collana strumenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "collana strumenti 97888-96662-22-9 2"

Transcript

1 collana strumenti 2

2 collana strumenti Le pubblicazioni contenute in questa collana declinano e applicano le singole normative che interessano la vita associativa delle Organizzazioni di Volontariato, così come definite dalla L. 266/91, ma anche di altre forme associative. Si propongono di rispondere alla domanda come fare per... che resta talvolta nei dubbi di chi opera nel volontariato. 1 Costituzione di una Organizzazione di Volontariato 2 Responsabilità degli amministratori e delle Organizzazioni di Volontariato 3 Gestione di una Organizzazione di Volontariato 4 Obblighi contabili per una Organizzazione di Volontariato 5 Assicurazione di una Organizzazione di Volontariato 6 Privacy per le Organizzazioni di Volontariato 7 Sicurezza dei lavoratori e dei volontari nelle Organizzazioni di Volontariato 8 Agevolazioni fiscali per le Organizzazioni di Volontariato 9 Raccolta fondi per le Organizzazioni di Volontariato 10 Donazioni per le Organizzazioni di Volontariato 11 Rendicontazione del Cinque per mille 12 Organizzazione di eventi. Aspetti fiscali, contabili e organizzativi 13 Gestione dei rapporti con gli Enti Pubblici per le Organizzazioni di Volontariato Nei siti dei CSV sono reperibili le edizioni online aggiornate. Filippo Mazzi, Cristina Vaccario Collana a cura del CSV di Verona Edizione luglio 2012

3 collana strumenti 2

4

5 Responsabilità degli amministratori e delle Organizzazioni di Volontariato Introduzione al D.P.R. 361/2000 le persone giuridiche riconosciute e non riconosciute - Autonomia patrimoniale perfetta e imperfetta L ordinamento giuridico italiano riconosce l esistenza di enti con personalità (c.d. enti riconosciuti o persone giuridiche) e di enti di fatto (c.d. enti non riconosciuti), ammettendo che entrambe le categorie di enti citate possono diventare titolari di diritti e di obblighi. Si precisa sin d ora, tuttavia, che, in ragione del diverso status riconosciuto dall ordinamento giuridico alle dette tipologie di enti, per le stesse sono a volte previsti regimi differenti. Gli enti privati acquistano la personalità giuridica (e l autonomia patrimoniale) tramite iscrizione nel Registro delle persone giuridiche istituito presso la prefettura (se l ente opera a livello nazionale o multi-regionale) o presso la Regione (se l ente opera a livello regionale). Il riconoscimento e la registrazione sono dunque indispensabili per evitare la responsabilità personale ed illimitata degli amministratori dell ente e degli altri soggetti che agiscono in nome e per conto del medesimo. Ai sensi del nostro ordinamento giuridico solo le persone giuridiche riconosciute godono della c.d. autonomia patrimoniale perfetta; a seguito dell iscrizione nel registro delle persone giuridiche, infatti, si ottiene una separazione patrimoniale perfetta tra il patrimonio dell associazione e quello degli amministratori e degli altri soggetti che agiscono in nome e per conto dell ente. In questo caso, quindi, ad esempio, contrariamente a quanto accade negli enti non riconosciuti o c.d. enti di fatto, i creditori dell ente non potranno far valere i propri diritti sul patrimonio degli amministratori o degli altri soggetti che sono intervenuti nella gestione dell ente. L istruttoria amministrativa per la concessione del riconoscimento stabilisce ed accerta se il nuovo ente: a) sia in grado di perseguire con stabilità ed autonomia gli scopi prefissati; b) abbia una base patrimoniale sufficiente ad assicurarne l esistenza; c) presenti tutti gli elementi di cui all articolo 16 cod. civ. e la loro idoneità a garantire la vita ed il raggiungimento delle finalità dello stesso; d) rispetti lo scopo non lucrativo. 3

6 L autorità competente deve registrare l ente nel Registro entro 120 giorni dalla data di presentazione della domanda. La medesima procedura trova applicazione per il deposito di ogni modifica dell atto costitutivo e/o dello statuto. La legge prevede una sanzione fino ad un massimo di Euro 550 per gli amministratori o liquidatori che non depositano nel Registro gli atti e le informazioni richiesti dalla legge. A seguito dell abrogazione dell art. 17 del c.c. ( Acquisto di immobili e accettazione di donazioni, eredità e legati ), l unica differenza di rilievo tra enti riconosciuti e non riconosciuti consiste nel fatto che solo i primi godono di autonomia patrimoniale perfetta. Importante: Per ottenere il riconoscimento della personalità giuridica e quindi la c.d. autonomia patrimoniale perfetta dell ente è necessario che siano soddisfatte le condizioni previste per il tipo di ente (associazione, fondazione, ecc.) che presenta la domanda, che lo scopo sia possibile e lecito e che il patrimonio risulti adeguato alla realizzazione dello scopo. Si ritiene, comunque, opportuno precisare che in Italia la stragrande maggioranza degli enti senza scopo di lucro (e, più in particolare, delle organizzazioni di volontariato) è costituita nella forma dell ente non riconosciuto. Si ritiene, comunque, opportuno precisare che in Italia la stragrande maggioranza degli enti senza scopo di lucro (e, più in particolare, delle organizzazioni di volontariato) è costituita nella forma dell ente non riconosciuto. 4 responsabilitàdegli amministratori

7 La responsabilità degli amministratori L organo amministrativo è l organo competente a gestire e a rappresentare l ente e viene nominato secondo le modalità e le procedure contenute nell atto costitutivo e nello statuto. Può essere composto da una pluralità di persone (è il caso del consiglio di amministrazione o consiglio direttivo) o da una sola persona (vale a dire da un amministratore unico). Di fatto, comunque, è assolutamente più frequente (e spesso opportuno) un organo amministrativo collegiale, vale a dire un consiglio di amministrazione o consiglio direttivo. La fonte dei poteri degli amministratori viene individuata nel contratto di associazione, vale a dire nell atto costitutivo (comprensivo di statuto). L unica disposizione contenuta nel codice civile che disciplina espressamente la responsabilità degli amministratori delle persone giuridiche riconosciute diverse dalle società è l art. 18 che stabilisce quanto segue: Gli amministratori sono responsabili verso l ente secondo le norme sul mandato. È però esente da responsabilità quello degli amministratori il quale non abbia partecipato all atto che abbia causato il danno, salvo il caso in cui, essendo a cognizione che l atto si stava per compiere, egli non abbia fatto constare del proprio dissenso. Per completezza si sottolinea che, le disposizioni contenute nel suddetto articolo, pur se espressamente riferite alle persone giuridiche riconosciute, si ritengono applicabili, in assenza di ulteriori specifiche disposizioni, anche agli enti non riconosciuti, tra cui rientrano le organizzazioni di volontariato, che, nella maggior parte dei casi, adottano tale forma. Il rinvio di carattere generale alle norme sul mandato ha creato qualche incertezza interpretativa in merito alle disposizioni in materia di mandato effettivamente applicabili agli amministratori dell ente, tanto è vero che, per meglio interpretare la portata dell art. 18 c.c., sono spesso state applicate per analogia le disposizioni di cui all art c.c. che, prima dell entrata in vigore l 1 gennaio 2004 della c.d. Riforma del diritto societario, in materia di responsabilità degli amministratori di società stabiliva: Gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza del mandatario e sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall inosservanza di tali doveri... In particolare, l art c.c. faceva espresso rinvio alla diligenza del mandatario 1 e, quindi, anche all art c.c. che stabilisce: 1. Ora l art c.c. sancisce che gli amministratori devono adempiere i doveri ad essi imposti dalla legge e dallo statuto con la diligenza richiesta dalla natura dell incarico e dalle specifiche competenze. La riforma ha, quindi, introdotto un maggior grado di 5

8 Il mandatario è tenuto a eseguire il mandato con la diligenza del buon padre di famiglia; ma se il mandato è gratuito, la responsabilità per colpa è valutata con minor rigore. Un orientamento ritiene applicabile alla fattispecie l art c.c., ai sensi del quale nell adempimento delle obbligazioni inerenti all esercizio di un attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell attività esercitata ; ciò significa che nel valutare il comportamento dell amministratore si dovrà verificare se lo stesso ha adottato la diligenza dell amministratore avveduto e coscienzioso, che sarà senza dubbio un grado di diligenza maggiore di quella che sarebbe richiesta ad un soggetto qualunque, che non è investito del compito di gestire un ente. Alla diligenza si associano, generalmente, anche i principi della prudenza (che comporta il dovere di non compiere operazioni rischiose che nessun amministratore accorto compierebbe) e della perizia (che attiene alla capacità di gestire l ente, tenuto conto delle specifiche caratteristiche ed esigenze dello stesso). Si osserva, poi, che accogliendo i principi dell art c.c., dovrebbe trovare applicazione anche il principio secondo cui la responsabilità per inadempimento colposo va valutata con minor rigore se il rapporto di amministrazione è svolto a titolo gratuito. Si ritiene che questa interpretazione abbia un impatto di non poca importanza per il mondo degli enti non commerciali e, più in particolare, delle organizzazioni di volontariato, in quanto la gratuità delle cariche (compresa quella di amministratore) è inderogabilmente sancita dalla legge e sarebbe, quindi, applicabile a tutte le organizzazioni di volontariato. A questo riguardo, si osserva che, da un lato, la possibile attenuazione della responsabilità degli amministratori potrebbe fungere da incentivo per le persone che a titolo volontario e gratuito decidono di ricoprire la carica, con assunzione delle conseguenti responsabilità; dall altro, tuttavia, potrebbe in alcuni casi indurre gli amministratori ad una gestione meno oculata, esercitando le proprie funzioni con un minor grado di attenzione e diligenza. Ciò detto, la spinta motivazionale degli amministratori e la condivisione dei fini dell ente dovrebbero generalmente procurare sufficienti stimoli per adottare un oculata ed attenta gestione dell ente. diligenza in capo agli amministratori delle società; infatti la loro prudenza, diligenza e perizia dovranno, di volta in volta, essere rapportate alle particolari competenze professionali o tecniche dell amministratore. 6 responsabilitàdegli amministratori

9 Responsabilità verso l ente La responsabilità degli amministratori verso l ente viene unanimemente ricondotta alla tipologia della responsabilità contrattuale, trovando il proprio fondamento nel contratto di associazione. Troveranno, pertanto, applicazione le regole generali sull inadempimento contrattuale e sul risarcimento del danno. Di conseguenza, si sottolinea che il risarcimento del danno da parte dell amministratore all ente dovrà comprendere tanto la perdita subita (danno emergente) quanto il mancato guadagno (lucro cessante) che siano la conseguenza diretta ed immediata del proprio agire. Tuttavia, l amministratore non è chiamato a rispondere dell inadempimento per il solo fatto di ricoprire la carica, infatti sono responsabili verso l ente solo gli amministratori che hanno partecipato al compimento dell atto o del fatto che ha causato il danno. Si osserva, inoltre, che, al fine di esimersi da responsabilità, l amministratore dissenziente dovrà far constare il proprio dissenso nel verbale di adunanza del consiglio di amministrazione che ha deliberato il compimento di detto atto o fatto. Si osserva, inoltre, che nel caso in cui il dissenso non possa essere stato annotato nel verbale di adunanza, si ritiene che lo stesso dovrebbe comunque risultare da atto iscritto, non potendo la semplice manifestazione orale del dissenso assicurare l esenzione da responsabilità. Nel caso in cui più amministratori si siano resi responsabili verso l ente per il compimento di atti o fatti che, comportando un inadempimento al contratto di associazione, hanno causato un danno all ente, essi risponderanno nei confronti dello stesso in via solidale. Quando una pluralità di soggetti è tenuta a risarcire il creditore in via solidale (nel caso in esame l associazione é creditrice verso gli amministratori, che rispondono solidalmente, per il risarcimento del danno causato), significa che ognuno di essi è obbligato verso il creditore (l ente) per l intero ammontare del debito, pertanto il creditore ha il diritto di citare in giudizio, per la totalità del credito (vale a dire del danno), uno solo tra i debitori (gli amministratori). Ciò comporta che l ente potrà decidere quali e quanti amministratori citare in giudizio e valutare, tra l altro, quale tra essi appaia il più solvibile e pretendere dallo stesso l intero risarcimento del danno. Resta, ovviamente, inteso che l amministratore che abbia risarcito all ente l intero danno avrà diritto di rivalersi nei confronti degli altri amministratori affinché gli rimborsino la quota di loro spettanza. Infine, l art. 22 c.c. stabilisce le modalità di esercizio dell azione: Le azioni di responsabilità contro gli amministratori delle associazioni per fatti da loro compiuti sono deliberate dall assemblea e sono esercitate dai nuovi amministratori o dai liquidatori. 7

10 L ente dovrà provare in giudizio l inadempimento degli amministratori ad un obbligo di legge o dello statuto ed il danno che ne è conseguenza immediata e diretta; spetterà agli amministratori di provare i fatti e le circostanze che possano escludere la loro responsabilità nei confronti dell ente. Si applica all azione un termine di prescrizione quinquennale. Responsabilità verso i creditori dell ente Viene oggi ampiamente riconosciuto che gli amministratori sono direttamente responsabili, oltre che nei confronti dell ente, anche nei confronti dei creditori di questo, attribuendo un azione ai creditori del tutto autonoma rispetto all azione sociale di responsabilità di cui al precedente paragrafo. Si precisa che tale responsabilità viene generalmente ricondotta all istituto della responsabilità per fatto illecito sancito dall art e s.s. del codice civile, nel senso che gli amministratori sono ritenuti responsabili per il pregiudizio arrecato alle ragioni dei creditori a seguito della violazione del dovere di preservare l integrità del patrimonio dell ente. Solo per le società tale tipo di responsabilità viene espressamente disciplinato da una disposizione del codice civile (art. 2394) e tale disposizione, a sostegno di quanto sopra affermato, viene qualificata come un applicazione specifica, in rapporto alle società, del principio generale della responsabilità per fatto illecito. L art c.c., infatti, sancisce che: Gli amministratori rispondono verso i creditori sociali per l inosservanza degli obblighi inerenti alla conservazione dell integrità del patrimonio sociale. L azione può essere proposta dai creditori quando il patrimonio sociale risulta insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti... Un autorevole orientamento ha affermato che, nel caso di esercizio dell azione ex art c.c. da parte dei creditori nei confronti degli amministratori di un ente collettivo, troverebbero applicazione le regole dettate per le società dall art c.c., dettando le condizioni e le modalità per l esercizio, da parte dei creditori, dell azione di risarcimento del danno causato dagli amministratori in conseguenza dell inosservanza al dovere di preservazione dell integrità del patrimonio dell ente. 2. Art c.c. Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno. In termini generali si può affermare che l art c.c. trova applicazione quando non vi sia tra le parti un accordo, un contratto o altro rapporto giuridico che già determini le rispettive obbligazioni, tra cui quelle di tipo risarcitorio. 8 responsabilitàdegli amministratori

11 Si osserva, tra l altro, che la responsabilità degli amministratori verso i creditori è alquanto estesa, infatti, essendo essi responsabili della conservazione dell integrità dell intero patrimonio dell ente, sono, in sostanza, responsabili per la diligenza con la quale gestiscono l ente stesso, in quanto ogni atto di gestione può sostanziarsi in un atto di disposizione del patrimonio ed essere, pertanto, suscettibile di arrecare pregiudizio al patrimonio dell ente. Ciò, tuttavia, non significa che gli amministratori siano soggetti alle azioni dei creditori senza condizioni, tanto è vero che, il citato art limita l esercizio delle loro azioni ai casi in cui il patrimonio dell ente risulta insufficiente alla soddisfazione dei loro crediti. L azione si prescrive in un termine di cinque anni dall accadimento del danno. Responsabilità verso i terzi Il tema della responsabilità degli amministratori nei confronti dei terzi ha visto per molto tempo contrapporsi opinioni contrastanti. Oggi sembra, comunque, prevalere l orientamento che riconosce un principio avente portata generale e riferibile, secondo autorevole opinione, a tutti gli enti collettivi (tra cui anche le organizzazioni di volontariato). Tale principio consiste nell attribuzione della responsabilità per atto illecito compiuto dagli amministratori nell esercizio delle loro funzioni, non solo agli amministratori, ma anche all ente; pertanto, l amministratore sarebbe qualificato come organo dell ente, con conseguente imputazione a quest ultimo dei fatti compiuti dagli amministratori (quali organi dell ente) nell esercizio delle loro funzioni. Gli amministratori, tuttavia, possono anche essere soggetti (quali amministratori) a responsabilità personale per l illecito commesso nell esercizio delle loro funzioni. Si osserva, infine, che l individuazione degli illeciti che possono dare luogo all azione in questione non è unanime. A tale riguardo può, comunque, essere d aiuto l art c.c., ove stabilisce che le disposizioni relative all esercizio dell azione sociale e all azione dei creditori non pregiudicano il diritto al risarcimento del danno spettante al singolo socio o al terzo che sono stati direttamente danneggiati da atti colposi o dolosi degli amministratori. Infatti, dalla lettura di tale disposizione, sembra potersi dedurre che l azione è riconosciuta ad ogni terzo (o singolo associato) e per ogni possibile danno, che sia stato cagionato, in via diretta, dagli amministratori nell esercizio delle loro funzioni. L azione si prescrive in cinque anni dal compimento dell atto che ha pregiudicato il socio o il terzo. 9

12 responsabilitàdegli amministratori La responsabilità degli enti La responsabilità civile Come precedentemente precisato l ordinamento giuridico riconosce l esistenza dei c.d. enti riconosciuti o persone giuridiche e degli enti di fatto o enti non riconosciuti. L elemento caratteristico principale delle persone giuridiche è la c.d. autonomia patrimoniale, che permette una netta distinzione e separazione del patrimonio dell ente da quello degli associati e degli amministratori. Infatti, i creditori degli amministratori o degli associati non potranno esercitare i propri diritti sul patrimonio dell ente; del pari i creditori dell ente non potranno pretendere che gli amministratori o gli associati paghino i debiti dell ente con il loro patrimonio personale. In questo caso, comunque, la mancanza di responsabilità dei singoli associati o amministratori viene mitigata dalla responsabilità che gli amministratori hanno verso l ente, i creditori ed i terzi, per danni causati in violazione dei doveri inerenti alla loro carica. Al contrario, gli enti non riconosciuti, come spesso è il caso delle organizzazioni di volontariato, godono di autonomia patrimoniale imperfetta nel senso che, da un lato, l art. 38 del codice civile stabilisce che per le obbligazioni assunte dalle persone che rappresentano l associazione i terzi possono far valere i loro diritti sul fondo comune, ma dall altro aggiunge che delle obbligazioni rispondono anche personalmente e solidalmente le persone che hanno agito in nome e per conto dell ente. 10 Tale disposizione conferma senza dubbio che all ente non riconosciuto l ordinamento giuridico attribuisce un certo grado di soggettività, in quanto ne identifica un patrimonio e dei diritti che sullo stesso possono essere esercitati dai creditori dell ente. In altre parole, l ente risponde direttamente delle proprie obbligazioni nei limiti del fondo comune (costituito dai contributi degli associati e dei beni acquistati con tali contributi), pertanto gli associati possono opporre al creditore la limitazione della propria responsabilità. Ciò significa che, per il soddisfacimento delle proprie pretese il creditore non potrà agire nei confronti del patrimonio dell associato, ma piuttosto nei confronti dell ente e, quindi, del fondo comune. L associato, infatti, risponde nel limite dei contributi che ha versato nel fondo comune, come analogamente accade, ad esempio, al socio di una società per azioni con il capitale versato.

13 Tuttavia, la seconda parte dell articolo in esame precisa che tale patrimonio non è perfettamente autonomo, infatti, per il soddisfacimento delle loro pretese, i creditori dell ente possono anche agire contro il patrimonio delle singole persone che hanno assunto, in presenza dei necessari poteri, le obbligazioni in nome e per conto dell ente. Si ritiene opportuno sottolineare che la norma non si riferisce solo agli amministratori, ma anche ai soggetti che hanno ricevuto un mandato speciale a trattare un determinato affare, infatti, la stessa non menziona gli amministratori ma fa riferimento, in generale, alle persone che hanno agito in nome e per conto dell ente; anche l associato che, come abbiamo visto, può opporre al creditore una limitazione di responsabilità (consistente nel contributo versato nel fondo comune), è chiamato a rispondere con il proprio patrimonio nell ipotesi in cui sia entrato direttamente in contatto con il terzo assumendo l obbligazione in nome e per conto dell ente. Il motivo di fondo per cui tale distinzione tra enti riconosciuti e non riconosciuti esiste si individua nel fatto che, al fine di ottenere il riconoscimento e la conseguente personalità giuridica, la legge richiede che il patrimonio risulti adeguato alla realizzazione dello scopo dell ente (art. 1, comma 3, D.P.R. 361/2000). Pertanto, l autorità competente (vale a dire la prefettura o la regione) prima di concedere il riconoscimento ad un ente ne verifica, tra il resto, la consistenza patrimoniale rispetto agli scopi statutari dell ente. Al contrario, gli enti non riconosciuti, non soggiacendo ad alcun controllo preventivo come quello sopra descritto, non possono assicurare ai futuri creditori dell ente la medesima consistenza patrimoniale, con la conseguenza che le persone che hanno agito in suo nome e conto possono essere tenute a rispondere delle obbligazioni di questo con il proprio patrimonio personale. Concludendo l analisi del citato art. 38, si evidenzia che la responsabilità delle persone che hanno agito in rappresentanza dell ente è di tipo solidale, pertanto ognuna di esse, in caso di insufficienza del fondo comune, sarà tenuta verso il terzo al risarcimento del danno, salvo il diritto di rivalersi pro-quota sugli altri soggetti obbligati in solido che abbiano agito in nome e per conto dell ente. 11

14 responsabilitàdegli amministratori La responsabilità amministrativa A. Inquadramento Un discorso a parte va fatto per la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche introdotta dal decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica. Tale decreto ha, infatti, introdotto una nuova figura di responsabilità nell ordinamento giuridico, che oltre ad interessare le persone giuridiche, riguarda anche gli enti non riconosciuti (organizzazioni di volontariato incluse), comportando per gli stessi possibili rilevanti conseguenze. Il decreto dispone espressamente la non applicabilità della responsabilità in esso prevista allo Stato, agli enti pubblici territoriali, agli altri enti pubblici non economici, nonché agli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale (art. 1, comma 3). La responsabilità dell ente ai sensi del decreto 231 è definita amministrativa, ma, nella sostanza, essa dà luogo ad addebiti di natura penale ed è, infatti, il giudice penale competente in materia. Il decreto determina gli effetti conseguenti all agire delle persone fisiche che appartengono all ente e che commettono alcune tipologie di reati nell interesse o a vantaggio dell ente stesso. Effettivamente, molte realtà associative di rilevanza nazionale, hanno assunto dimensioni e connotazioni assimilabili a quelle delle imprese, gestendo patrimoni, rischi e responsabilità di dimensioni assolutamente rilevanti. Si ritiene quindi utile l introduzione di uno strumento che sia finalizzato a tutelare e preservare il patrimonio degli enti non profit, garantendo la destinazione del patrimonio al raggiungimento degli scopi sociali e/o solidaristici dell ente. Ciò nonostante, la norma è stata specificamente formulata nell ottica di prevenire e punire determinate fattispecie criminose tipiche delle società, che evidentemente operano per perseguire finalità di tipo esclusivamente economico, senza prendere in considerazione alcuna le rilevanti peculiarità degli enti non profit, ai quali, come detto, il presente decreto si applica. 12 Alla luce di questa precisazione si segnalano qui di seguito alcune tematiche particolarmente delicate che, a giudizio di chi scrive, potrebbero probabilmente essere state risolte all origine con l emanazione di alcuni criteri e regole specifici per gli enti non profit: - in primo luogo non appare correttamente formulato l art. 1, comma 2,

15 relativamente alle tipologie di enti non riconosciuti a cui la norma si applica, nel senso che lo stesso non contiene un elencazione completa degli enti destinatari e nemmeno un riferimento agli enti collettivi in generale, ma richiama solo le associazioni non riconosciute. Da ciò possono sorgere dubbi in merito alla effettiva portata del provvedimento, anche se sembra corretto ritenere che il decreto sia applicabile a tutte le tipologie di enti non profit; - quando la norma si riferisce all interesse per il quale il reato deve essere compiuto (art. 5), risulta abbastanza evidente anche dalla relazione governativa che il riferimento sia fatto ad interessi o vantaggi di stampo prettamente economico, senza prendere in considerazione gli interessi e vantaggi di diversa natura (morale, sociale, solidaristico) che caratterizzano l operare degli enti non profit; - per quanto riguarda le sanzioni previste nel decreto, si rileva che nell infliggerle agli enti non profit (che svolgono generalmente attività di utilità sociale), nel caso di sanzioni pecuniarie si verificherebbe una sorta di sottrazione di fondi da fini sociali per essere versati allo Stato per il pagamento della sanzione, mentre nel caso di sanzioni interdittive, come ad esempio, l interdizione dell esercizio dell attività, i soggetti principalmente colpiti sarebbero i beneficiari dei servizi (e non, come nel caso di attività commerciali, l imprenditore che non potrebbe più ricavare dei profitti dallo svolgimento di un attività commerciale). B. Natura e requisiti Il decreto definisce la responsabilità in questione responsabilità degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato, stabilendo che se un certo reato è commesso da persone che appartengono all ente, la sua commissione comporta l applicabilità di sanzioni di vario tipo direttamente a carico dell ente. La responsabilità degli enti è una responsabilità propria e diretta, che non è di tipo solidale con l autore del reato. In altre parole, l autore del reato risponderà del proprio comportamento secondo le norme penali e, in aggiunta, l ente risponderà, ai sensi del decreto, per aver omesso di adottare strumenti e procedure idonei a prevenire la commissione del reato. L autonomia della responsabilità dell ente è confermata dal fatto che essa sussiste anche nel caso in cui l autore del reato non sia stato individuato o il reato sia estinto (art. 8). I reati che danno luogo a responsabilità amministrativa sono previsti dal decreto negli artt. 24 (truffa e frode ai danni della pubblica amministrazione, indebita percezione di erogazioni), 25 (corruzione e concussione), 13

16 25-bis (falsità in monete, in carte di pubblico credito e in valori bollati), 25-ter (nuove figure di reati societari ex artt e ss del codice civile), 25-quater (delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico), 25-quater (pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili) 3, 25-quinquies (delitti contro la personalità individuale) e 25-sexies (abusi di mercato). Si precisa che, per quanto riguarda i reati previsti dagli artt. 24, 25, 25-bis, 25-quater, 25-quinquies non sorgono dubbi applicativi, in quanto l ente non profit, in persona del soggetto ad esso collegato, può commetterli, mentre per quanto riguarda i reati societari richiamati dall art. 25-ter, essi in molti casi richiedono dei presupposti (ad esempio il capitale sociale o le azioni) che proprio non trovano riscontro nelle realtà non profit e per quanto riguarda i reati previsti dall art. 25 sexies, anche se non impossibile, risulta forse improbabile che un ente non profit possa commetterli. Per quanto riguarda i soggetti dall operato dei quali deriva la responsabilità dell ente, l art. 5 dispone che l ente è ritenuto responsabile sia se il reato è commesso da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione, sia da persone che di fatto gestiscono o controllano l ente. Del pari l ente è responsabile se il reato è commesso da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza dei precedenti soggetti in esecuzione di una loro decisione. Un ulteriore requisito per far nascere la responsabilità in capo all ente è costituito dal fatto che il reato deve essere compiuto nell interesse dell ente e l autore non deve aver agito nell interesse esclusivo proprio o di terzi; infatti, in quest ultimo caso l ente non risponde della commissione del reato. responsabilitàdegli amministratori C. Le sanzioni Le sanzioni previste dall art. 9 sono: a) la sanzione pecuniaria; b) le sanzioni interdittive; c) la confisca; d) la pubblicazione della sentenza Si precisa l art. 8 della legge n. 7 del 09/01/2006 ha disposto che dopo l art. 25-quater intitolato Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico fosse inserito un ulteriore articolo intitolato Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili che è stato anch esso numerato, si presume per errore, 25-quater. Pertanto, stando alla lettera di tale legge ci sarebbero ora due articoli numerati 25-quater. Si sottolinea tuttavia, che i commenti relativi alla possibilità per un ente non profit di commettere le relative tipologie di reati sono riferiti ad entrambi gli articoli 25-quater.

17 Per quanto riguarda la sanzione pecuniaria, essa viene applicata dal giudice in quote, da un numero minimo di cento quote ad un massimo di mille, con la precisazione che l importo della singola quota può variare da un importo minimo di lire cinquecentomila ad uno massimo di lire tre milioni. Secondo il sistema introdotto dal decreto, il giudice sarebbe libero di determinare il numero delle quote in base alla gravità del reato, attribuendo poi alle quote un valore, da determinarsi sulla base della capacità patrimoniale dell ente. Per quanto concerne, invece, le sanzioni interdittive esse sono: a) l interdizione dall esercizio dell attività (anche se non è chiaro a quale tipo di attività la norma si riferisca e, in particolare, se essa debba essere di natura commerciale); b) la sospensione o la revoca delle autorizzazioni, licenze o concessioni funzionali al reato commesso; c) il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione; d) l esclusione da agevolazioni, finanziamenti, contributi o sussidi e l eventuale revoca di quelli già concessi; e) il divieto di pubblicizzare beni o servizi. Le sanzioni interdittive si applicano in aggiunta alla pena pecuniaria nei casi ritenuti più gravi, ovvero quando l ente ha ricavato dal reato un profitto di rilevante entità oppure in caso di reiterazione del reato e la loro durata può variare da un minimo di tre mesi ad un massimo di due anni. D. Modelli di gestione L art. 6 della L. 231/2001 contempla i possibili casi di limitazione ed esenzione da responsabilità amministrativa da parte dell ente. Ai sensi di tale dettato normativo infatti è possibile che l ente non risponda del reato commesso da soggetti in posizione apicale (ad esempio gli amministratori) se fornisce prova di aver adottato determinati comportamenti e strumenti, ovvero se dimostra che: a) l organo dirigente ha adottato ed efficacemente attuato, prima della commissione del fatto, modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire reati della specie di quello verificatosi; b) il compito di vigilare sul funzionamento e l osservanza dei modelli e di curare il loro aggiornamento è stato affidato a un organismo dell ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo; c) le persone hanno commesso il reato eludendo fraudolentemente i modelli di organizzazione e di gestione; d) non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell organismo di cui alla lettera b). Soffermandoci sull analisi del contenuto della lettera a) si osserva che l en- 15

18 te dovrebbe, per mano del proprio Consiglio Direttivo (organo dirigente), predisporre in teoria (adottare) e realizzare in pratica (attuare), prima della commissione del fatto, dei modelli interni di organizzazione e di gestione idonei a prevenire la commissione di reati. Le caratteristiche che deve possedere un modello di gestione affinché possa fungere da limitazione/esenzione della responsabilità amministrativa dell ente sono elencate nel comma 2 dell articolo citato. Un modello di gestione deve essere in grado di: - individuare le aree sensibili, cioè le aree nel cui ambito può essere commesso il reato; - prevedere protocolli per la formazione e l attuazione delle decisioni in merito ai reati da prevenire; - individuare le modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione di reati (l attività connessa agli incassi ed ai pagamenti, cioè alle movimentazioni di denaro, rappresenta da sempre un area sensibile di rilevante interesse e attenzione); - prevedere obblighi di informazione di un responsabile esterno (compliance officer*); - adottare un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel modello. responsabilitàdegli amministratori L ente quindi che intende dotarsi di uno strumento similare per la limitazione della propria responsabilità, che ricordiamo riguarda solamente la tipologia di reati di cui al presente testo normativo, deve porre in atto delle procedure che siano in grado di realizzare la separazione delle responsabilità. Separazione che non può prescindere dall esistenza di regolamenti scritti e noti a tutti (solo una comunicazione chiara e trasparente tra le varie parti dell ente consente il raggiungimento degli obiettivi in maniera efficiente); così come è difficile pensare di poter adottare ed attuare un adeguato modello di gestione se non si formano i propri dipendenti ed i collaboratori. 16 * Il compliance officer, che deve essere esterno all organizzazione al fine di evitare la coincidenza tra chi controlla e chi è oggetto del controllo, deve possedere i seguenti requisiti: - indipendenza; - autonomia; - professionalità; - continuità d azione.

19 I compiti che spettano al responsabile esterno e che gli sono attribuiti dalla stessa norma sono i seguenti: - vigilare sul funzionamento del modello, sull efficacia e sull effettiva capacità dello stesso di prevenire la commissione dei reati; - vigilare sull osservanza del modello da parte dei destinatari; - valutare l aggiornamento del modello; - raccogliere, elaborare e conservare informazioni rilevanti sul rispetto del modello; - intrattenere rapporti di scambio di dati ed informazioni con le altre funzioni dell ente; - eseguire indagini interne per l accertamento di presunte violazioni del modello. Importante: Negli enti di piccole dimensioni i compiti indicati nella lettera b), del comma 1, possono essere svolti direttamente dall organo dirigente (art. 6, comma 4, L. 231/2001). 17

20 responsabilitàdegli amministratori Il fallimento Introduzione Nel corso degli ultimi anni il mondo del volontariato e, più in generale, il Terzo Settore hanno acquisito una maggiore importanza e diffusione, gestendo situazioni e realtà sempre più significative ma, allo stesso tempo, complesse. Le dimensioni del fenomeno sono tali per cui gli enti non profit devono spesso dotarsi di strutture complesse e costose, per il mantenimento delle quali devono essere reperite ingenti risorse. In linea di massima, ci sono casi in cui i fondi necessari per il funzionamento della struttura e per lo svolgimento dell attività istituzionale vengono reperiti attraverso raccolte di fondi o contributi pubblici, altri in cui l ente, al fine di reperire le risorse economiche necessarie, svolge oltre alla propria attività istituzionale anche delle attività di tipo economico/commerciale. Necessariamente, comunque, l ente instaura con soggetti terzi una serie di rapporti giuridici aventi contenuto patrimoniale (ad es. acquisto da parte dell ente di beni o di sevizi, necessari sia per il funzionamento della struttura che per lo svolgimento dell attività istituzionale), che non sempre poi riesce ad adempiere nei termini previsti. Lo scopo del presente intervento è quello di inquadrare quale sia la disciplina applicabile ad un ente non profit o non commerciale (quale ad esempio un organizzazione di volontariato) che, a causa dell insufficienza delle risorse economiche a sua disposizione, non riesca più ad onorare puntualmente le obbligazioni assunte. I presupposti del fallimento 18 In termini molto generali si può affermare che l applicazione della procedura fallimentare, rimedio previsto espressamente (dal R.D. n. 267/1942, in seguito anche Legge fallimentare) per le società commerciali che versano in situazioni di gravi difficoltà economiche, prevede l esistenza di diversi presupposti, alcuni di natura soggettiva, altri oggettiva. L art. 1 della Legge fallimentare stabilisce il requisito soggettivo in presenza del quale un ente può essere dichiarato fallito, disponendo che: sono soggetti alle disposizioni sul fallimento... gli imprenditori che esercitano un attività commerciale, esclusi gli enti pubblici e i piccoli imprenditori. A tale riguardo, si ritiene prima di tutto opportuno precisare, da un lato, il significato di imprenditore e, dall altro, quello di attività commerciale.

La RESPONSABILITÀ degli AMMINISTRATORI. e degli ENTI di VOLONTARIATO

La RESPONSABILITÀ degli AMMINISTRATORI. e degli ENTI di VOLONTARIATO La RESPONSABILITÀ degli AMMINISTRATORI e degli ENTI di VOLONTARIATO LE RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI E DEGLI ENTI DI VOLONTARIATO INTRODUZIONE AL D.P.R. 361/2000 LE PERSONE GIURIDICHE RICONOSCIUTE

Dettagli

PROFILI GIURIDICI DELLA RESPONSABILITÀ NELLE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT

PROFILI GIURIDICI DELLA RESPONSABILITÀ NELLE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT PROFILI GIURIDICI DELLA RESPONSABILITÀ NELLE ORGANIZZAZIONI NONPROFIT RUOLO DEGLI AMMINISTRATORI E RESPONSABILITÀ CIVILE ED AMMINISTRATIVA DEGLI ENTI Articolo pubblicato su CIESSEVI INFORMA N 3 e 4/2004

Dettagli

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO

IL SISTEMA GIURIDICO ITALIANO Studio Legale Associato Tosello & Partners Modello D.Lgs. 231/01 integrato con l art. 30 D.Lgs. 81/08 La responsabilità degli amministratori per mancata adozione del Modello 231 secondo la giurisprudenza

Dettagli

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...

Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3. I Soggetti...4. I Reati...5. Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE... MODELLO ORGANIZZATIVO D. Lgs. 231/2001 Data emissione: Luglio 2006 Indice SEZIONE PRIMA...3 PREMESSA...3 I Soggetti...4 I Reati...5 Le Sanzioni...6 ADOZIONE DEI MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E DI GESTIONE...8

Dettagli

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI

IL D.LGS. 231/2001 STUDIO QUAGLIA & ASSOCIATI IL D.LGS. 231/2001 INTRODUZIONE Su delega legislativa il Governo italiano ha emanato il D.lgs. 231/2001 intitolato Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica

1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica PARTE GENERALE 1. Il Decreto Legislativo n. 231/2001 1.1 La responsabilità amministrativa da reato delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica Il D.Lgs

Dettagli

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti

Meda 26-27 novembre 2014. Gruppo Poltrona Frau. Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Meda 26-27 novembre 2014 Gruppo Poltrona Frau Il Decreto Legislativo 231/2001: la Responsabilità amministrativa degli Enti Agenda Prima parte Il D.Lgs. n. 231/2001 1. La norma 2. Le misure sanzionatorie

Dettagli

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231/01 1 1. PREMESSA Il presente documento costituisce il Modello di Organizzazione e di Gestione ex D.Lgs. n. 231/2001, che sarà adottato dal CORISA- CONSORZIO DI RICERCA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 231/01

DECRETO LEGISLATIVO 231/01 DECRETO LEGISLATIVO 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto per la prima volta nell ordinamento giuridico italiano il principio della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74.

FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Via Alessandro Volta n. 4-20090 Assago (MI) Tel 02/45.700.758. - Fax 02/89.77.06.74. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.Lgs. n. 231/01 DELLA FONDAZIONE PONTIROLO ONLUS INTERCOMUNALE Approvato dal Consiglio d Amministrazione con deliberazione n. 16 del 06.10.2015 1 Cronologia delle

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Studio Bolzoni Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ex D.Lgs. n. 231/2001 Introduzione Il decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto nell ordinamento italiano la responsabilità degli

Dettagli

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo

Dlgs D.lgs. 231/01. e Modelli di organizzazione, gestione e controllo Dlgs D.lgs. 231/01 Responsabilità amministrativa delle società e Modelli di organizzazione, gestione e controllo 1 D.lgs. 231/2001: introduce 2 grandi novità per l ordinamento italiano (Necessità di allinearsi

Dettagli

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca

ICT SECURITY N. 52 Gennaio/Febbraio 2007 Sicurezza informatica e responsabilità amministrativa degli enti. Autore: Daniela Rocca Sommario - I fatti illeciti a vantaggio o nell interesse dell organizzazione - Le fattispecie di reato rilevanti - I modelli di organizzazione e controllo e la mappatura dei processi a rischio Il D. Lgs.

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI

SALVI SAPONARA & ASSOCIATI Via Tibullo 10-00193 Roma Tel (+39) o6 97996050 Fax (+39) 06 97996056 D.lgs 231/01 e responsabilità amministrativa (penale) delle società. Sostanziale obbligo di adozione di specifici modelli organizzativi

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009

LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001. 28 aprile 2009 LA RESPONSABILITA DEGLI ENTI E DELLE SOCIETA EX D. LGS. 231/2001 28 aprile 2009 Relatore: Co-relatore: Avv. Riccardo Nalin Ing. Andrea Semino D. LGS. 231/2001 Responsabilità Amministrativa Persone Giuridiche

Dettagli

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300

INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 INCONTRO SUL TEMA: D. LGS. N. 81/2008, ART. 300 La norma applica a tutti i casi di omicidio colposo o lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla salute e sicurezza sul

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato.

La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. La responsabilità personale e solidale nelle associazioni non riconosciute 1. La personalità giuridica di diritto privato. Il codice civile distingue tra associazioni riconosciute come persone giuridiche

Dettagli

BREVE SINTESI DEL MOGC

BREVE SINTESI DEL MOGC BREVE SINTESI DEL MOGC 1. Il d.lgs. 231/01 Con il decreto legislativo 231 del 2001 è stata introdotta la responsabilità amministrativa degli enti in conseguenza di reati commessi o tentati, da soggetti

Dettagli

La responsabilità tributaria degli amministratori degli enti non riconosciuti

La responsabilità tributaria degli amministratori degli enti non riconosciuti 14-20_Liparata.qxd 17-12-2009 11:46 Pagina 14 La responsabilità tributaria degli amministratori degli enti non riconosciuti Con una recente pronuncia, la Corte di Cassazione ha definito i confini della

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006

CARPANEDA & ASSOCIATI. Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring. Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Il ruolo del modello organizzativo e gestionale ex 231 nelle società di factoring Michele Carpaneda 16 maggio 2006 Corporate Governance La Corporate Governance è l insieme dei processi per indirizzare

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Adottato ai sensi del Decreto Legislativo 231 del 2001 SINTESI DEL MODELLO INDICE SOMMARIO I. IL DECRETO LEGISLATIVO 231 DEL 2001: PRESUPPOSTI NORMATIVI

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460

Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 Estratto dal D. L. 04/12/97 n. 460 1. RIFORMA DELLA DISCIPLINA TRIBUTARIA DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E ISTITUZIONE DELLE ONLUS modifica la disciplina degli enti non commerciali in materia di imposte sul

Dettagli

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project

Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project Matteo Colombo Esperto in materia di Privacy e D.Lgs. 231/2001, Amministratore Delegato di Labor Project IL MANUALE È AD USO ESCLUSIVO DEI CORSISTI: NE È VIETATA LA RIPRODUZIONE 1 Il D.Lgs. 231/01 Il D.Lgs.

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS 13 febbraio 2013 Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Responsabilità amministrativa delle persone

Dettagli

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE

LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE LA REVISIONE DELLE SANZIONI PENALI TRIBUTARIE D.Lgs. n. 74/2000 Artt. da 1 a 14, D.Lgs. n. 158/2015 Con la pubblicazione sulla G.U. del Decreto attuativo della

Dettagli

Gli adempimenti per l iscrizione

Gli adempimenti per l iscrizione La Rendicontazione economica e sociale degli enti non - profit Gli adempimenti per l iscrizione al R.E.A. e al Registro delle Imprese Bologna, 15 giugno 2011 L Ente non profit consiste in un organizzazione

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività

LIQUIDAZIONE AZIENDA. scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico. Termina la sua vita. Conversione attività in denaro. Estinzione passività LA LIQUIDAZIONE LIQUIDAZIONE AZIENDA Termina la sua vita scioglie vincolo dei beni al soggetto giuridico Conversione attività in denaro Estinzione passività Restituzione residuo ai soci TIPOLOGIE VOLONTARIA

Dettagli

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista

Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Simulazione Esame di Stato di Dottore Commercialista Il candidato illustri il processo di liquidazione delle società di capitali soffermandosi sugli adempimenti civilistici, contabili e fiscali antecedenti

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE

RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE RESPONSABILITÀ DI IMPRESA (D.L. 231/01) E PRIVACY AREA LAZIO E AREA MARCHE D&D srl offre servizi di consulenza per la responsabilità d impresa (D. Lgs. n. 231/01) e la privacy agli Enti, alle PMI e alle

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231

CODICE SANZIONATORIO. Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 Pag. 1 a 8 CODICE SANZIONATORIO Allegato 3 al Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 In vigore dal: 30/04/2014 Precedenti versioni: PRIMA EMISSIONE

Dettagli

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria

LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. Università di Pisa Dipartimento di Economia e Management Tecnica Professionale La liquidazione volontaria LA LIQUIDAZIONE VOLONTARIA 1 PROGRAMMA DEL MODULO Cercheremo di fare chiarezza su: Ø Ø Ø Ø aspetti economico-aziendali aspetti civilistico-procedurali aspetti operativo-contabili principali lineamenti

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38)

1/2 (e non può comunque essere superiore ad Euro 103.291,38) FAQ sul MOG 1. Che cos è il D. Lgs. 231/2001? Il D. Lgs. 231/2001 entrato in vigore il 4 luglio 2001, individua le disposizioni normative concernenti la disciplina della responsabilità amministrativa delle

Dettagli

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale

La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore legale S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L ATTIVITÀ DI REVISIONE LEGALE E VIGILANZA DEL COLLEGIO SINDACALE IN SITUAZIONE DI CRISI D IMPRESA La responsabilità civile e penale del sindaco e del revisore

Dettagli

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA

CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DELL ATER DI LATINA ai sensi del decreto legislativo 8 Giugno 2001 n 231 CODICE SANZIONATORIO DELL ATER DI LATINA Testo approvato dal Commissario Straordinario

Dettagli

La disciplina IVA degli enti non commerciali

La disciplina IVA degli enti non commerciali STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it La disciplina IVA degli enti non commerciali 1. Premessa

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010

D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione. CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 D.lgs. 231/2001 Modelli di Organizzazione CONFAPI Bari, 19 novembre 2010 Decreto Legislativo 231/2001 Ha introdotto la c.d. responsabilità amministrativa e penale delle Società. Reato Responsabilità individuale

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA

LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA LA SOGGETTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI DI AZIONE CATTOLICA 1 Persone giuridiche e soggetti no profit nel sistema giuridico italiano Nel sistema giuridico italiano sono previsti enti che hanno una soggettività

Dettagli

1.a. Aspetti gestionali

1.a. Aspetti gestionali 1.a. Aspetti gestionali Per le Associazioni sportive l attività istituzionale è quella svolta in conformità alle finalità statutarie e rivolta agli associati. Il decreto legislativo del 4 dicembre 1997,

Dettagli

Avv. Carlo Autru Ryolo

Avv. Carlo Autru Ryolo Gestione della responsabilità amministrativa L'apparato organizzativo della D.Lgs. 231/01 e il Sistema di Gestione della Responsabilità Amministrativa L'APPARATO ORGANIZZATIVO DELLA D.LGS. 231/01 Disciplina

Dettagli

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04

L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi. Michele Crudele www.crudele.it 2011-04 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INFORMATION SECURITY MANAGEMENT 8ª EDIZIONE, ROMA FEBBRAIO 2011- SETTEMBRE 2011 ICT Risk Management Aspetti legali L impatto del Decreto Legislativo 231/01 sui sistemi informativi

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001)

DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) DECRETO LEGISLATIVO 8 giugno 2001 n. 231 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 140 del 19 giugno 2001) Disciplina della responsabilita' amministrativa delle persone giuridiche, delle societa' e delle

Dettagli

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001

Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Novità e aggiornamenti D.Lgs. 231/2001 Evoluzione della normativa e della giurisprudenza Dr. Ennio Battistoli Milano, 15 gennaio 2015 D.Lgs. 231/2001 Il Decreto in sintesi Prevede la responsabilità degli

Dettagli

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101

EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 Risorsa Sociale Gera d Adda Via Dalmazia, 2 24047 Treviglio (BG) Tel. 0363 3112101 SISTEMA DISCIPLINARE EDIZIONE 1 23 Agosto 2013 REV. 1 PAG. 1 DI 11 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO DI ADOTTATO DA RISORSA SOCIALE GERA D ADDA... 4 2. IL SISTEMA DISCIPLINARE DI RISORSA SOCIALE GERA

Dettagli

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A.

MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01. VICINI S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE EX D.LGS 231/01 VICINI S.p.A. INDICE PRIMA PARTE... 4 1) Il decreto legislativo n. 231/ 2001... 4 2) La struttura del decreto... 4 3) Sanzioni applicabili... 7 4) Azioni

Dettagli

Parte 1a. rag. Cristina Volpi

Parte 1a. rag. Cristina Volpi Parte 1a rag. Cristina Volpi 1 Il termine ente non profit La definizione di ente no profit o ente senza scopo di lucro è basata sulla caratteristica di segno negativo (NO), intesa come l impossibilità

Dettagli

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A.

S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. Società a responsabilità limitata 1 S.R.L. Nel Codice Civile del 1942, si atteggiava come sorella minore della S.p.A. A seguito della riforma organica del diritto societario (D. Lgs. 6/2003) si differenzia

Dettagli

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C.

IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. N.B. IL PRINCIPIO DELLA CONTINUITÀ AZIENDALE ART. 2423 BIS C.C. la valutazione deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva della continuazione dell attività occorre prendere in considerazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 09 aprile 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 12/E Roma, 09 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Art. 30 del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185 convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009,

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO

ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO ATTIVITA DI VIGILANZA E CONTROLLO CONTABILE NELLE SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Premessa Le società di Mutuo Soccorso, se pur assimilate agli enti di tipo associativo, hanno una propria legge di riferimento

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001

Modello di Organizzazione Gestione e Controllo. ai sensi del D. Lgs. 231/2001 Modello di Organizzazione Gestione e Controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 1 Le origini del decreto 1977 (USA): Foreign Corrupt Practices Act 1995 (UE): Convenzione sulla tutela finanziaria delle Comunità

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE

LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE Como, 16 settembre 2014 LA COSTITUZIONE DI UN ASSOCIAZIONE QUESITO: Qualora un gruppo di imprenditori dovesse decidere di costituire un associazione di categoria con l obiettivo di rafforzare ed integrare

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Trasformazione di associazione sportiva dilettantistica in società di capitali In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa.

Dettagli

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001

Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice di Condotta del Gruppo Ricoh valevole per Ricoh Italia Srl ai fini del D. Lgs 231/2001 Allegato al Codice Comportamento Aziendale.docV. 1.1 del 01/07/2013 1 Introduzione Il Codice di

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Principi ispiratori del Modello 231

Principi ispiratori del Modello 231 Principi ispiratori del Modello 231 5 Parte I Principi ispiratori del Modello 231 PREFAZIONE Il decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 (di seguito: D. Lgs. n. 231/2001) ha introdotto la disciplina della

Dettagli

6 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL IVA INFORMAZIONI FISCALI IL TRATTAMENTO DELLE ONLUS Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali che si possono adottare per l associazione A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera

Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera Responsabilità amministrativa degli enti ex D.Lgs. 231/01 nei gruppi (internazionali) e nell attività transfrontaliera Avv. Davide Nervegna Responsabile Area Legale e Normativa Assosim Milano, 10 novembre

Dettagli

Obblighi contabili per una Organizzazione di Volontariato. Privacy per le Organizzazioni di Volontariato

Obblighi contabili per una Organizzazione di Volontariato. Privacy per le Organizzazioni di Volontariato collana strumenti 1 Costituzione di una Organizzazione di Volontariato 2 Responsabilità degli amministratori e delle Organizzazioni di Volontariato 3 Gestione di una Organizzazione di Volontariato 4 Obblighi

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del

LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del LA COMPOSIZIONE DELLE CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Era stata avvertita, da tempo, la esigenza di una regolamentazione appropriata per l insolvenza del debitore civile, quale rimedio alle conseguenze derivanti

Dettagli

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da

Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Responsabilità Amministrativa delle Imprese Decreto Legislativo 231/2001 e s.m.i. III Edizione Realizzato da Indice Introduzione Formazione Parte 1 Cosa prevede la legge Principali riferimenti legislativi

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA Adozione con delibera Consiglio

Dettagli

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori

Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme. salute dei lavoratori Il quadro sanzionatorio per il datore di lavoro per violazione delle norme in materia di sicurezza e tutela della salute dei lavoratori Bastia Umbra, 21 maggio 2012 dr. Armando Mattioli Art. 15. (Misure

Dettagli

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard

OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard SALUTE & SICUREZZA nelle Strutture Sanitarie OHSAS 18001: 2007 un nuovo Standard Modena, 09-10-08 Franco Pugliese SG Formaz. SG Manutenz. SGSL SG L. 231/01 SGA SGQ Il D. Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 ha introdotto

Dettagli

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI

I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI I FINANZIAMENTI NEL CONCORDATO PREVENTIVO: SCHEMI DI SINTESI 28.6.2013 di Giovanni Sandrini, Commercialista Sommario: 1. Premesse - 2. I finanziamenti nelle imprese in crisi - 3. I finanziamenti suddivisi

Dettagli

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it

- I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it La Corporate Governance nelle recenti best practices - I Modelli Organizzativi Dott. Lorenzo G. Pascali lorenzo.pascali@scons.it 27 Febbraio 2012 1 INTRODUZIONE Con il D. Lgs. 231/2001, il legislatore

Dettagli

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE

LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 1 LE NOVITA DEL CODICE DELLE ASSICURAZIONI IN MATERIA DI INTERMEDIAZIONE 2 Sistema distributivo ante CdA Agenzie in economia: produzione diretta Agente in gestione libera: (art. 2, 1 comma ANA 2003 e L.

Dettagli

3. Gli organi della società per azioni

3. Gli organi della società per azioni 3. Gli organi della società per azioni 3.1 L organizzazione della società per azioni L organizzazione interna della società per azioni comprende tradizionalmente i seguenti organi fondamentali: l assemblea

Dettagli

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231

SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 SISTEMA DISCIPLINARE ADOTTATO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 1 Documento: Procedura Sanzionatoria File: Procedura Sanzionatoria.doc Approvazione: Consiglio di Amministrazione Revisione:

Dettagli

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE

D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE D. Lgs. 231/01 Modello OGC All. 4 SISTEMA DISCIPLINARE APPROVATO DAL CDA SOLINFO IL 21/05/15 Rev. 1 del 01/04/2015 Pag. 1 di 10 Indice 1. SEZIONE I - PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Destinatari...

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche.

Le differenze tra queste due attengono al momento della formazione e a quello delle responsabilità economiche. Enti no profit (associazioni) Una organizzazione no profit si caratterizza per il fatto che, non avendo scopo di lucro e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente

Dettagli

Seminario Trentinerbe. S. Rocco di Villazzano, 26 gennaio 2015

Seminario Trentinerbe. S. Rocco di Villazzano, 26 gennaio 2015 Seminario Trentinerbe S. Rocco di Villazzano, 26 gennaio 2015 Che cos è ènpn? Non Profit Network (NPN) è un associazione di secondo livello (ad oggi la base associativa è composta da più di 100 associazioni)

Dettagli

Modello di Organizzazione, gestione e controllo Sintesi

Modello di Organizzazione, gestione e controllo Sintesi Adottato ai sensi del Decreto Legislativo 231 del 2001 Approvato dall Amministratore Unico il 20/04/2015 Indice Sommario Premessa e note introduttive alla lettura del documento...2 1. Il Decreto Legislativo

Dettagli

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11

Testata Diritto 24 - Data 14/04/11 La responsabilità da reato degli enti nel settore sanitario: i destinatari della normativa Stefano Crisci, Avvocato, Studio Legale Crisci - a cura di Lex24 14 aprile 2011 Tra i destinatari dell ormai celebre

Dettagli

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01

Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 Modello Organizzativo di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D.Lgs. 231/01 PARTE GENERALE Pagina 1 di 13 INDICE PARTE GENERALE 1. PREMESSA 3 2. STRUTTURA DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 3 3. DESTINATARI

Dettagli