GUIDA AGLI AFFARI E AGLI INVESTIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA AGLI AFFARI E AGLI INVESTIMENTI"

Transcript

1 Ufficio di Lubiana Sezione per la promozione degli scambi dell'ambasciata d'italia SLOVENIA GUIDA AGLI AFFARI E AGLI INVESTIMENTI Marzo 2015

2 INDICE PROFILO PAESE...1 QUADRO MACROECONOMICO...2 COMMERCIO ESTERO...5 INVESTIMENTI...7 RAPPORTI ECONOMICI ITALIA E SLOVENIA...13 COMMERCIO ESTERO...14 INVESTIMENTI...15 AMBIENTE D AFFARI...17 SISTEMA PRODUTTIVO...17 SISTEMA BANCARIO...19 SISTEMA FISCALE...22 Imposta sul reddito delle persone giuridiche...23 Imposta sul reddito delle persone fisiche...23 Accise...25 COSTI OPERATIVI IN SLOVENIA...25 Costo affitto locali e terreni...25 Certificato energetico...26 Costo del lavoro...27 Costo consumi energetici...28 INCENTIVI PER GLI IDE...30 INCENTIVI FINANZIARI PER IDE CON BANDO PUBBLICO...30 INCENTIVI FINANZIARI PER IDE SENZA BANDO PUBBLICO...31 INCENTIVI LOCALI SPECIALI...32 PRESTAZIONE DI SERVIZI E COSTITUZIONE IMPRESA IN SLOVENIA...34 PRESTAZIONI OCCASIONALI DI SERVIZI...34 CODICE FISCALE O PARTITA IVA...34 FORME SOCIETARIE IN SLOVENIA...34 COSTITUZIONE DI UN IMPRESA...36 Imprenditore autonomo (samostojni podjetnik - s.p.)...36 Società in nome collettivo (družba z neomejeno odgovornostjo - d.n.o.)...37 Società in accomandita semplice (komanditna družba - k.d.)...37 Società tacita (tiha družba - t.d.)...37 Società a responsabilità limitata (družba z omejeno odgovornostjo - d.o.o.)...37 Società per Azioni (delniška družba - d.d.)...39 Società per Azioni Europea (evropska delniška družba - SE)...39 Società in accomandita per azioni (komanditna delniška družba - k.d.d.)...39 Filiali (podružnice)...40 CONTATTI...41

3 PROFILO PAESE INFORMAZIONI DI BASE Superficie km2 Capitale Lubiana (ab , dati II semestre 2014) Principali città Paesi confinanti Oltre a Lubiana, Maribor, Kranj, Koper, Celje, Novo mesto, Nova Gorica Italia, Austria, Ungheria, Croazia Popolazione (dati ottobre 2014) di cui 49,55% uomini, 50,45% donne di cui 0-14 anni (14,7%), anni (67,6%), oltre 65 anni (17,7%) di cui cittadini stranieri (4,9%), in particolare bosniaci, kosovari, macedoni serbi e croati Densità della popolazione 101,7 abitanti / km2 Gruppi etnici Sloveni (87,8%), Croati, Serbi, Bosniaci ecc. (censimento 2002) Lingua ufficiale Sloveno, nelle zone bilingue anche italiano e ungherese Religioni Cattolica (57,8%), Ortodossa (2,3%), Musulmana (2,4%), altre (27,4%), atei (10,2%) (censimento 2002) Membro Valuta EU, Schengen, NATO, ONU, BERS, OCSE, ILO, WTO ecc. Euro (dall 1/1/2007) PIL milioni di euro (dati 2014) PIL pro capite euro (dati 2014) Salari medi 1.540,25 euro lordi, 1.005,41 euro netti (dati 2014) Debito pubblico 80,9% del PIL (dati 2014) Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 1 Marzo 2015

4 La Slovenia è un paese giovane, divenuto indipendente dalla Federazione jugoslava (di cui faceva parte dal 1945) nel Inizialmente considerato tra i Paesi in transizione, ossia i Paesi dell Europa centro-orientale impegnati nella liberalizzazione della propria struttura economica, la Slovenia ha compiuto notevoli progressi per adeguarsi ai modelli economici occidentali. Nel 1992 il paese ha ottenuto il riconoscimento da parte dell UE, il 22 maggio 1992 è diventato membro dell ONU, nel 1994 il paese ha aderito al GATT, divenendo membro del OMC (WTO) e due anni più tardi, nel 1996, è entrato a far parte del CEFTA (Central European Free Trade Agreement). Nel 2004 ha raggiunto i suoi principali obiettivi, aderendo il 29 marzo alla NATO e il 1 maggio alla UE. Nel 2007 la Slovenia ha fatto ulteriori passi nell ambito dell integrazione UE, aderendo il 1 gennaio all'area euro e il 21 dicembre all area Schengen. Dal 1º luglio 2010 la Slovenia è membro dell OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico). PERCHE SLOVENIA Nonostante il mercato sia di dimensioni limitate (due milioni di abitanti), il Paese offre una serie di vantaggi competitivi, connessi alla sua posizione geografica e alle sue vicende storico-politiche: Contiguità geografica con l Italia. Crocevia tra due importanti corridoi paneuropei (il Corridoio V da ovest a est e il Corridoio X da nord a sud), che la rendono una porta di accesso privilegiata verso i Balcani occidentali cui è legata da una forte conoscenza del mercato, della lingua, delle tradizioni e della cultura. Buon livello delle infrastrutture, soprattutto stradali (750 chilometri di autostrade e strade veloci con due connessioni autostradali con l'italia), portuali (Porto di Capodistria) e di telecomunicazione, oltre a chilometri di ferrovie da modernizzare e all'aeroporto di Lubiana/Brnik (privo di collegamenti diretti con l Italia). Manodopera qualificata e altamente produttiva, arricchita dalla presenza delle minoranze linguistiche italiana e ungherese. Favorevole tassazione sugli utili delle imprese (17%). QUADRO MACROECONOMICO Dalla fine del 2013, la Slovenia ha ripreso a crescere. La fase di profonda recessione, iniziata nel 2009 con una contrazione del PIL del 7,8%, seguita da anni di debole crescita (+1,2% nel 2010 e +0,6% nel 2011) e nuova flessione (-2,6% nel 2012 e -1% nel 2013) sembra attualmente superata. Secondo gli ultimi dati disponibili (European System of Accounts ESA 2010), nel 2014 il PIL ha raggiunto i 37,25 miliardi di euro ( euro pro capite), registrando un +2,6%. L IMAD (Istituto per le analisi macroeconomiche e lo sviluppo) ha corretto su questa base le proprie previsioni (+2,4% per il 2015 e +2,0% per il 2016). A trainare la crescita sono state soprattutto le esportazioni e gli investimenti pubblici sostenuti dai fondi europei. Alla composizione del PIL hanno contribuito il settore dei servizi per il 65%, quello industriale per il 32,8% e l'agricoltura per il 2,2%. L'economia è fortemente export-oriented e tanto le esportazioni (61,9% del PIL sloveno) quanto le importazioni di beni (60,9% del PIL) rimangono voci positive. Il marcato incremento delle esportazioni (+7,0%), rispetto alla più moderata crescita delle importazioni (+2,6%) ha portato nel 2014 il saldo, tradizionalmente negativo, in positivo (+366 milioni di euro). L'inflazione media, all'1,8% nel 2013, è scesa allo 0,2% nel Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Slovenia hanno raggiunto nel 2013 (standard BPM6) un valore complessivo di 8,93 miliardi di euro (-3,5% e -322,7 milioni di euro rispetto al 2012). Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 2 Marzo 2015

5 Andamento del PIL sloveno in % dal 1996 al 2014 (ESA2010) Variazione PIL in % ,9 5,7 5,1 5,3 4,2 4,4 3,5 3,8 4,0 3,3 3,3 2,9 2,8 2,6 1,2 0, ,0-2, Anno -7,8 Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 La produzione industriale nel 2014 è aumentata del 2,2% (contro il -0,9% del 2013), sopratutto grazie alle attività manifatturiere, che hanno registrato una crescita del 4,2% e un valore della produzione di quasi il 20% del PIL (7,33 miliardi di euro). In calo invece l'attività mineraria (-4,2%) e la produzione di elettricità, gas e vapore (-13,6%). La domanda interna ha registrato un aumento dello 0,8% rispetto al Sono aumentati i consumi privati (+0,3%) e gli investimenti fissi lordi (+4,8%), mentre risultano in calo i consumi pubblici (-0,5%). Tra i settori che hanno registrato la maggiore crescita ci sono il settore edile (+10,9%), l'agricoltura, la silvicoltura, la pesca (+6,6%) e il manifatturiero (+4,9%). Il tasso di inflazione ha registrato un forte rallentamento, attestandosi allo 0,2% (rispetto all'1,8% del 2013), dovuto sopratutto ai prezzi dell'assicurazione sanitaria (+31,3%, con un impatto di +0,35 punti percentuali), servizi turistici (+10,2%, con un impatto di +0,30 punti percentuali) e tabacchi (+5,8%, con un impatto di +0,22 punti percentuali). Impatto negativo sulla crescita dei prezzi hanno avuto invece i derivati del petrolio (contrazione di oltre il 5% e impatto di -0,39 punti percentuali), i prodotti alimentari e bevande analcoliche (- 1,2% e impatto di -0,20 punti percentuali) e l'energia elettrica (-3,8%, con un impatto di -0,15 punti percentuali). Nel primi due mesi del 2015 i prezzi al dettaglio sono scesi dello 0,4% rispetto allo stesso periodo del Secondo le stime dell IMAD i prezzi al dettaglio nel 2015 in media subiranno una deflazione dello 0,2%. In aumento la disoccupazione, soprattutto giovanile. Il tasso di disoccupazione registrato nel 2014 è stato del 13,1% (invariato rispetto al 2013, però molto più alto rispetto al periodo pre-cristi: 6,7% nel 2008). L'IMAD prevede per il 2015 un tasso in lieve riduzione al 12,5%. Più moderati i dati ILO, che hanno rilevato nel 2014 un tasso di disoccupazione del 9,7%, e prevedono una lievissima riduzione per il 2015 al 9,2%. I conti pubblici continuano ad essere sotto controllo e preoccupano non tanto per la loro entità quanto per il trend negativo in rapido peggioramento. Nel 2013, a seguito della ricapitalizzazione del sistema bancario, il deficit del bilancio pubblico ha toccato il 14,9% del PIL (5,38 miliardi di euro), spingendo il debito pubblico al 70,3% del PIL (25,43 miliardi di euro). Nel 2014, con un deficit del 4,9% del PIL il debito è ulteriormente cresciuto all'80,9%. Il Governo sloveno, che ha dovuto applicare negli ultimi anni delle politiche di austerity, ha Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 3 Marzo 2015

6 adottato a fine gennaio le correzioni di bilancio, con le quali prevede per il 2015 (secondo la metodologia ESA 95) un deficit al 2,9% del PIL (con una spesa pubblica sostanzialmente stabile a 9,95 miliardi di euro). Principali indicatori macroeconomici dal 2009 al 2017 Indicatori macroeconomici p 2016p 2017p PIL reale (var%) -7,8 1,2 0,6-2,6-1,0 2,6 2,4 2,0 2,1 PIL nominale (in miliardi di euro, prezzi correnti) 36,17 36,22 36,87 36,01 36,14 37,25 38,56 39,47 40,70 PIL pro capite (in euro, prezzi correnti) Tasso di inflazione - IPC (var%) 0,9 1,8 1,8 2,6 1,8 0,2-0,2 1,0 1,4 Produttività del lavoro (PIL per occupato, var%) -6,1 3,4 2,3-1,8 0,5 2,0 1,5 1,5 1,4 Produzione industriale (var%) -17,3 7,1 1,3-1,1-0,9 2, Occupazione registrata (var%) -1,8-2,2-1,6-0,8-1,5 0,7 0,8 0,6 0,7 Tasso di disoccupazione ILO (in %) 5,9 7,3 8,2 8,9 10,1 9,7 9,2 8,6 7,9 Tasso di disoccupazione registrato (in %) 9,1 10,7 11,8 12,0 13,1 13,1 12,5 12,0 11,2 Domanda interna (var%) -9,5-0,9-0,8-5,6-2,1 0,8 1,8 0,5 1,9 Consumi privati (var%) 0,9 1,0-0,0-2,9-4,0 0,3 1,1 1,6 1,8 Consumi pubblici (var%) 2,4 0,1-1,3-1,5-1,1-0,5-0,4-0,4-0,2 Investimenti fissi lordi (var%) -22,0-13,7-4,6-8,9 1,9 4,8 4,8-2,0 4,0 Stipendi medi lordi (var% nominale) 3,4 3,9 2,0 0,1-0,2 1,1 0,9 1,8 2,3 Stipendi medi lordi (var% reale) 2,5 2,1 0,2-2,4-2,0 0,9 1,1 0,8 0,9 Deficit di bilancio (fine periodo, in miliardi di euro) -2,22-2,04-2,45-1,44-5,38-1,84-1, Deficit di bilancio (% sul PIL) -6,1-5,6-6,6-4,0-14,9-4,9-2,9 - - Debito pubblico (fine periodo, in miliardi di euro) 12,47 13,84 17,13 19,34 25,43 30,13 31, Debito pubblico (% sul PIL) 34,5 38,2 46,5 53,7 70,3 80,9 81,6 - - N.B.: p - previsioni. Fonte: Ufficio di Statistica sloveno (SURS), Banca della Slovenia (BS), Istituto per le Ricerche Macroeconomiche e lo Sviluppo (IMAD), Ministero delle Finanze (MF), elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo Nel 2013 la Slovenia ha evitato l'apertura da parte della Commissione europea della procedura per squilibri macroeconomici eccessivi, ottenendo una proroga di due anni (fino al 2015) per ricondurre il deficit entro la soglia del 3%, grazie a un Piano Nazionale di Riforme, incentrato su: consolidamento fiscale (aumento dell'aliquota IVA ordinaria al 22% e di quella ridotta al 9,5% dal 1 luglio 2013, riduzione della spesa pubblica e mantenimento della tassa del 17% sui redditi d'impresa), ricapitalizzazione del sistema bancario, attraverso il trasferimento alla "bad bank" (BAMC - Bank Asset Management Company) dei crediti inesigibili, ristrutturazione delle imprese, privatizzazioni delle partecipazioni statali e ricorso a partnership pubblicoprivate in vari settori delle infrastrutture pubbliche (termoelettrico, idro-elettrico, completamento dell'asse autostradale, modernizzazione del sistema ferroviario e ampliamento del porto di Capodistria), misure di stimolare alla crescita e all'occupazione, riforme strutturali (il mercato del lavoro e il sistema pensionistico sono stati parzialmente riformati nel 2012 ma non appaiono ancora sufficientemente flessibili e sostenibili, l'ulteriore intervento sulle pensioni e una riforma organica del fisco sono previste nel corso del 2015). Il 1 gennaio 2014 è stata tentata l introduzione di una tassa sugli immobili, bloccata però dal pronunciamento della Corte Costituzionale. Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 4 Marzo 2015

7 Agenzia di Rating Attuale rischio Paese Precedente rischio Paese Fitch BBB+ (outlook stabile) ottobre 2014 BBB+ (outlook stabile) maggio 2014 Moody s Standard & Poor s Baa3 (outlook stabile) gennaio 2015 A- (outlook stabile) dicembre 2014 Ba1 (outlook stabile) gennaio 2014 A- (outlook negativo) giugno 2014 COMMERCIO ESTERO Il Paese presenta un forte grado di apertura al commercio internazionale, soprattutto verso l area dell Unione Europea e una forte dipendenza dalle importazioni internazionali. Il commercio estero sloveno è stato in continua crescita dal 2000 al 2009, anno in cui, a causa della crisi finanziaria, ha subito una decisa contrazione (-19% per l export e -25% per l import). Interscambio commerciale sloveno nel periodo dal 2000 al 2014 Anno / Interscambio Esportazioni slovene Importazioni slovene Saldo commerciale periodo Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,7 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 L interscambio commerciale sloveno nel 2013 è aumentato dell 1,2% rispetto al 2012, raggiungendo il valore di 43,66 miliardi di euro, di cui importazioni per 22,11 miliardi di euro (+0,2%) ed esportazioni per 21,55 miliardi di euro (+2,3%), con un saldo commerciale negativo pari a 0,57 miliardi di euro. Nel 2014 l interscambio ha toccato un valore di 45,73 miliardi di euro (+4,7%), grazie soprattutto alla crescita dell export (23,05 miliardi di euro, in aumento del 7,0% rispetto al 2013) che, superando l import (22,68 miliardi di euro, +2,6%) porta il saldo, tradizionalmente negativo della bilancia commerciale slovena, in positivo per 366 milioni di euro. Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 5 Marzo 2015

8 Interscambio commerciale sloveno dal 2012 al 2014 INTERSCAMBIO Valore in milioni di euro Quota Variazione in % in % Paese / /2013 Totale ,0 100,0 100,0 1,2 4,7 1 Germania ,7 19,8 19,2 1,3 2,0 2 Italia ,0 13,8 14,0-7,4 6,7 3 Austria ,0 10,2 10,4 3,2 6,8 4 Croazia ,3 5,8 6,3 11,0 12,3 5 Francia ,9 4,8 4,4-1,3-3,6 6 Ungheria ,6 3,8 3,8 7,0 4,6 7 Federazione Russa ,1 3,4 3,1 11,2-4,4 8 Polonia ,6 2,6 2,8 3,2 12,9 9 Paesi Bassi ,5 2,3 2,6-8,4 18,6 10 Repubblica Ceca ,6 2,5 2,4-3,7 0,7 11 Serbia ,4 2,5 2,3 5,7-0,3 12 Bosnia ed Erzegovina ,2 2,1 2,0-4,2 1,3 13 Regno Unito ,8 1,9 1,7 8,6-6,5 14 Cina ,7 1,5 1,7-11,7 14,3 15 Slovacchia ,7 1,7 1,6 3,0-2,5 Altri ,9 21,4 21,7 3,9 6,1 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Esportazioni slovene dal 2012 al 2014 IMPORTAZIONI Valore in milioni di euro Quota Variazione in % in % Paese / /2013 Totale ,0 100,0 100,0 2,3 7,0 1 Germania ,2 20,4 20,1-1,4 5,5 2 Italia ,3 11,6 11,9 4,8 9,6 3 Austria ,2 8,8 9,2 9,5 11,3 4 Croazia ,4 6,9 7,7 9,4 19,1 5 Francia ,5 5,3 5,1-1,6 2,7 6 Federazione Russa ,5 4,7 4,3 8,0-2,1 7 Polonia ,0 3,0 3,2 2,6 15,1 8 Ungheria ,6 2,9 3,0 13,7 10,7 9 Serbia ,1 3,1 2,9 1,6-1,0 10 Bosnia ed Erzegovina ,8 2,6 2,4-4,5 1,3 11 Repubblica Ceca ,8 2,6 2,4-4,1-2,9 12 Regno Unito ,2 2,0 2,0-4,1 6,0 13 Stati Uniti d'america ,6 1,7 1,9 7,4 19,8 14 Slovacchia ,8 1,8 1,7 6,5 0,6 15 Paesi Bassi ,0 1,6 1,7-18,0 14,5 Altri ,1 21,0 20,6 1,8 4,7 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Importazioni slovene dal 2012 al 2014 ESPORTAZIONI Valore in milioni di euro Quota Variazione in % in % Paese / /2013 Totale ,0 100,0 100,0 0,2 2,6 1 Germania ,4 19,1 18,3 4,3-1,7 2 Italia ,6 15,9 16,2-14,5 4,6 3 Austria ,7 11,6 11,7-1,1 3,5 4 Croazia ,3 4,8 4,9 13,3 2,9 5 Ungheria ,5 4,7 4,6 3,2 0,9 6 Francia ,3 4,2 3,7-0,9-11,2 7 Paesi Bassi ,1 3,0 3,5-2,5 20,8 8 Cina ,8 2,4 2,7-12,9 15,4 9 Repubblica Ceca ,5 2,4 2,5-3,4 4,4 10 Sud Corea ,3 1,7 2,5 36,3 45,4 11 Polonia ,2 2,2 2,4 4,0 10,1 12 Belgio ,0 1,9 1,9-4,7 2,1 13 Serbia ,6 1,9 1,8 13,2 0,8 14 Federazione Russa ,7 2,0 1,8 19,2-9,4 15 Spagna ,8 1,7 1,8-5,1 7,3 Altri ,2 20,3 19,7 5,9-0,3 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno Banca dati SI-STAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 6 Marzo 2015

9 L UE resta anche nel 2014 il principale partner commerciale sloveno, sia come mercato di destinazione (76,5% delle esportazioni slovene) che come fornitore (78,3% delle importazioni). Tra i più primi Paesi partner della Slovenia (per interscambio) si riconfermano la Germania (quota del 19,2%), l Italia (14,0%) e l Austria (10,4%). Nel 2014 le principali esportazioni slovene sono, in ordine di importanza, autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (13,3%), apparecchiature elettriche e per uso domestico non elettriche (10,8%), prodotti farmaceutici (10,3%), macchinari e apparecchiature (9,3%), prodotti chimici (7,8%), prodotti della metallurgia (6,5%), prodotti in metallo (5,3%), prodotti in gomma e materie plastiche(4,8%), coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (3,9%), computer e prodotti di elettronica e ottica (3,4%), prodotti alimentari (3,1%), carta e prodotti in carta (2,4%), prodotti in legno e sughero (2,2%), energia elettrica, gas e vapore (2,2%) nonché mobili (2,2%). Le principali importazioni slovene nel 2014 includono, in ordine di importanza, autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (12,3%), coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (10,3%), prodotti chimici (10,1%), prodotti della metallurgia (8,0%), macchinari e apparecchiature (7,5%), prodotti alimentari (6,0%), apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (5,4%), computer e prodotti di elettronica e ottica (4,8%), prodotti farmaceutici (4,4%), prodotti in gomma e materie plastiche (3,9%), prodotti in metallo (3,5%), raccolta rifiuti per trasformazione (2,5%), carta e prodotti in carta (2,4%) nonché prodotti agricoli e di animali (2,1%). INVESTIMENTI La Slovenia resta, tra i Paesi UE, quello con il più basso tasso di investimenti diretti esteri (IDE) pro capite. Ciò a causa della scarsa capacità di attrazione e alla presenza di un sistema economico/finanziario controllato da una abnorme componente pubblica, sotto forma di partecipazioni statali incrociate in tutti i settori (trasporti, sistema bancario e assicurativo, produzione e distribuzione di energia, telecomunicazioni). Gli investimenti diretti esteri (IDE) in Slovenia hanno raggiunto nel 2013 (standard BPM6) un valore complessivo di 8,93 miliardi di euro (-3,5% e -322,7 milioni di euro rispetto al 2012). 1 Dal 1994 gli investimenti diretti esteri sono aumentati di circa otto volte (passando da milioni di euro nel 1994 a milioni di euro a dicembre 2013), con una crescita media annuale del 12,3%. IDE in Slovenia negli anni 2012 e 2013, secondo BPM5 e BPM6 Valori in milioni di euro Metodologia Differenza BPM5 BPM6 BPM6-BPM IDE complessivi in Slovenia , , , , , ,7 1. Equity Equità, patrimonio netto 7.616, , , ,8 0,0 0,0 2. Istrumenti di debito (Liabilities - Assets) 4.110, , , , , , Assets - Attività 784,4 828, , ,5 340,0 344,2 - tra società consorelle ,1 344,7 340,1 344,7 - permanet debt degli intermediari finanziari 0,0 0, ,0-0,6 2.2 Liabilities - Passività 4.894, , , , , ,5 - tra società consorelle ,9 655,5 651,9 655,5 - permanet debt degli intermediari finanziari 2.790, , , ,1 Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE Lubiana a marzo Il nuovo metodo non include negli IDE il permanent debt degli intermediari finanziari. Ciò comporta una riduzione media di ca. 2,5 milioni di euro negli IDE in Slovenia rispetto alla precedente rilevazione BPM5 (che per il 2013 registrava 10,55 miliardi di euro (-1,7% e - 185,2 milioni di euro rispetto al 2012). Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 7 Marzo 2015

10 Investimenti diretti esteri in Slovenia dal 1994 al 2013 (Stock), secondo BPM6 Anno , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Valore in milioni di euro Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE Lubiana a marzo 2015 Nei Balcani Occidentali (ex Jugoslavia più Albania), la Slovenia è il terzo destinatario di investimenti diretti dall'estero, preceduto da Croazia e Serbia. IDE nei Paesi dei Balcani Occidentali nell'anno 2013 Paese Anno Valori in milioni di dollari Stock IDE in entrata Stock IDE in uscita Flusso IDE in entrata Flusso IDE in uscita Albania 6.103,5 244, ,5 39,8 Croazia , ,1 580,1-187,3 Bosnia ed Erzegovina 8.070,1 198,9 331,7-12,6 Kosovo n.d. n.d. n.d. n.d. Macedonia 5.533,5 102,3 333,9-1,6 Montenegro 5.384,2 46,6 447,4 17,3 Serbia , , ,7 13,3 Slovenia , ,7-678,6 58,5 Fonte: UNCTAD, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 La provenienza geografica 2 degli investimenti privilegia l Unione Europea (l 82,3% del valore di tutti gli investimenti dall'estero), i cui primi cinque paesi investitori in Slovenia sono l Austria (con milioni di euro a fine 2013, quota del 34,3%), l Italia (con 752 milioni di euro, quota del 8,4%), la Germania (con 684 milioni di euro, quota del 7,7%), la Francia (con 648 milioni di euro, quota del 7,7%) e la Croazia (con 550 milioni di euro, quota del 6,2%). Tra i Paesi extra U.E., la Svizzera è il principale investitore che, con una quota del 12,3% (1.098 milioni di euro), occupa il secondo posto assoluto subito dopo l Austria. Nel corso del 2013 tra i principali 15 investitori in Slovenia, si segnalano in crescita soprattutto gli investimenti provenienti dalla Repubblica Ceca (+37,3%), dalla Federazione Russa (+24,6%), dal Lussemburgo (+13,2%) e dalla Croazia (+12,1%). In calo, in particolare, gli investimenti provenienti dal Belgio (-54,1%), dalla Serbia (- 26,6%) e dai Paesi Bassi (-12,0%). 2 La Banca di Slovenia nella classificazione degli IDE utilizza il criterio del Paese di origine dei flussi finanziari e non quello del Paese dell investitore, che privilegia l Austria attraverso cui passano alcuni investimenti tedeschi (Hofer) e italiani (Unicredit). Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 8 Marzo 2015

11 Principali paesi investitori in Slovenia nel 2012 e nel 2013, secondo il BPM6 Paese di origine Investimenti (stock) in milioni di euro Quota in % Variazione in % /2012 Totale 9.248, ,0 100,0 100,0-3,5 1 Austria 3.265, ,4 35,3 34,3-6,2 2 Svizzera 1.089, ,8 11,8 12,3 0,8 3 Italia 757,6 752,0 8,2 8,4-0,7 4 Germania 672,2 684,4 7,3 7,7 1,8 5 Francia 593,9 648,4 6,4 7,3 9,2 6 Croazia 490,5 549,7 5,3 6,2 12,1 7 Paesi Bassi 492,9 433,9 5,3 4,9-12,0 8 Regno Unito 263,4 270,8 2,8 3,0 2,8 9 Lussemburgo 230,5 261,0 2,5 2,9 13,2 10 Belgio 371,7 170,5 4,0 1,9-54,1 11 Cipro 164,2 158,9 1,8 1,8-3,2 12 Federazione Russa 88,1 109,8 1,0 1,2 24,6 13 Repubblica Ceca 75,8 104,1 0,8 1,2 37,3 14 Danimarca 56,3 59,5 0,6 0,7 5,7 15 Serbia 74,4 54,6 0,8 0,6-26,6 Altri 562,2 506,2 6,1 5,7-10,0 Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Investitori europei in Slovenia nell anno 2013, valori secondo il BPM6 Fonte: Banca di Slovenia, marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 9 Marzo 2015

12 Nella struttura settoriale degli IDE prevalgono i servizi che rappresentano il 63,7% degli IDE totali nel Nel dettaglio, i principali settori interessati dagli IDE sono: finanziario (escluso servizi assicurativi e fondi pensionistici) quota del 16,7%, commercio al dettaglio (escluso veicoli) quota del 9,1%, commercio all ingrosso (escluso veicoli) quota del 8,9%, immobiliare quota del 8,4%, farmaceutico quota del 7,6%, produzione veicoli quota del 4,0%, energia elettrica quota del 3,6%. Principali settori di investimento degli investitori esteri in Slovenia al 2013, secondo BPM6 Finanziario (escluso assicurazioni) 16,7% Altri 41,7% Commercio al dettaglio (escluso veicoli) 9,1% Commercio all ingrosso (escluso veicoli) 8,9% Immobiliare 8,4% Energia elettrica 3,6% Produzione veicoli 4,0% Farmaceutico 7,6% Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Il settore manifatturiero rappresenta il 33,1% del valore degli IDE totali. La distribuzione geografica degli IDE privilegia per il 63,6% la regione centrale Osrednjeslovenska (Lubiana), seguita dalla regione del litorale e del Carso Obalno-kraska (6,3%), dell oltre Drava Podravska (5,9%) e della Gorenjska (4,0%). Al 2013 si registrano in Slovenia operazioni di investimenti diretti esteri, concentrate in diverse aziende slovene. Da evidenziare che le aziende slovene con capitale straniero giocano un importante ruolo nell economia slovena, in quanto pur rappresentando, nel 2013, solo il 4,5% di tutte le aziende slovene, detengono il 19,2% del capitale aziendale, il 22,7% delle risorse ed il 22,1% degli addetti, generano il 29,4% del fatturato netto da vendite e il 26,0% dell utile netto. I salari pagati agli addetti in società con capitale estero superano dell'11,8% la media slovena. Le aziende estere contribuiscono al 39,5% del valore delle esportazioni ed al 45,2% del valore delle importazioni slovene di beni e servizi. Principali investitori esteri in Slovenia per settore Settore Principali investitori esteri Manifatturiero Servizi finanziari Commercio al dettaglio Aviat Networks, Aquafil, Belimed, BSH Bosch und Siemens Hausgeräte, Brigl&Bergmeister, Carthago, Danfoss, E.G.O. Elektro Geräte, Ecolab, Geberit, GKN, Goodyear Dunlop Tires Europe, Grammer Automotive, Hella, Henkel, Johnson Controls, Knauf Insulation, Lafarge Perlmooser, Meyr Melnhof, Odelo, Palfinger, Poclain Hydraulic, Renault, Safilo Group, Sandoz Group, Siemens, Sogefi, Solvay, Styria, Sun Roller, Unicut, Vogtronics, XAL, Wolford, Yaskawa Hypo-Alpe-Adria Bank, Raiffeisen Bank, Intesa SanPaolo, Société Générale, UniCredit Bank Aldi Süd, E. Leclerc, Eurospin Italia, Harvey Norman, Lidl, MOL, ÖMV, Rutar, Spar Altri servizi AC Nielsen, Debitel, Deloitte, DHL, Ernst & Young, GfK, Grieshaber Logistik, KPMG, IBM, ISS Servissystem, McDonald's, Microsoft, Mobilkom, Oracle, PricewaterhouseCoopers, SAP, Schenker, Sodexho Alliance, S&T Fonte: Investslovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 10 Marzo 2015

13 Il Governo sloveno ha adottato il 21 giugo 2013 un primo piano per la privatizzazione di 15 imprese slovene attraverso la vendita delle partecipazioni statali detenute dai fondi pubblici KAD (Kapitalska družba) e SOD (Slovenska odškodninska družba), dall'assicurazione statale Modra zavarovalnica, e da altri enti pubblici come l'azienda di consulenza e gestione DSU, e l'azienda speciale per la consulenza aziendale PDP. Da giugno 2014 l'intero processo delle privatizzazioni è competenza della SHS (Super Holding Slovena) che ha ereditato le precedenti competenze del SOD. Il processo di privatizzazione, lanciato nel 2013 con una lista di 15 aziende e congelato dal Governo durante la campagna elettorale, è ripreso a fine luglio 2014, ma non è ancora stata resa nota la completa e articolata strategia più volte sollecitata dall UE e alla quale il governo sta lavorando. La prima lista di 15 aziende slovene da privatizzare N Azienda Settore Quota in Andamento privatizzazioni vendita 1 Adria Airways d.d. Logistica 91,58% IN CORSO (compagnia aerea di bandiera) aeroportuale Il 19 marzo 2015 è stato firmato il contratto per la consulenza di vendita con lo studio KPMG poslovno svetovanje d. o. o. 2 Adria Airways Tehnika d.d. (manutenzione aerea) 3 Aerodrom Ljubljana d.d. (Aeroporto di Lubiana) Logistica aeroportuale Logistica aeroportuale 100,00% IN CORSO A gennaio 2014 è stato pubblicato l'invito alla presentazione delle offerte non vincolanti per l'acquisto del 100% dell'azienda (quota del 52,33% messa in vendita dall'azienda speciale per la consulenza aziendale PDP, quota del 47,67% dall'aerodrom Ljubljana). Entro novembre 2014 sono pervenute due offerte vincolanti per l'acquisto (Express Airways e Avia Solutions). Sono in corso le trattative per il prezzo d'acquisizione. 75,50% VENDUTA All inizio di settembre 2014 è stato firmato il contratto di vendita di 75,5% ( azioni) alla tedesca Fraport AG (gestore dell aeroporto di Francoforte). Prezzo concordato: 234,4 milioni di euro (61,75 euro/azione). 4 Aero d.d. (industria chimica, grafica e cartiera) Chimico, grafico, cartario n.d. IN CORSO A fine agosto 2014 la società è stata ricapitalizzata con 3 milioni di euro da banche creditrici che ne sono diventate proprietarie maggioritarie (96%). 5 Cinkarna Celje d.d. (zincheria) 6 Elan d.d. (articoli sportivi e imbarcazioni) 7 Fotona d.d. (prodotti laser) 8 Gospodarsko razstavišče (Ente Fiera di Lubiana) Chimico 70,79% IN CORSO All inizio di settembre 2014 è stato firmato il contratto per la consulenza di vendita con lo studio Odvetniki Šelih & partnerji, o.p., d. o. o. Ad ottobre 2014 è stato pubblicato l'invito pubblico per la manifestazione dell'interesse all'acquisto, mentre a dicembre, dopo il primo riscontro ricevuto, alcuni potenziali acquirenti sono stati invitati a partecipare alla seconda fase del processo di vendita, presentando le proprie offerte vincolanti. Il maggiore ostacolo alla vendita è il rapporto ambientale dell'azienda e i possibili futuri obblighi di ulteriori investimenti per l'ambiente. Articoli sportivi 66,37% IN CORSO Dopo la richiesta della CE di iniziare la procedura fallimentare (unico modo per garantire che l'azienda restituisse 10 milioni di euro più interessi in aiuti statali ricevuti nel 2008 e ritenuti illegittimi) il Ministero sloveno si è impegnato con l UE a concludere la privatizzazione entro il Per Elan sono infatti pervenute due offerte vincolanti (da Boba Ing e Sporten), entrambi respinte dai venditori. La CE formalmente non ha prolungato i termini per la restituzione degli aiuti, però ha richiesto alla Slovenia la garanzia che il processo di vendita non sarà accompagnato con altri aiuti statali e che sarà concluso in un termine di tempo accettabile. Alta tecnologia 70,48% VENDUTA L azienda è stata venduta (70,48%, ca. 18 milioni di euro) alle aziende americane Tecnology 4 Medicine e Gores Group e il processo si è concluso a gennaio Fieristico 29,51% PROCESSO NON ANCORA AVVIATO Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 11 Marzo 2015

14 N Azienda Settore Quota in Andamento privatizzazioni vendita 9 Helios d.d. Chimico 77,93% VENDUTA (vernici e colori) L azienda è stata venduta (77,93%, ca. 250 milioni di euro, 520 euro/azione) all austriaca Ring International e il processo di è concluso ad aprile NKBM d.d. (banca) 11 Paloma d.d. (tovaglioli e carta igienica) 12 Telekom Slovenije d.d. (telecomunicazioni) 13 Terme Olimia Bazeni (spa) Finanziario 100,00% IN CORSO Dopo la ricezione delle offerte non vincolanti per l'acquisto della Nova KBM (100%), la SHS ha avviato la seconda fase di vendita, invitando gli investitori che hanno presentato entro il termine stabilito le migliori offerte a inviare le proprie offerte vincolanti. Entro gennaio 2015 la SHS avrebbe ricevuto due offerte vincolanti, secondo fonti non ufficiali gli offerenti sarebbero stati il fondo privato di investimenti Apollo e la banca ungherese OTP. I media sloveni riportano a fine marzo che l'acquirente che ha offerto il prezzo migliore sarebbe stato Apollo (200 milioni di euro) e che la banca passerebbe in breve nelle loro mani. Lo SHS non ha ancora confermato il suddetto poiché il processo di vendita non sarebbe ancora stato consluso. Chimico, grafico, cartario Telecomunicazi oni 71,01% IN CORSO All inizio di settembre è stata scelta l austriaca Erste Group Bank AG, come consulente finanziario per la ricerca di un investitore per la ricapitalizzazione dell impresa e lo studio legale Odvetniki Šelih & partnerji, o.p., d.o.o. per la consulenza legale. Entro marzo 2015 sono pervenute varie offerte non vincolanti da parte da possibili investitori finanziari e strategici per la recapitalizzazione di Paloma (15 milioni di euro). Da fonti informali tra gli interessati all'acquisto ci sarebbe il gruppo Slovak Hygenic Paper. 72,75% IN CORSO Dopo la ricezione delle offerte non vincolanti per l'acquisto della Telekom, la SHS ha avviato la seconda fase di vendita, invitando gli investitori che hanno presentato entro il termine stabilito le migliori offerte a inviare le proprie offerte vincolanti. Il processo è ancora in corso. Tra i più probabili acquirenti le fondi informali citano la Deutsche Telekom e i fondi europei Cinven e Providence. Per la vendita di Telekom c'è molta opposizione interna, poiché da alcuni esperti ritenuto strategico e essenziale per l'affidabile fornitura di servizi telefonici per chiamate di emergenza (n. 112). Turismo 49,70% PROCESSO NON ANCORA AVVIATO Alcune fonti riportano che qualora l aziende Terme Olimia Bazeni (spa) venisse accorpata all azienda madre Terme Olimia (hotel) il pacchetto risulterebbe più appetibile. 14 Unior d.d. (macchine utensili) Metalmeccanica 44,97% PROCESSO NON ANCORA AVVIATO L azienda potrebbe essere suddivisa in due entità, scorporando l attività metalmeccanica da quella turistica. 15 Žito d.d. (prodotti alimentari: paste, cereali, dolci) Agroalimentare 51,55% IN CORSO Il giorno 16 settembre 2014 il consorzio di venditori ha pubblicato l appalto per la vendita della quota complessiva di 51,55% ( azioni) dell azienda. Entro 31 gennaio 2015 la SHS ha ricevuto le offerte vincolanti, cui contenuto e autori sono ancora confidenziali. Le fonti non ufficiale riportano tra i possibili acquirenti l'imprenditore e politico ceco Andrej Babis proprietario della holding Agrofert, un investitore dai Balcani ed alcuni fondi. Fonte: Super Holding Slovena e stampa locale, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana, marzo 2015 La seconda parte della privatizzazione non è ancora stata avviata, ma secondo quanto affermato di recente dal Ministro sloveno delle Finance, Dusan Mramor, la prossima lista di aziende in via di privatizzazione dovrebbe essere pronta entro la fine di aprile Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 12 Marzo 2015

15 RAPPORTI ECONOMICI ITALIA E SLOVENIA Malgrado le dimensioni del mercato, (superficie di km2, 2 milioni di abitanti, PIL pro capite di circa euro) la Slovenia alimenta un importante interscambio commerciale con l'italia (6,41 miliardi di euro nel 2014) ed è il nostro principale partner nell'area balcanica (con una quota del 36% sull interscambio totale con i Paesi dell ex Jugoslavia più Albania, di cui 34,8% sulle importazioni e 37% sulle esportazioni). Siamo per la Slovenia il secondo mercato di sbocco e paese fornitore (dopo la Germania) e il terzo investitore (preceduti solo da Austria e Svizzera). Interscambio commerciale italiano dal 2012 al 2014 con i Balcani Occidentali INTERSCAMBIO ITALIANO PAESI CLIENTI EXPORT ITALIANO PAESI FORNITORI IMPORT ITALIANO Paese Valore in milioni di euro Variazione in % Paese Valore in milioni di euro Variazione in % Paese Valore in milioni di euro Variazione in % / / / / / / 2013 Balcani Occidental ,1 7,4 Balcani Occidentali ,2 7,2 Balcani Occidentali ,7 7,8 Slovenia ,2 4,3 Slovenia ,1 3,3 Slovenia ,0 5,8 Croazia ,3 20,3 Croazia ,3 28,2 Serbia ,8 10,3 Serbia ,6 2,3 Serbia ,7-5,8 Croazia ,7 8,1 Albania ,1 5,0 Albania ,9 4,2 Albania ,4 6,2 BIH ,8 9,0 BIH ,4 4,2 BIH ,8 14,0 FYROM ,5 10,7 FYROM ,1 11,4 FYROM ,0 10,0 Montenegro ,1-1,1 Montenegro ,6-10,4 Kosovo ,1-34,6 Kosovo ,3-18,9 Kosovo ,9-3,3 Montenegro ,6 43,1 Nota: BIH Bosnia ed Erzegovina, FYROM ex Repubblica Iugoslava di Macedonia Fonte: ISTAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Interscambio commerciale italiano nel 2014 con i Paesi dei Balcani Occidentali BIH 7,0% FYROM 2,7% Montenegro 0,9% Kosovo 0,7% Albania 12,0% Slovenia 36,0% Serbia 18,4% Croazia 22,3% Nota: BIH Bosnia ed Erzegovina, FYROM ex Repubblica Iugoslava di Macedonia Fonte: ISTAT, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 13 Marzo 2015

16 COMMERCIO ESTERO L interscambio commerciale tra Italia e Slovenia è cresciuto ininterrottamente dal 2000 al 2009, anno che ha registrato una forte contrazione dovuta alla crisi finanziaria internazionale. Tornato ai livelli precrisi nel 2012, l interscambio si è di nuovo ridotto nel 2013, anno in cui l Italia, pur riconfermandosi il secondo partner commerciale della Slovenia, ha visto la sua quota di mercato scendere al 13,8% dal 15% dell anno precedente, e il valore totale dei flussi commerciali perdere 8 punti percentuali, passando da 6,49 a 6,01 miliardi di euro (-14,5% export, +4,8% import) per un saldo positivo ridotto del 41,1% a 1,02 miliardi di euro. Nel 2014, si registra un inversione di tendenza. L Italia aumenta la propria quota di mercato dal 13,8% al 14,0%, con un interscambio del valore di 6,41 miliardi di euro (+6,7% rispetto al 2013). Il trend è in linea con l interscambio sloveno con il resto del mondo, che segna un incremento del 4,7%. Rispetto alla contrazione delle nostre esportazioni del 2013 (-14,5%), si registra una ripresa nel 2014 (+4,6% per un valore di 3,68 miliardi di euro). Crescono anche le importazioni italiane dalla Slovenia (+9,6% per un valore di 2,73 miliardi di euro). Il saldo positivo della nostra bilancia commerciale si riduce a 941 milioni di euro (-7,6%). Interscambio commerciale tra Italia e Slovenia nel periodo dal 2000 al 2014 Anno Interscambio Esportazioni italiane Importazioni italiane Saldo commerciale Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente Valore in milioni di euro Variazione % su anno precedente , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,6 Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Nel 2014, l Italia ha esportato in Slovenia principalmente, in ordine di importanza, coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (20,9% di tutte le proprie esportazioni), prodotti della metallurgia (12,6%), prodotti chimici (9,5%), macchinari e apparecchiature (9,1%), autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (7,6%), prodotti alimentari (5,5%), apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (5,0%), articoli in gomma e materie plastiche (3,9%), prodotti in metallo (3,5%) e prodotti dalle altre industrie manifatturiere (2,6%). L Italia ha importato dalla Slovenia, nello stesso anno e sempre in ordine di importanza, autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (13,4%), prodotti chimici (12,1%), prodotti della metallurgia (9,8%), prodotti derivanti dalla raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e dal recupero dei materiali (6,9%), energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata, anche da fonti rinnovabili (6,3%), prodotti alimentari (5,9%), macchinari e apparecchiature (4,7%), coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (4,5%), apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (4,0%), prodotti in legno (3,9%) e articoli in gomma e materie plastiche (3,3%). Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 14 Marzo 2015

17 Interscambio commerciale tra Italia e Slovenia dal 2012 al 2014, per settori Valore delle importazioni italiane Differenza in % Valore delle esportazioni italiane Differenza in % Codice ATECO dalla Slovenia in euro verso la Slovenia in euro 2013/ 2014/ 2013/ 2014/ TOTALE ,8 9, ,5 4,6 A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA ,9-6, ,1-0,5 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia ,7-30, ,9-0,8 e servizi connessi 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali ,7 27, ,8 4,1 03 Pesca e acquacoltura ,5 51, ,8 2,7 B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE E MINIERE ,6 3, ,6-31,4 05 Estrazione di carbone (esclusa torba) , ,7-65,1 06 Estrazione di petrolio greggio e di gas naturale , ,5-30,0 07 Estrazione di minerali metalliferi ,7-94,2 08 Altre attività di estrazione di minerali da cave e miniere ,2 14, ,0-25,5 C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE ,5 12, ,3 5,1 10 Industrie alimentari ,2 6, ,2 1,3 11 Industria delle bevande ,5 23, ,8 53,2 12 Industria del tabacco ,5-21,6 13 Industrie tessili ,6 3, ,9 4,5 14 Confezione di articoli di abbigliamento; confezione di articoli ,9 43, ,3 11,2 in pelle e pelliccia 15 Fabbricazione di articoli in pelle e simili ,8 107, ,1 35,4 16 Industria del legno e dei prodotti in legno e sughero (esclusi ,0 9, ,7 6,7 i mobili); fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio 17 Fabbricazione di carta e di prodotti di carta ,8 27, ,5-1,4 18 Stampa e riproduzione di supporti registrati ,4-11,2 19 Fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione ,6-23, ,4 7,3 del petrolio 20 Fabbricazione di prodotti chimici ,7 9, ,3 21 Fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati ,7-12, ,8-11,0-15,4 farmaceutici 22 Fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche ,5 10, ,4 23 Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali ,1-3, ,9 3,4-3,8 non metalliferi 24 Metallurgia ,4 5, ,0 25 Fabbricazione di prodotti in metallo (esclusi macchinari e ,8 10, ,4 6,1-0,4 attrezzature) 26 Fabbricazione di computer e prodotti di elettronica e ottica; ,8 71, ,4 21,7 apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e di orologi 27 Fabbricazione di apparecchiature elettriche ed ,7 6, ,7-6,5 28 Fabbricazione di macchinari ed apparecchiature nca ,3-3, ,5 20,2 29 Fabbricazione di autoveicoli, rimorchi e semirimorchi ,6 55, ,7 21,4 30 Fabbricazione di altri mezzi di trasporto ,8 52, ,3 42,5 31 Fabbricazione di mobili ,1 0, ,2 1,3 32 Altre industrie manifatturiere ,8 5, ,2-0,5 D FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA, GAS, VAPORE E ,0-6, ,8 74,6 apparecchiature per uso domestico non elettriche ARIA CONDIZIONATA 35 Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria ,0-6, ,8 74,6 condizionata E FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI ,8 2, ,3-12,1 GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; ,8 2, ,3-12,1 recupero dei materiali J SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE ,1 182, ,4 64,0 58 Attività editoriali ,5 86, ,2 59 Attività di produzione cinematografica, di video e di ,8 673, ,5 64,9 32,6 programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore M ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE ,5-100, ,3 71 Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; collaudi ed , , ,7-100,0 analisi tecniche 74 Altre attività professionali, scientifiche e tecniche , R ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI ,0-73, , ,4 INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO 90 Attività creative, artistiche e di intrattenimento ,0-73, ,5-79,7 91 Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali ,1-52,8 N.B.: La somma dei singoli settori può non coincidere a causa di arrotondamenti Fonte: Ufficio di Statistica Sloveno, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 INVESTIMENTI L Italia nel 2013 ha mantenuto il terzo posto come Paese investitore (al secondo posto tra i paesi membri dell U.E.), con investimenti diretti (BPM6) del valore complessivo di 752 milioni di euro ed una quota dell'8,4%, in lieve calo rispetto all anno precedente (-0,7% corrispondente a un valore di -5,6 milioni di euro) 3. Dal Secondo il vecchio metodo BPM5, che si utilizzava negli anni precedenti, gli investimenti diretti esteri (IDE) italiani in Slovenia a fine 2013 sarebbero stati pari a 802 milioni di euro (in calo del 2,5%, ossia meno 20,4 milioni di euro rispetto alla fine del 2012), ossia 50 milioni in più rispetto al nuovo metodo BPM6. Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 15 Marzo 2015

18 gli IDE dall Italia sono aumentati di circa sei volte (passando da 111,1 milioni di euro nel 1994 a 752 milioni di euro a fine dicembre 2013), con una crescita media annuale, nel periodo , del 10,6%. Investimenti diretti italiani in Slovenia dal 1994 al 2013 (Stock), secondo BPM6 Anno ,4 364,9 361,2 330,9 292,4 232,3 193,9 158,4 150,5 142,9 124,1 122,6 111,1 484,2 593,1 752,0 757,6 742,2 697,2 675, Valore in milioni di euro Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Degli oltre investimenti diretti in Slovenia fino al 2013 (concentrati in circa aziende slovene), 699 investimenti provengono dall Italia (505 investimenti green field, 187 investimenti in aziende esistenti e 7 investimenti in filiali, istituzioni e fondazioni) e sono concentrati in 533 aziende slovene. Le aree di maggiore attrazione per gli IDE italiani sono la regione centrale (area di Lubiana), il litorale e il Carso. La provenienza geografica degli investimenti italiani privilegia le regioni limitrofe o vicine alla Slovenia, quali il Friuli Venezia Giulia, il Veneto e la Lombardia. I settori principali sono: quello finanziario, escluso servizi di assicurazione (il 34,3% degli investimenti italiani in Slovenia), il commercio all ingrosso, esclusi i veicoli (14,8%), il settore chimico (13,2%), e l'assicurativo (5,7%). Le aziende slovene con capitale italiano hanno realizzato nel 2013 complessivamente utili netti pari a 15 milioni di euro, 16,5 milioni di utili sono stati pagati agli azionisti/soci. IDE italiani in Slovenia nel periodo , secondo BPM6 Anno IDE italiani in Slovenia (in milioni di euro) 361,2 364,9 377,4 484,2 593,1 675,4 697,2 742,2 757,8 752,0 Utili netti (in milioni di euro) 20,1 26,4 29,3 36,8 40,9 39,1 36,0 26,7 7,2 15,0 Utili reinvestiti (in milioni di euro) 12,9 16,0 7,5-9,7 11,4 30,0 14,7 12,9-23,1-2,4 Utili pagati (in milioni di euro) 7,2 9,2 21,1 46,3 29,2 9,1 20,6 12,9 29,6 16,5 Numero aziende slovene con capitale italiano Numero operazioni n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d. n.d Fonte: Banca di Slovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 16 Marzo 2015

19 AMBIENTE D AFFARI Secondo la classifica Doing Business 2015, la Slovenia si posiziona al 51 posto su 189 Paesi, perdendo cinque posizioni rispetto al Nella graduatoria che esamina 10 criteri, la Slovenia ha nuovamente realizzato il più alto punteggio nella tutela dei piccoli azionisti (14 posto) e nella costituzione delle imprese (15 posto). I peggiori risultati sono stati invece registrati nell'acquisizione di finanziamenti/prestiti (116 posto) e nell'efficacia del sistema giudiziario nella risoluzione delle controversie (122 posto). Nella più recente classifica sulla libertà economica dalla Heritage Foundation per il 2015, la Slovenia si posiziona all'88 posto su 178 Paesi, perdendo 2,4 punti rispetto all'anno precedente. Nella regione dell Europa, la Slovenia è al 36 posto su 43 paesi e il suo punteggio generale è sopra la media mondiale. Lo studio rileva che dal 2010 il paese sta perdendo terreno sul piano della libertà economica: nonostante le riforme, il mercato di lavoro rimane rigido, la debolezza istituzionale e le incertezze nel processo di privatizzazione continuano a limitare le prospettive di uno sviluppo economico a lungo termine. Il sistema giudiziario è inefficiente e vulnerabile alle influenze politiche, con la forte percezione di una corruzione diffusa. Nella classifica del Global Competitiveness Index la Slovenia si piazza al 70 posto su 144 Paesi esaminati, con un punteggio di 4,2 (su un massimo di 7). Tra i fattori critici il GCI evidenzia i limiti del sistema bancario, il difficile accesso ai crediti e la rigidità del mercato di lavoro. I risultati migliori sono stati invece conseguiti nel sistema sanitario, nella pubblica istruzione, nelle infrastrutture e nello sviluppo tecnologico. SISTEMA PRODUTTIVO Il sistema economico rimane caratterizzato da gravi squilibri che riflettono i limiti del modello di sviluppo adottato prima del Il mercato sloveno è ancora dominato dalla presenza di oligopoli locali, che concentrano rilevanti attività economiche (nel settore bancario, assicurativo, della grande distribuzione, etc.) e da un ampia partecipazione statale, diretta e indiretta, in oltre 100 imprese, di medie e grandi dimensioni che dominano i settori chiave (energetico, finanziario, telecomunicazioni, trasporti e infrastrutture, etc.): un terzo del fatturato, del capitale e dei debiti del settore corporate è controllato dallo Stato, così come il 60% del mercato bancario e assicurativo e le prime 10 società le cui azioni sono maggiormente scambiate alla borsa di Lubiana. In Slovenia sono registrate oltre aziende, per il 95% micro imprese, che impiegano il 28,9% della forza lavorativa e realizzano il 20% del fatturato. Le grandi imprese (con oltre 250 dipendenti) rappresentano solo lo 0,2%, ma occupano ben il 30,7% della forza lavoro e fatturano il 33,5% sul totale. Aziende slovene nel 2013 Categoria Numero Aziende Dipendenti Fatturato 2013 Quota in % Numero Quota in % Valore in euro Quota in % Totale , , ,0 Micro imprese (0-9 dipendenti) Piccole imprese (10-49 dipendenti) Medie imprese ( dipendenti) Grandi imprese (Oltre 250 dipendenti) , , , , , , , , , , , ,5 N.B. La somma dei singoli settori può non coincidere con il valore assoluto a causa di arrotondamenti Fonte: Ufficio sloveno di Statistica, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 17 Marzo 2015

20 L economia slovena si basa prevalentemente sul settore dei servizi (75,9% delle imprese), segue il settore industriale (22,6% delle imprese) e l'agricoltura (1,4% delle imprese). Economia slovena nel 2013 Attività Aziende Dipendenti Fatturato 2013 Numero Quota in % Numero Quota in % Valore in euro Quota in % Totale , , ,0 Agricoltura , , ,5 Industria , , ,3 Servizi , , ,1 Fonte: Ufficio sloveno di Statistica, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 I principali settori produttivi sono metalmeccanica e metallurgia (automotive, macchine utensili), chimica e farmaceutica, elettrica ed elettronica, trasporti e logistica, ICT, industria del legno, industria della plastica, alimentare, energie rinnovabili, turismo (termale, casinò). Sono invece in continua crisi i settori dell'abbigliamento, delle calzature e del tessile che hanno visto, già a partire dall'indipendenza, la chiusura di numerose fabbriche. Principali settori dell economia slovena nel 2012 Settore N aziende N dipendenti Fatturato (in miliardi di euro) Export (in miliardi di euro Macchine & lavorazione metalli ,4 3,9 Chimico & Farmaceutico ,9 3,7 Elettrico & Elettronico ,9 2,9 Logistica & Distribuzione ,6 1,6 Automotive ,3 2,9 ICT ,1 0,9 Industria del legno ,0 0,5 Fonte: InvestSlovenia, elaborato dall Agenzia ICE di Lubiana a marzo 2015 Oltre un terzo delle 20 maggiori società slovene (secondo il fatturato realizzato nel 2013) appartiene al settore energetico. Le società slovene che hanno registrato nel 2013 il più alto fatturato (oltre un miliardo di euro) sono la Petrol (distribuzione combustibili), l'holding delle centrali elettriche HSE, la Mercator (principale azienda della GDO), la Gen-I (distribuzione di energia elettrica) e la Krka (azienda farmaceutica). Realizzato e redatto dall Agenzia ICE di Lubiana 18 Marzo 2015

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania)

Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Acquisizione Palazzo cielo/terra, Lipsia (Germania) Business Plan KIG RE - DIOMA Valore acquisizioni immobiliari, gestione, sviluppo e ricollocazione assets immobiliari della società veicolo di investimento

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese

Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese Gli Strumenti Finanziari a Supporto delle Imprese La presente pubblicazione è stata elaborata nell ambito del progetto Facility for SMEs and Capacity Building (cod. 30), finanziato dall Unione Europea

Dettagli

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989 Giugno 2014 ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Manuale di classificazione dei datori di lavoro ai fini previdenziali ed assistenziali in base all'articolo 49 della legge 88/1989

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 25/06/2014 Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 25/06/2014 Circolare n. 80 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali,

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

Leimportazioni italianedimaterieprime

Leimportazioni italianedimaterieprime Leimportazioni italianedimaterieprime Questo rapporto è stato redatto da un gruppo di lavoro dell Area Studi, Ricerche e Statistiche dell Ex - ICE Coordinamento Gianpaolo Bruno Redazione Francesco Livi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008

CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA. Roma, 6 Febbraio 2008 CONFEDERAZIONE ITALIANA DELLA PICCOLA E MEDIA INDUSTRIA PRIVATA IL SISTEMA CONFAPI Costituita nel 1947, Confapi è cresciuta insieme alla PMI italiana ed è oggi uno dei protagonisti della vita economica

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.

L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E. L import-export dei diritti d autore per libri, in Italia. Indagine condotta dall Istituto DOXA per l Istituto Commercio Estero (I.C.E.) Milano, 25 marzo 2004 p. 1 L import-export dei diritti d autore

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7

Economia e finanza dei distretti industriali. Rapporto annuale n. 7 Rapporto annuale n. 7 Direzione Studi e Ricerche Dicembre 214 Dicembre 214 Executive Summary 3 Introduzione 5 1. I bilanci dei distretti industriali italiani nel quinquennio 28-13 19 2. Internazionalizzazione,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli