AIELLI IN COMMISSIONE TERRITORIO, I 45 GIORNI ANCORA NON DECORRONO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIELLI IN COMMISSIONE TERRITORIO, I 45 GIORNI ANCORA NON DECORRONO"

Transcript

1 Anno XIX n. 21 del 31 gennaio 2013 Periodico Indipendente Distribuzione gratuita AIELLI IN COMMISSIONE TERRITORIO, I 45 GIORNI ANCORA NON DECORRONO Una mattinata in commissione territorio a sentire Paolo Aielli, coordinatore dell ufficio speciale per la ricostruzione del capoluogo, tentando di capire il più possibile sulle nuove regole, perché di notizie ai cittadini ne arrivano poche, per lo più confuse. A cominciare dal decreto che cambia i criteri introducendo la scheda parametrica, entro la quale il progettista inserisce i dati del danno, il tipo di struttura, se di pregio o vincolata, sapendo subito quanto ottiene di contributo e con quelle somme, andrà a lavorare al progetto di riqualificazione. Finiscono così le trattative con la filiera, con la quale finora ogni lavoro aggiuntivo erano soldi in più da avere e tempi più lunghi per decidere la congruità di ogni integrazione. D ora in avanti, ha spiegato l assessore Di Stefano, qualsiasi cosa in più da fare dovrà essere esaminata, anche al costo della denuncia di falso, nel caso in cui si esagerasse. Abbiamo saputo, ma non lo sanno ancora i cittadini, che i 45 giorni di tempo per presentare le pratiche ancora non decorrono perché il decreto firmato da Aielli, non ha forza di legge, l avrà con la firma di Monti, serve quindi solo ad avvantaggiarsi sulle tempistiche. A metà marzo dovrebbero entrare i nuovi assunti dal concorsone e concorsino, li formerà Fintecna che con la filiera resterà fino a fine aprile, per esaminare le pratiche presentate entro il 30 settembre, dipenderà dal decreto di Monti, la decorrenza dei 15 giorni entro i quali optare, per chi avesse presentato già la pratica, per la scheda parametrica. Un percorso in divenire, per di Stefano, tracciato dal Comune, con Aielli e con gli Ordini professionali ancora tutto da sperimentare, già confezionato per la città e per i consiglieri, i quali, non potranno dare pubblicamente il loro contributo. Come per i sottoservizi., per i quali sarà pubblicato il bando europeo per 80 milioni di euro, per interrare i cavi intorno al centro storico con cunicoli intelligenti ispezionabili solo a tratti, e 20 milioni di euro per coprire la rete di tecnologie, secondo un progetto redatto dall ateneo aquilano del quale consiglieri e cittadinanza sono venuti a conoscenza solo a cose fatte, a quasi due mesi dall audizione del presidente della Gran Sasso Acqua, il quale ancora attendeva risposte da Roma sulla congruità dei progetti presentati. Aielli ha cercato di spiegare, di far comprendere anche ai soliti consiglieri capaci di chiedere solo per gli affari loro, troppe notizie concentrate in troppo poco tempo e a giochi fatti, per prevenirne la portata. Di Stefano dal canto uso ha cercato di dimostrare che col nuovo metodo perfino il miglioramento sismico che prima la legge lo consentiva al massimo al 60%, col nuovo decreto Monti partirà da un minimo del 60%, per arrivare al cento per cento rinunciando ad altri indennizzi riconosciuti per altre spese. La priorità è il centro storico, ma andranno definiti i criteri e la delicatezza della cantierizzazione che ha mille risvolti da prevedere. L ufficio speciale del capoluogo collaborerà con quello del cratere per la ripresa economica e per gli espropri, il cui ufficio di riferimento, assorbito alla nuova governance insieme ai criteri che lo hanno regolato nell emergenza, sarà dotato di una disponibilità di 170 milioni di euro, ritenuta al momento sufficiente. Il contributo resta a tutt oggi diretto cioè le imprese saranno pagate a rendiconto dei lavori con un 2% di anticipo giusto per le progettazioni, praticamente le criticità di questa ricostruzione restano per lo più irrisolte. Alessandra Cococcetta Direttore Responsabile: Giuseppe Vespa. Autorizzazione Tribunale di L Aquila del 13/8/92, reg. giornali n 293 Direzione e amministrazione: via G. Caldora - Terminal Bus L.Natali, L Aquila fax Stampato in proprio.

2 2 L Aquila SCUOLA MEDIA SASSA: C'ERANO 500MILA EURO PER SISTEMARLA, MA AL COMUNE NON INTERESSAVA Ecco un altro edificio, abbandonato e dimenticato nel suo marciume, sepolto dagli alberi. E' la Scuola Media di Sassa Scalo che ha riportato danni solo nel corpo centrale, mentre i restanti blocchi sono perfettamente agibili. E proprio per questo, si poteva provvedere subito grazie ad una donazione di 500mila euro del Comune di Povegliano Veronese, "intercettata" dall'allora consigliere comunale Corrado Sciomenta e qualche vo lentero so resid ente. Annamaria Bigon, Sindaco di Povegliano, insieme ad un tecnico si precipitò subito dopo il sisma, per visionare la struttura chiedendo al Comune dell'aquila (proprietario), di fornirgli soltanto un relazione geologica, perchè al resto a- vrebbero pensato loro. Volete sapere come è andata a finire?... Che nessuno degli addetti ai lavori delle Opere pubbliche del Comune si fece "tentare" dalla proposta snobbandola, dicendo che ci avrebbe pensato il Provveditorato. Intanto i 500mila euro raccolti da imprenditori di un Comune di 7000 abitanti, che certo non sarebbero bastati per sistemare 1.400mq, di superficie, ma avrebbero fatto la loro parte, sono andati a finire a Popoli. La cosa che lascia ancora perplessi è che nella palestra, utilizzata durante l'emergenza per la distribuzione dei viveri, ci sono ancora mucchi di vestiario e scatole varie accatastate, che il Comune non ha ancora provveduto a togliere dopo quattro anni. La solita aquilanata a tutti gli effetti, per la solita noncuranza e per il ben noto rimpallo delle responsabilità. Intanto il tempo ci ha messo la sua parte, e l'edificio muore, mentre i genitori dell'istituto comprensivo Gianni Rodari, che non vogliono i loro figli nei Musp, ululano per avere una scuola, tutta nuova di zecca, non si sa bene dove e su quale terreno, quando questa avrebbe potuto essere bella e pronta... Su servizio e testo di Matilde Albani TASSE, CIALENTE ALLE IMPRESE: "CONTINUATE A VERSARE IL 40%" La dichiarazione relativa ai benefici previsti dal regime cosiddetto de minimis, con particolare riferimento all allegato 1, diffusa dall Inps, non va assolutamente presentata. Supportato e sostenuto da Ance, Apindustria, Cia, Coldiretti, Cna, Confartigianato, Confindustria, Confcommercio, Ordine dei Commercialisti e Ordine dei Consulenti del Lavoro, esorto pertanto le imprese a non considerare la scadenza del 31 gennaio e a non sottoscrivere la dichiarazione che, di fatto, attesta che quanto sospeso come tasse, tributi e contributi, è effettivamente un aiuto di Stato. Se le dichiarazioni saranno inoltrate sarà difficile, se non impossibile, tornare indietro. Del resto l ultimo messaggio Inps, a firma del direttore generale Mauro Nori, chiarisce che non sarà possibile per gli enti rilasciare un Durc negativo, pertanto non esiste una valida motivazione per adempiere ad una circolare che tiene conto di una decisione della Comunità Europea che è ancora molto in là da venire. Pertanto, così come concordato con Nori, si invitano tutti i soggetti interessati a proseguire con i pagamenti in misura ridotta al 40 per cento. Massimo Cialente

3 3 L Aquila RIPRESA ECONOMICA, TRE MEGA PROGETTI NELLE SEGRETE STANZE Il cinque per cento dei fondi del terremoto, sono da destinare per legge alla ricerca e alla ripresa economica, per Aielli, il responsabile dell Ufficio speciale per la ricostruzione, sentito questa mattina in seconda commissione, sono circa 100milioni di euro a disposizione. Una notizia che l assessore Fanfani cercava da tempo, responsabile del Comune dell Aquila per le attività produttive, ma che ha saputo solo oggi da Paolo Aielli, come novità decise tra pochi. Le risorse saranno gestite in collaborazione con l altro Ufficio speciale, quello del cratere, insieme agli espropri, sulla base di un accordo di cui si sapeva niente. Come non sapevamo che hanno deciso di favorire le imprese innovative, meglio se operanti sul territorio, e i settori strategici saranno quello chimico farmaceutico, delle telecomunicazioni, aviazione e spazio, non si conoscono i criteri con cui verranno suddivisi i sostegni, ma saranno senz altro europei, secondo il manager di Finmeccanica Aielli, il bello è che sono già pronti tre mega progetti, sul quale hanno voluto mantenere il più stretto riserbo tre progetti molto grossi ha specificato il responsabile dell Ufficio speciale a valere su questo fondo, che andranno esaminati. Non si sa nemmeno come questi proponenti, l abbiano saputo. Sono stati fatti dei bandi? I consiglieri e la città non ne sanno nulla. Come non sanno della fibra ottica che andrà a copertura del centro storico su un progetto dell Università dell Aquila, che sarà di proprietà comunale e che contribuirà a rendere L Aquila una smart city. Se ne sa, meno che zero. Aielli ha intenzione di mettere mano alle cinque banche dati diverse, che ha prodotto questo sisma, e che nonostante i milioni di euro spesi non comunicano neanche tra loro. Cioè se prendiamo un cittadino, in una banca dati, troviamo com è stato assistito, ma non si sa niente della sua casa o della sua attività, in altre elenchi vediamo com è classificata la sua abitazione, e in quelli della filiera, evidentemente tre diverse banche dati, se ha una pratica avviata e a che punto è. Il Sed, incaricato di pensare la Banca Dati per l Emergenza ha avuto gli ultimi 800mila euro direttamente da Chiodi, prima che lasciasse l incarico di commissario, ma non c è stato nessun indirizzo da parte della proprietà, cioè del Comune dell Aquila, perché queste risorse preziose cercassero di far funzionare un unico sistema informatizzato, impostato malissimo fin dalla gestione della Protezione civile. Almeno il tiro, poteva essere aggiustato. Resta l amarezza delle associazioni di categoria, e delle classi imprenditoriali e datoriali che non sono neanche state consultate per quei tre mega progetti che evidentemente circolavano nelle stanze comunali, avranno fatto imbestialire qualcuno, ma tutto è rimasto in quelle stanze. A tacere tra quattro mura. Chi deve andare avanti già lo sa, e il disegno continuano ad averlo solo in pochi. Ale.c. PER UNA LIBERA INFORMAZIONE

4 4 L Aquila GRAVI IRREGOLARITA' CONTABILI, NEL RENDICONTO 2010 DEL COMUNE La Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per l Abruzzo, lo scorso 8 agosto 2012, ha trasmesso al Comune dell Aquila le relazioni relative all esame dell - Organo di revisione contabile, rispettivamente, sul rendiconto della gestione 2010 e sul bilancio di previsione 2011 dell ente. La Corte dei Conti ha rilevato gravi irregolarità contabili, tali da incidere sul rendiconto 2010" e, più precisamente, una differenza tra l importo del fondo di cassa determinato dal tesoriere e quello determinato dall ente, alla data del 31 dicembre 2010, riferito a pagamenti per azioni esecutive non ancora regolarizzati, per un importo complessivo di circa 750 mila euro. Inoltre la Corte dei Conti rileva che il rendiconto 2010 è stato approvato il 18 luglio 2011, oltre il termine fissato dal legislatore, e che la gestione di competenza ha un valore negativo di risultato ed è caratterizzata da un disavanzo anche per le annualità precedenti, dovuto alla non attendibilità e alla sovrastima delle previsioni di entrata. Viene rilevato altresì il mancato stralcio di crediti di dubbia o difficile esigibilità dal bilancio e la mancata attuazione di consolidamento dei conti con le proprie aziende, società o altri organismi partecipati, vale a dire che il Comune non ha stabilito con precisione qual è la somma da trasferire alle società partecipate per i servizi erogati. Si contesta inoltre la mancata adozione dei provvedimenti relativi ai criteri e alle modalità di reclutamento del personale e di conferimento degli incarichi negli organismi partecipati, il fatto che l indebitamento, al 31 dicembre 2010, non trova coincidenza con il totale dei debiti di finanziamento indicato dal conto del patrimonio, che il totale dei crediti, sempre a questa data, non coincide con quello dei residui attivi, che il totale dei debiti di funzionamento non coincide con quello dei passivi ed altro ancora. Un esame dettagliato, che fotografa una gestione amministrativo contabile vergognosa e che sicuramente si ripeterà, per alcuni punti, anche per gli esercizi finanziari successivi al Ora, sicuramente, il sindaco Cialente e il suo assessore al Bilancio De Santis diranno che non ne sapevano nulla e che la responsabilità è degli uffici, dell Organo di Revisione contabile, del Consiglio comunale o addirittura della stessa Corte dei Conti. Invece, quello che risulta evidente, è una totale mancanza di professionalità e di responsabilità da parte dell amministrazione nella gestione di uno strumento fondamentale, soprattutto in questo momento, quale quello del bilancio. Il consigliere comunale, Angelo Mancini "LUOGHI SICURI", RASSEGNA CULTURALE DI ARTISTI AQUILANI Un cartellone di 17 appuntamenti, dal primo febbraio al prossimo maggio, per la seconda edizione di ''Luoghi sicuri'', festival di teatro dalla scena contemporanea, organizzato da Artisti aquilani onlus e finanziata da Secours Populaire Francais, Arci L'Aquila, Comune dell'aquila, Banca Carispaq, con il contributo (per lo spettacolo... E che varieta'!) del progetto ''Aiutare i singoli, ricostruire le comunita''' di Auser Abruzzo, Arci L'Aquila e Associazione 180Amici onlus. La rassegna propone 9 spettacoli di compagnie italiane, tra cui Hidden Theatre di Volterra, Teatro Proskenion di Reggio Calabria, Teatro Atlante di Palermo, Micro Teatro Terra Marique di Perugia, Arti e Spettacolo dell'aquila, Teatro del Krak di Ortona, Tacco& Pirro Swing Piano Duo di Firenze; 4 spettacoli per i piu' piccoli con Teatro brucaliffo (AQ), Artisti aquilani onlus, Tric Trac teatro (Montorio al Vomano) e Teatro Atlante (PA) e 3 eventi con ospiti internazionali, come la Holstebro verdens Orchestre ''Colpiti dall'immaginazione'' PER UNA LIBERA INFORMAZIONE

5 5 L Aquila FONDI PER L'INTEGRAZIONE, GAMAL ANNUNCIA ACCESSO AGLI ATTI "Due milioni di euro per l integrazione spalmati con un bando regionale sulle quattro provincie, dove nella nostra provincia la spunta, come sempre, il territorio marsicano il quale si è aggiudicato euro che andranno alla SGI srl, vincitrice del bando davanti al progetto polis della Cnos Fap classificata seconda. Restano molti punti interrogativi, dichiara il consigliere straniero al comune dell Aquila e coordinatore del centro polivalente provinciale. Un altro schiaffo alla nostra città ormai orfana dei suoi rappresentanti in regione per cui chiederò l accesso agli atti della graduatoria e il verbale del nucleo di valutazione per capire le lacune della proposta della nostra città attraverso il progetto Polis e dove siamo stati penalizzati e d a l t r i s u p e r p r e m i a t i. Mi sembra discutibile il criterio di assegnazione per provincia perché a Teramo ha vinto AFGP con 700 punti invece la proposta del CNOS perde nella provincia dell aquila con 800 punti: mi chiedo se questa é magia, matematica o altro", conclude il consigliere. RICONOSCIMENTO DEL COMUNE, ALLO CHEF WILLIAM ZONFA ALLA CARDUCCI, CORSI POMERIDIANI PER ADULTI La scuola media G. Carducci apre alla cittadinanza i propri corsi serali su materie utili ed interessanti. Nell ambito del progetto Scuole Aperte finanziato dal Ministero della Pubblica Istruzione l istituto di scuola media organizza corsi pomeridiani sulle materie più utili ed Ieri mattina, nella sala giunta del Comune dell'aquila, il sindaco Massimo Cialente ha consegnato un riconoscimento al giovane chef aquilano William Zonfa, protagonista della trasmissione Rai "La prova del cuoco" e incoronato cuoco emergente 2013 dalla Guida ristoranti d'italia del Gambero Rosso, dopo aver conquistato nel 2012 una Stella sulla Guida gastronomica francese Mic h e l i n. William Zonfa lavora alla Magione Papale dal luglio del interessanti. Così affianco alle attività di potenziamento disciplinari destinate ai propri alunni, saranno allestite attività laboratori ali rivolte ai ragazzi in età scolare e allargate ai genitori e all intera collettività cittadina. I corsi, gratuiti per tutti, 2010 e nonostante la sua giovane età ha viaggiato molto e ha lavorato al fianco dei più grandi chef del mondo. Siamo lieti di premiare quest oggi un giovane talentuoso aquilano. ha dichiarato il sindaco Massimo Cialente E un piacere constatare quanta strada abbia fatto in questi anni e come i suoi riconoscimenti vanno man mano aumentando. Ci riempie di orgoglio avere nella nostra città uno chef del suo calibro. Gli auguro di cuore di realizzare tutti i suoi sogni e di promuovere ancora le vocazioni del nostro territorio e il capitale di saperi e di qualità di cui si è fatto portatore. L'Ufficio Stampa del Comune dell'aquila DENTI DA LATTE E DEL BAMBINO, UN CORSO PER GLI INSEGNANTI Concluso l incontro preliminare del Progetto Scuola presso l Istituto Dottrina Cristiana con lezioni sui denti dedicate alle insegnanti. Durante l esposizione, corredata da presentazione ed immagini in videoproiezione, il dott. Lucio Daniele, Presidente dell Associazione Nazionale Dentisti di L Aquila, ha illustrato e spiegato alle insegnanti gli accorgimenti utili ed essenziali per fare in modo che sin da piccolo il bambino abbia un buon rapporto con spazzolino e dentifricio e consideri importante la sua salute orale. Altri argomenti di comune interesse che sono stati trattati sono: come alleviare dolori e fastidi nel momento dell eruzione dei denti (sia da latte che permanenti), spiegare il perché dell insorgenza della carie e altre patologie orali come la malattia delle gengive, cosa bisogna fare a livello di prevenzione per evitare l insorgenza fin nei bambini di tali patologie ed infine quali sono le cure ed i rimedi attuali, una volta che la malattia si è verificata. L Associazione Nazionale Dentisti di L Aquila attiverà nel prossimo futuro il Progetto Scuola, un progetto nazionale già in atto da alcuni anni volto alla preparazione ed alla informazione in materia di denti di tutte quelle figure professionali a contatto con i bambini e neonati. partiranno a metà febbraio e riguarderanno la lingua inglese e spagnola, un corso di scacchi, di pittura su vetro e motricità per disabili. Le iscrizioni sono aperte fino al 10 febbraio prossimo. Per informazioni telefonare al n. 0862/25192.

6 6 Provincia SNAM, RINVIATA AL 15 FEBBRAIO LA CONFERENZA DEI SERVIZI E' stata rinviata a venerdì 15 febbraio la Conferenza dei Servizi per il rilascio dell'a.i.a. alla centrale di compressione e spinta che la Snam intende realizzare a Sulmona in località Case Pente. La notizia del rinvio è stata data dal Servizio Energia della Regione, ma al momento non se ne conoscono le motivazioni. E' già la seconda volta che la Conferenza viene rinviata, dopo l'iniziale convocazione del 20 dicembre scorso, ma, mentre il primo rinvio aveva un senso e cioè acquisire il parere del Collegio per le garanzie statutarie, non si comprende il perché di questo secondo rinvio. Ad avviso dei Comitati c'erano e ci sono, tutte le ragioni per chiudere la Conferenza e non procrastinare oltre le decisioni da assumere. A questo punto i Comitati valuteranno con i propri legali le iniziative da prendere per difendere la legalità e i diritti del territorio. Il parere del Collegio è inequivocabile : non sussistono le condizioni giuridiche e di fatto che legittimino il procedimento in atto per la concessione dell'autorizzazione Integrata Ambientale da parte della Regione. Innanzitutto perché non solo non esiste l'impianto di cui si vorrebbe autorizzare l'esercizio, ma non esiste neppure l'autorizzazione alla sua costruzione. Al riguardo, infatti, il Collegio precisa che " si appalesa illegittima anche a livello di legislazione statale la scelta di far precedere l'a.i.a. all'autorizzazione unica". Il Collegio evidenzia quindi il netto contrasto del procedimento in corso con la L.R. n. 28 del 19 giugno 2012 che vieta la realizzazione di grandi metanodotti, con annesse centrali, in aree sismiche classificate come "zona1". E questo è proprio il caso di Sulmona e dell'intera Valle Peligna, un territorio esposto al massimo rischio sismico. Nel parere si sottolinea anche il contrasto con il Piano regionale per la tutela della qualità dell'aria il quale stabilisce che impianti con emissioni in atmosfera possono trovare collocazione solo all'interno di aree industriali. Ma la centrale e il metanodotto Sulmona- Foligno, oltre ad essere incompatibili con precise normative della Regione Abruzzo, hanno anche avuto una netta bocciatura a livello istituzionale attraverso due risoluzioni approvate alla unanimità dal Consiglio Regionale, le quali prevedono la negazione dell'intesa dello Stato e la sospensione di ogni procedimento, da parte della Regione, per il rilascio di pareri o autorizzazioni. La Giunta regionale, che avrebbe dovuto dare sollecita attuazione alle risoluzioni, è invece rimasta totalmente inerte, tanto che il Collegio non manca di rilevare che le decisioni consiliari "non possono essere completamente disattese pena la trasmissione ai cittadini di uno svuotamento completo dell'istituto della rappresentanza politica". Vista la chiarezza del parere reso dal Collegio per le garanzie statutarie, perché non viene applicato? Perché rinviare ogni decisione in merito? In un Paese democratico la vicenda Snam, dati i pronunciamenti istituzionali di contrarietà a tutti i livelli, sarebbe già stata chiusa da tempo. Invece il devastante e pericoloso progetto della multinazionale del gas continua a restare in piedi e a minacciare diritti fondamentali dei cittadini, quali l'integrità ambientale, la sicurezza e la salute pubblica. Nei prossimi giorni i Comitati prenderanno le necessarie iniziative per proseguire la loro lotta democratica e civile contro l' ecomostro della Snam. Comitati cittadini per l'ambiente ARPA, NUOVO SERVIZIO SECINARO L'AQUILA Gli abitanti dei comuni della Valle Subequana da lunedi 4 febbraio 2013 disporranno di un collegamento diretto per L Aquila. Il nuovo servizio, che interessa i centri del comprensorio montano, prevede una corsa di andata in partenza da Secinaro alle 15,30 che raggiunge Castelvecchio Su-bequo,Molina, Acciano, Rocca Preturo, Beffi,Fontecchio, S. Demetrio e quindi il capoluogo abruzzese. Una di ritorno che parte dall Aquila alle 19,15. Il nuovo collegamento è stato possibile grazie alla ristrutturazione dei servizi in un area dove operavano sia Arpa sia la Paoli bus di S. Demetrio dei Vestini, a- zienda incorporata dalle autolinee regionali pubbliche abruzzesi nel dicembre 2011.

7 7 Regione CGIL E CISL, CHIEDONO INCONTRO ALLA COOPERATIVA QUADRIFOGLIO Un incontro urgente con la cooperativa "Quadrifoglio", che ha vinto l'appalto per la gestione della Rsa di Montereale. Ad avanzare la richiesta Cgil e Cisl che "sollecitano chiarimenti sul passaggio di consegne tra la societa' L1, che aveva in gestione la struttura, e la Quadrifoglio, che dall'1 febbraio subentrera' in quanto vincitrice della gara d'appalto indetta dalla Asl". "Abbiamo gia' avanzato due richieste formali di incontro con la Quadrifoglio", spiegano Antonio Ginnetti, segretario provinciale Fp-Cgil e Maurizio Testone, rappresentante Cisl sanita' privata, "ma, al momento, non abbiamo ottenuto risposte. E' importante avviare un confronto con la cooperativa che gestira' la Residenza sanitaria assistita di Montereale per avere garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali, sulla qualita' del servizio offerto e sulla gestione futura della struttura". Circa 45 i lavoratori interessati al passaggio di consegne: la cooperativa Quadrifoglio si e' aggiudicata il nuovo appalto indetto dalla Asl di Avezzano- Sulmona-L'Aquila, in seguito alla scadenza, il 31 dicembre 2012, del contratto con la cooperativa L1. "Nonostante i solleciti", evidenziano Ginnetti e Testone, "non abbiamo avuto modo di confrontarci con i responsabili della Quadrifoglio, che non hanno risposto alla richiesta di incontro. Un atteggiamento che desta, nelle organizzazioni sindacali e negli stessi lavoratori, perplessita' e preoccupazione". SICUREZZA STRADALE, A MARZO GIORNATA REGIONALE PER GLI STUDENTI L'Ufficio Scolastico Regionale per l'abruzzo ha sottoscritto un Protocollo d'intesa nel mese di novembre 2011 con la Federazione Motociclistica Italiana - Comitato Regionale, con la Polizia Stradale Compartimento Abruzzo e con la Confindustria Abruzzo. Nello scorso anno scolastico sono state svolte molte attivita' con le scuole, nell'ambito della Educazione stradale e alla sicurezza, per promuovere la cultura della legalita' intesa come sistema di valori che tutelano e garantiscono la liberta' individuale e sociale: Educazione alla sicurezza; Giornate di formazione per docenti delle scuole secondarie di I e di II grado, in contemporanea a Chieti e a L'Aquila, con la partecipazione di piu' di 100 docenti; Attivita' formative e dimostrazioni di guida sicura per gli allievi, in diverse scuole della regione; Intervento di esperti presso le scuole nell'ambito di percorsi didattici. Il Protocollo d'intesa ha istituito anche la Giornata Regionale della Sicurezza Stradale, giunta quest'anno alla seconda edizione, che sara' celebrata il 15 marzo 2013 presso tutte le Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado della Regione A- bruzzo. Le scuole progetteranno attivita' di diverse tipologie, espressive, graficopittoriche, multimediali, percorsi didattici per alunni e studenti, eventi che si svolgeranno nel territorio, per coinvolgere tutti in un momento di riflessione e approfondimento e per mantenere alto il livello di attenzione su queste tematiche. Lo scopo dell'iniziativa - e' stato spiegato ieri in una conferenza stampa - e' quello di stimolare l'attenzione e la riflessione sul tema della sicurezza attraverso un momento di condivisione generale sul rispetto delle regole. Le scuole sono invitate a predisporre iniziative specifiche, anche in relazione agli itinerari progettuali gia' elaborati per il corrente anno scolastico. Tali iniziative potranno essere realizzate, valorizzando la creativita' e le capacita' organizzative di ogni scuola, mediante azioni a carattere musicale, coreutico, teatrale, grafico-pittorico, ludico e/o documentaristico che coinvolgano gli alunni sui valori fondanti dell'educazione Stradale, quali il rispetto della vita e delle regole come garanzia della liberta' individuale. Le Istituzioni scolastiche, nella loro autonomia, potranno organizzarsi in accordo con altre scuole del territorio, avvalendosi della collaborazione dei Comuni e delle Polizie Municipali, del Compartimento di Polizia Stradale dell'abruzzo, presente anche nei capoluoghi di provincia, del Comitato Regionale della Federazione Motociclistica Italiana e di ogni altra risorsa, a livello locale, atta a sostenere e ampliare l'iniziativa. Per favorire l'organizzazione e lo svolgimento delle attivita' le scuole potranno avvalersi dei docenti formati lo scorso anno. PER UNA LIBERA INFORMAZIONE

8 8 Regione GRANDI RISCHI, CHIESTA ARCHIVIAZIONE PER BERTOLASO E STATI Il pm della Procura della Repubblica dell'aquila, Fabio Picuti, ha chiesto l'archiviazione, dall'accusa di cooperazione in omicidio colposo, per l'ex Capo della Protezione civile nazionale e per l'ex assessore regionale Daniela Stati. Si tratta di uno stralcio dell'inchiesta alla Commissione Grandi Rischi scaturita dal terremoto che devasto' L'Aquila il 6 aprile I fatti, in particolare, si riferiscono ad una telefonata tra Bertolaso e la Stati, all'epoca assessore regionale alla Protezione civile. In quella conversazione Bertolaso aveva chiesto all'assessore di tranquillizzare la popolazione aquilana. A decidere, ora, sara' il gip. L'attivita' d'indagine era stata avviata dalla polizia giudiziaria dopo la denuncia presentata nei confronti di Bertolaso dall'avvocato aquilano Antonio Valentini (che nell'ambito del processo sui sette membri della Commissione grandi rischi assiste numerose parti civili) a seguito della diffusione di una telefonata intercettata tra lo stesso Bertolaso e l'ex assessore della Regione Abruzzo, Daniela Stati. Nella conversazione datata 30 marzo 200-9, il giorno prima della riunione della Commissione Grandi rischi, Bertolaso definiva la convocazione degli esperti "una operazione mediatica" e che la riunione era stata convocata "perche' vogliamo tranquillizzare la gente". Dopo la diffusione su Internet, il contenuto della telefonata e' stato poi verbalizzato dagli investigatori e trasmesso negli uffici della Procura come notizia di reato. Il fascicolo e' affidato al pubblico ministero Fabio Picuti, titolare della maxi inchiesta sui crolli degli edifici pubblici e privati a seguito del sisma del 6 aprile del 2009, compresa quella sulla Commissione grandi rischi. Il legale di Bertolaso: "Finalmente giustizia" "Finalmente un atto di giustizia nei confronti di Bertolaso. Non era proponibile un processo a suo carico". Lo ha detto l'avvocato Filippo Dinacci, legale di fiducia di Guido Bertolaso, ex capo dipartimento della Protezione civile nazionale, commentando la richiesta di archiviazione presentata ieri al Gip del tribunale dell'aquila dal pm Fabio Picuti nei confronti del suo assistito e dell'ex assessore regionale alla protezione civile Daniela Stati. I due sono indagati per un filone parallelo a quello per il quale i sette membri della Commissione grandi rischi sono stati condannati in primo grado a sei anni di reclusione. Secondo il legale (che nel processo ha assistito l'ex vice capo dipartimento della protezione civile, Bernardo De Bernardinis) la richiesta di archiviazione "rappresenta uno dei primi atti che Bertolaso ottiene. Ritengo doverosa che sia fatta giustizia, come nel caso di Bertolaso, anche sui componenti della commissione grandi rischi".

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese.

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. + z. www.co.camcom.gov.it Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. Le adesioni sono aperte fino al 10 gennaio 2013. ART. 1

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2010-11 nell ambito del Servizio

Dettagli

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA

CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA CITTA DI SPINEA PROVINCIA DI VENEZIA Regolamento concorso Scuole e Studenti Zero Emissioni Anno scolastico 2015-2016 Acqua: risorsa infinita? Informazioni preliminari Per l anno scolastico 2015-2016 il

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO

FEDERAZIONE REGIONALE DEGLI ORDINI DEGLI INGEGNERI D ABRUZZO Prot. n. 11 / FR / AQ L Aquila, 14 marzo 2012 Al Commissario delegato per la Ricostruzione Dr. Gianni Chiodi Al Coordinatore della Struttura Tecnica di Missione Arch. Gaetano Fontana Alla ReLUIS c/o Scuola

Dettagli

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000.

TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. TESTO EMENDATO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER INIZIATIVE DI COOPERAZIONE DECENTRATA DI CUI ALL ART. 272 DEL DLGS N. 267 DEL 2000. Art. 1 Principi generali -------------------------------

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori

Bando di concorso per la presentazione di proposte di animazione di giardini scolastici da parte di genitori comune di trieste area educazione università ricerca cultura e sport servizi educativi integrati e politiche giovanili ufficio qualità dei servizi, formazione pedagogica e partecipazione Progetto Spazi

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f.

Egregio Dirigente, INVALSI Villa Falconieri - Via Borromini, 5-00044 Frascati RM tel. 06 941851 - fax 06 94185215 www.invalsi.it - c.f. Egregio Dirigente, Le scrivo per informarla che sono state avviate le procedure per la realizzazione della rilevazione degli apprendimenti degli studenti per l anno scolastico 2009/10 nell ambito del Servizio

Dettagli

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015

VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 VERBALE n 08 a.s. 2014/2015 DEL COLLEGIO DOCENTI DEL 19/05/2015 Il giorno 19 maggio 2015, alle ore 14,30, nei locali dell Aula Magna dell Istituto Roncalli, su convocazione scritta, si riunisce il Collegio

Dettagli

La Regione Toscana. Premesso che

La Regione Toscana. Premesso che Allegato A PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE TOSCANA, UNIVERSITA E PARTI SOCIALI PER DEFINIRE I PROFILI FORMATIVI NEI PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE FINALIZZATI AL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI DOTTORE DI RICERCA

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA

La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA La presente deliberazione è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, D.Lgs. n. 267/2000 COPIA Deliberazione della GIUNTA COMUNALE n 211 Seduta del 28/10/2013 All.12 OGGETTO:

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

COMUNE DI CIVITA D ANTINO

COMUNE DI CIVITA D ANTINO COMUNE DI CIVITA D ANTINO PROVINCIA DELL AQUILA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 35 del 30/09/2011 OGGETTO: PROGRAMMA INTERVENTI DIRITTO ALLO STUDIO: ANNO 2012. - APPROVAZIONE- L anno

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E SULLA RURALITÀ allegato A alla determinazione n. 139/SA del 18 marzo 2013 BANDO PUBBLICO CAMPU MAISTU DIDATTICA IN FATTORIA SULCIS IGLESIENTE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALIMENTARE, AMBIENTALE E

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN

VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN VERBALE RIUNIONE COMITATO DI COORDINAMENTO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN DIDATTICA DELLE SCIENZE PER INSEGNANTI DELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO: UNA FORMAZIONE QUALIFICATA PER

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA

PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA PIANO STRAORDINARIO PER L'EDILIZIA SCOLASTICA E MESSA IN SICUREZZA Interventi in materia di edilizia scolastica a seguito degli eventi sismici verificatisi in Abruzzo nel mese di aprile 2009 SCHEDA N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1

SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 SEZIONE PRIMA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER L INSEGNAMENTO SECONDARIO DELL UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE ART. 1 Per conseguire le finalità di cui all art. 4, secondo comma, della legge 19 novembre

Dettagli

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino

Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino Bando per progetti innovativi di ricerca-azione o formazione proposti da reti di istituzioni scolastiche e formative del Trentino budget disponibile: 200.000 euro termine per la presentazione dei progetti

Dettagli

VALUTAZIONE FORMATIVA

VALUTAZIONE FORMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA SETTEMBRE PROVE DI INGRESSO Le prove d ingresso, mirate e funzionali, saranno comuni a tutte le classi prime della scuola secondaria di primo grado dell Istituto Comprensivo e correlate

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

.. ROMA CAPITALE. Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di Il grado di Roma Capitale

.. ROMA CAPITALE. Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di Il grado di Roma Capitale .. ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE DIPAR1IMENTO SERVIZI EDUCATIVI E SCOlfìSTICI - 2 OTT. 2014 Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici, Giovani e Pari Opportunità PROT.OM 3000 4 Direzione servizi per l'adolescenza,

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Regolamento Civica Scuola di Lingue

Regolamento Civica Scuola di Lingue Regolamento Civica Scuola di Lingue Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. xx del xx.xx.xxxx In vigore dal xxxxxxxxx I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza, 20 A cura del

Dettagli

(Collegio Docenti del / /2012)

(Collegio Docenti del / /2012) Codice Fiscale: 80014050357 CM: CMRETD02000L Vìa Prati, 2 42015 Correggio (RE) Tel. 0522 693271 Fax 0522 632119 Sito Web: www.einaudicorreggio.gov.it e mail: info@einaudicorreggio.gov.it e mail certificata:

Dettagli

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA

STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA STATUTO DELLA ASOCIACIÓN DE MADRES Y PADRES DE ALUMNOS DEL LICEO ESPAÑOL CERVANTES DE ROMA Atto Constitutivo e Statuto del 1998, modificato nelle Assemblee del 09.06.10 e 11.06.12 ITALIANO STATUTO DELLA

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO. Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile PROVINCIA DI LIVORNO AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO Bando Provinciale a sostegno Imprenditoria Giovanile Premessa La Provincia promuove e finanzia interventi volti allo sviluppo di imprese giovanili

Dettagli

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti

LA TRASPARENZA E PRIVACY. E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti LA TRASPARENZA E PRIVACY E assicurata ai genitori la massima trasparenza possibile nell accesso ai documenti della scuola che riguardano il percorso scolastico e formativo dei propri figli secondo le modalità

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia

Atto di indirizzo. Sostegno alla realizzazione di centri di custodia oraria e di nidi in famiglia ALLEGATO A CONVENZIONE DEL 23/12/2010 TRA IL DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA E LA REGIONE PIEMONTE IN ATTUAZIONE DELL INTESA DEL 29 APRILE 2010 RELATIVA AI CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE RISORSE, LE

Dettagli

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO L ACCERTAMENTO ISPETTIVO IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Cagliari, 22 luglio 2010 ore 10.00 Intervento di apertura dei lavori del Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori Edili Simona Pellegrini Vi

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Stampa La Riforma dell Università Le linee ispiratrici E il primo provvedimento organico che riforma l intero sistema universitario. Il

Dettagli

OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006.

OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006. OGGETTO: Approvazione Rendiconto della Gestione per l esercizio finanziario 2006. Svoltosi il seguente dibattito: Moressa: Vorrei che fossero precisate alcune voci di spesa, e quali ritorni esse abbiano

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

COMUNE DI LIERNA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI LIERNA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI LIERNA PROVINCIA DI LECCO N 1 COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE VERBALI SEDUTA PRECEDENTE (DEL 27.11.2010) L anno DUEMILAUNDICI addì VENTISEI del mese di MARZO

Dettagli

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana

FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana FACCIAMO CHIAREZZA SULLA QUESTIONE TFR A cura di Alberto Anelli Fabi Cosenza Coordinatore Fabi Intesa Sanpaolo Area Calabro-Lucana Buona parte dei dati sono stati tratti da fonte Governativa certa (www.tfr.gov.it)

Dettagli

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO

LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO LICEO STATALE ANTONIO PIGAFETTA Classico - Linguistico Musicale VICENZA PROTOCOLLO per la gestione delle richieste degli studenti che intendono usufruire di periodi di studio all estero e per gli studenti

Dettagli

REGOLAMENTO VISITING SCIENTIST (Approvato con D.R. n.10 del 07/01/2014 e successive modifiche) TITOLO I NORME GENERALI

REGOLAMENTO VISITING SCIENTIST (Approvato con D.R. n.10 del 07/01/2014 e successive modifiche) TITOLO I NORME GENERALI REGOLAMENTO VISITING SCIENTIST (Approvato con D.R. n.10 del 07/01/2014 e successive modifiche) TITOLO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014

Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 Prot. n. AOODRPI /U/C27c/1 TORINO 29 SETTEMBRE 2014 CONCORSO A PREMI DEDICATO AL SINDACALISTA PINO VIRGILIO SUL TEMA INFORTUNI, SICUREZZA E PREVENZIONE NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI COME DEFINITI NELL

Dettagli

Unione dei Comuni della Bassa Romagna. La scelta strategica di un territorio

Unione dei Comuni della Bassa Romagna. La scelta strategica di un territorio Unione dei Comuni della Bassa Romagna La scelta strategica di un territorio Mirco Bagnari Sindaco del Comune di Fusignano e referente per le Politiche Culturali, Progetto giovani e Sport dell Unione dei

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direttiva n. 74 Roma, lì 15 settembre 2008 VISTA la legge 28 marzo 2003 n. 53 ed in particolare l'articolo 3 che prevede la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione ed il riordino

Dettagli

PROGETTO TAVOLO GIOVANI

PROGETTO TAVOLO GIOVANI PROGETTO TAVOLO GIOVANI Costituzione di un Tavolo di coordinamento con le associazioni di giovani di Cinisello Balsamo e le organizzazioni sociali che compongono il mondo delle realtà giovanili locali

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE VOLONTARIO PROTOCOLLO D INTESA tra PROVINCIA di Cuneo e ENTI LOCALI, CONSORZI, SOGGETTI PUBBLICI, ENTI DEL PRIVATO SOCIALE, PARTI SOCIALI PER LA PROMOZIONE, L ELABORAZIONE, LA GESTIONE DI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE

Dettagli

Alla ricerca dei diritti perduti

Alla ricerca dei diritti perduti AI SIGG. DOCENTI ALLEGATO 1 Concorso Alla ricerca dei diritti perduti REGOLAMENTO Art. 1. Finalità In occasione della celebrazione della Giornata dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza, 20 Novembre

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

Notiziario n. 2 12 ottobre

Notiziario n. 2 12 ottobre Notiziario n. 2 12 ottobre 17 OTTOBRE: Assemblee di classe Come da calendario scolastico, sono convocate le ASSEMBLEE DI CLASSE della scuola primaria Vanzo per Sabato 17 ottobre : 8:45 classe prima 9:30

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA

PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE SCHEDA TECNICA Allegato B CONCORSO DI IDEE #LAMIASCUOLASICURA PER L INDIVIDUAZIONE DI PROPOSTE PROGETTUALI PER LA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NELLE SCUOLE Indicazione soggetto e/o soggetti proponenti: SCHEDA TECNICA ISTITUTO

Dettagli

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto

Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015. Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Prot. 35/2015/Segr. Padova, 12 maggio 2015 Ai Dirigenti Scolastici delle scuole secondarie di secondo grado del Veneto Oggetto: Partecipazione al percorso sperimentale propedeutico alla formale organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura

La buona scuola. Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura La buona scuola Le principali novità introdotte dalla commissione Cultura Nel corso dell esame sul ddl scuola in Commissione, il testo è stato migliorato in molti articoli con il lavoro dei nostri deputati,

Dettagli

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO

Progetto e Concorso nazionale. Articolo 9 della Costituzione. Edizione a.s. 2014-15 BANDO E REGOLAMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Art. 2 Soggetti beneficiari

Art. 2 Soggetti beneficiari BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SU FINANZIAMENTI CONCESSI DA BANCHE CONVENZIONATE ALLE IMPRESE COLPITE DALL ESONDAZIONE DEL FIUME SERCHIO NELLA PROVINCIA DI PISA Art. 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI BREBBIA PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 40 del 25.11.2013 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

Scuola Michele Pironti : la decisione

Scuola Michele Pironti : la decisione Scuola Michele Pironti : la decisione La decisione di ricostruire la Scuola è stato un atto dovuto. La relazione finale sullo stato di sicurezza del vecchio edificio scolastico rilevò un elevato grado

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di

Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Modalità e requisiti per la definizione delle forme di partecipazione e rappresentanza nei tavoli di programmazione partecipata inerenti il Piano di Zona delle Politiche sociali dell Ambito territoriale

Dettagli

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p

L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p Oggetto: L.R. n. 23/2005. Decreto del Presidente della Regione n. 3/2008. Azienda pubblica di servizi alla persona p "Istituto dei ciechi di Cagliari". Attribuzione di quota del Fondo regionale per il

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 11 del 24 febbraio 2005 e modificato con deliberazione C.C. n. 55 del 20 dicembre 2006 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda

L'anno addì.. del mese di, in T R A. La Dr.ssa nata a ( ) il, nella. sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda L'anno addì.. del mese di, in Desenzano del Garda, nella Residenza Municipale T R A La Dr.ssa nata a ( ) il, nella sua qualità di Dirigente del Comune di Desenzano del Garda abilitato alla stipulazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO La Bcc per la scuola

BANDO DI CONCORSO La Bcc per la scuola BANDO DI CONCORSO La Bcc per la scuola La Banca di Credito Cooperativo di Carugate s.c. di seguito la Banca al fine di sostenere la crescita e la diffusione della cultura economica, sociale e civile nei

Dettagli

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta:

PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: CRITERI DI VALUTAZIONE SCRUTINIO FINALE PROPOSTE DI VOTO 1. Ogni docente definisce la propria PROPOSTA DI VOTO per ciascuna delle discipline insegnate e per il voto di condotta: Partendo dalla media matematica

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA

STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA STATUTO DELLA SCUOLA CIVICA DI MUSICA Art. 1 ( Scuola Civica di Musica ) E costituita nel Comune di Villacidro la Scuola Civica di Musica nella forma di cui all art. 114 del D. Lgs.vo n. 267 del 18 Agosto

Dettagli

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore

Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore Finanziaria 2006: misure e provvedimenti inerenti al Terzo Settore a cura di Roberta De Pirro - Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net http://www.sciume.net/ Premessa Dopo un lungo e discusso

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA

PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI. DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA e L INCLUSIONE degli ALUNNI STRANIERI 1. PREMESSA DIREZIONI DIDATTICHE e ISTITUTI COMPRENSIVI CITTA di BOLOGNA Questo protocollo nasce con l intento di pianificare le azioni

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. LUNARDI BRESCIA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO/SOSTEGNO E SALDO DEBITI FORMATIVI (O.M. 92/ 7, D.M. 80/ 07, DPR 122/2009, art. 4.6)) Pagina 1

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PROTOCOLLO OPERATIVO Tra Dipartimento dell Amministrazione Penitenziaria Provveditorato Regionale di Bari e Conferenza Regionale Volontariato Giustizia e Unione Italiana dei Ciechi o.n.l.u.s. Sede Regionale

Dettagli

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012

Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Regolamento dell esame di maturità della Scuola Svizzera1 di Roma del 17 gennaio 20012 Il Consiglio di amministrazione della Scuola Svizzera1 di Roma adotta in esecuzione dell articolo 18 dello Statuto

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE 1 Regolamento Misericordie Storia Fin dalle loro origini, nel 1244 a Firenze, praticando le Opere di Carità, le Misericordie hanno sempre attivamente operato ed operano

Dettagli

1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport. 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi

1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport. 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi [9] 1. Servizio / Ufficio! Sistema Educativo, Formativo e Politiche del Lavoro/Infanzia, Istruzione e Sport 2. Dirigente! Annamaria Diterlizzi 3. Account! Fabrizio Bronzetti 4. Referente per la comunicazione!

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

Il presente bando si divide in due sezioni

Il presente bando si divide in due sezioni BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DELL'OBESITA' E PATOLOGIE CORRELATE ALLA CATTIVA ALIMENTAZIONE, ALLA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE, ALLA

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella VERBALE DEL COLLEGIO DEI DOCENTI DEL GIORNO 12 Giugno 2014 Oggi, 12 giugno 2014 alle ore 10,00, presso l aula magna si è riunito il Collegio Docenti dell Istituto d Istruzione Superiore Q. Sella di Biella

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018

Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 Programma Triennale della Trasparenza e l Integrità della Associazione Sistema Musica - 2015/2018 A cura del Responsabile della Trasparenza, Dott. Mario Bonada Approvato dal Consiglio d Amministrazione

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA

BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA BANDO PREMIO IDEA INNOVATIVA, LA NUOVA IMPRENDITORIALITA AL FEMMINILE QUARTA EDIZIONE ART. 1 FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Roma, in collaborazione

Dettagli

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI Preparazione agli Esami di Stato per Dirigenti di comunità CANDIDATI ESTERNI - ISCRIZIONI 1) I Corsi di preparazione agli Esami per Dirigenti di comunità sono destinati

Dettagli

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale

Copia di Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI FERENTILLO Provincia di Terni Copia di Deliberazione della Giunta Comunale Numero 73 Reg. Data 27-09-13 Oggetto: Concessione residenza artistica presso la palestra della scuola dell'istituto

Dettagli

Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011

Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011 Art. 1 Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011 Per l anno accademico 2010/2011, è istituito, presso l Accademia Nazionale d Arte Drammatica Silvio D Amico, il master

Dettagli