CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET"

Transcript

1 Presidenza del Consiglio dei Ministri UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET

2 INDICE PREMESSA...3 ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO ED ACCESSI...4 Servizi Obbligatori...4 Rete Intranet...4 Protocolli...4 Implementazione...5 Prestazioni degli accessi alla VPN...5 Supporto ridondanza di rete e backup...7 Sede Direzione Generale...9 Sedi da collegare in Fascia A...10 Sedi da collegare in Fascia B...10 Sedi da collegare in Fascia C...10 Sedi da collegare in Fascia D...11 Apparati...11 Accesso Internet...11 Architettura del servizio...13 Tempi di rilascio del Servizio...14 Connettività complementare...14 SERVIZI OPZIONALI...15 Banda Intranet sedi Fascia A...15 Servizio di Fonia...15 Accesso domestico e mobile...15 ASSISTENZA TECNICA di 17

3 PREMESSA I progetti interni all Ufficio Nazionale per il servizio civile della Presidenza del Consiglio (UNSC) impongono la disponibilità di servizi applicativi veicolati su di una infrastruttura di rete adeguata. Le soluzioni informative adottate, o in fase di adozione, sono e saranno basate su accessi condivisi ad applicazioni verticali basate su interfaccia HTML e protocollo HTTP orientate alle applicazioni di gestione amministrativa. La maggiore informatizzazione dei processi governati da tali applicazioni e la disponibilità di interfacce grafiche impongono una crescente disponibilità di banda in termini di bit al secondo. La crescente diffusione di servizi di rete integrati, inoltre, rende auspicabile la futura realizzazione di servizi avanzati multisede su rete privata dotati di prestazioni sin ora non raggiungibili con tecnologia tradizionale. La rete dovrà continuare a costituire l infrastruttura di intranet preposta a connettere le diverse sedi fra di loro con prestazioni omogenee anche nel caso di collegamenti da sede a sede o intrasede; inoltre dovrà essere garantita la possibilità di ampliare gli attuali collegamenti estendendoli alle sedi attualmente previste e non collegate ma anche a quelle ancora da definire. In base a queste considerazioni preliminari s impone la necessità di continuare a mantenere attiva una rete multiservizio a larga banda in grado di servire entrambi gli ambiti di servizio. 3 di 17

4 ARCHITETTURA DI RIFERIMENTO ED ACCESSI Il seguente capitolo descrive a partire dall infrastruttura di rete attuale i requisiti di servizio a cui dovrà aderire l infrastruttura di rete intranet e di accesso ad internet. Sono altresì illustrati gli aspetti di ridondanza del servizio supportati dalla rete e le soluzioni attese per livelli di affidabilità crescenti. Servizi Obbligatori Il servizio di collegamento intranet dovrà consentire possibilmente pari prestazioni in termini di banda sia fra le sedi stesse così come all interno della LAN di sede. Pertanto al posto di collegamenti punto-punto in cui la crescita della banda è vincolata al rilascio di nuovi circuiti, dovrà essere previsto possibilmente un unico accesso fisico in grado di scalare a capacità di banda superiori. Il taglio minimo previsto per i collegamenti fra sedi in intranet dovrà essere tale da rendere la banda client-server il più prossima possibile a quella tipica della LAN. Presso alcune sedi nevralgiche nel seguito precisate è necessario predisporre connettività in fibra ottica a banda scalabile eventualmente oltre a 100 Mbps in base a revisioni contrattuali concordate con l operatore. Nel seguito della specifica saranno dettagliate le prestazioni attese per il servizi di rete Intranet. Rete Intranet Il servizio di connettività fra le sedi intranet dovrà essere gestito dall operatore mediante una rete multiservizio in tecnologia IP in grado di trasportare i tradizionali servizi di trasferimento dati in tecnologia internet (ftp, http, telnet, smtp, snmp, pop/imap, ecc.) nonché gli emergenti servizi multimediali di comunicazione personale. Protocolli La realizzazione della rete virtuale, ovvero la riserva di capacità di smistamento del traffico VPN e la separazione del traffico VPN e la separazione del traffico medesimo da quello di rete pubblica, sul backbone IP di un operatore, dovrà basarsi su protocollo standard, intendendo con ciò insiemi di procedure di comunicazioni (protocolli) riconosciuti dall organismo normatore IEFT e disponibili commercialmente su apparati prodotti da più fornitori. La modalità di trasporto proposta dovrà essere basata sull impiego del livello 3 della pila OSI, basata sul protocollo IP ed in grado di interfacciare le diverse subnet già presenti presso le sedi dell UNSC in modalità semplice e trasparente. In questo senso è ritenuto elemento di merito l impiego del protocollo MPLS (Multi Protocol Label Switching) in quanto garante di una rigorosa separazione dei flussi di traffico scambiati tra le sedi da quelli relativi ad altre entità, non facenti parte della VPN, ma anch esse connesse al backbone. 4 di 17

5 Implementazione L implementazione del servizio di rete privata virtuale (nel seguito chiamata VPN) dovrà essere realizzato direttamente sull infrastruttura dell operatore senza implicare attraversamenti della rete Internet. Tale VPN dovrà avere caratteristiche tali da consentire la scalabilità della configurazione ad un maggior numero di sedi e non dovrà necessariamente implicare meccanismi di criptazione nel caso in cui l operatore possa garantire la coesistenza senza visibilità reciproca delle VPN configurate ai diversi clienti. Per quanto riguarda gli aspetti implementativi della connettività alle sedi è previsto l impiego di portanti fisici sia in fibra ottica che su rame per la connettività di ciascuna sede metropolitana. Sarà valutato come elemento qualificante la disponibilità da parte dell operatore di una infrastruttura proprietaria in fibra ottica. La soluzione di rete proposta dovrà consentire l utilizzo trasparente e condiviso del servizio di accesso Internet già presente in azienda. Prestazioni degli accessi alla VPN Le sedi dell UNSC che saranno interconnesse dalla VPN sono suddivise in base alla Fascia di servizio preferenziale. Sono previste quattro classi di servizio per gli accessi alla VPN differenziate per prestazioni, livello di ridondanza e Service Level Agreement. Fascia A Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput effettivo in qualunque condizione di traffico in rete, 10 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente) Throughput scalabile fino a 100 Mbps con eventuale sostituzione degli apparati Impiego di portanti fisici in fibra ottica per la connettività metropolitana Ritardo di Rete medio mensile inferiore o uguale a 20 msec. Tale parametro dovrà essere computato sul percorso di andata e ritorno fra i due apparati di terminazione del servizio VPN dell operatore Percentuale di perdita mensile dei pacchetti inferiore o uguale al 0,1% Fascia B Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput nominale in qualunque condizione di traffico in rete, 8 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente). Throughput minimo garantito 4 Mbit/s (Committed Information Rate) Impiego di portanti fisici in fibra ottica o in alternativa su rame per la connettività metropolitana Backup dei collegamenti secondo la tecnologia delle portanti adottata 5 di 17

6 E esplicitamente consentito al fornitore di implementare il servizio su rame mediante subfornitura di trasporto o ultimo miglio dal fornitore terzo mediante contratto quadro di tipo wholesale. Fascia C Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput nominale in qualunque condizione di traffico in rete, 4 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente). Throughput minimo garantito 2 Mbit/s (Committed Information Rate) Impiego di portanti fisici in fibra ottica o in alternativa su rame per la connettività metropolitana Backup dei collegamenti secondo la tecnologia delle portanti adottata E esplicitamente consentito al fornitore di implementare il servizio su rame mediante subfornitura di trasporto o ultimo miglio dal fornitore terzo mediante contratto quadro di tipo wholesale. Fascia D Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput nominale in qualunque condizione di traffico in rete, 2 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente). Throughput minimo garantito 1 Mbit/s (Committed Information Rate) Impiego di portanti fisici in fibra ottica o in alternativa su rame per la connettività metropolitana Backup dei collegamenti secondo la tecnologia delle portanti adottata E esplicitamente consentito al fornitore di implementare il servizio su rame mediante subfornitura di trasporto o ultimo miglio dal fornitore terzo mediante contratto quadro di tipo wholesale. 6 di 17

7 Supporto ridondanza di rete e backup Dal punto di visto della disponibilità dei servizi di rete stessa gli operatori dovranno essere in grado di quotare e fornire per le rispettive fasce di servizio meccanismi affidabili di ridondanza e backup. L Ufficio Nazionale per il servizio civile si riserva di acquisire tale misure di backup la dove si rendano necessari. Nel caso del servizio di Fascia A si richiede una duplicazione dell accesso alla VPN aderente alla seguente specifica: Duplicazione fisica degli apparati attivi di terminazione di rete Supporto protocollo HSRP (router virtuale) per ridondanza della terminazione di rete Implementazione in fibra ottica del percorso di back up Disponibilità a diversificare sul piano tecnico ed economico la banda in condizioni di backup Duplicazione della connettività dalla centrale operatore alla sede (ultimo miglio) Per centrale si intende l infrastruttura operatore preposta alla realizzazione della connettività fra il backbone e l ultimo miglio verso il cliente. In questo senso è previsto che l operatore disponga, presidi e controlli tali infrastrutture sulla propria rete metropolitana di servizio. Sede periferica Fascia A Router Virtuale Centrale MAN Rete Operatore Figura 1 - Accesso ridondato per Fascia A 7 di 17

8 Nel caso del servizio in Fascia B, C e D è sufficiente che il backup sia implementato mediante l adozione di network adapter sul router e di dial-up ISDN verso l infrastruttura più avanti descritta come Accesso Dial-up. In ogni caso i singoli collegamenti ISDN remoti saranno attivati e gestiti a carico dell UNSC. Per le sedi collegate con servizio di Fascia B è previsto il supporto di PRI ISDN con conseguente banda in condizioni di backup pari a 2 Mbps. Per le sedi collegate con servizio di Fascia C è previsto il supporto di BRI ISDN con conseguente banda in condizioni di backup pari a 256 Kbps. Per le sedi collegate con servizio di Fascia D è previsto il supporto di BRI ISDN con conseguente banda in condizioni di backup pari a 128 Kbps. Sede periferica Fascia B\C\D ISDN Centrale MAN Rete Operatore Sede Direzione Figura 2 - Accesso ridondato per Fascia B\C Sono pertanto da includere in offerta le seguenti componenti essenziali al servizio: Local loop di connessione collegamento alla rete fonia dimensionato per accogliere contemporaneamente fino a 1 sedi in backup su accesso PRI (1024 Mbps), fino a 2 sedi in backup su accesso BRI (1 su accesso 128 Kbps e una sua accesso 256 Kbps). 8 di 17

9 Server di accesso in grado di supportare il dimensionamento summenzionato. Rappresenterà titolo di merito proporre l implementazione del back-up sullo stesso router di accesso in fibra della sede di Roma. Il collegamento deve poter essere effettuato tramite degli accessi telefonici (dialup) di tipo sia analogico (v.90) che di tipo digitale (ISDN, GSM). L autenticazione tramite password degli utenti del servizio dial-up deve essere effettuata utilizzando il protocollo CHAP (Challenge Access Protocol) e server Radius o TACACS. Il Sistema di autenticazione delle utenze, comprensivo di hardware, software di base e software di autenticazione e la disponibilità delle utenze per il collegamento sarà messo a disposizione dall UNSC. Sede Direzione Generale La Direzione Generale di Roma è ufficialmente ubicata in via San Martino della Battaglia 6; è in corso il suo allargamento ad un ulteriore edificio situato a pochi metri di distanza, come di seguito specificato. Per quanto riguarda l Edificio-1 (sito in via San Martino della Battaglia 6) che funge da Centro Stella è necessario precisare che su tale sede devono essere assicurati i servizi VPN secondo le seguenti specifiche: Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput effettivo in condizioni di esercizio 100 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente). Throughput effettivo in condizioni di backup 10 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente). Throughput scalabile fino a 1 Gbps con eventuale sostituzione degli apparati Impiego di portanti fisici in fibra ottica per la connettività metropolitana Ridondanza dei collegamenti su doppia portante fisica Ridondanza degli apparati Per quanto riguarda l Edificio-2 (sito a pochi metri di distanza dal primo ed al momento dell uscita del presente bando non ufficialmente disponibile, ma presumibilmente attivabile nel corso del primissimo periodo di validità del contratto) si richiede la fornitura di una tratta in fibra spenta a collegamento diretto con l Edificio-1 tramite specifica ITU-T G.655 o collegamento similare. 9 di 17

10 Sedi da collegare in Fascia A Le seguenti Sedi i cui riferimenti geografici sono indicati nella seguente Tabella 1 dovranno essere possibilmente servite secondo la definizione di servizio di Fascia A. Sede Milano Via Pola, 9 Napoli Centro Direzionale Isola C5 Bologna Via Aldo Moro, 30 Torino Corso Stati Uniti, 1 Tabella 1- Sedi per collegamento a Larga Banda (Mandatorio) Rappresenterà titolo di merito il numero delle sedi di tale tabella collegabili secondo la tipologia di servizio di Fascia A. Nel caso in cui non sia possibile o convenientemente il collegamento con servizio in Fascia A deve essere comunque garantito il servizio in Fascia B per le sedi di questo gruppo. Sedi da collegare in Fascia B Le seguenti Sedi i cui riferimenti geografici sono indicati nella seguente Tabella 2 dovranno essere servite secondo la definizione di servizio di Fascia B. Firenze via di Novoli, 26 Sede Tabella 2 Sedi da collegare in Fascia B Sedi da collegare in Fascia C Le seguenti Sedi i cui riferimenti geografici sono indicati nella seguente Tabella 3 dovranno essere servite secondo la definizione di servizio di Fascia C. Sede Padova - Palazzo Moroni Via del Municipio, 2 ( ) Tabella 3 Sedi da collegare in Fascia C ( - al momento non disponibile e pertanto non incluso limitatamente per la sola parte dell offerta economica, ma previsto attivabile in seguito, nel corso di validità del contratto) 10 di 17

11 Sedi da collegare in Fascia D Le seguenti Sedi i cui riferimenti geografici sono indicati nella seguente Tabella 4 dovranno essere servite secondo la definizione di servizio di Fascia D. Sede Bolzano via Crispi, 3 Ancona - Via Antonio Giannelli, 36 ( ) L Aquila - sede da definire ( ) Tabella 4 Sedi da collegare in Fascia D ( - al momento non disponibile e pertanto non incluso limitatamente per la sola parte dell offerta economica, ma previsto attivabile in seguito, nel corso di validità del contratto) Apparati Per quanto riguarda gli apparati di rete, l UNSC ha la disponibilità di n. 6 (sei) router Cisco 2621, attualmente in esercizio presso le sedi di Roma (3 router), Bologna, Firenze e Bolzano. E data facoltà al fornitore di utilizzare i sopracitati router per l erogazione del servizio, anche in località diverse dalla attuali. Qualora il fornitore decidesse di utilizzare tali router, si richiede espressamente che questi dovranno essere trattati con le stesse identiche modalità tecniche ed economiche con cui saranno gestiti gli altri apparati di rete. Accesso Internet Il fornitore proporrà il collegamento ad Internet su la sede attuale e condiviso con le altre sedi. Sarà in questo caso sua cura definire sulla rete VPN modalità d accesso sicure che consentano alle sole Sedi partecipanti alla VPN in oggetto di interoperare. Come precisato nel seguito fra la modalità d accesso l operatore dovrà in questo caso precisare sia la velocità d accesso alla sede quanto la banda su Internet garantita. Per la natura di tale architettura di rete dovrà essere garantita una banda end-toend minima pari al 94% del valore nominale ed assicurare una disponibilità, nel tempo, pari ad almeno il 98%. Il fornitore deve essere collegato al MIX con una banda di almeno 600Mpbs e deve avere almeno 3 fornitori di connettività internazionale con almeno 1 Gbps per ogni singolo collegamento. Rappresenterà titolo di merito il numero di ulteriori accessi a punti di interscambio, peering con altri operatori e connettività internazionale. 11 di 17

12 Nel seguito del documento sarà definita la rete tanto il backbone d accesso quanto la rete d accesso dell operatore, definendo successivamente le modalità minime supportate dal servizio. Terminazione Ethernet 10/100 base T; Servizi di trasferimento dati: throughput effettivo in qualunque condizione di traffico in rete, 20 Mbit/s senza distinzione dei versi di traffico (entrante ed uscente) Throughput scalabile fino a 100 Mbps con eventuale sostituzione degli apparati Impiego di portanti fisici in fibra ottica per la connettività metropolitana 12 di 17

13 Architettura del servizio La definizione dei servizi secondo tali specifiche prevede una nuova topologia di rete le cui caratteristiche sono rappresentate graficamente come segue. Sedi Fascia A Sedi Fascia B Sedi Fascia C Sedi Fascia D 10 Mbps VPN 8 Mbps (4 Mbps) VPN ISDN PRI Backup 4 Kbps (2 Mbps) VPN ISDN BRI Backup 2 Kbps (1 Mbps) VPN ISDN PRI Backup Intranet VPN-IP Rete Operatore ISDN Internet 20 Mbps VPN 10 Mbps 100Mbps PRI ISDN Access Server Radius Server Sede Direzione Generale Figure 3 -Architettura del servizio dati Intranet, Internet e Accesso Remoto Gli apparati previsti dal servizio dovranno essere forniti in outsourcing dal fornitore comprensivi di contratti di assistenza e manutenzione. Rappresenterà titolo di merito proporre una rete di servizio VPN con supporto del protocollo MPLS 13 di 17

14 Tempi di rilascio del Servizio Le connessioni delle sedi collegate in fascia A dovranno essere realizzate entro il termine massimo di 60 giorni dalla data di assegnazione del contratto e dovranno prevedere i seguenti interventi: Approvvigionamento degli apparati Installazione e configurazione locale degli apparati di routing Predisposizione dei collegamenti verso il PABX attualmente in essere Predisposizione e configurazione dei circuiti fisici e logici sulla rete del fornitore Interconnessione dell utente al Network del fornitore Testing e Tuning del servizio Collaudo dell impianto e rilascio del servizio. Connettività complementare Lo sviluppo della rete VPN rende necessario già da ora il prevedere di collegare nell immediato futuro alcune sedi elencate nel presente documento (vedi quelle identificate con il simbolo * dell asterisco ), tuttavia è ragionevole supporre che altre sedi (non in elenco) si potranno aggiungere nel corso di validità del presente contratto. Anche in questo caso devono essere disponibili i servizi secondo le Fasce di tipo A, B, C e D in precedenza definite. 14 di 17

15 SERVIZI OPZIONALI E data facoltà al fornitore di offrire ulteriori servizi addizionali veicolabili sulla soluzione di rete offerta, quali ad esempio, come qui di seguito riportato, la banda intranet di fascia A, servizi di fonia VOIP, Accesso domestico e mobile. La disponibilità di tali servizi sarà elemento di valutazione dell offerta sul piano delle caratteristiche Architetturali. L UNSC si riserva di accedere in futuro a tali servizi nel rispetto delle norme vigenti. Banda Intranet sedi Fascia A E richiesta la possibilità (con vincolo per l offerente) dell espansione di banda di accesso alla VPN per le sedi di Fascia A secondo i seguenti valori: 30 Mbps 40 Mbps 50 Mbps 60 Mbps 70 Mbps 80 Mbps 90 Mbps 100 Mbps In tal caso l offerta deve necessariamente comprendere anche la fornitura, in termini outsourcing, degli apparati adeguati. Servizio di Fonia L operatore ha facoltà di offrire anche servizi di fonia integrata al trasporto dati in modalità VOIP al fine di consentire all UNSC di implementare su rete operatore servizi avanzati di IP Telephony. Rappresenterà titolo di merito solo in tale senso la proposta di fornitura di apparati router in grado di veicolare traffico VOIP ed il supporto nativo della rete Operatore di tale traffico sulla propria infrastruttura. Accesso domestico e mobile Sarà auspicabile che il servizio di rete Intranet via VPN sia accessibile anche dall esterno via Internet garantendo la sicurezza del collegamento ad esempio mediante l adozione del protocollo Ipsec. Tale modalità d accesso dovrà essere orientata all utenza mobile ed al telelavoro. In tal caso è richiesto che l offerta del servizio di accesso Internet domestico sia a larga banda a partire da 2048 Kbps in download o superiore. Sarà ritenuto punto di merito il caso in cui l operatore sia anche in grado di offrire una formula economica integrata (dual billing) che consenta all UNSC di offrire il servizio di accesso ad Internet ai dipendenti (Business to Employee). 15 di 17

16 ASSISTENZA TECNICA Durante il periodo di servizio, il Fornitore dovrà prevedere un servizio di assistenza tecnica raggiungibile via fax e/o via per l attivazione formale della procedura di assistenza e raggiungibile per via telefonica per la gestione delle modalità di erogazione dell'assistenza medesima. A pena di esclusione, tale servizio deve essere attivo tutti i giorni (esclusi domeniche e festivi) almeno dalle ore 8.30 alle e le eventuali chiamate effettuate oltre le dovranno essere registrate e vanno intese come effettuate alle 8.30 del giorno successivo. Il Fornitore è tenuto ad intervenire entro e non oltre le 6 ore lavorative successive alla ricezione della richiesta di intervento, computando come ore lavorative il periodo sopraindicato. Per particolari esigenze dell UNSC e con adeguato anticipo, l assistenza tecnica potrà essere richiesta anche al di fuori di quanto sopra stabilito; in questo caso il fornitore dovrà garantire gli eventuali interventi, quotandoli separatamente. Tutti gli interventi ordinari e/o straordinari consisteranno in provvedimenti (riparazione/sostituzione) atti alla rimozione dei malfunzionamenti hardware e software negli apparati installati dal Fornitore. Il ripristino del servizio è soggetto ai seguenti particolari vincoli relativi al Service Level Agreement limitatamente alla sede della Direzione Generale: Ripristino entro 4 ore dall apertura dell incidente Livello Single Homing di disponibilità del servizio sul base annuale non inferiore a 99,93 % su base annua Il ripristino del servizio è soggetto ai seguenti particolari vincoli relativi al Service Level Agreement limitatamente alle sedi di Fascia A: Ripristino entro 4 ore dall apertura dell incidente Livello Base di disponibilità del servizio sul base annuale non inferiore a 99,90 % su base annua Relativamente all'hardware, nel caso in cui l'entità dei lavori da eseguire non consenta di ripristinare l'operatività dell'apparecchiatura entro 8 ore lavorative dalla ricezione della richiesta di intervento, il Fornitore deve provvedere alla sostituzione dell'apparecchiatura con una di caratteristiche identiche a quella in stato di fermo, fino alla rimessa in funzione di quest'ultima. Non sono compresi nell'obbligo di sostituzione entro 8 ore, le apparecchiature che il Fornitore installerà in configurazione ridondante, in modo cioè che il malfunzionamento di una non comprometta il funzionamento dell'intero sistema. 16 di 17

17 Il Fornitore, ad ogni singola richiesta di intervento, deve provvedere alla sua registrazione e comunicare al Cliente il numero progressivo assegnato alla richiesta di intervento con la data e l'ora di registrazione; tale data ed ora costituiscono il momento di ricezione della richiesta di intervento" di cui al capoverso precedente, dal quale decorrono i termini di erogazione del servizio. Infine, per ogni intervento effettuato, deve essere redatto da un incaricato del Fornitore un apposito rapporto, sottoscritto da un incaricato del Cliente. Nel rapporto devono essere registrati: il numero d'ordine, il numero dell'installazione, il numero della chiamata, l'ora ed il giorno della chiamata, il numero dell'intervento, l'ora e il giorno dell'avvenuto ripristino (o del termine dell'intervento). 17 di 17

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based

Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Tematiche tecniche relative ai contratti di Housing/Hosting e Servizi Web-Based Prof. Franco Sirovich Dipartimento di Informatica Università di Torino www.di.unito.it franco.sirovich@di.unito.it 1 Definizioni

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO

IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO 4 NETWORK IL FUTURO DELLA RETE FISSA HA UN CUORE ANTICO Giancarlo Lepidi, Roberto Giuseppe Opilio 5 La rete di Telecom Italia ha un cuore antico e il suo futuro, con la sua capacità di innovarsi e di rimanere

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali

minor costo delle chiamate, su nazionali e internazionali Il Voice Over IP è una tecnologia che permette di effettuare una conversazione telefonica sfruttando la connessione ad internet piuttosto che la rete telefonica tradizionale. Con le soluzioni VOIP potete

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari

Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Manuale di configurazione per l accesso alla rete wireless Eduroam per gli utenti dell Università degli Studi di Cagliari Rev 1.0 Indice: 1. Il progetto Eduroam 2. Parametri Generali 3. Protocolli supportati

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library

Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library Esperienza di interoperabilità tra servizi bibliotecari tramite protocollo ISO-ILL. Colloquio standard ILL- SBN/Aleph e ILL-SBN /Sebina Open Library A. Bardelli (Univ. Milano Bicocca), L. Bernardis (Univ.

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00

[HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [HOSTING] Shared (S) Entry (S) Professional (S) VPS (S) [CF] Cold Fusion9 9,00 39,00 79,00 [CF] Domain & Space - Dominio di 2 Liv. (.IT,.COM) 1 1 1 - Dominio di 3 Liv. (mapping IIS/Apache) 1 10 100 - Disk

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli