i n t r o d u z i o n e

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i n t r o d u z i o n e"

Transcript

1 Università degli Studi di Bergamo lezioni 16 e 17 L IVA NELLE OPERAZIONI INTERNAZIONALI l imposizione IVA il territorio comunitario differenza tra operazioni intracomunitarie ed extra CEE la fatturazione il trattamento delle cessioni all esportazione il plafond i n t r o d u z i o n e il trattamento delle importazioni 1

2 I V A : A S P E T T I G E N E R A L I I V A Imposta sul Valore Aggiunto si applica negli scambi di beni e servizi con un aliquota percentuale e grava sul valore aggiunto è un imposta indiretta (= non colpisce direttamente la ricchezza, bensì quando questa viene trasferita o consumata) è largamente applicata nei diversi Stati del mondo (VAT, TVA, MWSt, ecc.). L unico grande Paese del mondo che non applica l IVA sono gli USA (dove però vige una Sales Tax) la disciplina è normata a livello comunitario (ma non è armonizzata!) con un sistema transitorio in vigore dal 1 gennaio 1993 le norme europee sono state recepite nella c.d. legge IVA ossia il D.P.R. 633/1972 2

3 I V A art. 1 del D.P.R. 633/1972 l imposta sul valore aggiunto si applica sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nel territorio dello Stato nell'esercizio di imprese o nell'esercizio di arti e professioni e sulle importazioni da chiunque effettuate P R E S U P P O S T I D E L L I V A (1) ELEMENTO OGGETTIVO sulle cessioni di beni e le prestazioni di servizi sulle importazioni da chiunque effettuate deve trattarsi di atti a titolo oneroso che comportino il trasferimento della proprietà o la costituzione di diritti reali di godimento su beni di ogni genere (art. 2 DPR 633/72) prestazioni di servizi verso corrispettivo dipendenti da contratti d opera, appalto, trasporto, mandto, spedizione, agenzia, mediazione, deposito e in genere da obbligazioni di fare o di non fare (art. 3 DPR 633/72) importazioni di beni (art. 67 DPR 633/72) 3

4 C A M P I O N I G R A T U I T I per questo motivo la cessione di campioni gratuiti di modico valore sono esclusi dal campo di applicazione dell IVA devono però essere a tal fine contrassegnati in maniera indelebile l Agenzia delle Entrate ha più volte precisato che a tal fine non è sufficiente l apposizione di una semplice etichetta adesiva, bensì è necessario che la dicitura campione gratuito sia applicata mediante lacerazione, perforazione, marcatura indelebile e visibile o qualsiasi altro procedimento analogo P R E S U P P O S T I D E L L I V A (2) ELEMENTO SOGGETTIVO nell'esercizio di imprese o di arti e professioni deve trattarsi di transazioni effettuate da soggetti che svolgono professionalmente un attività economica partita IVA eccezione: importazioni! 4

5 P R E S U P P O S T I D E L L I V A (3) ELEMENTO TERRITORIALE nel territorio dello Stato art. 7 DPR 633/1972: per Stato o territorio dello Stato si intende il territorio della Repubblica italiana, con esclusione dei comuni di Livigno e di Campione di Italia e delle acque italiane del lago di Lugano (nel tratto fra Ponte Tresa e Porto Ceresio) I V A A N O N R E S I D E N T I regole generali: le transazioni effettuati da privati/consumatori sono tassate nel Paese del venditore gli acquisti effettuati da operatori economici sono tassati nel Paese di destinazione o dell acquirente le cessioni effettuate nel territorio dello Stato a soggetti privati (persone fisiche) non residenti sono soggette ad IVA tali soggetti (sia residenti in Paesi UE che extra UE) possono però chiedere su base periodica all Agenzia delle Entrate il rimborso dell IVA pagata me/cosadevifare/richiedere/rimborsi/ 5

6 CESSIONI A TURISTI DI PAESI TERZI le persone fisiche che viaggiano in Italia e sono residenti in Paesi Extra UE possono acquistare beni ad uso personale da trasportare nei propri bagagli senza pagare l IVA beni di importo superiore a 155 il beneficio è riconosciuto direttamente dal cedente oppure l IVA è rimborsata in Dogana requisiti: art. 38 quater DPR 633/1972 analogo beneficio in molti Paesi esteri per i viaggiatori italiani IVA regola generale: per il principio di territorialità L IVA NON Si APPLICA ALLE CESSIONI DI BENI CHE FUORIESCONO DAI CONFINI NAZIONALI tali beni sono soggetti a IVA nello Statp di destinazione il gettito è attribuito al Paese dove il bene è consumato, indipendentemente dal luogo di produzione 6

7 I V A il presupposto di non applicazione dell IVA cambia a seconda che si tratti di transazioni che avvengono in territorio comunitario o extra comunitario: bisogna infatti distinguere a seconda di dove avviene la movimentazione fisica dei beni NB: per valutare come inquadrare l operazione non rileva la nazionalità o la sede del fornitore!! OPERAZIONI ESTERE A FINI IVA invio in territorio CEE cessione intracomunitaria art. 41 del d.l. 331/1993 arrivo da territorio CEE acquisto intracomunitario art. 38 del d.l. 331/1993 invio in territorio extracomunitario cessione all esportazione (o esportazione) art. 8 del D.P.R. 633/1972 arrivo da territorio extracomunitario importazione art. 1 del D.P.R. 633/1972 7

8 I L T E R R I T O R I O C O M U N I T A R I O UNIONE EUROPEA 28 Paesi membri estensione territoriale: 4,1 milioni di Km abitanti, in costante aumento per incremento naturale (nascite>decessi) e del saldo migratorio (ingressi>uscite), ma in invecchiamento (> speranza di vita e < natalità) è il 7% della popolazione mondiale, ma gli scambi commerciali dell UE con il resto del mondo rappresentano circa il 20% delle esportazioni ed importazioni mondiali 8

9 UNIONE EUROPEA PIL: ,402 miliardi di (più degli USA) anche con la recessione, l'ue resta il più grande blocco commerciale al mondo, rappresentando (dati 2011) il 16,4% delle importazioni a livello mondiale; seguono gli USA (15,5%) e la Cina (11,9%) l UE è anche il maggiore esportatore: rappresenta infatti il 15,4% di tutte le esportazioni, davanti alla Cina (13,4%) e agli Stati Uniti (10,5%). Fonte: Eurostat STATI MEMBRI DATA INGRESSO STATI MEMBRI DATA INGRESSO BELGIO FRANCIA GERMANIA 23 luglio 1952 ITALIA LUSSEMBURGO PAESI BASSI DANIMARCA IRLANDA 1 gennaio 1973 REGNO UNITO GRECIA 1 gennaio 1981 PORTOGALLO 1 gennaio 1986 SPAGNA AUSTRIA FINLANDIA 1 gennaio 1995 SVEZIA CIPRO ESTONIA LETTONIA LITUANIA MALTA 1 maggio 2004 POLONIA REP. CECA SLOVACCHIA SLOVENIA UNGHERIA BULGARIA 1 gennaio 2007 ROMANIA CROAZIA 1 luglio

10 UNIONE EUROPEA Fonte: Eurostat 10

11 Fonte: Eurostat Fonte: Eurostat 11

12 Fonte: Eurostat A L L A R G A M E N T O qualsiasi Paese europeo può chiedere l'adesione purchè rispetti i valori democratici dell'ue e si impegni a promuoverli in particolare, un Paese può entrare a far parte dell'ue soltanto se accetta l acquis comunitario ( = piattaforma comune di diritti ed obblighi che vincolano l'insieme degli Stati membri) e soddisfano i criteri di adesione: politici = presenza di istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo Stato di diritto e i diritti umani economici = esistenza di un'economia di mercato funzionante e capacità di far fronte alle pressioni concorrenziali esterne e alle forze di mercato interne giuridici = accettazione della legislazione e delle prassi consolidate dell'ue, soprattutto riguardo agli obiettivi principali dell Unione politica, economica e monetaria. 12

13 A L L A R G A M E N T O il processo di adesione si articola in 3 fasi (ognuna delle quali deve essere approvata da tutti gli Stati membri): I. al Paese interessato viene offerta la prospettiva di adesione; II. il Paese diventa un candidato ufficiale all'adesione III. il Paese candidato viene invitato a partecipare ai negoziati ufficiali di adesione, un processo solitamente lungo e che implica alcune riforme per recepire la legislazione dell'ue. Completate queste fasi, il Paese in questione può entrare nell'ue, previo accordo di tutti gli altri Stati membri PAESI CANDIDATI 1. Islanda 2. Turchia 3. Montenegro 4. FYROM (Ex Rep. Jugoslava di Macedonia 5. Serbia negoziati ancora da } avviare 13

14 PAESI POTENZIALI CANDIDATI garantita la prospettiva di adesione previa soddisfazione di requisiti essenziali 1. Kosovo 2. Bosnia - Erzegovina 3. Albania balcanizzazione dell allargamento COMUNITA ECONOMICA EUROPEA nata con il trattato di Roma (1957) e via via implementata in vigore dal 1 luglio 1968 i territori dei singoli Paesi aderenti si fondono in un unico territorio doganale libera circolazione all interno della CEE delle merci comunitarie e di quelle provenienti da Paesi terzi dopo che sono state immesse in libera pratica (= è stata sdogananata) 14

15 TERRITORIO COMUNITARIO DOGANALE è costituito dalla somma dei territori dei 28 Stati membri eccezioni: alcune zone rientranti nei diversi territori nazionali sono escluse dal territorio doganale comunitario, mentre altri territori che non fanno parte del territorio geofisico della Comunità sono considerati a tutti gli effetti all'interno del territorio doganale comunitario è diverso dal territorio comunitario fiscale TERRITORIO COMUNITARIO FISCALE art. 7 co. 1 DPR 633/1972 nella legge IVA tutti i riferimenti alla Comunità o alla "Comunità Europea" o alla "Comunità Economica Europea" ovvero alle "Comunità Europee" si intendo riferiti all Unione Europea (art. 8 L. 217/2011) è costituito dal territorio della CEE con alcune eccezioni: a) territori appartenenti all UE ma che ai quali non si applica il sistema dell IVA comunitaria: per la Repubblica Ellenica: il Monte Athos per la Repubblica Federale di Germania: l'isola di Helgoland ed il territorio di Büsingen per la Repubblica Francese: i Dipartimenti d Oltremare (PTOM) per il Regno di Spagna: Ceuta, Melilla e le isole Canarie per la Repubblica di Finlandia: le isole Åland le isole Anglo-Normanne 15

16 TERRITORIO COMUNITARIO FISCALE b) territori terzi (= non appartenenti all UE) ma che applicano l IVA intracomunitaria: il Principato di Monaco: si intende compreso nel territorio della Repubblica francese l'isola di Man: Regno Unito le zone di sovranità britannica di Akrotiri e Dhekelia: Repubblica di Cipro la c.d zona turca di Cipro si intende posta fuori dal territorio comunitario (circolare n. 39/2004) San Marino non appartiene all Italia né fa parte del territorio fiscale comunitario. Regole particolari APPLICAZIONE DELL IVA principio generale: avviene al momento della fatturazione dell operazione il legislatore comunitario ha uniformato con la Direttiva 45/2010 il contenuto della fatturazione art. 21 DPR 633/1972 per le cessioni all esportazione si applicano le regole di fatturazione del Paese di destinazione 16

17 L A F A T T U R A Z I O N E a r t. 2 1 d e l D P R / F A T T U R A Z I O N E il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio emette fattura, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, o, ferma restando la sua responsabilita', assicura che la stessa sia emessa, per suo conto, dal cessionario o dal committente ovvero da un terzo possibilità di emettere fattura elettronica (= emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico;) ma subordinatamente all'accettazione da parte del destinatario. la fattura, cartacea o elettronica che sia, si considera emessa all'atto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o committente 17

18 CONTENUTO (MINIMO) DELLA FATTURA a) data di emissione; b) numero progressivo che la identifichi in modo univoco; c) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cedente o prestatore, del rappresentante fiscale o ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; d) numero di partita IVA del soggetto cedente o prestatore; e) ditta, denominazione o ragione sociale, nome e cognome, residenza o domicilio del soggetto cessionario o committente, del rappresentante fiscale o ubicazione della stabile organizzazione per i soggetti non residenti; CONTENUTO (MINIMO) DELLA FATTURA f) numero di partita IVA del soggetto cessionario o committente o, in caso di soggetto passivo stabilito in un altro Stato membro dell'unione europea, numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato membro di stabilimento; se il cessionario o committente residente o domiciliato nel territorio dello Stato non agisce nell'esercizio d'impresa, arte o professione: codice fiscale. Per verificare la validità della partita IVA dell operatore comunitario, è necessario verificare con il sistema VIES (VAT Intformation Exchange System) all indirizzo In caso di cessione all esportazione (= extra CEE) non si deve indicare alcun codice identificativo del cessionario f) natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi oggetto dell'operazione; 18

19 CONTENUTO (MINIMO) DELLA FATTURA f) corrispettivi ed altri dati necessari per la determinazione della base imponibile g) sconti, premi o abbuoni h) aliquota, ammontare dell'imposta e dell'imponibile con arrotondamento al centesimo di Euro F A T T U R A Z I O N E le fatture redatte in lingua straniera sono tradotte in lingua nazionale, a fini di controllo, a richiesta dell Amministrazione finanziaria (art. 21 co. 3 DPR 633/1972) se la fattura è espressa in valuta estera, per determinare la base imponibile si utilizza (art. 13 co. 4 DPR 633/1972): il tasso di cambio ufficiale pubblicato dalla BCE del giorno di effettuazione dell'operazione o in mancanza di tale indicazione nella fattura, del giorno di emissione della stessa in mancanza, il computo cambio del giorno antecedente più prossimo 19

20 F A T T U R A Z I O N E a partire dal 1 gennaio 2013, in caso di valuta diversa dall euro, occorre indicare in fattura (anche) la base imponibile espressa in euro; NBB: è necessario indicare il riferimento normativo sulla base del quale non è applicata l IVA, in modo da definire la tipologia di operazione (cessione all esportazione, intracomunitaria, ecc) I L T R A T T A M E N T O I V A D E L L E I M P O R T A Z I O N I E D E S P O R T A Z I O N I 20

21 ESPORTAZIONI E IMPORTAZIONI transazione commerciale con invio delle merci verso un Paese terzo o un luogo non compreso nel territorio fiscale dell UE cessioni e acquisti di beni mobili che comportano l attraversamento fisico (in uscita e in entrata) dei confini del territorio fiscale comunitario si configurano come tali si ha il trasporto o la spedizione dei beni al/dall esterno del territorio UE = transazioni con i Paesi terzi presuppongono sempre l espletamento di formalità doganali possono essere effettuate in via definitiva o temporanea ESPORTAZIONE la cessione all esportazione può riguardare: beni comunitari = prodotti all interno della Comunità beni immessi in libera pratica = importati e correttamente sdoganati (espletamento delle pratiche doganali + pagamento del dazio). In tal modo sono parificati ai beni comunitari 21

22 ESPORTAZIONE LE CESSIONI ALL ESPORTAZIONE NON SONO IMPONIBILI IVA ESPORTAZIONE Requisiti per la non imponibilità: 1) trasferimento fisico del bene verso un Paese extracomunitario prova: bolletta doganale con visto a uscire (oggi elettronico = MRN Movement Reference Number) 2) atto di trasferimento della proprietà del bene (eccezione: non necessariamente oneroso, es. campioni gratuiti) compravendita o contratto di appalto 3) dicitura in fattura: Operazione non imponibile ex articolo 8 comma 1 lett. a/b/c 22

23 ESPORTAZIONE ESPORTAZIONE DIRETTA art. 8 lett. a) Le cessioni, anche tramite commissionari, eseguite mediante trasporto o spedizione di beni fuori del territorio della Comunità Economica Europea, a cura o a nome dei cedenti o dei commissionari, anche per incarico dei propri cessionari o commissionari di questi. I beni possono essere sottoposti per conto del cessionario, ad opera del cedente stesso o di terzi, a lavorazione, trasformazione, montaggio, assiemaggio o adattamento ad altri beni. L'esportazione deve risultare da documento doganale, o da vidimazione apposta dall'ufficio doganale su un esemplare della fattura ovvero su un esemplare della bolla di accompagnamento [ ] 23

24 ESPORTAZIONE DIRETTA art. 8 lett. a) il venditore effettua direttamente (eventualmente tramite l acquirente) il trasporto o la spedizione all estero dei beni bolletta doganale intestata al venditore provata da visto a uscire con MRN i beni, prima dell esportazione, possono essere sottoposti a trasformazione, lavorazione, ecc. anche da un impresa trasformatrice diversa dal venditore e a ciò incaricata dall acquirente estero anche gli stampi o altre attrezzature speciali utilizzati per produrre il bene e fatturate al cliente sono non imponibili ma vengono trasportati o spediti al cliente dopo aver eseguito la produzione ESPORTAZIONE DIRETTA art. 8 lett. a) rientra in tale categoria anche l ESPORTAZIONE IN TRIANGOLAZIONE quando cedente e cessionario sono italiane, ma solo in compravendita (no appalto) IT1 IT2 EXTRA CEE 24

25 CESSIONE A ESPORTATORE NON RESIDENTE art. 8 lett. b) le cessioni con trasporto o spedizione fuori del territorio della Comunità Economica Europea entro novanta giorni dalla consegna, a cura del cessionario non residente o per suo conto, ad eccezione dei beni destinati a dotazione o provvista di bordo di imbarcazioni o navi da diporto, di aeromobili da turismo o di qualsiasi altro mezzo di trasporto ad uso privato e dei beni da trasportarsi nei bagagli personali fuori del territorio della Comunità Economica Europea; l'esportazione deve risultare da vidimazione apposta dall'ufficio doganale o dall'ufficio postalesu un esemplare della fattura CESSIONE A ESPORTATORE NON RESIDENTE art. 8 lett. b) il trasporto o la spedizione dei beni all estero è effettuato a cura o a nome dell acquirente estero dichiarazione di esportazione intestata al compratore indicando il suo codice EORI (Economic Operator Registration and Identification) prova di esportazione per il venditore italiano: fattura vistata a uscire dalla Dogana di esportazione i beni devono andare all estero non possono essere sottoposti a trasformazioni i beni devono uscire dal territorio UE entro 90 giorni dalla consegna dal venditore al compratore. NBB: se ciò non accade la non imponibilità decade ed è sanzionata l impresa italiana, che deve cauzionare l IVA 25

26 ESPORTAZIONI INDIRETTE art. 8 lett. c) le cessioni, anche tramite commissionari, di beni diversi dai fabbricati e dalle aree edificabili, e le prestazioni di servizi rese a soggetti che, avendo effettuato cessioni all'esportazione od operazioni intracomunitarie, si avvalgono della facoltà di acquistare, anche tramite commissionari, o importare beni e servizi senza pagamento dell'imposta ESPORTAZIONI INDIRETTE art. 8 lett. c) cessione (anche tramite intermediari) di beni anche se non esportati o prestazioni di servizi agli esportatori abituali che acquistano in sospensione di imposta plafond (v. oltre) 26

27 riassumendo VENDITORE COMPRATORE IT IT IT IT CEE EXTRACEE cessione interna cessione intracomunitaria ESPORTAZIONE trasporto diretto a nome di venditore ESPORTAZIONE DIRETTA art. 8 co. 1 lett. a) compratore CESSIONE A ESPORTATORE NON RESIDENTE art. 8 co. 1 lett. b) CESSIONE A ESPORTATORE ABITUALE art. 8 co. 1 lett. C) A C C O N T I se il venditore riceve dall acquirente degli acconti, deve emettere fattura in art. 8 al momento di esportazione della merce emette fattura per l importo complessivo della transazione e con deduzione analitica ed espressa delle singole fatture di acconto 27

28 P L A F O N D è un agevolazione concessa agli ESPORTATORI ABITUALI (perché?) = coloro che nell anno solare precedente (o nei 12 mesi precedenti) hanno effettuato operazioni non imponibili IVA per più del 10% del proprio volume d affari per acquisire tale status rilevano quindi le seguenti operazioni: esportazioni di beni e prestazioni di servizi all estero cessioni intracomunitarie di beni operazioni con San Marino e Città del Vaticano triangolazioni nazionali con destinazione comunitaria triangolazioni comunitarie promosse da IT triangolazione comunitaria promossa da IT: IT1 CEE1 EXTRA CEE 28

29 P L A F O N D il beneficio consiste nella possibilità di acquistare beni in sospensione di imposta (= senza pagare l IVA) nei limiti del plafond maturato l ammontare totale delle operazioni non imponibili nel periodo considerato costituisce il plafond = importo entro cui l esportatore può acquistare beni e servizi senza pagare IVA nel calcolo del plafond non entrano le cessioni: ad esportatori abituali a viaggiatori residenti in Paesi terzi P L A F O N D il beneficio consiste nella possibilità di acquistare beni in sospensione di imposta (= senza pagare l IVA) nei limiti del plafond maturato il plafond è utilizzabile per acquistare qualsiasi tipo di bene o servizio, esclusi i fabbricati, le aree fabbricabili e i beni e servizi con Iva non detraibile 29

30 P L A F O N D requisito per usufruire del beneficio: essere in attività da più di 12 mesi plafond fisso: operazioni non imponibili registrate anno solare precedente plafond mobile: operazioni non imponibili registrate negli ultimi 12 mesi è possibile passare da uno schema all altro come segue: fisso mobile: il pl. di inizio anno è il limite del pl. mobile mobile fisso: pl. inizio anno pl. già utilizzato nell anno P L A F O N D per utilizzare il pl. è necessaria la dichiarazione (lettera) di intento = comunicazione al venditore della volontà di usufruire della non imponibilità form predeterminato per una singola operazione, fino ad un certo ammontare, per un dato periodo o per tutto l anno duplice copia numerate progressivamente, una agli atti dell impresa l altra consegnata o spedita al fornitore prima della fatturazione dell operazione agevolata il venditore deve indicare in fattura il numero della dichiarazione di intento trasmessagli 30

31 P L A F O N D Cosa deve fare l impresa che utilizza il plafond? a) numerarle in ordine progressivo e trasmetterle ai fornitori b) se importa: presentare la dichiarazione d intento in Dogana operazione per operazione c) annotare le dichiarazioni nei registri IVA d) monitorare il limite del plafond P L A F O N D Cosa deve fare l impresa fornitrice? a) numerare in ordine progressivo le dichiarazioni d intento ricevute b) annotarle nei registri c) comunicare telematicamente all Agenzia delle Entrate entro il termine di effettuazione della prima liquidazione periodica IVA (mensile o trimestrale o annuale) nella quale confluiscono le operazioni realizzate applicando il plafond i dati contenuti della dichiarazione di intento d) emettere fattura senza IVA con la dicitura operazione non imponibile ex art. 8 co. 1 lett. c) del DPR n. 633/1972, come da Vostra dichiarazione d intento n... del. da noi registrata al n.., in data

32 I M P O R T A Z I O N E acquisto di beni provenienti da Paesi terzi da luoghi non appartenenti al territorio fiscale comunitario sdoganamento in ingresso = effettuazione delle pratiche doganali per i beni immessi in libera pratica destinati ad un altro Stato membro, il pagamento dell IVA è sospeso e viene assolta nel Paese comunitario in cui sono immessi in consumo base imponibile = valore della merce + dazi e altre imposte doganali grazie per l attenzione 32

LA FATTURA IN EXPORT. Savona, 12 marzo 2013. Antonio Bellin

LA FATTURA IN EXPORT. Savona, 12 marzo 2013. Antonio Bellin LA FATTURA IN EXPORT Savona, 12 marzo 2013 Antonio Bellin Responsabile del Servizio Promozione e Consulenza estero della Camera di Commercio di Vicenza La Direttiva UE 45/2010 ha varato modifiche alla

Dettagli

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni

Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni Acquisti e cessioni intracomunitarie di beni INDICAZIONI PRELIMINARI L obiettivo definito dall Unione Europea con il Trattato di Roma nel 1957 è quello di istaurare un mercato comune dove beni, servizi,

Dettagli

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA

INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA SCHEDA MONOGRAFICA TMG INGRESSO CROAZIA NELLA UE RIFLESSI IN AMBITO IVA Data aggiornamento scheda 12 giugno 2013 Redattore Davide David Il 1 luglio 2013 la Croazia entrerà a far parte dell Unione europea.

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE CESSIONI ACQUISTI NON IMPONIBILI IMPONIBILI CESSIONI INTRACOMUNITARIE Costituiscono cessioni intracomunitarie: le cessioni a titolo oneroso di beni,

Dettagli

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni)

I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) Fisco Pratico Iva 2010 3 I. V. A. Imposta sul valore aggiunto Norme generali (D.P.R. 26 ottobre 1972 nr. 633 e successive modificazioni) L'Iva, Imposta sul Valore Aggiunto, si applica sulle operazioni

Dettagli

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni.

ESPORTAZIONI. I beni ceduti all estero in virtù di contratti di appalto costituiscono esportazioni. ESPORTAZIONI Frequentemente viene confusa l operazione triangolare con le cessioni a soggetti non residenti. Tenuto conto che la normativa IVA non è sempre allineata con la normativa doganale e i termini

Dettagli

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE

7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE 7. TRIANGOLAZIONI CON INTERVENTO DI SOGGETTI NAZIONALI UE ED EXTRA UE Triangolazioni con intervento di soggetti nazionali UE ed extra UE 7. 7.1. INTRODUZIONE La globalizzazione dei mercati favorisce le

Dettagli

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE

FATTURAZIONE DELLE OPERAZIONI ATTIVE Ravenna, 3 Gennaio 2013 Circolare n. 1/13 OGGETTO: NOVITA IVA DAL 1 GENNAIO 2013 Nella Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29/12/2012 è stata pubblicata la Finanziaria 2013 (Legge n. 228 del 24/12/2012), c.d.

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

I. Luogo di effettuazione delle operazioni

I. Luogo di effettuazione delle operazioni 606 IVA TERRITORIALITÀ Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE 1 Territorialità 3652 Territorio dell Italia (art. 7 DPR 633/72) Per territorio dell Italia si intende il territorio soggetto alla sovranità

Dettagli

DPR 26.10.1972 n. 633

DPR 26.10.1972 n. 633 DPR 26.10.1972 n. 633 REGOLA GENERALE - ART. 1 - OPERAZIONI IMPONIBILI L IVA SI APPLICA SU CESSIONI DI BENI (ART. 2) PRESTAZIONI DI SERVIZI (ART. 3) IMPORTAZIONI (ART. 67) SOLO SE EFFETTUATE (ART. 6) NELL

Dettagli

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre

11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Primo Corso Base di Contabilità Bilancio e Diritto Tributario 2011 11 febbraio 2011 Le operazioni con l estero Le operazioni intracomunitarie Il reverse charge Dr. Michele La Torre Territorialità art.

Dettagli

1.1. I PAESI DELL UNIONE EUROPEA

1.1. I PAESI DELL UNIONE EUROPEA Il territorio dell Unione Europea 1. 1.1. I PAESI DELL UNIONE EUROPEA Il territorio dell Unione Europea è attualmente composto da 28 Paesi. L estensione geografica, politica ed economica del mercato unico

Dettagli

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto

Fisco e Estero di Matteo Balzanelli. I profili Iva dell e-commerce indiretto Fisco e Estero di Matteo Balzanelli I profili Iva dell e-commerce indiretto La notevole evoluzione e diffusione delle tecnologie informatiche degli ultimi quindici anni ha fortemente influenzato la vita

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427)

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE (D.L. 30 agosto 1993, n.331 convertito con L. 29/10/1993 n 427) DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE Art.43 Base imponibile ed aliquota 1. Per gli acquisti intracomunitari di

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI Quando si parla di operazioni internazionali occorre distinguere le operazioni poste in essere con soggetti appartenenti all Unione Europea

Dettagli

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012

NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 Milano, 2 gennaio 2013 NOVITA 2013 - IVA Legge di stabilità 2013 (L. n. 228 del 24.12.12, GU 29.12.12), in cui è stato trasfuso l art. 1 del DL 216/2012 EMISSIONE FATTURE La legge di stabilità ha modificato

Dettagli

Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1)

Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1) Art. 7 Dpr n. 633/72 Territorialità dell'imposta (1) Agli effetti del presente decreto: a) per "Stato" o "territorio dello Stato" si intende il territorio della Repubblica italiana, con esclusione dei

Dettagli

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO 7.1. I cambi esteri Lo sviluppo dell economia, la continua ricerca di nuovi mercati di sbocco, il miglioramento dei mezzi di comunicazione e

Dettagli

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE

OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE A seguito dell ingresso di Romania e Bulgaria nell Unione europea a decorrere dall 1.1.2007, le operazioni poste in essere con operatori residenti in tali Stati sono qualificate

Dettagli

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra:

Esportazione. Tecniche degli scambi internazionali ESPORTAZIONE. Le esportazioni si possono distinguere tra: Tecniche degli scambi internazionali Esportazione ESPORTAZIONE Le esportazioni si possono distinguere tra: 1. esportazioni dirette (art. 8 Comma 1 lettera a - DPR 633/72) 2. cessioni ad esportatori non

Dettagli

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND

COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Circolare N. 51 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 10 luglio 2009 COSTITUZIONE ED UTILIZZO DEL PLAFOND Al sussistere di determinate condizioni, i soggetti che operano abitualmente con l estero

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI La presente guida vuole fornire alle imprese una visione d insieme delle problematiche fiscali IVA che si pongono nel commercio internazionale.

Dettagli

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie

IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione e di operazioni intracomunitarie ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 42 31 DICEMBRE 2012 IVA: novità, con decorrenza 1 gennaio 2013, in materia di fatturazione

Dettagli

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015

Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 Circolare N. 169 del 3 Dicembre 2015 E-commerce: stop a scontrini e ricevute per le operazioni svolte nei confronti di privati Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

Studio Commercialisti Associati

Studio Commercialisti Associati Revisore Contabile AI SIGNORI CLIENTI LORO SEDI Circolare Studio N. 1 / 2013 del 10/01/2013 Oggetto: le novità inerenti l I.V.A. e la fatturazione a decorrere dal 01/01/2013 Numerose sono le novità in

Dettagli

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto.

LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013. Esemplificando, le novità possono essere ricondotte alle seguenti fattispecie: Contenuto. LA NUOVA FATTURA DAL 01 GENNAIO 2013 La legge 24/12/2012 n. 228, pubblicata nella G.U. 29/12/2012 N. 312, supplemento ordinario n. 212 (legge di stabilità), ha recepito nell ordinamento nazionale le misure

Dettagli

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI

LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI LA DISCIPINA IVA NELLE OPERAZIONI COMUNITARIE E INTERNAZIONALI Quando si parla di operazioni internazionali occorre distinguere le operazioni poste in essere con soggetti appartenenti all Unione Europea

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT 1/8 OGGETTO CLASSIFICAZIONE REGIME DELLE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE E MODELLI INTRASTAT DT IVA ESPORTAZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Artt. da 7 ter a 7 septies, D.P.R 26.10 1972 N. 633;Artt. da 38 a 60,

Dettagli

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015

E-commerce: le modalità di fatturazione. D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 169 11.06.2015 E-commerce: le modalità di fatturazione D.Lgs. 42/2015 pubblicato sulla G.U. n. 90 del 18.04.2015 Categoria: IVA Sottocategoria:

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013

Network for Value. A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi. Informatore n 1 del 11 gennaio 2013. Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 A tutti i Sig.ri Clienti Loro Sedi Informatore n 1 del 11 gennaio 2013 Oggetto: NOVITA IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 PREMESSA Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012

Dettagli

I principi generali dell IVA

I principi generali dell IVA I principi generali dell IVA L imposta sul valore aggiunto (Iva) si configura come tributo indiretto, in quanto non colpisce direttamente la capacità contributiva di un soggetto nelle due forme tipiche

Dettagli

Informativa per la clientela di studio

Informativa per la clientela di studio Informativa per la clientela di studio N. 01 del 08.01.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Le nuove regole IVA dal 2013 Gentile Cliente, la presente per comunicarle che la Legge di stabilità 2013

Dettagli

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione

Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Legge di stabilità 2013 Novità in materia di fatturazione Al fine di recepire il contenuto della direttiva 2010/45/UE, la L. 24.12.2012 n. 228 (legge di stabilità 2013) introduce numerose novità in materia

Dettagli

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE

IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE OGGETTO: Circolare 3.2013 Seregno, 8 gennaio 2013 IVA MODIFICA DEI TERMINI DI FATTURAZIONE Alle operazioni (cessioni di beni e/o prestazione di servizi) effettuate a partire dal primo gennaio 2013 risulteranno

Dettagli

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura:

A seguito della modifica dell art. 21 c.2 del DPR 633/1972, dal 1 gennaio 2013 sarà obbligatorio indicare sempre in fattura: Trento, 08/01/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: fatturazione, novità dal 1 gennaio 2013 - AGGIORNATO Gentile Cliente, dal 1 gennaio 2013 ci saranno importanti novità sul fronte della fatturazione,

Dettagli

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013

CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 S T U D I O B U R L O N E C R I S A D o t t o r i C o m m e r c i a l i s t i e R e v i s o r i c o n t a b i l i CIRCOLARE N 1 DEL 18.01.2013 RITARDI NEI PAGAMENTI - TRANSAZIONI COMMERCIALI D.LGS. N.

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio

il soggetto che effettua la cessione del bene o la prestazione del servizio La legge di stabilità emanata lo scorso dicembre, ha recepito la normativa UE in materia di armonizzazione in materia di IVA a livello comunitario. Tra le varie innovazioni, è stato riscritto l art. 21

Dettagli

Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010

Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010 Il sistema Intrastat: cosa cambia dal 1 gennaio 2010 Legnano, 14 gennaio 2010 Claudia Salvini Area Internazionalizzazione Confindustria Alto Milanese NORMATIVA DI RIFERIMENTO DIRETTIVA 8/2008/CE DIRETTIVA

Dettagli

IVA sugli scambi internazionali: la circolare sulla legge 28/97 in materia di semplificazione

IVA sugli scambi internazionali: la circolare sulla legge 28/97 in materia di semplificazione Pag. 2954 n. 26/98 27/06/1998 IVA sugli scambi internazionali: la circolare sulla legge 28/97 in materia di semplificazione Circolare del Ministero delle Finanze - (CIR) n. 145 E del 10 giugno 1998 SOMMARIO

Dettagli

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni

Sommario ACQUISTI COMUNITARI CAMPIONI, OMAGGI E CESSIONI GRATUITE. Ipsoa - Iva, intrastat, dogane. Casi pratici e soluzioni ACQUISTI COMUNITARI 1. Acquisto di oli pag. 16 2. Acquisto privato in Regno Unito pag. 17 3. Acquisto da fornitore extra-ue con rappresentante fiscale pag. 17 4. Momento di effettuazione dell operazione

Dettagli

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce

Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce Aspetti fiscali del commercio elettronico o e-commerce 2014-01-02 19:54:35 Il presente lavoro è tratto dalle guide: Imprese ed e-commerce. Marketing, aspetti legali e fiscali. e Il commercio elettronico

Dettagli

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione

Circolare n. 1. del 4 gennaio 2013 INDICE. Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione Circolare n. 1 del 4 gennaio 2013 Legge di stabilità 2013 - Novità in materia di fatturazione INDICE 1 Premessa... 2 2 Nuovi obblighi di fatturazione... 2 2.1 Operazioni nei confronti di soggetti passivi

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE

A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE A tutti i Sigg.ri Clienti loro sede Castelfranco Veneto, 7 gennaio 2013 Oggetto: circolare informativa. LE NOVITA 2013 SULLE REGOLE DI FATTURAZIONE Segnaliamo a tutti i Sigg.ri Clienti che, a decorrere

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015.

Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche. Circolare n. 28. Roma, 6 febbraio 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Direzione centrale prestazioni economiche Circolare n. 28 Roma, 6 febbraio 2015 Al Ai Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013

Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 Ai Gentili Clienti Novità in tema di fatturazione dall 1.01.2013 1 La L. 24.12.2012, n. 228 (legge di Stabilità 2013) ha introdotto novità in materia di fatturazione da applicare su tutte le operazioni

Dettagli

Il Sistema Intrastat - Franca Delle Chiaie 16/05/2014

Il Sistema Intrastat - Franca Delle Chiaie 16/05/2014 INTRASTAT e IVA nelle operazioni con l Unione Europea a cura di Franca Delle Chiaie Università agli Studi di Bergamo 15 maggio 2014 1 LA COMUNITÀ ECONOMICA EUROPEA UN PO DI STORIA Con la creazione della

Dettagli

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici

Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Studio Tributario e Societario Co-brand logo Prova della cessione intracomunitaria: prassi nazionale e giurisprudenza comunitaria Casi pratici Dott.ssa Barbara Rossi Cessioni intracomunitarie Effettiva

Dettagli

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio,

Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio, Dall'1 gennaio 2006 ricevere cure sanitarie mentre ci si trova in un paese europeo diverso dal proprio per motivi di lavoro studio o vacanza è diventato più semplice grazie alla tessera sanitaria europea

Dettagli

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA

IL CONTENUTO DELLA NUOVA FATTURA PREMESSA La Legge di stabilità 2013 (L. 228 del 24/12/2012, pubblicata in G. U. il 29/12/2012) ha modificato la disciplina IVA introducendo nuove regole in merito al contenuto della nuova fattura, alla

Dettagli

Novità in materia di Iva

Novità in materia di Iva Dr. Anton Pichler Dr. Walter Steinmair Dr. Helmuth Knoll Sparkassenstraße 18 Via Cassa di Risparmio I-39100 Bozen Bolzano T 0471.306.411 F 0471.976.462 E info@interconsult.bz.it I www.interconsult.bz.it

Dettagli

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese

Luciano Camagni. Condirettore Generale Credito Valtellinese Luciano Camagni Condirettore Generale Credito Valtellinese LA S PA S PA: area in cui i cittadini, le imprese e gli altri operatori economici sono in grado di eseguire e ricevere, indipendentemente dalla

Dettagli

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners

MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners MAURIZIO MARTINI ENZO DRAPELLI partners ragionieri commercialisti economisti d impresa valdagno (vi) via l. festari,15 tel. 0445/406758/408999 - fax 0445/408485 dueville (vi) - via g. rossi, 26 tel. 0444/591846

Dettagli

Operazioni intracomunitarie: nuove regole

Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero 24/2013 Pagina 1 di 14 Operazioni intracomunitarie: nuove regole Numero : 24/2013 Gruppo : Oggetto : IVA OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Norme e prassi : ART. 39, DL 331/93; ART. 47, DL 331/93; ART.

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014

SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 6 marzo 2014 «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Direttiva 2006/112/CE Articolo 17, paragrafo 2, lettera f) Condizione relativa alla rispedizione di un bene a destinazione

Dettagli

Il Sistema Intrastat

Il Sistema Intrastat Il Sistema Intrastat Il Cammino dell Unione Europea 2013 CROAZIA 28 2 Le Tappe 7 febbraio 1992 Trattato di Maastricht: il 1 gennaio 1993 nasce l Unione Europea (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Belgio,

Dettagli

IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO A cura di Giancarlo Modolo

IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO A cura di Giancarlo Modolo IVA E OPERAZIONI CON L ESTERO A cura di Giancarlo Modolo Argomenti Importazioni Cessioni dirette e indirette all esportazione e operazioni assimilate [prova delle esportazioni (gratuite e senza passaggio

Dettagli

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE

PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE PLAFOND IVA 2015 GESTIONE COMPLETA DEL PLAFOND IVA E DI TUTTI GLI ADEMPIMENTI PER L ESPORTATORE ABITUALE E IL FORNITORE COSA C'E' IN QUESTO E-BOOK 03 Settembre 2015 Questo e-book si propone come aiuto

Dettagli

Il Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica Il Presidente della Repubblica Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Vista la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa al sistema comune d imposta sul valore aggiunto;

Dettagli

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT

GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT GUIDA TEMATICA I MODELLI INTRASTAT La gestione fiscale Iva del Mercato Unico Europeo sta ancora vivendo una fase transitoria, durante la quale la tassazione delle operazioni avviene (di regola) nel paese

Dettagli

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI

NORMATIVA e APPROFONDIMENTI NORMATIVA e APPROFONDIMENTI GUIDA NORMATIVA LA TERRITORIALITA DELL IVA E LA PRESENTAZIONE DEI MODELLI DOGANALI INTRASTAT Gennaio 2010 - I.V.A e INTRASTAT 2010 - La presente guida normativa ha lo scopo

Dettagli

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU

LA FATTURAZIONE DELL OPERATORE SHIATSU LA ZIONE DELL OPERATORE SHIATSU Le norme relative all emissione ed al contenuto delle fatture, per quanto concerne l attività svolta dall operatore shiatsu, sono sostanzialmente contenute nel D.P.R. 633/72

Dettagli

Nuove regole di fatturazione

Nuove regole di fatturazione Ufficio Studi Nuove regole di fatturazione Dal 1 gennaio 2013 sono in vigore in Italia le nuove regole di fatturazione previste nella Direttiva 2010/45/UE del Consiglio UE del 13/7/2010, così come introdotte

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12

C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 C i r c o l a r e d e l 14 g e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 12 Circolare Numero 5/2013 Oggetto NOVITA IN MATERIA DI IVA - LEGGE DI STABILITA 2013 (LEGGE N. 228 DEL 24 DICEMBRE 2012 c.d. Finanziaria 2013

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA

(Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA 22.9.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 286/23 V (Avvisi) PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI COMMISSIONE EUROPEA Invito a presentare proposte Programma Cultura (2007-2013) Implementazione del programma:

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011

Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Vicenza, Gennaio 2012 Oggetto:Raccolta dati e documentazione per Comunicazione e dichiarazione annuale IVA anno 2011 Gentile cliente, al fine di adempiere agli obblighi previsti dalle scadenze fiscali

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA

ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Circolare N. 63 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 14 settembre 2010 ELENCHI INTRASTAT 2010: ULTERIORI CHIARIMENTI DALL AGENZIA Con Circolare n. 43/E/2010, l Agenzia delle Entrate risponde ad alcuni

Dettagli

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17.

Riunione Clienti. in programma presso lo Studio Corno, a Lissone, il giorno. lunedì 28 gennaio p.v. alle ore 17. Lissone, 8 gennaio 2013 Circolare n 1 / 2013 Ai signori clienti loro sedi Oggetto: Legge di stabilità 2013 Gentile Cliente, il Parlamento ha approvato il testo della Legge di Stabilità 2013 con la Legge

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE

ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE ANAGRAFICA FORNITORI SENZA RITENUTE parte riservata: CODICE data Alla Direzione Patrimonio Immobiliare Appalti Ufficio Acquisti richiedente struttura RITENUTE l inserimento Si chiede cortesemente di provvedere

Dettagli

L ASSICURAZIONE DEI VEICOLI CON TARGA ESTERA - LA CARTA VERDE E LE RELATIVE ESENZIONI. Luca Tassoni Corpo P.M. Bologna

L ASSICURAZIONE DEI VEICOLI CON TARGA ESTERA - LA CARTA VERDE E LE RELATIVE ESENZIONI. Luca Tassoni Corpo P.M. Bologna L ASSICURAZIONE DEI VEICOLI CON TARGA ESTERA - LA CARTA VERDE E LE RELATIVE ESENZIONI Luca Tassoni Corpo P.M. Bologna SESSIONI SPECIALI SPECIALE ASAPS (Associazione Sostenitori Amici Polizia Stradale)

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6

C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 C i r c o l a r e d e l 1 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 6 Circolare numero 10/2012 Oggetto Contenuto Legge Comunitaria 2010 (L. 15.12.2011 n. 217) - Novità in materia di IVA La L. 15.12.2011 n. 217

Dettagli

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30

NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335. pagina 1 di 30 NOVITA IVA 2013 DL 179 del 20 ottobre 2012 Legge 288/2012 artt. 324-335 pagina 1 di 30 DPR 633/72 Art. 4 7 10 13 16 17 Argomento Enti pubblici e pubblica autorità (adeguamento sentenze Corte UE) D.L. 179/2012

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica BIVERBANCA

Dettagli

La disciplina della determinazione del plafond per gli acquisti agevolati

La disciplina della determinazione del plafond per gli acquisti agevolati ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE STUDIO MONOGRAFICO N. 1/2004 La disciplina della determinazione del plafond per gli acquisti agevolati

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA

CONFETRA. Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto. Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA CONFETRA Le nuove regole IVA sulla territorialità dei servizi di trasporto Cesare Rossi Agenzia Entrate Direzione Centrale Normativa Ufficio IVA 1 Roma, 15 marzo 2010 1 Norme e prassi: evoluzione Direttiva

Dettagli

Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi.

Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi. Ci sono tecnologie più evolute per non perdersi. È il momento di aggiornare il tuo sistema di navigazione Audi. Gamma A7 Sportback. Ciclo combinato: consumo di carburante (l/100 km): 5,1-8,2; emissioni

Dettagli

«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT»

«LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT» «LE REGOLE IVA NEGLI SCAMBI INTRACOMUNITARI E LA COMPILAZIONE DEI MODELLI INTRASTAT» 10-12-18 Marzo 2015 - ore 13,45 sala Turismo Relatore: Giovanni Montesanto esperto doganale Art. 13, comma 4 DPR 633/72

Dettagli

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010

Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010. Accenni Teorici Casi Pratici. 20 settembre 2010 Novità in materia di Intrastat, Comunicazioni Black List, Manovra Estiva 2010 Accenni Teorici Casi Pratici 20 settembre 2010 AGENDA 1. Elenchi Intrastat 2. Elenchi Intrastat: casi pratici 3. Comunicazioni

Dettagli

Erasmus per giovani imprenditori

Erasmus per giovani imprenditori Erasmus per giovani imprenditori Il nuovo Programma di scambio Europeo É un programma di scambio che offre agli aspiranti imprenditori la possibilità di lavorare a fianco di un imprenditore esperto nel

Dettagli

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA:

REGIONE VENETO HANNO DIRITTO ALL' ASSISTENZA SANITARIA: REGIONE VENETO U.O.C. SERVIZIO AMMINISTRATIVO DISTRETTUALE: DIRETTORE RAG. LUIGI FERRARINI Tel. 0442.632341 Fax 0442.632710 e-mail: conv.med.leg.@aulsslegnago.it ASSISTENZA SANITARIA A PERSONE CHE SI RECANO

Dettagli

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1

Creditreform Italia Gruppo Creditreform 2011 Company_2011 1 Creditreform Italia 1 Creditreform in Europa Creditreform nata in Germania nel 1879 Servizi di Informazioni Commerciali, Recupero Crediti e Marketing 543.000.000 fatturato totale 170.000 clienti 200 sedi

Dettagli

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1

DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1 DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 aprile 2008, n. 86 1 Regolamento recante disposizioni in materia di obbligo di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei

Dettagli

Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri

Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri Percorsi per l'assistenza sanitaria a cittadini stranieri FLUSSO A per Cure ambulatoriali in ambito ospedaliero e/o territoriale FLUSSO B per Accessi al Pronto soccorso e ricoveri ospedalieri Percorsi

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 1 AGOSTO 2014 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Differimento al 20 agosto dei versamenti e degli adempimenti

Dettagli

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare

Rag. Silvano Nieri. Commercialista, Revisore Contabile, Curatore Fallimentare Regime IVA del commercio elettronico REGIME IVA COMMERCIO ELETTRONICO INDIRETTO COMMERCIO ELETTRONICO DIRETTO PRESTAZIONI RESE A PRIVATI ITALIANI DA PARTE DI SOGGETTI EXTRA-UE PRESTAZIONI RESE A PRIVATI

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n. 42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640 Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Accredited - Agréé U.O.C. SERVIZIO CONVENZIONI Via G. Murari

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE

OBBLIGHI FATTURAZIONE, CONTENUTO, MODALITA,TERMINI DELLA FATTURAZIONE Circolare n. 14 - pagina 1 di 11 Circolare n. 14 del 20 dicembre 2012 A tutti i Clienti Loro sedi Nuove disposizioni in materia di fatturazione Riferimenti normativi: Decreto Legge n. 216 del 11 dicembre

Dettagli

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze

Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze Via Coazze n.18 10138 Torino Tel. n. 011 4404311 Fax n. 4477070 Ufficio Diplomi ed Equipollenze NOTIZIE UTILI PER IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO E RELATIVA EQUIPOLLENZA. I

Dettagli