Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO)"

Transcript

1 Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO)

2 Dieci anni di Strategia europea per lʼoccupazione (SEO) Commissione europea Direzione generale dellʼoccupazione, degli affari sociali e delle pari opportunità Unità D.2 Manoscritto terminato in luglio 2007

3 Né la Commissione europea né alcuna persona agente a nome della Commissione europea, né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea, è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*) (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu) Comunità europee, 2007 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte Una scheda bibliografica figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni ufficiali delle Comunità europee, 2007 ISBN Printed in Belgium STAMPATO SU CARTA SBIANCATA SENZA CLORO

4 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione Premessa Nel quadro di una congiuntura assai difficile per l occupazione, il Consiglio europeo ha varato, in occasione del vertice sull occupazione tenutosi a Lussemburgo nel novembre 1997, la Strategia europea per l occupazione (SEO), spianando così la strada agli Stati membri e alla Commissione per l individuazione e il raggiungimento, attraverso la cooperazione e la condivisione di esperienze, degli obiettivi comuni per la creazione di nuovi e migliori posti di lavoro in Europa. Al Consiglio europeo di Lisbona del marzo 2000, l Unione europea si è data un nuovo obiettivo strategico per il prossimo decennio: divenire la più competitiva e dinamica economia del mondo basata sulla conoscenza, capace di creare nuovi e migliori posti di lavoro nel quadro di una crescita economica sostenibile e di una maggiore coesione sociale. L attenzione della SEO è passata dalla riduzione della disoccupazione al recupero delle condizioni necessarie a creare la massima occupazione. Nel 2005, il Consiglio europeo e la Commissione europea concordarono la necessità di imprimere un nuovo slancio alla Strategia di Lisbona, concentrandosi sulla crescita e l occupazione, con una ritrovata attenzione alla necessità di nuovi e migliori posti di lavoro. A questo punto la SEO si è trovata ad essere il fulcro delle politiche europee. Oggi, a 10 anni dal varo, la SEO è divenuta un punto di riferimento. È stata il modello per numerosi metodi aperti di coordinamento, nel campo fra l altro della protezione sociale e dell istruzione e formazione, ma soprattutto ha ottenuto risultati concreti che rispondono alle maggiori preoccupazioni dei cittadini europei. Dal 1997, i tassi di occupazione dei lavoratori più anziani e delle donne, e di occupazione in generale, sono sostanzialmente aumentati, con una conseguente significativa diminuzione dei tassi di disoccupazione e di disoccupazione di lunga durata (quest ultima ridottasi di circa un terzo). Un successo che non si può attribuire solo alla SEO, ma nel quale la SEO ha avuto un ruolo rilevante: l occupazione è in ripresa perché gli Stati membri possono attuare meglio le loro politiche per l occupazione e apprendere gli uni dagli altri come raggiungere gli obiettivi comuni. Ritengo che la Strategia europea per l occupazione sia uno dei grandi successi dell Unione. Sono sicuro che continuerà a contribuire alla creazione di occupazione e di posti di lavoro di qualità. Nutro fondate speranze che il secondo decennio riscuoterà ancora più successo del primo, consentendoci di raggiungere gli obiettivi di occupazione che l Ue si è data per le donne e i lavoratori anziani, e di conseguenza per l occupazione in generale, a un tasso del 70%. Per quanto mi riguarda confermo il mio impegno per le politiche di integrazione attiva che contribuiscono non solo a una maggiore offerta di lavoro ma anche a rafforzare la coesione sociale. Vladimír Špidla, Commissario per l Occupazione, Affari sociali e Pari opportunità 3

5 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione indice Introduzione La struttura istituzionale della strategia europea per lʼoccupazione (SEO) Origini Il Trattato di Amsterdam: semplificare l occupazione Il processo di Lussemburgo: stimolare il partenariato, la cooperazione e l apprendimento reciproco Le pietre miliari della SEO La SEO: a complemento della Strategia di Lisbona, rafforzandone le priorità Jobs, jobs, jobs : la task force europea per l occupazione Adattare la SEO all allargamento dell Ue La globalizzazione e un Europa che invecchia: revisione della Strategia di Lisbona Caratteristiche della SEO La dimensione sociale Il capitale umano Politiche per l occupazione giovanile Andare sul posto: coinvolgere gli attori locali nell esecuzione della SEO Libera circolazione: uno dei pilastri europei Flexicurity: una nuova prospettiva per la vita lavorativa Il ruolo del Fondo sociale europeo (FSE) La dimensione internazionale Statistiche

6 Introduzione Introduzione Fin dalla sua nascita, nel 1997, la Strategia europea per l occupazione (SEO) ha svolto un ruolo centrale nel coordinamento delle politiche Ue per la creazione di occupazione di qualità per tutti. Il suo ruolo è stato sottolineato dal Consiglio europeo in numerose occasioni ed è ormai uno strumento essenziale per rispondere a una delle principali preoccupazioni dei cittadini europei: nuovi e migliori posti di lavoro. L obiettivo della SEO è di fornire linee di orientamento e coordinamento alle politiche prioritarie per l occupazione sottoscritte dagli Stati membri a livello Ue. I Capi di Stato e di Governo hanno concordato un quadro di azione incentrato su obiettivi e politiche per l occupazione comuni. Tale coordinamento delle politiche nazionali per l occupazione a livello Ue è costruito intorno a un processo annuale come stabilito nella revisione del Trattato dell Unione del 1998, in seguito integrato in un ciclo triennale rinnovabile dopo il rilancio della Strategia di Lisbona nel Le componenti della SEO: Linee di orientamento per l occupazione, adottate ogni anno dal Consiglio su proposta della Commissione. Tali linee di orientamento riflettono le priorità comuni agli Stati membri nelle politiche per l occupazione. Dal 2005, fanno parte delle linee di orientamento integrate per la crescita e l occupazione. Programmi nazionali di riforma, elaborati dagli Stati membri ai fini della trasposizione delle linee di orientamento nelle politiche nazionali. Fino al 2005, le parti di tali programmi relative all occupazione erano conosciute come Piani d azione nazionali per l occupazione Relazioni congiunte sull occupazione, adottate dalla Commissione e dal Consiglio, che riportano i progressi realizzati ai livelli nazionale e comunitario alla luce delle linee di orientamento. Dal 2005, la Relazione comune sull occupazione costituisce il capitolo relativo all occupazione della Relazione annuale sui progressi nell attuazione della Strategia di Lisbona. Raccomandazioni specifiche ai vari paesi. Il Consiglio può inoltre adottare, su proposta della Commissione, raccomandazioni specifiche a singoli paesi sulle politiche per l occupazione che gli Stati membri dovrebbero considerare nell elaborazione dei loro Programmi nazionali di riforma. 5

7 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione 10 ANNI di Strategia Europea per lʼoccupazione Nei primi dieci anni della SEO, il tasso di occupazione dell Ue è aumentato dal 60,7% al 64,3% (vedi grafico 3), e all interno di questo dato il tasso di occupazione delle donne è passato dal 51,8% al 57,1% e quello dei lavoratori più anziani (55-64 anni) dal 35,7% al 43,5%. Negli Stati membri che hanno beneficiato più a lungo della SEO i progressi sono ancora più marcati. I tassi di occupazione hanno subito variazioni nel decennio, con diminuzioni consistenti prima del 2001, una ripresa tra il 2001 e il 2004 in particolare nei nuovi Stati membri e un declino dopo il Le riforme strutturali sui mercati del lavoro sembrano aver dato i loro frutti, un dato che si riflette nella diminuzione del tasso di disoccupazione di lunga durata dal 5% circa al 3,6% (vedi grafico 6) e in periodi medi di disoccupazione più brevi. 6

8 1. La struttura istituzionale della Strategia Europea per lʼoccupazione 1. La struttura istituzionale della strategia europea per lʼoccupazione 1.1 Origini Gli anni 90 hanno visto svilupparsi un consenso politico intorno alla natura strutturale del problema dell occupazione in Europa e sulla necessità di accelerare il tasso di crescita dell occupazione 1. Tanto la politica di stabilizzazione monetaria seguita per la preparazione dell Unione economica e monetaria (UEM) quanto la natura comune delle sfide relative all occupazione e alla disoccupazione richiedevano una risposta politica più coordinata a livello europeo. Il dibattito fu avviato durante i negoziati per il Trattato di Maastricht (1992), che rafforzava la dimensione sociale del modello europeo attraverso un protocollo sociale, che a sua volta ha portato all accordo del Consiglio europeo di Amsterdam (1997) sull inserimento nel trattato di nuove disposizioni per l occupazione. Pur confermando la competenza nazionale per le 1 Cfr. il Libro bianco su «Crescita, competitività e occupazione» di J. Delors, 1993 Articolo 128 TCE: quadro per le priorità comuni in materia di occupazione Il quadro prevede che il coordinamento delle politiche sia favorito attraverso un approccio di tipo gestione per obiettivi. Di conseguenza, gli orientamenti in materia di occupazione sono decisi di anno in anno dal Consiglio su proposta della Commissione; tali orientamenti dovranno essere accolti nei piani d azione nazionali, i quali sono valutati nella Relazione comune sull occupazione della Commissione e del Consiglio, al fine di definire gli orientamenti annuali. Dal 2000, il Consiglio, su proposta della Commissione, elabora raccomandazioni specifiche per gli Stati membri a complemento degli orientamenti in materia di occupazione. L approccio di tipo gestione per obiettivi è sostenuto anche dalla definizione di obiettivi misurabili a livello Ue o nazionale in diverse aree, nonché dallo sviluppo progressivo di indicatori statistici concordati fra la Commissione e gli Stati membri per la misurazione dei progressi raggiunti. 7

9 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione 10 ANNI L attuazione della SEO permetteva diversi approcci richiedendo il coinvolgimento di tutti gli attori i governi nazionali, le istituzioni europee, le parti sociali, la società civile, il mondo accademico, ecc. nel rispetto della diversità dei quadri istituzionali nazionali e delle pratiche in atto nel dialogo sociale. L apertura del processo di coordinamento ha portato, fra l altro, a ricorrere alle parti sociali, a livello sia nazionale sia europeo, per lo sviluppo di aziodi Strategia Europea per lʼoccupazione politiche per l occupazione, l Articolo 126 del Trattato che istituisce la Comunità europea (TCE) dichiara l occupazione una questione di interesse comunitario e gli Stati membri sono stati chiamati a sviluppare una strategia coordinata per l occupazione a livello Ue. Ampiamente ispirato dalle disposizioni del Trattato in materia di coordinamento delle politiche economiche 2 e dal coordinamento delle politiche per l occupazione lanciato al Consiglio europeo di Essen del 1994, il nuovo Articolo 128 TCE istituiva un quadro per lo sviluppo di politiche nazionali per l occupazione sulla base di interessi e priorità condivisi a livello europeo. 2 Art. 98 e 99 TCE 8

10 1. La struttura istituzionale della Strategia Europea per lʼoccupazione ni e iniziative specifiche di coinvolgimento a livello regionale e locale. Con il Trattato di Amsterdam, il Parlamento europeo, altre Istituzioni comunitarie e la Commissione per l occupazione prendono parte attiva nello sviluppo degli orientamenti in materia di occupazione. Gettyimages In previsione dell entrata in vigore del Trattato di Amsterdam, il Consiglio europeo di Lussemburgo sull occupazione (novembre 1997) inaugurava l attuazione nel nuovo metodo aperto di coordinamento incluso nell Articolo 128 TCE approvando la prima serie di orientamenti in materia di occupazione, presentati sotto forma di quattro assi principali, ovvero i pilastri degli orientamenti in materia di occupazione: occupabilità, imprenditorialità, adattabilità e pari opportunità. Tali azioni sono state una risposta a tutto campo alla sfida dell occupazione, integrando le politiche essenziali relative alla domanda e all offerta. 9

11 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione La SEO in azione 18 milioni di posti di lavoro in più La situazione occupazionale nell Ue è testimone di un chiaro miglioramento dall avvio della Strategia europea per l occupazione nel Fra il 1997 e il 2006 il tasso generale di occupazione è passato dal 60,7% al 64,3% (vedi grafici 1 e 3). In particolare dopo la revisione della strategia nel 2005, la crescita dell occupazione si è rinvigorita con tassi di occupazione in aumento e tassi di disoccupazione in declino (inclusa la disoccupazione di lunga durata). Quel che è più importante, l aumento dei tassi di occupazione e di partecipazione si è dimostrato meno sensibile alle condizioni cicliche. Ciò riflette sia l effetto delle riforme sia un cambiamento socioeconomico sostenibile. Il primo caso è dimostrato anche da un aumento del tasso di occupazione di 5,3 punti percentuali negli Stati membri che hanno varato la SEO nel Va osservato che i tassi di occupazione variano notevolmente fra gli Stati membri, andando dal 54,5% della Polonia al 77,4% della Danimarca (vedi grafico 3). 1.2 Il Trattato di Amsterdam: semplificare lʼoccupazione Il Trattato di Amsterdam, pur non pregiudicando il principio di base della competenza unica degli Stati membri in materia di politica dell occupazione, conferiva al Consiglio e alla Commissione un ruolo più forte, nuove mansioni e strumenti più forti, e avvicinava il Parlamento europeo nei processi decisionali. Anche le responsabilità delle parti sociali e le loro possibilità di intervento sono rafforzate attraverso l inserimento del Protocollo sociale nel Trattato. A parte il generale consolidamento dell approccio comunitario all occupazione, gli elementi fondamentali del Trattato di Amsterdam in questo campo sono i seguenti: 1. L impegno a raggiungere un maggiore livello di occupazione è dichiarato essere un obiettivo chiave dell Unione europea. Tale obiettivo è altrettanto importante degli obiettivi macroeconomici di crescita e stabilità. L importanza dell obiettivo occu- 10

12 1. La struttura istituzionale della Strategia Europea per lʼoccupazione pazione è stata ulteriormente rafforzata dal fatto che gli articoli relativi all occupazione sono inclusi nel Trattato come titolo a sé stante (al pari degli articoli monetari ed economici), non come semplice capitolo. 2. Si sottolinea come l occupazione sia un problema comune. Gli Stati membri si impegnano a coordinare le loro politiche per l occupazione a livello comunitario, dato che il modo in cui certe misure di mercato vengono attuate in un dato paese influisce inevitabilmente sui parametri delle politiche occupazionali degli altri Stati membri. 3. Si obbligano gli Stati membri e la Comunità a lavorare allo sviluppo di una strategia coordinata dell occupazione, promuovendo in particolare una forza lavoro esperta, formata e adattabile nonché un mercato del lavoro capace di reagire ai cambiamenti economici. 11

13 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione 4. Si sottolinea l importante elemento della semplificazione della politica dell occupazione. L articolo 127 stipula che occorre tener conto dell impatto sull occupazione di tutte le politiche europee. 5. Si crea la base per una procedura di sorveglianza dei paesi (Articolo 128). Le politiche per l occupazione degli Stati membri sono valutate annualmente nella Relazione comune elaborata dalla Commissione e dal Consiglio. Inoltre, la Commissione propone e il Consiglio adotta ogni anno degli orientamenti in materia di occupazione per gli Stati membri (in modo simile a quanto avviene in materia di politica economica e monetaria) e in base a questi gli Stati membri elaborano i rispettivi Piani nazionali per l occupazione. Infine, la Commissione può proporre e il Consiglio può adottare delle raccomandazioni per gli Stati membri. 12

14 1. La struttura istituzionale della Strategia Europea per lʼoccupazione 6. Si stabiliscono strutture permanenti, basate sul trattato (Articolo 130, la Commissione per l occupazione) che permettono un dibattito visibile, permanente e trasparente sull occupazione e su altri temi di politica strutturale a livello europeo. In questo modo si consente una migliore preparazione delle consultazioni del Consiglio. 7. Si crea la base legale per l analisi, la ricerca, lo scambio delle migliori pratiche e la promozione di misure di incentivazione all occupazione (Articolo 129) nonché altre attività intraprese dalla Commissione a livello comunitario in quest area, precedentemente assenti. 10 ANNI di Strategia Europea per lʼoccupazione 13

15 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione 1.3 Il processo di Lussemburgo: stimolare il partenariato, la cooperazione e lʼapprendimento reciproco Il metodo aperto di coordinamento del processo di Lussemburgo si è rivelato valido ed è stato considerato dal Vertice di Lisbona del 2000 come un modello da adottare anche nel quadro di altre politiche, come l inclusione sociale. Alamy - John Sturrock Un riconosciuto punto di forza del processo di Lussemburgo è la sorveglianza multilaterale. Basato sulle relazioni annuali e su indicatori comparabili, il processo ha evidenziato i risultati migliori a livello Ue. Il monitoraggio e le relazioni annuali hanno portato a scambi di informazioni più intensi e completi fra gli Stati membri e il processo di peer review definito per valutare la trasferibilità delle buone pratiche 3 ha permesso valutazioni più approfondite. Molti Stati membri hanno intensificato i contatti bilaterali e trovato ispirazione nell approccio adottato da altri paesi. La creazione della Commissione per 3 Vedi 14

16 1. La struttura istituzionale della Strategia Europea per lʼoccupazione l occupazione, che riunisce regolarmente i principali responsabili dell elaborazione e dell attuazione delle politiche nazionali per l occupazione, ha favorito questi intensi scambi. La SEO ha riconosciuto il ruolo fondamentale delle parti sociali in moltissimi campi correlati all occupazione. Gli orientamenti iniziali facevano riferimento alle parti sociali in relazione alla loro specifica area di adattabilità; tuttavia l allargamento del loro ruolo e riconoscimento è stato riconosciuto e sancito dopo il Vertice di Lisbona. Il coinvolgimento delle parti sociali nell elaborazione dei PNA a livello nazionale è sempre più ampio. Le parti sociali europee si sono a loro volta impegnate in processi di attuazione di tematiche importanti quali l apprendimento lungo tutto l arco della vita. La SEO ha sostenuto lo sviluppo di una dimensione territoriale delle politiche per l occupazione, come ha dimostrato la nascita di piani di azione territoriali (vedi sezione 3.4). Le autorità locali e regionali, in qualità sia di fornitori di servizi sociali sia di datori di lavoro locali, prendono sempre più parte all attuazione delle politiche per l occupazione, anche grazie al ricorso al Fondo Sociale Europeo, le 15

17 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione cui priorità sono state allineate alla SEO nel 2000 (vedi sezione 3.7). La cooperazione istituzionale a livello Ue è stata intensificata fra i diversi Consigli dei Ministri (in particolare l ECOFIN e i Ministri dell Occupazione/Affari sociali (EPSCO)) e delle relative commissioni 4, nonché fra i servizi della Commissione europea incaricati di elaborare e monitorare vari processi relativi alle politiche per l occupazione (p. e. nei campi dell istruzione/formazione, della politica economica, della fiscalità e dell imprenditorialità). La cooperazione fra la Commissione europea e il Consiglio, in particolare attraverso la Commissione per l Occupazione, ne è uscita rafforzata. Il Parlamento europeo è stato strettamente coinvolto nel processo annuale di revisione contribuendo così allo sviluppo della strategia, mentre altre istituzioni hanno apportato un prezioso contributo. I centri nazionali per l impiego, rappresentati in una rete attiva a livello Ue, si sono fortemente mobilitati intorno alle priorità Ue. 4 La Commissione Occupazione, la Commissione Politica economica e la Commissione per la Protezione sociale 16

18 2. Le pietre miliari della SEO 2. Le pietre miliari della SEO La SEO: a complemento della Strategia di Lisbona, rafforzandone le priorità Il successo del metodo aperto di coordinamento della SEO è stato riconosciuto al Consiglio europeo di Lisbona (marzo 2000) dove è stato concordato un nuovo obiettivo strategico per il prossimo decennio: l Unione europea dovrebbe divenire la più competitiva e dinamica economia del mondo basata sulla conoscenza, capace di creare nuovi e migliori posti di lavoro nel quadro di una crescita economica sostenibile e di una maggiore coesione sociale. Inoltre, l attenzione della SEO è passata dalla riduzione della disoccupazione al recupero delle condizioni necessarie alla creazione della massima occupazione e l obiettivo globale dovrebbe essere l aumento del tasso di occupazione in Europa al 70%, con un incremento fino al 60% delle donne occupate, entro il La SEO in azione Maggiore partecipazione dei mercati del lavoro, diminuzione della disoccupazione L aumento dei tassi di occupazione del riflette principalmente una maggiore partecipazione dei mercati del lavoro (vedi grafico 4 che mostra un aumento di 3,7 punti percentuali per l Ue-15 e di 2,8 punti per l Ue-25). In confronto, la riduzione dei tassi di disoccupazione è stata più modesta; dal 9,8% al 7,4% per l Ue-15 e dal 9,3% al 7,9% per l Ue-25 6 (vedi grafici 2, 3 e 5) e la disoccupazione giovanile rimane tuttora fonte di preoccupazione (vedi sezione 3.3). I miglioramenti strutturali nel funzionamento dei mercati del lavoro trovano riscontro nella riduzione dei tassi di disoccupazione strutturale; maggiore efficienza nel coordinamento fra i disoccupati e i posti vacanti; processi di formazione salariale che prendono maggiormente in considerazione le condizioni economiche prevalenti e i vicoli posti dalla competitività; sviluppo di certi tipi di contratti di lavoro (part-time e lavoro a tempo determinato) che presentano una correlazione positiva con la creazione di occupazione; maggiore spesa, ma più mirata, per le politiche attive del mercato del lavoro (ALMP) strategy/index_en.htm 6 Confronto con gli Stati Uniti, dove il tasso di disoccupazione ha continuato a diminuire ed era al 4,6% nel Fonte Employment in Europe 2005, capitolo 2 17

19 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione Punchstock Il Consiglio europeo di Lisbona ha discusso i progressi compiuti nell attuazione della Strategia, che trattava una serie di altri metodi aperti di coordinamento (istruzione, inclusione sociale, pensioni, ecc.), ogni anno al Consiglio europeo di primavera. I successivi Consigli europei hanno raccomandato nuove o più forti priorità come la qualità dell occupazione (Nizza, dicembre 2000), l invecchiamento attivo e l apprendimento lungo tutto l arco della vita (Barcellona, marzo 2002). Tali priorità sono state integrate negli orientamenti in materia di occupazione unitamente agli obiettivi relativi ai tassi di occupazione. 18

20 2. Le pietre miliari della SEO 2.2 Jobs, jobs, jobs : la task force europea per lʼoccupazione Nel 2003, sono stati valutati i primi cinque anni della SEO. Sono stati osservati considerevoli progressi in materia di creazione di posti di lavoro, diminuzione della disoccupazione di lunga durata, riduzione degli aggravi fiscali sui bassi salari, diffusione di politiche per l apprendimento lungo tutto l arco della vita e per le pari opportunità per uomini e donne. Tuttavia è risultato chiaro che la Strategia avrebbe dovuto incentrarsi maggiormente sulle priorità e su una migliore governance. Gli orientamenti in materia di occupazione per il 2003 si sono pertanto articolati sulle tre priorità fontamentali della massima occupazione, della qualità nel lavoro e dell inclusione sociale, e su diversi obiettivi riquantificati (in particolare in materia di apprendimento lungo tutto l arco della vita). Quello stesso anno, una task force capeggiata da Wim Kok, ex Primo Ministro dei Paesi Bassi, è stata incaricata di realizzare un esame indipendente e approfondito delle principali sfide in materia di politiche per l occupazione. La task force avrebbe dovuto identificare le misure pratiche che avessero l incidenza più diretta e immediata sulla capacità degli Stati membri di attuare la revisione della Strategia europea per l occupazione raggiungendo gli obiettivi da essa prefissati. 19

21 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione 10 ANNI La relazione della task force sottolineava inoltre la vasta esperienza di riforme occupazionali in tutta l Ue e il potenziale di apprendimendi Strategia Europea per lʼoccupazione La relazione della task force ( Jobs, Jobs, Jobs Creating more employment in Europe ) presentava le principali sfide e priorità per stimolare l occupazione in Europa: maggiore adattabilità di lavoratori e imprese; rendere l occupazione un opzione aperta a tutti attraverso il rafforzamento delle politiche del mercato del lavoro e attenzione specifica a gruppi più vulnerabili: donne, lavoratori anziani e minoranze etniche; investire nel capitale umano, in particolare nell apprendimento lungo tutto l arco della vita, e una migliore governance dei servizi per l impiego attraverso una mobilitazione di tutti gli attori della società. La task force ha inoltre richiesto una migliore gestione della migrazione della mano d opera in vista della diminuzione della popolazione in età lavorativa e della necessità di una migliore integrazione sul mercato del lavoro dei cittadini extracomunitari. I risultati di questa relazione hanno ispirato le raccomandazioni in materia di occupazione agli Stati membri per il 2004 (inclusi i 10 nuovi Stati membri) nonché gli orientamenti in materia di occupazione per il

22 2. Le pietre miliari della SEO to reciproco fra gli Stati membri. Dal 2004 in poi la Commissione europea ha pertanto integrato le attività di peer review e scambio di buone pratiche in un programma di reciproco apprendimento 8 nel quadro dello strumento finanziario previsto dall Articolo 129 (l attuale programma PROGRESS 9 ). 2.3 Adattare la SEO allʼallargamento dellʼue Fin dagli ultimi anni 90, uno degli obiettivi della Commissione è stato di fare in modo che i paesi candidati definissero politiche per l occupazione atte a prepararli all ingresso nell Ue. L idea era che questi paesi sintonizzassero progressivamente le istituzioni e le politiche con la Strategia europea per l occupazione, permettendo così la piena attuazione del Titolo Occupazione del Trattato fin dalla loro adesione. Nell allargamento, prima a 25 nel 2004, e poi a 27 nel 2007, una vasta ed elaborata preparazione per la piena partecipazione alla SEO attraverso Piani comuni di azione ha aiutato ad assicurare un integrazione senza difficoltà dei nuovi Stati membri index_en.htm 21

23 10 anni di Strategia Europea per lʼoccupazione La SEO in azione Aumenta il tasso di occupazione, in particolare per le donne e i lavoratori più anziani Benché i due sessi e tutti i gruppi di età abbiano preso parte alla crescita dell occupazione nell Ue-25 degli ultimi dieci anni, la crescita più sostenuta si registra nel tasso di occupazione delle donne (6,2 punti percentuali) e dei lavoratori più anziani (7,9 punti percentuali). In termini di aumento netto dell occupazione, alle donne va attribuito il 62%, mentre per quanto riguarda i gruppi di età, i lavoratori più anziani (55-64 anni) sono circa un quarto (vedi grafici 7 e 8). Gettyimages - Hans Heleman 2.4 La globalizzazione e unʼeuropa che invecchia: revisione della Strategia di Lisbona All inizio del 2005 l Ue affrontava (e in parte affronta tuttora) serie difficoltà strutturali. L invecchiamento della popolazione e un declino della performance economica hanno esercitato una forte pressione sul modello sociale europeo. È stato in questo contesto che la Commissione europea ha proposto una revisione della Strategia di Lisbona, concentrandosi su una crescita solida e sostenibile, nonché sulla creazione di nuovi e migliori posti di lavoro. Ciò prevedeva una completa revisione e integrazione degli assi di riforma (e dei metodi aperti di coordinamento) delle politiche relative alla macroeconomia e alla microeconomia, allo scopo di razionalizzare le sinergie a livello nazionale e le azioni comunitarie, migliorandone l efficienza. Questo processo ha portato all approvazione da parte del Consiglio europeo degli Orientamenti integrati per la crescita e l occupazione ( ). Gli otto orientamenti per l occupazione sono ora inclusi nel pacchetto di 24 orientamenti della Strategia di Lisbona, unitamente agli orientamenti macroeconomici e microeconomici (in precedenza gli orientamenti di massima per le politiche economiche) per un periodo di tre anni. 22

24 3. Caratteristiche della SEO 3. Caratteristiche della SEO 3.1 La dimensione sociale In un mondo in evoluzione, l aumento dei tassi di occupazione è indispensabile per la sostenibilità della prosperità europea e per preservare e migliorare i nostri modelli sociali. Mantenere tali valori richiede un adattamento costante nel nuovo ambiente generato dalla sempre più aspra concorrenza internazionale, dalla situazione demografica e dal passaggio a un nuovo paradigma basato sulla conoscenza. Non è necessario dover scegliere fra dimensione economica e dimensione sociale, né fra efficienza ed equità, né fra produttività e occupazione. Lo scopo della SEO è fare in modo che tutte queste tematiche comuni siano affrontate simultaneamente in un pacchetto politico coerente e inclusivo. L occupazione svolge un ruolo essenziale, tanto economico quanto sociale, nella Strategia perché solo portando più persone nel mondo del lavoro potremo garantire alle nostre società la possibilità di far fronte al cambiamento demografico. In effetti, abbiamo bisogno che siano attive più persone, di ogni età, per finanziare la spesa sociale in un contesto di invecchiamento della popolazione. In più, le ingiustizie sociali sotto forma di esclusione sociale 23

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO

PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.2014 COM(2014) 906 final PROGETTO DI RELAZIONE COMUNE SULL'OCCUPAZIONE DELLA COMMISSIONE E DEL CONSIGLIO che accompagna la comunicazione della Commissione sull'analisi

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento

DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE. Un quadro di qualità per i tirocini. che accompagna il documento COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 18.4.2012 SWD(2012) 99 final DOCUMENTO DI LAVORO DEI SERVIZI DELLA COMMISSIONE Un quadro di qualità per i tirocini che accompagna il documento Comunicazione della Commissione

Dettagli

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea

Aggiornamento 2010. Assumere in Europa. una guida per i datori di lavoro. eures.europa.eu. Commissione europea Aggiornamento 2010 Assumere in Europa una guida per i datori di lavoro eures.europa.eu Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Guida per la formazione nelle PMI

Guida per la formazione nelle PMI Guida per la formazione nelle PMI Commissione europea Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea (UE) per l occupazione e la solidarietà sociale, Progress (2007-2013). Si tratta

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 130 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Bilancio

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO

PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 07.04.1998 COM (98) 222 PROMUOVERE LO SPIRITO IMPRENDITORIALE IN EUROPA: PRIORITÀ PER IL FUTURO COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO I. LO SPIRITO IMPRENDITORIALE:

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 31.3.2015 COM(2015) 145 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO E AL CONSIGLIO Relazione sull'applicazione del regolamento (UE) n. 211/2011 riguardante l'iniziativa

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA

PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA PACCHETTO DI SOSTEGNO ALL UCRAINA Il presente documento contiene le principali misure concrete a breve-medio termine proposte dalla Commissione per contribuire a stabilizzare

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione

Superare la crisi. Un patto globale per l occupazione Superare la crisi Un patto globale per l occupazione adottato dalla Conferenza Internazionale del Lavoro alla sua novantottesima sessione Ginevra, 19 giugno 2009 ISBN 978-92-2-820672-2 (web pdf) Prima

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni. Finanziato dalla

Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni. Finanziato dalla Il contributo dell UE all invecchiamento attivo e alla solidarietà tra le generazioni Finanziato dalla Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA

LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA la mobilità nella formazione dei docenti in europa LA MOBILITÀ NELLA FORMAZIONE DEI DOCENTI IN EUROPA MIUR Direzione Generale per gli Affari Internazionali Eurydice Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Il mercato del lavoro danese

Il mercato del lavoro danese 1 AMBASCIATA D ITALIA COPENAGHEN Il mercato del lavoro danese Il modello della Flexicurity Composto dalle parole inglesi flexibility e security, il termine coniuga il concetto della facilità con cui le

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori

Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Febbraio 2011 Assistenza agli anziani in Europa - Sfide per i lavoratori Sintesi e Raccomandazioni Per il testo integrale del rapporto si rimanda a: www.epsu.org/a/7431 A cura di Jane Lethbridge, PSIRU

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA

SFRUTTARE AL MEGLIO LA FLESSIBILITÀ CONSENTITA DALLE NORME VIGENTI DEL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA COMMISSIONE EUROPEA Strasburgo, 13.1.2015 COM(2015) 12 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO, AL

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO PERMANENTE

REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO PERMANENTE COMMISSIONE EUROPEA Direzione generale dell Istruzione e della cultura Direzione generale per l Occupazione e gli affari sociali Comunicazione della Commissione REALIZZARE UNO SPAZIO EUROPEO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

Comitato economico e sociale europeo

Comitato economico e sociale europeo Scopri cosa il CESE può fare per te Comitato economico e sociale europeo Cover Architecture: Art & Build + Atelier d architecture Paul Noël Conoscere il Comitato economico e sociale europeo Cos'è la società

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO

(Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO 26.4.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 120/1 I (Risoluzioni, raccomandazioni e pareri) RACCOMANDAZIONI CONSIGLIO RACCOMANDAZIONE DEL CONSIGLIO del 22 aprile 2013 sull'istituzione di una garanzia

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano

OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012. Uno sguardo sull'istruzione 2012. Summary in Italian. Sintesi in italiano OECD Multilingual Summaries Education at a Glance 2012 Summary in Italian Read the full book on: 10.1787/eag-2012-en Uno sguardo sull'istruzione 2012 Sintesi in italiano Lo studio intitolato Uno sguardo

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione)

COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE. (Presentato dalla Commissione) COMMISSIONE DELLE COMUNITA' EUROPEE Bruxelles, 21.5.2003 COM(2003) 270 definitivo LIBRO VERDE SUI SERVIZI DI INTERESSE GENERALE (Presentato dalla Commissione) INDICE Introduzione... 3 1. Contesto... 6

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE

IL CONSIGLIO DELL'UNIONE EUROPEA E I RAPPRESENTANTI DEI GOVERNI DEGLI STATI MEMBRI, I. INTRODUZIONE C 183/12 IT Gazzetta ufficiale dell'unione europea 14.6.2014 Risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio, del 21 maggio 2014, sul piano di

Dettagli

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE

1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE 1 I PRIMI PASSI DELLA COMUNITÀ E LA SUA EVOLUZIONE Per secoli l Europa è stata teatro di conflitti, tensioni e divisioni, ma dopo gli orrori della seconda Guerra Mondiale il continente ha visto risorgere

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE

Nuove regole per i comitati aziendali europei. Presentazione della direttiva 2009/38/CE Nuove regole per i comitati aziendali europei Presentazione della direttiva 2009/38/CE A cosa servono i Comitati aziendali europei? I Comitati aziendali europei (CAE) sono enti che rappresentano i lavoratori

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli