Gestione delle password in Windows NT. Differenze rispetto a Unix. Attacchi al database SAM. Alcune tecniche utilizzate per il riconoscimento in rete

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione delle password in Windows NT. Differenze rispetto a Unix. Attacchi al database SAM. Alcune tecniche utilizzate per il riconoscimento in rete"

Transcript

1 Gestione le Wdows NT Differenze rispetto a Unix Attacchi al database Alcune tecni utizzate per riconoscimento rete Cofica forte Inserire i Userid: dati identificazione Password: Ogni sistema utizzi una forma autenticazione attraverso le, deve memorizzare una rappresentazione, Userid / Password Dati identificazione modo da controlre quando un tentativo logon (locale o attraverso rete) è consentito. Di base, ci sono tre mo per memorizzare una : Memorizzare Memorizzare Memorizzazione chiaro forma cifrata Database Mark Mark Mark / Welcome // 0xc XYZqaXX Questo sma, an se molto utizzato, è debole perché gli Solitamente, utenti scelgono lo sma solitamente utizzato le cattive consiste nell serire (cioè coppia Quando un utente da izio al processo logon, serisce i propri dati userid/, base possono allo sma essere facmente cui identificazione userid identifica scoperte) utizzato. oppure l utente, cedono mentre o scrivono conferma l identità modo l utente. utenti maliziosi ne possono entrare possesso. Comunque, È ovvio memorizzare cofica da possibità decoficare, chiaro non è e molto cioè un sicuro, hacker Questo è metodo utizzato nei moderni Sistemi Operativi. ed fatti questo metodo non utizzato nei moderni sistemi conosce l algoritmo utizzato e chiave cofica, può decifrare le operativi. memorizzate. Wdows NT utizza questo terzo metodo per memorizzare Un fattore importante nel sicurezza le è qualità In particore Sono uguali? funzione. Essa è solitamente una funzione irreversibe genera un unico per una data. Funzione Valore Unix utizza un algoritmo sime al per calcore. La è utizzata come una chiave (otto caratteri a 7 bit \WINNT\SYSTEM32\CONFIG\ formano una chiave a 56 bit) per coficare un blocco bario zeri. Il questa cofica è. Da notare La utizzata come parametro una funzione Qu per rendere valido un logon, sistema utizza serita Questo matematica irreversibe qu calco memorizzato suo nel database. le dall utente, calco sistema. una funzione matematica sul serito e qu confronta appena calcoto con memorizzato nel non è cifrata, ma è chiave utizzata per effettuare l operazione cofica. Una le caratteristi più importanti UNIX è esso troduce caratteri random nell algoritmo. database le. 1

2 Lan Manager utizza una a 14 byte. Se In Wdows NT sono memorizzati sul server valori : Lan Manager e Wdows NT. è più picco 14 byte, ad essa vengono concatenati degli zeri. Altrimenti troncata al 14 byte. La convertita lettere maiuscole e visa metà sette byte ciascuna. Aggiungendo un bit parità costruita una chiave da ognuna le metà 7 byte costruite precedenza. Ognuna le chiavi a 8 byte utizzata per User name Password Lan Manager Password Wdows NT coficare un numero magico (0x4B coficato con una chiave tutti 1). 16 byte 16 byte An Le se mensione possono è avere limitata una a 14 mensione caratterimassima dal GUI utizzata 128 da UserManager. caratteri I risultati cofica numero magico sono concatenati nel a 16 byte. 0xC23413A8A1E7665F 0xAAD3B435B51404EE 0x4B xC23413A8A1E7665FAAD3B435B51404EE Una regore Wdows NT è ottenuta: 0xFFFFFFFFFFFFFF Dalle Dato Supponiamo metà sono è più state picco ottenute 14 si creano Successivamente convertita un byte, utente ad sia lettere essa chiavi welcome vengono, maiuscole e aggiungendo La Ognuna queste memorizzata un bit chiavi parità è (cioè utizzata se numero per concatenazione coficare 1 è pari, un magic allora questi number bit visa concatenati degli parti zeri. da sette byte ciascuna. numeri parità ottenuti vale 1). cifrando magic number. Una regore Wdows NT è ottenuta: Una regore Wdows NT è ottenuta: Convertendo l utente Unicode Convertendo l utente Unicode Utizzando MD4 per ottenere a 16 byte. Trasformazione Unicode Trasformazione Unicode MD4 Valore 2

3 Revision Number Control Fgs Owner Sid La cosa teressante è a fferenza Unix, cui per calcolo dei I 14 byte costituiscono Lan Manager sono visi valori Se vengono è più seriti picco degli 8 elementi caratteri, random allora seconda modo metà Dato e su ciascuna prima parte effettuare effettuato cofica voro mofica. convertita uguali è sempre abbiano pari valori a 0xAAD3B435B51404EE. versi, Wdows NT se lettere maiuscole, un attacco non dovrebbe prendere considerazione le sono uguali, le funzioni genereranno lo stesso. lettere Per poter muscole. attaccare le Wdows NT si dovrebbe dare vita ad Qu conoscendo, potremmo andare a Questo un attacco significa rappresenta l MD4. una le debolezza, sono dato equivalenti. volendo effettuare un controlre se seconda metà questo è pari a attacco, potremmo vorare separatamente sulle metà (7 byte), 0xAAD3B435B51404EE. Se parte fale cocide, allora potremmo quanto le metà non sono legate tra loro, ma generate maniera dare An vita questo ad un attacco rende un concentrandoci attacco molto soltanto più veloce. sui primi 7 byte. tutto pendente. Questo renderà l attacco molto più veloce. Primary Group REGISTRO SID DACL Poter vuoto SACL Poter In Wdows NT, le formazioni sugli utenti e sulle sono memorizzate nel è parte registro. Le sottochiavi sono protette con le Access Control List negano a tutti (an all ammistratore sistema) l accesso alle formazioni memorizzate. Per dare un ulteriore protezione alle formazioni contenute nel, a queste applicata un ulteriore cofica. Tali sistemi sono vulnerabi ad attacchi chiamati forza bruta In un sistema operativo memorizza vece Password Lan Manager Password Wdows NT (coficata) è impossibe decifrarle an se si ha pieno accesso al database le Generatore sistema, perché Funzione i valori memorizzati sono generati con una funzione irreversibe. Sono uguali? RID Infatti prima essere memorizzate nel sia Lan Manger Wdows NT vengono coficati con, utizzando come chiave un attributo l utente (RID). Dato le funzioni sono ben documentate, un hacker può generare tutte le possibi, calcore loro e confrontare questo con memorizzato nel database le sistema. Gli attacchi forza bruta condotti contro Wdows NT operano nel seguente modo: 0xC23413A8A1E7665FAAD3B435B51404EE AAD3B435B51404EE Sono uguali! Sono uguali! versi Attacco forza bruta Lista dei caratteri vali Generatore combazioni WELCOME Il potere computazionale per nciare un attacco questo tipo non è generalmente sponibe. In un sistema utizza una formata da 8 caratteri ASCII, ci sono approssimativamente 7,2e 16 possibi. Per cui dato un computer può generare, calcore e confrontare 1 mione possibi al secondo, allora sarebbero necessari 2258 anni per analizzare l tero spazio le. WELCOME Hash Solitamente gli utenti scelgono semplici (pronunciabi) 0xC23413A8A1E7665F 0xAAD3B435B51404EE Ottenuta Lo Supponiamo Dato stesso una procemento combazione, un utente LanManager maltenzionato ripetuto calcoto è fo a quando sia venuto cofica generatore a conoscenza secondo le Nel Al processo nostro caso, quando esegue l attacco generatore fornisce fornito put , lista tutti allora i l algoritmo Questo strghe, significa ottenute una LanManager.. maniera seconda Il parte tutto pendente confrontato l una è dall altra, con le combazioni caratteri vali, non fornisce a loro volta confrontato WELCOME vengono viati con le al e si generatore metà scopre scoprendo prima tutte le metà allora ottenute izialmente. viso parti 8 byte ciascuna. parte seconda metà cocide corrisponde con al appena calcoto. appena calcoto. possibi combazioni. limitano numero le da generare. Questo ha portato ad un attacco noto come attacco zionario cui le da provare sono prese da database contenenti teri zionari o nomi automobi sulle quali vengono applicate an regole logica. 3

4 Dato Wdows NT i valori le sono protetti ulteriormente dal cofica, per realizzare un attacco zionario Gli attacchi zionario condotti contro Wdows NT operano nel modo seguente: bisogna prima decoficare i valori. Il contenuto zionario coficato utizzando funzione RID LanManager. Valori -1 Attacco zionario Il ottenuto confrontato con l utente. Password La decofica dei valori non è un problema dato chiave La utizzata cofica per produce cofica i valori è nota:, RID. ai quali è possibe applicare Se trovato match, si cerca scoprire Wdows NT, andando a verificare tutte le 2 combazioni le lettere alfabeti. l attacco zionario. Dopo aver ottenuto una copia database, un hacker può dare vita Una limitazione questi programmi è per funzionare devono essere eseguiti sotto contesto sicurezza l ammistratore. Infatti per poter leggere chiave registro, essi devono cambiare ACL ad essa associata. ad un attacco offle tipo zionario. Questo implica generazione (solitamente prese da una lista parole) e l esecuzione Lan Manager () o funzione MD4 (Wdows NT). Alcune applicazioni effettuano questo sono: Questo limita enormemente l utizzo questo attacco dato se un hacker fosse grado ottenere i privegi l ammistratore, potrebbe fare cose ben peggiori, vece andare contro ad un lungo attacco zionario È Questo un applicazione programma permette calco analizzare da contenuto una lista parole e lo Utizza un algoritmo particormente potente ed una lista parole confronta scrive l identificatore con l utente memorizzato e nel database le sua provenienti da lguaggi versi. La caratteristica questa applicazione è un Wdows fe. NT. Dato funzione Wdows NT non utizza utizza dei ftri per le parole aumentano notevolmente lo spazio gli elementi random, questo processo procede ad una velocità elevata. le I valori possibi memorizzati. questo fe vengono sottoposti all attacco zionario. Letteralmente Challenge/Response significa Sfida/Risposta Un altro modo per ottenere le o formazioni sulle (valori ) è spiare rete (locale o Internet) quando una connessione client/server stabita. Inserire welcome Gli 8 byte random (challenge) vengono coficati utizzando Quando un utente si serisce un computer client, esso serisce con ognuna le tre chiavi generate precedenza, una. Il computer client calco ottenendo 24 byte da utizzare come risposta ( response). e ricorda per le operazioni successive. Ogni Questa volta risposta un client restituita si connette al server, a un server quale SMB, prende server genera l utente un dal random suo database 8 byte le è viato aled client. effettua gli stessi calcoli. Le Il protocollo versioni precedenti standard SMB, protocollo ora utizzato SMB da viano Wdows sul NT rete e Lan Manager, non via le formazioni sul rettamente degli utenti senza cofica. Wdows NT supporta questa possibità, sul rete, ma ma utizzano soltanto per un essere meccanismo compatibe tipo con Challenge/Response. questa versione. Il client utizza a 16 byte memorizzato sieme a 5 byte Se nulli per creare 24 byte tre chiavi server è a lo 56 stesso bit (16 byte risposta + 5 byte client logon ha successo, altrimenti richiesta respta. null == 21 byte * 8 == 168 bit == 3 * 56 bit chiavi ). 4

5 Esempio: Qualcuno spia rete termearia vede soltanto gli 8 byte sfida e i 24 byte risposta. welcome welcome 0xAAAAAAAA BBBBBBBB CCCCCCCC 0x HELLO Sono uguali? Sfida 0x Password Risposta 0xAAAAAAAABBBBBBBBCCCCCCCC 0xC23413A8A1E766 5FAAD3B435B514 AC435F2DD EE CCD xC23413A8A1E7665fAAD3B435B51404EE chiave1 chiave2 chiave x Quando Il un utente cofica si serisce viato un computer al Server Client, quale esso effettua serisce le una stesse Dopo La strga Client così ottenuta ha aperto una connessione visa tre gruppi con Server 7 byte (viandogli ciascuno. Il. un operazioni Client messaggio prende Il sul computer HELLO), Client memorizzato Server calco gli via nel suo una e vi database. sfida aggiunge (come formata è Se 5 stato byte da nulli. La sfida Ciascuna nciata queste dal Server strghe ora trasformata coficata utizzando una strga le tre ad chiavi 8 byte descritto cocide con precedenza), risposta viata e lo memorizza dal Client, per allora usarlo collegamento seguito. ha esito prodotte. byte. aggiungendo bit parità, ottenendo questo modo 3 chiavi. positivo, altrimenti rifiutato. La prima cosa una spia potrebbe fare è andare a controlre se Se non è più picco 8 byte, allora è comunque possibe Per essere sicuri noi potremmo analizzare an seconda strga scoprire Nell esempio gli ultimi è più precedente picco byte otto una caratteri. spia vede Questo soltanto può essere sfida e generando fatto risposta. tutti i. Infatti se è più picco 8 byte, allora seconda prendendo 0x04EE , trasformandolo chiave possibi Inoltre Abbiamo valori(65535), già evidenziato utizzata coficando dal se Client sfida è stata e confrontando è moficata più picco e visa 7 byte, con strga sarà 0x??AAD3B435B514. Qu potremmo scoprire 5F risposta (aggiungendo i bit parità) e coficando sfida con questa tre allora parti. restituita. seconda parte sarà sempre uguale a 0xAAD3B435B51404EE provando tutte le combazioni dei caratteri non noti (256), coficare chiave. Se è 0xCCCCCCCC (ultima parte risposta), sfida e controlre se risposta cocide con 0xBBBBBBBB. allora è più picco 8 byte. Questo porta ad un attacco chiamato Client moficato Un aspetto importante protocollo Challenge/Response è sistema operativo Client non ha necessità conoscere Client autenticato, ma deve conoscere soltanto suo. Risposta HELLO Questo perché le Lan Sfida Manager sono equivalenti. Un modo per evitare un attacco questo tipo è meante firma dei pactti. Dati Firma Valore Database rubato Quando si apre una connessione al rete, Server genera sfida e Supponiamo avere un Client moficato ha accesso a una manda È osservare al Client. Il Client guarda ha ottenuto questo senza da utizzare conoscere (nel copia rubata un database le (contenente copia origale database ( le testo chiaro) NT). e calco Questo risposta. significa Il Server le Lan Manager e Wdows NT). conclude an una buona risposta è stata (cioè generata una con lo stesso è resistente come è all attacco memorizzato zionario) nel suo database può essere le utizzata e autentica modo sbagliato. Client. In questo modo, i Client e i Server sono sicuri le parti ai In particore quando un Client vuole viare un pactto al Server, estremi comunicazione sono realmente quelli hanno detto allora pone una firma su tutto o parte pactto. essere. La chiave sistema è defita utizzando comando Syskey.exe La capacità effettuare cofica forte (strong encryption) le La cofica forte protegge le formazioni sugli account coficando Wdows NT 4.0, è una caratteristica opzionale gli i dati sulle utizzando una chiave crittografica random a ammistratori sistema possono scegliere o meno implementare. 128 bit, chiamata encryption key può essere eseguito soltanto dai membri gruppo l ammistratore. Questa utity usata per izializzare o cambiare chiave sistema. Ci sono tre mo per gestire chiave sistema La encryption key è essa stessa coficata utizzando una chiave sistema (System key) Utizzare come una chiave scelta sistema dall ammistratore una chiave random per generata derivare dal chiave Utizzare una chiave random generata dal maccha e memorizzar maccha sistema. e memorizzare chiave sul sistema locale utizzando un su un floppy sk. complesso algoritmo cofica. Questa Solitamente opzione fornisce utizzato una forte MD5 cofica le formazioni come chiave Il floppy sk, con chiave sistema, è richiesto per partenza sulle prcipale per proteggere chiave cofica le. sistema nel e deve registro essere e permette serito dopo un atteso Wdows riavvio NT sistema. ha iziato sequenza startup 5

6 La chiave sistema è defita utizzando comando Syskey.exe può essere eseguito soltanto dai membri gruppo l ammistratore. Questa utity usata per izializzare o cambiare chiave sistema. Ci sono tre mo per gestire chiave sistema La cofica forte può essere configurata maniera tutto pendente Le opzioni chiave sistema utizzano o sul Primary e ogni Backup Doma Controller. Ogni controllore richiedono un floppy sk, troducono un nuovo prompt, ma domio dovrebbe avere un'unica chiave cofica ed offrono l opzione protezione più forte perché chiave prcipale un'unica chiave sistema. non è materialmente memorizzata sul sistema. Per esempio Lo svantaggio utizzare questa tecnica è caso riavvio Utizzare come una chiave scelta sistema dall ammistratore una chiave random per generata derivare dal chiave Utizzare una chiave random generata dal maccha e memorizzar maccha sistema. e memorizzare chiave sul sistema locale utizzando un su un floppy sk. complesso algoritmo cofica. Questa Solitamente opzione fornisce utizzato Il floppy sk, con chiave una forte MD5 cofica sistema, le è richiesto formazioni come chiave per partenza sulle prcipale per proteggere chiave cofica le. sistema nel e deve registro essere e permette serito dopo un atteso Wdows riavvio NT sistema. ha iziato atteso sistema è necessaria presenza l ammistratore. Il PDC può essere configurato modo da utizzare una chiave Prima abitare cofica forte su un PDC, si deve garantire sistema generata dal maccha e memorizzata sul sco, mentre i un BDC completamente aggiornato sia sponibe per essere BDC possono avere una versa chiave sistema generata dal utizzato Una cosa fo importante a quando è i cambiamenti se PDC non chiave sono completati sistema è maccha sul sistema locale. Una chiave sistema generata sul e menticata verificati. oppure floppy sk contiene questa chiave maccha e memorizzata sul sistema locale su un PDC, non è replicata. perso, non è possibe riavviare sistema. sequenza startup 6

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Esempi di algoritmi. Lezione III

Esempi di algoritmi. Lezione III Esempi di algoritmi Lezione III Scopo della lezione Implementare da zero algoritmi di media complessità. Verificare la correttezza di un algoritmo eseguendolo a mano. Imparare a valutare le prestazioni

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet

Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet OUCH! Ottobre 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione Le precauzioni da prendere Cosa fare in caso di smarrimento o furto Cosa fare in caso di perdita di smartphone o tablet L AUTORE DI QUESTO NUMERO Heather

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Facoltà di scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di laurea in RETI DI CALCOLATORI Autenticazione Centralizzata con il sistema CAS, integrando

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. IT Security. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE IT Security Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Standard IT Security. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del processo di apprendimento,

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO

PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO PCC - Pixia Centro Comunicazioni GUIDA PER L UTILIZZO Informazioni generali Il programma permette l'invio di SMS, usufruendo di un servizio, a pagamento, disponibile via internet. Gli SMS possono essere

Dettagli

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2

UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Lezione 14 LE APERTURE A LIVELLO 2 UN NUOVO ASSETTO DELLE APERTURE A LIVELLO 2 Tutto parte da una considerazione statistica: 4 aperture (da a ) per descrivere mani di 21+ Punti rappresenta uno spreco in

Dettagli

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master

Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Industry Test di comunicazione tra due LOGO! 0BA7: Master - Master Dispositivi utilizzati: - 2 LOGO! 0BA7 (6ED1 052-1MD00-0AB7) - Scalance X-208 LOGO! 0BA7 Client IP: 192.168.0.1 LOGO! 0BA7 Server IP:

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

Documentazione tecnica

Documentazione tecnica Documentazione tecnica Come spedire via Post 1.1) Invio di Loghi operatore 1.2) Invio delle Suonerie (ringtone) 1.3) Invio di SMS con testo in formato UNICODE UCS-2 1.4) Invio di SMS multipli 1.5) Simulazione

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT :

Outlook Express. Dalla barra del menu in alto, selezionare STRUMENTI e successivamente ACCOUNT : OutlookExpress Dallabarradelmenuinalto,selezionare STRUMENTI esuccessivamente ACCOUNT : Siapriràfinestra ACCOUNTINTERNET. Sceglierelascheda POSTAELETTRONICA. Cliccaresulpulsante AGGIUNGI quindilavoce POSTAELETTRONICA

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Le password sicure vi rendono più sicuri

Le password sicure vi rendono più sicuri Le password sicure vi rendono più sicuri Di Bruce Schneier Traduzione di Sergio Meinardi smeinardi@acm.org L autore originale mantiene i diritti sull opera Chi vuole usare questo documento deve chiedere

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard

Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali. Payment Card Industry Data Security Standard Standard di Sicurezza sui Dati previsti dai Circuiti Internazionali Payment Card Industry Data Security Standard STANDARD DI SICUREZZA SUI DATI PREVISTI DAI CIRCUITI INTERNAZIONALI (Payment Card Industry

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad.

La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. La presente guida illustra i passaggi fondamentali per gestire l account posta elettronica certificata (PEC) sui dispositivi Apple ipad. OPERAZIONI PRELIMINARI Dal menu impostazioni andate su E-mail, Contatti,

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks

The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks The Directed Closure Process in Hybrid Social-Information Networks with an Analysis of Link Formation on Twitter Dario Nardi Seminario Sistemi Complessi 15 Aprile 2014 Dario Nardi (CAS) 15/4/14 1 / 20

Dettagli

Programma Servizi Centralizzati s.r.l.

Programma Servizi Centralizzati s.r.l. Via Privata Maria Teresa, 11-20123 Milano Partita IVA 09986990159 Casella di Posta Certificata pecplus.it N.B. si consiglia di cambiare la password iniziale assegnata dal sistema alla creazione della casella

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno

Accordo su chiavi. (key agreement) Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica Università di Salerno Accordo su chiavi (key agreement) Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Accordo su una chiave Alice Bob??

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne

Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Accesso alle risorse elettroniche SiBA da reti esterne Chi può accedere? Il servizio è riservato a tutti gli utenti istituzionali provvisti di account di posta elettronica d'ateneo nel formato nome.cognome@uninsubria.it

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT

INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT INVIO SMS CON CHIAMATA DIRETTA ALLO SCRIPT La chiamata diretta allo script può essere effettuata in modo GET o POST. Il metodo POST è il più sicuro dal punto di vista della sicurezza. Invio sms a un numero

Dettagli