ma non per questo la considero meno importante delle altre. La carta è il supporto fisico che dà corpo

Dettagli

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro

La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro La parola energia deriva dal greco: EN (dentro) e ERGON (lavoro) Significa: capacità di compiere un lavoro L energia si trova dappertutto intorno a noi PRIMARIE MESSE A DISPOSIZIONE DALLA NATURA SECONDARIE

Dettagli

... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta

... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta ... siate cortesi con la Terra, cominciate a rispettarla utilizzando energie rinnovabili, salvaguardando l acqua, scegliendo la raccolta differenziata. Noi, alunni delle classi IV e V della scuola primaria

Dettagli

Allo scopo di trasmettere ai bambini la necessità di riflettere su quanto incide il comportamento di ognuno sull impatto globale dei consumi idrici, sono state realizzate, con il coinvolgimento di tutte

Dettagli

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra.

Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Cari bambini, Mi chiamo x02 e arrivo da Ecopolis, un pianeta lontano anni luce. A causa di un guasto alla mia astronave sono atterrato sulla terra. Che puzza extragalattica c è qui!. Il mio mondo è bello,

Dettagli

Gru all opera sul cumulo di compost

Gru all opera sul cumulo di compost Alla periferia di Catania, in territorio di Ramacca, sorge uno degli stabilimenti più all avanguardia del Meridione, che è specializzato al trattamento e alla lavorazione dei rifiuti solidi urbani (RSU):

Dettagli

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA

SCATTI INQUINATI INQUINAMENTO DEL SUOLO IN CITTA SCATTI INQUINATI In questo periodo a scuola ci siamo occupati dell inquinamento del suolo, dell acqua e dell aria, abbiamo pensato di fotografare, con l aiuto dei genitori, esempi di inquinamento che abbiamo

Dettagli

Catalogo essiccatori domestici

Catalogo essiccatori domestici Catalogo essiccatori domestici Una nuova tradizione Biosec è l esclusivo essiccatore Made in Italy che completa la cucina con preziose e sane delizie. Per conservare il buon gusto della tradizione in modo

Dettagli

Semplici modi per salvare il pianeta

Semplici modi per salvare il pianeta 6742_SOSF_C2 APP_ital.qxd 20/6/07 13:58 Página 1 Semplici modi per salvare il pianeta 6742_SOSF_C2 APP_ital.qxd 20/6/07 13:58 Página 2 Ripensa il futuro! Inquinamento. Siccità. Inondazioni. Uragani. Riscaldamento

Dettagli

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA

a) si ottiene dalla decomposizione di materiali organici b) sono smaltite dalle officine o nelle Isole Ecologica e Centri di Raccolta AMA DOMANDA Il COMPOST Le batterie auto al piombo Dividere correttamente i rifiuti è importante Lo smaltimento ideale degli olii vegetali per cottura di alimenti avviene tramite Indumenti usati e accessori

Dettagli

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!!

MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! MAMMA!!!! SPEGNI QUELLA LUCE!!!! Immagine elaborata con i dati forniti dal Defense Meteorological Satellite Program (DMSP) Operational Linescan System (OLS). ( NASA) ENERGIA L energia è la capacità di

Dettagli

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012

LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna. Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 LA GESTIONE E LA PRODUZIONE DEI RIFIUTI VISTE DAI CITTADINI Indagine in Emilia-Romagna Guido Croce Ravenna, 27 settembre 2012 Il Contesto Europeienordamericanisprecanoatestaall incircatrai95ei115kgdiciboall

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

MANUALE DIDATTICO PLASTICA

MANUALE DIDATTICO PLASTICA MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

Progetto per ridurre la montagna di rifiuti e aumentare la raccolta differenziata

Progetto per ridurre la montagna di rifiuti e aumentare la raccolta differenziata Istituto comprensivo "Piero della Francesca" Scuola Primaria Giulio Bechi Via Bugiardini, 25 Firenze Tel. 055-7320015 www.icpierodellafrancesca.it Classe 2^B a.s. 2010-2011 Progetto per ridurre la montagna

Dettagli

Prodotti SCA con certificazione forestale

Prodotti SCA con certificazione forestale Prodotti SCA con certificazione forestale PE FC /05-33-132 Promoting Sustainable Forest Management www.pefc.org PERCHÈ È IMPORTANTE? La certificazione forestale rappresenta l anello di congiunzione tra

Dettagli

Laboratorio di Raccolta Differenziata

Laboratorio di Raccolta Differenziata Laboratorio di Raccolta Differenziata 1 Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Erika De Pasquale - Docente IED e Libera Professionista. Progettare una Comunicazione Sostenibile

Erika De Pasquale - Docente IED e Libera Professionista. Progettare una Comunicazione Sostenibile Erika De Pasquale - Docente IED e Libera Professionista Progettare una Comunicazione Sostenibile 27 maggio 2014 Di solito funziona così. Il cliente ti commissiona un progetto grafico per un opuscolo informativo,

Dettagli

FOCUS SACCHETTI DI PLASTICA MONOUSO PER ASPORTO MERCI

FOCUS SACCHETTI DI PLASTICA MONOUSO PER ASPORTO MERCI FOCUS SACCHETTI DI PLASTICA MONOUSO PER ASPORTO MERCI Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale della legge 11 agosto 2014, n. 116, che ha convertito il Dl 91/2014, sono in vigore dal 21 agosto 2014 le

Dettagli

Le classi prime al lavoro

Le classi prime al lavoro Le classi prime al lavoro RIFIUTI. ancora? Si, ancora. Questa volta usiamo solo rifiuti cartacei e qualche nozione di geometria. E otterremo risultati sorprendenti. Chi non ci crede ci segua in laboratorio

Dettagli

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista

INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08. Intervista Allegato 11 INDAGINE SUI GIOCHI E SUI GIOCATTOLI Classe 2 a A A. S. 2007/08 Proponi ai nonni e ai genitori la seguente intervista Intervista 1. Con che cosa giocavi? 2. Chi ti comprava i giochi? 3. Ne

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005

LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI. Lezione del 11/10/2005 LA RACCOLTA DIFFERENZIATA: ASPETTI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI Lezione del 11/10/2005 Obiettivi della raccolta differenziata: riduzione rifiuti da smaltire; ottimizzazione raccolta ai fini del recupero;

Dettagli

Politiche di riduzione dei rifiuti

Politiche di riduzione dei rifiuti Politiche di riduzione dei rifiuti Sconsigli per gli acquisti politiche locali per la riduzione dei rifiuti Ferrara, 15 settembre 2006 Titolo 2 Riduzione (300 kg /ab x anno) Recupero di materiali Recupero

Dettagli