PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro"

Transcript

1 PORRECA Gerardo - Prevenzione e Sicurezza sul Lavoro IL SITO DELL'ING. GERARDO PORRECA Analisi critica dell accordo Stato Regioni sulla formazione ex D. Lgs. n. 195/2003 degli RSPP e ASPP. Da un esame del testo dell accordo stipulato in data 26/1/2006 nell ambito della Conferenza Stato Regioni e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 14/2/2006 sono emersi alcuni dubbi e perplessità che hanno dato luogo a numerosi quesiti e richieste di chiarimenti, dubbi e quesiti che qui di seguito si intende mettere a fuoco assieme alle prevalenti interpretazioni rilevate. Termine per l'attivazione dei percorsi formativi. Si discute sul contenuto del punto 1.1 dell'accordo: 1.1. Termine per l attivazione dei corsi formativi. Il termine per l attivazione dei percorsi formativi, considerata la necessità di mettere a punto gli aspetti organizzativi per l avvio del nuovo sistema, è di un anno, a partire dalla data di pubblicazione del presente accordo sulla Gazzetta Ufficiale, ferma restando, sino all attivazione dei corsi stessi, la disciplina transitoria di cui all art. 3 del citato decreto legislativo n. 195 del Dalla lettura del punto 1.1 dell'accordo, benché il periodo appare mal costruito in quanto sembrerebbe a prima vista che, fissato il termine per l organizzazione del nuovo sistema di formazione entro il 14/2/2007, non sarebbe consentita oltre tale termine l attivazione dei percorsi formativi il che è assolutamente illogico, emerge chiaramente che la disciplina transitoria di cui all art. 3 del D. Lgs. n. 195/2003 viene prorogata fino al 14/2/2007 e che entro tale data devono essere conclusi da parte di coloro che hanno usufruito della norma transitoria i corsi di formazione di cui all articolo 8 bis comma 2 del D. Lgs. n. 626/1994 così come introdotto dal citato D. Lgs. n. 195/2003. Emerge altresì chiaro, e questo si afferma in risposta al questo sulla validità dei corsi svolti prima della pubblicazione dell accordo di seguito sviluppato, che i percorsi formativi vanno avviati dopo l'entrata in vigore dell accordo. Sul punto 1.1 dell'accordo si è raccolta un'altra interpretazione e cioè che dalla lettura del punto stesso, congiunta con quella dell'art. 3 comma 1 del D. Lgs. n. 195/2003 che prevede l'obbligo per gli RSPP e gli ASPP di aver conseguito l'attestato di frequenza entro un anno dalla data di entrata in vigore del decreto stesso, si potrebbe ipotizzare che la data di partenza del termine da cui far decorrere l'anno di tempo è il 14 febbraio 2007 (termine entro il quale i corsi devono essere attivati) per cui ne consegue che gli RSPP e gli ASPP avrebbero tempo fino al 14/2/2008 per ottenere l'attestato di frequenza con esito positivo ai corsi di pertinenza né si potrebbero considerare inadempienti se non lo facessero. Non si condivide questa lettura del punto dell accordo e se l'interpretazione autentica è questa occorre che la Conferenza Stato Regioni, la quale, secondo quanto si è a conoscenza sarà chiamata ad apportare delle modifiche al testo già approvato ed anche delle correzioni ad errori palesi in esso contenuti, si esprima chiaramente in tal senso. Soggetti formatori individuati direttamente dal D. Lgs. n. 195/2003. I soggetti formatori individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 sono: 1

2 Regioni e Province autonome Università ISPESL INAIL Istituto italiano di medicina sociale Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile Amministrazione della Difesa Scuola superiore della pubblica amministrazione Associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori Organismi paritetici Tali soggetti formatori devono attenersi agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione fornite dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi, corsi di aggiornamento). Ulteriori soggetti formatori. L'accordo indica nel punto 4.1 gli ulteriori soggetti formatori di seguito indicati: a) 1) Ministero del lavoro e delle politiche sociali; 2) Ministero della salute; 3) Ministero delle attività produttive; 4) Ministero dell interno: Dipartimento degli affari interni e territoriali e Dipartimento di pubblica sicurezza; 5) Formez. b) 1) Istituti tecnici industriali; 2) Istituti tecnici aeronautici; 3) Istituti professionali per l industria e l artigianato; 4) Istituti tecnici agrari; 5) Istituti professionali per l agricoltura; 6) Istituti tecnici nautici; 7) Istituti professionali per le attività marinare; c) gli ordini e i collegi professionali, già abilitati ai sensi dell art. 10, commi 1 e 2 del decreto legislativo n. 494 del 1996, limitatamente ai propri iscritti; Tali soggetti formatori vengono assimilati ai soggetti formatori direttamente individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 e devono attenersi oltre agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione forniti dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi,corsi di aggiornamento) anche a quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo stesso. 2

3 Mentre per gli ordini e i collegi non ci sono dubbi che la formazione per la quale sono autorizzati riguarda i propri iscritti qualche dubbio è stato sollevato sui destinatari della formazione per quanto riguarda le amministrazioni ministeriali e le istituzioni scolastiche. Per quanto riguarda le Amministrazioni Statali nel secondo periodo del punto viene fatto esplicito riferimento al proprio personale contrariamente a quanto invece indicato nel primo periodo in base al quale le stesse amministrazioni sono chiamate a svolgere l'attività di formazione "limitatamente al personale della P. A. sia esso allocato a livello centrale che dislocato a livello periferico". Quest'ultima sembra la interpretazione più logica essendo state ritenute le amministrazioni chiamate a formare essere in possesso di requisiti e competenze idonee ad assicurare l'attività formativa anche nei confronti di tutte le altre amministrazioni pubbliche in quanto si occupano istituzionalmente di sicurezza sul lavoro. La presenza del Formez in calce all'elenco dei Ministeri formatori avvalora ulteriormente la interpretazione che vede quali soggetti da formare il personale di tutte le amministrazioni pubbliche e non anche solo quello della propria amministrazione. Analogo dubbio è nato per quanto riguarda le istituzioni scolastiche di cui alla lettera b) per le quali ci si è posta la domanda se l'attività di formazione di un istituto scolastico possa essere indirizzata al personale di altri istituti indicati sotto la stessa lettera b) o debba essere limitata al proprio personale. Anche in questo caso nell'accordo la individuazione degli istituti tecnici e professionali è stata giustificata in quanto gli stessi sono dotati di personale docente in possesso di professionalità idonee per l'attività di formazione richiesta. Per essi però più esplicitamente viene detto che tale attività formativa può essere svolta per il proprio personale e per quello delle Istituzioni scolastiche facendo intendere, ed è quello che corrisponde alla interpretazione più prevalente, che ognuno degli istituti citati nell'accordo è abilitato a formare gli RSPP e gli ASPP di tutti gli altri istituti indicati nell accordo ed anche di quelli non citati. Altri soggetti formatori. L'accordo indica nel punto 4.2 gli altri soggetti formatori di seguito indicati: I soggetti pubblici e privati che operano in ambito regionale in possesso dei seguenti requisiti: a) essere accreditato dalla Regione o Provincia autonoma nel cui ambito intende operare, in conformità al modello di accreditamento definito in ogni Regione e Provincia autonoma, ai sensi del decreto del Ministro del lavoro e della Previdenza Sociale del 25 maggio 2001 n. 166, di cui all allegato sub B; b) dimostrare di possedere esperienza almeno biennale, maturata in ambito di prevenzione e sicurezza sul lavoro; c) dimostrare di disporre di docenti con esperienza almeno biennale in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro Tali soggetti formatori vengono assimilati ai soggetti formatori direttamente individuati dal D. Lgs. n. 195/2003 e devono attenersi oltre agli indirizzi ed alle modalità di svolgimento dei corsi di formazione forniti dalla Conferenza Stato Regioni e contenuti nei punti 1, 2 e 3 dell'accordo (avvio e termine per l'attivazione dei corsi formativi, organizzazione, metodologia di insegnamento/apprendimento, articolazione dei percorsi formativi, valutazione degli apprendimenti, certificazioni, riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi,corsi di aggiornamento) anche a quelli di cui al punto 4.2 dell'accordo. Si pone l'attenzione su quanto indicato al punto in base al quale saranno i soggetti formatori a richiedere alle Regioni o alle Province autonome competenti per territorio la verifica del possesso dei requisiti di cui al punto per la effettuazione della quale si ritiene 3

4 sarà necessario l'invio della documentazione attestante il possesso dell'esperienza almeno biennale maturata in materia di prevenzione e sicurezza sul lavoro sia da parte dei soggetti formatori che dei docenti a disposizione dei soggetti stessi. Obbligo di frequenza del modulo B. Si è posto il quesito se il modulo B vada frequentato per ogni singolo macrosettore o no. Secondo l'accordo il modulo B di specializzazione è un corso adeguato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative per cui è chiaro che va frequentato un modulo B per ogni macrosettore, uno indipendentemente dall'altro, nell ambito del quale il soggetto formatore avrà cura di formare gli RSPP e gli ASPP in relazione ai vari rischi indicati nei prospetti allegati all'accordo stagliandoli ai singoli settori lavorativi. Nell ambito della formazione dovranno essere altresì effettuate esercitazioni, rappresentati casi e affrontate problematiche specifiche per il comparto nell'ambito del quale l'rspp ha intenzione di andare a svolgere la propria attività professionale. Si è a conoscenza di soggetti formatori che secondo una vecchia ottica svolgono corsi di formazione in comune e validi contemporaneamente per ogni macrosettore rilasciando al termine del corso l'attestato di frequenza di abilitazione allo svolgimento dell'attività di RSPP e di ASPP per tutti i macrosettori previsti nell'accordo. Ciò non si ritiene assolutamente conforme agli indirizzi ed alle modalità fissate dalla Conferenza Stato Regioni ed oltretutto se pure fosse così non si spiegherebbe perchè modulare il corso B dalle 12 alle 68 ore a seconda dei vari macrosettori. Una proposta che verrebbe da fare in merito al legislatore o alla Conferenza Stato Regioni è quella di istituire e regolamentare un sistema di vigilanza e di verifica del rispetto dei requisiti e delle modalità fissate dalla Conferenza Stato Regioni medesima ed anche e soprattutto dei contenuti della formazione per non vanificare lo sforzo e la finalità di qualificare e specializzare le nuove figure degli RSPP e degli ASPP. Esonero dalla frequenza dei corsi di formazione per i laureati di cui all'art. 8 bis c. 6. Secondo l'art. 8 bis comma 6 del D. Lgs. n. 626/1994: 6. Coloro che sono in possesso di laurea triennale di "Ingegneria della sicurezza e protezione" o di "Scienze della sicurezza e protezione" o di "Tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro" sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2. dove i corsi di formazione di cui al comma 2 sono quelli per i quali la Conferenza Stato Regioni ha, su indicazione esplicita del legislatore, fornito mediante l'accordo gli indirizzi ed i requisiti minimi. Dubbi sono sorti da parte di chi vuole svolgere l'attività di RSPP ed è dotato di una delle lauree sopraindicate se deve frequentare o meno il modulo C destinato alla prevenzione e protezione dai rischi di natura ergonomica e psico-sociale, di organizzazione e gestione delle attività tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Il dubbio è legittimo allorché si osserva che nel comma 2 a cui rinvia il comma 6 sull'esonero concesso ai laureati fa riferimento a quei corsi di formazione comuni sia agli RSPP che agli ASPP (moduli A e B) mentre gli obblighi di formazione riservati esclusivamente agli RSPP e corrispondenti al modulo C di cui all'accordo sono stati invece distaccati ed inseriti dal legislatore nel comma 5. Secondo una interpretazione logica però, essendo i citati laureati esonerati dalla frequenza dei corsi di formazione di cui al comma 2 che altro non sono che i corsi di specializzazione 4

5 adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative per i quali la Conferenza Stato Regioni è stata chiamata dal legislatore ad individuare gli indirizzi ed i requisiti minimi ed essendo stato altresì il modulo C introdotto dalla Conferenza Stato- Regioni nell ambito dello stesso accordo, sembrerebbe che i succitati laureati non sarebbero tenuti a frequentare il modulo C e potrebbero svolgere l attività di RSPP senza alcuna altra incombenza se non quella di frequentare il corso di aggiornamento con cadenza quinquennale. A tale interpretazione logica è legata anche la risposta ad un'altra richiesta di chiarimento finalizzata a conoscere quali sono i soggetti formatori che possono organizzare i moduli C non essendo ciò precisato nel comma 4 dell'art. 8 bis. Risulta chiaro che tali soggetti formatori sono da individuarsi negli stessi soggetti che sono stati autorizzati ad organizzare i moduli A e B e ciò discende automaticamente se viene fatta anche in questo caso una lettura del comma 4 relativo alla formazione degli RSPP come una sorta di prosecuzione e di integrazione del comma 2. Richieste di chiarimenti sono state altresì rivolte da laureati in ingegneria quinquennale circa la possibilità di usufruire dell'esonero dal frequentare i corsi di formazione per svolgere attività di RSPP ma a tal proposito è da precisare che il legislatore ha individuato nel comma 6 delle lauree ben precise e che non è possibile estendere l'esonero nello stesso stabilito ad altre lauree, fossero pure quinquennali, a meno che, si ritiene, non venga dichiarata esplicitamente da un organismo competente una equipollenza delle diverse lauree ai fini della applicazione delle disposizioni di cui al D. Lgs. n. 195/2003. Corsi di aggiornamento di cui all'art. 8 bis comma 5 del D. Lgs. 626/94. La domanda che viene posta più insistentemente è se il corso di aggiornamento possa essere o meno spalmato nell'arco di un quinquennio, ad esempio in dodici ore all'anno per cinque anni. E ancora: la decorrenza del quinquennio da quando parte? Da quando decorre il secondo quinquennio di aggiornamento? Ad esempio da quando riparte il secondo quinquennio per chi ha frequentato le ore del primo in soli due anni? Il corso di aggiornamento va frequentato per ogni macrosettore? Quali sono i soggetti formatori autorizzati a fare i corsi di aggiornamento? Da quando decorre il quinquennio per chi, in possesso di una laurea triennale, gode dell'esonero dalla frequenza ai corsi? Ora per quanto possa sembrare logico che l'aggiornamento, proprio perchè tale, debba essere distribuito nell'arco dei cinque anni, dalla lettura sia del D. Lgs. n. 195/2003 che dell'accordo emerge chiaramente invece, salvo modifiche che voglia apportare sull'argomento la Conferenza Stato Regioni, che l'aggiornamento debba essere conseguito mediante la frequenza di un corso da svolgere in maniera compatta e con cadenza almeno quinquennale, così come indicato dal decreto (l'accordo parla di periodicità quinquennale), corsi che ovviamente possono essere organizzati, anche se non specificatamente indicato nell'accordo, dagli stessi soggetti formatori autorizzati ad organizzare i moduli A, B e C individuati dal decreto e dall'accordo. I termini cadenza e periodicità portano ad escludere la possibilità di distribuire il corso di aggiornamento nell'arco dei cinque anni nel qual caso si avrebbe oltre tutto la difficoltà a cadenzare i singoli periodi costituenti il corso intero. Il quinquennio va computato dal termine della frequenza del corso e dal rilascio dell'attestato corrispondente e non dalla data ultima in cui l'rspp o l'aspp poteva finire i corsi di aggiornamento. Per i laureati nelle discipline previste nel comma 6 dell'art. 8 bis il termine decorre dal conseguimento della laurea stessa. In merito si fa osservare che il decreto legislativo parla di cadenza almeno quinquennale con l'intenzione di fissare un tempo massimo entro il quale gli RSPP e gli ASPP vengono chiamati a dover aggiornarsi e ciò non toglie ovviamente che gli stessi possano di loro iniziativa ridurre la periodicità di tale aggiornamento fermo restando che dal termine di un corso all'inizio di quello successivo non deve comunque trascorrere un periodo di tempo superiore ai cinque anni. 5

6 Alla luce di quanto sopra detto appare altresì inaccettabile la interpretazione di coloro che sostengono che anche il corso di aggiornamento previsto per gli RSPP e gli ASPP esonerati dalla frequenza del modulo B di cui alle Tabelle A4 e A5 possa essere spalmato nell'ambito di un quinquennio perchè in tal caso, oltre ad essere in contrasto evidentemente con quanto esplicitamente indicato nelle Tabelle medesime e cioè che per costoro il corso va frequentato (ovviamente per intero) immediatamente e comunque entro il 14/2/2007, non si rileverebbe nessuna differenza fra gli esonerati e quelli che esonerati non lo sono e che sono tenuti a frequentare il corso nell'ambito di un quinquennio. Per quanto riguarda inoltre l'obbligo di frequenza del corso di aggiornamento in relazione ai vari macrosettori appare chiaro dalla lettura dell'accordo che questo va frequentato per ogni singolo macrosettore in quanto, alla luce delle indicazioni fornite al punto 3., nel corso di aggiornamento occorre far riferimento ai contenuti dei moduli del rispettivo percorso normativo (moduli B) con particolare riguardo al settore produttivo di riferimento ed alle novità eventualmente intervenute nel frattempo in materia sia nel campo normativo che nel campo delle misure di prevenzione. Validità dei corsi di formazione svolti prima dell'entrata in vigore dell'accordo. Questo costituisce un punto delicato che richiede un'analisi fatta con molta attenzione in considerazione del fatto che sono numerosi i soggetti formatori che hanno svolto la formazione per RSPP e ASPP ancor prima della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell'accordo avvenuta il 14/2/2006 e sulla base degli indirizzi e delle modalità conosciuti informalmente e contenuti nella bozza dell'intesa già da tempo in circolazione fra gli operatori del settore. L'argomento è certamente meritevole di una espressione da parte della Conferenza Stato Regioni che dovrebbe essere chiamata ad esprimersi ed a fornire chiarimenti in merito. Da una lettura del D. Lgs. n. 195/2003 e dell Accordo raggiunto nella Conferenza Stato- Regioni appare comunque evidente che per essere validi i corsi di formazione per RSPP e ASPP devono essere avviati successivamente alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell Accordo medesimo avvenuta il 14/2/2006 e dopo che la stessa ha fornito gli indirizzi e le modalità richieste dal legislatore con l art. 2 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003. Questo è quanto emerge anche dalla lettura del punto 1.1 dell'accordo che, in considerazione della necessità di mettere a punto gli aspetti organizzativi del nuovo sistema, ha dato la possibilità di avviare i nuovi percorsi formativi (lasciando intendere a partire dalla data di entrata in vigore dell Accordo) fino ad un anno dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell Accordo medesimo. Analogamente si dovrebbe intendere che successivamente a tale data di pubblicazione andrebbero avviate tutte quelle procedure previste nello stesso Accordo quali l accreditamento presso le Regioni secondo le nuove regole, la verifica del possesso dei requisiti effettuata dalle Regioni o Province autonome su richiesta dei soggetti formatori, l individuazione degli esoneri, il riconoscimento dei crediti professionali e formativi pregressi, la compilazione del registro delle presenze, la verbalizzazione, la compilazione della modulistica, l effettuazione delle verifiche di apprendimento e dei colloqui finali, la valutazione delle idoneità, la trasmissione dei verbali alle Regioni, il rilascio degli attestati, ecc.). Né si può pensare da un punto di vista giuridico ad una validità retroattiva dell'accordo o di ritenere regolare una documentazione che, prevista dall'accordo medesimo, è stata rilasciata prima della sua ufficializzazione. C'è chi sostiene che si possano considerare svincolati dall obbligo di avviare i corsi dopo l entrata in vigore dell accordo quei soggetti formatori individuati direttamente dal D. Lgs. n. 195/2003 (Regioni, Università, ISPESL. INAIL ecc.) ed anche gli ulteriori soggetti individuati dall'accordo al punto assimilati agli stessi (Ministeri, Istituti scolastici, ordini e collegi, ecc.) e ciò in quanto sono sostanzialmente fuori dal controllo delle Regioni. Neanche questo però si ritiene conforme alle disposizioni di legge perchè anche questi soggetti formatori erano 6

7 tenuti, in rispetto a quanto indicato nel comma 2 dell'art. 8 bis del D. Lgs. n. 626/94, ad organizzare i corsi di formazione secondo i requisiti minimi e gli indirizzi forniti dalla Conferenza Stato Regioni dopo ovviamente che gli stessi fossero stati emanati. In merito all'avvio dei corsi prima dell'entrata in vigore dell'accordo si ritiene opportuno segnalare un parere espresso con una nota del 3/2/2005 dall Assessorato alla Sanità e Servizi Sociali della Regione Puglia nella quale lo stesso, facendo riferimento alla norma transitoria di cui all'art. 3 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003, in base alla quale coloro che in possesso del titolo di studio non inferiore al diploma di scuola media superiore che avessero voluto svolgere l'attività di RSPP o ASPP dovevano essere in possesso di un attestato di frequenza a specifici corsi di formazione i cui "indirizzi e requisiti minimi" devono essere individuati in sede di Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato e le Regioni e le Province autonome, ha avuto modo di affermare, non essendo al momento del rilascio del parere ancora stati emanati tali indirizzi e requisiti, che " non è possibile l'avvio di corsi di formazione che rilascino attestazioni con riferimento all'art. 2 c. 2 del D. Lgs. n. 195/03, mancando il presupposto giuridico di riferimento". Il fenomeno dei corsi avviati e svolti prima della pubblicazione sulla G. U. dell'accordo raggiunto nell'ambito della Conferenza Stato Regioni ha interessato comunque prevalentemente gli ulteriori soggetti formatori di cui al punto 4.2 dell'accordo e anzi si è a conoscenza di soggetti formatori individuati direttamente dal decreto legislativo ed anche di quelli ad essi assimilati che, interessati da alcune associazioni ad organizzare corsi di formazione per RSPP hanno correttamente risposto di non ritenere di avviarli prima che fossero state ufficializzati i requisiti e le modalità individuati dalla Conferenza Stato Regioni. Certificazioni Certificazioni L accertamento dell apprendimento, tramite le varie tipologie di verifiche finali, viene effettuato da una Commissione di docenti interni che formula il proprio giudizio in termini di valutazione globale e redige il relativo verbale, da trasmettere alle Regioni e Province autonome competenti per territorio. Gli attestati di frequenza, con verifica degli apprendimenti, vengono rilasciati sulla base di tali verbali dalle Regioni competenti per territorio, ad esclusione di quelli rilasciati dai soggetti individuati dall art. 8 bis del d. lgs. 626 del 1994, come integrato dal d. lgs. n. 195 del 2003 e di quelli di cui al punto 4.1 del presente accordo. Qualche dubbio è sorto sulla sussistenza dell'obbligo da parte dei soggetti formatori individuati dall'art. 8 bis del D. Lgs. n. 626/94 e di quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo (ulteriori soggetti formatori) di trasmettere alle Regioni e Province autonome competenti per territorio i verbali di accertamento dell'apprendimento redatti in occasione delle verifiche finali dalla Commissione di docenti interni. Da una lettura puntuale dell'accordo e per come sono stati articolati i periodi di cui al punto 2.5 risulta però che tale obbligo sussista e che le Regioni provvederanno a rilasciare il relativo attestato solo per quelli che sono stati definiti gli altri soggetti formatori (punto 4.2) e non anche per quelli individuati direttamente dal decreto e per quelli di cui al punto 4.1 dell'accordo (ulteriori soggetti) i quali invece provvederanno al rilascio direttamente una volta visti i verbali di accertamento dell'apprendimento. Formazione a distanza FAD. Una domanda ricorrente è quella sulla possibilità di effettuare la formazione degli RSPP e degli ASPP mediante la FAD o formazione a distanza. Dalla lettura dell'accordo al punto 3. risulta che possono essere effettuati con modalità di formazione a distanza i corsi di 7

8 aggiornamento di cui all'art. 8 bis comma 5 del D. Lgs. n. 626/94 (per lo svolgimento dei quali comunque si nutrono delle perplessità in assenza di una regolamentazione ufficiale di tale tipo di formazione) e non anche quelli di cui ai moduli A, B e C. Tale esclusione del resto deriva anche dalla lettura delle metodologie di insegnamento/apprendimento suggerite nell'accordo al punto 2.2 dove vengono precisate delle condizioni che difficilmente sono riscontrabili in una formazione a distanza quali le metodologie "attive" che comportano la centralità del discente nel percorso di apprendimento, l'equilibrio tra lezioni frontali, esercitazioni in aula e relative discussioni, lavori di gruppo, simulazioni e soluzioni di casi specifici oltre alla necessità di garantire una presenza (si presume in aula) di almeno il 90% del monte ore totale e di effettuare un colloquio diretto finalizzato a verificare lo stato di apprendimento e ad accertare la idoneità del discente a svolgere l'attività specifica. Dalla lettura delle Tabelle A4 e A5 Le Tabelle A4 e A5 vanno lette con la finalità di individuare la possibilità da parte degli RSPP e degli ASPP di usufruire degli esoneri dalla frequenza di uno o più moduli in base alla esperienza professionale e formativa pregressa (così come si legge in testa alle tabelle), si intende, alla entrata in vigore dell Accordo. Quest ultima affermazione è confortata dalla lettura del punto 2.6 dell Accordo secondo il quale Il riconoscimento dell esperienza lavorativa già maturata dai RSPP e dagli ASPP, è riportato nelle rispettive tabelle A4 e A5, del presente accordo. Le Tabelle contengono ognuna quattro fasce di condizioni di esperienza lavorativa (1^ colonna) e di titolo di studio posseduto (2^ colonna) in corrispondenza delle quali sono riportati la possibilità di esonero o l obbligo di frequenza dei moduli A, B e C (colonne 3, 4 e 5 per gli RSPP e 3 e 4 per gli ASPP) nonché la verifica di apprendimento prevista (colonna 6 per gli RSPP e colonna 5 per gli ASPP). Le prime due fasce prendono in considerazione quegli RSPP e ASPP che hanno usufruito della norma transitoria di cui all art 3 comma 1 del D. Lgs. n. 195/2003 che recita: 1. Possono svolgere l'attività di addetto o di responsabile del servizio di prevenzione e protezione coloro che dimostrino di svolgere l'attività medesima, professionalmente o alle dipendenze di un datore di lavoro, da almeno sei mesi (cioè dal 14/2/2003) dalla data di entrata in vigore del presente decreto (13/8/2003). Tali soggetti sono tenuti a conseguire un attestato di frequenza al corsi di formazione di cui all'articolo 2, primo capoverso, comma 2, entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto (cioè entro il 13/8/2004, obbligo comunque inapplicabile in quanto gli indirizzi ed i requisiti minimi dei corsi, affidati in base al decreto alla Conferenza Stato Regioni e condizione essenziale acché i corsi fossero attivati, sono stati forniti da tale Conferenza dopo il termine del 13/8/2004 indicato dal decreto medesimo). Infatti nelle stesse due fasce non viene intanto chiesto un titolo di studio particolare così come era già accaduto per la norma transitoria di cui al comma 1 dell articolo 3 del D. Lgs. n. 195/2003 e sono inoltre riportate le condizioni designati prima del 14/2/2003 ed attivi al 13/8/2003 di cui alla norma transitoria stessa (il termine designati compare erroneamente due volte nella seconda fascia per gli RSPP) ed alle quali sono state però aggiunte due ulteriori condizioni una dell incarico attuale, sempre si intende al momento dell entrata in vigore dell Accordo, e l altra relativa al periodo di tempo dell esperienza lavorativa. Quindi se tale esperienza pregressa alla data di entrata in vigore dell accordo è maggiore di sei mesi gli RSPP e gli ASPP possono usufruire dell esonero dalla frequenza del modulo A mentre gli RSPP e ASPP che hanno maturato una esperienza pregressa maggiore di tre anni possono usufruire in più dell esonero dal modulo B ma solo per quanto riguarda il macrosettore nel 8

9 quale hanno maturata l esperienza citata e nel quale svolgevano l attività al momento dell entrata in vigore dell accordo ( in cui svolge attualmente l attività recita l Accordo). Il ricorso a tale esonero comporta comunque sia per gli RSPP che per gli ASPP l obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 dell accordo ed entro il termine di un anno dalla pubblicazione dell accordo stesso sulla G. U. e quindi entro il 14/2/2007. Si è del parere che l esperienza lavorativa pregressa di cui alla colonna 1 delle tabelle A4 e A5 possa essere stata svolta anche in maniera non continuativa ma in più periodi diversi e disgiunti fra loro per un totale comunque pari al periodo indicato nella prima colonna tessa. Se si volesse fare del resto una lettura diversa nel senso di pensare ad una attività continua la seconda fascia non sarebbe di fatto applicabile a nessuno perchè se un RSPP o ASPP è stato designato prima del 14/2/2003 ed è rimasto in attività continuativamente fino all entrata in vigore dell accordo (14/2/2006), pur soddisfacendo le altre condizioni previste nella fascia, verrebbe ad avere di fatto una esperienza superiore a tre anni e quindi rientrerebbe automaticamente nella prima fascia. Qualche dubbio è sorto sulla interpretazione di quanto indicato nella colonna relativa agli esoneri per coloro con più di tre anni di attività nel senso che ci si è chiesti se uno che si trova in quelle condizioni può rinunciare o meno a tale esonero e frequentare il modulo B corrispondente e ciò in considerazione della osservazione che per alcuni dei macrosettori il modulo B ha una durata inferiore a quella del modulo di aggiornamento. Appare evidente ora che trattandosi di un esonero esso è oggetto di una facoltà dell'rspp o dell ASPP di usufruirne come appare altrettanto evidente che una volta deciso di avvalersi di tale facoltà ne consegue l obbligo di frequentare il modulo di aggiornamento da effettuare entro un anno dell entrata in vigore dell accordo e quindi entro il 14/2/2007. In altre parole si ritiene che l obbligo immediato di frequentare il corso di aggiornamento sia condizionato alla scelta di usufruire dell esonero alla frequenza del modulo B e che se invece l'rspp o ASPP frequentino il modulo B ed il successivo modulo C l obbligo della frequenza del corso di aggiornamento ha una cadenza almeno quinquennale e non deve essere effettuato entro il 14/2/2007. La terza fascia delle Tabelle A4 e A5 prende in considerazione, invece, gli RSPP e gli ASPP che hanno usufruito della norma transitoria di cui all art. 3 comma 2 del D. Lgs. n. 195/2003 che recita: 2. Fino all'istituzione dei corsi di formazione di cui all'articolo 2, primo capoverso, comma 2 possono svolgere l'attività di addetto o di responsabile del servizio di prevenzione e protezione coloro che, in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, abbiano frequentato corsi di formazione organizzati da enti e organismi pubblici o da altri soggetti ritenuti idonei dalle regioni. Tali corsi devono essere rispondenti ai contenuti minimi di formazione di cui all'articolo 3 del decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale e del Ministro della sanità in data 16 gennaio 1997, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 27 del 3 febbraio Costoro infatti designati dopo il 14/2/2003 e non avendo quindi svolto alla data di entrata in vigore del D. Lgs. 195/2003 una attività della durata prevista nel comma 1 (maggiore di sei mesi) ed essendo inoltre in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore potevano svolgere l attività di RSPP o ASPP purché avessero frequentato un corso di formazione organizzato da enti e organismi pubblici o da altri soggetti ritenuti idonei dalle regioni e con contenuti minimi di cui al D.M. 16/1/1997, condizioni queste tutte ripetute nella terza fascia delle Tabelle A4 e A5 alle quali è stata aggiunta l'ulteriore condizione dell incarico attuale alla data di entrata in vigore dell accordo. Se sono quindi rispettate le citate condizioni, gli RSPP e 9

10 ASPP che hanno una esperienza lavorativa inferiore ai sei mesi alla data di entrata in vigore dell accordo sono esonerati dalla frequenza del modulo A e devono quindi frequentare solo i moduli B e C. E da far notare a proposito della formazione pregressa la presenza di un refuso nella terza fascia della Tabella A4 relativa agli RSPP dove si legge nessuna formazione inerente ai contenuti del D.M al posto del più logico con formazione inerente ai contenuti del D.M così come del resto si legge nella terza fascia della tabella A5 relativa agli ASPP. La quarta fascia delle tabelle A4 e A5 si riferisce ai nuovi nominati e non in possesso di alcuna esperienza lavorativa pregressa. Costoro dovranno frequentare tutti e tre i moduli A, B, e C per acquisire i requisiti richiesti dal decreto legislativo ad eccezione di coloro che hanno avuto una formazione pregressa all entrata in vigore dell Accordo inerente ai contenuti del D.M. 16/1/1997 per i quali è previsto l esonero dalla frequenza del modulo A. Tabella A4 Riconoscimento ai Responsabili SPP dei crediti professionali e formativi pregressi Esperienza lavorativa > di tre anni designati prima del ed attivi al > di sei mesi, < di tre anni, designati designati prima del ed attivi al < a sei mesi, designati dopo il nessuna formazione inerente ai contenuti dell art. 3 del D. M Nuova nomina, con formazione inerente ai contenuti del D. M Titolo di studio Qualsiasi Esonero Esonero per il macrosettore ATECO in cui svolge attualmente l'attività, con obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 del presente accordo entro il termine di cui al punto 1.1 Modulo A Modulo B Modulo C Verifica di apprendimento Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (modulo B-C) Qualsiasi Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (B - C) Diploma di istruzione secondaria superiore Diploma di istruzione secondaria superiore Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (B - C) Esonero Frequenza Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l'obbligo di frequenza (B - C) Per coloro che sono esonerati dalla frequenza dei moduli A e B, si procede comunque, in occasione della verifica prevista per il modulo C, anche alla somministrazione di test, a risposta multipla chiusa, relativi alle materie dei moduli A e B. 10

11 Tabella A5 Riconoscimento agli Addetti SPP dei crediti professionali e formativi pregressi Esperienza lavorativa > di tre anni, designati prima del ed attivi al > di sei mesi, designati prima del ed attivi al < a sei mesi, designati dopo il , con formazione inerente ai contenuti dell'art. 3 del d..m Nuova nomina, con formazione inerente ai contenuti dell'art. 3 del d..m Titolo di studio Modulo A Modulo B Verifica di apprendimento Qualsiasi Esonero Esonero per il macrosettore ATECO in cui svolge attualmente l'attività, con obbligo immediato di frequenza al corso di aggiornamento di cui al punto 3 del presente accordo entro il termine di cui al punto 1.1 Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita ai moduli per i quali si prevede l obbligo di frequenza (modulo B) Qualsiasi Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) Diploma di istruzione secondaria superiore Diploma di istruzione secondaria Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) Esonero Frequenza Verifica dell apprendimento, con valutazione riferita al modulo per il quale si prevede l'obbligo di frequenza (B) 11

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998.

Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento. D.M. 142 del 25 marzo 1998. Circolare 15 luglio 1998 n. 92 Ministero del lavoro Occupazione - misure straordinarie - tirocini formativi e di orientamento - stages - precisazioni del ministero. Oggetto: Tirocini formativi e di orientamento.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti.

Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Il datore di lavoro è responsabile della tutela della salute e della sicurezza sul lavoro dei dipendenti. Già il Codice Civile gli impone il dovere della sicurezza nei confronti dei lavoratori e la legislazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA, LA MOBILITA, I COMPITI DIDATTICI, IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO E DI DIDATTICA INTEGRATIVA, IL RILASCIO DI AUTORIZZAZIONI PER ATTIVITA ESTERNE DEI PROFESSORI

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi 1_ Che cosa si intende per SICUREZZA in un qualsiasi luogo di lavoro? Lavorare in un ambiente in cui la probabilità che si verifichino danni (a persone o cose) sia molto bassa, se non nulla. L'obbligo

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELLA SALUTE

IL MINISTRO DELLA SALUTE Testo aggiornato al 20 settembre 2013 Decreto ministeriale 26 marzo 2013 Gazzetta Ufficiale 8 agosto 2013, n. 185 Contributo alle spese dovuto dai soggetti pubblici e privati e dalle società scientifiche

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEGLI ASSOCIATI ANIOS PER IL TRIENNIO 2014-2016.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEGLI ASSOCIATI ANIOS PER IL TRIENNIO 2014-2016. REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA DEGLI ASSOCIATI ANIOS PER IL TRIENNIO 2014-2016. Articolo 1 Formazione professionale continua 1. Il socio ha l'obbligo di mantenere e aggiornare la

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO

------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO ------------------- CONVENZIONE DELL'AIA SULLA LEGGE APPLICABILE AD ALCUNI DIRITTI SU STRUMENTI FINANZIARI DETENUTI PRESSO UN INTERMEDIARIO Gli Stati firmatari della presente convenzione, coscienti della

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE.

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE. LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 10 LUGLIO 2012 TESTO UNICO DELL APPRENDISTATO DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA La seguente legge: TITOLO

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 MARZO 1968, n. 442 (GU n. 103 del 22/04/1968) ISTITUZIONE DI UNA UNIVERSITÀ STATALE IN CALABRIA. (PUBBLICATA NELLA GAZZETTA UFFICIALE N.103 DEL 22 APRILE 1968) URN: urn:nir:stato:legge:1968-03-12;442

Dettagli

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE

COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE COMUNE DI SOMMACAMPAGNA PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER L'ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEL COMUNE 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative

L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative L'apprendistato di I e III livello e le istituzioni formative di Umberto Buratti Biella, 27 gennaio 2012 APPRENDISTATO DI PRIMO LIVELLO PRIMA D. lgs. n. 276/2003, art. 48 DOPO D. lgs. n. 167/2011, art.

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli