Lo spot lo faccio io. La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Introduzione. Cos è la pubblicità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo spot lo faccio io. La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose. Introduzione. Cos è la pubblicità"

Transcript

1 Lo spot lo faccio io La pubblicità è l'arte d'insegnare alla gente a desiderare certe cose Herbert George Wells Introduzione La pubblicità che vediamo ogni giorni va a colpire i nostri desideri e potremmo dire che è una sorta di fiaba a lieto fine. Il nostro maglione preferito ruvido e sporco diventa incredibilmente morbido e profumato, basta seguire le indicazioni che la fiaba racconta. Cos è la pubblicità La pubblicità è un sistema per comunicare agli altri che esiste un prodotto e ad accrescerne il suo consumo. Esistono molte imprese che operano nel campo pubblicitario e che per farlo usano i mezzi di comunicazione di massa, ovvero la radio, la televisione, i giornali e, internet. Come si comunica con la pubblicità? Di solito i testi che si usano nella comunicazione pubblicitaria vengono scritti da un copywriter. In passato, anche scrittori famosi hanno creato slogan pubblicitari ad es. Gabriele d'annunzio. Lo slogan è una frase molto corta che spiega un concetto in modo semplice ed efficace, cosa molto importante per il messaggio pubblicitario. Etimologicamente la parola slogan deriva dal gaelico sluagh-ghairm: sluagh ("nemico") e ghairm ("urlo"), cioè "grido di guerra". Poi questo il termine ha assunto prima il senso più globale di frase tipica di un gruppo di persone, per avere poi il significato corrente di frase ad effetto e facilmente memorizzabile, in ambito propagandistico e pubblicitario. Il messaggio pubblicitario deve quindi colpire e convincere un certo numero di persone, che viene detto target, in inglese bersaglio. Ma la pubblicità non è solo uno slogan, vediamo intanto come nasce.

2 Storia della pubblicità La pubblicità nasce e si sviluppa seguendo la maturazione economica e culturale dei vari paesi. Nel passato la pubblicità più diffusa era il passaparola. In antichità i messaggi pubblicitari erano le insegne, le iscrizioni, i simboli a volte scolpiti su muri o monumenti, come le scritte ritrovate sui muri di Pompei. Si può dire, però, che la pubblicità nasce con la rivoluzione industriale, quando cominciano ad esserci diversi prodotti da promuovere. Quando si cominciarono a conoscere le tecniche di stampa, con l uso dei caratteri mobili inventati da Johann Gutenberg, comparvero i primi giornali, o le prime locandine. Siamo nel 1479 quando viene fatto il primo annuncio pubblicitario tramite la stampa, grazie all editore W. Caxton. Ma fino al 1630 non si può parlare di sistema pubblicitario e bisogna trasferirsi in Francia per avere il primo vero ufficio stampa che pubblica annunci pubblicitari a pagamento. La pubblicità si evolve nella seconda metà dell'ottocento con due sistemi di comunicazione: i quotidiani e le locandine, dove vengono unite l'immagine, la parola e il colore. Spesso questi poster venivano autografati da famosi artisti come Toulouse-Lautrec, De Chirico, i Futuristi ecc. Anche in Italia le prime pubblicità, chiamate Reclame, si vedono verso la fine dell ottocento e nei primi del novecento, sui giornali più conosciuti. Inizialmente la pubblicità è fatta solo con pochissimi testi e molti disegni perché la maggior parte delle persone erano analfabete e quindi non tutti potevano leggere i giornali e capire il messaggio che veniva proposto. La pubblicità doveva essere quindi molto semplice e spontanea. Si usavano termini semplici che potevano essere compresi da tutti. Venivano usati verbi all imperativo come Comprate, o Provate e non aveva messaggi nascosti da interpretare. Dagli anni '20 la pubblicità comincia ad usare delle regole. Nel 1925 Daniel Stach, in un trattato di tecnica pubblicitaria elenca le cinque regole fondamentali per i messaggi pubblicitari: essere visto, (il messaggio deve essere attrattivo) essere letto essere creduto, (bisogna convincere l'acquirente ) essere ricordato essere capace di far acquistare un determinato prodotto. Tutto cambia con l avvento della televisione negli anni cinquanta. Nel 1953, la televisione cambia l impostazione del messaggio pubblicitario. La pubblicità diventa una forma per sperimentare un nuovo linguaggio, un nuovo tipo di recitazione. All inizio, in Italia, la pubblicità non può occupare più del 5% del palinsesto dei programmi, e viene relegata ad un piccolo contenitore che viene chiamato: Carosello (3 Febbraio 1957). Da subito Carosello ha un enorme successo e diventa un appuntamento giornaliero che tutti guardano. I messaggi pubblicitari di Carosello erano quattro o cinque e ognuno piuttosto lungo, ma di durata prefissata. Erano vere e proprie piccole storie, con pupazzi animati, o con famosi personaggi, come Gino Bramieri, Ernesto Calindri e addirittura Totò, che recitavano e raccontavano quanto fosse bello o buono il prodotto che volevano pubblicizzare. Lo sponsor non era citato fino alla fine della pubblicità. Nascono degli slogan che tutt ora ricordiamo, come ad esempio quelli legati al detersivo Ava: Ava come lava. Con il tempo ci si rese conto che la pubblicità era un mezzo sia per diffondere notizie, sia per guadagnare molto. E il Carosello cominciò a

3 diventare stretto ai pubblicitari. Il tetto del 5% che esisteva nei primi anni sessanta fu elevato, tanto che oggi il limite è di circa il 18% della programmazione oraria giornaliera, anche se le vendite in diretta di prodotti pubblicizzati direttamente con la televendita, sono state tolte dal tetto della pubblicità e quindi in realtà la pubblicità televisiva supera ampiamente la percentuale stabilita. Nasce verso la fine degli anni 70, e precisamente nel 1977 quando finì Carosello, lo spot pubblicitario televisivo, che altro non è che un messaggio registrato che viene mandato in onda più volte durante la settimana e anche durante lo stesso giorno. Scompare la figura del presentatore e la pubblicità televisiva si trasforma in qualcosa di corto, molto studiato nella preparazione da professionisti, con un linguaggio diretto e semplice. Gli spot si trasformano, diventano più veloci meno diretti e semplici, più attuali e meno italiani. Oltre alla televisione esistono ormai molti altri modi di comunicare e pubblicizzare prodotti. Nascono nuove tecniche fotografiche, di elaborazione di immagini, musiche. La pubblicità si fa martellante e ci perseguita, ma compaiono anche nuove forme di pubblicità e nuovi argomenti da pubblicizzare, tra i quali, finalmente, la salvaguardia dell ambiente, l attenzione per lo sviluppo culturale e per lo sviluppo umano. Struttura del messaggio pubblicitario La pubblicità ha una sua grammatica ed un suo codice di comunicazione che devono essere compresi per fare un analisi seria di questo tema. La struttura di un messaggio pubblicitario segue questi punti: Il Titolo (head-line), in cui è contenuto lo slogan, che è la frase pubblicitaria d impatto, di solito scritta in caratteri più grandi La Scena in cui vi è un immagine, che può essere una fotografia o una sequenza cinematografica, in cui viene individuato il prodotto Il Titolo di chiusura che chiude e accentua il messaggio Il Marchio che è sigla dell azienda che vuole pubblicizzare il prodotto Il Copy, ovvero il testo, che sviluppa con una serie di argomenti quanto il titolo riassume Di cosa si occupa un agenzia pubblicitaria? L agenzia provvede a curare i diversi aspetti della pubblicità, ovvero che cosa bisogna dire nel messaggio pubblicitario, in che modo bisogna dirlo, in che contesto occorre dirlo. L agenzia deve anche occuparsi di comprare gli spazi su TV e Giornali, di contattare le diverse persone coinvolte nello spot, di gestire i grafici, i creativi e le ditte esterne che lavoreranno anche loro nella realizzazione dello spot. All interno dell agenzia ci sarà quindi un art director e un copywriter. Il primo è colui che si occupa dei disegni, della grafica, dei filmati ecc, il secondo scrive il testo. C è anche una sezione dell agenzia che si occupa dei media, ovvero tv e giornali e che si occupa di comprare gli spazi pubblicitari. Questo reparto è importante perché deve cercare di avere la maggiore visibilità spendendo il meno possibile e si confronta con la sezione amministrativa dell agenzia pubblicitaria. Stiamo parlando quindi di un agenzia che dentro ha già tutto: parte creativa parte per i contatti parte dei media parte amministrativa

4 Questa è chiamata Agenzia a servizio Completo e da noi, in Italia, queste agenzie sono associate nell AssAP (Associazione Agenzie Pubblicità) Come si organizza e cos è una campagna pubblicitaria Per una buona riuscita di uno spot pubblicitario e per avere un idea vincente, non si può pensare di alzarsi una mattina e inventare una pubblicità di successo. Prima bisogna: avere informazioni sul prodotto (a chi è rivolto, se ci sono già concorrenti sul mercato) fare studi, ricerche e sperimentazioni sul prodotto fare un analisi delle novità esistenti, a livello culturale e scientifico tradurre le informazioni in un linguaggio pubblicitario, con immagini, slogan, che catturino l attenzione del consumatore capire il target a cui è rivolto lo spot (bambini, donne, uomini..) saper investire bene il denaro delle aziende produttrici Facciamo un esempio: Si vuole pubblicizzare un giocattolo ecologico. viene rivolto ai più giovani: si studiano altri prodotti simili e le mode del momento, perché ci sono tanti giocattoli analoghi e bisogna trovare il punto vincente di questo giocattolo. Ad esempio il giocattolo è più colorato di quelli già in commercio. lo si vuole pubblicizzare sui mass media, ma l investimento è molto basso, quindi non viene fatta pubblicità in Tv, ma solo sui giornali, selezionando le riviste lette dai ragazzi, o dalle mamme che potrebbero trovare interessante il giocattolo per i loro figli bisogna presentare diverso dagli altri questo giocattolo, definirlo come più colorato, ma ecologico, e quindi più piacevole, senza dire il falso, se no la pubblicità verrà ritirata si può inventare un nuovo packaging, ovvero una scatola più bella da vedere e che magari si può portare in viaggio, si può cercare di rendere più pratico il gioco per poterlo portare con se, ma rispettando i requisiti di ecologico si fanno i bozzetti della pubblicità (lay out), la grafica, le foto, le immagini Si scrive lo slogan: PIÚ COLORE CON COLOR TOY, il giocattolo ecologico da viaggio Si scrive il testo Si analizzano le diverse proposte e se ne si sceglie una che piaccia al produttore Si manda in stampa e si invia a tutti i giornali I risultati della campagna si osserveranno nel tempo: se i giocatoli ecologici saranno comprati da tante persone, vorrà dire che l agenzia pubblicitaria avrà fatto un buon lavoro, ma anche che il prodotto è un buon prodotto. Il linguaggio slang nella pubblicità Spesso nella pubblicità ci sono delle parole inventate che poi entrano a far parte del nostro linguaggio, pensate a quanto è presente la pubblicità nelle nostre teste! Gli slogan sono quelle parole, o frasi che rimarranno ben memorizzate nella testa dei consumatori. Il linguaggio slang pubblicitario dovrà quindi essere molto innovativo per colpire tanto. Nella pubblicità si ricorre a volte anche a parole che non appartengono alla lingua italiana, usando termini inglesi, spagnoli, francesi e tedeschi. Creando parole che sembrano di un altra lingua, che sono particolari e facili da memorizzare.

5 Parole come Risparmiosa, Olivolì, Sugosando, Comodosa, Ciripiripì Kodak, Connecting people o frasi che hanno rime o modi di dire che è difficile dimenticare, come Al sapor di cioccolato, rende il latte prelibato! Nesquik! Altissima. Purissima. Lievissima. Spesso viene stravolta la grammatica e l ortografia della frase, Dreher: la birra che birrei, Io? Clio. Kimbo, a me, me piace. E agli slogan viene abbinato a volte anche un ritornello musicale, o una canzone che da quel momento lo si collegherà solo a quella pubblicità e ogni volta che lo si sente si pensa a quel prodotto. Com è regolata in Italia la pubblicità? Esistono due norme di regolamentazione dei messaggi pubblicitari: Il codice di autodisciplina pubblicitario; il Decreto legislativo n. 74 del 25 gennaio 1992, in esecuzione della Direttiva CEE n. 450/84, che riguarda la pubblicità ingannevole. La Legge Mammì (n. 223/90), e del Codice civile, sulla concorrenza disonesta, i diritti d'autore, di proprietà sui marchi e i diritti che riguardano l uso dell immagine delle persone. Le pubblicità di alcuni prodotti per poter essere emesse devono essere approvate dai Ministeri, come ad es. le pubblicità di prodotti dietetici. Ed esiste anche un Codice di Tutela dei Minori che serve ad evitare che i bambini vengano usati nelle pubblicità in modo ingannevole. La pubblicità indiretta e la pubblicità occulta La pubblicità indiretta è un tipo di promozione che viene messa in spazi non tipicamente pubblicitari, senza essere indicata come tale. Si usa parlare di pubblicità occulta quando questa avviene in modo non chiaro come ad esempio la pubblicità all'interno di film quando si vedono marchi di auto, sigarette, ecc. La pubblicità occulta è vietata dalla legge italiana, per quanto riguarda la televisione, al cinema invece esiste e riesce a raggiungere moltissime persone in più di quello che farebbe una pubblicità diretta. E vietato categoricamente per la legge italiana truccare il messaggio pubblicitario, quindi fare pubblicità indiretta. Ma nel dicembre 2006 l Unione europea ha approvato una direttiva che permette la presenza di alcuni prodotti promozionali anche in TV anche se questi prodotti devono essere annunciati ogni tot all interno del programma. Un caso famoso di pubblicità occulta si trova nel film Cast Away, in cui il naufrago interpretato da Tom Hanks trasforma un pallone, prodotto dalla Wilson Sporting Goods, in un finto amico, che chiama appunto Wilson; è la prima volta nella storia del cinema in cui una merce di una azienda multinazionale diventa co-protagonista di un film. La pubblicità progresso La pubblicità progresso, nata in realtà già negli anni 70, ma emersa soprattutto in questi ultimi anni, cerca di sensibilizzare la gente su argomenti che riguardano problemi morali, civili, ambientali attraverso un messaggio promozionale con campagne pubblicitarie distribuite gratuitamente. (www.pubblicitàprogresso.it) La pubblicità progresso usa sistemi di comunicazione drammatica, che tende a mettere in evidenza la relazione fra il problema e chi lo crea. Mostra anche colui che non partecipa a risolvere il problema, incriminandolo, in modo da rendere responsabile tutta la comunità. I temi che vengono scelti da questo tipo di pubblicità devono essere sempre molto importanti e di interesse nazionale. Non ci deve essere un carattere commerciale, cosa che esiste sempre nella pubblicità commerciale.alcune campagne pubblicitarie di questo tipo sono molto incise e dirette e sono sempre rivolte ai cittadini, a te in prima persona, a stimolare chi ascolta a reagire perché il problema venga risolto.

6 I temi ambientali I temi ambientali sono entrati a far parte degli slogan pubblicitari. Se un tempo si parlava solo di quanto un detersivo rendesse bianco un vestito, oggi si parla anche di quanto questo stesso detersivo non inquina e di come consumare meno quando si usa una lavatrice. E nato quindi quello che viene chiamato l Ecomarketing e anche la pubblicità si deve adattare. Prima termini come sostenibile erano sinonimo di privazione, ora sono parole alla moda che vengono attentamente controllate dal consumatore. Ma come sono cambiate le pubblicità di alcuni prodotti che non sono ecologici?? La Coca Cola ha deciso che può ridurre il numero di vetro e lattine, gli ammorbidenti non servono più in quantità, ma ne basta un tappo, i detersivi possono pulire anche a freddo e così si risparmia energia, tutto diventa ad impatto zero. Glossario pubblicitario Art director. E il direttore artistico delle agenzie pubblicitarie e si occupa della creazione della parte grafica e di immagine Audience. E il numero di persone che sono raggiunte da un messaggio Body copy. Parte scritta esplicativa (solitamente in carattere più piccolo della head line) di un messaggio pubblicitario stampa. Può anche non esistere, in quanto vi sono campagne pubblicitarie con la sola head line Brief. E' il documento che il cliente lascia all'agenzia pubblicitaria. Contiene tutte le informazioni sul nome del prodotto Briefing. Riunione in cui si danno istruzioni e informazioni alle agenzie Copy py. E la parte scritta di una pubblicità. In TV si chiama Script. Copywriter. E lo scrittore del testo del messaggio pubblicitario. Costi. Dipende da quanto si vuole o si può spendere. In media, un buono spot costa più di un film realizzato in Italia. Creativo. E' la persona che si occupa di trovare "l'idea ingegnosa" Flash. E il box in cu si scrivono parole che attirino l attenzione Gadget. E il regalo che a volte è abbinato al prodotto. Grafico. E chi si occupa della parte grafica Griffe. E il marchio del prodotto Headline. E' la frase iniziale dell'annuncio pubblicitario. Jingle. E' la canzoncina pubblicitaria, abbinata ad una specifica pubblicità Media (sing. Medium). E la parola latina, spesso pronunciata all'inglese "midia" che indica i mezzi di comunicazione (TV, Radio, giornali ecc) Poster. E un manifesto di grosse dimensioni esposto nelle strade Promotion. E l'insieme dei mezzi che servono a stimolare le vendite Script. E la sceneggiatura dell'annuncio in TV Sponsor. E chi finanzia un progetto in cambio della visibilità del proprio nome Spot. E il messaggio pubblicitario molto breve mandato su Radio e TV Story board. Serie di immagini che raccontano visivamente la storia dello spot. Target. E il pubblico al quale è rivolta la pubblicità Testimonial. E il personaggio famoso usato per dar maggior fama al prodotto. Bibliografia Giono J. L uomo che piantava gli alberi Salani Editore- Firenze, 1999 J.B. Schor Nati per comprare Ed. Apogeo - Milano, 2005 Vittorio Bonori, Giorgio Tassinari Come misurare il ritorno della pubblicità. Le 10 regole per realizzare una campagna pubblicitaria di successo Ed. Il Sole 24 Ore - Milano, 2007 L.Anolli Psicologia della comunicazione Ed. Il Mulino- Bologna, 2002 L. Manovich Il linguaggio dei nuovi Media Ed. Olivares Liss J.K. La comunicazione ecologica La meridiana- Molfetta, 1992 M. D ambra Le nuove tecniche di comunicazione Ed. De Vecchi - Milano, 1997 A.M. Comari I segreti delle comunicazione Ed. Il sole 24 ore- Milano, 1995 M. Livolsi Manuale di sociologia della comunicazione Ed. Laterza - Roma, 2003 M. Agozzino, M.G. Celada Conoscere, capire e decodificare la pubblicità Ed. Coop. Longanesi - Milano, 1986 M. Lombardi Il nuovo manuale di tecniche pubblicitarie Ed. Franco Angeli- Milano, 2005 P. Bevitori La comunicazione dei rischi ambientali e per la salute Ed. Franco Angeli- Milano, 2004

7 P. Watzlawick, D.D. Jackson, J.H. Beavin Pragmatica della comunicazione Ed. Astrolabio - Roma, 1971 S. Turale La vita sullo schermo Ed. Apogeo - Milano, 2005 Internet BICA è la biennale internazionale della comunicazione ambientale. Nel febbraio 2006 si è tenuta la sua quarta edizione a Venezia. Contiene il Manifesto della Comunicazione Pubblica in campo ambientale (approvato dal Consiglio nazionale dell'associazione "Comunicazione Pubblica" il 30 marzo 2007). Sito dell associazione Pubblicità Progresso, contiene le campagne realizzate e la descrizione delle caratteristiche delle pubblicità progresso. Sito di informazione. Punta sulla comunicazione immediata, raccogliendo foto simboliche, per l immediata comprensione degli avvenimenti del giorno, in ogni parte del mondo. Sito del festival nato con l idea di far crescere attraverso il cinema, la cultura dell ambiente. Propone a tutti Ecotribe, concorso di filmati sull ambiente realizzati con il telefonino. Informazioni sul sito. Tra le molte e serie agenzie di stampa dove trovare le informazioni più aggiornate, riportiamo l area ambiente dell Agenzia ANSA. Molti materiali inerenti alle tematiche ambientali, lavori di educazione e comunicazione ambientale anche prodotti dai ragazzi e dalle scuole, sono disponibili presso AREA Parchi, l Archivio Regionale di Educazione Ambientale dei parchi lombardi. Per informazioni: oppure visita il sito dal quale è anche possibile iscriversi ad una newsletter periodica.

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente

FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente FAR EAST FILM FESTIVAL 16 Il più grande festivaldel cinema dall Estremo Oriente un grande evento mondiale una grande festa popolare Che cos è Far east Film Festival? Un grande evento popolare Far East

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria

UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria Radio Vigiova presenta UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 Premio FriulAdria 3 edizione Contest Musicale Festival Biblico - REGOLAMENTO - ART.1_PARTECIPANTI UNA CANZONE IN CUI CREDERE 2015 è un contest musicale

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa

IL MAGGIO DEI LIBRI. Premessa IL MAGGIO DEI LIBRI Premessa Fino al 2010 esistevano in Italia due iniziative a carattere nazionale per la promozione del libro e dell a lettura, del tutto distinte per patrocinatore, soggetto promotore,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2014-2015 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: Ε1 Διάρκεια: 2 ώρες Υπογραφή

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv

LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv LINEE GUIDA PER L AUDIODESCRIZIONE Cinema e Tv di Blindsight Project (Onlus per Disabili Sensoriali www.blindsight.eu) INTRODUZIONE Le Linee Guida per l audiodescrizione filmica di Blindsight Project,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e

Oltre che alla grande visibilità pubblica degli avvisi murali scritti, dei manifesti e Piccola ma efficace 134 L ALtrA réclame: CArtOLINE, CALENDArIEttI, FIGUrINE, OPUSCOLI Nella pagina a fronte, dall alto in senso orario: blocco per annotazioni e corrispondenza delle Generali destinato

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio

IL FESTIVAL. Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio IL FESTIVAL Il Tuscia In Jazz, ormai giunto al suo tredicesimo anno, è un festival saldamente radicato nel territorio della Tuscia ma con una forte vocazione internazionale, premiato al Jazzit Awards come

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web

Carica i tuoi contenuti. Notizie Feed RSS Feed Multipli. Collegamento al tuo Sito Web Formule a confronto Carica i tuoi contenuti Puoi inserire immagini, creare le tue liste, i tuoi eventi. Gestire il tuo blog e modificare quando e quante volte vuoi tutto ciò che carichi. Notizie Feed RSS

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16

ALLA SCUOLA MATERNA UNITÁ 16 ALLA SCUOLA MATERNA Marzia: Buongiorno, sono venuta per iscrivere il mio bambino. Maestra: Buongiorno, signora. Io sono la maestra. Come si chiama il bambino. Marzia: Si chiama Renatino Ribeiro. Siamo

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro

E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani non ci fossero più gli artigiani? Campagna di sensibilizzazione di Confartigianato Imprese Grosseto a tutela del lavoro E se domani, d'improvviso, non esistessero più gli artigiani? Una macchina

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata

GRAFICA. Diamo forma ai tuoi bisogni. Consulenti di soluzioni. grafica cartacea - grafica online - grafica applicata Diamo forma ai tuoi bisogni Consulenti di soluzioni GRAFICA grafica cartacea - grafica online - grafica applicata BROCHURES CARTELLINE CATALOGHI LOCANDINE VOLANTINI MANIFESTI CALENDARI MENU LOGOMARCHI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI #WHYILOVEVENICE MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGOLAMENTO ART. 11 D.P.R. 26 OTTOBRE 2001, 430 CONCORSO A PREMI Soggetto delegato #WHYILOVEVENICE PROMOSSO DALLA SOCIETA BAGLIONI HOTELS SPA BAGLIONI HOTELS S.P.A. CON

Dettagli

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali

L impatto della musica nei locali pubblici. L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali L impatto della musica nei locali pubblici L utilizzo della musica è sempre più un aspetto fondamentale per le attività commerciali Le cinque verità 1. Le persone attribuiscono alla musica un enorme importanza.

Dettagli

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica

Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Bollette più leggere. Bollette più leggere..aria più pulita.aria più pulita Alida Nepa Sportello Ecoidea - Provincia di Ferrara A scuola di ecologia domestica Ostellato 28 maggio 2004 A scuola di ecologia

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc)

HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga. Minta. A vizsgázó példánya (20 perc) Bemelegítő beszélgetés 1. Vita HARMADIK MINTAFELADATSOR Emelt szintű szóbeli vizsga A vizsgázó példánya (20 perc) E migliore vivere in una casa con giardino in una zona verde che in un appartamento in

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to

ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to ASILO NIDO PARCO PINETA San Salvatore M.to Progetto educativo "Le quattro stagioni" ANNO 2011-2012 Il progetto Le stagioni al nido intende proporre ai bambini un viaggio nelle stagioni e nel tempo finalizzato

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE

Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Concorso per gli studenti delle scuole dell infanzia e della primaria LE COSE CAMBIANO SE Art. 1 Finalità Il Ministero dell Istruzione, e il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità :

Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : Il campionato Catania nail design2014 unghie è suddiviso in specialità : 1. Stiletto in gel ed in acrilico ; 2. Scultura/ Tip pink & white in Gel/acrilico Principianti ; 3. Scultura/ Tip pink & white in

Dettagli

L IMMAGINE CHE NON C ERA

L IMMAGINE CHE NON C ERA L IMMAGINE CHE NON C ERA SEZIONE SCIENTIFICA DEL CONCORSO LA PAGINA CHE NON C ERA BANDO DELLA II EDIZIONE Se è vero che un'immagine può essere più esplicativa di tante parole, allora perché non provare

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli