REGOLAMENTO DI BLOCCO OPERATORIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DI BLOCCO OPERATORIO"

Transcript

1 Pag.: 1 REGOLAMENTO DI BLOCCO OPERATORIO Rev. Data Autorizzazioni Redatto Verificato Approvato Personale della Responsabile 1 25/06/2010 Direzione U.O. Direzione RAQ Sanitaria di Sanitaria Presidio

2 INDICE Pag.: 2 REGOLAMENTO DEL BLOCCO OPERATORIO....4 CAP.1 ACCESSI AL BLOCCO OPERATORIO...5 CAP.2 PREPARAZIONE DELL'EQUIPE CHIRURGICA...7 CAP.3 DOCUMENTAZIONE CHE ACCOMPAGNA IL PAZIENTE...8 CAP. 4 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI...10 CAP.5 PREPARAZIONE DEI PAZIENTI ALL'INTERVENTO CHIRURGICO D'URGENZA...11 CAP.6 PULIZIA, SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DEL BLOCCO OPERATORIO...12 CLASSIFICAZIONE DELLE ZONE...14 Zona Sporca...15 Zona Filtro...16 Zona Pulita...17 Zona a bassa carica batterica...18 PULIZIE PERIODICHE...20 PRODOTTI E LORO DILUIZIONE...22 CAP.7 RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO INFETTIVO PROVENIENTI DA ATTIVITA' CHIRURGICHE

3 CAP.8 Azienda USL 3 Pag.: 3 LA NOTA OPERATORIA...24 CAP.9 IMPIANTO DI VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO A CONTAMINAZIONE CONTROLLATA...25 ALLEGATO A...26 ALLEGATO B

4 Pag.: 4 Regolamento del Blocco. A fronte delle notevoli complessità strutturali ed organizzative di un Blocco operatorio quale quello dell ospedale di Pistoia è indubbio che non si può prescindere da un regolamento specifico, peraltro suscettibile a revisioni periodiche. Pertanto la U.O. Direzione Sanitaria di P.O., che ha come compito di istituto la vigilanza ed il controllo igienico ambientale, ha provveduto a regolamentare attraverso protocolli definiti il corretto utilizzo del Blocco in tutti i suoi aspetti al fine di: 1. ridurre le infezioni ospedaliere con conseguente diminuzione della degenza media e quindi dei costi di ospedalizzazione; 2. ridurre il rischio da gas anestetici per gli operatori; 3. smaltire correttamente i rifiuti provenienti dalle attività chirurgiche; 4. ottimizzare le condizioni igieniche ambientali. Di conseguenza sono stati presi in considerazione: Accesso al Blocco Preparazione dell equipe chirurgica Documentazione che accompagna il paziente Gestione delle apparecchiature elettromedicali Preparazione dei pazienti all intervento chirurgico Procedure di pulizia, sanificazione e disinfezione ambientale in zone ad alto rischio infettivo Rifiuti Nota operatoria Impianto di ventilazione e condizionamento a contaminazione controllata Sterilizzazione in emergenza.(allegato A) Sterilizzazione dello strumentario endoscopico.(allegato B) La stesura dei protocolli predetti è scaturita da vari incontri preliminari tra il personale della U.O. Direzione Sanitaria di Presidio e gli operatori del Blocco, al fine di ottenere affidabilità, attenta programmazione dell attività ed alta organizzazione delle operazioni di ricondizionamento igienico dei locali. 4

5 Pag.: 5 CAP.1 ACCESSI AL BLOCCO OPERATORIO 1 Nel Blocco si accede con la divisa regolamentare; non è consentito l accesso alla zona filtro in abiti borghesi. Non è consentito inoltre introdurre in Sala Operatoria accessori personali, quali computer portatili, telefoni cellulari, valigette, ecc Per accedere alle zone pulite deve essere sempre utilizzata la zona filtro 2 3 Nella zona pulita del Blocco si accede in divisa verde (indossando anche cuffia, mascherina, zoccoli arancioni) 4 Nella zona a bassa carica batterica in particolare nel deposito sterile del Blocco tutti gli operatori, oltre la divisa verde, devono indossare camice sterile e copri-scarpe. Nelle Sale operatorie deve accedere soltanto il personale strettamente necessario all intervento. 5 6 Di norma il paziente operando deve accedere al Blocco solo in regime di ricovero e preventivamente preparato in maniera adeguato nella U.O. di degenza ( vedi protocollo specifico dell U.O. di degenza ) 7 Le persone esterne che intendono visitare il Blocco o assistere ad interventi operatori devono essere in possesso dell autorizzazione del Responsabile dell U.O. Chirurgica interessata, della caposala del B.O. e del Responsabile attività sale operatorie; inoltre devono seguire le norme comportamentali dettate dal regolamento del B.O. 5

6 Pag.: 6 Le porte della zona filtro devono essere sempre chiuse 8 Il passamalati deve rimanere sempre chiuso tra un paziente e l altro 9 10 Le porte di accesso alle sale chirurgiche devono restare sempre chiuse, eccetto il tempo strettamente necessario al passaggio delle attrezzature, del personale e del paziente. 6

7 Pag.: 7 CAP.2 PREPARAZIONE DELL EQUIPE CHIRURGICA. 1 Chiunque entri in sala operatoria deve indossare un copricapo ed una maschera in TNT(tessuto non tessuto) che coprano rispettivamente capelli, bocca, naso, ed eventualmente la barba. Tutto il personale di sala deve inoltre lavarsi le mani prima di accedere nelle sale chirurgiche. La maschera ed il copricapo devono essere sostituiti dopo ogni intervento chirurgico. 2 Chiunque entri in sala operatoria deve indossare zoccoli di colore arancione puliti, e riporli negli appositi contenitori prima di uscire dal B.O. 3 L equipe chirurgica, medici, strumentisti e infermieri, devono lavarsi mani ed avambracci fino al gomito con un antisettico prima di ciascun intervento e tale lavaggio deve prolungarsi per almeno 5 minuti prima del primo intervento della giornata; tra interventi consecutivi è accettabile che la detersione avvenga per 2-3 minuti. 4 I chirurghi e l infermiere strumentista devono indossare camici sterili e guanti sterili. Se un guanto si fora durante l intervento deve essere subito sostituito; inoltre i guanti e il camice devono essere cambiati in caso di contaminazione. Se l intervento si protrae per più di 2 ore, i guanti devono essere sostituiti 5 Negli interventi ortopedici con esposizione dell osso e negli impianti di protesi devono essere indossati DUE PAIA DI GUANTI. 7

8 Pag.: 8 CAP.3 DOCUMENTAZIONE CHE ACCOMPAGNA IL PAZIENTE. La documentazione che accompagna il paziente dopo l intervento è parte integrante della cartella clinica ed è la seguente: copia registro operatorio scheda anestesiologica scheda infermieristica di osservazione nel post-operatorio 1 Registro Il registro operatorio deve essere compilato e firmato in tutte le sue parti dai professionisti, medici e infermieri, ciascuno per la propria competenza e sotto la responsabilità degli stessi. Riferimenti normativi: Ministero della Sanità Circolare 61 del 19/12/1986 DPCM 27/06/1986 L. 675/96 Documento su cui si annotano il numero e le modalità esecutive degli interventi chirurgici. Si tratta di un atto pubblico che presenta gli stessi requisiti di veridicità, completezza, contestualità e chiarezza della cartella clinica. La sua tenuta è obbligatoria. 1 Informazioni contenute nel Registro 1. dati anagrafici del paziente; 2. diagnosi d ingresso del paziente; 3. tipo di intervento ( in elezione o in urgenza); 4. data e ora di inizio e fine dell atto operatorio; 5. il nome del primo operatore e di quanti partecipano all intervento (equipe); 6. il tipo di anestesia utilizzata ed il nome dei sanitari che la effettuano; 7. i nomi del personale di Sala; 8. identificazione dell eventuale materiale protesico utilizzato (trasposizione dell etichetta); 1 1 per i punti 6,7,8 occorre lasciare lo spazio per le firme leggibili degli operatori 8

9 Pag.: 9 9. trasposizione dell etichetta adesiva del container, comprovante l avvenuta sterilizzazione 10. lettera identificativa della sala; 11. descrizione puntuale delle varie fasi dell intervento con indicazione della tecnica di procedura chirurgica attuata; 12. precisazione conta garze. Note La registrazione deve avvenire sempre con la penna di colore nero rispettando il numero progressivo; In caso di errori durante la stesura è possibile coprire con un tratto di penna (o meglio ancora incasellare) la parola errata, che deve rimanere comunque leggibile, ed è necessario controfirmare la correzione. In caso di errore riferire sempre al caposala. Ogni operatore risponderà del mancato rispetto di quanto scritto. La compilazione spetta allo specialista chirurgo, per i punti , all infermiere la parte restante; Una delle due copie del registro operatorio deve essere contenuta nella cartella clinica, previa firma in originale dell infermiere di sala e del medico chirurgo operatore. Il Direttore dell U.O. cui afferisce il personale chirurgico che ha materialmente eseguito l intervento, in analogia a quanto avviene per la cartella clinica, è direttamente responsabile della corretta compilazione, tenuta e conservazione del registro operatorio. Conservazione Durante il periodo d utilizzo può essere conservato in Sala Operatoria. La conservazione deve essere tale da tutelare la riservatezza dei dati sensibili ivi contenuti. Una volta chiuso, il registro operatorio è inviato all archivio centrale delle cartelle cliniche dove deve essere conservato illimitatamente. 2 Scheda anestesiologica La scheda anestesiologica deve essere compilata e firmata in tutte le sue parti dagli anestesisti interessati. 9

10 Pag.: 10 CAP. 4 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI Per la gestione delle apparecchiature elettromedicali è necessario che anche all interno del Blocco ( come all interno dell Unità Operativa): 1) sia individuato il responsabile del bene o apparecchiatura 2) il personale medico e non medico sia costantemente aggiornato sull uso delle apparecchiature in uso 3) esistano procedure alternative codificate da applicare in caso di guasto ad un apparecchio 4) la struttura sia in possesso della parte di inventario relativa alle apparecchiature in dotazione 5) ogni apparecchio sia corredato dal manuale d uso e dal manuale tecnico 6) ogni singolo operatore conosca il proprio ruolo nei confronti della manutenzione preventiva e correttiva ( dalla richiesta di intervento alla controfirma sul foglio di lavoro) 7) l esito delle verifiche di sicurezza sia noto in forma strutturata al personale del blocco operatorio assieme alle operazioni di adeguamento effettuate, per le valutazioni di competenza (tra le quali la redazione del piano di rinnovo) 8) risulti chiaramente attribuita la responsabilità per l uso sicuro, appropriato ed economico delle apparecchiature biomediche sia sotto il profilo funzionale che tecnologico 9) il personale sia informato sui rischi ( ai sensi del D.Lgs. 626/94) derivanti dall uso delle apparecchiature. Le apparecchiature presenti nel B.O. sono affidate alla caposala del Blocco stesso, che è tenuta ad accertarsi che le apparecchiature siano sempre efficienti ed in sicurezza. E responsabilità del personale da lei delegato mantenerle pulite, nonché provvedere a tutte le Operazioni indicate nel manuale rilasciato dal costruttore, manuale che deve essere conservato all interno del Blocco. 10

11 Pag.: 11 CAP.5 PREPARAZIONE DEI PAZIENTI ALL INTERVENTO CHIRURGICO D URGENZA L infermiere di sala deve: 1) Assicurarsi che il paziente sia stato correttamente identificato. 2) Assicurarsi che il modulo di consenso all intervento sia compilato, firmato e datato dal paziente, quando è in grado di farlo, o dai familiari (se presenti). 3) Garantire al paziente nella fase preoperatoria un intervento educativo che spieghi gli eventi che si verificheranno prima, durante e dopo l intervento, con lo scopo di prevenire il rischio di risposte non adeguate del paziente all intervento chirurgico nel post-operatorio. Procedure specifiche: 1) La preparazione del paziente viene eseguita in Pre-Sala. 2) La tricotomia viene eseguita preferibilmente con rasoio elettrico a testina monouso. 3) Aiutare il paziente ad indossare camice, cuffia e calzari. 4) Assicurarsi che protesi dentarie e lenti a contatto siano state rimosse; la protesi dentaria deve essere collocata in un contenitore apposito per evitare lo smarrimento della medesima. 5) Togliere al paziente gioielli, cosmetici, smalto per unghie; gli effetti di valore vanno depositati sotto tutela del personale di sala. 6) Somministrare, se indicato, pre-anestesia. 7) Posizionare catetere vescicale a circuito chiuso, ove sia richiesto. 8) Posizionare sondino naso gastrico, ove sia richiesto. 9) Eseguire profilassi antibiotica secondo protocollo specifico. N.B. : negli interventi in elezione il posizionamento del catetere vescicale, del sondino naso gastrico e la profilassi antibiotica sono eseguiti in reparto. 11

12 Pag.: 12 CAP.6 PULIZIA, SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DEL BLOCCO OPERATORIO Premessa: L adozione sistematica e la corretta esecuzione delle metodiche di pulizia consente di ridurre sensibilmente la carica microbica ambientale. DEFINIZIONI: Pulizia: è la rimozione meccanica dello sporco dalle superfici e dagli oggetti; è eseguita di norma con l impiego di acqua con o senza detergenti. Sanificazione: impiego di detergenti al fine di ridurre il numero dei contaminanti batterici e mantenere livelli di sicurezza prefissati. Disinfezione: è quella pratica di profilassi diretta che mira alla distruzione dei microrganismi patogeni. I disinfettanti (germicidi, parassiticidi) sono medicamenti in grado di determinare la morte dei microrganismi con i quali vengono a contatto in idonee concentrazioni. Ogni paziente deve essere considerato potenzialmente infetto, pertanto le procedure che vengono di seguito descritte devono essere applicate in tutti i casi e sono sufficienti anche in caso di infettività accertata PROCEDURA IN CASO DI SPARGIMENTO DI SOSTANZE ORGANICHE Indossare camice e guanti monouso Ricoprire con carta il materiale organico Irrorare con Fenplus, attendere alcuni minuti Rimuovere il tutto e procedere alle normali operazioni di pulizia 12

13 Pag.: 13 DISPOSIZIONI PARTICOLARI La sala per l emergenza urgenza deve essere sempre disponibile, pulita e sanificata I letti di degenza, prima di entrare in sala operatoria, devono essere disinfettati completamente, nella zona sporca avvalendosi dell apposito panno blu. Solo in caso di emergenza l accesso alla sala è diretto. Tutte le mattine prima di utilizzare la lavazzoccoli pulire i filtri e fargli fare l autolavaggio. Gli zoccoli usati devono essere raccolti durante tutto l arco della giornata. 13

14 Pag.: 14 CLASSIFICAZIONE DELLE ZONE Il Blocco è classificato tra le zone ad alto rischio infettivo. Nel programmare le pulizie è indispensabile considerare le aree che, con funzioni diverse, compongono il Blocco. Tali aree, sono state definite in base alla loro funzione e alla loro ubicazione. 1. Zona sporca ingresso compreso l accesso al passamalati, servizi igienici, corridoio di servizio, aree di servizio, montacarichi biancheria sporca, zona lavaggio zoccoli, zona lavapadelle, lavatrice, asciugatrice 2. Zona filtro corridoio, spogliatoio, servizi igienici 3. Zona pulita sala anestesia e/o risveglio, corridoio interno zona pulita, soggiorni, zona lavaggio mani, deposito materiale, zona radiologia, zona sterilizzatrici (Steris, autoclave) 4. Zona a bassa carica batterica sale operatorie, deposito sterile, corridoio di transito del materiale sterile, montacarichi materiale sterile 14

15 Pag.: Zona Sporca Vuotare i cestini ed allontanare correttamente i rifiuti prodotti Pulire con panno e soluzione detergente /disinfettante tutte le superfici verticali, orizzontali e tutti gli arredi presenti Pulire il lavabo, con la soluzione detergente/disinfettante, ripetere di nuovo con panno imbevuto di soluzione e ben strizzato Pulire le piastrelle con panno bagnato di detergente/disinfettante e ripetere di nuovo l intervento con un panno ben strizzato Rimuovere le polvere dal pavimento con metodo ad umido utilizzando la scopa trapezio e le relative minigarze monouso Lavare il pavimento o con le macchine, o con lo spazzolone serbatoio e i panni spugna per pavimento (da cambiare ogni metro quadrato) utilizzare la soluzione detergente/disinfettante. Servizi igienici Azionare lo sciacquone Rimuovere eventuali residui con lo spazzolino Immettere una spruzzata di disinfettante (Fenplus 1%) nella tazza del W.C. Immergere lo spazzolino e distribuire la soluzione su tutta la superficie interna, con particolare attenzione al bordo interno Lasciare lo spazzolino immerso nella soluzione Procedere alla pulizia e sanificazione dello specchio, del lavandino del W.C. esterno e delle pareti circostanti Azionare di nuovo lo sciacquone e sanificare il portaspazzolino Cambiare il panno e procedere alla pulizia del coperchio della seggetta, della tazza esterno e del sifone Procedere con scopatura ad umido Lavare il pavimento con spazzolone serbatoio e panni spugna per pavimento cambiando il panno ogni metro quadrato 15

16 Pag.: Zona Filtro Vuotare i cestini, spolverare con panni imbevuti di disinfettante i modulari a muro che contengono biancheria e zoccoli puliti, il sopra degli armadietti, le panche e gli attaccapanni Pulire, detergere e disinfettare tutte le superfici, lavandini e water della zona doccia Passare le piastrelle con il panno imbibito di soluzione detergente/disinfettante Rimuovere la polvere dal pavimento con metodo ad umido e lavare il pavimento con spazzolone serbatoio o macchina All inizio della mattinata controllare le zone filtro (se sono approvvigionate di sufficiente biancheria verde e zoccoli), controllare inoltre il relativo materiale monouso come cuffie, cappellini, mascherine e calzari 16

17 3. Zona Pulita Pag.: 17 Zona lavaggio La zona lavaggio mani deve essere pulita e sanificata tra un intervento e l altro Pulire lavandini e piastrelle con panno bagnato di detergente disinfettante e ripetere di nuovo l intervento con un panno ben strizzato Rimuovere la polvere dal pavimento con metodo ad umido e procedere al lavaggio come per la sala operatoria Lavare il pavimento: procedere come per la sala operatoria Tra un intervento e l altro è necessario asciugare il pavimento e cambiare il tappetino antiscivolo al bisogno Zona d induzione e risveglio Vuotare i cestini ed allontanare correttamente i contenitori che contengono aghi e vetro (vedi protocollo per la gestione dei rifiuti) Pulire e disinfettare i piani di lavoro con panni spugna imbibiti di disinfettante detergente Rimuovere ad umido la polvere dal pavimento, usando il lamello e le apposite garze monouso Lavare il pavimento usando la monospazzola, (in caso di guasto delle macchine usare lo spazzolone-serbatoio con relativo panno applicatore e cambiare il panno ogni metro quadro). Corridoio interno zona pulita Rimuovere la polvere e quant altro dal pavimento usando il lamello con relative mini garze per scopatura ad umido Pulire e disinfettare i vari piani presenti compreso gli armadi ad altezza-uomo Lavare il pavimento utilizzando la lavasciuga e/o lo spazzolone serbatoio con l apposita soluzione ed i relativi panni applicatori, cambiare i panni ogni metro quadro Pulire e sanificare il piano del passamalati e relativa paratia. 17

18 Pag.: Zona a bassa carica batterica Sala Operatoria Prima di iniziare la seduta operatoria devono essere disinfettati i piani orizzontali con pannetto blu e disinfettante. Al termine di ogni seduta occorre allontanare, tutta la biancheria verde utilizzata, e i rifiuti speciali correttamente confezionati vedi protocollo specifico. Al termine della seduta: liberare la Sala Operatoria da tutte le attrezzature mobilizzabili portandole all esterno, dove saranno pulite, asciugate e disinfettate. Procedere con la scopatura ad umido sui pavimenti con la scopa-lamello e le mini garze monouso; raccogliere lo sporco eventualmente accumulato con paletta e scopa (di materiale lavabile e sanificabile). Pulire le pareti con il sistema vertica. Per il lavaggio a fondo del pavimento utilizzare la monospazzola o la lavasciuga; nel caso in cui non sia possibile utilizzare i suddetti macchinari, pulire con spazzolone-serbatoio utilizzando la soluzione apposita ed i panni, avendo cura di cambiare quest ultimi ogni metro quadro; lasciare asciugare ed infine spolverare ad umido le scialitiche e le colonne pensili in tutte le loro parti. Rimettere a posto tutto quello che è stato mobilizzato all esterno, prestando attenzione al codice colore che contraddistingue ogni sala operatoria. Tutto il materiale che entra nella sala operatoria deve essere accuratamente pulito e disinfettato. Deposito sterile e montacarichi Pulire quotidianamente il piano terra con le procedure di scopatura e spolveratura ad umido, lavare il pavimento con lavasciuga e/o spazzolone serbatoio; al piano superiore spolverare gli scaffali con panno e soluzione detergente disinfettante, procedere poi alla scopatura ad umido e a lavare il pavimento con lo spazzolone serbatoio cambiando i panni ogni metro quadrato Tra un intervento e l altro Raccogliere e smaltire tutto il materiale sporco (garze, guanti, camici, biancheria bagnata ed altro) secondo le modalità corrette. Pulire e sanificare le apparecchiature e i piani di lavoro. Sanificare e disinfettare il letto operatorio. 18

19 Pag.: 19 Raccogliere dal pavimento eventuali residui di garze, fili di sutura, ecc., pulire i punti sporchi con lo spazzolone serbatoio e i panni per pavimento. Se necessario, su indicazione della ferrista, pulire e sanificare le pareti. Tra un paziente e l altro detergere e disinfettare il piano passamalati. I ferri chirurgici utilizzati devono essere decontaminati come da protocollo specifico, utilizzando il container di ritorno. Gli apparecchi radiologici devono essere puliti e sanificati dal personale tecnico di radiologia, essendo egli stesso responsabile di questa strumentazione, coadiuvato, in questa mansione, dal personale ausiliario del blocco operatorio; questa operazione deve essere eseguita prima e dopo ogni utilizzo. Gli infermieri di turno controllano l esecuzione delle pulizie ambientali; provvedono alla decontaminazione dello strumentario ( vedi protocollo specifico), alla disinfezione del materiale utilizzato e degli apparecchi (colonne endoscopiche, attrezzature, colonne anestesia, ecc.). 19

20 PULIZIE PERIODICHE Pag.: 20 Urgenze In caso d urgenza effettuata nelle ore notturne o nei giorni festivi la sala sarà sanificata dall ausiliario reperibile. Pulizia settimanale Devono essere puliti a fondo una volta la settimana tutti i locali all interno del Blocco (zona filtro, bagni, corridoio pulito, soggiorno, stanza d induzione e risveglio, sale operatorie, zona lavaggio, corridoio sterile, deposito sterile, corridoio di accesso ai filtri, montacarichi, deposito dei materiali di pulizia) Nei suddetti locali deve essere eseguito il lavaggio di pareti e superfici con gli appositi strumenti. Le porte vanno pulite, deterse e disinfettate con panno e soluzione detergente disinfettante. Lavare e disinfettare a fondo i carrelli in acciaio per i rifiuti. Lavare e disinfettare a fondo le barelle. Fare le pulizie nei bagni con anticalcare Pulizia quindicinale Le pulizie quindicinali devono integrare quelle settimanali e prevedere un più accurato controllo dei locali, con particolare riguardo agli armadi, da sistemare e pulire internamente a cura del personale infermieristico e con la collaborazione del personale ausiliario e Ota. Inoltre occorre pulire e riordinare il magazzino generale nella sua completezza (la zona alta, le scale e la zona bassa). Pulizia mensile Nelle pulizie mensili è necessario provvedere alla pulizia dei lucernari. Per questo occorre munirsi di apposita scala a norma; rimuovere la polvere con monouso imbibiti di disinfettante e pannetti lasciare asciugare spontaneamente. 20

21 Pag.: 21 Attrezzature e prodotti in dotazione lavatrice e asciugatrice per panno pavimento e pannetti lavazzoccoli lavasciuga monospazzola aspiraliquidi vertiche o carrelli per le pulizie composti da: o n 1 lamello per la scopatura ad umido o n 1 spazzolone serbatoio o panni spugna per pavimento o mini garze monouso per scopatura ad umido (devono essere conservate sempre nel contenitore di origine e chiuse in modo che non si asciughino) o panni colorati con relativi secchielli o 2 flaconi dosatori per detergente/disinfettante e anticalcare o 1 tanica graduata o 1 secchio per panni usati 21

22 Pag.: 22 PRODOTTI E LORO DILUIZIONE Fenplus detergente disinfettante soluzione utilizzata allo 0.4% con il flacone dosatore. Immettere 2 pompate di prodotto nella tanica con 10 litri di acqua. Calcacid soluzione al 5% con il proprio contenitore. Introdurre 100 g. di prodotto in 2 litri di acqua, se occorre può essere utilizzato anche puro. Detergente per lavatrice attenersi alle indicazione della casa produttrice. Detergente per lavazzoccoli attenersi alle indicazioni della casa produttrice Precauzioni di utilizzo di prodotti e attrezzature: Attenersi scrupolosamente alle concentrazioni dei prodotti in uso e soprattutto non cambiare mai il prodotto per quel dato servizio Non miscelare mai i prodotti Attenersi alle indicazioni della casa produttrice Non usare acqua calda per la diluizione dei disinfettanti Conservare i prodotti lontano da fonti di calore Conservare le mini garze chiuse nel contenitore d origine in modo che non si asciughino Al termine delle pulizie tutte le attrezzature usate devono essere lavate e disinfettattate Il materiale per le pulizie deve essere riposto sempre pulito e asciutto 22

23 Pag.: 23 CAP.7 RIFIUTI SPECIALI A RISCHIO INFETTIVO PROVENIENTI DA ATTIVITÀ CHIRURGICHE Gestione dei Rifiuti- vedi protocollo specifico La raccolta differenziata e lo smaltimento dei rifiuti deve essere effettuata correttamente secondo le normative e seguendo le modalità previste nel protocollo interno ( in dotazione a tutte le UU.OO.). I rifiuti speciali pericolosi a rischio infettivo devono essere raccolti in apposite scatole di cartone con l etichetta rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo. Alcuni rifiuti speciali a causa della loro particolare composizione devono essere raccolti in contenitori rigidi di plastica nera di litri 60. All interno del contenitore rigido o della scatola di cartone deve essere inserito un resistente sacco bianco di plastica. I rifiuti con potenzialità di procurare ferite, quindi taglienti e/o pungenti, prima di essere posti negli appositi cartoni, dovranno essere raccolti in contenitori rigidi in plastica con adeguate caratteristiche di resistenza, dotati di un sistema di chiusura a sigillo, che riportano la scritta rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo taglienti e pungenti. I liquidi di fissaggio e sviluppo devono esser posti in contenitori chiusi ermeticamente con etichetta indicante il contenuto, trasportati al deposito temporaneo a cura della Ditta che effettua la raccolta dei rifiuti speciali, e caricati sul registro con codice specifico da parte del Responsabile dell U. O. Radiologia. 23

24 CAP.8 LA NOTA OPERATORIA Pag.: 24 Le UU.O.O. chirurgiche inviano alla Caposala del Blocco entro venerdì il programma di massima della settimana successiva. Le note operatorie definitive vengono invece inviate entro le ore 12 del giorno precedente; queste sono corredate dei seguenti dettagli: ordine di intervento in caso di più sedute, liste operatorie per ogni sala distinguendo fra mattutine e pomeridiane cognome e nome del paziente, numero di letto ed Unità Operativa di appartenenza patologia chirurgica strumentario e procedura di riferimento nomi del I operatore e del II operatore Note eventuali (HCV+, HBS Ag+, ecc.) 24

25 Pag.: 25 CAP.9 IMPIANTO DI VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO A CONTAMINAZIONE CONTROLLATA L impianto di climatizzazione in ogni suo componente è soggetto a manutenzione periodica programmata con particolare riferimento alle sezioni dei filtri assoluti e delle condotte presenti nelle sale operatorie. La manutenzione programmata prevede : la pulizia, con cadenza mensile, delle bocchette e delle griglie di immissione dell aria nell ambiente; quest ultime difatti sono di tipo smontabile e lavabile il controllo periodico, a cadenza almeno semestrale, dei filtri assoluti (con un efficienza di filtrazione 99,97% HEPA) il controllo, a cadenza mensile, delle macchine della centrale di trattamento dell aria e di ogni suo componente la verifica, a cadenza settimanale, della perdita di carico dei dispositivi filtranti i valori delle portate in ambiente e del microclima, a cadenza semestrale 25

26 Pag.: 26 ALLEGATO A STERILIZZAZIONE IN REGIME D URGENZA /EMERGENZA. TEMPI E STRUMENTI Unità di sub-sterilizzazione 1) Autoclave C.I.S.A. presente nel B.O. da utilizzare in caso di; a) In situazione di E/U per il B.O., Sala Parto, Pronto Soccorso, nei giorni festivi e le notti. b) In situazioni di E/U per il B.O., Sala Parto, Pronto Soccorso, dalle ore 17,30. 2) Autoclave OMASA presente nella ex Sala Operatoria della U.O. Otorino da utilizzare: a) Per le necessità di E/U di cui sopra in caso di manutenzione o fuori uso dell autoclave del B.O.. b) In situazione di sovraccarico di lavoro in E/U della autoclave del B.O. MODALITA Decontaminazione dello strumentario. Viene effettuata prima del lavaggio mediante immersione in soluzione disinfettante specifica per il tipo di materiale da trattare. Per effettuare la decontaminazione si possono utilizzare i seguenti prodotti: Soluzione di preparato a base di Cloro disponibile pari ad un minimo di p.p.m. circa da utilizzare per i dispositivi medici non metallici, per circa 30 minuti ( 4 compresse da grammi 4,6 di Bionil diluite in un litro di acqua). Preparato a base di Polifenoli sintetici biodegradabili in soluzione combinata Con detergenti anticorrosivi da utilizzare per dispositivi medici metallici, per 10 minuti fino ad un massimo di due ore (Fenplus ambiente all 1%). Lavaggio. Viene effettuato utilizzando la lavatrice lavaferri predisposta per l operazione da un programma particolare e da griglie speciali per lo strumentario. 26

27 Pag.: 27 Per garantire un adeguata pulizia degli strumenti occorre posizionarli aperti sulle apposite griglie. L operatore che esegue il caricamento della macchina lavaferri deve indossare i dispositivi di protezione individuale (mascherina con visiera o occhiali protettivi più mascherina chirurgica per proteggere la bocca da eventuali schizzi, camice, eventuale grembiule plastificato, guanti di gomma tipo casalingo). In caso che lo strumentario utilizzato per l E/U sia necessario per altro intervento in emergenza e/o urgenza non differibile, potrà essere sottoposto alla sterilizzazione con l autoclave a vapore a disposizione del B.O.. In caso contrario lo strumentario decontaminato e poi lavato potrà essere inviato in Centrale di Sterilizzazione dalle ore 7 della mattina successiva. Confezionamento per eventuale sterilizzazione in B.O.. Controllare che il materiale sia pulito, integro ed asciutto. Ricomporre il container utilizzato seguendo il protocollo ad esso allegato. Porre all interno del container l indicatore di sterilità. Porre all interno il protocollo dello strumentario. Porre all esterno l indicatore di sterilità Scrivere i dati relativi dello strumentario all esterno del container. Procedure generali per effettuare la sterilizzazione in autoclave a vapore. Prima di effettuare il caricamento dell autoclave occorre assicurarsi che siano state eseguite i cicli che ne attestano la piena funzionalità Se i cicli sono stati eseguiti la mattina e la macchina non è stata spenta si considerano validi quelli già effettuati, altrimenti occorre accendere la macchina ed effettuarli di nuovo con la seguente sequenza: 27

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah

POWER BANK CON TORCIA LED. Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED. mah POWER BANK Batteria di Emergenza Slim con Torcia LED mah 2800 CON TORCIA LED Batteria Supplementare Universale per ricaricare tutti i dispositivi portatili di utlima generazione Manuale d uso SPE006-MCAL

Dettagli

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca

Con la presente scrittura privata in tre originali, di cui uno per uso di. registrazione e due per uso delle parti, tra l Istituto Poligrafico e Zecca CONTRATTO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILIMENTI DI ROMA DELL ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO S.p.A.: - STABILIMENTO DI P.ZZA VERDI - P.zza Verdi 10 - STABILIMENTO SALARIO Via

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

! " # $" $ () # $ $ % % # % $ + $ & "!" $ $ $ # #

!  # $ $ () # $ $ % % # % $ + $ & ! $ $ $ # # !!"!%!!!& '! " " ()! **" % % % + & "!"!" " ' % ''(, ( ) ) *+ (, + ( +! ( - "&.& + & & ''-- + / 0( 0 1 2 ))3-01"( + ( +! % ( + + & ( + 4 + & ( 5 + + 4 ( 6 + 0 (+ ( + + ( 6 / 6 0 (! ' 7 3!. ( 89 :;:

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC]

A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] A.S.L. CASERTA Procedura N. 01/CIO Prevenzione delle Infezioni del Sito Chirurgico [ISC] Comitato Tecnico Aziendale per il Controllo e la Sorveglianza delle Infezioni Ospedaliere [C.I.O.] Elaborata il:

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni

PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PIANO DI AUTOCONTROLLO secondo D.lgs 155/97 e successive modifiche ed integrazioni PARTE PRIMA (prima della compilazione leggere le istruzioni a pag. 2) MANIFESTAZIONE: (nome della manifestazione) SEDE:

Dettagli

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena

DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena DOPO UN CASO DI PESTE AMERICANA CHE FARE? Dr.ssa Rosanna Rossi USL7 di Siena Dr.ssa Giuliana Bondi USL7 di Siena TUTTO IL MATERIALE CHE È ENTRATO IN CONTATTO CON LE COLONIE AMMALATE DEVE ESSER DISTRUTTO

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte

L azienda ha stabilito: La tipologia e le modalità di verifica La frequenza delle verifiche prescelte Sistema di verifica ATTIVITA DI VERIFICA A norma dell articolo 4 del regolamento CE 852/2004, Reg Ce 2073/2005 gli operatori del settore alimentare sono tenuti a rispettare i criteri microbiologici attraverso

Dettagli

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA

STUDIO PROFESSIONALE DI FISIOTERAPIA Studio professionale di fisioterapia: Gli Studi Professionali di Fisioterapia sono strutture dove possono essere erogate prestazioni terapeutiche riconducibili al profilo professionale del fisioterapista

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso

Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso Aggiornamento: 20 Ottobre 2014 Malattia da Virus Ebola (MVE) Approfondimento sui dispositivi di protezione individuale: caratteristiche tecniche ed uso 1. Introduzione Il presente aggiornamento tecnico

Dettagli

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI

PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI ISTRUZIONE OPERATIVA n 4/2007 Revisione 2 PRONTUARIO PER L UTILIZZO DEGLI ANTISETTICI E DEI DISINFETTANTI (Aggiornato nei nomi commerciali e nelle concentrazioni d uso dal Gruppo di Lavoro a maggio 2008)

Dettagli

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee.

Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Requisiti minimi e criteri per il rilascio delle autorizzazioni sanitarie temporanee. Sono definite temporanee tutte quelle manifestazioni quali Sagre, Feste Campestri ecc. aperte al pubblico, in cui,

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati Rossana Prola Valter Rapizzi LA MANUTENZIONE DELLE PISCINE PUBBLICHE E PRIVATE Dario Flaccovio Editore A mio padre, che crede ancora che io abbia sprecato una laurea per fare l idraulico. Rossana Prola

Dettagli

Settori. Personale qualificato. Chi siamo

Settori. Personale qualificato. Chi siamo Settori Pubblico Pulizia di edifici di Pubbliche amministrazioni seguendo le richieste indicate nei capitolati d oneri, controllate inoltre delle specifiche norme UNI EN ISO 9001 e SA8000. Privato personalizzati

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE

ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE ASL n 7 Carbonia CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO TRIENNALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE - SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI DELLA ASL N 7 DI CARBONIA ( Lotto Unico - CIG

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo

F10101 Autovetture Compresi ricambi e materiali di consumo. F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) Compresi ricambi e materiali di consumo BARRARE CATEGORIA DI INTERESSE CATEGORIA ISCRIZIONE DESCRIZIONE NOTE VEICOLI F10101 Autovetture F10201 Veicoli Commerciali Pesanti (autotelaio) F10301 Veicoli Commerciali Leggeri (autotelaio) F10501 Macchine

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008

REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI per la prevenzione delle diffusione delle malattie infettive Art. 10, Legge Regionale n.45 del 23 dicembre 2008 REGISTRO DELLE MANUTENZIONI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO DELL

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO

BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO [PIANO DI AUTOCONTROLLO PER L IGIENE DEGLI ALIMENTI] SEZIONE 1 BOZZA MANUALE DI AUTOCONTROLLO SOMMARIO Dati aziendali...2 Manutenzione dei Locali e delle Attrezzature... 4 Procedure operative standard

Dettagli

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso

V-ZUG SA. Cappa aspirante DW-SE/DI-SE. Istruzioni per l uso V-ZUG SA Cappa aspirante DW-SE/DI-SE Istruzioni per l uso Grazie per aver scelto uno dei nostri prodotti. Il vostro apparecchio soddisfa elevate esigenze, e il suo uso è molto semplice. E tuttavia necessario

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO-ALTO ADIGE DEFINIZIONE DEGLI AMBULATORI EXTRAOSPEDALIERI E DEGLI STUDI PROFESSIONALI SANITARI E INDIVIDUAZIONE DELLE PROCEDURE DIAGNOSTICHE E TERAPEUTICHE PER LE QUALI GLI STUDI DEVONO ESSERE AUTORIZZATI Per AMBULATORI

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica

Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Il PICC Catetere Venoso Centrale ad inserzione periferica Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI PRODOTTI FARMACEUTICI NEI PRESIDI OSPEDALIERI AZIENDALI 1 INDICE Premessa Art. 1 Inquadramento giuridico del Responsabile della Farmacia Art. 2 Compiti Art. 3 Smaltimento

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CITTÀ DI MARTINA FRANCA Provincia di Taranto SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI E LOCALI COMUNALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI MARTINA FRANCA - Piazza Roma, 32-74015 Martina Franca (Ta) Tel. 0804836111

Dettagli

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org

COMUNE DI CERIANO LAGHETTO Provincia di Monza e della Brianza Via Roma 18 20816 Ceriano Laghetto www.ceriano-laghetto.org CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI IMMOBILI DEL COMUNE DI CERIANO LAGHETTO E SERVIZI AUSILIARI - PERIODO 01/01/2011 31/12/2013 (CIG 058147692A) ART. 1 - OGGETTO

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1

Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Comune di Catania REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI COMUNALI DI DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE ART.1 Il servizio di disinfezione e disinfestazione sarà eseguito dal Comune con personale assunto

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche

La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche La Raccolta Differenziata Utenze non domestiche istruzioni per l uso Raccolta Differenziata Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve essere gestita in modo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli