4. Spendiamo meno, mangiamo meglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "4. Spendiamo meno, mangiamo meglio"

Transcript

1 4. Spendiamo meno, mangiamo meglio 1

2 Strade in Transizione 4.2 Introduzione I FATTI Parliamo di cibo Un efficiente sistema agricolo e alimentare locale è indispensabile per rendere una comunità più resiliente e meno dipendente dal petrolio, il cui prezzo influenza direttamente quello del nostro cibo. Ultimamente le risorse di cui abbiamo bisogno diventano ogni giorno più scarse e la nostra dipendenza dalle importazioni di cibo a basso costo e dai trasporti su gomma si intensifica. È importante quindi fermarsi a ragionare su come possiamo assicurare a tutti la possibilità di nutrirsi in modo sano, buono e ad un costo ragionevole. Nel passato Monteveglio era molto più autonoma per quanto riguarda la produzione di cibo. Molti dei nostri alimenti di base come cereali, ortaggi, carne e latticini erano prodotti a pochi chilometri da qui. Oggi, nonostante il grande potenziale agricolo del nostro territorio, la situazione è mutata e ciò che manca localmente proviene dalle altre regioni Italiane o da tutto il mondo, servendosi del trasporto su gomma, marittimo o aereo (in Italia il 91% del trasporto merci avviene su gomma). Siamo quindi molto più vulnerabili in termini di sicurezza alimentare. Ad esempio, dipendiamo fortemente dai supermercati, le cui scorte di cibo possono durare al massimo dai 3 ai 5 giorni. I supermercati dipendono a loro volta dal trasporto su gomma, tanto che anche una piccola o temporanea interruzione nei rifornimenti può significare scaffali vuoti e un improvvisa scarsità di cibo (ricordate durante la lunga nevicata del 2011?). In Italia, la Grande Distribuzione Organizzata (GDO), controlla oggi più del 70% del mercato alimentare. Le filiere di cibo a Km 0, al contrario, contribuiscono a proteggere e a creare nuovi posti di lavoro sostenendo così l economia locale. Non c è bisogno di emettere CO2 e inquinanti per trasportare il cibo per centinaia di chilometri, di costruire sempre più strade, congestionare il traffico e bruciare petrolio. Possiamo scegliere di mangiare una grande varietà di cibo fresco, sano, saporito, di stagione, appena raccolto, libero da trattamenti e da inutili confezioni, spesso in modo anche più economico. Questo non significa che tutto debba essere prodotto localmente (è difficile coltivare banane a Monteveglio), ma ha senso cercare di produrre qui tutto ciò che possiamo prima di attingere a risorse esterne. Se pensiamo un attimo al vero costo che ha mangiare fragole durante tutto l arco dell anno, le rende beh, un pochino meno saporite.!2

3 Strade in Transizione 4.3 Cosa possiamo fare? QUINDI? CHE CI POSSIAMO FARE Ognuna di queste azioni può assicurare cibo saporito e fresco ad un costo minore, può tagliare le emissioni di CO2 e il consumo di energia da fonte fossile, diminuendo così l impatto sociale e ambientale,e può aiutarci a costruire un forte sistema alimentare locale. Il tutto ci costerà poco o niente portando notevoli vantaggi. Discutiamo brevemente in gruppo ognuno dei seguenti argomenti. Decidiamo quali di questi abbiamo intenzione di affrontare personalmente e quando. Registriamo il nostro piano d azione sulla pagina alla fine di questa sezione a pag.18 Comprare cibo locale e di stagione (4.4.)! Ridurre gli imballaggi del cibo (4.8.)! Minimizzare gli sprechi (4.10)! Scegliere il biologico (4.12)! Coltivare il proprio cibo (4.14)! Carnivori consapevoli (4.16)! Per ulteriore ispirazione scopri il progetto Alimentazione Sostenibile di Monteveglio Città di Transizione: bit.ly/1je5bpi e scarica il Decalogo che può guidare le tue decisioni sul cibo. Il prezzo del cibo Il settore agricolo italiano sta reggendo ancora piuttosto bene alla crisi economica. Eppure anche questo settore comincia ad accusare colpi: le famiglie italiane risparmiano sempre più in cibo per fronteggiare gli aumenti dei costi delle bollette, della benzina e della vita in generale (cibo compreso). Ma se parliamo con i nostri nonni ci accorgiamo che la gran parte dei loro sforzi servivano semplicemente a procurarsi il cibo. A fine 800 un operaio spendeva in cibo circa il 70% del suo reddito, negli anni 60 circa il 40%, mentre oggi spendiamo poco più del 15%. Stiamo forse dando troppo poco valore a questa parte fondamentale della nostra vita?!3

4 Strade in Transizione 4.4 Compriamo cibo locale e di stagione LA SFIDA ALIMENTARE DUBBI I km del cibo Il cibo sta viaggiando come mai prima d ora, spesso viene distribuito a centinaia o migliaia di km dal luogo di produzione. Le piccole fattorie, i macelli, gli impianti di lavorazione, i sistemi di distribuzione e i piccoli negozi locali stanno scomparendo, incapaci di competere nel mercato globale odierno. La grande distribuzione ha comportato una grande perdita di nostre peculiarità, tradizioni, cultura, cibo locale e senso di comunità. Inoltre, i soldi vengono drenati dalla nostra economia verso le grandi aziende, spesso accusate di far pressione sui piccoli agricoltori per ottenere prezzi più bassi, mentre le emissioni di CO2 aumentano via via che il cibo viene trasportato verso tavole lontane dal luogo di produzione. COSTO RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2 nessuno basso basso basso/medio Cercare le soluzioni Non dobbiamo considerare cibo locale solo quello che viene prodotto a pochi chilometri da noi, ma anche quello che viene prodotto e distribuito in modi che contribuiscono positivamente all economia locale. Idealmente, le comunità dovrebbero essere in grado di comprare quanto più possibile cibo a km0, e le reti agricole e alimentari locali potrebbero essere d aiuto in questo processo: Creando posti di lavoro e sostenendo le reti commerciali. Distribuendo direttamente il cibo nella nostra area ed evitando (o trasformando) la grande distribuzione. Creando legami sociali solidi e, nel contempo, fornendo cibo sano, fresco e di stagione. Sì,ma certi cibi non possono essere prodotti localmente. Il commercio è vitale e molto raramente una regione può essere completamente autosufficiente. Il commercio inoltre, se portato avanti in maniera equa, può avere impatti molto positivi sulla qualità della vita di ognuno di noi e quindi sulla comunità. È inoltre normale e giusto comprare ciò che non può essere prodotto localmente, ma dobbiamo cercare di assicurarci che sia prodotto in modo sostenibile, indipendentemente dalla provenienza.!4

5 Strade in Transizione 4.5 Compriamo cibo locale e di stagione RISPARMI E BENEFICI È buono e fa bene Il cibo prodotto in una fattoria locale ha più probabilità di essere sano, fresco, di stagione, e soprattutto con un sapore migliore. A volte è anche meno caro, ma non sempre il vero prezzo del cibo è visibile in uno scontrino. I costi nascosti (inquinamento, salute, iniquità sociale) si pagano altrove, quindi bisogna cercare di fare ragionamenti ampi rispetto a questo argomento. C è anche l opportunità e la gioia di conoscere i negozianti e costruire con loro un rapporto di fiducia reciproca. Primi passi e piccoli trucchi Iniziamo con una piccola parte della nostra spesa alimentare: proviamo con la macelleria, il fruttivendolo, il fornaio locali. Scopriamo tutti i prodotti disponibili sul territorio, informiamoci, potremmo anche creare una guida che li raccoglie e semplifica le ricerche. Se possibile facciamo la spesa a piedi o in bici, possiamo usare un carrellino per aiutarci a trasportala se è troppo pesante. Sosteniamo i negozi alimentari locali. Chiediamo di inserire sempre più prodotti locali nei loro scaffali (molti ci sono già). Acquistiamo il cibo direttamente dalla fattoria, dalla cascina o dai mercati locali scegliendo preferibilmente prodotti biologici (certificati o autocertificati se conosciamo il produttore). Visitiamo una fattoria biologica locale e scopriamo come viene coltivato il cibo. Facciamo attenzione nel prendere soprattuto cibi di stagione e proviamo a familiarizzare con il concetto di Alimentazione Sostenibile (bit.ly/ 1je5BPi). Chiediamo di partecipare a incontri di approfondimento su questo tema. Ragioniamo sull ipotesi di usare lo SCEC (o un altra forma di moneta locale) per sostenere i produttori e rendere più accessibile il cibo di alta qualità.!5

6 Strade in Transizione 4.6 Compriamo cibo locale e di stagione GAS E AGRICOLTORI Il locale in cassetta Nella nostra zona è possibile acquistare ortaggi frutta e anche altri prodotti con la formula in cassetta. È una modalità tipica dei Gruppi d Acquisto Solidale, ma ci sono anche aziende agricole che possono offrire direttamente questo tipo di opzione. Questa modalità permette ai produttori di programmare meglio il loro lavoro e, a parità di qualità di prodotto, può anche consentire un certo risparmio economico. Di solito la cassetta ha un prezzo fisso e varia nel contenuto a seconda della stagione. Con una formula simile, o attraverso quella del Gruppo d Acquisto Solidale, è possibile inoltre rifornirsi di pasta, conserve, olio e molti altri prodotti alimentari non reperibili sul territorio. Ogni GAS ha una sua politica rispetto alla tipologia e ai criteri di scelta degli alimenti, ma normalmente si privilegia il biologico e la relazione di fiducia e sostegno verso il produttore. Anche per i prodotti che provengono da una certa distanza (ad esempio le arance della Sicilia durante l inverno) c è un attenzione alle modalità di trasporto e si cerca di minimizzarne l impatto. Questa logica di acquisto apre la strada anche a esperimenti più avanzati, come quelli di Agricolura Sostenuta dalla Comunità (CSA) in cui un gruppo di famiglie fanno accordi con un azienda di produzione agricola (o addirittura la creano da zero) e ne sostengono l attività consumandone i prodotti e partecipando alle decisioni strategiche dell azienda stessa. Da dove cominciare Associazione Streccapogn GAS Baz Molte aziende agricole della vallata vendono verdure e frutta direttamente in azienda o in piccoli spacci è importante esplorare il territorio, capire i metodi agricoli usati, conoscere le persone e farlo in gruppo è anche divertente.!6

7 Strade in Transizione 4.7 Compriamo cibo locale e di stagione AL BANCO Il mercato locale A Monteveglio ogni giovedì c è il mercato nella piazza principale, dove sono presenti anche alcuni banchi di agricoltori locali e il banco degli Streccapogn dove è possibile acquistare prodotti biologici, locali, farine e prodotti da grani antichi reintrodotti sul territorio, ecc. Monteveglio dispone inoltre di negozi locali di qualità, frutta, verdura, pane e prodotti da forno e di pasticceria, macelleria e salumi, rosticceria e pasta fresca, possono essere acquistati senza ricorrere alle grandi catene della distribuzione organizzata e rinforzando l economia locale. Spesso sono disponibili prodotti del territorio, ma se non c è quello che cerchiamo, o che ci soddisfa, si può instaurare una relazione con il negoziante, provare a capire quali sono le esigenze e trovare assieme una soluzione. I prezzi sono normalmente più alti di quelli dei supermercati, ma bisogna riflettere bene sui costi indiretti che non appaiono negli scontrini della grande distribuzione e che paghiamo comunque in altre forme. A Bazzano (al mercato del sabato mattina) ci sono altre possibilità e, normalmente, una buona presenza di coltivatori biologici con i loro banchetti di verdure, formaggi, miele e altri prodotti di qualità. Gli Streccapogn A Monteveglio l Associazione e Azienda Agricola Streccapogn porta avanti un progetto sull Alimentazione Sostenibile. L idea è di cercare di produrre sul territorio cibo di alta qualità, riscoprendo varietà trascurate ma dall alto valore nutrizionale ed ecologico e con il minor impatto ambientale possibile. Si tratta in un progetto sociale che mira alla diffusione di informazioni precise e non deformate dalle esigenze di mercato sulla qualità del cibo e sul ruolo che questo ha nella nostra società complessa. Grazie al contributo di aziende agricole e privati gli Streccapogn possono disporre di terreni da coltivare che attualmente producono cereali pregiati e ortaggi. I prodotti possono essere acquistati in cassetta o ai banchetti del mercato del giovedì. Di solito il banco Streccapogn è presente anche il martedì pomeriggio al chiosco del Parco Arcobaleno (nella bella stagione) e in piazza d inverno.!7

8 Strade in Transizione 4.8 Riduciamo gli imballaggi alimentari UN ALTRA SFIDA COSTO RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2 nessuno nessuno basso basso/medio Cibo o scatole? Ci troviamo con borse della spesa stracolme, bidoni della spazzatura traboccanti. Siamo letteralmente sommersi dagli imballaggi. Come se non bastasse più della metà della spesa alimentare media di una famiglia italiana se ne va in scatole, bottiglie, pacchi e confezioni, che arrivano a costituire circa il 40% di tutta la spazzatura prodotta ogni anno in Italia. DUBBI Sì ma... i supermercati e i grossisti? Che cosa stanno facendo loro? È vero, la quantità di imballaggi inutili deve essere ridotta. Cavoli e cetrioli avvolti nelle pellicole, mele e banane in vassoi di polistirolo e tubetti di salsa di pomodoro in confezioni di cartone sono tipici esempi di imballaggi non necessari. Stiamo facendo passi avanti anche a livello nazionale: la conversione obbligatoria ai sacchetti in mater-bi ci fa capire quanto questo problema sia sentito. Si tratta però solo del sacchetto che usiamo per portare gli altri prodotti che restano confezionati alla vecchia maniera. Occhio all imballaggio Comprando locale gli imballaggi si riducono (meno viaggio = meno imballo) o diventano riutilizzabili, possiamo portare la sporta da casa e lo stesso vale per cassette e piccole scatole quando servono. Quando è possibile scegliamo prodotti con imballaggio minimo (al dentifricio non serve davvero un astuccio in cartone) e cerchiamo di evitare gli imballaggi non gestibili dalla raccolta differenziata (materiali accoppiati e non separabili). Attenzione anche alle trappole sui prezzi, a volte è possibile scegliere tra cibo sfuso e quello già imballato (ad esempio le patate in sacco) il secondo ha spesso un costo più alto.!8

9 Strade in Transizione 4.9 Riduciamo gli imballaggi alimentari VANTAGGI Cosa ci guadagnamo? Perché pagare per ciò che buttiamo subito via? Sapendo poi che pagheremo anche per lo smaltimento dei rifiuti e per le conseguenze del loro impatto sull ambiente. La raccolta differenziata migliora notevolmente le cose, ma non risolve il problema. Ricordiamoci sempre che la soluzione al problema dei rifiuti è non produrne più. Inoltre, il cibo già lavato e lavorato dura meno e costa di più, mentre comprare l insalata fresca, sfusa e lavarla e tagliarla a casa può farci risparmiare parecchio, mangiare più gustoso e assumere nutrienti di migliore qualità. Primi passi e piccoli trucchi Meglio se compriamo frutta, verdura, carne e altri prodotti sfusi o in sacchetti di carta, ovviamente nei negozi locali. Portiamo con noi le borse per la spesa. Portiamo sempre una busta in più per le spese non programmate! Se possibile evitiamo i prodotti imballati in porzioni individuali Compriamo un contenitore grande (es: yogurt) e travasiamolo in contenitori non usa e getta di dimensioni più piccoli. Compriamo ricariche di detersivo per la lavatrice e altri detergenti o usiamo detersivi alla spina (Lavasecco Arcobaleno, v.le Costituzione, 12 Monteveglio) Cerchiamo imballi biodegradabili, ad esempio di cartone o a base di amido di mais. Acquistiamo latte locale alla spina (Caseificio Valsamoggia via di Vagno, 1 Monteveglio) Chiediamo ai titolari dei negozi cosa stanno facendo per ridurre gli imballaggi e aiutiamoli ad incrementare i loro sforzi. Riusiamo o ricicliamo il più possibile gli imballaggi: molti contenitori, ad esempio, possono trasformarsi in ottimi vasetti per giardinaggio! Possiamo trovare informazioni interessanti su:

10 Strade in Transizione 4.10 Minimizziamo gli sprechi QUELLO CHE BUTTIAMO DUBBI Il peso dei rifiuti Buttiamo nella spazzatura almeno un terzo di tutto il cibo che compriamo, nonostante buona parte di questo sia ancora utilizzabile. Ridurre lo spreco di cibo è una questione importante e non riguarda solo quello che finisce nella spazzatura. Sprecare il cibo costa alla famiglia media italiana centinaia di euro ogni anno e ha anche gravi implicazioni ambientali: se tutti smettessimo di buttare il cibo che avremmo potuto mangiare, il risparmio di CO2 sarebbe equivalente a togliere dalla circolazione 1 auto su 5 e i benefici per il portafogli decisamente considerevoli. COSTO RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2 nessuno medio basso medio Ecco perché Le cause che portano a questo problema sono molte: Non organizziamo la nostra spesa: compriamo più di quanto ci serve (spesso siamo sedotti da offerte tipo 3x2) e non stiamo attenti alla data di scadenza. Non sappiamo come conservare i cibi in modo corretto, e questi finiscono per andare a male più velocemente. Non siamo molto abili nel riutilizzare e cucinare gli avanzi, o nel preparare le giuste porzioni in modo da ridurre gli avanzi stessi. Ci confondiamo sulle date di scadenza, ad esempio sulle espressioni consumare entro il e da consumarsi preferibilmente entro il. Naturalmente è inevitabile buttare via alcune porzioni di cibo. Per minimizzare l impatto di questi scarti utilizziamo la raccolta differenziata dell umido o organizziamoci per il compostaggio domestico richiedendo la compostiera al Comune. Sì ma... mi piace il cibo e non voglio fare rinunce! Ridurre lo spreco non significa sopprimere il piacere di mangiare. Anzi l idea è quella di mangiare cibo di migliore qualità (biologico, fresco, locale) grazie al risparmio che deriva dalla riduzione dello spreco, si tratta di un gioco vincente per l ambiente, le tasche e il palato.!10

11 Strade in Transizione 4.11 Minimizziamo gli sprechi IL COSTO Cosa ci guadagnamo? Secondo i dati ISTAT una famiglia italiana spende circa euro all anno per l alimentazione (cibo e bevande), quindi anche solo un risparmio del 10% si trasforma rapidamente in una cifra non trascurabile (circa 540 euro), ma le potenzialità di risparmio, visti i livelli di spreco, potrebbero essere anche più alte. Primi passi e piccoli trucchi Misuriamo meglio le porzioni quando stiamo cucinando. Ad esempio, una porzione di riso equivale a circa 80g. Spesso sprechiamo alimenti ricchi di carboidrati: riso, pasta, patate e pane. Teniamo il pane in freezer e scongeliamo mezza pagnotta alla volta. Troppa zuppa o risotto? Congeliamoli: torneranno comodi quando non avremo voglia di cucinare. Programmiamo tutti i pasti per 2 settimane e facciamo la lista della spesa di conseguenza. Risparmieremo tempo e denaro. Teniamo sempre gli ingredienti essenziali nella dispensa, nel frigo e nel freezer per non rischiare di dover andare a fare la spesa per un singolo prodotto. Data di scadenza: consumare entro il = dopo questa data decadono le garanzie di sicurezza alimentare del produttore, spesso però il prodotto rimane perfettamente mangiabile, ma facciamo attenzione, non andiamo troppo oltre. Da consumare preferibilmente entro il : si può ancora mangiare ma il prodotto potrebbe avere un sapore meno buono (perdere croccantezza, sapore, ecc.). Teniamo d'occhio le date dei prodotti e consumiamoli in tempo, altrimenti, congeliamoli. Seguiamo sempre le istruzioni di conservazione scritte sulla confezione. Assicuriamoci che il frigo sia abbastanza freddo (1-5 C), ma inutile tenerlo troppo freddo. Impariamo a riutilizzare gli avanzi: proviamo a cercare ricette gratis in Internet (un sito fra mille scambiamocele di persona, usiamo la nostra creatività.!11

12 Strade in Transizione 4.12 Ecco perché passare al biologico LA QUALITÀ DEL CIBO COSTO RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2 nessuno nessuno basso medio Pasiamo al biologico L agricoltura biologica è un primo passaggio verso la sostenibilità alimentare. Non permette l uso di OGM e di prodotti chimici come pesticidi e fertilizzanti pericolosi per noi e per l ambiente. I fertilizzanti azotati sono tra i principali responsabili di emissioni di gas serra: per produrne una tonnellata serve una tonnellata di petrolio, si emettono sette tonnellate di gas serra e si consumano 100 tonnellate di acqua. Il cibo biologico evita additivi controversi come l aspartame, il glutammato e i grassi idrogenati. Il latte biologico, ad esempio, contiene in media il 68% in più di acidi grassi essenziali Omega3. Ricordiamoci che non basta lavare con cura frutta e verdura trattate chimicamente per rimuoverne i residui (anche se sono in quantità previste dalla legge). Negli allevamenti biologici non si utilizzano antibiotici. L agricoltura biologica porta benefici all ambiente: si stima che convertendo al biologico piccole e medie fattorie, il suolo sarebbe in grado di immagazzinare carbonio a sufficienza da compensare le emissioni di automobili. Ma costa troppo! Il cibo biologico in effetti costa spesso di più, a seconda di cosa decidiamo di comprare e dove, ma ciò dipende molto dal venditore. Le ragioni di questa differenza di prezzo sono dovuti soprattutto ai costi di produzione, ma è pur vero che molti fornitori di cibo come i supermercati nascondono il vero prezzo del cibo importando dall estero prodotti più economici. Di conseguenza il reale costo del nostro cibo è offuscato. Non vediamo le sostanze chimiche che scorrono dai campi nei nostri fiumi, non consideriamo il legame tra l uso di pesticidi e le malattie, i danni ambientali, le conseguenze sociali di un agricoltura sottopagata o sovvenzionata deformando i mercati. Se teniamo conto di tutti questi aspetti nascosti il cibo a buon mercato non è poi così conveniente come pensiamo. Quindi, chi sta pagando il prezzo reale?!12

13 Strade in Transizione 4.13 Ecco perché passare al biologico QUALE BIOLOGICO? Biologico, ma quale? In una fattoria biologica si trova una varietà di piante, insetti e uccelli maggiore del 50% rispetto a una che pratica agricoltura industriale. L agricoltura biologica si affida a queste specie per controllare i parassiti naturali, e questo permette loro di prosperare, fintanto che non vengono intaccate dai fertilizzanti, dalle sostanze chimiche e dai pesticidi usati nelle fattorie non biologiche. Non dimentichiamo che queste sostanze sono pericolose anche per gli uomini - soprattutto per gli stessi agricoltori causando cancro ad altre malattie. Nei supermercati! Compriamo prodotti certificati, sono comunque meno impattanti di quelli non certificati, ma teniamo in considerazione che è molto probabile che si tratti di biologico industriale. Questo tipo di produzione rimane spesso intensiva e su ampia scala, il produttore è spesso sottoposto alla pressione contrattuale delle grandi catene Certificato o non certificato?! Le certificazioni possono essere utili quando non si conosce bene il produttore e forniscono un certo livello di garanzia. È chiaro che sono onerose per l agricoltore, soprattutto se è molto piccolo. Se è possibile instaurare un rapporto di fiducia reciproca con chi coltiva, attraverso la conoscenza diretta e la programmazione condivisa della produzione (come accade spesso nei GAS), si può anche fare a meno delle certificazioni ufficiali. Riflessioni utili L agricoltura industriale (non biologica) esiste nella sua forma attuale solamente da 70 anni. In precedenza tutti i metodi tradizionali erano biologici. Forse dovremmo pensare al cibo biologico come normale, tradizionale o senza chimica o semplicemente cibo. È quello che mangiamo ora che è qualcosa di diverso. I pesticidi sono associati ad una maggiore incidenza di cancro, Parkinson, difetti congeniti e casi di morte in tutto il mondo. Il fenomeno è evidente soprattutto nei paesi più poveri, dove non vi è alcuna regolamentazione e gli operai lavorano spesso scalzi e senza abbigliamento COSTO protettivo. RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2!13

14 Strade in Transizione 4.14 Coltiviamo il nostro cibo FAI DA TE basso medio medio medio-basso Riscoprire l orto Coltivando il nostro cibo diventiamo più resilienti e meno dipendenti dalla grande distribuzione, un sistema nel quale i prezzi continuano a salire, non abbiamo controllo su eventuali interruzioni nella fornitura e non è facile capire come venga prodotto, lavorato e trasportato il cibo. DUBBI Riusciremo a vivere senza supermercati? Riusciamo ad elaborare un sistema alternativo? Se i loro scaffali si svuotassero, avremmo la possibilità di trovare altro cibo? Provare per credere Chiunque può coltivare da sé una quota di frutta e verdura, anche con poco spazio a disposizione. Vasi, fioriere e aiuole possono essere trasformati in piccoli orti e fornire prodotti deliziosi. In più, mangiare quello che abbiamo coltivato con le nostre mani è meraviglioso e ci fa sentire bene (non sottovalutate questo aspetto, potrebbe sorprendervi). Poi c è la soddisfazione nel sapere che non stiamo bruciando combustibili fossili. È facile da fare e può farci risparmiare. Ecco alcune verdure facili da coltivare perfino sul balcone: Patate: rincalziamole man mano che le foglie crescono. Le potremo conservare in vasche o vecchi sacchi. Aglio: si conserva per tutto l anno. Insalata: le varietà da taglio o in caspo sono ottime e facili. Fagioli rampicanti: sono molto belli da vedere quando si arrampicano su canne o rametti (e ovviamente buoni da mangiare). Pomodori: ce ne sono mille varietà, si può scegliere quella più adatta allo spazio disponibile, dai ciliegini ai cuori di bue. Poi ovviamente ci sono le aromatiche più comuni, basilico, erba cipollina, salvia, timo, menta, ecc Vorrei coltivare qualcosa ma non ho proprio spazio. Potremmo decidere di dar vita ad un progetto di orti comuni. Le persone che hanno uno spazio in giardino ma non lo usano lo potrebbero offrire a giardinieri appassionati in cambio di una piccola parte di prodotto. O si più decidere di chiedere l uso di alcuni terreni pubblici per questo scopo.!14

15 Strade in Transizione 4.14 Coltiviamo il nostro cibo BUONO E SANO Cosa ci guadagnamo? Dipende da molti fattori, primo fra tutti la disponibilità di terreno. Certo è che una bustina di semi di lattuga, ad esempio, costa pochi euro e permette potenzialmente di produrre oltre 200 lattughe. Se compriamo lo stesso prodotto il costo è molto più elevato (tra 1 e 2 euro per ogni cespo). Ci si guadagna inoltre una qualità del cibo (sapore incluso) quasi incomparabile. Nulla è come mangiare verdure appena colte, totalmente integre e complete di tutti i micronutrienti che non si perderanno o deterioreranno durante il trasporto o la trasformazione. Semplicemente impagabile per la nostra salute (e per il palato). Sì ma... serve un sacco di lavoro! È vero, serve tempo e energia per curare il proprio orto, grande o piccolo che sia, ma se lo progettiamo bene, può richiedere manutenzione molto bassa - e se cerchiamo tra i principi della permacultura, troveremo diverse fonti d ispirazione. A Monteveglio imparare è facile, basta rivolgersi a Monteveglio Città di Transizione o agli Streccapogn per essere aiutati in questo. Primi passi e piccoli consigli Coltivare tutto in maniera biologica (no pesticidi e prodotti chimici) e scopriamo l Orto Sinergico Ci sono mille manuali, ma i principi di base sono semplici: le piante sanno già quel che devono fare (anche senza leggere i manuali). Quindi non facciamoci prendere dal panico e accettiamo qualche fallimento iniziale. Ricordiamo che ogni anno, ogni stagione, ogni raccolto sarà diverso Se serve aiuto chiediamo a Monteveglio Città di Transizione e Streccapogn di organizzare un corso per noi. Scoprite la permacultura e i suoi principi Visitiamo altri orti, scambiamo semi, sorrisi ed esperienza. Impariamo a conservare il prodotti dell orto per l inverno Se non abbiamo tempo, spazio e voglia, cerchiamo di far partire uno progetto di Agricoltura Sostenuta dalla Comunità!15

16 Strade in Transizione 4.15 Carnivori consapevoli CARNE O NON CARNE? COSTO RISPARMIO IMPEGNO RISPARMIO CO2 nessuno medio-basso basso medio Meno è meglio Recentemente una dichiarazione delle Nazioni Unite ha suggerito di mangiare meno carne per aiutare ad affrontare il cambiamento climatico. Si stima che la produzione di carne sia responsabile di circa un quinto delle emissioni globali di gas serra; l allevamento di animali, inoltre, sta causando deforestazione e perdita di biodiversità. Gli alimenti vegetali - frutta, verdura e cereali - necessitano di poche risorse per essere prodotti: per un chilo di mais usiamo 900 litri di acqua mentre per un chilo di manzo ne usiamo litri. Senza contare che la carne ha bisogno di molta più lavorazione, terreni, prodotti chimici ed energia derivante dal petrolio. Gli animali mangiano cereali che vengono di conseguenza sottratti all alimentazione umana; a parità di terreno potremmo quindi nutrire più persone con la produzione di vegetali che di carne. Secondo l Organizzazione Mondiale per la Sanità, gli italiani mangiano più del doppio delle proteine di cui hanno bisogno. Non abbiamo bisogno di mangiare così tanta carne, potremmo sostituirne una parte con alternative vegetariane che possono farci risparmiare sulla spesa settimanale e contemporaneamente aiutare l ambiente. Oltretutto ISTAT ci dice che quella per la carne è la voce di spesa più pesante nel portafoglio alimentare delle famiglie. Pensare e agire Cerchiamo di fare molta attenzione alla carne che compriamo e teniamo in considerazione l energia che viene spesa durante i processi di produzione. Per esempio, sono necessarie circa 4 calorie di proteine vegetali per ottenere 1 caloria di proteina di pollo, mentre per il maiale questo rapporto sale fino a 17:1, per l agnello 50:1 e per il manzo 54:1. Questo enorme consumo energetico viene soddisfatto dirottando all industria della carne immense quantità di cereali. Proviamo a stare un giorno a settimana senza consumare carne, e poi provando a spingerci a due o tre giorni man mano che scopriamo nuove e deliziose alternative vegetariane.!16

17 Strade in Transizione 4.16 Carnivori consapevoli POCA MA BUONA Cosa ci guadagnamo? Oltre a risparmiare soldi sulla nostra spesa settimanale, e a proteggere l ambiente, mangiando meno carne miglioreremo anche la nostra salute. Naturalmente, il risparmio dipenderà da quanta ne compriamo e di che tipo. Mangiamone meno e di alta qualità, proveniente da allevamenti biologici, allevamenti al pascolo, ecc. Consumando poca carne assumeremo necessariamente più fibre, frutta e verdura, diminuendo l assunzione di grassi saturi. In questo modo ridurremo il rischio di malattie cardiovascolari e di cancro. Prestiamo anche molta attenzione alla carne che costa poco. Come può un chilo di pollo costare quanto un chilo di peperoni, considerando l allevamento dell animale dalla nascita fino alla macellazione? Domandiamoci sempre da dove proviene la carne che mangiamo e il modo in cui è stata allevata e lavorata. Pensare e agire Non dobbiamo rinunciare del tutto alla carne! Proviamo però a ridurre gradualmente il numero di giorni della settimana in cui la mangiamo. Preferiamo la carne bianca (pollo e maiale) a quella rossa. Ha un minore impatto ambientale. Se possibile, mangiamo carne di produzione locale (preferibilmente da pascolo) per evitare le emissioni dovute a trasporti su lunga distanza. Invitiamo i macellai locali a fornirci questo tipo di prodotto. Prendiamo in considerazione le alternative ai latticini formaggi, latte, panna, yogurt ecc. tenendo presente però che anche la soia può aver percorso migliaia di chilometri dal luogo di produzione (spesso in posti dove una volta c era la foresta amazzonica). Proviamo nuove ricette vegetariane e senza latticini. Ci sono molti spunti e idee online, ad esempio su: La prossima volta che andremo fuori a cena, proviamo un ristorante vegetariano rimarremo stupiti da quante deliziose pietanze ci presenteranno.!17

18 Strade in Transizione 4.17 Il mio piano d azione sul cibo LE AZIONI Le azioni suggerite Comprare cibo locale e di stagione (4.4.)! Ridurre gli imballaggi del cibo (4.8.)! Minimizzare gli sprechi (4.10)! Scegliere il biologico (4.12)! Coltivare il proprio cibo (4.14)! Carnivori consapevoli (4.16) Quali altre idee ha il nostro gruppo che non rientrano in quelle viste sopra? Aggiungiamole sotto se pensiamo siano importanti.. Azioni Fatto Quando lo farò Note IN GRUPPO Come possiamo aiutarci a vicenda? Facciamo una lista delle azioni da fare in gruppo qui sotto!18

19 Strade in Transizione 4.20 Informazioni di riferimento: lo SCEC RIFLESSIONI Buoni solidali Il progetto ŠCEC crea un patto, stretto fra persone comuni, imprese commerciali, artigiane ed agricole, fra professionisti ed Enti Locali, al fine di promuovere localmente lo scambio di beni e servizi accettando una riduzione percentuale del prezzo rappresentata dai buoni ŠCEC. Sono emessi e distribuiti dall Associazione Arcipelago ŠCEC in nome della collettività e con criteri trasparenti; ogni associato ha diritto alla stessa quantità di ŠCEC. Gli ŠCEC sono la rappresentazione dell atto di fiducia che gli associati si attribuiscono reciprocamente; ovviamente si usano solo insieme agli Euro; rappresentando una diminuzione della spesa, aumentano di fatto il potere di acquisto delle famiglie che partecipano al circuito, ma soprattutto agganciano gli euro al territorio arginando l emorragia di ricchezza e innescando processi economicamente e socialmente virtuosi. Possiamo allora definire gli ŠCEC come una contabilità della reciproca fiducia: metro di misura di una solidarietà fattiva, economicamente circolare e quindi per tutti conveniente. Per motivi di praticità hanno un cambio di 1:1 con l euro (quindi uno ŠCEC equivale ad un Euro ) ma, ovviamente, non sono convertibili, possono solo passare di mano in mano. Al momento dell iscrizione l accettatore ovvero il produttore, il commerciante, l artigiano, il professionista indica liberamente la percentuale di accettazione dei Buoni Locali, valore che si aggira solitamente tra il 5 e il 30% del prezzo del prodotto o del servizio. Percentuale che potrà variare in qualsiasi momento con una semplice comunicazione. Ogni associato, sia esso fruitore che accettatore, riceve, all atto dell iscrizione, 100 ŠCEC. L obiettivo comune è rendere questa distribuzione periodica fino a divenire mensile. Ciò avverrà nel momento in cui il circuito locale sarà in grado di garantire e permettere una circolazione dei Buoni Locali costante e continuativa. Gli ŠCEC si contano e si scambiano anche elettronicamente attraverso il ContoŠCEC: i Buoni Locali elettronici diverranno una quota sempre più importante nella circolazione totale della ricchezza di un territorio, lasciando al cartaceo le funzioni di ordine sociale e lo scambio tra privati. Per ulteriori informazioni: scecservice.org Esistono anche altri meccanismi interessanti come gli schemi di baratto tra aziende, le monete locali classiche, ecc.!19

20 Strade in Transizione 4.21 Cibo, popolazione, petrolio RIFLESSIONI Siamo troppi? Ci sono oggi più di 7 miliardi di persone sulla terra, e questo numero aumenta di circa 80 milioni di persone ogni anno. Oggi la più grande minaccia al benessere umano al nostro cibo, acqua, energia, così come alle altre specie e alla terra per come la conosciamo - potremmo essere noi stessi. Il problema della dimensione della popolazione è controverso, perché ci tocca nelle nostre decisioni più personali. Lo ignoriamo a nostro rischio e pericolo. Una persona su sei nel mondo soffre abitualmente la fame. David Attenborough BBC Horizon Documentary: quante persone possono vivere sulla terra?. Negli anni 20 c erano 2 miliardi di persone sulla terra, oggi ce ne sono quasi 7. È la crescita esponenziale dell ormai enorme popolazione mondiale la sfida più grande che ci aspetta in futuro. I prezzi globali del cibo stanno aumentando fortemente negli ultimi anni. Ciò contribuisce a diffondere e a peggiorare fenomeni di malnutrizione. A partire dagli anni 50, la Rivoluzione Verde ha consentito notevoli aumenti delle rese agricole, incrementando la produzione di cereali di oltre il 250%. Da allora la popolazione mondiale è cresciuta di circa 4 miliardi di persone, mentre la disponibilità di petrolio e gas naturale, da cui questo sistema agricolo dipende per ottenere i fertilizzanti e i pesticidi, è destinata a declinare drammaticamente nei prossimi decenni. Aumento demografico, risorse energetiche in declino e carenza di cibo porteranno ad una tempesta perfetta entro il ha avvertito uno scienziato del governo britannico. Le riserve di cibo sono oggi al livello minimo degli ultimi 50 anni mentre il mondo avrà bisogno del 50% in più di energia, cibo e acqua entro il Il picco della produzione mondiale di petrolio, o Picco del Petrolio, potrebbe mettere seriamente alla prova i nostri attuali sistemi di produzione di cibo. Nel maggio 2008, il prezzo dei cereali (con il prezzo del petrolio a oltre 140$ al barile) si è impennato a causa di diversi fattori fondamentali: aumento delle coltivazioni destinate alla produzione di biocarburanti, aumento della popolazione mondiale, cambiamento climatico, perdita di terreno agricolo a causa dello sviluppo residenziale e industrialee aumento della domanda da parte dei consumatori di tutto il mondo. Rivolte per il cibo sono scoppiate recentemente in diversi paesi del mondo.!20

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione

I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione PoliCulturaExpoMilano2015 I_I06.e Cibo: biodiversità, sostenibilità e tradizione Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott.ssa Antonia Trichopoulou

Dettagli

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari

La nostra. Il nostro Clima. Il nostro Mondo La nostra Alimentazione. scelte alimentari La nostra Alimentazione COMPLETATE LA PRIMA ATTIVITÀ DI QUESTO CAPITOLO, POI SCEGLIETENE ALTRE TRE DALLA LISTA CHE SEGUE. Le nostre scelte alimentari possono avere effetti positivi o negativi sul clima

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da

GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da GUIDA DEL DOCENTE Risorse didattiche proposte da Indice Obiettivi del concorso... 3 Perché partecipare... 3 Quando e come... 3 Interesse didattico... 4 Quali sono le classi interessate... 4 Quali sono

Dettagli

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente

Riduco. Riciclo. Recupero. Riutilizzo. Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Riduco Riciclo Recupero Riutilizzo Provincia di Campobasso Assessorato all Ambiente Quaderno di nato a il scuola classe sez. Cari ragazzi, questo quaderno che state leggendo, scritto e realizzato per voi

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo

RACCOLTE DOMICILIARI. Comune di Cicognolo RACCOLTE DIFFERENZIATE DOMICILIARI Comune di Cicognolo Situazione attuale Nel Comune di Cicognolo è attiva la raccolta porta a porta monosettimanale del rifiuto indifferenziato. Sistema secco-umido Appare

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Laboratorio di Raccolta Differenziata

Laboratorio di Raccolta Differenziata Laboratorio di Raccolta Differenziata 1 Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO,

Dettagli

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste

Progetto di regolamento comunale. Ecofeste Progetto di regolamento comunale Ecofeste Comune di Mezzago per una gestione eco-compatibile delle feste e sagre Feste e sagre sono diventate nel tempo una tradizione consolidata del nostro comune, che

Dettagli

STILI DI VITA COSA SONO?

STILI DI VITA COSA SONO? STILI DI VITA COSA SONO? PICCOLE AZIONI PER GRANDI CAMBIAMENTI guardare le cose da un altro punto di vista incentivare una economia pensare a cosa solidale ci rende veramente felici rispettare l ambiente

Dettagli

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE

VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE VADEMECUM CONSUMO SOSTENIBILE INDICE PREMESSA I PRODOTTI ALIMENTARI PRODOTTI BIOLOGICI PRODOTTI LOCALI BENI DI CONSUMO 2 PREMESSA Ogni giorno, tutti noi consumiamo una quantità di prodotti per soddisfare

Dettagli

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015

Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Diffusione del video Non siamo irrecuperabili Istituto comprensivo VITTORINO DA FELTRE 14 aprile 2015 Direzione Ambiente Governo e Tutela del territorio Ciclo Integrato dei Rifiuti e Servizio Idrico Integrato

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da

svitati eco-appunti per l ambiente Progetto didattico promosso da anno scolastico 2014/2015 svitati per l ambiente eco-appunti per i ragazzi Progetto didattico promosso da COSA DEVI SAPERE PRIMA DI INIZIARE! Questi ECO-APPUNTI sono stati realizzati affinché tu possa

Dettagli

ACQUISTI INTELLIGENTI

ACQUISTI INTELLIGENTI ACQUISTI INTELLIGENTI UN ACQUISTO INTELLIGENTE Un consumo moderato è più ecologico di un consumo esagerato anche se i prodotti sono ecologici ed etichettati. Ciò detto, SONO DA PREFERIRE prodotti e servizi

Dettagli

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO

TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO TRE PROGETTI PER LE SCUOLE, ASPETTANDO L EXPO In vista dell Expo 2015 : Nutriamo il pianeta-energia per la vita, proponiamo tre progetti da realizzare nelle scuole. A seconda dello spazio e delle energie

Dettagli

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto

se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto se vuoi nutrirti bene non puoi digerire tutto siamo quello che mangiamo STAGIONALE E LOCALE: LA DIETA GIUSTA La tua salute dipende in gran parte dalla tua alimentazione. Mangia un po di tutto con moderazione,

Dettagli

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI

INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI INDICAZIONI PER LA VALUTAZIONE DEI CAPITOLATI D APPALTO PER LA RISTORAZIONE COLLETTIVA A SOSTEGNO DI MENÙ CORRETTI OTTOBRE 2011 1 PREMESSA Un alimentazione equilibrata e corretta, gradevole ed accettabile,

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto?

Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? Faccio l orto per chi? 1. perché fai l orto? a) per passione 39% lavorare nell orto offre 1. una sana opportunità di esercizio fisico e vita attiva 2. crea salute e benessere fisico e psicologico 3. passione

Dettagli

Ditta Tandoi - Corato

Ditta Tandoi - Corato Incontro di sensibilizzazione sulla produzione dei rifiuti 27 Gennaio 2011 Ditta Tandoi - Corato Nello De Padova Programma dell'incontro 09:00 09:15 Prima impressione 09:15 09:30 Prima riflessione 09:30

Dettagli

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI

PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI Città di Portogruaro Assessorato all Ambiente PROGETTO CARTA DEI PRINCIPI PREMESSA Questa Carta dei Principi nasce da un anno di lavoro sul progetto Vivere con Stile, promosso dall Amministrazione Comunale

Dettagli

Biocarburanti: un alternativa sostenibile?

Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Biocarburanti: un alternativa sostenibile? Annalisa Zezza Istituto Nazionale di Economia Agraria zezza@inea.it Torvergata Roma 27 NOVEMBRE 2008 Il contesto aumento del prezzo dell energia e della dipendenza

Dettagli

Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia

Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia Alimentazione sostenibile: anche una questione di energia Corso di Formazione Nazionale per insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado CENTRO RISORSE FRECCIA IISS ANTONIETTA DE PACE LECCE Parco Regionale

Dettagli

Batti la crisi col cervello!

Batti la crisi col cervello! Batti la crisi col cervello! 20 suggerimenti per vivere meglio consumando meno alimentazione trasporti economia domestica denaro tempo libero calcola il valore della tua AltraCard! Batti la crisi col cervello!

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

Il nostro spreco quotidiano

Il nostro spreco quotidiano Il nostro spreco quotidiano Torino, 23 ottobre 2014 Franca Braga Responsabile Centro studi alimentazione e salute Chi siamo? La prima e più diffusa organizzazione di consumatori italiana ALTROCONSUMO è

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A

A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A A R E A P I A N I F I C A Z I O N E E G E S T I O N E D E L T E R R I T O R I O S E R V I Z I O A M B I E N T E E D E C O L O G I A COMUNE DI OPERA SERVIZIO AMBIENTE ED ECOLOGIA Campagna informativa

Dettagli

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva

ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva ECO-CONCORSO QUESTIONE DI STILE Relazione conclusiva La campagna, la mostra, la festa, l eco questionario Lo scorso marzo Comune AcegasAps e Legambiente hanno lanciato una nuova campagna di sensibilizzazione

Dettagli

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia

www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia www.dietahl.com Distributore Herbalife Benessere e Salute da Famiglia a Famiglia Ciao! Sono Nella Cortese di www.dietahl.com, distributore Herbalife. In questo piccolo documento voglio spiegarti come usare

Dettagli

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua

COMUNE DI SAN GILLIO. Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua Qualche semplice consiglio per risparmiare l acqua L acqua è una risorsa essenziale. Ci sostiene, ci unisce, ci aiuta a crescere. Senza l acqua, le nostre società non potrebbero sopravvivere. Dipendiamo

Dettagli

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.

Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc. Editore: Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro - Sede Operativa: via San Vito 7, 20123 Milano, Tel. 02 7797.1, www.airc.it Numero Verde 800.350.350 - Coordinamento redazionale: Patrizia Brovelli

Dettagli

MERCATO AGRICOLO E NON SOLO

MERCATO AGRICOLO E NON SOLO MERCATO AGRICOLO E NON SOLO L'ORGANIZZATRICE Alla signorina Alessandra, appartenente al gruppo di volontari del mercato agricolo, al quale prendono parte una quindicina di produttori, abbiamo posto le

Dettagli

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO

LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO Percorso di educazione alla sostenibilità per la scuola primaria LE 4 R CHE COMBATTONO LO SPRECO La natura non spreca. L uomo sì.che fare? CHIEDIAMO AIUTO ALLE MITICHE, FAVOLOSE INSUPERABILI, MEGAGALATTICHE,

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

Sostenibilità ambientale

Sostenibilità ambientale Benessere economico Sostenibilità ambientale Vitalità culturale Equità sociale Raccolta dei rifiuti organici Italian Introduzione al servizio di raccolta dei rifiuti organici del Comune di Norwood Payneham

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

La teoria Rifiuti Zero

La teoria Rifiuti Zero 1. La visione rifiuti zero: La fine dell era dello spreco Per tutto il XX secolo, i rifiuti sono stati considerati come il termine naturale della produzione industriale, lasciati alla gestione da parte

Dettagli

Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia

Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia Sperimentazione azioni di prevenzione dei rifiuti a Brescia Compostaggio domestico Pannolini riutilizzabili per bambini Spesa in cassetta Criteri costi - benefici Paola Amadei consulente Aprica/a2a 25

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

I_I22.s Chimica ed EXPO2015

I_I22.s Chimica ed EXPO2015 PoliCulturaExpoMilano2015 I_I22.s Chimica ed EXPO2015 Versione Breve Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Dott. Emiliano Miriani Presidente dell Ordine Interprovinciale

Dettagli

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA

PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA PARLIAMO DI RIFIUTI MARTEDI 3 APRILE- LATINA Che cos è un rifiuto? Qualcosa che non ci serve più e che buttiamo! Provate a pensare a questo: avete una vecchia felpa che a voi non piace più e che ormai

Dettagli

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010

Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Economia, ricchezza e povertà: alcuni processi globali in atto. Lorenzo Giovanni Bellù Economista, FAO UN - Roma 6 Novembre 2010 Alcune domande Quanti siamo? Quanti poveri ci sono? Tra questi ultimi, quanti

Dettagli

Cosa sono i Global Goals?

Cosa sono i Global Goals? Cosa sono i Global Goals? I Global Goals conosciuti anche con il nome di Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals) sono 17 obiettivi contenuti in un grande piano d azione su cui

Dettagli

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI

FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI FAI LA DIFFERENZA: DIFFERENZ A! GUIDA ALLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI COMUNE DI CESANO BOSCONE La raccolta differenziata a Cesano Boscone Raccogliere separatamente i rifiuti è un gesto di rispetto

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta:

SCHEDA DIDATTICA. Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: SCHEDA DIDATTICA NOME: COGNOME: CLASSE: Sulla base di ciò che hai osservato poco fa, rispondi a queste facili domande facendo una crocetta sulla risposta corretta: 1) Secondo te è più pesante una bottiglia

Dettagli

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili

Slowfood. aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE. Slowine. Acqua alle corde. Slowfood. Azioni sostenibili 45 aprile 2010 ACQUA ALLE CORDE - PROFESSIONE HAPPYCOLTORE - DOVE OSANO LE VIGNE Slowfood aprile 2010 www.slowfood.it Acqua alle corde Azioni sostenibili Professione happycoltore La rete delle comunità

Dettagli

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti

La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti La difficile crescita dei biocarburanti: le politiche e le strategie delle compagnie petrolifere nel settore dei biocarburanti Edgardo Curcio Presidente AIEE Milano, 20 maggio 2010 La produzione di biocarburanti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BRAMBILLA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 324 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BRAMBILLA Norme per garantire l opzione per la dieta vegetariana e la dieta vegana nelle mense

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

meno rifiuti dispensa generale per gli studenti

meno rifiuti dispensa generale per gli studenti meno rifiuti dispensa generale per gli studenti Il problema dei rifiuti Cosa sono i rifiuti? Sono gli oggetti o le sostanze di cui ci disfiamo quando riteniamo di non averne più bisogno. A volte a ragione,

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano

CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano CLASSI 4^ A e 4^B Istituto comprensivo F. Fellini di Tavazzano I prodotti più comunemente utilizzati per una colazione completa e varia sono: Bevande: caffè latte, tè, cioccolata calda, succhi e centrifugati

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Cosa spiega le differenze nei consumi

Cosa spiega le differenze nei consumi I consumi di prodotti agro-alimentari: differenziazioni nello spazio e nel tempo Cosa spiega le differenze nei consumi tra individui diversi tra paesi diversi per uno stesso individuo, o per uno stesso

Dettagli

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI?

IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE LOCALI? COMUNE DI REGGIO EMILIA Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Assessorato gli Affari Istituzionali Assessorato Decentramento e Partecipazione IMPRESE E SVILUPPO SOSTENIBILE:QUALE RUOLO PER LE AUTONOMIE

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA

LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA ADEM LAB- UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA LE DETERMINANTI DEL COMPORTAMENTO DI CONSUMO E DI ACQUISTO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA: I RISULTATI DELLA RICERCA Silvia Bellini Università degli Studi di

Dettagli

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta

Trinitapoli Raccolta differenziata porta a porta 1 Porta a Porta: che cosa cambia? Scompaiono definitivamente i cassonetti stradali 1: Raccolta differenziata Porta a Porta Una grande idea per un mondo libero dai rifiuti il Comune di Trinitapoli attiva

Dettagli

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo.

LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau LA DECRESCITA FELICE Viaggio alla ricerca del vivere a misura d uomo. Con la compartecipazione della Provincia di Bologna, Tavolo Provinciale per la Pace.

Dettagli

"Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo

Educhiamo(ci) alla sostenibilità Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo "Educhiamo(ci) alla sostenibilità" Laboratori di educazione al consumo consapevole, al riuso, al riciclo Nell anno scolastico 2011-12 appena concluso, gli studenti di numerose scuole di Roma e del Lazio

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

( ) Vademecum per i pubblici esercizi sostenibili

( ) Vademecum per i pubblici esercizi sostenibili ( ) per i pubblici esercizi sostenibili Indice Impegni gestionali Utilizzare bibite con vuoto a rendere e proporre l utilizzo dell acqua di rete p. 3 Limitare l utilizzo delle monoporzioni p. 4 Utilizzare

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone

vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi grandi, fiori secchi, alimenti, piatti di plastica cartone Livello A1 Unità 1 Raccolta differenziata Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Chiavi 1. Metti i rifiuti nel contenitore giusto. (drag and drop) vetro, bottiglie di plastica, fogli di carta, cartone, ossi

Dettagli

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica

Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica carta Per produrre UNA TONNELLATA di carta da cellulosa vergine occorrono: 15 alberi 440.000 litri d acqua 7.600 kwh di energia elettrica Per produrre UNA TONNELLATA di carta riciclata invece bastano:

Dettagli

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima

Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima Parigi 2015: mobilitiamoci per il clima La Coalizione Italiana per il Clima chiede che dalla COP21 di Parigi scaturisca un accordo equo, legalmente vincolante, che consenta di limitare il riscaldamento

Dettagli

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto!

La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! La Raccolta differenziata: Ogni cosa al suo posto! Umido Plastica e Lattine Carta e Cartone Secco non riciclabile Vetro (bianco e colorato) Farmaci scaduti Pile Legno Umido I rifiuti umidi vanno conferiti

Dettagli

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale

Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Progetto Cinisellese Sostenibile Indagine conoscitiva Iniziale Il presente questionario fa parte di una fase molto importante del progetto Cinisellese Sostenibile promosso dall Assessorato all Agenda 21

Dettagli

Uso corretto*dell energia

Uso corretto*dell energia Uso corretto*dell energia Consigli per la vita quotidiana Anzitutto qualche pensiero Risparmiare energia o farne un uso corretto? La Città di Brunico ha optato per la seconda possibilità volendo sottolineare

Dettagli

Testi semplificati di tecnologia

Testi semplificati di tecnologia Testi semplificati di tecnologia Presentazione Le pagine seguenti contengono testi semplificati su: materie prime; lavoro; agricoltura; alimentazione; energia; inquinamento. Per ogni argomento i testi

Dettagli

colesterolo sotto controllo

colesterolo sotto controllo Come tenere il colesterolo sotto controllo LAVORIAMO INSIEME PER PROTEGGERE LA TUA VITA Cos è il colesterolo alto (ipercolesterolemia)? Come succede a molti di noi, non hai mai pensato al colesterolo o

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina

Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Allegato Le azioni di riduzione dei rifiuti nella Distribuzione Organizzata trentina Schede delle azioni 1 Nota: nella individuazione dei criteri obbligatori e nell assegnazione dei punteggi a quelli facoltativi,

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare

Unità 1. Raccolta differenziata. Lavoriamo sulla comprensione. Ingombranti Conferiti nelle vicinanze Disfarti Riciclare Unità 1 Raccolta differenziata CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che dà informazioni sulla raccolta differenziata parole relative alla raccolta differenziata e ai rifiuti a usare

Dettagli

Istituto Comprensivo - CASTELBOLOGNESE - Scuola Primaria C. Bassi UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE

Istituto Comprensivo - CASTELBOLOGNESE - Scuola Primaria C. Bassi UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE UN VIAGGIO TRA CIBO GLOBALE E CIBO LOCALE Scuola Primaria C. Bassi : Classi V A e V B (lavori di gruppo) ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTELBOLOGNESE Docente Coordinatore: Claudia Cortecchia A proposito di...

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

G R E E N S C H O O L

G R E E N S C H O O L alla Scuola G.B. Monteggia PROGETTO G R E E N S C H O O L Anno Scolastico 2013-14 Pilastro RIFIUTI Durante la seconda settimana di scuola, ai ragazzi delle classi prime, riuniti in sala riunioni, è stato

Dettagli

Calendario Raccolta. Porta a Porta. ECOman. La nuova guida per la raccolta differenziata. porta a porta. Modalità e giorni di raccolta.

Calendario Raccolta. Porta a Porta. ECOman. La nuova guida per la raccolta differenziata. porta a porta. Modalità e giorni di raccolta. Comune di San Zeno di Montagna Com San Zeno Comune di San Giovanni Ilarione Provincia di Verona Provincia di Verona Calendario Raccolta Porta a Porta ECOman Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta

Dettagli

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu

Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET. Bicchieri. Alu Il riciclaggio da Selecta. Ogni gesto conta. Vetro PET Bicchieri Alu Il nostro impegno per proteggere le risorse naturali Thomas Nussbaumer, CEO Region Central L immagine che abbiamo di un ambiente intatto

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06)

N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) N. 14: Produzioni e consumi energetici italiani (v. Q. n. 06) 1. Introduzione I consumi di energia all utilizzatore (domestico, industriale, commerciale, per trasporti, agricolo, amministrativo, ecc) nelle

Dettagli

La contraffazione alimentare: un danno per le imprese, un pericolo per la salute. Centro Congressi Torino Incontra Martedì 8 ottobre 2013

La contraffazione alimentare: un danno per le imprese, un pericolo per la salute. Centro Congressi Torino Incontra Martedì 8 ottobre 2013 La contraffazione alimentare: un danno per le imprese, un pericolo per la salute. Centro Congressi Torino Incontra Martedì 8 ottobre 2013 Alimenti: conservazione, sprechi e packaging ingannevole Cibo spazzatura

Dettagli

FACCIAMO LA DIFFERENZA!

FACCIAMO LA DIFFERENZA! Comune di Castelluccio Valmaggiore Assessorato all Ambiente e Territorio RACCOLTA DIFFERENZIATA: FACCIAMO LA DIFFERENZA! GUIDA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CASA Questo opuscolo è stato appositamente

Dettagli

Buone pratiche. Il Menù Salvaclima

Buone pratiche. Il Menù Salvaclima Buone pratiche Il Menù Salvaclima Gentile Visitatore, Ti presentiamo il nuovo progetto che il Parco Naturale Adamello Brenta propone per sensibilizzare i suoi ospiti sulla tematica dei cambiamenti climatici.

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

Consumi, risorse, insostenibilità

Consumi, risorse, insostenibilità Versione per il calcolo manuale Un foglio di calcolo dell'impronta ecologica personale: informazioni e utilizzo A cura del GLT "Impronta ecologica e sociale" della Rete Lilliput (www.retelilliput.org)

Dettagli

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori

Questionario. Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Questionario Alimentare (FQ) Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori "Strumenti di Sorveglianza Nutrizionale: luci ed ombre" 28 Novembre 2014, Bologna

Dettagli

Cari concittadini. Campagna Informativa sulla... Raccolta Differenziata ASS.TO ALL AMBIENTE COMUNE DI BUDONI

Cari concittadini. Campagna Informativa sulla... Raccolta Differenziata ASS.TO ALL AMBIENTE COMUNE DI BUDONI Cari concittadini scrivo queste poche righe su richiesta dell Assessore all Ambiente, la dott. ssa Loredana Meloni. Lo faccio volentieri anche perché con questo diamo inizio a qualcosa di veramente importante

Dettagli

Le piante sulla nostra tavola

Le piante sulla nostra tavola Unità didattica Piante e Alimentazione Le piante sulla nostra tavola Durata 0 minuti Materiali necessari - almeno un ortaggio da ciascun organo di una pianta, si consigliano: - carote - piselli o fagioli

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi gli

Dettagli

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO OVVERO O CHIUDI IL CERCHIO O CHIUDI IL FUTURO Prof. Maurizi Franco I.T.I.S. e Liceo S-T. A. Einstein - Roma novembre 08- settimana DESS PRIMO: LA SOSTENIBILITA «lo Sviluppo

Dettagli

LINEE GUIDA DEL GAS PANE & ROSE

LINEE GUIDA DEL GAS PANE & ROSE LINEE GUIDA DEL GAS PANE & ROSE Alla base della nostra scelta di organizzarsi in Gruppo d'acquisto Solidale c'è la consapevolezza che occorre ripensare i nostri consumi e più in generale le nostre scelte

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli