Stato di attuazione dei programmi e degli obiettivi strategici. Verifica al

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stato di attuazione dei programmi e degli obiettivi strategici. Verifica al 31.12.2012"

Transcript

1 Stato di attuazione dei programmi e degli obiettivi strategici Verifica al Approvato con delibera di Consiglio n. 20 del 29 aprile 2013

2 INDICE NOTA ILLUSTRATIVA pag. 3 PROGRAMMA A - L idea di una città e del suo ruolo pag. 15 PROGRAMMA B - La città del benessere pag. 38 PROGRAMMA C - La città del fiore, non la città del cemento pag. 49 PROGRAMMA D - Smuovere la mobilità pag. 57 PROGRAMMA E - La lotta alla rendita pag. 70 PROGRAMMA F - Bilancio, innovazione, personale pag. 82 PROGRAMMA G - Manutenzione e decoro pag. 124 PROGRAMMA H - Una città solida e solidale pag. 142 PROGRAMMA I - Casa, diritto basato sulla giustizia pag. 153 PROGRAMMA L - La scuola: il nostro futuro pag. 159 PROGRAMMA M - Lo sport, diritto di cittadinanza pag. 170 PROGRAMMA N - Una città vivibile e aperta pag. 179

3 NOTA ILLUSTRATIVA Nella vita delle amministrazioni pubbliche l attività di rendicontazione è un passaggio fondamentale perché consente di verificare se e in quale misura i programmi e gli obiettivi approvati sono stati conseguiti in attuazione degli indirizzi politici individuati nei documenti di pianificazione. A questo fine, il vigente ordinamento contabile del Comune di Firenze, in armonia col D.Lgsl. 267/2000, prevede, sia in corso d esercizio che in sede di chiusura, l elaborazione di una relazione generale sullo stato di attuazione dei programmi e degli obiettivi risultanti dai documenti di pianificazione, relazione riferita alla complessiva attività dell ente. La finalità, come detto, è quella di verificare l andamento complessivo sia in corso d opera che al termine (art del Regolamento di contabilità). E dunque alla pianificazione iniziale che occorre riferirsi per le valutazioni a fine esercizio. Per il la pianificazione è stata avviata con l approvazione del Bilancio di previsione e la Relazione previsionale e programmatica all interno della quale assume particolare rilievo il piano degli obiettivi strategici. Al fine di valorizzare la valenza politica della Relazione previsionale e programmatica -14, ciascun programma riprende e attualizza gli indirizzi formalizzati con il Documento Programmatico del Sindaco, esplicitando le priorità politiche attraverso obiettivi strategici e interventi rilevanti. In sostanza i dodici programmi attualizzano i corrispondenti ed altrettanti capitoli del documento programmatico del Sindaco e li declinano in 35 obiettivi strategici. Questi diventano gli elementi centrali sia per definire le priorità su cui concentrare l operato dell Amministrazione, sia per delineare il processo di monitoraggio e valutazione delle performance dell ente. Gli obiettivi strategici individuati per il sono i seguenti: Obiettivi strategici correlati al Programma A L idea di una città e del suo ruolo _ Sperimentare nuovi strumenti di ascolto e partecipazione attiva dei cittadini _ Valorizzare il Calcio Storico _ Valorizzare Palazzo Vecchio _ Rilanciare Forte Belvedere _ Il nuovo Teatro dell Opera di Firenze _ Valorizzare l'autonomia statutaria del Comune Obiettivi strategici correlati al Programma B La città del benessere _ Fare di Firenze una "green city attraverso azioni di sostenibilità ambientale _ Rilanciare il Parco delle Cascine e le aree verdi della città Obiettivi strategici correlati al Programma C La città del fiore _ Sviluppare la mobilità alternativa _ Attuare la politica dei Volumi Zero _ Nuovo Palazzo di Giustizia Obiettivi strategici correlati al Programma D Smuovere la mobilità _ Attuare la nuova mobilità _ Riorganizzare il sistema delle soste e della gestione del traffico 3

4 Obiettivi strategici correlati al Programma E Lotta alla rendita _ Riassetto e regolazione dei mercati su area pubblica nel centro storico, con particolare riferimento all area di San Lorenzo e Piazza del Mercato Centrale _ Migliorare i rapporti con le imprese e facilitare l insediamento di attività produttive e servizi nel territorio comunale _ Gestire le liberalizzazioni in materia di commercio ed altre attività economiche e produttive _ Rilanciare e riqualificare la Fortezza da Basso _ Migliorare e promuovere l immagine di Firenze Obiettivi strategici correlati al Programma F Bilancio, innovazione e personale _ Razionalizzare l uso delle risorse _ Sviluppare e razionalizzare le risorse umane _ Attuare il federalismo municipale _ Riordinare il sistema delle società partecipate _ Promuovere la Firenze digitale Obiettivi strategici correlati al Programma G Manutenzione e decoro _ Combattere il degrado urbano Obiettivi strategici correlati al Programma H Una città solida e solidale _ Integrare i servizi sociali e sanitari attraverso la Società della Salute _ Promuovere l inclusione e la coesione sociale _ Riorganizzare i Servizi integrati di assistenza territoriale (SIAST) Obiettivi strategici correlati al Programma I Casa, diritto basato sulla giustizia _ Sostenere l accesso all abitazione per le fasce più deboli della cittadinanza Obiettivi strategici correlati al Programma L Il nostro futuro _Definire, d intesa col MIUR, gli interventi relativi all ultimazione della statalizzazione dell ISIS Leonardo da Vinci e la realizzazione del Museo nazionale della scuola _ Realizzare interventi di edilizia scolastica e educativa (manutenzione e nuove opere) _ Abbattere le liste d attesa dei nidi Obiettivi strategici correlati al Programma M Lo sport, diritto di cittadinanza _ Organizzare i Mondiali di ciclismo per il 2013 _ Sviluppare e qualificare l offerta di infrastrutture sportive Obiettivi strategici correlati al Programma N Una città vivibile e aperta _ Valorizzare l offerta culturale della città _ Promuovere l accoglienza turistica 4

5 La ricognizione sullo stato di avanzamento dei programmi e degli obiettivi strategici nell ambito del monitoraggio, tipico del ciclo della pianificazione - è avvenuta contestualmente alla verifica degli equilibri di bilancio ed è stata oggetto di approvazione da parte del Consiglio comunale con deliberazione n. 52 del 27 settembre. L organizzazione della Relazione finale rispecchia l impostazione innovativa adottata per la predisposizione della Relazione previsionale e programmatica, approvata dal Consiglio comunale (delibera n. 24 del ) col bilancio di previsione, e ripete lo schema della relazione intermedia. La lettura speculare dei dati permette il confronto immediato tra quanto preventivato e le principali attività realizzate, evidenziando i principali risultati conseguiti, e in definitiva costituisce la base per la valutazione delle performance dell ente, tenuto conto che il Titolo VI del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi individua il piano della performance in un ampio ambito costituito dalla Relazione previsionale e programmatica, dal piano annuale (Piano esecutivo di gestione/piano degli obiettivi). I risultati degli obiettivi di ciascuna direzione saranno oggetto di approvazione nell ambito della Relazione sulla performance Riguardo agli obiettivi strategici, che costituiscono elemento innovativo della pianificazione, va sottolineato che, per procedere alla verifica, ciascuna Direzione è partita dal monitoraggio delle azioni operative, anche di parte investimenti, correlate alle partite strategiche recuperando così gli elementi informativi utili alla rendicontazione. La rendicontazione di ciascuno dei dodici programmi è accompagnata, oltre che dalla parte discorsiva, dai prospetti con l indicazione, per ciascuno dei dodici programmi dei dati finanziari con le entrate e le spese correnti, nelle loro previsioni iniziali e assestate nonché le entrate accertate e riscosse e le spese impegnate e liquidate al termine dell esercizio Ai dati finanziari di parte corrente si accompagnano, sempre per ciascun programma, quelli degli investimenti previsti, validati e finanziati nel nonché l elenco descrittivo delle singole opere, con l indicazione delle motivazioni degli eventuali scostamenti. 5

6 Entrate e spese correnti Le tabelle riportate di seguito comprendono il riepilogo generale delle entrate e delle spese correnti suddivise per programma. Gli accertamenti e gli impegni, rapportati ai valori assestati, attestano una elevata capacità di realizzazione delle entrate pari al 96,3% (97,3% nel 2011) e delle spese pari al 93% (96,5% nel 2011). L analisi dettagliata delle singole voci di bilancio è contenuta nella Relazione illustrativa della Giunta al rendiconto. Riguardo all articolazione per programmi si nota che il Programma F Bilancio, innovazione, personale ha generato il 71,6% di risorse tra entrate tributarie, extratributarie e trasferimenti dell intero ente. Tra queste è compreso l importo della TIA che sino al 2011 è stata riscossa da Quadrifoglio SpA e dal riacquisita direttamente dal Comune. Esso altresì comprende le spese del maggior numero di direzioni oltre ai fondi del personale e agli interessi passivi, con una incidenza del 22,2% sul complesso dei programmi. Gli altri programmi che hanno utilizzato la maggior quantità di risorse finanziarie di parte corrente sono: il Programma G Manutenzione e decoro (21,3%) che comprende la corrispondente voce in uscita della TIA, il Programma D Smuovere la mobilità (18,1%), il programma L Il nostro futuro (14,9%) e il programma H Una città solida e solidale (10,5%). RIEPILOGO GENERALE PER PROGRAMMA DELLE ENTRATE CORRENTI PROGRAMMA INIZIALE ASSESTATO ACCERTATO REVERSALI A - Il ruolo della città , , , ,91 B - La città del benessere , , , ,20 C - La città del fiore , , , ,23 D - Smuovere la mobilità , , , ,27 E - La lotta alla rendita , , , ,99 F - Bilancio, innovazione, personale , , , ,34 G - Manutenzione e decoro , , , ,01 H - Una città solida e solidale , , , ,99 I - Casa, diritto basato sulla giustizia , , , ,66 L - Il nostro futuro , , , ,09 M - Lo sport, diritto di cittadinanza , , , ,33 N - Una città vivibile e aperta , , , ,03 TOTALE , , , ,05 RIEPILOGO GENERALE PER PROGRAMMA DELLE SPESE CORRENTI PROGRAMMA INIZIALE ASSESTATO IMPEGNATO LIQUIDATO A - Il ruolo della città , , , ,82 B - La città del benessere , , , ,76 C - La città del fiore , , , ,08 D - Smuovere la mobilità , , , ,87 E - La lotta alla rendita , , , ,96 F - Bilancio, innovazione, personale , , , ,68 G - Manutenzione e decoro , , , ,39 H - Una città solida e solidale , , , ,81 I - Casa, diritto basato sulla giustizia , , , ,02 L - Il nostro futuro , , , ,47 M - Lo sport, diritto di cittadinanza , , , ,18 N - Una città vivibile e aperta , , , ,42 TOTALE , , , ,46 6

7 Investimenti Nel sono stati redatti e validati investimenti pari a euro ,86 suddivisi fra opere pubbliche per un ammontare di euro ,13 ed altri interventi (acquisto di beni, automezzi tecnologia.) per un ammontare di euro ,73. Gli investimenti validati sono stati finanziati per euro ,24. Si precisa che lo scostamento tra gli interventi redatti e quelli finanziati deriva principalmente dai vincoli di finanza pubblica rappresentati dal patto di stabilità che ha comportato l impossibilità del procedere alla approvazione del progetto e al relativo finanziamento, in quanto il crono programma dei lavori non consentiva il rispetto dei vincoli di finanza pubblica. In alcuni casi (finanziamento degli investimenti con contributi di soggetti pubblici o privati) la mancata assegnazione dell entrata ha comportato l impossibilità di realizzare la progettazione prevista. Gli investimenti validati sono stati finanziati prevalentemente attraverso l accensione di nuovi mutui per euro ,00 (9,89% del totale finanziato), con entrate proprie dell Ente (oneri di urbanizzazione, proventi da alienazioni di beni immobili, residui di anni precedenti, avanzo di amministrazione.) per euro ,15 (46,35% del totale finanziato); infine sono stati utilizzati contributi di altri Enti (Stato, Provincia, Regione, Unione Europea e Trasferimenti da Privati) per euro ,09 (43,76 del totale finanziato. Nella tabella sottostante è riportata l articolazione della spesa validata e finanziata per funzioni: RIEPILOGO INVESTIMENTI PER FUNZIONI 1 FUNZIONI PREVISTO ASSESTATO 1 VALIDATO 2 FINANZIATO 3 percentuale realizzazione (2/1) percentuale funzione su totale validato Amministrazione generale , , ,79 48,76 6,85 2 Giustizia , , ,91 100,00 0,28 3 Polizia locale , ,00 0,00 4 Pubblica Istruzione , , ,95 99,73 8,68 5 Cultura e beni culturali , , ,54 97,44 16,48 6 Sport , , ,48 86,44 18,30 7 Turismo , ,00-100,00 0,96 8 Viabilità e trasporti , , ,52 27,37 25,19 9 Territorio e ambiente , , ,12 83,01 15, Interventi in campo sociale , , ,61 100,00 2,33 Interventi in campo produttivo , , ,00 99,88 2,33 12 Servizi Produttivi , , ,32 33,42 2, , , ,24 53,74 100,00 7

8 Di seguito sono evidenziate le principali spese di investimento validate per ciascuna funzione. - Amministrazione Generale, nella quale sono compresi tutti gli interventi effettuati sul patrimonio dell Ente ed in generale quelli di natura trasversale: Manutenzione straordinaria degli immobili comunali ,34 Acquisizione attrezzature informatiche e varie ,00 Interventi di adeguamento funzionale a piazze e vie ,00 - Giustizia: Palazzo di giustizia (Interventi vari) ,91 - Pubblica Istruzione: Costruzione nuova scuola Italo Calvino ,00 Manutenzione straordinaria plessi scolastici ,75 - Cultura e ai beni culturali: Acquisto attrezzature e beni durevoli ,36 Manutenzione edifici Storici ,74 Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri - Caserma Mameli: Restauro fronti urbani ,00 Ristrutturazione Teatro della Pergola ,27 - Sport: Manutenzione edifici sportivi ,48 Parco sportivo San Bartolo a Cintoia ,00 - Turismo: Ex Scuderie delle Cascine - corpo centrale - centro visite del Parco ,00 8

9 - Viabilità e trasporti: Interventi di manutenzione, riqualificazione dei piani viari ,00 Bike sharing - realizzazione rete stazioni urbane ,00 Impianti semaforici - nuovi impianti e manutenzione straordinaria degli esistenti ,08 Interventi di messa in sicurezza della viabilità dei percorsi dei mondiali di ciclismo ,44 Realizzazione della Tramvia veloce - 1 linea - 2 stralcio ,00 Installazione punti informativi per controllo e riduzione velocità "Progetto David" ,00 - Territorio e ambiente: Interventi di risanamento acustico nei plessi scolastici ,20 Interventi per abbattimento barriere architettoniche ai sensi L.R. 47/ ,00 Trasferimenti alla Regione Toscana per interventi al patrimonio ERP a cura di Casa spa (legge 560/93) ,13 Messa in sicurezza e sistemazione ambientale dell'area all'interno del sito"f1 117 Argingrosso -Le Isolec ,00 Realizzazione giardino area ex Meccanotessile ,00 - Interventi in campo sociale: Acquisto attrezzature per asili nido ,00 Cimiteri comunali Lavori di manutenzione ,00 Centro Polifunzionale per l'accoglienza di richiedenti asilo acquisto arredi e attrezzature ,00 Palazzo Vecchio - asilo nido aziendale ,00 - Interventi in campo produttivo: Manutenzione straordinaria ai mercati comunali ,00 9

10 Nella tabella seguente è riportato il quadro riepilogativo degli investimenti articolati per programma. Previsto Validato Finanziato PROGRAMMA A Il ruolo della città , ,00 PROGRAMMA B La città del benessere , , ,57 PROGRAMMA C La città del fiore , , ,91 PROGRAMMA D Smuovere la mobilità , , ,08 PROGRAMMA E La lotta alla rendita , , ,00 PROGRAMMA F Bilancio innovazione personale , , ,32 PROGRAMMA G Manutenzione e decoro , , ,18 PROGRAMMA H Una città solida e solidale , , ,01 PROGRAMMA I Casa, diritto basato sulla giustizia , , ,60 PROGRAMMA L Il nostro futuro , , ,55 PROGRAMMA M Lo sport, diritto di cittadinanza , , ,48 PROGRAMMA N Una città vivibile e aperta , , ,54 Totale PROGRAMMI , , ,24 Gli investimenti previsti nell annualità non validati rappresentano circa il 46% del previsto assestato. Per ciascuno di questi viene riportata, nelle schede unite a ciascun programma, la motivazione analitica della mancata approvazione della validazione. 10

11 Struttura organizzativa aggiornata al SINDACO Ufficio di Gabinetto Gestione canali di comunicazione Ufficio comunicazione esterna Portavoce Ufficio affari generali e cerimoniale CONSIGLIO COMUNALE Direzione del Consiglio Comunale SEGRETARIO GENERALE Incarico di supporto giuridico amministrativo Direzione Servizi Demografici Servizio Quartieri COORDINAMENTO VICE SEGRETERIA GENERALE Ufficio Segreteria Generale e Affari Istituzionali Servizio contratti e appalti Direzione Avvocatura Servizio assetto e tutela del territorio Servizio lavori pubblici e attività contrattuali Servizio economico, patrimoniale e del pubblico impiego Area di coordinamento Risorse Direzione Risorse Umane Servizi organizzazione e acquisizione risorse Servizio amministrazione del personale Servizio prevenzione e protezione Direzione Risorse Finanziarie Servizio economico-finanziario Servizio entrate Servizio centrale acquisti Servizio società partecipate Servizio recupero evasione fiscale Incarico per l'attuazione della riforma fiscale 11

12 Struttura organizzativa aggiornata al Direzione Patrimonio immobiliare Servizio casa Servizio gestione patrimonio Area di coordinamento Sviluppo Urbano Servizio informatizzazione Direzione Nuove Infrastrutture e Mobilità Servizio mobilità Servizio viabilità Servizio Palazzo di Giustizia Servizio supporto giuridico amministrativo Servizio ufficio tramvia/interventi TAV e autostrade Direzione Urbanistica Servizio pianificazione urbanistica Servizio supporto giuridico-amministrativo Servizio edilizia privata Direzione Servizi Tecnici Servizio gestione e manutenzione Servizio supporto tecnico quartieri e impianti sportivi Servizio belle arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio Area di coordinamento Welfare e Promozione Economica Incarico arredo urbano area UNESCO Direzione Istruzione Servizi all'infanzia Servizio supporto alla scuola Servizio attività educative e formative Direzione Cultura Turismo e Sport Servizio musei comunali Servizio biblioteche, archivi, eventi Servizio promozione economica e turistica Servizio sport Direzione Servizi Sociali Servizio supporto giuridico-amministrativo Servizio famiglia e accoglienza 12

13 Struttura organizzativa aggiornata al Area di coordinamento Programmazione, Sostenibilità e Innovazione Servizio pianificazione controllo e qualità Direzione Sistemi Informativi Servizio supporto giuridico-amministrativo Servizio gestione infrastrutture tecnologiche Servizio sviluppo infrastrutture tecnologiche Servizio statistica e toponomastica Direzione Ambiente Servizio qualità del verde Servizio qualità ambientale Servizio sostenibilità ambientale Incarico management energetico Area di coordinamento Sicurezza e Attività Produttive Direzione Corpo Polizia Municipale Servizio supporto giuridico-amministrativo Vice Comandante Vicario Ufficio Protezione Civile Ufficio Città Sicura Direzione Attività Economiche Servizio attività produttive Servizio commercio aree pubbliche, occupazione suolo pubblico e taxi 13

14 Stato di attuazione dei programmi e degli obiettivi strategici 14

15 PROGRAMMA A L idea di una città e del suo ruolo DESCRIZIONE E MOTIVAZIONE DELLE SCELTE Il programma riguarda quelle attività e iniziative mirate ad aumentare l attenzione per le diverse componenti della realtà cittadina, e le pratiche di ascolto diretto dei cittadini, così come ogni intervento a favore di una reale parità di genere e contro ogni discriminazione. Implica una ricerca continua di un alto livello di partecipazione da perseguirsi, trasversalmente, come obiettivo aggiunto a qualunque azione amministrativa. Le principali aree di azione sono le seguenti: Coinvolgere e ascoltare i cittadini Promuovere sistemi di partecipazione attiva dei cittadini alla gestione della cosa pubblica, sia chiedendo un impegno a tutte le parti politiche ad aprirsi alla città e ascoltare i suoi bisogni e le sue proposte, sia attivando nuovi strumenti di coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali. In un ottica di miglioramento degli strumenti di coinvolgimento e di implementazione delle occasioni di ascolto dei bisogni e delle proposte dei cittadini, si tratta di consolidare e perfezionare, all interno dell Ente, le funzioni di raccordo tra l organo di direzione politica, il collegio dei coordinatori di area e la struttura amministrativa del Comune, definendo e potenziando la cerniera istituzionale necessaria a garantire virtuosamente un processo dinamico di definizione, monitoraggio ed attuazione degli obiettivi strategici dell'azione politico amministrativa del Comune, mediante un sempre più diretto e lineare dialogo operativo tra la "politica" e l'"amministrazione. Rilanciare la città nel contesto nazionale e internazionale Continuando il percorso virtuoso avviato con Palazzo Vecchio, l intento è quello da un lato di valorizzare e incrementare la fruizione del patrimonio artistico e architettonico disponibile, in particolare con il recupero di nuovi spazi in Palazzo Vecchio da destinare alle attività museali e con la messa in sicurezza e riapertura del Forte Belvedere e, dall altro, di realizzare nuove infrastrutture a sostegno del rilancio culturale della città, come il nuovo Teatro dell Opera di Firenze. Sono altresì da richiamare gli interventi di rilevanza urbana, quali quelli in corso sul complesso di S. M. Novella che, a partire dal completamento della Piazza, attraverso la riapertura e la valorizzazione dei chiostri monumentali (compreso il nuovo ingresso al Museo) e la realizzazione del nuovo ufficio di accoglienza turistica per la promozione della città, fino al restauro dei fronti della scuola dei Marescialli su piazza Stazione, sono finalizzati alla migliore leggibilità culturale di un percorso cittadino, percorso che da quest ultima accoglie e conduce il visitatore fino all istituendo Museo del Novecento. Sarà necessario inoltre continuare l attività intrapresa per rilanciare il ruolo di Firenze come città internazionale aperta e attiva nel contesto globale, per cui ben vengano i rapporti internazionali volti alla cooperazione oltre che allo sviluppo delle opportunità offerte dalla città, in ragione sia delle qualità artistiche che delle realtà economiche, e diretti a promuovere il ruolo internazionale di Firenze anche sui temi della ricerca e dell innovazione. Intensificazione del ruolo europeo della città di Firenze, attraverso la partecipazione attiva a reti e partenariati internazionali. Sempre più le città dovranno essere al centro delle politiche europee quale livello di governo più vicino alle popolazioni per la più facile soluzione dei problemi e il superamento sfide future. 15

16 Pari opportunità per tutti Sostenere politiche di pari opportunità significa lavorare per superare le discriminazioni razziali, sessuali, generazionali; significa lavorare per il superamento del divario digitale, per una legalità che non sia solo un concetto astratto e finalizzato all ordine pubblico. Firenze: una città sicura perché libera Una città è più sicura se viva, piena di attività e di gente che - nel rispetto della residenza - ne frequenta i luoghi, ne invade le strade, ne illumina il futuro. La cultura della paura, dominante nella vita sociale non solo italiana degli ultimi decenni, ha prodotto un forte e radicato senso di insicurezza in molti di noi. L idea è quella di una città libera di appartenere, libera di vivere, libera di includere, libera di offrire chance. Una città la cui cittadinanza sia innanzitutto presidio sociale: la cultura della prevenzione sociale costituisce un azione trasversale che richiede l impegno e il coordinamento di diversi settori dell Ente. Fa riferimento ai capitoli 2 e 3 del Documento programmatico. OBIETTIVI STRATEGICI Direzioni coinvolte: Gestione canali di comunicazione; Ufficio di Gabinetto; Servizio pianificazione, controllo e qualità; Urbanistica; Servizi tecnici; Cultura, turismo e sport; Patrimonio; Area sviluppo urbano; Direzione Consiglio Comunale Sperimentare nuovi strumenti di ascolto e partecipazione attiva dei cittadini Finalità da conseguire Stato attuazione al 31 dicembre Attenzione all ascolto dei cittadini con nuovi canali di comunicazione Revisione della rete civica e licenze creative commons. Web 2.0. avvio e diffusione profili Facebook e Twitter del Comune di Firenze, anche attraverso connessioni con la Rete Civica (es. livestream di Twitter in homepage). Sviluppo blog anche in ambito gis (geoblog) e canali interattivi per aree tematiche per discussioni o semplici segnalazioni. Integrazione dei progetti virtuali di fruizione artistico culturale e di eventi. Comunicazione sulla tramvia e sulle opere compensative derivanti dagli accordi con RFI/TAV. Sviluppo di nuove forme di partecipazione orientate al mondo Wiki, ad esempio basate su apps per dispositivi mobili o su strumenti di partecipazione web2.0. Il 9 marzo, la messa on-line della splash page della Rete Civica ha segnato la svolta dei canali web del Comune e l apertura concreta al web 2.0 (profili ufficiali Facebook e Twitter), integrando l emissione di informazioni con il feedback dei cittadini. Tramite un widget di Twitter in Rete Civica, è possibile aggiornare notizie in tempo reale h24. Con lo sviluppo del portale Open Data, è iniziata la creazione di una serie di app tematiche che si interfacciano con la Rete Civica e consentono una costante interazione con i cittadini, anche attraverso una rete di cittadini abilitati a testare le app in anteprima. E stato realizzato il layout grafico per la piattaforma di gestione Eventi, con molteplici funzioni di calendario. La comunicazione sulla tramvia è stata avviata e sono stati pubblicati due numeri sui tre previsti della newsletter. Il terzo 16

17 Promuovere la partecipazione dei cittadini Potenziamento degli strumenti di partecipazione e comunicazione con i cittadini: nuovo programma manutenzioni (Nu.Ma.) e programma Regia e eventuali ulteriori canali di comunicazione e confronto orientati al decoro urbano. numero sarà pubblicato all avvio dei lavori. La comunicazione sulle opere compensative derivanti dagli accordi con RFI/TAV è stata avviata nel maggio nell ambito delle attività previste dal Comitato di Garanzia per la comunicazione e l informazione sul Nodo AV di Firenze. Il numero mensile medio di prese in carico di segnalazioni dei cittadini, con gestione e risposta diretta della problematica da parte dell Ufficio di Gabinetto, è stato pari a 162; quello delle segnalazioni inoltrate e trattate in collaborazione con le Direzioni competenti, è stato pari a 228. Progetto 100 luoghi. Prosecuzione del processo di partecipazione attiva dei cittadini per la pianificazione della Città. Potenziamento dell interazione con l impiego degli strumenti web (sito 2.0, integrazione con i social network) e creazione dei presupposti per continuare la partecipazione tramite forum di discussioni on line. Sviluppo del sistema di monitoraggio strategico e della relativa reportistica del progetto, anche attraverso un applicativo web, per la consultazione del database contenente le informazioni e i dati relativi ai 100 luoghi. La focalizzazione di 100 punti di attenzione sul territorio comunale fornisce, da un lato, una visione effettiva dell operato del Comune, dall altro un utile ed ulteriore strumento sia di trasparenza e confronto con i cittadini (nel luogo l intervento dell Amministrazione diventa tangibile e visibile al cittadino ed esso stesso diventa terreno di dibattito e confronto con l Ente), sia di misurazione degli obiettivi delle singole Direzioni. Per il Progetto 100 luoghi il processo di partecipazione si è svolto con le assemblee pubbliche il 3 ottobre. L evento è stato accompagnato da una mostra multimediale nel Cortile della Dogana (22 settembre 3 ottobre). Il 12 settembre è stata presentata la app 100 luoghi, basata su una piattaforma di aggregazione dei contenuti perfettamente integrata con web (Rete civica) e social network: i cittadini possono inserire contenuti, commenti, segnalazioni e dialogare con l amministrazione. Il sistema per il monitoraggio del progetto 100 luoghi è stato sviluppato attraverso applicativo web con la collaborazione tecnica della Direzione Sistemi Informativi. Col nuovo sistema, è possibile monitorare costantemente tutte le attività inerenti ai 100luoghi utilizzando le informazioni, anche frutto dell ascolto dei cittadini, le immagini, i rendering, presenti in un unico contenitore. Il sistema è stato altresì in grado di produrre la necessaria reportistica utilizzata per lo svolgimento degli incontri del Sindaco con i referenti dei luoghi, per le assemblee di partecipazione del 3 ottobre e quale supporto informativo per l allestimento della mostra sui 100 luoghi in Palazzo Vecchio. 17

18 La partecipazione dei cittadini al governo del territorio Sviluppare in modo innovativo la partecipazione agli strumenti di pianificazione e agli atti di governo del territorio. Potenziare la comunicazione web e la messa in linea di tutti i documenti relativi alla gestione del patrimonio edilizio della città. Potenziare la collaborazione con i soggetti professionali ed i loro rappresentanti e tramite questi con i cittadini. Seguendo quanto già sperimentato con il Piano strutturale tutti gli atti di pianificazione, di particolare rilievo, avviati nel corso dei primi 6 mesi dell anno sono stati oggetto di forme di partecipazione molto ampie, oltre quelle obbligatorie e consuete. Così interventi rilevanti come quelli che interessano l area ex Mercafir (CAP), la Fortezza da Basso, la ex Manifattura tabacchi sono stati oggetto di focus group che hanno visto la partecipazione di tutti i soggetti interessati dagli interventi: i quartieri ed i Comuni contermini, gli ordini professionali, i rappresentanti delle associazioni di categorie, i rappresentanti delle associazioni sindacali e delle associazioni ambientaliste. È stata creata una sezione apposita del sito del Piano strutturale, Attorno al piano strutturale, nella quale vengono costantemente inseriti ed aggiornati tutti i documenti relativi agli strumenti di pianificazione ed alle loro variazioni, e nel quale possono rinvenirsi anche i contributi scritti provenienti dall esterno. I soggetti professionali inoltre sono stati coinvolti costantemente creando un tavolo tecnico di confronto su tutte le questioni di maggior rilievo e con riflesso diretto sulla loro attività. Gli ultimi mesi del sono stati caratterizzati dalla partecipazione degli esiti del lavoro preparatorio del regolamento urbanistico. E stato infatti organizzato un incontro pubblico al quale hanno partecipato gli ordini professionali, ma anche i più vari soggetti, nei quali sono stati presentati un resoconto grafico del lavoro di approfondimento del quadro conoscitivo del piano strutturale e le linee programmatiche da inserire nell avvio del procedimento di approvazione del RU. Il documento Verso il regolamento urbanistico è stato reso disponibile sul nuovo sito del RU creato per seguire l intera attività dei prossimi anni, e per rendere disponibili on line tutti i documenti relativi. 18

19 Valorizzare il Calcio Storico Aumentare la visibilità mediatica del Calcio Storico quale tradizione della città di Firenze. Studiare nuove modalità di prevendita per migliorare l offerta per la manifestazione. Creare il brand Calcio Storico e depositare il marchio per i 4 colori. Valorizzare Palazzo Vecchio L edizione del Calcio Storico ha riscosso un notevole successo grazie all intensa attività di comunicazione e collaborazione con testate giornalistiche, case di produzione cinematografiche e network locali. La prevendita dei biglietti, realizzata anche attraverso l offerta web in lingua inglese/italiano, ha consentito un incremento delle entrate. Il marchio già registrato del Calcio Storico Fiorentino è stato concesso in uso con contratto quinquennale di licenza a titolo oneroso per la produzione di giochi da scatola e per la pubblicazione di un album di figurine. E stata avviata la proposta, portata all attenzione della Giunta, per le modalità di selezione per il nuovo brand commerciale Calcio storico Fiorentino. Aumentare gli spazi destinati a museo Al fine di garantire un sempre maggior livello di fruibilità del Museo di Palazzo Vecchio si prevede l estensione degli spazi dedicati alla funzione museale attraverso lo spostamento degli uffici amministrativi con l obiettivo di razionalizzare e migliorare i percorsi di visita da ampliare anche agli scavi archeologici, alla Torre di Arnolfo, ad alcuni ambienti prospicienti il Cortile della Dogana ed a sale oggi utilizzate con funzioni amministrative. Progetto di allestimento di Tracce per il Museo della città di Firenze. Attuazione del Piano Unitario di Valorizzazione approvato con DGC n. 103 del attraverso gli interventi previsti per il nuovo ingresso allo scavo archeologico (Il Foyer del teatro Romano), l ampliamento del percorso Museale al Terzo piano dell edificio e la realizzazione di un primo nucleo di servizi sul cortile della Dogana (Bookshop e Caffetteria del Museo). La riapertura al pubblico della Torre di Arnolfo consentirà, infine, l inedita lettura della città dalla sua meridiana territoriale. Lo stato di avanzamento dei progetti registra in primo luogo l apertura del nuovo percorso espositivo dedicato alla storia della città Tracce per il Museo della città di Firenze inaugurato il 25 marzo, che ha consentito il primo passo nell ampliamento della superficie dedicata alla fruizione museale di Palazzo Vecchio. L intervento è collaudato e rendicontato all Ente Monte dei Paschi di Siena per l erogazione del contributo concesso nell ambito del bando In tale prospettiva, il 24 Giugno è stato aperto l itinerario di salita alla torre di Arnolfo, che ha già consentito la visita di oltre cittadini e visitatori del Museo e sono stati inoltre avviati gli interventi di recupero funzionale degli ulteriori ambienti adiacenti il cortile della Dogana per la realizzazione del bookshop del Museo. In merito va evidenziata la conclusione della fase di indagini archeologiche propedeutiche alla realizzazione del Foyer del Teatro Romano (biglietteria Museo e accesso alle vestigia del Teatro) resa disponibile previa formalizzazione di 19

20 Rafforzare la vocazione museale di Palazzo Vecchio. Definire il progetto useo logico di Palazzo Vecchio con l obbiettivo primario di valorizzare il patrimonio culturale dell amministrazione comunale attraverso l ampliamento dello spazio di visita al pubblico. Aprire il nuovo allestimento al piano terreno del progetto Tracce con il materiale selezionato dal Museo Firenze com era. Individuare procedure e modelli organizzativi per la gestione degli spazi recuperati al piano terreno per i servizi al pubblico. apposita sponsorizzazione nell ambito del bando Flic, che ha consentito di contenere le modifiche intercorse alla programmazione dell Ente per effetto del rispetto del patto di stabilità interno. Nonostante le modifiche apportate a quest ultima, è proseguita la progettazione delle opere finalizzate all ampliamento del percorso Museale al terzo piano del Palazzo e in prossimità dell area archeologica, unitamente alle attività ritenute fondamentali alla sostenibilità economica delle azioni conservative. Tra queste si registrano l approvazione della proposta di sponsorizzazione finalizzata ad allestire, nel salone de Dugento, l esposizione di alcuni degli Arazzi del ciclo dedicato alle storie di Giuseppe Ebreo nonché a continuare lo scavo archeologico per realizzare il nuovo ingresso museale e per il restauro degli affreschi che ornano il cortile di Michelozzo. Il progetto museologico dell ampliamento dello spazio di visita al pubblico di Palazzo Vecchio,come già detto, ha preso corpo con l apertura di Tracce il 25 marzo, il nuovo allestimento al piano terreno con opere selezionate dal "Museo Firenze com'era", collocato in un locale adiacente l attuale biglietteria, aperto gratuitamente con lo stesso orario del Museo. Nell'ambito delle attività per l'ampliamento e il miglioramento della fruizione delle visite degli spazi museali di Palazzo Vecchio, nel corso del è stata rafforzata la comunicazione riguardante i Musei Civici tramite il Sistema di identità Visiva (c.d. SIV), scelto quale biglietto da visita dei musei comunali fiorentini, includendo anche la Sezione espositiva permanente Tracce e la Torre di Arnolfo. Gli spazi fruibili sono aumentati con l apertura al pubblico della Torre di Arnolfo, rimodulando ed implementando l attività dell Associazione Museo dei Ragazzi. La Torre di Arnolfo è fruibile con la Firenze Card ed è fruibile gratuitamente agli aventi diritto nelle Domeniche del Fiorentino. 20

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2015-2017 A cura del Direttore Responsabile della Trasparenza Erminia Zoppè PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015-2017 Indice

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013. Indice Segretariato Direzione Generale PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2011-2013 Indice 1. Premessa 2 La pianificazione esecutiva di Roma Capitale: 2.1 La Programmazione economico finanziaria: la coerenza tra documenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Cultura Musei e City Branding DIRETTORE QUAGLIA dott.ssa MAURIZIA Numero di registro Data dell'atto 849 10/06/2015 Oggetto : "Acquedotte" - Festival Musicale

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia

11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11. Risorse ed aspetti organizzativi dell'agenzia 11.1 La nuova organizzazione dell'agenzia L'attuazione del disegno organizzativo delineato dal regolamento sull'organizzazione ed il funzionamento dell'agenzia

Dettagli

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO

II - COMPETENZE DELLA REGIONE E DEGLI ENTI LOCALI IN MATERIA DI TUTELA DELL'AMBIENTE DALL'INQUINAMENTO ACUSTICO Legge Regionale n 12 del 20/03/1998 Disposizioni in materia di inquinamento acustico emanata da: Regione Liguria e pubblicata su: Bollettino. Uff. Regione n 6 del 15/04/1998

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE

Tassi di Assenza e di Maggior presenza del personale in servizio presso COMUNE DI SALERNO dal 01 03 2015 al 31 03 2015 GG. LAVORATIVI TOTALE PERSONALE GRECO GIUSEPPE Dirigente DIREZIONE/SEGRETERIA (INGGRECO), EDILIZIA SCOLASTICA, MAN.PATRIMONIO ABITATIVO, MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI, PUBBLICA ILLUMINAZIONE UOPI ASSENZA ASSENZA/ PRESENZA PRESENZA/

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Comune di Sant'Agata sul Santerno

Comune di Sant'Agata sul Santerno CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA SERVIZI GENERALI RESPONSABILE: RAMBELLI STEFANO 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie Area Servizi Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli