PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN CAMPANIA 2003 Le statistiche, i prodotti, le azioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN CAMPANIA 2003 Le statistiche, i prodotti, le azioni"

Transcript

1

2 PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN CAMPANIA 2003 Le statistiche, i prodotti, le azioni POR Campania

3 PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN CAMPANIA 2003 PRESIDENZA DEL COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO Teresa Armato Assessore al Turismo, Spettacolo e Cultura Luigi Nicolais Assessore all Università e Ricerca Scientifica, Innovazione Tecnologica e Nuova Economia COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO Maria Adinolfi Coordinatore Area Ricerca Scientifica Raffaella Cancellieri Dirigente Settore Alberghiero Giuseppe Capaldo Dirigente Servizio Statistica Regionale Albino d Ascoli Coordinatore dell Area Turismo Domenico Piccolo Direttore del Dipartimento di Scienze Statistiche dell Università di Napoli Federico II CURATORE DEL RAPPORTO Roberto Formato Dirigente di Staff Assessorato al Turismo Edizioni Menabò comunicazione ISBN Fotografia Raffaele Venturini Archivio Regione Campania Finito di stampare nel mese di febbraio 2003 presso la Tipolitografia Incisivo Salerno

4 Per una regione come la Campania, il turismo rappresenta una risorsa di fondamentale importanza, dal punto di vista economico, sociale e culturale. L offerta turistica regionale è ricca e sfaccettata come poche altre, capace com è di abbinare turismo culturale e termale, balneare ed enogastronomico, congressuale e religioso, mettendo le località campane in una posizione di assoluto favore, per ciò che concerne la loro capacità di sedurre il turista sempre attento alla qualità e pronto a lasciarsi sorprendere piacevolmente. L Assessorato al Turismo della Regione Campania lavora proprio per far sì che tutte queste straordinarie ricchezze possano svilupparsi pienamente e tramutarsi in occasioni di crescita per l intero territorio regionale. Gli obiettivi strategici che ci siamo prefissi sono: l incremento dei flussi turistici verso la regione, la destagionalizzazione degli stessi nelle aree a più elevata intensità di turismo, il riposizionamento del Marchio Campania sul mercato italiano e internazionale. E per raggiungerli abbiamo programmato e realizzato una serie di interventi rispettosi delle vocazioni specifiche di ciascuna area, ma coerenti con una visione del turismo campano inteso come unico sistema. La pubblicazione del primo Rapporto sul Turismo in Campania, dunque, è un ulteriore conferma dell attenzione dedicata al settore. Si tratta di uno strumento informativo utilissimo per la completezza e per il rigore scientifico col quale inquadra la materia: con uno sguardo a trecentosessanta gradi e in grado di soddisfare ogni tipo di esigenza degli addetti ai lavori, degli amministratori, degli studiosi. Nel ricco volume, infatti, trovano il loro spazio le statistiche approfondite e aggiornate del turismo campano, la rassegna ragionata dei diversi prodotti turistici regionali e quella delle varie azioni intraprese dall Assessorato al Turismo: dal Disegno di Legge per il riordino dell organizzazione turistica ai Progetti integrati turistici, dalle iniziative promozionali come il Fam Trip per gli operatori giapponesi alle azioni di marketing territoriale, fino alla riforma della Legge 24/84 che regola gli Interventi promozionali per l incremento in Campania delle correnti turistiche italiane ed estere. Un utile serie di appendici con i testi delle leggi regionali sull argomento completa adeguatamente una pubblicazione che si propone come punto di riferimento imprescindibile per chiunque voglia occuparsi del turismo in Campania. Per concludere, vorrei ringraziare sinceramente tutti coloro hanno reso possibile, con competenza e professionalità, la realizzazione del primo Rapporto sul Turismo in Campania. Teresa Armato Assessore al Turismo, Spettacolo e Cultura della Regione Campania

5 Con la pubblicazione del Primo Rapporto sul Turismo ci dotiamo, come Regione, di uno strumento utile per la conoscenza approfondita del comparto e per le attività di programmazione, studio e analisi dei flussi e dell offerta turistica in Campania. Grazie alla intensa collaborazione istituzionale fra i due Assessorati e all impegno del Servizio Statistico Regionale, abbiamo realizzato un prodotto che consentirà non solo di divulgare e valorizzare il nuovo corso della politica regionale sui principali filoni del turismo campano, da quello culturale al crocieristico, ma di consolidare un metodo di lavoro che ha assunto a regola la contaminazione e l integrazione di saperi e delle competenze. La base di dati ottenuta, propedeutica all analisi macro-economica del settore, è il risultato di progetti di ricerca sullo studio dei fenomeni socio-economici e territoriali predisposti ed elaborati dal Sistema Informativo Statistico della Regione Campania che ha saputo intercettare e soddisfare, con originalità e professionalità, i bisogni informativi di un area strategica allo sviluppo regionale. È stato un lavoro articolato che ha richiesto numerose competenze: da un lato si è dovuto procedere a definire i parametri di rilevazione, mettere a sistema e normalizzare i dati, dall altro si è trattato di tradurre i risultati in numeri che riuscissero a dare compiutamente il senso della grande risorsa e opportunità di cui gode la nostra Regione. Ma questo Rapporto è qualcosa in più di uno studio conoscitivo. Dai vari interventi emerge, con passione e forza, la voglia di fare per costruire un nuovo ruolo della nostra Regione nell economia turistica internazionale. Un nuovo ruolo che parte dalla valorizzazione delle potenzialità ambientali, culturali e storiche e le mette a sistema per procedere alla definizione di cluster, aggregazioni tematiche o territoriali, con cui si intende enfatizzare la capacità attrattiva e di risposta del territorio e degli operatori. Dalle pagine del rapporto si evince l impegno profuso dall Istituzione nel facilitare il dialogo con gli operatori e le Aziende, gli sforzi di semplificare procedure e prassi, la volontà di innovare fortemente l offerta, la promozione e i servizi utilizzando appieno le opportunità dei nuovi media. Nel Rapporto abbiamo cercato non solo di studiare e analizzare un settore, ma di raccontare e divulgare una politica che rende maggiormente fruibile e attraente la nostra Regione. Consapevoli di questo compito, il Rapporto si chiude con una nutrita appendice contenente indicazioni sulla legislazione regionale e gli incentivi europei in materia di turismo, in modo da poter offrire a operatori e investitori gli strumenti per fare della Campania la loro meta. Luigi Nicolais Assessore all Università e Ricerca Scientifica Innovazione tecnologica e Nuova Economia

6 Qual è l obiettivo di questo Rapporto? Informare sull andamento di un nevralgico settore dell economia regionale e delle azioni messe in campo dall Assessorato ma non solo. Al di là dei dati statistici, che pure sono forniti in maniera estesa, segmentata e rielaborata, e degli interventi che ne sono conseguiti, il Rapporto sul Turismo in Campania intende fornire una visione. Una visione organica e per quanto possibile approfondita di un settore la cui complessità e interrelazioni con altri comparti dell economia locale (i trasporti, i beni culturali, l agricoltura, solo per citare i più evidenti) ne hanno spesso limitato la visibilità e la piena comprensione. Nel perseguire tale obiettivo, il Rapporto si presenta come un numero zero, in quanto costituisce una sperimentazione destinata - nell ottica del costituendo Osservatorio Regionale del Turismo - a divenire un appuntamento annuale, ma anche perché si presenta aperto ai suggerimenti e consigli, sul piano della metodologia e dell articolazione dei contenuti, che la vasta platea cui esso si rivolge (università, operatori turistici e investitori, stampa di settore) vorrà proporre. Tre sono le parti che lo compongono. La prima - statistica - ha lo scopo di inquadrare le dimensioni principali del fenomeno turistico campano, letto necessariamente alla luce dell andamento dell industria dei viaggi e delle vacanze a livello nazionale e internazionale. La seconda - i prodotti turistici - in cui le statistiche vengono interpretate e arricchite secondo una più conveniente logica che tiene conto delle motivazioni primarie di viaggio (culturale, enogastronomica, congressuale, etc.). La terza le azioni dell Assessorato con l obiettivo di riassumere, anche se in maniera non esaustiva, i principali interventi - sul piano dell organizzazione, della promozione e dello sviluppo dell offerta - intrapresi dall Istituzione nel corso del L appendice normativa-finanziaria posta in coda costituisce infine, a nostro avviso, un utile compendio per tutti coloro - e soprattutto gli operatori - che si occupano di turismo in Campania, in un momento in cui l attuazione del Programma Operativo di spesa dei fondi europei (le cui misure di attinenza al turismo sono riportate anch esse in allegato) apre nuove prospettive e opportunità d investimento nella nostra Regione. In conclusione, un necessario pensiero va agli autori che hanno dedicato il proprio tempo alla realizzazione di questo Rapporto. Senza il loro contributo questa pubblicazione non sarebbe stata possibile e a tutti va il mio sentito ringraziamento. Roberto Formato Dirigente di Staff Assessorato al Turismo e curatore del Rapporto

7 8 PRIMO RAPPORTO SUL TURISMO IN CAMPANIA 2003 GLI AUTORI DEL RAPPORTO Pierluigi Bianconcini laureato in Economia e Commercio a Napoli, attualmente è consulente del Formez in qualità di esperto statistico-informatico e da un anno si occupa di Statistiche del Turismo presso il Servizio Statistica della Regione Campania. e.mail: Valentina Della Corte docente di Economia e Gestione delle Imprese Turistiche nell'ambito del Corso di Laurea in Scienze del Turismo a Indirizzo Manageriale dell'università degli Studi di Napoli Federico II. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Economia Aziendale all'università Ca' Foscari di Venezia. Svolge attività di ricerca, consulenza e formazione professionale nel settore turistico. Raffaella De Falco laureanda in Ingegneria Gestionale presso l Università degli Studi di Napoli Federico II, è attualmente in stage all Assessorato al Turismo della Regione Campania presso la Direzione di Staff. Francesco di Cesare laureato in Economia Aziendale, è attualmente docente di marketing del turismo all'università Ca' Foscari di Venezia. È impegnato nella ricerca sull'industria turistica ed in particolare su alcuni comparti tra i quali il crocieristico, la nautica e gli eventi aggregativi. È consulente di imprese private ed organizzazioni pubbliche. È, inoltre, presidente di Risposte Turismo. Roberto Formato laureato in Ingegneria Gestionale al Politecnico di Milano e Master of Science in Tourism Planning and Development alla University of Surrey in Inghilterra, è stato Product Manager per BTicino, Responsabile Qualità per Alpitour, Responsabile dell area Ricerca&Sviluppo della Insud (gruppo Sviluppo Italia) e Project Manager per Arthur Andersen MBA. Attualmente è Dirigente di Staff dell Assessorato al Turismo della Regione Campania ed è curatore del presente Rapporto. Edoardo Imperiale laureato in Economia e Commercio, Dottore Commercialista e Revisore Contabile, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in Total Quality Management presso la Facoltà di Ingegneria dell'università di Napoli Federico II in partnership con il Gruppo FIAT. Attualmente è componente del Nucleo di Valutazione e Verifica degli Investimenti Pubblici della Regione Campania, Professore a contratto in Economia e Gestione delle Imprese, Project Manager per conto del Consorzio ARPA dell'innovation Relay Centre IRIDE (South Italy) nell'ambito del Programma "Innovazione e PMI" della Commissione Europea. E' inoltre membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Lee Iacocca - Scuola di Formazione Manageriale. Maria Rosaria Leonardo laureata in Economia e Commercio, svolge attività di consulenza in tema di programmazione e progettazione dello sviluppo locale e territoriale. Gilda Massa laureanda in Ingegneria Gestionale presso l Università degli Studi di Napoli Federico II, è attualmente in stage all Assessorato al Turismo della Regione Campania presso la Direzione di Staff. Gianluca Matarese laureato in Ingegneria Gestionale presso l'università degli Studi di Napoli "Federico II". Dopo esperienze professionali in enti pubblici e società di consulenza private, oggi si occupa di consulenza aziendale, ricerca e formazione nel campo turistico e dei servizi. Elio Mendillo commercialista, esercita la propria attività di consulente di programmazione e progettazione dello sviluppo locale e territoriale. Ha maturato significative esperienze professionali in tema di progettazione, coordinamento e monitoraggio dei Contratti di Programma. Daniela Mignone laureata in Economia e Commercio, è componente della Segreteria Particolare dell Assessore al Turismo. Ha maturato significative esperienze nell ambito della programmazione e gestione di manifestazioni ed eventi nel campo turistico-culturale. Giuliana Taglialatela laureata in Economia del Commercio Internazionale, svolge da alcuni anni attività di ricerca e formazione. Attualmente è consulente del Formez come esperta di statistica e informatica. Da un anno si occupa di Statistiche del Turismo presso il Servizio Statistica della Regione Campania. e.mail: Rino Vitelli partner di Risposte Turismo, società di business consulting e formazione per il turismo con sede a Venezia. Si è laureato in Giurisprudenza presso l'università degli Studi di Napoli ed ha conseguito un Master in Economia e Gestione del Turismo al CISET (Centro Internazionale di Studi sull'economia Turistica dell'università Ca' Foscari di Venezia). È stato direttore del Napoli Convention Bureau - consorzio per lo sviluppo del turismo congressuale e fieristico a Napoli -, direttore commerciale de I Viaggi dell Airone - tour operator world wide con sedi a Milano, Roma e Napoli - e responsabile marketing del Centro Congressi "Magazzini del Cotone" di Genova.

8 Indice 5 Presentazioni 13 PARTE PRIMA Le Statistiche Roberto Formato, Giuliana Taglialatela, Pierluigi Bianconcini Scenario di riferimento e andamento Il turismo in Italia Il turismo in Campania 105 Appendice statistica I: Domanda turistica per comprensori e paesi di provenienza 127 Appendice statistica II: Stagionalità della domanda turistica alberghiera per provincia visitata e paese di origine 161 PARTE SECONDA I prodotti turistici regionali 162 Il turismo balneare Pierluigi Bianconcini 179 Il turismo congressuale Rino Vitelli 200 Il turismo crocieristico Francesco di Cesare 219 Il turismo culturale Giuliana Taglialatela 237 Il turismo enogastronomico Roberto Formato, Gianluca Matarese 253 Il turismo termale Valentina Della Corte 267 PARTE TERZA Le azioni realizzate dall Assessorato al Turismo nel Il Bando-concorso per la raccolta di idee-progetto per la promozione dei prodotti turistici regionali Roberto Formato 282 Il Campania Fam Trip Roberto Formato 296 Il Contratto di programma per lo sviluppo del polo turistico religioso di Pietrelcina Elio Mendillo, Maria Rosaria Leonardo 311 Il Disegno di Legge relativo all organizzazione turistica della Regione Campania: un analisi comparativa Rino Vitelli, Gilda Massa 330 La L. 24/84 e gli interventi promozionali nel turismo Daniela Mignone, Raffaella De Falco 348 I Progetti integrati turistici Roberto Formato, Edoardo Imperiale 371 Appendice 3.1: Leggi e regolamenti regionali afferenti il settore turistico 415 Appendice 3.2: Misure del POR Campania afferenti il turismo

9 1 PARTE PRIMA LE STATISTICHE Roberto Formato, Giuliana Taglialatela Pierluigi Bianconcini

10 1. SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO IL QUADRO INTERNAZIONALE Fig.1.1 Arrivi turistici internazionali, a. I dati generali La lettura dei dati delle statistiche del turismo internazionale nel 2002 deve necessariamente essere messa in relazione con l onda lunga associata ai tragici fatti del settembre Questi hanno difatti arrestato un trend di crescita che, nel corso degli anni 90, aveva comportato aumenti medi annui dei flussi di arrivi internazionali intorno al 5%, facendo del settore dei viaggi e delle vacanza la prima industria al mondo per fatturato e ricadute occupazionali - fig Fonte: World Tourism Organisation 800 Nelle pagine precedenti: Sorrento, Punta del Capo; Agriturismo nelle aree interne della Campania; Capri, la Piazzetta. milioni di arrivi Ciò nonostante, secondo i dati preliminari diffusi in alcuni recenti seminari, già al termine del 2002 si è tornati a sperimentare un sensibile incremento dei flussi di turismo internazionale. L Organizzazione Mondiale del Turismo stima difatti che lo scorso anno gli arrivi turistici internazionali per la prima volta hanno difatti superato la quota di 700 milioni (sono stati circa 715, con una crescita annua del 3,3%), riassorbendo dunque 1 Gli arrivi turistici internazionali sono cresciuti da circa 463 milioni nel 1991 a oltre 697 nel 2000 Fonte: World Tourism Organization.

11 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO completamente la perdita del 2001 quando, per la prima volta dal 1982, vi era stata una diminuzione (a 692 milioni dai 697 dell anno precedente: -0,6%) 2. Inoltre, va detto che il 2001 faceva seguito a un anno, il 2000, che, come mostrato dalla tabella che segue, aveva registrato risultati eccezionalmente positivi per il turismo internazionale. Nel 2000 vi era stato difatti un incremento di ben 45 milioni di arrivi rispetto all anno precedente (quasi il 7% in più). Senza tale picco la performance del 2001 sarebbe probabilmente risultata in linea con il trend medio degli ultimi dieci anni. ANNO ARRIVI (in milioni) VARIAZIONE ANNUA (%) , , , , , ,3 Tav.1.1 Arrivi turistici internazionali, Fonte: World Tourism Organization Occorre inoltre sottolineare che, se il risultato del 2001 è stato influenzato in larga parte dagli eventi dell 11 settembre, anche altri fattori, a questo sostanzialmente esogeni, hanno contribuito a determinare il relativo rallentamento del settore turistico. La riduzione dei flussi da paesi quali la Germania e gli Stati Uniti sono difatti in parte associabili anche alla stagnazione delle rispettive economie. Analoga considerazione vale per il Giappone, la cui debolezza economica aveva determinato ripercussioni, sul piano del movimento turistico outgoing, anche precedentemente al 2001 e non solo nei vicini paesi asiatici. In realtà, come messo in evidenza con una certa chiarezza in recenti convegni internazionali 3, nei mesi successivi agli eventi tragici dell 11 settembre, vi è stata una sensibile modifica nei comportamenti di viaggio, con un rilevante numero di turisti che ha optato per mete vicine al paese di origine, familiari, e, soprattutto, accessibili utilizzando mezzi di trasporto alternativi all aereo, percepito come poco sicuro. Il risultato è stato un rimescolamento delle destinazioni, dunque, più che una scelta di non viaggiare. Tale modifica dei comportamenti di viaggio, su scala planetaria, ha comunque comportato alcuni macro-effetti, che si sono manifestati con più evidenza nel caso degli Stati Uniti, principale serbatoio della domanda internazionale e seconda meta turistica al mondo dopo la Francia. In questo Paese, nella prima metà del 2002, i flussi di turismo outgoing sono scesi sino al 12%, per poi riprendersi successivamente e assestarsi, secondo stime previsionali, a un -2% alla fine dell anno. I flussi incoming, che erano invece scesi del 12,6% nel 2001, hanno conservato tale trend negativo anche nel Per quanto riguarda il turismo in uscita, il Governo americano pare comunque convinto di un ritorno a flussi paragonabili o anche superiori a quelli riportati nel 2000 già a partire dal 2004, mentre più caute appaiono le prospettive per il turismo incoming 5. 2 Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, World Tourism in 2002: better than expected, Madrid, World Travel Market, The latest global travel trends, Londra, Fonte: World Travel Market s Global Report, One year on Reaching for recovery, Londra, Novembre Fonte: D. Baker, Deputy Assistant Secretary, Service Industries, Tourism and Finance, US Department of Commerce, New forecasts and trends for US outbound and inbound travel, paper diffuso al The latest global travel trends

12 16 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO 2002 Ciò detto per uno dei principali mercati turistici al mondo - soprattutto per quanto riguarda i viaggi long haul con utilizzo di vettori aerei - la modifica degli itinerari di viaggio ha comunque determinato situazioni fortemente disomogenee negli altri principali mercati del turismo internazionale. Tali situazioni sono analizzate nelle sezioni che seguono. Fig. 1.2 Andamento del turismo incoming a livello internazionale b. Il turismo incoming a livello internazionale Se il turismo nord-americano ha pesantemente risentito degli effetti degli attentati terroristici, altrove si hanno situazioni discordanti. Ad esempio nella vicina zona caraibica gli effetti si presentano più attenuati e, soprattutto, contraddistinti da un più veloce ritorno alle posizioni pre-11 settembre. Secondo l Organizzazione Mondiale del Turismo, in tale area i risultati del 2002 dovrebbero già presentare una lieve crescita rispetto al 2001, soprattutto per le destinazioni continentali del Centro America. Sul versante opposto del pianeta, nel 2002 i flussi turistici verso la Cina hanno proseguito nella forte crescita degli ultimi anni (+10% rispetto al 2001) e significativi aumenti si sono registrati anche verso le altre destinazioni del Sud-Est (Hong Kong, Thailandia, Vietnam) ed Est asiatico (Giappone) 6. Fortemente penalizzati risultano al contrario le destinazioni del Nord Africa e del Medio Oriente, dove massimo è il rischio percepito 7. Allo stesso modo, in Europa, la situazione del turismo incoming risulta differente da zona a zona. Nel 2002, in media, il Centro-Nord Europa è stato più penalizzato sotto il profilo degli arrivi internazionali, con diminuzioni pari o superiori al 2% in Germania, Francia, Svizzera e Paesi Scandinavi 8, mentre altre sub-regioni hanno mostrato crescite, talvolta anche rilevanti. È questo il caso soprattutto di alcune nuove destinazioni nell ambito o in prossimità del Mediterraneo (Turchia, Croazia, Bulgaria). Complessivamente nel vecchio continente gli arrivi turistici internazionali sono comunque scesi dello 0,6% nel 2001 e dovrebbero diminuire, seppure più lievemente, anche nel 2002 (circa -0,2 o -0,3%) 9. Tale riduzione non viene tuttavia attribuita a una minore propensione al viaggio, quanto piuttosto a una scelta più orientata verso mete all interno del Paese di origine anche se tendenzialmente lontano dalle grandi capitali e associata a un maggiore uso di treno e Europa Diminuzione flussi verso centro-nord Europa e grandi capitali con crescita di destinazioni alternative Fonte: Elaborazione degli autori da fonti varie Nord e Centro America Estremo Oriente Crescita delle nuove destinazioni Medio Oriente e Nord Africa Calo Forte calo Stabile Forte aumento TOTALE ARRIVI INTERNAZIONALI -0,6% nel 2001 (2000) +3,3% nel 2002 (2001) 6 Secondo le stime fornite da De Jong P., presidente della Pacific Asia Travel Association, gli arrivi internazionali nel corso del 2001 sono cresciuti del 3% nel Nord-Est asiatico e del 5,2% nel Sud-Est. L andamento positivo è stato mantenuto nel corso del 2002: Pacific Asia The new engine of global tourism growth, paper diffuso al The latest global travel trends. 7 Stime tratte da Frangialli F., segretario generale dell Organizzazione Mondiale del Turismo: World inbound scenario, 2002, paper diffuso al The latest global travel trends. 8 IPK, World tourism experts confident of 2003 recovery in international travel & tourism, press release. 9 Previsioni presentate da Porràs G., Presidente della European travel Commission: Ten years of stagnation in European tourism: a new global trend?, paper diffuso al The latest global travel trends.

13 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO automobile. Rimane una certa riluttanza verso l aereo, anche se tale tendenza è contrastata, sul piano del marketing, dalla crescente diffusione dei vettori low cost, accompagnata dalla propensione a organizzare il viaggio autonomamente e con prenotazioni dirette. Tutto ciò determina ovviamente un impatto sul sistema turistico locale. È evidente difatti che tale cambiamento nei comportamenti di viaggio, se non modifica i flussi totali in arrivo in una certa destinazione, determina comunque ripercussioni importanti sul complessivo sistema di offerta. Relativamente meno coinvolti sono gli operatori della ricettività anche se si è assistito a un certo orientamento delle scelte verso soluzioni extralberghiere e alternative mentre altri attori, in particolar modo linee aeree e intermediari turistici, hanno visto restringersi e/o ridefinire i rispettivi ambiti di azione, con un accrescimento delle dinamiche competitive. Le seguenti tabelle riassumono il quadro degli arrivi turistici internazionali e dei relativi introiti per macro-aree (tav. 1.2 e Tav 1.3), seguiti dalla classifica di tali arrivi e introiti per Paese (tav. 1.4 e tav. 1.5). Arrivi Quota di mercato Area / Africa 27,2 28,4 4,4% 3,9% 4,1% America 128,5 120,8-6,0% 18,4% 17,4% Est Asia e Pacifico 109,2 115,2 5,5% 15,7% 16,6% Europa 402,5 399,7-0,7% 57,8% 57,7% Medio Oriente 23,2 22,7-2,2% 3,3% 3,3% Sud Asia 6,1 5,8-4,9% 0,9% 0,8% Mondo 696,7 692,6-0,6% 100% 100% Tav. 1.2 Arrivi turistici internazionali (in milioni) Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" 2002 Introiti Quota di mercato Area / Africa 10,8 11,7 8,3% 1,6% 1,7% America 132,8 122,5-7,8% 19,1% 17,7% Est Asia e Pacifico 82 82,2 0,2% 11,8% 11,9% Europa 234,5 230,4-1,7% 33,7% 33,3% Medio Oriente 12,2 11,8-3,3% 1,8% 1,7% Sud Asia 4,7 5 6,4% 0,7% 0,7% Mondo ,6-2,8% 68% 67% Tav. 1.3 Introiti da turismo internazionale (in miliardi di $) Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" 2002 Arrivi Classifica Paese /2000 Quota di mercato Francia 75,6 76,5 1,2% 11,0 2 Spagna 47,9 49,5 3,3% 7,1 3 USA 50,9 45,5-10,6% 6,6 4 Italia 41,2 39,1-5,1% 5,6 5 Cina 31,2 33,2 6,4% 4,8 6 Gran Bretagna 25,2 22,8-9,5% 3,3 7 Federazione Russa 21,2 n.d. n.d. n.d. Tav. 1.4 Arrivi turistici nelle principali destinazioni (in milioni) Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" 2002

14 18 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO 2002 Arrivi Classifica Paese /2000 Quota di mercato Messico 20,6 19,8-3,9% 2,9 9 Canada 19,7 19,7 0,0% 2,8 10 Austria 18,0 18,2 1,1% 2,6 11 Germania 19,0 17,9-5,8% 2,6 12 Ungheria 15,6 15,3-1,9% 2,2 13 Polonia 17,4 15,0-13,8% 2,2 14 Hong Kong 13,1 13,7 4,6% 2,0 15 Grecia 13,1 n.d. n.d. n.d. Tav. 1.5 Introiti da turismo internazionale nelle principali destinazioni (in miliardi di $) Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" 2002 Introiti Classifica Paese /2000 Quota di mercato USA 82,0 72,3-11,8% 1,6 2 Spagna 31,5 32,9 4,4% 7,1 3 Francia 30,8 30,0-2,6% 6,5 4 Italia 27,5 25,8-6,2% 5,6 5 Cina 16,2 17,8 9,9% 3,8 6 Germania 18,5 17,2-7,0% 3,7 7 Gran Bretagna 19,5 16,3-16,4% 3,5 8 Canada 10,7 10,8 0,9% 2,3 9 Austria 9,9 10,1 2,0% 2,2 10 Grecia 9,2 n.d. n.d. n.d. 11 Turchia 7,6 8,9 17,1% 1,9 12 Messico 8,3 8,4 1,2% 1,8 13 Hong Kong 7,9 8,2 3,8% 1,8 14 Australia 8,5 7,6-10,6% 1,6 15 Svizzera 7,5 7,6 1,3% 1,6 Fig. 1.3 Andamento del turismo outgoing a livello internazionale Fonte: Elaborazione degli autori da fonti varie Germania, Giappone UK, Paesi Bassi, Austria Europa Orientale USA Leggero calo Calo, ma con tassi di recupero Leggera crescita Crescita Forte crescita Nuovi mercati dell Estremo Oriente (Cina, Corea, India, Australia)

15 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO c. Il turismo outgoing a livello internazionale Sul fronte del turismo outgoing, si è visto come le stime dell Organizzazione Mondiale del Turismo abbiamo evidenziato un parziale recupero dei tassi di crescita pre-11 settembre già nel Tale tendenza - guerra in Iraq permettendo - dovrebbe confermarsi e rafforzarsi nel 2003, per poi migliorare ancora (+3-4%) nel Se uno scetticismo permane circa i flussi originati da paesi tradizionalmente protagonisti del turismo outgoing come USA, Germania e Giappone, la tendenza all aumento dovrebbe tuttavia essere sostenuta dai mercati emergenti dell Est Europa e dell Asia, oltre che da bacini più tradizionali quali Gran Bretagna, Paesi Bassi e Austria 11. Per quanto riguarda l Est Europa, nel 2002 vi sono state notevoli crescite dei flussi outgoing da Ungheria e Slovacchia (intorno al 5-10% nei primi otto mesi dell anno rispetto allo stesso periodo del 2001). In Asia vengono invece segnalati in forte aumento i turisti internazionali dalla Corea (+16% nel 2002 rispetto al 2001), dalla Cina - il paese che maggiormente ha contribuito alla crescita del turismo internazionale negli ultimi anni - dall India e, in prospettiva, anche dall Australia, che dopo la debole crescita del 2002 dovrebbe tornare a sperimentare aumenti annui del 6-7% già dal Le seguenti tabelle riassumono il quadro del turismo internazionale outgoing con riferimento alle macro-aree di origine (tav. 1.6) e alla classifica della spesa per i principali Paesi (tav. 1.7). Tav. 1.6 Flussi turistici internazionali per macro-aree di origine Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" 2002 Partenze Quote di mercato Tassi di crescita Crescita media annua Area / / Africa 11,4 12,6 15,3 15,8 16,3 2,5% 2,3% 2,4% 3,3% 3,2% 4,3% 5,1% America 99,4 108,1 122,0 130,7 123,9 21,7% 19,6% 17,9% 7,1% -5,2% 3,1% 4,2% Est Asia e Pacifico 56,1 84,3 98,4 110,1 112,9 12,3% 15,3% 16,3% 11,9% 2,5% 9,6% 6,1% Europa 265,3 319,6 382,8 404,4 402,8 58,0% 57,9% 58,2% 5,6% -0,4% 5,2% 5,3% Medio Oriente 7,7 8,7 11,3 12,4 12,3 1,7% 1,6% 1,8% 9,7% -0,8% 6,1% 8,5% Sud Asia 4,0 5,0 6,9 7,8 7,9 0,9% 0,9% 1,1% 13,0% 1,3% 9,5% 11,2% Origine non specificata 13,4 13,4 15,7 15,5 16,4 2,9% 2,4% 2,4% -1,3% 5,8% 1,6% 3,1% Mondo 457,3 551,7 652,4 696,7 692,5 100% 100% 100% 6,8% -0,6% 5,2% 5,3% Stessa area 362,2 438,6 513,1 564,4 549,9 79,2% 79,5% 79,4% 10,0% -2,6% 5,6% 5,7% Area diversa 81,7 99,8 123,6 134,9 126,2 17,9% 18,1% 18,2% 9,1% -6,4% 6,5% 7,0% Spesa turistica Paese /2000 Quota di mercato 2001 USA 64,5 58,9-8,7% 12,7 Germania 47,6 46,2-2,9% 10,0 Gran Bretagna 36,3 36,5 0,6% 7,9 Giappone 31,9 26,5-16,9% 5,7 Francia 17,8 17,7-0,6% 3,8 Italia 15,7 14,2-9,6% 3,1 Cina 13,1 n.d. n.d. n.d. Hong Kong 12,5 12,5 0,0% 2,7 Olanda 12,2 12,0-1,6% 2,6 Canada 12,1 11,6-4,1% 2,5 Belgio 9,4 9,8 4,3% 2,1 Tav. 1.7 Spesa turistica internazionale per Paese di origine (in miliardi di $) Fonte: Organizzazione Mondiale del Turismo, "Tourism Highlights" Freitag R.D., op. cit. 11 Una prova della tenuta del mercato britannico è testimoniata dal traffico nel complesso degli aeroporti britannici, che nell agosto del 2002 era ritornato sui livelli dell anno precedente (Fonte: British Airport Authority).

16 20 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO 2002 Arrivi Paese /2000 Quota di mercato 2001 Austria 8,5 8,9 4,7% 1,9 Corea del Sud 6,2 6,9 11,3% 1,5 Svezia 8,0 6,8-15,0% 1,5 Svizzera 6,2 6,6 6,5% 1,4 d. Le tendenze qualitative Se differenti si presentano i flussi nei loro andamenti per origine e destinazione, omogenee appaiono alcune tendenze comportamentali a livello internazionale. Gli esperti di turismo internazionale, riunitisi in forum a Pisa tra il 6 e il 9 novembre 2002, hanno in particolare sollecitato una attenzione verso i seguenti fenomeni, diffusi un pò ovunque 12 : crescente attenzione ai temi della sicurezza; vacanze più brevi e più frequenti, ma meno short-breaks nelle grandi capitali; spostamento della domanda verso destinazioni conosciute e sperimentate all interno del paese di origine; spostamento dal trasporto aereo a quello terrestre (su strada e su ferro) e, parallelamente, un incremento della domanda per le tariffe aeree a basso costo; tendenza a ritardare le prenotazioni, con crescita del fenomeno dei last minute e l incremento degli acquisti via Internet; domanda crescente per pacchetti turistici più personalizzati, a scapito dei tradizionali all inclusive ; interesse per le vacanze che propongono esperienze sotto il profilo culturale e ambientale, piuttosto che semplici destinazioni o prodotti, ma diminuzione delle vacanze-avventura. Al momento non è chiaro se tutte le tendenze identificate siano temporanee e dovute agli avvenimenti terroristici e/o alla recessione in alcuni dei principali paesi o se, invece, rappresentino parte di un processo di radicale mutamento nella struttura generale della domanda turistica dai mercati maturi. Talune di esse, soprattutto quelle riferite alle aspettative dalla vacanza e alle modalità di acquisto, si presentano tuttavia in linea con le tendenze osservate nel corso degli ultimi anni ed è perciò probabile che rappresentino situazioni strutturali piuttosto che fenomeni transitori LA SITUAZIONE ITALIANA Alla luce dello scenario evidenziato a livello internazionale, l andamento della domanda turistica in Italia nel 2002 e le previsioni formulate da alcuni istituti di ricerca per il 2003 confermano alcune delle tendenze qualitative globali. Tra queste, le più evidenti appaiono: la crescita del turismo nazionale a scapito del turismo straniero; la propensione a scegliere destinazioni alternative alle grandi città d arte; cui si aggiunge, la cessione di quote di mercato relative dalle sistemazioni alberghiere a quelle complementari. Il primo fenomeno è evidente se si esaminano i dati forniti da Confturismo in relazione alle presenze alberghiere nei primi 9 mesi del 2002 rispetto allo stesso periodo del IPK, op. cit.

17 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO Complessivamente il totale delle presenze è rimasto pressoché invariato (-0,1%), ma tale dato contiene in sé due fenomeni contrapposti: la crescita del turismo domestico (+0,6%) e la riduzione di quello straniero (-1,0%) tav. 1.8 Mesi/ Italiani Stranieri Totale periodo / / /01 Gennaio ,5% ,1% ,0% Febbraio ,6% ,2% ,2% Marzo ,9% ,1% ,4% Aprile ,4% ,0% ,2% Maggio ,3% ,3% ,5% Giugno ,6% ,9% ,1% Luglio ,3% ,7% ,0% Agosto ,8% ,8% ,1% Settembre ,0% ,0% ,9% Gen-Mag ,1% ,7% ,9% Giu-Set ,8% ,9% ,7% Gen-Set ,6% ,0% ,1% Tav. 1.8 Presenze italiane e straniere negli alberghi italiani, gennaio-settembre 2002(*) Fonte: Confturismo, Preconsuntivo 2002 Scendendo al dettaglio della componente straniera e ricordando che l Italia resta la quarta destinazione al mondo per arrivi turistici internazionali dopo Francia, Spagna e Stati Uniti, la situazione si presenta abbastanza eterogenea. Vi è stata difatti una marcata riduzione di presenze alberghiere dal Nord America (sia USA che Canada, con una punta del -18% per il secondo paese) e dal Giappone (-5,8%). Diminuzione dei flussi incoming alberghieri vi sono stati inoltre dalla Gran Bretagna (- 6,5%), Germania (-5,8%) e Francia (-3,7%), mentre incrementi anche sensibili si sono registrati da Austria (+7,8%) e Svizzera (+6,0%). In termini percentuali e assoluti, la riduzione ha interessato maggiormente il periodo estivo. Tra giugno e agosto le presenze straniere si sono complessivamente ridotte del 2,5%, a fronte di un incremento dello 0,9% di quelle italiane (per un risultato complessivo pari a -0.3% nei tre mesi considerati). La tav. 1.9 mostra le presenze alberghiere straniere in tale periodo per i principali paesi di origine. Anche la perdita delle città d arte rispetto ad altre tipologie di località si evidenzia, con Paese GiugnoLuglioAgostoTot Giu-Ago02/01 Germania ,8% Gran Bretagna ,5% Francia ,7% Austria ,8% Svizzera ,0% Belgio ,1% USA ,3% Canada ,9% Giappone ,8% Altri ,0% Totale ,5% Tav. 1.9 Presenze alberghiere straniere in Italia per nazionalità, giugno-agosto 2002 Fonte: Confturismo 13 I dati di settembre sono previsionali

18 22 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO 2002 forza, dai dati forniti da Confturismo. Come si evince dalla tav. 1.10, nei primi 8 mesi del 2002 le presenze alberghiere in tali località si sono ridotte di oltre il 3%, mentre hanno sostanzialmente tenuto le località balneari (-1,1%) e una forte crescita si è avuta in quelle lacuali e termali (con valori compresi tra l 11 e il 14%). Tav Presenze alberghiere italiane e straniere negli alberghi italiani, giugno-agosto 2002 Fonte: Confturismo Tipologia /01 di località Italiani Stranieri Totale Italiani Stranieri Totale Mare ,4% -0,5% -1,1% Arte ,4% -4,0% -3,3% Monti ,1% -1,9% 0,0% Terme ,1% -2,1% 14,1% Affari ,2% -0,5% -0,3% Laghi ,4% 16,4% 11,4% Totale ,6% -0,5% 0,2% L effetto di tali fenomeni sulle entrate valutarie è stato ovviamente negativo. Stando ai dati diffusi dall ENIT, da gennaio a settembre il volume dei ricavi valutari del turismo estero in Italia è stato pari a milioni di euro, con una flessione del 4,8% rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. Se si limita l analisi al periodo luglio-settembre i ricavi dovuti ai turisti esteri risultano tuttavia in aumento del 2,8%, contro una flessione del 18,5% nel primo trimestre e del 6,6% nel secondo trimestre. Un trend in crescita, dunque, che spinge l Ente a prevedere, al termine del 2002, una chiusura in pareggio rispetto al 2001, quando si registrò un saldo di milioni di euro. Il risultato estivo (presenze straniere in calo ma bilancia dei pagamenti in crescita) induce a domandarsi pur senza risposta che ruolo possa avere giocato, a tale proposito, la leva prezzo e se, anche nel settore alberghiero, l effetto euro abbia contribuito a riorientare le scelte della domanda finale. In ogni caso, il positivo dato valutario del secondo e terzo trimestre, confrontato con quello negativo delle presenze alberghiere, può essere messo in connessione con la crescita dei pernottamenti in strutture alternative (campeggi e villaggi, ma anche bed&breakfast e agriturismo). Un trend in questo senso è stato evidenziato dalla indagine congiunturale del CISET condotta nel novembre 2002 e basata sulle aspettative degli operatori del settore 14. Tale indagine indica infatti nell agriturismo e nel turismo verde le tipologie di turismo che saranno contraddistinte dai tassi di crescita più rilevanti tra novembre e aprile 2003, anche se una netta ripresa viene segnalata per le città d arte e, in misura minore, per quelle d affari. La stessa indagine si dimostra peraltro ottimista circa le prospettive del turismo in Italia nell immediato futuro. Secondo gli intervistati, tra novembre 2002 e aprile 2003 la domanda turistica italiana dovrebbe crescere sensibilmente rispetto allo stesso periodo dell anno precedente (rispettivamente +1,7% arrivi e +1,1% pernottamenti) e anche quella straniera dovrebbe riprendere una certa vitalità, anche se su livelli più contenuti (+0,1% di presenze e arrivi). Con riferimento ai bacini di origine, l indagine indica che dovrebbe proseguire la diminuzione di turisti americani, sebbene con tassi più lievi rispetto allo stesso periodo dell anno precedente. In leggero aumento sono invece previsti i turisti inglesi e giapponesi, stabili i francesi e in leggera ulteriore flessione i tedeschi. Per taluni mercati viene infine stimata una forte crescita: è il caso, in Europa, di Russia, Spagna e Scandinavia, e, in Asia, di Cina e Corea. 14 Ciset, Il turismo in Italia nel 2002 L indagine congiunturale CISET analizza l opinione degli operatori, novembre 2002.

19 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO Francia e Belgio USA e Germania Calo Leggera crescita Crescita Forte crescita Gran Bretagna e Giappone Mercati europei (Russia, Spagna e Scandinavia) e asiatici (Cina, Corea) Fig. 1.4 Andamento del turismo incoming in Italia Fonte: Elaborazione degli autori da indagine Ciset 1.3 LA CAMPANIA L andamento del turismo in Campania nel 2002 deve essere letto alla luce dell andamento storico della domanda negli ultimi anni e dei più recenti avvenimenti del Come illustrato nella fig. 1.5, le presenze turistiche nel totale degli esercizi ricettivi della Campania (alberghieri ed extralberghieri) tra il 1991 e il 2001 sono aumentate del 36,1%, con una crescita sostenuta soprattutto dopo la svolta del L incremento è stato rilevante tra gli stranieri (+51,9%), ma apprezzabile anche tra gli italiani (+26,6%). La disaggregazione dei dati, per i quali si rinvia al cap. 3 (tav e tav ), mostra inoltre che l impatto è stato maggiore sul settore alberghiero (+45,6% delle presenze nel periodo considerato), ma apprezzabile anche in quello extralberghiero (+20,8%) Fig. 1.5 Presenze turistiche negli esercizi ricettivi della Campania, Fonte: Elaborazioni da dati EPT Italiani Stranieri Totale L analisi dei dati del turismo in Campania, nel 2002, mostra situazioni discordanti tra le varie province e, all interno di queste, tra i differenti comprensori turistici. Se comparato

20 24 PARTE PRIMA SCENARIO DI RIFERIMENTO E ANDAMENTO 2002 con le ottime performance degli anni più recenti, complessivamente quello appena trascorso è stato un anno di minori soddisfazioni per il settore turistico campano, sebbene si evidenzino diverse note positive quali: il buon andamento dei flussi turistici, soprattutto stranieri, a Napoli. Alla luce dei risultati negativi registrati da altre città d arte in Italia, tale risultato conferma il consolidamento del capoluogo partenopeo quale rinnovata meta del turismo internazionale; la tenuta della Penisola Sorrentina, che è riuscita a riposizionarsi sul mercato della domanda turistica italiana, con la quale ha sostituito la quota parte di domanda straniera (soprattutto americani) venuta meno; il buon andamento della provincia di Salerno e, specificamente, del sub-comprensorio della Costiera Cilentana, che ha visto accrescere sensibilmente la propria domanda; la crescita della domanda turistica nelle aree interne, soprattutto nella provincia di Benevento, dove peraltro è segnalato in forte crescita il fenomeno dell agriturismo; la crescita, un po ovunque, della domanda turistica in esercizi complementari, che tuttavia sfugge alle statistiche più comunemente diffuse e pubblicizzate. È vero, peraltro, che alcune situazioni di criticità si sono manifestate con una certa forza: anzitutto, il caso di Ischia, coinvolta nel calo generale dei flussi dalla Germania tradizionale serbatoio di domanda per l isola - a fatica sostituiti con quelli provenienti dall Est-Europa e da italiani; Fig. 1.6 Andamento del turismo incoming in Campania Fonte: Elaborazione degli autori da indagine Ciset Ischia e Capri Napoli e Penisola Sorrentina Aree interne PV Caserta (in particolare Litorale Domizio) Calo Leggero calo Stabile Lieve crescita Crescita PV Salerno (in particolare costiera cilentana) il progressivo ridursi dell appeal della provincia di Caserta, soprattutto della zona costiera. Qui si assiste difatti alla diminuzione della domanda indotta dalla presenza delle forze americane nella vicina Pozzuoli, che vanno prograssivamente delocalizzandosi; meno grave in prospettiva - per quanto statisticamente significativo - appare il calo manifestatosi a Capri, imputabile in larga misura alla riduzione della domanda statunitense.

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia )

Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Cultura e Turismo: i dati on-line per uno sviluppo turistico basato sulla cultura (un contributo al progetto Destinazione Italia ) Hanno contribuito all elaborazione della ricerca: Elena Alessandrini,

Dettagli

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita

I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita I Turisti in Campania Comportamento di Consumo e Soddisfazione Percepita (maggio 2008) Codice Prodotto- OSPS10-R03-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA

IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA 1 Unioncamere Basilicata RAPPORTO ANNUALE 2002 DELL OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE IL RUOLO DEL TURISMO NELL ECONOMIA LUCANA Il ruolo del turismo nell economia

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche

IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING. Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche IL TURISMO ORGANIZZATO INCOMING Dalla spesa del turista all analisi della filiera, all individuazione delle aree critiche Dalla spesa del turista all analisi della filiera, l individuazione delle aree

Dettagli

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA

OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI 2014 CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA CRESME RICERCHE SPA OSSERVATORIO VENDITE MACCHINE E IMPIANTI PER LE COSTRUZIONI CRESME PATROCINATO DA SAIE PROMOSSO DA Cantiermacchine-ASCOMAC Comamoter-FEDERUNACOMA Ucomesa-ANIMA NELL AMBITO DI FEDERCOSTRUZIONI

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Regione Campania Assessorato al Turismo. Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania

Regione Campania Assessorato al Turismo. Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania Regione Campania Assessorato al Turismo Linee guida per lo sviluppo turistico della Regione Campania Luglio 2002 INDICE PREMESSA... pag. 3 1. IL MODELLO UTILIZZATO... pag. 4 2. ANALISI... pag. 10 2.1 Inquadramento

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore

un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore un brand nato pensando a Voi, con l Italia nel cuore VOI esprime sia una dedica ai nostri graditissimi ospiti, destinatari delle nostre attenzioni quotidiane, sia l acronimo di VERA OSPITALITÀ ITALIANA,

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE

Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo ITALIA ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Studi OCSE sul Turismo: Italia ANALISI DELLE CRITICITÀ E DELLE POLITICHE Il presente studio è pubblicato sotto la responsabilità

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli