G. CIGNA G. BARUFFI f. GARELLI. Anno scolastico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "G. CIGNA G. BARUFFI f. GARELLI. Anno scolastico 2014 2015"

Transcript

1 G. CIGNA G. BARUFFI f. GARELLI Anno scolastico DELIBERATO dal COLLEGIO DOCENTI in data 6 ottobre 2014 DELIBERATO dal CONSIGLIO d ISTITUTO in data 30 ottobre 2014

2 SOMMARIO: Parte I PRESENTAZIONE DELL ISTITUTO E INFORMAZIONI DI BASE P. 3 Parte II OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE P. 12 Parte III AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA P. 38 Parte IV REGOLE DELLA COMUNITA E ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE P. 60 Parte V ORGANISMI PER LA GESTIONE DELL OFFERTA FORMATIVA P. 69 Parte VI PROGETTI 2014/2015 P. 82 IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 1 di 97

3 IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 2 di 97

4 INFORMAZIONI GENERALI IISS G.Cigna: Codice Istituto: CNTF Ordine di Scuola: Secondaria di secondo grado Denominazione: Istituto di Istruzione Superiore Statale G. Cigna IPSIA F. Garelli: Codice Istituto: CNRI02901A Ordine di Scuola: Secondaria di secondo grado Denominazione: IPSIA F. Garelli ITCG G. Baruffi: Codice Istituto: CNTD Ordine di Scuola: Secondaria di secondo grado Denominazione: ITCG G. Baruffi Indirizzi: IISS G.CIGNA IPSIA F. GARELLI ITGC G. BARUFFI ITIS e Liceo Scientifico Indirizzo: Via di Curazza Mondovì (CN) Via Bona Mondovì (CN) Via Enzo Tortora, Mondovì (CN) Telefono: Fax: Sito istituzionale Sito Web DIRIGENTE SCOLASTICO : prof. GIACOMO MELINO RICEVE su appuntamento - tel I sigg.ri Genitori sono pregati di far cenno al motivo della richiesta perché l incontro possa essere utile. Per problemi coperti da privacy, interpellare direttamente il Dirigente. Collaboratore Vicario: Prof. Marco ROSSI 2 Collaboratore : Prof.ssa Marina BECCARIA Responsabile plesso ITCG. Baruffi Prof. Natale GRISERI Responsabile plesso IPSIA F. Garelli: Prof. Marco ROSSI I Collaboratori del Dirigente sono a disposizione per motivi organizzativi e per problemi specifici concernenti gli allievi. Dati relativi all anno : IISS G. Cigna IPSIA F. Garelli ITCG G. Baruffi N totale classi N totale Allievi N totale personale Docente N personale ATA (Cigna + Baruffi + Garelli) 41 IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 3 di 97

5 LA SEGRETERIA E APERTA AL PUBBLICO: Sede CIGNA: - dal lunedì al sabato: h ; h martedì: h Sede GARELLI: - dal lunedì al sabato: h ; h Sede BARUFFI: - dal lunedì al sabato: h ; h Per comunicazioni telefoniche: Sede G. Cigna tel ; Fax: Plesso G. Baruffi : tel ; Fax: Plesso F. Garelli : tel ; Fax: Richiesta e rilascio certificati: I certificati richiesti saranno rilasciati nel limite del possibile in giornata e, comunque, entro 3 giorni dalla richiesta. Nel caso in cui si dovesse consultare l archivio storico, i tempi saranno concordati di volta in volta con il richiedente. La richiesta può essere fatta: - personalmente dall allievo o dai familiari; - per via telefonica; - via tramite PEC: COMUNICAZIONI SCUOLA-FAMIGLIA E RICEVIMENTI DEI GENITORI COLLOQUI AL MATTINO - 29 ottobre gennaio febbraio maggio 2015 Gli orari sono comunicati alle Famiglie con apposito avviso scritto. RICEVIMENTI GENERALI POMERIDIANI - 4 dicembre 2014: h aprile 2015: h giugno 2015: colloqui dei Genitori con i Docenti sui risultati finali: Cigna: h Garelli: h Baruffi: h AVVISI SUI RISULTATI DI META PERIODO Questi avvisi vengono consegnati unicamente per gli allievi che presentano insufficienze. I Genitori interessati vengono informati mediante lettera scritta. Ritiro avvisi: - consegna risultati intermedi 2 periodo: fine ma rzo 2015 CONSEGNA PAGELLE - esiti del 1 Periodo: entro 19 gennaio risultati finali: 18 giugno 2015 IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 4 di 97

6 ORARIO DIDATTICO a) Plesso CIGNA - APERTURA: h INGRESSO ALLIEVI h (gli allievi che arrivano prima attendono nell atrio) prima ora di lezione seconda ora terza ora quarta ora Intervallo quinta ora sesta ora Settima ora Ottava ora Nona ora Lunedì - Sabato Mercoledì - Giovedì b) Plesso GARELLI - APERTURA: h INGRESSO ALLIEVI h (gli allievi che arrivano prima attendono nell atrio) prima ora di lezione seconda ora terza ora quarta ora Intervallo quinta ora sesta ora Pausa pranzo settima ora ottava ora nona ora Lunedì - Sabato Martedì c) Plesso BARUFFI - APERTURA: h INGRESSO ALLIEVI h (gli allievi che arrivano prima attendono nell atrio) Giorni con 5 ore di lezione lunedì mercoledì venerdì - sabato 1 a ora 8:00 9:00 2 a ora 9:00 10:00 3 a ora 10:00-10:50 intervallo 10:50-11,00 4 a ora 11:00-12,00 5 a ora 12:00 13:00 (uscita) Giorni con 6 ore di lezione Martedì - giovedì 1 a ora 8:00-8:50 2 a ora 8:50-9:40 3 a ora 9:40-10,25 intervallo 10:25 10:35 4 a ora 10:35 11:20 5 a ora 11:20 12:10 6 a ora 12:10 13:00 (uscita) - PAUSA - PRANZO ( ): Gli allievi impegnati in attività pomeridiane possono fermarsi in Istituto alle seguenti condizioni: 1) PRESSO SEDE CIGNA (martedì, mercoledì, giovedì, venerdì h ): gli allievi saranno assistiti da un insegnante o da un collaboratore scolastico nell auletta del pianterreno, accanto al centralino. 2) PRESSO SEDE BARUFFI (in caso di corsi pomeridiani o IDEI - h ): gli allievi saranno assistiti da un insegnante o da un collaboratore scolastico nell atrio 3) PRESSO SEDE GARELLI (martedì - eventualmente giovedì - h ): gli allievi saranno assistiti da un insegnante o da un collaboratore scolastico in un locale destinato allo scopo. IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 5 di 97

7 ORARIO ATTIVITÀ POMERIDIANE: Sede Cigna: martedì, mercoledì, giovedì IDEI dalle ore alle ore 16.05/16.35 lunedì e sabato: chiusura alle ore Sede Baruffi: giovedì plesso aperto fino alle ore altri giorni per lezioni pomeridiane oppure IDEI: ore 14,00/16,50. Sede Garelli: martedì e, in caso di IDEI, giovedì dalle ore alle ore 17.00; PARTIZIONE DELL ANNO SCOLASTICO - primo periodo (trimestre dal 15 settembre 2014 al 10 gennaio 2015) - secondo periodo (pentamestre dal 12 gennaio 2015 al 11 giugno 2015) CALENDARIO ANNO SCOLASTICO 2014/ inizio lezioni 15 settembre sospensione delle lezioni (vacanze): 1 novembre 2014: Santi; 8 dicembre 2014: festa dell Immacolata 24 dicembre gennaio 2015 (festività natalizie) febbraio 2015: sospensione delle lezioni per il carnevale; 2-7 aprile 2015: sospensione delle lezioni per la Pasqua; 25 aprile 2015: festa della liberazione 1-2 maggio 2015: ponte per festa del lavoro; 1-2 giugno 2015: ponte per festa della Repubblica; - termine delle lezioni: 11 giugno IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 6 di 97

8 CERTIFICAZIONE MARCHIO SAPERI (dall a.s. 2010) Il Marchio SAPERI per la Qualità e l Eccellenza della scuola, di proprietà dell USR Piemonte, è propedeutico e nello stesso tempo complementare rispetto agli standard ISO 9001: 2008 e ai modelli di autovalutazione per l eccellenza EFQM e CAF. I requisiti del Marchio sono coerenti con quelli dell accreditamento delle strutture formative e con i recenti criteri di valutazione proposti per i dirigenti scolastici. Il progetto è rivolto alle scuole pubbliche e agli enti di formazione. Nasce in Piemonte ma si sviluppa a livello nazionale. OBIETTIVI GENERALI Il progetto MARCHIO COLLETTIVO SAPERI ha i seguenti obiettivi: Diffondere nelle scuole la cultura della Qualità, attraverso la diffusione dei principi del TQM, per il miglioramento continuo in particolare dei processi di insegnamento e apprendimento; Valorizzare la qualità esistente all interno degli istituti piemontesi e diffondere le migliori pratiche. Favorire il confronto tra le scuole mediante audit (peer assessment), attività di confronto (benchmarking) e autovalutazioni secondo i modelli d eccellenza europei (EFQM / CAF). CENTRO ACCREDITATO E.C.D.L. Responsabile: CORSI DI FORMAZIONE Prof. Basso Edoardo Prof. Denina Renzo Prof. Gamerra Giuseppe CISCO NETWORKING ACADEMY PROGRAM: Local Academy ITIS MONDOVI erogazione corsi per TECNICI DI RETI DI CALCOLATORI CERTIFICATO CISCO CCNA Main Contact Instructor prof. Baietti Franco prof. Denina Renzo IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 7 di 97

9 Breve Storia dell Istituto G. Cigna L ITIS inizia a funzionare a Mondovì nell a.s , con 2 classi prime (67 alunni, in locali dell ex Fonderia Bongiovanni, al Borgato, come sezione staccata dell ITIS di Cuneo, con specializzazione in Meccanica. Dal 1963 al 1965 l istituto funziona presso l edificio del Tribunale, a Piazza. Dall a.s trova sede definitiva nell edificio di via Oderda 1 bis, al Borgato. Dall a.s la scuola diventa autonoma (Preside prof. Paltrinieri). Dall a.s viene attivata la specializzazione in Elettronica Industriale. Dall a.s viene attivata la specializzazione in Telecomunicazioni. Dall a.s , per disposizione ministeriale, le due specializzazioni di Elettronica e Telecomunicazioni vengono accorpate in un unico indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni. Dall a.s è attivato il Liceo Scientifico Tecnologico. Dall a.s è stato aggregato l Istituto Tecnico Agrario di Mondovì. Nell anno scolastico l Istituto viene intitolato allo scienziato monregalese Gianfrancesco CIGNA. Dall a.s. 2009/2010 l Istituto viene dimensionato nel seguente modo: o Perde la sezione dell Istituto Tecnico Agrario o Accorpa l Istituto professionale F. Garelli o Si trasforma in Istituto di Istruzione Superiore G. Cigna F. Garelli Dall a.s. 2012/2013 L Istituto viene dimensionato nel seguente modo: o Accorpa l Istituto Tecnico G. Baruffi o Si trasforma in Istituto di Istruzione Superiore G. Cigna G. Baruffi - F. Garelli Dall a.s. 2014/2015 L Istituto viene diretto dal dott. Giacomo Melino IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 8 di 97

10 GIANFRANCESCO CIGNA Mondovì ( ) - Pioniere nei campi della fisica e della medicina. - Socio fondatore di quell Accademia Privata da cui sarebbe derivata la prestigiosa Accademia delle Scienze Torinese. MONDOVI - Figlio del medico Filippo Cigna e di una sorella del fisico Giambattista Beccaria, Giovan Francesco Cigna venne al mondo il 2 luglio Studiò dapprima a Mondovì sotto la guida di Gianbernardo Vigo e Alessandro Bona; a 16 anni entrò come un alunno medico del Collegio torinese delle Province. E fin da subito unì agli studi di medicina quelli di fisica e di altre discipline nel clima di ricerche che l Illuminismo aveva determinato anche in Piemonte e che il Beccaria andava stimolando col suo insegnamento innovatore e la sua forte personalità. Ammesso dallo zio al suo laboratorio privato, il Cigna potè assistere e partecipare attivamente con giovani molto dotati (il Lagrange, il Saluzzo di Monesiglio ) ad esperimenti di chimica, ottica, elettricità, ricavandone una molteplicità d interessi e di conoscenze assai utili all approfondimento dei suoi studi medici. Tra il 1734 e il 1790: una vita di ricerche e di polemiche Laureato a 21 anni, divenne subito ripetitore di medicina pratica, e, due anni dopo, fu aggregato al Collegio di Medicina grazie ad alcune dissertazioni sui fenomeni elettrici e sulla irritabilità halleriana che riscossero particolare risonanza per il loro sapore di novità. Come clinico acquistò presto in Torino buona reputazione e vasta clientela; ma mentre i suoi studi d argomento medico restavano manoscritti, maggior diffusione ebbero quelli sull elettricità. Poiché la teoria frankliniana, tenacemente sostenuta dallo zio, non lo convinceva a fondo, il Cigna si accostò alle idee del Sinner e del Nollet. Anche in materia di respirazione animale si discostò, insieme al Lagrange e al Saluzzo, dalle teorie sostenute dal Beccaria. Ne nacque un diverbio reso più aspro dal caratteraccio dello zio. Sbagliavano tutti, maestro e allievi; ma intanto questi, allontanati dal laboratorio, diedero vita, col naturalista Allioni, il chimico Bertrandi e altri giovani studiosi, ad una Società Privata che, per vivacità ed entusiasmo, divenne presto uno dei centri della vita scientifica torinese. Sospettati d essere un covo di liberi pensatori atei e materialisti, i fondatori fronteggiarono le critiche cooptando nomi prestigiosi come Eulero, Lavoisier, Haller, Gondorcet, Franklin. Cercarono anche l appoggio di Carlo Emanuele, che denominò Reale la loro Società Privata. Di quella Società, il Cigna fu il primo segretario e redattore degli Atti, tra i quali figurano numerose sue memorie. Fra il 1760 e il 65 si dedicò soprattutto all indagine e agli esperimenti sui fenomeni elettrici guadagnandosi un importante citazione nella Storia del Priestley e l apprezzamento della Royal Society londinese. Nonostante la cagionevole salute proseguì anche gli studi di medicina e l esercizio della pratica medica. Nel 1770 divenne infatti assistente all ospedale San Giovanni e professore d anatomia. Finalmente, nel 1778, lo scorbutico zio Beccaria, gravemente malato, si rappacificò col nipote affidandosi alle sue cure. L anno successivo il Cigna sposò Teresa Prandi, poi entrò nella Società italiano di Fisica e Matematica istituita a Verona, e nel 1783, a causa degli impegni e dell incerta salute, si dimise da segretario dell Accademia delle scienze fra attestati di rincrescimento e di riconoscenza. Scomparve il 16 luglio 1790 a soli 56 anni. Le città di Torino e Mondovì gli dedicarono ciascuna una strada, busti, lapidi. Ora anche una scuola monregalese si rifà idealmente al suo nome e al suo esempio. IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 9 di 97

11 Breve Storia dell Istituto BARUFFI L Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Giuseppe Baruffi, una delle più prestigiose scuole della zona, vanta una storia che risale a 150 anni fa. Esso infatti è stato istituito nel 1863 e cominciò a funzionare con la sola sezione amministrativocommerciale; l anno dopo aprì la sezione di Agronomia e Agrimensura e dal 1885 si chiamò Istituto Tecnico Baruffi. Dall anno si ha una radicale ristrutturazione dell Istituto: la riforma Gentile prevede un corso inferiore di 4 anni ed un corso superiore della stessa durata, a cui si accede tramite esami di ammissione; gli esami finali permettono di conseguire l abilitazione tecnica. Una ulteriore novità strutturale si ha nel 1940, quando nasce la scuola media inferiore in luogo dei vari tipi di Istituti secondari inferiori e si porta il curricolo di quelli superiori ai 5 anni. Le vecchie classi vanno man mano scomparendo: la nuova struttura dell Istituto Tecnico quinquennale è completa nel e si mantiene nel tempo, sia pure con modificazioni varie ai programmi di studio. Negli anni il Baruffi si mantiene fedele alla sua tradizione di serietà e laboriosità, preparando le nuove generazioni di studenti sia all inserimento nel mondo del lavoro, sia alla prosecuzione degli studi. In effetti, fin dagli esordi, i diplomati dell'istituto non hanno mai avuto difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro perché l offerta è sempre stata sufficiente ed anche coloro che hanno scelto il percorso universitario si sono giovati della loro solida preparazione di base per ottenere risultati lusinghieri, come dimostrano anche recenti sondaggi a livello regionale e provinciale (ricerca della Fondazione Agnelli) Dall anno scolastico 2010/2011 l'istituto Baruffi presenta nuovi corsi di studio, che hanno origine dall'aggregazione con altre scuole e dall'entrata in vigore del riordino dell'istruzione Secondaria Superiore (DPR 15 marzo 2010). Oggi l'istituto propone dunque un'offerta ancora più varia, volta ad interessare un ampio pubblico e comprendente corsi di formazione sia tecnica che professionale. Dall anno scolastico 2012/13, l Istituto Baruffi entra a far parte dell I.I.S. Cigna -Baruffi -Garelli. GIUSEPPE FRANCESCO BARUFFI - Nacque a Mondovì - Pian della Valle (Cuneo) il 15 ottobre Compì gli studi giovanili nella stessa Mondovì ed ebbe per alcuni anni come professore di filosofia F. G. Re, valente cultore di scienze naturali, il quale seppe infondere nell'allievo la sua stessa passione. Il Baruffi cominciò sin d'allora, con altri condiscepoli, fra cui G. Cordero di Vonzo e V. Promis, a raccogliere e a classificare numerosi esemplari della flora locale. Le loro schede, insieme con quelle del Re, furono poi utilizzate da L. Colla nell'index nominum vernaculorum che costituisce la prima parte del vol. VIII del suo Erbarium Pedemontanum (Torino ). Vinta una borsa di studio per il Collegio delle Provincie, compì a Torino gli studi universitari che proseguì anche quando, manifestatasi la sua vocazione religiosa, passò dal collegio al seminario. Ordinato sacerdote il 18 ottobre 1824, sostenne l'esame pubblico di professore di filosofia il 10 agosto Si dedicò quindi all'insegnamento. Fu ripetitore di filosofia nel Collegio delle Provincie (dicembre 1827), indi prefetto nello stesso collegio (ottobre 1830), infine dal 24 dicembre 1833 passò all'università ove insegnò a lungo filosofia positiva (ossia aritmetica e geometria). La sua fama ebbe inizio nel 1835 allorché pubblicò nell'annotatore piemontese un articolo dal titolo Cenni d'una peregrinazione da Torino a Londra, in cui illustrava gli aspetti più salienti e spettacolari della vita londinese e dell'organizzazione urbanistica di quella città. Il successo di quello scritto lo indusse a compiere altri viaggi all'estero, che narrò in altrettanti saggi, poi raccolti in quattro volumi. Oltre che per la sua attività di insegnante e di studioso (che gli valse la croce di cavaliere della Legion d'onore, quella di cavaliere ufficiale dell'ordine dei SS. Maurizio e Lazzaro, la nomina a membro di molte accademie e società scientifiche italiane e straniere), il Baruffi merita di essere ricordato per la parte attiva assunta nelle iniziative caritatevoli che fiorirono allora a Torino e per la sua attività di consigliere comunale, che svolse dal 1849 alla morte, adoperandosi per il risanamento urbanistico e per lo sviluppo di adeguate opere assistenziali nella capitale subalpina. Morì a Torino il 12 marzo IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 10 di 97

12 Breve Storia dell Istituto F. Garelli La Scuola Professionale d Arti e Mestieri viene fondata nel 1874 per completare la scuola serale aperta da qualche anno per iniziativa della Società Operaia di Breo. All inizio gli iscritti erano pochi, poi la scuola divenne importante, fino agli anni 20. Nel 24 prese il nome di Scuola di Avviamento al Lavoro, nel 1959 divenne l attuale Istituto Professionale, con corsi per disegnatori, tornitori, elettricisti, congegnatori meccanici. Nel 72 le si aggiunsero il Corso per Operatori Chimici e il biennio post-qualifica. Nel 2000/2001 divenne Istituto d Istruzione Superiore, sezione associata all Istituto Professionale Commercio. A partire dall as il corso di Operatore Chimico viene sostituito dal corso per Operatore Meccanico Odontotecnico. Nell a.s l Istituto F. Garelli viene aggregato all IISS G. Cigna. FELICE GARELLI (Mondovì 1831 / 1903) Deputato, senatore del Regno d Italia nella XVII legislatura, dottore in Agraria e Fisica, fu convinto assertore della necessità di capaci scuole professionali per quei giovani che, a 12 anni, si avviavano al lavoro senza una valida istruzione. IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 11 di 97

13 In questa parte vengono esplicitati i seguenti punti: La Mission dell Istituzione scolastica Il contratto formativo Obiettivi di Direzione Indirizzi attivati nell as I piani di studio della formazione curricolare La dotazione didattica dell Istituto Valutazione (aspetti comuni) IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 12 di 97

14 1.1 Promuovere negli allievi iscritti la formazione dell uomo e del cittadino nella dimensione nazionale e internazionale, con particolare riferimento all Europa. 1.2 Promuovere negli allievi iscritti un adeguato livello di competenze, al fine di agevolare la scelta delle facoltà universitarie o l inserimento nel mondo delle attività produttive. 1.3 Promuovere l integrazione con il Territorio di riferimento, con le altre scuole a partire dal coinvolgimento delle Famiglie degli allievi iscritti, per la realizzazione degli obiettivi formativi propri dell Istituzione Scolastica. 1.4 Garantire conoscenze, abilità/capacità e competenze necessarie per comprendere criticamente e approfondire le problematiche culturali. 1.5 Incentivare negli allievi iscritti conoscenza e sensibilità riguardo alle problematiche ambientali. 1.6 Nello specifico: nell istruzione liceale scientifica e tecnica si favoriscono le occasioni per approfondire le tematiche scientifiche e le applicazioni tecnologico-tecniche di ampi settori produttivi e dei servizi del terziario avanzato; nell istruzione professionale si garantiscono capacità operative di progettazione e realizzazione di soluzioni standard nell ambito di aree tecnologico-produttive sufficientemente ampie e si promuovono competenze di manutenzione e gestioni d impianti, servizi Socio Sanitari: Odontotecnici. É l esplicito accordo che, all atto dell iscrizione, le Famiglie degli Allievi stipulano con l Istituzione scolastica. L iscrizione è un atto di fiducia reciproca, che comporta diritti e dovere da entrambe le parti: La Scuola si impegna a fornire la formazione, secondo il piano di studi dichiarato e secondo gli indirizzi educativi approvati dagli Organi Collegiali; Le Famiglie e gli Allievi si impegnano al rispetto delle regole comunitarie e collaborano con l azione formativa dell Istituzione scolastica. I Docenti informano Gli allievi su: obiettivi educativi e didattici delle varie discipline; fasi del curricolo; modalità della valutazione; colloqui orali e verifiche scritte Genitori su: programmazione didattica ed educativa d Istituto; valutazioni orali e scritte; collaborazioni con altre scuole; elaborazione ed attuazione dei progetti. IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 13 di 97

15 OBIETTIVI DI DIREZIONE In base alla analisi dei questionari di autovalutazione, degli esiti degli scrutini finali dell as , il Dirigente scolastico formula i seguenti Obiettivi di Direzione per l a.s : 1. Assicurare a ciascun Studente frequentante l Istituto il successo formativo, anche eventualmente attraverso il riorientamento, al fine di consentire a ciascuno di acquisire un diploma di qualifica e/o di maturità e di aumentare il numero di nostri Studenti che proseguono gli studi con successo; 2. Rendere lo Studente protagonista e costruttore del suo processo di apprendimento attraverso: 2.1. relazioni autentiche ispirate da autorevolezza, rispetto, comprensione, trasparenza, correttezza, imparzialità; 2.2. valorizzazione delle capacità e delle caratteristiche di ciascun alunno; 2.3. la leva degli aspetti emozionali, che rappresentano il motore dell apprendimento; 2.4. attenzione agli alunni con BES, con compiti adattati secondo le necessità; 2.5. feedback, anche incentivando l autovalutazione, per aiutare gli studenti a migliorare; 3. Utilizzare la didattica laboratoriale in ogni disciplina: 3.1. per mirare allo sviluppo delle competenze; 3.2. con metodologie didattiche che prevedano il coinvolgimento attivo degli studenti, attraverso esperienze, sperimentazioni, riflessioni e considerazioni autonome; 3.3. facendo domande che incoraggiano il ragionamento; 3.4. favorendo il lavoro a coppie o in gruppo; 4. Implementare la comunicazione interna ed esterna, con l ottica di migliorare: la trasparenza e l imparzialità; l efficacia e l efficienza del passaggio delle informazioni la collaborazione e la partecipazione. IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 14 di 97

16 INDIRIZZI ATTIVATI ALL IISS G.CIGNA G. BARUFFI- F.GARELLI nell a.s Indirizzi dei nuovi ordinamenti della riforma LICEO SCIENTIFICO Opzione: Scienze Applicate ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Cigna ISTITUTO TECNICO G. Baruffi ISTITUTO PROFESSIONALE F. Garelli SETTORE TECNOLOGICO (CORSI TECNICI) SETTORE TECNOLOGICO (CORSI TECNICI) SETTORE SERVIZI SOCIO-SANITARI (CORSO PROFESSIONALE) SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO (CORSO PROFESSIONALE) Chimica, Materiali e Biotecnologie Articolazione: Biotecnologie ambientali Elettronica ed Elettrotecnica articolazione: Automazione Meccanica, Meccatronica ed Energia articolazione: Energia articolazioni: Amministrazione, finanza e marketing 1) Amministrazione, finanza e Marketing 2) Relazioni internazionali per il Marketing Costruzioni, ambiente e Territorio articolazione: Costruzione, Ambiente e Territorio Servizi Socio-Sanitari Articolazione: Arti ausiliarie delle professioni sanitarie (Odontecnico ) Manutenzione e Assistenza tecnica articolazioni: 1) Manutenzione dei mezzi di trasporto (Meccanici) - qualifica regionale: Operatore alla riparazione dei veicoli a motore 2) Apparati impianti e servizi tec. ind. e civili (Elettrici) - qualifica regionale: Operatore Elettrico IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 15 di 97

17 ISTITUTO G.CIGNA Indirizzi del nuovo ordinamento (classi 1, 2, 3, 4, 5 ) Indirizzo: Tecnologico ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Indirizzo: Liceo Scientifico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 16 di 97

18 ISTITUTO TECNICO G. BARUFFI Indirizzi del nuovo ordinamento (classi 1, 2, 3, 4, 5 ) Settore: Tecnologico ISTITUTO TECNICO PER COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO Settore: Economico ISTITUTO TECNICO PER AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Articolazione: Relazioni Internazionali per il Marketing IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 17 di 97

19 ISTITUTO F. GARELLI SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO Primo biennio (classi 1 e e 2 e ) Indirizzo: Manutenzione ed Assistenza Tecnica Opzioni qualifiche professionali regionali (offerta sussidiaria integrativa) al termine del terzo anno (Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40): Operatore Elettrico Operatore alla riparazione dei veicoli a motore Secondo biennio (classi 3,4, 5 ) Indirizzo: Manutenzione ed Assistenza Tecnica con le opzioni Apparati, impianti e servizi tecnici industriali e civili Manutenzione dei mezzi di trasporto Al termine del terzo anno si rilasciano le qualifiche professionali regionali (offerta sussidiaria integrativa) al termine del terzo anno (Linee Guida di cui all articolo 13, comma 1-quinquies del decreto legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40). Nell anno 2014 le qualifiche rilasciate saranno: Operatore Elettrico Operatore di impianti termoidraulici SETTORE SERVIZI Indirizzi del nuovo ordinamento Primo biennio (classi 1 e e 2 e ) Indirizzo: Servizi socio sanitari Articolazione: Odontotecnico Corso quinquennale (senza qualifica professionale) Secondo biennio (classi 3,4, 5 ) Indirizzo: Servizi socio sanitari Articolazione: Odontotecnico Corso quinquennale (senza qualifica professionale) IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 18 di 97

20 PIANI DI STUDIO CURRICULARI IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 19 di 97

21 INDIRIZZI DEL LICEO SCIENTIFICO Nuovo ordinamento: LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico opzione SCIENZE APPLICATE, attivato a partire dall as , raccoglie, all interno del progetto di Riforma delle Superiori, l eredità del Liceo Scientifico Tecnologico; è un corso caratterizzato da una forte ed innovativa integrazione tra scienza, tecnologia e discipline umanistiche. CARATTERISTICHE approfondita conoscenza della realtà storica, culturale ed economica un'ottima competenza teorica e pratica di tutte le discipline tecnico-scientifiche. studio e l'approfondimento di materie come diritto, economia, inglese, filosofia. Stimolante attività di laboratorio, condotta con aggiornati strumenti informatici e multimediali. SEZ. LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE: classi 1, 2, 3, 4, 5 PROGETTAZIONE DIDATTICA CURRICOLARE 1 biennio 2 biennio 5 Classi LINGUA E LETTERATURA ITALIANA LINGUA E CULTURA STRANIERA STORIA E GEOGRAFIA STORIA FILOSOFIA MATEMATICA INFORMATICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA BIOLOGIA CHIMICA DISEGNO E STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE RELIGIONE O ATTIVITA ALTERNATIVE Totale Arricchimento dell offerta formativa as INFORMATICA 1 1 disciplina integrata FISICA 1 con attività di laboratorio CHIMICA 1 Totale orario settimanale Il V anno prevede l insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua straniera (CLIL: Content and Language Integrated Learning) TITOLO DI STUDIO: DIPLOMA DI LICEO SCIENTIFICO opzione SCIENZE APPLICATE Consente: accesso a corsi di specializzazione post-diploma libero accesso a tutte le facoltà universitarie IISS G.CIGNA-G.BARUFFI-F. GARELLI: Piano dell Offerta Formativa pag. 20 di 97

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento,

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01

procedura conforme all art. 34 del D.I. n.44 del 01/02/01 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE 3 SAN BERNARDINO BORGO TRENTO Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Centro Territoriale Permanente Via G. Camozzini, 5 37126 Verona (VR) Tel.

Dettagli

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3)

ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO. (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) ISTITUTI TECNICI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, articolo 8, comma 3) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere riconoscibile

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli