La tassa di soggiorno. Un valore per il territorio e il turismo? Servizio Turismo e Promozione del Territorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tassa di soggiorno. Un valore per il territorio e il turismo? Servizio Turismo e Promozione del Territorio"

Transcript

1 La tassa di soggiorno. Un valore per il territorio e il turismo? Servizio Turismo e Promozione del Territorio

2 SOMMARIO Sommario... 1 Premessa... 2 L Imposta di Soggiorno in Italia... 4 L Imposta di Soggiorno in Toscana... 6 L imposta di soggiorno in provincia di Lucca... 8 I regolamenti e le misure adottate... 8 Comune di Lucca Comune di Pietrasanta Comune di Viareggio Analisi dei flussi turistici pre-post introduzione dell imposta di soggiorno nei tre comuni della provincia Confronto con altre località toscane che hanno attivato l imposta di soggiorno Brevi considerazioni Appendice statistica

3 PREMESSA Per contributo di soggiorno si intende una tassa di scopo chiesta ai turisti che pernottano nelle strutture ricettive situate in comuni ad elevata densità turistica, finalizzata ad interventi pubblici di miglioramento dell ambiente turistico del territorio ospitante medesimo. Sono molte le amministrazioni locali, in Italia e all estero, che hanno preso in considerazione l opportunità di introdurre una tassa diretta per chi soggiorna temporaneamente sul proprio territorio, perché è sicuramente allettante l idea di poter raccogliere flussi finanziari soprattutto esteri senza gravare di ulteriori oneri la popolazione residente. Ad una riflessione più meditata, però, la concreta applicazione di siffatta politica è stata ritenuta effettivamente conveniente solo in alcuni contesti, in particolare negli Stati Uniti, a Parigi, a Vancouver, ecc. In generale, il consenso più o meno diffuso verso la tassa di soggiorno è dovuta al fatto che: a) il suo peso è sopportato dai turisti piuttosto che dai residenti; b) produce per l amministrazione locale un beneficio finanziario diretto effettivamente consistente; c) gli introiti sono da destinare ad interventi di miglioramento dell ambiente locale per i non residenti, ma di fatto anche dei residenti. D altra parte, però, l introduzione del contributo di soggiorno fa e ha fatto molto discutere, non solo in Italia, perché la concreta realizzazione dell intervento non è immune da rischi che minacciano la sostenibilità strutturale dell economia locale che li applica. La principale preoccupazione degli operatori economici è che l impatto causato sull industria turistica da un aumento del prezzo di mercato dei servizi sarebbe trascurabile solo se la domanda risultasse anelastica rispetto al prezzo. Infatti, secondo la teoria economica, l aumento del prezzo del soggiorno provocherebbe una diminuzione della domanda e di conseguenza diminuirebbero i ricavi netti - degli imprenditori. Però, a fronte del dettato teorico, gli studi empirici sull impatto della tassa di soggiorno hanno portato a risultati non sempre convergenti, spesso condizionati dai differenti contesti ambientali, che in qualche modo hanno contribuito ad alimentare la discussione circa la validità di questo tipo di intervento di politica 2

4 finanziaria turistica. Da non trascurare che a Vancouver (in Canada) sono stati proprio gli operatori della ricettività a farsi direttamente promotori per chiedere al governo locale l introduzione della tassa di soggiorno. Non mancano gli studi scientifici che, sulla base di rilevazioni successive all applicazione della tassa di soggiorno, non hanno riscontrato effetti negativi sul ricavo reale degli operatori. La sostanziale anelasticità della domanda rispetto al prezzo riscontrata negli studi è riconducibile a fattori diversi: 1. la mancata consapevolezza, da parte dei consumatori-turisti, dell introduzione della tassa; 2. il fatto che una quota considerevole di domanda è costituita dagli acquirenti di pacchetti turistici all-inclusive, cioè comprensivi sia del costo del viaggio sia del soggiorno; 3. altre destinazioni direttamente concorrenti hanno introdotto tasse di soggiorno nello stesso periodo, che di fatto hanno cancellato gli effetti di variazione di prezzo della specifica destinazione turistica; 4. le destinazioni hanno adottato la tassa di soggiorno su impulso degli stessi operatori locali, al fine di lanciare rilanciare l economia turistica con risorse mirate e completamente dedicate. Ciò detto, però, va ricordato che la tassa di soggiorno è stata in vigore in Italia dal 1910 al 1989 e fu abolita perché costava più ad essere amministrata rispetto agli introiti e produceva, e la tematica a tutt oggi non ha perso di spessore. Si tratta allora di verificare se le condizioni ipotizzate quale causa della sostenibilità dell imposizione della tassa di soggiorno, in ambienti in cui questa pare che non abbia prodotto effetti negativi, sono effettivamente riscontrabili anche nella provincia di Lucca. 3

5 L IMPOSTA DI SOGGIORNO IN ITALIA L imposta di soggiorno è stata introdotta con decreto legislativo n. 23 del 14 marzo Al comma 1 dell articolo 4 si stabilisce che i comuni capoluogo di provincia, le unioni di comuni nonché i comuni inclusi negli elenchi regionali delle località turistiche o città d arte possono istituire, con deliberazione del consiglio, un imposta di soggiorno a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate sul proprio territorio, da applicare secondo criteri di gradualità in proporzione al prezzo, sino a 5 euro per notte di soggiorno. Nell aprile 2012, per i comuni con sede giuridica nelle isole minori e i comuni nel cui territorio insistono isole minori, in alternativa all imposta di soggiorno viene concessa la possibilità di istituire l imposta di sbarco, da applicare fino ad un massimo di 1,50 euro. Considerando i requisiti richiesti dalla normativa, in Italia si contano oltre 3 mila e 900 comuni in grado di poter applicare l imposta di soggiorno (fonte: L imposta di soggiorno Osservatorio sulla fiscalità locale - gennaio 2014, a cura di ISTA e Mercury per Federalberghi), ovvero quasi la metà degli oltre 8 mila comuni. Secondo lo studio di Federalberghi, i principali aspetti applicativi dell imposta sono: La maggioranza dei comuni ha definito la misura dell imposta in funzione della tipologia di struttura ricettiva e della categoria; in pochi casi è stata determinata in rapporto al prezzo pagato dal cliente; Ad agosto 2014 il numero dei comuni italiani che hanno introdotto l imposta di soggiorno o la tassa di sbarco è stimato in 649 unità (fonte: Osservatorio Nazionale sulla Tassa di Soggiorno agosto 2014 a cura di JFC di M. Ferruzzi), circa 150 in più da inizio anno. In pratica, l 8% del totale dei comuni italiani ha applicato l imposta nel corso dell ultima stagione turistica e il 16% dei comuni dotati dei requisiti per poterlo fare. Il gettito previsto per questa imposta per l anno 2014 è stimato in circa 382 milioni di euro (+33% rispetto ai 287 milioni di euro attesi nel 2013). Le regioni con la più alta presenza di comuni con imposta di soggiorno/tassa di sbarco sono la Toscana e il Piemonte, seguono la Valle d Aosta e la Lombardia. La propensione all applicazione del tributo è più elevata nelle località ad interesse artistico-culturale e quelle balneari. L indagine ha indagato anche la percezione che hanno i turisti dell imposta di soggiorno. Le perplessità più interessanti che sono emerse fanno riferimento all utilizzo e alla effettiva destinazione delle risorse in attività di valorizzazione turistica. Tuttavia non la considerano una discriminante per la scelta della destinazione. 1 Per il solo comune di Roma, l imposta era stata istituita già a partire dall anno precedente (decreto legge n. 78 del maggio

6 Le principali esenzioni che i comuni italiani hanno adottato con proprio regolamento riguardano: - residenti nel comune o in uno dei comuni dell Unione; - minori (solitamente con età inferiore a 10 anni ma che può variare dai 2 ai 18 anni), più raramente ospiti senior (con più di 65 anni); - autisti di pullman ed accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati (talvolta è previsto un limite minimo di componenti del gruppo); - persone che praticano terapie presso strutture sanitarie site nel territorio comunale e loro accompagnatori; - portatori di handicap non autosufficienti, con idonea certificazione medica, e loro accompagnatori; - lavoratori dipendenti delle strutture ricettive; - studenti in viaggio di istruzione o che soggiornano per ragioni di studio, per periodi di formazione professionale attestati dalle università, scuole o enti di formazione; - appartenenti alle forze di polizia statali e locali, nonché al Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco che pernottano nel comune per esigenze di servizio; - volontari che offrono il proprio servizio in occasione di eventi e manifestazioni o per emergenze ambientali; - inoltre sono previste esenzioni per scolaresche, soggiorni presso rifugi, strutture ricettive comunali, religiosi, pellegrini della Via Francigena, ritiri sportivi, organizzatori, ospiti e artisti in occasione di eventi e manifestazioni locali, frequentatori delle terme in convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale, Per quanto riguarda le riduzioni dell imposta vengono adottati prevalentemente i seguenti requisiti: - tipologia della struttura, con misure tendenzialmente più alte per il comparto alberghiero rispetto agli altri esercizi ricettivi; - stagionalità con riduzioni della tariffa nei mesi di minor afflusso turistico (in molti comuni l applicazione del imposta riguarda esclusivamente il periodo di alta stagione); Per favorire i soggiorni più lunghi, molti comuni hanno stabilito dei limiti di durata all applicazione dell imposta di soggiorno, fissato nella maggior dei casi tra le 5 e le 7 notti continuative. 5

7 L IMPOSTA DI SOGGIORNO IN TOSCANA La Regione Toscana con la delibera della Giunta regionale n. 903 del 24/10/2011, ha definito le procedure per la costituzione e l aggiornamento dell elenco delle località ad economia prevalentemente turistica e delle città d arte ai fini dell istituzione, da parte dei Comuni, dell imposta di soggiorno. In particolare, i Comuni devono provvedere a: fare richiesta per l istituzione di un Osservatorio Turistico di Destinazione (O.T.D.) procedere alla costituzione del Panel di indirizzo, ovvero una consulta composta da esperti che a vari livelli operano nel settore del turismo; sottoporre al Panel di indirizzo la proposta di iscrizione nell elenco delle località turistiche o città d arte e contestualmente le modalità e i criteri per la quantificazione dell imposta di soggiorno e la ripartizione delle relative entrate; adottare e trasmettere alla Giunta regionale la relativa delibera per l iscrizione nell elenco regionale delle località turistiche o città d arte e gli orientamenti per la quantificazione e destinazione dell imposta di soggiorno. All Unione di Comuni è concessa la possibilità di attivare un unico O.T.D. al quale possono aderire i Comuni dell Unione. Per gli altri Comuni privi di O.D.T. è prevista la possibilità di fare riferimento a quello della Provincia di appartenenza. A gennaio 2014, i Comuni toscani che avevano attivato l imposta di soggiorno risultavano 102 (fonte: Federalberghi). Di questi, 40 sono localizzati in provincia di Firenze (il 95% del totale dei comuni provinciali), 21 nella provincia di Siena (il 58%), 17 nella provincia di Livorno (l 85%). La provincia di Lucca, con tre sole attivazioni, si posiziona all ultimo posto della classifica, con un incidenza rispetto al totale dei comuni provinciali dell 8,8%. Nelle 102 località sono inseriti anche i 10 comuni in cui è in vigore la tassa di sbarco (8 comuni dell Isola d Elba, di Capraia Isola e dell Isola del Giglio). Inoltre sono presenti tre Unioni di Comuni (Unione Montana dei Comuni del Mugello, Unione dei Comuni di Valdarno e Val di Sieve, Unione dei Comuni del Circondario Empolese-Val d Elsa) che hanno deliberato un unico regolamento per l applicazione dell imposta di soggiorno valido per tutte le Amministrazioni aderenti. 6

8 Rispetto alla risorsa turistica prevalente, fra i comuni che hanno istituito l imposta di soggiorno prevalgono le località balneari (25,5% del totale) e di campagna/collina (24,5%). Seguono le destinazioni classificate d arte/affari (22,5%), ad altro interesse (16,7%), le località termali (8,8%). Le località di montagna rappresentano solo il 2%. Comuni Toscani con imposta di soggiorno 40 Comuni con IdS FI LI 85,0% 95,2% SI 58,3% FI SI LI GR PI AR LU MS PT GR PI MS AR PT LU 13,5% 11,8% 10,8% 9,1% 8,8% 28,6% Incidenza % su totale com uni dellla provincia Con riferimento al movimento turistico del 2013, è importante segnalare che nei 102 comuni toscani dove è stata applicata l imposta di soggiorno si è registrato l 83% delle presenze complessive di tutta la regione. Il valore sale all 86% del totale se si considerano i pernottamenti della clientela straniera, mentre per le presenze della clientela italiana si attesta all 80%. Se invece consideriamo l offerta ricettiva, nei comuni con l imposta di soggiorno si concentrano il 64% degli esercizi e il 77% dei posti letto complessivi di tutta la Toscana. 7

9 L IMPOSTA DI SOGGIORNO IN PROVINCIA DI LUCCA Ad oggi 2014 sono solo 3 i comuni della provincia che hanno attivato l imposta di soggiorno: Incidenza arrivi/presenze, sul totale provincia, nei 3 comuni con IdS Lucca (dal 1/04/2013), Pietrasanta (dal 01/06/2012) e Viareggio (dal 25/07/2012). Rispetto ad altre province toscane, dunque, quella di Lucca sembra essere al momento la meno interessata all introduzione del contributo di soggiorno, sebbene i tre comuni rappresentano le principali destinazioni turistiche del territorio. In termini di flussi turistici, nel 2013 queste località hanno intercettato il 60% degli arrivi complessivi e circa il 58% dei pernottamenti totale registrati in tutta la provincia. L importanza 64,2% 59,1% 56,7% 60,3% 56,7% 57,9% delle tre destinazioni emerge anche dalla valutazione del patrimonio ricettivo, pari a circa il 40% degli esercizi e il 58% dei posti letto. In particolare a Lucca, Viareggio e Pietrasanta si concentra il 48% dei posti letto alberghieri e addirittura il 69% della capacità ricettiva extralberghiera. Italiani Stranieri Totale I REGOLAMENTI E LE MISURE ADOTTATE Dall osservazione delle misure e dei regolamenti adottati dalle singole Amministrazioni, si riportano di seguiti i principali elementi di differenziazione: A Lucca e Viareggio l imposta è attiva tutto l anno (a Viareggio sono previste riduzioni per i mesi di media e bassa stagione), mentre a Pietrasanta il periodo di applicazione è compreso tra giugno e settembre. In Toscana circa i due terzi delle Amministrazioni prevedono l applicazione dell imposta in tutto l anno e il rimanente la limita al periodo di alta stagione. 8

10 A Pietrasanta e Viareggio le misure dell imposta variano in funzione della tipologia ricettiva, alla categoria e sono commisurate al numero di pernottamenti. Invece, a Lucca le fasce sono associate al prezzo sostenuto per il soggiorno di una notte. A livello regionale la maggior parte dei Comuni ha adottato la prima soluzione con una casistica molto ampia sia di suddivisione dei diversi tipi di esercizio e categorie (talvolta la suddivisione per categoria viene utilizzata anche per le tipologie extralberghiere che la prevedono), sia di ammontare dell imposta. In tutta la regione ad inizio anno si contavano solamente tre comuni, oltre a Lucca, con importi determinati in riferimento al prezzo di una notte pagato dal cliente, mentre in altri quattro casi l esborso richiesto è un ammontare fisso a prescindere dalla sistemazione e dalla categoria della struttura ricettiva. Gli importi variano da un minimo di 1 ad un massimo di 3 in funzione della fascia di prezzo a Lucca, mentre a Pietrasanta e Viareggio si sale fino a 4 per gli alberghi a 5 stelle. La durata di applicazione dell imposta è di 3 notti a Lucca (scende ad 1 notte nei mesi di bassa stagione, ma può salire a 6 notti in caso di ripetuti pernottamenti non consecutivi nello stesso mese e nella stessa struttura), di 7 notti a Pietrasanta e Viareggio (per soggiorno continuativo). Anche in Toscana la quasi totalità dei Comuni prevede un limite al periodo di applicazione dell imposta, che si attesta mediamente tra 4 e 7 notti, ma che in alcuni casi può arrivare fino ad un massimo di 30 giorni. Sempre a livello regionale si segnalano alcuni casi in cui l imposta viene applicata cumulando le diverse permanenze anche non consecutive nell arco di un periodo prefissato, altri in cui la durata varia per i soggiorni dovuti a motivi di lavoro, altri ancora in cui la durata si differenzia a seconda della tipologia ricettiva (con periodi più lunghi per i soggiorni in strutture extralberghiere). Le esenzioni previste dai regolamenti riguardano i residenti, minori, autisti e accompagnatori di gruppi, i soggetti che assistono degenti in strutture sanitarie situate nel comune, clienti diversamente abili non autosufficienti compresi accompagnatori, appartenenti alle forze dell ordine, ai Vigili del Fuoco in servizio. Tra le diverse esenzioni che si ritrovano negli altri comuni toscani si segnalano quelle per gli ospiti che soggiornano per motivi di lavoro, per i dipendenti delle strutture ricettive, per gli studenti universitari, per i residenti in altri comuni appartenenti alla stessa Unione di Comuni. 9

11 COMUNE DI LUCCA Decorrenza Misura Periodo di applicazione Esenzioni Note 1 aprile 2013 Fascia di prezzo (escluso iva 10%) Imposta Da 1,00 a 29,99 1,00 Da 30,00 a 69,99 1,50 Da 70,00 a 99,99 2,00 Da 100,00 a 129,99 2,50 Da 130,00 in su 3,00 Annuale Fino a 3 notti consecutive in alta stagione (dal 1 aprile alla 1 domenica di novembre), ad 1 notte in bassa stagione Residenti Minori < 14 anni 1 autista di pullman e 1 guida per gruppo (> 25 unità) Soggetti (max. 2 per paziente) che assistono degenti presso strutture sanitarie del comune Portatori di handicap non autosufficienti con accompagnatore Nel caso di ricorrenti e ripetuti pernottamenti non consecutivi, effettuati nello stesso mese e nella stessa struttura, l imposta è dovuta per sei notti Nel caso di camere vendute non direttamente dalla struttura, l imposta va corrisposta sulla base del prezzo a cui la camera è stata venduta al tour operator o all agenzia di viaggio COMUNE DI PIETRASANTA Decorrenza Misura Periodo di applicazione Esenzioni Note 1 giugno 2012 Struttura ricettiva Imposta Albergo ***** 4,00 Albergo **** 3,00 Albergo *** 1,50 Albergo ** 1,00 Rta 1,50 Strutture Extralberghiere 1,50 1 giugno - 30 settembre Fino a 7 notti consecutive Residenti Minori < 12 anni Soggetti (max. 1 per paziente) che assistono degenti presso strutture sanitarie Genitori di minori degenti ricoverati presso strutture sanitarie Appartenenti alle forze dell ordine, ai Vigili del Fuoco che soggiornano per esigenze di servizio 10

12 COMUNE DI VIAREGGIO Decorrenza Misura Periodo di applicazione Esenzioni Note 25 luglio 2012 Struttura ricettiva Imposta Albergo ***** 4,00 Albergo **** 3,00 Albergo *** 1,50 Albergo * e ** 1,00 Rta 3,00 Campeggi 0,50 Annuale Fino a 7 notti consecutive Residenti Minori < 12 anni Genitori di minori degenti ricoverati presso strutture sanitarie Appartenenti alle forze dell ordine, ai Vigili del Fuoco che soggiornano per esigenze di servizio 1 autista di pullman e 1 accompagnatore per gruppo (> 25 unità) Nei mesi di febbraio, marzo, aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre, febbraio l imposta è ridotta del 40%, mentre nei mesi di gennaio, novembre e dicembre è ridotta dell 80% Agriturismo, Caf, Cav e affittacamere 1,50 11

13 ANALISI DEI FLUSSI TURISTICI PRE-POST INTRODUZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO NEI TRE COMUNI DELLA PROVINCIA Al termine della sintetica indagine conoscitiva sul contributo richiesto ai turisti, in questa parte del lavoro viene presentata un analisi del movimento turistico relativo ai comuni interessati, al fine di valutare se l introduzione dell imposta di soggiorno ha determinato eventuali condizionamenti del mercato o se invece le dinamiche della domanda sono rimaste slegate dall applicazione del tributo. Per la diversa tempistica nell introduzione e per le differenti modalità di applicazione, l analisi ha previsto un confronto con più riferimenti temporali, utilizzando prima i dati annuali dal 2010 al 2013, cioè periodi antecedenti e successivi all introduzione dell imposta, comparando l andamento dei singoli comuni con quello di altri comuni provinciali; successivamente l osservazione è stata limitata ai periodi/mesi effettivi di applicazione dell imposta. Infine, le tendenze sono state raffrontate con i risultati conseguiti in altre realtà toscane assimilabili. Il primo elemento che emerge dall osservazione dei dati annuali è il risultato contrapposto nelle tre diverse località. Infatti, osservando gli arrivi e le presenze nel comune di Lucca per il 2013 (anno di introduzione dell imposta), si rileva un aumento dei valori rispetto al 2012: +7,3% per gli arrivi e + 1,3% per le presenze. Anche se nel 2013 i mesi di applicazione del tributo sono stati solo otto, almeno dal trend rilevato si potrebbe affermare che non vi è stata alcuna ripercussione sul mercato. Invece, a Pietrasanta e a Viareggio i risultati del 2012 (anno di introduzione dell imposta) e soprattutto del 2013 sono stati caratterizzati dal segno negativo. A Pietrasanta, a fronte di una leggera crescita del numero di arrivi (0,2%) si è registrato un calo del 2,5% di presenze, mentre a Viareggio nel 2013 diminuiscono sia gli arrivi (-5%) sia le presenze (-12,2%). Variazione movimenti turistici nei 3 comuni con IdS 10,8% 11,2% Lucca 7,3% 1,3% -5,0% -8,5% Pietrasanta 4,1% 2,8% 0,2% -0,8% -2,3% -2,5% 7,9% Viareggio 0,2% -0,3% -2,5% -5,0% -12,2% 12

14 Sulla base delle variazioni rilevate appare pertanto difficile affermare se il dato negativo di Pietrasanta e Viareggio sia stato determinato dall introduzione dell imposta o da altre tendenze congiunturali, ma se allarghiamo l osservazione ai risultati degli altri comuni dove non è stato introdotto il tributo emerge un trend sostanzialmente analogo. In particolare, anche per gli altri comuni della Versilia si rilevano valori negativi e il decremento della domanda è stato accertato anche per i flussi dell intero territorio provinciale, ad eccezione dell area lucchese. Pertanto, il calo della domanda potrebbe essere ricondotto ad una temporanea difficoltà di posizionamento dell area/prodotto sul mercato. Infatti, negli stessi anni in cui i due comuni balneari della Versilia hanno registrato la contrazione della domanda, in Toscana tutta l area della costa ha registrato il -3-5% e il -0,9% di presenze rispettivamente nel 2012 e nel Variazione movimenti turistici nelle aree senza IdS e in provincia di Lucca Area Lucca senza IdS 3,3% 1,8% 1,9% 0,1% -2,1% -1,9% Versilia senza IdS 1,8% -1,0% -1,7% -1,1% -5,4% -7,6% 5,6% Provincia di Lucca 0,9% -1,5% -0,5% -3,1% -5,4% Scendendo nel dettaglio del comparto alberghiero, le tendenze dei flussi rilevate per i comuni di Pietrasanta e Viareggio rispecchiano in linea di massima gli stessi risultati visti in precedenza. In particolare, si registra un calo dei pernottamenti sia nel 2012 che nel 2013, più marcato per Viareggio, che però anche in questo caso viene confermato dalla dinamica riscontrata nelle altre località versiliesi che non prevedono l imposta di soggiorno. Lucca nel 2013 chiude con un saldo negativo di presenze alberghiere (-2,9%), a differenza degli altri comuni dell area lucchese che non hanno introdotto l imposta di soggiorno (+4,4%). Anche in questo caso appare difficile individuare una correlazione tra diminuzione dei flussi e applicazione del tributo. Infatti, nel comune di Lucca gli importi sono determinati sul prezzo del soggiorno, senza distinzione tra strutture alberghiere ed extralberghiere. Proprio quest ultime nello stesso anno di riferimento conseguono un +8,7% di presenze e un +12,6% di arrivi. 13

15 Variazione movimenti turistici ALBERGHIERI nei 3 comuni con IdS 7,6% 9,5% Lucca 4,5% 3,4% 2,7% Pietrasanta 0,5% 9,2% 6,0% Viareggio -2,9% -6,3% -10,3% -0,7% -2,5% -2,7% -1,6% -5,0% -4,7% -6,7% Variazione movimenti turistici ALBERGHIERI nelle aree senza IdS e in provincia di Lucca 1,2% Area Lucca senza IdS 1,2% 4,4% 1,8% Versilia senza IdS 4,6% 2,8% Provincia di Lucca -3,0% -4,5% -1,1% -0,6% -2,2% -3,2% -4,6% -5,7% -3,9% -1,6% -3,9% -3,6% Per quanto riguarda il comparto extralberghiero il risultato del 2012 del comune di Lucca, quindi prima dell introduzione dell imposta, si è attestato su valori negativi, per recuperare ampie quote di mercato nel corso dell anno successivo. Per Pietrasanta e Viareggio, sia nel 2012 sia nel 2013, gli andamenti sono stati contrastanti, con una significativa diminuzione nell ultimo anno di Viareggio, per effetto di valori particolarmente negativi registrati in alcuni campeggi. Al netto di questi valori, probabilmente l andamento del comparto sarebbe risultato positivo. 14

16 Variazione movimenti turistici EXTRALBERGHIERI nei 3 comuni con IdS 18,0% 14,5% Lucca 12,6% 8,7% 13,8% Pietrasanta Viareggio 4,7% 4,7% 5,8% -2,7% -4,8% 3,6% 0,0% -2,4% 0,3% -4,8% -9,5% -4,8% -18,6% Variazione movimenti turistici EXTRALBERGHIERI nelle aree senza IdS e in provincia di Lucca Area Lucca senza IdS 9,1% 3,4% 0,1% 1,0% 2,2% -1,2% Versilia senza IdS 22,0% 5,4% 1,7% -6,3% -15,9% -24,4% 9,5% Provincia di Lucca 4,2% 3,6% -0,1% -3,4% -9,7% Una ulteriore analisi sui flussi turistici nei periodi pre e post attivazione dell imposta di soggiorno è stata effettuata mettendo a confronto non i dati dell anno solare, ma quelli dei periodi perfettamente corrispondenti (un anno per Lucca e Viareggio, 4 mesi per Pietrasanta) all applicazione dell imposta. Nel comune di Lucca, dove l imposta è stata introdotta nel mese di aprile 2013, sono stati confrontati i dati da aprile 2013 a marzo 2014 con quelli medi calcolati negli stessi periodi prima dell applicazione del tributo. Dalla comparazione emergono valori di crescita per gli arrivi e una sostanziale stabilità nelle presenze. Lo stesso confronto sui dati dei due comparti ricettivi, ha evidenziato come il calo delle presenze sia stato registrato esclusivamente nelle strutture alberghiere (-5,9%), a fronte di una crescita sostenuta in quelle extralberghiere (+8,9%). 15

17 Confronto arrivi e presenze turistiche tra i periodi con IdS e senza IdS nel comune di Lucca Periodo Aprile 2010 Marzo Aprile 2011 Marzo Aprile 2012 Marzo Aprile 2013 Marzo Diff. % con media periodi precedenti +2,3% -0,7% Confronto arrivi e presenze turistiche nei periodi con IdS e senza IdS nel comune di Lucca per tipologia ricettiva Periodo Alberghiero Extra Aprile 2010 Marzo Aprile 2011 Marzo Aprile 2012 Marzo Aprile 2013 Marzo Diff. % con media periodi precedenti -3,5% -5,9% 14,3% 8,9% Nel comune di Pietrasanta l imposta è stata introdotta nel giugno 2012 ed è richiesta solo nei mesi di maggior afflusso turistico, ovvero fino a settembre. Pertanto l analisi si è concentrata su questi mesi e nel 2012 il periodo estivo si è chiuso con il +1,5% di arrivi e -0,3% di presenze. Stessa dinamica nel 2013, quando gli arrivi hanno segnato il +4,8% e le presenze il -0,8%. 16

18 Confronto arrivi e presenze turistiche con periodo precedente nel comune di Pietrasanta Periodo Giugno 2010 Settembre Giugno 2011 Settembre Giugno 2012 Settembre Var. % con periodo precedente 1,5% -0,3% Giugno 2013 Settembre Var. % con periodo precedente 4,8% -0,8% Confronto arrivi e presenze turistiche con periodo precedente nel comune di Pietrasanta per tipologia ricettiva Periodo Alberghiero Extra Giugno 2010 Settembre Giugno 2011 Settembre Giugno 2012 Settembre Var. % con periodo precedente 1,4% -0,4% 3,0% -0,3% Giugno 2013 Settembre Var. % con periodo precedente 5,2% -1,0% 0,4% 1,6% Infine, il comune di Viareggio ha introdotto l imposta nel luglio I periodi presi in esame vanno dunque da luglio 2012 a giugno 2013 e da luglio 2013 a giugno In entrambi i casi si sono registrati segni negativi, sia per gli arrivi sia per le presenze, con pochissime differenziazioni tra i due comparti ricettivi. 17

19 Confronto arrivi e presenze turistiche con periodo precedente nel comune di Viareggio Periodo Luglio 2010 Giugno Luglio 2011 Giugno Luglio 2012 Giugno Var. % con periodo precedente -1,5% -5,4% Luglio 2013 Giugno Var. % con periodo precedente -0,2% -6,0% Confronto arrivi e presenze turistiche con periodo precedente nel comune di Viareggio per tipologia ricettiva Periodo Alberghiero Extra Luglio 2010 Giugno Luglio 2011 Giugno Luglio 2012 Giugno Var. % con periodo precedente -3,2% -5,2% 2,9% -5,5% Luglio 2013 Giugno Var. % con periodo precedente 1,1% -2,3% -3,3% -9,2% 18

20 CONFRONTO CON ALTRE LOCALITÀ TOSCANE CHE HANNO ATTIVATO L IMPOSTA DI SOGGIORNO Un ulteriore approfondimento sui dati è stato condotto attraverso l analisi comparativa dei flussi nei tre comuni della provincia di Lucca e quelli di altre destinazioni toscane equiparabili, estendendo l osservazione sia ai periodi pre sia post attivazione dell imposta di soggiorno. La scelta delle località si è basata in primo luogo sulla risorsa turistica prevalente, ma anche sulle caratteristiche principali della domanda. Per il comune di Lucca sono stati presi in esame i dati di altre città d arte, ovvero Firenze, Pisa e Siena. Per Pietrasanta e Viareggio il confronto è avvenuto con altre località balneari toscane, cioè Castiglione della Pescaia, Follonica, Castagneto Carducci e San Vincenzo. Per quanto riguarda Lucca e le altre città d arte toscane, il trend delle presenze turistiche pre e post introduzione dell imposta (Var.% in rosso e anno di riferimento in evidenza nel grafico) confermerebbe l assenza di condizionamenti del mercato e di impatti negativi sulla domanda. Se si esclude Pisa, che ha registrato due anni consecutivi di contrazione dopo l introduzione dell imposta, in tutte le altre città le variazioni si sono attestate su valori positivi, con l eccezione di Firenze che nel secondo anno di applicazione segna un -1%. 19

21 Un giudizio analogo emerge anche dall osservazione dei dati delle località balneari scelte per il confronto con Pietrasanta e Viareggio. Infatti, ad eccezione proprio dei due comuni della provincia di Lucca, che segnano una flessione in due anni consecutivi, nelle altre località non emerge una tendenza del tutto negativa dall introduzione dell imposta. A Castiglione della Pescaia, il primo anno di applicazione si registra una crescita del 5,6% di presenze e a Castagneto Carducci addirittura del 10,6%. Al contrario, Follonica e San Vincenzo chiudono il primo anno con una contrazione delle presenze rispettivamente del 12,7% e del 4,1%, seguito però da un periodo di crescita. I dati pertanto sembrano confermare come il tributo richiesto agli ospiti delle strutture ricettive non determini ripercussioni sul mercato e le flessioni sembrano imputabili ad altri fattori congiunturali. Anche per le località della provincia di Lucca dai dati ottenuti non si può affermare, ma nemmeno escludere con certezza, che l imposta di soggiorno abbia condizionato l andamento del mercato turistico. 20

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA

DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA DELIBERE 2006 NUMERO E DATA DELIBERA OGGETTO DELIBERA N. 4 DEL 09/01/06 REG. CE N 1257/99 PIANO DI SVILUPPO RURALE - ANNUALITÀ 2006 - PRESA D`ATTO DELLE PREVISIONI FINANZIARIE DI PROVINCE E COMUNITÀ MONTANE

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE

INDICE TITOLO I - OGGETTO DEL TESTO UNICO TITOLO II - ORGANIZZAZIONE TURISTICA REGIONALE TITOLO III - STRUTTURE RICETTIVE Legge Regionale 16 luglio 2007, n. 15 Testo unico delle leggi regionali in materia di turismo. (approvata con deliberazione del Consiglio regionale n VIII/397 del 03/07/2007 e pubblicata nel Bollettino

Dettagli

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo.

L.R. 23 marzo 2000, n. 42. Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. L.R. 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. INDICE Titolo I - IL SISTEMA ORGANIZZATIVO DEL TURISMO Capo I - Disposizioni generali Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Funzioni

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2

DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 5.2.4 DIVISIONE DELLE CONTRIBUZIONI Bellinzona, gennaio 2009 CIRCOLARE N. 4/2008 Abroga la circolare n. 4/2007 del gennaio 2008 DEDUZIONI PER FIGLI AGLI STUDI (ART. 34 LT) Pag. 1. Presupposti 2 2. Scuole

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO Pagina 1 di 7 MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI E DEL TURISMO DECRETO 12 febbraio 2015 Disposizioni applicative per l'attribuzione del credito d'imposta agli esercizi ricettivi, agenzie di

Dettagli

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA

RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 2009 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE NELLE SCUOLE TOSCANE A FAVORE DI ALUNNI CON DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana Direzione Generale RISULTATI DELL INDAGINE SVOLTA A NOVEMBRE/DICEMBRE 29 SULLE INIZIATIVE INTRAPRESE

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO DI VENDITA DI PACCHETTI TURISTICI 1) NOZIONE DI PACCHETTO TURISTICO La nozione di pacchetto turistico è la seguente: i pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE

L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Regione Siciliana P R O G E T T O D I R I C E R C A L AGRITURISMO IN SICILIA: STATO DELL ARTE E PROSPETTIVE Ricerche nell ambito delle attività istituzionali dell Osservatorio sul Sistema dell Economia

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

Città di Biella Rendiconto 2013

Città di Biella Rendiconto 2013 erogati a domanda individuale I servizi a domanda individuale raggruppano quelle attività gestite dal comune che non sono intraprese per obbligo istituzionale, che vengono utilizzate a richiesta dell'utente

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli