1. Presentazione Compulsiòn è un servizio ambulatoriale, multimodale di diagnosi e cura dei comportamenti compulsivi e delle nuove forme di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. Presentazione Compulsiòn è un servizio ambulatoriale, multimodale di diagnosi e cura dei comportamenti compulsivi e delle nuove forme di"

Transcript

1 Carta dei servizi Progetto finanziato dalla Regione Lombardia ai sensi della d.g.r. 4 aprile 2012 n.ix/3239 Sperimentazione nell ambito delle nuove politiche di welfare come da decreto n 6964 del 1 agosto

2 1. Presentazione Compulsiòn è un servizio ambulatoriale, multimodale di diagnosi e cura dei comportamenti compulsivi e delle nuove forme di dipendenze comportamentali. Sia una sostanza chimica che un'esperienza emotiva possono essere così gratificanti da instaurare relazioni disfunzionali di dipendenza. Le dipendenze, siano esse chimiche o meno, presentano alcune caratteristiche comuni, quali la compulsività, i pensieri intrusivi ed egodistonici, la perdita di controllo che si traduce nell'incapacità di limitare l'attività, la tendenza a protrarre il comportamento nonostante le problematiche che si realizzano in termini di sentimenti di colpa, vergogna, umiliazione, problemi di salute, familiari, lavorativi, legali o finanziari. Sebbene siano descritti diversi tipi di comportamenti compulsivi che possono portare a forme di dipendenza, Compulsiòn si riferisce in particolare a: dipendenza da gioco d azzardo dipendenza dal sesso dipendenza da internet shopping compulsivo disturbo del comportamento alimentare anche in comorbilità con abuso di sostanze. Il Gioco d'azzardo Patologico (GAP) - (gratta e vinci, lotterie, superenalotto, bingo, slot machine, giochi del Casinò, videopoker e scommesse) nel 1977 è stato inserito nella Classificazione Internazionale delle malattie (ICD-IX) e nel 1980 nel DSM-III nel capitolo Disturbi del controllo degli impulsi non altrimenti classificati. La caratteristica essenziale del gioco d'azzardo patologico è il persistente e ricorrente comportamento di gioco disadattivo che sconvolge la vita privata, familiare o professionale delle persone. La Dipendenza da Sesso (Sexual Addiction) - è una sindrome di vera e propria dipendenza, caratterizzata da comportamenti sessuali appetitivi e consumatori eccessivi in assenza di una sostanza esogena di abuso. La Dipendenza da Sesso ha conseguenze gravi sia a livello individuale che sociale. I dipendenti da sesso, infatti, oltre a vivere un forte disagio psicologico, deteriorano progressivamente i rapporti affettivi e relazionali e compromettono la loro attività lavorativa ed economica. Le Dipendenze Tecnologiche e l Internet Addiction Disorder (Iad) si riferiscono ad un ampia categoria di comportamenti che si articolano in modo confacente alla poliedricità e alla multifunzionalità della rete (gioco d'azzardo compulsivo on line, dipendenza da cybersesso, dipendenza da cyber relazioni, dipendenza da giochi di ruolo on line, dipendenza da eccessive informazioni o Information Overload, trading on line compulsivo, shopping on line compulsivo). Lo sfondo ludico di manovrare un dispositivo di tecnologia mediatica avanzata, avvia nella mente fantasie legate al gioco e all'onnipotenza in grado di suscitare una piacevole sensazione di potenziamento dell'efficienza dell'apparato mentale. La Dipendenza da Shopping è caratterizzata dalla frequente preoccupazione o impulso a comprare, vissuto come irresistibile, intrusivo o insensato; comprare frequentemente al di sopra delle proprie possibilità, spesso oggetti inutili (o di cui non si ha bisogno) per un periodo di tempo più lungo di quello stabilito. La preoccupazione, l impulso o l atto del comprare causano stress marcato, fanno consumare tempo, interferiscono significativamente con il funzionamento sociale e lavorativo o determinano problemi finanziari (indebitamento o bancarotta). Il Disturbo del comportamento alimentare (DCA) - Con la locuzione Disturbi del Comportamento Alimentare, si indicano tutte quelle problematiche, di pertinenza principalmente psichiatrica, che concernono il rapporto tra gli individui e il cibo. Per accedere al servizio Compulsiòn il DCA deve essere presente in comorbilità ad altro sintomo compulsivo o al DUS. Il Progetto è stato finanziato dalla Regione Lombardia ai sensi della d.g.r. 4 aprile 2012 n.ix/3239 Sperimentazione nell ambito delle nuove politiche di welfare come da d.g.r del 1 agosto Compulsiòn è un Servizio gestito da Atipica cooperativa sociale onlus, che persegue, attraverso interventi ad alta integrazione socio-sanitaria, l interesse generale della comunità alla promozione umana e al reinserimento sociale dei cittadini. ATIPICA Cooperativa Sociale è certificata per l'erogazione di progetti con certificazione di Qualità secondo la normativa vigente ISO 9001:2008 2

3 1.1 A chi si rivolge Il target a cui si rivolge il servizio è rappresentato da quei soggetti e dalle loro famiglie che manifestano comportamenti compulsivi, che esitano in nuove forme di dipendenza, associati o meno a Disturbi da uso di sostanze, ma che sono privi di compromissioni gravi sul piano sociale, lavorativo, psichiatrico e medico - sanitario. Target Pazienti con comportamenti compulsivi che esitano in Dipendenze Comportamentali Pazienti con comportamenti compulsivi in comorbilità con DUS (cocaina e psicostimolanti, alcool e /o psicofarmaci) Familiari di persone con comportamenti compulsivi anche in comorbilità con DUS Come per tutte le dipendenze le conseguenze e i correlati psico socio - sanitari identificati sono molteplici. Il target previsto è quindi eterogeneo per genere, età, tipo di disturbo, grado di comorbilità, di compromissione, provenienza o composizione e modello familiare. La presa in carico può riguardare la persona, uno o più dei suoi familiari, la coppia o l'intero sistema familiare in cui si manifesta il problema. 1.2 Chi contattare Per ricevere informazioni relative a Compulsiòn è possibile contattare telefonicamente la segreteria dello studio o il responsabile del servizio dalle ore 9.00 alle ore dal lunedì al venerdì. Centro Studi e Psicoterapia Segreteria Dott. Roberto Lombardi: MODALITA DI ACCESSO, PERSONALE E COSTI DELLE PRESTAZIONI 2.1 La modalità di accesso L'intervento a carattere ambulatoriale si svolge presso il Centro di via Longoni, 2 a Milano, sede operativa di Atipica Cooperativa Sociale. Il territorio di riferimento è principalmente quello riferibile alla ASL Città di Milano. L'accesso al Servizio può essere spontaneo attraverso il contatto diretto da parte dell'interessato o di un membro della famiglia, oppure su invio di un altro servizio territoriale (per es. Sert, NOA, SMI, ecc). I requisiti indispensabili per l accesso sono: la richiesta volontaria del paziente la valutazione di idoneità al programma da parte dell équipe di progetto. Nel caso di un invio da parte di un altro Servizio, la valutazione di idoneità al programma prende avvio con la visione e lo studio da parte dell équipe del materiale prodotto dal Servizio di riferimento in seguito alla segnalazione, della eventuale valutazione di gravità/gravosità del caso e della richiesta di cura. Il servizio riceve su appuntamento dal lunedì al sabato, dalle ore 9.00 alle ore Per la prenotazione di un appuntamento è disponibile dalle ore 9.00 alle ore un numero di telefono fisso e di un cellulare. Un primo colloquio viene fissato entro i 3 giorni lavorativi successivi alla richiesta. 3

4 2.2 Il personale Il Servizio è dotato e si avvale delle seguenti tipologie di personale: psicologi psicodiagnosti psicologi psicoterapeuti con diversi indirizzi (cognitivo - comportamentale, familiare, sistemico- relazionale, dinamico, strategico, ) psichiatra/neuropsichiatra infantile educatore professionale psicologo - sessuologo assistente sociale avvocato commercialista 2.3 I costi In linea con quanto definito dalla Regione Lombardia, Compulsiòn prevede che i pazienti e le famiglie compartecipino anche economicamente alla cura. In base al criterio del Fattore Famiglia Lombardo FFL, definito dalla legge 2/2012, ai pazienti viene richiesto di sostenere direttamente il percorso di cura attraverso il pagamento di un contributo forfettario a pacchetto (ticket) ad integrazione del finanziamento regionale. 3. IL PROGETTO COMPULSION 3.1 I presupposti teorici e gli obiettivi Compulsiòn propone un intervento innovativo, individualizzato, multimodale e breve, che comprende moduli specifici e indipendenti programmati in base alle esigenze della persona con comportamenti compulsivi e della sua famiglia, in un Servizio flessibile e facilmente accessibile in base alle esigenze dei fruitori. Fornisce cure personalizzate, tailored sulle esigenze dei pazienti e delle loro famiglie, grazie alla possibilità di associare a difficoltà e problematiche specifiche che emergano da una valutazione modulare di primo e secondo livello e pacchetti di prestazioni combinabili e integrabili tra loro a seconda del bisogno della persona e della sua famiglia. Gli obiettivi generali che guidano il lavoro con il paziente e la sua famiglia si possono così riassumere: Valutare la gravità del comportamento compulsivo, il grado di compromissione e la gravosità per fornire risposte personalizzate Motivare alla cura Fornire interventi brevi, a termine e specifici, basati su quanto disponibile nella evidence based medicine Orientare allo soluzione di problematiche sociali (legali, economiche,...) Stabilizzare e ridurre la sintomatologia compulsiva Prevenire le ricadute Fornire consulenza e orientamento alle famiglie 3.2 Il programma di cure, le prestazioni erogate e i servizi garantiti Il programma di cure di Compulsiòn si basa su una modalità di intervento definita multimodale : in linea con la letteratura e in base all'esperienza maturata, riteniamo che programmi di trattamento costituiti da interventi differenziati e distinti ma combinati ed integrati, quali la somministrazione del farmaco, la terapia individuale, la terapia di gruppo e il counselling, sia ai pazienti sia alle famiglie, garantiscano una maggiore efficacia in termini di riduzioni del comportamenti disfunzionali e di aumento di comportamenti adattivi e di coping. Sono previsti pacchetti di prestazioni, ognuno dei quali indipendente, ma connesso agli altri. I pacchetti possono essere attivati contemporaneamente o in tempi differenti a seconda della valutazione clinica effettuata all inizio del trattamento. 4

5 Grazie a questo tipo di classificazione è possibile definire percorsi di cura e di riabilitazione personalizzati, appropriati e coerenti con i bisogni delle persone e delle famiglie, nonché la gravosità delle cure. Di seguito esponiamo la descrizione dei pacchetti di prestazioni semestrali, combinabili in base alla gravità/gravosità rilevata, previste da Compulsiòn per i pazienti e per le loro famiglie. 1. Valutazione di I e II livello e intervento motivazionale: n. 16 colloqui con uno psicologo psicodiagnosta (60 minuti cadauno) a cadenza settimanale e n. 2 colloqui con uno psichiatra volti alla diagnosi secondo i criteri del DSM-IV-TR, alla valutazione della comorbilità e del livello di gravità e di motivazione alla cura. Questo pacchetto è destinato a tutti i pazienti che accedono al servizio nella prima annualità. La valutazione di primo livello non è prevista nel caso in cui sia già stata effettuata da un servizio per le dipendenze inviante e nelle annualità successive quando si prevede che i Servizi pubblici per le Dipendenze possano svolgere questa funzione. Agli strumenti di indagine di primo livello, usati presso i servizi delle dipendenze, si affianca l'uso degli strumenti per la diagnosi di secondo livello e quello di strumenti specifici per valutare la gravità del disturbo compulsivo rilevato. 2. Consulenza motivazionale e/o strategica e di prevenzione delle ricadute: n. 16 colloqui individuali della durata di 60 minuti a cadenza settimanale, eseguiti da uno psicologo, volti a motivare e sostenere il cambiamento del comportamento e delle abitudini, e a sviluppare strategie personali per prevenire le ricadute. 3. Psicoterapia individuale: n. 16 colloqui di psicoterapia individuale della durata di 60 minuti a cadenza settimanale, eseguiti da uno psicologo-psicoterapeuta nel caso esista una diagnosi specifica riconducibile al criterio nosografico corrente (DSM-V-TR) o a disagi mentali in comorbilità. 4. Psicoterapia sessuologica: n. 16 colloqui individuali della durata di 60 minuti di psicoterapia e/o di consulenza sessuologica a cadenza settimanale, eseguiti da uno psicologo-psicoterapeuta esperto in sessuologia. 5. Consulenza psichiatrica o neuropsichiatrica: n. 10 incontri a cadenza quindicinale con un medico - psichiatra esperto nel trattamento delle dipendenze per la valutazione del compenso, l'impostazione e il monitoraggio di una eventuale terapia farmacologica. L intervento è volto a monitorare l'evoluzione di problematiche a carattere psichiatrico. 6. Tutoring socio-sanitario: n. 25 colloqui della durata di 60 minuti a cadenza settimanale ad opera di un educatore o di un assistente sociale, volti al sostegno e alla soluzione di difficoltà sociali anche attraverso l'orientamento e l'accompagnamento ai servizi idoneamente deputati 7. Consulenza legale/amministrativa: n. 10 incontri a cadenza quindicinale con un avvocato o un commercialista volti alla consulenza di pazienti con situazioni fallimentari e debitorie. 8. Psicoterapia di coppia: n. 8 incontri della durata di 90 minuti di psicoterapia di coppia ogni 3 settimane con due psicoterapeuti della famiglia volti ad affrontare disagi e problematiche nella relazione (co-dipendenza). 9. Colloqui familiari: n. 10 incontri della durata di 90 minuti di consulenza familiare a cadenza quindicinale svolti da uno psicologo per fornire informazioni e orientamento alla problematica presentata, al sostegno e al coinvolgimento attivo in un piano di intervento verso la gestione e soluzione del problema. 10. Psicoterapia familiare: n. 5 incontri della durata di 120 minuti di psicoterapia familiare a cadenza mensile con due psicoterapeuti della famiglia volti a sostenere l intero nucleo familiare di adolescenti e giovani nella ricerca di nuove strategie di comunicazione e nuove modalità relazionali che consentano il cambiamento in famiglia. 11. Gruppo di prevenzione delle ricadute: n. 25 incontri di gruppo (da 4 a 8 soggetti) della durata di 90 minuti a cadenza settimanale, svolte da uno psicologo-psicoterapeuta, per persone con problematiche omogenee ma senza comorbilità psichiatrica, volti alla relazione di sostegno e alla prevenzione delle ricadute. 12. Gruppo multi-familiare: n. 10 incontri di gruppo (da 3 a 6 nuclei) della durata di minuti a cadenza quindicinale svolti da 2 psicologi-psicoterapeuti per il sostegno dei familiari I pacchetti di prestazioni si intendono riferiti a semestre ed includono gli incontri di rete con i servizi invianti e/o con i terapeuti coinvolti nella presa in carico. La possibilità di combinare flessibilmente le prestazioni ribalta la logica di una risposta uguale per tutti i pazienti, ponendo l'attenzione sui bisogni specifici attentamente valutati. Le combinazioni di pacchetti di prestazioni risultano ampie permettendo di affrontare problemi in modo differenziato in base alle esigenze, alle difficoltà e alle risorse personali, familiari e ambientali dei pazienti. 5

6 Gli interventi di consulenza, psicologici - psicoterapici fanno riferimento agli approcci: Motivazionale Cognitivo - comportamentale Dinamico analiticamente orientato Sistemico - relazionale Strategico Alla fine dell'intervento semestrale, in seguito a nuova valutazione, ex post trattamento, la persona e la famiglia possono essere dimessi o nel caso sussista la necessità di un altro intervento i pazienti e le loro famiglie possono usufruire di un nuovo pacchetto di prestazioni. Caratteristiche peculiari del Servizio sono la riservatezza e una particolare attenzione alla privacy, la flessibilità nella possibilità di incontrare i bisogni dei pazienti e la riduzione al minimo dei tempi di attesa per la presa in carico. A tutti i soggetti sono garantiti programmi definiti nel tempo finalizzati al raggiungimento degli obiettivi e ad una adeguata evoluzione della situazione di dipendenza. Particolare attenzione è data al contesto familiare dei soggetti in cura con figli minorenni. Ai soggetti è garantita una rivalutazione generale della situazione, della gravità e della gravosità dei problemi presentati e la possibilità di riformulare un nuovo programma con obiettivi definiti nel tempo e concordati. Il soggetto viene informato prima dell'erogazione delle prestazioni circa le modalità di cura, dei limiti, dei rischi e dei vantaggi del trattamento proposto nonché delle possibili alternative. È prevista la figura del "care manager" che viene individuata tra le figure professionali che possono rispondere alle esigenze prevalenti delle persone in fase di presa in carico o di formulazione del programma di cura. 4. LA VALUTAZIONE 4.1 La valutazione dei risultati La valutazione dei risultati viene effettuata a partire dalla valutazione iniziale (al tempo 0 - T0) attraverso la stima del cambiamento ottenuto al momento del monitoraggio/valutazione dell'esito (al tempo 1 - T1) alla conclusione del modulo di cura, dopo 6 mesi dalla presa in carico. Per far ciò è stato individuato un set di indicatori specifico, che comprende per esempio: la durata dei trattamenti il mantenimento dell astinenza la diminuzione della frequenza delle ricadute la diminuzione del craving l'aumento della motivazione l'aumento del funzionamento e della qualità della vita la diminuzione delle attività compromissive dello stato legale la necessità di un trattamento per aree il maggior compenso del quadro e della sintomatologia psicopatologica La procedura di valutazione prevede la somministrazione dei strumenti di valutazione aspecifici (EuropASI per il follow-up, SCL90 e VGF) e specifici per la Compulsione principale, proposti al paziente in fase di presa in carico. La valutazione quindi ha una duplice finalità: 1. ottenere una indicazione di dimissione o della necessità di ulteriori interventi 2. fornire evidenze sull'efficacia della modalità di intervento. 6

7 4.2 Standard di qualità e reclami Il miglioramento continuo della qualità del servizio è reso possibile dall analisi dei reclami e dei questionari di gradimento, oltre che dalla verifica del mantenimento degli standard prefissati annualmente e dal periodico Riesame della Direzione. Sono inoltre svolte verifiche ispettive interne, per garantire il mantenimento della conformità e l applicazione del Sistema Qualità. In particolare sono oggetto di valutazione prioritariamente i seguenti fattori di qualità: 1. Adeguata personalizzazione delle attività e degli interventi 2. Trasparenza degli obiettivi e degli strumenti relativi alla cura 3. Accuratezza e tempestività delle prestazioni erogate 4. Valutazione multidisciplinare entro 1 mese dall'accoglienza 5. Tempestività nel rispondere alle richieste (degli utenti, dei famigliari e dei Servizi) 6. Attenzione alle relazioni umane (disponibilità del personale). I reclami possono essere presentati in qualsiasi forma dalle persone direttamente o indirettamente dai parenti, dai Servizi, affini e organismi di volontariato o di tutela dei diritti che vogliano tutelarsi verso qualsiasi disservizio. Le segnalazioni possono essere fatte direttamente alla Direzione d'area, telefonicamente, per posta, via fax o posta elettronica. Adelmo Fiocchi cell Per i disservizi facilmente risolvibili, la Direzione provvede ad immediata soluzione e garantisce una risposta scritta entro 15 giorni dal ricevimento del reclamo. Per i casi più complessi viene data risposta informativa e conclusiva entro 30 giorni dal ricevimento dello stesso. La Direzione provvede infine al riesame del reclamo se l'interessato prova di non essere fondatamente soddisfatto della risposta. 4.3 La soddisfazione del cliente La valutazione della soddisfazione del cliente rispetto alla qualità del servizio di cure ricevuto all interno del progetto avviene attraverso la somministrazione di un questionario ai pazienti. Gli aspetti esaminati si riferiscono a: assistenza ricevuta professionalità e relazioni con il personale informazione e comunicazione prestazioni specialistiche I dati, elaborati dal Responsabile della Qualità della Cooperativa, sono discussi in Direzione durante l annuale riunione di riesame del Sistema qualità. Sulla base dei risultati vengono individuate le azioni di miglioramento necessarie relativamente ai processi terapeutici ed organizzativi. 7

8 Come tutti i Servizi erogati dalla cooperativa Atipica, Compulsiòn guarda ai seguenti principi: Uguaglianza dei diritti delle persone: in base all'articolo 3 della costituzione, secondo il quale "tutti i cittadini hanno pari dignità senza distinzioni di razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psicofisiche e socio-economiche", il fine è quello di non limitarsi a rispondere a bisogni, anche complessi e diversificati, in modo rigido e con un solo tipo di servizio, bensì nell offrire una serie di risposte che siano il più possibile "abito su misura" per il cittadino-cliente. Imparzialità e continuità: svolge la propria attività secondo criteri di obiettività, giustizia ed imparzialità, garantendo la regolarità e la continuità della prestazione. Diritto di scelta: compatibilmente con le esigenze organizzative, ricerca criteri di maggiore flessibilità per l'erogazione dei servizi sul territorio. Partecipazione: al fine di promuovere ogni forma di partecipazione dei cittadini, garantisce un'informazione completa e trasparente e ricerca la massima semplificazione delle procedure. Efficienza ed efficacia: l'erogazione dei Servizi viene effettuata secondo modalità idonee al raggiungimento degli obiettivi di efficienza ed efficacia, nell'organizzazione e nell'attuazione dei progetti generali ed individuali che riguardano le persone fruitrici del Servizio. La cooperativa s'impegna a garantire un costante aggiornamento del personale, in termini di crescita professionale, al fine di fornire Servizi sempre più rispondenti alle esigenze specifiche del cliente, migliorando al contempo la qualità dell intervento. Riservatezza: serietà e ritegno, obbligo a non rivelare notizie apprese, ma anche capacità di discernere tra ciò che è utile e necessario comunicare in un lavoro integrato tra professionisti. COMPULSION RICEVE PRESSO IL CENTRO STUDI E PSICOTERAPIA VIA LONGONI 2 ANGOLO VIA FARINI, MILANO MM LINEA 2 FERMATA GARIBALDI MM LINEA 3 FERMATA MACIACHINI BUS: TRAM: 3-4 8

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO

UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO UNITA DI PSICOLOGIA CLINICA RIABILITATIVA CENTRO DIURNO Responsabile Dr Caterina Iocca. PROGETTO CENTRO DIURNO - PRESIDIO DI GIRIFALCO PREMESSA Nelle finalità del progetto riabilitativo complessivo dell

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE

ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione del SERVIZIO INTEGRATO TERRITORIALE su AFFIDO ed ADOZIONE CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO AMBITO TERRITORIALE SOCIALE DI CASARANO PROVINCIA di LECCE Assessorato alle Politiche Sociali ACCORDO e Protocollo Operativo per la realizzazione

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO

DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETA' SOCIALE E VOLONTARIATO CIRCOLARE REGIONALE del 15/01/2014 - N 1 OGGETTO: PRIME INDICAZIONI ATTUATIVE DELLA DGR N. 1185/2013 CON SPECIFICO RIFERIMENTO ALLE DGR

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve

La depressione può colpire chiunque. Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve La depressione può colpire chiunque Fattori di rischio, autoesame e interlocutori in breve «Faccio fatica a prendere qualsiasi decisione, seppur minima. Addirittura facendo la spesa. Ho sempre paura di

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La carta dei servizi al cliente

La carta dei servizi al cliente La carta dei servizi al cliente novembre 2013 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi dell ICE Agenzia si ispira alle direttive nazionali ed europee in tema di qualità dei servizi e rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

A relazione dell'assessore Monferino:

A relazione dell'assessore Monferino: REGIONE PIEMONTE BU32 09/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 30 luglio 2012, n. 45-4248 Il nuovo modello integrato di assistenza residenziale e semiresidenziale socio-sanitaria a favore delle

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000

D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo Tutela della Salute Mentale 1998-2000 D.P.R. 10-11-1999 Approvazione del Progetto-Obiettivo "Tutela della Salute Mentale" 1998-2000 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto l'articolo 1 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura

L ECC la sua sperimentazione in Italia. Creare una base comune per il lavoro di cura L ECC la sua sperimentazione in Italia Evert-Jan Hoogerwerf (AIAS Bologna onlus) Referente dell ECC per Italia Membro del CD dell ECC Creare una base comune per il lavoro di cura Piano di lavoro 1. Comprensione

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli