PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro"

Transcript

1 PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro IL SITO DELL'ING. GERARDO PORRECA Analisi critica dell accordo Stato Regioni sulla formazione ex D. Lgs. n. 195/2003 degli RSPP e ASPP. Da un esame del testo dell accordo stipulato in data 26/1/2006 nell ambito della Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14/2/2006 sono emersi alcuni dubbi e perplessità che hanno dato luogo a numerosi quesiti e richieste di chiarimenti, dubbi e quesiti che qui di seguito si intende mettere a fuoco assieme alle prevalenti interpretazioni rilevate. Termine per l'attivazione dei percorsi formativi. Si discute sul contenuto del punto 1.1 dell'accordo: 1.1. Termine per l attivazione dei corsi formativi. Il termine per l attivazione dei percorsi formativi, considerata la necessità di mettere a punto gli aspetti organizzativi per l avvio del nuovo sistema, è di un anno, a partire dalla data di pubblicazione del presente accordo sulla Gazzetta Ufficiale, ferma restando, sino all attivazione dei corsi stessi, la disciplina transitoria di cui all art. 3 del citato decreto legislativo n. 195 del Dalla lettura del punto 1.1 dell'accordo, benché il periodo appare mal costruito in quanto sembrerebbe a prima vista che, fissato il termine per l organizzazione del nuovo sistema di formazione entro il 14/2/2007, non sarebbe consentita oltre tale termine l attivazione dei percorsi formativi il che è assolutamente illogico, emerge chiaramente che la disciplina transitoria di cui all art. 3 del D. Lgs. n. 195/2003 viene prorogata fino al 14/2/2007 e che entro tale data devono essere conclusi da parte di coloro che hanno usufruito della norma transitoria i corsi di formazione di cui all articolo 8 bis comma 2 del D. Lgs. n. 626/1994 così come introdotto dal citato D. Lgs. n. 195/2003. Emerge altresì chiaro, e questo si afferma in risposta al questo sulla validità dei corsi svolti prima della pubblicazione dell accordo di seguito sviluppato, che i percorsi formativi vanno avviati dopo l'entrata in vigore dell accordo. Sul punto 1.1 dell'accordo si è raccolta un'altra interpretazione e cioè che dalla lettura del punto stesso, congiunta con quella dell'art. 3 comma 1 del D. Lgs. n. 195/2003 che prevede l'obbligo per gli RSPP e gli ASPP di aver conseguito l'attestato di frequenza entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto stesso, si potrebbe ipotizzare che la data di partenza del termine da cui far decorrere l'anno di tempo è il 14 febbraio 2007 (termine entro il quale i corsi devono essere attivati) per cui ne consegue che gli RSPP e gli ASPP avrebbero tempo fino al 14/2/2008 per ottenere l'attestato di frequenza con esito positivo ai corsi di pertinenza né si potrebbero considerare inadempienti se non lo facessero. Non si condivide questa lettura del punto dell accordo e se l'interpretazione autentica è questa occorre che la Conferenza Stato Regioni, la quale, secondo quanto si è a conoscenza sarà chiamata ad apportare delle modifiche al testo già approvato ed anche delle correzioni ad errori palesi in esso contenuti, si esprima chiaramente in tal senso. Soggetti formatori individuati direttamente dal D. Lgs. n. 195/2003. I soggetti formatori individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 sono: 1

2 Regioni e Province autonome Università ISPESL INAIL Istituto italiano di medicina sociale Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile Amministrazione della Difesa Scuola superiore della pubblica amministrazione Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori Organismi paritetici Tali soggetti formatori devono attenersi agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione fornite dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi, corsi di aggiornamento). Ulteriori soggetti formatori. L'accordo indica nel punto 4.1 gli ulteriori soggetti formatori di seguito indicati: a) 1) Ministero del lavoro e delle politiche sociali; 2) Ministero della salute; 3) Ministero delle attività produttive; 4) Ministero dell interno: Dipartimento degli affari interni e territoriali e Dipartimento di pubblica sicurezza; 5) Formez. b) 1) Istituti tecnici industriali; 2) Istituti tecnici aeronautici; 3) Istituti professionali per l industria e l artigianato; 4) Istituti tecnici agrari; 5) Istituti professionali per l agricoltura; 6) Istituti tecnici nautici; 7) Istituti professionali per le attività marinare; c) gli ordini e i collegi professionali, già abilitati ai sensi dell art. 10, commi 1 e 2 del decreto legislativo n. 494 del 1996, limitatamente ai propri iscritti; Tali soggetti formatori vengono assimilati ai soggetti formatori direttamente individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 e devono attenersi oltre agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione forniti dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi,corsi di aggiornamento) anche a quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo stesso. 2

3 Mentre per gli ordini e i collegi non ci sono dubbi che la formazione per la quale sono autorizzati riguarda i propri iscritti qualche dubbio è stato sollevato sui destinatari della formazione per quanto riguarda le amministrazioni ministeriali e le istituzioni scolastiche. Per quanto riguarda le Amministrazioni Statali nel secondo periodo del punto viene fatto esplicito riferimento al proprio personale contrariamente a quanto invece indicato nel primo periodo in base al quale le stesse amministrazioni sono chiamate a svolgere l'attività di formazione "limitatamente al personale della P. A. sia esso allocato a livello centrale che dislocato a livello periferico". Quest'ultima sembra la interpretazione più logica essendo state ritenute le amministrazioni chiamate a formare essere in possesso di requisiti e competenze idonee ad assicurare l'attività formativa anche nei confronti di tutte le altre amministrazioni pubbliche in quanto si occupano istituzionalmente di sicurezza sul lavoro. La presenza del Formez in calce all'elenco dei Ministeri formatori avvalora ulteriormente la interpretazione che vede quali soggetti da formare il personale di tutte le amministrazioni pubbliche e non anche solo quello della propria amministrazione. Analogo dubbio è nato per quanto riguarda le istituzioni scolastiche di cui alla lettera b) per le quali ci si è posta la domanda se l'attività di formazione di un istituto scolastico possa essere indirizzata al personale di altri istituti indicati sotto la stessa lettera b) o debba essere limitata al proprio personale. Anche in questo caso nell'accordo la individuazione degli istituti tecnici e professionali è stata giustificata in quanto gli stessi sono dotati di personale docente in possesso di professionalità idonee per l'attività di formazione richiesta. Per essi però più esplicitamente viene detto che tale attività formativa può essere svolta per il proprio personale e per quello delle Istituzioni scolastiche facendo intendere, ed è quello che corrisponde alla interpretazione più prevalente, che ognuno degli istituti citati nell'accordo è abilitato a formare gli RSPP e gli ASPP di tutti gli altri istituti indicati nell accordo ed anche di quelli non citati. Altri soggetti formatori. L'accordo indica nel punto 4.2 gli altri soggetti formatori di seguito indicati: I soggetti pubblici e privati che operano in ambito regionale in possesso dei seguenti requisiti: a) essere accreditato dalla Regione o Provincia autonoma nel cui ambito intende operare, in conformità al modello di accreditamento definito in ogni Regione e Provincia autonoma, ai sensi del decreto del Ministro del lavoro e della Previdenza Sociale del 25 maggio 2001 n. 166, di cui all allegato sub B; b) dimostrare di possedere esperienza almeno biennale, maturata in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro; c) dimostrare di disporre di docenti con esperienza almeno biennale in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro Tali soggetti formatori vengono assimilati ai soggetti formatori direttamente individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 e devono attenersi oltre agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione forniti dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi,corsi di aggiornamento) anche a quelli di cui al punto 4.2 dell'accordo. Si pone l'attenzione su quanto indicato al punto in base al quale saranno i soggetti formatori a richiedere alle Regioni o alle Province autonome competenti per territorio la verifica del possesso dei requisiti di cui al punto per la effettuazione della quale si ritiene 3

4 sarà necessario l'invio della documentazione attestante il possesso dell'esperienza almeno biennale maturata in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro sia da parte dei soggetti formatori che dei docenti a disposizione dei soggetti stessi. Obbligo di frequenza del modulo B. Si è posto il quesito se il modulo B vada frequentato per ogni singolo macrosettore o no. Secondo l'accordo il modulo B di specializzazione è un corso adeguato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative per cui è chiaro che va frequentato un modulo B per ogni macrosettore, uno indipendentemente dall'altro, nell ambito del quale il soggetto formatore avrà cura di formare gli RSPP e gli ASPP in relazione ai vari rischi indicati nei prospetti allegati all'accordo stagliandoli ai singoli settori lavorativi. Nell ambito della formazione dovranno essere altresì effettuate esercitazioni, rappresentati casi e affrontate problematiche specifiche per il comparto nell'ambito del quale l'rspp ha intenzione di andare a svolgere la propria attività professionale. Si è a conoscenza di soggetti formatori che secondo una vecchia ottica svolgono corsi di formazione in comune e validi contemporaneamente per ogni macrosettore rilasciando al termine del corso l'attestato di frequenza di abilitazione allo svolgimento dell'attività di RSPP e di ASPP per tutti i macrosettori previsti nell'accordo. Ciò non si ritiene assolutamente conforme agli indirizzi ed alle modalità fissate dalla Conferenza Stato Regioni ed oltretutto se pure fosse così non si spiegherebbe perchè modulare il corso B dalle 12 alle 68 ore a seconda dei vari macrosettori. Una proposta che verrebbe da fare in merito al legislatore o alla Conferenza Stato Regioni è quella di istituire e regolamentare un sistema di vigilanza e di verifica del rispetto dei requisiti e delle modalità fissate dalla Conferenza Stato Regioni medesima ed anche e soprattutto dei contenuti della formazione per non vanificare lo sforzo e la finalità di qualificare e specializzare le nuove figure degli RSPP e degli ASPP. Esonero dalla frequenza dei corsi di formazione per i laureati di cui all'art. 8 bis c. 6. Secondo l'art. 8 bis comma 6 del D. Lgs. n. 626/1994: 6. Coloro che sono in possesso di laurea triennale di "Ingegneria della sicurezza e protezione" o di "Scienze della sicurezza e protezione" o di "Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro" sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2. dove i corsi di formazione di cui al comma 2 sono quelli per i quali la Conferenza Stato Regioni ha, su indicazione esplicita del legislatore, fornito mediante l'accordo gli indirizzi ed i requisiti minimi. Dubbi sono sorti da parte di chi vuole svolgere l'attività di RSPP ed è dotato di una delle lauree sopraindicate se deve frequentare o meno il modulo C destinato alla prevenzione e protezione dai rischi di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Il dubbio è legittimo allorché si osserva che nel comma 2 a cui rinvia il comma 6 sull'esonero concesso ai laureati fa riferimento a quei corsi di formazione comuni sia agli RSPP che agli ASPP (moduli A e B) mentre gli obblighi di formazione riservati esclusivamente agli RSPP e corrispondenti al modulo C di cui all'accordo sono stati invece distaccati ed inseriti dal legislatore nel comma 5. Secondo una interpretazione logica però, essendo i citati laureati esonerati dalla frequenza dei corsi di formazione di cui al comma 2 che altro non sono che i corsi di specializzazione 4

5 adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative per i quali la Conferenza Stato Regioni è stata chiamata dal legislatore ad individuare gli indirizzi ed i requisiti minimi ed essendo stato altresì il modulo C introdotto dalla Conferenza Stato- Regioni nell ambito dello stesso accordo, sembrerebbe che i succitati laureati non sarebbero tenuti a frequentare il modulo C e potrebbero svolgere l attività di RSPP senza alcuna altra incombenza se non quella di frequentare il corso di aggiornamento con cadenza quinquennale. A tale interpretazione logica è legata anche la risposta ad un'altra richiesta di chiarimento finalizzata a conoscere quali sono i soggetti formatori che possono organizzare i moduli C non essendo ciò precisato nel comma 4 dell'art. 8 bis. Risulta chiaro che tali soggetti formatori sono da individuarsi negli stessi soggetti che sono stati autorizzati ad organizzare i moduli A e B e ciò discende automaticamente se viene fatta anche in questo caso una lettura del comma 4 relativo alla formazione degli RSPP come una sorta di prosecuzione e di integrazione del comma 2. Richieste di chiarimenti sono state altresì rivolte da laureati in ingegneria quinquennale circa la possibilità di usufruire dell'esonero dal frequentare i corsi di formazione per svolgere attività di RSPP ma a tal proposito è da precisare che il legislatore ha individuato nel comma 6 delle lauree ben precise e che non è possibile estendere l'esonero nello stesso stabilito ad altre lauree, fossero pure quinquennali, a meno che, si ritiene, non venga dichiarata esplicitamente da un organismo competente una equipollenza delle diverse lauree ai fini della applicazione delle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 195/2003. Corsi di aggiornamento di cui all'art. 8 bis comma 5 del D. Lgs. 626/94. La domanda che viene posta più insistentemente è se il corso di aggiornamento possa essere o meno spalmato nell'arco di un quinquennio, ad esempio in dodici ore all'anno per cinque anni. E ancora: la decorrenza del quinquennio da quando parte? Da quando decorre il secondo quinquennio di aggiornamento? Ad esempio da quando riparte il secondo quinquennio per chi ha frequentato le ore del primo in soli due anni? Il corso di aggiornamento va frequentato per ogni macrosettore? Quali sono i soggetti formatori autorizzati a fare i corsi di aggiornamento? Da quando decorre il quinquennio per chi, in possesso di una laurea triennale, gode dell'esonero dalla frequenza ai corsi? Ora per quanto possa sembrare logico che l'aggiornamento, proprio perchè tale, debba essere distribuito nell'arco dei cinque anni, dalla lettura sia del D. Lgs. n. 195/2003 che dell'accordo emerge chiaramente invece, salvo modifiche che voglia apportare sull'argomento la Conferenza Stato Regioni, che l'aggiornamento debba essere conseguito mediante la frequenza di un corso da svolgere in maniera compatta e con cadenza almeno quinquennale, così come indicato dal decreto (l'accordo parla di periodicità quinquennale), corsi che ovviamente possono essere organizzati, anche se non specificatamente indicato nell'accordo, dagli stessi soggetti formatori autorizzati ad organizzare i moduli A, B e C individuati dal decreto e dall'accordo. I termini cadenza e periodicità portano ad escludere la possibilità di distribuire il corso di aggiornamento nell'arco dei cinque anni nel qual caso si avrebbe oltre tutto la difficoltà a cadenzare i singoli periodi costituenti il corso intero. Il quinquennio va computato dal termine della frequenza del corso e dal rilascio dell'attestato corrispondente e non dalla data ultima in cui l'rspp o l'aspp poteva finire i corsi di aggiornamento. Per i laureati nelle discipline previste nel comma 6 dell'art. 8 bis il termine decorre dal conseguimento della laurea stessa. In merito si fa osservare che il decreto legislativo parla di cadenza almeno quinquennale con l'intenzione di fissare un tempo massimo entro il quale gli RSPP e gli ASPP vengono chiamati a dover aggiornarsi e ciò non toglie ovviamente che gli stessi possano di loro iniziativa ridurre la periodicità di tale aggiornamento fermo restando che dal termine di un corso all'inizio di quello successivo non deve comunque trascorrere un periodo di tempo superiore ai cinque anni. 5

6 Alla luce di quanto sopra detto appare altresì inaccettabile la interpretazione di coloro che sostengono che anche il corso di aggiornamento previsto per gli RSPP e gli ASPP esonerati dalla frequenza del modulo B di cui alle Tabelle A4 e A5 possa essere spalmato nell'ambito di un quinquennio perchè in tal caso, oltre ad essere in contrasto evidentemente con quanto esplicitamente indicato nelle Tabelle medesime e cioè che per costoro il corso va frequentato (ovviamente per intero) immediatamente e comunque entro il 14/2/2007, non si rileverebbe nessuna differenza fra gli esonerati e quelli che esonerati non lo sono e che sono tenuti a frequentare il corso nell'ambito di un quinquennio. Per quanto riguarda inoltre l'obbligo di frequenza del corso di aggiornamento in relazione ai vari macrosettori appare chiaro dalla lettura dell'accordo che questo va frequentato per ogni singolo macrosettore in quanto, alla luce delle indicazioni fornite al punto 3., nel corso di aggiornamento occorre far riferimento ai contenuti dei moduli del rispettivo percorso normativo (moduli B) con particolare riguardo al settore produttivo di riferimento ed alle novità eventualmente intervenute nel frattempo in materia sia nel campo normativo che nel campo delle misure di prevenzione. Validità dei corsi di formazione svolti prima dell'entrata in vigore dell'accordo. Questo costituisce un punto delicato che richiede un'analisi fatta con molta attenzione in considerazione del fatto che sono numerosi i soggetti formatori che hanno svolto la formazione per RSPP e ASPP ancor prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell'accordo avvenuta il 14/2/2006 e sulla base degli indirizzi e delle modalità conosciuti informalmente e contenuti nella bozza dell'intesa già da tempo in circolazione fra gli operatori del settore. L'argomento è certamente meritevole di una espressione da parte della Conferenza Stato Regioni che dovrebbe essere chiamata ad esprimersi ed a fornire chiarimenti in merito. Da una lettura del D. Lgs. n. 195/2003 e dell Accordo raggiunto nella Conferenza Stato- Regioni appare comunque evidente che per essere validi i corsi di formazione per RSPP e ASPP devono essere avviati successivamente alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell Accordo medesimo avvenuta il 14/2/2006 e dopo che la stessa ha fornito gli indirizzi e le modalità richieste dal legislatore con l art. 2 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003. Questo è quanto emerge anche dalla lettura del punto 1.1 dell'accordo che, in considerazione della necessità di mettere a punto gli aspetti organizzativi del nuovo sistema, ha dato la possibilità di avviare i nuovi percorsi formativi (lasciando intendere a partire dalla data di entrata in vigore dell Accordo) fino ad un anno dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell Accordo medesimo. Analogamente si dovrebbe intendere che successivamente a tale data di pubblicazione andrebbero avviate tutte quelle procedure previste nello stesso Accordo quali l accreditamento presso le Regioni secondo le nuove regole, la verifica del possesso dei requisiti effettuata dalle Regioni o Province autonome su richiesta dei soggetti formatori, l individuazione degli esoneri, il riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi, la compilazione del registro delle presenze, la verbalizzazione, la compilazione della modulistica, l effettuazione delle verifiche di apprendimento e dei colloqui finali, la valutazione delle idoneità, la trasmissione dei verbali alle Regioni, il rilascio degli attestati, ecc.). Né si può pensare da un punto di vista giuridico ad una validità retroattiva dell'accordo o di ritenere regolare una documentazione che, prevista dall'accordo medesimo, è stata rilasciata prima della sua ufficializzazione. C'è chi sostiene che si possano considerare svincolati dall obbligo di avviare i corsi dopo l entrata in vigore dell accordo quei soggetti formatori individuati direttamente dal D. Lgs. n. 195/2003 (Regioni, Università, ISPESL. INAIL ecc.) ed anche gli ulteriori soggetti individuati dall'accordo al punto assimilati agli stessi (Ministeri, Istituti scolastici, ordini e collegi, ecc.) e ciò in quanto sono sostanzialmente fuori dal controllo delle Regioni. Neanche questo però si ritiene conforme alle disposizioni di legge perchè anche questi soggetti formatori erano 6

7 tenuti, in rispetto a quanto indicato nel comma 2 dell'art. 8 bis del D. Lgs. n. 626/94, ad organizzare i corsi di formazione secondo i requisiti minimi e gli indirizzi forniti dalla Conferenza Stato Regioni dopo ovviamente che gli stessi fossero stati emanati. In merito all'avvio dei corsi prima dell'entrata in vigore dell'accordo si ritiene opportuno segnalare un parere espresso con una nota del 3/2/2005 dall Assessorato alla Sanità e Servizi Sociali della Regione Puglia nella quale lo stesso, facendo riferimento alla norma transitoria di cui all'art. 3 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003, in base alla quale coloro che in possesso del titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore che avessero voluto svolgere l'attività di RSPP o ASPP dovevano essere in possesso di un attestato di frequenza a specifici corsi di formazione i cui "indirizzi e requisiti minimi" devono essere individuati in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni e le Province autonome, ha avuto modo di affermare, non essendo al momento del rilascio del parere ancora stati emanati tali indirizzi e requisiti, che " non è possibile l'avvio di corsi di formazione che rilascino attestazioni con riferimento all'art. 2 c. 2 del D. Lgs. n. 195/03, mancando il presupposto giuridico di riferimento". Il fenomeno dei corsi avviati e svolti prima della pubblicazione sulla G. U. dell'accordo raggiunto nell'ambito della Conferenza Stato Regioni ha interessato comunque prevalentemente gli ulteriori soggetti formatori di cui al punto 4.2 dell'accordo e anzi si è a conoscenza di soggetti formatori individuati direttamente dal decreto legislativo ed anche di quelli ad essi assimilati che, interessati da alcune associazioni ad organizzare corsi di formazione per RSPP hanno correttamente risposto di non ritenere di avviarli prima che fossero state ufficializzati i requisiti e le modalità individuati dalla Conferenza Stato Regioni. Certificazioni Certificazioni L accertamento dell apprendimento, tramite le varie tipologie di verifiche finali, viene effettuato da una Commissione di docenti interni che formula il proprio giudizio in termini di valutazione globale e redige il relativo verbale, da trasmettere alle Regioni e Province autonome competenti per territorio. Gli attestati di frequenza, con verifica degli apprendimenti, vengono rilasciati sulla base di tali verbali dalle Regioni competenti per territorio, ad esclusione di quelli rilasciati dai soggetti individuati dall art. 8 bis del d. lgs. 626 del 1994, come integrato dal d. lgs. n. 195 del 2003 e di quelli di cui al punto 4.1 del presente accordo. Qualche dubbio è sorto sulla sussistenza dell'obbligo da parte dei soggetti formatori individuati dall'art. 8 bis del D. Lgs. n. 626/94 e di quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo (ulteriori soggetti formatori) di trasmettere alle Regioni e Province autonome competenti per territorio i verbali di accertamento dell'apprendimento redatti in occasione delle verifiche finali dalla Commissione di docenti interni. Da una lettura puntuale dell'accordo e per come sono stati articolati i periodi di cui al punto 2.5 risulta però che tale obbligo sussista e che le Regioni provvederanno a rilasciare il relativo attestato solo per quelli che sono stati definiti gli altri soggetti formatori (punto 4.2) e non anche per quelli individuati direttamente dal decreto e per quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo (ulteriori soggetti) i quali invece provvederanno al rilascio direttamente una volta visti i verbali di accertamento dell'apprendimento. Formazione a distanza FAD. Una domanda ricorrente è quella sulla possibilità di effettuare la formazione degli RSPP e degli ASPP mediante la FAD o formazione a distanza. Dalla lettura dell'accordo al punto 3. risulta che possono essere effettuati con modalità di formazione a distanza i corsi di 7

8 aggiornamento di cui all'art. 8 bis comma 5 del D. Lgs. n. 626/94 (per lo svolgimento dei quali comunque si nutrono delle perplessità in assenza di una regolamentazione ufficiale di tale tipo di formazione) e non anche quelli di cui ai moduli A, B e C. Tale esclusione del resto deriva anche dalla lettura delle metodologie di insegnamento/apprendimento suggerite nell'accordo al punto 2.2 dove vengono precisate delle condizioni che difficilmente sono riscontrabili in una formazione a distanza quali le metodologie "attive" che comportano la centralità del discente nel percorso di apprendimento, l'equilibrio tra lezioni frontali, esercitazioni in aula e relative discussioni, lavori di gruppo, simulazioni e soluzioni di casi specifici oltre alla necessità di garantire una presenza (si presume in aula) di almeno il 90% del monte ore totale e di effettuare un colloquio diretto finalizzato a verificare lo stato di apprendimento e ad accertare la idoneità del discente a svolgere l'attività specifica. Dalla lettura delle Tabelle A4 e A5 Le Tabelle A4 e A5 vanno lette con la finalità di individuare la possibilità da parte degli RSPP e degli ASPP di usufruire degli esoneri dalla frequenza di uno o più moduli in base alla esperienza professionale e formativa pregressa (così come si legge in testa alle tabelle), si intende, alla entrata in vigore dell Accordo. Quest ultima affermazione è confortata dalla lettura del punto 2.6 dell Accordo secondo il quale Il riconoscimento dell esperienza lavorativa già maturata dai RSPP e dagli ASPP, è riportato nelle rispettive tabelle A4 e A5, del presente accordo. Le Tabelle contengono ognuna quattro fasce di condizioni di esperienza lavorativa (1^ colonna) e di titolo di studio posseduto (2^ colonna) in corrispondenza delle quali sono riportati la possibilità di esonero o l obbligo di frequenza dei moduli A, B e C (colonne 3, 4 e 5 per gli RSPP e 3 e 4 per gli ASPP) nonché la verifica di apprendimento prevista (colonna 6 per gli RSPP e colonna 5 per gli ASPP). Le prime due fasce prendono in considerazione quegli RSPP e ASPP che hanno usufruito della norma transitoria di cui all art 3 comma 1 del D. Lgs. n. 195/2003 che recita: 1. Possono svolgere l'attività di addetto o di responsabile del servizio di prevenzione e protezione coloro che dimostrino di svolgere l'attività medesima, professionalmente o alle dipendenze di un datore di lavoro, da almeno sei mesi (cioè dal 14/2/2003) dalla data di entrata in vigore del presente decreto (13/8/2003). Tali soggetti sono tenuti a conseguire un attestato di frequenza al corsi di formazione di cui all'articolo 2, primo capoverso, comma 2, entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto (cioè entro il 13/8/2004, obbligo comunque inapplicabile in quanto gli indirizzi ed i requisiti minimi dei corsi, affidati in base al decreto alla Conferenza Stato Regioni e condizione essenziale acché i corsi fossero attivati, sono stati forniti da tale Conferenza dopo il termine del 13/8/2004 indicato dal decreto medesimo). Infatti nelle stesse due fasce non viene intanto chiesto un titolo di studio particolare così come era già accaduto per la norma transitoria di cui al comma 1 dell articolo 3 del D. Lgs. n. 195/2003 e sono inoltre riportate le condizioni designati prima del 14/2/2003 ed attivi al 13/8/2003 di cui alla norma transitoria stessa (il termine designati compare erroneamente due volte nella seconda fascia per gli RSPP) ed alle quali sono state però aggiunte due ulteriori condizioni una dell incarico attuale, sempre si intende al momento dell entrata in vigore dell Accordo, e l altra relativa al periodo di tempo dell esperienza lavorativa. Quindi se tale esperienza pregressa alla data di entrata in vigore dell accordo è maggiore di sei mesi gli RSPP e gli ASPP possono usufruire dell esonero dalla frequenza del modulo A mentre gli RSPP e ASPP che hanno maturato una esperienza pregressa maggiore di tre anni possono usufruire in più dell esonero dal modulo B ma solo per quanto riguarda il macrosettore nel 8

9 quale hanno maturata l esperienza citata e nel quale svolgevano l attività al momento dell entrata in vigore dell accordo ( in cui svolge attualmente l attività recita l Accordo). Il ricorso a tale esonero comporta comunque sia per gli RSPP che per gli ASPP l obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 dell accordo ed entro il termine di un anno dalla pubblicazione dell accordo stesso sulla G. U. e quindi entro il 14/2/2007. Si è del parere che l esperienza lavorativa pregressa di cui alla colonna 1 delle tabelle A4 e A5 possa essere stata svolta anche in maniera non continuativa ma in più periodi diversi e disgiunti fra loro per un totale comunque pari al periodo indicato nella prima colonna tessa. Se si volesse fare del resto una lettura diversa nel senso di pensare ad una attività continua la seconda fascia non sarebbe di fatto applicabile a nessuno perchè se un RSPP o ASPP è stato designato prima del 14/2/2003 ed è rimasto in attività continuativamente fino all entrata in vigore dell accordo (14/2/2006), pur soddisfacendo le altre condizioni previste nella fascia, verrebbe ad avere di fatto una esperienza superiore a tre anni e quindi rientrerebbe automaticamente nella prima fascia. Qualche dubbio è sorto sulla interpretazione di quanto indicato nella colonna relativa agli esoneri per coloro con più di tre anni di attività nel senso che ci si è chiesti se uno che si trova in quelle condizioni può rinunciare o meno a tale esonero e frequentare il modulo B corrispondente e ciò in considerazione della osservazione che per alcuni dei macrosettori il modulo B ha una durata inferiore a quella del modulo di aggiornamento. Appare evidente ora che trattandosi di un esonero esso è oggetto di una facoltà dell'rspp o dell ASPP di usufruirne come appare altrettanto evidente che una volta deciso di avvalersi di tale facoltà ne consegue l obbligo di frequentare il modulo di aggiornamento da effettuare entro un anno dell entrata in vigore dell accordo e quindi entro il 14/2/2007. In altre parole si ritiene che l obbligo immediato di frequentare il corso di aggiornamento sia condizionato alla scelta di usufruire dell esonero alla frequenza del modulo B e che se invece l'rspp o ASPP frequentino il modulo B ed il successivo modulo C l obbligo della frequenza del corso di aggiornamento ha una cadenza almeno quinquennale e non deve essere effettuato entro il 14/2/2007. La terza fascia delle Tabelle A4 e A5 prende in considerazione, invece, gli RSPP e gli ASPP che hanno usufruito della norma transitoria di cui all art. 3 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003 che recita: 2. Fino all'istituzione dei corsi di formazione di cui all'articolo 2, primo capoverso, comma 2 possono svolgere l'attività di addetto o di responsabile del servizio di prevenzione e protezione coloro che, in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, abbiano frequentato corsi di formazione organizzati da enti e organismi pubblici o da altri soggetti ritenuti idonei dalle regioni. Tali corsi devono essere rispondenti ai contenuti minimi di formazione di cui all'articolo 3 del decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale e del Ministro della sanità in data 16 gennaio 1997, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 27 del 3 febbraio Costoro infatti designati dopo il 14/2/2003 e non avendo quindi svolto alla data di entrata in vigore del D. Lgs. 195/2003 una attività della durata prevista nel comma 1 (maggiore di sei mesi) ed essendo inoltre in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore potevano svolgere l attività di RSPP o ASPP purché avessero frequentato un corso di formazione organizzato da enti e organismi pubblici o da altri soggetti ritenuti idonei dalle regioni e con contenuti minimi di cui al D.M. 16/1/1997, condizioni queste tutte ripetute nella terza fascia delle Tabelle A4 e A5 alle quali è stata aggiunta l'ulteriore condizione dell incarico attuale alla data di entrata in vigore dell accordo. Se sono quindi rispettate le citate condizioni, gli RSPP e 9

10 ASPP che hanno una esperienza lavorativa inferiore ai sei mesi alla data di entrata in vigore dell accordo sono esonerati dalla frequenza del modulo A e devono quindi frequentare solo i moduli B e C. E da far notare a proposito della formazione pregressa la presenza di un refuso nella terza fascia della Tabella A4 relativa agli RSPP dove si legge nessuna formazione inerente ai contenuti del D.M al posto del più logico con formazione inerente ai contenuti del D.M così come del resto si legge nella terza fascia della tabella A5 relativa agli ASPP. La quarta fascia delle tabelle A4 e A5 si riferisce ai nuovi nominati e non in possesso di alcuna esperienza lavorativa pregressa. Costoro dovranno frequentare tutti e tre i moduli A, B, e C per acquisire i requisiti richiesti dal decreto legislativo ad eccezione di coloro che hanno avuto una formazione pregressa all entrata in vigore dell Accordo inerente ai contenuti del D.M. 16/1/1997 per i quali è previsto l esonero dalla frequenza del modulo A. Tabella A4 Riconoscimento ai Responsabili SPP dei crediti professionali e formativi pregressi Esperienza lavorativa > di tre anni designati prima del ed attivi al > di sei mesi, < di tre anni, designati designati prima del ed attivi al < a sei mesi, designati dopo il nessuna formazione inerente ai contenuti dell art. 3 del D. M Nuova nomina, con formazione inerente ai contenuti del D. M Titolo di studio Qualsiasi Esonero Esonero per il macrosettore ATECO in cui svolge attualmente l'attività, con obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 del presente accordo entro il termine di cui al punto 1.1 Modulo A Modulo B Modulo C Verifica di apprendimento Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (modulo B-C) Qualsiasi Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (B - C) Diploma di istruzione secondaria superiore Diploma di istruzione secondaria superiore Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (B - C) Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l'obbligo di frequenza (B - C) Per coloro che sono esonerati dalla frequenza dei moduli A e B, si procede comunque, in occasione della verifica prevista per il modulo C, anche alla somministrazione di test, a risposta multipla chiusa, relativi alle materie dei moduli A e B. 10

11 Tabella A5 Riconoscimento agli Addetti SPP dei crediti professionali e formativi pregressi Esperienza lavorativa > di tre anni, designati prima del ed attivi al > di sei mesi, designati prima del ed attivi al < a sei mesi, designati dopo il , con formazione inerente ai contenuti dell'art. 3 del d..m Nuova nomina, con formazione inerente ai contenuti dell'art. 3 del d..m Titolo di studio Modulo A Modulo B Verifica di apprendimento Qualsiasi Esonero Esonero per il macrosettore ATECO in cui svolge attualmente l'attività, con obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 del presente accordo entro il termine di cui al punto 1.1 Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (modulo B) Qualsiasi Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) Diploma di istruzione secondaria superiore Diploma di istruzione secondaria Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) 11

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP

CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP CORSI DI FORMAZIONE RSPP E ASPP Ultimo accordo raggiunto nell incontro tecnico del 29/9/2005 tra i rappresentanti delle Amministrazioni centrali interessate e delle Regioni e Province autonome per l attuazione

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Allegato alla Delib.G.R. n. 30/ 35 del 2.8.2007 Disposizioni per la formazione dei responsabili e addetti del servizio di prevenzione e protezione (RSPPe ASPP), di cui all Accordo Stato - Regioni su D.Lgs.

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell'occupazione Sicurezza e Qualità del Lavoro - Ufficio REGIONE LIGURIA Dipartimento Sviluppo Economico e Politiche dell Occupazione Ufficio Sicurezza e Qualità del lavoro Prime disposizioni in materia di formazione delle figure professionali di Responsabile

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, concernente le linee guida interpretative dell'accordo sancito in Conferenza Stato-Regioni il 26 gennaio 2006, in attuazione

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 37 DEL 2 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 18 maggio 2007 - Deliberazione N. 853 - Area Generale di Coordinamento N. 17 - Istruzione - Educazione - Formazione Professionale - Politica Giovanile e

Dettagli

Premesso. convengono quanto segue

Premesso. convengono quanto segue Le Regioni e Province Autonome Premesso a) che in data 14 febbraio 2006 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 l Accordo, siglato in Conferenza Stato-Regioni, attuativo dell art.2, commi 2 e

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 5 ottobre 2006 Accordo ai sensi dell'articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo

Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione univoca del testo dell Accordo ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Decreto RSPP : le ulteriori indicazioni delle Regioni per favorire l interpretazione

Dettagli

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006

Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Decreto RSPP : linee interpretative dell Accordo Stato-Regioni sulla Formazione RSPP approvate dalla Conferenza Stato-Regioni il 05 ottobre 2006 Pubblichiamo in anteprima le Linee interpretative del cosiddetto

Dettagli

Repubblica Italiana. Regione Siciliana

Repubblica Italiana. Regione Siciliana OGGETTO: Formazione degli addetti e dei responsabili SPP di cui al D. Lgs. 195/03 (Gazzetta Ufficiale Serie Generale numero 37 del 14 febbraio 2006) Indice 1.Premessa 2.Soggetti Formatori 3.Procedure 4.Certificazione

Dettagli

Decreto RSPP : le principali Regole

Decreto RSPP : le principali Regole Decreto RSPP : le principali Regole di Rino Pavanello segretario naz. Associazione Ambiente e Lavoro Le nuove regole hanno luci e ombre ma costituiscono, comunque una innovazione straordinaria ed una opportunità

Dettagli

VICENZA, 6 APRILE 2006

VICENZA, 6 APRILE 2006 I SEMINARI DEL GIOVEDÌ: REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI E PERCORSI DI FORMAZIONE PER RESPONSABILI ED ADDETTI AI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE AZIENDALE VICENZA, 6 APRILE 2006 REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche

nei confronti del proprio personale e di quello delle altre istituzioni scolastiche Linee guida per l attuazione dei corsi per ASPP e RSPP di cui all accordo tra Governo e le Regioni e Province autonome dd. 26 gennaio 2006, art. 2 commi 2,3,4,5 del D.Lgs 195/03. Soggetti attuatori : Regioni

Dettagli

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi

Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Servizio di prevenzione e protezione dai rischi Il DATORE di lavoro DESIGNA (oppure) INCARICA NOMINA Servizio INTERNO di prevenzione e protezione Servizio ESTERNO di consulenza alla sicurezza MEDICO competente

Dettagli

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008

Nomina a RSPP e ASPP e obblighi di Formazione dopo il 14 febbraio 2008 ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Soggetto accreditato per la Formazione dalla Regione Lombardia Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Nomina a RSPP e ASPP

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PROVVEDIMENTO 26 gennaio 2006 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo

Dettagli

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza

Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza Elementi essenziali dei corsi di formazione in materia di salute e sicurezza La normativa italiana in materia di salute e sicurezza sul lavoro è il risultato di una serie di interventi, succedutisi in

Dettagli

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009

PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 PROGRAMMA DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PER RSPP/ASPP PERIODO 2008-2009 Conforme al D. Lgs. 195/2003 Richiesta approvazione Provincia di Ferrara N. rif. P.A. 2008/171/FE Supporto Scientifico: Servizio

Dettagli

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA)

L'Organismo Paritetico dell'artigianato per la Provincia di (OPTA) PROCEDURA PER LA COLLABORAZIONE CON L'ORGANISMO PARITETICO LINEE DI INDIRIZZO SULLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI AZIENDALI, DEI PREPOSTI E DEI DIRIGENTI. L'Organismo Paritetico dell'artigianato

Dettagli

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI

RICONOSCIMENTO AI RESPONSABILI SPP (RSPP) DEI CREDITI PROFESSIONALI E FORMATIVI PREGRESSI Corso di formazione per R.S.P.P. e A.S.P.P. in materia di Prevenzione e Protezione D.Lgs 81/2008 Art. 32 Comma 2 Conferenza Stato-Regione 26 Gennaio 2006 La frequenza del corso è obbligatoria per i soggetti

Dettagli

Schema riassuntivo e interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP

Schema riassuntivo e interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP Schema riassuntivo e interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP schema riassuntivo e interpretativo pag. 2 di 11 Titoli abilitanti,

Dettagli

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso

Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Centro Studi Cafasso del Dr. Nino Carmine Cafasso Consulenza Amministrativa del Lavoro 80122 Napoli Viale A. Gramsci,15 Tel. 081/2461068 - Fax 081/2404414 Email info@cafassoefigli.it Napoli, lì 12 giugno

Dettagli

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa

Circolare n. 32/SAN. 1. Premessa Ai Direttori Generali Ai Direttori Sanitari Ai Direttori del Dipartimento Prevenzione Medico Ai Responsabili Servizi PSAL delle ASL della Regione Lombardia Circolare n. 32/SAN OGGETTO: attuazione dell

Dettagli

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG)

Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza. Perugia, 28 settembre 2012. Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) Seminario tecnico Quale formazione per la sicurezza Perugia, 28 settembre 2012 Hotel Giò Jazz Via Ruggero D'Andreotto, 19 (PG) La formazione per il Datore di Lavoro Responsabile del Servizio Prevenzione

Dettagli

àcapacita adeguate alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative

àcapacita adeguate alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative D. Lgs. 195 / 2003 Requisiti e Formazione Addetti e Responsabili dei SPP interni o esterni Paola Magneschi Settore Prevenzione e Sicurezza Direzione Generale Diritto alla Salute e Politiche di Solidarieta

Dettagli

Laboratorio TekneHub Tecnopolo dell Università di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna via Saragat 13 44122 Ferrara

Laboratorio TekneHub Tecnopolo dell Università di Ferrara Rete Alta Tecnologia Emilia Romagna via Saragat 13 44122 Ferrara NOD Centro-Nord UO SPSAL di Ferrara CORSO DI SPECIALIZZAZIONE INTEGRATO Qualificazione della figura di Formatore per la Sicurezza (DIM 06.03.2013) Corso di specializzazione Modulo C per RSPP (ASR 14.02.2006,

Dettagli

ACCORDO 21 dicembre 2011

ACCORDO 21 dicembre 2011 ACCORDO 21 dicembre 2011 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli

- Guida Esplicativa - ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSULENTI DEL LAVORO Unione Provinciale di Napoli Linee applicative Accordo Stato Regioni in materia di formazione dei lavoratori, Dirigenti e Preposti per la sicurezza sul lavoro. Formazione dei Datori di lavoro che assumono il ruolo di RSPP. - Guida

Dettagli

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi

D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi LA FORMAZIONE PER DATORI DI LAVORO ACCORDO CONFERENZA STATO - REGIONI D.Lgs. 81/08 Art. 34 - Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore

Dettagli

Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP

Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP Corso Modulare per la formazione e l aggiornamento di RSPP ASPP valido anche per l agg.to di Coordinatori per la Sicurezza, Datori di lavoro con funzione di RSPP aziendale, RLS, Dirigenti e Preposti 1.

Dettagli

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione

Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione Sintesi : Adeguamento e linee applicative degli accordi ex articolo 34, comma 2, e 37, comma 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e successive modificazioni e integrazioni Articolo 34 Svolgimento

Dettagli

Schema riassuntivo interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP

Schema riassuntivo interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP Schema riassuntivo interpretativo dei titoli abilitanti e del mantenimento degli stessi per l assunzione di incarichi di RSPP/ASPP schema riassuntivo e interpretativo pag. 2 di 11 Titoli abilitanti, decorrenze

Dettagli

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO

ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO ALLEGATO A LA PROVINCIA DI PISA SERVIZIO FORMAZIONE E LAVORO In esecuzione della determinazione dirigenziale n. del emana il seguente AVVISO PUBBLICO PER RICONOSCIMENTO Procedura semplificata di prototipi

Dettagli

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro.

Oggetto: accordi per la formazione sulla sicurezza per lavoratori e datori di lavoro. Roma, 9 febbraio 2012 Circ. n. 39 / 2012 Prot. n. 113 / AS Arch. n. 2 / D ALLE ASSOCIAZIONI ALBERGATORI ALLE UNIONI REGIONALI AI SINDACATI NAZIONALI AL CONSIGLIO DIRETTIVO AI REVISORI DEI CONTI LORO SEDI

Dettagli

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA

RUOLI per la SSL SOGGETTI A FORMAZIONE SPECIFICA Dipartimento Prevenzione Medica di Como 22100 Como via Castelnuovo, 1 Tel. 031/370.863 Fax 031/370.425 E-mail progetti.spsal@asl.como.it Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro RUOLI

Dettagli

PUBBLICATI SULLA G.U. N 8 DELL 11 GENNAIO 2012 GLI ACCORDI PER LA FORMAZIONE APPROVATI IL 21 DICEMBRE 2011

PUBBLICATI SULLA G.U. N 8 DELL 11 GENNAIO 2012 GLI ACCORDI PER LA FORMAZIONE APPROVATI IL 21 DICEMBRE 2011 PUBBLICATI SULLA G.U. N 8 DELL 11 GENNAIO 2012 GLI ACCORDI PER LA FORMAZIONE APPROVATI IL 21 DICEMBRE 2011 Pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella Serie Generale n. 8 del 11-1-2012 ed entrato in vigore

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE SERVIZIO PREVENZIONE Direttiva sulle procedure di attuazione ed approvazione della modulistica per i percorsi di formazione dei Responsabili ed Addetti dei servizi di prevenzione e protezione (RSPP e ASPP) di cui all Accordo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI RESPONSABILI E DEGLI ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI RESPONSABILI E DEGLI ADDETTI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Allegato parte integrante Linee guida per la formazione dei responsabili e degli addetti del servizio di prevenzione e protezione LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE DEI RESPONSABILI E DEGLI ADDETTI DEL SERVIZIO

Dettagli

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.)

Domande più frequenti Sulla Sicurezza sul Lavoro (D.Lgs 81/08 e s.m.i.) Indice: 1. Quali sono le principali leggi di riferimento per gli adempimenti sicurezza sui luoghi di lavoro? 2. Quali sono le aziende che hanno l obbligo di adempiere a quanto previsto dal D.Lgs. 81/08?

Dettagli

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a

PRESENTAZIONE. Definisce. Rivolto a PRESENTAZIONE PRESENTAZIONE Corso di Formazione Regolato da Provvedimento del 26 Gennaio 2006 (G. U. del 14/2/2006 n. 37) Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell articolo

Dettagli

La Formazione Del Certificatore

La Formazione Del Certificatore La Formazione Del Certificatore SICUREZZA NELL IMPRESA Formazione per RSPP e ASPP Certificatore Energetico In Edilizia Energetico In Edilizia MODULO A:corso Base per RSPP e ASPP Acquisire elementi di conoscenza

Dettagli

CATALOGO CORSI SICUREZZA anno 2012

CATALOGO CORSI SICUREZZA anno 2012 1 CATALOGO CORSI SICUREZZA anno 2012 Formazione obbligatoria prevista dal D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e dall Accordo Stato Regioni in vigore dal 26/01/2012 Sommario CORSO 1 - Formazione per i lavoratori:

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP

NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP NUOVI OBBLIGHI FORMATIVI PER DATORI DI LAVORO - RSPP CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA STATO REGIONI PROVINCIE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI

La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI 1 La bozza di Accordo Stato- Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP ANDREA GIACOMINELLI La bozza di Accordo Stato-Regioni sui nuovi criteri di formazione degli RSPP Il nuovo Accordo Stato-Regioni

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 8 del 11 Gennaio 2012

Gazzetta Ufficiale N. 8 del 11 Gennaio 2012 Gazzetta Ufficiale N. 8 del 11 Gennaio 2012 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 21 dicembre 2011 Accordo tra il Ministro del

Dettagli

http://www.guritel.it/cgi-bin/db2www/arti/guff.mac/alltxt?datagu=1/11/2012&re...

http://www.guritel.it/cgi-bin/db2www/arti/guff.mac/alltxt?datagu=1/11/2012&re... Pagina 1 di 10 CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO ACCORDO 21 dicembre 2011 Accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali,

Dettagli

Bozza: Accordo Stato Regioni

Bozza: Accordo Stato Regioni PROPOSTA D ACCORDO DATORI DI LAVORO Bozza: Accordo Stato Regioni Accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e le Province Autonome sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO)

FORMAZIONE RSPP (DATORE DI LAVORO) LAVORO IN SICUREZZA S.R.L. - Società Unipersonale 30174 MESTRE (VE) - VIA EMILIA, 13/A int. 1 e 2 tel. 041.5442959 - fax 041.5442821 e-mail: lavoroinsicurezza@lavoroinsicurezza.it sito web: www.lavoroinsicurezza.it

Dettagli

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure

Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure Formazione, informazione, addestramento: le caratteristiche dei percorsi formativi previste per le diverse figure 30 ottobre 2008 - Como Nicoletta Cornaggia Art. 2 comma 1 - Definizioni aa) «formazione

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO CORSO IL NUOVO RSPP-ASPP-RLS-CS CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI RSPP RESPONSABILI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ASPP ADDETTI AL SERVIZIO

Dettagli

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede?

Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Corsi RSPP: 14 febbraio 2007, cosa succede? Certezze e dubbi su obblighi, tempi

Dettagli

Il Governo conferma l interrogazione CIIP:

Il Governo conferma l interrogazione CIIP: Il Governo conferma l interrogazione CIIP: Corsi RSPP: ammessi massimo 30 partecipanti Il viceministro Michel Martone risponde alla interrogazione 5-06587 sui Corsi per RSPP/ASPP, presentata dall On. Boccuzzi

Dettagli

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08)

FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PER I LAVORATORI, PREPOSTI E DIRIGENTI (ART. 37 D.LGS. 81/08) L Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 (pubblicato in G.U. 11 gennaio 2012 n. 8) disciplina la durata, i contenuti

Dettagli

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO I NUOVI ACCORDI STATO-REGIONI SUGLI OBBLIGHI FORMATIVI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza sul lavoro in edilizia a Bologna e provincia: dati e riflessioni sul 2011 Bologna, 3/5/2012 Dr. Paolo

Dettagli

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro

Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro Decreto Interministeriale 6 marzo 2013 Consulenza organizzativa e formazione 1 Sommario Sintesi dei requisiti per

Dettagli

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. B) - Corso abilitante alla funzione -

Corso di formazione per ASPP - RSPP (MOD. B) - Corso abilitante alla funzione - Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 32 comma 2 Per

Dettagli

ASQ SINERGIE SRL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO

ASQ SINERGIE SRL ACCORDO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO STATO REGIONI PER LA FORMAZIONE SICUREZZA SUI LUOGHI DI LAVORO PARTE I DATORI DI LAVORO che svolgono il compito di RSPP I soggetti formatori possono organizzare corsi di durata superiore contente argomenti

Dettagli

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP

COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP ALLEGATO 1 COMMENTO ACCORDI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DATORE LAVORO-RSPP Premessa. I corsi hanno una durata minima di 16 ore e a determinate condizioni e entro certi limiti (v. punto 4), è consentito

Dettagli

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice

Allegato a) LINEE GUIDA CTS07/0-2013. Indice Allegato a) CRITERI DI QUALIFICAZIONE DELLA FIGURA DEL FORMATORE PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 6 MARZO 2013 LINEE GUIDA INTERPRETATIVE LINEE GUIDA CTS07/0-2013

Dettagli

Formatori, le novità

Formatori, le novità Formatori, le novità via libera ai i criteri per la qualificazione Un primo quadro sui contenuti dell Accordo raggiunto in sede di Commissione consultiva permanente, in materia di formazione del personale-docente

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO IL NUOVO RSPP-ASPP CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI

INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO IL NUOVO RSPP-ASPP CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI INFORMAZIONI GENERALI E PIANO DIDATTICO IL NUOVO RSPP-ASPP CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI RSPP - RESPONSABILI DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ASPP ADDETTI AL SERVIZIO DI

Dettagli

Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici

Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici Ing. Marco CONTI SEMINARIO FORMATIVO Il Riconoscimento della formazione pregressa e gli organismi paritetici Il riconoscimento della formazione pregressa per lavoratori e datori di lavoro RICONOSCIMENTO

Dettagli

Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP

Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP FORUM PA 2006 Sicurezza e salute dei lavoratori del comune e della provincia Roma 11 maggio 2006 Metodi, criteri e qualità della formazione dei Responsabili del SPP Patrizia Serranti SPP CNR Bologna Principi

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. POSTICIPO FACOLTATIVO DEL PENSIONAMENTO I lavoratori dipendenti del settore privato, che abbiano raggiunto un'anzianita' contributiva di almeno 40 anni, prima del raggiungimento

Dettagli

Provvedimento 26 gennaio 2006, n. 2407

Provvedimento 26 gennaio 2006, n. 2407 Provvedimento 26 gennaio 2006, n. 2407 Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell'articolo 2, commi 2, 3, 4 e 5, del D.Lgs. 23 giugno 2003, n. 195, che integra il D.Lgs. 19

Dettagli

Decreto RSPP : le principali FAQ

Decreto RSPP : le principali FAQ ASSOCIAZIONE AMBIENTE E LAVORO Associazione di Protezione Ambientale di interesse nazionale (D.M. 1/3/88 - G.U. 19/5/88) Decreto RSPP : le principali FAQ a cura di Anna Guardavilla e Rino Pavanello Pubblichiamo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 14 marzo 2013, n. 449 Modifica della deliberazione 18 luglio 2008, n. 1820 (Sistema di accreditamento per l'affidamento in gestione degli interventi formativi cofinanziati

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 5. Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 39/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 5 Oggetto: Accreditamenti regionali ed AiFOS Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi Accordi Stato

Dettagli

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis

Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P. A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi. CIRCOLARE n. 4. Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Brescia, 24 gennaio 2013 Prot. n. 38/P A tutti i Direttori dei CFA Loro sedi CIRCOLARE n. 4 Oggetto: AiFOS soggetto formazione nazionale ope legis Premessa Le circolari e le norme A seguito dei diversi

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA. organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA organizzati da ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ANNO 2010-2011 Sommario CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI

Dettagli

LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore

LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore LA FORMAZIONE NEL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore Nel D. Lgs. 81/08 (il cosiddetto Testo Unico ) sono molte e importanti le novità che riguardano la formazione.

Dettagli

CORSO PER RSPP E ASPP

CORSO PER RSPP E ASPP Area tematica Sicurezza sul lavoro CORSO PER RSPP E ASPP Il D.Lgs. 195/2003 ha riformato il D.Lgs. 626/94 e stabilito le capacità e i requisiti professionali richiesti ai Responsabili (RSPP) e agli Addetti

Dettagli

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA

LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA LA FORMAZIONE SULLA SICUREZZA GENNAIO/GIUGNO 2016 PMINFORMA CONFAPINDUSTRIA PIACENZA 1 INDICE ATTREZZATURE 4 LAVORATORI 5 CORSI TECNICO SPECIFICI 6 FORMAZIONE FORMATORI 7 RSPP 8 RLS 10 PREPOSTI 11 PREVENZIONI

Dettagli

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali

MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali MODULO: Sicurezza e bio sicurezza del laboratorio di analisi di genomi vegetali Ing. Iannuzzelli Vincenzo Lezione n 2 del 09 Dicembre 2013 Valorizzazione di produzioni ortive campane di eccellenza con

Dettagli

Domande e Risposte Accordo Stato Regioni 21.12.2011 Lavoratori Dirigenti Preposti (art. 37)

Domande e Risposte Accordo Stato Regioni 21.12.2011 Lavoratori Dirigenti Preposti (art. 37) D: Le attività di informazione sono incluse nell accordo? R: NO, restano disciplinate in modo da quanto previsto dal D. Lgs. 81/2008. D: Le attività di addestramento sono incluse nell accordo? R: NO, restano

Dettagli

DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI. Como, 29 aprile 2013

DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI. Como, 29 aprile 2013 DOCUMENTO SINTESI SULLA FORMAZIONE ACCORDI CONFERENZA STATO-REGIONI Como, 29 aprile 2013 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs.

Dettagli

Il Decreto RSPP, n. 195/2003: Novità e prospettive

Il Decreto RSPP, n. 195/2003: Novità e prospettive Il Decreto RSPP, n. 195/2003: Novità e prospettive Rino Pavanello, Segretario Ass. ambiente e Lavoro 1. Le nuove Regole per RSPP e ASPP a Regime 2. Le nuove Regole per RSPP e ASPP nella fase transitoria

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP

CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP T E C N O S F E R A sas Management Innovation & Business solutions ConsorzioInteruniversitarioRegionalePugliese CENTRO DI ATENEO DI SERVIZI PER LA QUALITÀ CORSO DI FORMAZIONE PER ASPP - RSPP Premessa Il

Dettagli

IL NUOVO RSPP-ASPP ANCONA 2 ED. 2009

IL NUOVO RSPP-ASPP ANCONA 2 ED. 2009 IL NUOVO RSPP-ASPP CORSO MODULARE PER LA FORMAZIONE E L AGGIORNAMENTO DI RSPP/ASPP RESPONSABILI/ADDETTI AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DL DATORI DI LAVORO RLS RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER

Dettagli

Guida Operativa Formazione

Guida Operativa Formazione Guida Operativa Formazione (ing. Lucia Ercolani ) In data 25 luglio 2012 la Conferenza Stato Regioni ha emanato delle Linee Interpretative sugli accordi del 21 dicembre 2011 in merito alla formazione dei

Dettagli

FORMAZIONE E COMUNICAZIONE

FORMAZIONE E COMUNICAZIONE IN QUESTO NUMERO INDICE 1 FOCUS Decreto RSPP. Dubbi e interpretazioni 2 COMMENTI Decreto RSPP. Regole, limiti, opportunità (Rino Pavanello) 4 Sicurezza. Macchine e infortunio sul lavoro (Rolando Dubini)

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E DI BOLZANO Provv. 26 gennaio 2006, n. 2407. Accordo tra il Governo e le regioni e province autonome, attuativo dell'articolo 2, commi 2, 3, 4 e 5, del D.Lgs. 23 giugno 2003, n. 195, che integra il D.Lgs. 19 settembre

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

AREA SALUTE E SICUREZZA

AREA SALUTE E SICUREZZA Obbligo di aggiornamento per ASPP e RSPP: Scadenze, perdita e riacquisizione dell operatività, sanzioni. Corsi di aggiornamento dal 29 ottobre p.v. a Baveno Sulla base delle numerose richieste di informazione

Dettagli

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006)

Corsi di formazione per addetti e responsabili SPP D. Lgs 195/03 (G. U. 14 febbraio 2006) Corsi di formazione per lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi ai sensi dell art. 34, commi 2 e 3 del d.lgs. 81/08 e per la formazione dei

Dettagli

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03

DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02. D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 1 DOSSIER FORMAZIONE SOMMARIO ARGOMENTO PAG. Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e 22 febbraio 2012 02 D.Lgs. 81/08 e s.m.i.: SANZIONI E CULPA IN ELIGENDO 03 QUALIFICAZIONE DOCENTI 04 FORMAZIONE

Dettagli

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)

Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Il ruolo e le funzioni del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) Ing. Marcello Rotundo Coordinatore sede provinciale di Cosenza dell AIAS Associazione professionale Italiana Ambiente

Dettagli

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte.

Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale. Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale. patrizia.vernoni@regione.piemonte. Direzione Commercio. Sicurezza e Polizia Locale Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale patrizia.vernoni@regione.piemonte.it Data 13/05/2011 Protocollo 0003728/DB1701 Classificazione 009.050.020

Dettagli

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08

Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Formazione dei lavoratori ai sensi dell art. 37, comma 2 del D.Lgs. 81/08 Accordo Conferenza Stato-Regioni 21/12/2011 Sui corsi di formazione per lo svolgimento

Dettagli

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1

in B.U. R.S. n. 14 del 30-3-2.007 sommario CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 CIRC R(19) 7_07 Pag: 1 Circolare Regione Sicilia Commercio n. 7 del 19/03/2007 Decreto legge 4 luglio 2006, n.223, convertito, con modificazioni, nella legge 4 agosto 2006, n.248. Articoli 3, 4, 5 e 11.

Dettagli

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007

Doc. 407X0024.0LO di Origine Regionale emanato/a da: Regione Lombardia e pubblicato/a su: Bollettino. Uff. Regione n 31 del 30/07/2007 Circolare reg. n 24 del 11/07/2007 Attuazione dell'accordo per la formazione degli addetti al montaggio, allo smontaggio e alla trasformazione dei ponteggi e degli addetti e preposti all'impiego di sistemi

Dettagli

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza

Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011 Pubblicato in GU n.8 del 11/01/2012 in vigore dal 26/01/2012. Formazione e sicurezza Formazione e sicurezza 1 RSPP ASPP Lavoratori e Preposti addetti al Montaggio / Smontaggio/ Trasformazione di Ponteggi Addetti Primo Soccorso Prevenzione incendi RLS Accordo Stato-Regioni 26 gennaio 2006

Dettagli

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota.

INTRODUZIONE. Si riporta di seguito una proposta di regolamento sui corsi di formazione per lavoratori/preposti addetti a lavori in quota. REGOLAMENTO SUI CORSI DI FORMAZIONE PER LAVORATORI ADDETTI A LAVORI IN QUOTA. Schema di Regolamento su soggetti formatori, durata, indirizzi e requisiti minimi di validità dei corsi per lavoratori e preposti

Dettagli

I li 111111111111111111111 11 111111

I li 111111111111111111111 11 111111 PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186 ROMA - VIA ARENULA, 71 PRESIDENZA E SEGRETERIA 00187 ROMA - VIA IV NOVEMBRE, 114 TEL. 06.6976701 r.a. - FAX 06.69767048 U-GF/ 13 Circ. n. 210/XVIII Sess. CONSIGLIO

Dettagli

Catalogo Corsi Formativi

Catalogo Corsi Formativi Catalogo Corsi Formativi Salute e sicurezza sul lavoro Tutti i corsi erogati dalla nostra scuola sono realizzati conformemente ai requisiti richiesti dalla normativa vigente in materia di formazione per

Dettagli

Il nuovo decreto sui criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro

Il nuovo decreto sui criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro 1ª GIORNATA NAZIONALE DELL INGEGNERIA DELLA SICUREZZA Roma, 18 ottobre 2013 I.S.A. Istituto Superiore Antincendio Via del Commercio, 13 -ROMA Il nuovo decreto sui criteri generali di sicurezza antincendio

Dettagli

Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e Linee guida interpretative in ordine agli Accordi della Conferenza Stato-Regioni del 25 Luglio 2012

Accordi Stato-Regioni del 21 dicembre 2011 e Linee guida interpretative in ordine agli Accordi della Conferenza Stato-Regioni del 25 Luglio 2012 Ulteriori chiarimenti in tema di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con riferimento a: lavoratori, dirigenti e preposti ai sensi dell articolo 37 comma 2 del D. Lgs 81/08; datori di

Dettagli

D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003

D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003 D.Lgs. 195/2003 e circolare Min Lav 39/2003 Pag. 1 CORTE DI GIUSTIZIA CE causa C 49/00, sentenza 15 novembre 2001: mancanza nella legislazione italiana di recepimento delle direttive comunitarie in materia

Dettagli