Istituzione Scolastica di Istruzione Tecnica e Professionale Lycée Technique et Professionnel Enrico Brambilla

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituzione Scolastica di Istruzione Tecnica e Professionale Lycée Technique et Professionnel Enrico Brambilla"

Transcript

1 Istituzione Scolastica di Istruzione Tecnica e Professionale Lycée Technique et Professionnel Enrico Brambilla Agli studenti di III media e ai loro genitori

2 La scuola propone: Istruzione TECNICA Amministrazione, Finanza e Marketing Informatica e Telecomunicazioni Elettronica ed Elettrotecnica Istruzione PROFESSIONALE Servizi Socio-Sanitari La frequenza dei corsi è dal lunedì al venerdì con due rientri pomeridiani I quadri orario sono consultabili sul sito della scuola

3 Istruzione tecnica Amministrazione, finanza e marketing L amministrazione, la finanza e il marketing sono al centro di ogni attività (dal MIUR), sono il cuore di ogni impresa (dal MIUR), sono strategiche per ogni iniziativa (dal MIUR), sono un area che attraversa tutti i settori Vantaggio: apre un ampio ventaglio di impieghi presso banche, industrie, poste, scuole, USL, uffici amministrativi/contabili della Regione e dei Comuni, studi dei liberi professionisti (geometri, avvocati, notai, architetti, ingegneri, commercialisti ), commercio, ossia ogni azienda, privata o pubblica, piccola o grande, che debba occuparsi di amministrazione tenere in ordine la contabilità muoversi nel campo della finanza e dell economia interpretare la normativa civilistica e fiscale utilizzare le tecniche della pubblicità far crescere l azienda, promuovendo l attività di marketing Materie caratterizzanti l indirizzo e/o le sue articolazioni: Economia aziendale Relazioni internazionali Diritto/Economia politica Informatica Tecnologie della comunicazione

4 Economia aziendale è la materia caratterizzante l indirizzo e studia l azienda/impresa nelle sue diverse aree - produttiva, commerciale, contabile e pubblicitaria. Inoltre analizza i comportamenti che gli imprenditori devono seguire per meglio realizzare i propri obiettivi di guadagno nel breve e lungo periodo di tempo. Si comincia nel biennio con l analisi dell azienda e degli strumenti operativi per approfondire nel triennio successivo la gestione aziendale, puntando sulla funzione finanziaria e di marketing. Diritto questa disciplina caratterizza tutto il corso di studi. Si inizia nel biennio con lo studio della Costituzione repubblicana in modo part icolare con la conoscenza dei fondamentali principi che regolano il funzionamento dello Stato, per proseguire nel triennio con l approfondimento di quegli strumenti indispensabili per poter comprendere i fatti quotidiani che hanno a che fare con le leggi, padroneggiando ad esempio tematiche relative ai contratti, all'azienda, al mercato del lavoro, alla sicurezza sul luogo di lavoro, alla privacy. Lo scopo è quello di trasmettere quei valori essenziali per creare cittadini padroni del proprio futuro sia lavorativo sia come protagonisti consapevoli della società contemporanea. Economia politica è la materia che studia i modelli economici da applicare alla realtà sociale permettendo di riconoscere l interdipendenza tra fenomeni economici, sociali, istituzionali, culturali e la loro dimensione locale/globale. Sono un esempio l analisi dell andamento della Borsa, del PIL, i sistemi di mercato (dal monopolio alla concorrenza). Delegazione ISITP a lezione di Costituzione in Parlamento

5 Quali caratteristiche per affrontare un corso di AFM? Essere curiosi, intraprendenti, intuitivi, attivi, collaborativi per lavorare in gruppo. E con il diploma in mano? Inserimento nel mondo del lavoro con mansioni di responsabilità e possibilità di miglioramento Proseguimento degli studi: Università o Corsi post - diploma Porte aperte gennaio 2014

6 Istruzione tecnica Informatica e telecomunicazioni Questo indirizzo di studi fa per me se: mi piace usare il computer mi piacerebbe imparare a realizzare programmi di tutti i tipi mi piace saper utilizzare e capire come funziona la tecnologia mi incuriosiscono gli smartphone, i tablet, i robot ho buone capacità logiche e di ragionamento le mie materie preferite sono Tecnologia e/o Matematica preferisco la pratica nei laboratori alla teoria in classe voglio capire come funzionano internet e costruire reti di computer Cosa saprò fare al termine del corso: programmare PC, smartphone o tablet scrivere programmi per il Web, App per mobile realizzare applicazioni per risolvere problemi della vita quotidiana usare diversi linguaggi di programmazione configurare, installare e gestire una rete di computer imparerò a installare e configurare i principali sistemi operativi (Windows, Linux, Android) realizzare progetti lavorando insieme ai miei compagni Materie caratterizzanti: Informatica Sistemi e Reti Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazione Telecomunicazioni

7 Informatica Informatica è la disciplina che studia come istruire un computer o una macchina affinché svolga dei compiti autonomamente. Tutto parte dell'analisi del problema che si vuole far risolvere alla macchina: prima va scomposto in fasi semplici per essere poi tradotto in un linguaggio comprensibile dal computer (linguaggio di programmazione). La prima fase di analisi è svolta "a tavolino" in classe, la seconda, detta programmazione al computer, in laboratorio. Nel biennio, c'è un primo avvicinamento usando linguaggi intuitivi e grafici. Nel triennio, si affrontano problemi di complessità sempre maggiore e di grande stimolo intellettuale; si imparano linguaggi di programmazione tra i più utilizzati sul mercato ( visual basic, C++, php, javascript e html per il mondo web) e linguaggi per l'elaborazione di grandi quantità di informazioni (database). La scuola utilizza anche Robot della Lego e schede programmabili (Arduino) e Tablet. L'informatica non è "usare un computer", è "istruirlo" affinché svolga per noi dei compiti. Esempi di "prodotti da informatici": applicazioni web, le app dei telefonini, videogiochi, software usati in tutti gli ambiti lavorativi. Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazione Ogni anno del triennio è dedicato a un argomento specifico. In terza si analizzano nel dettaglio i sistemi operativi: come sono costruiti, come si installano e come si usano (in particolare Windows e Linux). In quarta si studia il dbms Access, il ciclo di vita del software e come si documenta la realizzazione di un progetto informatico. Si studia il sistema operativo Android. In quinta si lavora sulla realizzazione di interfacce grafiche web con strumenti come Joomla e Wordpress. Si studiano i sistemi operativi per i Server. Sistemi e reti In questa materia si fondono due ambiti diversi: Sistemi e Reti di computer. Nell'ambito SISTEMI si studia il funzionamento a basso livello del computer (memorie, processori, bus) in laboratorio si impara il linguaggio Assembler per programmare le CPU. Alle RETI è dedicato la maggior parte del programma scolastico: si studiano i protocolli di funzionamento ed i servizi di rete, nelle attività di

8 laboratorio si progettano reti con software di simulazione e poi si realizzano con apparati reali (router, switch, server). In quinta la maggior parte del programma è dedicata ai servizi per la sicurezza informatica, in laboratorio si fa pratica sui firewall e sulle configurazioni per salvaguardare i dati. Cosa fare dopo il diploma? Programmatore Sistemista di reti Webmaster Formatore utenti su prodotti informatici DB administrator, esperto gestione e ricerca dati Assistenza tecnica software e hardware Per: Aziende private Aziende pubbliche (comuni, regioni, ecc.) Libera professione Comparto scuola come Docente Tecnico Pratico negli Istituti di Istruzione Tecnica e Professionale Se desidero continuare a studiare: Qualsiasi indirizzo universitario con ottima preparazione in particolare per le facoltà di: Ingegneria Informatica Matematica Laboratori di informatica

9 Istruzione tecnica Elettronica ed elettrotecnica Robot: costruito da uno studente di V elettronica Questo indirizzo di studi fa per me se: mi piace saper utilizzare ma anche capire come funziona la tecnologia mi piace saper progettare e costruire qualcosa di funzionante, lavorando in laboratori ben attrezzati ho buone capacità logiche e di ragionamento mi affascinano le apparecchiature elettroniche che ci circondano, dallo stereo al robot mi piace realizzare dispositivi utilizzando le tecnologie più attuali sono interessato alle questioni riguardanti le energie alternative ed il risparmio energetico Cosa saprò fare al termine del corso: utilizzare i principali strumenti di un laboratorio di elettronica progettare impianti automatici sia per la casa che per l industria scegliere e programmare centraline elettroniche far funzionare un impianto elettrico realizzare progetti lavorando insieme ai miei compagni progettare e realizzare dispositivi robotizzati utilizzare software specifici per la simulazione dei circuiti e per il disegno, la progettazione e la realizzazione di schede elettroniche e prototipi

10 Materie caratterizzanti: Elettronica ed elettrotecnica Sistemi Automatici Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Elettronica ed Elettrotecnica L elettronica è un insieme di scienza e tecnica che si occupa dello studio e della progettazione di componenti, schede e sistemi per generare segnali, comandare e controllare dispositivi in svariati campi (audio, video, robotica, automotive, elettromedicale, domotica, telecomunicazioni). Nata come branca dell'elettrotecnica, che si occupa, a sua volta, della trasmissione e distribuzione della potenza elettrica, si è ben presto sviluppata come disciplina a sé. Le applicazioni più comuni dell'elettronica e dei circuiti elettronici risiedono: nelle telecomunicazioni nell'informatica nel controllo di robot e macchine industriali nel controllo di ascensori e impianti automatizzati nella diagnostica e nella clinica medica negli strumenti di misura nella visione artificiale nella conversione dell'energia elettrica negli azionamenti di motori a velocità variabile nei veicoli stradali e ferroviari nella microelettronica L'indirizzo si sviluppa nella sua completezza a partire dal terzo anno di studi ma già al secondo anno, nella materia Scienze e Tecnologie Applicate, si introducono i concetti fondamentali della disciplina e si realizzano i primi dispositivi.

11 Nel triennio di indirizzo nelle discipline caratterizzanti si impara a progettare e realizzare schede elettroniche per la realizzazione di svariati dispositivi come case domotiche, robot esploratori, bracci robotici, centraline di controllo, ecc..., attraverso una metodologia che fa ampio uso del laboratorio nella convinzione che solo facendo si impara. Per la progettazione e realizzazione di tali dispositivi si impara ad utilizzare strumenti tecnologici come frese a controllo numerico, stampanti 3D, tablet, oscilloscopi, strumenti di misura. Una parte importante è riservata anche alla programmazione software dei micropocessori e/o microcontrollori (schede Arduino, Raspberry, ecc..), che costituiscono l'intelligenza dei dispositivi, con linguaggi a basso ed alto livello. I ragazzi che si diplomano in questo indirizzo sanno progettare, realizzare e gestire sistemi elettronici ed impianti elettrici, sanno usare software specifici e possono contribuire all innovazione tecnologica nelle aziende, all adeguamento degli impianti e al controllo dei consumi elettrici. Tecnologie e Progettazione di Sistemi Elettrici ed Elettronici Questa disciplina consente di sviluppare attività di progettazione, realizzazione e collaudo di dispositivi e sistemi elettronici, attraverso un uso sistematico del laboratorio per: - disegnare schemi elettrici - progettare i corrispondenti circuiti stampati, produrli e lavorarli - montare su di essi i componenti elettronici e saldarli - testare il sistema elettronico progettato e costruito - produrre la relativa documentazione tecnica (relazione tecnica, manuale d'uso, ecc.) Per la progettazione e la realizzazione dei dispositivi è necessario lo sviluppo dell'hardware (cioè dei componenti elettronici necessari e delle loro interconnessioni) e del software (cioè dei programmi da realizzare p er permettere al microprocessore di comandare il dispositivo) realizzato con linguaggi di basso e alto livello. Alcuni esempi di dispositivi progettati e realizzati: robot cingolato in grado di superare ostacoli, braccio robotico comandato da tablet/smartp hone, casa domotica, arpa laser, robot per esplorazione cunicoli. Sistemi automatici In questa disciplina viene spiegato il mondo degli elaboratori elettronici e la loro programmazione. Vengono poi spiegate le teorie che stanno alla base dell'analisi e del progetto dei sistemi di controllo.

12 Si impara a risolvere problemi di piccola e media complessità nel campo dell'automazione (progettazione e realizzazione di sistemi di controllo) anche con l'utilizzo dei microprocessori e dei microcontrollori; è quin di previsto anche lo studio dei linguaggi di programmazione. Vengono così affrontati, tra gli altri, studi nel campo dei sistemi a microprocessori, sistemi robotici e sistemi di domotica. Che cosa fare dopo il diploma? Se desidero lavorare subito: impiego in aziende con mansioni di progettazione, amministrazione, manutenzione impianti, produzione, acquisti e vendite uffici tecnici della Pubblica Amministrazione docente tecnico pratico negli Istituti Tecnici e Professionali libera professione, dopo esperienza maturata nel settore (progettazione e gestione di sistemi di automazione ed impianti, sovrintendenza e manutenzione di sistemi di distribuzione dell energia elettrica, collaudo e manutenzione di impianti) Se desidero continuare a studiare: Università (ottima preparazione in particolare per le facoltà di Ingegneria) 1 1 Possibilità di iscrizione al corso di laurea in Ingegneria Informatica presso il Politecnico di Verrès

13 Istruzione professionale Servizi socio - sanitari Animazione alunni ISITP presso Scuola dell infanzia Questo indirizzo di studi fa per me se: Voglio prendermi cura dei più deboli (anziani, bambini, diversamente abili, persone in condizione di disagio) Voglio conoscere i servizi socio-sanitari del mio territorio Sono sensibile ai mutamenti della società contemporanea muticulturale Mi piace intrattenere le persone, organizzando attività di animazione Cosa saprò fare al termine del corso: prevedere soluzioni alle esigenze socio-sanitarie di singoli e di comunità per la promozione della salute e del benessere bio-psicosociale informare e aiutare le persone ad accedere ai servizi socio-sanitari pubblici e privati presenti sul territorio promuovere stili di vita rispettosi delle norme igieniche, della corretta alimentazione e della sicurezza contribuire all inclusione sociale e migliorare la qualità di vita delle persone appartenenti alle fasce sociali più deboli facilitare la comunicazione tra persone e gruppi anche di culture e contesti diversi attraverso linguaggi e sistemi di relazione adeguati utilizzare le principali tecniche di animazione socio-educative e culturali Materie caratterizzanti: Scienze umane e sociali Igiene e cultura medico-sanitaria Metodologie operative Psicologia generale e applicata Diritto e Legislazione socio-sanitaria Tecnica amministrativa ed economia aziendale

14 Igiene e cultura medico-sanitaria è una materia caratterizzante l'indirizzo socio-sanitario.in I e II si insegnano le basi di biochimica che serviranno poi negli anni successivi per studiare l'anatomia e la fisiologia del corpo umano (come è fatto e come funziona) e per studiare patologia, ovvero le malattie. Il programma dei primi due anni viene costruito in stretta collaborazione con gli insegnanti di Biologia (classe I) e di Chimica (classe II) in modo da garantire una chiara e operativa comprensione del metodo scientifico e sperimentale, che è alla base di queste e di tutte le scienze. Durante il V anno il programma si concentra sull'organizzazione e sul funzionamento dei sistemi socio-sanitari (le strutture socio-assistenziali, il sistema sanitario nazionale ecc.) sulle figure professionali (gli operatori socio-sanitari) e sulle competenze professionali (analisi, progettazione ecc. di piani di intervento socio-sanitari). Tecnica amministrativa è una materia caratterizzante l indirizzo e si affronta a partire dal terzo anno. Analizza l azienda nella sua completezza economica da un punto di vista organizzativo, commerciale e gestionale ed approfondisce l impresa sociale come strumento per la realizzazione di servizi allo scopo di soddisfare i bisogni del territorio in cui è inserita. Legislazione sociale riguarda principalmente il diritto del lavoro e il sistema della previdenza sociale. In tal senso la legislazione sociale ha seguito l evoluzione delle garanzie dei lavoratori e delle lavoratrici lungo il Novecento, approdando alla costituzione dello Stato sociale (Welfare state) ossia uno stato che interviene nella vota sociale ed economica per assicurare a tutti i cittadini i servizi ritenuti essenziali. In questa direzione la legislazione sociale analizzerà il sistema sanitario in particolare e altri servizi pubblici rivolti alla persona. Metodologie operative è una materia tecnico pratica di fondamentale importanza nell indirizzo socio sanitario. Nelle classi I II e III si insegnano le basi tecnico pratiche che serviranno per la preparazione delle attività da proporre all interno delle strutture socio sanitarie quali: asili nido, microcomunità per anziani, centri per disabili e tate familiari. Nello specifico i ragazzi impareranno ad affinare le seguenti abilità: Riconoscere i soggetti dell intervento in campo socio assistenziale e sanitario e le loro competenze

15 I.S.I.T.P. Enrico Brambilla Verrès Identificare i servizi e le figure professionali implicati nella gestione del piano d intervento. Riconoscere la valenza formativa delle attività di animazione Individuare gli spazi e i materiali in funzione delle attività e degli utenti Acquisire alcune tecniche grafico pittoriche manipolative in riferimento alla varie tipologie d utenza Il fiore all occhiello di tutto il percorso formativo è lo stage che si svolgerà durante il terzo anno all interno delle strutture sopra citate. Psicologia generale ed applicata dopo un biennio dedicato all'introduzione alle Scienze umane (dedicata in particolare alla ricerca scientifica nel campo antropologico, sociologico, pedagogico e psicologico), dal terzo anno e per tutto il triennio ci si concentra su una sola scienza umana, la Psicologia, scienza che studia la mente e il comportamento umani. In terza si approfondisce il concetto di salute e benessere bio-psico-sociale e si propone una prima analisi delle diverse utenze dei Servizi socio-sanitari: bambini, anziani, disabili, malati psichici. Il quarto anno è invece dedicato alla nascita e alla storia della Psicologia scientifica a cui si è fatto cenno nel primo anno; in seguito si studiano tutte le correnti psicologiche, dalle prime come strutturalismo e funzionalismo, fino alla psicanalisi e alle scuole contemporanee come cognitivismo e neuroscienze. Infine il quinto anno è dedicato all analisi approfondita delle utenze, delle loro patologie e della presa in carica da parte dei Servizi, della differenza tra curare e prendersi cura, della progettazione degli interventi specifici da mettere in piedi per ogni tipologia di utente, dal bambino all anziano, dal disabile al malato mentale.

16 Cosa fare dopo il diploma? I.S.I.T.P. Enrico Brambilla Verrès Se desidero lavorare subito posso trovare un impiego presso microcomunità, garderie, spazi-giochi, tate familiari, cooperative di servizi, asili-nido presso villaggi turistici, navi da crociera come animatore nelle Scuole di ogni ordine e grado come educatore negli Istituti Tecnici e Professionali come docente Tecnico Pratico Se desidero continuare a studiare: Corsi professionali post diploma Università 2 2 Corsi di laurea coerenti con il diploma: Scienze infermieristiche Scienze della Formazione Primaria

17 La scuola offre: Attività di Educazione alla salute Progetto B.I.L.: corsi pomeridiani di audio-luci-video, teatro e danza, fotografia, canto Visite di istruzione Uscite didattiche di tipo culturale, orientativo e socializzante Partecipazione a fiere Attività sportiva Progetto Adottiamo la Costituzione Projet énergie: stand Rigenergia 2013 Olimpiadi di italiano - Firenze Progetto Animazione Stage linguistico Progetto scambio culturale - Chambéry Fotovoltaico monitorato da un laboratorio ISITP Accoglienza classe I SSS A

18 La scuola offre: digitali (uso di ipad/android in classe) Alternanza scuola lavoro Impresa in azione Cooperative scolastiche Corso di italiano per stranieri Corsi di preparazione per PET (Preliminary English Test) e DELF (Diplôme d'etudes de Langue française) Attività di accompagnamento, di sportello e di tutoraggio per alunni sciatori Applus energie Sede di esami per La Nuova ECDL Projet énergie Scopo del progetto è diffondere la coscienza e la conoscenza delle Energie Alternative e la difesa dell'ambiente tra i giovani studenti valdostani e i cittadini interessati. L'idea è che siano gli studenti i protagonisti. A oggi sono disponibili: Un laboratorio da attrezzare al piano terra del Centre d Accueuil Un impianto fotovoltaico stand alone da 1.3 KW sulla piscina di VERRES Un impianto di illuminazione a LED ingresso piscina di VERRES Un impianto fotovoltaico in rete da 5 KW composto da 5 tipologie diverse di pannelli e 5 inverter, i dati di produzione sono disponibili in internet Un monitor da 40 in cui sono visualizzati tutti i dati di produzione degli impianti Un mini eolico da 400W Due quadricicli elettrici Renault TWIZY 45 e 80, si possono guidare rispettivamente a 14 e 16 anni Termocamera FLIR

19 A breve: Modulo didattico dimostrativo casa di paglia unità abitativa da 20 mq con isolamento in paglia pressata, verranno monitorati i consumi dagli studenti ISITP in collaborazione con Politecnico di Torino sede di VERRES Una colonnina di ricarica pubblica CVA-DEVA L-ISITP Una colonnina di ricarica nel laboratorio al piano terra del Centre d Accueuil

20 Porte aperte al Brambilla - gennaio 2014 Porte Aperte Un appuntamento da non perdere più scuole visito più indirizzi conosco più conoscenze ho, più probabilità ho di fare la scelta giusta 10 dicembre 2014 dalle ore alle ore gennaio 2015 dalle ore alle ore Per informazioni: ISITP Tel www. isitp.it

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero.

Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Esploro le fonti energetiche di tutto il mondo. Proteggo l ambiente. Sono il futuro. Sono un ingegnere petrolifero. Cosa fa un ingegnere petrolifero? Gli ingegneri petroliferi individuano, estraggono e

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario

GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE. nel Circondario GUIDA ALLA SCELTA DELLA SCUOLA SUPERIORE nel Circondario anno scolastico 2012/2013 INDICE dei Contenuti Premessa 1. Introduzione 1.1. Come usare questa guida: obiettivi, cosa contiene 1.2. Per gli studenti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA

Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA Triennio Sistemi Informativi Aziendali SIA La presenza di un biennio COMUNE offre la possibilità, di potere scegliere il successivo triennio al termine del secondo anno con maggiore consapevolezza e convinzione!

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass I Informazioni personali Cognome(i/)/Nome(i) Rouame Abdelaziz Indirizzo(i) 7, via S. Andrea, 48022, Lugo di Romagna, Italia Telefono(i) 051 6597766/ 0545 24698 Mobile: 3282119380

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto

BAMBINI E ROBOT. Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto BAMBINI E ROBOT Giusy Dompé, Laura Gullino, Lucia Papalia, Luisa Pezzuto Docenti di Scuola dell Infanzia e di Scuola Primaria Circolo Didattico Beinasco - Gramsci www.beinascogramsci.it Introduzione La

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT

3. PROFESSIONI TECNICHE Classificazione ISTAT 31 Professioni tecniche in campo scientifico, ingegneristico e della produzione 311 Tecnici delle scienze quantitative, fisiche e chimiche 3111. Tecnici fisici e geologici Rilevatore geologico Tecnico

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base

RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base FORMARSI PER NON FERMARSI WEITERBILDUNG FÜR WEITERDENKER RADIANCE & TOOLS Progettare con la luce naturale Corso base Il processo di progettazione

Dettagli