IL LINGUAGGIO DEL CORPO: COME E QUANDO CI PARLA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL LINGUAGGIO DEL CORPO: COME E QUANDO CI PARLA"

Transcript

1 .Credo che,attraverso i propri studenti,una vera scuola dovrebbe costituire una benedizione per il mondo, perché esso è in uno stato terribile; e la benedizione può realizzarsi solo se noi, in quanto individui, non rincorriamo il potere, non cerchiamo di soddisfare le nostre ambizioni personali, ma abbiamo una comprensione lucida dei problemi che ci troviamo di fronte. Ciò richiede grande intelligenza, il che comporta, in effetti una mente che non pensa secondo uno schema determinato, ma è libera in sé ed è dunque capace di vedere ciò che è vero, scartando il falso. J. KRISHNAMURTI 1

2 INDICE PREFAZIONE QUANDO LO STOMACO SI FA SENTIRE. CHE COSA E LO STOMACO = COME E FATTO, A CHE COSA SERVE, COME FUNZIONA. IL LINGUAGGIO DEGLI ORGANI IL BRUCIORE ALLO STOMACO LA NAUSEA E IL VOMITO I CRAMPI IL GONFIORE LA GASTRITE ; LA PATOLOGIA E LA PSICOSOMATICA L ULCERA ; LA PATOLOGIA E LA PSICOSOMATICA LE CURE NATURALI PIU EFFICACI DALLE REGOLE ALIMENTARI AI RIMEDI NATURALI ALLE DISCIPLINE CHE LO TRATTANO. OLIGOELEMENTI FIORI DI BACH OLI ESSENZIALI GEMMODERIVATI RIMEDIOERBORISTICO OMEOPATIA CROMORIMEDIO RIFLESSOLOGIA DIGITOPRESSIONE CRISTALLI KINESIOLOGIA CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA 2

3 IL LINGUAGGIO DEL CORPO: COME E QUANDO CI PARLA Sono sempre stata affascinata dalla bellezza del corpo umano e da ogni suo singolo movimento. E da qui che inizia il mio percorso professionale, prima come estetista e poi come naturopata. Mi accorgevo che nel toccare il corpo, esso mi trasmetteva dei segnali, che per me all epoca erano solo degli inestetismi. Non riuscivo a capire il collegamento tra inestetismo e stato d animo delle persone. Coglievo nelle mie clienti il loro disagio nel non piacersi e nel non accettarsi. Poi finalmente l incontro con la riflessologia plantare mi ha aperto un mondo fantastico del perché e in che modo il corpo può parlare di tutti i suoi malesseri. Nel tempo ho cominciato a capire me stessa e il perché del mio mal di stomaco, argomento che poi tratterò in questa tesi. Il corpo ci invia in continuazione, ogni millesimo di secondo, segnali che noi non vogliamo comprendere o ascoltare, vuoi per paura di mettersi in discussione, vuoi per paura di cambiare, perché cambiare, come sappiamo bene a volte porta all ignoto. Le paure più grandi per l essere umano sono spesso quelle di dover lasciare, per qualsiasi motivo, tutto ciò che rappresenta il certo ed il sicuro. Sta a noi capire che ogni manifestazione del corpo è un segnale che qualcosa in quel determinato momento non va secondo le nostre intenzioni e che probabilmente la strada che stiamo percorrendo è quella sbagliata. Questo il nostro corpo lo sa bene, il corpo non mente mai. Cambiare..il nostro corpo è la nostra casa. Ogni rumore che sentiamo è qualcosa che si sposta dentro di noi e cerca una giusta collocazione nello spostamento c è fastidio, dolore fisico o malessere fisiologico. Il fastidio lo possiamo definire come un eccesso di energia. Il dolore fisico lo chiameremo sentimento. Il malessere rappresenta lo squilibrio di un metabolismo. Tutto questo ha solo un significato: voglia di cambiare. Il fastidio, il dolore ed il malessere si risvegliano in noi per avvisarci che è giunto il momento di cambiare e ciò che provoca il dolore è in realtà la ruggine del rancore. IO SONO CHI VOGLIO ESSERE. Nel cambiamento il dovere non esiste più, esiste solo il volere. Tra il dovere e il volere vi è una porta, quella della coscienza. Difficile è varcare la soglia, ma solo dopo averla superata ci si rende conto che, in fondo era semplice. A volte crediamo di non cambiare perché conosciamo solo il presente, il nostro modello conosciuto e non sapendo come potrebbe essere il nuovo modello ne abbiamo paura. Per questo temiamo il futuro : non ne conosciamo il contenuto. Forse le nostre paure esistono perché non abbiamo coscienza di cosa c è sepolto nel nostro corpo. Eppure i nostri muscoli ci hanno costruito e conoscono la fatica della crescita. Le ossa ci hanno sostenuto e conoscono i nostri punti deboli. La carne ci ha protetto e sa dove siamo stati nutriti. I vasi ci hanno informato, ma noi non li abbiamo ascoltati. La cute ci ha rivestito e ci ha ricordato dove siamo stati insultati. Sanno tutto di noi. Hanno ascoltato le nostre grida, le nostre verità, i nostri bisogni. Hanno raccolto la nostre lacrime e vibrato per la nostre paure. 3

4 Il nostro corpo conosce la parte più vera di noi. Forse siamo noi a non conoscere il nostro corpo. Ci segue dalla nascita, anzi dapprima di questa. Senza renderci conto lo abbiamo adattato alle pressioni sociali. Confuso, il nostro corpo si è adeguato come ha potuto e in certi punti più deboli si è deformato. E cosi che ci ha protetto e l immagine di oggi non è solo il frutto del nostro comportamento: è il risultato di ciò che anche altre persone hanno contribuito a costruire. IL MIO COMPITO COME OPERATORE E QUELLO DI FAR VIBRARE CIO CHE NON E STATO RICONOSCIUTO E PORTARE ALLA LUCE LA COSCIENZA ATTRAVERSO LA CONOSCENZA PER POTER CAMBIARE. Il mio percorso professionale, iniziato dapprima con lo studio della riflessologia poi della naturopatia e infine della Riza, mi ha dato modo di poter aiutare coloro che avevano dei disagi. Per esempio, persone che venivano nel mio studio per rilassarsi o per un semplice mal di pancia, riuscivo a far comprendere che il loro stress e il loro mal di pancia erano dettati da particolari situazioni che non riuscivano a gestire. Il corpo parlava attraverso la sua manifestazione. Ogni blocco, ogni sintomo, sono sempre manifestazioni che qualcosa non va e riuscire a comprendere la manifestazione è già un buon passo per raggiungere uno stato di benessere, e il mio ruolo di naturopata è questo. Io sono il mezzo con cui la persona raggiunge il suo stato di benessere, solo il suo. La cosa che mi sorprende sempre, dopo tutti questi anni, è quanto nulla mai sia scontato quando si parla del linguaggio del corpo. Per citare qualche esempio, potrei raccontare di quei clienti che si sono recati presso il mio studio con diagnosi di gastriti da stress. Associando alle loro cure mediche dei rimedi naturali e una comprensione delle cause dei loro malesseri, potevo costatare che i miei clienti stavano meglio. Il motivo della gastrite non è uguale per tutti, è questo che non è scontato. Si gastrite ma perché mi è venuta la gastrite? 4

5 IL MOVIMENTO Ogni volta che il corpo parla, parla di quella persona, del suo stato d animo, del suo malessere, che può essere espresso anche con il movimento, con blocchi energetici con sintomi, per esempio lo si può capire da come si muove e da come si atteggia. Se è troppo veloce o troppo lenta, se si muove simmetricamente o asimmetricamente. Il concetto di simmetria viene attraversato dall asse del corpo, il cui vissuto condiziona la nostra lateralizzazione: andare verso destra o sinistra ha una valenza simbolica opposta. Andare verso sinistra è andare nel senso dell involuzione, verso destra in quello dell evoluzione. Un movimento, nel suo aspetto qualitativo è strettamente legato all inconscio, ci parla di esso. È per questo che i conflitti inconsci si esprimono nel movimento e porteranno con se movimenti conflittuali. Un conflitto implica due forze uguali dinamicamente in opposizione, una per esternarlo e una per inibirlo. Il movimento è primario quando è guidato dalla razionalità, il movimento viene chiamato movimento ombra quando è guidato dall inconscio. Questi movimenti accompagnano i primari. Il corpo si muove in base allo stato d animo della persona. Una persona obesa di tipo dinamico farà movimenti ampi e tondi in cui forma e materia sono ben visibili. Il suo tipo di movimento a cerchio mima la forma del corpo, che malgrado la sua mole rimbalza come una palla.. Questo soggetto invaderà lo spazio per escludere gli altri. Una persona obesa di tipo statico(ipotiroideo) invece sarà lento e fermo. Farà movimenti di tipo funzionale, ben precisi. Un soggetto depresso farà movimenti disperatamente chiusi. Nel soggetto schizzofrenico il movimento mancherà di auto sincronismo, il che corrisponde fedelmente alla sua disorganizzazione profonda. La persona ossessiva sarà rigida. Ad ogni movimento corrisponde un determinato tipo di energia: Effort e flow. Effort è la quantità di energia utilizzata per compiere un movimento Flow è il flusso ottimale dell energia che consente il fluire del movimento in tutti i distretti corporei. Il corpo corazzato descritto da Reich è un corpo che presenta un effort eccessivo. Tutte queste manifestazioni sono i segnali del corpo. Studiosi del 900 hanno fatto questo tipo di lettura: ogni movimento cambia lo stato di coscienza. Qualsiasi movimento in cui io sono presente cambia il mio stato di coscienza e quindi cambierà la mia immagine corporea. 5

6 Alcune brevi premesse storiche e teoriche Gli autori maggiormente significativi P.Schilder, studiando a fondo in chiave psicoanalitica i legami tra fattori organici e psichici, rifiutò di concepire i due tipi di fenomeni come separati, escludendo l esistenza motricità esterna alla coscienza, come invece aveva sempre fatto la psicologia classica. Oltre alla sua teoria sullo schema corporeo e l immagine di se,è interessante come egli abbia indicato nel movimento e nella danza il sistema per dissolvere o indebolire la forma rigida del modello posturale del corpo. Ogni movimento cambia lo stato di coscienza, la tensione e la distensione muscolare, i movimenti del corpo in contrasto o in accordo con la gravità hanno un enorme influenza sull immagine corporea: la danza è un metodo per cambiare l immagine corporea e allargarne la forma rigida, ma questo allargamento ampliamento provoca un particolare atteggiamento psichico. Questo autore nota come alla tensione muscolare si abbia un accumulo di energia mentre nell allentamento una perdita di energia con relativa pesantezza. Esiste una correlazione tra sequenza muscolare e atteggiamento psichico che a una specifica sequenza di movimenti si ha non solo un cambiamento della situazione interna e degli atteggiamenti dell individuo ma una situazione che si accorda, alla sequenza muscolare. Nel movimento c è una continuità di passaggio da entità cristallizzate a stati di dissoluzione: ogni emozione quindi,cambiando l immagine corporea (nell odio ci si contrae,nell amore ci si rilascia), fa espandere e contrarre continuamente il modello posturale del corpo. Wilhelm Reich considera riduttivo occuparsi del contenuto verbale ma bisogna guardare l individuo nella sua totalità, come cammina, respira e come si muove. Per Reich sono degli schemi espressivi, motori, muscolari e la respirazione che sono paralleli alla struttura psichica dell individuo e vengono interpretati come difese che la psiche mette in atto contro l esperienza affettiva e la liberazione delle emozioni: sulla psicologia del movimento sarà autore di capitale importanza. 6

7 Alexander Lowen discepolo di Freud e di Reich portando avanti le loro teorie, evidenziò come una tensione muscolare trattata rilasci non solo il muscolo ma anche l energia trattenuta in tale contesto. Sarà molto importante e fondamentale per la lettura del corpo. Lowen sviluppò la bioenergia. Il corpo si esprime anche nella bioenergetica. L uomo è un animale sociale, ma la vita in comunità non di rado comporta la repressione delle sue emozioni,spesso frenate in osservanza di convenzioni sociali apprese fin dall infanzia. Psiche e corpo sono indissolubilmente legati, e il blocco dell energia collegati a queste emozioni si trasforma in tensioni che a lungo andare possono condurre a disturbi psicosomatici e sessuali. La bioenergetica nata dal lavoro di Wilhelm Reich all inizio del secolo scorso e sviluppata da Alexander Lowen a partire dagli anni 50. Questa tecnica psicocorporea, basandosi su un lavoro integrazione della mente con il corpo è una tecnica particolarmente utile per mantenere in armonia e in equilibrio vitale i processi psichico- mentali e quelli fisico-energetici del corpo. La bioenergetica è una tecnica corporea che si serve della tecniche respiratorie, di esercizi fisici,di posizioni e contatti corporei associati a un analisi psicologica e del carattere della persona. Il suo scopo è quello di realizzare l integrazione fra corpo e mente, per aiutare l uomo a sciogliere i propri blocchi energetici che si possono creare sia a livello fisico che psicoemotivo. I problemi psicologici, infatti, possono manifestarsi nell espressione fisica, ovvero nell aspetto corporeo, nella postura, negli atteggiamenti. Quando si lavora in bioenergetica non si lavora solo in senso fisico-meccanico, ma si tenta di risvegliare l energia profonda del corpo. Costruire un integrazione corporea, indispensabile per potersi evolvere ed espandere nei vari aspetti della vita in modo pieno senza perdere il contatto con se stessi. Il corpo parla nella bioenergetica con i blocchi energetici chiamati da Reich segmenti dell armatura. L armatura che l uomo si costruisce è la corazza muscolare. Reich intuì che l uomo è prigioniero di una corazza che limita l emotività e la libera espressione dei sentimenti, impedendo il libero scorrere dell energia vitale, che può bloccarsi in alcune parti del corpo che divengono sede di tensioni e conflitti emotivi. L insieme 7

8 di queste tensioni porta alla formazione di una corazza muscolare caratteriale, composta da tutti quegli atteggiamenti sviluppati dall individuo per bloccare il corso delle emozioni e delle sensazioni organiche. Con il tempo la corazza può rivelarsi un impedimento al raggiungimento della propria identità e di una vera creatività, poiché lo stato cronico di contrazioni muscolari aumenta l indurimento del carattere riducendo la comunicabilità, l amore e la percezione del piacere. Questa corazza cresce di anno in anno in conseguenza alle tensioni accumulate e non è certo facile riuscire a liberarsene. anzi, qualcuno non si accorge nemmeno di averla. Il corpo diviene la chiave per penetrare in ciò che viene comunemente chiamato carattere. Il carattere non sarebbe altro che il modo di reagire alle situazioni della vita, rappresentando un meccanismo di protezione si potrebbe quasi dire che è la difesa che l individuo oppone alle provocazioni del mondo. I segmenti sono Oculare, Orale, cervicale, toracico, diaframmatico, addominale, pelvico. Questi segmenti sono degli anelli che avvolgono delle parti del corpo e comprendono determinati organi. Lo stomaco è compreso nel segmento diaframmatico. Un diaframma teso, rigido, può dare delle tensioni allo stomaco, queste tensioni per la bioenergetica devono avere dalla carica, la scarica. Come esercizio di scarica si lavora sulla respirazione addominale che porta un rilassamento non solo alla parte trattata ma a tutto il corpo. Lo stress per Lowen è il responsabile delle tensioni,deriva dall imposizione da una forza o di una pressione, che l organismo contrasta mobilitando la propria energia. Dal punto di vista bioenergetico ognuno di noi reagisce allo stress in maniera diversa, secondo schemi di reazione che si strutturano nel corpo e nel carattere dell individuo. Come abbiamo detto ogni stress produce delle tensioni nel corpo. Normalmente la tensione scompare quando lo stress viene eliminato. Spesso vengono diagnosticate dal medico gastriti dovute allo stress ma cosa succede allo stomaco e all organismo quando c è lo stress?. Con il termine stress si intende solitamente una condizione di eccessiva tensione logorio esaurimento e l espressione essere stressato o sotto stress sta a indicare qualcosa di indesiderabile, uno stato di pericolo. In realtà lo stress è un fenomeno molto più complesso, diffuso universalmente, utile per la vita e motivo di allarme solo quando supera un certo livello. È una reazione non specifica espressa dall organismo quando deve affrontare un emergenza o adattarsi a una novità. Per stressori o agenti stressanti si intendono invece quei fattori che provocano tale 8

9 reazione. Ogni tensione muscolare cronica provoca uno stress continuo che si esercita sul corpo e riduce l energia disponibile nella vita quotidiana per affrontare le situazioni stressanti. Molti individui per farcela, per esempio, serrano strettamente le mascelle, irrigidiscono le gambe, bloccano le ginocchia e vanno avanti con la forza di volontà costi quel che costi. In questo modo si riduce la respirazione che diviene alta e superficiale, producendo ansie, irritabilità e tensione. La bioenergetica attraverso speciali esercizi favorisce lo scioglimento delle tensioni croniche così promuovendo una respirazione naturale, liberando l energia intrappolata e aumenta il livello di energia disponibile. La persona si scopre di poter far fronte con un efficacia ben maggiore agli stress della sua situazione personale. Re imparare a respirare o meglio a lasciarsi respirare rappresenta un potente antidoto allo stress. Hans Selye, biologo presso l Università di Montreal, è stato il primo, attorno agli anni trenta a usare scientificamente il termine stress, approfondendo lo studio sulla natura e i suoi effetti. Egli osservò che esponendo l organismo a qualsiasi fattore nuovo si ha sempre la medesima reazione fisiologica, per esempio, mutamenti repentini della temperatura ambientale, inversioni del ritmo sonno veglia, traumi, avvenimenti significativi sia positivi che negativi, pur provocando risposte specifiche diverse rappresentano un esperienza nuova, un cambiamento per l organismo che ha, e quindi un bisogno di adattarsi. Anche gli stimoli di natura psicologica e sociale, oltre che a quelli fisici, possono agire da stressori, anzi per l uomo con il suo sistema nervoso centrale altamente sviluppato, gli stimoli emotivi rappresentano gli stressori più comuni (esempio: una persona cara che si ammala, un esame da sostenere, un ambiente sociale-lavorativo nuovo provocano quindi uno stress al pari degli stimoli già ricordati. Tutte queste circostanze ( fisiche, psicoemotive o sociali) richiedono un adattamento da parte dell organismo, risvegliando in esso un certo tipo di allarme, che lo rendono pronto all azione fisica alla così detta risposta di lotta o di fuga. Questo adattamento avviene sempre nello stesso modo perché nell organismo c è un iper funzione della corteccia surrenale, con un conseguente aumento degli ormoni corticoidi nel sangue. Hans Selye descrisse tre fasi dello stress: - fase di allarme - fase di resistenza - fase di esaurimento Nella fase di ALLARME (immediata ma breve, l organismo mobilità le sue difese attivando una parte del cervello, che a sua volta stimola la corteccia delle ghiandole surrenali con produzione di cortisolo. Vi è inoltre l attivazione diretta da parte del sistema nervoso autonomo della porzione midollare delle ghiandole surrenali, producendo adrenalina e noradrenalina. Questi ormoni agiscono a distanza su organi e tessuti. L adrenalina agisce liberando lo zucchero di riserva nel fegato indispensabile per i muscoli e il cervello, per i bisogni energetici immediati. Svolge anche altre azioni vitali, specialmente sul sistema cardio vascolare: accellera il ritmo cardiaco, aumenta la pressione arteriosa, la maggiore frequenza della respirazione, l aumento del tono muscolare e diminuisce il flusso sanguigno a livello del sistema 9

10 digestivo. Tutte queste modificazioni sono in funzione della reazione di lotta o di fuga da parte dell organismo nei confronti dell agente stressore. Nella fase di RESISTENZA se lo stress persiste l evento fondamentale è il proseguimento della produzione di cortisolo che ha come conseguenza la soppressione delle difese immunitarie. Nella fase di ESAURIMENTO, si assiste all esaurimento della ghiandola surrenale, con l impoverimendo delle difese e della capacità di adattamento del organismo che portano all evoluzione patologica e a vari quadri morbosi. La chiave del star bene è dunque cercare di vivere pienamente la vita del corpo. questo significa che il sentire deve diventare importante quanto il fare. Vivere la vita del corpo significa essere in contatto con il proprio sentire ed essere capaci di esprimerlo. Per ottenere ciò il corpo deve essere il più libero possibile dalla tensioni muscolari croniche dobbiamo imparare a sentire cosa succede nel nostro corpo. Con gli esercizi della bioenergetica aiutano al soggetto a entrare in contatto con se stesso diminuendo l ansia e le tensioni. La persona diventa consapevole delle sue tensioni e può fare quanto necessario per portare l organismo a una condizione ottimale di funzionamento,prendendosi la responsabilità del benessere fisico emozionale. L importanza del saper respirare. Le persone respirano poco. La respirazione che noi facciamo è molto superficiale e tratteniamo il respiro quando abbiamo una situazione di stress. La costrizione del respiro è la causa diretta delle difficoltà di concentrazione e dell agitazione che affligge molti studenti, che presentano una tensione nel corpo e una respirazione molto scarsa, la quale produce ansia e irritabilità. Qualunque difficoltà di respirazione crea ansia respirando profondamente e lentamente emergono delle situazioni che ci aiutano ad entrare in contatto con noi stessi e con i nostri bisogni. Imparare a respirare rappresenta quindi il primo passo per recuperare una buona salute emotiva. 10

11 Lo stomaco in psicosomatica Cosa si intende per psicosomatica?. Quando si parla di psicosomatica, si parla di relazione tra psiche e corpo. Relazione è la parola chiave di unità. Quando un organo parla, parla di tutta la persona, che cosa succede nella persona che non riesce a mantenere l equilibrio. Il lavoro del naturopata è quello di vedere e capire la persona nella sua globalità, in tutta la sua struttura. La medicina ha portato con le sue scoperte alla parcellizzazione dell uomo, con questo evento c è stata una perdita della globalità della persona, perché non è la persona che parla ma il suo organo. Nella psicosomatica ci sono delle chiavi di lettura che possono essere le parole. Quello che la persona ci racconta e dove si è cristallizzato il suo malessere. Noi guardiamo la totalità, non solo l organo. Tutte le situazioni ci parlano della totalità della persona. Il nostro intervento è fare in modo che la persona esprima il suo malessere. Un organo parla attraverso alcuni modi di essere, attraverso dei ritmi, e la cristallizzazione della persona avviene attraverso dei ritmi diversi e noi dobbiamo capire quali ritmi. Bisogna fare arrivare il messaggio alla coscienza tramite le parole. Quando la persona si ammala c è una perdita di alcuni ritmi naturali, la persona si è cristallizzata su altri ritmi e noi dobbiamo capire quali. In passato la malattia era considerata ciò cha arriva alla coscienza, dietro c erano della dinamiche inconsce. C è uno spazio tempo per vedere e ci sono delle parole che spingono talmente tanto cha hanno premura di arrivare al conscio. La malattia è la prima chiave di lettura, che c è qualcosa che spinge per uscire, comunicare che c è qualcosa che non va. La malattia è qualcosa che la persona non ha riconosciuto nel profondo, nel mondo nascosto. La malattia è salutare perché parla del mondo nascosto della persona, del suo essere. La malattia è l aspetto salvifico, recuperare il mondo nascosto, che è diverso dal pensiero razionale. Quando una persona si ammala per la medicina si ammala perché non rientra nei valori di riferimento. La persona secondo la psicosomatica porta un qualcosa che è diverso dall uscire dai valori di riferimento. La medicina classifica in un determinato modo la persona, invece per la psicosomatica la persona è individuale e irripetibile. E l aspetto costituzionale che fa la differenza. Perché noi nasciamo con delle impronte uniche che ci differenzia dagli altri. Conoscere la nostra costituzione ci fa mantenere un equilibrio e avere degli atteggiamenti personali che ci rendono sani indipendentemente dai range stabiliti da altri o sono casistiche. Abbiamo già detto che nella psicosomatica le parole chiave sono molto importanti, con esse si legge il corpo ma è pur vero che nella storia di ogni individuo a un altro possono avere una valenza diversa. Le parole chiave sono dei simboli che come i simboli hanno parecchi sfaccettature. Ogni persona è un simbolo e li porta con se. (simbolo = tenere insieme) La psicosomatica cerca di far star bene la persona accogliendola che trovi un ambiente di fiducia in modo che possano emergere parole chiave con dei significati che fino a quel momento non ha riconosciuto perché ci sono stati dei momenti che si è negata. La malattia non è un range ma è una rottura del l equilibrio di una cristallizzazione di un blocco di una persona. 11

12 Quando arriva la malattia compaiono delle situazioni. La prima fase che è quella primaria è quella della morte. Angoscia di morte, c è una rottura un imprevisto. La seconda fase è quella di trovare le soluzioni. Insito in noi ci sono sia l angoscia che le soluzioni. Le risposte sono dentro di noi. L angoscia è più amplificata in persone che non riescono a accedere a queste risorse. La crisi interrompe uno stato quindi è normale che porti fuori un angoscia. La crisi è funzionale e serve per andare a attingere alle risorse, quando ci sono troppe tensioni che non vengono scaricate, queste si cristallizzano e ci vuole più tempo per scioglierle e portare la persona in relazione con se stessa, cosa che la medicina non fa perché la sua visione è organicistica, mentre la visione del naturopata è globale. La crisi porta sempre con se un cambiamento, anche il cervello cambia, è disorientato tanto quanto quell organo che sta parlando, e porta fuori nei momenti di crisi gli elementi, che se non ci facciamo aiutare escono delle parti negative. Il nostro cervello unità con il corpo incontra sia la risorse che le parti negative. Incontra le paure, le parti più aggressive, nocive. Il primo elemento nocivo siamo noi, contro noi stessi. Quando noi non riusciamo a stare in una situazione di sentire ma di pensare e ce ne rendiamo conto, perché lo sappiamo e non riusciamo a trasformare questa cosa, noi siamo i primi elementi contro di noi stessi. E da un elemento nocivo che nascono le negatività. Quando il cervello è in sofferenza anche il corpo è in sofferenza, sono un unità. Tutto questo viene registrato nell ipotalamo che poi trasmette al ipofisi, che poi struttura gli ormoni e per questo che avviene tutto insieme. Un organo sta male sta male anche il suo cervello, l approccio è globale. Non si possono curare solo le emozioni ma anche il corpo, non è sufficiente scaricare l emozione con un gesto ma comprendere l emozione che mi ha portato a faccio degli esempi : la rabbia può portare a scaricare l aggressività verso gli altri o se stessi. Oppure i batteri non attecchiscono su una persona in equilibrio, ma sulla persona in disequilibrio, perché la persona non è capace a far funzionare le sue sentinelle. Però nel momento che le sentinelle del sistema immunitario sono impazzite, vuoi per il troppo stress si crea il disequilibrio. La persona si deve ascoltare, ci sono dei campanelli d allarme che il corpo ha segnalato alla persona, ma che lei non ha ascoltato. Noi dobbiamo percepire quando siamo in disequilibrio e in equilibrio dettato dallo stress. Noi dobbiamo stare con il nostro ritmo e la nostra personalità. Un esempio potrebbe essere quando una persona lavora 20 ore al giorno,vuoi perché non ha nessuno che si prende cura di lei, o uno stato di angoscia perché ha paura della solitudine, o ha paura di morire di fame, ecc.. tutte queste situazioni portano a una ritualità perchè sono sempre le stesse. Ci raccontano che nella persona si è instaurata questa situazione e queste situazioni si incancreniscono dentro e se la persona non le modifica possono portare degli stati di malessere. Ma è anche difficile uscire da queste situazioni che apparentemente mi danno la tranquillità. Si è scambiato il benessere esterno per quello interno. Bisogna lasciare il pensiero per dare spazio alle sensazioni. Bisogna lasciare parlare i sintomi. La sincronicità di Jung. Quando noi stiamo male non siamo in connessione con questa forza vitale che è quella che anima tutto l universo ed è dentro noi. Attivando questa forza noi entriamo in collegamento con noi stessi ma per farlo bisogna 12

13 escludere il pensiero razionale. Stare con la sensazione, tutte le risorse sono nell inconscio. Recuperare quella forza vitale da cui ci siamo allontanati. La persona razionale farà più fatica a recuperare la parte più profonda. Più la persona rimane nel razionale più sarà superficiale viceversa sarà piu profonda. Noi dobbiamo incontrare il nostro opposto. La persona razionale, al primo colloquio, dobbiamo cercare di farlo avvicinare a se stesso, accogliendolo in modo che si avvicini alle sue sensazioni. Il sogno è molto importante perchè ci parla dei simboli. Aesculapio fin dall antichità lasciava le persone in una grotta finchè non sognavano perché il sogno con il suo simbolo ci parla dell inconscio della persona. Per esempio quando la persona soffre di ernia al disco è una persona cristallizzata, che porta il peso della vita, una persona che soffre di gastrite è una persona che è arrabbiata e non lo manifesta. Il tutto avviene perché le persone non si ascoltano. Educando le persone a muoversi in senso autonomo e lavorando sugli opposti, vuol dire che se una persona è troppo agitata o veloce noi la educheremo a essere più calma e cosi via. In questo modo li aiuteremo a ritrovare il loro benessere. Le persone definite psicosomatiche, sono persone che hanno una riduzione dell immaginario dell uso del simbolo, quel linguaggio arcaico, primitivo che non è la parola. Psicosomatico è l organo che parla prima della persona. Non elabora l emozione. Hanno una vita fantasmatica ridotta, sono più razionali. Sono persone che ti sanno spiegare il sintomo, ma non ti dicono l emozione. Nel momento che la persona ti dice che si dimentica qualcosa, che inizia a sognare e immaginare allora vuol dire che si sta avvicinando al mondo immaginativo. Quando una persona ha l immaginario chiuso la prima volta è meglio chiederle che tipo di ritmo ha, veloce, lento,ecc.. bisogna modificare gli atteggiamenti, accogliere l opposto. Quando la malattia ritorna, vuol dire che non è stato fatto il cambiamento. La persona che pensa troppo deve imparare a lasciare andare la razionalità attraverso un linguaggio immaginario. La psicosomatica dice che non si guarisce quando si ritorna alla vita precedente. La persona deve fare delle modifiche per le piccole e le grandi cose, altrimenti rischia la recidività. Il cervello molte volte tenta di ritornare allo stato precedente, al suo vecchio linguaggio. l organo interessato e il cervello hanno bisogno di tempo perché entrambi hanno una memoria. L importante è arrivare alle risorse che abbiamo dentro di noi. La malattia fa evolvere e sviluppare la tua unicità. Per stare bene bisogna stare in relazione con se stessi e gli altri. Dobbiamo recuperare quell unità psicosomatica. Se la persona pensa troppo deve lasciarsi andare, questa è la sua parola chiave. Per JUNG le malattie sono gli dei che abbiamo represso. Per dei si intende la forza che dobbiamo ricercare che ciascuna divinità racchiudeva dentro di se Il corpo è debole perché l anima deve manifestarsi, questo abbassamento mentale a favore dell anima è quello che favorisce l evento sincronico. Secondo JUNG per cogliere gli eventi sincronici dobbiamo avere l abbassamento mentale, un movimento di tipo emotivo, un intenzionalità emotiva e l abbassamento del pensiero razionale in maniera tale da poter cogliere dei nessi che si muovono dentro e fuori di noi. Questo è evidente nel cervello. 13

14 La parte dx del corpo è collegata all emisfero sx del cervello. Qui troviamo la razionalità, il ragionamento, il calcolo, l agire. La parte sx del corpo è collegata all emisfero dx del cervello. Qui troviamo la creatività e l assenza di pensiero. La persona che usa di più l emisfero sx è una persona razionale, la persona che usa di più l emisfero dx sarà una persona più creativa. La malattia viene considerata dalla psicosomatica l evento creativo. E il corpo che utilizza la parte dx del cervello, non sapendo più quale aspetto usare per comunicare con noi. (Malessere = male con noi). Noi siamo più portati a ricordare gli eventi negativi che positivi. Nelle situazioni di ansia si va più alla ricerca del malessere perché non siamo capaci di ascoltare il benessere. Nella fase di malessere usiamo solo una parte del cervello, dobbiamo capire che per avere l unità bisogna farle funzionare entrambe. Le persone che usano molto la razionalità possono sviluppare malattie come la demenza o l alzaimer. Sono persone che per tutta la loro vita hanno utilizzato solo il razionale, la testa, il mentale. Le persone razionali amano gli hobby mentali come le parole crociate. Le parole crociate andrebbero fatte nel modo più creativo, per la curiosità di farle, di sbagliare e per riderci sopra. Solo in questo modo si usa la parte creativa. Fatte per raggiungere lo scopo si usa la razionalità. Bisogna stare in uno stato di giocosità, la noia non favorisce il sentire, è uno stato del cervello non naturale.il bambino non si annoia mai, perché è sempre presente nei suoi giochi, sta nel suo ritmo. La noia non esiste, la noia è un evento delle civilizzazioni, perché noi spostiamo il tutto verso l esterno. Io non sono sufficiente a me stesso. Un esempio può essere quando si mangia troppo, io non sono sufficiente a me stesso e mangio per compensare.le persone dipendenti non si sentono piene di se stesse e cercano situazioni che permettono di esserlo. L approccio psicosomatico è personalizzato per far comprendere i propri malesseri. Una persona che viene in studio con una gastrite da stress so già che mi parlerà di aggressività repressa, una dermatite mi parlerà di problemi di relazione. Di conseguenza mi muoverò in un determinato modo, con cautela, perché la parola chiave è relazione. Questa persona ha una resistenza e prima di proporle un trattamento cercherò di entrare lentamente in relazione con lei per scoprire la sua unicità. La persona da come si muove, come parla e di che colore si veste ci fa capire che tipo di relazione ha con se stessa. In ogni relazione diceva Freud che esiste il transfert e il controtransfert, inteso come approccio. Tranfert = è quando la persona porta i suoi elementi su di me. Controtranfert = Ciò che muove nel terapeuta il transfert del paziente (l operatore non deve influire sulla persona) 14

15 Nell unità psicosomatica si sta bene quando si è al proprio ritmo. Tutte le varie situazioni come: rabbia o ansia, hanno un loro percorso funzionale per un certo tempo. Quando si radicano, vuol dire che a monte c è uno stress, la persona è sempre sottoposta a una accelerazione dei ritmi. Lo stress deve essere funzionale, come si è già detto precedentemente serve per la sopravvivenza per poi però arrivare a rilassarsi. Quando perdura ci porta fuori ritmo. Bisogna imparare a educare se stessi, sapere quello che va bene per noi. Se io sento rispetto i miei ritmi. Il lamentarsi non serve a nulla, porta a una stasi, non avviene una trasformazione. La trasformazione è percepire che ho il ritmo sbagliato perciò devo recuperare il ritmo originale. La salute è una ricerca del proprio ritmo personale, io posso sottostare a un periodo di stress, ma poi tornare indietro al mio ritmo. Bisogna essere genitori di se stessi, sapere quello che va bene e cosa mi fa star bene. Ci sono dei tempi da rispettare, quelli delle stagioni. Faccio un esempio: l autunno come stagione fa pensare a prepararsi a portare tutto verso l interno per poi poter affrontare l inverno. Una persona attiva a cui piace l estate, farà fatica a entrare in relazione con la stagione dell autunno, e potrebbe portarla alla depressione, perché è una stagione che rallenta i ritmi. E il non fare dell autunno che porta questo stato. Noi dobbiamo imparare a vivere con i ritmi delle stagioni e di conseguenza a nutrirci di quello che essa ci offre. Per una persona abituata a vivere all esterno sarà molto difficile per lei affrontare l autunno. Il ruolo del naturopata è quello di aiutare e educare le persona a stare con il ritmo anche delle stagioni, apportando piante che danno calore faccio un esempio tipo l echinacea. Il cibo condito con spezie che scaldano, aromi, zenzero, cannella, ecc.i germi attecchiscono di più dove non c è un senso di calore ma più una freddezza. Anche i nostri organi hanno un ritmo, e noi nasciamo con un ritmo. Alcuni autori e psicoterapeuti parlano della psicosomatica, faccio degli esempi; James Hillman parlando di Yung dice che per le somatizzazioni bisogna rivedere, ciò che è stato l atteggiamento di attenzione verso noi stessi. Tutti dicono, che quando porti l atteggiamento su di te diventi egoista, non è vero diventi egoista dei tuo spazi, sei una persone aperta agli altri ma che però riesci a mantenere il tuo spazio. C è sempre una dualità, un apertura a se chiusura personale. Groddek uno dei padri della psicosomatica, nasce a metà del 1800 e muore nel 1900 è un contemporaneo della psicosomatica. In realtà è un medico che utilizza e trova nei suoi studi, gli atti naturali per curare le persone. Con tecniche di rilassamento, massaggi, con tecniche di respirazione. Groddek all epoca entra in contatto con Freud ma la differenza che Groddek parla del es come di una forza vitale che ci anima, che ci permette di stare in equilibrio. Nel momento che c è la malattia l es che è una forza da il nocaut, perché la persona potrebbe andare incontro a esiti psichiatrici e psicologici e la malattia in qualche modo ammortizza il disequilibrio. Groddek dice la 15

16 persona ha in se gli strumenti per rimanere in uno stato di salute, e ha in se gli strumenti per ammalarsi. È la persona che decide come un salvavita di ammalarsi e può auto guarirsi. Groddek aveva già visto che dentro di noi c è una spina che si può accendere in qualsiasi momento. Lui portava nelle sedute di psicoterapia tecniche di massaggio, di rilassamento, ecc.portava le persone in un sanatorio per fare dei bagni turchi, perché sosteneva mente sana corpo sano. Groddek sosteneva che non tutti hanno bisogno di psicoterapia e che bisogna valutare l entità del caso. Ci sono persone che hanno bisogno di più tempo per guarire perché probabilmente c è qualcosa di più profondo, è questo salvavita che continua a perdurare e non si riscatta per trovare la salute. L intervento di Groddek è stato innovativo. Freud medico psicoterapeuta all inizio del 1800 parlava della libido in una Vienna perbenista. Lui ha avuto la capacità di parlare della libido, con un concetto sessuale. Poi Jung e gli altri l hanno intesa come energia creativa e che poi poteva anche essere sessuale. Per il cervello l energia creativa e il concetto sessuale hanno la stessa valenza perché per entrambi c è lo stesso stato di eccitazione. Negli anni sono stati fatti degli studi per provare che quando una persona è ammalata,la libido è bloccata. Questa energia creativa, il nostro compito è quello di sbloccarla con le varie discipline che noi conosciamo. Quando Groddek parlava di es la forza vitale si differenziava da Freud perché Freud intendeva che l es era collegato all inconscio, era qualcosa di rimosso che non si potava mai accedere. Le istanze riconosciute da Freud erano: ES = E LA FASE DEL RIMOSSO E COLLEGATA ALLA PRIMA FASE DELLA VITA A CUI NOI NON POSSIAMO ACCEDERE. IO = E L ATTEGGIAMENTO CHE NOI IMPARIAMO, IL NOSTRO MODO DI RELAZIONARSI CON IL MONDO. IL SUPER IO = QUI ABBIAMO TUTTO L ASPETTO DELLE REGOLE E DELLE CENSURE MORALI. Sicuramente quando c è la libido bloccata c è un super io molto forte. ci sono dei blocchi morali e molte regole. Possiamo trovare persone tipo gli ossessivi stessi dove c è questo aspetto molto rigido un forte super io. Gli ossessivi sono persone che devono sempre tenere pulito, in ordine, che hanno delle regole. Tutto questo nel simbolismo può far pensare che la persona ha dei pensieri malvagi sporchi e pulendo è come se eliminasse questa parti. La maggior parte delle volte una chiusura della libido può corrispondere un attività censoria di regole molto imponente. Questo perché? Perché il super io,dipende dall assimilazione delle regole genitoriali e per il bambino, il fatto di agire fuori dalle regole implica le punizioni. Quindi il bambino svilupperà un super io molto rigido perché per evitare le punizioni si prendono dei concetti che da una parte ci ritroviamo e andiamo avanti senza poi richiederci se questi concetti ci appartengono o se è un concetto che abbiamo assimilato per la paura delle punizioni. 16

17 Nella coppia, ci sono persone che non riescono a trovare la loro originalità. Può succedere che nelle situazioni di dipendenza di relazione e molte volte il fatto di farsi piacere molte cose, crea una situazione di apparente benessere per noi. Il fatto che tutto si svolge come una trama che ci siamo indicati, la famiglia, il marito, i figli, secondo un modello genitoriale di compagno che abbiamo, e il portare in campo dimensioni diverse da quelle che abbiamo creato in quel momento ci disturba da quelle che abbiamo creato apparentemente. Il cambiamento porta uno stato eccitativo del corpo ti fa sentire che sei vivo. La libido per Groddek è creatività è l es, questa forza vitale, che il bambino usa per giocare, è la creatività. Quando noi siamo chiusi non giochiamo. La creatività è spenta come la nostra mimica. Per Groddek che è il precursore di Jung l es è la forza vitale, mentre per Freud è la zona del rimosso dove non si può accedere. Jung riprende il concetto del es con il concetto del se. Viene visto come qualcosa che le persone devono cercare per tutta la vita, quando noi usiamo la parola se è l io. L io in realtà è una parte del se. Per Jung la cose depositate nell inconscio possono arrivare a uno stato di coscienza, sono quelle risorse di cui si parlava prima, che attraverso un linguaggio giusto si possono recuperare.quindi ecco che l es ha una forza importante, non è più una zona buia ma di potenzialità. L es è una forza fluidifica questa forza deve essere naturale essere autentici, essere appagati, e quando si è nella nostra fluidità tutto scorre. Anche un sistema linfatico lento che non fluisce bene, ci sta raccontando di un rallentamento della persona che sta capitando al nostro corpo, e al nostro inconscio emotivo. Il sistema linfatico lento sono persone terrene, la persona si radica perché sta combattendo un disagio che si porta dentro. La stasi linfatica crea dolore. La persona che ci parla di crampi è una persona irrequieta. Guardare tutto il funzionale. 17

18 DEFINIZIONI DI AUTORI DELLA PSICOSOMATICA Paul Schilder ( ) è colui che cogna la definizione dello schema corporeo, che è come noi ci vediamo, e ci vediamo in due modi, attraverso l interno e l esterno, ma soprattutto come ci vediamo, che diviene inizialmente attraverso la considerazione che l esterno ha di noi. Il bambino che viene coccolato, ricompensato di attenzioni, gli crea una situazione di autostima molto diversa, quindi di schema corporeo diverso da un bambino che non viene ricompensato e coccolato. Qui si mettono già le basi per la sua disistima e cercherà per tutta la vita negli altri la valenza che lui ha fatto bene. Nello schema corporeo si guarda tutto la struttura fisica, emotiva, come la persona si veste, i capelli, la mimica del viso ecc.. Freud diceva della conversione isterica, la libido della persona è talmente forte da non riuscire a gestirla nella psiche, l emozione è talmente forte che non riesce a trovare un modo per esprimerla e per salvaguardarsi la trasferisce in una connotazione somatica un aspetto di aggressività. I tratti isterici non erano altro che una forte energia che la persona percepiva e impaurita cercava la scarica e la trovava nel corpo, che non era possibile per la persona trovare la soluzione psichica e la trovava nel corpo. 18

19 Felix Deutsh ( ) medico di Freud, parla di conversioni,di una situazione di normalità, di trasformazioni,dell agire del corpo. Per Felix noi usiamo la conversione perché le emozioni non sempre sono di facile assimilazione è un meccanismo di difesa che è utile e salutare, ma nel momento che la cosa si perpetua, senza prenderne coscienza la cosa non è più salutare può diventare critica. Bisogna entrare in contatto anche con delle parti di noi. Per esempio; io continuo a criticare una persona libertina, vuol dire che non sono in contatto con questa parte. Nel momento che c è la malattia è la conversione che si rompe e bisogna cambiare. Franz Alexander ( ) fondatore della medicina psicosomatica. Primo studente dell istituto psicoanalitico di Berlino, fondò a Chicago, l istituto psicoanalitico e lo diresse per 20 anni. Era consapevole di far progredire la terapia e la didattica psicoanalitica. Prima di Alexander, psicoanalisi e medicina erano due discipline separate, Alexander diceva che l ideale del medico non poteva essere l ingegnere del corpo umano separato in pezzi e decide che la malattia non può essere cosi lesione disfunzione- malattia. Lo studio degli aspetti biologici fisiologici dipendono dalla distonia del sistema simpatico e parasimpatico. Quando c è una situazione di allerta, emotiva c è un cambiamento fisiologico. 19

20 La persona in stato di allerta, si prepara a questo movimento rabbioso che può essere di attacco o fuga, ma se qualcosa di questo movimento rimane bloccato può trasformarsi in qualche disturbo. Alexander dice; sicuramente c è un altro aspetto da considerare, a seconda della fase di azione della persona ci possono essere delle manifestazioni diverse. Se la persona è in una fase di attacco, più concettuale e l esplosione di rabbia è bloccata, potrebbe avere un emicrania, visto che la testa è la sede dei pensieri. Mentre se la persona è più emotiva potrebbe avere l ipertensione, mi preparo all attacco ma non riesco a scaricare. Alexander parla anche della fase fisiologica che è legata all organo, a seconda di dove subentra il conflitto, si può fermare il sintomo, l artrite è nella fase neuromuscolare mentre se la persona è in fase vegetativa si ha l ipertensione, se è in fase concettuale avrà l emicrania. Se l emicrania non viene elaborata, allora l informazione passa nel sangue e la persona avrà l ipertensione. Se la persona non si ascolta passerà alla sintomatologia artritica, passerà alle ossa che sono la struttura della persona. Ci sono vari campanelli d allarme che la persona non ascolta e non ascoltandosi si rischia sempre di far peggiorare il sintomo, si parte dal sangue per arrivare alle ossa. Questo meccanismo può valere per le persone che usano spesso il sistema simpatico. Anche per il sistema parasimpatico ci sono dei meccanismi e delle manifestazioni, per la fase concettuale. C è più un desiderio di essere nutrito, visto che la parola chiave è dipendenza. Desidero essere coccolato e tutto questo lo sente con imponenza, se questa cosa non avviene, può succedere che a livello interiore si abbia una somatizzazione sui visceri a livello gastrico. Perché nell ambiente gastrico c è più un aspetto relazionale. C è una trasformazione del cibo e di sentimenti, emozioni. Se non c è dipendenza con la madre, io non sono capace di trasformare il cibo, mangio poco, e in qualche modo mangio poco e mi riempio di non di cibo che mi da energia ma di aria e questo sentirmi sempre pieno di aria, nutrito d aria, mi porterà a avere una gastrite o ulcera. Prima di arrivare alla lesione dell organo come abbiamo già detto i campanelli ci sono e suonano e bisogna imparare a ascoltarli. Franz Alexander dice che la possibilità del sintomo di significare non è solo collegata alla psiche ma bisogna tenere in considerazione la costituzione anatomo- fisiologica dell organismo e se l attività degli organi viscerali non è collegata al s.n.c si esclude che la patologia che li riguarda è in relazione con la psiche. L espressione simbolica del contenuto psicologico è solo possibile se è collegata al sistema nervoso. Franz Alexander intende che non tutte la malattia sono da collegare alla psiche ma che ci sono malattie, dovute a altre cause, esempio l helicobacter. 20

Alexander Lowen. Considerazioni sull analisi bioenergetica

Alexander Lowen. Considerazioni sull analisi bioenergetica CentrodiPsicologia,PsicoterapiaeLogopedia ViadiSant Anna,16Roma 06.45597067 www.secondanavigazione.it Alexander Lowen Considerazioni sull analisi bioenergetica Un sostegno teorico all analisi bioenergetica

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento

attacchi di panico, agorafobia, fobia sociale, comportamento L ansia, è ciò che permette all uomo di sopravvivere: parleremo in questo caso di ansia reale che viene utilizzata per segnalare un pericolo interno (proveniente dal mondo inconscio), o esterno (proveniente

Dettagli

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto

La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it La Depressione nell infanzia di S. Di Salvo, M. Marino e A. Martinetto I sintomi

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Dott.ssa M.Versino 1

Dott.ssa M.Versino 1 Dott.ssa M.Versino 1 Stress lo stress è inteso come risposta aspecifica dell organismo a tutto ciò che lo costringe ad uno sforzo di adattamento lo stress è la risposta a una o più stimolazioni fisiche

Dettagli

Cosa avviene nel corpo:

Cosa avviene nel corpo: Stress ed emozioni STRESS ed EMOZIONI Ogni qual volta una persona si trova dinanzi ad un pericolo nel suo organismo avviene un processo di attivazione, cioè la produzione di molte energie che scatta nel

Dettagli

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress

Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Unità Didattica 1: La gestione dello Stress Lo Stress è inevitabile nella vita. Ogni giorno ti confronti con diverse situazioni e con il bisogno continuo di fare delle scelte, ciascuna in qualche modo

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

Non lasciarla nell ombra.

Non lasciarla nell ombra. La vita è emozione. Non lasciarla nell ombra. Un ascolto attento e qualificato. Michele Andolina coltiva da sempre una grande passione: il benessere della persona in tutte le sue forme. Considera la cura

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE Le Costellazioni Familiari e Sistemiche sono un metodo d'aiuto che permette di portare alla luce quelle dinamiche inconsce, spesso complesse, che stanno alla base dei

Dettagli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli

LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE. Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE Relatore: Enrico Barcaioli LA RIFLESSOLOGIA PLANTARE È UNA TECNICA DI INTERVENTO MANUALE CHE AGISCE ATTRAVERSO I PIEDI E CONSENTE ALLA PERSONA DI RITROVARE L EQUILIBRIOL PSICO-FISICO

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena

Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Maristella Fantini Voglio un figlio, ma Ipotesi ed interventi sulla sterilità psicogena Ed. Ananke Torino La infertilità è la difficoltà ad avere figli dopo 2 anni di tentativi. La sterilità è considerata

Dettagli

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non

CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non CONOSCI TE STESSO : UNA TECNICA SEMPLICE PER TUTTE LE ETA OVVERO IL TRAINING AUTOGENO. Conoscere sé stessi, avere un rapporto reale e continuo con sé stessi non Sempre è facile come dirlo. Spesso abbiamo

Dettagli

Riequilibrarsi Naturalmente

Riequilibrarsi Naturalmente Riequilibrarsi Naturalmente di Maria Elisa Marchiani l Equilibrio Muscolare che dà voce al corpo! Liberarsi dalle tensioni muscolari, sentire l armonia del corpo, la libertà della schiena e il piacere

Dettagli

Dott. Roberto Baldini

Dott. Roberto Baldini Dott. Roberto Baldini La frenesia della vita moderna si è ormai impossessata pure dei nostri momenti di libertà, e godiamo in maniera nervosa e faticosa esattamente come quando lavoriamo. La parola d ordine

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

Come crescere tuo figlio secondo natura

Come crescere tuo figlio secondo natura Come crescere tuo figlio secondo natura 10 giorni di formazione con Roberta Cavallo e Antonio Panarese La formazione ideata da Angela Pedicone sulla crescita secondo natura Numero limitato di posti Presentazioni

Dettagli

IndIce. IntroduzIone. I gesti non mentono, impariamo a capirli. Interpretare i segnali corporei per conoscere gli altri e se stessi.

IndIce. IntroduzIone. I gesti non mentono, impariamo a capirli. Interpretare i segnali corporei per conoscere gli altri e se stessi. IndIce IntroduzIone 8 I gesti non mentono, impariamo a capirli Interpretare i segnali corporei per conoscere gli altri e se stessi prima parte 10 La comunicazione non verbale Il corpo dice più delle parole

Dettagli

INTRODUZIONE. Per approfondire gli aspetti relativi allo yoga si

INTRODUZIONE. Per approfondire gli aspetti relativi allo yoga si INTRODUZIONE Questo testo si rivolge a persone che desiderano avere qualche suggerimento utile ad affrontare quelle situazioni critiche che fanno parte della normale vita quotidiana, mentre in presenza

Dettagli

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI

LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI LO STRESS E I DISTURBI PSICOSOMATICI Il concetto di stress ha un ruolo fondamentale nella comprensione delle manifestazioni psicosomatiche. Nella sua formulazione il concetto di stress permette di vedere

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Progettato da Nicoletta Fabrizi

Progettato da Nicoletta Fabrizi Progettato da Nicoletta Fabrizi SNC è formato dall encefalo e dal midollo spinale,che costituisce un importante collegamento tra l encefalo stesso e il resto del corpo. Il midollo spinale comunica con

Dettagli

Dispensa La gestione dello stress

Dispensa La gestione dello stress Dispensa La gestione dello stress Il valore di un idea sta nel metterla in pratica OLYMPOS Group srl - Via XXV aprile, 40 Brembate di Sopra (BG) Tel. 103519965309 - Vietata ogni riproduzione Fax 1786054267

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

Vipassana dipendenze e salute

Vipassana dipendenze e salute Vipassana dipendenze e salute Seminario promosso dal Vipassana Research Institute Dhamma Giri, Igatpuri, India, dicembre 1989 Vipassana e psicoterapia * di Jyoti Doshi medico e psicoterapeuta La funzionalità

Dettagli

La depressione: sintomi e cura

La depressione: sintomi e cura La depressione: sintomi e cura a cura di Cinzia Gatti La fine di un amore, la morte di una persona cara, la perdita del lavoro possono suscitare sentimenti di tristezza e desolazione, far nascere sensi

Dettagli

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA

5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Collana PROMUOVERE IL BENESSERE PSICOLOGICO A cura di Dott.ssa Sabina Godi 5 STRATEGIE PER COMBATTERE L ANSIA Roberto è un uomo di 40, lavora come impiegato in una azienda farmaceutica. Da ormai 20 anni

Dettagli

EMOZIONI: Una via per la conoscenza

EMOZIONI: Una via per la conoscenza EMOZIONI: Una via per la conoscenza D.ssa Francesca Cantaro (direttrice dell Istituto Gestald di Milano) (sintesi dell incontro, a cura di Marcella Costato) IGM Milano 15 aprile 2008 1 SENTIRE, PENSARE,

Dettagli

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA

LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA LA RABBIA: ALCUNI PASSI PER INIZIARE A GESTIRLA Ti senti spesso arrabbiato? Ti accorgi che spesso non riesci a tenere il controllo di te stesso? Sei bloccato in un circolo di litigi e incomprensioni, che

Dettagli

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE

SOMMARIO 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È IRRITABILE SOMMARIO 7 L IMPORTANZA DEL COLON 11 UN ORGANO CON FUNZIONI VITALI 12 La fisiologia 20 La visione psicosomatica 36 L alimentazione 40 I rimedi naturali 47 I DISTURBI PIÙ FREQUENTI 51 QUANDO IL COLON È

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

L importanza delle emozioni in psicoterapia

L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in psicoterapia L importanza delle emozioni in terapia è condivisa da molti approcci Alexander parlava della terapia come di un esperienza emotiva correttiva,, che non ripetesse

Dettagli

Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De

Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De Scuola dell infanzia Istituto Comprensivo di via Fatima a Copertino (LE) Giovedì 10 Dicembre 2009 A cura di: Marianna Puglisi Psicologa Antonella De Blasi Psicologa Per: Associazione Torre di Babele onlus

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTEFIORINO SCUOLA PRIMARIA MATILDE DI CANOSSA A. S. 2004/05 e 2005/06 Insegnanti: Ferraguti Paola Bocchi Silvana 1 UNITA DI APPRENDIMENTO: CAPIRE CON IL CUORE Premessa L educazione

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE

INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE INTEROCEZIONE e MEDICINA TRADIZIONALE CINESE Possiamo collegare il concetto di interocezione (percezione dello status interno e dei segnali provenienti dai visceri, concernente il senso di equilibrio omeostatico

Dettagli

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE

DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE DBT SKILLS TRAINING ABILITÀ DI REGOLAZIONE EMOZIONALE Maria Elena Ridolfi Regolazione emozionale: obiettivi COMPRENDERE LE EMOZIONI RIDURRE LA VULNERABILITA EMOZIONALE RIDURRE LA SOFFERENZA EMOZIONALE

Dettagli

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004

Il dolore neoplastico. Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Il dolore neoplastico Nicola Galtarossa Azienda Ospedaliera di Padova AUDITORIUM OSPEDALE di S. POLO MONFALCONE 20 NOVEMBRE 2004 Definizione accademica Il dolore è una sgradevole esperienza emotiva e sensoriale

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto

IL SISTEMA NERVOSO. Sistema nervoso periferico. Sistema nervoso centrale. midollo spinale. encefalo. autonomo. parasimpatico. -Cervello -Cervelletto IL SISTEMA NERVOSO Sistema nervoso centrale Sistema nervoso periferico encefalo midollo spinale sensoriale motorio -Cervello -Cervelletto somatico simpatico autonomo parasimpatico -Midollo allungato Il

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

Informazioni per utenti e familiari

Informazioni per utenti e familiari LA DEPRESSIONE MAGGIORE Informazioni per utenti e familiari In questa dispensa parleremo di depressione e dei problemi che può dare nella vita di una persona. Nella vita, è comune attraversare periodi

Dettagli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli

Anna La Prova. Ansia e Panico. Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Anna La Prova Ansia e Panico Tutto ciò che devi sapere e fare per riuscire a gestirli Indice Introduzione 3 Che cos è l ansia 8 Cosa sono le emozioni 24 Gestire l ansia in 3 passi: la tecnica 3AF 39 Come

Dettagli

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere

La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere La respirazione è il più grande atto vitale. Possiamo vivere per settimane senza mangiare e per alcuni giorni senza bere, ma è impossibile vivere senza respirare. Senza l ossigeno non può esistere vita!

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

I segreti della mente

I segreti della mente Vittorino Andreoli I segreti della mente Capire, riconoscere, affrontare i segnali della psiche Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06413-2 Prima edizione:

Dettagli

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali

Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Tra mente e corpo aspetti psicologici e relazionali Dott.ssa Chiara Magatti Psicologa psicoterapeuta, specialista in psicologia della salute 1 Stare bene! Senso di padronanza e controllo sulla propria

Dettagli

Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella

Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella Dott.ssa Caterina Pidello Operatore di A.A.A. Ass. Soc. Centro della Memoria Biella Una passione dalle lunghe orecchie ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI La pet-therapy utilizza animali d affezione, potrebbe

Dettagli

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia

Docente: Paolo Barelli. Disturbi d ansia Docente: Paolo Barelli Disturbi d ansia Funzioni Della Vita Psichica (Rappresentazione Del Modo Di Essere Della Persona) Controllo e soddisfazione istinti Controllo attività motoria Intelligenza Ansia

Dettagli

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla

Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo e curarlo fino alla sua completa scomparsa. Prima di parlare del panico vorrei dire due parole sulla La Paura questa ben nota sconosciuta ovvero l attacco di panico. Un segnale spaventoso e terrificante Ma, a ben vedere, altrettanto vitale e tonificante!! Che cos è?? Come si manifesta e come gestirlo

Dettagli

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo

Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia. L equilibrio armonico tra mente e corpo Ottimizzazione Neuro Psico Fisica e CRM Terapia L equilibrio armonico tra mente e corpo CRM Terapia Corpo e mente in perfetta armonia, per ritrovare la salute Dopo anni di ricerca nella prevenzione e cura

Dettagli

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica

Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica Dott.ssa FULVIA ZUZZI Psicologa clinica 1 LO FACCIO PER IL TUO BENE? 2 SCELTE EDUCATIVE Processi di elaborazione di pensierie decisioniche precedono l azione educativa. Le compiamo continuamente Alcune

Dettagli

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO

CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO CORSO DI TECNICHE DI RESPIRAZIONE, MOVIMENTO E RILASSAMENTO PER IL BENESSERE QUOTIDIANO Il concetto di salute ha subito importanti modificazioni negli ultimi tempi, come indica la definizione dell OMS

Dettagli

La relazione con il paziente e la sua famiglia

La relazione con il paziente e la sua famiglia La relazione con il paziente e la sua famiglia 10-17 giugno 2006 Giuliana Carrara psicologa ospedaliera Riflessione sul tempo Il tempo, quando ne resta poco, è riservato al paziente ed alla famiglia. Ai

Dettagli

pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna

pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna pratiche e discipline che ti accompagnano nella crescita Associazione Culturale SoleLuna Movimento in gravidanza e accompagnamento alla genitorialità. SPAZIO MAMME Luogo di auto-aiuto aperto a tutte le

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento

Sommario. CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress. CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento Sommario CAPITOLO 1 7 Per sciogliere tensioni, ansia e stress CAPITOLO 2 37 Tecniche e metodi di rilassamento CAPITOLO 3 75 I segreti per rilassarsi in casa CAPITOLO 4 115 Per allentare la tensione sul

Dettagli

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO

L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO L OSSERVAZIONE COME METODO EDUCATVO Osservazione e primo approccio L accompagnamento e il distacco tra una madre e il suo bambino comportano per entrambi un grosso sforzo di AMBIENTAMENTO alla nuova situazione

Dettagli

SCHEDA DESCRITTIVA DELLE PRESTAZIONI

SCHEDA DESCRITTIVA DELLE PRESTAZIONI FISIOTERAPIA Operatori: Fisioterapisti L intervento fisioterapico in ambito psichiatrico si basa sull assunto che il corpo sia implicato nei processi correlati ai disturbi psichici: il corpo è il nostro

Dettagli

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29

Prefazione... 7 Che cosa offre questo libro... 13 Esecuzione dello... 29 Indice Prefazione...7 Che cosa offre questo libro...13 Che cos è lo Yoga Nidra?... 17 Swami Satyananda Saraswati... 19 Effetti dello Yoga Nidra... 20 A chi serve?... 22 Che cosa succede di preciso?...

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

Asilo Infantile di Affori.

Asilo Infantile di Affori. Sintesi dell incontro LA GESTIONE DELLE EMOZIONI NELL INFANZIA Dott.ssa Marina Piccolo DEFINIZIONI Quando parliamo di emozioni spesso utilizziamo termini differenti che sono tuttavia associati ad esperienze

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti. Dr. Sara Corbetti

L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti. Dr. Sara Corbetti L ansia e lo stress nei giovani (e meno giovani ) atleti Dr. Sara Corbetti L ansia è un fenomeno naturale che si prova quando alcuni valori fondamentali (di sopravvivenza, sociali, psichici, sportivi)

Dettagli

Tabacco, alcool, droghe

Tabacco, alcool, droghe Tabacco e prestaziome Tabacco, alcool, droghe Essere in pieno possesso delle proprie capacità cardio respiratorie e muscolari è indispensabile per la pratica di uno sport, qualunque esso sia. Alcune sigarette

Dettagli

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE.

L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. L'ANSIA, UN EMOZIONE UNIVERSALE. ELEMENTO FONDANTE DELLO SVILUPPO E DELLA MATURAZIONE DELLA PERSONALITA DEI NOSTRI FIGLI, PUO MANIFESTARSI NEGLI ATTACCHI DI PANICO COME UNA FIAMMATA IMPROVVISA CHE TRAVOLGE

Dettagli

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007

Modalità Relazionali. Formazione 01/12/2007 Modalità Relazionali Formazione 01/12/2007 R. Magritte Le Therapeute Modalità di resistenza al contatto Introiezione Proiezione Retroflessione Deflessione Confluenza Polster E. Polster M. Psicologia della

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea

In FormAzione. Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea In FormAzione Indicazioni in materia di comunicazione sociale sui Disturbi del Comportamento Alimentare e dell Immagine Corporea DCA ED ETA DELLO SVILUPPO di Valentina Calcaterra DCA e infanzia : no alla

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Skill Peso Anni Valutazione Capacità Ideale

Skill Peso Anni Valutazione Capacità Ideale Operatore Olistico Practitioner Profilo Professionale: Operatore Olistico Practitioner Descrizione: L Operatore Olistico è un facilitatore dell equilibrio energetico, dell evoluzione e della crescita personale

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus

Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante. di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus Gli aspetti emotivi e relazionali del bambino e dell insegnante di Catia Bufacchi Psicoterapeuta- Vice presidente la cura del Girasole Onlus PRINCIPI DELL INTERVENTO EFFICACE NEI CASI DI SOSPETTO ABUSO

Dettagli

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI

ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI Il Cibo nemico ASPETTI CLINICI E RELAZIONALI DEI DISTURBI ALIMENTARI - Il cibo nemico. (prima parte) Da quando esiste la vita, nutrimento e cibo sono elementi fondamentali per la sopravvivenza di qualsiasi

Dettagli

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità

Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità S Novarese Attacchi di panico : cosa ci dicono della contemporaneità Gli attacchi di panico sono in aumento, lo dicono le statistiche e ne riceviamo echi nei nostri studi. Anche altri fenomeni patologici

Dettagli

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino.

Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. A.I.M.I SSO Il massaggio del bambino non è una tecnica, è un modo di stare con il proprio bambino. Il massaggio del bambino è un antica tradizione presente nella cultura di molti paesi. Recentemente è

Dettagli

ANUPSA VERONA ANUPSA VERONA L INCONSCIO TRA IPNOSI E SOGNO: LA CHIAVE PER IL BENESSERE. dott. Loris Calzolari

ANUPSA VERONA ANUPSA VERONA L INCONSCIO TRA IPNOSI E SOGNO: LA CHIAVE PER IL BENESSERE. dott. Loris Calzolari ANUPSA VERONA ANUPSA VERONA ANUPSA VERONA dott. Loris Calzolari L INCONSCIO TRA IPNOSI E SOGNO: LA CHIAVE PER IL BENESSERE COSA E Stato particolare di coscienza che non è veglia e non è sonno che si crea

Dettagli

Crampi. Denti e gengive

Crampi. Denti e gengive Crampi Il collegamento tra il sintomo e l emozione in questo caso è molto intuitivo. I crampi indicano infatti tensioni profonde, paure, mancanza di rilassamento, incapacità di lasciarsi andare. Oltre

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

La Spezia 12 novembre 2014. Alfonso Cristaudo. U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana La Spezia 12 novembre 2014 Alfonso Cristaudo U.O. Complessa Medicina Preventiva del Lavoro Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana OMS Definizione di Salute uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA

Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014. CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relazione Incontro del 28 Ottobre 2014 CASA DOLCE CASA Gli ingredienti per STARE BENE IN FAMIGLIA Relatrici: Dott.ssa Barbara Meroni (Psicologa e psicoterapeuta gestaltica) L argomento della serata è dedicato

Dettagli

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi

Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Gruppo di Foggia Clinica, Formazione, Cultura psicoanalitica Seminario della psicoterapeuta Gloria Rossi Ascoltarsi è un arte dimenticata, che tutti siamo in grado di ricordare. Il corpo ci parla attraverso

Dettagli