PROGRAMMA DEL CORSO 1 SETTIMANA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMA DEL CORSO 1 SETTIMANA"

Transcript

1 GIORNO Ministero dell'interno D.V.F.S.P.D.C. Servizio Tecnico Centrale PROGRAMMA DEL CORSO 1 SETTIMANA 08,00-09,30 09,40-11,20 11,30-12,30 INTERVALLO MENSA 12,30-13,30 MENSA 13,30-15,00 15,10-17,00 Verifica conoscenze pratiche 1 A LUNEDI' Obiettivo e programma del corso Contenuto dei manuali di 1 A e B Sintesi delle conoscenze di 1 A MARTEDI' Sintesi prog. Didattico Salita e discesa corda Manovre MENSA Manovre Sistemazione imbraco e singola, progressione e attrezzi discesa in doppia MERCOLEDI' Sintesi prog. Didattico Freno e discensore a Manovre MENSA Manovre Nodi Bellunese e moschettone paranco di Poldo Calata in controllata dal basso GIOVEDI' Sintesi prog. Didattico Manovre Manovre MENSA Manovre VENERDI' Sintesi 1 settim Manovre soccorso a Programma 2 settim. persona Uscita ore 12,30 GIORNO LUNEDI' 08,00-09,30 Sintesi prog. Didattico Punti d attacco artificiali 2 SETTIMANA 09,40-11,20 Segnalazioni e Comunicazioni 11,30-12,30 Analisi dei rischi Sicurezza operatori INTERVALLO MENSA 12,30-13,30 MENSA 13,30-15,00 15,10-17,00 Manovre MARTEDI' Uscita Manovre Manovre MENSA Manovre MERCOLEDI' Uscita Manovre Manovre MENSA Manovre GIOVEDI' Sintesi Corso Approfondimenti Sulle materie trattate MENSA Verifica teorica Teorici e Pratici nel Corso VENERDI' Verifica Pratica Verifica Pratica Verifica Pratica Esito esami MENSA Uscita ore 13,00 Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 1

2 1 SETTIMANA LUNEDÌ Saluto del direttore del corso 01,00 08,00-09,00 Motivo del corso Presentazione del corso Presentazione manuale Differenze tra SAF 1 A e 1 B Programma didattico e ambito d applicazione 00,30 09,00-09,30 Obiettivi del corso: rendere indipendenti gli operatori su corda e gestione di soccorsi individuali in sicurezza Evidenziare che la sicurezza è più dipendente dal comportamento e dalle scelte degli operatori che dall uso corretto dei materiali Sintesi delle conoscenze del corso SAF 1 A 01,40 09,40-11,20 Lucidi da N 1 a 12 e i lucidi Appunti 1 A Sintesi delle conoscenze del corso SAF 1 A 01,00 11,30-12,30 Lucidi da N 1 a 12 e i lucidi Appunti 1 A Pratica SAF 1 A 01,30 13,30-15,00 Nodi Ancoraggi Materiale sacco salvataggio SAF Intervallo 00,10 15,00-15,10 Pratica SAF 1 A 01,50 15,10-17,00 Allestimento calata e recupero Materiale sacco salvataggio SAF Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 2

3 1 SETTIMANA MARTEDÌ Sintesi didattica Programma del giorno precedente e programma giornaliero Materiali Vestizione SAF 1 B Presentazione della progressione in del passaggio dei nodi e del frazionamento Ancoraggi (frazionamenti e rinvii) Presentazione della progressione, passaggio Manovre di progressione, passaggio Intervallo 00,10 15,00-15,10 Manovre di progressione, passaggio 01,00 08,00-09,00 Lucido N 13 00,30 09,00-09,30 Differenze con il SAF 1 A (ventrale e staffa, discensore Stop e GI-GI, spezzone di corda, carrucola, cordino od eventualmente Shunt) 01,40 09,40-11,20 Evidenziare che la continuità della sicurezza si ottiene allongiandosi all asola nel passaggio dei nodi e all asola nel passaggio sul frazionamento 01,00 11,30-12,30 Istruire un dicente che presenti le manovre con i relativi passaggi salendo per circa 3 mt. Lucidi da N 14 a 17 Vestire un discente Lucido N 18 Lucidi da N 18 a 23 Portarsi in luogo idoneo alle manovre 01,30 13,30-15,00 Salita e discesa della corda Il livello di sicurezza è dato dall indispensabile protocollo da usare (doppia sicura) 01,50 15,10-17,00 Salita e discesa della corda passaggio dei nodi Ogni discente deve avere una vestizione completa Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 3

4 1 SETTIMANA MERCOLEDÌ Sintesi didattica programma del 01,00 08,00-09,00 Lucido N 24 giorno precedente e giornaliero Nodi parando di Poldo Nodo autobloccante Bellunese Abbinamento carrucola-bloccante Freno e discensore a moschettone Calata di un pericolante controllata dal basso con GI-GI 00,30 09,00-09,30 Assicurare il paranco di Poldo anche con uno spezzone di cordino tra il punto mobile e l attacco fisso. Nel Bellunese evidenziare che la corda entra dall esterno verso l interno per garantirsi di poterlo sbloccare anche dopo una forte tensione. Freno e discensore a moschettone 01,40 09,40-11,20 Evidenziare la differenza nell allestimento Calata di un pericolante controllata del discensore a moschettone e il pericolo dal basso con GI-GI se non sono infilati Manovre di progressione, passaggio 01,00 11,30-12,30 Salita e discesa della corda passaggio dei Manovre di progressione, passaggio 01,30 13,30-15,00 Salita e discesa della corda passaggio dei nodie frazionamento Intervallo 00,10 15,00-15,10 Progressione su traliccio discesa 01,50 15,10-17,00 Evidenziare la distanza dei rinvii, soprattutto i primi 3 e la differenza tra partire da terra o da una sosta Presentare il modo corretto di inserire la corda nei rinvii e dichiarare che con l uso di moschettoni con ghiera non è necessario controllare il lato di inserimento Lucidi da N 25 a 28 Per l abbinamento carrucolabloccante lucido 11 e spiegare la necessità di poter allestire un paranco nel caso di debba sbloccare il bloccante sotto carico Nella discesa controllata dal basso essere molto attenti quando si allenta la corda sempre con il capo fissato all operatore con un Machard Ogni discente deve avere una vestizione completa Ogni discente deve avere una vestizione completa Usare una scala Italiana o aerea Allestire la usando 2 corde in 2 diversi attacchi, questo permette che una delle due corda faccia sicura all altra Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 4

5 1 SETTIMANA GIOVEDÌ Sintesi didattica Programma del giorno precedente e programma giornaliero Manovre di progressione, passaggio Manovre di progressione, passaggio Manovre di progressione, passaggio Freno e discensore a moschettone Calata di un pericolante controllata dal basso con GI-GI 01,00 08,00-09,00 Lucido N 29 00,30 09,00-09,30 Salita e discesa della corda Il livello di sicurezza è dato dall indispensabile protocollo da usare (doppia sicura) 01,40 09,40-11,20 Salita e discesa della corda Il livello di sicurezza è dato dall indispensabile protocollo da usare (doppia sicura) 01,00 11,30-12,30 Salita e discesa della corda Il livello di sicurezza è dato dall indispensabile protocollo da usare (doppia sicura) 01,30 13,30-15,00 Evidenziare la differenza nell allestimento del discensore a moschettone e il pericolo se non sono infilati Intervallo 00,10 15,00-15,10 Progressione su traliccio discesa 01,50 15,10-17,00 Evidenziare la distanza dei rinvii, soprattutto i primi 3 e la differenza tra partire da terra o da una sosta Presentare il modo corretto di inserire la corda nei rinvii e dichiarare che con l uso di moschettoni con ghiera non è necessario controllare il lato di inserimento Controllare la discesa dal basso evidenziando che bisogna essere molto attenti quando si allenta la corda Usare una scala Italiana o aerea Allestire la usando 2 corde in 2 diversi attacchi, questo permette che una delle due corda faccia sicura all altra Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 5

6 1 SETTIMANA VENERDÌ Sintesi didattica 1 settimana 01,00 08,00-09,00 Lucido N 30 00,30 09,00-09,30 Istruire due dicenti che presentano la manovre salendo per circa 2 mt. Per lo sblocco del ferito mantenere la maniglia vicino al bloccante ventrale altrimenti potrebbe essere troppo lontana per sbloccarla o si potrebbe rimanere appesi, predisporre l apertura del proprio ventrale prima di portare il peso sulla staffa della maniglia facilita lo sblocco 01,40 09,40-11,20 Istruire due dicenti che presentano la manovre salendo per circa 2 mt. Programma 2 settimana Lucido N 32 Evidenziare la lunghezza e il posizionamento della longe di collegamento tra soccorritore e ferito (abbastanza corta ma che non impicci inserita nella maglia rapida ventrale lasciando libero l anello di lavoro ventrale), per lo sblocco del ventrale del ferito è sufficiente alzare pochi centimetri e predisporre lo sblocco prima di richiamare verso di se il ferito. Lucidi N 33 e 34 Evidenziare di fermarsi più alto possibile allongiare subito la persona e usare il massimo dell escursione per svincolarla con la tecnica del contrappeso 00,30 12,00-12,30 Aprire i sacchi controllare e segnalare eventuali mancanze Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 6

7 2 SETTIMANA LUNEDÌ Presentazione programma della settimana Analisi dei rischi 01,00 08,00-09,00 Evidenziare la sicurezza è basata sulle conoscenze delle manovre e sul corretto uso dei protocolli Tecniche operative 00,30 09,00-09,30 Evidenziare che queste sono tecniche di soccorso basate sull autonomia dell operatore e che la scelta dell uso comporta rischi maggiori perché si è da soli, quando è possibile garantirsi la vigilanza della squadra Punti d attacco artificiali 01,40 09,40-11,20 Spit Roc tassello ad espansione autoperforante Spit Fix tassello ad espansione Piastrine d ancoraggio Lucidi N 35 e 36 Lucidi da N 37 a 40 Si tratta solo di una presentazione l uso può essere fatto nell addestramento dopo corso 01,00 11,30-12,30 In diverse postazioni fare transitare gli allievi Manovre di progressione, passaggio 01,30 13,30-15,00 Ripetizione manovre precedenti Intervallo 00,10 15,00-15,10 Progressione su traliccio discesa 01,50 15,10-17,00 Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 7

8 2 SETTIMANA MARTEDÌ Sintesi didattica Programma del giorno precedente e programma giornaliero 01,00 08,00-09,00 Se possibile programmare un uscita Altrimenti svolger il programma in sede 03,30 09,00-12,30 Progressione su traliccio discesa corda doppia Manovre di progressione, passaggio dei 03,30 13,30-17,00 Progressione su traliccio discesa corda doppia Manovre di progressione, passaggio dei Lucido N 41 2 SETTIMANA MERCOLEDÌ Se possibile programmare un uscita Altrimenti ripetere il programma del giorno precedente 01,00 08,00-09,00 accompagnamento di persona in Manovre di progressione, passaggio dei Lucido N 42 Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 8

9 2 SETTIMANA GIOVEDÌ Sintesi didattica Programma del giorno precedente e programma giornaliero 01,00 08,00-09,00 Lucido N 43 03,30 09,00-12,30 Progressione su traliccio discesa corda doppia Manovre di progressione, passaggio dei 03,30 13,30-17,00 Progressione su traliccio discesa corda doppia Manovre di progressione, passaggio dei 2 SETTIMANA VENERDÌ Verifiche teoriche e pratiche 04,30 08,00-12,30 Lucido N 44 Risultati e saluti 01,00 12,30-13,30 Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 9

10 PROGRAMMA VALUTAZIONE FINALE (ESAMI) Gli esami pratici si svolgono allestendo 3 postazioni separate, con 1 istruttore per postazione e un componente della commissione che gira tra le postazioni garantendo la serietà dello svolgimento. Gli esaminati passano da una postazione all'altra. Il discente, fatta la manovra la presenta all istruttore per verificarne la corretta realizzazione che valuterà se la prova è superata o no. Le verifiche pratiche si intendono superate se fatte senza errori o se corretti in corso d opera. I giudizi di merito (1) SUFFICIENTE, (2) BUONO, (3) OTTIMO) saranno attribuiti solo in caso di prova superata. Ad esami pratici conclusi, gli istruttori si riuniscono e stilano il verbale di verifica pratica che consegneranno alla Commissione d'esame motivandone la valutazione. Le due verifiche (PRATICA E TEORICA) sono valutate singolarmente. L'ESITO FINALE si considera superato solo se saranno superate tutte e due le verifiche. 1 POSTAZIONE: Movimentazione indipendente su Sistemazione imbraco e attrezzi Discesa in corda fissa con discensore speleo stop Superamento di un frazionamento in discesa Giunzione di 2 corde Superamento del nodo in discesa Inversione di marcia e risalita su corda Superamento del nodo in salita 2 POSTAZIONE Soccorso uomo/uomo su in posizione di risalita Freno a moschettone Paranco di Poldo Nodo Bellunese 3 POSTAZIONE Avvicinamento, svincolo e accompagnamento verso il basso di una persona in Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. PAG 10

FNS CISL VV.F. AP VV.F. DIRSTAT VV.F. SI.N.DIR. VV.F. UIL PA VV.F. FP CGIL VV.F. CONFSAL W.F. - UGL W.F.

FNS CISL VV.F. AP VV.F. DIRSTAT VV.F. SI.N.DIR. VV.F. UIL PA VV.F. FP CGIL VV.F. CONFSAL W.F. - UGL W.F. dipvvf.staffcadip.registro UFFICIALE.U.0006501.16-05-2016 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE UFFICIO III: RELAZIONI SINDACALI Roma, 16 maggio 2016 ALLE OO.SS.

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile MP

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile MP PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Aprile 2016- MP COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago

Dettagli

I NODI IN ARRAMPICATA. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure

I NODI IN ARRAMPICATA. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure I NODI IN ARRAMPICATA DEI NODI IN ARRAMPICATA Unione corda-imbragatura. Giunzione di corde e cordini. Assicurazione. Esecuzione di manovre. Segnalazione del termine della corda. NECESSARIE DEI NODI UTILIZZATI

Dettagli

ISL D-01. Oggetto: Rev. 0 del 22/04/2012 RECUPERO UOMO A UOMO METODO DIRETTO. Pag. 1 di 1

ISL D-01. Oggetto: Rev. 0 del 22/04/2012 RECUPERO UOMO A UOMO METODO DIRETTO. Pag. 1 di 1 ISL D-01 RECUPERO UOMO A UOMO METODO DIRETTO Attrezzatura utilizzata: attrezzatura individuale, un cordino chiuso ad anello in kevlar della lunghezza di 20 25 cm., un moschettone con ghiera ( in alternativa

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo MP

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo MP PER RIPASSARE NODI E MANOVRE ESSENZIALI Marzo 2017- MP COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago

Dettagli

CORSO SA2 LUCCA 2008. USO della CORDA

CORSO SA2 LUCCA 2008. USO della CORDA CORSO SA2 LUCCA 2008 USO della CORDA 1 Bibliografia [1] Manuale CAI, Alpinismo su Ghiaccio e Misto (sito Focolaccia). [2] Manuale CNGAI, Autosoccorso (biblioteca Focolaccia). [3] Manuale CNGAI, Sicurezza

Dettagli

Tipi di progressione della cordata Calata con corda doppia

Tipi di progressione della cordata Calata con corda doppia Scuola di Alpinism Apertura sede: giovedì sera dalle 21.30 alle 23.00 FALC Tel. +39 339 4898952 e-mail: info@falc.net Internet: http://www.falc.net CORSO DI Il/la sottoscritto/a ALPINISMO (nome e cognome)

Dettagli

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali)

USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) USCITE DIDATTICHE (nodi e materiali) I materiali portati in uscita possono permetterci di affrontare difficoltà impreviste che si siano presentate lungo il percorso, ma anche di affrontare in sicurezza

Dettagli

CENNI DI TECNICHE D ARMO

CENNI DI TECNICHE D ARMO CENNI DI TECNICHE D ARMO a cura di Giovanni Ferrarese Gruppo Speleologico Padovano CAI COLLEGAMENTO DI PIU ANCORAGGI IN PARALLELO carico distribuito sugli ancoraggi attacco in mezzo ai due ancoraggi attacco

Dettagli

Linee guida operatori

Linee guida operatori Linee guida operatori Cascata della Mola Operatori Mola ESPERTI: Gestiscono, insieme agli altri, le operazioni di check-in. Sono responsabili dell ancoraggio di partenza, attaccano la persona al sistema

Dettagli

Ufficio Gestione e Coordinamento dell Emergenza - Colonne Mobili e Servizi Specializzati -

Ufficio Gestione e Coordinamento dell Emergenza - Colonne Mobili e Servizi Specializzati - dipvvf.dcemer.registro UFFICIALE.U.0016938.22-11-2016 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE Roma, data del protocollo Oggetto: Direzioni Regionali ed Interregionali

Dettagli

Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione

Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione Professione Chi siamo Un po' di storia La Guida alpina L'Aspirante Guida alpina L'Accompagnatore m.m. La Guida vulcanologica Corsi di formazione Profili professionali Linee Guida Organizzazione Il Collegio

Dettagli

Carrucole. Trovate le descrizioni complete di tutti i prodotti sul sito Due fattori determinano il rendimento di una carrucola:

Carrucole. Trovate le descrizioni complete di tutti i prodotti sul sito  Due fattori determinano il rendimento di una carrucola: 106 Carrucole Attaching caged ladders to a derrick boat. vuedici.org / Profil Energy Due fattori determinano il rendimento di una carrucola: La dimensione della puleggia: più è grande il diametro della

Dettagli

ISL A /04/2012 ATTREZZATURA INDIVIDUALE

ISL A /04/2012 ATTREZZATURA INDIVIDUALE ATTREZZATURA INDIVIDUALE ISL A-01 Attrezzatura di minima obbligatoria: come riportato nel campo successivo - Imbraco: da speleologia, omologato e di buona fattura. - Pettorale: di buona fattura. - Discensore:

Dettagli

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO

Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO Nodi Semplici NODO BARCAIOLO Esecuzione del mezzo barcaiolo sia in recupero che sotto carico NODO MEZZO BARCAIOLO NODO DI GIUNZIONE PER LA MANOVRA IN CORDA-DOPPIA (NODO GALLEGGIANTE) NODO DOPPIO-INGLESE,

Dettagli

PROGRESSIONE DELLA CORDATA

PROGRESSIONE DELLA CORDATA CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO SCUOLA DI ALPINISMO RENZO CABIATI FASI DI PROGRESSIONE DELLA CORDATA MARZO 2006 FASI DI PROGRESSIONE DI UNA CORDATA Le note seguenti riportano in maniera schematica

Dettagli

ESTRATTO dell'allegato XXI T.U. D.Lgs. 81/2008

ESTRATTO dell'allegato XXI T.U. D.Lgs. 81/2008 ESTRATTO dell'allegato XXI T.U. D.Lgs. 81/2008 SOGGETTI FORMATORI, DURATA, INDIRIZZI E REQUISITI MINIMI DEI CORSI DI FORMAZIONE TEORICO-PRATICO PER LAVORATORI ADDETTI AI SISTEMI DI ACCESSO E POSIZIONAMENTO

Dettagli

Scuola di Alpinismo Gian Piero Motti

Scuola di Alpinismo Gian Piero Motti Scuola di Alpinismo Gian Piero Motti I nodi e le manovre Maggio 08 Nodi per legarsi nodo delle guide con frizione - 1 Comunemente chiamato "OTTO", è l'unico nodo ritenuto attualmente valido per legarsi

Dettagli

Ambiti Operativi - Attività

Ambiti Operativi - Attività Ambiti Operativi - Attività Il Soccorso in Terreni in Pendenza (SALVATAGGIO) Tecniche e strumenti per raggiungere e recuperare in collaborazione con altri enti vittime da terreni accidentati e scoscesi

Dettagli

TECNICA DI ROCCIA. Manuale ad uso dei principianti dei corsi di alpinismo ed. arrampicata libera

TECNICA DI ROCCIA. Manuale ad uso dei principianti dei corsi di alpinismo ed. arrampicata libera TECNICA DI ROCCIA Manuale ad uso dei principianti dei corsi di alpinismo ed arrampicata libera Generalità Le discese in corda doppia sono molto utilizzate in arrampicata, ma sono anche tra le manovre più

Dettagli

XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1)

XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1) XIII Corso di Ghiaccio ALTA MONTAGNA (AG1) Corso di Ghiaccio (AG1) Direttore: Alessio Monteverdi (INA) Corso di Ghiaccio (AG1) Organizzazione delle Lezioni (6 teoriche e 8 pratiche) Giovedì 19 Maggio:

Dettagli

Presidenza Nazionale ANVVFC

Presidenza Nazionale ANVVFC Associazione Nazionale Vigili del Fuoco in Congedo Volontariato e Protezione Civile Presidenza Nazionale ANVVFC AI COMITATI PROVINCIALI LORO SEDE AI COMITATI REGIONALI LORO SEDE OGGETTO: Corsi di formazione.

Dettagli

3Tecniche di ESEMPIO. soccorso improvvisate COMPENDIO DEL SOCCORSO ALPINO

3Tecniche di ESEMPIO. soccorso improvvisate COMPENDIO DEL SOCCORSO ALPINO 3Tecniche di soccorso improvvisate COMENDIO DE SOCCORSO AINO COMENDIO DE SOCCORSO AINO Edizioni Soccorso Alpino Svizzero 2 a edizione 2013 Una fondazione di Club Alpino Svizzero CAS Club Alpin Suisse Schweizer

Dettagli

TECNICA D ACCESSO SU TRALICCIO CON CORDA

TECNICA D ACCESSO SU TRALICCIO CON CORDA Il traliccio di arrampicata è costituito da due torri aventi altezza di 6 metri. Questi sono formati da vari elementi metallici e collegati tra loro mediante perni e/o bulloni e staffe. All interno delle

Dettagli

Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496

Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496 Dispositivi di Discesa/Recupero/Evacuazione/Salvataggio Dispositivo Retrattile e di Recupero EN 360/EN 1496 Dispositivo retrattile EN 360 con cavo metallico. Dispositivo di recupero integrato con perno

Dettagli

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla

Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Formazione della cordata su ghiacciaio e sistema di legatura con i nodi a palla Esistono due tipi di cordata: la cordata da 2 e da 3 persone. La cordata più consigliata è quella composta da tre elementi

Dettagli

AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA

AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo AGGIORNAMENTO SU TECNICHE E MANOVRE DI CORDA pprovato dalla

Dettagli

Corso di arrampicata su roccia

Corso di arrampicata su roccia Corso di arrampicata su roccia organizzato presso la Sezione di Reggio Emilia del Club Alpino Italiano Scuola Intersezionale di Alpinismo Scialpinismo e Arrampicata Libera BISMANTOVA L alpinismo è l arte

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO/AGGIORNAMENTO PER LAVORI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI D ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI

CORSO DI FORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO/AGGIORNAMENTO PER LAVORI IN QUOTA CON L IMPIEGO DI SISTEMI D ACCESSO E POSIZIONAMENTO MEDIANTE FUNI SIICUREZZA SUL LAVORO CORSO DII FORMAZIIONE ED ADDESTRAMENTO//AGGIIORNAMENTO PER LAVORII IIN QUOTA CON L IIMPIIEGO DII SIISTEMII D ACCESSO E POSIIZIIONAMENTO MEDIIANTE FUNII ((aarrtt.. 111166,, D..Lgss..8811/

Dettagli

PROGRESSIONE IN FERRATA CON MINORI UTILIZZO DEL KIT DA FERRATA MONORAMO. Scuola AG - VFG Aggiornamento AAG Arco 25-26 maggio 2013

PROGRESSIONE IN FERRATA CON MINORI UTILIZZO DEL KIT DA FERRATA MONORAMO. Scuola AG - VFG Aggiornamento AAG Arco 25-26 maggio 2013 PROGRESSIONE IN CON MINORI UTILIZZO DEL KIT DA MONORAMO Scuola AG - VFG Aggiornamento AAG Arco 25-26 maggio 2013 PROGRESSIONE IN CON OBIETTIVI DELL AGGIORNAMENTO: MINORI Presentare le tecniche di progressione

Dettagli

Corso AG1 Lucca 2015/16. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca. Le soste. Tipologie di sosta a confronto.

Corso AG1 Lucca 2015/16. Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca. Le soste. Tipologie di sosta a confronto. Corso AG1 Lucca 2015/16 Scuola di Alpinismo, Scialpinismo E Arrampicata Libera CAI Lucca Le soste Tipologie di sosta a confronto Giovanni Fazzi Vincola in maniera sicura la cordata alla parete (dalla sua

Dettagli

La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore.

La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore. LA CORDA La corda è l attrezzo fondamentale per la pratica dell arrampicata sportiva. Ad essa è affidata la sicurezza dell arrampicatore. Le corde attuali sono il frutto di una complessa evoluzione che

Dettagli

SCUOLA DI ALPINISMO RAGNI DELLA GRIGNETTA 65 CORSO ROCCIA AR

SCUOLA DI ALPINISMO RAGNI DELLA GRIGNETTA 65 CORSO ROCCIA AR SCUOLA DI ALPINISMO RAGNI DELLA GRIGNETTA 65 CORSO ROCCIA AR 1 2017 Lezioni Pratiche Sabato 6 maggio Val Masino Ritrovo: ore 7.00 c/o parcheggio Galli Ezio, Domenica 7 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o

Dettagli

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1)

GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2) Cascate di Ghiaccio (AGC1) CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Bozzolo Scuola di Alpinismo e SciAlpinismo Sesto Gnaccarini GIOVEDI 9 GENNAIO 2014 Serata di Presentazione dei corsi di: Sci Alpinismo (SA1) Sci Alpinismo Avanzato (SA2)

Dettagli

Pericoli della montagna e autosoccorso della cordata

Pericoli della montagna e autosoccorso della cordata Pericoli della montagna e autosoccorso della cordata Cosa vedremo in questa lezione? Pericoli in montagna Soggettivi Oggettivi Autosoccorso Cosa si può fare in caso di incidente Richiesta di soccorso 2

Dettagli

CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure

CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure CALATA DI EMERGENZA DA UN SOLO ANCORAGGIO sequenze di operazioni da effettuare per calarsi in caso di emergenza da un solo ancoraggio secondo la tipologia dell'ancoraggio stesso MATERIALE OCCORRENTE un

Dettagli

VieNormali.it - www.vienormali.it

VieNormali.it - www.vienormali.it VieNormali.it - www.vienormali.it Progressione a Y Nodi e Progressione in Via Ferrata di Alberto Bernardi Per chi va in montagna e non si improvvisa Alpinista è bene avere dimestichezza con i nodi qui

Dettagli

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni

I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni Corso di Escursionismo I nodi, l'uso di corda, cordini, imbracatura e moschettoni a cura di Stefano Cambi Istruttore di Alpinismo I I nodi, l'uso di corda e cordini Imbracatura Programma della serata Progressione

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO

CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI SEREGNO NODI DI CORDATA Nodi per legarsi Nodo della guide con frizione Nodi di assicurazione NODI ROCCIA Barcaiolo Mezzo barcaiolo + asola di bloccaggio e controasola Nodi

Dettagli

Autosoccorso della cordata - parte 1 - Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG

Autosoccorso della cordata - parte 1 - Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG Scuola di Alpinismo, Scialpinismo Arrampicata Libera C.A.I. Lucca Corso di Alpinismo su Neve e Ghiaccio AG1 2015-2016 Autosoccorso della cordata - parte 1 - Lucca 30 Novembre 2016 Massimo Tardelli Italo

Dettagli

Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. Pag. 1

Febbraio MINISTERO dell'interno D.V.F.S.P.D.C. Pag. 1 Ministero dell'interno D.V.F.S.P.D.C.. Servizio Tecnico Centrale PREMESSA...2 Elenco manovre e tecniche operative a completamento del 1 liv B...3 Discensori...3 Bloccante ventrale KROLL e di sicura SCHUNT...5

Dettagli

MATERIALI SACCA EVACUAZIONE IMPIANTI A FUNE PER MANOVRE TIPO A - B

MATERIALI SACCA EVACUAZIONE IMPIANTI A FUNE PER MANOVRE TIPO A - B MATERIALI SACCA EVACUAZIONE IMPIANTI A FUNE PER MANOVRE TIPO A - B NUMERO DI RIFERIMENTO NELLE FOTO DELLA DISPENSA ARTICOLO PRODOTTO TIPO D'IMPIEGO CARATTERISTICHE TECNICHE NORMATIVA EN DA SODDISFARE N

Dettagli

Corso base di Arrampicata Libera (AL1) 2013

Corso base di Arrampicata Libera (AL1) 2013 Club Alpino Italiano Sezione di Roma - Scuola FRANCO ALLETTO Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera www.scuolafrancoalletto.it via Galvani n.10 - Roma Corso base di Arrampicata Libera (AL1) 2013

Dettagli

Associazione Nazionale Alpini Protezione Civile - Specialità alpinistica. I lavori in fune. Schede delle manovre base prime indicazioni operative

Associazione Nazionale Alpini Protezione Civile - Specialità alpinistica. I lavori in fune. Schede delle manovre base prime indicazioni operative Associazione Nazionale Alpini Protezione Civile - Specialità alpinistica I lavori in fune Schede delle manovre base prime indicazioni operative Documento a circolazione interna destinato ai volontari della

Dettagli

CORSO AVANZATO DI ROCCIA 2012

CORSO AVANZATO DI ROCCIA 2012 Club Alpino Italiano Sezione di Roma - Scuola FRANCO ALLETTO Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera www.scuolafrancoalletto.it Via Galvani n.10 - Roma CORSO AVANZATO DI ROCCIA 2012 La Scuola Franco

Dettagli

Ministero dell'interno D.V.F.S.P.D.C. Servizio Tecnico Centrale Commissione Tecnica Nazionale SAF Corso 2 Livello A Manovre SAF 2 A

Ministero dell'interno D.V.F.S.P.D.C. Servizio Tecnico Centrale Commissione Tecnica Nazionale SAF Corso 2 Livello A Manovre SAF 2 A Manovre SAF 2 A NODO BULINO (GASSA D AMANTE)... 2 NODO BACHMAN... 3 NODO CON ASOLE CONTRAPPOSTE E RAMI SIMMETRICI... 4 PARANCO IN 4 TAGLIA CON SPEZZONE/I DI CORDA...... 5 PARANCO SUPPLEMENTARE CON DOPPIE

Dettagli

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo Progressione in CONSERVA CORTA Progressione in Conserva Corta INTRODUZIONE Il presente lavoro, in riferimento alla progressione

Dettagli

MANOVRE IN SOSTA MONOTIRI. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure

MANOVRE IN SOSTA MONOTIRI. Scuola di alpinismo e arrampicata Gianni Calcagno, Finale Ligure MANOVRE IN SOSTA MONOTIRI sequenze di operazioni da effettuare per calarsi alla fine di un MONOTIRO secondo la tipologia della SOSTA MATERIALE OCCORRENTE un rinvio un anello di fettuccia o cordino in kevlar

Dettagli

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012

GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Lezioni Pratiche GRUPPO RAGNI DELLA GRIGNETTA SCUOLA D ALPINISMO 60 CORSO ROCCIA 2012 Sabato 5 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica 6 maggio Barzio Ritrovo: ore 8.00 c/o parcheggio Domenica

Dettagli

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA

Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo. Progressione in CONSERVA CORTA Scuola Centrale di Alpinismo e Arrampicata Libera Scuola Centrale di Scialpinismo Progressione in CONSERVA CORTA INTRODUZIONE Il presente lavoro, in riferimento alla progressione in conserva corta, è stato

Dettagli

Club Alpino Italiano Commissione Centrale per la Speleologia Scuola Nazionale di Speleologia. Manuale Tecnico Operativo

Club Alpino Italiano Commissione Centrale per la Speleologia Scuola Nazionale di Speleologia. Manuale Tecnico Operativo Club Alpino Italiano Commissione Centrale per la Speleologia Scuola Nazionale di Speleologia Manuale Tecnico Operativo Presentazione Il presente lavoro, costruito grazie all impegno del Gruppo di Lavoro

Dettagli

CORDAMI E NODI. 1. Le funi per imbracature in fibra sintetica possono essere in: a. Cotone indurito b. Lana rinforzata c. Nylon, dacron, keflan

CORDAMI E NODI. 1. Le funi per imbracature in fibra sintetica possono essere in: a. Cotone indurito b. Lana rinforzata c. Nylon, dacron, keflan 1. Le funi per imbracature in fibra sintetica possono essere in: a. Cotone indurito b. Lana rinforzata c. Nylon, dacron, keflan 2. Da cosa sono formate le funi di canapa per imbracature? a. Da elementi

Dettagli

Esercitazione di recupero in ghiacciaio

Esercitazione di recupero in ghiacciaio Club Alpino Italiano Scuola CAI Lucca e Gruppo Focolaccia Esercitazione di recupero in ghiacciaio A cura di: Henri Avancini Versione: 03 da controllare (30 ottobre 2006) henri.avancini@gmail.com 1. Introduzione

Dettagli

No. ARTICOLO taglia articolo confezione fr./pz fr./pz unica

No. ARTICOLO taglia articolo confezione fr./pz fr./pz unica - SICUREZZA ANTICADUTA KAPRIOL IMBRAGO 2 ATTACCHI Imbragatura facile e veloce da indossare grazie alla diversa colorazione delle fettucce. Ideale per ogni tipo di lavoro che richiede sistemi anticaduta.

Dettagli

Linee guida per prima emergenza e salvataggio

Linee guida per prima emergenza e salvataggio PIMUS Linee guida per prima emergenza e salvataggio Tecniche e materiali per i lavori in quota nell attività di soccorso, quadro didattico ANVVFC,, Presidenza Nazionale, febbraio 2008 pag 1 Emergenza e

Dettagli

Cordata a due componenti Cordata a tre componenti

Cordata a due componenti Cordata a tre componenti LA PROGRESSIONE IN GHIACCIAIO Nella progressione in cordata su ghiacciaio sono fondamentali alcuni accorgimenti utili a trattenere la caduta accidentale in un crepaccio. Parte fondamentale di tali accorgimenti

Dettagli

Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza

Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza La norma europea sui Parchi Avventura UNI EN 15567-2:2008 stabilisce, per la gestione di un impianto acrobatico

Dettagli

Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza

Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza Corso di Formazione per il ruolo di Istruttore e Soccorritore di Parchi acrobatici in altezza La norma europea sui Parchi Avventura UNI EN 15567 2:2008 stabilisce, per la gestione di un impianto acrobatico

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

Direttore IA Carlo Cardella. Vice Direttore IAL Mauro Giambastiani. Relatore IAL Daniele Fontanelli

Direttore IA Carlo Cardella. Vice Direttore IAL Mauro Giambastiani. Relatore IAL Daniele Fontanelli Scuola Alpinismo e Sci Alpinismo CAI Lucca CORSO AR1 2016 Direttore IA Carlo Cardella Vice Direttore IAL Mauro Giambastiani Relatore IAL Daniele Fontanelli Autosoccorso della Cordata Gli esperti muoiono

Dettagli

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE

PER RIPASSARE NODI E MANOVRE PER RIPASSARE NODI E MANOVRE COLLEGAMENTO DELLA CORDATA Nodo delle guide con frizione Detto anche nodo Savoia o Otto ripassato. Deve essere eseguito il più vicino possibile all'imbrago e possibilmente

Dettagli

KIT I D SALVATAGGIO/EVACUAZIONE

KIT I D SALVATAGGIO/EVACUAZIONE KIT I D SALVATAGGIO/EVACUAZIONE XSafety Sviluppo e Sicurezza Kit I D Salvataggio/Evacuazione STANDARD EVO MISTO SPECIAL HOT 1 KIT I D Il SISTEMA DI SALVATAGGIO è uno dei 5 sistemi di protezione contro

Dettagli

CORSO D ARMO Tecniche base. Scuola di Speleologia del Gruppo Speleo-Archeologico Giovanni Spano

CORSO D ARMO Tecniche base. Scuola di Speleologia del Gruppo Speleo-Archeologico Giovanni Spano CORSO D ARMO Tecniche base Scuola di Speleologia del Gruppo Speleo-Archeologico Giovanni Spano Situazioni di impiego Fare un armo consiste nel posizionare una corda, ancorandola alla roccia direttamente

Dettagli

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa

Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte Rosa Club Alpino Italiano Sezione di Roma - Scuola FRANCO ALLETTO Alpinismo, Scialpinismo e Arrampicata Libera www.scuolafrancoalletto.it Corso base di Alpinismo 2013 Corso con modulo residenziale al Monte

Dettagli

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato

Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato Club Alpino Italiano Scuola di Alpinismo e Sci-Alpinismo CAI-Lucca Scuola di Alpinismo e Arrampicata Libera C. Zappelli Viareggio Prato Aggiornamento tecnico Le protezioni in arrampicata e alpinismo: analisi

Dettagli

ESERCITAZIONE SU GHIACCIAIO 2007

ESERCITAZIONE SU GHIACCIAIO 2007 1 ESERCITAZIONE SU GHIACCIAIO 2007 Carlo Petrongolo, Gruppo Focolaccia 12 Novembre 2007 1. INTRODUZIONE Questa dispensa riassume alcune tecniche di progressione e di autosoccorso in ghiacciaio, ed e' rivolta

Dettagli

SISTEMI DI CONNESSIONE

SISTEMI DI CONNESSIONE SISTEMI DI CONNESSIONE Connettori AM009 Fissaggio rapido in acciaio inossidabile. Grande apertura 150 mm. Occhiello di ancoraggio R > 22 kn. 80 g 1 kg 240 g 10 g AM022X2 Kit di 2 connettori a chiusura

Dettagli

Il recupero dell INFORTUNATO dal ponteggio. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Il recupero dell INFORTUNATO dal ponteggio. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Il recupero dell INFORTUNATO dal ponteggio Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Recupero dell INFORTUNATO dal ponteggio KIT DI SOCCORSO Le procedure di salvataggio, comprendono una serie di operazioni

Dettagli

CALENDARIO CORSI: Giugno 2015

CALENDARIO CORSI: Giugno 2015 CALENDARIO CORSI: Giugno 2015 Mercoledì 3 Giovedì 4 Venerdì 5 Martedì 9 Mercoledì 10 Giovedì 11 Venerdì 12 Martedì 16 Mercoledì 17 Giovedì 18 Venerdì 19 Martedì 23 Mercoledì 24 Giovedì 25 Venerdì 26 Martedì

Dettagli

AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA. Generalità

AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA. Generalità V I N C E N Z O M A R I N O AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA AUTOSOCCORSO DELLA CORDATA Generalità Le manovre che vengono qua illustrate costituiscono patrimonio indispensabile di ogni alpinista perché consentono,

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

EVAK 500 è esclusivamente riservato ai professionisti che abbiano ricevuto l addestramento richiesto per manovre di soccorso.

EVAK 500 è esclusivamente riservato ai professionisti che abbiano ricevuto l addestramento richiesto per manovre di soccorso. evak 500 argano-paranco a corda a corsa illimitata concepito per operazioni di salvataggio e di evacuazione SOMMARIO Pagina Avvertenze importanti 2 1. Generalità 2 2. Sicurezza 3 3. Installazione 3 4.

Dettagli

Presenze del mese di Gennaio 2012. Sede tirocinio Attività svolta Firma tirocinante

Presenze del mese di Gennaio 2012. Sede tirocinio Attività svolta Firma tirocinante Università degli Studi di Cagliari - Direzione per le Relazioni Internazionali - Sett Mobilità Studentesca e Fund Raising Presenze del mese di Gennaio 2012 N 01 domenica 02 lunedì 03 martedì 04 mercoledì

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

1 Corso di Arrampicata Libera Indoor Struttura di arrampicata palazzetto Coppi Tortona

1 Corso di Arrampicata Libera Indoor Struttura di arrampicata palazzetto Coppi Tortona Scuola Intersezionale di Alpinismo e Scialpinismo ALPHARD Acqui - Alessandria - Casale M. - Novi L. - Ovada - S. Salvatore Tortona - Valenza Po 1 Corso di Arrampicata Libera Indoor 2015 Struttura di arrampicata

Dettagli

CORSO HEMS 2016 VENETO

CORSO HEMS 2016 VENETO In collaborazione con CORSO HEMS 2016 VENETO Corso teorico-pratico di soccorso in ambiente impervio per Medici ed Infermieri dei Servizi di Elisoccorso Sanitario Tre Cime di Lavaredo (BL), 14 18 MARZO

Dettagli

ESAMI DI LINGUA INGLESE (Corsi di laurea L12/L15/LM38)

ESAMI DI LINGUA INGLESE (Corsi di laurea L12/L15/LM38) GENNAIO 2013 Lunedì 7 Disciplina Prova Aula -12.00 e (mod. 2) Verifica written skills (lettorato di Lingua 1 e 2) -11.30 (lettorato di Lingua 1) Martedì 8 Disciplina Prova Aula -12.00 e (mod. 2) (essay)

Dettagli

SETTIMANA DAL 02 MARZO AL 06 MARZO

SETTIMANA DAL 02 MARZO AL 06 MARZO SETTIMANA DAL 02 MARZO AL 06 MARZO orario Lunedì 02 Martedì 03 Mercoledì 04 Giovedì 05 Venerdì 06 ) SETTIMANA DAL 9 MARZO AL 13 MARZO orario Lunedì 09 Martedì 10 Mercoledì 11 Giovedì 12 Venerdì 13 ) SETTIMANA

Dettagli

Manovre di emergenza. per. Istruttori di Sci Fondo Escursionismo

Manovre di emergenza. per. Istruttori di Sci Fondo Escursionismo Manovre di emergenza per Istruttori di Sci Fondo Escursionismo Sommario Premessa...3 Attrezzatura...3 Corde, cordini e fettucce...3 Corde...3 Cordini...4 Fettucce...4 Moschettoni...4 Manovre di emergenza...5

Dettagli

PROGRAMMA/CALENDARIO LUNEDI GIOVANI CENTRO PER L IMPIEGO DI MONCALIERI. 13 APRILE 2015 Lunedì MONCALIERI ATTIVITA ORARIO PER CHI COME

PROGRAMMA/CALENDARIO LUNEDI GIOVANI CENTRO PER L IMPIEGO DI MONCALIERI. 13 APRILE 2015 Lunedì MONCALIERI ATTIVITA ORARIO PER CHI COME CENTRO PER L IMPIEGO DI PROGRAMMA/CALENDARIO LUNEDI GIOVANI CENTRO PER L IMPIEGO DI 13 APRILE 2015 13 APRILE 2015 14 APRILE 2015 Martedì 16 APRILE 2015 giovedì CENTRO PER L IMPIEGO DI WEB E LAVORO 9,15

Dettagli

NEW. à ANTICADUTA JAG SYSTEM JAG JAG TRAXION. Moschettone con ghiera di bloccaggio automatico Am D TRIACT-LOCK (vedi pag. 33) Kit di recupero

NEW. à ANTICADUTA JAG SYSTEM JAG JAG TRAXION. Moschettone con ghiera di bloccaggio automatico Am D TRIACT-LOCK (vedi pag. 33) Kit di recupero JAG SYSTEM Kit di recupero NEW Moschettone con ghiera di bloccaggio automatico Am D TRIACT-LOCK (vedi pag. 33) Polivalenza d uso: permette di sganciare l infortunato, realizzare un ancoraggio sbloccabile,

Dettagli

Obbiettivi post-corso...e adesso dove andiamo?

Obbiettivi post-corso...e adesso dove andiamo? ...da una slide della prima lezione: Obbiettivi post-corso...e adesso dove andiamo? OBIETTIVI DEL CORSO - Acquisire la conoscenza delle manovre e imparare ad eseguirle in maniera autonoma (le manovre si

Dettagli

CARRUCOLE. Il secondo pittogramma rappresenta il diametro massimo di corda utilizzabile con ogni carrucola:

CARRUCOLE. Il secondo pittogramma rappresenta il diametro massimo di corda utilizzabile con ogni carrucola: 104 SLFD training center, Salt Lake City, Utah, USA Petzl / John Evans Le carrucole servono al sollevamento di materiale e nell ambito del soccorso al recupero di persone. Possono eventualmente integrare

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO

CLUB ALPINO ITALIANO 2 CORSO DI Arrampicata Libera Indoor - Outdoor 2016-2017 Il Corso si propone i seguenti obiettivi: 1) ACQUISIRE LE ABILITA' DI BASE RIGUARDANTI IL MOVIMENTO DI BASE NECESSARIO PER FREQUENTARE SUCCESSIVI

Dettagli

l esperienza dei gestori dopo più di 3 anni

l esperienza dei gestori dopo più di 3 anni MEETING DEI PARCHI AVVENTURA ITALIANI POLIGNANO A MARE (BA) 26 E 27 GENNAIO 2017 Moschettoni intelligenti e LVC: l esperienza dei gestori dopo più di 3 anni I parchi nascono con i DPI (Dispositivi di Protezione

Dettagli

Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI

Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI Soste mobili e soste fisse per l alpinismo e l arrampicata Considerazioni sull uso e sul loro insegnamento nelle Scuole CAI G. Bressan, C. Melchiorri, E. Olivero CSMT - SCA 23 marzo 2016 1. Introduzione

Dettagli

I Nodi dell Alpinista

I Nodi dell Alpinista I Nodi dell Alpinista Introduzione Lo scopo di questo lavoro e quello di raccogliere ed illustrare in maniera organica l esecuzione passo-passo dei principali nodi usati nell alpinismo di base. Per ogni

Dettagli

LA FORMAZIONE SAF NEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO: PRIMO LIVELLO FASE A

LA FORMAZIONE SAF NEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO: PRIMO LIVELLO FASE A MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA FORMAZIONE I E II CORSO DIRETTORI ANTINCENDI ISTITUTO SUPERIORE ANTINCENDI

Dettagli

Corso di ferrate MF1-2013

Corso di ferrate MF1-2013 CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI PONTEDERA La Sezione di Pontedera in collaborazione con la Scuola di Alpinismo «Cosimo Zappelli» di Viareggio, la Scuola di Alpinismo di Lucca e la Scuola di Alpinismo «Alpi

Dettagli

Operatore di Protezione Civile

Operatore di Protezione Civile CONI CMAS FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITA SUBACQUEE Programma Corso di specializzazione in Operatore di Protezione Civile by G. Rapetti Rel. 12-99 Estratto dal REGOLAMENTO GENERALE ATTIVITA

Dettagli

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA

CDR LA SCALETTA DELLA SCALATA CDR L E D I S P E N S E D E L C ORSO D I R O C C I A P R O G R E S S I O N E D E L L A C O R D A T A LA SCALETTA DELLA SCALATA Questa dispensa riporta in maniera schematica: 1. le fasi della progressione

Dettagli

ANCORAGGI. Alpic Accès Difficiles, Gorges du Borne, France Petzl / Lafouche

ANCORAGGI. Alpic Accès Difficiles, Gorges du Borne, France Petzl / Lafouche 112 Alpic Accès Difficiles, Gorges du Borne, France Petzl / Lafouche Ancoraggi roccia e calcestruzzo Elementi che consentono la realizzazione di ancoraggi fissi smontabili o installati permanentemente.

Dettagli

ARRAMPICATA SPORTIVA (Progetto Classi in movimento, Giocosport - 4 lezioni - 8/10 anni) LEZIONE 1

ARRAMPICATA SPORTIVA (Progetto Classi in movimento, Giocosport - 4 lezioni - 8/10 anni) LEZIONE 1 ARRAMPICATA SPORTIVA (Progetto Classi in movimento, Giocosport - 4 lezioni - 8/10 anni) LEZIONE 1 COS E L ARRAMPICATA SPORTIVA: Introduzione all arrampicata, differenza tra alpinismo e arrampicata sportiva,

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

IN...FORMAZIONE PROSPETTIVE,

IN...FORMAZIONE PROSPETTIVE, PROSPETTIVE, ESPERIENZE ED AVVENIMENTI Alessandro Volpini e Paolo Qualizza La palestra per l esercitazione Una struttura polivalente in grado di assolvere a tutte le esigenze addestrative La specialità

Dettagli

CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA

CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA CORSO LAVORI IN QUOTA DPI III^cat. DPI e SISTEMI ANTICADUTA Caratteristiche tecniche e modalità d impiego MARCATURA Tutti i DPI di qualsiasi categoria devono riportare una marcatura (CE) che li identifica

Dettagli

L'asola inglobata. Vellis Baù (CIMT VFG)

L'asola inglobata. Vellis Baù (CIMT VFG) L'asola inglobata Vellis Baù (CIMT VFG) Premessa Il collegamento degli ancoraggi di sosta fra loro e al freno (o alla persona che assicura) avviene, secondo la procedura standard, con un cordino come mostrato

Dettagli

LUNEDI ORA I A II A III A I B II B III B I C I D LETTERE APPROF.TO RELIGIONE ARTE E IMMAGINE MATEMATICA MATEMATICA E SCIENZE MATEMATICA E SCIENZE

LUNEDI ORA I A II A III A I B II B III B I C I D LETTERE APPROF.TO RELIGIONE ARTE E IMMAGINE MATEMATICA MATEMATICA E SCIENZE MATEMATICA E SCIENZE LUNEDI 08,00-09,00 09,00-10,00 RELIGIONE 10,00-11,00 13,00 14,00 APPROF.TO RELIGIONE APPROF.TO RELIGIONE RELIGION APPROF.TO 14,00 14,30 RICREAZIONE RICREAZIONE RICREAZIONE RICREAZIONE 14,30-15,30 15,30-16,30

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA

Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA Scuola Nazionale di Alpinismo Emilio Comici Della Società Alpina delle Giulie Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano LA CATENA DI SICUREZZA Sommario Il movimento della cordata La caduta Metodi di

Dettagli