SE CI CREDI CI INVESTI secondo Tiziana Di Sante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SE CI CREDI CI INVESTI secondo Tiziana Di Sante"

Transcript

1 TITOLO V e la riforma che ancora non c è SE CI CREDI CI INVESTI secondo Tiziana Di Sante

2

3 44 Febbraio 2014 DIRETTORE RESPONSABILE: Direttore Editoriale Editore: Amministrazione: Amministratore delegato: Graphic designer: Supporto grafico: Ufficio vendite: Mira Carpineta Enrico Santarelli Via V. Pilotti - Teramo Tel & Fax Daniela Palantrani Nicola Arletti di Carlo Di Patrizio cell STAMPA: [RI]COSTRUIRE si può? Non sembra essere, la città dell Aquila, l unico suolo di questa regione da ricostruire. Dalla cima del Gran Sasso al mare sono tante le cose hanno bisogno di un completo restyling. Ricostruire o costruire? Teramo Lunga vita a L Araldo di Agela Cacciatore COMPLEANNO IMPORTANTE PER IL SETTIMANALE DELLA DIOCESI DI TERAMO Hanno collaborato: Clementina Berardocco Arianna Braca Angela Cacciatore Ottavio Caporali Michele Ciliberti Adele Di Feliciantonio Laura Di Paolantonio Angela Fosco Maria Paola Iannella Daniele La Licata Antonella Lorenzi Milena Milone Daniela Palantrani Giada Panetti Alberto Piccinini Anna Piersanti Annamaria Ponziani Fabrizio Primoli Gianfranco Puca Nicola Paolo Rossetti Ennio Salvatori Chiara Santarelli Piero Serroni 12 Abruzzo POLITICA, REGIONE E COMUNI La Regione non paga e i sindaci teramani... di Antonella Lorenzi Reg. Trib. TE R.O.C ISSN DISTRIBUZIONE n. 605 del n Pegaso distribuzioni Sociale Una Scuola Amica... di Clementina Berardocco Interprete di emozioni... di Adele Di Feliciantonio DIDATTICA E INIZIATIVE PER I RAGAZZI Giocati dal Gioco di Daniele La Licata Omnibus TITOLO V la riforma... Denti belli subito di Paolo Rasicci Iscritto a: IMPRESA ASSOCIATA UNIONE STAMPA PERIODICA ITALIANA Chiuso il 8 GENNAIO 2014 La responsabilità delle opinioni espresse negli articoli pubblicati è dei singoli autori, da intendersi libera espressione degli stessi. Alcune collaborazioni sono gratuite. L editore ha compiuto ogni sforzo per contattare gli autori delle immagini. Qualora non fosse riuscito, rimane a disposizione per rimediare alle eventuali omissioni Le informazioni, testi, fotografie non possono essere riprodotte, pubblicate o ridistribuite senza il consenso dei titolari dei diritti. Contatti: tel/fax Il gatto e i boli di... di Piero Serroni e Arianna Braca 46 Se mio figlio... di Nicola Paolo Rossetti 3 In copertina: Emancipazione o Emulazione? (foto free royalty from internet 2014) n. 44 anno 5 - febbraio 2014

4 Riceviamo &... Pubblichiamo recenti fatti che in questa città hanno avuto come protagonisti i locali dell ex OVS e alcuni manifestanti, danno occasione anche a me per dire due parole su quanto accaduto, ora che le forze dell ordine e la magistratura hanno provveduto a liberare gli spazi indebitamente occupati. Chi mi conosce sa che sul tema del Teatro Comunale il sottoscritto non ha mai mancato di esprimere la propria opinione, senz altro anche un po nostalgica, ricordando storia e fasti di quel vecchio, bellissimo edifi cio, progettato da Nicola Mezucelli, sul quale ho anche avuto modo di scrivere tempo fa. Ragion per cui non posso certo essere accusato di avere scarsa sensibilità sull argomento. Ho trovato tuttavia stridente e forse anche un po fuori luogo l accostamento dei termini «bellezza» o «cultura» alle saracinesche danneggiate dei locali dell OVS, alle forti parole, non sempre eleganti, di coloro che si sono autodefi niti «cittadini illustri», alle condizioni in cui è stato ridotto l immobile occupato, al concetto stesso di occupazione, a quanto avvenuto questa mattina presso il Municipio. Non è questa, a mio parere, la bellezza. Né è questa la cultura. Occupare abusivamente uno spazio altrui, sia esso pubblico o privato, è un reato. E un reato non è meno grave qualora venga commesso in nome della cultura. La cultura non può e non deve essere considerata alla stregua di un paravento utile per darsi una sorta di legittimazione a posteriori di quanto è stato commesso in spregio della legge. Anche io, nel 4 mio piccolo, ho fatto cultura in questa Città. Probabilmente in maniera meno eclatante, meno effi cace, meno visibile e forse anche meno utile di quanto è stato fatto da coloro che si defi niscono «cittadini illustri» e che oggi reclamano con prepotenza spazi da destinare alla cultura. Però l ho sempre fatto chiedendo il permesso a chi di dovere, pagando le dovute tasse e rispettando termini e condizioni che le norme mi hanno imposto. E così hanno fatto, e continuano a fare, le tante associazioni e i tanti artisti che operano in questa città, fornendo il proprio contributo in maniera lecita e con il cappello in mano. Se ciò che è avvenuto nei locali dell OVS, se quelle parole offensive, se quelle azioni, quelle sfi de all autorità, quelle gesta arroganti portate fi n dentro il Municipio rappresentano il modello di cultura che dev essere proposto a Teramo, io per primo lo rifi uto. Perché non è questo il mio ideale, né il mio modo di procedere. La cultura non è monopolio degli artisti o dei sedicenti tali. L estetica, la bellezza, il giudizio etico su di essa, ciò che deve o non deve piacere al pubblico non sono esclusiva spettanza di chi produce arte. L artista propone, produce, crea. Chi fruisce di questo prodotto è il pubblico, che non è oggetto, né pertinenza, né appendice dell artista. E che conserva, pertanto, il proprio giudizio e il proprio metro di valutazione. Per questa ragione, a mio modo di vedere, la cultura non deve mai prescindere dal suo più diretto attributo: l umiltà. Se si vuole far cultura, e la si vuol fare davvero, si agisce in maniera rispettosa. Si opera senza clamori. Si crea senza autolodarsi. E si chiede il permesso, bussando alla porta, per entrare in casa d altri o per utilizzare cose che non sono proprie. Chi ha seguìto le vicende d attualità sa che io stesso non ho risparmiato qualche critica all operato delle nostre Amministrazioni su tali problematiche. E sono certo che in passato poteva essere fatto di più e magari anche meglio. Però è altrettanto innegabile che la situazione disastrosa in cui versano le casse di tutti i Comuni, in questo nostro Paese, ha rappresentato un fortissimo vincolo che, di fatto, ha fi nito per mortifi care ogni ulteriore iniziativa dei nostri amministratori in campo culturale. E questo solo uno sprovveduto potrebbe negarlo. Ma Teramo non è soltanto assenza di idee, di progetti o di eventi. I talenti, e questa Città ringraziando Iddio ne ha tanti, sono visibili, per chi ha occhi puliti per ammirarli. Operano incessantemente, senza magari il clamore dell OVS e senza la presenza di Polizia e Carabinieri a tutela dell ordine pubblico. Quasi fossero un corollario stesso delle iniziative culturali. A Natale il sottoscritto e altri colleghi del comitato Castello Aperto abbiamo regalato a questa Città, a nostre spese, l illuminazione del Castello Della Monica. Evento mai realizzato prima a Teramo. E l abbiamo fatto senza clamori, senza pretendere, senza defi nirci «illustri». Da perfetti e anonimi sconosciuti quali siamo. E abbiamo acceso quel complesso monumentale non meritando, né chiedendo prime pagine, interviste, edizioni speciali o spazi riservati. Senza gridare, senza telecamere e senza striscioni. Ma sottoponendo la nostra realizzazione al giudizio dei teramani, perché a loro e solo a loro l arte dev essere rivolta. Questo è fare cultura, a mio modo di vedere. L autoreferenzialità non può avere cittadinanza in questo settore. Anche nel piccolo si può fare del bene. Anche nel silenzio, nell umiltà e lontano da slogan o occupazioni si può produrre arte. Le associazioni e i tanti artisti che lavorano in silenzio, pagando i dovuti tributi e chiedendo le prescritte autorizzazioni non sono meno validi di altri. Rispettare la legge e le persone, mettendo da parte toni e modi da stadio, non rende meno pregevole l arte. La cultura non ha bisogno di urlare, né di violare le leggi, né di pretendere le prime pagine. Ha bisogno soltanto di occhi che guardino e di orecchie che ascoltino. Il cuore lo si conquista così. Fabrizio Primoli

5 di Mira Carpineta Editoriale PAROLE DOUBLE FACE a Programmazione Neuro- Linguistica è una tecnica di comunicazione studiata, elaborata e applicata per comunicare in modo effi cace. Già, ma per chi? Per chi porta a casa il risultato, ovviamente. Così da quando è scoppiata la moda della PNL assistiamo a virtuosismi linguistici che producono uno spreco biblico di parole, scritte o parlate che dicono tutto e il contrario di tutto. Ad esempio Renzi: che ripete incessantemente il suo appoggio al governo Letta e poi altrettanto incessantemente minaccia la sua sopravvivenza. La stessa parola a volte può essere usata a supporto di tesi diametricalmente opposte. Questo è il caso dei grillini che accusano la Boldrini di attentato alla democrazia e poi usano l ostruzionismo estremo (per usare un eufemismo) per impedirne appunto l attuazione. Poi ci sono i giudici, che se indagano troppo puntualmente sono politicizzati, se invece non indagano, sono distratti (sempre eufemisticamente). Così abbiamo imparato che dietro ogni parola c è un mondo di opzioni e di interpretazioni e ognuno si sceglie la versione più effi cace (per sé, naturalmente) e si conclude con un ma io lo avevo detto. Ora ci aspettiamo che Casini, dopo aver deciso, per l ennesima volta, da che parte stare, ci spieghi in che modo e in che occasione ci aveva preannunziato il suo ritorno tra le braccia della destra(leggi Berlusconi), ammesso che le avesse mai abbandonate. 5

6 EMANCIPAZIONE O EMULAZIONE? La vittoria di Pirro delle (pseudo) pari opportunità di Milena Milone psicologa 6 sempre stato difficile per le donne scrivere di se stesse, dei loro problemi, della loro storia invisibile e sottaciuta. In questa epoca le difficoltà si sono addirittura moltiplicate perché il mondo femminile convinto, a torto, di aver ottenuto la tanto agognata emancipazione,spesso rifiuta di prendere visione di tutto il cammino che ancora si deve percorrere affinché la evidente, duratura minorità del suo genere lasci il posto ad una società dove anche alle donne vengano riconosciuti diritti, capacità, potere decisionale, indipendenza, giustizia, e così via. D altra parte il mondo maschile, tranne alcune ovvie eccezioni, continua a vedere gli sforzi del presunto secondo sesso alla stregua di esercizi inutili, fastidiosi, pretestuosi ed estranei a tutto ciò che realmente conta nel mondo. In realtà, i cambiamenti relativi alle conquiste sociali delle donne sono davvero poca cosa, la riflessione nasce dal fatto che il progresso ha coinvolto ogni ambito del vivere della specie

7 umana, dunque è evidente che anche il comportamento del mondo femminile, statico per millenni, abbia avuto, a sua volta una certa accelerazione, ma il divario tra il potere del maschio e quello della femmina è sempre uguale, se non è addirittura aumentato. Il concetto di emancipazione della donna ha confuso le idee a molti. Si emancipano coloro che sono minori o soggetti ad altri: la maggiore età emancipa i ragazzi,oppure emancipa gli schiavi che evolvono da uno stato di servitù ad uno di libertà e questi passaggi hanno la caratteristica di arricchire colui che ne beneficia, ma la donna, la cui presunta inferiorità è puramente culturale, nel processo di emancipazione, dovrebbe l divario tra il potere del maschio e quello della femmina è sempre uguale, se non è addirittura aumentato cancellare ogni sua valenza per tentare di abbracciare in toto mentalità e cultura maschili ottenendo così la classica vittoria di Pirro. Tale cambiamento non può definirsi migliorativo dei vissuti femminili e i risultati di questo processo sono già evidenti giacché non esiste donna detentrice di un potere significativo che si adoperi seriamente per alleggerire i disagi sofferti da chi appartiene al suo stesso genere. Dall istituto delle pari opportunità ovviamente gestito da donne, per esempio, ci si aspetterebbe di ricevere solidarietà di genere, risoluzioni certe ai vari stati di difficoltà nei quali molte donne si dibattono, ma ciò non succede e la ragione sta nel fatto che chi detiene il potere è maschio oppure ne fa le veci. La cultura dominante, il mito lo conferma, si basa da sempre, attraverso le guerre, sulla conquista del territorio altrui e sull accaparramento di beni materiali, due costanti che conducono ad un solo vertice: il potere. La società umana, dunque, in ogni epoca e latitudine è stata ed è di matrice fallocratica. Si può forse dire che le femmine emulando il comportamento maschile otterrebbero una sorta di emancipazione? Esse, invece, si avviano a perdere le preziose ed insostituibili valenze del loro sesso e senza accorgersene rischiano di diventare davvero seconde rispetto a coloro che non hanno ragioni per definirsi primi. L altro Punto di vista DIGNITÀ E COERENZA ILLUSTRI SCONOSCIUTE di Daniela Palantrani a sempre, come ha rimarcato Pirandello, le verità sono tante quante sono gli osservatori. Ognuno ha una prospettiva e vede una parte di verità. Esiste la verità in assoluto? Esiste un unica versione di dignità? Per definizione la dignità è la condizione di nobiltà ontologica e morale in cui l uomo è posto dalla sua natura umana, e insieme il rispetto che per tale condizione gli è dovuto e che egli deve a sé stesso. La dignità piena e non graduabile di ogni essere umano, ossia il valore che ogni uomo possiede per il semplice fatto di essere uomo e di esistere è ciò che qualifica la persona, individuo unico e irripetibile. Il valore dell esistenza individuale è dunque l autentico fondamento della dignità umana. Secondo Tommaso d Aquino, quindi secondo la concezione cristiana, la dignità dell essere umano sta nel suo essere creato a immagine e somiglianza di Dio e nella sua capacità di fare le proprie scelte in continua tensione etica verso Dio. Per I. Kant, invece, risiede nel suo essere razionale e capace di vita morale, così da agire sempre in modo da trattare l uomo, così in te come negli altri, sempre anche come fine e mai solo come mezzo. La costante delle diverse definizioni, cristiane o pagane, sta nella coerenza. Non sta a noi giudicare, ma per assurdo ed estrema esemplificazione ha più dignità una donna di strada che ammette di esercitare il mestiere più antico del mondo anziché i nostri politici che si prostituiscono al potere, al denaro ma poi, quotidianamente, rivendicano rispetto e restituzione della dignità. E legittimo scegliere di diventare un personaggio pubblico, candidarsi alle elezioni, di ogni livello, ma poi bisogna accettare le implicazioni che comporta l essere un personaggio pubblico, ancor più se trattasi di posizione di vertice. Ma dichiarare di essere diversi e voler cambiare il sistema, e poi lasciarsi travolgere senza ammettere i propri errori che senso ha? Si, forse è solo retorica o semplice banalità. Un classico per noi Italiani. In ogni altra parte del mondo quando scoppia uno scandalo ci si dimette e poi si chiarisce; da noi si grida al lupo al lupo e ci si tiene stretta la poltrona. Del resto Berlusconi docet. 7 Non sta a noi giudicare, ma per assurdo ed estrema esemplificazione ha più dignità...

8 SE CI CREDI CI INVESTI Famiglia, cultura e regole chiare, le sfide da superare secondo Tiziana Di Sante di Mira Carpineta mprenditrice di seconda generazione, ha usato un importante chiave di accesso (sono le sue parole) ad un mondo ancora caratterizzato da un egemonia maschile soprattutto nel nostro territorio, per studiare, e sviluppare le risorse dell imprenditorialità femminile. Il suo motto è se ci credi, ci investi e Tiziana Di Sante crede fortemente nel valore della famiglia e della cultura. Presidente del Comitato per la promozione dell Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Teramo, ha ricevuto (insieme ai fratelli Marcello e Attilio-ndr),lo scorso mese di dicembre, il Premio Fedeltà al lavoro e al Progresso economico proprio dalla Camera Di Commercio di Teramo. Condivide con i suoi fratelli la gestione della storica azienda di famiglia ma trova nella sua storia tante situazioni che oggi sono oggetto di studi Non sarà facile rimettere ordine e ci vorrà qualche anno... da parte di psicologi e economisti. Quali? Molto spesso esordisce - le donne imprenditrici sono figlie di imprenditori e questo ha costituito una chiave di accesso molto importante. Studi universitari hanno dimostrato che, soprattutto nel recente passato, i figli maschi, destinati a guidare le imprese familiari, venivano mandati a studiare economia in scuole prestigiose o all estero, ma poi non tornavano a casa, perché le piccole imprese che avevano lasciato, non erano paragonabili al mondo che avevano conosciuto e quindi erano le figlie, rimaste, e magari semplicemente diplomate, ad ereditare la gestione dell azienda di famiglia. Questa familiarità, il respirare l aria dell azienda, ha fatto si che molte competenze passassero in modo naturale, così come gli orari di lavoro, che diventano abitudini per tutto il nu- 8

9 cleo familiare, e la famiglia si modella su quegli orari. Il tempo infatti è un argomento importante. Dati del 2009, sull imprenditorialità femminile dimostrano che alla domanda <come mai ha scelto di diventare imprenditrice>, la maggior parte delle intervistate ha dichiarato che ciò è stato possibile solo con il sostegno della famiglia. E la famiglia, secondo Tiziana, il cardine, il punto focale dove molte dinamiche economiche e sociali si sviluppano ed evolvono, Per questo è di vitale importanza che gli sia data l attenzione e il supporto che necessita e merita. Ma c è uno stile femminile di fare impresa? Da questo stesso studio è emerso che le imprenditrici sono molto più aperte alla delega e alla trasmissione dei saperi, sono empatiche, portate a comporre i disagi e i contrasti, all ascolto, attente all ambiente e si identificano molto con l impresa, il volto di un impresa coincide con quello della sua titolare. La capacità di trasmettere le competenze è di grande utilità nel mondo dell economia perché alleva altre imprenditrici, vuoi perché si pensa che se domani <non posso essere in azienda ci deve essere qualcun altro che la manda avanti> e anche per l innata vocazione all educazione dei figli. In effetti, la micro imprenditorialità femminile ha costituito un importante elemento, in questi anni di crisi, per la sopravvivenza e il sostentamento delle famiglie e di fatto ha sorretto l economia perché molte donne si sono reinventate dei lavori manuali, artigianali conciliando esigenza e creatività. La capacità di reinventarsi non è solo nella micro impresa continua Tiziana- Dopo il crollo della borsa in America, un indagine di psicologi del lavoro ha evidenziato che nelle aziende in cui i ruoli di dirigenza erano affidati sia a uomini che a donne, l impatto del crollo era stato meno violento. In virtù di uno stile imprenditoriale più prudente. Questi studi hanno dimostrato che le donne sono meno portate al rischio e questo per un fatto essenzialmente culturale: tradizionalmente, infatti i destini economici di una famiglia difficilmente sono affidati a una donna, quindi la prudenza femminile ha mitigato la spinta testosteronica e portato a fare scelte più equilibrate e prudenti. Non si tratta semplicisticamente di cacciare gli uomini per far posto alle donne, quanto di utilizzare al meglio le rispettive risorse. Oggi infatti in molte aziende si comincia a parlare di matrimoni d ufficio, cioè mettere insieme impiegati di entrambi i sessi affinchè si creino equilibri e interazioni che giovano al lavoro. Questi principi sono applicabili a Teramo, nella nostra economia locale? Penso di sì, nel momento in cui si fa spazio alla cultura: non c è rivoluzione politica o economica che non nasca dalla famiglia o dalla scuola. Non trova che Teramo, invece, stia attraversando un periodo di scarsa attenzione alla cultura? Trovo che l Italia, il mondo intero, stia attraversando un momento culturalmente molto difficile, ma penso anche che il primo dovere ce l abbiamo noi adulti, come educatori, genitori e insegnanti, nella misura in cui trasmettiamo ai nostri figli che il sapere è la ricchezza più grande e che nessuno può rubarcelo. Forse la fragilità di tanti giovani dipende proprio dalla mancanza di queste conoscenze. È finita secondo lei l epoca della finanza creativa? Non sarà facile rimettere ordine e ci vorrà qualche anno prima che gli effetti di questa crisi si esauriscano, ma spero che la lezione sia stata appresa. Per fare impresa in modo sano è necessario che le regole siano semplici e trasparenti, rigide ma chiare per tutti. Oggi è molto difficile, sono talmente tante che c è persino la normativa che spiega la normativa. Bisogna ricominciare a lavorare sul concetto di legalità, perché forse ne abbiamo perso il senso, a volte si commette illegalità senza averne percezione. Per questo è importante la conoscenza, la cultura, il rispetto, le opportunità. Il nucleo fondante della società rimane la famiglia. Se la famiglia è sana anche la società lo è. Non è sufficiente dire <lo voglio> è necessario che sia supportata, sostenuta. E se si crede in qualcosa bisogna investirci. 9

10 LUNGA VITA A L ARALDO di Angela Cacciatore isale all 11 ottobre 2013 la notizia che la crisi del settore editoriale ha colpito anche l Araldo Abruzzese, che è prossimo a compiere 110 anni. La crisi dovuta alla riduzione della vendita degli spazi pubblicitari e ai diminuiti introiti derivanti dagli abbonamenti, ha portato il giornale a rivedere il Piano editoriale, interrompendo il rapporto con le due dipendenti. Clamorose anche le dimissioni del direttore Gino Mecca, che però - ha tenuto a precisare- non sono state dettate dalla crisi ma da necessità personali. Tutto ciò ha portato a parlare di chiusura defi nitiva del settimanale. Ma così non è stato perché è del 13 ottobre 2013 la notizia che dal mese di novembre successivo sarebbero riprese le pubblicazioni con l arrivo di un nuovo direttore, nella persona di Salvatore Dico spesso ai miei collaboratori che dobbiamo incentivare, attraverso la notizia, la riflessione, affinché ciascun lettore possa essere libero nelle scelte Coccia, che collabora col settimanale della Curia dal Dott. Coccia adesso che c è lei alla guida dell Araldo come proseguirà il percorso intrapreso dal suo predecessore? Certamente il percorso si presenta accidentato perché le diffi coltà, in particolar modo di carattere economico, sono state tante e tuttora permangono, infatti il giornale da novembre ha ripreso le pubblicazioni ma con otto pagine e non più sedici e la struttura dei collaboratori è fatta interamente di volontari. Tutto ciò perchè il numero degli abbonati è sceso e i costi della carta stampata sono aumentati. Abbiamo ripreso perché sostenuti da un consenso unanime, considerato il carattere storico della testata, che quest anno C.S.I. compleanno con PAPA FRANCESCO 10 rande appuntamento per celebrare i 70 anni del CSI (Centro Sportivo Italiano). Il Santo Padre, Papa Francesco, in Piazza San Pietro a Roma accoglierà il 7 Giugno prossimo tutte le società sportive affiliate e non in un incontro che si preannuncia evento sportivo dell anno. L opportunità è data dal Comitato Regionale del CSI che, grazie alla collaborazione dei Comitati Territoriali, coordinerà la visita delle società della regione. Sarà un momento di grande partecipazione e gioia da dividere con il Pontefice. Le società interessate potranno usufruire di pullman messi a disposizione dal Comitato Regionale del CSI che partiranno da ogni territorio della Regione. Per sopperire alle spese organizzative, è stato stabilito un contributo a persona di 25,00 euro che comprende anche la consegna di gadget a ciascun partecipante. Le prenotazioni, dei gruppi o dei singoli atleti, potranno essere effettuate attraverso un area accessibile sul sito istituzionale fino al raggiungimento dei posti disponibili. Il CSI invita tutti gli sportivi a prendere parte all evento del 7 Giugno per non mancare all appuntamento più importante dell anno.

11 compie 110 anni, e rappresenta per me un vincolo morale la prosecuzione dell attività. Nonostante diversi altri impegni da portare avanti gli dedico tutto il tempo possibile. Ma l incarico che lei svolge ha carattere di volontariato? Sì, perché l Araldo non è una testata come tante altre, ma si qualifi ca con una sua specifi ca identità cattolica e diocesana. Questo non signifi ca che sia una testata esclusiva, anzi vuole essere il più possibile inclusiva ed inserirsi nel contesto sociale, dando informazione a pieno titolo. Il volontariato è un servizio che un cristiano deve svolgere e non c è nulla di più gratifi cante del fare informazione, specialmente se la si svolge in maniera corretta. Quali sono gli obiettivi etici? Cerchiamo di qualifi care l araldo non come il settimanale che dà le notizie sic et simpliciter. Dico spesso ai miei collaboratori che dobbiamo incentivare, attraverso la notizia, la rifl essione, affi nché ciascun lettore possa essere libero nelle scelte, che devono essere operate con spirito critico. Chiunque fa informazione esercita un certo condizionamento, noi cerchiamo di lasciare al lettore lo spazio di rifl essione che deve essere il presupposto di una scelta libera e responsabile. Oggi il problema più grande è che si sta andando verso l omologazione delle coscienze che non aiuta la persona a crescere. Vi proponete da guida per il cristiano? Noi non ci proponiamo di guidare nessuno, ci rivolgiamo indistintamente a tutti quelli di buona volontà che credono nella crescita della persona umana e nella sua dignità. I nostri giornalisti devono avere questo obiettivo prioritario. Non è neanche immaginabile di calpestare una persona per mezzo della notizia o avere la presunzione di giudicare prima che lo facciano i tribunali. Vi ponete dunque in una posizione garantista? Non direi garantista ma piuttosto aperta. Nel vostro giornale curate una rubrica sul sociale? Sì, ci proponiamo di dare voce a chi non ha voce. Non del sociale genericamente inteso, ma curiamo delle tematiche in particolare: il mondo del lavoro, la famiglia, i portatori di handicap, i malati, i carcerati, ecc. Credo che sfogliando le copie da novembre ad oggi si può avere una chiara testimonianza di quello che abbiamo cercato di fare, pur con tutti i nostri limiti, perchè non ho a disposizione una squadra di giornalisti in redazione a cui affi dare specifi ci incarichi, come tutti gli altri giornali commerciali, ma devo cercare di stimolare in qualche modo la collaborazione e di responsabilizzare il più possibile i miei giornalisti. E come pensate di trattare o avete trattato il tema della povertà, con particolare riferimento alla città di Teramo? Qualche settimana fa prendendo spunto dai dati della Caritas nazionale, abbiamo riportato anche i dati della Caritas diocesana e sono venute fuori delle realtà sconcertanti Ci Chiunque fa informazione esercita un certo condizionamento, noi cerchiamo di lasciare al lettore lo spazio di riflessione... proponiamo di stimolare la politica a prendere coscienza e ad agire di conseguenza. La Caritas sembrerebbe l unico punto di riferimento per i poveri e da sola non credo che ce la possa fare. Lei che ne pensa? Sì, si trova in forte diffi coltà, anche perché la Caritas, come le altre associazioni di volontariato, vive dei contributi dei cittadini. Le istituzioni sembrano restare indifferenti. La politica dovrebbe agire ma non lo fa. E dell inserimento di un reddito minimo garantito per le persone che si trovano in uno stato di oggettivo bisogno, che ne pensa? Credo che in un momento così drammatico il reddito minimo sia una soluzione, ma solo momentanea. Bisogna ricostruire un assetto che restituisca dignità alla persona. E la persona riacquista la dignità lavorando. Le prime domande che poniamo quando conosciamo qualcuno è il suo nome e che lavoro svolge. Quando ci viene risposto che non si svolge alcun lavoro o che si è perso il lavoro, vuol dire che la dignità di quella persona è stata calpestata. E voi parlerete di questo? È uno dei nostri obiettivi prioritari. Cerchiamo di evitare la notizia scoop, che è un esclusiva del quotidiano. Il settimanale deve dare la notizia in quanto sotto la notizia è celato un problema e quando il problema è l uomo e la sua dignità, diviene un problema universale. Una delle evidenze negative è che tante problematiche vengono sollevate, ma dopo un po la notizia muore e con essa la sensibilizzazione, che è il presupposto dell azione. 11

12 LA REGIONE NON PAGA E I SINDACI TERAMANI FANNO CAUSA di Antonella Lorenzi olo grazie ad un azione legale l Ambito Sociale Tordino riuscira ad ottenere dalla Regione Abruzzo le somme parziali dovute per le annualita Ma rimangono ancora da incassare le somme per le annualita che la Regione ancora non versa all Ambito Sociale pur avendole riconosciute con delibere di copertura spesa conseguenti alla validazione dei progetti e dei piani presentati dallo stesso Ambito. Noi protestiamo con energia per questo modo di fare dicono all unisono Gabriele Filipponi, sindaco facente funzione di Giulianova, Orazio Di Marcello e Mario Di Pietro, primi cittadini di Mosciano Sant Angelo e di Bellante - Per recuperare una parte delle ingenti somme di cui siamo creditori, siamo stati costretti ad intentare un azione legale. La Regione non sta onorando i propri impegni, e questo sta determinando una situazione di forte sofferenza per l Ambito Sociale. Per pagare i fornitori e il personale delle cooperative, che sono centinaia e tirano avanti con stipendi davvero modesti, siamo arrivati alle anticipazioni di cassa. Ma evidentemente questa misura limite non puo essere suffi ciente. Alla Regione devono rendersi conto che e in gioco la dignita dei lavoratori e l importanza delle prestazioni erogate. Gli impegni, quando vengono presi, poi devono essere mantenuti. E nostro auspicio che non si debba ricorrere ad un decreto ingiuntivo per ottenere le somme per le annualita che la Regione ci deve ancora hanno dichiarato i sindaci all unisono. L ultimo saluto all atleta poliziotto di Antonella Lorenzi irio Silvino, 38 anni, campione di sollevamento pesi ed erede dell olimpionico Anselmo, era in sella a uno scooter che è fi nito contro un bus al Portuense. Si chiude così il mese di gennaio, con un lutto per la polizia teramana e la pesistica italiana. Un tragico indicente stradale a Roma in cui perde la vita il poliziotto in servizio all Autoparco della polizia di Stato fi glio dell olimpionico della pesistica Anselmo, e fratello di Giulio, agente della squadra mobile di Teramo. Era in sella alla sua moto Honda 4 cilindri (del 1976) che poco dopo la mezzanotte si è schiantato contro un autobus dell Atac al Portuense. Europeo giovanile del sollevamento pesi, più volte sul podio a livello nazionale e nei meeting internazionali, Sirio Silvino aveva scelto la carriera in Polizia di Stato come il fratello maggiore Giulio. Un tragico indicente stradale a Roma in cui perde la vita il poliziotto in servizio 12

13 A Scienze della Comunicazione l allievo di Umberto Eco di Angela Fosco il professor Stefano Traini il nuovo preside di Scienze della Comunicazione. Allievo di Umberto Eco, sostituisce il professor Luigi Burroni (trasferitosi ad altra università) alla guida della facoltà teramana per i prossimi tre anni accademici. Stefano Traini, già docente di Semiotica, è stato eletto quasi all unanimità ( una sola scheda bianca. Professore associato di Semiotica alla Facoltà di Scienze della comunicazione dell Università degli Studi di Teramo, vi insegna Semiotica e Semiotica e pubblicità. Si è laureato all Università di Bologna, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in Semiotica sotto la direzione di Umberto Eco. Ha insegnato all Università di Bologna, all Università di Modena e Reggio Emilia, allo IULM di Milano e all ISIA di Firenze. Ha partecipato a ricerche per enti pubblici e privati come la Fiat, la Fondazione Sigmatau, Mediaset e la Rai. È membro del Collegio del Dottorato in Semiotica dell Università degli Studi di Bologna. Ha pubblicato saggi e articoli di semiotica e sulla didattica della scrittura nonchè i volumi: La connotazione, Le due vie della semiotica. Teorie strutturali e interpretative ; Semiotica della comunicazione pubblicitaria. Discorsi, marche, pratiche, consumi ; Le basi della semiotica.attualmente la sua ricerca si concentra sugli aspetti teorici della metodologia semiotica 13

14 FINALMENTE SPOSI! A Pineto il primo matrimonio gay d Abruzzo di Antonella Lorenzi rlando Dello Russo (68 anni) e Bruno Di Febbo (73 anni), la coppia gay più longeva d Italia, residente a Pineto, in provincia di Teramo, si è fi nalmente sposata dopo 49 anni di convivenza. Tutto il rito ha seguito il copione tradizionale con i testimoni di nozze, le fedi sul cuscinetto, gli addobbi fl oreali, i confetti di color arcobaleno, chierichetti, paggetti, incenso, musica ecclesiale, lancio di petali, e alla fi ne lo scambio di baci tra gli sposi. La sala dell albergo Parco degli Ulivi di Scerne è stata addobbata per l occasione come una vera e propria chiesa con tanto di altare e celebrante con i paramenti. E a celebrare c era un prete: non un cattolico ma un sacerdote della Chiesa cattolica ecumenica, che si defi nisce indipendente dalla cattolica Romana ed è nata negli Stati Uniti a Santa Ana, California nel 1987 e dal 2013 si è diffusa anche in Italia. Insomma, quasi tutto nella norma, compresa la fatidica frase: Io Bruno accolgo te Orlando come mio sposo e prometto di esserti fedele sempre TERAMO Muore al Pronto Soccorso dopo 5 ore di attesa di Angela Fosco ra arrivato al Pronto Soccorso dell ospedale di Teramo accusando alcuni dolori. Gli viene affi dato il codice Giallo e per circa 5 ore, un settantreenne ha atteso sulla barella di essere sottoposto alle indagini mediche. Un paramedico che si era avvicinato pensando che dormisse scopre che in realtà era già deceduto. Due le inchieste aperte per accertare i fatti: quella della magistratura e della stessa ASL. «Ho disposto l immediata verifi ca dei fatti, ora in corso - spiega il direttore generale della Asl di Teramo, 14 Paolo Rolleri - da parte del primario di pronto soccorso con il personale sanitario presente al momento dell arrivo del paziente e dopo il decesso. Se si dovessero verifi care anomalie legate a responsabilita o negligenze sara mia cura intervenire con decisione e senza esitazione. Il fatto che il medico di turno abbia chiesto lui stesso l autopsia, dimostra che qualcosa di strano deve essere accaduto al paziente». L autopsia e le eventuali altre perizie dovrebbero chiarire la causa della morte e permettere di capire se e in che misura vi siano responsabilità dei sanitari.

15

16 FocusON [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? on sembra essere, la città dell Aquila, l unico suolo di questa regione da ricostruire. Dalla cima del Gran Sasso al mare sono tante le cose hanno bisogno di un completo restyling. Ricostruire o costruire? Questo è il dilemma. Continuare a coprire con una mano di bianco continuando a nascondere la polvere sotto il tappeto oppure ideare un nuovo progetto, ripensare criteri, cambiare obiettivo e soprattutto cambiare i metodi usati finora? Dall edilizia alla politica, dall economia alla cultura, l Aquila diventa una metafora per rifl ettere su quello che si deve ricostruire o costruire ex novo in questa regione e non solo. Da quel 6 aprile del 2009 è passato tanto tempo, eppure la città è ancora ostaggio di impalcature e travi che sorreggono quello che rimase in piedi. Mesi e anni di lotte, discussioni, contrasti, burocrazie che hanno cristallizzato gli effetti devastanti di quella notte terribile. All incubo si aggiunge altro incubo: lo spettro della mafi a sulla ricostruzione. Indagini che portano alla luce inquietanti colloqui telefonici. C è chi ride durante quelle terribili ore pensando alla fortuna di dover ricostruire un intera città e chi si prepara a fare qualche omaggio ai decisori di turno che dovranno gestire gli appalti. L Aquila si trova così davvero in prima pagina per lo scandalo della corruzione, ma gli aquilani non ci stanno. Non sono proprio d accordo a fare massa con la parte più sporca è vero, ma sempre una minoranza. Non sono disposti a passare, agli occhi dell Italia intera come una popolazione di concussi e concussori. Non dopo quello che hanno vissuto e che continuano a vivere, giorno dopo giorno, da 5 anni a questa parte, ricostruendo la loro città, lentamente ma inesorabilmente nonostante l assenza di azione di coloro che avrebbero dovuto tutelare i loro interessi. I contrasti tra le parti politiche hanno segnato la cronaca di questi anni. Certo qualcosa è stato fatto, ma quello che ancora c è da fare è molto, molto di più. Perché oltre che ricostruire una città bisognerebbe costruire una nuova cultura, nella politica, nell economia e naturalmente nell edilizia. 16

17 [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? FocusON [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? 17

18 FocusON [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? 18 capace di scatenare grandi passioni il sindaco dell Aquila. Lo si ama o lo si odia senza mezze misure. I suoi avversari lo hanno definito dimissionario seriale per le sue clamorose decisioni puntualmente ritirate perché i miei compagni di partito lo hanno fortemente voluto ha dichiarato nella conferenza stampa in cui annunciava appunto di essere tornato a indossare la fascia tricolore. Ho avuto il sostegno unanime della mia squadra e questo mi basta. Ma cosa dice dei dimostranti che nello stesso tempo in piazza contestavano il suo rientro in municipio? Erano davvero poche le voci di dissenso, paragonate ai consensi che mi sono stati dimostrati. La notizia dell avviso di garanzia al suo vice Riga, aveva scatenato un ira di Dio, contro di me e perfino la mia famiglia spiega Cialente pensavo che le mie dimissioni avrebbero concentrato gli attacchi solo su di me e non sulla città e i cittadini aquilani. Ma non è stato così. Gli articoli sul Sole24ore hanno scatenato l inferno, dando l immagine di una città di ladri in cui la ricostruzione è frutto di furti. Cosa e come fare per difendere l immagine dell Aquila e riconquistare la fiducia degli italiani? Quando la mia maggioranza si è ricompattata ho nominato un magistrato, Trifuoggi, una persona che ha lavorato qui per 45 anni e che conosce bene il territorio, proprio come garante della migliore espressione dell aquilanità. Ma i suoi rapporti con la politica regionale e nazionale non sono mai stati tranquilli. Prima con Chiodi, poi con Trigilia, Cialente ha sempre avuto un dialogo acceso: gli scontri nascono dalla mia visione della gestione post terremoto. Io sono convinto che siano necessarie delle regole certe, chiare. Ma fare le regole è complicato. Trigilia voleva quasi licenziarmi e Chiodi voleva affiancarmi un vice commissario. MASSIMO CIALENTE Il Forrest Gump della Politica Aquilana di Mira Carpineta Alla fine invece il governo Berlusconi, tramite Gianni Lette mi fece le sue scuse E quali sono queste regole così strenuamente richieste? per esempio, fissare un tetto agli incarichi dei progettisti e alle imprese in base ai loro fatturati. Finora siamo andati avanti con i tempi che ci venivano dettati da loro. Quanti incarichi può avereun progettista? 20, 30? Se un impresa ha un fatturato storico di 10 milioni di euro, può prendere commesse per 200 milioni? Può voler dire che ha scommesso su una ricostruzione piuttosto lunga. In tre anni può portare avanti due, tre cantieri. Quando a scegliere è un privato ma i soldi sono pubblici, quali sono le garanzie? Come dice Barca apriamo le 5 buste, ma un minimo di verbale va fatto o no? Lo dice il Consiglio di Erano davvero poche le voci di dissenso, paragonate ai consensi che mi sono stati dimostrati stato. Ecco io credo che al centro degli attacchi ci sia proprio questa richiesta di regole. E per dar forza a queste domande il sindaco non esita a minacciare dimissioni, a restituire la fascia e le bandiere, mentre dall altra parte il ministro Trigilia si lascia andare ad altrettanto teatrali invettive dichiarando che il ministero non è un bancomat salvo poi confermare nella sua relazione al parlamento, una necessità di spesa per la ricostruzione che rispecchia in linea di massima quanto stimato dall amministrazione Cialente e il sindaco non può che esserne compiaciuto. Un modo di fare politica sui generis, ma è davvero efficace? Il sono un Forrest Gump della politica conclude Cialente perché ne ho un idea diversa. Per me che mi definisco un catto-comunista, è un servizio. Anzi Paolo VI la definiva il più grande atto di carità. Un volontariato che esclude i vantaggi personali. D altra parte il Sole24ore mi ha definito anche il sindaco squattrinato, ed è vero. Io sono un uomo libero e dico quello che penso. Esco fuori dal coro e rischio spesso di finire in una rissa, ma questo non è un paese per gente tranquilla. Forse ho fatto degli errori politici, forse potevo fare di più. Sicuramente ho rotto <le scatole>, ma non riesco proprio a scendere a compromessi.

19 [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? FocusON orse si continueranno a vedere scandali all Aquila ma è bene tenere a mente che nel Cantiere più grande d Europa si sono ovviamente concentrati gli appetiti dei politici corrotti e delle mafie, mali con i quali il nostro Paese si confronta da tempo immemore, in maniera importante dove c è movimento terra. Ma subito va fatta una debita precisazione: L Aquila non è il politico di turno che lì ha deciso di sporcarsi le mani, né l Istituzione colpevole, nazionale o locale. L Aquila queste entità le ha subite e le subisce, né più né meno del resto del Paese. Dopo essere andati a godersi il capeggio e a divertirsi negli alberghi al mare gli aquilani si sono ritrovati gente in casa ( si fa per dire ) che sguazzava nei miliardi dell emergenza. Ma tutto è avvenuto secondo la legge. Anzi, le leggi. E si, perché L Aquila è stata toccata dal miracolo di 1115 disposizioni: 5 leggi speciali, 73 Ordinanze della Presidenza del Consiglio dei Ministri, 25 atti delle Strutture di gestione dell emergenza, 21 direttive del Commissario Vicario, 51 atti della Struttura Tecnica di Missione, 152 Decreti del Commissario delegato, 62 provvedimenti della Protezione Civile, 720 Ordinanze del Comune, solo la scheda parametrica atto di richiesta dell contributo per ricostruire la casa) conta 140 pagine più allegati. Tante leggi poca legge e nel caos il furbo ci sguazza e quello per bene ci affoga. Per non contare quanti soldi in meno deve tirare fuori lo Stato se a ricostruire sono in pochi: cosa sarebbe accaduto se gli aquilani avessero avuto modo di rifare subito le proprie case e quindi avessero chiesto il contributo nel giro di uno, due o tre anni? Da dove avrebbe potuto prendere i soldi per i suoi Figli (70mila sfollati) un Governo così buon padre di famiglia? Certo è che, in una città nella quale è tradizione farsi la casa con le proprie mani, risulta quanto mai singolare che financo le riparazioni abbiano atteso due o tre anni. Steda (Veneto), Mazzi (Verona), Consta (Padova) sono alcune delle imprese mordi e fuggi, e sono sigle forestiere: non c è un aquilano tra le imprese che hanno preso cantieri esibendo grandi fatturati e squagliandosi poi nei concordati preventivi. Gli aquilani hanno incassato solo i mancati pagamenti ai fornitori e alle imprese locali in subappalto, con evidenti perdite di risorse e posti di lavoro. Tutto, leggi permettendo. Le porte puntellate a colpi di 1100 euro l una (questo il costo di un uscio da 44 snodi e relativi tubi, nel palazzo di fronte a San Pietro) per una media di 80mila euro per una casa ingabbiata ma di nessun valore (Roio); lo scandalo dei cessi chimici : 34 milioni di euro per la gestione dei bagni chimici nelle tendopoli; la vergogna del rendiconto per il G8 spostato dalla Maddalena all Aquila: solo un dato approssimativo, ma che dà l idea, sono i 660 mila euro per cancelleria, posaceneri, noleggio tv e megafoni Anche in tutto questo non c è traccia di aquilani. Il business e il malaffare non sono aquilani, colpa dei politici L ALTRA FACCIA DELLA RICOSTRUZIONE: QUELLA DI CHI LAVORA di Maria Paola Iannella Direttore Responsabile AGEA, Agenzia giornalistica economica d abruzzo 19

20 FocusON [RI]COSTRUIRE SI PUÒ? tirare le somme, emerge che tra gli autori o portatori del malaffare ci sono stati politici ignobili e istituzioni ignave, non cittadini e imprese locali. Nel groviglio di tubi e leggine, L Aquila per bene si organizza e fa da sé. Un esempio per tutti è Officina L Aquila 2014: nata da un iniziativa imprenditoriale del IV Salone della ricostruzione (3/5 aprile 2014) di Carsa srl e forte del sostegno dell Ance Abruzzo, ha portato in città le più grandi aziende internazionali dell edilizia legandole alle Istituzioni locali in un Laboratorio continuo, il primo in Italia, che posiziona il Capoluogo al centro della sperimentazione di una ricostruzione di qualità e sostenibilità a PREZZI CALMIERATI: un progetto pilota per la qualità del territorio esportabile altrove. Per tutto l anno majors del calibro di ARISTON THERMOGROUP, BIOISOTHERM, GRANITI FIANDRE, GRANDFORM SANITRIT (SFA ITALIA), GROHE, KESSEL, MAPEI, POZZI GINORI e ROCA CERAMICHE si impegneranno in percorsi di formazione tecnica, momenti di professionalizzazione concreta della manodopera specializzata; assistenza pre/post vendita per la migliore messa in opera dei prodotti; accordi commerciali basati su prezzi calmierati convenzionati, per la creazione di un catalogo di prodotti di qualità. Il tutto è stabilito in una Convenzione siglata lo scorso ottobre. Ad oggi il Comitato Promotore di Officina L Aquila risulta composto da Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani), Fondazione Pescarabruzzo, Fondazione Carispaq, Ufficio Speciale per la Ricostruzione dell Aquila, Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, Comitato della Filiera dell Edilizia, Confindustria Abruzzo, Associazione dei Presidenti dei Consorzi e dei Procuratori Speciali Centri Storici Aquilani, Collegio dei Geometri e Geometri Laureati Provincia L Aquila, Collegio dei Geometri Chieti, Ordine provinciale degli Architetti di Teramo, Ordine provinciale degli Ingegneri di L Aquila, Pescara e Teramo, Università D Annunzio Chieti e Pescara. E poi c è il Comitato 20 Filiera dell Edilizia (Cfe): 350 famiglie per un totale di 130 ml di fatturato l anno. Promosso e coordinato da Carmine Scimia, è un un network di imprese - rivenditori di materiali, noleggio macchine e attrezzature, ecc - deciso ad arginare il fenomeno delle imprese mordi e fuggi, quelle che vengono all Aquila spacciandosi per affidabili e con forte liquidità, prendono i cantieri, incassano e poi si squagliano lasciando sul territorio solo gli insoluti e i danni di lavori da rifare da capo. Il dissuasore è un centro dati che il Comitato ha realizzato con tempo e perizia nel quale sono riportate le abitudini di pagamento degli operatori: prima di scegliere la ditta alla quale affidare i lavori di ricostruzione della propria casa, è possibile accedere al sistema e verificare la reale situazione di serietà e liquidità dell impresa alla quale si vuole affidare il cantiere. Certamente, onde evitare di incorrere nelle censure della legge, sono state previste giuste contromisure: l estratto sull azienda deve essere richiesto da un iscritto al Comitato e per il tramite dell Api (Associazione piccole industrie dell Aquila) presso la quale il Cfe è costituito. L iniziativa, nelle aspettative, sarà portata avanti con il Comune che dispone solo di un elenco attualmente poco aggiornato, pubblicato sul sito, relativo alla situazione dei pagamenti di ciascun cantiere: nella sostanza un informativa poco fruibile e incapace di prevenire commesse ed incarichi a male intenzionati. Di fatto, chi consulta il sito ha già conferito il mandato e scopre solo a cantiere avanzato che i pagamenti ai fornitori e ai subappaltatori sono indietro: un anagrafe fine a se stessa, che fotografa lo stato dell arte ma non previene il malaffare. Anche a fronte della speculazione derivante dalla nuova disciplina sul concordato in bianco il Comitato coinvolgendo i rappresentanti politici locali e le imprese virtuose - ha messo allo studio l individuazione degli anticorpi contro il meccanismo perverso con il quale le imprese possono congelare i pagamenti dai 60 ai 180 giorni a mezzo di una semplice autocertificazione di difficoltà economico-finanziaria. Un provvedimento che all Aquila renderebbe legale non pagare chi ha COSA FA L AQUILA: LE INIZIATIVE DELLE IMPRESE seriamente lavorato e quindi speso di tasca propria, con evidente, ulteriore e gravissimo, attacco al territorio e alle sue risorse: ad oggi, legge dello Stato compiacente, le piccole e medie imprese che lavorano in sub appalto delle grandi, sedicenti affidabili, possono restare con i conti in rosso dopo aver investito e pagato con soldi propri, addetti compresi. A questo punto, i Durc negati alle imprese che scappano significano poca cosa, molto, invece, per chi all Aquila ci vive e ci lavora da sempre, e che senza il Documento Unico Regolarità Contributiva smette definitivamente di lavorare. Altra iniziativa è la fattibilità di joint ventures tra imprese e banche: gli imprenditori sanno come acquistare un automobile ma non sanno come acquistare denaro garantendo se stesse. Una situazione esemplificativa potrebbe essere la seguente: se un imprenditore, un fornitore ed una banca si garantiscono reciprocamente, uno sulla esecuzione della commessa, uno sulla fornitura e l altra sul credito il gioco è fatto, ecco la garanzia del credito e dell affidabilità della consegna lavori. Chiaramente, data la forza propositiva e fortemente orientata alla protezione della Città, il Comitato ha saputo acquisire un ruolo attore all interno di Officina L Aquila, con la quale si è integrata e ha disegnato un sistema di interfaccia con le imprese. * info Il costo complessivo dei danni creati in Italia da terremoti, frane e alluvioni è stimato dal 1944 al 2012 in 242,5 miliardi di euro (rapporto Cresme): 3,5 miliardi all anno di cui il 75% riguarda i terremoti con 181 miliardi e il 25% il dissesto idrogeologico con 61.5 miliardi. Solo dal 2010 alla data del sisma dell Emilia Romagna compresa, i terremoti sono costati 20,5 miliardi cioè l 8% del totale: non è un caso che qualcuno pensò di gestirli in proprio cercando di trasformare la Protezione civile in una Spa. La ricostruzione dell Aquila e stimata ad oggi in 5.5 miliardi di euro. La fabbrica del terremoto. Come i soldi affamano il Sud è il titolo del Rapporto 2011 dell Osservatorio permanente del dopo sisma: una denuncia circostanziata di come le incursioni nelle aree colpite da sisma siano finalizzate al saccheggio dei contributi.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà

Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Un esperienza di riuso creativo per dare nuovo valore all anno che verrà Affrontare l anno che verrà (e quelli successivi) responsabilmente

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10

Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 REGIONE ABRUZZO Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria, SINA Bando di Concorso ENERGIOCHI 10 anno scolastico 2014-2015 1. PREMESSA La Regione Abruzzo - insieme al MIUR (Ministero della Pubblica

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia

Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Ripartire dai poveri: l ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia Tiziano Vecchiato Da dove partire Ripartire dai poveri (2008) è la risposta all interrogativo «Rassegnarsi alla povertà?».

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli