Creazione del database cartografico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Creazione del database cartografico"

Transcript

1 Creazione del database cartografico Sorgenti dati Acquisizione Importazione Esportazione Formati GIS esterni Simulazione Modifica Base dati cartografica GIS Analisi spaziale Interrogazione Generazione output Carte interattive 2D Cartografia cartacea WEB-GIS Modelli 3D Grafici Report Integrazione cartografico/ non cartografico

2 Acquisizione dal campo Immagini aeree o satellitari Correzione orientamento e distorsioni Dati raster Dati raster Dati raster Fotografie aeree Scanner Vettorizzazione Digital. heads-up Coordin. e attributi in tabelle Input manuale Digitalizzazione da stereocoppie Rasterizzazione Cartografia cartacea Digitalizzazione Punti sparsi (campion.) Interpolazione Dati vettoriali Dati Dati vettoriali vettoriali

3 Input manuale Inserimento delle coordinate dei punti rilevate sul campo in file di testo che vengono letti dal GIS In alternativa, COGO, Coordinate Geometry, basato sull'input di punti, distanze e angoli derivati da un rilievo con metodi classici (questo tipo di input può essere automatizzato se si fa uso di una total station). E' un metodo preciso, ma piuttosto laborioso Analogamente, data una mappa in versione cartacea, è possibile sovrapporre una griglia trasparente, regolare in materiale indeformabile (Mylar) e inserire a mano il valore delle celle nel GIS (rasterizzazione manuale).

4 Digitalizzazione Puck: dispositivo di puntamento passivo con tasti per comandare il software di digitalizzazione, lente di ingrandimento e linea di fede (crosshair) Tavoletta: ricevitore attivo che determina la posizione della linea di fede mediante accoppiamento elettromagnetico (il rilevatore è una fitta rete di fili percorsi da corrente elettrica). L'utente comanda l'inizio e fine digitalizzazione e segue le linee che vuole digitalizzare con il crosshair La dimensione della tavoletta può andare dal formato A4 al formato A0 (tavolo digitalizzatore)

5 La carta che deve essere digitalizzata viene fissata accuratamente sul tavolo digitalizzatore. Deve essere staccata e riattacata il meno possibile. E' opportuno che sia costituita di materiale indeformabile (Mylar) Il supporto cartaceo possibilmente non deve avere pieghe e non deve essere stato sottoposto a umidità, strappi, eccetera per evitare la presenza di deformazioni Digitalizzazione Deve essere noto il sistema cartografico geodetico usato per stilare la mappa cartacea Si individuano sul supporto punti esterni all'area che deve essere effettivamente digitalizzata di coordinate geografiche note. Tali punti, detti tick marks o punti di registrazione, consentono di effettuare la trasformazione da sistema di coordinate piano della tavoletta alle coordinate geografiche o piane. Occorrono di norma 2 o 3 tick marks, un numero superiore può essere inserito per correggere deformazioni non lineari (ad esempio, acqua caduta sulla cartografia che ha prodotto deformazioni)

6 Digitalizzazione Due tecniche di digitalizzazione: Stream mode: l'utente segue la linea che deve essere digitalizzata e fornisce al software una distanza massima fra due punti, il software scarica automaticamente i punti quando questa distanza viene percorsa (considerando eventualmente anche un angolo massimo di deviazione al di sotto del quale possono essere percorse distanze superiori) Point mode: l'utente indica esplicitamente ogni punto Di norma viene preferito il point mode, consente all'utente di riposare la mano e di decidere autonomamente quale livello di generalizzazione applicare In entrambe i casi le sessioni di digitalizzazione devono essere brevi (non più di 4 ore al giorno) pena la diminuizione dell'accuratezza di posizionamento durante l'operazione

7 Digitalizzazione Trasformazioni da tavolo digitalizzatore a coordinate 2D, a coordinate geografiche, e all'indietro, proiezione e generazione della mappa su video Le procedure di applicazione e inversione delle equazioni di rappresentazione e di cambiamento di dato inducono errori. In special modo i cambiamenti di datum, con errori che arrivano a 8-10 metri nei più diffusi software commerciali (ovvero con una scala nominale compatibile 1:50.000) Cambiare il tipo di proiezione di norma comporta errori trascurabili anche a scale elevate (1:500, 1:1000)

8 Cosa digitalizzare Contesto e obiettivi: per quale motivo si effettua la digitalizzazione e cosa si vuole ottenere (limitazione e scelta dei livelli informativi che occorre digitalizzare) Fonti: usare le fonti di dati con cui si è familiari, per evitare sorprese, nel senso che gli errori insiti in diversi tipi di sorgenti di dati sono diversi, e spesso mancano informazioni di contorno per valutarli Qualità e rendimento: utilizzare il dato di input con l'accuratezza più adatta allo scopo. Deve essere sufficientemente accurato, ma possibilmente non troppo accurato, poiché in genere questo si traduce in un aumento del volume di dati (scala nominale superiore) Congruenza: digitalizzare più strati da una stessa cartografia di base, se possibile, poiché non richiedono ulteriori lavori di messa a punto Specificità: ogni livello digitalizzato deve essere il più specifico possibile (uniformità semantica, semantica precisamente identificata)

9 Quanto digitalizzare E' necessario raggiungere un compromesso fra accuratezza e costo di produzione e gestione (ovvero, quantità di dati inserita) Come si può stabilire una soglia? Quale livello di accuratezza viene richiesto dalle analisi spaziali che giustificano l'operazione di digitalizzazione (questa è una soglia minima, è opportuno pensare anche a bisogni futuri)? Lo strato informativo con scala nominale più bassa determina la risoluzione operativa delle funzioni di analisi spaziale Si può fare anche riferimento alla teoria del trattamento dei segnali: la frequenza di campionamento deve essere pari almeno a due volte la frequenza di variazione del fenomeno sottoposto a rilievo (Shannon)

10 Scanner Dispositivi per convertire una immagine analogica in una immagine digitale Basati sulla riflessione della luce di una lampada rilevata da sensori CCD Possono avere varie dimensioni, essere piani o a trascinamento L'immagine ottenuta deve essere registrata mediante punti di coordinate note, ovvero tick marks (assunto che fosse piana, nel caso di immagine fotografica scannerizzata occorre effettuare anche orientamento esterno, interno, correzione della prospettiva e della quota) Se il documento scannerizzato è basato su linee semplici, algoritmi di thinning, inseguimento e estrazione dei bordi possono creare direttamente una prima versione vettoriale della mappa (vettorizzazione, da tecniche di riconoscimento delle immagini) Scansire, scannare? No, scannerizzare!

11 Digitalizzazione heads-up Digitalizzazione effettuata direttamente a video Richiede una immagine metricamente corretta (ortofoto), o una cartografia scannerizzata Non richiede, al contrario, un costoso tavolo digitalizzatore

12 Vettoriali: procedimento complessivo Scannerizz. + vettorizzazione Dato spaziale Registrazione su sist. geod. cartog. Controllo visivo Correzione errori sui nodi Digitalizzazione Eliminazione coord. in eccesso Correzione distorsioni Dato cartaceo Costruzione topologia Creazione ID Dato non spaziale (attributi) Input in file di testo o tabelle (e verifica) Collegamento ai dati non spaziali Database vettoriale topologicamente corretto

13 Errori sui nodi Pseudo nodi Poligoni aperti, under e over shoot Nodi pendenti (dangling) Etichette mancanti o multiple pseudo-nodo Sliver polygons Poligoni con bordi non semplici (auto-intersecanti) Nota: normalmente i software di editing topologico calcolano una versione planare del grafo di archi in input, poi fanno uso dei label point per stabilire quali sono i poligoni e associare gli ID etichette poligono aperto overshoot undershoot dangling Correzione: fuzzy tolerance (snap automatico dei punti entro una certa distanza) sliver Nodo mancante

14 Armonizzazione Rubber sheeting: applicazione di una trasformazione non lineare a foglio di gomma capace di portare le coordinate di più tick points nella loro posizione corretta. Allo stesso modo, piuttosto che usare dei tick points si può fare riferimento ad un layer di riferimento in cui siano presenti punti o archi in comune con il layer che deve essere corretto (e che ovviamente non saranno esattamente nella stessa posizione) Edge matching: opererazione con cui si fanno combaciare due fogli di mappa adiacenti

15 Validazione attributi Anche gli attributi sono soggetti ad errori di input Si effettuano i seguenti controlli: Automatiche: sul tipo di dato, sul range, sulle relazioni con altri attributi che possono essere legati fra loro (ad esempio, da relazioni fisiche, come umidità pioggia, radiazione solare e temperatura) Statistiche: si verifica manualmente e a campione che gli attributi corrispondano effettivamente al dato cartaceo originale Si verifica inoltre che il collegamento fra dati vettoriali e attributi (corrispondenza degli ID) sia corretto, sempre manualmente e a campione

16 Verifica geometrie Tutte le entità che dovevano essere digitalizzate sono presenti; Non sono presenti entità estranee; Tutte le entità hanno posizione, forma e dimensione corrette (nei limiti del livello di accuratezza scelto, ovvero nei limiti della scala nominale obiettivo); Tutte le entità che si suppone siano connesse lo sono; Tutti i poligoni hanno un label point singolo; Tutte le entità sono interne all'area definita dai punti di controllo.

17 Acquisizione da dati digitali Si possono acquistare o acquisire da altri enti dati in formato digitale. Ci possono essere problemi legati a: Accuratezza posizionale: la scala nominale è compatibile con gli scopi che ci si prefigge? Accuratezza tematica: gli attributi sono sufficientemente corretti? Classificazione: gli attributi possono essere classicati in modo diverso. Ad esempio, alto, medio, basso. Ma con quali soglie? Formato dati: il dato è topologico, è in un formato compatibile, è possibile importarlo senza perdita nel proprio sistema GIS? Spesso non sono disponibili metadati, lo stesso ente produttore dei dati non ha informazioni sulla scala nominale, le soglie di classificazione, eccetera. Sono disponibili standard a livello internazionale per i metadati, ma sono poco seguiti nella pratica a livello locale

18 Qualità del dato geografico Informazioni di contorno sulla natura, composizione, accuratezza, usi, ecc. del dato geografico Elementi di qualità del dato: Genealogia Usabilità Indicatori di qualità Genealogia: Organismo che ha prodotto il dato; Motivo della produzione; Data di produzione; Fonte dei dati Processo di acquisizione ed elaborazione; Formato della banca dati

19 Qualità del dato geografico Usabilità: Organismi che hanno fatto uso della base dati (con riferimenti a responsabili) Applicazioni che hanno fatto uso della banca dati Limitazioni riscontrate nell'utilizzazione pratica Indicatori di qualità (collaudo della carta): Accuratezza posizionale: scostamento massimo fra posizione in cartografia e posizione reale, o errore quadratico medio, incluso il metodo di verifica (ad esempio, campionamento); Accuratezza tematica: scostamento medio o massimo fra dato reale e attributo associato in cartografia, inclusa la tecnica di verifica. Accuratezza temporale: grado di aggiornamento della cartografia (indicando ad esempio la data di ultima modifica e le tecniche usate per mantenere il dato aggiornato, dalla sensoristica alle campagne periodiche di raccolta dati) Congruenza logica: assenza di errori sui nodi, verifica che attributi e geometrie sono complessivamente accettabili Completezza: grado di conformità del dato digitale con la sua fonte in termini di numerosità delle entità (omissioni e eccedenze)

20 Metadati Il dato dovrebbe essere inserito in base dati e distribuito insieme ad un opportuno insieme di metadati, ovvero informazioni che descrivono il dato stesso consentendone un uso informato Le reali caratteristiche del dato sono note soltanto a chi lo ha sviluppato, e i dettagli vengono presto dimenticati Se tali persone non sono più reperibili il dato diventa spesso poco utilizzabile La cosa diventa ancora più complessa per un altro ente che non ha comunque a disposizione le persone in questione Nel seguito sono elencati un insieme di metadati basati sullo standard europeo CEN TC 287, ora acquisiti anche dallo standard internazionale ISO TC 211 (acquistabile on line all'indirizzo Si può prendere in considerazione anche l'insieme di standard statunitensi FGDC, piuttosto seguito a livello di cartografia ufficiale (ad esempio, per i dati scaricabili dallo USGS)

21 Elenco metadati Titolo e descrizione generale Titolo del dataset Eventuali titoli alternativi o abbreviati Sintesi descrittiva del contenuto del dataset Scopo per cui è stato realizzato il dataset Usabilità intesa come lista di utilizzazioni del dataset Schema secondo lo standard CEN o E/R Sistema di riferimento spaziale (ovvero modalità di georeferenziazione del dato, continuo o discreto) Lingua usata nel dataset Documentazione di riferimento (bibliografia) Esempi della banca dati, ovvero immagini che riproducono parte del contenuto della banca dati Elenco delle altre banche dati associate alla banca dati corrente (mediante associazione relazionale) e pensate per essere sfruttate in modo combinato con la banca dati corrente

22 Elenco metadati Qualità complessiva della base dati Genealogia Accuratezza posizionale Accuratezza tematica Accuratezza temporale Congruenza logica Completezza Sistema di riferimento geografico Datum Ellissoide Proiezione Sistema di coordinate

23 Elenco metadati Estensione Periodo di validità del dato (estensione temporale); Stato della banca dati alla data di ultima modifica (completa, incompleta, aggiornata,...) Estensione geografica (come minimo rettangolo contenente i dati geografici) Estensione geografica in termini di aree amministrative coperte (comuni, CAP, eccetera) Estensione verticale, ovvero valori minimo e massimo di quota Descrizione degli oggetti geografici Nome degli oggetti contenuti nello strato informativo Descrizione testuale degli oggetti Codice identificativo usato nel dataset Tipologia di elementi geometrici Numerosità, ovvero quantità di tali elementi nel dataset Accuratezza posizionale dell'oggetto Accuratezza temporale dell'oggetto

24 Elenco metadati Completezza Scala nominale Descrizione degli attributi Nome dell'attributo Descrizione testuale dell'attributo Codice identificativo usato nel dataset (LIT_SUPER) Tipo di attributo Dominio di validità Accuratezza tematica dell'attributo Accuratezza temporale dell'attributo Congruenza logica (insieme dei controlli cui è stato sottoposto il dato)

25 Elenco metadati Gestione del dataset Nome dell'ente o azienda che lo gestisce e distribuisce Nome abbreviato Indirizzo Ruolo (proprietario, gestore, distributore, rivenditore,...) Funzioni istituzionali dell'ente o dell'azienda Personale di riferimento Indirizzo delle persone di riferimento Ruolo delle persone di riferimento Distribuzione Restrizioni all'uso, licenze e copyright; Politica di prezzi (listini) Unità di distribuzione (porzione geografica e livelli informativi) Supporto informatico (floppy,...) Formato (Shapefile, DWG, ecc.)

26 Elenco metadati Accesso remoto tramite web Modalità d'ordine Servizio di assistenza con relativi riferimenti Informazioni sui metadati Data di creazione dei metadati Data dell'ultimo aggiornamento Data della prossima revisione Lingua/e utilizzata/e per i metadati

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile...

Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI. Obiettivi del libro...xi. Struttura del libro...xii. Convenzioni di stile... - Sommario - SOMMARIO PRIMA PARTE - INTRODUZIONE Introduzione...IX Gli autori: Gabriele Congiu e Giovanni Perego...XI Obiettivi del libro...xi Struttura del libro...xii Convenzioni di stile...xii Breve

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica

I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I principali formati digitali di codifica dell informazione geografica I formati digitali di registrazione dell informazione geografica L informazione geografica digitale può essere archiviata secondo

Dettagli

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione

tratta dati dotati di una forma geometrica, per cui ha senso parlare di forma e posizione Sistemi informativi e GIS Sistema Informativo: insieme di strumenti per raccogliere, immagazzinare, elaborare, ricercare e presentare informazioni relative ad un determinato ambito applicativo (contabilità,

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Come si assegnano le coordinate?

Come si assegnano le coordinate? Come si assegnano le coordinate? Ma come vengono assegnate le coordinate ad una mappa?. Mappa di nuova produzione definisco all inizio il sistema di coordinate. Mappa già esistente ma non riferita ad sistema

Dettagli

Collaudo DBT 2K Agg. RT

Collaudo DBT 2K Agg. RT Tre porzioni territoriali + estensione Circa 100000 ha di aggiornamento e 10000 ha di exnovo Per ogni porzione territoriale due consegne in corso d opera, al termine di fasi intermedie di lavoro, e una

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

Quando Il GIS può intervenire in tutte le fasi della pianificazione quale STRUMENTO di SUPPORTO.

Quando Il GIS può intervenire in tutte le fasi della pianificazione quale STRUMENTO di SUPPORTO. GIS Le attività di pianificazione e gestione presuppongono l'utilizzo di un gran numero di informazioni. I dati raccolti devono essere analizzati e rappresentati per meglio cogliere le loro specificità.

Dettagli

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8

SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO SISTEMI ESPERTI PER LE EMERGENZE UMANITARIE SUPPORTO GRAFICO CAPITOLI 7-8 PROF. ARCH. EMANUELE SANTINI MARZO

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Con il patrocinio di PROGRAMMA DEL CORSO (50 ORE) LEZIONE 1 Sabato 19 novembre 2011 Ore 8:30-10:30 - presentazione del corso - Introduzione

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE PRESENTA: SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E PIANIFICAZIONE TERRITORIALE II EDIZIONE ANNO 2012 Con il patrocinio di Presso la sala conferenze Hotel Dragonara, Via Pietro Nenni 280, 66020 San Giovanni Teatino

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D

Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D Cad e Gis: i formati (wiki) Computer-Aided Drafting, supporto dell'attività di disegno tecnico (drafting) creazione di un modello, tipicamente 2D Computer-Aided Design, supporto dell'attività di progettazione

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

Gabriele Congiu. AutoCAD Map 3D CARTOGRAFIA DAL CAD AL GIS. GC edizioni

Gabriele Congiu. AutoCAD Map 3D CARTOGRAFIA DAL CAD AL GIS. GC edizioni Gabriele Congiu AutoCAD Map 3D CARTOGRAFIA DAL CAD AL GIS 2010 2011 GC edizioni Copyright 2011 by GC edizioni tutti i diritti riservati GC edizioni Sede legale Via Genova, 23 09045 Quartu Sant Elena (CA)

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI E GOVERNO INTEGRATO DEL TERRITORIO: INTRODUZIONE ALLE BASI DATI GEOGRAFICHE Rev. 0 03/06/2014 Arch. Chiara Dell Orto IL SIT NON È UNA TRADIZIONALE CARTOGRAFIA DISPONIBILITÀ

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica

Comune di Empoli. Settore III Politiche Territoriale. Servizio Urbanistica Comune di Empoli Settore III Politiche Territoriale Servizio Urbanistica VARIANTE PARZIALE DI MINIMA ENTITÀ AL VIGENTE REGOLAMENTO URBANISTICO RU PER L INFORMATIZZAZIONE DELLA STESSO CON TECNOLOGIA GIS,

Dettagli

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE

DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE DESCRIZIONE E GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL SISTEMA DI METAINFORMAZIONE ON-LINE Del geolab Laboratorio di Geomatica del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Ambientali Forestali dell Università degli Studi

Dettagli

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT)

Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Accesso ai dati e ai servizi geografici disponibili nella Infrastruttura per l Informazione Territoriale della Lombardia (IIT) Versione 8.0 Marzo 2014 CRONOLOGIA DELLE RELEASE: Numero Data di release emissione

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Use of the GIS Software. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Use of the GIS Software Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL GIS Modulo 3 Uso di un software GIS. Il syllabus descrive, attraverso i risultati

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 8. Cartografia digitale Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Aspetti generali Organizzazione

Dettagli

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica.

Dati geografici. Lezione 2. Modelli di dati. Umberto Vesco. Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica. Dati geografici Lezione 2 Modelli di dati Umberto Vesco Corso di Elementi di ecologia applicata alla pianificazione faunistica 3 Maggio 2006 Parte I Dati geografici Definizione di dato geografico sono

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS

MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS MANUALE DI GESTIONE DEI DATI GEOGRAFICI CON IL SOFTWARE QUANTUM GIS Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Approvato: Versione: 1.0 Distribuito: 01/08/2013 1 INDICE 1. INTRODUZIONE..3 2. PRIMI PASSI.....4

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

Corso GIS Open Source QGIS Base Introduzione ai GIS e apprendimento software Open Source QGIS

Corso GIS Open Source QGIS Base Introduzione ai GIS e apprendimento software Open Source QGIS www.terrelogiche.com Corso GIS Open Source QGIS Base Introduzione ai GIS e apprendimento software Open Source QGIS >>Castel San Vincenzo (Isernia) Centro Visita Parco Nazionale d Abruzzo, Lazio e Molise

Dettagli

Il ridisegno La scelta di ridisegnare l OA può essere dettata almeno da due motivazioni principali : - stato del supporto cartaceo dell OA ;

Il ridisegno La scelta di ridisegnare l OA può essere dettata almeno da due motivazioni principali : - stato del supporto cartaceo dell OA ; CARTA GEOLOGICA D ITALIA 1:50.000 - BANCA DATI GEOLOGICI 81 4. - REALIZZAZIONE DELLA BANCA DATI Per standardizzare la produzione delle nuove informazioni geologiche, garantendo un livello comune di accuratezza

Dettagli

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati Triangulated Irregular Network Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati raster classiche: sono a

Dettagli

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009

2 GIS Day Ticino 2009. 6 novembre 2009 6 novembre 2009 MATTINO GIS e CAD: missione impossibile? GIS versus CAD GIS e CAD: come lavorare insieme Dal dato alla cartografia Pausa caffè Mappare il crimine: : ArcGIS e Crime Analyst presso la Polizia

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS Componenti

Dettagli

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1

DEFINIZIONE di CARTA. Carta di Mercatore Schermata ArcView. Generalità sulle carte e sui GIS 1 DEFINIZIONE di CARTA Carta di Mercatore Schermata ArcView Una carta geografica non è altro che una figura piana, che rappresenta la superficie della Terra o una sua porzione (Lagrange 1736-1813) Generalità

Dettagli

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio

Introduzione ai GIS. Potenzialità e limiti & software in commercio Potenzialità e limiti & software in commercio Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cos è un GIS (Geographic Information System)? [SIT

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

ArcView 8.3 2- strumenti di editing

ArcView 8.3 2- strumenti di editing ArcView 8.3 2- strumenti di editing Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco@geomatica.como.polimi.it http://geomatica.como.polimi.it - tel +39.031.332.7524 22/10/04 -

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

09/11/2009. Requisiti della base di dati. Schema concettuale. Schema logico. Schema fisico. Progettazione concettuale. progettazione logica

09/11/2009. Requisiti della base di dati. Schema concettuale. Schema logico. Schema fisico. Progettazione concettuale. progettazione logica Corso di Basi di Dati Spaziali Progettazione concettuale e progettazione logica Angelo Montanari Donatella Gubiani Progettazione di una base di dati È una delle attività svolte nell ambito del processo

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche

23 ore 10,00 11, 00 Webcast online Creazione e modifica di entità geografiche OGGETTO: Proposta di iniziative per APC (Art. 4 del Regolamento APC) Sida Informatica & Blumatica Autodesk Authorized Value Added Reseller, Società Leader nel campo dei Sistemi Informativi Territoriali,

Dettagli

Introduzione ad ArcView

Introduzione ad ArcView Introduzione ad ArcView A. Albertella F. Migliaccio Politecnico di Milano - Campus Leonardo Piazza Leonardo da Vinci 32, Milano alberta@geo.polimi.it federica@geo.polimi.it 18-21 febbraio 2002 Introduzione

Dettagli

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Stato del documento Redatto Approvato Funzione Team di progetto Geoportale nazionale Responsabile

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

mercoledì 3 giugno 2015 M.P.M. Ambiente s.r.l. 1

mercoledì 3 giugno 2015 M.P.M. Ambiente s.r.l. 1 Moderne tecniche per: prove di tenuta, pulizia di condotte fognarie con getti ad alta pressione, riparazioni puntuali, videoispezioni e videoispezione con georeferenziazione del tracciato" mercoledì 3

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

martedì 1 ottobre 2013 M.P.M. Ambiente s.r.l. 2

martedì 1 ottobre 2013 M.P.M. Ambiente s.r.l. 2 Moderne tecniche per: prove di tenuta, pulizia di condotte fognarie con getti ad alta pressione, riparazioni puntuali, videoispezioni e videoispezione con georeferenziazione del tracciato" martedì 1 ottobre

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software

Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software Software AutoCAD Map 3D - lezione 0 Introduzione al software 1) Nome del software AutoCAD Map 3D 2) Genealogia del software Software sviluppato da Autodesk e basato su AutoCAD, di cui contiene tutte le

Dettagli

Reperimento e visualizzazione di dati Raster

Reperimento e visualizzazione di dati Raster Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Dati raster Un dato fondamentale per le analisi GIS sono i cosiddetti Digital Terrain Model (DTM),

Dettagli

RETIDEA Sistema informativo per la mappatura digitalizzata delle reti idriche sul campo

RETIDEA Sistema informativo per la mappatura digitalizzata delle reti idriche sul campo RETIDEA Sistema informativo per la mappatura digitalizzata delle reti idriche sul campo Azienda con sistema di qualità certificato UNI ISO EN 9001/2000 RETIDEA è stato progettato affinché l uso di uno

Dettagli

PointCloud 7.0 Anno 2011

PointCloud 7.0 Anno 2011 PointCloud 7.0 Anno 2011 Compatibilità con AutoCAD 2007-2012 ed AutoCAD 2007-2012 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità

Dettagli

Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale

Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale Analisi e pianificazione del Territorio Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie agrarie Curriculum Agroingegneria Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale CARTOGRAFIA GPS

Dettagli

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1

I Sistemi Informativi Geografici. Laboratorio GIS 1 I Sistemi Informativi Geografici Laboratorio GIS 1 Sistema Informativo Geografico Strumento computerizzato che permette di posizionare ed analizzare oggetti ed eventi che esistono e si verificano sulla

Dettagli

Il problema è di modellizzare tali dati geografici in modo da gestirli poi automaticamente con pacchetti software.

Il problema è di modellizzare tali dati geografici in modo da gestirli poi automaticamente con pacchetti software. ESEMPI DI MODELLIZZAZIONE DI DATI GEOGRAFICI Il tema di cui vogliamo occuparci è la modellizzazione dei dati geografici, intendendo con questo termine un qualsiasi dato-fenomeno che possa essere georeferenziato,

Dettagli

GPS Global Positioning System

GPS Global Positioning System GPS Global Positioning System GNSS GNSS Global Navigation Satellite System Il GNSS (Global Navigation Satellite System) è il sistema globale di navigazione satellitare basato sul sistema statunitense GPS

Dettagli

PROGETTO E REALIZZAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

PROGETTO E REALIZZAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI PROGETTO DATABASE 1 Filippo Licenziati PROGETTO E REALIZZAZIONE DI SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI il database PROGETTO DATABASE 2 PROGETTO S.I.T. STUDIO DI FATTIBILITÀ ANALISI DEI DATI PROGETTO DEL DATABASE

Dettagli

Indice Manuale di Utilizzo

Indice Manuale di Utilizzo Pag.1 di 57 Indice Manuale di Utilizzo 1. PORTALE DEL SISTEMA INDICATORI 3 1.1. Manuale 3 2. COME EFFETTUARE RICERCHE SU INDICATORI 4 2.1. Utilizzare il Catalogo Indicatori 4 2.1.1. Specificare i criteri

Dettagli

Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese. Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T.

Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese. Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T. Presentazione progetto S.I.T. del Comune di Varese Autore: Geom. Michele Giudici Responsabile Ufficio S.I.T. 1 Nel corso del 2008, l Ufficio S.I.T. ha presentato un progetto per la realizzazione del Sistema

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

PointCloud 6.0 Anno 2010

PointCloud 6.0 Anno 2010 PointCloud 6.0 Anno 2010 Compatibilità con AutoCAD 2011 Supporto del formato nativo delle nuvole di punti di AutoCAD (PCG) e miglioramento delle performance riguardo la velocità di visualizzazione e le

Dettagli

Catastale. Baricentrica

Catastale. Baricentrica L evoluzione delle tecniche di georeferenziazione delle mappe e di riconfinazione CorrMap Il software leader in Italia per le georeferenziazioni e le riconfinazioni 25 anni di esperienza su questa materia,

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 Teleview aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA Pagina 1 Sommario 1. Descrizione generale... 3 2. Installazione... 4 3. Tipi

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Map Algebra Cod.735 - Vers.E57 1 Definizione di Map Algebra 2 Operatori locali 3 Operatori zonali 4 Operatori focali 5 Operatori

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio e della Sicurezza

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

GIS & TELERILEVAMENTO

GIS & TELERILEVAMENTO Febbraio 2006 PROPOSTA PER UN CORSO GIS & TELERILEVAMENTO IN DUE LIVELLI (BASE ED AVANZATO) PRESSO L ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA D AGRIGENTO s.r.l. Via Massaua 12, 70123 Bari INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

riparazioni pc in laboratorio

riparazioni pc in laboratorio mail amministrativa: amministrazione@tecnodesign.biz sito web ufficiale: nei cicli formativi, ci proponiamo di perseguire l obiettivo di creare una mentalità della MISURA, per trasformare il modus operandi

Dettagli

Analisi Grafica Manuale d uso

Analisi Grafica Manuale d uso Analisi Grafica Manuale d uso S.r.l. P.zza L. da Vinci, 7 20133 Milano tel: +39 2 2367490 e-mail: info@maind.it web: www.maind.it 1 Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Uso del programma... 3 1.2. Il menù

Dettagli

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI

VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE. Paolo Mantini TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Paolo Mantini VETTOR DAL BITMAP AL VETTORIALE TEORIA E PRATICA DELLA CONVERSIONE DELLE IMMAGINI DA RASTER A VETTORIALI Introduzione Ritengo utile cominciare questo CD-Book definendo cosa significa vettorizzare

Dettagli

Cartografia digitale

Cartografia digitale Cartografia digitale Cartografia digitale Paolo Zatelli Departimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1 / 30 Cartografia digitale Outline

Dettagli

Mappatura delle coperture in cemento-amianto

Mappatura delle coperture in cemento-amianto Piano Regionale Amianto della Lombardia Mappatura delle coperture in cemento-amianto Conferenza Regionale Amianto 2008 Le aree interessate dalla mappatura: Area Kmq Olona 653 Valtrompia 63 Valcamonica

Dettagli

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO

UNIVERSITA degli STUDI di ROMA TOR VERGATA. Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Media Partner In convenzione con Partner Tecnologico MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Geoinformazione e Sistemi di Informazione Geografica a supporto dei processi di Gestione Sostenibile del Territorio

Dettagli

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO

RELAZIONE DI FINE TIROCINIO Dipartimento di Ingegneria Civile Laura Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali A.A. 2014-2015 RELAZIONE DI FINE TIROCINIO INTRODUZIONE ALL'USO DEL SOFTWARE GIS UDIG Tirocinante:

Dettagli

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI

RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI RILIEVO E DIGITALIZZAZIONE DI RETI INFRASTRUTTURALI SPECIFICHE TECNICHE versione 3.0 vom 10.09.2010 Prospetto: Specifiche tecniche Premessa Formato dei file Sistema di riferimento Precisione metrica Modello

Dettagli

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Daniele Moretto Approvato: Daniele Moretto Versione: 1.0 Distribuito: 06/05/2013 1 INDICE

Dettagli

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni:

Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: 1 - FILE FIGURA 1.1 Il menu File contiene tutti i comandi relativi alle seguenti operazioni: - apertura e salvataggio di disegni nuovi ed esistenti; - spedizione di disegni tramite email; - collegamento

Dettagli

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D)

ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI. (Visione 3D) ESTRAZIONE DI DATI 3D DA IMMAGINI DIGITALI () Calcolo delle corrispondenze Affrontiamo il problema centrale della visione stereo, cioè la ricerca automatica di punti corrispondenti tra immagini Chiamiamo

Dettagli

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi

ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi ArcGIS Desktop III: Processi ed analisi Introduzione Introduzione... vi Obiettivi del corso... vi Utilizz del manuale... vi Ulteriori risorse... vii Installazione dei dati del corso... vii 1 Workflow del

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE.

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. 5 febbraio 2010 1 Esigenze del cliente Per la gestione

Dettagli

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000

Fornitura di data base topografici dei centri urbani e aree abitate della Sardegna, alla scala 1:2.000 e 1:1.000 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO

Dettagli

9. PROGETTIAMO UN GIS

9. PROGETTIAMO UN GIS 9. PROGETTIAMO UN GIS 9.1 Introduzione Abbiamo approfondito nei capitoli precedenti le singole componenti di un SIT, le funzioni necessarie nelle diverse fasi di elaborazione dei dati, la generazione di

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

Coordinamento e supervisione: Cavazza Claudio

Coordinamento e supervisione: Cavazza Claudio Popolamento, in aree pilota, di un database cartografico delle attività del Servizio e sperimentazione sulla catalogazione e distribuzione del dato, attraverso l'infrastruttura cartografica regionale Incaricato:

Dettagli

Michael C. Johnson, CEO Advanced Career Development. Autodesk SpA Strada 4, Palazzo A5 20090 Milanofiori Assago Milano

Michael C. Johnson, CEO Advanced Career Development. Autodesk SpA Strada 4, Palazzo A5 20090 Milanofiori Assago Milano Quando i clienti ci presentano vecchi disegni che potrebbero essere rimasti chiusi in un cassetto per 30 anni, è bene avvertirli che la qualità dei disegni potrebbe essersi deteriorata a causa del tempo,

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Cartografia, Cartografia Numerica e GIS

Sistemi Informativi Territoriali. Cartografia, Cartografia Numerica e GIS Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Cartografia, Cartografia Numerica e GIS Cod.223 - Vers.E3F 1 Rapporti tra cartografia e GIS 2 Cartografia Numerica 3 Utilizzo della

Dettagli

Autodesk Map 3D GABRIELE CONGIU DAL CAD AL GIS TRIDIMENSIONALE. GC edizioni

Autodesk Map 3D GABRIELE CONGIU DAL CAD AL GIS TRIDIMENSIONALE. GC edizioni Autodesk Map 3D DAL CAD AL GIS TRIDIMENSIONALE GABRIELE CONGIU GC edizioni SOMMARIO SOMMARIO PRIMA PARTE - INTRODUZIONE Introduzione...XV Dalla cartografi a al GIS...XV Obiettivi del libro...xvii Struttura

Dettagli

CATASTO TERRENI CATASTO EDILIZIO URBANO. Registri. Registri. Mappe. Planimetrie

CATASTO TERRENI CATASTO EDILIZIO URBANO. Registri. Registri. Mappe. Planimetrie CARTOGRAFIA NUMERICA CATASTALE La cartografia catastale è di grande importanza perché è l'unica cartografia a grande scala che si estende a ricoprire tutto il territorio nazionale. Il Catasto raccoglie

Dettagli

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO

CORSO GIS BASE PROFESSIONE ARCHITETTO CORSO GIS BASE La Fondazione Centro Studi e Ricerche Professione Architetto organizza un Corso di GIS livello base, della durata di 36 ore. G.I.S. (Geographic Information System) è un sistema informativo

Dettagli