Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Educazione Finanziaria. Lezione 5 Previdenza (1 a parte)"

Transcript

1 Corso di Educazione Finanziaria Lezione 5 Previdenza (1 a parte)

2 Indice (1/2) Argomenti trattati in queste lezioni sulla previdenza: 1 a parte (Lezione 5) Introduzione al sistema pensionistico Classificazione dei sistemi pensionistici (modalità di finanziamento, modalità di computo della pensione, ) Il sistema a tre pilastri della Banca Mondiale Storia del sistema pensionistico italiano Il sistema previdenziale italiano 1 pilastro (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 2

3 Indice (2/2) ( continuazione) 2 a parte (Lezione 6) Il sistema previdenziale italiano 2 pilastro Il sistema previdenziale italiano 3 pilastro I fondi pensione (categorie, fasi, costi, tassazione, ) Simulazione in Excel di un piano pensionistico completo Appendice 1 (diagramma di flusso con le opzioni a disposizione del lavoratore dipendente) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 3

4 Introduzione al sistema pensionistico (1/5) Definizioni (sistema pensionistico) [ ] Il sistema pensionistico è un meccanismo di grandissimo rilievo quantitativo con il quale si trasferiscono risorse fra le generazioni dei lavoratori attivi e quelle che hanno ormai cessato l attività lavorativa. [ ] (Dizionario della Finanza, Garzanti) Meccanismo che redistribuisce risorse correntemente prodotte da coloro che sono attivi sul mercato del lavoro a favore delle seguenti categorie di individui: 1. coloro che hanno cessato l attività lavorativa per raggiunti limiti di età (anagrafica e/o contributiva) pensioni di vecchiaia e pensioni di anzianità; 2. coloro che hanno cessato l attività lavorativa per sopravvenuta incapacità al lavoro pensioni di inabilità; 3. coloro che sono legati da rapporti familiari con persone decedute che hanno fatto parte della popolazione attiva sul mercato del lavoro pensioni ai superstiti; 4. coloro che sono sprovvisti di un reddito sufficientemenete elevato e non sono in grado di lavorare pensioni assistenziali o sociali. Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 4

5 Introduzione al sistema pensionistico (2/5) Definizioni (pensione) prestazione economica periodica e continuativa, imposta dalla legge in presenza di determinate condizioni, a favore di determinati soggetti che versino in condizioni di bisogno normativamente definite. [ ] (Dizionario della Finanza, Garzanti) Rendita permanente o temporanea che lo stato o gli istituti di previdenza corrispondono ai lavoratori del settore pubblico o privato, oppure ai loro familiari o ad altri aventi diritto, in relazione a un pregresso periodo di servizio o di attività lavorativa, per lo più in occasione del collocamento a riposo per raggiunti limiti di età, o anche a seguito di eventi che abbiano determinato la morte o uno stato di grave menomazione fisica o psichica [ ] (Vocabolario Treccani, Istituto dell Enciclopedia Italiana) Etimologia della parola (pensione) dal lat. pensio -onis, propriamente «pagamento» (da fare in un giorno fissato, quindi anche «pigione, fitto»), derivato di pendĕre «pagare» (Vocabolario Treccani, Istituto dell Enciclopedia Italiana) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 5

6 Introduzione al sistema pensionistico (3/5) Funzioni del sistema pensionistico Implicite nella definizione di sistema pensionistici vi sono le seguenti funzioni che questo svolge: FUNZIONE ASSISTENZIALE assicurare a tutti i cittadini un reddito minimo FUNZIONE PREVIDENZIALE mantenere anche dopo il pensionamento il tenore di vita che un individuo ha raggiunto nell ultima fase della sua carriera lavorativa FUNZIONE ASSICURATIVA (o di income smoothing ) trasferire risorse nel tempo assicurando l individuo contro la caduta di reddito dovuta alla cessazione dell attività lavorativa N.B. In queste lezioni (Lezione 5 e Lezione 6) si approfondirà solamente la Funzione Previdenziale Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 6

7 Introduzione al sistema pensionistico (4/5) Definizioni (previdenza) Qualità di chi è previdente, di chi, presagendo le necessità future, prende per tempo le misure adatte a fronteggiarle e superarle, sia come atteggiamento abituale sia come comportamento adottato in particolari circostanze [ ] (Vocabolario Treccani, Istituto dell Enciclopedia Italiana) Etimologia della parola (previdenza) dal latino tardo praevidentia, derivato di praevĭdens -entis «previdente» (Vocabolario Treccani, Istituto dell Enciclopedia Italiana) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 7

8 Introduzione al sistema pensionistico (5/5) Una citazione [ ] La pensione di vecchiaia è tuttavia un povero surrogato di quel più alto tipo di società nella quale essa è inutile perchè il vecchio possiede nella casa propria, nel podere ereditato o costrutto a pezzo a pezzo, nel patrimonio formato col risparmio volontario, nell affetto di una famiglia saldamente costituita il presidio sicuro contro l impotenza della vecchiaia. [ ] [Luigi Einaudi (1975). Lezioni di politica sociale. Torino: Einaudi.] Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 8

9 Classificazione dei sistemi pensionistici (1/8) Introduzione I momenti importanti di un sistema pensionistico sono due: FINANZIAMENTO fase in cui i finanziatori del sistema versano i contributi COMPUTO DELLA PENSIONE fase in cui l aderente al sistema passa da finanziatore a percettore di pensione Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 9

10 Classificazione dei sistemi pensionistici (2/8) Introduzione Ciascun momento può essere strutturato in differenti modalità/metodi. Questi sono elencati di seguito e saranno analizzati in dettaglio nelle slide successive. MODALITÀ DI FINANZIAMENTO Capitalizzazione Ripartizione MODALITÀ DI COMPUTO DELLA PENSIONE Metodo retributivo Metodo contributivo Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 10

11 Classificazione dei sistemi pensionistici (3/8) Modalità di finanziamento (capitalizzazione) Le pensioni di ciascuna generazione sono finanziate dai contributi precedentemente versati e investiti sui mercati finanziari dalla generazione stessa. Per questo, il diritto a ricevere la pensione deriva dall avere accantonato e investito sui mercati finanziari i contributi sociali. La formula che esprime la condizione di equilibrio finanziario è la seguente = 1+ dove = pensioni pagate al tempo t + 1 = contributi pagati al tempo t = tasso di rendimento dei contributi Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 11

12 Classificazione dei sistemi pensionistici (4/8) Modalità di finanziamento (ripartizione) I contributi raccolti in un periodo vengono utilizzati per finanziare le pensioni erogate nel medesimo periodo. Per questo, il diritto a ricevere la pensione deriva dall avere finanziato, attraverso i contributi sociali, le pensioni delle generazioni precedenti; vi è quindi un vero e proprio patto tra generazioni. La formula che esprime la condizione di equilibrio finanziario è la seguente = dove = pensioni pagate al tempo t = contributi pagati al tempo t Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 12

13 Classificazione dei sistemi pensionistici (5/8) Modalità di computo della pensione (metodo retributivo) La pensione è funzione della storia retributiva del lavoratore. La pensione (P) è quindi una certa percentuale (β) della retribuzione pensionabile (R p ), moltiplicata per il numero di anni di contribuzione (L). P = Solitamente la retribuzione pensionabile (R p ) è la media delle retribuzioni degli ultimi anni di lavoro. Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 13

14 Classificazione dei sistemi pensionistici (6/8) Modalità di computo della pensione (metodo contributivo) La pensione è funzione dei contributi versati durante la vita lavorativa e del tasso di interesse al quale sono stati investiti questi ultimi. Si procede quindi al calcolo di un montante contributivo (MC), che è ottenuto capitalizzando i contributi versati ad un dato tasso di interesse. Dal montante contributivo alla pensione La pensione (P) è poi calcolata uguagliando il montante contributivo (MC) al valore attuale al momento del pensionamento del flusso delle prestazioni pensionistiche. Quest ultimo dipende dal tasso a cui si scontano le prestazioni future e dall aspettativa di vita al momento del pensionamento. dove ( ) M = = ( ) = aspettativa di vita al momento del pensionamento = tasso a cui sono scontate le prestazioni future (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 14

15 Classificazione dei sistemi pensionistici (7/8) Modalità di computo della pensione (metodo contributivo) ( continuazione) Il tasso di rendimento a cui sono stati investiti i contributi (e con il quale vengono capitalizzati per calcolare il Montante Contributivo) può essere di due tipi: Di mercato nel caso i contributi siano investiti sul mercato dei capitali e capitalizzati in base al tasso effettivamente ottento (modalità tipica dei sistemi pensionistici privati) Non di mercato nel caso i contributo non siano investiti sul mercato dei capitali, ma vengano piuttosto capitalizzati ad un tasso fissato convenzionalmente (modalità tipica dei sistemi pensionistici pubblici) N.B. l ananlisi di questo aspetto verrà approfondita quando si analizzerà il sistema previdenziale presente in Italia (sia pubblico che privato). Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 15

16 Classificazione dei sistemi pensionistici (8/8) Pensione di anzianità pensione di vecchiaia La differenza tra pensione di anzianità e pensione di vecchiaia consiste nella tipologia di requisiti che si sfrutta per ottenere la pensione*. Pensione di anzianità (contributiva) Si ottiene avendo raggiunto un determinato numero di anni di contributi e un età anagrafica minima. Ad esempio, 35 anni di contribuzione e 57 anni di età. Pensione di vecchiaia (anagrafica) Si ottiene avendo raggiunto un età anagrafica minima (anche se è necessario aver un numero minimo di anni di contribuzione; ad esempio 20). (*) Questa distinzione sarà utile nella descrizione del sistama previdenziale italiano Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 16

17 Il sistema a tre pilastri della Banca Mondiale (1/2) Introduzione Nel 1994 la Banca Mondiale ha pubblicato un report dal titolo Averting the Old Age Crisis. In quel documento suggeriva l adozione di un sistema previdenziale formato da tre pilastri ( a three pillars system ), che sono i seguenti: 1. Primo pilastro Pensione pubblica obbligatoria, finanziata da contributi obbligatori versati allo stato e gestiti da un organismo pubblico. 2. Secondo pilastro Pensione privata obbligatoria, gestita da fondi pensioni privati (aperti o chiusi). 3. Terzo pilastro Pensione privata volontaria, gestita da fondi pensioni privati (aperti). Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 17

18 Il sistema a tre pilastri della Banca Mondiale (2/2) Descrizione Il primo pilastro (come è applicato in Italia) sarà descritto a partire dalla slide 23. Il secondo ed il terzo pilastro saranno oggetto della prossima lezione (Lezione 6), che tratterà la seconda parte dell argomento Previdenza. Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 18

19 Storia del sistema pensionistico italiano (1/4) Breve cronistoria per punti In questa parte si elencano i principali passi evolutivi del sistema pensionistico italiano; i più importanti saranno poi approfonditi successivamente Estensione della pensione per invalidità, vecchiaia, e superstiti a tutti gli impiegati civili e militari dello Stato Introduzione di una forma di previdenza volontaria per i dipendenti privati Introduzione dell obbligo di assicurazione per invalidità e vecchiaia per i dipendenti privati Istituzione della pensione di reversibilità ai superstiti. (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 19

20 Storia del sistema pensionistico italiano (2/4) Breve cronistoria per punti ( continuazione) 1950 Estensione della pensione a tutti gli impiegati Introduzione dell assicurazione obbligatoria per coltivatori diretti, mezzadri e coloni Estensione della previdenza obbligatoria agli artigiani Estensione della previdenza obbligatoria ai commercianti Introduzione delle pensioni sociali riservate ai cittadini anziani privi di qualsiasi forma di reddito. (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 20

21 Storia del sistema pensionistico italiano (3/4) Breve cronistoria per punti ( continuazione) 1970 Definitiva attivazione delle pensioni di anzianità liquidabili a tutti coloro che avevano versato 35 anni di contribuzione a prescindere da ogni riferimento all età anagrafica Riforma Amato Riforma Dini Riforma Maroni. (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 21

22 Storia del sistema pensionistico italiano (4/4) Breve cronistoria per punti ( continuazione) 2011 Riforma Monti/Fornero. Le riforme Amato, Dini, Maroni e Monti/Fornero saranno descritte nelle prossime slide, dedicate alla descrizione del sistema pensionistico italiano Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 22

23 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (1/9) Introduzione In questa sezione di descrive l evoluzione del sistema previdenziale italiano, a partire dalla Riforma Amato in poi (vedere slide 21 e 22). Verrà descritto solamente il primo pilastro; il secondo e il terzo saranno oggetto della Lezione 6. Le caratteristiche principali del sistema verranno descritte, prima e dopo ogni riforma e fino ad arrivare all attuale sistema. Ecco le riforme che saranno descritte: 1992 Riforma Amato 1995 Riforma Dini 2004 Riforma Maroni 2011 Riforma Monti/Fornero Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 23

24 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (2/9) Linea del tempo Le riforme elencate in precedenza sono posizionate nella linea del tempo Riforma Amato Riforma Dini Riforma Maroni Riforma Monti/Fornero Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 24

25 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (3/9) Sistema pre riforma Amato Prima della riforma Amato (quindi pre 1992) il sistema era retributivo a ripartizione, con le seguenti caratteristiche: La retribuzione pensionabile (R p ) era la media degli stipendi degli ultimi 5 anni rivalutati al costo della vita Il coefficienteβera (in generale) il 2% L età minima per ottenera la pensione di vecchiaia era 55 anni per le donne e 60 anni per gli uomini Nessuna indicizzazione delle pensioni all inflazione Per la definizione di Rp e di β si veda la slide 13 Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 25

26 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (4/9) Riforma Amato Con la Riforma Amato (1992) il sistema è rimasto retributivo a ripartizione; sono però state introdotte le seguenti modifiche: La retribuzione pensionabile (R p ) diventa la media degli stipendi dell intera vita lavorativa rivalutati al costo della vita (+1% per ogni anno) L età minima per ottenere la pensione di vecchiaia passa a 60 anni per le donne e 65 anni per gli uomini Le pensioni vengono indicizzate all inflazione Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 26

27 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (5/9) Riforma Dini Con la Riforma Dini (1995) il sistema è stato deciso un passaggio graduale dal sistema retributivo (a ripartizione) a quello contributivo (a capitalizzazione). Ecco le principali caratteristiche: L aliquota contributiva è fissata al 33% Il rendimento (non di mercato) dei contributi è pari alla media mobile quinquennale del tasso di crescita del PIL nominale I coefficienti di trasformazione dal montante contributivo alla pensione sono calcolati in base all aspettativa di vita al momento del pensionamento e possono essere aggiornati ogni 10 anni L età minima per ottenere la pensione di vecchiaia varia da 57 a 65 anni, sia per gli uomini che per le donne L indicizzazione all inflazione viene ridotta (continua ) Per la descrizione del sistema contributivo si veda la slide 14 Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 27

28 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (6/9) Riforma Dini ( continuazione) Il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo è stato previsto come graduale, con l applicazione di differenti sistemi a seconda dell anzianità contributiva. Ecco le caratteristiche della gradualità, a seconda degli anni di contributi versati al 31 dicembre 1995: > 18 anni applicazione del sistema retributivo < 18 anni applicazione di un sistema misto o pro rata (retributivo fino al 31 dicembre 1995, contributivo successivamente) Prima contribuzione successiva al 31 dicembre 1995 sistema contributivo Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 28

29 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (7/9) Riforma Maroni Con la Riforma Maroni (2004) sono stati ristretti i requisiti per accedere alla pensione di anzianità ed è stato introdotto un incentivo (temporaneo) ritardava la pensione pur essendo in possesso dei requisiti: Progressivo innalzamento dei requisiti per accedere alla pensione di anzianità Dal 2008 erano necessari 60 anni di età (61 per i lavoratori autonomi) e 35 anni di contributi, oppure 40 anni di contributi a prescindere dall età Dal 2010 l età richiesta saliva a 61 anni per gli uomini Dal 2014 l età richiesta saliva a 62 anni per gli uomini Incentivo (temporaneo) per i dipendenti del settore privato che, in possesso dei requisiti per ottenere la pensione di anzianità, l avessero rinviata; il bonus consisteva nel versamento al lavoratore dei contributi previdenziali (esentasse) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 29

30 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (8/9) Riforma Monti/Fornero Con la Riforma Monti/Fornero (2011) il sistema previdenziale è stato ulteriormente modificato, accelerando la transizione verso un sistema contributivo (a capitalizzazione) e l eliminazione delle pensioni di anzianità. Ecco le principali caratteristiche: Dal 1 gennaio 2012 viene introdotto il sistema contributivo (pro rata) per tutti i lavoratori Per accedere alla pensione è necessario avere un anzianità contributiva di almeno 20 anni L'età di pensionamento viene innalzata gradualmente fino a raggiungere (per tutti) 66 anni del 2018 e 67 nel 2021, fatto salvo l adeguamento all aumento dell aspettativa di vita. I requisiti sono innalzati già a partire dal 2012 per alcune categorie (esempio: per le lavoratrici del settore pubblico e per tutte le categorie di lavoratori il requisito è di 66 anni già a partire dal 2012) Da 62 a 70 anni viene introdotto il pensionamento flessibile tramite l'applicazione dei coefficienti di trasformazione calcolati fino a 70 anni (continua ) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 30

31 Il sistema previdenziale italiano - 1 pilastro (9/9) Riforma Monti/Fornero ( continuazione) L'accesso anticipato al trattamento pensionistico (pensione anticipata) è consentito con un'anzianità di 42 anni e un mese per gli uomini e di 41 anni e un mese per le donne. Sono applicate delle penalizzazioni percentuali pari al 1% per ogni anno di anticipo (inferiore a 2 anni) rispetto a 62 anni e pari al 2% per ogni anno di anticipo (superiore a 2 anni) rispetto a 62 anni Graduale aumento dell aliquota contributiva per i lavoratori autonomi (fino a raggiungere il 24% nel 2018) Blocco della rivalutazione/perequazione (adeguamento all inflazione) per il 2012 e il 2013 per le pensioni il cui importo lordo mensile è superiore a 3 volte il trattamento minimo INPS, cioè superiori a 1405 euro lordi mensili) Le pensioni di importo superiore ai 1000 euro non potranno essere erogate in contanti Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 31

32 Per approfondire Manuali Artoni (2005). Elementi di scienza delle finanze quarta edizione. Bologna: Il Mulino. Cesari (2010). I fondi pensione. Bologna: Il Mulino. (anche in formato ebook) World Bank (1994). Averting the Old Age Crisis. Oxford: Oxford University Press. Siti internet Parte del sito della Banca d Italia dedicata all educazione finanziaria (http://www.bancaditalia.it/servizi_pubbl/conoscere/edufin-bi) COVIP guida introduttiva alla previdenza complementare (http://www.covip.it/wp-content/uploads/guida_introduttiva.pdf) Parte del sito Assogestioni dedicata alla previdenza complementare (http://www.assogestioni.it/index.cfm/1,366,0,49,html/previdenza-complementare) Rivista Guida alle Pensioni de IlSole24Ore (http://vetrina.ilsole24ore.com/guidaallepensioni) Guida sintetica alla riforma delle pensioni (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) (http://www.lavoro.gov.it/lavoro/primopiano/ _riforma_pensioni.htm) Lezione 5 Previdenza (1 a parte) 32

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE.

WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. WHITEHALL REPLY SUPPORTA INPS NELLA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA PER LA SIMULAZIONE DELLA PENSIONE. Whitehall Reply ha supportato INPS nell arricchimento dell offerta online di servizi al cittadino rendendo

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI

L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI Facoltà Economia Cattedra Economia Pubblica L INVECCHIAMENTO DELLA POPOLAZIONE E LA SOSTENIBILITA DEI SISTEMI PREVIDENZIALI RELATORE: Prof. Andrea Monorchio CORRELATORE: Prof. Pietro Reichlin CANDIDATO:

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Dai valore al tuo domani. fondo pensione

Dai valore al tuo domani. fondo pensione Dai valore al tuo domani fondo pensione fondo pensione E grande la soddisfazione per aver raggiunto l'obiettivo di realizzare il primo Fondo di Previdenza Complementare di categoria gestito da una Cassa

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO

Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO Riflettori su... La disciplina del trattamento di fine rapporto di Pietro DE FELICE SOMMARIO - Aspetti civilistici dell istituto introdotto, per i dipendenti del comparto privato, nel 1982; - Le circostanze

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini

Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini Fondo Nazionale Pensione a favore dei lavoratori del settore dell igiene ambientale e dei settori affini LE REGOLE DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE DOMANDE PIU IMPORTANTI SUL FUNZIONAMENTO DI PREVIAMBIENTE

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

G I U D I A E S N I S O I N O I Manovra salva-italia

G I U D I A E S N I S O I N O I Manovra salva-italia Guida alle Pensioni SOMMARIO SOMMARIO FOCUS La pensione ai superstiti Inserto staccabile IN PRIMO PIANO - MANOVRA SALVA ITALIA Editoriale - La riforma pensionistica nella manovra salva Italia Ivana Marimpietri

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE

DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE DOCUMENTO SULL EROGAZIONE DELLE RENDITE Il presente documento costituisce parte integrante della nota informativa della forma pensionistica individuale denominata Piano Individuale Pensionistico di tipo

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università

L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università L'esonero dal servizio con particolare riferimento al personale delle Università Marisa Grillo EUT EDIZIONI UNIVERSITÀ DI TRIESTE impaginazione Francesco Bernasconi EUT - Edizioni Università di Trieste

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli